Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery"

Transcript

1 COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del D.Lgs. N. 82/2005 e succ. mod. e int.

2 REVISIONI DEL DOCUMENTO Revisione Data Descrizione /03/2013 Prima stesura Comune di Palomonte (SA) Pag. 2/26

3 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE Obiettivi del documento INFORMAZIONI GENERALI Descrizione dell Amministrazione, organizzazione e funzioni istituzionali L AMBITO DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ TECNICA Servizi erogati Servizi in ambito Servizi non in ambito Descrizione dettagliata Servizi/Classe di Servizi IL RISULTATO DEL PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE LA SOLUZIONE TECNOLOGICA E TECNICA Soluzione adottata o da adottare La situazione adottata fino ad oggi Soluzione tecnologica da adottare Soluzione tecnica Sintesi delle soluzioni tecnologiche e tecniche Riepilogo Servizi, criticità e Soluzione Differenze rispetto all autovalutazione TEMPI E MODALITÀ DI REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE Tempi e Modalità Soluzioni Individuate Vincoli e rischi Soluzione Conclusioni ed adeguatezza della Soluzione ALLEGATI Comune di Palomonte (SA) Pag. 3/26

4 1 INTRODUZIONE La continuità dei sistemi informativi rappresenta per le pubbliche amministrazioni, nell ambito delle politiche generali per la continuità operativa dell ente, un aspetto necessario all erogazione dei servizi a cittadini e imprese e diviene uno strumento utile per assicurare la continuità dei servizi e garantire il corretto svolgimento della vita nel Paese. Al riguardo e più in particolare l articolo 50-bis del CAD aggiornato (che attiene alla Continuità operativa ) delinea gli obblighi, gli adempimenti e i compiti che spettano alle Pubbliche Amministrazioni, ad Agenzia per l Italia Digitale (DigitPA) e al Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, ai fini dell attuazione della continuità operativa: 1. In relazione ai nuovi scenari di rischio, alla crescente complessità dell attività istituzionale caratterizzata da un intenso utilizzo della tecnologia dell informazione, le p.p.a.a. predispongono i piani di emergenza in grado di assicurare la continuità delle operazioni per il servizio e il ritorno alla normale operatività. 2. Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione assicura l omogeneità delle soluzioni di continuità operativa definite dalle diverse Amministrazioni e ne informa con cadenza almeno annuale il Parlamento. 3. A tali fini, le pubbliche amministrazioni definiscono: a. il piano di continuità operativa, che fissa gli obiettivi e i principi da perseguire, descrive le procedure per la gestione della continuità operativa, anche affidate a soggetti esterni. Il piano tiene conto delle potenziali criticità relative a risorse umane, strutturali, tecnologiche e contiene idonee misure preventive. Le amministrazioni pubbliche verificano la funzionalità del piano di continuità operativa con cadenza biennale; b. il piano di Disaster Recovery, che costituisce parte integrante di quello di continuità operativa di cui alla lettera a) e stabilisce le misure tecniche e organizzative per garantire il funzionamento dei centri di elaborazione dati e delle procedure informatiche rilevanti in siti alternativi a quelli di produzione. DigitPA sentito il Garante per la protezione dei dati personali, definisce le linee guida per le soluzioni tecniche idonee a garantire la salvaguardia dei dati e delle applicazioni informatiche, verifica annualmente il costante aggiornamento dei piani di Disaster Recovery delle amministrazioni interessate e ne informa annualmente il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione. 4. I piani di cui al comma 3 sono adottati da ciascuna amministrazione sulla base di appositi e dettagliati studi di fattibilità tecnica; su tali studi è obbligatoriamente acquisito il parere di DigitPA. 1.1 Obiettivi del documento In ottemperanza a quanto citato nel punto 4 dell articolo 50-bis del CAD viene redatto il presente documento di SFT per poter dare evidenza dei risultati emersi nel percorso di autovalutazione, illustrando tra le altre cose: Comune di Palomonte (SA) Pag. 4/26

5 gli eventuali scostamenti tra la soluzione individuata al termine del percorso di autovalutazione e quella effettivamente scelta dalla Amministrazione; il percorso e i tempi che si stima siano necessari per adottare la soluzione suggerita al termine del percorso di autovalutazione e per allinearsi a quanto previsto dalle Linee Guida. Il documento si prefigge quindi di fornire a DigitPA le informazioni necessarie e propedeutiche alla realizzazione del piano di disaster recovery come parte integrante del più ampio piano di continuità operativa. 2 INFORMAZIONI GENERALI Comune di PALOMONTE Sede centrale ( città) Settore di attività Responsabile CO/DR AOO (Area Org.Omog.)/ENTE Indirizzo PEC per le comunicazioni Palomonte (SA) Comuni Rag. Vittorio Conte Comune di Palomonte Data compilazione 31/03/ Descrizione dell Amministrazione, organizzazione e funzioni istituzionali Il Comune di Palomonte è un comune della provincia di Salerno in Campania.. Il paese è ubicato sul cucuzzolo roccioso posto fra la valle del Tanagro e il gruppo montuoso dei monti Marzano-Eremita. La sua particolare forma conica gli rende una caratteristica distintiva abbastanza rara. La zona settentrionale del territorio comunale, caratterizzata da una piccola pianura, fino all'ottocento presentava il Lago di Palo (300 m s.l.m. e un perimetro di 8 km), poi prosciugato. L'origine antichissima di nuclei abitativi nel territorio di Palomonte fa di questo comune serbatoio di importanti elementi culturali. Il periodo preistorico ha visto in località Sperlonga l'esistenza di un insediamento umano, i cui culti religiosi sono ravvisabili nei graffiti e vasche rimaste nelle grotte abitate, la stessa zona, nei millenni successivi, ha visto l'influenza della cultura bizantina, con i monaci basiliani che lì hanno fondato il santuario dedicato all'assunta. Il comune vive le sorti degli altri centri meridionali e diventa meta di conquiste di popoli stranieri (longobardi, svevi, angioini, spagnoli) che apportano alla cultura palomontese importanti tratti (l'influenza spagnola è ravvisabile nella "Descrittione di Palo" del monaco Frà Giovan Battista da Palo). Durante il Regno di Napoli e il Regno delle Due Sicilie, denominato Palo fu un casale amministrato dal comune di Contursi ed appartenente al Distretto di Campagna. Con l'annessione della provincia di Principato Citra al Regno di Sardegna, il nome venne mutato a seguito del Regio Decreto n. 935 del 1862, in Palomonte. La popolazione residente consta di abitanti (dati ISTAT di fine anno 2012). Il territorio comunale ha una superficie di 28 km² con una densità abitativa di 146,43 abitanti/kmq e una altitudine di 550 m s.l.m. Comune di Palomonte (SA) Pag. 5/26

6 Il Municipio è situato in Via A. Massa, 1. Il comune è il centro della vita di relazione dei cittadini residenti nell abitato principale e nelle frazioni Bivio, Perrazze e Valle costituenti il territorio comunale. Il Consiglio Comunale è l'organo di indirizzo e di controllo politico amministrativo. E composto dal Sindaco e da n. 7 Consiglieri. Il Sindaco, capo dell'amministrazione ed Ufficiale di Governo, esercita le competenze stabilite dalla legge. Attualmente riveste la carica di Sindaco il Dott.Pietro Caporale. La Giunta Comunale collabora con il Sindaco nell'amministrazione del Comune. E composta da n. 3 assessori. Il Segretario comunale, dott.ssa Mirla Troncone, svolge la duplice funzione di raccordo tra il Sindaco, la Giunta e gli uffici e di coordinamento tra questi. Il Comune di Palomonte, date le proprie ridotte dimensioni, ha individuato al suo interno una sola Unità Organizzativa Omogenea, coincidente con l Ente stesso. Nella tabella seguente è riportata l organizzazione dell Ente, con l indicazione delle aree e dei servizi in cui è suddivisa e dei ruoli rivestiti. Segretario Comunale: Dott.ssa Mirla Troncone 1) AMMINISTRATIVA Responsabile: Sig. Amato Gerardo Settore n. 1 Affari Generali e Istituzionali Segreteria - Servizi Demografici ed Elettorali - Sport- Cultura - Servizi Bibliotecari e Museali - Relazione esterne - Pubblica Istruzione e servizi educativi Commercio Entrate tributarie e extratributarie - Attività Produttive Gestione amministrativa del servizio cimiteriale E-government Settore n. 2 Gestione Giuridica Personale Cognome / Nome Perrotta Angelo Gentile Giuseppe Cruoglio Antonio Risi Domenica Grossi Alberto Valitutto Attilio Parisi Gennaro Funzione Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Collaboratore amministrativo Settore n. 3 Polizia municipale Cognome / Nome Garippo Vincenzo Garippo Valentino Funzione Agente di polizia municipale Agente di polizia municipale Comune di Palomonte (SA) Pag. 6/26

7 2) ECONOMICO FINANZIARIA Responsabile: Rag. Cruoglio Ernesto Vice Responsabile: Rag. Conte Vittorio Settore n. 1 Bilancio e Programmazione Economica - Contenzioso Provveditorato - Economato- Gestione giuridica del Patrimonio Settore n. 2 Contabilità - Controllo di Gestione - Finanze - Gestione Contabile del Personale 3) TECNICA Responsabile: Geom. Caporale Giuseppe Vice Responsabile: Arch. Irene Merola Settore n. 1 Fonti Energetiche alternative - Assetto del Territorio e Sviluppo sostenibile - Viabilità - Protezione Civile - Urbanistica - Appalti e Contratti - Cave - Cimitero Comunale - Manutenzione edilizia - Edilizia Privata Cognome / Nome Funzione Casciano Alberta Applicato Settore n. 2 Politiche ambientali - Verde pubblico Tutela paesaggistica Acque, Acquedotti e Depuratori - Procedure Espropriative - Condono Edilizio - Gestione Impianti Tecnologici Progettazione - SUAP Cognome / Nome Funzione Casciano Antonio Ex LSU (part time ore 20) Freda Alessandro Ex LSU (part time ore 20) Giordano Antonio Ex LSU (part time ore 20) Grossi Gerardo Ex LSU (part time ore 20) La Manna Francesco Ex LSU (part time ore 20) Risi Francesco Ex LSU (part time ore 20) Scalcione Vito Ex LSU (part time ore 20) Valitutto Antonio Ex LSU (part time ore 20) Valitutto Alfredo Ex LSU (part time ore 20) Valitutto Vincenzo Ex LSU (part time ore 20) Valitutto Giuseppe Ex LSU (part time ore 20) Cruoglio Vincenzo Ex LSU (part time ore 20) Caprio Francesco Operatore polifunzionale Parisi Pasquale Operatore polifunzionale 4) LEGGE 219/1981 Responsabile: Famularo Diego (Assessore) Settore n. 1 Ricostruzione post terremoto e Sviluppo 5) SOCIO ASSISTENZIALE Responsabile: Sig. Giglio Antonio Settore n. 1 Politiche sociali Gestione Piano Sociale di Zona per la dignità e la cittadinanza sociale Comune di Palomonte (SA) Pag. 7/26

8 Lo schema seguente riporta la rappresentazione grafica dell organizzazione comunale: SINDACO GIUNTA CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO COMUNALE AMMINISTRATIVA ECONOMICO FINANZIARIA TECNICA LEGGE 219/1981 SOCIO ASSISTENZIALE 3 L AMBITO DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ TECNICA In questo capitolo viene descritto l ambito in cui si applica il presente Studio di Fattibilità Tecnica (di seguito anche detto SFT), ossia il complesso dei servizi erogati dal Comune di Palomonte e delle relative strutture organizzative che li erogano. Proprio per questi servizi il presente SFT propone nei capitoli successivi la soluzione per la continuità operativa ICT e DR. 3.1 Servizi erogati I servizi erogati dal Comune di Palomonte sono quelli rappresentati nella figura seguente, suddivisi nelle strutture organizzative già individuate precedentemente. Comune di Palomonte (SA) Pag. 8/26

9 SINDACO GIUNTA CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO COMUNALE AMMINISTRATIVA ECONOMICO FINANZIARIA TECNICA LEGGE 219/1981 SOCIO ASSISTENZIALE Gestione Servizi Demografici Gestione servizi finanziari Gestione Lavori Pubblici Gestione terremoto Servizi Sociali Piano di Zona Gestione Protocollo Gestione economica del personale Gestione Edilizia Gestione tributi Gestione manutenzione e patrimonio Gestione giuridica del personale Gestione protezione civile Gestione Atti Amministrativi Gestione attività produttive - SUAP Servizi sociali e culturali Polizia Locale Comune di Palomonte (SA) Pag. 9/26

10 3.1.1 Servizi in ambito In questo paragrafo vengono inseriti tutti i servizi erogati che verranno coperti dalla soluzione che si intende adottare. Essi sono classificati nella tabella che segue. I servizi aventi caratteristiche comuni sono stati raggruppati in classi omogenee e, quindi, le autovalutazioni e i tipi di soluzioni che si adotteranno si riferiranno alla classe e non al singolo servizio. Le classi di servizi individuate saranno oggetto dell autovalutazione fatta attraverso lo strumento messo a disposizione da DIGIT PA. Il raggruppamento in classi è stato effettuato accorpando quei servizi che hanno caratteristiche comuni in termini delle soluzioni tecnologiche adottate dall amministrazione comunale per il loro trattamento; si è tenuto conto, ad esempio, dell architettura del software di gestione (client/server, web based, ecc.), del modello architetturale per la gestione del servizio informatico (Application Service Provider, applicazione e data base su server installato presso il sito municipale, documenti e dati gestiti sulle postazioni di lavoro dei responsabili/incaricati dei trattamenti). Nel campo Tipologia di Utenza è inserita la stessa tipologia utilizzata nella compilazione della corrispondente scheda di autovalutazione. Nell individuazione della tipologia di utenza è stato scelto il criterio di indicare quella a cui il servizio/classe di servizi si rivolge in modo preponderante. Classe di servizi Servizio Descrizione Servizio Servizi Amministrativi Formazione, archiviazione e smistamento atti deliberativi di Giunta e Consiglio, gestione determinazioni e verbali di Giunta e Consigli; Gestione contratti ed altri procedimenti amministrativi. Tipologia di Utenza eterogenea AMMINISTRATIVA ECONOMICO FINANZIARIA Servizi di segreteria Gestione protocollo e pubblicazione atti Servizi culturali e biblioteca Polizia Municipale Servizi scolastici Servizi Demografici Pubblicazioni all'albo Pretorio on line. Gestione Posta Elettronica Certificata e sito web. Gestione archivio documenti in arrivo e partenza con assegnazione numero di protocollo e stampa etichette Servizi culturali: gestione impianti sportivi, eventi culturali, biblioteca. Turismo Autorizzazione e vigilanza manifestazioni pubbliche, pubblici esercizi, Vigilanza edilizia. Codice della strada (Sanzioni e incidenti stradali). Polizia urbana, rurale, mortuaria, sanitaria. Gestione atti di pubblica sicurezza (denunce infortuni, denunce di cessione fabbricati, denunce di ospitare stranieri). Verifica e controllo delle ordinanze Servizi scolastici: bollettazione scuola, mensa, servizi di trasporto Gestione anagrafe, AIRE, leva militare, stato civile, ed elettorale, statistiche, porte applicative INA/SAIA, CIE, CNSD eterogenea eterogenea Aziende/cittadini eterogenea Aziende/cittadini eterogenea Personale Gestione giuridica del personale e rilevazione presenze eterogenea Gestione tributi Gestione del personale Gestione servizi finanziari Gestione e controllo regolarità di dichiarazioni e versamenti. Elaborazione accertamenti e liquidazioni dei relativi tributi e predisposizione ruoli per la riscossione coattiva dei tributi (TARSU, TOSAP, pubblicità ed affissioni ). Gestione anagrafe contribuenti. Gestione economica del personale (cedolini, paghe, cessioni quinto dello stipendio, denunce mensili all'inpdap/inps, CUD).. Ragioneria, contabilità finanziaria, elaborazione bilancio, conto consuntivo, conto del patrimonio e conto economico, contabilità analitica. Emissioni mandati di pagamento e reversali di riscossione, gestione mutui. Controllo di gestione. eterogenea eterogenea eterogenea Comune di Palomonte (SA) Pag. 10/26

11 Classe di servizi Servizio Descrizione Servizio TECNICA LEGGE 219/1981 SOCIO ASSISTENZIALE Manutenzione. Urbanistica, Edilizia, Certificazioni e Catasto Gestione attività produttive Gestione protezione civile Gestione terremoto Servizi sociali Lavori Pubblici, Urbanistica e gestione del territorio, Espropri, finanziamenti per investimenti, sicurezza sui cantieri, Sicurezza sui luoghi di lavoro. Gestione Gare di Appalto e Contratti. Manutenzione del patrimonio, ecologia, ambiente e cimitero. Gestione impianti tecnologici. Sportello Unico Attività Produttive e Commercio Predisposizione, gestione e attivazione piani di emergenza, formazione e informazione rivolta alle popolazioni a rischio, interventi sul territorio in caso di emergenze di varia natura. Ricostruzione post sismica Servizi sociali: rilascio assegno nucleo familiare, di maternità, esenzione ticket, pasti a domicilio, assistente sociale, alloggi comunali, servizio civile. Tipologia di Utenza eterogenea Aziende/cittadini eterogenea eterogenea Aziende/cittadini Servizi non in ambito Non sono stati individuati servizi da tenere al di fuori dell ambito dello SFT. Servizio Descrizione Servizio Tipologia di Utenza 3.2 Descrizione dettagliata Servizi/Classe di Servizi In questo paragrafo sono stati inseriti i riferimenti agli allegati in cui sono riportati i file prodotti dallo strumento di autovalutazione. Per ogni classe di servizi che fa parte dell ambito dello Studio di Fattibilità Tecnica è stata redatta una scheda di autovalutazione, i cui risultati sono riportati nei seguenti allegati: Allegato 1: Schede del foglio elettronico Allegato1_AV_AMMINISTRATIVA Allegato 2: Schede del foglio elettronico Allegato2_AV_FINANZIARIA Allegato 3: Schede del foglio elettronico Allegato3_AV_TECNICA Allegato 4: Schede del foglio elettronico Allegato4_AV_LEGGE_219 Allegato 5: Schede del foglio elettronico Allegato5_AV_SOCIALE Comune di Palomonte (SA) Pag. 11/26

12 4 IL RISULTATO DEL PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE In questo capitolo, per ogni classe di servizi che fa parte dell ambito dello Studio di Fattibilità Tecnica, già descritti nel paragrafo 3.1.1, sono riportati i dati emersi nel corso dell autovalutazione e che sono riportati nello schema di sintesi delle schede dell autovalutazione: Indice complessivo di Soluzione Classe di servizi Classe di criticità criticità tecnologica (Tier) Area Amministrativa 3 Media Tier 3 Area Finanziaria 3 Media Tier 3 Area Tecnica 2 Bassa Tier 1 Area Legge 219/ Bassa Tier 1 Area Sociale 3 Media Tier 3 5 LA SOLUZIONE TECNOLOGICA E TECNICA In questo capitolo viene indicato il dettaglio della soluzione che l Amministrazione ha individuato come rispondente alle proprie esigenze. Nel seguito si parlerà di soluzione tecnologica per fare riferimento alla classificazione Tier 1 Tier 6 in analogia a come viene utilizzata nelle Linee Guida (LG) predisposte da DigitPA e nel relativo strumento di autovalutazione. A fronte della soluzione tecnologica individuata sarà adottata una soluzione tecnica. Quindi la soluzione sarà individuata dalla soluzione tecnologica e dalla soluzione tecnica: ad esempio Tier3/soluzione tecnica A. Prima di andare a descrivere la soluzione adottata da questa Amministrazione val la pena di riassumere le sei tipologie di soluzioni tecnologiche individuate da DIGIT PA, indicate come Tier 1, Tier 2,, Tier 6, per poter giungere ad una omogeneizzazione delle soluzioni di Continuità Operativa e Disaster Recovery, che, come è noto, è uno degli obiettivi che si prefigge il Codice dell Amministrazione Digitale: Tier 1: backup dati e conservazione presso un altro sito (anche detto alternativo o secondario o di DR ) tramite trasporto di supporto (nastro o altro dispositivo). Il sito secondario dovrà disporre di spazi attrezzati per accogliere risorse elaborative in caso di disastro, con garanzia della disponibilità di risorsa di elaborazione in grado di permettere il ripristino delle funzionalità IT in caso di emergenza. Tier 2: soluzione simile a quella di Tier 1, con la differenza che le risorse elaborative, già presenti, possono essere disponibili in tempi sensibilmente più brevi, garantendo anche l allineamento delle performance rispetto al sistema primario. Tier 3: soluzione simile a quella di Tier 2, con la differenza che il trasferimento dei dati tra il sito primario e quello di DR avviene attraverso un collegamento di rete tra i due siti. Questa soluzione può prevedere tempi di ripristino più veloci rispetto ai Tier precedenti, ma rende necessario dotarsi di collegamenti di rete con adeguati parametri di disponibilità, velocità di trasferimento e sicurezza. Comune di Palomonte (SA) Pag. 12/26

13 Tier 4: questa soluzione prevede che le risorse elaborative, garantite coerenti con quelle del centro primario, siano sempre disponibili, permettendo la ripartenza delle funzionalità in tempi rapidi. Tier 5: la soluzione è analoga a quella del Tier4, con la differenza che l aggiornamento finale dei dati avviene solo quando entrambi i siti hanno eseguito e completato i rispettivi aggiornamenti (sincronizzazione). Tier 6: la soluzione prevede che nel sito di DR le risorse elaborative, oltre ad essere sempre attive, siano funzionalmente speculari a quelle del sito primario, rendendo così possibile ripristinare l operatività dell IT in tempi molto rapidi. Segue una chiara e sintetica rappresentazione grafica estrapolata dalle Linee Guida di DIGIT PA. 5.1 Soluzione adottata o da adottare La situazione adottata fino ad oggi Il Sistema Informativo del Comune di Palomonte si compone di applicazioni software realizzate prevalentemente da un unico fornitore, le cui banche dati risiedono su un unico server collocato all interno del Comune. L architettura applicativa predominante è quella client/server, ma alcune applicazioni sono web based. Comune di Palomonte (SA) Pag. 13/26

14 La situazione è schematizzata nella tabella seguente: Applicazione software Contabilità finanziaria Gestione del Personale Protocollo informatico Rilevazione presenze Gestione atti amministrativi Demografico Gestione Tributi e Bollettazione Albo Pretorio Sito web e portale servizi e-government Descrizione Fornitore Apparecchiatura su cui è installato il sw e/o la base dati Elabora bilancio, conto consuntivo, conto del patrimonio e conto economico; si emettono mandati di pagamento e reversali di riscossione, gestione mutui Gestione giuridico economica del personale Gestione del protocollo informatico e messi Rilevazione presenze del personale Scrittura, modifica, archiviazione, ricerca, pubblicazione atti amministrativi di Giunta, Consiglio e dei settori. Gestisce i dati riguardanti la popolazione, anagrafe, stato civile, leva ed elettorale Gestisce e controlla la regolarità di dichiarazioni e versamenti. Elabora accertamenti e liquidazioni dei relativi tributi e predispone i ruoli per la riscossione coattiva dei tributi (ICI/IMU, TARSU, TOSAP, Acquedotto, pubblicità ed affissioni, licenze commercio); gestisce l anagrafica contribuenti. Gestione albo pretorio on line Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl Alphasoft Srl CST Sistemi Sud CST Sistemi Sud SUAP CCIAA SA Centralizzata su unico server interno all Ente Centralizzata su unico server interno all Ente Centralizzata su unico server interno all Ente Su PC ufficio personale Centralizzata su unico server interno all Ente Centralizzata su unico server interno all Ente Centralizzata su unico server interno all Ente Presso il fornitore esterno (modalità ASP) Presso il fornitore esterno (modalità ASP) Piattaforma operativa Windows Server 2008 R2 Windows Server 2008 R2 Windows Server 2008 R2 Windows Vista Windows Server 2008 R2 Windows Server 2008 R2 Windows Server 2008 R2 Architettura Client/server Client/server Client/server Client/server Client/server Client/server Client/server Web based Web based Web based Le banche dati delle applicazioni software residenti sulle postazioni di lavoro comunali sono soggette ad un piano di backup avente le caratteristiche indicate nella tabella seguente: Comune di Palomonte (SA) Pag. 14/26

15 Politica Attività Descrizione I backup sono effettuati attraverso copia fisica delle banche dati. Applicazione Backup Supporti Categorie di dati Semplice copia fisica dei dati. Unità disco esterna e CD-ROM Banche dati Le banche dati sono quelle delle applicazioni gestionali in esercizio Applicazioni NO Sorgenti NO Configurazioni NO Frequenza Tempo di recupero dalle copie di backup Persone autorizzate al recupero delle copie Simulazione ripristini Salvataggio automatico giornaliero su unità disco esterna Salvataggio settimanale su CD-ROM 2 giorni Fornitori delle applicazioni NO Presenza ambienti di test per verifiche simulazione ripristini Verifica leggibilità dei supporti Collocazione copie di backup Controlli ambientali Modalità di trasporto e collocazione delle copie di backup in sito remoto Classificazione dei supporti Contrassegno dei supporti Tempo di conservazione delle copie di backup NO SI Armadio chiuso Sistema antincendio Il sito remoto non è stato ancora individuato I supporti utilizzati per il backup sono classificati in funzione del loro utilizzo: Supporto Settimanale: per ogni settimana è utilizzata un CD-ROM Supporto giornaliero: unità disco esterna Data del Back up e nome Banca Dati salvata 3 mesi Soluzione tecnologica da adottare Per la realizzazione della Continuità Operativa e Disaster Recovery, questo Comune ha individuato una soluzione tecnologica di tipo Tier 3 da adottare nei tempi pianificati nel successivo capitolo 6. La soluzione scelta prevede il backup dei dati e la sua conservazione presso un sito alternativo di DR attraverso un collegamento di rete tra i due siti. Il sito secondario dispone di spazi attrezzati e risorse elaborative già presenti in grado di permettere, in caso di emergenza, il ripristino in tempi brevi delle funzionalità IT, garantendo anche l allineamento delle performance rispetto al sistema primario. Il Comune di Palomonte (SA) Pag. 15/26

16 collegamento di rete deve avere adeguati parametri di disponibilità, velocità di trasferimento e sicurezza. Tutti i servizi in ambito sono coperti da una sola soluzione tecnica che fa riferimento alla soluzione tecnologica di tipo Tier 3. Soluzione tecnologica Tier 3 Classi di servizi coperti Area Amministrativa Area Finanziaria Area Tecnica Area Legge 219/1981 Area Sociale Soluzione tecnica Ad integrazione e sistematizzazione del sistema già attualmente utilizzato, il backup dei dati verrà eseguito secondo le tre seguenti modalità: 1. copia completa una volta al mese La copia completa di back up cattura tutti i file che si trovano sul disco. Il tempo necessario per effettuare una copia completa può essere lungo; inoltre effettuare una copia completa di file, che non vengono alterati frequentemente, come file di sistema, può portare ad una impostazione decisamente sovrabbondante ed onerosa della procedura di realizzazione delle copie di backup. Per tali ragioni è stata scelta una cadenza mensile per questo tipo di salvataggio. 2. Copia differenziale una volta alla settimana Il back up differenziale archivia i file che sono stati creati o modificati dall ultima copia completa. E evidente che il back up differenziale richiede un tempo assai inferiore, rispetto al back up completo. Inoltre, la ricostruzione di dati provenienti da un back up differenziale può richiedere un impegno minore, perché è solo necessario procacciarsi il supporto di archiviazione dell ultimo back up completo e dell ultimo back up differenziale. 3. copia incrementale una volta al giorno La copia incrementale cattura soltanto i file che sono stati creati o modificati dall ultima copia di rispetto effettuata, indipendentemente dal tipo di back up. Il back up incrementale permette di utilizzare in maniera assai più efficiente il supporto di archiviazione ed i tempi di realizzazione delle copie vengono ridotti. I backup mensili, settimanali e giornalieri, eseguiti secondo le modalità descritte, verranno trasferiti via rete internet al sito secondario e archiviati su un server di backup. Comune di Palomonte (SA) Pag. 16/26

17 La soluzione tecnica prevede l accesso ad un servizio offerto da un provider esterno per l archiviazione e/o l elaborazione dei dati in caso di emergenza grazie all utilizzo di risorse hardware/software distribuite e virtualizzate in rete. Essa và sotto il nome di cloud computing. È noto, infatti, come, utilizzando varie tipologie di unità di elaborazione (CPU), memorie di massa fisse o mobili come ram, dischi rigidi interni o esterni, Cd/DVD, chiavi USB, eccetera, un computer sia in grado di elaborare, archiviare, recuperare programmi e dati. Nel caso di computer collegati in rete locale (LAN) o geografica (WAN) la possibilità di elaborazione/archiviazione/recupero può essere estesa ad altri computer e dispositivi remoti dislocati sulla rete stessa. Sfruttando la tecnologia del cloud computing gli utenti collegati ad un cloud provider possono, ad esempio, utilizzare software remoti non direttamente installati sul proprio computer e salvare dati su memorie di massa on-line predisposte dal provider stesso (sfruttando sia reti via cavo che senza fili). Il Comune di Palomonte intende utilizzare le potenzialità tecnologiche del cloud computing per risolvere l importante questione oggetto del presente Studio di Fattibilità Tecnica. L'architettura del cloud computing prevede uno o più server reali, generalmente in architettura ad alta affidabilità e fisicamente collocati presso il data center del fornitore del servizio (provider). Il fornitore di servizi espone delle interfacce per elencare e gestire i propri servizi. Il cliente amministratore utilizza tali interfacce per selezionare il servizio richiesto (ad esempio un server virtuale completo oppure solo storage) e per amministrarlo (configurazione, attivazione, disattivazione). Il cliente finale utilizza il servizio configurato dal cliente amministratore. Più in particolare si intende usufruire di un servizio di tipo IAAS (Infrastructure As A Service) che permetterà al Comune di utilizzare risorse hardware in remoto su richiesta o domanda al momento in cui se ne avrà bisogno. In pratica il sito alternativo dove sarà trasferito il backup delle banche dati comunali sarà un Data Center come quello rappresentato nella figura seguente: Comune di Palomonte (SA) Pag. 17/26

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i.

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. BREVE GUIDA ALLA LETTURA... 5 1 OBIETTIVI E SCENARI

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART.

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. 50 BIS DEL CAD VERSIONE 2.4 DEL 30/07/2012 SOMMARIO 1. Introduzione 2

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014)

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è lo strumento attraverso il quale

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli