Il patrimonio intangibile dell azienda e relative problematiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il patrimonio intangibile dell azienda e relative problematiche"

Transcript

1 Imprendiittorii dell tterzo miillllenniio,, compettenze,, sffiide,, opporttuniittà! (l iniziativa si svolge nell ambito di Start Cup Piemonte Valle d Aosta) U.P. Progetti Imprenditoriali Innovativi Responsabile: Rita Sorisio Coordinatore Loredana Fayer XIV ciclo formativo 18 incontri: (ottobre 2014/giugno 2015) Obiettivo: proporre e diffondere tra i giovani la cultura d impresa Mercoledì 11 Febbraio 2015 ore 9,30 13,00 Sala Rossa, Palazzo del Rettorato Via Po, 17 Torino Il patrimonio intangibile dell azienda e relative problematiche Presiede Piero Giammarco (Formatore aziendale. Coordinatore sezione intangibili InCreaSe) Interventi di: Francesca Silvia Rota (Assegnista presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e della Produzione, Politecnico di Torino) Cecilia Casalegno (Ricercatore universitario e docente presso il Dipartimento di Management, Università degli Studi di Torino) Esperienze di Leonardo Caroni (Ingegnere - Tutor Direzionale) Simona Brino (Docente- Agenzia formativa II. RR. Salotto e Fiorito) Mirella Cristiano (docente agenzia formativa ENAIP Piemonte) Silvia Maroncelli (sociologa freelance borsista Asl - TO 3) I relatori fanno parte del gruppo di ricercaazione InCreaSe. Il laboratorio di ricerca InCreaSe si occupa di creatività e innovazione in azienda, nel territorio, nella sanità e nelle relazioni di solidarietà. Mezzi pubblici: 13, 15, 18, 55, 56, da Grugliasco: 64 (Porta Nuova) La partecipazione è gratuita e valida per il riconoscimento dei crediti formativi Segreteria: Carmen GIORDANO Tel Sito web: alla voce: servizi per gli studenti>orienta-lavoro Ai partecipanti ad almeno 2/3 dei seminari sarà rilasciato un attestato, previo superamento dell esercitazione finale con la collaborazione del Collegio Einaudi

2 Piero Giammarco

3 ASSET INTANGIBILI E PROBLEMATICHE Piero Giammarco 11/02/2015 Università di Torino

4 InCreaSe - Innovation Creativity Setting Il gruppo di ricerc azione InCreaSe è costituito da professori universitari, ricercatori di Isfol e dell Istat, imprenditori, liberi professionisti, manager del pubblico, del privato e del terzo settore di diverse regioni d Italia, ha scopi prettamente culturali e l attività scientifica si articola in quattro sezioni di studio/ricerca: Intangible asset in azienda e territorio; Dinamiche sociali; SoIL Sostenibilità, Innovazione, Legami; Salute e società. L ipotesi che muove l azione di InCreaSe è la convinzione che creatività e innovazione siano profondamente radicate nei contesti locali, portatori di una specifica identità storica e culturale, nella quale le componenti vitali interagiscono fra loro in modo diretto e trovano stimoli nelle varie forme di interazione globale. InCreaSe mira a cogliere tali realtà e, a seconda delle specificità delle singole sezioni, le elabora con criteri scientifici propri per renderle elementi stimolanti di nuova creatività e innovazione e si propone di realizzare studi e indagini con metodologie specifiche a seconda dell ambito di ricerca delle singole sezioni. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 2

5 Contenuti Problemi Misurabilità Sostanziale VS Superficiale Rapporto di Correlazione Scendere nel dettaglio Scenario 1 Scenario 2 Scenario 3 Scenario 4 Conclusioni

6 Problemi Misurabilità Problema Superficiale Rapporti di Correlazione (o di interdipendenza) Problema Sostanziale Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 4

7 Misurabilità Sono stati fatti diversi tentativi con codici e norme (SA8000, AA1000, ISO26000, ) per poter catturare il valore (o il costo) degli intangibles ma la realtà è che, fino al momento della vendita di un azienda, non si è in grado, per ora, di definirne l entità in modo certo. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 5

8 Sostanziale vs Superficiale L ossessiva ricerca di un modo di determinare il valore degli Intangible asset, seppur importante, distrae dal principale problema legato a queste tematiche. I 3 Intangible asset hanno molti punti di contatto e molte relazioni tra di loro che possono compromettere, se non ben comprese, il risultato sperato. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 6

9 Rapporto di correlazione Il modificarsi di ognuno dei tre Intangible asset può comportare variazioni (anche molto significative) degli altri due asset. I tre asset sono perciò continuamente sottoposti a cambiamenti che in modo più o meno rilevante impattano sugli altri. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 7

10 Scendere nel dettaglio 1/6 Per capire come un Asset può condizionare gli altri occorre scendere nel dettaglio degli elementi che li costituiscono e, attraverso simulazioni, vedere come particolari azioni, partendo da un elemento, possono condizionare l intero apparato degli intangibles, rivelandone, al contempo, la natura complessa. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 8

11 Scendere nel dettaglio 2/6 Si cerca, inizialmente, di comprendere cosa caratterizzi l organizzazione che si vuole analizzare, cercando di ricondurre la struttura intangibile ad elementi generali. Capitale Umano Esperienza Istruzione Buone Pratiche Attrazione Talenti Abilità Turnover Senso di Appartenenza Conoscenze Motivazione Conflitto Creatività Diversità culturali Anzianità media Capitale Relazionale Capitale Organizzativo Immagine interna Reputazione Reclami Soddisfazione dei clienti interni\esterni Fidelizzazione dei clienti interni\esterni Conoscenza del Marchio Quote di mercato Canali distributivi Partnership Accordi di licenza e di franchising Rapporti con i fornitori Know How Progettualità Stile di Governo Cultura aziendale Valori aziendali Organizzazione non scritta Processi manageriali Sistemi informativi Relazioni finanziarie Formazione (erogata) Strumenti di vendita Clima Nuovi prodotti o servizi Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 9

12 Scendere nel dettaglio 3/6 Occorre poi cercare, tra la moltitudine di elementi emersi quali siano effettivamente rilevabili Capitale Umano Esperienza Istruzione Buone Pratiche Attrazione Talenti Abilità Conoscenze Diversità culturali Anzianità media/turnover Assenteismo Mentoring/Coaching Capitale Relazionale Capitale Organizzativo Immagine interna Reputazione Reclami Soddisfazione dei clienti esterni Fidelizzazione dei clienti esterni Quote di mercato Canali distributivi Comunicazione interna Comunicazione esterna Rapporti con i fornitori Know How(gestione) Capacità di gestire progetti Sistemi informativi Relazioni finanziarie Formazione (erogata) Sistema premiante Capacità di vendita Clima (Collaborativo(Competitivo) Nuovi prodotti o servizi Processi Interni (Snelli/Burocratici) Ecosostenibilità Eticità Conoscenza del Marchio Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 10

13 Scendere nel dettaglio 4/6 Quindi si pone prima l attenzione sulle dinamiche interne all asset Senso di appartenenza Anzianità media Conflitto Motivazione Turnover Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 11

14 Scendere nel dettaglio 5/6 Valori aziendali CAPITALE UMANO Cultura aziendale Processi manageriali Senso di Appartenenza Stile di governo Fidelizzazione clienti interni Motivazione Immagine interna Organizzazione non scritta Clima Turnover Anzianità media Soddisfazione clienti interni Conflitto CAPITALE ORGANIZZATIVO CAPITALE RELAZIONALE e successivamente ci si concentra l attenzione sulle dinamiche tra gli asset. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 12

15 Scendere nel dettaglio 6/6 Infine occorre tenere a mente che gli intangibili sono un insieme di elementi che compongono un sistema aperto e in contatto con l esterno. Contatto caratterizzato da continui condizionamenti reciproci. Perturbazione Esterna Capitale Organizzativo Perturbazione Esterna Capitale Relazionale Perturbazione Esterna Capitale Umano Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 13

16 Scenario 1 Un azienda fa un corso di riconversione del personale per rendere le risorse con vecchie conoscenze nuovamente collocabili sul mercato. Dopo il corso avvia la cassa integrazione per il 90% degli iscritti al corso Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 14

17 Scenario 2 Un azienda spinge i propri lavoratori a distinguersi rispetto agli altri puntando su sistemi premianti individuali (economici o a livello di ASPETTATIVA di carriera). Tutti vengono messi in competizione, la miglior performance e la formazione individuali sono molto favorite. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 15

18 Scenario 3 Un azienda viene condannata per inquinamento ambientale. Dovrà risarcire il territorio per l inquinamento delle falde acquifere. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 16

19 Scenario 4 Un azienda viene condannata per inquinamento ambientale. Dovrà risarcire il territorio per l inquinamento delle falde acquifere. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 17

20 Conclusioni Gli asset intangibili possono avere effetti costruttivi, distruttivi o neutri sul capitale ma il movimento di un asset ha, spesso, riflessi sugli altri con effetti a volte esponenziali. Il governo degli asset intangibili non può quindi prescindere da un buon grado di consapevolezza della propria storia e dall analisi del livello "di partenza" dell organizzazione nei confronti degli asset intangibili. Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 18

21 Domande? Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 19

22 That s all Folks! Qualunque sia il fenomeno studiato, occorre innanzitutto che l'osservatore studi se stesso, poiché l'osservatore o turba il fenomeno osservato, o vi si proietta in qualche misura. (Edgar Morin) Asset Intangibili e Problematiche- Issued by Piero Giammarco 20

23 Sezione Intangibili 21

24 GLI ASSET INTANGIBILI DEI SISTEMI PRODUTTIVI Francesca Silvia Rota

25 GLI ASSET INTANGIBILI DEI SISTEMI PRODUTTIVI Francesca Silvia ROTA 11/02/2015 Università di Torino

26 Le finalità del contributo Il contributo si propone di riflettere sull applicabilità della retorica/teoria degli intangibili al caso dei sistemi produttivi Per fare ciò, si riportano i risultati dell analisi di tre sistemi industriali piemontesi: tessile biellese, orafo valenzano e meccatronica torinese Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 2

27 La retorica degli intangibili L attuale situazione dei mercati internazionali (instabili, competitivi, incerti) attribuisce un importanza crescente a fattori produttivi di tipo immateriale Rispetto agli asset materiali, gli intangibili (o intangible assets): trasmettono sistemi di valori che vanno oltre i semplici attributi tecnici e qualitativi del prodotto realizzato attribuiscono un identità forte all impresa e ai suoi prodotti/servizi favoriscono stabilità, resilienza, ma anche capacità di innovazione e creatività Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 3

28 Gli intangibili interni Tradizionalmente, gli intangibili identificano il capitale cognitivo dell impresa Una classificazione condivisa di questi asset distingue tra Capitale umano (intelligenza, attitudine, affidabilità, prontezza, creatività, impegno, dedizione, spirito di appartenenza ecc. del personale interno) Capitale organizzativo (tecnologie, processi e metodi per la gestione e valutazione delle funzioni aziendali, patrimonio informativo e finanziario, invenzioni, pubblicazioni, brevetti ecc.) Capitale relazionale (relazioni interne, relazioni con clienti, fornitori e partner, iniziative di responsabilità sociale e ambientale, reputazione, immagine, marketing, ecc.) Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 4

29 Gli intangibili esterni Più di recente, viene incluso nella definizione anche il contesto geo economico esterno all impresa Nuovo concetto: gli intangibili dei sistemi produttivi (o di territorio), ossia il capitale di relazioni, conoscenze, rappresentazioni, modelli organizzativi e di governance che costituisce una dotazione specifica del sistema locale cui le imprese appartengono che si sviluppa come conseguenza di una condizione di agglomerazione e stratificazione social cultural istituzionale che rappresenta una componente significativa del valore delle imprese e un fattore del loro sviluppo Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 5

30 Gli intangibili esterni Più conosciuti: competenze e conoscenze incorporate nella popolazione locale (capitale umano) relazioni tra le imprese e altri soggetti locali (capitale relazionale) dinamiche localizzate di accumulazione della ricchezza e della conoscenza (capitale relazionale) Meno menzionati: istituzioni, routines, politiche e iniziative (capitale relazionale) meccanismi di interdipendenza tra settori e imprese (capitale organizzativo) Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 6

31 La letteratura sugli intangibili In entrambi i casi si tratta di asset strategici che l impresa usa per affermarsi, competere e superare i momenti di crisi componenti costitutive e inalienabili dell impresa che ne definiscono l identità, il valore e il potenziale dotazioni molto diversificate (umane, organizzative, relazionali) risorse che, per generare effetti consistenti, devono essere riconosciute e intenzionalmente attivate entro il ciclo produttivo dell impresa Tuttavia, attenzione molto maggiore per gli intangibili interni Necessità di attingere da più filoni disciplinari (management studies e territorial studies) Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 7

32 La letteratura sugli intangibili Dai management studies (Alonso, Castellanos e Arregui Ayastuy, 2010; Canibano, Garcia Ayuso e Sanchez, 2000; Hand e Lev, 2003; Panno, 2011) Focus su: le relazioni dell impresa con altri attori (clienti, fornitori, partner), indipendentemente dalla loro localizzazione le iniziative di responsabilità sociale e ambientale rivolte al territorio di appartenenza (e non solo) le tecniche di rilevazione, misurazione e il monitoraggio degli intangibili in quanto componenti costitutive dell impresa e del suo valore (cfr. Basilea II) Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 8

33 La letteratura sugli intangibili Dai regional/territorial studies (letteratura sui distretti industriali, sui mileux innovateurs e sul capitale territoriale) Focus su: dotazioni che non costituiscono un capitale di proprietà della singola impresa, ma un bene collettivo, proprio di una comunità allargata (o sistema locale) dotazioni insolite tra cui: politiche, stili di vita e lavoro, conoscenze degli attori esterni all impresa, immaginari individuali e collettivi, modelli di governance, visioni e pratiche condivise la natura territorializzata e territorializzante degli intangibili, esito di processi interattivi e di lungo periodo, a loro volta capaci di creare dei legami stabili tra l impresa e il sistema locale Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 9

34 Gli intangibili dei sistemi produttivi Mettendo insieme i contributi, si ottiene una definizione di intangibili dei sistemi produttivi che comprende: reti di relazioni, conoscenze, rappresentazioni, modelli organizzativi e di governance sia interni che esterni all impresa che le imprese usano per realizzare nuovi prodotti/servizi, rinnovarsi internamente migliorare e differenziare la propria offerta, prevedere le nuove preferenze dei consumatori Questo, però, non avviene in modo automatico, ma necessita di alcune precondizioni abilitanti tra cui una solida relazione (di ancoraggio/radicamento) con il sistema territoriale locale entro cui gli intangibili si (ri)producono Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 10

35 Gli intangibili dei sistemi produttivi Proposta di una griglia di classificazione basata sulle dimensioni analitiche del radicamento territoriale e della funzionalità Dotazioni mobili (facilmente esportabili e trasferibili) o fisse, (difficilmente replicabili e, proprio per questo, capaci di generare radicamento territoriale); Dotazioni di capitale umano, organizzativo o relazionale del sistema territoriale di appartenenza In più: indicazione del livello di importanza attribuito alla singola dotazione (riconoscimento della sua strategicità quale fattore competitivo e coesivo) Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 11

36 Gli intangibili dei sistemi produttivi dotazioni fisse di capitale umano (competenze specializzate, capacità innovativa, creatività, imprenditorialità, know how, ecc.) dotazioni mobili di capitale umano (conoscenze generiche incorporate nella forza lavoro reale e potenziale, livello di istruzione, ecc.) dotazioni fisse di capitale organizzativo (usanze, routines, tradizioni, protocolli, linguaggi e attitudini condivise, qualità della PA, ecc.) dotazioni mobili di capitale organizzativo (leggi e regolamenti, politiche, progetti e finanziamenti facilmente replicabili, ecc.) dotazioni fisse di capitale relazionale (relazioni stabili tra imprese e altri soggetti, dotazioni immateriali di natura ambientale, ecc.) dotazioni mobili di capitale relazionale (relazioni occasionali non particolarmente strategiche, certificazioni, marchi collettivi, reputazione, ecc.) Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 12

37 Gli intangibili del distretto tessile biellese Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 13

38 Gli intangibili del distretto orafo valenzano Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 14

39 Gli intangibili del polo MESAP Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 15

40 CONCLUSIONI Relative al metodo: validità della classificazione degli intangibili in funzione delle dimensioni del radicamento e della funzionalità per più tipi di sistemi produttivi Relative all evoluzione dei sistemi produttivi: l analisi degli intangibili evidenzia l indebolimento di alcune dotazioni tipicamente marshalliane e l emergere di nuovi asset, ossia testimonia l evoluzione dei sistemi distrettuali verso nuovi modelli ibridi (post mashalliani), in cui predominano le reti lunghe, gli aspetti cognitivi e l immagine nello stesso tempo dimostra come sistemi produttivi più recenti (tipo di Mesap) presentano una maggiore concentrazione di intangibili strategici di tipo mobile, eventuale indizio di una minor livello di territorializzazione necessità di un ripensamento critico delle politiche industriali regionali che tenga maggiormente in considerazione il ruolo degli intangibili del territorio Gli asset intangibili dei sistemi produttivi - Issued by Francesca Silvia Rota 16

41 Sezione Intangibili 17

42 COMUNICAZIONE: UN ASSET PER LA COMPETIZIONE DI IMPRESA Cecilia Casalegno

43 COMUNICAZIONE: UN ASSET PER LA COMPETIZIONE DI IMPRESA Cecilia Casalegno Ricercatore Dipartimento di Management Università di Torino Torino, 11 febbraio 2015

44 Contenuti La comunicazione integrata di impresa: un nuovo paradigma? Che cosa si intende per comunicazione? Quali sono le differenti tipologie di comunicazione? Comunicazione e Reputazione di impresa Comunicare l etica e la Corporate Social Responsibility Modello Reputation Institute Considerazioni finali

45 La comunicazione è l insieme dei messaggi che la realtà organizzata genera. La comunicazione è l attività che l impresa porta avanti ai fini della vendita finale La comunicazione è parte delle strategie di marketing. La comunicazione è l attività che mira alla conquista del target market.

46 La comunicazione è l insieme dei messaggi che la realtà organizzata genera. La comunicazione è l attività che l impresa porta avanti ai fini della vendita finale La comunicazione è parte delle strategie di marketing. La comunicazione è l attività che mira alla conquista del target market.

47 Perché tutta questa confusione? Che cosa si intende per: marketing?

48 Perché tutta questa confusione? Cosa si intende per: comunicazione?

49 Perché tutta questa confusione? Cosa si intende per promozione? Cosa si intende per pubblicità?

50 Perché tutta questa confusione? Quindi perché è importante la comunicazione?

51 Comunicazione: un nuovo paradigma? 9

52 Comunicazione: un nuovo paradigma? CAMBIANO I CONSUMATORI CAMBIA L APPROCCIO DELLE REALTA ORGANIZZATE 10

53 Comunicazione: un nuovo paradigma? CAMBIANO I CONSUMATORI CAMBIA L APPROCCIO DELLE REALTA ORGANIZZATE 11

54 Comunicazione: un nuovo paradigma? CAMBIANO I CONSUMATORI CAMBIA alla marca. L APPROCCIO DELLE REALTA ORGANIZZATE ConsumATTORE: informato e competente, selettivo e infedele ConsumAUTORE: produce contenuti e giudizi, influenza gli acquisti diven tando anche opinion leader. ConsumatoRE: sfuggendo ai target guida la relazione imponendo all impresa il passaggio da una logica delle transazione a quella della relazione. 12

55 Comunicazione: un nuovo paradigma? Nell era della comunicazione le imprese non possono più semplicemente basarsi sul fatturato per stimare la propria posizione sul mercato!!!! ricavi conseguiti nel 2011 a livello mondiale presentano un incremento del 5,6% rispetto all anno precedente 13

56 Comunicazione: un nuovo paradigma? Media Timing Radio 38 anni TV 13 anni Internet 4 anni ipod 3 anni Facebook 2 anni Application download 5 miliardi nel 2010 (300 milioni nel 2009) Tempo per raggiungere audience di 50 milioni di persone

57 Comunicazione: un nuovo paradigma? DALLA CULTURA DELLA COMUNICAZIONE COME STRUMENTO DI SUPPORTO DI DECISIONI COMMERCIALI, A QUELLA DELLA COMUNICAZIONE COME PARTE INTEGRANTE DEL PROCESSO DI INTERAZIONE CON L AMBIENTE 15

58 COMUNICAZIONE E REPUTAZIONE 16

59 COMUNICAZIONE E REPUTAZIONE L etica diviene un fondamento della comunicazione è diffusa attraverso determinati strumenti (tra i più importanti brand e packaging da un lato, media dall altro), è rivolta ai singoli, ai gruppi ed al collettivo che vive e convive in una stessa realtà aziendale è composta da tre fondamentali livelli, quello politico sociale, quello interpersonale e quello ideale. 17

60 COMUNICAZIONE E REPUTAZIONE Concetto di citizenship: SENSO DI appartenenza al territorio Etica, pertanto, deve essere la produzione dell oggetto sociale, così come lo stesso modello di business deve contemplare elementi di eticità, anche la stessa scelta dei membri della supply chain deve essere etica 18

61 COMUNICAZIONE E REPUTAZIONE Il Reputation Institute ha creato uno strumento, il Rep Trak per fornire alle imprese un solido framework che permette di identificare i fattori che guidano la reputazione e di monitorare e confrontare la loro performance in termini di corporate reputation in campo internazionale. Il modello in questione è uno strumento che analizza 23 indicatori chiave di performance raggruppati in 7 dimensioni della reputazione (Relazione attraverso i propri servizi e prodotti, Innovazione, Ambiente di lavoro, Governance, Cittadinanza, Leadership, Performances economico finanziarie). 19

62 20

63 Conclusioni La comunicazione è fonte di vantaggio competitivo? VANTAGGI COMPETITIVI Durabilità Non trasparenza Non trasferibilità Non riproducibilità

64 Sezione Intangibili 22

65 IL PATRIMONIO INTANGIBILE ELEMENTO PRIMARIO DI COMPETITIVITÀ Leonardo Caroni

66 Il Patrimonio Intangibile elemento primario di competitività Leonardo Caroni 11 Febbraio 2015 Scuola di Management ed Economia Torino

67 La grande crisi finanziaria mondiale iniziata nel 2008 è ormai consegnata alla Storia lasciando paure ed incertezze, ma anche riflessioni assai costruttive. Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 2

68 E ormai di dominio pubblico che nel mondo, ma anche in molti ambienti finanziari italiani, ci sono risorse finanziarie ingenti che rimangono inutilizzate perché congelate dall incertezza. Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 3

69 Per cautelarsi dall incertezza del contesto Il mondo economico/finanziario più importante sta cercando di costituire elementi stabili all interno del proprio portafoglio di investimenti. Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 4

70 E fuori di ogni dubbio che la stabilità non è in contrasto con il dinamismo e con l incertezza del contesto in cui essa opera. Anzi, la stabilità è valore grande proprio nel dinamismo e nell incertezza. Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 5

71 La stabilità in qualsiasi contesto dinamico ha a che vedere con la capacità del come affrontare le cose che oggi non sono ancora conosciute e, meno che mai, possedute. Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 6

72 Per includere un impresa all interno della componente stabilizzante del proprio portafoglio, l investitore ha bisogno di poter constatare la presenza di: Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 7

73 Processi Direzionali permanenti e rigorosi quali: lo scouting : delle tecnologie emergenti delle attese del mercato la ricerca di quell aumento del valore che è reso possibile dallo spostare l attenzione aziendale verso contenuti più difficili e più sistemici lo scouting delle opportunità di cooperazione con altre aziende il risk/opportunity management dei fattori macro interni ed esterni; Il valore Fiducia come attributo costitutivo: fiducia visibile, pretesa ed attuata all interno con tutti e fra tutti fiducia offerta e difesa come attributo indiscutibile all esterno; Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 8

74 Processo di Gestione della Conoscenza mirato ad: aumentare l affidabilità in ogni attività; far crescere il patrimonio che deriva dal riflettere in modo progressivo e perseverante sui risultati dell esperienza; liberare le persone più preziose dal maggior numero possibile delle loro attività ripetitive e di controllo ed poterle così lanciare verso orizzonti nuovi, ciascuna nel proprio campo; Processo di Gestione dell Innovazione mirato a: trasformare una parte significativa dei risultati dell efficienza in investimento permanente dedicato alla crescita progressiva del Valore offerto; Processo di Acquisizione mirato a: cercare e valorizzare rapporti di fidelizzazione; Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 9

75 Uno «stile» aziendale noto ed indiscusso nel quale sia palese: la ricerca e valorizzazione di ogni potenziale la promozione e l attesa che le relazioni fra le persone siano improntate: alla ricerca ed offerta di confronto all utilizzo dell approccio peer to peer per la maggioranza delle decisioni Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 10

76 Il criterio per riconoscere le condizioni per la stabilità è perciò quello del poter constatare la presenza di un Sistema che si mantiene vivo. Anche se l azienda deve sempre essere aggiornata a livello di metodi e strumenti l apertura la motivazione l energia l armonia la fiducia ne è anima Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 11

77 Tutto ciò sembra «Intangibile» ma I fatti (registrazione delle transazioni di acquisto/vendita andate a compimento) Nell area di investimento non speculativo nella scala del tempo ed assumibile come elemento di stabilizzazione nell incertezza del contesto. Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 12

78 Il «Patrimonio Intangibile» può liberare ingenti risorse finanziarie. Per un azienda che desta interesse il valore numerico che gli è riconosciuto è normalmente un multiplo significativo del proprio Patrimonio tangibile Il Patrimonio Intangibile - Issued by Leonardo Caroni 13

79 Domande? Titolo Presentazione - Issued by Nome Cognome autore 14

80 Sezione Intangibili mul 15

81 RESPONSABILITÀ SOCIALE NELLA RELAZIONE TRA IMPRESA E TERRITORIO Simona Brino

82 Responsabilità Sociale nella relazione tra Impresa e Territorio Simona Brino 11 febbraio 2015 Università degli studi di Torino

83 Contenuti La Responsabilità Sociale d impresa Alcuni concetti Il Libro verde (2001) Comunicazioni della Commissione Europea del 2002 e 2006 Comunicazione della Commissione Europea del 2011 La relazione tra impresa e territorio Consapevolezza dell interazione azienda/territorio Lealtà e fiducia nel rapporto azienda/territorio La realtà italiana tra passato e presente La RSI conviene alle Pmi

84 La Responsabilità Sociale d Impresa Alcuni concetti Il Libro verde (2001) Comunicazioni della Commissione Europea del 2002 e 2006 Comunicazione della Commissione Europea del 2011

85 La Responsabilità Sociale d Impresa (RSI) La Responsabilità Sociale d Impresa (o Corporate Social Responsibility, CSR) è un fenomeno emergente e in fortissima crescita che sta coinvolgendo sempre più imprese, in particolar modo quelle di piccole e medie dimensioni, allo scopo di integrare preoccupazioni di natura etica all'interno della visione strategica d impresa. Tutto ciò che viene influenzato dall attività di impresa è oggetto di responsabilità sociale, cioè di un dover essere che inevitabilmente rimanda a norme etiche. Responsabilità Sociale nella relazione tra Impresa e Territorio - Issued by Simona Brino 4

86 Cosa riguarda? Evoluzione del modello di governance e della qualità del management Responsabilità Sociale nella relazione tra Impresa e Territorio - Issued by Simona Brino 5

87 Chi riguarda? Gli Stakeholders Responsabilità Sociale nella relazione tra Impresa e Territorio - Issued by Simona Brino 6

88 Perché un impresa dovrebbe agire in modo «responsabile»? Ad esempio: perché dovrebbe ridurre le emissioni nocive dalla sua produzione? Perché è richiesto dalla legge Per incrementare i profitti di breve periodo Per un possibile incremento dei profitti di lungo termine Perché è la cosa giusta da fare Responsabilità Sociale nella relazione tra Impresa e Territorio - Issued by Simona Brino 7

89 Norme e certificazioni Responsabilità Sociale nella relazione tra Impresa e Territorio - Issued by Simona Brino 8

Team building in una start up

Team building in una start up Imprendiittorii dell tterzo miillllenniio,, compettenze,, sffiide,, opporttuniittà! (l iniziativa si svolge nell ambito di Start Cup Piemonte Valle d Aosta) U.P. Progetti Imprenditoriali Innovativi Responsabile:

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO

a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO Responsabilità Sociale in azienda APPROCCI, STRUMENTI, ESPERIENZE a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO STRUTTURA CONCETTO DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE (CSR) CONTESTO

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Network management e coprogettazione dei servizi

Network management e coprogettazione dei servizi Network management e coprogettazione dei servizi Master Universitario di II Livello Dipartimento di Psicologia Studio APS - Analisi PsicoSociologica Anno Accademico 2014/2015 Le trasformazioni dei sistemi

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia L Osservatorio Socialis L Osservatorio Socialis è un cantiere di promozione

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE

BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE PREMESSA La responsabilità sociale d impresa (CSR) può essere definita

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing Master Universitario di I livello in Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti del master in Marketing e Comunicazione gli strumenti manageriali indispensabili

Dettagli

CORPORATE RESPONSIBILITY

CORPORATE RESPONSIBILITY CORPORATE RESPONSIBILITY Mario Molteni Alta Scuola Impresa e Società Milano, 21 giugno 2005 1. CSR: DIMENSIONE DELLA STRATEGIA AZIENDALE Natura della CSR l integrazione volontaria delle preoccupazioni

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano TITOLO PROGETTO ATTREZZISTA MECCANICO ON THE JOB ENTE PROMOTORE, CAPOFILA E PARTNERS PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano ENTE CAPOFILA: A.S.P.

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Forum TERZIARIO FUTURO 2010-2012. Presentazione e discussione dell indagine previsionale

Forum TERZIARIO FUTURO 2010-2012. Presentazione e discussione dell indagine previsionale Forum TERZIARIO FUTURO 2010-2012 Presentazione e discussione dell indagine previsionale Milano, 11 Febbraio 2010 IMPRENDITORIALITÀ TERZIARIA MACRO-RIPRESA DELLA MICRO-IMPRESA. Forte ripresa di natalità

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE

LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE FORMAZIONE PER I DIRIGENTI CORSI GRATUITI 2011 Piano Formativo LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE (FDIR 3136) QUALE FORMAZIONE PER I DIRIGENTI NEL CONTESTO ATTUALE? E risaputo

Dettagli

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Progetto PercoRSI Rete responsabile Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Con il contributo di: Partner operativo Finalità generali di PercoRSI Dal 2004

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Corso di Marketing Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Presentazione del corso Obiettivi Timing e struttura del programma Modalità

Dettagli

CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRIBUTO INVIATO AL GRUPPO 3 La cooperazione italiana può distinguersi nel panorama internazionale se valorizza le proprie

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2012-2013 1 LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY (CSR) Partendo

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

Carta dei servizi. Servizi al lavoro

Carta dei servizi. Servizi al lavoro Carta dei servizi Servizi al lavoro 1 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Ente proponente presentazione generale... 3 2.1. Formazione professionale... 4 2.2. Servizi al lavoro... 5 2.3. Antidiscriminazione

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale LA PICCOLA SI FA GRANDE 4 percorsi per la crescita formativa delle PMI RELAZIONE BANCA/IMPRESA Lean thinking Marchi, brevetti e proprietà intellettuale internazionalizzazione Con il patrocinio di Piccolindustria

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n.

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. 1496 del 15/10/2012 Rif. P.A. 2012-1706/RER - Rif. P.A. 2012-1720/RER

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi

La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi Management Briefing Intellectual Property Finance Institute C.so Trento, 21 10121 Torino

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

Parte II Le aree della comunicazione d impresa

Parte II Le aree della comunicazione d impresa Parte II Le aree della comunicazione d impresa Cap.3 La comunicazione istituzionale Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione istituzionale: definizione

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese Ordine Dottori Commercialisti di Milano Scuola di Alta Formazione Il bilancio sociale nelle piccole e medie imprese Milano, 25 ottobre 2007 Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie

Dettagli

La responsabilità sociale d impresa in pillole

La responsabilità sociale d impresa in pillole La responsabilità sociale d impresa in pillole Contenuti - RSI: definizione ed evoluzione storica - RSI: da teoria a prassi d impresa - RSI: i benefici e gli strumenti 2 La definizione UE di RSI La responsabilità

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

I promotori Master Team consulenza e formazione professionalità sempre più distintive nuove leve di futuri manager

I promotori Master Team consulenza e formazione professionalità sempre più distintive nuove leve di futuri manager GRANDE MILANO, AUTUNNO 2012 PRIMAVERA 2013 PREPARATI ALL EXPO! La 26ma Edizione Speciale del Master in Hospitality Management nasce dalla necessità di progettare e realizzare un continuum virtuoso che

Dettagli

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Fondo Sociale Europeo in sinergia con il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale Programma Operativo Regione 2007-2013 Direttiva per la realizzazione di progetti di innovazione e sviluppo RILANCIARE L

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Scheda di partecipazione Quinta edizione

Scheda di partecipazione Quinta edizione Scheda di partecipazione Quinta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO

LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. L IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO Fonte: Reputation Institute LA MARCA: DALLA COMUNICAZIONE ALLA

Dettagli

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ Contributo allo sviluppo sostenibile Finmeccanica interpreta il concetto di sostenibilità come capacità di un organizzazione di generare valore nel tempo. Il

Dettagli

Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy

Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy Paolo Manzelli ; pmanzelli@gmail.com ; http://www.egoceanet.it ; http://www.edscuola.it/lre.html Convegno CNU-2009 FIRENZE Abstract

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY TECNICO SUPERIORE RETAIL E MARKET INTELLIGENCE SETTORE MODA-CALZATURA OBIETTIVO DEL PERCORSO Il progetto intende formare una figura

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE. Sintesi dei principali risultati della ricerca. di Paola Nicoletti

RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE. Sintesi dei principali risultati della ricerca. di Paola Nicoletti RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE Sintesi dei principali risultati della ricerca di Paola Nicoletti Il volume Responsabilità sociale d impresa. Policy e pratiche, di cui è Autrice Paola

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche.

Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche. OBIETTIVI 2 giornate formative che permetteranno di: Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche. Differenziarsi dalla concorrenza Identificare

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY

LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Carmen Ragno Sportello CSR Camera di Commercio di Milano - Formaper La NUOVA DEFINIZIONE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE

Dettagli

Osservatorio sulla Green Economy

Osservatorio sulla Green Economy Osservatorio sulla Green Economy Progetto delle attività 2014-2015 1. Premessa Il tema della green economy è al centro del dibattito internazionale, europeo e nazionale. La Conferenza delle Nazioni Unite

Dettagli

Business School since 1967

Business School since 1967 Business School since 1967 Molte aziende importanti partecipano e contribuiscono allo sviluppo professionale delle figure che escono da questo Master. Il loro impegno accompagna gli allievi dall inizio

Dettagli