Responsabilità Sociale d impresa e Sostenibilità Integrata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Responsabilità Sociale d impresa e Sostenibilità Integrata"

Transcript

1 Corso di Aggiornamento in Bioetica ed Etica Medica Responsabilità Sociale d impresa e Sostenibilità Integrata Vincenzo Manfredi 22 Maggio 2009 Repubblica di San Marino

2 Agenda Presentazioni Alcune contaminazioni Più dubbi e domande che certezze Una questione solo di Comunicazione Responsabilità sociale di Impresa (RSI CSR) Vincenzo Manfredi Responsabilità Sociale d impresa e e Sostenibilità Integrata 2

3 Contaminazioni intersecanti Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad una crisi economica che, possiamo affermare, ha la sua genesi anche in una mancanza di consapevolezza per le conseguenze intrinseche poste alla base del sistema. Le circostanze con il maggior numero di rischi nascosti sono diventate sempre più diffuse, e i costi sopportati dalla collettività, molto difficile da valutare analiticamente, hanno generato la crisi del sistema. E queste anche quando, apparentemente, quelle situazioni erano in teoria apportatrici di effetti positivi. Se paragoniamo i processi economici al tragitto che compie uno scuolabus, possiamo dire che sono stati guidati da autisti bendati, che non solo hanno sfasciato il mezzo, ma sono stati anche premiati con bonus eccessivi per essere andati a sbattere. 3

4 Contaminazioni intersecanti II Oppure è come se avessimo fatto gestire un impianto nucleare a degli ingegneri (manager) con una consistente parte della loro retribuzione costituita da bonus ed incentivi: con il risultato che sono state aggirate le regole sulla sicurezza, evidenziati utili che non c erano e nascoste perdite notevoli. Il tutto basato sull autodeterminazione del sistema assenza di regole certe in un sistema globalizzato sempre più innaturale con l obiettivo che il profitto a tutti i costi era ed è necessario anche con il rischio di andare a sbattere o di provocare tante piccole Chernobyl Forse può sembrare eccessivo il confronto fra la crisi economica e la crisi intorno alla bioetica, ma se consideriamo l etica nel suo complesso e nel suo evolversi, il problema comune è la definizione di regole e di sanzioni, dopo aver elaborato un Sistema comune e condiviso, capace di creare sviluppo nel lungo periodo. 4

5 E superata la fase apocalittica? Lascio agli altri illustri docenti del corso di disegnare le strade attraverso cui giungere ad una corretta definizione delle regole in bioetica. Ora mi preme riferirmi ancora alla crisi economica. È ovvio che le ricadute sono diverse fra un sistema economico ed un sistema bioetico, e che i riferimenti dei due insiemi siano su piani diversi, ma.. Nelle ultime settimane abbiamo visto che non c è più da aspettarsi una apocalisse dell economia, ma i governi o i commentatori che infondono ottimismo sono gli stessi che sottolineano l importanza delle regole. E si sta ragionando intorno ad un aspetto fondamentale: introdurre come prioritario il valore generato dalle corporations a favore degli stakeholders al posto di quello generato a favore degli azionisti (shareholders). Questo significa non ritenere l immediatezza del profitto come metro di efficienza dell azione imprenditoriale, ma la produzione di lungo termine che deve tener conto del futuro e delle conseguenze nascoste di azioni incerte. 5

6 L utilità sociale, la giustizia Ma se regole condivise, richieste da più parti, servono per far funzionare il Sistema economico per un fine nobile e sostenibile crescita, benessere diffuso - perché assistiamo, intorno alla Persona e alla Vita, ad un confronto basato non sulle regole ma su un quotidiano relativismo? Perché un bambino abortito è un problema risolto, mentre non è mai considerato una risorsa, un vantaggio competitivo, un modello creativo a cui ispirarsi, un leader da allevare Anche qui, solo un riferimento: etica dei principi o etica della conseguenze? Purtroppo la metrica degli interessi per la crescita economica sono certi o quasi, mentre non lo sono quelli relativi alla Vita: vale di più protrarre la propria vita o è superiore l interesse a condurre una vita degna. E ancora: chi è chiamato a determinare i confini etici di questo valore? 6

7 Trasponendo Potrebbe voler dire che se mi preoccupo del tutto e non solo del mio particolare, e se mi adopero affinché il frutto del mio lavoro di oggi sia percepito da chi abiterà la terra anche molti anni dopo di me, sto eseguendo un comportamento etico e i processi reputazionali e di comunicazione non sono più mitologia moderna, ma buona pratica quotidiana. Sono best practices del sistema, gli americani parlano di Ethics & Economics, che è alla base del sistema di valori che ogni organizzazione professionale dovrebbe avere. Ancora una provocazione: perché nella pubblicistica aziendale definiamo il sistema reputazionale e di sviluppo sostenibile con il nome di Responsabilità (Sociale d impresa), mentre la parola responsabilità, possiamo dire, che in bioetica, viene sostituita con la parola diritti? Vi suona questa differenza: spero almeno sia evocativa. Ma a questo punto le intersezioni che posso indagare si fermano, anche se vorrei fare un altra provocazione 7

8 Un altra provocazione Qual è la più radicale differenza fra il Corano e la Bibbia? (anche qui i presenti più dotti di me in materia mi perdoneranno l intrusione) Qualcuno ha detto* che la prima e assoluta differenza è che l Adamo del Corano non è fatto ad immagine e somiglianza di Dio. Il teologo post-conciliare Josef Van Ess, ebbe a dire: La teologia islamica non conosce il concetto di persona. Non è presente nel Libro un uomo capace di stringere un Patto con Dio, ma solo di sottomettersi, non essendoci filiazione divina non vi è libera scelta. Eppure l uomo islamico è un uomo morale, molto più dell uomo occidentale, anche se non conosce il dubbio, anche se non ha il mito e la mitologia che lo supportano nel cammino dell esistenza. *dal libro di Carlo Panella, Non è lo stesso Dio, non è lo stesso uomo. Bibbia e Corano a confronto 8

9 Un altra provocazione II Questo ci dice che il confronto con il popolo del Libro non può essere un confronto interreligioso ma inter-culturale. Dice il prof. Marcello Pera a questo proposito: L Europa ama l Islam per le stesse ragioni per cui l Islam odia l Europa: il suo laicismo, relativismo, multi-culturalismo, discredito del sentimento religioso. E l Europa offre dialogo all islam per la stessa ragione per cui non sa e non vuole parlare con se stessa: il rifiuto delle proprie radici. Il tutto può essere ricondotto all eccesso di autonomia che difficilmente può riuscire a sorreggere imperativi etici coerenti. Dal Libro: Perché dobbiamo dirci cristiani 9

10 Un altra provocazione III Possiamo valutare negativamente l autonomia insita della morale islamica, oppure non essere favorevoli alla considerazione sulle differenze fra le religioni. Ma continuando in questo parallelismo fra organizzazioni umane e organizzazioni aziendali, vi è un problema di identità, di mission, di codice di comportamento, di governance. Ora se ci riferiamo di nuovo alla differenza fra etica dei principi e etica della responsabilità (o delle conseguenze) (Max Weber) vorrei usare un aneddoto per conplicare ancora il confronto *. Siete un osservatore internazionale inviato da una ONG in Darfur. Arrivate in un villaggio nel quale un comandante militare ha messo cinquanta persone in fila contro un muro e sta per giustiziarle, perché qualcuno la sera prima ha sparato uccidendo un soldato. Bernard Williams, Sorte Morale 10

11 Un altra provocazione IV Voi dite: Fermi! È stato sparato un solo colpo e quindi la maggior parte di questa gente è innocente Il comandante vi guarda dall alto in basso e vi passa il fucile, dicendo che, se giustizierete una persona, lascerà andare tutte le altre; vi dice anche che i suoi uomini hanno i fucili puntati su di voi e che è meglio non fare sciocchezze. Cosa facciamo? Spariamo, uccidendo uno a caso per salvare 49 persone, lasciamo cadere il fucile in nome dei nostri principi? Lascio a voi le diverse implicazioni, vi ricordo solo che l autore non ha previsto la possibilità che l osservatore possa dare la sua vita per tutti e 50. Ma questa è un altra storia. 11

12 A proposito di autonomia in bioetica Difficile accettare che si spenga la vita che amiamo o dovremmo amare più d ogni altra cosa e che rappresenta il nostro bene supremo. [ ] La morte è la norma della vita, la naturale conclusione di un processo vitale, una fase del grande disegno biologico a cui apparteniamo. (Umberto Veronesi) Noi vogliamo avere il diritto di andarcene appena viene il buio, decidendolo noi, quando la luce è ancora accesa (Luca Coscioni) Autonomia? Valore, diritto, fondamento, progresso, nuova e vera religione. 12

13 A proposito di autonomia in bioetica La SLA mi ha tolto la motricità, cosa mi ha dato? La percezione dell impotenza della medicina di fronte alla malattia. La possibilità di chiedere aiuto. Uno che si occupa di te Tu esisti Dal Libro Un medico, un malato, un uomo. Come la malattia che mi uccide mi ha insegnato a vivere, di Mario Melazzini Autonomia? disvalore, illegalità, caos, oscuro, ignorante, conservatore, medioevo, vecchia e falsa religione. 13

14 Bioetica I temi più caldi dell etica Procreazione medicalmente assistita Aborto e stato ontologico e giuridico dell embrione Eutanasia, fine vita Sperimentazione nell uomo e nell animale Manipolazione genetica Trapianti 14

15 Un commento informato L enciclica Evangelium Vitae così parla del dramma dell uomo moderno L eclissi del senso di Dio e dell uomo conduce inevitabilmente al materialismo pratico, nel quale proliferano l individualismo, l utilitarismo e l edonismo L unico fine che conta è il perseguimento del proprio benessere materiale. La cosiddetta qualità della vita è interpretata come efficienza economica, consumismo disordinato, bellezza e godibilità della vita fisica dimenticando le dimensioni più profonde, relazionali, spirituali e religiose, dell esistenza. In un simile contesto la sofferenza, inevitabile peso dell esistenza umana ma anche fattore di possibile crescita personale, viene censurata, respinta come inutile, anzi combattuta come male da evitare sempre e comunque. Quando non la si può superare e la prospettiva di un benessere almeno futuro svanisce, allora pare che la vita abbia perso ogni significato e cresce nell uomo la tentazione di rivendicare il diritto alla sua soppressione. 15

16 Il senso di sostenibilità integrata in comunicazione Il Papa sul preservativo: scandalo, intromissione, ignoranza, quasi responsabilità per i morti di Aids. Edward Green, Direttore dell'aids Prevention Research Project della Harvard School of Public Health and Center for Population and Development Studies, ha sostenuto che in merito ai profilattici il Papa ha ragione. E continua: Sono un liberal sui temi sociali e per me è difficile ammetterlo, ma il Papa ha davvero ragione. Le prove che abbiamo ci dicono che, in Africa, i preservativi non funzionano come intervento per ridurre il tasso di infezione da HIV. Quello che si riscontra in realtà è una relazione tra un più largo uso di preservativi e un maggiore tasso di infezione. Non conosciamo tutte le cause di questo fenomeno, ma parte di esso è dovuto a ciò che chiamiamo compensazione del rischio. Significa che chi usa i preservativi è convinto che siano più efficaci di quanto realmente sono, finendo così per assumere maggiori rischi sessuali. Un altro fatto che è ampiamente trascurato è che i preservativi sono usati in caso di sesso occasionale o a pagamento, ma non sono usati tra persone sposate o con il partner abituale. Perciò, una conseguenza dell incremento nell uso dei preservativi può essere un aumento del sesso occasionale. 16

17 Il senso di sostenibilità integrata in comunicazione II Harvard: qualcuno l ha definita l Università più spegiudicatamente relativista e nichililsta del mondo, ma un professore di Harvard ha ammesso che è d accordo con il Papa e non certo per motivi religiosi. Integrare in modo sostenibile l azione di Governi e Istituzioni dovrebbe significare esplorare, nel riconoscimento e rispetto reciproco, le best practices da implementare per ridurre l infezione. Ancora sul Santo Padre Nel settembre dello scorso anno il Papa, durante la visita Pastorale in Sardegna disse fra l altro: "(Maria) vi renda capaci di evangelizzare il mondo del lavoro, dell'economia, della politica, che necessita di una nuova generazione di laici cristiani impegnati, capaci di cercare con competenza e rigore morale soluzioni di sviluppo sostenibile. In tutti questi aspetti dell'impegno cristiano potete sempre contare sulla guida e sul sostegno della Vergine santa. Sui giornali invece abbiamo letto: Il Papa: "Servono politici cattolici e rigorosi (Repubblica); Il Papa: «C'è bisogno di nuovi politici cattolici, rigorosi e competenti» (Corriere della sera). e così via!!! Sono andati persi tutti gli aspetti fondamentali del messaggio, che così risulta travisato, svilito e banalizzato. I destinatari erano tutti i cattolici, non solo la classe politica. Il rigore morale e il fine lo sviluppo sostenibile, il bene del mondo del lavoro, dell economia, della politica. Il messaggio del Pontefice, nella sua religiosità, è totalmente rispettoso della sfera laica, ritengo che sia doveroso da parte laici rispettarlo! Grazie Da una lettera al Direttore di un amico buddista 17

18 La Reputation, comunicazione e verità "Occorrono vent'anni per sviluppare una reputazione e cinque minuti per rovinarla". Perdete denaro dell azienda e sarò molto comprensivo; perdete un briciolo della sua reputazione e sarò spietato. Warren Buffet 1991 La stima ed il valore che si concede ad una persona. La considerazione in cui si é tenuti da altri. Parea che ti scemasse l onore e la reputazione Giacomo Leopardi 18

19 La Reputation: dalle persone alle aziende La Corporate Reputation si configura come un Intangible Asset che si forma nel tempo. La Corporate Reputation è di difficile e lenta acquisizione ed è di facile e rapida distruzione: modificare la propria reputazione è operazione complessa. La Corporate Reputation è diventata parte del patrimonio aziendale e va quindi adeguatamente protetta. Le Relazioni Pubbliche o la gestione del Brand non sono sufficienti per lo sviluppo e il mantenimento della Reputation e la mission della Comunicazione è occuparsi del Reputation Program come processo di creazione del valore fondato su due driver Perception Come un organizzazione è percepita dai suoi stakeholder Reality La verità intorno alle politiche, alle pratiche, al sistema di management e alla performance dell organizzazione 19

20 La Reputation: asset e reporting La Reputazione va misurata attraverso le sue sette dimensioni fondamentali. Si struttura così un quadro di riferimento per le analisi degli aspetti dimensionali e si concretizza il reporting degli asset intangibili Leadership Performance REPUTATION Prodotti e Servizi Innovazione Workplace Governance Citizenship Fonte: Reputation Institute 20

21 Asset intangibili come valore nel futuro Source: PricewaterhouseCoopers 21

22 Sviluppo Sostenibile, alcune definizioni Lo sviluppo e la conservazione sono egualmente necessari per la nostra sopravvivenza e per l adempimento delle nostre responsabilità in qualità di amministratori fiduciari delle risorse naturali per conto delle generazioni a venire. Una forma di progresso che sia capace di soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri ONU 1980 Il futuro di noi tutti (Rapporto Brundtland), WCSD 1987 Integrazione su base volontaria, da parte delle imprese, delle preoccupazioni sociali ed ecologiche nelle loro attività e nei loro rapporti con le parti interessate Il Libro Verde della Commissione Europea, 18 luglio 2001 Il concetto di responsabilità sociale delle imprese significa essenzialmente decidere di propria iniziativa di contribuire a migliorare la società e a salvaguardare l ambiente, integrando la responsabilità sociale come investimento strategico nella gestione d impresa Comunicazione della Commissione Europea sulla CSR del 2 luglio

23 Sviluppo Sostenibile e CSR Il concetto di sviluppo sostenibile si traduce in un percorso di crescita economica di lungo periodo capace di massimizzare il benessere più che la mera ricchezza, e si traduce nel perseguimento interrelato di una molteplicità di obiettivi di matrice non solo economica ma economico-sociale. La Responsabilità Sociale d Impresa diventa quindi il nuovo modo di fare impresa. Dallo shareholder value allo stakeholder value 23

24 Sviluppo della CSR nella strategia aziendale Grado di Integrazione nella strategia aziendale Fonte: Mario Molteni Tempo 24

25 I concetti più recenti SVILUPPO SOSTENIBILE CITTADINANZA D IMPRESA TRIPLE BOTTOM LINE 25

26 Il Reporting Triple Bottom Line Tre dimensioni di sostenibilità: Dimensione Economica: creare ricchezza tenendo conto della creazione e della gestione del capitale umano ed intellettuale Dimensione Ambientale: innovare con efficienza tenendo conto degli impatti della produzione sull Ambiente Dimensione Sociale: gestione della diversità, del lavoro minorile, delle ore di lavoro, dei salari, dei diritti umani e degli investimenti sociali. 26

27 La CSR: integrazione nel processo di Business Motivazione e retention dei dipendenti Performance Individuali e di di team Recruitment CSR REPUTATION Marketing Risultati Finanziari Reputazione del board Innovazione Qualità Produzione Investor Relations and Corporate Communications 27

28 Reputation Management Visione e Sviluppo Policy design e implementazione Performance Management REPUTATION MANAGEMENT Imperativo strategico Position 2 + La strategia dovrebbe essere focalizzata sul miglioramento del reale e del percepito Il Reputation Management dovrebbe essere basato su chiari obiettivi di miglioramento della performance PERCEPTION Analisi degli Stakeholder Comunicazione Costruire fiducia e credibilità con gli stakeholder, attraverso il rispetto degli impegni Position 1 - REALITY Fonte PricewaterhouseCoopers

29 Performance Sociale e Finanziaria La Corporate Social Performance guida la Relazione Good Corporate Social Performance Good Corporate Financial Performance Good Corporate Reputation La Corporate Financial Performance guida la relazione Good Corporate Financial Performance Good Corporate Social Performance Good Corporate Reputation Relazione Interattiva fra CSP, CFP, and CR Good Corporate Social Performance Good Corporate Financial Performance Good Corporate Reputation 29

30 Una strada obbligata La CSR come nuova frontiera strategica dell economia L integrazione di considerazioni di responsabilità sociale nella strategia di gestione dell azienda permette di valorizzare nuove opportunità nelle relazioni con gli stakeholder e di identificare meglio i rischi connessi alle attività dell impresa, fornendo al management gli strumenti per migliorare la performance complessiva dell impresa nel medio lungo periodo. 30

31 Le dimensioni Massimizzare i propri profitti, così da garantirsi la sopravvivenza, salvaguardando valori etico-sociali, che assicurano all azienda la capacità di essere sostenibile nel tempo non più solo in termini economici, ma: investendo nel capitale umano proteggendo l ambiente migliorando i rapporti con tutti i portatori di interesse (stakeholder) ed il territorio nel quale l azienda opera

32 Cosa si intende per CSR Che cosa significa Corporate Social Responsibility? Con CSR si intende un percorso attraverso il quale le imprese integrano in modo volontario le preoccupazioni sociali ed ecologiche nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate * * Commissione Europea, Libro Verde sulla CSR,

33 Cosa si intende per CSR La responsabilità sociale viene realizzata dall impresa che ha interiorizzato i valori etici alla base di un rapporto sostenibile con il territorio e la società. La sostenibilità influisce su: l immagine di un impresa, la percezione che ne hanno gli shareholder, gli utili conseguibili l apprezzamento nei confronti del titolo azionario. Essere sostenibili rappresenta un fattore competitivo e un potenziale vantaggio: significa ricoprire un ruolo complessivamente più positivo all interno della collettività e vederlo riconosciuto. 33

34 Cosa si intende per CSR Che cosa significa essere socialmente responsabili? Essere socialmente responsabili significa soddisfare pienamente gli obblighi giuridici in capo alle aziende, andando al di là di tali obblighi, per investire di più nel: capitale umano ambiente rapporto con la comunità rapporto con gli altri stakeholder La CSR si configura come un processo che deve essere inglobato nel decision making dell impresa affinché generando profitto l impresa contribuisca anche ad obiettivi sociali e alla tutela dell ambiente. 34

35 Cosa implica la parola responsabilità? 1. la volontà (tensione) di soddisfare le legittime attese, economiche e non economiche, di tutti gli stakeholder (interni ed esterni) 2. la presenza di spazi di discrezionalità nel perseguire i fini istituzionali, cioè l esistenza di gradi di libertà nel decidere ambiti e modalità di azione 3. la volontà di rispondere, cioè la volontà di: Rendere conto dei propri comportamenti e risultati Stabilire un dialogo costruttivo, improntato alla reciproca fiducia, con gli stakeholder. 35

36 Le tappe storiche principali 1881: La Chiesa affrontava il problema dei diritti sul lavoro con Leone XIII (Enciclica Rerum Novarum ). 1928: Venne istituito il primo fondo d investimento eticamente orientato, il Pioneer Fund di Boston, che gestiva gli investimenti finanziari di alcune istituzioni religiose statunitensi, escludendo titoli di imprese operanti nella produzione di tabacco, alcool, armi e gioco d azzardo. 1968: All Università di Cornell studenti protestarono contro l utilizzo del denaro universitario per finanziare la guerra in Vietnam. 1976: L OCSE pubblica le linee guida di orientamento per la aziende multinazionali introducendo il concetto di responsabilità sociale. Infatti, a partire dalla seconda metà degli anni 70 sia l OCSE che la UE ed altre istituzione nazionali e internazionali hanno iniziato a definire una propria specifica posizione in tema di CSR. 1992: Viene fondato il Social Investment Fund, un club di investimento etico che censisce 350 risoluzioni per quanto riguarda il comportamento etico delle aziende. 1992: Si svolge a Rio de Janeiro l Hearth Summit, focalizzato sullo sviluppo sostenibile, inteso come sviluppo che tenta di integrare la crescita economica, lo sviluppo sociale e la protezione ambientale. 36

37 Le tappe storiche principali 2001: La Commissione Europea pubblica il Libro verde, quadro di riferimento per la CSR in Europa, seguita dalla risoluzione del Consiglio che individua nella CSR uno strumento di competitività per le imprese europee e dalla successiva Comunicazione della Commissione (2002). 2002: L ONU organizza a Johannesburg il Summit sullo sviluppo sostenibile, dove il settore privato insieme ad organizzazioni non governative concorda sotto l egida dell ONU le azioni da intraprendere per attuare uno sviluppo sostenibile. 37

38 L evoluzione della teoria Sviluppo economico attraverso la creazione di benessere nella comunità in cui impresa opera CORPORATE CITIZENSHIP Responsabilità sociale come un processo che deve essere inglobato nel decision making dell impresa Gestione strategica dell impresa volta a soddisfare gli interessi legittimi di tutti gli stakeholder Gestione strategica dell impresa volta ad anticipare e rispondere alle esigenze della società Gestione d impresa finalizzata a massimizzare il profitto limitando impatto ambientale/sociale Sviluppo che soddisfa le esigenze attuali senza compromettere quelle delle generazioni future Valori etici posti alla base di tutti i comportamenti sociali dell impresa TRIPLE BOTTOM LINE SUSTAINABLE DEVELOPMENT CORPORATE SOCIAL RECTITUDE CORPORATE SOCIAL PERFORMANCE STAKEHOLDER MODEL CORPORATE SOCIAL RESPONSIVENESS Responsabilità verso la società da parte dei singoli dirigenti dell azienda Filantropia intesa mediante donazioni fatte in maniera casuale Responsabilità verso la società da parte dell azienda nel suo complesso CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY (CSR o RSI) BUSINESS ETHICS BUSINESS PHILANTHROPY. CHARITY Fonte: Mario Molteni, Pirmo Rapporto sulla Responsabilità sociale d impresa in Italia,

39 L evoluzione della teoria dopo la crisi CORPORATE CITIZENSHIP TRIPLE BOTTOM LINE SUSTAINABLE DEVELOPMENT CORPORATE SOCIAL RECTITUDE CORPORATE SOCIAL PERFORMANCE REPUTATION LEGITIMACY STAKEHOLDER MODEL CORPORATE SOCIAL RESPONSIVENESS CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY (CSR o RSI) ETHICS & ECONOMICS BUSINESS ETHICS BUSINESS PHILANTHROPY. CHARITY

40 Le teorie di Responsabilità sociale 1953 BOWEN 1962 FRIEDMAN RESPONSABILITA DEI BUSINESSMEN Bowen, considerato il padre della Responsabilità Sociale, fornisce una prima definizione di responsabilità legata alla capacità dei businessmen di incidere sul contesto ambientale e all esistenza di obblighi sociali che vanno oltre la semplice funzione di produzione e distribuzione di beni e servizi e l ottenimento del profitto. CAPITALISM AND FREEDOM L economista americano Milton Friedman, fondatore della scuola monetarista ed insignito del premio nobel nel 1976, nel 1962 afferma che c è una e solo una responsabilità sociale dell impresa usare le risorse e dedicarsi ad attività concepite per aumentare i propri profitti sempre che essa rimanga all interno delle regole del gioco, il che equivale a sostenere che competa apertamente e liberamente senza ricorrere all inganno o alla frode. 40

41 Le teorie di Responsabilità sociale Le teorie di Responsabilità sociale 1979 CAROLL LA PIRAMIDE DELLE RESPONSABILITA Alla fine degli anni 70 Carroll (1979) elabora la sua definizione quadripartita di responsabilità sociale FILANTROPICA (Investimenti nella comunità) Scelta discrezionale ETICA (Conformità ai valori e norme sociali) GIURIDICA (Rispetto delle normative) Responsabilità aziendale ECONOMICA (Creare valore) 41

42 Le teorie di Responsabilità sociale 1984 FREEMAN STAKEHOLDER THEORY Teoria che individua verso chi in concreto le imprese devono essere responsabili: gli stakeholder, coloro che hanno diritti, interessi o rivendicazioni verso un azienda o che possono influenzarne la performance attuale e futura. ANNI 80 BUSINESS ETHICS Disciplina economica che ha come finalità la ricerca di modelli teorici e le conferme empiriche in grado di dimostrare come comportamenti d impresa socialmente orientati, non solo siano preferibili dal punto di vista del benessere sociale, ma rappresentino anche un elemento in grado di caratterizzare in modo positivo l impresa sul mercato. 42

43 Cosa implica la CSR per l impresa La CSR rappresenta un modo diverso di fare impresa che implica: Nuovo approccio al business Creare valore a lungo termine per gli azionisti cogliere opportunità gestendo i rischi derivanti da aspetti economici, ambientali e sociali Governance allargata d impresa L impresa, frutto della relazione con diversi stakeholder (azionisti, dipendenti, clienti, fornitori, comunità locali, istituzioni), deve tener conto degli interessi e delle aspettative legittime da questi rappresentate Nella gestione dei rapporti con i diversi stakeholder è necessario cercare di bilanciare in modo equo i diversi interessi 43

44 I riflessi sulla Governance dell Impresa L impresa deve: Consolidare nel tempo risultati soddisfacenti per gli azionisti, accreditandosi il rispetto dei clienti, dei lavoratori e della comunità in cui opera; L impresa deve conseguire nel medio e lungo periodo un vantaggio competitivo in termini di immagine e di reputazione di mercato, con benefici sulle proprie prospettive finanziarie; L impresa deve offrire prodotti e servizi di successo per conseguire una stabilità di crescita economica. Quando si parla di governance allargata d impresa si fa riferimento ad un modello che si basa su alcuni criteri di base, tra cui i principali: Approccio multi-stakeholder che implica il riconoscimento della collaborazione dei diversi attori/stakeholder interni ed esterni che interagiscono con l azienda (azionisti, dipendenti, clienti, fornitori, comunità locali, pubblica amministrazione), affinchè il management dell azienda prenda in considerazione le aspettative legittime di cui ogni stakeholder è portatore Garanzia di doveri fiduciari estesi: il management è tenuto a tener sempre presenti i propri doveri fiduciari verso tutti gli stakeholder, non solo verso gli azionisti 44

45 I riflessi sulla Governance dell Impresa Gestione equa dei rapporti con i diversi stakeholder: il management deve garantire una gestione equa degli interessi di ciascun gruppo di stakeholder, evitando così che gli interessi di alcuni stakeholder possano prevalere rispetto agli interessi di altri. Cooperazione mutuamente vantaggiosa: la stretta collaborazione tra gli stakeholder deve generare un equa distribuzione dei benefici incentivando così la massima motivazione nel continuare a cooperare. Massimizzazione del valore: la CSR conferma la massimizzazione del profitto come obiettivo aziendale, inserendolo in un contesto più ampio di convergernza su obiettivi economici, sociali 45 ed ambientali.

46 L impatto della CSR sui processi/prodotti aziendali Accountability Generazione di valore Ecologia dei processi Ecologia dei Prodotti Governance Valori Codici Etici Processi Interni Risorse Umane Clienti e Marketing Fornitori e diritti Umani Comunità Stato/P.A. 46

47 Cosa implica la CSR per l impresa La CSR, come modello di governance allargata per la gestione strategica dell impresa, comporta che chi controlla e gestisce l impresa abbia doveri fiduciari nei confronti non solo dell unico stakeholder protetto dal diritto di proprietà (socio, azionista) ma anche nei confronti di tutti gli altri stakeholder che interagiscono con l azienda. Cosa implica tutto questo sul piano pratico? Come si passa dalla teoria dei principi alla pratica della gestione d impresa secondo questa nuova filosofia d impresa? 47

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

PUBBLICO. INNOVATIVE PER LE REGIONI E GLI ENTI DI GOVERNO DECENTRATI. di Lorenzo Sacconi

PUBBLICO. INNOVATIVE PER LE REGIONI E GLI ENTI DI GOVERNO DECENTRATI. di Lorenzo Sacconi IL BILANCIO SOCIALE NEL SETTORE PUBBLICO. ESAME CRITICO DEGLI STANDARD E LINEE INNOVATIVE PER LE REGIONI E GLI ENTI DI GOVERNO DECENTRATI di Lorenzo Sacconi Dipartimento di economia dell Università di

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli