Il rischio reputazionale nell ottica del risk

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rischio reputazionale nell ottica del risk"

Transcript

1 La gestione dei rischi operativi: alcune concrete esperienze Il rischio reputazionale nell ottica del risk management Sabrina Bonomi 7 novembre Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

2 Overview Il rischio reputazionale nell ottica del risk management 1. Introduzione 2. Dalla reputazione come valore al rischio reputazionale 3. Fonti e variabili del rischio di reputazione 4. Pervasività del rischio di reputazione e legame con le scelte strategiche aziendali 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale 6. Gestione del rischio reputazionale & Enterprise Risk Management (ERM) 7. Osservazioni conclusive 2

3 1. Introduzione La reputazione e la fiducia i sono tra gli asset principali i su cui si fonda lo sviluppo dell attività finanziaria Forestieri, Mottura, Il sistema finanziario, Egea, 2004 I banchieri non possono dimenticare che il maggior attivo intangibile a loro o disposizione ione si chiama reputazione Tancredi Bianchi, Il caso Société Générale, Banche e Banchieri, n. 1, 2008 Ci vogliono vent anni per costruirsi una reputazione e cinque minuti per perderla. Se lo tieni a mente agirai in maniera diversa Warren Buffett, Berkshire e Hathaway a 3

4 2. Dalla reputazione come valore al RR La reputazione come valore Sinonimo di credibilità, onorabilità rispetto agli impegni assunti, considerazione di cui si gode presso la comunità finanziaria e le autorità di vigilanza, ma complessivamente presso tutti coloro che sono portatori di interessi (stakeholders); prestigio, buon nome, rispettabilità, l attitudine ad essere compliant rispetto ad una pluralità di sistemi normativi; capacità di stare sul mercato, fiducia, affidabilità, stima e capacità di garantire definiti standard d di prodotto; In altre definizioni la reputazione è associata al valore assunto dalla somma di fattori che la determinano, il cui valore esprime la capacità dell impresa di creare ricchezza non solo per i suoi azionisti ma, in un accezione più estesa, per gli stakeholders; 4

5 2. Dalla reputazione come valore al RR Elementi che concorrono alla qualificazione Implica un giudizio di natura non solo economica e la presa di coscienza che il suo valore passa anche attraverso la percezione che ne hanno i portatori di interessi; Mosaico di elementi, in buona parte intangibili e con ripercussioni i i potenzialmente t significative; ifi Rilevanza dei comportamenti: azienda vs soggetti; Concetto neutro (rischio-opportunità; opportunità; downside-upside); ottica del management. 5

6 2. Dalla reputazione come valore al RR Il rischio reputazionale Particolare rilevanza del rapporto fiduciario tra gli istituti di credito ed i clienti; nella fase recente, l esposizione al rischio reputazionale degli intermediari ha forti connessioni con le scelte strategiche relative all articolazione del business ed al contenuto dei prodotti, con il disegno e le soluzioni organizzative a sostegno delle strategie prescelte e con la coerenza delle scelte aziendali rispetto ai sistemi di norme; In ambito economico, insieme delle conseguenze economiche (positive o negative) provocate dal comportamento di uno o più soggetti economici; per approfondire il rapporto tra reputazione e solvibilità, da tempo la letteratura studia il legame tra reputazione e performance; 6

7 2. Dalla reputazione come valore al RR Il rischio reputazionale Presenza di un comportamento della banca che consapevolmente non è in grado di rispettare gli impegni i assunti (all interno di un contratto esplicito) con i suoi interlocutori, la cue reaizone determina una pressione sui risultati, con effetti che si possono distribuire nel tempo, nonché diretti ed indiretti: Perdita di quote di mercato (disaffezione della clientela), maggiore difficoltà a reperire capitale di rischio, crescita del costo del capitale, minore economicità delle condizioni di approvvigionamento di capitale sui mercati nazionali ed internazionali, downgrading del proprio merito creditizio, possibile peggioramento delle condizioni di solvibilità (accrescimento della volatilità sui prezzi degli strumenti finanziari emessi dalla banca, con l ulteriore rischio che questi si trovino esposti anche a mosse speculative) esposizione a crescenti pressioni concorrenziali, difficoltà di attrarre rischio di perdere risorse umane qualificate, riduzione del grado di motivazione del personale, perdita di opportunità strategiche (fusioni e acquisizioni), costi necessari diretti e indiretti per recuperare la reputazione. 7

8 2. Dalla reputazione come valore al RR Il rischio reputazionale Rischio non da minimizzare o efficacemente ponderare, ma da evitare in assoluto; Rischio speculativo: riguarda eventi suscettibili di incrementare o di ridurre il valore dell impresa, a differenza dei rischi puri che danno luogo soltanto a perdite (come nel caso del rischio operativo); il rischio puro non è controbilanciato da vantaggi, si manifesta in casi non controllabili, dipende dalla casualità, è generalmente assicurabile; Basilea 2, 2004, precisa che il rischio operativo (introdotto per la prima volta) include il rischio legale, ma non quello strategico e quello reputazionale, che resta così fuori dalla regolamentazione dell adeguatezza d patrimoniale i delle banche; enunciazione i generale di impulso alla ricerca di tecniche per consentirne un adeguata gestione. 8

9 3. Fonti e variabili del rischio di reputazione Il processo di trasformazione dei fattori reputazionali, la gamma dei gruppi di pressione e gli effetti reputazionali 9

10 3. Fonti e variabili del rischio di reputazione Multidimensionalità e consequenzialità del RR Affinchè i rischi operativi-legali-strategici possano condizionare la reputazione dell intermediario finanziario, è necessario che si verifichino due condizioni: scelte aziendali: diretta responsabilità dell impresa nell adozione delle scelte che portano a effetti negativi per la reputazione (sono esclusi gli effetti esogeni all impresa, in quanto non controllabili); variabili reputazionali: il rischio reputazionale è un rischio residuale e di secondo impatto, nel senso che l azione di determinate t variabili determina la trasformazione del rischio originario in un processo in grado di modificare il giudizio reputazionale dell impresa provocando la perdita di fiducia da parte del pubblico. 10

11 3. Fonti e variabili del rischio di reputazione Multidimensionalità e consequenzialità del RR I fattori reputazionali o rischi originari non sono sufficienti ad incidere sulla reputazione della banca: Ambiente esterno: qualità delle relazioni; Immagine aziendale: l immagine non è univoca, in quanto il valore percepito p dipende da come gli elementi costituenti il valore intrinseco vengono comunicati ed interpretati; Processi di comunicazione: la reputazione, fondata sull identità aziendale, è mediata dalla comunicazione; diffusione del valore esprime il grado di spostamento del valore intrinseco dell azienda nel valore che il mercato le attribuisce; quindi, non è sufficiente creare valore (nell accezione economica ciò è dato dalla differenza tra il rendimento generato dall impresa ed il costo opportunità delle risorse impiegate per ottenerlo), ma occorre che sia riconosciuto o riconoscibile dagli operatori economici e che si esprima nei prezzi delle azioni. 11

12 4. Pervasività del rischio di reputazione e legame con le scelte strategiche aziendali Rischio trasversale con impatto sull attività a differenti livelli Strategie, processi organizzativi all interno delle business unit; peculiare rilevanza delle relazioni con le politiche di capital management e con la creazione di valore, di marketing; La dialettica tra organi di governo e risk manager è cruciale e si constata t la relativa novità del tema del rischio reputazionale come rischio da analizzare nel processo di risk management adottato dalle banche; cultura aziendale del rischio; Sviluppare logiche di mappatura dei business rispetto all esposizione al rischio reputazionale; La gestione del rischio reputazionale non è da considerarsi un opzione, ma sembra assumere caratteri di necessarietà, anche al di là di un esplicito e definito quadro normativo di regolamentazione. 12

13 4. Pervasività del rischio di reputazione e legame con le scelte strategiche aziendali Rischio trasversale con impatto sull attività a differenti livelli Al momento il rischio reputazionale si trova all interno dei rischi cosiddetti non misurabili, pertanto appare necessario rafforzare soprattutto il contributo qualitativo dell assessment (quali / quanti) che si fonda sull articolazione, sul ruolo dei controlli interni, sulle prescrizioni più o meno esplicitate di una good governance; Verifica preliminare in merito alla presenza di un adeguato commitment interno ed esterno; Connotazione tipica dei rischi operativi: l analisi statisticoquantitativa, ove possibile, è utile solo per spiegare una parte dell andamento della distribuzione delle perdite; Ci si muove così su un piano di analisi più sfuggente e meno strutturato. 13

14 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale Specificità del rischio reputazionale vs quantificazione Fattori limitanti Varietà delle definizioni / mancanza di una definizione comunemente accettata; Intangibilità del valore sul quale il rischio va ad incidere; Pervasività degli elementi immateriali (immagine, fiducia, creatività, etc.); Caratteristiche delle distribuzioni di perdita e frequenza degli eventi reputazionali (LFHI & HFLI); Interrelazione tra RR e manifestazione di altri fenomeni rischiosi; Questa complessità spiega le ragioni per cui le tecniche di quantificazione del RR siano ancora poco consolidate ed esplorate; La traduzione del RR in una entità ben precisa è completamente diversa rispetto ad altri rischi. 14

15 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale Specificità del rischio reputazionale vs quantificazione Risk management Può òfornire gli elementi oggettivi i per valutare la sostenibilità bl del business prescelto rispetto all esposizione al rischio, del possibile impatto del business mix rispetto alla creazione o distruzione di valore aziendale, valutare gli effetti sulle decisioni di capital management, valutare la coerenza tra pricing e componenti reputazionali dei business privilegiati; E impegnato nello sviluppo e nell affinamento di approcci di misurazione delineati in letteratura e/o testati (sperimentalmente) dall industria (l adeguatezza e l efficacia degli approcci è variabile rispetto alle diverse tipologie di banche ed intermediari ed ai diversi modelli di business). 15

16 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale Metriche di misurazione qualitative Stimano un barometro della reputazione sulla base della qualità percepita di prodotti e servizi, dell innovatività dell impresa, delle caratteristiche dell ambiente di lavoro, della qualità della gestione, della leadership e della sostenibilità; somministrazione ione di interviste iste ai vertici aziendali o ai clienti delle imprese; Reputational indicators: leadership, customer focus, quality of products/services, emotional appeal, social responsibility, financial performance, quality of management, employees, reliability, differentiation, value, presence; RepTrack Pulse e Fortune s Most Admired Companies; Limiti: alta correlazione fra le variabili (>0,60), analisi fattoriale delle variabili bl genera spesso un solo fattore; l analisi l qualitativa in genere non segmenta in funzione dei diversi stakeholders, non si distingue fra i concetti di immagine aziendale e reputazione aziendale. 16

17 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale Metriche di misurazione quantitative Intellectual Capital Approach: fa leva sulla stima del valore degli elementi costituenti il capitale intellettuale dell azienda azienda, come ad es. copyright, trademark, servicemark, autorizzazioni e diritti di proprietà intellettuale; i costi collegati a questi elementi immateriali sono individuabili nel bilancio e in quell ambito si può stimare anche la componente di ammortamento; Limiti: l efficacia dell approccio dipende dai criteri contabili utilizzati; spesso trascura componenti decisive, come i casi di danni alla reputazione provocati da eventi talvolta drammatici; nel caso degli intermediari finanziari può sottovalutare la componente reputazionale legata alla componente fiduciaria. 17

18 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale Metriche di misurazione quantitative Accounting Approach: è necessario introdurre criteri di valutazione che si fondino sul fair value degli intangibile assets ed elemento critico è il goodwill fair value; Limiti: le soluzioni di misurazione delle attività intangibili rimangono molto discrezionali, i standard d internazionali i e modalità di contabilizzazione del goodwill, trattamento del goodwill nei casi di fusione e acquisizione, modalità di valorizzazione del goodwill nel capitale economico della banca, la valutazione rischia di essere esclusivamente speculativa. 18

19 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale Metriche di misurazione quantitative Marketing Approach, Brand Valuation: metodi focalizzati unicamente sull asset brand inteso come immagine dell azienda, basati su valutazioni qualitative e non finanziarie incentrate sulla forza relazionale dell impresa con i propri clienti; il principale metodo e più oggettivo si basa sulle royalty che si è in grado di maturare mediante la concessione di un determinato brand; Limiti: la reputazione è qualcosa di più del brand, confusione fra misurazione e soluzioni strategiche di gestione del rischio attraverso la diversificazione dei marchi. 19

20 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale Metriche di misurazione quantitative Market Model Approach: mette in relazione il rendimento di un titolo azionario al rendimento del portafoglio di mercato e si basa sull efficienza informativa dei mercati finanziari, espressa dalla velocità e dalla precisione con cui le informazioni, indipendentemente dal modello che spiega la struttura dei pezzi, vengono correttamente incorporate nei prezzi delle attività finanziarie; Questi modelli, pur basandosi su metodologie rigorose di calcolo, non permettono di considerare i cambiamenti nel valore di mercato e nelle percezioni della società nel tempo: sono metodi di calcolo ex-post della rischiosità reputazionale. Reputational VaR & Expected Shortfall: pur non essendo ancora una metrica di misurazione ben consolidata, riserva elevate potenzialità di affermazione e sviluppo, così come è avvenuto nel caso di altre tipologie di rischio, in ottica ex-ante. 20

21 5. Difficoltà di misurazione del rischio reputazionale Sviluppo e miglioramento delle metodologie di misurazione Linee di ricerca e prospettive Basi idid dati su eventi reputazionali: condurre analisi degli eventi reputazionali, accumulare conoscenze su casi e situazioni suscettibili di intaccare il valore della reputazione (clinic papers); Qualificazione dei valori reputazionali: studio delle problematiche legate alla individuazione e alla misurazione degli intangibles reputazionali; Modellizzazione del rischio e metriche di misurazione: necessità di consolidare gli approcci di misurazione e di delineare best practices a livello ll di industria. i 21

22 6. Gestione del rischio reputazionale & Enterprise Risk Management (ERM) Define the strategy Identify events that may lead to reputational damage Assess likelihoodand severity of damage arising from events Monitor and update Mitigate damage through pre and post event loss control Communicate with internal and external stakeholders Tratto da A framework for integrating reputation risk into the enterprise risk management process, Regan,

23 6. Gestione del rischio reputazionale & Enterprise Risk Management (ERM) Implementare un processo di gestione del rischio reputazionale Minimizzare - ex-ante le cause di rischio reputazionale: l esposizione agli eventi primari che possono produrre perdite reputazionali (attraverso, presidi, comitati ad hoc sul rischio reputazionale e piani di intervento; potenziamento del processo di mappatura; adozione di politiche più severe di selezione delle risorse umane; incentivazione i dei meccanismi i di controllo sociali; adesione ai più elevati standard di mercato; incentivare l adozione di progetti di CRM & market peering); Minimizzare - ex-post i danni reputazionali che si sono già manifestati: pubblico riconoscimento, piani di emergenza, sostituzione responsabili comportamenti lesivi; Analizzare costantemente e periodicamente le notizie diffuse dai media. 23

24 7. Conclusioni La comprensione dei meccanismi i di formazione del rischio reputazionale consente una revisione della cultura aziendale del rischio (economics, law & reputation) e permette l implementazione di politiche di misurazione e gestione del rischio medesimo; ciò si impone in particolare nel settore finanziario in cui la credibilità dell impresa è un fattore decisivo per il successo della propria p offerta e per quello dell intero sistema in conseguenza di possibili effetti di contagio. La pervasività, multidimensionalità e consequenzialità di questa fattispecie di rischio rende necessaria una sua trattazione nell ambito di un progetto di risk management di ampio respiro a livello aziendale, a supporto di scelte di business che fronteggino e gestiscano i rischi, ma che sappiano tradurli in opportunità o vantaggi competitivi. 24

25 Links Centre for Corporate Reputation, Oxford University i Centre e for Reputation Management age e through People, e, University of Glasgow Reputation ti Institute t (RepTrack Pulse) Fortune s Most Admired Companies 25

IL VALORE DELLA REPUTAZIONE BANCARIA: TRA RISK MANAGEMENT E SCELTE STRATEGICHE

IL VALORE DELLA REPUTAZIONE BANCARIA: TRA RISK MANAGEMENT E SCELTE STRATEGICHE IL VALORE DELLA REPUTAZIONE BANCARIA: TRA RISK MANAGEMENT E SCELTE STRATEGICHE Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena Arturo Patarnello Università degli Studi di Milano Bicocca Crisi finanziaria

Dettagli

INTANGIBLE ASSETS E DANNO REPUTAZIONALE

INTANGIBLE ASSETS E DANNO REPUTAZIONALE INTANGIBLE ASSETS E DANNO REPUTAZIONALE CONVEGNO ANNUALE ANRA 7-8 Novembre 2013 ENRICO GUARNERIO Presidente Strategica Group Presidente Comitato Tecnico Scien@fico ANRA La reputazione CONVEGNO ANNUALE

Dettagli

LA CONFORMITA ALLE REGOLE E LA CREAZIONE DI VALORE NELLA BANCA

LA CONFORMITA ALLE REGOLE E LA CREAZIONE DI VALORE NELLA BANCA LA CONFORMITA ALLE REGOLE E LA CREAZIONE DI VALORE NELLA BANCA La Compliance nelle Banche italiane Convegno Business International Milano, 1 Febbraio 2006 AGENDA 1 2 3 La compliance efficiente La compliance

Dettagli

Il rischio reputazionale nelle banche

Il rischio reputazionale nelle banche Università degli studi di Parma Laurea specialistica in finanza e risk management Il rischio reputazionale nelle banche Maria-Gaia Soana gaiasoana@gmail.com Agenda 1. Rischio reputazionale e Pillar II

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS claudio patalano Milano, 27

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO

LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. L IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO Fonte: Reputation Institute LA MARCA: DALLA COMUNICAZIONE ALLA

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Roma, 17 Aprile 2015 Gianfranco Ruggiero Internal Audit Manager Obiettivo del presente lavoro è rappresentare con specifico

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale INSEGNAMENTO: Global Risk Management PROFESSORE: Marco Giorgino ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS.

Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS. Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS. Milano, 10 febbraio 2011 Il modello del polo captive del credito al consumo Sintesi La situazione iniziale Il modello di business target Il credito al consumo

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali 4 ottobre 2011 consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: itinerari previdenziali le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio possibile? a che punto

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

La responsabilità sociale come possibile fattore di mitigazione a protezione del rischio reputazionale. Alcune questioni per il settore finanziario

La responsabilità sociale come possibile fattore di mitigazione a protezione del rischio reputazionale. Alcune questioni per il settore finanziario La responsabilità sociale come possibile fattore di mitigazione a protezione del rischio reputazionale. Alcune questioni per il settore finanziario Convegno ADEIMF 2007 Lecce, 15-16 giugno 2007 Andrea

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework

ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework Gazoldo degli Ippoliti MN_28 nov 2014 Dr. Giancarlo Campilli_Resp. Divisione Formazione 1 Di cosa

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

Introduzione al risk management

Introduzione al risk management ALBERTO FLOREANI Introduzione al risk management Un approccio integrato alla gestione dei rischi aziendali Fotocomposizione e redazione: Studio Norma, Parma ISBN 978-88-17-05810-0 Copyright 2005 RCS Libri

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari BASILEA 2 E IL RISCHIO OPERATIVO Verona, 24 Novembre 2008 1 COMITATO DI BASILEA Nel 1974 nasce, per iniziativa dei paesi più industrializzati

Dettagli

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1 Solvency II Operational Trasformation Evidenze sull area 19 Gennaio 2012 1 Agenda Modello di analisi adottato Modello dei processi standard area Impatti Solvency II sull area Modello di riferimento a tendere

Dettagli

Egeon. Il gigante Briareo era così chiamato dagli dei, gli uomini lo chiamavano

Egeon. Il gigante Briareo era così chiamato dagli dei, gli uomini lo chiamavano Gli Ecatonchiri ( figure della mitologia greca) erano tre figli di Urano (il cielo) e di Gea (la terra), di nome Cotto, Briareo e Gige. Ognuno di loro aveva cento braccia e cinquanta teste che sputavano

Dettagli

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003 Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Giovanni Carosio Banca d Italia 1 Indice 1. Il quadro normativo 2. Le principali novità

Dettagli

La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari

La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari Stefano Deleo Investire Immobiliare SGR S.p.A. 12 luglio 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Global Risk Forum. 22 Aprile 2010

Global Risk Forum. 22 Aprile 2010 Stato dell'arte del RM nelle aziende italiane: Evoluzione della funzione e nuove strategie di Enterprise Risk Management Global Risk Forum 22 Aprile 2010 Marco Giorgino Ordinario di Finanza e Risk Management,

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Dott. Bettina Corves Wunderer CFO Allianz SpA Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il ruolo dell industria

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Come redigere un bilancio integrato

Come redigere un bilancio integrato Come redigere un bilancio integrato Matteo Brusatori Partner EY DAL BILANCIO ALL INTEGRATED REPORTING UNA PROSPETTIVA POSSIBILE? Studio Mercanti Dorio e Associati - Verona, 26 marzo 2015 Come redigere

Dettagli

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Michela Melis - IEFE Università Bocconi Alberto Riva - Gdl Qualità Ambientale, Assolombarda

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE

LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE Marina Migliorato Responsabile CSR e Rapporti con le Associazioni Relazioni Esterne Enel Roma, 21 giugno 2011 LUISS Business School

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, 17 giugno 2014 L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia Dirigente Preposto ex L. 262/05 Premessa Fattori Esogeni nagement - Contesto

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali La socialità: un valore nel contesto aziendale Roma, 28 maggio 2013 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Obiettivo Una nuova logica dell operare: il

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV Resoconto degli interventi Sessione Plenaria IV 1 Sessione plenaria IV La centralità delle risorse umane nella gestione del rischio di compliance 11 nov. 2011 ore 9.30 11.00 Chairman: Giancarlo Durante,

Dettagli

Strumenti di Risk Management. Ing Claudia Gistri

Strumenti di Risk Management. Ing Claudia Gistri Strumenti di Risk Management Ing Claudia Gistri 1 PERCHE GESTIRE I RISCHI? Il risk management non è una novità Nato nei primi anni del 1900, nel mondo finanziario e del credito La teoria nasce negli anni

Dettagli

Puntamenti Legislativi di Compliance Bancaria Gestione della macchina operativa (IT) Gestione dei fornitori (outsourcing) Gestione del Rischio

Puntamenti Legislativi di Compliance Bancaria Gestione della macchina operativa (IT) Gestione dei fornitori (outsourcing) Gestione del Rischio Rosario Piazzese Chi siamo Siledo Global, appartenente al gruppo Powa, è una società di consulenza manageriale Svizzera con una profonda esperienza nei settori dell IT Strategy e IT & Systems Governance.

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

Operational Risk vs Advanced IT RISK

Operational Risk vs Advanced IT RISK Operational Risk vs Advanced IT RISK Claudio Ruffini 24 Giugno 2015 L evoluzione normativa in tema di sicurezza informatica Disposizioni di vigilanza prudenziale di Banca d Italia in materia di sistema

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

Private Wealth Management

Private Wealth Management Private Wealth Management 1 I team Gruppo Fideuram dedicati alla clientela Private 2 Risk Management Key Clients Gestioni Private Private Banker Le migliori professionalità del Gruppo Fideuram si uniscono

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 1 RISCHI DEL GRUPPO BANCARIO Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi,

Dettagli

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM Prof. Marco Oriani Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 17 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Paolo Bigotto AIAF Consulente aziendale Andrea Gasperini - AIAF MISSION INTANGIBLES Emanuele Plata Presidente PLEF

Paolo Bigotto AIAF Consulente aziendale Andrea Gasperini - AIAF MISSION INTANGIBLES Emanuele Plata Presidente PLEF Paolo Bigotto AIAF Consulente aziendale Andrea Gasperini - AIAF MISSION INTANGIBLES Emanuele Plata Presidente PLEF Mercoledì 8 Ottobre 2014 www.intangibiliesostenibilità.it INTANGIBLE ASSETS / MARKET VALUE

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

Convegno ABI Credit & Operational Risk 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting

Convegno ABI Credit & Operational Risk 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting FINANCIAL SERVICES Convegno ABI Credit & Operational 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting Un primo approccio alla quantificazione dei rischi non compresi nel pillar I ADVISORY

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

CONCLUSIONI. 1 In Italia, ad agosto 2006, il patrimonio gestito netto in OICR risultava così ripartito: 9,28% in fondi

CONCLUSIONI. 1 In Italia, ad agosto 2006, il patrimonio gestito netto in OICR risultava così ripartito: 9,28% in fondi CONCLUSIONI L analisi condotta nei precedenti capitoli consente di effettuare alcune valutazioni conclusive sull utilizzo dei beni non finanziari in un ottica di wealth management e qualche previsione

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli