Panoramica Oracle. Struttura fisica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Panoramica Oracle. Struttura fisica"

Transcript

1 Panoramica Oracle Oracle è il leader di mercato in ambito di RDBMS di fascia alta, ed è un prodotto commerciale non open source. E disponibile su varie piattaforme (fra cui Linux e Windows e MAC ed è ottimizzato per ospitare grandi quantità di dati offrendo funzionalità evolute. Vista l elevata quantità di risorse che richiede viene installato in DB server dedicati, tipicamente il LAN con l accesso effettuato da applicazioni client server intranet e attraverso WEB services o reverse proxy dalla DMZ, anche se, tramite opportuna configurazione è possibile utilizzarlo anche per l accesso diretto da internet con autenticazioni evolute quali SSL, PKI etc Struttura fisica Un RDBMS Oracle è fatto, come tutti da un insieme di processi e da un insieme di dati. I processi, a seconda delle richieste che ricevono e/o dei propri compiti di routine, interagiscono coi dati memorizzati nei file fisici non direttamente ma caricandoli prima in memoria RAM in un area detta SGA o System Global Area. L insieme di processi in esecuzione, che si comportano in un certo modo a seconda dei valori dei parametri di avvio contenuti in un opportuno file detto init.ora, e della SGA costituisce un entità che mette in comunicazione utente e dati ovvero una manifestazione di questi che di solito è chiamata istanza ed è indicata da un nome univoco detto SID. Un istanza per funzionare deve riferirsi a dei file fisici ma non è detto che per ogni istanza ci siano dei file fisici, in quanto sono anche possibili soluzioni cluster dove due istanze diverse installate su due server (ad esempio Blade operano sugli stessi file di dati che risiedono sulla stessa Storage Area Network. Ancora se è vero che un istanza ha bisogno di un server su cui girare non è detto che debba essere per forza l unica, anche se a dire il vero quello di una sola istanza con file di dati solo propri risiedente su un server dedicato (come nella figura precedente è quello più comune. Processi di gestione

2 I processi principali (che possiamo vedere tramite il task manager su Windows o con un comando tipo ps ax su Linux sono i seguenti: Processo Descrizione SMON Avvio del DB, gestione estensioni libere, pulizia DB. PMON Ripulisce i processi falliti dagli utenti rendendo disponibili le risorse DBWR Scrive sui file di dati i blocchi modificati contenuti nella area SGA LGWR Gestisce la scrittura dei file di Redo Log CKPT Facilita il ripristino scrivendo ad ogni checkpoint i dati relativi ai blocchi modificati ARCH Gestisce la scrittura ciclica dei file di Log RECO Recupera le transazioni fallite Nel funzionamento ciclico questi processi non scrivono solo file di dati ma anche altri file di sistema ovvero: - File di Redo Log - Control Files - File di tracciamento I primi due gruppi di files sono indispensabili per il funzionamento dell RDBMS che senza questi (ad esempio se vengono cancellati accidentalmente non può neanche partire. I file di Redo Log memorizzano il codice SQL di tutte le operazioni di modifica dei dati che arrivano al server. In pratica all invio del comando da parte del client si succedono le seguenti fasi: - il comando viene scritto nel file di Redo Log corrente - il comando viene lanciato sulle righe interessate Questi file sono in numero scelto al momento dell installazione e successivamente modificabile. Vengono scritti ciclicamente di modo che, se non sono attivate gestioni particolari (ARCHIVELOG, vedi più oltre il contenuto più vecchio viene via via perso. Dato che contengono liste di comandi possono essere utilizzati per il backup o il recupero del database. I Control Files, come i Redo Log vengono di continuo scritti dai processi di gestione ma servono per contenere informazioni utilizzate per mantenere la coerenza interna. Sono anch essi utilizzati nel recovery, essenzialmente in quello fisico on line (vedi più oltre. I file di tracciamento infine contengono semplicemente traccia di errori o eventi significativi. Sono nient altro che comunissimi file di log come normalmente intesi (ovvero se anche si cancellano, magari dopo averli guardati, non succede niente. File del Database I file in una macchina che ospita software oracle server sono normalmente organizzati a partire da una opportuna cartella, associata alla variabile di ambiente ORACLE_BASE. Nella ORACLE_BASE si trovano tante ORA_HOME quante sono le versioni del server, di norma una. La ORA_HOME contiene tutti gli eseguibili ed i file di configurazione principali di

3 estensione.ora. Insieme alla ORA_HOME vi sono normalmente altre due cartelle admin ed oradata. La prima contiene una sottocartella per ogni istanza dove si trovano i file di trace e il corrispondente initxxx.ora (dove XXX=SID Istanza=es. ORCL1. La seconda contiene allo stesso modo una cartella per istanza e dentro i vari file ovvero: - file di dati (tipicamente nominati mytablespacenn.dbf - file di log (REDOnn.log - control files (CONTROLnn.ctl Abbiamo già accennato ai file di log e di controllo, parliamo ora meglio dei file di dati. Le TABLESPACES sono in pratica raggruppamenti logici di file di dati : in pratica non esiste alcun oggetto tablespace su disco ma solo file di dati che sono gestiti con politiche comuni, che sono appunto i parametri della tablespace di cui fanno parte. Alcuni esempi di queste politiche sono: - la posizione fisica - il comportamento quando viene chiesto nuovo spazio - il comportamento quando devono essere cancellati degli oggetti..etc. I datafile sono divisi in SEGMENTI che sono la controparte fisica degli oggetti come tabelle, indici etc Ogni segmento è composto da ESTENSIONI ovvero pezzi di unità di allocazione elementari detti BLOCCHI. In pratica si ha un organizzazione dello spazio secondo questi livelli: Un organizzazione così complessa è utile per poter ottenere il massimo delle prestazioni, ad esempio: - raggruppando oggetti con caratteristiche simili in tablespaces in modo da poter gestire l accesso parallelo memorizzandoli su HD diversi; - configurare la grandezza di blocchi ed estensioni a seconda di buffer del SO e dimensioni - degli oggetti e quantità di dati che vengono aggiornati - etc Un esempio di struttura può essere questo:

4 Dove ORA_BASE = D:\Oracle ed ORA_HOME=Ora92 e dove si suppongono presenti due istanze di SID ORCL1 e ORCL2 sulla macchina. Questa struttura è in realtà solo un esempio perché di norma conviene posizionare le tablespaces (e talvolta i datafiles all interno delle varie tablespaces in posizioni diverse ad esempio per poter sfruttare l accesso contemporaneo alle informazioni posizionate in due HD diversi da parte dei relativi controller. Come detto in precedenza la controparte fisica degli oggetti sono i segmenti. Esistono tipi diversi di segmenti a seconda delle caratteristiche dell oggetto corrispondente. I principali tipi sono questi: - TABLE - INDEX - ROLLBACK - TEMPORARY Backup Oracle offre varie modalità di backup, ovvero: - backup logico - backup fisico off line (o a freddo - backup fisico on line (o a caldo Il backup logico viene attuato mediante l utilità EXP. E possibile esportare anche solo alcuni oggetti, oltrechè ovviamente un utente o l intero DB. Il suo complementare è l utility IMP che a partire dai dump in ASCII generati da EXP ricrea gli oggetti in questione. Con

5 l uso combinato di EXP ed IMP è possibile anche esportare gli oggetti da un utente e importarli in un altro. Se è buona norma far seguire l EXP logico ad uno stop (e ovviamente nel suo caso un riavvio altrimenti non sarebbe possibile accedere ai dati! nel caso del backup fisico off line è obbligatorio farlo seguire ad uno stop. In pratica si arresta il DB si copiano i file in un posto sicuro e si fa ripartire. Il backup fisico on line presuppone l utilizzo della modalità ARCHIVIELOG ovvero il salvataggio completo di tutto ciò che viene scritto nei log. Per lo meno a partire da un precedente backup corente (magari ottenuto anche in modalità off line. In pratica succede che se si è attivata la modalità ARCHIVIELOG il processo ARCH crea a partire dalle righe che continuano ad essere gestite a rotazione nei LOG files degli opportuni files.arc. Questi files possono poi essere tradotti in files fisici di backup con istruzioni sqlplus di questo tipo: alter tablespace mytablespace begin backup; D:\...\ORCL1myTABLESPACE0*.dbf D:\backup\ORCL1\ alter tablespace mytablespace end backup; Da notare che anche se per il backup/recovery fisico on line non è obbligatorio (come si è visto nell esempio precedente l utilizzo del programma RMAN facilita molto le cose. Per utilizzare RMAN è necessario comporre (in genere tramite procedure guidate un opportuno catalogo di recupero. Normalmente questo catalogo è realizzato in un istanza a parte rispetto a quella di produzione detta OEMREP e contenente un utente RMAN che viene utilizzato da ARCH per creare via via il catalogo a partire dalla informazioni che ruotano nei REDO log e nei control files. In questo contesto lanciando il programma RMAN si può ad esempio create il backup fisico dell intero RDBMS con questo semplice comando: RMAN>RUN { Allocate channell DefaultChannel type disk D:\BCK\ORCL1\d_%u_%s_%p ; Backup (database include current controlfile } Disaster Recovery Il caso più frequente è quello di utilizzare EXP/IMP più una buona dose di inventiva anche se ovviamente lo strumento principe sarebbe RMAN con cui è possibile anche avere degli wizard di recupero. Da notare che RMAN mette a disposizione anche una serie di strumenti di verifica dei files che possono rilevare e rimediare molti dei possibili problemi. Ovviamente non tutti. Dialogo attraverso la rete Le modalità di dialogo possibili in ambiente oracle sono molte e non sono limitate semplicemente alla comunicazione client-server ma includono anche quella server-server essendoci un ampio supporto anche per le elaborazioni distribuite.

6 Per ogni server (anche se non necessariamente su ogni server è presente un opportuno processo detto listener il cui modo di operare è definito tramite un opportuno file listener.ora E costituito da due parti: - Nella prima si ha un elenco (ADDRESS_LIST dei protocolli e degli indirizzi da cui il listener accetta connessioni; - Nella seconda si ha un elenco delle istanze per cui il listener risponde; Nel dettaglio i protocolli che sono utilizzabili sono questi: - TCP/IP - TCP/IP con SSL - Named Pipes (Nomi Netbios - IPC (Comunicazione interprocesso : più veloce quando server e listener sono sulla stessa macchina Per la seconda parte abbiamo quanto segue sono possibili tre tipi di configurazioni di accesso: Access Database Description Provides network access to an Oracle database instance PLSExtProc Method for PL/SQL packages to access operating system executables Executable Provides network access to operating system executables The "Database" mode is the most widely used mode and is the standard mode used by every database for connectivity. "PLSExtProc" allows PL/SQL database packages to access external programs and is configured by default for many instances. "Executable" mode allows an external program to be defined and accessed through a TNS connection. Un esempio concreto per capirsi: col seguente listato: LISTENER = (DESCRIPTION = (ADDRESS_LIST = (ADDRESS = (PROTOCOL = IPC(Key = EXTPROC (ADDRESS = (PROTOCOL = TCP(PORT = 1521 SID_LIST_LISTENER = (SID_LIST = (SID_DESC = (SID_NAME = PLSExtProc (ORACLE_HOME = D:\oracle\ora92 (PROGRAM = extproc (SID_DESC = (GLOBAL_DBNAME = ORCL (ORACLE_HOME = D:\oracle\ora92 (SID_NAME = ORCL

7 stiamo dicendo questo: il nostro listener - ascolta sulla chiave EXTPROC con le funzioni del operativo locale - ascolta tutto il traffico TCP in arrivo sulla porta ha un servizio di tipo Extproc di SID=PLExtProc il sui eseguibile si trova sotto D:\oracle\ora92 - ha un servizio di tipo DB di SID=ORCL il sui eseguibile si trova sotto D:\oracle\ora92 Come si nota con queste informazioni il listener sa quali porte aprire e chi andare a chiamare ma non sa che ciò che ascolta ad esempio sulla porta 1521 per chi sia. Ecco perché nei pacchetti entranti deve essere presente anche il SID o in generale il riferimento ad un metodo di denominazione di istanze. Sono essenzialmente possibili questi tipi di metodi di denominazione: - SID - Nome Servizio di Rete - Nome LDAP Il client può risolvere questi nomi in modi diversi, essenzialmente dinamici (interrogando opportuni server DNS-like o statici. I secondi sono chiaramente meno flessibili ma molto più diffusi e qui faremo riferimento solo a tali metodi. In pratica ogni client possiede in locale un opportuno file denominato tnsnames.ora che consiste in una lista di alias, o meglio di corrispondenze alias-istanze. Riferendosi all esempio precedente avremo qualcosa del genere: DBORCL = (DESCRIPTION = (ADDRESS_LIST = (ADDRESS = (PROTOCOL = TCP(HOST = (PORT = 1521 (CONNECT_DATA = (SID = ORCL EXTPROC_CONNECTION_DATA = (DESCRIPTION = (ADDRESS_LIST = (ADDRESS = (PROTOCOL = IPC(KEY = EXTPROC (CONNECT_DATA = (SID = PLSExtProc Questo implica che con il comando:

8 >sqlplus si possa ottenere una shell sqlplus sul DB remoto dal client in questione. Infatti succede questo: [client] DBORCL (tnsnames.ora SID=ORCL su :1521 [server] Pacchetto TCP in arrivo sulla porta 1521 per il SID=ORCL (listener.ora oracle.exe Probabilmente la specifica TCP è nella parte options dell header TCP. Fra i file necessari a livello client oltre al tnsnames.ora di cui sopra c è anche un altro file ovvero sqlnet.ora. In questo sono contenute informazioni più globali ovvero: - l ordine di priorità di applicazione dei metodi di denominazione - tipo di autenticazione - nome di dominio di default (nome servizio = SID +. + nome dominio Un esempio di listato: SQLNET.AUTHENTICATION_SERVICES= (NTS NAMES.DIRECTORY_PATH= (TNSNAMES, ONAMES, HOSTNAME NAMES.DEFAULT_DOMAIN = WORLD Frammentazione Presenti comandi di rebuild di tabelle ed indici. Possibile inoltre definire attraverso i parametri PCTFREE e PCTUSED a livello di blocco lo spazio libero con cui il blocco viene allocato e il minimo livello di utilizzo per cui il blocco possa essere marcato come da spostare al successivo accesso. Da notare che il blocco inserisce un numero di byte iniziali diverso a seconda del tipo di segmento corrispondente all oggetto : la conoscenza di questi valori (Oracle 9i DBA pag 180 può essere utilizzata per dimensionare in modo adeguato dimensione di datafiles ed extent nelle varie tablespaces a seconda di cosa conterranno. Struttura logica Aspetti generali Un database oracle è costituito da più utenti. Ad ogni utente sono associati dei diritti (uno o più profili quindi una serie di operazioni possibili. I risultati di queste operazioni determinano che esisteranno: - un insieme di oggetti che l utente ha creato (di cui è il proprietario ovvero detiene tutti i possibili diritti - un insieme di oggetti su cui l utente ha acquisito (a seguito dell operato proprio o di altri utenti diritti

9 L insieme degli oggetti su cui un utente ha dei diritti (di vario tipo, ad esempio sola lettura oppure lettura e modifica etc.. si chiama schema. Tutto questo comporta che dal punto di vista logico il nostro database si può vedere nei seguenti due modi: Il primo dei due è incentrato sul concetto di appartenenza, mentre il secondo è invece basato sullo spazio accessibile. Da notare infatti che in uno schema possono essere presenti oggetti di più utenti o addirittura di più database utilizzando strumenti come: - sinonimi - link fra database In questo modo si ha elevato supporto ai meccanismi di replica e alle elaborazioni distribuite. Una breve tabella riepilogativa prima di proseguire: Oggetto Sintassi Applicazione Note Sinonimo CREATE SYNONYM "[DestUser]"." [DestTable]" FOR "[SourceUser] "."[SourceTable]"; SELECT * FROM [DestTable] DBLink CREATE PUBLIC DATABASE LINK [DBLinkName] CONNECT TO [RemoteUser] IDENTIFIED BY [RemotePwd] USING '[RemoteDBAlias]' SELECT * FROM Da concedere prima la GRANT al [DestUser] sulla [SourceUser].[SourceTable]

10 Dove si è supposto di lanciare entrambi i comandi da SYSTEM oppure da un utente coi privilegi adeguati (vedi qui si seguito. [DestUser] [DestTable] [SourceUser] [SourceTable] [DBLinkName] [RemoteUser] [RemotePwd] [RemoteDBAlias] [AnyTable] = Utente destinazione del sinonimo = Nome tabella nell utente di destinazione = Utente sorgente del sinonimo = Nome tabella nell utente sorgente = Nome da assegnare al link = Utente con cui accedere al DB Remoto da linkare = Password del [RemoteUser] = Conn. string che punta al DB remoto (TNSNAMES.ORA = Una qualunque delle tabelle del DB Remoto E evidente che l utilità di un sinonimo è quella di far accedere con un nome breve un utente ad un oggetto di non sua proprietà mentre un DB link permette ad esempio di trasferire dati senza fare export ed in seguito import, ovvero di fare in modo che le modifiche appaiano sui due db contemporaneamente. Si è parlato di privilegi, spieghiamo meglio cosa sono. Ad ogni utente (e non ad ogni schema! vengono associati dei diritti, che possono essere sugli oggetti o al limite anche sull intero database. Per semplificare la gestione di questi diritti Oracle prevede dei profili ovvero degli insiemi di privilegi. In genere per applicazioni non troppo spinte si usano i profili standard quali ad esempio i seguenti: - CONNECT - RESOURCE - DBA Ovviamente niente vieta di definirne altri secondo le proprie esigenze. Dall incrocio fra l utente e i profili ad esso collegati viene composto lo schema ossia, come appare a tale utente il mondo ovvero l insieme di utenti e di database fra loro collegati con GRANT, SYNONYM, DBLINK. Autenticazione In Oracle sono possibili varie modalità per autenticarsi ovvero: autenticazione livello utente autenticazione livello amministratore - tramite file orapwd - integrata a livello di sistema operativo autenticazione via rete (internet La prima modalità è quella comune per gli utenti da locale (ovvero sulla stessa macchina oppure all interno di una rete intranet. Le password sono contenute all interno di una tabella nella tablespace SYSTEM e sono trasmesse in chiaro nella comunicazione client/server. E ovvio che questo tipo di autenticazione funziona solo se il DB è aperto. Dunque affinché alcuni utenti potessero avviare o stoppare il DB era necessario pur nello stesso cotesto

11 (locale o intranet rendere disponibile un meccanismo ulteriore magari solo per quegli utenti privilegiati (ovvero quelli che hanno i profili di SYSDBA e SYSOPER. Questo meccanismo è la seconda modalità di cui sopra. In pratica se l utente SYSDBA o SYSOPER (es. SYS questo viene autenticato non leggendo il DB ma leggendo un opportuno file di password, ricreabile con l utility orapwd. Dunque non è necessario avere alcun DB già funzionante. In alternativa è possibile utilizzare l autenticazione integrata con sistema operativo : se l utente che ha fatto accesso alla macchina appartiene al gruppo degli amministratori (dba in Linux, ORA_DBA in Windows come ad esempio root oppure Administrator Oracle può ragionevolmente supporre che si tratti di un utente fidato. Ecco quindi che può farlo entrare senza chiedergli alcuna password ed il celebre comando di SQL Plus di cui nel seguente esempio: D:\temp>sqlplus /nolog SQL*Plus: Release Production on Tue Dec 2 18:10: Copyright (c 1982, 2002, Oracle Corporation. All rights reserved. SQL> connect / as sysdba Connected. SQL> show user USER is "SYS" Per l accesso via rete i meccanismi visti finora sono evidentemente poco sicuri perché non prevedono alcuna cifratura della password trasmessa (anche se la password memorizzata non è in chiaro!. Sono possibili vari meccanismi alternativi quali ad esempio: - SSL - Kerberos - PKI - Radius Per utilizzare questi sistemi deve essere configurato opportunamente il server (ad esempio nel caso di SSL deve essere presente una opportuna riga relativa al protocollo TCPS con una porta dedicata a tale traffico. Altre funzionalità di sicurezza Agli utenti possono essere associate anche funzionalità di sicurezza avanzate come l audit (il tenere traccia delle operazioni che fa o il VPD o Virtual Private Database, ossia l inserire a livello di dati delle WHERE aggiuntive che impediscano l accesso a certe informazioni anche da client oracle o ODBC non solo da applicativo. L audit viene attivato tramite comandi SQL e inserisce il suo output in opportune tabelle (o in files a seconda del parametro di configurazione AUDIT_TRAIL. Può essere fatto a vari livelli come mostra la seguente tabella: Audit Per Istruzione Privilegio Serve per loggare Quando un utente lancia un comando SQL di un certo tipo (indipendentemente dall oggetto su cui lo lancia. Quando un utente utilizza un certo privilegio a lui attribuito

12 Oggetto Dati (indipendentemente dal perché e dall oggetto coinvolto. Quando un utente interagisce con un certo oggetto (indipendentemente dal comando SQL che lancia. Quando un utente esegue una certa operazione su un oggetto per certi valori dei dati. La tabella è SYS.AUD$ ed il suo contenuto può essere esaminato attraverso le viste DBA_AUDIT_TRAIL, DBA_FGA_AUDIT_TRAIL e DBA_COMMON_AUDIT_TRAIL. Oggetti utente Sono molti e di vario tipo alcuni esempi sono questi: - Tabella - Vista - Indice - Trigger - Store Procedure Oggetti di sistema In oracle ogni operazione DML viene incapsulata in una transazione, tanto è vero che se si lancia una qualunque istruzione di INSERT/UPDATE/DELETE e ci si scorda di dare il commit si perdono tutte le modifiche fatte. La sequenza delle operazioni con cui agisce ad esempio una transazione di UPDATE su TABELLA1 è questa: Tempo TABELLA1 TABELLA1 (visibile ROLLBACK SEGMENT 0 Stato Iniziale Stato Iniziale - 1 Valori Modificati Stato Iniziale Stato Iniziale 2 (rollback Stato Iniziale Stato Iniziale - 3 (commit Valori Modificati Valori Modificati - Quando viene lanciata una transazione che coinvolge la TABELLA1 in pratica succede che Oracle non applica subito la modifica ma crea prima degli opportuni segmenti di rollback. Di default (modalità AUTOMATIC UNDO questi vengono creati nella tablespace SYSTEM ma di norma vengono creati manualmente con il comando CREATE ROLLBACK SEGMENT e associati ad un opportune TABLESPACE di UNDO per non frammentare inutilmente la SYSTEM. In ogni caso, dovunque sia, il segmento di rollback viene riempito coi dati originari mentre su questi viene applicata la modifica. Se la transazione termina con rollback i dati vengono ripresi dal segmento di rollback e riportati al posto originario, viceversa vengono lasciati i valori modificati nel segmento utente (es. TABLE. La transazione è un oggetto con una propria individualità quindi è possibile anche associare ad una transazione (come ad un qualunque altro oggetto una propria tablespace. Questo è particolarmente utile per transazioni di massiccio caricamento dati che, se non dirette su tablespaces temporanee, introdurrebbero inutile frammentazione.

13 E importante notare che questo vale per le operazioni sui dati : un DROP TABLE accidentale non sarà mai rimediabile tramite una semplice rollback. I lock sono possibili sia a livello di oggetto, che nel caso in cui l oggetto sia una tabella a livello di record. Amministrazione Installazione L installazione viene normalmente eseguita con l aiuto di un opportuno programma ad interfaccia grafica e questo sia in ambiente Windows che Linux. In generale i passi fondamentali sono questi: Passo Descrizione Windows Linux 1 Creazione Utente dbowner e relativo gruppo Setup.exe Manuale 2 Modifica delle variabili di ambiente del SO Setup.exe Manuale 3 Modifica dei percorsi Setup.exe Manuale 4 Configurazione XServer Setup.exe Manuale 5 Run Installer Setup.exe./RunInstaller 6 Impostazione Avvio Automatico Setup.exe Manuale L installer a sua volta compie i seguenti passi principali: Passo Descrizione 1 Scelta path, ORACLE_BASE e ORACLE_HOME 2 Scelta del tipo di server 3 Scelta dalla lingua DB e e del character set 4 Scelta prodotti da installare 5 Installazione eseguibili 5 Configurazione script per creazione database 6 Lancio script 7 Configurazione Oracle.Net Da notare l importanza fondamentale del Character Set : non è possibile importare dati da un dump fatto con un DB che gestisce i dati con un diverso set di caratteri. Riguardo al tipo di server le scelte più importanti riguardano ad esempio: - Server OLTP/OLAP (transazioni semplici molti utenti/poche query molto complesse - Server Dedicato/Condiviso (poche connessioni e persistenti/molte e leggere - Parametri di Memoria (SGA, PGA - Archivie Log Mode Attivato o No Operazioni comuni Start/Stop In Oracle l istanza non è semplicemente ferma o avviata ma passa dal primo stato al secondo attraverso due stati intermedi. Sono possibili in altre parole quattro stati:

14 Stato Stopped No Mount Mount Open Descrizione Chiuso Caricato Avviato Aperto L avvio (ovvero il passaggio da uno stato ad un altro obbligatoriamente successivo si fa con il comando sqlplus startup seguito dallo stato desiderato. Esempio: SQL> startup mount; Anche sullo stop del database non possibili più modalità, come mostra la seguente tabella: Il comando sql stavolta à shutdown è tutto va in modo simile al caso precedente. Ad esempio si potrà dare: Stato Normal Transactional Immediate Abort Descrizione Attende che si disconnettano tutti gli utenti Disconnette gli utenti una volta terminate le transazioni Esegue il rollback di tutte le transazioni attive e disconnette tutti gli utenti Chiude istantaneamente l istanza fermando i servizi SQL> shutdown immediate; Avvio e stop del database possono essere fatti solo da utenti con il privilegio di SYSOPER. Listener Start/Stop Talvolta il listener si blocca. Si utilizzano in genere questi comandi (da sistema operativo di ovvio significato: >lsnrctl start >lsnrctl stop >lsnrctl status Aggiunta/Cancellazione Datafile A livello di creazione di un datafile è possibile specificare un importante parametro di memoria che è l autoextend. Se è ON il file una volta riempito alloca da solo il nuovo spazio, a pezzi extent di dimensione specificabile, eventualmente fino ad una dimensione massimo. Se è OFF invece quando il file è pieno la transazione non viene accettata e viene generato un messaggio di errore. Tipicamente vengono definite con autoextend=on sono alcune tabelle di sistema quali SYSTEM o TEMP. Per la altre, si preferisce aggiungere datafiles quando servono. Per farlo si può usare un comando come il seguente: ALTER TABLESPACE TablespaceName

15 ADD DATAFILE '/u01/app/oracle/oradata/orcl/newdatafilename.dbf' SIZE K REUSE..dove chiaramente il path è quello di un caso particolare che è stato preso ad esempio. Oppure da interfaccia grafica posizionarsi su un datafile esistente ed usare la funzionalità Create Like. Per cancellare un datafile occorrono i seguenti passi: - spostarne l eventuale contenuto in un altro datafile - porre il datafile offline specificando FOR DROP - cancellare il file da sistema operativo L istruzione di cui al primo passo è la seguente: ALTER DATABASE DATAFILE '/u01/app/oracle/oradata/orcl/olddatafilename.dbf' OFFLINE FOR DROP

Introduzione a Oracle 9i

Introduzione a Oracle 9i Introduzione a Oracle 9i Ing. Vincenzo Moscato - Overview sull architettura del DBMS Oracle 9i L architettura di Oracle 9i si basa sul classico paradigma di comunicazione client-server, in cui sono presenti

Dettagli

Introduzione ad Oracle da http://escher07.altervista.org

Introduzione ad Oracle da http://escher07.altervista.org Introduzione ad Oracle da http://escher07.altervista.org Generalità Oracle è database più diffuso al mondo specie nella cosiddetta fascia alta, ovvero come database o datawarehouse server in sistemi gestionali

Dettagli

DBMS ORACLE 9i I componenti del Database Server Oracle : Strutture di memoria Processi File fisici Directory principali: c:\oracle\admin\\pfile c:\oracle\ora92\database

Dettagli

La parte client è invece un programma che si chiama mysql. Gli altri eseguibili (client) fondamentali sono mysqladmin, mysqldump.

La parte client è invece un programma che si chiama mysql. Gli altri eseguibili (client) fondamentali sono mysqladmin, mysqldump. Panoramica MySQL MySQL è un RDBMS free ed open source, nativo dell ambiente Linux ma disponibile anche su piattaforme Windows e MAC OS. E stato pensato come prodotto leggero come contenitore di dati a

Dettagli

Indice. Introduzione PARTE PRIMA L ARCHITETTURA DEI DATABASE 1

Indice. Introduzione PARTE PRIMA L ARCHITETTURA DEI DATABASE 1 Indice Introduzione XI PARTE PRIMA L ARCHITETTURA DEI DATABASE 1 Capitolo 1 Introduzione all architettura di Oracle 3 1.1 I database e le istanze 3 1.2 Installazione del software 9 1.3 Creazione di un

Dettagli

Le risposte alle domande a fine capitolo

Le risposte alle domande a fine capitolo Appendice A Le risposte alle domande a fine capitolo Capitolo 1 ORACLE: LA SOCIETÀ E IL SOFTWARE 1. Oracle è stata fondata da Larry Ellison, Bob Miner e. D. Ed Oates 2. In quale anno Oracle ha fornito

Dettagli

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB)

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DB2Presentazione2009.pdf Sistemi Informativi L-A DB2 Universal

Dettagli

Indice Introduzione Elementi di base dei database Il linguaggio SQL (Structured Query Language)

Indice Introduzione Elementi di base dei database Il linguaggio SQL (Structured Query Language) Indice Introduzione XI Capitolo 1 Elementi di base dei database 1 1.1 Che cos è un database 1 1.2 L architettura di Oracle Database 10g 3 Progetto 1.1 L architettura di Oracle Database 10g 8 1.3 I tipi

Dettagli

Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1.

Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1. Indice INTRODUZIONE XI Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1.4 Domande 13 Capitolo 2 I servizi Oracle 15 2.1 Terminologia

Dettagli

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC FileMaker 12 Guida ODBC e JDBC 2004 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker, Inc.

Dettagli

Laboratorio avanzato di Basi di Dati AA 2003-2004

Laboratorio avanzato di Basi di Dati AA 2003-2004 Laboratorio avanzato di Basi di Dati AA 2003-2004 Dr. Carlo Masera Dr.ssa Giovanna Petrone Obiettivi del corso studiare le principali funzionalità di uno strumento reale e di ampia diffusione per la gestione

Dettagli

Oracle 8i è una soluzione integrata e completa per lo sviluppo di applicazione di gestioni di dati in rete. relazioni e tipi di dati astratti.

Oracle 8i è una soluzione integrata e completa per lo sviluppo di applicazione di gestioni di dati in rete. relazioni e tipi di dati astratti. ORACLE 8i 8i è una soluzione integrata e completa per lo sviluppo di applicazione di gestioni di dati in rete. l DBMS ORACLE 8i DBMS relazionale a oggetti: permette di creare database contenenti relazioni

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server FileMaker Pro 12 Guida di FileMaker Server 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di FileMaker,

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g Sommario Oracle Database 10g (laboratorio) Dr. Daniele Barone Dr. Simone Grega 1 2 Oracle Database 10g Offre alte qualità del servizio: Performance; Scalabilità; Sicurezza; Affidabilità. Gestione autonoma

Dettagli

Oracle9i. Sono le dieci di sera, state impazzendo sul database. Indietro nel tempo con. Flashback Query

Oracle9i. Sono le dieci di sera, state impazzendo sul database. Indietro nel tempo con. Flashback Query Nella versione 9i del database più diffuso al mondo sono state aggiunte molte nuove funzionalità, una di queste consente di visualizzare i dati com erano in un determinato istante del passato Indietro

Dettagli

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione I Release 2

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione I Release 2 Oracle University Contact Us: 800 672 253 Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione I Release 2 Duration: 5 Days What you will learn Agli utenti che desiderano diventare professionisti Oracle viene

Dettagli

maildocpro Manuale Installazione

maildocpro Manuale Installazione maildocpro Manuale Installazione versione 3.4 maildocpro Manuale Installazione - Versione 3.4 1 Indice Indice... 2 Creazione database... 3 Database: MAILDOCPRO... 3 Database: SILOGONWEB... 5 Configurazione

Dettagli

Oracle 11g Enterprise. A cura del docente Giuliano Pellegrini Parisi - 2009

Oracle 11g Enterprise. A cura del docente Giuliano Pellegrini Parisi - 2009 Oracle 11g Enterprise A cura del docente Giuliano Pellegrini Parisi - 2009 Copyright e diritti d autore Oracle è un marchio registrato di Oracle Corporation e/o filiali Copyright 1995-2009. Tutti i diritti

Dettagli

Implementazione in Oracle di un semplice progetto

Implementazione in Oracle di un semplice progetto Oracle e SQL Implementazione in Oracle di un semplice progetto Operazioni preliminari La versione del DBMS Oracle a cui si farà riferimento di qui in seguito è la 10g Express Edition, liberamente scaricabile

Dettagli

Welcome to Oracle 12c

Welcome to Oracle 12c Massimo Ruocchio Welcome to Oracle 12c Corso introduttivo al Database Oracle Architettura SQL PL/SQL C come Cloud http://oracleitalia.wordpress.com ISBN 978-1-291-82092-8 Copyright 2011-2014 di Massimo

Dettagli

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2 Oracle University Contact Us: 800 672 253 Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2 Duration: 5 Days What you will learn Questo corso va oltre le attività di base descritte per il database

Dettagli

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica Documentazione tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Informazioni Preliminari Tipo di documento: Informazioni del Documento Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com 15.03.2006 Ver. 1.0 Scarica la versione pdf ( MBytes) Nessuno si spaventi! Non voglio fare né un manuale

Dettagli

A. Bardine - Introduzione a PostgreSQL. PostgreSQL è un software relazionale e ad oggetti per la gestione di basi di dati

A. Bardine - Introduzione a PostgreSQL. PostgreSQL è un software relazionale e ad oggetti per la gestione di basi di dati Basi di dati PostgreSQL è un software relazionale e ad oggetti per la gestione di basi di dati PostgreSQL è Open-Source ed il suo sviluppo procede da 15 anni il suo codice sorgente è quindi disponibile

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica Basi di Dati prof. A. Longheu 5 Progettazione fisica Progettazione Fisica Per effettuare la progettazione fisica, ossia l implementazione reale del modello logico creato nella fase della progettazione

Dettagli

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica Documentazione tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Informazioni Preliminari Tipo di documento: Redatto da: Informazioni del Documento Standard di Installazione Oracle per Sistemi

Dettagli

MySQL Oracle SQL Server

MySQL Oracle SQL Server MySQL Oracle SQL Server Backup, Ripristino, Manutenzione e Automazione 27/03/07 Gruppo 6 - Sebastiano Vascon 1 MySql - Backup È possibile effettuare il backup dei dati in un database MySQL in 4 modi distinti:

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA PROTEZIONE IN: Oracle 10g XE MS SQL 2005 express

LA GESTIONE DELLA PROTEZIONE IN: Oracle 10g XE MS SQL 2005 express www.xelon.it LA GESTIONE DELLA PROTEZIONE IN: Mysql 5 community Oracle 10g XE MS SQL 2005 express Marzo 2007 - Lorenzo Baloci Introduzione Le caratteristiche ti di sicurezza di un software devono essere

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

Indice REGIONE BASILICATA

Indice REGIONE BASILICATA REGI ONE BASI UFFICIO S. I. LICA R. S. TA Manuale Gestione Server Id Sistema APPROVAZIONI Redatto da: Approvato da: Data CONTROLLO DEL DOCUMENTO Autore Ing. Vincenzo Fiore VARIAZIONI Versione prec. Data

Dettagli

AssetCenterTM Versione 3.51

AssetCenterTM Versione 3.51 AssetCenterTM Versione 3.51 Addendum 07 novembre 2000 ITEM ACT-3.51-IT-00795 Addendum - Italian Peregrine Systems, Inc., 1999-2000. Tutti i diritti riservati. Runtime Sybase SQL Anywhere : Sybase, Inc.

Dettagli

Basi di dati. Introduzione a PostgreSQL. K.Donno - Introduzione a PostgreSQL

Basi di dati. Introduzione a PostgreSQL. K.Donno - Introduzione a PostgreSQL Basi di dati Introduzione a PostgreSQL Introduzione a PostgreSQL PostgreSQL è un software relazionale e ad oggetti per la gestione di basi di dati PostgreSQL è Open-Source ed il suo sviluppo procede da

Dettagli

Indice generale. Capitolo 3 Introduzione a PHP...43 Sintassi e istruzioni di base... 45 Variabili, operatori e commenti... 47 Array...

Indice generale. Capitolo 3 Introduzione a PHP...43 Sintassi e istruzioni di base... 45 Variabili, operatori e commenti... 47 Array... Prefazione...xiii A chi si rivolge il libro... xiv Struttura e contenuti del libro... xiv Dove trovare aiuto... xvii Le newsletter di SitePoint... xviii I vostri commenti... xviii Convenzioni adottate

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Attività propedeutiche all installazione

PROGETTO GIPSE. Attività propedeutiche all installazione PROGETTO GIPSE Attività propedeutiche all installazione Prima emissione: 18 giugno 1999 INDICE 0. PROCEDURA DA SEGUIRE PRELIMINARMENTE ALLA INSTALLAZIONE DI GIPSE3 0.1 FASE A: HARDWARE E SOFTWARE DI BASE...3

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI:

SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: PROCEDURA INTEGRATA GESTIONE CONDOMINIO RENT MANAGER SERVIZIO DI ASSISTENZA CLIENTI - INSTALLAZIONE DELLA PROCEDURA SU ALTRE STAZIONI DI LAVORO - SOSTITUZIONE DEL SERVER O

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Database & FreeBSD. Come configurare il sistema operativo ottimizzando le prestazioni sul DB. GufiCon#3 Milano, 12 Ottobre 2002

Database & FreeBSD. Come configurare il sistema operativo ottimizzando le prestazioni sul DB. GufiCon#3 Milano, 12 Ottobre 2002 Database & FreeBSD Come configurare il sistema operativo ottimizzando le prestazioni sul DB GufiCon#3 Milano, 12 Ottobre 2002 Gianluca Sordiglioni inzet@gufi.org I database sono applicazioni particolari

Dettagli

SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI:

SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: PROCEDURA INTEGRATA GESTIONE CONDOMINIO RENT MANAGER SERVIZIO DI ASSISTENZA CLIENTI - INSTALLAZIONE DELLA PROCEDURA SU ALTRE STAZIONI DI LAVORO - SOSTITUZIONE DEL SERVER O

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database Roberto Basili Corso di Basi Di Dati 1 a.a. 2000-2001 Abstract Questa breve dispensa descrive piu etesamente i contenuti della esercitazione del

Dettagli

Recovery manager Gestore della affidabilità

Recovery manager Gestore della affidabilità Riferimenti Basi di Dati Complementi Parte 2: Tecnologie per DBMS Parte 2.5: Recovery Manager Trasparenze parte Recovery manager Basi di Dati Atzeni et al. - Capitolo 2.1, 2.2 Anche: Garcia Molina, Ullman,

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità Affidabilità Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università

Dettagli

Petra Provisioning Center, rel 3.1

Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Copyright 1996,2006Link s.r.l. 1 Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.0) - Basi di Dati 1 Materiale didattico Web site: www.andrea.bulgarelli.name/corso

Dettagli

APPENDICE. Procedure in SQL (1)

APPENDICE. Procedure in SQL (1) APPENDICE Procedure in SQL Transazioni in SQL Embedded SQL Remote Procedure Call Appendice 1 Procedure in SQL (1) Standard SQL2 permette di definire procedure, associate a singoli comandi SQL, memorizzate

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Introduzione Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

Esercitazione 01: DDL e DML di base

Esercitazione 01: DDL e DML di base Esercitazione 01: DDL e DML di base Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: Esercitazione01.pdf Sistemi Informativi L-A Prima di iniziare

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: INFORMATICA

Dettagli

Corso base di Informatica. Microsoft Excel. Microsoft Access INFORMATICA. Docente: Durata: 40 ore. Destinatari

Corso base di Informatica. Microsoft Excel. Microsoft Access INFORMATICA. Docente: Durata: 40 ore. Destinatari 53 Corso base di Informatica Durata: 40 ore Tutti coloro che hanno necessità di utilizzare con efficacia ed efficienza il personal computer. Introduzione agli strumenti di base del sistema operativo windows;

Dettagli

Configurable CAN System (CCS)

Configurable CAN System (CCS) ISTRUZIONI INTERFACCIA SOFTWARE Configurable CAN System Software Interface FT1130M - FT1137M Configurable CAN System (CCS) Interfaccia software Manuale utente Pag. 1 1 FT1130M - FT1137M Configurable CAN

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database Introduzione Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database implementano un linguaggio standard chiamato SQL (Structured Query Language). Fra le altre cose, il linguaggio SQL consente di prelevare,

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

Capitolo 1 Installazione del programma

Capitolo 1 Installazione del programma Capitolo 1 Installazione del programma Requisiti Hardware e Software Per effettuare l installazione del software Linea Qualità ISO, il computer deve presentare una configurazione minima così composta:

Dettagli

Essenziale Guida per l'amministratore di Oracle Database 11g R2-, MySQL Administrator e amministratore di Oracle Linux Guida R7 in Italian

Essenziale Guida per l'amministratore di Oracle Database 11g R2-, MySQL Administrator e amministratore di Oracle Linux Guida R7 in Italian Essenziale Guida per l'amministratore di Oracle Database 11g R2-, MySQL Administrator e amministratore di Oracle Linux Guida R7 in Italian Sviluppato da Nam Nguyen Essential Administrator's Guide Oracle-Database-11g

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

Elementi del calcolatore: CPU

Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Hard Disk Antefatto Sistema Operativo Come il computer appare Il calcolatore

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Descrizione Il corso affronta le caratteristiche di Oracle9i e Oracle9i Release 2. In questo corso, rivolto ai database administrator (DBA) Oracle, vengono descritte in modo approfondito le attività di

Dettagli

Risorsa N 036802. RDBMS: Oracle (Exp. 18 anni) Access (Exp. 2 anni) SQL Server (Exp. 1 anno) Postgres (Exp. 1 anno)

Risorsa N 036802. RDBMS: Oracle (Exp. 18 anni) Access (Exp. 2 anni) SQL Server (Exp. 1 anno) Postgres (Exp. 1 anno) Risorsa N 036802 DATI ANAGRAFICI: Nato nel : 1958 Nato e Residente a : Pavia Disponibile su: Milano ISTRUZIONE E CERTIFICAZIONI: Diploma di Perito Industriale per l informatica LINGUE STRANIERE: Inglese

Dettagli

MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET

MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET Sommario AVVERTENZE...1 INSTALLAZIONE...5 AGGIORNAMENTO DI VERSIONE...6 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...7 CONFIGURAZIONE...7 DATABASE SUPPORTATI...7 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Introduzione all Architettura del DBMS

Introduzione all Architettura del DBMS Introduzione all Architettura del DBMS Data Base Management System (DBMS) Un DBMS è uno strumento per la creazione e la gestione efficiente di grandi quantità di dati che consente di conservarli in modo

Dettagli

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 ver 2.0 Log Manager Quick Start Guide 1 Connessione dell apparato 2 2 Prima configurazione 2 2.1 Impostazioni di fabbrica 2 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 2.3 Configurazione DNS e Nome Host

Dettagli

Studi di Settore. Nota Operativa 22/4/2013

Studi di Settore. Nota Operativa 22/4/2013 Nota Operativa Studi di Settore 22/4/2013 Sommario Valutazione casistiche... 2 Errore di connessione... 2 Sistema operativo non aggiornato... 2 File non installato client... 2 File non installato server...

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Il sistema operativo multifunzionale creato da Fulvio.Ricciardi@zeroshell.net www.zeroshell.net Proteggere una piccola rete con stile ( Autore: cristiancolombini@libero.it

Dettagli

Questo punto richiederebbe uno sviluppo molto articolato che però a mio avviso va al di là delle possibilità fornite al candidato dal tempo a disposizione. Mi limiterò quindi ad indicare dei criteri di

Dettagli

Lavorare con MySQL Parte Prima.

Lavorare con MySQL Parte Prima. Lavorare con MySQL Parte Prima. Data la particolarità dell argomento, ho deciso di dividerlo in due lezioni. Nella prima, si parlerà diffusamente di MySQL, cos è un DBMS, cos è l SQL, i campi supportati

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

BIMPublisher Manuale Tecnico

BIMPublisher Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1 Cos è BIMPublisher...3 2 BIM Services Console...4 3 Installazione e prima configurazione...5 3.1 Configurazione...5 3.2 File di amministrazione...7 3.3 Database...7 3.4 Altre

Dettagli

FileMaker 11. Guida ODBC e JDBC

FileMaker 11. Guida ODBC e JDBC FileMaker 11 Guida ODBC e JDBC 2004 2010 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di FileMaker, Inc. registrato

Dettagli

Introduzione a Oracle

Introduzione a Oracle Introduzione a Oracle Prof. Matteo Golfarelli Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Per approfondimenti: ORACLE 11g Rel. 2 - Concepts 1 I DBMS (richiami) Un DBMS (Data Base Management System) è

Dettagli

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011 Manuale utente ver 1.0 del 31/10/2011 Sommario 1. Il Servizio... 2 2. Requisiti minimi... 2 3. L architettura... 2 4. Creazione del profilo... 3 5. Aggiunta di un nuovo dispositivo... 3 5.1. Installazione

Dettagli

Architettura di storage

Architettura di storage Architettura di storage Architettura di storage 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/arch1.odp page 1 Architettura di storage Cluster Databases Tabelle Indici Blocchi 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Pannello di controllo Pannello di controllo Avvia/Arresta/Riavvia/Stato TeamPortal: Gestisce start/stop/restart di tutti i servizi di TeamPortal

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Installazione e caratteristiche generali 1

Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione di SIGLA SIGLA viene fornito su un CDROM contenente la procedura d installazione. La procedura può essere installata eseguendo il programma SIGLASetup.exe

Dettagli

Web File System Manuale utente Ver. 1.0

Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Via Malavolti 31 41100 Modena Tel. 059-2551137 www.keposnet.com Fax 059-2558867 info@keposnet.com Il KDoc è un Web File System cioè un file system accessibile via

Dettagli

Migrazione di HRD da un computer ad un altro

Migrazione di HRD da un computer ad un altro HRD : MIGRAZIONE DA UN VECCHIO PC A QUELLO NUOVO By Rick iw1awh Speso la situazione è la seguente : Ho passato diverso tempo a impostare HRD e a personalizzare i comandi verso la radio, le frequenze preferite,

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli