Guida alla predisposizione dello Studio di Fattibilità Tecnica per la gestione della sicurezza dei dati e della continuità operativa dei servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla predisposizione dello Studio di Fattibilità Tecnica per la gestione della sicurezza dei dati e della continuità operativa dei servizi"

Transcript

1 1. Definizioni Le Guide Sintetiche Guida alla predisposizione dello Studio di Fattibilità Tecnica per la gestione della sicurezza dei dati e della continuità operativa dei servizi La continuità operativa è definita come l insieme di attività volte a ripristinare lo stato del sistema informatico o parte di esso, compresi gli aspetti fisici e organizzativi e le persone necessarie per il suo funzionamento, con l'obiettivo di riportarlo alle condizioni antecedenti a un evento disastroso. La continuità operativa comprende quindi sia gli aspetti strettamente organizzativi, logistici e comunicativi che permettono la prosecuzione delle funzionalità di un organizzazione, sia la continuità tecnologica, riguardante prettamente l infrastruttura informatica e telecomunicativa (ICT) dell'amministrazione e meglio nota come disaster recovery (DR). 2. Adempimenti Il Codice della Amministrazione Digitale (art 50 bis) prevede che ciascuna amministrazione adotti e gestisca nel tempo un Piano di Continuità Operativa e un Piano di Disaster Recovery. Il primo deve essere aggiornato almeno ogni due anni. Il secondo, che è parte integrante del primo, deve essere aggiornato con cadenza almeno annuale, ed entro il 31 dicembre di ogni anno, deve essere inviato (nella versione aggiornata) al DigitPA. Nella tabella seguente sono riportati i contenuti minimi dei due piani: Piano di Continuità Operativa 1. Finalità e Ambito di applicazione: a) i servizi da recuperare e le priorità di recupero; b) i tempi entro i quali i servizi devono essere recuperati (RTO); c) i livelli di recupero necessario per ogni servizio (RPO); d) le condizioni che portano a invocare il piano. 2. Ruoli e responsabilità delle persone coinvolte (in termini di processo decisionale e di livello di autorità) durante e dopo un emergenza. 3. Modalità di attivazione, gestione e manutenzione del PCO. Piano di Disaster Recovery 1. Finalità e Obiettivi del Piano di Disaster Recovery. 2. Descrizione della soluzione di Disaster Recovery adottata per assicurare la continuità di funzionamento del sistema informatico primario a fronte di eventi disastrosi. 3. Perimetro di riferimento del Piano: a) descrizione del sistema informatico primario e dei servizi critici che la soluzione di DR deve garantire; b) fattori critici e di rischio, c) descrizione dei casi di disastro/indisponibilità prolungata che si intendono affrontare con la soluzione di DR; 4. Organizzazione, ruoli e responsabilità, strutture e personale coinvolto nelle attività. 5. Politica di sicurezza e di salvaguardia dei dati. 6. Fasi della soluzione di disaster recovery. 7. Gestione del piano (attività da svolgere per garantire la predisposizione e l aggiornamento/revisione del piano di DR). 8. Procedure di test

2 I piani devono essere redatti sulla base di un dettagliato Studio di Fattibilità Tecnica (SFT), in cui vanno indicate sia le risultanze del processo di autovalutazione dei servizi erogati dall'amministrazione (v. in prosieguo) sia le iniziative che l'amministrazione ha attuato o intende attuare per ottemperare agli impegni previsti dal CAD, con evidenza, ove necessario, dei tempi stimati e del percorso previsto per garantire l'aderenza al CAD. L'autovalutazione dei servizi e lo Studio di Fattibilità Tecnica devono essere realizzati anche dalle amministrazioni che hanno già adottato soluzioni e piani di CO/DR. Sullo Studio di Fattibilità Tecnica deve essere acquisito il parere di DigitPA. 3. Scadenze Entro il 24/04/2012 (15 mesi dall'entrata in vigore del DLGS 235/2010), le PP.AA. devono: predisporre lo SFT; fare la richiesta di parere a DigitPA; ricevere il parere da DigitPA; predisporre il Piano di Continuità Operativa. 4. Lo Studio di Fattibilità Tecnica 4.1. Identificazione dei servizi Lo Studio di Fattibilità Tecnica può essere inteso come il momento finale di un percorso metodologico che l'amministrazione deve effettuare e che ha inizio con una fase di autovalutazione dei servizi. Nell' identificare quali servizi sottoporre al processo di valutazione (e quindi inserire nello Studio di Fattibilità Tecnica), l amministrazione deve censire i servizi erogati, individuando, tra questi, i servizi c.d. critici, cioè quei servizi che per norma, missione istituzionale o altro devono essere necessariamente mantenuti in operatività. In tal senso, un servizio può rivelarsi "critico" anche se l amministrazione che lo eroga non è direttamente interessata a mantenerne l operatività ed a proteggerlo, come nel caso di servizi "critici" per un altra amministrazione, utente della prima. É opportuno precisare che non necessariamente il servizio deve essere riconducibile o corrispondere ad una specifica applicazione o software: si possono infatti avere casi in cui il servizio viene erogato mediante l'utilizzo di diverse applicazioni. È inoltre consigliabile effettuare, per quanto è possibile, un raggruppamento in classi "omogenee" dei servizi aventi caratteristiche comuni (es. per tipologia, modalità di erogazione, esigenze operative, ecc.): nel qual caso le autovalutazioni e i tipi di soluzioni si riferiranno alla classe e non al singolo servizio.

3 La tabella seguente mostra alcuni esempi di Servizi/Classi di servizio ricorrenti presso le istituzioni scolastiche. Servizio Albo pretorio on line Gestione Protocollo Informatico Classe di servizio Gestione Alunni (iscrizioni, formazione classi, presenze, scrutini, esami, emissioni certificati/pagelle, rilevazioni varie, ecc.); Gestione Contabile-Finanziaria (bilancio della scuola, pagamenti, riscossioni, registro delle minute spese, registro accantonamento ritenute) Gestione Emolumenti (elaborazione emolumenti /cedolini unici, CUD, denunce mensili all'inpdap e all'inps, comunicazione dati alla D.P.T., modelli di disoccupazione INPS, modelli 770, Dichiarazioni IRAP, Trattamenti di Fine Rapporto, ecc.); Gestione Patrimonio (inventario, magazzino) Gestione Personale (presenze, fascicoli personali dei dipendenti, graduatorie di istituto, dichiarazioni di servizio, certificati di servizio, individuazione supplenze, contratti d'opera, decreti assenze, rilevazioni varie, ricostruzioni di carriera, pratiche PA04, ecc.) Autovalutazione dei servizi Il percorso di autovalutazione è finalizzato a identificare le possibili soluzioni tecnologiche (Tiers) rispondenti alle peculiari caratteristiche e specificità del servizio erogato e dell'ente. L' autovalutazione dei singoli servizi ( e/o delle singole classi di servizio) va effettuata mediante l'applicazione web messa a disposizione dal DigitPA alla seguente pagina e il cui manuale d'uso è reperibile alla pagina d'uso applicativo web autovalutazione.pdf. Ciascun servizio/classe di servizio va analizzato con una istanza separata dello strumento. Il processo di autovalutazione si sviluppa lungo tre direttrici: tipologia di servizio erogato; complessità organizzativa; complessità tecnologica.

4 Per ciascuna direttrice, l'applicazione elabora, sulla base di una serie di parametri definiti dal compilatore della scheda di autovalutazione, un indice di criticità. I tre indici finali, uno per direttrice, concorrono a loro volta a determinare un indice complessivo di criticità del servizio, che consentirà di associare al servizio in esame una delle 4 possibili classi di rischio, per le quali è possibile adottare una delle 6 soluzioni tecnologiche previste (Tiers). L'indice di criticità complessivo può assumere valori che variano in scala tra 1 e 10. La tabella successiva mostra le relazioni di corrispondenza tra l'indice di criticità e le classi di rischio: Indice di criticità Classe di rischio < 3 Bassa < 6 Media < 9 Alta 9-10 Critica La tabella successiva mostra le 4 classi di rischio, cui corrispondono le soluzioni tecnologiche (Tiers) minime. Soluzioni tecnologiche Tier 1: backup dati e conservazione presso un altro sito con spazi attrezzati per accogliere risorse elaborative in caso di disastro, con garanzia della disponibilità di risorsa di elaborazione in emergenza. Tier 2: soluzione simile a quella di Tier 1 ma le risorse elaborative, già presenti, possono essere disponibili in tempi più brevi. Tier 3: soluzione simile a quella di Tier 2 ma il trasferimento dei dati tra il sito primario e quello di DR avviene attraverso un collegamento di rete tra i due siti. Tier 4: la soluzione prevede che le risorse elaborative, garantite coerenti con quelle del centro primario, siano sempre disponibili, permettendo la ripartenza delle funzionalità in tempi rapidi. Tier 5: la soluzione è analoga a quella del Tier4, con la differenza che l aggiornamento finale dei dati avviene solo quando entrambi i siti hanno eseguito e completato i rispettivi aggiornamenti. Tier 6: la soluzione prevede che nel sito di DR le risorse elaborative, oltre ad essere sempre attive, siano funzionalmente speculari a quelle del sito primario, rendendo così possibile ripristinare l operatività dell IT in tempi molto rapidi. Classe di rischio Bassa Media Alta Critica Tra le direttrici, quella che ha un maggiore peso nell'elaborazione dell'indice di criticità complessivo è la tipologia di servizio. Tra i parametri relativi a quest'ultima direttrice, particolare attenzione deve essere posta nell'indicazione del "Tempo massimo tollerabile tra la produzione di un dato e il suo salvataggio" (RPO) e del "Tempo massimo tollerabile di indisponibilità del servizio"(rto): i due indicatori restituiscono infatti la "misura" in cui deve deve essere mantenuto in operatività il servizio.

5 In generale, nel caso delle istituzioni scolastiche, non si rilevano grossi scostamenti tra gli indici complessivi di criticità calcolati per i vari servizi/classi di servizio: è infatti possibile desumere - attraverso semplici simulazioni - per ciascun servizio un indice di criticità variabile tra "1" e "2" (classe di rischio "bassa"), con eccezione di alcuni casi, come ad esempio l'albo on line, per i quali sono richiesti livelli di continuità più stringenti (parametri RPO ed RTO relativamente bassi, classe di rischio "media") Compilazione della scheda di autovalutazione La compilazione della scheda di autovalutazione del servizio non presenta eccessive difficoltà, dal momento che l'applicazione fornisce per ciascun parametro una lista di scelte predefinite, che indicano le possibili alternative associabili al parametro stesso (come illustrato nell'immagine seguente). Al termine della compilazione della scheda di autovalutazione, cliccando sul pulsante,

6 l'applicazione processerà i dati inseriti dal compilatore segnalando eventuali incongruenze/incoerenze riscontrate. In caso di verifica positiva, l'applicazione mostrerà in una finestra di riepilogo i dati inseriti nella scheda di valutazione: all'interno della finestra, in fondo alla pagina, saranno presenti i pulsanti e, attraverso i quali il compilatore potrà procedere alla modifica dei dati o al download della scheda. Cliccando su "Scarica la scheda", l'applicazione permetterà di salvare in locale il file nomeservizio_aaaammgg_hhmmss.zip, contenente al suo interno un file in formato pdf e uno in xml. I files nomeservizio_aaaammgg_hhmmss.zip relativi alle valutazioni dei singoli servizi, andranno inviati insieme allo Studio di Fattibilità Tecnica al DigitPA (v. in prosieguo) Contenuto dello Studio di Fattibilità Tecnica Lo Studio di Fattibilità Tecnica deve essere redatto per ciascun servizio erogato dall'amministrazione e coperto dalla soluzione tecnologica che si intende adottare (c.d. servizio "in ambito"). Di seguito vengono descritti i contenuti principali dello SFT. Paragrafo Informazioni generali Ambito dello studio di fattibilità tecnica Risultato del percorso di autovalutazione Soluzione tecnica Tempi e modalità di realizzazione della soluzione Descrizione In questo paragrafo vanno riportate le informazioni generali dell Amministrazione che emette lo SFT. Per le Amministrazioni che già dispongono di una soluzione di CO/DR deve essere inviata la versione vigente del Piano di CO e del Piano di DR. In questo paragrafo va descritto l ambito a cui si applica lo SFT, ossia il complesso dei servizi e della relativa struttura che li eroga. In questo paragrafo, per ogni servizio/classe di servizi che fa parte dell ambito dello SFT devono essere riportati i dati emersi nel corso dell autovalutazione (Indice complessivo di criticità, Classe di criticità; Soluzione tecnologica (Tier)). In questo paragrafo deve essere indicato se i servizi/classe servizi, elencati in precedenza, sono coperti da un unica soluzione o sono previste diverse soluzioni. In quest ultimo caso deve essere riportata una mappa di copertura tra le singole soluzioni e i servizi. Se le soluzioni effettivamente adottate differiscono da quelle suggerite dal risultato dello strumento di autovalutazione, è necessario riportarne in dettaglio le motivazioni. Nel caso in cui lo SFT comprenda più soluzioni, per ognuna di esse deve essere compilato un sottoparagrafo in cui riportare a quale servizio/classe di servizi si riferisce la soluzione e la descrizione dell architettura tecnica ed applicativa che si intende adottare/ si è adottata per la soluzione. In questo paragrafo devono essere indicati: - i tempi di realizzazione delle soluzioni individuate; - le modalità di realizzazione delle soluzioni individuate; - le eventuali criticita che possono incidere sul piano di realizzazione.

7 4.4. Elaborazione dello Studio di Fattibilità Tecnica mediante Argo Privacy WEB Le Guide Sintetiche All'interno dell'applicativo Argo Privacy Web, sono presenti dei moduli che consentono l'inserimento dei dati necessari all'elaborazione e alla stampa dello Studio di Fattibilità Tecnica. In prima istanza, l'operatore deve indicare i servizi erogati dall'amministrazione. Si accede alla funzione dal menù "Tabelle Servizi" Il sistema riporterà nella finestra l'elenco dei servizi inseriti dall'utente Attraverso le icone presenti nella barra della finestra, sarà possibile procedere all'inserimento, modifica e cancellazione dei servizi. L'immagine successiva mostra la finestra di dettaglio del servizio

8 Segue la specifica descrittiva dei vari campi Campo Servizio Descrizione Responsabile In ambito Classe di servizio Utenza Soluzione tecnologica Indice di criticità Classe di criticità Descrizione Va indicato il nome del servizio o della classe di servizio Nel caso di utilizzo di classi di servizio, può essere usato per riportare una breve descrizione dei criteri adottati per il raggruppamento dei vari servizi. Può essere usato per indicare il nominativo del responsabile del servizio. Attraverso il pulsante di ricerca posto a fianco del campo, è possibile prelevare il nominativo dall'anagrafe del personale. Va indicato "Si" nel caso in cui si tratti di un servizio coperto da una delle soluzioni che si intende adottare (e quindi da includere nell'ambito dello studio di fattibilità). Va indicato "Si" nel caso in cui si tratti di una classe di servizio. Va indicata la tipologia di utenza cui si rivolge il servizio: le opzioni di scelta sono le stesse di quelle previste dallo strumento di autovalutazione. Va riportato il "Tier" restituito dallo strumento di autovalutazione Va riportato l'indice di criticità complessivo restituito dallo strumento di autovalutazione Va riportata la classe di criticità restituita dallo strumento di autovalutazione Terminata la compilazione dei servizi, l'operatore può procedere alla definizione delle soluzioni tecniche che l'amministrazione intende adottare. Si accede alla funzione dal menù "Tabelle Soluzioni tecniche"

9 Attraverso le sottofunzioni "Nuovo" e "Modifica" è possibile procedere all'inserimento e alla modifica/cancellazione delle soluzioni tecniche. L'immagine successiva mostra la finestra di dettaglio della soluzione tecnica La finestra è suddivisa in due sezioni: "Dati generali" e "Servizi collegati". Nella prima sezione vanno riportati gli elementi qualificanti la soluzione tecnica che s'intende adottare (o che è stata già adottata). Una serie di "help contestuali", guidano l'operatore nelle compilazione della sezione. Segue la specifica descrittiva dei vari campi Campo Soluzione Tier Stato della soluzione Caratteristiche della soluzione DR Descrizione Va indicato il nome della soluzione (es. Soluzione n. 1) Va indicato il Tier cui fa riferimento la soluzione tecnica che si intende adottare o che è stata adottata. Naturalmente il Tier della soluzione tecnica può essere anche più elevato rispetto a quello individuato dall'autovalutazione. Va indicato uno tra gli stati possibili: da adottare, adottata, in realizzazione Va indicato se le caratteristiche della soluzione sono conformi ai paragr. 6,3, 6.4, 6.5 delle linee guida. In caso contrario, evidenziare eventuali difformita' e relative motivazioni.

10 Descrizione organiz. per le emergenze Quantità dati trasferiti tra i siti Natura dei dati trasferiti Modalità di trasferimento dati tra i siti Risorse elab. sito primario Risorse elab. sito secondario Prest. risorse elab. sito sec. Va indicata la descrizione dell organizzazione per la gestione delle emergenze che si intende adottare (per esempio, come indicato nel capitolo 4 delle Linee guida per il DR delle PA ). Va indicata la quantità dei dati (espressa in MB GB o TB) trasferiti tra il sito primario (in cui avviene l'erogazione del servizio in condizioni normali) e il sito secondario (utilizzato nel caso di inattività del sito primario e in cui vengono appunto ripristinati i servizi per tutta la durata dell'emergenza) relativamente ai servizi afferenti alla soluzione Indicare la natura di dati (relativamente ai servizi afferenti alla soluzione) trasferiti tra i due siti Indicare: a) se solo trasferimento, indicare quali supporti e la frequenza di trasferimento; b) se trasmissione on line, indicare banda garantita e % banda utilizzata Va indicato il tipo di risorsa elaborativa utilizzata presso il sito primario per i servizi afferenti alla soluzione. Opzioni possibili: fisica, virtualizzata, mista. Va indicato il tipo di risorsa elaborativa utilizzata presso il sito secondario per i servizi afferenti alla soluzione. Opzioni possibili: condivise, dedicate. Vanno indicate le prestazioni delle risorse elaborative utilizzate presso il sito secondario per i servizi afferenti alla soluzione. Opzioni possibili: equivalenti a quelle nel primario, ridotte in termini di prestazioni. Dimensione dello storage Vanno indicate le dimensioni dei supporti di memorizzazione dei dati, nel sito primario e secondario relativo ai servizi afferenti alla soluzione (espresse in GB o TB) Connettività sito DR Numero PDL minimo Organiz. per la gest. emergenze indicare se esiste, è prevista o non è prevista la connetività del sito secondario con eventuali sedi periferiche Indicare il numero di postazioni dilavoro necessarie a garantire la funzionalità minima dei servizi offerti durante l operatività ordinaria e l operatività in emergenza Indicare se: esiste / è prevista / non è prevista

11 Note sull'organizzazione Condizioni di rischio Modalità di realizzazione Tempi di realizzazione Esiste un piano di disaster recovery? Esiste un piano di continuità operativa? Data disponibilità PDR Data disponibilità PCO Data disponibilità sito secondario Data disponibilità soluzione un'organizzazione per la gestione delle emergenze (es. se è stato istituito un comitato di crisi) Nel caso in cui sia presente un'organizzazione per la gestione delle emergenze, indicare come viene identificata e la composizione della stessa (ruoli e responsabilità) Indicare le condizioni limite (scenari di rischio) affinché sia dichiarata la crisi (per attivare le misure che saranno contenute nel Piano di Continuità Operativa) ed in particolare dove sono definite e documentate Indicare la modalità di realizzazione della soluzione (es. Acquisizione servizio, Forniture, Condivisione sito con altra amministrazione, Ristrutturazione sito amministrazione) Indicarei tempi di realizzazione della soluzione tecnica Indicare se già esiste un piano di DR. Indicare se già esiste un piano di CO. Indicare la data di disponibilità del Piano di Disaster Recovery Indicare la data di disponibilità del Piano di Continuità Operativa Indicare la data di disponibilità del sito secondario per la soluzione afferente ai servizi Indicare la data a partire dalla quale la soluzione sarà operativa.

12 Nella seconda sezione vanno indicati i servizi cui si riferisce la soluzione che s'intende adottare (o che è già stata adottata). I due pulsanti "Inserisci" ed "Elimina" consentono di aggiungere o togliere dall'elenco eventuali servizi. L'immagine successiva mostra la finestra di inserimento di un servizio nella lista di servizi collegati alla soluzione. Segue la specifica descrittiva dei vari campi Campo Servizio Gestione infrastruttura IT del sito di produzione Note sull'infrastruttura sito primario Descrizione Va indicato il servizio da collegare alla soluzione. La lista di scelte propone solo quei servizi definiti dall'utente "in ambito" Indicare una delle possibili opzioni: Interna Esterna: presso fornitore Esterna: presso società in house/centro servizi Esterna: presso altra Amministrazione Da compilare solo nel caso di gestione

13 Gestione della soluzione per il sito di DR dell'infrastruttura del sito primario affidata all'esterno. Vanno indicati gli elementi minimi contrattuali: durata, SLA, localizzazione sito Indicare una delle possibili opzioni: Interna Esterna: presso fornitore Esterna: presso società in house/centro servizi Esterna: presso altra Amministrazione Al termine della compilazione dei servizi e delle soluzioni tecniche, è possibile procedere all'elaborazione e stampa del documento, dal menù Stampe Disaster Recovery Studio di Fattibilità Tecnica. 5. Analisi del contesto e la scelta delle soluzioni per la continuità operativa In linea di massima le istituzioni scolastiche possono essere definite amministrazioni di piccole dimensioni. Sono generalmente dislocate in un unica sede o su più sedi all'interno dello stesso comune. Le attività svolte non sono in genere particolarmente critiche ai fini della continuità operativa e può essere tollerata una interruzione dei servizi per una durata massima variabile tra giorni e settimane. Anche il sistema informatico non presenta una rilevante complessità, essendo costituito in buona parte dei casi da PC e server connessi in LAN, o nel caso di sedi distaccate, da più LAN tra loro interconnesse. In questi casi i server sono allocati in una specifica sede (generalmente la sede centrale) e i servizi vengono erogati presso gli uffici tramite collegamenti remoti ai sistemi server, oppure attraverso Internet. La presenza di personale tecnico è limitata e in alcuni casi le operazioni di backup/restore e di gestione ordinaria degli apparati è affidata al personale amministrativo o a docenti con competenze informatiche. L'analisi del contesto induce dunque a ritenere idonee quelle soluzioni che permettono di affrontare eventi calamitosi garantendo gli adempimenti essenziali anche senza elevati livelli di servizio. In tal senso, sono particolarmente indicati accordi di mutuo soccorso o forme associative (reti) tra varie istituzioni scolastiche che consentono di condividere le risorse per l emergenza. Un'altra possibilità da valutare è il ricorso a servizi informatici in modalità web: in questo caso infatti l istituzione scolastica potrà sviluppare un piano di continuità operativa che si preoccupi essenzialmente degli aspetti logistici e organizzativi, mentre sarà cura del fornitore adottare un proprio sistema di continuità operativa che garantisca i servizi informatici. 6. Informazioni da inviare a DigitPA ai fini del rilascio del parere sugli Studi di Fattibilità Tecnica La richiesta di parere sullo SFT deve essere trasmessa mediante posta elettronica certificata (PEC) all indirizzo PEC dal Responsabile della Continuità Operativa, dalla casella PEC dell istituzione scolastica. La richiesta di parere, deve essere inoltrata sia dalle Amministrazioni che non dispongono di Piani e soluzioni di CO/DR sia dalle Amministrazioni che già si sono dotate degli stessi. Il messaggio di PEC deve avere in allegato: la richiesta di parere sullo SFT; una relazione che illustri gli obiettivi complessivi che l'amministrazione si propone di raggiungere ai fini della digitalizzazione e dell attuazione degli adempimenti del CAD, nonché

14 per assicurare il rispetto delle Regole Tecniche dallo stesso CAD previste; lo SFT in formato elettronico liberamente rielaborabile e uno o più file contenenti gli esiti dell' autovalutazione eseguite sui servizi, mediante l'applicazione messa a disposizione da DigitPA sul proprio sito; i riferimenti (indirizzo e.mail; numeri di telefono) del Responsabile della Continuità Operativa, per eventuali richieste di informazioni e chiarimenti. Il parere emesso da DigitPA potrà essere: Favorevole Favorevole condizionato Contrario Per l'emissione del parere è previsto un termine di 60 giorni dalla ricezione della richiesta. Se necessario, possono essere richieste da parte di DigitPA informazioni aggiuntive all'amministrazione: in questo caso s'interrompe il termine di emissione del parere, che verrà rilasciato entro 30 giorni dalla ricezione di tutti gli elementi richiesti.

L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis

L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis DEL NUOVO CAD DEL NUOVO CAD Franco Ardito Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte Franco Ardito Programma

Dettagli

CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A.

CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A. CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A. DEFINIZIONI CONTINUITÀ OPERATIVA capacità di reagire e rispondere a eventi imprevisti che compromettano il funzionamento ICT DISASTER RECOVERY sinonimo

Dettagli

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Agenda dell incontro 2 A. Premesse: 1. Introduzione e sintesi del quadro normativo 2. Stato di avanzamento dei

Dettagli

Studio di Fattibilità Tecnica

Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI MONASTIER DI TREVISO Provincia di Treviso Tel. 0422/798525 - Fax 0422/791045 e-mail: ragioneria@comune.monastier.tv.it pec: ragioneria.comune.monastier.tv@pecveneto.it Studio di Fattibilità Tecnica

Dettagli

Sicurezza informatica nelle Pubbliche Amministrazioni

Sicurezza informatica nelle Pubbliche Amministrazioni La continuitá operativa nelle Pubbliche Amministrazioni Bolzano, 28.02.2012 Dott. Giovanni Rellini Lerz Definizione di business continuity (BC) o continuità operativa (CO) (Da BS 25999-2:2007) Business

Dettagli

EasyGov Solutions Srl. Start-up del Politecnico di Milano

EasyGov Solutions Srl. Start-up del Politecnico di Milano EasyGov Solutions Srl Start-up del Politecnico di Milano Continuità Operativa ICT e Disaster Recovery 2 Il contesto - 1 Continuità operativa Generale Persone, Impianti, Infrastrutture, documenti, norme,

Dettagli

Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione

Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione DEFINIZIONI Linee Guida per il DR delle PA, DigitPA 2011 Continuità Operativa (CO) Continuità Operativa: l insieme delle attività

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Continuità operativa - FAQ

Continuità operativa - FAQ Continuità operativa - FAQ Cosa è la Continuità Operativa? La continuità operativa è l insieme di attività volte a minimizzare gli effetti distruttivi, o comunque dannosi, di un evento che ha colpito un

Dettagli

Piano di Continuità Operativa ICT

Piano di Continuità Operativa ICT LOGO DELL AMMINISTRAZIONE Piano di Continuita Operativa ICT Esempio di modello generale X/XX/201X F I R M E Unità/Ruolo Nominativo Firma PREPARATO DA: CONTROLLATO DA: APPROVATO DA: AUTORIZZATO DA: 2 LISTA

Dettagli

INFORMATIVA DI GIUNTA

INFORMATIVA DI GIUNTA COPIA ATTI: 1787/3.6/2014/1 N. REP. GEN. 5/2014 INFORMATIVA DI GIUNTA Oggetto: Informativa in merito alla realizzazione del Piano di Continuità Operativa del Sistema Informativo della Provincia di Milano.

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione 1 1. INTRODUZIONE ALLO STRUMENTO DI SUPPORTO ALL AUTOVALUTAZIONE Lo strumento

Dettagli

PRIVACY WEB. Rev. 07 del 06/03/2014 Versione 1.7.0

PRIVACY WEB. Rev. 07 del 06/03/2014 Versione 1.7.0 Rev. 07 del 06/03/2014 Versione 1.7.0 1 PREMESSA... 3 OPERAZIONI PRELIMINARI...5 MENÙ PRINCIPALE... 6 ANAGRAFE PERSONALE... 8 ANAGRAFE FORNITORI...10 INCARICHI... 11 AZIONI... 15 ANALISI DEI RISCHI...15

Dettagli

LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz

LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale: opportunità per i cittadini, adempimenti per le amministrazioni Napoli, 28 aprile 2011 LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz Introduzione alla

Dettagli

Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web

Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web Premessa La Argo software srl è impegnata costantemente a pianificare e monitorare le proprie azioni per la

Dettagli

Studio di Fattibilità Tecnica

Studio di Fattibilità Tecnica Comune di Castenedolo (BS) Studio di Fattibilità Tecnica Sommario 1 Introduzione... 2 1.1 Obiettivi del Documento... 2 2 Informazioni generali... 3 2.1 Descrizione dell Amministrazione, organizzazione

Dettagli

Il Piano di Continuità operativa. Autore: Lino Fornaro, CLUSIT

Il Piano di Continuità operativa. Autore: Lino Fornaro, CLUSIT Il Piano di Continuità operativa Autore: Lino Fornaro, CLUSIT L Autore Lino Fornaro, Security Consultant Amministratore della Net1, Presidente Axelion ü Senior Security Consultant ü Lead Auditor ISO/IEC

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli

SCUOLANEXT GUIDA ALLE OPERAZIONI DA COMPIERE PER GLI SCRUTINI DA PARTE DEI DOCENTI DEL 11/11/2013

SCUOLANEXT GUIDA ALLE OPERAZIONI DA COMPIERE PER GLI SCRUTINI DA PARTE DEI DOCENTI DEL 11/11/2013 SCUOLANEXT GUIDA ALLE OPERAZIONI DA COMPIERE PER GLI SCRUTINI DA PARTE DEI DOCENTI DEL 11/11/2013 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili a nessuna persona realmente

Dettagli

Argo Qualità WEB Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

Argo Qualità WEB Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 PREMESSA...3 MENU PRINCIPALE...4 PERSONALE...5 FORNITORI...7 ACCORPAMENTO...13 REGISTRAZIONI...14 RAPPORTI DI NON CONFORMITA...15 RECLAMI AL FORNITORE...18 DOCUMENTI...20 REVISIONI ARGO...21 REVISIONI

Dettagli

Rev. 06 del 16/09/2015 Versione 2.0.0

Rev. 06 del 16/09/2015 Versione 2.0.0 Rev. 06 del 16/09/2015 Versione 2.0.0 Indice generale PREMESSA... 3 UTILIZZO DELL'APPLICAZIONE... 3 ACCESSO AL SISTEMA... 4 MENU' PRINCIPALE... 4 BACHECA... 5 DOCUMENTI... 6 GESTIONE DOCUMENTO... 7 OPERAZIONI

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO CED EX OPP

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo Continuità operativa e Disaster recovery Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo Alcuni concetti Gestione

Dettagli

SCRUTINI_WEB GUIDA ALLE OPERAZIONI DA COMPIERE DA PARTE DEL DOCENTE COORDINATORE / DIRIGENTE SCOLASTICO DEL 11/11/2013

SCRUTINI_WEB GUIDA ALLE OPERAZIONI DA COMPIERE DA PARTE DEL DOCENTE COORDINATORE / DIRIGENTE SCOLASTICO DEL 11/11/2013 SCRUTINI_WEB GUIDA ALLE OPERAZIONI DA COMPIERE DA PARTE DEL DOCENTE COORDINATORE / DIRIGENTE SCOLASTICO DEL 11/11/2013 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili

Dettagli

La sicurezza nella società digitale e nuovi modelli d uso ICT per la Pubblica Amministrazione

La sicurezza nella società digitale e nuovi modelli d uso ICT per la Pubblica Amministrazione La sicurezza nella società digitale e nuovi modelli d uso ICT per la Pubblica Amministrazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Massimiliano D Angelo Forum PA, 30 maggio 2013 1 I numeri

Dettagli

PRIVACY WEB Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

PRIVACY WEB Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 PREMESSA... 3 OPERAZIONI PRELIMINARI... 4 MENÙ PRINCIPALE... 5 ANAGRAFE PERSONALE... 6 ANAGRAFE FORNITORI... 8 BANCHE DATI... 9 ELENCO... 9 GESTIONE... 10 INCARICHI... 12 ANALISI... 14 RISCHI... 14 REGISTRAZIONI...

Dettagli

ELABORARE UN MODELLO PA 04

ELABORARE UN MODELLO PA 04 ELABORARE UN MODELLO PA 04 Il programma Argo PA04 è un servizio web che consente l'elaborazione, la stampa e l' esportazione del modello PA04. 1. ACCESSO Argo PA04 richiede l'utilizzo del browser di navigazione

Dettagli

Rev. 4 del 06/03/2014 Versione 1.5.0

Rev. 4 del 06/03/2014 Versione 1.5.0 Rev. 4 del 06/03/2014 Versione 1.5.0 Indice generale PREMESSA... 3 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 ACCESSO DAL PORTALE ARGO... 5... 5 PANNELLO AMMINISTRATORE...6 BACHECA DIGITALE... 6 GESTIONE PUBBLICAZIONI...

Dettagli

Seminario tecnico - Commissione ICT L affidabilità delle strutture ICT critiche

Seminario tecnico - Commissione ICT L affidabilità delle strutture ICT critiche Seminario tecnico - Commissione ICT L affidabilità delle strutture ICT critiche Parte 2 - Architetture ICT e soluzioni organizzative per BC e DR, standard, normativa banche e PA Lead Auditor ISO 22301

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

Aldo Lupi Ancitel Lombardia

Aldo Lupi Ancitel Lombardia BUSINESS CONTINUITY E DISASTER RECOVERY PER LE PA: OBBLIGHI DI LEGGE, STRATEGIE E OPPORTUNITA I RELATORI TELECOM Enzo Mario Bagnacani-Top Clients& Public Sector - Marketing Responsabile Infrastructure

Dettagli

PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF

PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF PRODUZIONE, FIRMA E PUBBLICAZIONE DELLA PAGELLA ELETTRONICA CON ALUNNI WEB PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF Le Guide Sintetiche Procedura: Il primo passo per la produzione delle pagelle digitali è quello

Dettagli

Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP. Il Capo V del C.A.D.

Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP. Il Capo V del C.A.D. Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP Milano, 24 maggio 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Il valore dei dati pubblici Dati pubblici: - patrimonio dell'ente

Dettagli

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe Business continuity per la PA Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma Generalità sul disaster recovery Disaster recovery e sicurezza Aspetti

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

EMOLUMENTI GUIDA PER L ELABORAZIONE DEI FILE XML DA INVIARE A NOIPA (CEDOLINO UNICO COMPETENZE FISSE SUPPLENTI BREVI) 09/07/2014

EMOLUMENTI GUIDA PER L ELABORAZIONE DEI FILE XML DA INVIARE A NOIPA (CEDOLINO UNICO COMPETENZE FISSE SUPPLENTI BREVI) 09/07/2014 EMOLUMENTI GUIDA PER L ELABORAZIONE DEI FILE XML DA INVIARE A NOIPA (CEDOLINO UNICO COMPETENZE FISSE SUPPLENTI BREVI) 09/07/2014 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili

Dettagli

roberto.albiero@cnr.it

roberto.albiero@cnr.it 2.2 Gestione dei file 2.2.1 Concetti fondamentali Un file (termine inglese che significa archivio) è un insieme di informazioni codificate ed organizzate come una sequenza di byte; queste informazioni

Dettagli

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Procedure d emergenza e Business Continuity Plan Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Loreto Ottobre 2011 La business continuity è in sostanza l insieme di attività

Dettagli

COMPILAZIONE E IMPORTAZIONE DATI PER MODELLO 770

COMPILAZIONE E IMPORTAZIONE DATI PER MODELLO 770 COMPILAZIONE E IMPORTAZIONE DATI PER MODELLO 770 Le Guide Sintetiche La dichiarazione mod. 770 Semplificato deve essere trasmessa, esclusivamente per via telematica, entro il 31 luglio 2014. Di seguito

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 86 del 13/02/2015 Registro del Settore N. 9 del 03/02/2015 Oggetto: Acquisto del servizio settimanale OFF-SITE

Dettagli

FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT

FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT Aggiornato al 23-03-2015 Le fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione dovranno essere emesse esclusivamente in forma elettronica:

Dettagli

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della (Allegato C ) Allegato C Misure di sicurezza Il presente allegato descrive le caratteristiche della piattaforma e le misure adottate per garantire l'integrita' e la riservatezza dei dati scambiati e conservati,

Dettagli

Centro Unico di Backup: l esperienza INPS

Centro Unico di Backup: l esperienza INPS Centro Unico di Backup: l esperienza INPS I servizi erogati Offre servizi diversi a circa 42 milioni di utenti cittadini, pensionati, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, lavoratori parasubordinati,

Dettagli

Gestione connessioni Manuale d'uso

Gestione connessioni Manuale d'uso Gestione connessioni Manuale d'uso Edizione 1.0 IT 2010 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Nokia, Nokia Connecting People e il logo Nokia Original Accessories sono marchi o marchi registrati di Nokia

Dettagli

PA online evoluzione normativa

PA online evoluzione normativa PA online evoluzione normativa WEB PA Evoluzione normativa della PA nel web Albo online (legge 69/2009, art. 32) Dal 1 gennaio 2011 è entrato in vigore, dopo un anno di proroga, l art. 32 della L. 69/2009

Dettagli

Indice generale ARGO XML per AVCP v. 1.3.0...2 ARGO XML per AVCP v. 1.2.0...9 ARGO XML per AVCP v. 1.1.0...12 ARGO XML per AVCP v. 1.0.0...

Indice generale ARGO XML per AVCP v. 1.3.0...2 ARGO XML per AVCP v. 1.2.0...9 ARGO XML per AVCP v. 1.1.0...12 ARGO XML per AVCP v. 1.0.0... Indice generale ARGO XML per AVCP v. 1.3.0...2 ARGO XML per AVCP v. 1.2.0...9 ARGO XML per AVCP v. 1.1.0...12 ARGO XML per AVCP v. 1.0.0...17 ARGO XML per AVCP v. 1.3.0 Con l'aggiornamento Argo XML per

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 4.6.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO

PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO Ordinanza commissariale n. 57 del 12 ottobre 2012 e successive modifiche Criteri e modalità per il riconoscimento dei danni e la concessione dei contributi per la riparazione,

Dettagli

"QUANDO C'E' UNA META, ANCHE IL DESERTO DIVENTA STRADA"

QUANDO C'E' UNA META, ANCHE IL DESERTO DIVENTA STRADA Progettare oggi, significa apportare innovazione, semplicità, aumento della produttività, creare valore aggiunto durante le normale attività di lavoro, sempre senza generare attriti tra la produzione e

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP versione

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del c. 3, lettera b) dell art. 50bis del Codice dell Amministrazione Digitale Aggiornamento 2013 1 Sommario GUIDA ALLA LETTURA...

Dettagli

BOZZA PRELIMINARE. Capitolato Tecnico. per l affidamento dei servizi di Disaster Recovery degli Istituti assistenziali e previdenziali pubblici

BOZZA PRELIMINARE. Capitolato Tecnico. per l affidamento dei servizi di Disaster Recovery degli Istituti assistenziali e previdenziali pubblici Capitolato Tecnico per l affidamento dei servizi di Disaster Recovery degli Istituti assistenziali e previdenziali pubblici 1 1 DEFINIZIONI E GLOSSARIO DEI PRINCIPALI TERMINI USATI NEL DOCUMENTO E NEGLI

Dettagli

COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC

COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC Servizi per l e-government nell Università Federico II COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC Data ultima revisione: 16 novembre 2010 Versione: 3.0 A cura del CSI - Area tecnica E-government e-mail: egov@unina.it

Dettagli

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART.

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. 50 BIS DEL CAD VERSIONE 2.4 DEL 30/07/2012 SOMMARIO 1. Introduzione 2

Dettagli

Redatto da: dott. Leonardo Sartori Direttore Sistemi Informativi APSS. Data: 04/12/2012. Versione: 1.0. Da inviare a: Digitpadir@pec.digitpa.gov.

Redatto da: dott. Leonardo Sartori Direttore Sistemi Informativi APSS. Data: 04/12/2012. Versione: 1.0. Da inviare a: Digitpadir@pec.digitpa.gov. Studio di Fattibilità Tecnica Redatto secondo le Linee guida per il Disaster Recovery delle Pubbliche Amministrazioni ai sensi del comma 4 dell art. 50-bis del DLgs. n. 82/2005 e s.m.i. APSS 2012 Redatto

Dettagli

GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO

GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO 27 Giugno 2011 DOC. ES-31-IS-0B PAG. 2 DI 26 INDICE PREMESSA 3 1. INSTALLAZIONE

Dettagli

amministrazione referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione formato

amministrazione referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione formato 1 2 3 amministrazione referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione formato I.T.C.S. PAOLO SAVI GADDI M.PATRIZIA vttd07000n@pac.istruzione.it Alunni Alunni DBMS SQL server Scuola argodb

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

CONVOCAZIONE ASPIRANTI SUPPLENTI A MEZZO SMS

CONVOCAZIONE ASPIRANTI SUPPLENTI A MEZZO SMS CONVOCAZIONE ASPIRANTI SUPPLENTI A MEZZO SMS Le Guide Sintetiche Il D.M. n. 56 del 28/5/2009 ha profondamente innovato le procedure da adottare nell'effettuare l'individuazione e convocazione dei supplenti

Dettagli

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione PARAMETRI 2014 P.I. 2013 Guida all uso ed all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2014 consente di stimare i ricavi o i compensi dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata)

Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata) Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata) Come già specificato, il software è stato realizzato per la gestione di account PEC (Posta Elettronica Certificata), ma consente di configurare anche

Dettagli

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO Guida per il compilatore Versione 1.0 Sommario 1 Rendicontazione... 2 1.1 Da cosa è costituita la rendicontazione... 2 1.2 Dove reperire i modelli e come compilarli...

Dettagli

PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO E GESTIONE DELLE COMUNICAZIONI TRA BENEFICIARI E PA

PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO E GESTIONE DELLE COMUNICAZIONI TRA BENEFICIARI E PA PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO E GESTIONE DELLE COMUNICAZIONI TRA BENEFICIARI E PA Ordinanza n. 109/2013 come modificata dinanza n. 128/2013 - Allegato 3 Bando per interventi a favore della ricerca

Dettagli

1) UFFICIO DEL PERSONALE Studio e aggiornamento della normativa

1) UFFICIO DEL PERSONALE Studio e aggiornamento della normativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BURLANDO Via Montaldo, 61-16137 GENOVA Tel.: 010.8461599 - Fax: 010.812933 C.F. 95131430100 e-mail: geic829009@istruzione.it - p.e.c.: geic829009@pec.istruzione.it www.icburlando.gov.it

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE PEC

MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE PEC Comune di Mentana Provincia di Roma ALLEGATO 11 al Manuale di Gestione del Protocollo informatico, dei documenti e dell Archivio del Comune di Mentana MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE PEC Cos è la PEC?

Dettagli

ARKmanager - Versione 6.30.00

ARKmanager - Versione 6.30.00 Notte dii AGGIIORNAMENTO Prrodottttii Compllementtarrii IInttegrrattii ARKmanager - Versione 6.30.00 INFORMAZIONI AGGIORNAMENTO Notte Uttentte La Release 6.30.00 di ARKmanager è una versione aggiornabile/installabile

Dettagli

J-Demos Elettorale Modelli 3D XML Fascicolo Elettronico (ver.2.11.13.0)

J-Demos Elettorale Modelli 3D XML Fascicolo Elettronico (ver.2.11.13.0) MODELLI 3D in FORMATO XML e Fascicolo Elettronico Introduzione La circolare 43/2014 impone lo scambio delle comunicazioni elettorali in via telematica a partire dalla prossima revisione dinamica di gennaio

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA P.A.

FATTURA ELETTRONICA P.A. FATTURA ELETTRONICA P.A. FATTURAZIONE ELETTRONICA OBBLIGATORIA L. 244/2007 (L.F. 2008) art. 1, co. 209-214 FATTURAZIONE ELETTRONICA FACOLTÀ OBBLIGO dal 2008 nei rapporti business to government (B2G) successivamente

Dettagli

MUDE Piemonte. Modalità operative utilizzo della Scrivania del professionista

MUDE Piemonte. Modalità operative utilizzo della Scrivania del professionista MUDE Piemonte Modalità operative utilizzo della Scrivania del professionista STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V01 Tutto il documento Versione iniziale del

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA CAPITOLATO TECNICO Oggetto: FORNITURA DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE A NORMA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PRODOTTI DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LOCALI DELLA REGIONE UMBRIA 1. OGGETTO DELLA FORNITURA Oggetto

Dettagli

CITTA DI SANTENA Provincia di Torino

CITTA DI SANTENA Provincia di Torino CITTA DI SANTENA Provincia di Torino Determinazione del Responsabile dei Servizi Tecnici e del Territorio N. 404 Data 17/10/2014 n. 159/Servizi Tecnici e del Territorio OGGETTO Sostituzione hardware e

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

Novità della Versione

Novità della Versione Novità della Versione Anagrafiche e struttura: 1. Variazione controllata nominativo proprietario/inquilino 2. Visualizzazione dati anagrafiche in gestione proprietà 3. Riordino nominativi per"n unità"

Dettagli

COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO 7 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI IL SISTEMA DOCUMENTALE E DI PROTOCOLLAZIONE ADOTTATO DALL ENTE

Dettagli

Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015

Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015 Manuale Utente Fatturazione Elettronica Hub per enti intermediati della Regione Lazio Aprile 2015 Aprile 2015 versione 1.0 Pagina 1 Indice Indice... 2 1 INTRODUZIONE... 3 2 FATTURAZIONE ATTIVA... 7 2.1

Dettagli

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012 Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? FORUM PA 2012 Roma, venerdì 18 maggio 2012 MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi Contenuti Contesto di riferimento

Dettagli

SCRUTINIO WEB MANUALE D USO. Scrutinio Web. Manuale d uso Segreteria. Versione 1.2.0 del 12-12-2011. Pagina 1 di 25

SCRUTINIO WEB MANUALE D USO. Scrutinio Web. Manuale d uso Segreteria. Versione 1.2.0 del 12-12-2011. Pagina 1 di 25 Scrutinio Web Manuale d uso Segreteria Versione 1.2.0 del 12-12-2011 Pagina 1 di 25 Sommario PREMESSA... 5 Requisiti minimi... 5 OPERAZIONI PROPEDEUTICHE... 5 Caricamento Anagrafe Docenti della scuola...

Dettagli

Nuovo calcolo Cedolino e Elaborazioni Mensili Integrate

Nuovo calcolo Cedolino e Elaborazioni Mensili Integrate Manuale Operativo Nuovo calcolo Cedolino e Elaborazioni Mensili Integrate UR1303133000 Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta

Dettagli

Sistema Informativo per la dematerializzazione delle istruttorie di approvazione dei Prospetti Emittenti SIPROEM. Manuale Utente

Sistema Informativo per la dematerializzazione delle istruttorie di approvazione dei Prospetti Emittenti SIPROEM. Manuale Utente Sistema Informativo per la dematerializzazione delle istruttorie di approvazione dei Prospetti Emittenti SIPROEM Data : 16/12/2013 Versione : 3.0 Versioni Data Versione Tipo di modifica 10/01/2013 1.0

Dettagli

Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari

Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari www.compliancenet.it www.prometeomc.it Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari 22 luglio 2010 - versione 1.0 http://www.compliancenet.it/content/guida-business-continuity

Dettagli

SICUREZZA ARCHIVI DIGITALI DISASTER RECOVERY

SICUREZZA ARCHIVI DIGITALI DISASTER RECOVERY SICUREZZA ARCHIVI DIGITALI DISASTER RECOVERY Venezia 19 maggio 2011 Scenario di contesto Documenti - solo digitali - digitali e analogici Archivi - solo digitali - digitali e analogici 1 Archivio digitale

Dettagli

Manuale Utente. Gestione protocollo in uscita. 1 01/12/2014 Vincenzo Pellegrino 2 18/12/2014 Vincenzo Pellegrino

Manuale Utente. Gestione protocollo in uscita. 1 01/12/2014 Vincenzo Pellegrino 2 18/12/2014 Vincenzo Pellegrino Manuale Utente Gestione protocollo in uscita Rev. Data Descrizione Modifiche Emissione 1 01/12/2014 Vincenzo Pellegrino 2 18/12/2014 Vincenzo Pellegrino Pag. 1 1.0 Manuale utente 1.1 Descrizione generale

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 11 marzo 2008 SEERVIIZZIIO TTEELLEEMATTIICO M DOGANALLEE G Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015 Scuola Ipsia Dalmazio Birago Sede legale e operativa Corso Novara 65 10154 Torino Data redazione: 2.10.2012 Versione 1 Rev. 05 anno 2014/2015

Dettagli

GUIDA ILLUSTRATA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER LO SPESOMETRO 2013. di Matilde Fiammelli

GUIDA ILLUSTRATA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER LO SPESOMETRO 2013. di Matilde Fiammelli GUIDA ILLUSTRATA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER LO SPESOMETRO 2013 di Matilde Fiammelli Sicuramente tutti gli operatori del settore tributario e fiscale, i quali devono adempiere per conto dei propri clienti

Dettagli

Elementi del progetto

Elementi del progetto Elementi del progetto Premessa Il CLOUD degli Enti Locali rende disponibile quanto necessario per migrare le infrastrutture informatiche oggi attive nei CED dei singoli Enti: Server in forma di Virtual

Dettagli

Valutazione delle domande

Valutazione delle domande AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE D USO DEGLI IMMOBILI COMUNALI AD OPERATORI AUTORIZZATI PER LO SVILUPPO DI INFRASTRUTTURE DI RETE WIRELESS (ACCESSO AD INTERNET SU AREE PUBBLICHE, VIDEOSORVEGLIANZA, CONTROLLO

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA N.B.: i collegamenti agli indirizzi web riportati nel testo e alla Presentazione Fatturazione Elettronica Armando Giudici Dylog - Buffetti sono richiamabili cliccandoli col pulsante sinistro del mouse.

Dettagli

PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF

PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF Requisiti minimi: PRODUZIONE, FIRMA E PUBBLICAZIONE DELLA PAGELLA ELETTRONICA CON ALUNNI WINDOWS PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF Argo Alunni Windows aggiornato alla versione più recente. Adobe PDF CREATOR,

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010 Roma, 25 gennaio 2011 Indice 1. Il nuovo CAD da oggi in vigore 2. Principi ispiratori 3. L e Gov diventa un diritto 4. Nuovi

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 4. Tecnico e Sviluppo Locale N. 141 del Reg. Data 08/07/2013 N. 620 del Reg. Generale OGGETTO PROPOSTA

Dettagli

Sezione 1 - informazioni sull'amministrazione

Sezione 1 - informazioni sull'amministrazione Istruzioni dettagliate per facilitare la comunicazione delle basi dati all Agid. Di seguito vengono indicati, gli adempimenti necessari per compilare il file excel richiesto dall'agenzia per l'italia Digitale.

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i.

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. BREVE GUIDA ALLA LETTURA... 5 1 OBIETTIVI E SCENARI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI

CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI 1 - PREMESSA Il processo di archiviazione e conservazione dei flussi documentali in forma digitale è un fattore fondamentale per

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli