SEEWEB PIANO DELLA SICUREZZA DEI DATACENTERS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEEWEB PIANO DELLA SICUREZZA DEI DATACENTERS"

Transcript

1 1. INTRODUZIONE Il Piano della sicurezza dei datacenters è stato rilasciato in data 7 gennaio Premessa Seeweb ha quattro propri datacenters, di cui due a Frosinone, rispettivamente in C.so Lazio, 9/a e in Via Armando Vona, 66, mentre a Milano risiedono entrambi in Via Caldera, 21. Tutti gli impianti sono dotati delle più moderne tecnologie di sicurezza, relativamente agli accessi, alla sorveglianza, alle intrusioni, alla prevenzione e all'estinzione degli incendi. Gli impianti sono dotati di refrigerazione ridondata, di alimentazione protetta sia da gruppi statici sia da gruppi elettrogeni diesel a lunga autonomia. Seeweb dispone della certificazione di processo ISO9001, di compatibilità ambientale ISO14001 e di sicurezza nel trattamento dei dati ISO Norme della serie ISO 9000 Con la sigla ISO 9000 si identifica una serie di normative e linee guida sviluppate dall'organizzazione internazionale per la normazione (ISO), le quali definiscono i requisiti per la realizzazione, in una organizzazione, di un sistema di gestione della qualità, al fine di condurre i processi aziendali, migliorarne l'efficacia e l'efficienza nella realizzazione del prodotto e nell'erogazione del servizio, al fine di ottenere ed incrementare la soddisfazione del cliente. In particolare, la sigla ISO 9001 (dal titolo Sistemi di gestione per la qualità Requisiti) è stata emessa nel 1987, rivista una prima volta nel 1994 e revisionata sostanzialmente nel L ultima revisione è stata emessa nel 2008 (ISO 9001:2008), recepita nello stesso anno dall'uni (UNI EN ISO 9001:2008). La norma definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità per una organizzazione. I requisiti espressi sono di "carattere generale" e possono essere implementati da ogni tipologia di organizzazione. 1.3 Standard compatibilità ambientale ISO La sigla ISO identifica uno Standard di Gestione Ambientale (SGA) che fissa i requisiti di un «sistema di gestione ambientale» di una qualsiasi organizzazione e fa parte della serie ISO sviluppate dall'"iso/tc 207". Lo standard può essere utilizzato per la certificazione, per una auto-dichiarazione oppure semplicemente come linea guida per stabilire, attuare e migliorare un sistema di gestione ambientale. La norma ISO 14001, giunta alla sua seconda edizione del 2004, si ispira esplicitamente al modello PDCA (Plan-Do-Check-Act), detto anche Ciclo di Deming dal nome del suo ideatore William Edwards Deming. Una estesa linea guida è contenuta nella ISO 14004, che riporta i principi, sistemi e tecniche di supporto per lo SGA (Standard di Gestione Ambientale). Una più sintetica "guida all'uso" è contenuta nella stessa ISO 14001:2004. Nel febbraio del 2012 sono partiti i lavori della nuova revisione della norma, che dovrebbe essere pubblicata nel Standard UNI CEI ISO/IEC 27001:2006 Lo Standard UNI CEI ISO/IEC 27001:2006 (Tecnologia delle informazioni - Tecniche di sicurezza - Sistemi di gestione della sicurezza delle informazioni - Requisiti) è una norma internazionale che definisce i requisiti per impostare e gestire un Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni (SGSI o ISMS dall'inglese Information Security Management System), ed include aspetti relativi alla sicurezza logica, fisica ed organizzativa. 1.5 Infrastruttura primaria della rete Seeweb La Seeweb è un LIR (Local Internet Registry) accreditato presso il RIPE-NCC con blocchi di IPv4 e IPv6 2001:4b78::/32. Seeweb è Autonomous System con codice: AS Seeweb ha due sedi primarie: a Frosinone (in C.so Lazio, 9/a) e a Milano (in Via Caldera, 21). Esse sono collegate da una backbone a doppio anello, in fibra ottica, con tecnologia a lunghezze d'onda multiple CWDM/DWDM. 2. Seeweb attualmente acquisisce risorse IP di transito, direttamente da operatori internazionali: 1. AS Global Crossing, 1 Gbps 2. AS174 - Cogent Communications, 1 Gbps 3. AS TiNet International, 2x 1 Gbps 4. NAP Namex - Roma, 2 x 1 Gbps 5. NAP Mix - Milano, 3 x 1 Gbps 6. NAP AmsIX Amsterdam, 1 Gbps Pag.: 1 di 24

2 3. Seeweb controlla autonomamente e automaticamente il routing sui propri peers attraverso il protocollo BGP-4. Su tutta la rete Seeweb è già stato implementato ed è produzione il nuovo protocollo Ipv6. Sui punti d'interscambio di Mix (Milano) e Namex (Roma) è possibile interconnettere la rete della pubblica amministrazione SPC (Sistema Pubblico di Connettività) QXN. In questo caso l'ente cliente (ricordiamo che la connessione a SPC QXN è consentita solo ad una categoria ben individuata di Pubbliche Amministrazioni) deve contattare il proprio gestore assegnato per SPC ove pianificare il progetto di connessione. Il sistema di rete, con la sola eccezione del collegamento verso il punto di interscambio di Amsterdam AmsIX è tale per cui ogni percorso è ridondato, anche a livello di percorso fibra fisico. E' pertanto in grado di tollerare, senza degrado nelle prestazioni, il guasto dei circuiti geografici in fibra ottica. Ogni sede di datacenter di Seeweb ed il Pop di Roma Namex sono dotati di infrastruttura completamente ridondata a livello di border router e di core switch, consentendo la tolleranza ai guasti dei componenti e la manutenzione online senza fermo dei dispositivi core della rete. La connessione a SPC QNX può essere realizzata, a seconda delle scelte e delle policy dell'ente appaltante: Presso i datacenter Seeweb di Milano Presso i datacenter Seeweb di Frosinone Presso il Mix di Milano (sede QXN), esistono in tale sede nostre risorse di trasporto Presso il Namex di Roma (sede QXN), esistono in tale sede nostre risorse di trasporto Il collegamento può essere realizzato sia in singola via (per es. solo a Roma) sia in doppia via (per es. a Roma e a Milano) servendo sia la sede di esercizio, sia la sede di disaster recovery. Anche effettuando il collegamento in singola via presso la sede il Namex di Roma è assicurata la connessione sia in caso di erogazione dal datacenter di esercizio di Frosinone, sia in caso di erogazione in disaster recovery dalla sede di Milano. Le opzioni proposte non hanno effetto sulla quotazione economica. Illustrazione 1: Infrastruttura backbone di core di Seeweb Qualora il cliente voglia effettuare la connessione a SPC QXN (Sistema Pubblico di Connettività, rete delle PA) in singola via è raccomandata la connessione presso il Namex di Roma (sede QXN). 1.6 Note Datacenter di Frosinone Datacenter Frosinone n 1 Corso Lazio Dal datacenter in C.so Lazio, 9/a vengono gestite tutte le operazioni di provisioning e di gestione dei servizi, nonché l'erogazione dei servizi relativi a: Hosting shared, Dedicated Hosting, Managed Housing, Media Streaming. Pag.: 2 di 24

3 Sui servizi siamo in grado di fornire risorse IP di grande livello con precisi e controllati valori di banda disponibile e garantita; siamo in grado di ritagliare le risorse garantite fino a nostri border router che ci collegano con i carriers nazionali e internazionali, in questo potendo offrire il massimo della qualità possibile a livello di connettività internet Datacenter Frosinone n 2 Via Armando Vona, 66 Dal datacenter in Via Armando Vona, 66 vengono gestite tutte le operazioni di provisioning e di gestione dei servizi, nonché l'erogazione dei servizi relativi a: Hosting shared, Dedicated Hosting, Managed Housing, Media Streaming. Sui servizi siamo in grado di fornire risorse IP di grande livello con precisi e controllati valori di banda disponibile e garantita; siamo in grado di ritagliare le risorse garantite fino a nostri border router che ci collegano con i carriers nazionali e internazionali, in questo potendo offrire il massimo della qualità possibile a livello di connettività internet 1.7 Note Datacenter di Milano Datacenter Milano n 1 Via Caldera Dal datacenter di Milano in via Caldera, 21, vengono erogati alcuni servizi di Dedicated Hosting, Managed Housing nonché i servizi di colocation attraverso cages o sale dati dedicate. Analogamente sui servizi siamo in grado di fornire risorse IP di grande livello con precisi e controllati valori di banda disponibile e garantita; siamo in grado di ritagliare le risorse garantite fino a nostri border router che ci collegano con i carriers nazionali e internazionali, in questo potendo offrire il massimo della qualità possibile a livello di connettività internet. Nel datacenter di Milano è anche possibile fruire di servizi di tipo carrier neutral acquisendo direttamente risorse di trasporto e IP dai carriers nazionali e internazionali, molti dei quali presenti nel nostro datacenter con loro apparecchiature. Offriamo in tal caso tutto il supporto necessario per la gestione degli indirizzi IP, degli Autonomous System e dell'eventuale routing BGP-4. Sempre nel datacenter di Milano e per i servizi di tipo colocation è possibile avere accesso autonomo alle proprie facilities attraverso il nostro sistema centralizzato di gestione degli accessi tramite badge e/o secret; questo ed altri servizi sono disponibili 365/7/24. Per particolari e comprovate esigenze di grandi clienti Seeweb è in grado di curare l'assegnazione da parte del RIPE di spazi di indirizzamento speciali di tipo PI (Provider Independent) Datacenter Milano n 2 Via Caldera Dal datacenter di Milano in via Caldera, 21, vengono erogati alcuni servizi di Dedicated Hosting, Managed Housing nonché i servizi di colocation attraverso cages o sale dati dedicate. Analogamente sui servizi siamo in grado di fornire risorse IP di grande livello con precisi e controllati valori di banda disponibile e garantita; siamo in grado di ritagliare le risorse garantite fino a nostri border router che ci collegano con i carriers nazionali e internazionali, in questo potendo offrire il massimo della qualità possibile a livello di connettività internet. Nel datacenter di Milano è anche possibile fruire di servizi di tipo carrier neutral acquisendo direttamente risorse di trasporto e IP dai carriers nazionali e internazionali, molti dei quali presenti nel nostro datacenter con loro apparecchiature. Offriamo in tal caso tutto il supporto necessario per la gestione degli indirizzi IP, degli Autonomous System e dell'eventuale routing BGP-4. Sempre nel datacenter di Milano e per i servizi di tipo colocation è possibile avere accesso autonomo alle proprie facilities attraverso il nostro sistema centralizzato di gestione degli accessi tramite badge e/o secret; questo ed altri servizi sono disponibili 365/7/24. Per particolari e comprovate esigenze di grandi clienti Seeweb è in grado di curare l'assegnazione da parte del RIPE di spazi di indirizzamento speciali di tipo PI (Provider Independent). 1.8 Note software Presso i quattro datacenter di Frosinone e Milano, sono presenti risorse di backup, storage management e disaster recovery basate sul software TIVOLI TSM di IBM. Pag.: 3 di 24

4 INDICE 1. INTRODUZIONE Premessa Norme della serie ISO Standard compatibilità ambientale ISO Standard UNI CEI ISO/IEC 27001: Infrastruttura primaria della rete Seeweb Note Datacenter di Frosinone Datacenter Frosinone n 1 Corso Lazio Datacenter Frosinone n 2 Via Armando Vona, Note Datacenter di Milano Datacenter Milano n 1 Via Caldera Datacenter Milano n 2 Via Caldera Note software INFRASTRUTTURA FISICA DI RETE EVENTI ACCIDENTALI E/O CATASTROFICI ANALISI DEI RISCHI FISICI E DI INFRASTRUTTURA Datacenter di Milano (n. 1 e n. 2) e Datacenter Frosinone n Datacenter Frosinone n DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA RIEPILOGO DATACENTER DATACENTER DI FROSINONE Datacenter Frosinone n 1 Corso Lazio Sicurezza Fisica Accesso ai locali Sorveglianza dei locali Rilevamento intrusioni Condizionamento dei locali Continuità dell'alimentazione Impianto di rilevazione e spegnimento incendi Datacenter Frosinone n 2 Via Armando Vona, Sicurezza Fisica Accesso ai locali Sorveglianza dei locali Rilevamento intrusioni Condizionamento dei locali Continuità dell'alimentazione Impianto di rilevazione e spegnimento incendi Perché è stato scelto VESDA Descrizione del sistema HI-FOG Pag.: 4 di 24

5 7.5.3 La tecnologia di protezione HI-FOG Caratteristiche Principali HI-FOG Schema impianto HI-FOG DATACENTER DI MILANO Datacenter Milano n 1 Via Caldera Sicurezza Fisica Accesso ai locali Sorveglianza dei locali Rilevamento intrusioni Condizionamento dei locali Continuità dell'alimentazione Impianto di rilevazione e spegnimento incendi Impianto di rilevazione Descrizione del sistema IG Utilizzo IG Standard IG Datacenter Milano n 2 Via Caldera Sicurezza Fisica Accesso ai locali Sorveglianza dei locali Rilevamento intrusioni Condizionamento dei locali Continuità dell'alimentazione Impianto di rilevazione e spegnimento incendi Perché è stato scelto VESDA Descrizione del sistema IG Utilizzo IG Standard IG INTEGRAZIONE DLGS 196/2003- AMMINISTRATORI DI SISTEMA Individuazione e ruolo degli amministratori di sistema Amministratori di Sistema ed Equiparabili Accesso ai Sistemi con Privilegi Elevati Sistemi oggetto degli accessi di Amministrazione Layout del Sistema di Archiviazione remota dei log Percorso flusso dati Logging Server Data retention Misure Logiche Procedure di ripristino Procedure di Backup, verifica, Disaster Recovery Analisi dei rischi Pag.: 5 di 24

6 10. DISASTER RECOVERY: VIA LIBERA DEL GARANTE PER LE PPAA Codice dell'amministrazione Digitale Note generali piano di disaster recovery Servizi di Cloud Computing Ampliamento servizi per le Pubbliche Amministrazioni SERVICE LAYER AGREEMENT (SLA) Pag.: 6 di 24

7 2. INFRASTRUTTURA FISICA DI RETE L'infrastruttura di rete all'interno del Datacenter è a tre livelli, completamente ridondata negli apparati coinvolti e nei collegamenti fino al rack di utilizzo. I livelli di backbone e di aggregazione sono allocati in un'apposita area del Datacenter e opportunamente protetti, il livello di distruzione è locale alla singola fila di rack. Entrambi i collegamenti, facenti parte della coppia in ridondanza, sono sempre attivi e monitorati nel funzionamento. Il Datacenter di Frosinone è servito da collegamenti di backbone verso Roma (Punto d'interscambio Namex, anche nodo SPC), verso Milano (sede Seeweb) e transito verso Roma (Telecom Italia); tutti i collegamenti sono realizzati in fibra ottica, con doppia via fisica certificata, indipendente per tutti i percorsi coinvolti. Presso il Datacenter di Milano è attiva l'interconnessione con il Mix (Punto d'interscambio e nodo SPC) ed i transiti con alcuni operatori internazionali. 3. EVENTI ACCIDENTALI E/O CATASTROFICI Rilevazione di fuoco e fumi ad alta sensibilità con doppia soglia di intervento (allarme, autoestinzione). Sistema antincendio a gas con sensori a soffitto e a pavimento a saturazione ambientale. Rilevazione di allagamento attraverso opportuni sensori installati nel sottopavimento; il Datacenter è situato al di sopra del piano campagna, molto oltre i livelli di piena storici e comunque esiste un sistema di percolazione a protezione di eventuali perdite di acqua degli impianti di refrigerazione. E' possibile instaurare una replica geografica dei servizi tra i datacenter di Frosinone e Milano realizzando un sistema ad alta ridondanza, capace di sopportare qualsiasi evento di portata catastrofica, a patto che non sia distruttivo per entrambi le sedi di Frosinone e di Milano. E' comunque già previsto un piano di Disaster Recovery di default, per prevedere, come regola corrente, l'esecuzione dei backup off-site. 4. ANALISI DEI RISCHI FISICI E DI INFRASTRUTTURA 4.1 Datacenter di Milano (n. 1 e n. 2) e Datacenter Frosinone n. 1 (indici di probabilità di evento e di rischiosità residua : 1 basso/nullo; 2 moderato; 3 sensibile; 4 alto) tipo di rischio probabilità di evento contromisura rischiosità residua intrusione finalizzata a delinquere 2 presidio, videosorveglianza, allarme perimetrale e volumetrico. Radioallarme con polizia privata 1/2 accesso abusivo o di personale non autorizzato. 3/4 presidio, controllo accessi attraverso Badge, smartcard e password 1 superamento dei valori critici di temperatura e ventilazione 2/3 sistema di climatizzazione e ventilazione ridondato, sistema di monitoraggio e allarme a doppio livello e indipendente con telesegnalazione a più soggetti incaricati 1/2 Caduta rete di alimentazione per evi periodi (< 8h) 4 sistema di condizionamento dell'alimentazione con UPS e gruppo elettrogeno diesel ad avvio automatico 1 Caduta rete di alimentazione a seguito di catastrofe (blackout, alluvioni ecc) (> 8h) 2 gruppo elettrogeno diesel ad avvio automatico ad alta autonomia con possibilità di rifornimento di gasolio a livello strada. 1/2 incendio di modesta portata sviluppatosi all'interno del datacenter 2 sistema di rilevazione di fumi e fiamme a doppio livello ed alta sensibilità, intervento antincendio autoestinguente 1 Pag.: 7 di 24

8 tipo di rischio probabilità di evento contromisura rischiosità residua incendio di grande portata sviluppatosi all'interno del datacenter 1 sistema di rilevazione di fumi e fiamme a doppio livello ed alta sensibilità, intervento antincendio autoestinguente 3 (nota: vedi paragrafo 4.2) incendio di grande portata che coinvolge l'intero edificio 1-4 (nota: vedi paragrafo 4.2) interruzione dei collegamenti geografici del datacenter 3 collegamenti in fibra ottica ad anello e completamente ridondati su percorsi fisici diversi e con gestori diversi 1 (indici di probabilità di evento e di rischiosità residua : 1 basso/nullo; 2 moderato; 3 sensibile; 4 alto) 4.2 Datacenter Frosinone n. 2 Ferma restando la medesima tabella, di cui al precedente paragrafo, vengono evidenziate le righe di cui alle precedenti note. Infatti, mentre il Datacenter Frosinone n. 1 risiede in un fabbricato con altre aziende e privati, il Datacenter Frosinone n. 2, dispone di una area completamente autonoma ed indipendente. (indici di probabilità di evento e di rischiosità residua : 1 basso/nullo; 2 moderato; 3 sensibile; 4 alto) tipo di rischio probabilità di evento contromisura rischiosità residua incendio di grande portata sviluppatosi all'interno del datacenter 1 sistema di rilevazione di fumi e fiamme a doppio livello ed alta sensibilità, intervento antincendio autoestinguente 1 incendio di grande portata che coinvolge l'intero edificio 1 sistema di rilevazione di fumi e fiamme a doppio livello ed alta sensibilità, intervento antincendio autoestinguente 1 (indici di probabilità di evento e di rischiosità residua : 1 basso/nullo; 2 moderato; 3 sensibile; 4 alto) 5. DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Ai sensi di quanto disposto dal Dlgs 196/2003 l'azienda ha redatto un proprio DPS, ne cura l'aggiornamento ai sensi di legge, ha nominato il Responsabile del Trattamento nonché individuato e incaricato tutti i terzi coinvolti nei processi di trattamento. E' stata predisposta una specifica procedura di compliance per quanto richiesto dal Dlgs 196/2003 circa l'individuazione del ruolo, delle competenze e delle responsabilità degli amministratori di sistema. Tale procedura è stata integrata con le indicazioni della determina del Garante per la protezione dei dati personali del 27 novembre 2008 (G.U. n. 300 del 24 dicembre 2008), attraverso la predisposizione di opportuni accorgimenti di tracciamento delle attività svolte e l'individuazione delle opportune figure professionali abilitate all'esecuzione delle attività di amministrazione dei sistemi nel rispetto delle linee guida proposte dall'autorità Garante. 6. RIEPILOGO DATACENTER Tutti i servizi Hosting / Housing della nostra società, descritti sul sito vengono erogati da apparecchiature installate presso il nostri datacenter, in proprietà e in nostra completa gestione dei seguenti siti: FROSINONE CAP C.so Lazio n. 9/a Via Armando Vona, 66 MILANO CAP Via Caldera n. 21 N 1 Via Caldera n. 21 N 2 Pag.: 8 di 24

9 L'accesso ai locali è regolato dalle procedure di sicurezza come da DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza) predisposto ai sensi del dlgs 196/2003, separatamente riassunte. I locali che ospitano le apparecchiature sono dotati delle infrastrutture seguenti. 7. DATACENTER DI FROSINONE 7.1 Datacenter Frosinone n 1 Corso Lazio Sorveglianza elettronica contro l'intrusione, l'incendio e anomalie ambientali critiche, con segnalazione via radio e intervento in sede da parte di istituto di polizia privata autorizzato. Sistema ridondante di controllo del clima delle sale macchine con allarmi locali e remoti (teleallarmi su istituto di vigilanza) su valori critici. Sistema di alimentazione ridondante su doppia rete di distribuzione a norme EIE-CE, per ogni fila di armadi con prese e spine di sicurezza antistrappo e antifuoco. Impianto di sicurezza dell'alimentazione, mediante impianto di terra certificato conforme L.626 e separazione galvanica delle sorgenti. Sistema di commutazione statica della sorgente duale di alimentazione, per ogni armadio a servizio delle apparecchiature non dotate di alimentatori ridondanti. Condizionamento statico dell'alimentazione per ogni modulo, tramite Gruppi di continuità statici on line, 2 x 120 KVA, con riferimento di frequenza PLL. Gruppo elettrogeno diesel ad alta autonomia, con capacità di 200KWA, avvio automatico e cicli di diagnostica bisettimanale automatici. 7.2 Sicurezza Fisica Accesso ai locali L'accesso al Datacenter è riservato esclusivamente ai dipendenti della società Seeweb ed a personale terzo per l'espletamento di attività di datacenter, opportunamente autorizzato. Non è consentito l'accesso al pubblico o ai clienti, in modo autonomo, presso tale infrastruttura. L'accesso al Datacenter è condizionato all'accesso alla sede Seeweb, per il tramite di apposita Chiave Meccanica, ovvero di Badge/Secret di riconoscimento ; inoltre, l'accesso all'area di Datacenter, è ulteriormente subordinato ad autorizzazione, a mezzo di SmartCard/Secret, in possesso del solo personale autorizzato alle attività di Datacenter. Tutti gli accessi sono sottoposti a logging su sistema informatico; eventuali terzi, che accedano unicamente accompagnati da personale interno, vengono registrati previo accertamento dell'identità e verifica della motivazione/autorizzazione all'accesso. Ogni autorizzazione concessa è valida per un solo periodo di accesso che non ecceda la giornata lavorativa senza necessità di revoca Sorveglianza dei locali E' stata assicurata la sorveglianza dei locali 365/7/24 con personale proprio o esterno autorizzato o con sistemi di monitoraggio remotizzato. Esiste una videosorveglianza perimetrale esterna a mezzo telecamere con registrazione e ritenzione a norma di legge e con rilevazione dei movimenti in aree critiche e conseguente attivazione di circuito di allarme. La videosorveglianza con registrazione e ritenzione è presente anche all'interno dei locali operativi e tecnici del Datacenter Rilevamento intrusioni E' stato realizzato un sistema di rilevazione delle intrusioni e monitoraggio degli accessi, sia sui varchi, sia di tipo volumetrico, per tutti i locali della sede e del Datacenter, con segnalazione locale di tipo ottico/acustico e remota a mezzo radio-allarme verso istituto di polizia privata Condizionamento dei locali Il sistema di condizionamento provvede alla filtrazione dell aria, alla ventilazione interna e al raffreddamento, garantendo quindi la giusta temperatura ed il sufficiente ricambio d aria. L impianto di condizionamento è ridondato secondo un'architettura completamente protetta, di tipo 2+1, estesa ai gruppi refrigeranti ad acqua, ai condensatori esterni e alle Unità di Trattamento Aria (UTA) presenti nel Datacenter. Il sistema non protetto presenta un sovradimensionamento del 20% rispetto alla capacità massima del Datacenter. Pag.: 9 di 24

10 In caso di avaria totale è stato previsto un sistema di lavaggio dell'aria tramite immissione/esplusione dell'aria esterna (freecooling) ad azionamento manuale. I parametri di esercizio sono costantemente misurati in passi da 5 minuti con allarmi locali e remoti, al superamento di valori critici, con teleallarmi su istituto di vigilanza. L impianto garantisce i seguenti parametri ambientali standard: T ( C) Umidità assoluta 25 g/m 3 Umidità assoluta 20 g/m Umidità assoluta 1,5 g/m 3 Umidità assoluta 1 g/m Umidità relativa (%) 0 Cond. di funz. eccezionali Cond. di funz. normali Limiti della distribuzione del 90% Continuità dell'alimentazione Il Sistema di alimentazione è completamente ridondante, su doppia linea a norme EIE-CE, per ogni fila di armadi, con prese e spine di sicurezza antistrappo e antifuoco. Ogni armadio contiene le apparecchiature e riceve l'alimentazione da due diverse linee. Esiste un sistema di commutazione statica, della sorgente di alimentazione, per ogni armadio a servizio delle apparecchiature non dotate di doppia alimentazione. Condizionamento statico dell'alimentazione, per il tramite di 2 Gruppi di continuità statici on line 2 x 120 KVA (Chloride), con riferimento di frequenza per l'idc di Frosinone. Un gruppo elettrogeno diesel, ad alta autonomia, rispettivamente con capacità di 200KVA, avvio automatico e cicli di diagnostica bisettimanale automatici, per il Datacenter di Frosinone. Impianto di sicurezza dell'alimentazione mediante impianto di terra certificato conforme al D.Lgs 626/ Impianto di rilevazione e spegnimento incendi I rivelatori combinati d incendio analogici, modello RFT20 della BPT SpA sono in grado di rilevare la presenza di alcuni prodotti della combustione e quindi l'insorgere di focolai di incendio. I parametri di funzionamento dei rivelatori possono essere modificati ed adeguati alle condizioni ambientali intervenendo tramite la centrale di controllo. I rivelatori si collegano alla centrale di rivelazione per mezzo di un conduttore a 2 poli twistato e schermato, su tale conduttore viene trasferita sia l'alimentazione per i vari dispositivi che la comunicazione digitale bidirezionale. Ciascun rivelatore è dotato di un isolatore di corto circuito che, nel caso di corto circuito tra i due conduttori di connessione con la centrale (loop), è in grado di interrompere il polo negativo isolando la sezione di cavo dove si è verificato il corto. Per le caratteristiche tecniche dell isolatore, consultare il documento ILP Specification. Ogni dispositivo è individuato tramite un etichetta che riporta il numero seriale univoco. I rivelatori sono certificati secondo le seguenti norme: EN54-7: Rivelatori di fumo - Rilevatori puntiformi funzionanti secondo il principio della diffusione della luce, della trasmissione della luce o della ionizzazione (per i soli modelli RFM20 e RFT20); EN54-5: Rivelatori di Calore - rivelatori puntiformi (per i soli modelli STV20 e RFT20); EN54-17: Isolatori di corto circuito. Pag.: 10 di 24

11 Per quanto attiene alle attrezzature ed agli impianti di estinzioni incendi, nei locali sono presenti attrezzature antincendio adeguate alle dimensioni del luogo di lavoro ed al materiale presente, indicate di seguito: n. 4 estintori portatili CO2 da 4 Kg; n. 1 estintore a polvere da 6 Hg; n. 1 estintore a carrello da 18 Kg; n. 1 cassetta P.S. conforme gruppo B DPR 388/ Datacenter Frosinone n 2 Via Armando Vona, 66 Sorveglianza elettronica contro l'intrusione, l'incendio e anomalie ambientali critiche, con segnalazione via radio e intervento in sede da parte di istituto di polizia privata autorizzato. Sistema ridondante di controllo del clima delle sale macchine con allarmi locali e remoti (teleallarmi su istituto di vigilanza) su valori critici. Sistema di alimentazione ridondante su doppia rete di distribuzione a norme EIE-CE, per ogni fila di armadi con prese e spine di sicurezza antistrappo e antifuoco. Impianto di sicurezza dell'alimentazione, mediante impianto di terra certificato conforme L.626 e separazione galvanica delle sorgenti. Sistema di commutazione statica della sorgente duale di alimentazione, per ogni armadio a servizio delle apparecchiature non dotate di alimentatori ridondanti. Condizionamento statico dell'alimentazione per ogni modulo, tramite Gruppi di continuità statici on line, 2 x 400 KVA, con riferimento di frequenza PLL. Gruppo elettrogeno diesel ad alta autonomia, con capacità di 500KWA, avvio automatico e cicli di diagnostica bisettimanale automatici. 7.4 Sicurezza Fisica Accesso ai locali L'accesso al Datacenter è riservato esclusivamente ai dipendenti della società Seeweb ed a personale terzo per l'espletamento di attività di datacenter, opportunamente autorizzato. Non è consentito l'accesso al pubblico o ai clienti, in modo autonomo, presso tale infrastruttura. L'accesso al Datacenter è condizionato all'accesso alla sede Seeweb, per il tramite di apposita Chiave Meccanica, ovvero di Badge/Secret di riconoscimento ; inoltre, l'accesso all'area di Datacenter, è ulteriormente subordinato ad autorizzazione, a mezzo di SmartCard/Secret, in possesso del solo personale autorizzato alle attività di Datacenter. Tutti gli accessi sono sottoposti a logging su sistema informatico; eventuali terzi, che accedano unicamente accompagnati da personale interno, vengono registrati previo accertamento dell'identità e verifica della motivazione/autorizzazione all'accesso. Ogni autorizzazione concessa è valida per un solo periodo di accesso che non ecceda la giornata lavorativa senza necessità di revoca Sorveglianza dei locali E' stata assicurata la sorveglianza dei locali 365/7/24 con personale proprio o esterno autorizzato o con sistemi di monitoraggio remotizzato. Esiste una videosorveglianza perimetrale esterna a mezzo telecamere con registrazione e ritenzione a norma di legge e con rilevazione dei movimenti in aree critiche e conseguente attivazione di circuito di allarme. La videosorveglianza con registrazione e ritenzione è presente anche all'interno dei locali operativi e tecnici del Datacenter Rilevamento intrusioni E' stato realizzato un sistema di rilevazione delle intrusioni e monitoraggio degli accessi, sia sui varchi, sia di tipo volumetrico, per tutti i locali della sede e del Datacenter, con segnalazione locale di tipo ottico/acustico e remota a mezzo radio-allarme verso istituto di polizia privata Condizionamento dei locali Il sistema di condizionamento provvede alla filtrazione dell aria, alla ventilazione interna e al raffreddamento, garantendo quindi la giusta temperatura ed il sufficiente ricambio d aria. L impianto di condizionamento è ridondato secondo un'architettura completamente protetta, di tipo 2+1, estesa ai gruppi refrigeranti ad acqua, ai condensatori esterni e alle Unità di Trattamento Aria (UTA) presenti nel Datacenter. Pag.: 11 di 24

12 Il sistema non protetto presenta un sovradimensionamento del 20% rispetto alla capacità massima del Datacenter. In caso di avaria totale è stato previsto un sistema di lavaggio dell'aria tramite immissione/espulsione dell'aria esterna (free cooling) ad azionamento manuale. I parametri di esercizio sono costantemente misurati in passi da 5 minuti con allarmi locali e remoti, al superamento di valori critici, con teleallarmi su istituto di vigilanza. L impianto garantisce i seguenti parametri ambientali standard: T ( C) Umidità assoluta 25 g/m 3 Umidità assoluta 20 g/m Umidità assoluta 1,5 g/m 3 Umidità assoluta 1 g/m Umidità relativa (%) 0 Cond. di funz. eccezionali Cond. di funz. normali Limiti della distribuzione del 90% Continuità dell'alimentazione Il Sistema di alimentazione è completamente ridondante, su doppia linea a norme EIE-CE, per ogni fila di armadi, con prese e spine di sicurezza antistrappo e antifuoco. Ogni armadio contiene le apparecchiature e riceve l'alimentazione da due diverse linee. Esiste un sistema di commutazione statica, della sorgente di alimentazione, per ogni armadio a servizio delle apparecchiature non dotate di doppia alimentazione. Condizionamento statico dell'alimentazione, per il tramite di 2 Gruppi di continuità statici on line 2 x 400 KVA (Chloride), con riferimento di frequenza per l'idc di Frosinone. Un gruppo elettrogeno diesel, ad alta autonomia, rispettivamente con capacità di 500KVA, avvio automatico e cicli di diagnostica bisettimanale automatici, per il Datacenter di Frosinone. Impianto di sicurezza dell'alimentazione mediante impianto di terra certificato conforme al D.Lgs 626/ Impianto di rilevazione e spegnimento incendi Perché è stato scelto VESDA Quando rivelare tempestivamente l insorgere di un incendio significa evitare ingenti danni, tempi lunghi di inattività e costi elevati di ripristino o evacuazione sicura delle persone, allora il sistema di rivelazione fumi ad aspirazione VESDA è la soluzione irrinunciabile. Il principio di funzionamento si basa infatti sull aspirazione continua dell aria prelevata dall ambiente attraverso un aspiratore ad alta efficienza e convogliata, tramite una rete di tubazioni, alla camera di analisi. Il campione d aria, una volta filtrato dalle impurità più grossolane, viene esposto ad un fascio di luce laser. In presenza di fumo, la luce si diffonde all interno della camera di analisi e viene immediatamente identificata da un sistema di ricezione estremamente sensibile. Il sensore elabora e visualizza su un display il segnale ricevuto ed attiva tempestivamente i sistemi di allarme incendio o i sistemi di gestione installati negli edifici. Con centinaia di migliaia di installazioni in tutto il mondo, il sistema VESDA è diventato sinonimo di eccellenza nel settore della rilevazione tempestiva degli incendi e rappresenta l unica scelta quando qualità e rapidità di risposta sono fondamentali. Continuità operativa. Segnalazione tempestiva dei possibili rischi d incendio per gestire con ampio anticipo le modalità di intervento, riducendo i tempi di inattività e garantendo la continuità operativa. Rivelazione con ventilazione elevata. L elevata sensibilità dei sistemi di aspirazione garantisce una risposta immediata anche in presenza di sistemi di ventilazione o di elevati volumi d aria, che ne diluiscono i fumi. Pag.: 12 di 24

13 Manutenzione rapida ed efficiente. Se la zona di installazione dei dispositivi di rivelazione risulta difficoltosa, il sistema ad aspirazione garantisce una manutenzione efficace. Rilevazione discreta. Flessibilità di installazione della rete di tubazioni per adattarsi al meglio alle caratteristiche dell ambiente, rispettandone l estetica. Evacuazione sicura del pubblico. Segnalazione tempestiva del principio d incendio per consentire di pianificare in tempo utile l evacuazione sicura dell edificio. Condizioni ambientali critiche. In situazioni di contaminazione dell aria o temperature estreme, la rivelazione fumi è garantita in quanto l aria può essere preventivamente filtrata, riscaldata o raffreddata prima di raggiungere il rilevatore Descrizione del sistema HI-FOG Il sistema HI-FOG di Marioff è classificato come sistema water mist ad alta pressione twin fluid secondo quanto indicato dallo standard NFPA 750 e UNI CEN/TS e produce una scarica d acqua in classe 1 (gocce inferiori a 200 micron per il 90% della quantità d'acqua scaricata) secondo le definizioni dello standard. In particolare esso impiega una scarica d acqua pura, continua e con un flusso molto ridotto, inizialmente dimensionata, quanto a portata, dimensione delle gocce e densità di scarica, in modo da conseguire una drastica riduzione della dimensione e dello sviluppo dell incendio (quella che si chiama soppressione secondo le definizioni date dallo standard NFPA) e successivamente per continuare con un flusso che possa raggiungere l estinzione dell incendio stesso od il suo controllo secondo i casi La tecnologia di protezione HI-FOG Il sistema HI-FOG è un sistema di protezione contro l incendio di tipo water mist che utilizza gocce d acqua di dimensioni molto ridotte, che riescono a controllare l incendio attraverso i seguenti meccanismi: a) Raffreddamento della fiamma e dei gas da essa generati. b) Riduzione localizzata dell ossigeno disponibile per la combustione, grazie alla formazione di vapore. c) Attenuazione del flusso di calore radiante grazie alla presenza delle goccioline d acqua nell ambiente. Molto critico per il successo del sistema è il controllo della dimensione delle gocce che è ottenuto attraverso gli ugelli sprinkler HI-FOG brevettati da Marioff che sono anche in grado di provvedere alla necessaria compensazione richiesta dalla graduale diminuzione di pressione che si ha nei sistemi operanti mediante scarica di bombole in modo da mantenere una caratteristica di erogazione soddisfacente fino a fine scarica. Il sistema HI-FOG infine impiega un unico fluido per la generazione della scarica finemente suddivisa, richiedendo così un solo sistema di tubazioni per la distribuzione Caratteristiche Principali HI-FOG Quando si considera l uso del sistema HI-FOG per la protezione dei rischi tipici delle aree civili, sono da considerare i seguenti punti particolari che caratterizzano il sistema rispetto alle protezioni tradizionali: Eccezionale capacità di soppressione (riduzione drastica delle dimensioni) dell incendio. Uso di acqua ridotto al minimo possibile. Nei sistema proposto, sebbene progettato per 9 teste operanti simultaneamente, che possono erogare fino a circa 100 lpm, l intervento si limita in genere a 1-2 testine con portate dell ordine di qualche decina di litri per minuto. Soluzione del tutto autonoma (senza alimentazione elettrica) con l impiego dell unità di pompaggio pneumatica. Ridottissima dimensione delle tubazioni di distribuzione e semplicità di installazione. Scarica solo acqua pulita con assoluta sicurezza per le persone, apparecchiature e l ambiente. Ridotti costi di gestione, manutenzione e ricarica (solo acqua pulita). Minimi tempi di pulizia e riattivazione in caso di scarica indesiderata trattandosi di una minima quantità di acqua pura. Omologato dai principali enti di verifica internazionali. Pag.: 13 di 24

14 7.5.5 Schema impianto HI-FOG 8. DATACENTER DI MILANO 8.1 Datacenter Milano n 1 Via Caldera Sorveglianza elettronica contro l'intrusione, l'incendio e anomalie ambientali critiche, con segnalazione via radio e intervento in sede da parte di istituto di polizia privata autorizzato. Sistema ridondante di controllo del clima delle sale macchine con allarmi locali e remoti (teleallarmi su istituto di vigilanza) su valori critici. Sistema di alimentazione ridondante su doppia rete di distribuzione a norme EIE-CE, per ogni fila di armadi con prese e spine di sicurezza antistrappo e antifuoco. Impianto di sicurezza dell'alimentazione, mediante impianto di terra certificato conforme L.626 e separazione galvanica delle sorgenti. Sistema di commutazione statica della sorgente duale di alimentazione, per ogni armadio a servizio delle apparecchiature non dotate di alimentatori ridondanti. condizionamento statico dell'alimentazione per ogni fila di armadi, tramite Gruppi di continuità statici on line, 2 x 400 KVA, con riferimento di frequenza PLL. gruppo elettrogeno diesel ad alta autonomia, con capacità di 550KVA, avvio automatico e cicli di diagnostica bisettimanale automatici. 8.2 Sicurezza Fisica Accesso ai locali L'accesso al Datacenter è riservato esclusivamente ai dipendenti della società Seeweb ed a personale terzo per l'espletamento di attività di datacenter, opportunamente autorizzato. Non è consentito l'accesso al pubblico o ai clienti, in modo autonomo, presso tale infrastruttura. L'accesso al Datacenter è condizionato all'accesso alla sede Seeweb, per il tramite di apposita Chiave Meccanica, ovvero di Badge/Secret di riconoscimento ; inoltre, l'accesso all'area di Datacenter, è ulteriormente subordinato ad autorizzazione, a mezzo di SmartCard/Secret, in possesso del solo personale autorizzato alle attività di Datacenter. Tutti gli accessi sono sottoposti a logging su sistema informatico; eventuali terzi, che accedano unicamente accompagnati da personale interno, vengono registrati previo accertamento dell'identità e verifica della motivazione/autorizzazione all'accesso. Ogni autorizzazione concessa è valida per un solo periodo di accesso che non ecceda la giornata lavorativa senza necessità di revoca Sorveglianza dei locali Pag.: 14 di 24

15 E' stata assicurata la sorveglianza dei locali 365/7/24 con personale proprio o esterno autorizzato o con sistemi di monitoraggio remotizzato. Esiste una videosorveglianza perimetrale esterna a mezzo telecamere con registrazione e ritenzione a norma di legge e con rilevazione dei movimenti in aree critiche e conseguente attivazione di circuito di allarme. La videosorveglianza con registrazione e ritenzione è presente anche all'interno dei locali operativi e tecnici del Datacenter Rilevamento intrusioni E' stato realizzato un sistema di rilevazione delle intrusioni e monitoraggio degli accessi, sia sui varchi, sia di tipo volumetrico, per tutti i locali della sede e del Datacenter, con segnalazione locale di tipo ottico/acustico e remota a mezzo radio-allarme verso istituto di polizia privata Condizionamento dei locali Il sistema di condizionamento provvede alla filtrazione dell aria, alla ventilazione interna e al raffreddamento, garantendo quindi la giusta temperatura ed il sufficiente ricambio d aria. L impianto di condizionamento è ridondato secondo un'architettura completamente protetta, di tipo 2+1, estesa ai gruppi refrigeranti ad acqua, ai condensatori esterni e alle Unità di Trattamento Aria (UTA) presenti nel Datacenter. Il sistema non protetto presenta un sovradimensionamento del 20% rispetto alla capacità massima del Datacenter. In caso di avaria totale è stato previsto un sistema di lavaggio dell'aria tramite immissione/esplusione dell'aria esterna (freecooling) ad azionamento manuale. I parametri di esercizio sono costantemente misurati in passi da 5 minuti con allarmi locali e remoti, al superamento di valori critici, con teleallarmi su istituto di vigilanza. L impianto garantisce i seguenti parametri ambientali standard: T ( C) Umidità assoluta 25 g/m 3 Umidità assoluta 20 g/m Umidità assoluta 1,5 g/m 3 Umidità assoluta 1 g/m Umidità relativa (%) 0 Cond. di funz. eccezionali Cond. di funz. normali Limiti della distribuzione del 90% Continuità dell'alimentazione Il Sistema di alimentazione è completamente ridondante, su doppia linea a norme EIE-CE, per ogni fila di armadi, con prese e spine di sicurezza antistrappo e antifuoco. Ogni armadio contiene le apparecchiature e riceve l'alimentazione da due diverse linee. Esiste un sistema di commutazione statica, della sorgente di alimentazione, per ogni armadio a servizio delle apparecchiature non dotate di doppia alimentazione. Condizionamento statico dell'alimentazione, per il tramite di 2 Gruppi di continuità statici on line 2 x 400 KVA (Chloride) per l'idc di Milano. Un gruppo elettrogeno diesel, ad alta autonomia, rispettivamente e con capacità di 550KVA, avvio automatico e cicli di diagnostica bisettimanale automatici, per il Datacenter di Milano. Impianto di sicurezza dell'alimentazione mediante impianto di terra certificato conforme al D.Lgs 626/ Impianto di rilevazione e spegnimento incendi Impianto di rilevazione I rivelatori combinati d incendio analogici, modello RFT20 della BPT SpA sono in grado di rilevare la presenza di alcuni prodotti della combustione e quindi l'insorgere di focolai di incendio. I parametri di funzionamento dei rivelatori possono essere modificati ed adeguati alle condizioni ambientali intervenendo tramite la centrale di controllo. I rivelatori si collegano alla centrale di rivelazione per mezzo di un Pag.: 15 di 24

16 conduttore a 2 poli twistato e schermato, su tale conduttore viene trasferita sia l'alimentazione per i vari dispositivi che la comunicazione digitale bidirezionale. Ciascun rivelatore è dotato di un isolatore di corto circuito che, nel caso di corto circuito tra i due conduttori di connessione con la centrale (loop), è in grado di interrompere il polo negativo isolando la sezione di cavo dove si è verificato il corto. Per le caratteristiche tecniche dell isolatore, consultare il documento ILP Specification. Ogni dispositivo è individuato tramite un etichetta che riporta il numero seriale univoco. I rivelatori sono certificati secondo le seguenti norme: EN54-7: Rivelatori di fumo - Rilevatori puntiformi funzionanti secondo il principio della diffusione della luce, della trasmissione della luce o della ionizzazione (per i soli modelli RFM20 e RFT20); EN54-5: Rivelatori di Calore - rivelatori puntiformi (per i soli modelli STV20 e RFT20); EN54-17: Isolatori di corto circuito Descrizione del sistema IG-01 Il Sistema IG (IG 01), per la protezione delle aree a rischio d incendio, utilizza, quale estinguente, il gas inerte ARGON, con la tecnica della saturazione totale TOTAL FLOODING. L argon è un prodotto puro e naturale, è un gas presente nell aria che quando viene a contatto con le fiamme non ha nessun tipo di reazione, con assenza di prodotti di decomposizione dannosi o corrosivi, ritornando, successivamente, nel ciclo naturale dell atmosfera senza danneggiare l ambiente. L argon non danneggia i materiali più delicati, è pulito, efficace e privo di impatto ambientale (GWP = nullo) e con nessun effetto di depauperamento dell ozono (ODP = zero). L argon è dielettrico ( N2 = 1.0 Ar = 1.01 ), non sporca, non inquina, non danneggia ed assicura una protezione sicura ed efficace ai beni protetti ed alle persone, consentendo un ottima visibilità durante la scarica, in assenza di shock termici, senza stratificazione e con la concentrazione di spegnimento mantenuta per lungo tempo nell area protetta. Il Sistema IG è costituito essenzialmente da una o più batterie di bombole estruse per alta pressione, lt. 140 pressione di lavoro 300 bar pressione di collaudo 450 bar, complete di valvola di scarica rapida con manometro, comando a solenoide e pneumatico, per le bombole pilota, manichetta flessibile di scarica con valvola di non ritorno e serpentine pneumatiche per il collegamento delle bombole IG pilotate. I gruppi bombole sono composti da bombole aventi capacità di 140 litri e sono caricate con argon a 300 bar a 15 C. Le bombole utilizzate nel Sistema IG sono soggette a ricollaudo decennale. La pressione iniziale di stoccaggio viene ridotta, dopo il collettore di raccolta, da 300 bar a bar, con l impiego di orifizi calibrati, opportunamente progettati con il calcolo computerizzato, consentendo di poter utilizzare le tubazioni degli impianti ad halon e CO2 esistenti, risparmiando, così, sui costi di installazione per la riconversione. L alta pressione consente di collocare le bombole a grande distanza e l utilizzo di valvole direzionali garantisce flessibilità e convenienza nella protezione. L IG è diffuso nell ambiente tramite un collettore di raccolta gas in tubi API 5L Gr B XXS zincato e raccordi ANSI 6000 zincato, utilizzando un orifizio calibrato che riduce la pressione, una rete di distribuzione realizzata in tubo zincato per alta pressione in tubi API 5L Gr B SCH40 zincato e raccordi ANSI 3000 zincato e appositi ugelli, opportunamente calibrati e progettati con un software computerizzato. Il Sistema IG è studiato per poter essere utilizzato in aree normalmente occupate da personale durante la scarica del gas che avviene nell ambiente in 1 minuto circa. L eventuale soprappressione che può determinarsi dopo la scarica dell estinguente viene attenuata con l utilizzo di una o più serrande di sovrappressione, in accordo con gli standards NFPA 12A table (ed. 1998), ed ISO determinate dal calcolo computerizzato. Le serrande sono dotate di molle pre tarate, che consentono l'evacuazione della sovrappressione in eccesso, trattenendo invece la pressione calcolata, per garantire la saturazione ambientale per almeno 10 minuti dopo la scarica Utilizzo IG-01 L argon (IG 01) è approvato per l uso in: INCENDI DI CLASSE A: legno, stoffa, carta, gomma, ecc. INCENDI DI CLASSE B: liquidi infiammabili, olii, lubrificanti, vernici, ecc. INCENDI DI CLASSE C: apparecchiature elettriche sotto tensione Standard IG-01 Il Sistema ad argon (IG 01) è stato testato, approvato, listato, normato e/o standardizzato dai seguenti Enti : ISO NFPA 2001 National Fire Protection Association (sigla IG 01) ISO/DIS/ International Standard Organization ( sigla IG 01) EPA SNAP Program Significant New Alternative Policy LPCB Loss Prevention Council Board (Test) Calcolo computerizzato. Validazione del Software di calcolo. Pag.: 16 di 24

17 8.4 Datacenter Milano n 2 Via Caldera Sorveglianza elettronica contro l'intrusione, l'incendio e anomalie ambientali critiche, con segnalazione via radio e intervento in sede da parte di istituto di polizia privata autorizzato. Sistema ridondante di controllo del clima delle sale macchine con allarmi locali e remoti (teleallarmi su istituto di vigilanza) su valori critici. Sistema di alimentazione ridondante su doppia rete di distribuzione a norme EIE-CE, per ogni fila di armadi con prese e spine di sicurezza antistrappo e antifuoco. Impianto di sicurezza dell'alimentazione, mediante impianto di terra certificato conforme L.626 e separazione galvanica delle sorgenti. Sistema di commutazione statica della sorgente duale di alimentazione, per ogni armadio a servizio delle apparecchiature non dotate di alimentatori ridondanti. condizionamento statico dell'alimentazione per ogni modulo, tramite Gruppi di continuità statici on line, 2 x 200 KVA, con riferimento di frequenza PLL. gruppo elettrogeno diesel ad alta autonomia, con capacità di 550KVA, avvio automatico e cicli di diagnostica bisettimanale automatici. 8.5 Sicurezza Fisica Accesso ai locali L'accesso al Datacenter è riservato esclusivamente ai dipendenti della società Seeweb ed a personale terzo per l'espletamento di attività di datacenter, opportunamente autorizzato. Non è consentito l'accesso al pubblico o ai clienti, in modo autonomo, presso tale infrastruttura. L'accesso al Datacenter è condizionato all'accesso alla sede Seeweb, per il tramite di apposita Chiave Meccanica, ovvero di Badge/Secret di riconoscimento ; inoltre, l'accesso all'area di Datacenter, è ulteriormente subordinato ad autorizzazione, a mezzo di SmartCard/Secret, in possesso del solo personale autorizzato alle attività di Datacenter. Tutti gli accessi sono sottoposti a logging su sistema informatico; eventuali terzi, che accedano unicamente accompagnati da personale interno, vengono registrati previo accertamento dell'identità e verifica della motivazione/autorizzazione all'accesso. Ogni autorizzazione concessa è valida per un solo periodo di accesso che non ecceda la giornata lavorativa senza necessità di revoca Sorveglianza dei locali E' stata assicurata la sorveglianza dei locali 365/7/24 con personale proprio o esterno autorizzato o con sistemi di monitoraggio remotizzato. Esiste una videosorveglianza perimetrale esterna a mezzo telecamere con registrazione e ritenzione a norma di legge e con rilevazione dei movimenti in aree critiche e conseguente attivazione di circuito di allarme. La videosorveglianza con registrazione e ritenzione è presente anche all'interno dei locali operativi e tecnici del Datacenter Rilevamento intrusioni E' stato realizzato un sistema di rilevazione delle intrusioni e monitoraggio degli accessi, sia sui varchi, sia di tipo volumetrico, per tutti i locali della sede e del Datacenter, con segnalazione locale di tipo ottico/acustico e remota a mezzo radio-allarme verso istituto di polizia privata Condizionamento dei locali Il sistema di condizionamento provvede alla filtrazione dell aria, alla ventilazione interna e al raffreddamento, garantendo quindi la giusta temperatura ed il sufficiente ricambio d aria. L impianto di condizionamento è ridondato secondo un'architettura completamente protetta, di tipo 2+1, estesa ai gruppi refrigeranti ad acqua, ai condensatori esterni e alle Unità di Trattamento Aria (UTA) presenti nel Datacenter. Il sistema non protetto presenta un sovradimensionamento del 20% rispetto alla capacità massima del Datacenter. In caso di avaria totale è stato previsto un sistema di lavaggio dell'aria tramite immissione/espulsione dell'aria esterna (free cooling) ad azionamento manuale. I parametri di esercizio sono costantemente misurati in passi da 5 minuti con allarmi locali e remoti, al superamento di valori critici, con teleallarmi su istituto di vigilanza. L impianto garantisce i seguenti parametri ambientali standard: Pag.: 17 di 24

18 T ( C) Umidità assoluta 25 g/m 3 Umidità assoluta 20 g/m Umidità assoluta 1,5 g/m 3 Umidità assoluta 1 g/m Umidità relativa (%) 0 Cond. di funz. eccezionali Cond. di funz. normali Limiti della distribuzione del 90% Continuità dell'alimentazione Il Sistema di alimentazione è completamente ridondante, su doppia linea a norme EIE-CE, per ogni fila di armadi, con prese e spine di sicurezza antistrappo e antifuoco. Ogni armadio contiene le apparecchiature e riceve l'alimentazione da due diverse linee. Esiste un sistema di commutazione statica, della sorgente di alimentazione, per ogni armadio a servizio delle apparecchiature non dotate di doppia alimentazione. Condizionamento statico dell'alimentazione, per il tramite di 2 Gruppi di continuità statici on line 2 x 200 KVA (Chloride) per l'idc di Milano. Un gruppo elettrogeno diesel, ad alta autonomia, rispettivamente con capacità di 550KVA, avvio automatico e cicli di diagnostica bisettimanale automatici, per il Datacenter di Milano. Impianto di sicurezza dell'alimentazione mediante impianto di terra certificato conforme al D.Lgs 626/ Impianto di rilevazione e spegnimento incendi Perché è stato scelto VESDA Quando rivelare tempestivamente l insorgere di un incendio significa evitare ingenti danni, tempi lunghi di inattività e costi elevati di ripristino o evacuazione sicura delle persone, allora il sistema di rivelazione fumi ad aspirazione VESDA è la soluzione irrinunciabile. Il principio di funzionamento si basa infatti sull aspirazione continua dell aria prelevata dall ambiente attraverso un aspiratore ad alta efficienza e convogliata, tramite una rete di tubazioni, alla camera di analisi. Il campione d aria, una volta filtrato dalle impurità più grossolane, viene esposto ad un fascio di luce laser. In presenza di fumo, la luce si diffonde all interno della camera di analisi e viene immediatamente identificata da un sistema di ricezione estremamente sensibile. Il sensore elabora e visualizza su un display il segnale ricevuto ed attiva tempestivamente i sistemi di allarme incendio o i sistemi di gestione installati negli edifici. Con centinaia di migliaia di installazioni in tutto il mondo, il sistema VESDA è diventato sinonimo di eccellenza nel settore della rilevazione tempestiva degli incendi e rappresenta l unica scelta quando qualità e rapidità di risposta sono fondamentali. Continuità operativa. Segnalazione tempestiva dei possibili rischi d incendio per gestire con ampio anticipo le modalità di intervento, riducendo i tempi di inattività e garantendo la continuità operativa. Rivelazione con ventilazione elevata. L elevata sensibilità dei sistemi di aspirazione garantisce una risposta immediata anche in presenza di sistemi di ventilazione o di elevati volumi d aria, che ne diluiscono i fumi. Manutenzione rapida ed efficiente. Se la zona di installazione dei dispositivi di rivelazione risulta difficoltosa, il sistema ad aspirazione garantisce una manutenzione efficace. Rilevazione discreta. Flessibilità di installazione della rete di tubazioni per adattarsi al meglio alle caratteristiche dell ambiente, rispettandone l estetica. Evacuazione sicura del pubblico. Segnalazione tempestiva del principio d incendio per consentire di pianificare in tempo utile l evacuazione sicura dell edificio. Pag.: 18 di 24

19 Condizioni ambientali critiche. In situazioni di contaminazione dell aria o temperature estreme, la rivelazione fumi è garantita in quanto l aria può essere preventivamente filtrata, riscaldata o raffreddata prima di raggiungere il rilevatore Descrizione del sistema IG-01 Il Sistema IG (IG 01), per la protezione delle aree a rischio d incendio, utilizza, quale estinguente, il gas inerte ARGON, con la tecnica della saturazione totale TOTAL FLOODING. L argon è un prodotto puro e naturale, è un gas presente nell aria che quando viene a contatto con le fiamme non ha nessun tipo di reazione, con assenza di prodotti di decomposizione dannosi o corrosivi, ritornando, successivamente, nel ciclo naturale dell atmosfera senza danneggiare l ambiente. L argon non danneggia i materiali più delicati, è pulito, efficace e privo di impatto ambientale (GWP = nullo) e con nessun effetto di depauperamento dell ozono (ODP = zero). L argon è dielettrico ( N2 = 1.0 Ar = 1.01 ), non sporca, non inquina, non danneggia ed assicura una protezione sicura ed efficace ai beni protetti ed alle persone, consentendo un ottima visibilità durante la scarica, in assenza di shock termici, senza stratificazione e con la concentrazione di spegnimento mantenuta per lungo tempo nell area protetta. Il Sistema IG è costituito essenzialmente da una o più batterie di bombole estruse per alta pressione, lt. 140 pressione di lavoro 300 bar pressione di collaudo 450 bar, complete di valvola di scarica rapida con manometro, comando a solenoide e pneumatico, per le bombole pilota, manichetta flessibile di scarica con valvola di non ritorno e serpentine pneumatiche per il collegamento delle bombole IG pilotate. I gruppi bombole sono composti da bombole aventi capacità di 140 litri e sono caricate con argon a 300 bar a 15 C. Le bombole utilizzate nel Sistema IG sono soggette a ricollaudo decennale. La pressione iniziale di stoccaggio viene ridotta, dopo il collettore di raccolta, da 300 bar a bar, con l impiego di orifizi calibrati, opportunamente progettati con il calcolo computerizzato, consentendo di poter utilizzare le tubazioni degli impianti ad halon e CO2 esistenti, risparmiando, così, sui costi di installazione per la riconversione. L alta pressione consente di collocare le bombole a grande distanza e l utilizzo di valvole direzionali garantisce flessibilità e convenienza nella protezione. L IG è diffuso nell ambiente tramite un collettore di raccolta gas in tubi API 5L Gr B XXS zincato e raccordi ANSI 6000 zincato, utilizzando un orifizio calibrato che riduce la pressione, una rete di distribuzione realizzata in tubo zincato per alta pressione in tubi API 5L Gr B SCH40 zincato e raccordi ANSI 3000 zincato e appositi ugelli, opportunamente calibrati e progettati con un software computerizzato. Il Sistema IG è studiato per poter essere utilizzato in aree normalmente occupate da personale durante la scarica del gas che avviene nell ambiente in 1 minuto circa. L eventuale sovrapressione che può determinarsi dopo la scarica dell estinguente viene attenuata con l utilizzo di una o più serrande di sovrappressione, in accordo con gli standards NFPA 12A table (ed. 1998), ed ISO determinate dal calcolo computerizzato. Le serrande sono dotate di molle pre tarate, che consentono l'evacuazione della sovrappressione in eccesso, trattenendo invece la pressione calcolata, per garantire la saturazione ambientale per almeno 10 minuti dopo la scarica Utilizzo IG 01 L argon (IG 01) è approvato per l uso in: INCENDI DI CLASSE A: legno, stoffa, carta, gomma, ecc. INCENDI DI CLASSE B: liquidi infiammabili, olii, lubrificanti, vernici, ecc. INCENDI DI CLASSE C: apparecchiature elettriche sotto tensione Standard IG 01 Il Sistema ad argon (IG 01) è stato testato, approvato, listato, normato e/o standardizzato dai seguenti Enti : ISO NFPA 2001 National Fire Protection Association (sigla IG 01) ISO/DIS/ International Standard Organization ( sigla IG 01) EPA SNAP Program Significant New Alternative Policy LPCB Loss Prevention Council Board (Test) Calcolo computerizzato. Validazione del Software di calcolo. 9. INTEGRAZIONE DLGS 196/2003- AMMINISTRATORI DI SISTEMA Integrazione Dlgs 196/2003 Amministratori di Sistema, Determina del Garante per la Protezione Dei Dati Personali, 27 Novembre 2008 (G.U. N. 300 Del 24 Dicembre 2008). 9.1 Individuazione e ruolo degli amministratori di sistema Pag.: 19 di 24

20 E' stata predisposta una specifica procedura di compliance per quanto richiesto dal Dlgs 196/2003 circa l'individuazione del ruolo, delle competenze e delle responsabilità degli amministratori di sistema. Tale procedura è stata integrata attraverso le indicazioni della determina del Garante per la protezione dei dati personali del 27 novembre 2008 (G.U. n. 300 del 24 dicembre 2008), attraverso la predisposizione di opportuni accorgimenti di tracciamento delle attività svolte, e l'individuazione delle opportune figure professionali abilitate all'esecuzione delle attività di amministrazione dei sistemi, nel rispetto delle linee guida proposte dall'autorità Garante. 9.2 Amministratori di Sistema ed Equiparabili Esiste la figura dell'amministratore di sistema, prevista in DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza) e nominata tramite apposito incarico, che ne fissa anche l'ambito di attività. A seguito delle specifiche attività, svolte dalla nostra azienda, è stato necessario che una serie ulteriore di soggetti svolgano attività informatiche, specifiche sui sistemi informatici, acquisendo dei privilegi elevati (propri dell'amministratore di sistema per uno specifico sistema e per una specifica attività). E' pertanto previsto che personale di mansione tecnica, sia di assistenza, sia di supporto specialistico, possa accedere, in aggiunta agli amministratori di sistema designati, a particolari sistemi, tipicamente quelli che presiedono all'erogazione dei servizi ai clienti, per effettuare operazioni sistemistiche che richiedono privilegi elevati. Tutto il personale tecnico è soggetto a specifico incarico di trattamento formalizzato, con dettaglio della tassonomia (disciplina della classificazione) dei dati e delle operazioni, nonché soggetto alle consuete attività di formazione, sia di ordine generale e normativo, sia di ordine specifico sulle attività proprie della mansione e sulle derivanti responsabilità. Anche il personale, non in pianta organica, ma comunque con rapporti di lavoro non occasionali (Stage, Tirocini ecc); saranno, comunque, regolarmente censiti ed incaricati in tal senso con specifico documento. 9.3 Accesso ai Sistemi con Privilegi Elevati All occorrenza, l operatore abilitato ad effettuare accessi ai sistemi, temporaneamente con privilegi elevati, lancia uno specifico programma, che fornisce all operatore stesso diritti di amministrazione temporanei. L accesso in modalità privilegiata viene registrato e conservato per eventuali verifiche di congruità. In aggiunta, l attività dell amministratore di sistema, ovvero le attività di accesso a privilegi elevati equiparabili, viene registrata su un log server specifico, le cui credenziali di accesso sono in possesso del Titolare e del Responsabile del trattamento di Seeweb. 9.4 Sistemi oggetto degli accessi di Amministrazione E' stato individuato un elenco di sistemi, denominati critici, ai quali sono demandati l'elaborazione o la memorizzazione di particolari dati, oggetto del censimento di cui al DPS. Per tali sistemi è stato previsto un ulteriore livello di log, su sistemi esterni a quelli individuati, che godano di ragionevoli proprietà di persistenza e confidenza. L'accesso a tale sistema di collezione è di norma sottratto agli amministratori, i quali potranno agire a seguito di autorizzazione del Titolare, ovvero del responsabile e solo per il tempo necessario allo specifico incarico. I dati verranno inoltre prelevati periodicamente e trasferiti su supporto fisico persistente e non modificabile (cdrom). L accesso ai sistemi che gestiscono le infrastrutture dei clienti, è mediato da un sistema di logging aggiuntivo, presente sulla macchina RAH.SEEWEB.IT, dalla quale vengono originate tutte le connessioni amministrative e che memorizza ogni accesso verso l esterno, indicando il tecnico, data, ora e nome del sistema remoto. Tipicamente, le connessioni avvengono attraverso un sistema di certificati a chiave asimmetrica precondivisa e senza la necessità di conoscere le reali credenziali di accesso (username e password). Pag.: 20 di 24

OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO.

OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO. I.A.C.P. LECCE Galleria Piazza Mazzini COMUNE DI LECCE OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO. RELAZIONE

Dettagli

ALLEGATO A... 12. Indice 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELLE OPERE... 5 4. CRITERI DI CALCOLO... 9.

ALLEGATO A... 12. Indice 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELLE OPERE... 5 4. CRITERI DI CALCOLO... 9. Indice 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELLE OPERE... 5 4. CRITERI DI CALCOLO... 9 ALLEGATO A... 12 1 1. INTRODUZIONE La presente relazione è stata redatta alla scopo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0 CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0 1) Scopo del documento 1.1 Obiettivo del Service Level Agreement (d ora in poi SLA ) è di definire le regole sull'erogazione dei servizi

Dettagli

10. 11. SISTEMI DI SPEGNIMENTO INCENDI A GAS INERTE - GAS CHIMICI GAS CO2 - NOVEC 123O

10. 11. SISTEMI DI SPEGNIMENTO INCENDI A GAS INERTE - GAS CHIMICI GAS CO2 - NOVEC 123O 1. Bombola 2. Valvola ad apertura rapida 3. Bombola pilota con attuatore man/elett. 4. Collettore 5. Ugelli 6. Rilevatori 7. Centrale di rivelazione 8. Pulsante elettro/manuale 9. Allarme ottico acustico

Dettagli

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977.

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. L Azienda È una azienda specializzata nella vendita e assistenza di hardware, software e servizi informatici composta da un organico di circa settanta

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello SEMINARIO TECNICO Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14 Ing. Sergio Sanfratello Scopo e campo di applicazione La presente Norma descrive

Dettagli

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Allegato 1 alle Modalità presentazione domanda partecipazione Gara procedura ristretta n. 1/2010 (servizio disaster recovery) Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Il presente allegato elenca

Dettagli

Tabella Informativa NFPA 2001. Caratteristiche Composizione chimica Azoto 50%+ Argon 50% purezza 99,99%

Tabella Informativa NFPA 2001. Caratteristiche Composizione chimica Azoto 50%+ Argon 50% purezza 99,99% Sistemi di spegnimento EN 500 con gas inerte ecologico 00%. 300 bar! IT IS OZONE FRIENDLY L'estinguente per lo spegnimento a " saturazione totale " utilizza una miscela di gas presenti nell'atmosfera,

Dettagli

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo Introduzione Per ogni euro speso per alimentare il proprio data center possiamo dire che ci sia una buona percentuale spesa per raffreddarlo,

Dettagli

GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014. Un software a supporto

GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014. Un software a supporto GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014 Un software a supporto Novembre 2014 Governance, risk & compliance Una gestione integrata ed efficiente della GRC Deleghe & poteri Impostazione e monitoraggio

Dettagli

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Povo2 Nuovo Datacenter d Ateneo Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Tutti i sistemi presenti nell attuale sala macchine di Povo 0 verranno traslocati nel nuovo datacenter unico d Ateneo realizzato

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

Dettagli

SMS Supervisor Management System

SMS Supervisor Management System www.brccompressors.it www.brcfuelmaker.it SMS Supervisor Management System SMS: Sistema di Supervisione e Controllo degli impianti di erogazione metano. Totalmente ingegnerizzato da Dresser Wayne, il sistema

Dettagli

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 Aggiornamenti sulla normativa e casi pratici

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

Soluzione con Novec 1230

Soluzione con Novec 1230 Soluzione con Novec 1230 CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI SPEGNIMENTO A GAS NOVEC 1230 Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM 1230 Introduzione Il Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM

Dettagli

IL DATA CENTER NEUTRALE PIÙ GRANDE DEL TICINO. Centro Galleria 2 6928 Manno Svizzera www.bancadati.ch info@bancadati.ch

IL DATA CENTER NEUTRALE PIÙ GRANDE DEL TICINO. Centro Galleria 2 6928 Manno Svizzera www.bancadati.ch info@bancadati.ch IL DATA CENTER NEUTRALE PIÙ GRANDE DEL TICINO Centro Galleria 2 6928 Manno Svizzera www.bancadati.ch info@bancadati.ch Servizi Housing Colocation Cage dedicato Private Data Center Suite Disaster Recovery

Dettagli

Il futuro del web hosting passa per il cloud computing

Il futuro del web hosting passa per il cloud computing Il futuro del web hosting passa per il cloud computing continuos on demand scalability Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. GMFE Soiel Village - Bologna, 24 Aprile 2009 Un utile premessa..

Dettagli

Guida rapida alla selezione Periferiche LSN per sistemi di rivelazione incendio

Guida rapida alla selezione Periferiche LSN per sistemi di rivelazione incendio Local SecurityNetwork Cablaggio semplice di autoconfigurazione (modalità di apprendimento automatico) Programmazione di tutte le configurazioni del dispositivo dalla centrale Struttura di rete flessibile

Dettagli

Sistemi a soppressione a gas

Sistemi a soppressione a gas Sistemi a soppressione a gas Total Solutions 02 / 10 / Paolo Rossi, Fire Proposal Engineer Ivan Mazzoni, Fire & Security Sales Manager Tyco. All Rights Reserved. Agenda introduzione i sistemi a soppressione

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

Scheda Informativa. Verizon Internet Colocation

Scheda Informativa. Verizon Internet Colocation Scheda Informativa Verizon Internet Colocation Verizon Internet Colocation 1.1 Informazioni generali sul Servizio Verizon Internet Colocation è un servizio progettato per le aziende che utilizzano applicazioni

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti MONOSTADIO monostadio a basse emissioni inquinanti Bruciatori di gasolio monostadio a basse emissioni di NOx (< 90 mg/kwh) e sonore (< 60 dba). Sono dotati di corpo in alluminio, struttura con un sistema

Dettagli

Our Business Your Continuity

Our Business Your Continuity Our Business Your Continuity Slide tecniche Business Factory I.NET Perché una Business Factory L informazione è il fulcro dell incremento di produttività Alan Greenspan Le attuali necessità di lavoro per

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI ANTINCENDIO I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI GESTIONE COMPUTERIZZATA ATTREZZATURA ANTINCENDIO Esclusivo software gestionale per l elaborazione dei dati analitici, riferimenti UNI e scadenze operative

Dettagli

Cer001 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'IMMOBILE DI VIA CARDUCCI, 6 NEL COMUNE DI TRIESTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE

Cer001 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'IMMOBILE DI VIA CARDUCCI, 6 NEL COMUNE DI TRIESTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE STAZIONE APPALTANTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale, lavori pubblici, edilizia Servizio lavori pubblici Via Giulia, 75/1-34126

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici.

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. Mario Mignacca Fire Engineering Manager impianti di spegnimento incendi 0 Estinzione incendi 150 anni fa. 1 Estinzione incendi

Dettagli

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio -

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - 18 Novembre 2014 1 Seminario Criteri di scelta tecnico dei Rivelazione rilevatori Incendio - Spunto di riflessione nella

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA RAGIONE SOCIALE O TIMBRO DELL AZIENDA : Responsabile della gestione del registro : DI ISTITUZIONE DEL REGISTRO: REV. REDAZIONE DESCRIZIONE

Dettagli

Efficient IT : migliorare l'affidabilità e la disponibilità in strutture di data center.

Efficient IT : migliorare l'affidabilità e la disponibilità in strutture di data center. efficient green Efficient IT : migliorare l'affidabilità e la disponibilità in strutture di data center. Iniziative tecnologiche che supportano sempre e ovunque una maggiore efficienza amministrativa,

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi S Gas t gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 61

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi S Gas t gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 61 Gas firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 61 NOVEC 1230 [ Ultima generazione dei nostri sistemi di spegnimento chimici Tecnologia sostenibile a lungo termine

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio Energetico negli Edifici di Proprietà e Competenza Provinciale Periodo 2009-2014 ALLEGATO A6

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio Energetico negli Edifici di Proprietà e Competenza Provinciale Periodo 2009-2014 ALLEGATO A6 ALLEGATO A6 Sistema di Telecontrollo Il sistema informatico, di proprietà ed in dotazione all Amministrazione, per la gestione degli impianti termici è il modello STR3000, prodotto da Teckna S.r.l., con

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

Impianti di trattamento dei refrigeranti HC

Impianti di trattamento dei refrigeranti HC Impianti di trattamento dei refrigeranti HC Considerazioni generali sugli Idrocarburi L'interesse e l'applicazione per i refrigeranti idrocarburi (HC) sta crescendo sempre più, soprattutto adesso che l'impatto

Dettagli

Rivelazione fumo ad aspirazione ASD 535

Rivelazione fumo ad aspirazione ASD 535 Rivelazione fumo ad aspirazione ASD 535 Presentazione Caratteristiche di rivelazione Sensibilità dei vari rivelatori di incendio SecuriSens SecuriSens Rivelatore termico lineare e a termosensori Rivelatore

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari FORUM di PREVENZIONE INCENDI - Milano, 19 ottobre 2010 - Andrea Natale 0 Il contesto normativo internazionale

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Andrea Natale Roma, 16 giugno 2010 0 Il contesto normativo internazionale CEI (Italia) UNI (Italia) CENELEC

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

DATA CENTER. L innovazione passa di qui. E attraversa l Italia.

DATA CENTER. L innovazione passa di qui. E attraversa l Italia. DATA CENTER L innovazione passa di qui. E attraversa l Italia. 1 2 InfoCamere gestisce il patrimonio informativo delle Camere di Commercio italiane attraverso un unico Data Center situato a Padova, collegando

Dettagli

AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi

AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi Autronica Fire and Security AS COLLAUDATO, AFFIDABILE ED INNOVATIVO AUTROSAFE 4 - la nuova generazione di sistemi di rivelazione

Dettagli

Sommario. Direzione SISTI. Gestione Sistemi. Pagina 1 di 14

Sommario. Direzione SISTI. Gestione Sistemi. Pagina 1 di 14 Sommario 1 Logistica... 2 1.1 Controllo accesso e Videosorveglianza... 2 1.2 Sistema antincendio... 3 1.3 Sistema antiallagamento... 5 1.4 Condizionamento... 6 1.5 Alimentazione elettrica... 10 1.5.1 Gruppo

Dettagli

Antincendio. SpA. www.airfire.it info@airfire.it

Antincendio. SpA. www.airfire.it info@airfire.it Antincendio SpA www.airfire.it info@airfire.it Antincendio SpA Presentazione aziendale La società AIR FIRE fondata Armando Evangelisti nei primi anni 70 opera con crescente successo e con continui riconoscimenti,

Dettagli

Victaulic Vortex. L ultima generazione dei sistemi di spegnimento. Simona Santoro - Victaulic

Victaulic Vortex. L ultima generazione dei sistemi di spegnimento. Simona Santoro - Victaulic Victaulic Vortex L ultima generazione dei sistemi di spegnimento Simona Santoro - Victaulic Victaulic Corporate History Dal 1925 Filosofia incentrata sulla continua innovazione e sulla ricerca Gruppo orientato

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE >SISTEMA WIRELESS STAND ALONE 126 SISTEMI DI SPEGNIMENTO AI TRU SIONE FI CEN DIO >128 UNITÀ CENTRALE >129 >130 RILEVATORI >132 ATTUATORI CENTRI ASSISTENZA TECNICA ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE COMUNICATORI

Dettagli

Protection, safety, reliability. And more.

Protection, safety, reliability. And more. Blowing in Faster. Protection, safety, reliability. And more. ULTRA -LOW F REEZER Ultracongelatori verticali e orizzontali S La nuova frontiera del freddo ü l'ingombro minimo della categoria: solo 0,7

Dettagli

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di CONVEGNO ZENITAL FORUM ANTINCENDIO 2011 Milano, 26 ottobre 2011 Ing. Maurizio D Addato Si riportano le principali: Norme EN54 PUBBLICATE ED ARMONIZZATE UNI EN 54 1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione

Dettagli

Il presente documento ha lo scopo di illustrare le caratteristiche infrastrutturali dell IDC IT Telecom di Torino.

Il presente documento ha lo scopo di illustrare le caratteristiche infrastrutturali dell IDC IT Telecom di Torino. DATA CENTER - TORINO 1 Obiettivo Il presente documento ha lo scopo di illustrare le caratteristiche infrastrutturali dell IDC IT Telecom di Torino. 2 Caratteristiche logistiche 2.1 Ubicazione Il Data Center

Dettagli

Sistemi Rilevazione Incendio

Sistemi Rilevazione Incendio stemi Rilevazione Incendio stemi antincendio convenzionali - pag. 32 stemi antincendio analogici indirizzati - pag. 36 Organi di segnalazione - pag. 41 Rilevatore termico lineare - pag. 43 stemi ad aspirazione

Dettagli

SINERGIA DI GRUPPO 2

SINERGIA DI GRUPPO 2 Water Mist 1 SINERGIA DI GRUPPO 2 La Società del Gruppo che si occupa della ricerca e dello sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie antincendio per: A R C H I V I E M A G A Z Z I N I A L B E R G H I ED

Dettagli

Gli effetti sembravano quelli di

Gli effetti sembravano quelli di Esplosione in archivio: anomalia nella progettazione di un sistema di spegnimento Michele Maria La Veglia L abstract Nell articolo viene illustrato un evento davvero insolito accaduto in un archivio storico

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi. Parte 2ª

SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi. Parte 2ª SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi Parte 2ª Lo sviluppo del progetto La realizzazione del sistema Aldo Mangione Entriamo nel dettaglio di un progetto

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA. DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009

GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA. DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009 GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009 SULL APPROVAZIONE DELLA LISTA DI PRODOTTI SOGGETTI A CERTIFICAZIONE OBBLIGATORIA IN CONFORMITA AL REGOLAMENTO TECNICO IN MATERIA DI SICUREZZA

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 1 Sala AVIS Cremona - 27

Dettagli

Piattaforme tecnologiche per l e-learning

Piattaforme tecnologiche per l e-learning Piattaforme tecnologiche per l e-learning sul valore del compromesso Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Forum Formazione Somedia - Milano, 7 Novembre 2007 Un utile premessa.. sul successo

Dettagli

SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO per GALLERIE con MONITORI TELECOMANDATI DISTRIBUITI

SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO per GALLERIE con MONITORI TELECOMANDATI DISTRIBUITI SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO per GALLERIE con MONITORI TELECOMANDATI DISTRIBUITI Generalità Innovativo sistema di spegnimento incendi in galleria in grado di operare sia in maniera totalmente automatica

Dettagli

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica Pag.1 Alimentazioni di sicurezza Definizioni e classificazione Per alimentazione dei servizi di sicurezza, più brevemente alimentazione di sicurezza, si intende l'alimentazione che ha lo scopo di garantire

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE Pag.1 Le tipologie impiantistiche in cui Elettro Light è in grado di garantire un eccellente know-how e altissimi livelli di performance possono essere sintetizzate come segue: SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO

FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO CENTRALE TERMOELETTRICA DI MONCALIERI FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO Allegato A112 Specifica tecnica sistema di monitoraggio emissioni INDICE 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA...

Dettagli

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI TABELLA 2 CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI ORGANIZZAZIONE: SITO DELLA CENTRALE DATA DELL AUDIT TIPO DI AUDIT VERIFICA VALUTATIVA FASE 2 VERIFICA SORVEGLIANZA 1 VERIFICA SORVEGLIANZA

Dettagli

UNI 9795 GENNAIO 2010

UNI 9795 GENNAIO 2010 UNI 9795 GENNAIO 2010 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2) RIFERIMENTI NORMATIVI 3) TERMINI E DEFINIZIONI 4) CARATTERISTICHE DEI SISTEMI 5) PROGETTAZIONE E INSTALLAZIONE SISTEMI AUTOMATICI 6) PROGETTAZIONE

Dettagli

ADQ. Essiccatori a refrigerazione ADQ 21-5040

ADQ. Essiccatori a refrigerazione ADQ 21-5040 ADQ Essiccatori a refrigerazione ADQ 21-5040 Alup Driven by technology. Designed by experience. ALUP Kompressoren vanta oltre 90 anni di esperienza in campo industriale. La nostra ambizione è offrire soluzioni

Dettagli

Bettati antincendio srl. Forum di prevenzione incendi

Bettati antincendio srl. Forum di prevenzione incendi SISTEMI WATERMIST: LE POTENZIALITA DELLA BASSA PRESSIONE Bettati antincendio srl Forum di prevenzione incendi Sala C - 02/10/2014 Ore 12.35 Agenda 1. INTRODUZIONE a) Le aziende del gruppo Bettati holding

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La norma UNI 9994-1, in vigore dal 20 Giugno 2013, sostituisce la UNI 9994 del 2003. Essa

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 1 di 5 Impianto di produzione e distribuzione Acqua alta Qualità FONTANELLO ACQUA CR-ISTAL MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 2 di 5 1. INTRODUZIONE

Dettagli

N 111 del 30/05/2016 Registro Generale N 825 del 30/05/2016. OGGETTO: Manutenzione e ricarica estintori Affidamento incarico AC0400ACIG ZEC1A12C75

N 111 del 30/05/2016 Registro Generale N 825 del 30/05/2016. OGGETTO: Manutenzione e ricarica estintori Affidamento incarico AC0400ACIG ZEC1A12C75 COPIA CITTA DI GALATONE Provincia di Lecce 5 Settore: Lavori Pubblici - Manutenzione - Gara - Contratti D E T E R M I N A Z I O N E DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N 111 del 30/05/2016 Registro Generale

Dettagli

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI franco zecchini (iosolo35) UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI 17 February 2015 In questo articolo tratterò un tema molto importante e tante volte preso, da parte di progettisti ed installatori un po sottogamba,

Dettagli

LA MIGRAZIONE IN SEMPLICI STEP. Il moving di una macchina Linux sul Cloud Server Seeweb

LA MIGRAZIONE IN SEMPLICI STEP. Il moving di una macchina Linux sul Cloud Server Seeweb LA MIGRAZIONE IN SEMPLICI STEP Il moving di una macchina Linux sul Cloud Server Seeweb La migrazione in semplici step [ 1 ] Indice 1. Perché cambiare provider 2. La migrazione in pillole 3. Come cambiare

Dettagli

Elementi per la stesura del Documento Programmatico sulla Sicurezza 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009

Elementi per la stesura del Documento Programmatico sulla Sicurezza 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009 Premessa Le informazioni di seguito riportate sono riferite a tutto ciò che attiene (dal punto di vista logistico, organizzativo

Dettagli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO DELLA TAVOLA: TAVOLA N RELAZIONE GENERALE

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

POMEZIA 1 ospita 10 sale sistemi (8 di produzione e 2 TLC) per complessivi 1992 mq.

POMEZIA 1 ospita 10 sale sistemi (8 di produzione e 2 TLC) per complessivi 1992 mq. I Data Center Telecom Italia di Pomezia Il Data Center utilizzato per l erogazione dei servizi di Hosting ed Housing nell ambito del contratto SPC è situato a Pomezia, alle porte di Roma, nella zona industriale,

Dettagli

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER OTTIMO controllo della temperatura, anche con carichi critici, indipendentemente dalle condizioni ambientali bassi consumi di ENERGIA alimentazione

Dettagli

Strutture alberghiere (Prescrizioni Particolari e Verifiche)

Strutture alberghiere (Prescrizioni Particolari e Verifiche) Prescrizioni particolari Segnaletica di sicurezza o La segnaletica di sicurezza deve rispondere a quanto previsto dalla Norma UNI EN 1838 (cioè dal Dlgs 493/96) sia per quanto concerne le dimensioni sia

Dettagli

INFRASTRUTTURE ATLAS E COLLEGATA SLA (SERVICE LEVEL AGREEMENT)

INFRASTRUTTURE ATLAS E COLLEGATA SLA (SERVICE LEVEL AGREEMENT) INFRASTRUTTURE ATLAS E COLLEGATA SLA (SERVICE LEVEL AGREEMENT) Per tutti i progetti Atlas individua al Suo interno il Project Manager che è l interlocutore unico per Il Cliente. Egli coordinerà le attività

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli