Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery"

Transcript

1 COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del D.Lgs. N. 82/2005 e succ. mod. e int.

2 REVISIONI DEL DOCUMENTO Revisione Data Descrizione /03/2013 Prima stesura Comune di Palomonte (SA) Pag. 2/26

3 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE Obiettivi del documento INFORMAZIONI GENERALI Descrizione dell Amministrazione, organizzazione e funzioni istituzionali L AMBITO DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ TECNICA Servizi erogati Servizi in ambito Servizi non in ambito Descrizione dettagliata Servizi/Classe di Servizi IL RISULTATO DEL PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE LA SOLUZIONE TECNOLOGICA E TECNICA Soluzione adottata o da adottare La situazione adottata fino ad oggi Soluzione tecnologica da adottare Soluzione tecnica Sintesi delle soluzioni tecnologiche e tecniche Riepilogo Servizi, criticità e Soluzione Differenze rispetto all autovalutazione TEMPI E MODALITÀ DI REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE Tempi e Modalità Soluzioni Individuate Vincoli e rischi Soluzione Conclusioni ed adeguatezza della Soluzione ALLEGATI Comune di Palomonte (SA) Pag. 3/26

4 1 INTRODUZIONE La continuità dei sistemi informativi rappresenta per le pubbliche amministrazioni, nell ambito delle politiche generali per la continuità operativa dell ente, un aspetto necessario all erogazione dei servizi a cittadini e imprese e diviene uno strumento utile per assicurare la continuità dei servizi e garantire il corretto svolgimento della vita nel Paese. Al riguardo e più in particolare l articolo 50-bis del CAD aggiornato (che attiene alla Continuità operativa ) delinea gli obblighi, gli adempimenti e i compiti che spettano alle Pubbliche Amministrazioni, ad Agenzia per l Italia Digitale (DigitPA) e al Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, ai fini dell attuazione della continuità operativa: 1. In relazione ai nuovi scenari di rischio, alla crescente complessità dell attività istituzionale caratterizzata da un intenso utilizzo della tecnologia dell informazione, le p.p.a.a. predispongono i piani di emergenza in grado di assicurare la continuità delle operazioni per il servizio e il ritorno alla normale operatività. 2. Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione assicura l omogeneità delle soluzioni di continuità operativa definite dalle diverse Amministrazioni e ne informa con cadenza almeno annuale il Parlamento. 3. A tali fini, le pubbliche amministrazioni definiscono: a. il piano di continuità operativa, che fissa gli obiettivi e i principi da perseguire, descrive le procedure per la gestione della continuità operativa, anche affidate a soggetti esterni. Il piano tiene conto delle potenziali criticità relative a risorse umane, strutturali, tecnologiche e contiene idonee misure preventive. Le amministrazioni pubbliche verificano la funzionalità del piano di continuità operativa con cadenza biennale; b. il piano di Disaster Recovery, che costituisce parte integrante di quello di continuità operativa di cui alla lettera a) e stabilisce le misure tecniche e organizzative per garantire il funzionamento dei centri di elaborazione dati e delle procedure informatiche rilevanti in siti alternativi a quelli di produzione. DigitPA sentito il Garante per la protezione dei dati personali, definisce le linee guida per le soluzioni tecniche idonee a garantire la salvaguardia dei dati e delle applicazioni informatiche, verifica annualmente il costante aggiornamento dei piani di Disaster Recovery delle amministrazioni interessate e ne informa annualmente il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione. 4. I piani di cui al comma 3 sono adottati da ciascuna amministrazione sulla base di appositi e dettagliati studi di fattibilità tecnica; su tali studi è obbligatoriamente acquisito il parere di DigitPA. 1.1 Obiettivi del documento In ottemperanza a quanto citato nel punto 4 dell articolo 50-bis del CAD viene redatto il presente documento di SFT per poter dare evidenza dei risultati emersi nel percorso di autovalutazione, illustrando tra le altre cose: Comune di Palomonte (SA) Pag. 4/26

5 gli eventuali scostamenti tra la soluzione individuata al termine del percorso di autovalutazione e quella effettivamente scelta dalla Amministrazione; il percorso e i tempi che si stima siano necessari per adottare la soluzione suggerita al termine del percorso di autovalutazione e per allinearsi a quanto previsto dalle Linee Guida. Il documento si prefigge quindi di fornire a DigitPA le informazioni necessarie e propedeutiche alla realizzazione del piano di disaster recovery come parte integrante del più ampio piano di continuità operativa. 2 INFORMAZIONI GENERALI Comune di PALOMONTE Sede centrale ( città) Settore di attività Responsabile CO/DR AOO (Area Org.Omog.)/ENTE Indirizzo PEC per le comunicazioni Palomonte (SA) Comuni Rag. Vittorio Conte Comune di Palomonte Data compilazione 31/03/ Descrizione dell Amministrazione, organizzazione e funzioni istituzionali Il Comune di Palomonte è un comune della provincia di Salerno in Campania.. Il paese è ubicato sul cucuzzolo roccioso posto fra la valle del Tanagro e il gruppo montuoso dei monti Marzano-Eremita. La sua particolare forma conica gli rende una caratteristica distintiva abbastanza rara. La zona settentrionale del territorio comunale, caratterizzata da una piccola pianura, fino all'ottocento presentava il Lago di Palo (300 m s.l.m. e un perimetro di 8 km), poi prosciugato. L'origine antichissima di nuclei abitativi nel territorio di Palomonte fa di questo comune serbatoio di importanti elementi culturali. Il periodo preistorico ha visto in località Sperlonga l'esistenza di un insediamento umano, i cui culti religiosi sono ravvisabili nei graffiti e vasche rimaste nelle grotte abitate, la stessa zona, nei millenni successivi, ha visto l'influenza della cultura bizantina, con i monaci basiliani che lì hanno fondato il santuario dedicato all'assunta. Il comune vive le sorti degli altri centri meridionali e diventa meta di conquiste di popoli stranieri (longobardi, svevi, angioini, spagnoli) che apportano alla cultura palomontese importanti tratti (l'influenza spagnola è ravvisabile nella "Descrittione di Palo" del monaco Frà Giovan Battista da Palo). Durante il Regno di Napoli e il Regno delle Due Sicilie, denominato Palo fu un casale amministrato dal comune di Contursi ed appartenente al Distretto di Campagna. Con l'annessione della provincia di Principato Citra al Regno di Sardegna, il nome venne mutato a seguito del Regio Decreto n. 935 del 1862, in Palomonte. La popolazione residente consta di abitanti (dati ISTAT di fine anno 2012). Il territorio comunale ha una superficie di 28 km² con una densità abitativa di 146,43 abitanti/kmq e una altitudine di 550 m s.l.m. Comune di Palomonte (SA) Pag. 5/26

6 Il Municipio è situato in Via A. Massa, 1. Il comune è il centro della vita di relazione dei cittadini residenti nell abitato principale e nelle frazioni Bivio, Perrazze e Valle costituenti il territorio comunale. Il Consiglio Comunale è l'organo di indirizzo e di controllo politico amministrativo. E composto dal Sindaco e da n. 7 Consiglieri. Il Sindaco, capo dell'amministrazione ed Ufficiale di Governo, esercita le competenze stabilite dalla legge. Attualmente riveste la carica di Sindaco il Dott.Pietro Caporale. La Giunta Comunale collabora con il Sindaco nell'amministrazione del Comune. E composta da n. 3 assessori. Il Segretario comunale, dott.ssa Mirla Troncone, svolge la duplice funzione di raccordo tra il Sindaco, la Giunta e gli uffici e di coordinamento tra questi. Il Comune di Palomonte, date le proprie ridotte dimensioni, ha individuato al suo interno una sola Unità Organizzativa Omogenea, coincidente con l Ente stesso. Nella tabella seguente è riportata l organizzazione dell Ente, con l indicazione delle aree e dei servizi in cui è suddivisa e dei ruoli rivestiti. Segretario Comunale: Dott.ssa Mirla Troncone 1) AMMINISTRATIVA Responsabile: Sig. Amato Gerardo Settore n. 1 Affari Generali e Istituzionali Segreteria - Servizi Demografici ed Elettorali - Sport- Cultura - Servizi Bibliotecari e Museali - Relazione esterne - Pubblica Istruzione e servizi educativi Commercio Entrate tributarie e extratributarie - Attività Produttive Gestione amministrativa del servizio cimiteriale E-government Settore n. 2 Gestione Giuridica Personale Cognome / Nome Perrotta Angelo Gentile Giuseppe Cruoglio Antonio Risi Domenica Grossi Alberto Valitutto Attilio Parisi Gennaro Funzione Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Settore n. 3 Polizia municipale Cognome / Nome Garippo Vincenzo Garippo Valentino Funzione Agente di polizia municipale Agente di polizia municipale Comune di Palomonte (SA) Pag. 6/26

7 2) ECONOMICO FINANZIARIA Responsabile: Rag. Cruoglio Ernesto Vice Responsabile: Rag. Conte Vittorio Settore n. 1 Bilancio e Programmazione Economica - Contenzioso Provveditorato - Economato- Gestione giuridica del Patrimonio Settore n. 2 Contabilità - Controllo di Gestione - Finanze - Gestione Contabile del Personale 3) TECNICA Responsabile: Geom. Caporale Giuseppe Vice Responsabile: Arch. Irene Merola Settore n. 1 Fonti Energetiche alternative - Assetto del Territorio e Sviluppo sostenibile - Viabilità - Protezione Civile - Urbanistica - Appalti e Contratti - Cave - Cimitero Comunale - Manutenzione edilizia - Edilizia Privata Cognome / Nome Funzione Casciano Alberta Applicato Settore n. 2 Politiche ambientali - Verde pubblico Tutela paesaggistica Acque, Acquedotti e Depuratori - Procedure Espropriative - Condono Edilizio - Gestione Impianti Tecnologici Progettazione - SUAP Cognome / Nome Funzione Casciano Antonio Ex LSU (part time ore 20) Freda Alessandro Ex LSU (part time ore 20) Giordano Antonio Ex LSU (part time ore 20) Grossi Gerardo Ex LSU (part time ore 20) La Manna Francesco Ex LSU (part time ore 20) Risi Francesco Ex LSU (part time ore 20) Scalcione Vito Ex LSU (part time ore 20) Valitutto Antonio Ex LSU (part time ore 20) Valitutto Alfredo Ex LSU (part time ore 20) Valitutto Vincenzo Ex LSU (part time ore 20) Valitutto Giuseppe Ex LSU (part time ore 20) Cruoglio Vincenzo Ex LSU (part time ore 20) Caprio Francesco Operatore polifunzionale Parisi Pasquale Operatore polifunzionale 4) LEGGE 219/1981 Responsabile: Famularo Diego (Assessore) Settore n. 1 Ricostruzione post terremoto e Sviluppo 5) SOCIO ASSISTENZIALE Responsabile: Sig. Giglio Antonio Settore n. 1 Politiche sociali Gestione Piano Sociale di Zona per la dignità e la cittadinanza sociale Comune di Palomonte (SA) Pag. 7/26

8 Lo schema seguente riporta la rappresentazione grafica dell organizzazione comunale: SINDACO GIUNTA CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO COMUNALE AMMINISTRATIVA ECONOMICO FINANZIARIA TECNICA LEGGE 219/1981 SOCIO ASSISTENZIALE 3 L AMBITO DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ TECNICA In questo capitolo viene descritto l ambito in cui si applica il presente Studio di Fattibilità Tecnica (di seguito anche detto SFT), ossia il complesso dei servizi erogati dal Comune di Palomonte e delle relative strutture organizzative che li erogano. Proprio per questi servizi il presente SFT propone nei capitoli successivi la soluzione per la continuità operativa ICT e DR. 3.1 Servizi erogati I servizi erogati dal Comune di Palomonte sono quelli rappresentati nella figura seguente, suddivisi nelle strutture organizzative già individuate precedentemente. Comune di Palomonte (SA) Pag. 8/26

9 SINDACO GIUNTA CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO COMUNALE AMMINISTRATIVA ECONOMICO FINANZIARIA TECNICA LEGGE 219/1981 SOCIO ASSISTENZIALE Gestione Servizi Demografici Gestione servizi finanziari Gestione Lavori Pubblici Gestione terremoto Servizi Sociali Piano di Zona Gestione Protocollo Gestione economica del personale Gestione Edilizia Gestione tributi Gestione manutenzione e patrimonio Gestione giuridica del personale Gestione protezione civile Gestione Atti Amministrativi Gestione attività produttive - SUAP Servizi sociali e culturali Polizia Locale Comune di Palomonte (SA) Pag. 9/26

10 3.1.1 Servizi in ambito In questo paragrafo vengono inseriti tutti i servizi erogati che verranno coperti dalla soluzione che si intende adottare. Essi sono classificati nella tabella che segue. I servizi aventi caratteristiche comuni sono stati raggruppati in classi omogenee e, quindi, le autovalutazioni e i tipi di soluzioni che si adotteranno si riferiranno alla classe e non al singolo servizio. Le classi di servizi individuate saranno oggetto dell autovalutazione fatta attraverso lo strumento messo a disposizione da DIGIT PA. Il raggruppamento in classi è stato effettuato accorpando quei servizi che hanno caratteristiche comuni in termini delle soluzioni tecnologiche adottate dall amministrazione comunale per il loro trattamento; si è tenuto conto, ad esempio, dell architettura del software di gestione (client/server, web based, ecc.), del modello architetturale per la gestione del servizio informatico (Application Service Provider, applicazione e data base su server installato presso il sito municipale, documenti e dati gestiti sulle postazioni di lavoro dei responsabili/incaricati dei trattamenti). Nel campo Tipologia di Utenza è inserita la stessa tipologia utilizzata nella compilazione della corrispondente scheda di autovalutazione. Nell individuazione della tipologia di utenza è stato scelto il criterio di indicare quella a cui il servizio/classe di servizi si rivolge in modo preponderante. Classe di servizi Servizio Descrizione Servizio Servizi Amministrativi Formazione, archiviazione e smistamento atti deliberativi di Giunta e Consiglio, gestione determinazioni e verbali di Giunta e Consigli; Gestione contratti ed altri procedimenti amministrativi. Tipologia di Utenza eterogenea AMMINISTRATIVA ECONOMICO FINANZIARIA Servizi di segreteria Gestione protocollo e pubblicazione atti Servizi culturali e biblioteca Polizia Municipale Servizi scolastici Servizi Demografici Pubblicazioni all'albo Pretorio on line. Gestione Posta Elettronica Certificata e sito web. Gestione archivio documenti in arrivo e partenza con assegnazione numero di protocollo e stampa etichette Servizi culturali: gestione impianti sportivi, eventi culturali, biblioteca. Turismo Autorizzazione e vigilanza manifestazioni pubbliche, pubblici esercizi, Vigilanza edilizia. Codice della strada (Sanzioni e incidenti stradali). Polizia urbana, rurale, mortuaria, sanitaria. Gestione atti di pubblica sicurezza (denunce infortuni, denunce di cessione fabbricati, denunce di ospitare stranieri). Verifica e controllo delle ordinanze Servizi scolastici: bollettazione scuola, mensa, servizi di trasporto Gestione anagrafe, AIRE, leva militare, stato civile, ed elettorale, statistiche, porte applicative INA/SAIA, CIE, CNSD eterogenea eterogenea Aziende/cittadini eterogenea Aziende/cittadini eterogenea Personale Gestione giuridica del personale e rilevazione presenze eterogenea Gestione tributi Gestione del personale Gestione servizi finanziari Gestione e controllo regolarità di dichiarazioni e versamenti. Elaborazione accertamenti e liquidazioni dei relativi tributi e predisposizione ruoli per la riscossione coattiva dei tributi (TARSU, TOSAP, pubblicità ed affissioni ). Gestione anagrafe contribuenti. Gestione economica del personale (cedolini, paghe, cessioni quinto dello stipendio, denunce mensili all'inpdap/inps, CUD).. Ragioneria, contabilità finanziaria, elaborazione bilancio, conto consuntivo, conto del patrimonio e conto economico, contabilità analitica. Emissioni mandati di pagamento e reversali di riscossione, gestione mutui. Controllo di gestione. eterogenea eterogenea eterogenea Comune di Palomonte (SA) Pag. 10/26

11 Classe di servizi Servizio Descrizione Servizio TECNICA LEGGE 219/1981 SOCIO ASSISTENZIALE Manutenzione. Urbanistica, Edilizia, Certificazioni e Catasto Gestione attività produttive Gestione protezione civile Gestione terremoto Servizi sociali Lavori Pubblici, Urbanistica e gestione del territorio, Espropri, finanziamenti per investimenti, sicurezza sui cantieri, Sicurezza sui luoghi di lavoro. Gestione Gare di Appalto e Contratti. Manutenzione del patrimonio, ecologia, ambiente e cimitero. Gestione impianti tecnologici. Sportello Unico Attività Produttive e Commercio Predisposizione, gestione e attivazione piani di emergenza, formazione e informazione rivolta alle popolazioni a rischio, interventi sul territorio in caso di emergenze di varia natura. Ricostruzione post sismica Servizi sociali: rilascio assegno nucleo familiare, di maternità, esenzione ticket, pasti a domicilio, assistente sociale, alloggi comunali, servizio civile. Tipologia di Utenza eterogenea Aziende/cittadini eterogenea eterogenea Aziende/cittadini Servizi non in ambito Non sono stati individuati servizi da tenere al di fuori dell ambito dello SFT. Servizio Descrizione Servizio Tipologia di Utenza 3.2 Descrizione dettagliata Servizi/Classe di Servizi In questo paragrafo sono stati inseriti i riferimenti agli allegati in cui sono riportati i file prodotti dallo strumento di autovalutazione. Per ogni classe di servizi che fa parte dell ambito dello Studio di Fattibilità Tecnica è stata redatta una scheda di autovalutazione, i cui risultati sono riportati nei seguenti allegati: Allegato 1: Schede del foglio elettronico Allegato1_AV_AMMINISTRATIVA Allegato 2: Schede del foglio elettronico Allegato2_AV_FINANZIARIA Allegato 3: Schede del foglio elettronico Allegato3_AV_TECNICA Allegato 4: Schede del foglio elettronico Allegato4_AV_LEGGE_219 Allegato 5: Schede del foglio elettronico Allegato5_AV_SOCIALE Comune di Palomonte (SA) Pag. 11/26

12 4 IL RISULTATO DEL PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE In questo capitolo, per ogni classe di servizi che fa parte dell ambito dello Studio di Fattibilità Tecnica, già descritti nel paragrafo 3.1.1, sono riportati i dati emersi nel corso dell autovalutazione e che sono riportati nello schema di sintesi delle schede dell autovalutazione: Indice complessivo di Soluzione Classe di servizi Classe di criticità criticità tecnologica (Tier) Area Amministrativa 3 Media Tier 3 Area Finanziaria 3 Media Tier 3 Area Tecnica 2 Bassa Tier 1 Area Legge 219/ Bassa Tier 1 Area Sociale 3 Media Tier 3 5 LA SOLUZIONE TECNOLOGICA E TECNICA In questo capitolo viene indicato il dettaglio della soluzione che l Amministrazione ha individuato come rispondente alle proprie esigenze. Nel seguito si parlerà di soluzione tecnologica per fare riferimento alla classificazione Tier 1 Tier 6 in analogia a come viene utilizzata nelle Linee Guida (LG) predisposte da DigitPA e nel relativo strumento di autovalutazione. A fronte della soluzione tecnologica individuata sarà adottata una soluzione tecnica. Quindi la soluzione sarà individuata dalla soluzione tecnologica e dalla soluzione tecnica: ad esempio Tier3/soluzione tecnica A. Prima di andare a descrivere la soluzione adottata da questa Amministrazione val la pena di riassumere le sei tipologie di soluzioni tecnologiche individuate da DIGIT PA, indicate come Tier 1, Tier 2,, Tier 6, per poter giungere ad una omogeneizzazione delle soluzioni di Continuità Operativa e Disaster Recovery, che, come è noto, è uno degli obiettivi che si prefigge il Codice dell Amministrazione Digitale: Tier 1: backup dati e conservazione presso un altro sito (anche detto alternativo o secondario o di DR ) tramite trasporto di supporto (nastro o altro dispositivo). Il sito secondario dovrà disporre di spazi attrezzati per accogliere risorse elaborative in caso di disastro, con garanzia della disponibilità di risorsa di elaborazione in grado di permettere il ripristino delle funzionalità IT in caso di emergenza. Tier 2: soluzione simile a quella di Tier 1, con la differenza che le risorse elaborative, già presenti, possono essere disponibili in tempi sensibilmente più brevi, garantendo anche l allineamento delle performance rispetto al sistema primario. Tier 3: soluzione simile a quella di Tier 2, con la differenza che il trasferimento dei dati tra il sito primario e quello di DR avviene attraverso un collegamento di rete tra i due siti. Questa soluzione può prevedere tempi di ripristino più veloci rispetto ai Tier precedenti, ma rende necessario dotarsi di collegamenti di rete con adeguati parametri di disponibilità, velocità di trasferimento e sicurezza. Comune di Palomonte (SA) Pag. 12/26

13 Tier 4: questa soluzione prevede che le risorse elaborative, garantite coerenti con quelle del centro primario, siano sempre disponibili, permettendo la ripartenza delle funzionalità in tempi rapidi. Tier 5: la soluzione è analoga a quella del Tier4, con la differenza che l aggiornamento finale dei dati avviene solo quando entrambi i siti hanno eseguito e completato i rispettivi aggiornamenti (sincronizzazione). Tier 6: la soluzione prevede che nel sito di DR le risorse elaborative, oltre ad essere sempre attive, siano funzionalmente speculari a quelle del sito primario, rendendo così possibile ripristinare l operatività dell IT in tempi molto rapidi. Segue una chiara e sintetica rappresentazione grafica estrapolata dalle Linee Guida di DIGIT PA. 5.1 Soluzione adottata o da adottare La situazione adottata fino ad oggi Il Sistema Informativo del Comune di Palomonte si compone di applicazioni software realizzate prevalentemente da un unico fornitore, le cui banche dati risiedono su un unico server collocato all interno del Comune. L architettura applicativa predominante è quella client/server, ma alcune applicazioni sono web based. Comune di Palomonte (SA) Pag. 13/26

14 La situazione è schematizzata nella tabella seguente: Applicazione software Contabilità finanziaria Gestione del Personale Protocollo informatico Rilevazione presenze Gestione atti amministrativi Demografico Gestione Tributi e Bollettazione Albo Pretorio Sito web e portale servizi e-government Descrizione Fornitore Apparecchiatura su cui è installato il sw e/o la base dati Elabora bilancio, conto consuntivo, conto del patrimonio e conto economico; si emettono mandati di pagamento e reversali di riscossione, gestione mutui Gestione giuridico economica del personale Gestione del protocollo informatico e messi Rilevazione presenze del personale Scrittura, modifica, archiviazione, ricerca, pubblicazione atti amministrativi di Giunta, Consiglio e dei settori. Gestisce i dati riguardanti la popolazione, anagrafe, stato civile, leva ed elettorale Gestisce e controlla la regolarità di dichiarazioni e versamenti. Elabora accertamenti e liquidazioni dei relativi tributi e predispone i ruoli per la riscossione coattiva dei tributi (ICI/IMU, TARSU, TOSAP, Acquedotto, pubblicità ed affissioni, licenze commercio); gestisce l anagrafica contribuenti. Gestione albo pretorio on line Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl CST Sistemi Sud CST Sistemi Sud SUAP CCIAA SA Centralizzata su unico server interno all Ente Centralizzata su unico server interno all Ente Centralizzata su unico server interno all Ente Su PC ufficio personale Centralizzata su unico server interno all Ente Centralizzata su unico server interno all Ente Centralizzata su unico server interno all Ente Presso il fornitore esterno (modalità ASP) Presso il fornitore esterno (modalità ASP) Piattaforma operativa Windows Server 2008 R2 Windows Server 2008 R2 Windows Server 2008 R2 Windows Vista Windows Server 2008 R2 Windows Server 2008 R2 Windows Server 2008 R2 Architettura Client/server Client/server Client/server Client/server Client/server Client/server Client/server Web based Web based Web based Le banche dati delle applicazioni software residenti sulle postazioni di lavoro comunali sono soggette ad un piano di backup avente le caratteristiche indicate nella tabella seguente: Comune di Palomonte (SA) Pag. 14/26

15 Politica Attività Descrizione I backup sono effettuati attraverso copia fisica delle banche dati. Applicazione Backup Supporti Categorie di dati Semplice copia fisica dei dati. Unità disco esterna e CD-ROM Banche dati Le banche dati sono quelle delle applicazioni gestionali in esercizio Applicazioni NO Sorgenti NO Configurazioni NO Frequenza Tempo di recupero dalle copie di backup Persone autorizzate al recupero delle copie Simulazione ripristini Salvataggio automatico giornaliero su unità disco esterna Salvataggio settimanale su CD-ROM 2 giorni Fornitori delle applicazioni NO Presenza ambienti di test per verifiche simulazione ripristini Verifica leggibilità dei supporti Collocazione copie di backup Controlli ambientali Modalità di trasporto e collocazione delle copie di backup in sito remoto Classificazione dei supporti Contrassegno dei supporti Tempo di conservazione delle copie di backup NO SI Armadio chiuso Sistema antincendio Il sito remoto non è stato ancora individuato I supporti utilizzati per il backup sono classificati in funzione del loro utilizzo: Supporto Settimanale: per ogni settimana è utilizzata un CD-ROM Supporto giornaliero: unità disco esterna Data del Back up e nome Banca Dati salvata 3 mesi Soluzione tecnologica da adottare Per la realizzazione della Continuità Operativa e Disaster Recovery, questo Comune ha individuato una soluzione tecnologica di tipo Tier 3 da adottare nei tempi pianificati nel successivo capitolo 6. La soluzione scelta prevede il backup dei dati e la sua conservazione presso un sito alternativo di DR attraverso un collegamento di rete tra i due siti. Il sito secondario dispone di spazi attrezzati e risorse elaborative già presenti in grado di permettere, in caso di emergenza, il ripristino in tempi brevi delle funzionalità IT, garantendo anche l allineamento delle performance rispetto al sistema primario. Il Comune di Palomonte (SA) Pag. 15/26

16 collegamento di rete deve avere adeguati parametri di disponibilità, velocità di trasferimento e sicurezza. Tutti i servizi in ambito sono coperti da una sola soluzione tecnica che fa riferimento alla soluzione tecnologica di tipo Tier 3. Soluzione tecnologica Tier 3 Classi di servizi coperti Area Amministrativa Area Finanziaria Area Tecnica Area Legge 219/1981 Area Sociale Soluzione tecnica Ad integrazione e sistematizzazione del sistema già attualmente utilizzato, il backup dei dati verrà eseguito secondo le tre seguenti modalità: 1. copia completa una volta al mese La copia completa di back up cattura tutti i file che si trovano sul disco. Il tempo necessario per effettuare una copia completa può essere lungo; inoltre effettuare una copia completa di file, che non vengono alterati frequentemente, come file di sistema, può portare ad una impostazione decisamente sovrabbondante ed onerosa della procedura di realizzazione delle copie di backup. Per tali ragioni è stata scelta una cadenza mensile per questo tipo di salvataggio. 2. Copia differenziale una volta alla settimana Il back up differenziale archivia i file che sono stati creati o modificati dall ultima copia completa. E evidente che il back up differenziale richiede un tempo assai inferiore, rispetto al back up completo. Inoltre, la ricostruzione di dati provenienti da un back up differenziale può richiedere un impegno minore, perché è solo necessario procacciarsi il supporto di archiviazione dell ultimo back up completo e dell ultimo back up differenziale. 3. copia incrementale una volta al giorno La copia incrementale cattura soltanto i file che sono stati creati o modificati dall ultima copia di rispetto effettuata, indipendentemente dal tipo di back up. Il back up incrementale permette di utilizzare in maniera assai più efficiente il supporto di archiviazione ed i tempi di realizzazione delle copie vengono ridotti. I backup mensili, settimanali e giornalieri, eseguiti secondo le modalità descritte, verranno trasferiti via rete internet al sito secondario e archiviati su un server di backup. Comune di Palomonte (SA) Pag. 16/26

17 La soluzione tecnica prevede l accesso ad un servizio offerto da un provider esterno per l archiviazione e/o l elaborazione dei dati in caso di emergenza grazie all utilizzo di risorse hardware/software distribuite e virtualizzate in rete. Essa và sotto il nome di cloud computing. È noto, infatti, come, utilizzando varie tipologie di unità di elaborazione (CPU), memorie di massa fisse o mobili come ram, dischi rigidi interni o esterni, Cd/DVD, chiavi USB, eccetera, un computer sia in grado di elaborare, archiviare, recuperare programmi e dati. Nel caso di computer collegati in rete locale (LAN) o geografica (WAN) la possibilità di elaborazione/archiviazione/recupero può essere estesa ad altri computer e dispositivi remoti dislocati sulla rete stessa. Sfruttando la tecnologia del cloud computing gli utenti collegati ad un cloud provider possono, ad esempio, utilizzare software remoti non direttamente installati sul proprio computer e salvare dati su memorie di massa on-line predisposte dal provider stesso (sfruttando sia reti via cavo che senza fili). Il Comune di Palomonte intende utilizzare le potenzialità tecnologiche del cloud computing per risolvere l importante questione oggetto del presente Studio di Fattibilità Tecnica. L'architettura del cloud computing prevede uno o più server reali, generalmente in architettura ad alta affidabilità e fisicamente collocati presso il data center del fornitore del servizio (provider). Il fornitore di servizi espone delle interfacce per elencare e gestire i propri servizi. Il cliente amministratore utilizza tali interfacce per selezionare il servizio richiesto (ad esempio un server virtuale completo oppure solo storage) e per amministrarlo (configurazione, attivazione, disattivazione). Il cliente finale utilizza il servizio configurato dal cliente amministratore. Più in particolare si intende usufruire di un servizio di tipo IAAS (Infrastructure As A Service) che permetterà al Comune di utilizzare risorse hardware in remoto su richiesta o domanda al momento in cui se ne avrà bisogno. In pratica il sito alternativo dove sarà trasferito il backup delle banche dati comunali sarà un Data Center come quello rappresentato nella figura seguente: Comune di Palomonte (SA) Pag. 17/26

Studio di Fattibilità Tecnica

Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI MONASTIER DI TREVISO Provincia di Treviso Tel. 0422/798525 - Fax 0422/791045 e-mail: ragioneria@comune.monastier.tv.it pec: ragioneria.comune.monastier.tv@pecveneto.it Studio di Fattibilità Tecnica

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Studio di Fattibilità Tecnica

Studio di Fattibilità Tecnica Comune di Castenedolo (BS) Studio di Fattibilità Tecnica Sommario 1 Introduzione... 2 1.1 Obiettivi del Documento... 2 2 Informazioni generali... 3 2.1 Descrizione dell Amministrazione, organizzazione

Dettagli

Sicurezza informatica nelle Pubbliche Amministrazioni

Sicurezza informatica nelle Pubbliche Amministrazioni La continuitá operativa nelle Pubbliche Amministrazioni Bolzano, 28.02.2012 Dott. Giovanni Rellini Lerz Definizione di business continuity (BC) o continuità operativa (CO) (Da BS 25999-2:2007) Business

Dettagli

CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A.

CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A. CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A. DEFINIZIONI CONTINUITÀ OPERATIVA capacità di reagire e rispondere a eventi imprevisti che compromettano il funzionamento ICT DISASTER RECOVERY sinonimo

Dettagli

INFORMATIVA DI GIUNTA

INFORMATIVA DI GIUNTA COPIA ATTI: 1787/3.6/2014/1 N. REP. GEN. 5/2014 INFORMATIVA DI GIUNTA Oggetto: Informativa in merito alla realizzazione del Piano di Continuità Operativa del Sistema Informativo della Provincia di Milano.

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis

L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis L ATTUAZIONE DELLA NORMA : ARTICOLO 50 bis DEL NUOVO CAD DEL NUOVO CAD Franco Ardito Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte Franco Ardito Programma

Dettagli

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Agenda dell incontro 2 A. Premesse: 1. Introduzione e sintesi del quadro normativo 2. Stato di avanzamento dei

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione

Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione DEFINIZIONI Linee Guida per il DR delle PA, DigitPA 2011 Continuità Operativa (CO) Continuità Operativa: l insieme delle attività

Dettagli

Continuità operativa - FAQ

Continuità operativa - FAQ Continuità operativa - FAQ Cosa è la Continuità Operativa? La continuità operativa è l insieme di attività volte a minimizzare gli effetti distruttivi, o comunque dannosi, di un evento che ha colpito un

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015 Scuola Ipsia Dalmazio Birago Sede legale e operativa Corso Novara 65 10154 Torino Data redazione: 2.10.2012 Versione 1 Rev. 05 anno 2014/2015

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

Guida operativa per redigere il Documento programmatico sulla sicurezza (DPS)

Guida operativa per redigere il Documento programmatico sulla sicurezza (DPS) Guida operativa per redigere il Documento programmatico sulla sicurezza (DPS) (Codice in materia di protezione dei dati personali art. 34 e Allegato B, regola 19, del d.lg. 30 giugno 2003, n. 196) Premessa

Dettagli

Guida alla predisposizione dello Studio di Fattibilità Tecnica per la gestione della sicurezza dei dati e della continuità operativa dei servizi

Guida alla predisposizione dello Studio di Fattibilità Tecnica per la gestione della sicurezza dei dati e della continuità operativa dei servizi 1. Definizioni Le Guide Sintetiche Guida alla predisposizione dello Studio di Fattibilità Tecnica per la gestione della sicurezza dei dati e della continuità operativa dei servizi La continuità operativa

Dettagli

Elementi del progetto

Elementi del progetto Elementi del progetto Premessa Il CLOUD degli Enti Locali rende disponibile quanto necessario per migrare le infrastrutture informatiche oggi attive nei CED dei singoli Enti: Server in forma di Virtual

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Il Comune Lo sviluppo informatico

Il Comune Lo sviluppo informatico Il Comune Lo sviluppo informatico Il SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE Situazione di contesto Il sistema informativo del Comune di Fabriano è composto da due parti essenziali. La prima, più visibile è costituita

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO CED EX OPP

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 COMUNE DI ANZANO DI PUGLIA PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 Adottato con deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

A.1.1 Elenco dei trattamenti dei dati personali (Regola 19.1) Struttura di riferimento. 2 Repertorio decreti informatico Area Affari Generali SI 3

A.1.1 Elenco dei trattamenti dei dati personali (Regola 19.1) Struttura di riferimento. 2 Repertorio decreti informatico Area Affari Generali SI 3 Sezione A Dipartimento regionale del, dei Servizi Generali, di Quiescenza, Previdenza ed Assistenza del e uffici di diretta collaborazione dell Assessore ubicati in viale della Regione Siciliana n. 2226

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery

La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery Pavia 15 Marzo 2012 Mauro Bruseghini CTO, R&D B.L.S. Consulting S.r.l. La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery Disaster Recovery 2 Cosa di intende per Disaster Recovery? Insieme di soluzioni tecnice

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI Ufficio di Segreteria Cod. Fisc./Part. I.V.A. 00175660554 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA

Dettagli

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web

Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web Premessa La Argo software srl è impegnata costantemente a pianificare e monitorare le proprie azioni per la

Dettagli

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE...

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE... COMUNE DI FONTE Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale SEZIONE A TRATTAMENTO DI DATI CON L AUSILIO DI STRUMENTI INFORMATICI Al fine di garantire la riservatezza e l integrità dei dati personali, sensibili

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz

LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale: opportunità per i cittadini, adempimenti per le amministrazioni Napoli, 28 aprile 2011 LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz Introduzione alla

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A.

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A. Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 pag. 1 di 12 Revisione Data Motivo Revisione Redatto da Approvato da 1.0 03/10/2009 Emissione Andrea

Dettagli

I servizi ICT a supporto della Continuità Operativa. Marco Filippi Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte

I servizi ICT a supporto della Continuità Operativa. Marco Filippi Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte I servizi ICT a supporto della Continuità Operativa Marco Filippi Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte La strategia ICT in Piemonte Infrastrutture su tutto il territorio per ridurre il digital

Dettagli

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P. BOZZA D.P.S. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.iva Documento Programmatico sulla Sicurezza Indice finalità del documento inventario dei beni in dotazione

Dettagli

Sezione 1 - informazioni sull'amministrazione

Sezione 1 - informazioni sull'amministrazione Istruzioni dettagliate per facilitare la comunicazione delle basi dati all Agid. Di seguito vengono indicati, gli adempimenti necessari per compilare il file excel richiesto dall'agenzia per l'italia Digitale.

Dettagli

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Procedure d emergenza e Business Continuity Plan Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Loreto Ottobre 2011 La business continuity è in sostanza l insieme di attività

Dettagli

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO Oggetto della fornitura: FORNITURA DI SOFTWARE, FORMAZIONE ED ASSISTENZA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI ROSSANO VENETO SERVIZI INFORMATICI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Allegato A) INDICE 1 INTRODUZIONE 2 ASPETTI GENERALI 2.1 Contenuti 2.2 Responsabilità 2.3 Applicabilità

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio dei Comuni e del territorio 28 aprile 2015 1 Legge 56/2014 Del Rio 85. Le province di cui ai commi da 51 a 53, quali enti con funzioni di area

Dettagli

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l.

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l. STORAGE STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo

Dettagli

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti.

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO SHERPAWEB IN CLOUD COMPUTING Esakon per occuparsi al meglio di ICT (Information Communications Technology,

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) COMUNE DI PONTBOSET Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2014 2016 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 20 febbraio 2014 con deliberazione n. 4 della

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione 1 1. INTRODUZIONE ALLO STRUMENTO DI SUPPORTO ALL AUTOVALUTAZIONE Lo strumento

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO N. 17 del 22/02/2013 Copia Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: CODICE AMMINISTRAZIONE DIGITALE. NOMINA RESPONSABILE COMUNALE PER "DISASTER RECOVERY".

Dettagli

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service - Cos è IT Cloud Service è una soluzione flessibile per la sincronizzazione dei file e la loro condivisione. Sia che si utilizzi

Dettagli

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia I sistemi virtuali nella PA Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia Indice I sistemi virtuali Definizione di Cloud Computing Le tecnologie che li caratterizzano La virtualizzazione

Dettagli

EasyGov Solutions Srl. Start-up del Politecnico di Milano

EasyGov Solutions Srl. Start-up del Politecnico di Milano EasyGov Solutions Srl Start-up del Politecnico di Milano Continuità Operativa ICT e Disaster Recovery 2 Il contesto - 1 Continuità operativa Generale Persone, Impianti, Infrastrutture, documenti, norme,

Dettagli

Urbi DR-ASP. Descrizione servizio di DR per ASP. Aprile 2012

Urbi DR-ASP. Descrizione servizio di DR per ASP. Aprile 2012 Urbi DR-ASP Aprile 2012 Descrizione servizio di DR per ASP PA DIGITALE Spa Documento Riservato Ultima Revisione luglio 2012 E fatto divieto la copia, la riproduzione e qualsiasi uso di questo P.1/3 Premessa...

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

San Giovanni Teatino 29 Novembre 2012. Marco Perini Collaboration Value m.perini@computergross.it +39 366 6280251

San Giovanni Teatino 29 Novembre 2012. Marco Perini Collaboration Value m.perini@computergross.it +39 366 6280251 San Giovanni Teatino 29 Novembre 2012 Marco Perini Collaboration Value m.perini@computergross.it +39 366 6280251 Computergross e il Tailor Made L offering di Computer Gross si arricchisce di opportunità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA I SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE Il Comune di CALTAVUTURO attraverso il presente progetto intende attivare e rafforzare i servizi offerti al cittadino, per dare maggiore

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

PROPOSTA TECNICO-ECONOMICA

PROPOSTA TECNICO-ECONOMICA Allegato alla deliberazione del C.d.O n. 69/2014 del 5.8.2014 PROPOSTA TECNICO-ECONOMICA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI GESTIONE DEI SERVER PER IL COMUN GENERAL DE FASCIA E IL COMUNE DI MOENA 1. Oggetto

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

SiNfoNia. www.unimediasoft.it

SiNfoNia. www.unimediasoft.it SiNfoNia Applicativo SiNfoNia Cosa è SiNfoNia SiNfoNia è un sistema per la gestione completa ed integrata delle agenzie di assicurazione utile alla soluzione dei principali problemi gestionali, tecnici

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP. Il Capo V del C.A.D.

Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP. Il Capo V del C.A.D. Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP Milano, 24 maggio 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Il valore dei dati pubblici Dati pubblici: - patrimonio dell'ente

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n.

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. 114 Rif. int. : Rev. : 0.0 Vers. Prec. : Sommario 1- Revisioni...

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Questo documento illustra il quadro delle misure di sicurezza, organizzative, fisiche e logiche, adottate per il trattamento dei

Dettagli

Symantec Backup Exec.cloud

Symantec Backup Exec.cloud Protezione automatica, continua e sicura con il backup dei dati nel cloud o tramite un approccio ibrido che combina il backup on-premise e basato sul cloud. Data-sheet: Symantec.cloud Solo il 21% delle

Dettagli

G E N O V A -- P A R C H E G G I Documento di sintesi sulla protezione dei dati personali

G E N O V A -- P A R C H E G G I Documento di sintesi sulla protezione dei dati personali TITOLARE DEL TRATTAMENTO: Dott. Giovan Battista Seccacini RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO: Sig. Persico Ermanno G E N O V A -- P A R C H E G G I Documento di sintesi sulla protezione dei dati personali Scopo

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe Business continuity per la PA Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma Generalità sul disaster recovery Disaster recovery e sicurezza Aspetti

Dettagli

Introduzione al Cloud Computing

Introduzione al Cloud Computing Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e Cloud Introduzione al Cloud Computing Leopoldo Onorato Onorato Informatica Srl Mantova, 15/05/2014 1 Sommario degli argomenti Definizione di

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Dal PC a Sun Virtual Desktop: un processo ecosostenibile, economico, talvolta open source! Fabrizio Ghelarducci

Dal PC a Sun Virtual Desktop: un processo ecosostenibile, economico, talvolta open source! Fabrizio Ghelarducci Dal PC a Sun Virtual Desktop: un processo ecosostenibile, economico, talvolta open source! Fabrizio Ghelarducci Direttore - TAI Accelerazione dell Innovazione I processi di innovazione hanno un impatto

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013. COMUNE DI VERNANTE CUMÜNA DAL VERNANT APPARTENENTE ALLA MINORANZA LINGUISTICA STORICA OCCITANA PROVINCIA DI CUNEO VIA UMBERTO I N 87 CAP. 12019 Tel. 0171/920104 -Fax 0171/920698 P.IVA C.F. 00457660041

Dettagli

Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici

Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici Avv. Daniele Vecchi Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners Il Cloud Computing «Cloud computing: modello per

Dettagli

Documento programmatico sulla sicurezza

Documento programmatico sulla sicurezza Documento programmatico sulla sicurezza 1.1 Elenco dei trattamenti (regola 19.1 allegato B D.Lgs 196/2003) 1.1.1 Tabella trattamenti Identificativo Servizio/ufficio Denominazione del Strumenti utilizzati

Dettagli

CODICE PRIVACY PROCEDURA DI GESTIONE DEL BACKUP ED IL RESTORE DEI DATI

CODICE PRIVACY PROCEDURA DI GESTIONE DEL BACKUP ED IL RESTORE DEI DATI Codice Privacy Procedura per la gestione del backup e del restore dei dati CODICE PRIVACY PROCEDURA DI GESTIONE DEL BACKUP ED IL RESTORE DEI DATI 1 Regolamento aziendale per l utilizzo delle risorse informatiche,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA. Servizio Prevenzione e Protezione. Dipartimento di Staff Aziendale

DIREZIONE GENERALE DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA. Servizio Prevenzione e Protezione. Dipartimento di Staff Aziendale DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AMMINISTRATIVA DIREZIONE SANITARIA Servizio Prevenzione e Protezione Dipartimento di Staff Aziendale S.C. Centro Controllo Direzionale S.C. Sistemi Informativi S.S.D. Controllo

Dettagli

Offerta Cloud Computing TOL.IT

Offerta Cloud Computing TOL.IT Offerta Cloud Computing TOL.IT Il termine inglese Cloud Computing indica un insieme di tecnologie che permettono di memorizzare ed elaborare dati grazie all'utilizzo di risorse hardware e software distribuite

Dettagli

Allegato. Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia. per l ENTE UCL Asta del Serio

Allegato. Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia. per l ENTE UCL Asta del Serio Allegato Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia per l ENTE UCL Asta del Serio Contesto Il percorso condotto da Regione Lombardia (RL) per la razionalizzazione dei CED degli ENTI si inserisce

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune (art. 24 c. 3-bis Legge 11/08/2014

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INDICE 1 OGGETTO... 2 2 DEFINIZIONI... 2 3 ORGANIZZAZIONE, COMPITI E RESPONSABILITA... 3 4 TRATTAMENTI EFFETTUATI... 4 4.1 TRATTAMENTI INTERNI... 4 4.2

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo Continuità operativa e Disaster recovery Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo Alcuni concetti Gestione

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA SETTORE PROGRAMMAZIONE E FINANZA Spinea, lì OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO - TRIENNIO 2013/2015 Allegato 1: DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AMMINISTRATIVA DIREZIONE SANITARIA. Dipartimento di Staff Aziendale. S.C. Organizzazione dei Presidi Ospedalieri

DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AMMINISTRATIVA DIREZIONE SANITARIA. Dipartimento di Staff Aziendale. S.C. Organizzazione dei Presidi Ospedalieri DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AMMINISTRATIVA DIREZIONE SANITARIA Dipartimento di Staff Aziendale S.C. Centro Controllo Direzionale S.C. Organizzazione dei Presidi Ospedalieri S.S.D. Controllo di Gestione

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 1 del 14/03/2011 Oggetto: REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO IN LOC. PEZZELLE. APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE.

Dettagli

Cloud Service Area. www.elogic.it. Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni Costa, 30 40133 Bologna - Tel. 051 3145611 info@elogic.

Cloud Service Area. www.elogic.it. Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni Costa, 30 40133 Bologna - Tel. 051 3145611 info@elogic. Cloud Service Area Private Cloud Managed Private Cloud Cloud File Sharing Back Up Services Disaster Recovery Outsourcing & Consultancy Web Agency Program Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni

Dettagli