Strumenti tecnologici a supporto del business delle strutture ricettive: possibilità e limiti nei sistemi complessi dell ospitalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti tecnologici a supporto del business delle strutture ricettive: possibilità e limiti nei sistemi complessi dell ospitalità"

Transcript

1 Strumenti tecnologici a supporto del business delle strutture ricettive: possibilità e limiti nei sistemi complessi dell ospitalità Maria Zifaro Dipartimento di Economia Aziendale E. Giannessi Pisa Sommario Nel corso degli ultimi anni sono cambiate radicalmente le logiche di funzionamento ed i sistemi di interazione con il mercato e più in generale con gli stakeholder. Se fino ad ieri era possibile per la struttura ricettiva gestire direttamente la relazione con il cliente, attraverso la prenotazione tradizionale o ricorrendo all intermediazione di agenzie viaggi o tour operator, oggi si può osservare un crescente utilizzo di sistemi di prenotazione on-line, basati sempre più sulla comparazione di variabili quantitative. Del pari crescono le communities di clienti, coinvolti in sistemi di recensione interattive, globalmente difficili da controllare. Tutto ciò ha portato ad una profonda trasformazione del modello di business dove la tecnologia gioca un ruolo fondamentale, che va ben oltre la gestione ordinaria della combinazione aziendale. Il paper ha l obiettivo di indagare come le strutture alberghiere, localizzate nella Provincia di Pisa, sono in grado di utilizzare la tecnologia per supportare il nuovo modello di business. Keywords: Strutture Ricettive, Tecnologia, Sistemi Complessi 1 Riflessioni iniziali Il comparto alberghiero sta affrontando nuove ed importanti sfide legate alla evoluzione degli strumenti di comunicazione, promozione e vendita del prodotto/servizio turistico. Fino ad ieri si poteva ricorrere, per la distribuzione turistica del prodotto/servizio a due canali: diretto e indiretto. Il primo consentiva di gestire senza intermediari la relazione con il cliente attraverso la prenotazione tradizionale e la selezione della struttura avveniva essenzialmente attraverso le referenze di amici, il passaparola o le telefonate dirette. Il secondo utilizzava l intermediazione di agenzie viaggi o tour operator e la prenotazione era mediata da questi operatori. Oggi lo scenario è completamente cambiato, in quanto la diffusione di internet ha facilitato l accesso ad una serie di informazioni e di dati e a permesso agli operatori turistici di contattare direttamente il cliente finale, accorciando la filiera turistica. A prima vista il settore dell intermediazione poteva sembrare destinato a divenire elemento residuale all interno della filiera turistica

2 2 La tecnologia a supporto delle strutture ricettive ma ciò non è accaduto in quanto ha saputo sfruttare a proprio vantaggio internet e le nuove tecnologie dell informazione. Ne sono possibili esempi Expedia, Lastminute.com, Booking.com, che hanno consentito di riscoprire forme di comunicazione, come il passaparola, attraverso l uso di nuovi strumenti, unitamente ai social network ed ai portali utilizzati per scrivere recensioni, amplificando il bacino di ascolto dei clienti a livello planetario ed incidendo in maniera più sensibile sulla reputazione della struttura. Per attrarre e conquistare nuovi clienti gli albergatori devono utilizzare le potenzialità messe a disposizione dall evoluzione tecnologica e dai mezzi di comunicazione che hanno accompagnato i cambiamenti nei modelli di business [1]. Le strutture alberghiere possono utilizzare due strumenti che diventano, se opportunamente gestiti, canali di comunicazione e di ascolto molto potenti: i siti internet; la reputazione on-line. 2 Le domande di ricerca ed una possibile chiave interpretativa Da queste premesse il paper vuole approfondire le seguenti domande di ricerca: la tecnologia impatta sul modello di business delle strutture ricettive? come viene utilizzata la tecnologia per rendere la struttura ricettiva competitiva sul mercato? Per rispondere è stata strutturata una ricerca quali-quantitativa che ha coinvolto le strutture alberghiere, localizzate nella Provincia di Pisa. La scelta è giustificata dal fatto che essa presenta una naturale e spontanea vocazione al turismo, legata, in particolar modo, all esistenza di un patrimonio culturale ed ambientale diffuso e diversificato, sito UNESCO nella Piazza dei Miracoli, ed è caratterizzata dalla presenza di infrastrutture di altissimo livello, come l aeroporto, un terziario avanzato, tre università, la presenza di numerosi musei e potenziali interazioni tra beni culturali e ambientali. Il lavoro di ricerca si inquadra nell ambito degli studi organizzativi, ed è letto con riferimento alle dinamiche della complessità per quanto attiene l elevato numero di variabili, comportamenti non lineari, prevalenza di probabilità su prevedibilità, in un quadro di razionalità limitata. La complessità, come ricorda Padroni, scaturisce da condizioni d interrelazione di elementi che coesistono all interno di un sistema sia nei rapporti tra il mercato e l ambiente [2]. Il sistema complesso è caratterizzato da un elevato numero di forze e attori che interagiscono tra loro in varia forma rispetto alla tradizionale modellizzazione scientifica classica all interno di un insieme di norme che rinuncia a procedure standard a favore di soluzioni maggiormente adattive. Di fatto se si vuole comprendere il comportamento dove non è possibile ricorrere alle tradizionali tecniche di scomposizione del sistema complesso in parti più semplici. La teoria della complessità con riferimento all ambito aziendale studia le cause e i fattori che determinano modalità di comportamento, che sono

3 La tecnologia a supporto delle strutture ricettive 3 totalmente o parzialmente legate in una logica riferibile alla somme delle parti, collegate ad interazioni tra persone ed ambiente di riferimento [3]. Il grado di connessione tra le diverse variabili del sistema, associato alla quantità dei flussi d informazione esistenti permette ai processi decisionali di non rimanere circoscritti a singoli aspetti ma consente di coinvolgere tutti gli altri anche se collegati in modo diverso [4]. In questo scenario si analizzano situazioni caratterizzate da molte variabili e sistemi ad alta interconnessione di tipo reticolare che coinvolgono il mercato e l ambiente e operando in modo dinamico e non lineare risentono di vicende passate ed influenzano il comportamento futuro dei vari attori 1. In questa realtà si inseriscono la tecnologia ed internet quali strumenti che impattano sull organizzazione dei nuovi modelli di business che necessitano una diversa interpretazione rispetto al passato. Si è in presenza di un profondo ripensamento delle modalità con le quali è possibile articolare il rapporto con la domanda da parte delle strutture ricettive, in quanto è necessario considerare le opportunità relazionali offerte dalla rete ed interiorizzare il contributo di conoscenza offerto dal singolo utente attraverso internet [10,11]. Sottovalutare questo aspetto conduce inevitabilmente alla perdita di legittimazione collettiva. Nei sistemi complessi il comportamento dei soggetti risulta difficilmente prevedibile, poiché non esistono leggi rigorose che segnano le varie fasi. Si hanno a disposizione solo indicazioni di massima di quanto potrebbe accadere in altre situazioni e ciò enfatizza i caratteri della probabilità. 3 Obiettivo della ricerca e metodologia Se circoscriviamo l analisi ai turisti italiani, possiamo comprendere che (tabella 1) le informazioni reperite su internet rappresentano un canale di influenza della vacanza non trascurabile. Al primo posto troviamo l esperienza personale pari al 51,8% per la meta Italia e 29,2% per la meta Estero seguita dal passaparola pari al 26,4% per la meta Italia e 31,7% per la meta Estero seguite dalle informazioni reperite su internet pari al 10,5% per la meta Italia e 19,39% per la meta Estero, denotano una forte influenza e potere della rete. A supporto dei dati rilevati dall ISNART sul livello di importanza del passaparola Litvin si è concentrato sullo studio del ewom e ha delineato diverse caratteristiche e modalità di diffusione delle informazioni in relazione ai differenti mezzi comunicativi via web evidenziando che la visibilità e l operatività on-line può dare importanti vantaggi competitivi a chi ne utilizza le potenzialità [6]. La forza dei nuovi canali per la diffusione delle notizie si esplica nella facilità e nella velocità di trasmissione di una informazione. I siti di social network, ad esempio, si configurano sempre più come degli aggregatori di informazioni e di utenti che amplificano le possibilità relazionali del singolo individuo di ricercare 1 Pareto offre un contributo per l avvicinamento alla complessità, verso una migliore comprensione delle vicende economiche e sociali attraverso il superamento degli accadimenti per cogliere anche ciò che non appare logico, gli istinti irrazionali ed i sentimenti capaci di determinare le vicende economiche.

4 4 La tecnologia a supporto delle strutture ricettive In Italia all Estero totale Esperienza personale 51,8% 29,2% 44,8% Passaparola 26,4% 31,7% 28,1% Informazioni su internet 10,5% 19,9% 13,4% Offerte su internet 7,0% 11,2% 8,3% Tabella 1. Fonte: nostra rielaborazione da ISNART 2009 [5] informazioni. A fronte di ciò si vede che un numero sempre maggiore di turisti si sta spostando dall offline all online e per questo è molto importante che gli operatori turistici e in particolare gli imprenditori alberghieri comprendano questo passaggio ed utilizzino queste tecnologie emergenti. Le potenzialità, la portata e l importanza dei social network, dei blog, dei forum e degli altri strumenti consentono un elevato livello di interazione con i potenziali clienti da parte degli operatori turistici. Un altro elemento che concorre ad influenzare la scelta della struttura è la recensione ossia la formazione di una reputazione on-line. L immagine di una struttura ricettiva si forma nella mente del turista prima della sua partenza e questa idea è alimentata e cerca conferme nei propri ricordi, nei ricordi di amici, nelle informazioni presenti su internet, nei forum e nei blog turistici. A fronte di ciò si può affermare che per una struttura alberghiera è molto importante la corretta progettazione e gestione di un sito internet e una buona reputazione on-line che si ottiene attraverso le recensioni dei clienti. Il paper nasce dalla consapevolezza che esiste una relazione diretta tra l uso della tecnologia e lo sviluppo di un vantaggio competitivo per l azienda e attraverso l indagine sul territorio ne vuole verificare le seguenti ipotesi che hanno origine dalle domande di ricerca: 1. l albergatore comprende l importanza di essere presente sulla rete internet in modo proattivo ed utilizza il sito come canale distributivo aggiuntivo e strumento per mantenere una relazione con il cliente; 2. l albergatore è consapevole dell importanza della reputazione on-line ed assume un atteggiamento proattivo introducendo in azienda nuove competenze e professionalità per gestire la reputazione; 3. l utilizzo diverso della tecnologia introduce un nuovo modello di business che le aziende devono gestire. La prima ipotesi fa riferimento al fatto che il settore alberghiero può utilizzare la rete in tre modi: come semplice vetrina promozionale; come servizio pre-vendita con conferma presso le agenzie di viaggio convenzionate; come canale distributivo vero e proprio che si aggiunge ai canali tradizionali. Il cambiamento più rilevante di internet è rappresentato dalla centralità dell utente che, da destinatario passivo nei confronti di un flusso informativo in-

5 La tecnologia a supporto delle strutture ricettive 5 tegralmente controllato dal gestore del sito web, diventa il protagonista della creazione di contenuti che può veicolare attraverso la rete. La seconda ipotesi si ricollega la fatto che la reputazione è legata al concetto di immagine aziendale e rappresenta una risorsa importante in grado di influire sui risultati economici impattando sulla soddisfazione dei clienti in quanto rappresenta un segnale forte per il mercato. La reputazione è intesa come concetto legato all immagine, ai giudizi di valore dati dal pubblico sulla qualità di consistenza, fiducia, affidabilità di un organizzazione che si sono formati in periodo di tempo abbastanza lungo [7,8,9]. L avvento e la diffusione di internet hanno ulteriormente aumentato l importanza della reputazione di chi offre prodotti e servizi. Le attività di vendita online si svolgono di solito fra parti che non si conoscono o difficilmente hanno avuto altri rapporti e quindi una buona reputazione è un elemento fondamentale per una qualunque organizzazione. Facebook e twitter, ad esempio, hanno una influenza diretta sul traffico e sulle visite ai siti web degli operatori turistici. Le recensioni sono caratterizzate da un trend in crescita esplosiva, in quanto l abitudine a commentare ed esprimere pareri su prodotti e servizi appare ormai abbastanza consolidata e non si vedono rallentamenti nella crescita del numero di utenti che ne fanno uso. La qualità e numero delle recensioni hanno un impatto sull economicità delle strutture interessate. I commenti negativi se gestiti correttamente possono portare effetti positivi, ma se ignorati o snobbati possono avere conseguenze pericolose. I turisti, sempre più esigenti, ricorrono ad approfondite ricerche di informazioni che consentono di valutare e confrontare mete diverse, utilizzando dati disponibili in rete, per creare un giudizio personale basato sempre più sulla comparazione di variabili qualitative. Per questo motivo un azienda che giudica di rilevante importanza crescere intorno ai propri clienti dovrebbe focalizzare la propria attenzione anche sulla gestione delle informazioni e la creazione di nuove competenze, capaci di governarle. Le recensioni online rappresentano degli indicatori affidabili ed utili, importanti da conoscere ed interpretare correttamente al fine di ottenere una migliore conoscenza del mercato e della concorrenza. La terza ipotesi scaturisce dalla constatazione che è cambiata la filiera produttiva, si sono, infatti, modificati i ruoli che vengono interpretati dai suoi attori e si sono evolute le modalità di acquisto e di consumo dei prodotti turistici. La rete rappresenta uno strumento a disposizione dell albergatore per gestire i nuovi modelli e canali di business. A tal proposito la letteratura manageriale evidenzia, grazie agli studi sulla user innovation di Von Hippel, l importanza della generazione periferica della conoscenza enfatizzandone come i contributi che l utilizzatore di un prodotto/sevizio apporta nel momento in cui lo adatta alle proprie esigenze e lo comunica agli altri inneschi un naturale processo di innovazione. Lo stesso autore ha evidenziato come internet faciliti la creazione di network orizzontali di innovazione nei quali il processo è in grado di svilupparsi anche attraverso le riflessioni che derivano dal contributo offerto da altri utilizzatori sulla rete. Possiamo ipotizzare di mutuare, da tale teoria, che anche la condivisione di esperienze relative all utilizzo di un prodotto turistico possa contribuire alla sua innovazione se esse sono correttamente interpretate dall impreditore [12,13]. La metodologia utilizzata per la ricerca fa

6 6 La tecnologia a supporto delle strutture ricettive riferimento ad una indagine quali-quantitativa, ancora in corso di svolgimento, che ha coinvolto le strutture ricettive della Provincia di Pisa. È stato utilizzatolo strumento del questionario on-line. Le fasi che hanno caratterizzato l analisi quantitativa sono: 1. individuazione dell universo ed estrapolazione del campione; 2. scelta delle modalità di somministrazione del questionario; 3. predisposizione di focus group per l individuazione delle criticità specifiche; 4. predisposizione del questionario; 5. validazione del questionario con alcuni attori oggetto di indagine ed eventuali modifiche; 6. somministrazione del questionario e raccolta dati; 7. verifica e validazione dei dati; 8. elaborazione dei dati raccolti; 9. interpretazione dei risultati; 10. presentazione dei risultati. 4 Primi risultati dell analisi Da una prima analisi si evince che il campione analizzato è composto da 46 strutture ricettive di cui il 2,17% sono alberghi a cinque stelle, il 19,57% sono quattro stelle, il 60,87% sono a tre stelle, il 10,87% sono a due stelle ed il rimanente 6,52% a una stella. Le risposte fornite nel questionario evidenziano con riferimento alle ipotesi formulate dei risultati non scontati o prevedibili. La prima ipotesi risulta verificata parzialmente in quanto dall analisi si evidenzia che il 100% delle strutture possiede un sito internet e il 10,87% lo considera e lo utilizza come uno strumento di business e per questo lo vuole cambiare, mentre il rimanente 89,13% è soddisfatto della sua struttura. Il 50% degli alberghi intervistati ha dichiarato di aggiornare il sito con una frequenza che va da più volte a settimana fino a più volte il giorno non specificando se le modifiche/integrazioni fanno riferimento ai contenuti o semplicemente al prezzo o disponibilità della camera. Il rimanente 50% ha dichiarato di aggiornare il sito con una frequenza che va da mai a una volta a settimana. Solo il 10,87% lo aggiorna una volta a settimana. Da ciò si evince che la maggior parte si limita a usare questo strumento per informare, mostrare e pubblicizzare la struttura come una vetrina. In questi casi non si crea una relazione fra le imprese e l utente che assume il ruolo di chi guarda la pubblicità alla televisione o osserva un manifesto pubblicitario. Per la verifica della seconda ipotesi è stato strutturato un focus group che ha fatto emergere la frequenza del monitoraggio delle recensioni da parte degli albergatori evidenziando che si sottovalutano le potenzialità dello strumento. L indagine ha evidenziato che esistono delle differenze nell utilizzo di strumenti innovativi legati ad internet che variano a seconda della tipologia di di hotel, ma anche a seconda che l albergo appartenga ad un gruppo o sia indipendente. Gli operatori alberghieri hanno preso coscienza del fatto che non era più possibile continuare a cullarsi per la favorevole posizione turistica come elemento determinante al conseguimento di performance eccellenti. Il quadro competitivo

7 La tecnologia a supporto delle strutture ricettive 7 degli ultimi anni è stato interessato da trasformazioni continue che hanno incrementato la complessità, l incertezza e turbolenza. I processi di globalizzazione e di ampliamento dei rapporti commerciali sono stati potenziati dal superamento delle distanze fisiche e dalla contrazione dei vincoli di tempo e costo che per lungo tempo avevano rappresentato un forte ostacolo. Da ciò emerge una discreta attenzione al controllo dei siti che forniscono recensioni sulle strutture sebbene si evinca che l albergatore non comprenda pienamente l impatto che le recensioni hanno sul business. Il 15% monitora raramente la reputazione on line della struttura, il 10% qualche volta durante l anno, non ritenendolo importante al fine del business, mentre solo il 28% più volte a settimana. L analisi mostra che a monitorare più spesso sono per lo più alberghi a tre e quattro stelle e questo può essere legato essenzialmente a due fattori. Il primo riguarda la competitività in quanto la competizione degli alberghi a tre o quattro stelle fra loro e nei confronti dei vicini di categoria nel tentativo di erosione delle rispettive quote di mercato. Il secondo potrebbe essere legato al timore che la qualità percepita e quindi comunicato sia inferiore a quella reale. Ciò è dovuto al fatto che è sempre più in crescita la tendenza di considerare la qualità meno legata alla categoria ufficiale e sempre più al prezzo praticato. La terza ipotesi è totalmente disattesa in quanto sebbene gli albergatori siano consapevoli che una percentuale sempre maggiore di popolazione accede ad internet si evidenziano carenze relative all utilizzo della tecnologia per la gestione del nuovo modello di business che si sta delineando. In questo scenario sarebbe necessario l introduzione di nuove professionalità e competenze capaci di gestire in modo corretto il nuovo modello di business. La competitività del settore turistico passa dalla consapevolezza dell estrema importanza e delle potenzialità che internet mette a disposizione degli albergatori sebbene gli albergatori siano riluttanti alla sua adozione per carenze di competenze e professionalità all interno della struttura 5 Considerazioni di sintesi In conclusione dall analisi emerge che è presente ancora un po di resistenza all utilizzo di internet, o meglio della tecnoligia a supporto del business. Nella maggior parte dei casi perchè non si ha familiarità con lo strumento e talvolta non si possiedono all interno le competenze per governare e quindi si creano dei freni all impiego. È utile ricordare che la gestione e la promozione di un business attraverso internet è molto importate ma dispendiosa in termini di energia, anche professionale e di tempo in quanto è necessario rispettare il buon utilizzo di parole chiave e di meta tag, puntare sulla qualità dei contenuti e la facilità di accesso e navigazione al fine di ottenere una buona reputazione sul web. La totalità delle strutture alberghiere ha un proprio sito web ed il discrimine diventa l implementazione di altri strumenti e la connessione con altri sistemi di vendita. Il corretto utilizzo della tecnologia e di internet necessita inevitabilmente di un ripensamento dei modelli di business. Cercare una strada nuova e provare a percorrerla è la via del successo perchè lo sforzo intellettuale ma anche operativo permette di fluidificare e facilitare i processi, velocizzare le procedure ridurre gli

8 8 La tecnologia a supporto delle strutture ricettive sprechi e rendere maggiormente efficace ed efficiente l attività. Il cambiamento tecnologico coinvolge la combinazione di fattori aziendali ed sistema delle decisioni in uno scenario sempre più complesso che interessa con la stessa intensità l azienda, il mercato e l ambiente. Se in passato un albergatore veniva recensito esclusivamente su guide e riviste specifiche del settore turistico, ora lo sviluppo di internet ed in particolare la diffusione dei social network ha modificato in maniera cruciale il monitoraggio del gradimento dei turisti verso le strutture ricettive. I sistemi di rating delle strutture alberghiere sono da considerarsi delle opportunità e ciò costringe a ripensare le logiche di gestione classiche anche osservando come molti modelli di business rischino l estinzione mentre altri sorgano quasi dal nulla per altro spesso in una prospettiva di incerta durata nel medio lungo periodo. Emblematica è l innovativa convergenza tra settori della tecnologia, dei media e delle telecomunicazioni in un grande rimescolamento capace di dar vita a nuovi modelli di business. Due sono i fattori che determinano il successo di un organizzazione in questo ambiente. Il primo riguarda la qualità delle attività online e la capacità di presentarsi come competente e affidabile e l abilità di produrre materiali che siano interessanti e attraenti per il proprio pubblico. Questo presuppone l introduzione di un nuovo modello di business e la necessità di saperne gestire le potenzialità. Il numero limitato del campione e l analisi circoscritta territorialmente identifica la ricerca come essenzialmente di tipo qualitativo. L analisi necessita di ulteriori strumenti metodologici che verranno implementati nei futuri step ad integrazione di quelli finora raggiunti. Riferimenti bibliografici 1. McAuliffe, J.: Online Merchandising, Understanding Online Travel Shoppers: How Smart Hoteliers are Engaging Today s Travelers and Driving More Booking. VFM Leonardo Paper (2009) 2. Padroni, G.: Aspetti della Complessità e sensibilità postmoderna nelle dinamiche organizzative e del capitale umano. Giuffrè, Milano (2007) 3. Mendenhall, M.E., Macomber, J.H., Cutright, M., Parker Follet, M.:Prophet of chaos and complexity. Journal of Managment History, vol. 6 n. 4 (2000) 4. Mitleton-Kelly, E.: Organisations as Co-evolving Complex Adadtive Systems. Paper presented at the British Academy of Management Conference, LondonSchool of Economics, London 5. ISNART: Indagine quantitativa sui comportamenti turistici degli italiani. Roma Unioncamere (2009) 6. Litvin et al.: Electonic word-of-mounth in hospitality and tourism management. Tourism Management, 29: (2008) 7. Baenett, M. L., Jermier, J.M., Lafferty, B.A.: Corporate Reputation: The Definitional Landscape. Corporate Reputastion Review, 9(1), Bennett, R., Rentschler, R.: Foreword by the guest editors. Corporate reputation Review 6(3), (2003) 9. Gotsi, M, Wilson, A.M.: Corporate reputation: seeking a definition. Corporate Communications 6(1), (2001) 10. Smith, T., Coyle, J.R., Lightfoot, E., Scott, A.: Reconsidering models of influence: the relationship between consumer social networks and word of mouth effectiveness. Journal of advertising research, December (2007)

9 La tecnologia a supporto delle strutture ricettive Dwyer, P.: Measuring the value of elettronic world of mouth and its impact in consumer communities. Journal of interactive marketing, vol. 21 n. 2 (2007) 12. Von Hippel, E.: Get new products from customers. Harward Business Review, vol. 60 n. 2 (1982) 13. Von Hippel, E.: Horizontal innovation networks: by and for users. MIT Sloan School of Management, Working Paper, n , June (2002)

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0 Second Opinion Business reliability and values creation November 2013 Second Opinion. rel 2.0 A differenza e di altri documenti, ou i,pepaaii preparati in precedenza, pee e questo va inteso esclusivamente

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 La gestione del portale e la promozione on-line Nicola Grassetto Time2marketing Srl Bibione Online Cos è oggi Bibione.com Operatori presenti 5 Strutture open air

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli