PostgreSQL Point in Time Recovery. Federico Campoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PostgreSQL Point in Time Recovery. Federico Campoli"

Transcript

1 PostgreSQL Point in Time Recovery Federico Campoli

2 Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta leader mondiale nella fornitura dei principi e delle certificazioni di formazione per i professionisti della Rete Internet; è presente in 100 paesi, con 130 sedi ufficiali in rappresentanza di più di associati. La sua missione Fornire programmi formativi di qualità Fornire agli associati supporto e collaborazione a livello regionale, nazionale e internazionale, nonché un marchio di affiliazione riconosciuto a livello mondiale Promuovere i principi universali di etica e di pratica professionale per tutti i professionisti della Rete Internet Fornire supporto per la definizione e lo studio di normative nei Paesi in cui è presente

3 Cos è IWA/HWG Partecipazioni e Attività Network: iwa.it - webaccessibile.org - itlists.org skillprofiles.eueu Contatti: comunicazione

4 Sommario L'integrità dei dati La directory pg_xlog Lo storage fisico a livello di blocco Lo shared buffer Il database in esercizio Il recovery d'istanza La configurazione del PITR Trappole ed insidie da evitare PITR vs pg_dump Il progetto pg_recovery 4

5 L'integrità dei dati La consistenza dei dati viene garantita dal modello MVCC (Multiversion Concurrency Control) che garantisce un lock più fine di quello di riga. 5

6 L'integrità dei dati Per garantire questo PostgreSQL opera in maniera tanto semplice quanto brutale. Ogni volta che viene operato un update in fondo alla tabella viene inserita una nuova nuova riga mentre la vecchia viene marcata come defunta. la riga defunta resta cosi' a disposizione per garantire la consistenza in lettura. 6

7 L'integrità dei dati Per impedire il proliferare di righe invalide le quali provocano un degrado delle prestazioni PostgreSQL ha a disposizione il VACUUM che, come il nome fa supporre, passa letteralmente l'aspirapolvere sull'oggetto indicato (o su tutto il database se non viene specificato nulla). Vacuum elimina le dead tuples e, se lanciato con la clausola analyze, aggiorna le statistiche di utilizzo degli oggetti ad uso dell'ottimizzatore. 7

8 La directory pg_xlog La directory pg_xlog contiene i WAL file necessari all operatività del database e sui quali vengono memorizzate le variazioni a livello di blocco. Ogni segmento WAL file è grande 16 Mb. Durante la normale attività del database quando una pagina dati viene modificata viene scritta immediatamente sul WAL e poi, successivamente, su disco. 8

9 Lo storage fisico a livello di blocco All'interno della directory base o nella directory di tablespace sono presenti tante directory numeriche. Ognuna di queste corrisponde ad un database presente nel cluster e il nome è mappato con il campo OID della tabella di sistema pg_database. 9

10 Lo storage fisico a livello di blocco Andando a verificare il contenuto si scopre che all'interno di ogni cartella di database sono presenti tanti file dal nome numerico. Anche in questo caso il nome è legato all'oid relativo alla relazione, tabella o indice che sia, ma in maniera diversa da come avviene per il database. Ogni file è composto da pagine di 8kb. 10

11 Lo storage fisico a livello di blocco Una pagina dati è composta da 5 sezioni fisse. È presente un header di 20 byte seguito dall area contenente i puntatori agli item, lo spazio libero, gli item e, se si tratta di una IndexPage, lo spazio speciale che serve a tracciare la tipologia di indice e il relativo metodo d'accesso. 11

12 Lo storage fisico a livello di blocco L header di pagina, il PageHeaderData è composto da 8 campi. I primi due, entrambi lunghi 8 byte, tengono traccia del dato memorizzato su WAL più recente collegato alla pagina. Seguono poi tre campi interi lunghi 2-byte (pd_lower, pd_upper, and pd_special). 12

13 Lo storage fisico a livello di blocco Seguono poi due byte dell header, pd_pagesize_version, contengono la dimensione e la versione di pagina. L'ultimo campo di 4 byte serve come hint per gestire il pruning delle dead tuples con la funzionalità HOT introdotta con la

14 Lo shared buffer Lo shared buffer e un segmento in memoria che viene allocato all avvio del processo postmaster ed è formattato come le tabelle, a pagine di 8kb, o della dimensione di pagina del DBMS se diversa da default. 14

15 Lo shared buffer Qualsiasi operazione di lettura o di scrittura passa attraverso lo shared buffer. 15

16 Il database in esercizio Viene verificato che la pagina richiesta sia gia' nello shared buffer. 16

17 Il database in esercizio Se non e' presente la pagina richiesta viene letta dal disco. 17

18 Il database in esercizio La pagina viene sottoposta a pin, ovvero bloccata in memoria. 18

19 Il database in esercizio La pagina viene sottoposta a unpin ovvero viene sbloccata. Se sono state apportate modifiche e sono state committate queste vengono inviate sul WAL. 19

20 Il database in esercizio La pagina viene sottoposta a unpin ovvero viene sbloccata. Se sono state apportate modifiche e sono state committate queste vengono inviate sul WAL. 20

21 Il recovery d'istanza In caso di crash dell'istanza al successivo riavvio il server analizza lo stato del server leggendo il control file pg_control che si trova nella directory $PGDATA/global. Il postmaster determina dove si trova la posizione sul wal dell'ultimo checkpoint e inizia la lettura dei blocchi del wal da quel punto in avanti che vengono applicati ai data file. Il recovery avviene quindi sempre a livello di cluster a mai di singolo database. 21

22 Il recovery d'istanza I campi che ci interessano, in uno scenario di crash recovery sono pd_lsn e pd_tli. pd_lsn identifica la posizione sul WAL relativa all'ultima modifica della pagina pd_tli invece tiene traccia della timeline a cui appartiene la pagina 22

23 Il recovery d'istanza Il campo pd_lsn determina se il blocco letto dal WAL deve andare a sovrascrivere il blocco presente su data file. Il campo pd_tli determina quale timeline seguire in caso di cluster ripristinato più volte da WAL archiviati. 23

24 La configurazione del PITR per configurare il PITR, bisogna attivare l archiviazione dei WAL modificando nel file postgresql.conf la riga archive_command = cp -i %p ~/tmp/pg_archive/%f </dev/null 24

25 La configurazione del PITR In questo modo i WAL, ognuno grande 16 Mb durante la normale attivita del database vengono archiviati nella directory specificata dal comando di archiviazione. Le modifiche a questo parametro non richiedono riavvio dell istanza ma un seplice reload dei parametri di configurazione con il comando pg_ctl reload 25

26 La configurazione del PITR Lanciamo poi, dal client psql il comando SELECT pg_start_backup( label ); il quale genera una label, sottoforma di file di testo nella directory $PGDATA, che indicherà a PostgreSQL la presenza di un backup a caldo 26

27 La configurazione del PITR A questo punto possiamo eseguire una copia inconsistente della directory data con il cluster in esecuzione nella maniera più adeguata per il nostro sistema. (cp, copy, tar, zip etc.) Nel nostro esempio: tar cfz pg_data.tar.gz pg_directory/ 27

28 La configurazione del PITR Al termine della copia lanciamo, sempre dal client psql il comando SELECT pg_stop_backup(); il quale indica a PostgreSQL il termine della copia inconsitente e forza uno switch di xlog andando ad archiviare anche le transazioni salvate sul wal durante la copia. 28

29 La configurazione del PITR Da questo momento in poi il cluster potrà essere ripristinato ad un tempo specifico. 29

30 Il point in time recovery Immaginiamo dunque che l'attività della base dati appena salvata un utente incauto cancelli una tabella molto importante provocando il blocco di un'applicazione importantissima. Dopo l'opportuna punizione corporale somministrata all'utente, per recuperare la tabella cancellata si procede in questo modo: 30

31 Il point in time recovery Ripristino in una locazione diversa dell'hot backup salvato in precedenza: tar xfz pg_data.tar.gz Modifichiamo il file postgresql.conf in modo da far partire l'istanza su di una porta diversa da quella del cluster in esercizio, come ad esempio la

32 Il point in time recovery Nella directory appena scompattata da tar creiamo un file recovery.conf contenente le seguenti righe: restore_command = cp /home/fedec/tmp/pg_archive/%f "%p" Dove si trovano I WAL archiviati da cui ripristinare recovery_target_time= :33:59 Il tempo a cui fermarsi durante la recovery, in questo caso un secondo prima del drop della tabella 32

33 Il point in time recovery Valorizziamo la variabile d'ambiente $PGDATA e avviamo l'istanza con pg_ctl o con il lancio diretto del postmaster. Il database andrà in modalità recovery e ripristinerà tutte le variazioni fino al tempo specificato con recovery_target_time permettendo quindi, con l'utilità pg_dump di esportare la tabella droppata e reimportarla nel database di produzione 33

34 Il point in time recovery pg_ctl startpg_ctl: another server may be running; trying to start server anyway LOG: database system was interrupted at :31:44 CEST LOG: starting archive recovery LOG: restore_command = "cp /home/fedec/tmp/pg_archive/%f "%p"" LOG: recovery_target_time = :33:59+02 cp: cannot stat /home/fedec/tmp/pg_archive/ history : No such file or direc LOG: restored log file " C300.backup" from archive LOG: restored log file " " from archive LOG: checkpoint record is at 0/649C300 LOG: redo record is at 0/649C300; undo record is at 0/0; shutdown FALSE LOG: next transaction ID: 0/609; next OID: LOG: next MultiXactId: 1; next MultiXactOffset: 0 LOG: automatic recovery in progress LOG: redo starts at 0/649C348 cp: cannot stat /home/fedec/tmp/pg_archive/ : No such file LOG: could not open file "pg_xlog/ " (log file 0, segment 7) LOG: redo done at 0/649C348 LOG: restored log file " " from archive LOG: archive recovery complete server starting LOG: database system is ready 34

35 Trappole ed insidie da evitare Corruzione di un WAL archiviato La presenza di un blocco corrotto all'interno di un WAL archiviato determina, in fase di recovery, l'arresto del processo di recovery e la segnalazione di un messaggio d'errore e l'arresto dell'istanza PostgreSQL. Per avviare l'istanza occorre quindi impostare un target precedente il punto di corruzione nel file recovery.conf. 35

36 Trappole ed insidie da evitare Esaurimento dello spazio archive PostgreSQL non effettua nessun controllo sullo spazio della directory archive. In caso di esaurimento dello spazio in questa directory l'archive_command produce degli errori che vengono loggati e l'intero backupset prodotto con la copia a caldo della data directory diventa inconsistente. È quindi chiaro il fatto che un archive_command semplice come visto in precedenza non è assolutamente sicuro per garantire la protezione dei dati. 36

37 Trappole ed insidie da evitare Versione di PostgreSQL L'archiviazione dei WAL è da considerarsi sicura solo dalla versione 8.2 in poi. Infatti nelle versioni precedenti non esiste alcun sistema per forzare uno switch dei log ne al termine dell'hot backup avviene alcun tipo di archiviazione forzata. Per le versioni 8.0 e 8.1 la sicurezza che le ultime transazioni siano archiviate è demandata al carico del server che determina in ultima istanza se e quando avviene uno switch di WAL con conseguente archiviazione. 37

38 PITR vs pg_dump Analizziamo infine le due possibili modalità di backup a disposizione del DBA PostgreSQL. Il PITR, novità della versione 8, e il pg_dump presentano vantaggi e svantaggi che richiedono accortezza e, in ultima analisi, non permettono un'implementazione univoca. 38

39 PITR vs pg_dump Backup a livello di blocco Come visto in precedenza il PITR esegue un backup a livello di blocco. I singoli blocchi vengono salvati in segmenti da 16 Mb in un'area disco separata. Questi segmenti insieme ad una copia a caldo e quindi inconsistente, della directory data permettono il ripristino con precisione pari al secondo o al transaction id del cluster. I vantaggi di tale pratica sono molteplici. 39

40 impostando il parametro archive_timeout nel file PITR vs pg_dump postgresql.conf che esprime il numero di secondi oltre il quale viene eseguito uno switch di log forzato. I file sono piccoli, si trasferiscono bene in rete e non occupano spazio eccessivo. La copia della directory data può essere fatta con l'utilità tar accoppiata con un compressore come gzip permettendo un notevole risparmio di spazio. In fase di restore l'elaborazione è particolarmente rapida in quanto non avvengono operazioni a livello di statement. La restore, fermo restando il livello di controllo che PostgreSQL esercita durante questo processo, si riduce ad una mera copia di blocchi dal WAL che viene scandito al data file che viene ricoperto. Eventuali corruzioni del data file vengono azzerate dall'elaborazione del WAL in quanto il parametro zero_damaged pages resta attivo per tutto il tempo necessario al recovery d'istanza. 40

41 PITR vs pg_dump Gli svantaggi rispetto a tale pratica sono i seguenti. 1. In un database ad elevata attività di scrittura il numero di WAL può diventare esagerata portando al raggiungimento dei limiti del filesystem in termini di inode occupati. 2. Un singolo blocco corrotto su di un wal archiviato impedisce al processo di recovery di andare avanti e impone al cluster il ripristino al punto in cui si è trovata la corruzione. 3. Bisogna fare molta attenzione alle tablespace poichè, essendo le locazioni fisiche collegate come link simbolico nella directory pg_tblspc, si corre il rischio o di non eseguirne il backup o sconvolgere la struttura del cluster in fase di ripristino. 4. In un database a bassa attività lo switch del WAL può avvenire di rado espondendo il cluster al rischio di perdita delle transazioni non archiviate. 41

42 PITR vs pg_dump Ognuno di questi casi ha una pratica che in qualche modo permette di tenere sotto controllo il problema. Il problema del punto 1 si risolve con una politica di pruning dei wal da gestire con il crontab. Il problema del punto 2 si limita cercando di tenere una distanza temporale non troppo elevata tra il base backup e il cluster di produzione. Il problema del punto 3 va gestito in fase di backup salvando i link simbolici e tutte le locazioni delle tablespace mentre, in fase di restore, ripristinando i link simbolici e le locazioni in modo che il cluster possa trovare le locazioni, con i permessi giusti, nel punto indicato dai link simbolici. Il problema del punto 4, dalla versione 8.2 in poi, si risolve impostando il parametro archive_timeout nel file postgresql.conf che esprime il numero di secondi oltre il quale viene eseguito uno switch di log forzato. 42

43 PITR vs pg_dump Il backup a livello di statement, quello che viene eseguito dal pg_dump, è ormai consolidato quale sistema di salvataggio affidabile e flessibile. I vantaggi di tale strategia di backup sono i seguenti. Esportazione dei dati in maniera flessibile. pg_dump permette di estrarre tutto il cluster come una singola tabella con o senza dati. Esportazione in vari formati. Si va dagli statement sql fino all'archivio compresso in tempo reale. La natura ``piana`` dei dati esportati limita rischi di corruzione in quanto è sempre possibile editare il file sql a caccia di valori sballati. Durante la fase di export vengono estratte le definizioni delle tablespace. 43

44 PITR vs pg_dump Gli svantaggi che si hanno con l'uso di questo strumento sono i seguenti. 1. I dati sono una fotografia del momento in cui è stato lanciato il comando pg_dump. 2. Non vengono esportati i comandi per la creazione delle locazioni delle tablespace. 3. In fase di restore tutto viene elaborato come statement con tempi di completamento anche molto lunghi. 4. Bisogna porre molta attenzione al character encoding durante la fase di export e di import. 44

45 PITR vs pg_dump Riguardo al punto 1 non c'è molto su cui operare. Il programma lavora in questo modo e bisogna giocoforza adattarsi. Il punto 2 può essere aggirato estraendo in un file SQL i comadi specifici del sistema operativo per la creazione delle locazioni. \t SELECT 'mkdir ' spclocation FROM pg_tablespace WHERE spcname NOT IN ('pg_default','pg_global'); SELECT 'chown postgres:postgres ' spclocation ' -R' FROM pg_tablespace WHERE spcname NOT IN ('pg_default','pg_global'); 45

46 PITR vs pg_dump Il punto 3 va affrontato con la pazienza del performance tuner. I parametri del file postgresql.conf che influenzano pesantemente le prestazioni durante sono, in linea di massima fsync e maintenance_work_mem. Il punto 4 può essere risolto con un banale SET client_encoding o rappresentare un problema spinoso, da trattare ad esempio con iconv, a seconda delle informazioni che si hanno riguardo al database originariamente esportato. La codifica più perniciosa, fonte di ogni male, resta comunque SQL_ASCII che di fatto accetta qualsiasi tipo di carattere ma lo tratta in maniera imprevedibile che viene definita volta per volta dal client encoding del backend che si sta collegando. 46

47 PITR vs pg_dump Implementazione doppia A questo punto è chiaro che entrambi gli approcci presentano delle caratteristiche che garantiscono magari ottime prestazioni e granularità di ripristino a scapito della sicurezza e della flessibilità di intervento sui dati esportati. L'arma vincente in questo dilemma è sostanzialmente un compromesso tra le due strategie che permetta di avere un dump sicuro dei dati eseguito con pg_dump e, successivamente un hot backup con il quale poter porre rimedio nel breve periodo a situazioni catastrofiche come la drop di una tabella o il crash del server. Una soluzione valida è ad esempio uno scenario in cui il cluster, in modalità archive, viene esportato ogni giorno su file insieme alle definizioni delle tablespace eventuali e successivamente viene operato un hot backup con salvataggio del dump, dell'hot backup e dei WAL archiviati in una locazione sicura diversa dalla macchina di produzione. 47

48 pg_recovery Progetto open source per l'automazione del processo di backup e restore. Python, shell script, sql Release iniziale per linux Pubblicato con licenza GNU/GPL su pgfoundry Stato attuale: disegno del database repository e struttura binari Due sviluppatori 48

49 DOMANDE 49

50 Termini e licenza del documento Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non opere derivate 3.0 Unported. Per leggere una copia della licenza visita il sito web o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA. Diritti, marchi registrati e siti web riportati in immagini e url sono riservati e proprietà dei diretti interessati e relative aziende. IWA/HWG e l associazione IWA Italy non sono direttamente o indirettamente responsabili dei contenuti riportati nel presente documento che sono ad esclusiva cura e responsabilità del relatore.

51 PostgreSQL Point in time recovery Strategie di backup con recupero dei dati al tempo specificato 51

Customer Capital. Milano, 18 ottobre 2008. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Customer Capital. Milano, 18 ottobre 2008. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Customer Capital. Ovvero il solo marketing che funziona Milano, 18 ottobre 2008 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta

Dettagli

Architettura di storage

Architettura di storage Architettura di storage Architettura di storage 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/arch1.odp page 1 Architettura di storage Cluster Databases Tabelle Indici Blocchi 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso

Dettagli

PostgreSQL - amministrazione

PostgreSQL - amministrazione PostgreSQL - amministrazione ITPUG - Pisa - 08/05/2009 Gabriele Bartolini Flavio Casadei Della Chiesa Luca Ferrari Marco Tofanari Associazione Italiana PostgreSQL Users Group www.itpug.org Pisa, 8 Maggio

Dettagli

Un RDBMS libero: PostgreSQL. Pagina 1

Un RDBMS libero: PostgreSQL. Pagina 1 Un RDBMS libero: PostgreSQL by Federico Campoli Un RDBMS libero: PostgreSQL Pagina 1 Copyright (c) 2004 FEDERICO CAMPOLI - rotellaro@gmail.com Permission is granted to copy, distribute and/or modify this

Dettagli

Ap Camp: 15/10/2011. Postgresql Binary Streaming ReplicationR. www.pgtraining.com Enrico Pirozzi

Ap Camp: 15/10/2011. Postgresql Binary Streaming ReplicationR. www.pgtraining.com Enrico Pirozzi Ap Camp: 15/10/2011 Postgresql Binary Streaming ReplicationR www.pgtraining.com Enrico Pirozzi Agenda Ha: High Availability Agenda Ha: High Availability Hot Backup - P.I.T.R. : Point in time recovery Agenda

Dettagli

Un RDBMS libero: PostgreSQL Federico Campoli (neo@thezion.net) Un RDBMS libero: PostgreSQL Pagina 1

Un RDBMS libero: PostgreSQL Federico Campoli (neo@thezion.net) Un RDBMS libero: PostgreSQL Pagina 1 Un RDBMS libero: PostgreSQL by Federico Campoli (neo@thezion.net) Un RDBMS libero: PostgreSQL Pagina 1 Generalita' sui database Panoramica su PostgreSQL Installazione database via ricompilazione Amministrazione

Dettagli

8 Tecniche di recovery

8 Tecniche di recovery 8 Tecniche di recovery Se viene sottomessa una transazione T, o tutte le operazioni di T sono completate ed il loro effetto è registrato permanentemente nel DB, o T non ha nessun effetto né sul DB né su

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

L architettura di un DBMS

L architettura di un DBMS L architettura di un DBMS sources: Lucidi del corso di Lucidi del corso di Laboratorio di Basi di dati e sistemi informativi, Montesi, Magnani, Corso di laurea in Informatica per il management, Scienze

Dettagli

Recovery manager Gestore della affidabilità

Recovery manager Gestore della affidabilità Riferimenti Basi di Dati Complementi Parte 2: Tecnologie per DBMS Parte 2.5: Recovery Manager Trasparenze parte Recovery manager Basi di Dati Atzeni et al. - Capitolo 2.1, 2.2 Anche: Garcia Molina, Ullman,

Dettagli

DBMS ORACLE 9i I componenti del Database Server Oracle : Strutture di memoria Processi File fisici Directory principali: c:\oracle\admin\\pfile c:\oracle\ora92\database

Dettagli

PosgreSQL DBA TUNING. Federico Campoli

PosgreSQL DBA TUNING. Federico Campoli PosgreSQL DBA TUNING Federico Campoli PosgreSQL DBA TUNING Federico Campoli Prima Edizione Pubblicato 2007 Copyright 2007 PGHost di Federico Campoli Opera rilasciata sotto licenza Creative Commons - Attribuzione

Dettagli

SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL. Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base).

SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL. Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base). SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base). SICR@WEB PRIMA INSTALLAZIONE Revisioni Data Modifiche Versione

Dettagli

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO (designata) (designante) Viene rappresentata inserendo, nella tabella dell entità designante,

Dettagli

Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF

Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF SPARC-CS-12/001 20 Gennaio 2012 Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF Abstract Vengono descritte le procedure di backup e restore dei dati memorizzati in un database di

Dettagli

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2 Oracle University Contact Us: 800 672 253 Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2 Duration: 5 Days What you will learn Questo corso va oltre le attività di base descritte per il database

Dettagli

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione I Release 2

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione I Release 2 Oracle University Contact Us: 800 672 253 Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione I Release 2 Duration: 5 Days What you will learn Agli utenti che desiderano diventare professionisti Oracle viene

Dettagli

Esercitazioni di Basi di Dati

Esercitazioni di Basi di Dati Esercitazioni di Basi di Dati A.A. 2008-09 Dispense del corso Utilizzo base di pgadmin III Lorenzo Sarti sarti@dii.unisi.it PgAdmin III PgAdmin III è un sistema di progettazione e gestione grafica di database

Dettagli

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Amir Baldissera amir.baldissera@mentis.it Milano, 18 Ottobre 2008 Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

FIRESHOP.NET. Utilizzare il FireSoft. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Utilizzare il FireSoft. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Utilizzare il FireSoft Admin Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 Il FireSoft NET Admin... 4 Verificare la connessione al database.... 4 Svuotare i log... 5 Compatta

Dettagli

Database & FreeBSD. Come configurare il sistema operativo ottimizzando le prestazioni sul DB. GufiCon#3 Milano, 12 Ottobre 2002

Database & FreeBSD. Come configurare il sistema operativo ottimizzando le prestazioni sul DB. GufiCon#3 Milano, 12 Ottobre 2002 Database & FreeBSD Come configurare il sistema operativo ottimizzando le prestazioni sul DB GufiCon#3 Milano, 12 Ottobre 2002 Gianluca Sordiglioni inzet@gufi.org I database sono applicazioni particolari

Dettagli

La parte client è invece un programma che si chiama mysql. Gli altri eseguibili (client) fondamentali sono mysqladmin, mysqldump.

La parte client è invece un programma che si chiama mysql. Gli altri eseguibili (client) fondamentali sono mysqladmin, mysqldump. Panoramica MySQL MySQL è un RDBMS free ed open source, nativo dell ambiente Linux ma disponibile anche su piattaforme Windows e MAC OS. E stato pensato come prodotto leggero come contenitore di dati a

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità Affidabilità Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università

Dettagli

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente Pag 1 di 16 RepairsLab Manuale Utente Per RepairsLab 1.0.4 Autore: Fabrizio Ferraiuolo Indice generale Introduzione...2 Installazione...2 Schermata principale...3 Configurazione...4 Configurazioni Base

Dettagli

COPIARE FILE E DIRECTORY

COPIARE FILE E DIRECTORY COPIARE FILE E DIRECTORY Creiamo il file prova2.txt nella directory prove: touch prova2.txt Fare una copia del file prova1.txt assegnando il nome copia1bis.txt cp prova1.txt copia1bis.txt Se vogliamo che

Dettagli

Database MySQL: 10 trucchi per migliorarne le performance

Database MySQL: 10 trucchi per migliorarne le performance Database MySQL: 10 trucchi per migliorarne le performance Scopriamo i segreti che molti amministratori professionisti di database usano per migliorare le performance Contenuti a cura di HostingTalk #e-commerce

Dettagli

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente Pag 1 di 14 RepairsLab Manuale Utente Per RepairsLab 1.0 Autore: Fabrizio Ferraiuolo Indice generale Introduzione...2 Installazione...2 Schermata principale...3 Configurazione...4 Configurazioni Base Dati...5

Dettagli

Architettura MySQL. E Motori MySQL

Architettura MySQL. E Motori MySQL E Motori MySQL Caratteristiche Differente dagli altri DBMS Non perfetta Ma flessibile Gestisce DataWarehouses, OLTP, ecc. Architettura delle Storage Engine Separa il query processing dai task di memorizzazione

Dettagli

Cliccando con il tasto destro del mouse compare un menù a tendina il cui primo elemento è Configura Servizio:

Cliccando con il tasto destro del mouse compare un menù a tendina il cui primo elemento è Configura Servizio: Nota Salvatempo WKI Recovery 24 Aprile 2014 WKI Recovery - Service Il WKI Recovery - Service è un servizio che permette il backup e il ripristino degli archivi del Sistema Professionista. Rientra tra i

Dettagli

Pillole di Bazaar. user manual

Pillole di Bazaar. user manual Pillole di Bazaar user manual consolidata pubblica v.1.0 del 20 ott 2009 autori: luciano de falco alfano Sommario Sommario...1 Obiettivi e contesto...1 Un esempio di flusso di lavoro...2 Un po' di terminologia...3

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica Basi di Dati prof. A. Longheu 5 Progettazione fisica Progettazione Fisica Per effettuare la progettazione fisica, ossia l implementazione reale del modello logico creato nella fase della progettazione

Dettagli

Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza

Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza (ITALIANO) Software Gestionale Professionale Specifico per Comuni Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza Indice Introduzione e requisiti tecnici 3 Installazione 5 Menu principale 6 Gestione 7 Dati Societari

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Un CMS per la scuola Plone a cura di Fabrizio Rota (ISIS Oscar Romero Albino - Bg)

Un CMS per la scuola Plone a cura di Fabrizio Rota (ISIS Oscar Romero Albino - Bg) Un CMS per la scuola Plone a cura (ISIS Oscar Romero Albino - Bg) Nuovi modelli di siti scolastici per comunicare nel web di tutti Milano, 17 dicembre 2009 1/17 Indice Cosa è Plone? Alcune informazioni

Dettagli

La connessione php-mysql con MySQLi

La connessione php-mysql con MySQLi La connessione php-mysql con MySQLi Premessa Lo scenario che si intende alla base di questo capitolo è di disporre di un ambiente phpmysql rappresentato nel seguente schema: L'applicazione php viene eseguita

Dettagli

ARGOSAVE 3.0.0. Argo Software srl Zona Industriale III Fase 97100 Ragusa tel 0932.666412 fax 0932.667551- www.argosoft.it info@argosoft.

ARGOSAVE 3.0.0. Argo Software srl Zona Industriale III Fase 97100 Ragusa tel 0932.666412 fax 0932.667551- www.argosoft.it info@argosoft. INDICE 1 Il sistema ArgoSave 1.1 Caratteristiche 1.2 Organizzazione del sistema 2 Installazione 3 Il pannello di controllo 3.1 Opzioni generali 3.2 Opzioni di backup giornaliero 3.3 Opzioni di backup via

Dettagli

Backup Aziende Metodo Gestionale

Backup Aziende Metodo Gestionale Backup Aziende Metodo Gestionale Aggiornamento: marzo 2015 (Metodo 2.80) Considerazioni iniziali Innanzitutto è sempre bene ricordare l importanza di eseguire le copie di backup degli archivi di Metodo

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 PAG. 1 / 6 LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 T-SQL PROGRAMMAZIONE PARTE SECONDA ROUTINE E PROGRAMMAZIONE In TSQL è possibile definire alcune routine

Dettagli

Utilizzo Gestione dei file

Utilizzo Gestione dei file Utilizzo Gestione dei file Info su questo bollettino tecnico L'intento di questo bollettino tecnico è di aiutare gli sviluppatori FileMaker esperti a comprendere meglio e ad applicare le migliori metodologie

Dettagli

Il servizio Tivoli Backup

Il servizio Tivoli Backup Il servizio Tivoli Backup D o c u m e n t a z i o n e t e c n i c a Classificazione: Documento Pubblico Pag. 1 di 11 Indice 1 Il servizio Tivoli Backup... 3 2 Gli agent tivoli ed i processi schedulati

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

Federico Campoli. Postgresql 8.1. Pagina 1

Federico Campoli. Postgresql 8.1. Pagina 1 PostgreSQL 8.1 Gestione e tuning by Federico Campoli Postgresql 8.1 Pagina 1 Sommario Accesso al database (Il file hba_access) Il client psql Tuning dell'istanza (postgresql.conf) L'ottimizzatore a costi

Dettagli

Lorenzo Sarti sarti@dii.unisi.it Materiale didattico http://www.dii.unisi.it/~ sarti

Lorenzo Sarti sarti@dii.unisi.it Materiale didattico http://www.dii.unisi.it/~ sarti Lorenzo Sarti sarti@dii.unisi.it Materiale didattico http://www.dii.unisi.it/~ sarti Obiettivi esercitazioni Utilizzare nella pratica un DBMS Apprendere il linguaggio SQL Apprendere come si accede ad un

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1.

Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1. Indice INTRODUZIONE XI Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1.4 Domande 13 Capitolo 2 I servizi Oracle 15 2.1 Terminologia

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB)

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DB2Presentazione2009.pdf Sistemi Informativi L-A DB2 Universal

Dettagli

Introduzione all Architettura del DBMS

Introduzione all Architettura del DBMS Introduzione all Architettura del DBMS Data Base Management System (DBMS) Un DBMS è uno strumento per la creazione e la gestione efficiente di grandi quantità di dati che consente di conservarli in modo

Dettagli

Regione Toscana - Giunta Regionale

Regione Toscana - Giunta Regionale Regione Toscana - Giunta Regionale Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Reti di Governance del Sistema Regionale e ISIC Settore Infrastrutture e Tecnologie per

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Introduzione a Oracle 9i

Introduzione a Oracle 9i Introduzione a Oracle 9i Ing. Vincenzo Moscato - Overview sull architettura del DBMS Oracle 9i L architettura di Oracle 9i si basa sul classico paradigma di comunicazione client-server, in cui sono presenti

Dettagli

Schedulatore per la comunicazione con le Porte di Dominio

Schedulatore per la comunicazione con le Porte di Dominio Schedulatore per la comunicazione con le Porte di Dominio Configurazione e Supporto Versione 1.00 4 novembre 2004 Centro Servizi Ingegnerizzazione Prodotti Insiel S.p.A. 1/7 Sommario Introduzione...3 Linguaggio

Dettagli

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi Modulo Gestione Protocollo Manuale Utente Manuale Utente del modulo Gestione Protocollo Pag. 1 di 186 SPIGA...1 Modulo Gestione Protocollo...1

Dettagli

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Funzioni di Esportazione Importazione 1 Indice AIRONE GESTIONE RIFIUTI... 1 FUNZIONI DI ESPORTAZIONE E IMPORTAZIONE... 1 INDICE...

Dettagli

FAQ RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI

FAQ RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI FAQ RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI FAQ Su sistemi RedHat ho riscontrato problemi in STSCALCxx, nell esecuzione della runtime Java. In RedHat è necessario installare il pacchetto: compat-libstdc++-6.2-2.9.0.16.rpm

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

MySQL Oracle SQL Server

MySQL Oracle SQL Server MySQL Oracle SQL Server Backup, Ripristino, Manutenzione e Automazione 27/03/07 Gruppo 6 - Sebastiano Vascon 1 MySql - Backup È possibile effettuare il backup dei dati in un database MySQL in 4 modi distinti:

Dettagli

BACKUP OnLine. Servizi di backup e archiviazione remota. SCHEDA PRODOTTO Versione 1.7

BACKUP OnLine. Servizi di backup e archiviazione remota. SCHEDA PRODOTTO Versione 1.7 BACKUP OnLine Servizi di backup e archiviazione remota SCHEDA PRODOTTO Versione 1.7 1 1. INTRODUZIONE Il servizio Backup OnLine mette a disposizione un sistema di backup e archiviazione a lungo termine

Dettagli

Indice GAMMA. Guida utente

Indice GAMMA. Guida utente Indice GAMMA Schermata di benvenuto... 3 1.1.1 Connessione a SQL Server... 5 Uscita dalla procedura di installazione... 7 1.1.2 Aggiornamento DATABASE... 9 1.1.3 Aggiornamento CLIENT... 12 II Aggiornamento

Dettagli

Le parti della struttura che ci interessano, ai fini del problema che stiamo analizzando, sono il Volume Shadow Copy Service e il Volume Snapshot.

Le parti della struttura che ci interessano, ai fini del problema che stiamo analizzando, sono il Volume Shadow Copy Service e il Volume Snapshot. 2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati. Da PierGiorgio Malusardi (MCSE MCSA MCT) - IT Pro Evangelist Microsoft Italia Uno dei principali motivi di richiesta d aiuto al supporto IT delle

Dettagli

Manuale Operativo DATALOG EDI. Rel. 4.90. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale Operativo DATALOG EDI. Rel. 4.90. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit EDIFACT Manuale Operativo DATALOG EDI Rel. 4.90 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale Operativo Sommario 1 DATALOG EDI... 3 1.1 EDIFACT... 3 1.1.1 Installazione Componenti... 3 1.1.2 Inserimento

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Maxpho Commerce 11. Gestione CSV. Data: 20 Settembre 2011 Versione : 1.1 Autore: Maxpho Srl

Maxpho Commerce 11. Gestione CSV. Data: 20 Settembre 2011 Versione : 1.1 Autore: Maxpho Srl Maxpho Commerce 11 Gestione CSV Data: 20 Settembre 2011 Versione : 1.1 Autore: Maxpho Srl Indice generale 1 - Introduzione... 3 1.1 - Il file CSV...3 1.2 - Modulo CSV su Maxpho... 3 1.3 - Modulo CSV Pro

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 1 SQL SQL (Structured Query Language) è stato definito nel 1973 ed è oggi il linguaggio più diffuso per i DBMS relazionali. Sono stati proposti

Dettagli

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com 15.03.2006 Ver. 1.0 Scarica la versione pdf ( MBytes) Nessuno si spaventi! Non voglio fare né un manuale

Dettagli

9243045 Edizione 1 IT. Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation

9243045 Edizione 1 IT. Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation 9243045 Edizione 1 IT Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation Accedere a Zip Manager Pro. Nota: per ulteriori informazioni su funzionamento e manutenzione del Nokia

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

Access. P a r t e p r i m a

Access. P a r t e p r i m a Access P a r t e p r i m a 1 Esempio di gestione di database con MS Access 2 Cosa è Access? Access e un DBMS che permette di progettare e utilizzare DB relazionali Un DB Access e basato sui concetti di

Dettagli

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Tool Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Basi di Dati e Sistemi Informativi () PostgreSQL A.A. 2012-2013 1 / 26 Gli strumenti che vedremo Basi

Dettagli

NAL DI STAGING. Versione 1.0

NAL DI STAGING. Versione 1.0 NAL DI STAGING Versione 1.0 14/10/2008 Indice dei Contenuti 1. Introduzione... 3 2. Installazione NAL di staging... 3 VMWare Server... 3 Preistallazione su server linux... 6 Preinstallazione su server

Dettagli

INDIR: indirizzi CODIFICA: schemi per la codifica dei documenti KATALGEN: catalogo dei documenti con descrizioni e codici di ricerca MASCHERA INDIR:

INDIR: indirizzi CODIFICA: schemi per la codifica dei documenti KATALGEN: catalogo dei documenti con descrizioni e codici di ricerca MASCHERA INDIR: GUIDA ALLA PROCEDURA DI GESTIONE DOCUMENTI ================================================ POWERDOK.DOC-Pagina 1 di 12 La procedura POWERDOC gestisce l'archivio della documentazione aziendale, commerciale,

Dettagli

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC Istruzioni per la configurazione e l utilizzo del modulo di protocollazione PEC Versione n. 2012.05.25 Data : 25/05/2012 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato

Dettagli

Procedura di Aggiornamento TO.M.M.YS. SQL 2005 e 2008

Procedura di Aggiornamento TO.M.M.YS. SQL 2005 e 2008 Questa procedura illustra passo passo gli step da compiere per aggiornare il programma TO.M.M.YS. che è stato installato con il supporto di Microsoft SQL 2005. ATTENZIONE: La presente procedura DEVE essere

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

La Document Orientation. Come implementare un interfaccia

La Document Orientation. Come implementare un interfaccia La Document Orientation Come implementare un interfaccia Per eliminare l implementazione di una interfaccia da parte di una classe o documento, occorre tirarla su di esso tenendo premuto il tasto ctrl.

Dettagli

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Sistemi di gestione delle basi di dati 1 Cos è un DBMS? Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni (ad esempio, Madonna

Dettagli

LABORATORI DI INFORMATICA. CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE

LABORATORI DI INFORMATICA. CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE LABORATORI DI INFORMATICA CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE Tutti i laboratori di informatica, come la gran parte delle postazioni LIM, sono stati convertiti

Dettagli

SPOSTARE IATROS DA UN PC AD UN ALTRO

SPOSTARE IATROS DA UN PC AD UN ALTRO SPOSTARE IATROS DA UN PC AD UN ALTRO Se si dispone di connessione Adsl sufficientemente veloce e/o tempo di attesa, prelevare il pacchetto completo disponibile nell'area download del sito www.iatros.it

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (utente singolo)

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (utente singolo) Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics versione 15 mediante un licenza

Dettagli

Indice generale. Capitolo 3 Introduzione a PHP...43 Sintassi e istruzioni di base... 45 Variabili, operatori e commenti... 47 Array...

Indice generale. Capitolo 3 Introduzione a PHP...43 Sintassi e istruzioni di base... 45 Variabili, operatori e commenti... 47 Array... Prefazione...xiii A chi si rivolge il libro... xiv Struttura e contenuti del libro... xiv Dove trovare aiuto... xvii Le newsletter di SitePoint... xviii I vostri commenti... xviii Convenzioni adottate

Dettagli

Gestione del Buffer. Gestione delle Transazioni. Il buffer. Il gestore del buffer 2. Il gestore del buffer 1

Gestione del Buffer. Gestione delle Transazioni. Il buffer. Il gestore del buffer 2. Il gestore del buffer 1 Gestione delle Transazioni Parte terza Argomenti: Gestore del Buffer,Ripristino, File di Log, Protocolli per il ripristino, Savepoint, Shadow Pages, Gestione del Buffer Obiettivi: Minimizzare gli accessi

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Pannello di controllo Pannello di controllo Avvia/Arresta/Riavvia/Stato TeamPortal: Gestisce start/stop/restart di tutti i servizi di TeamPortal

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito)

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito) Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics versione 15 mediante un licenza

Dettagli

PHI-RE. Configurazione infrastrutturale SOA. Version 1.0 Marzo, 2011. Page 1 of 17

PHI-RE. Configurazione infrastrutturale SOA. Version 1.0 Marzo, 2011. Page 1 of 17 PHI-RE Configurazione infrastrutturale SOA Version 1.0 Marzo, 2011 Page 1 of 17 Versione Marzo 2011 Marzo 2011 Descrizione della variazione Versione iniziale Inserimento capitoli descrizione script installativi

Dettagli

Elementi del progetto

Elementi del progetto Elementi del progetto Premessa Il CLOUD degli Enti Locali rende disponibile quanto necessario per migrare le infrastrutture informatiche oggi attive nei CED dei singoli Enti: Server in forma di Virtual

Dettagli

HBase Data Model. in più : le colonne sono raccolte in gruppi di colonne detti Column Family; Cosa cambia dunque?

HBase Data Model. in più : le colonne sono raccolte in gruppi di colonne detti Column Family; Cosa cambia dunque? NOSQL Data Model HBase si ispira a BigTable di Google e perciò rientra nella categoria dei column store; tuttavia da un punto di vista logico i dati sono ancora organizzati in forma di tabelle, in cui

Dettagli

Guida all Installazione della Binary Release di OpenSPCoop2. Guida all Installazione della Binary Release di OpenSPCoop2

Guida all Installazione della Binary Release di OpenSPCoop2. Guida all Installazione della Binary Release di OpenSPCoop2 Guida all Installazione della Binary Release di OpenSPCoop2 i Guida all Installazione della Binary Release di OpenSPCoop2 Guida all Installazione della Binary Release di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2015

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli