SINTESI LE AZIENDE FAMILIARI ITALIANE E LA CORPORATE REPUTATION, Una ricerca ISPO per Ketchum

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI LE AZIENDE FAMILIARI ITALIANE E LA CORPORATE REPUTATION, Una ricerca ISPO per Ketchum"

Transcript

1 SINTESI LE AZIENDE FAMILIARI ITALIANE E LA CORPORATE REPUTATION, Una ricerca ISPO per Ketchum Offre un quadro molto ampio ed attuale lo studio sulla corporate reputation commissionato da Ketchum ad ISPO. L agenzia di relazione pubbliche internazionale, con una consolidata esperienza nel settore della comunicazione corporate e finanziaria, ha inteso studiare, anche grazie alla collaborazione di AIDAF (Associazione Italiana delle Aziende Familiari) il sentiment nei confronti della corporate reputation presso le imprese familiari 1 medio grandi e gli opinion leader del settore. Ne emerge un analisi vivace ed articolata con due prospettive a confronto: Da una parte, uno sguardo autoreferenziale delle aziende sulla relazione percepita tra corporate reputation, e creazione di valore; e sulla consapevolezza dell impatto della gestione della corporate reputation sugli obiettivi di business; Dall altra, una lettura esterna sul tema, attraverso la visione espressa da un panel rappresentativo di opinion leader (tra giornalisti, analisti, accademici, rappresentanti di associazioni, istituzioni ) sulla valorizzazione attuale e in chiave prospettica della corporate reputation presso le aziende familiari. Ecco alcuni dei dati più significativi che emergono dall indagine: LA CORPORATE REPUTATION È FATTORE NECESSARIO PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE FAMILIARI ITALIANE Gli opinion leader concordano nel ritenere la corporate reputation un fattore di grande importanza per tutte le aziende (familiari e non). La reputazione non appare solo un valore in senso lato, ma si configura come un vero e proprio valore economico in grado di generare fiducia presso consumatori, dipendenti, azionisti ed investitori. Ciò sebbene, il nostro Paese sia attualmente visto come ancora poco maturo da questo punto di vista, specie rispetto ad altre realtà internazionali (tipicamente i Paesi anglosassoni e nordeuropei), 1 Sono state intervistate 100 aziende familiari con un fatturato superiore ai 50 milioni di euro l anno. Le interviste sono state condotte nei mesi di marzo/aprile 2011 tramite tecnica CATI. Le aziende familiari sono state definite come: Società (non quotate) controllate almeno al 50% da una o due famiglie alleate e con almeno un componente in consiglio di Amministrazione Società (quotate) controllate almeno al 25% da una o due famiglie alleate e con almeno un componente in consiglio di Amministrazione Società controllate da un entità giuridica riconducibile ad una delle due situazioni sopra descritte) 1

2 stimolate da fattori di contesto quali una forte cultura civica e un mondo associazionistico molto attivo. Quindi, il panorama italiano appare contraddistinto dalla coesistenza di modelli di eccellenza accanto a modelli di indifferenza anche se in generale vengono reputate più attente le imprese di maggiori dimensioni, quelle quotate in borsa e chi produce beni di largo consumo. Quello che emerge è la mancanza di un ecosistema che stimoli, controlli e valorizzi la buona comunicazione a livello di corporate reputation, favorendo lo sviluppo di una cultura diffusa e l adozione allargata di prassi adeguate. Quindi, nei paesi dove l accountability è più forte, il peso della corporate reputation cresce e le imprese sono maggiormente stimolate a gestire in modo disciplinato la propria visibilità a tutto campo, non solo sul fronte del sistema di offerta di prodotti e servizi. Infatti, le imprese familiari italiane che sono presenti sui mercati internazionali e quelle di grandi dimensioni si sono adeguate e hanno standard più elevati consentendo un confronto alla pari con la concorrenza estera. Peraltro, l indubbia fiducia riposta dagli opinion leader nella centralità e strategicità della cura di una buona corporate reputation, non è sempre sposata dai manager aziendali. Solo 6 imprese su 10 ritengono che curare e comunicare la propria corporate reputation sia davvero molto importante (cfr. Grafico 1), anche se solo una minoranza (7%) ritiene davvero marginale il tema. Grafico 1: Lei personalmente, pensando alla sua azienda, quanto direbbe che è importante curare e comunicare la propria corporate reputation? Poco 7% Molto 61% Abbastan za 32% In termini generali, il valore aggiunto di una buona corporate reputation viene percepito dalle imprese come trasversale a tutti gli ambiti: essa è un sicuro sostegno allo sviluppo ( crea le condizioni per costruire e stringere partnership e alleanze e aiuta a riscuotere la fiducia degli investitori e del sistema bancario ), fa valore d impresa e concorre anche a creare valore economico (aiuta ad aumentare le vendite, per quasi il 90% dei rispondenti). A conferma delle indicazioni fornite dagli opinion leader, il fattore internazionalizzazione gioca un ruolo importante. Infatti, l importanza percepita della corporate reputation aumenta (7 su 10) tra le aziende attive sui mercati esteri. Inoltre, la maggior parte dei benefici della corporate reputation sono percepiti ancora una volta soprattutto da chi opera in misura consistente proprio sui mercati esteri (cfr. Grafico 2). 2

3 Grafico 2: E secondo Lei in che misura un buona reputazione può contribuire a Molto Abbastanza Non sa Poco Per nulla Creare le condizioni per costruire e stringere partnership e alleanze Riscuotere la fiducia degli investitori e del sistema bancario Attrarre e trattenere nel proprio organico i migliori talenti Costruire relazioni di fiducia con gli stakeholder (comunità locali, associazioni, PA ) Aumentare le vendite LE IMPRESE FAMILIARI SEMBRANO ESSERE CARATTERIZZATE DA UN DEFICIT DI COMUNICAZIONE, SOSPESO TRA RISERVATEZZA E POCA TRASPARENZA Nonostante le dichiarazioni da parte delle imprese, non sempre, secondo gli opinion leader, gli intenti si traducono in azioni concrete di attenzione alla reputation. E i dati stessi raccolti nelle interviste alle imprese sembrano dimostrarlo, con la presenza di diverse eccezioni positive tra le imprese grandi e innovative. Nello specifico, solo il 68% delle aziende intervistate dichiara di avere un referente interno dedicato alla cura della corporate reputation e in più della metà dei casi si tratta di una persona dedicata parzialmente (e non esclusivamente) al tema. Solo il 37% delle aziende intervistate dichiara di avere un budget dedicato alla gestione della corporate reputation e solo il 40% conferma un attività continuativa e programmata della sua comunicazione. Sembra emergere, quindi, un attenzione alla cura della reputazione aziendale gestita più nell ottica di iniziative occasionali e singoli progetti che di una vera e propria politica e strategia interna. Più quindi, presumibilmente, reazione a singoli accadimenti che pianificazione costante e accurata. (cfr. Grafici 14). Chi si affaccia sui mercati internazionali, a testimonianza di quanto dichiarato dagli opinion leader, si trova evidentemente a confrontarsi con contesti più evoluti da questo punto di vista, e per questo la percentuale di quanti si dichiarano impegnati in attività di comunicazione continuativa della propria reputation sale dal 40% al 60%. Da una parte si coglie, tra le imprese familiari, una cura della propria reputazione che si presenta spesso intima, non dichiarata o tantomeno esibita: un attenzione generalizzata a fare bene le cose, spesso troppo poco comunicata. Dall altra soprattutto i giornalisti denunciano come questo deficit di comunicazione rischi di tradursi di fatto in una mancanza di trasparenza, a danno dell impresa stessa. 3

4 IL PERSONALE SPECIALIZZATO NELLA CORPORATE REPUTATION E UN VALORE AGGIUNTO PER UNA POLITICA DI COMUNICAZIONE EFFICACE, TRASPARENTE E SOLIDA Nelle imprese mancherebbe spesso, secondo gli opinion leader, la percezione stessa che la comunicazione di una buona reputazione possa essere un valore in sé ( Di tutte queste cose spesso se ne occupano informalmente gli imprenditori e non sanno neanche che si chiama corporate reputation Se penso anche alla CSR: spesso viene curata informalmente, ma a volte non si vuole pagare un signore che faccia un dossier sulla CSR ). Da qui anche il ricorso contenuto a personale professionale specializzato: solo il 28% delle aziende intervistate hanno dichiarato di avvalersi della collaborazione costante di consulenti esterni specializzati in gestione della corporate reputation (cfr. Grafico 3). Eppure, secondo i leader d opinione, il contributo offerto da questi professionisti può essere di grande valore, poiché unisce la competenza di tecniche specifiche ( perché ci sono dei metodi. Sono cose che sono state ampiamente studiate e aiuta avere delle competenze che trasmettano questi valori all esterno in maniera efficace, funzionale e non mistificante ) all arricchimento fornito dalla molteplicità di esperienze che permettono di far tesoro di spunti e soluzioni praticate in altri contesti. Grafico 3: Pensando alla sua azienda, lei direbbe che esiste? Esiste Non esiste Un piano di attività mirato alla comunicazione VIA WEB della CR Una attività continuativa e programmata di comunicazione della CR A tale proposito, una considerazione emerge dagli opinion leader: la comunicazione della corporate reputation dovrebbe essere fatta sulla base di una solida realtà e percorrere la strada della trasparenza ( Bisogna meritarsela una reputazione: bisogna avere dei comportamenti che siano consistenti con la responsabilità. E per questo non ti può aiutare nessuno, al limite puoi avere dei consiglieri che ti aiutino a non fare errori di giudizio, nel valutare le situazioni ed ancora Il problema è che vedo molto spesso cercare di costruire una reputazione artificiale: questa è solo una scorciatoia. Quello che da un vero valore è avere una reputazione meritata e far sì che la gente lo 4

5 riconosca. Ci sono molto imprese familiari solide, ben gestite e che hanno valori legati alla figura dell imprenditore magari sono poco note. GLI ASPETTI PIU CURATI DELLA CORPORATE REPUTATION SONO PRODOTTI / SERVIZI E IL VALORE DEL BRAND, IN CRESCITA DICHIARATA L ATTENZIONE ALLA RESPONSABILITA SOCIALE Le iniziative di comunicazione della reputation aziendale, secondo quanto dichiarato dalle imprese intervistate, risultano primariamente incentrate su iniziative di orientamento ai ricavi, con una concentrazione della comunicazione nell area prodotti e servizi e valore del brand. Ma non mancano (tendenzialmente per un quarto del campione) iniziative di comunicazione più orientate alla sostenibilità dei ricavi, al garantire (o facilitare) la continuità degli investimenti (performance economico-finanziaria, progettazione strategica e piani di sviluppo, responsabilità sociale economica e ambientale, composizione e caratteristiche del team di comando dell azienda, ambiente di lavoro e clima interno) (Grafico 4). Grafico 4: Pensando agli aspetti che ora le leggerò può dirmi quali sono quelli a cui la sua azienda ha sinora prestato maggiore attenzione in fase di comunicazione? Prodotti e servizi Valore del brand Performance economico-finanziaria Progettazione strategica e piani di sviluppo Responsabilità sociale, ambientale ed economica PRIMA risposta TOTALE risposte Composizione e caratteristiche del team di comando dell azienda 7 13 Ambiente di lavoro e clima interno 5 26 Non molto diverse dal panorama attuale le iniziative di comunicazione su cui intendono puntare maggiormente in futuro: prodotti/servizi e valore del brand rimangono i pilastri della comunicazione in ambito corporate reputation, ma emerge, rispetto agli altri, anche la responsabilità sociale, ambientale ed economica nei cui confronti l attenzione risulta in crescita per 1 azienda su 4. (cfr. Grafico 5). 5

6 Grafico 5: Mappa degli aspetti della corporate reputation a cui le aziende hanno dedicato e intendono dedicare in futuro maggiore attenzione 55% Prodotti e servizi CRESCITA FUTURA L ASPETTO EMERGENTE I PILASTRI DELLA CR Valore del brand Responsabilità sociale, ambientale ed Ambiente di lavoro e clima interno Performance economico- Progettazione strategica e piani di Composizione e caratteristiche del team di comando 0% 10% IMPORTANZA NEL PASSATO/PRESENTE 70% RISULTATI ALLINEATI TRA LE IMPRESE B2B E B2C, MA LA COMPONENTE INTERNAZIONALIZZAZIONE SI CONFERMA IL FATTORE DISCRIMINANTE Sul fronte di un confronto tra imprese B2B e B2C, dal campione sembrerebbe emergere una maggiore apertura ai mercati internazionali delle imprese B2B. Se infatti l importanza attribuita ai mercati internazionali è pari al 78% sul totale campione, questa rilevanza oscilla in realtà tra il 69% delle aziende B2C e il 86% delle B2B. inoltre coerentemente con quanto appena osservato nell indagine - si registra anche una maggiore attenzione dedicata alla comunicazione della corporate reputation tra le B2B. Attenzione testimoniata da una maggiore propensione ad avere un budget dedicato alla corporate reputation: la quota del 37% di aziende che sul totale campione hanno risorse dedicate sale infatti al 42% tra le B2B. LO SCENARIO FUTURO: LA CORPORATE REPUTATION E UNO STRUMENTO DI CRESCITA ANCHE CULTURALE DEL PAESE Gli opinion leader sono in ogni caso molto ottimisti, e paiono fiduciosi che la cultura della corporate reputation acquisirà solidità anche in Italia. In particolare, l auspicio della maggior parte degli esperti interpellati va in direzione di un maggiore sviluppo della corporate reputation che può configurarsi come uno degli strumenti di crescita delle aziende ( La competizione aumenta ed è necessario 6

7 stabilire delle alleanze. Per poter crescere di dimensione e per farsi conoscre di più alla platea di stakeholders e clienti serve la corporate reputation. È una strada che andrà percorsa ). Lo sviluppo una maggiore consapevolezza da parte dei due mercati di riferimento quali i consumatori e il settore finanziario comporta e comporterà tra le altre cose - una maggiore attenzione da parte delle aziende. Infatti ora anche i consumatori hanno più strumenti di valutazione: con i nuovi media si ha la possibilità di verificare le esperienze che hanno fatto altri con quel prodotto, con quell azienda. I consumatori sono diventati più selettivi: per questo la corporate reputation è uno dei fattori sui quali un azienda seria e moderna deve investire. A livello di impresa, giocano a favore a due fondamentali stimoli endogeni: Da una parte il ricambio generazionale che porta ai vertici delle aziende persone più giovani, disponibili e confidenti con il tema Dall altra la crescente strutturazione aziendale, specie quando contempla l inserimento di manager esterni all azienda. LA FAMILIARITA DELL AZIENDA DETIENE UN RUOLO IMPORTANTE NELLE INIZIATIVE DI CORPORATE REPUTATION Quali le specificità delle aziende familiari, e il ruolo della familiarità nelle comunicazioni di corporate reputation? In quest ottica gli opinion leader evidenziano alcuni aspetti che si configurano come dei veri e propri punti di forza per le aziende familiari, a livello di corporate reputation: La family reputation: la spesso forte identificazione tra azienda e famiglia al comando fa sì che spesso l immagine dell imprenditore e dei suoi congiunti abbia ricadute dirette (in positivo e negativo) sulla reputazione aziendale Il valore della storia: la spesso lunga storia passata lascia anche intravvedere, più facilmente che in altre aziende, un orizzonte temporale e una prospettiva di sviluppo di lungo periodo Il legame con il territorio: in genere le aziende familiari risultano molto legate al contesto in cui operano e quindi se l azienda ha successo l imprenditore sponsorizza la squadra locale di pallacanestro o simili La particolare attenzione alla stabilità occupazionale, per cui, anche in tempi di crisi, si cerca il più possibile di mantenere i posti di lavoro. La familiarità viene ritenuta dalle aziende intervistate centrale e positiva per la grande maggioranza delle stesse: l 83% ritiene che il carattere familiare dell impresa incida, e sempre positivamente, sulla percezione che i pubblici possono avere del business. (cfr. Grafico 6). Sempre per 8 manager su 10 i membri della famiglia rivestono un ruolo importante nelle iniziative di comunicazione, testimoniando i valori della famiglia. 7

8 Grafico 6: Secondo lei il carattere familiare della vs impresa incide sulla percezione che i vostri pubblici possono avere dell azienda? E se sì, ha un influenza positiva o negativa sull immagine dell azienda? NON INFLUENZA la percezione dell azienda 13 Non sa 4 Influenza MOLTO POSITIVAMENTE 48 Influenza ABBASTANZA POSITIVAMENTE 35 La famiglia si connota quindi soprattutto come garante dell etica e dei comportamenti, più ancora che delle specializzazioni e dei prodotti. Ciononostante non è minoritaria la centralità del carattere familiare dell impresa nemmeno nella comunicazione esterna (il 75%) e nella comunicazione di prodotto (66%), specie per le aziende B2C (cfr. Grafico 7). Grafico 7: Abbiamo raccolto alcune affermazioni sul tema della comunicazione della corporate reputation tra le azienda familiari. Per ciascuna indichi per cortesia il suo grado di accordo Molto Abbastanza Non sa Poco Per nulla I membri della famiglia rivestono un RUOLO IMPORTANTE NELLE INIZIATIVE DI COMUNICAZIONE testimoniando i valori della famiglia La dimensione familiare è MOLTO IMPORTANTE E CENTRALE nella COMUNICAZIONE ESTERNA della nostra azienda La dimensione familiare è MOLTO IMPORTANTE E CENTRALE nella COMUNICAZIONE DI PRODOTTO della nostra azienda

9 IL PASSAGGIO GENERAZIONALE: UN PROCESSO DA GESTIRE E UN MOMENTO DI VERITA A fronte di tanta importanza attribuita al ruolo della famiglia nell azienda e nella sua comunicazione, stupisce invece come solo un quarto ritenga impensabile gestire bene il passaggio generazionale in un azienda familiare senza un piano di comunicazione specifico all esterno dell impresa che ne legittimi la nuova generazione ; le perplessità al riguardo coinvolgono il 25% degli intervistati. Campanello d allarme per gli opinion leader per cui invece il passaggio generazionale deve essere graduale e ponderato, con una accurata valutazione delle capacità manageriali dell erede, un percorso interno all azienda che preveda l assunzione via via di maggiori responsabilità e una comunicazione interna ed esterna essa stessa graduale e ben curata, che eviti incertezza e confusione. Nello specifico, il consiglio degli opinion leader è di effettuare un passaggio graduale, quando è possibile dovrebbe comprendere alcuni passaggi: Innanzitutto deve essere valutata la persona che si intende inserire, che deve dimostrare sia capacità manageriali che la propria serietà a volte i figli dei manager vanno più sui giornali di gossip che nelle pagine di economia: questo è un disastro per la corporate reputation A questo fine dovrebbe fare un percorso interno all azienda assumendo via via maggiori responsabilità, mettendo così alla prova le proprie capacità Il passaggio finale potrebbe così configurarsi quasi come un atto formale che sancisce un processo ormai concluso La comunicazione diventa quasi un atto formale, quasi implicito perché hai già dimostrato che hai i numeri per farlo visto che è responsabile, capace e dedito. Alla gradualità del processo dovrebbe essere affiancata una altrettanto graduale comunicazione (all esterno e all interno dell azienda) che eviti incertezza e confusione. 9

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA.

FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA. MUSICA PER IL PUNTO VENDITA FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA. DALL'EUROPA ARRIVA SOUNDREEF. EVOLUTA, CONVENIENTE, TUA. www.soundreef.com Finalmente sei libero di scegliere. Soundreef rivoluziona il settore

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli