Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 1

2 2

3

4

5 INDICE Introduzione di Guido, luca e paolo Barilla...5 The Italian Food Company. Since Una famiglia scrive la storia di una grande azienda...17 Buono per te, sostenibile per il pianeta : il modo di operare di Barilla...27 Il saper fare : i prodotti Barilla dal campo alla tavola...31 La comunicazione al servizio delle persone e delle comunità

6

7 Andiamo avanti, andate avanti con coraggio Introduzione a cura di Guido, luca e Paolo Barilla I l titolo che abbiamo scelto è l ultimo messaggio che ci ha lasciato nostro padre prima di andarsene. Per andare sempre avanti e guardare al futuro occorre prima di tutto essere consapevoli della nostra storia, ovvero dell idea che abbiamo del fare impresa da quattro generazioni. La storia è caratterizzata da pochi ma chiari concetti. La nostra è un azienda familiare e italiana che propone prodotti di qualità per il benessere delle persone e delle comunità che ci ospitano. Questo approccio, che oggi molti definiscono sostenibile, per noi è sempre stato semplicemente il modo in cui facciamo il nostro mestiere. Consideriamo la proprietà dell azienda non come un privilegio personale, ma come una responsabilità per la trasmissione di un eredità fatta di competenze e conoscenze che debbono essere alimentate nel tempo, attraverso le generazioni che verranno. Siamo fieri del nostro passato ma altrettanto consapevoli che dobbiamo sempre guardare avanti. Il nostro domani infatti prevede grandi opportunità ma anche grandi responsabilità. Per decenni le aziende sono state gestite avendo la crescita quantitativa - fatta di volumi, quote di mercato e profitti - come unico punto di riferimento. Questa visione è oggi anacronistica, non è più realistica; e mentre il valore di cosa si produce e come lo si produce sta riacquistando la giusta dimensione e si comincia finalmente a parlare di concetti quali valore e sobrietà, l unica certezza che abbiamo è che il futuro è incerto e la complessità una costante di qualsiasi scenario socio-economico. Alcuni grandi paradossi - ad esempio ancora oggi assistiamo ad un miliardo di persone denutrite o malnutrite mentre un altro miliardo di persone si ammala per eccesso di cibo - ci fanno riflettere e impongono con forza a noi e ai nostri collaboratori di prendere coscienza degli stessi mentre pensiamo e disegniamo la Barilla del futuro. Negli anni abbiamo sempre operato per interpretare e declinare al meglio, nel nostro modo di essere e nei nostri prodotti, un concetto di qualità evolutivo. Se oggi disponibilità, gusto, sicurezza restano requisiti qualitativi di base di un qualsivoglia prodotto alimentare, noi cerchiamo con pervicacia di migliorare i benefici nutrizionali e ambientali dei nostri prodotti e delle nostre operazioni. Perché quando si tratta di cibo e nutrizione, tutto ruota intorno al concetto di benessere delle Persone a cui ci rivolgiamo e del Pianeta che ci ospita. Il nostro lavoro si distingue da sempre per la ricerca Consideriamo la proprietà dell azienda non come un privilegio personale, ma come una responsabilità per la trasmissione di un eredità fatta di competenze e conoscenze che debbono essere alimentate nel tempo, attraverso le generazioni che verranno. 7

8 di un miglioramento continuo del nostro saper fare. è quello che chiediamo a ciascuno dei nostri collaboratori: portare avanti continuamente il mestiere che ci hanno lasciato i nostri padri e che consegneremo ai nostri figli, se possibile migliorandolo un poco ogni giorno, ognuno nelle rispettive competenze e responsabilità. Questa è l essenza del nostro lavoro. Il tutto all interno, e come Barilla al centro, di una lunga e complessa filiera agro-alimentare, che nasce dal campo dei coltivatori delle materie prime, per continuare attraverso un viaggio fatto di trasporto, controllo qualità, ricerca, produzione e trasformazione, confezionamento, comunicazione e distribuzione; il tutto per finire semplicemente sulle tavole delle persone a cui vogliamo donare ogni giorno un momento di gusto e convivialità attraverso i nostri prodotti. L impegno della nostra Famiglia è tutto teso a che l organizzazione e le nostre persone, con le loro competenze e la loro passione, siano compatti, coesi e concentrati perché il nostro saper fare si traduca in idee, prodotti, successi. Proprio in questi tempi difficili e instabili, in un epoca di incertezze sociali ed economiche senza precedenti in cui il mondo è stato travolto da operazioni di ingegneria finanziaria noi dobbiamo rimanere fedeli più che mai alla nostra missione: produrre beni tangibili di cui le persone hanno bisogno. Se sapremo ascoltarle e comprenderle, il valore che sapremo generare per queste persone continuerà ad essere la forza della nostra Azienda. GUIDO BARILLA LUCA BARILLA PAOLO BARILLA 8

9 9

10 ANDIA pietro BARILLA Il Fondatore 10 riccardo BARILLA L industrializz

11 MO AVANTI, ANDAT azione 11 pietro BARILLA LA VISIONE

12 E AVANTI CON CORA luca12 BARILLA I nostri giorni paolo BARILLA I nostri gio

13 GGIO rni 13 guido BARILLA I nostri giorni

14 14

15 THE ITALIAN FOOD COMPANY SINCE 1877 Barilla è tra i primi gruppi alimentari italiani, leader nel mercato della pasta nel mondo, dei sughi pronti in Europa, dei prodotti da forno in Italia e dei pani croccanti nei Paesi Scandinavi. Alla guida della Società c è, da quasi 140 anni, una famiglia che, con i fratelli Guido, Luca, Paolo è giunta alla quarta generazione. Impegnata in tutte le categorie di prodotto che sono alla base del modello alimentare mediterraneo, Barilla propone prodotti di uso quotidiano, ricercando l eccellenza per gusto e prestando costante attenzione all equilibrio nutrizionale. Barilla realizza il suo fatturato nell area del primo piatto all italiana (pasta e sughi pronti), nei prodotti da forno (biscotti, pasticceria industriale, torte, snack, merende, pani morbidi, pani croccanti, cereali). Il Gruppo impiega oltre persone e possiede 41 siti produttivi. Barilla dispone di 15 marche. Dagli stabilimenti escono ogni anno 2,3 milioni di tonnellate di prodotti con i marchi Barilla, Mulino Bianco, Voiello, Pavesi, Gran Cereale, Pan di Stelle, Wasa, Harry s (Francia e Russia), Lieken Urkorn e Golden Toast (Germania), Academia Barilla, Misko (Grecia), Filiz (Turchia), Yemina e Vesta (Messico). Oltre mille prodotti, adatti ai diversi momenti di consumo quotidiano, sono distribuiti in 100 Paesi. I risultati ottenuti e il modo di perseguirli fanno di Barilla una delle aziende alimentari più considerate nel mondo come espressione del saper fare italiano. La sua capacità competitiva è la conseguenza di una visione a lungo termine che si basa su logiche di natura industriale - e non esclusivamente finanziaria - che le hanno permesso di crescere in modo solido e costante nel tempo, facendole acquisire la reputazione di Società capace di gestire le filiere di riferimento: dal campo al piatto, dalla materia prima al punto di vendita. La supervisione di questi processi comporta il controllo continuo e proattivo delle filiere. Questo approccio sistemico si avvale di competenze tecnologiche frutto di esperienze ormai secolari. Tuttavia, la trasformazione industriale di materie prime tramite impianti efficienti e ad alta produttività in grado di generare elevati standard qualitativi non sarebbe sufficiente per decretare il successo di un percorso competitivo duraturo. La vera costante indispensabile è la capacità di generare innovazione ad alto valore aggiunto per le persone e le famiglie di tutto il mondo. In contesti economici e sociali sempre più complessi in cui si configurano scenari incerti e difficilmente prevedibili, Barilla vuole prendere parte attiva nella costruzione del futuro, interpretando e anticipando il cambiamento. Fedele al suo approccio di lungo perio- La visione Aiutiamo le persone a vivere meglio, portando ogni giorno nella loro vita il benessere e la gioia del mangiar bene. 15

16 i nostri valori curiosità intellettuale, passione, fiducia, integrità, coraggio do e basandosi, come sempre, sul coraggio, la passione e la competenza delle sue persone, Barilla ritiene che la sua crescita debba sempre più avvenire in parallelo a quella della società civile, mettendo in sintonia gli interessi aziendali con quelli generali. La sua responsabilità imprenditoriale viene espressa in un contesto di sostenibilità complessiva del sistema, con strategie volte a realizzare processi produttivi, prodotti e risultati finalizzati al benessere delle persone e alla tutela dell ambiente. La missione Dal 1877 BARILLA è l azienda italiana e familiare che interpreta l alimentazione come un momento conviviale di gioia, ricco di gusto, AFFETTO e condivisione. BARILLA Propone un offerta di qualità fatta di prodotti gustosi e sicuri. BARILLA Crede nel modello alimentare italiano che combina ingredienti di qualità superiore e ricette semplici, offrendo esperienze uniche ai cinque sensi. Il senso di appartenenza, il coraggio e la curiosità intellettuale ispirano il nostro modo di essere e identificano le persone con le quali lavoriamo. Barilla lega da sempre il suo sviluppo al benessere delle persone e delle comunità in cui opera. 16

17 Date da mangiare alla gente quello che dareste ai vostri figli. pietro BARILLA 17

18 18

19 UNA FAMIGLIA SCRIVE LA STORIA DI UNA GRANDE AZIENDA Barilla nasce nel 1877 quando Pietro Barilla apre una piccola bottega di pane e pasta. Da quel momento la storia dell azienda, per quasi un secolo, corre parallela a quella della pasta, che inizia a diffondersi in tutti gli strati sociali. Nel 1910 viene inaugurato lo stabilimento e l attività, fino ad allora del tutto artigianale, assume le prime connotazioni industriali. Dopo la prematura scomparsa di uno dei figli di Pietro, Gualtiero, nel 1919, il fratello Riccardo Barilla, in oltre vent anni di attività, punterà all espansione dello stabilimento introducendo tecnologie e macchinari innovativi. Nel 1936 Pietro Barilla ( ), figlio di Riccardo, entra in azienda per dirigere il settore commerciale, al quale dà una nuova impronta promuovendo un intensa attività di vendita anche al di fuori dalla Regione italiana in cui l azienda è nata, l Emilia Romagna. Alla fine del secondo conflitto mondiale i Barilla affrontano la ricostruzione. Dopo la scomparsa di Riccardo Barilla nel 1947, sotto la guida di Pietro Barilla e del fratello Gianni, la nuova strategia punta a valorizzare l immagine dell azienda e il marchio Barilla con importanti investimenti tecnologici che aumentano in modo sensibile la qualità dei prodotti e massicce campagne pubblicitarie. Tutti i formati di pasta, fino a quel momento venduti sfusi, vengono confezionati. Sulle confezioni appare una grafica comune e unificata. Il successo è immediato. L azienda diviene leader di mercato in Italia per la pasta all uovo e per la pasta di semola. Con il boom economico degli anni Sessanta, si apre una nuova fase di crescita: Barilla entra nel settore dei prodotti da forno e inaugura il primo stabilimento per la produzione di grissini e cracker a Rubbiano in provincia di Parma. Nel 1968 è la volta del nuovo pastificio a Pedrignano, appena fuori Parma, il più moderno al mondo, con una superficie di un milione e mezzo di metri quadrati e centoventi metri di linea di produzione. L inizio degli anni Settanta vede la Barilla in difficoltà. In un clima sociale conflittuale ed instabile, segnato anche da drammatici episodi di terrorismo, sembra vacillare la fiducia nella crescita e nello sviluppo dell Italia. Molti imprenditori ne traggono conclusioni pessimistiche e decidono di ridurre o interrompere il loro impegno. Tra questi vi sono i Barilla che nel Gennaio del 1971 cedono la quota di maggioranza di Barilla alla multinazionale americana Grace, che ne avrà il controllo fino al Nel 1973, anno in cui vengono acquisiti il Pastificio Voiello di Torre Annunziata e la Saef di Caserta, la crisi petrolifera e il blocco del prezzo della pasta imposto dal Governo italiano, spingono l azienda a diversificare la produzione e a creare una nuova linea di prodotti da forno che vedrà la luce nel 1975 con il nome Mulino Bianco. Il marchio, inizialmente limitato ai biscotti, viene progressivamente esteso a merende, torte, pani. Nel 1979, in modo inaspettato, Pietro Barilla ritorna alla guida dell azienda rilevandola dagli americani. Rilancia la pasta, con investimenti in nuovi impianti e nella comunicazione pubblicitaria. Ma è soprattutto il suo entusiasmo, che si estende a tutte le persone che lavorano in azienda, a dare una nuova prospettiva di sviluppo. Dove c è Barilla, c è casa. Dove c è Barilla, ovunque nel mondo, è Italia, famiglia, comunità. 19

20 Il fatturato in dieci anni decuplica. Barilla comincia la sua strada di impresa internazionale e gli stabilimenti passano da 5 a 25, i dipendenti da a Nella comunicazione della pasta il pay off sottolinea: Dove c è Barilla, c è casa. Dove c è Barilla, ovunque nel mondo, è Italia, famiglia, comunità. Quando il 16 settembre 1993 Pietro scompare, la Presidenza dell azienda passa al figlio maggiore Guido, mentre Luca e Paolo sono Vice-Presidenti. Nel 1994, anno in cui si completa l acquisizione di Pavesi, viene ridefinita la Barilla del futuro: è impostata una strategia di lungo periodo le cui parole chiave sono centralità del prodotto come strumento di relazione con le persone, internazionalità, creazione e condivisione di conoscenza. Strumenti indispensabili di questa strategia sono un presidio e un controllo molto forte delle materie prime e partnership di lungo termine nelle filiere di approvvigionamento. Nel 2004 nasce Academia Barilla, progetto internazionale dedicato allo sviluppo e alla promozione della cultura gastronomica regionale italiana. Nel 2005 inizia la sua attività il Barilla Laboratory for Knowledge and Innovation centro di formazione e di ricerca nonché Corporate University di Barilla. Barilla, nel contempo, continua a dialogare in modo intenso col mondo scientifico, con i centri di eccellenza internazionali che si occupano di nutrizione, agronomia, tecnologie produttive, ma anche, più in generale, di problematiche ambientali, sociali e culturali legate al cibo e alla nutrizione. Le persone che acquistano quotidianamente i prodotti Barilla, coloro che ogni giorno danno fiducia alla Società sono sempre più considerati partner dell azienda ai quali la comunicazione Barilla si rivolge con campagne centrate sul consumo critico, tese ad accrescere la consapevolezza delle persone sulle sue possibilità di scelta rispetto alle diverse opzioni di acquisto. 20

21 21

22 22

23 23

24 COMINCIA L AVVENTURA BARILLA Con Pietro Barilla, in una bottega di pane e pasta nel centro di Parma, inizia nel 1877 la storia della Barilla gli inizi RICCARDO ALLA GUIDA DELLA BARILLA 1910 NASCE IL PRIMO STABILIMENTO Al fondatore succedono nei primi anni del 900 i figli Riccardo e Gualtiero. Nasce il primo stabilimento, con 100 operai e la produzione di 80 quintali di pasta al giorno, e nello stesso anno viene registrato il primo marchio: un bimbo che versa un tuorlo d uovo in una madia di farina. Riccardo Barilla, dopo la morte del padre e del fratello, guida la crescita negli anni Venti e Trenta. Nel 1936 Pietro, figlio di Riccardo, entra in azienda e comincia lo sviluppo della rete commerciale. A tredici anni ho cominciato a lavorare. Mio padre mi mandava a prendere con il carretto qualche sacco di farina, che con il nostro antico fornetto di mattoni, si traduceva in pane. Dopo qualche anno, in una piccola bottega, con l aiuto delle mie sorelle e di mia madre che stavano al banco, vendevamo il pane che io e mio padre producevamo lavorando fino a 18 ore al giorno. Riccardo Barilla Nella storia dell impresa ci sono tante tappe, tanti episodi, tanti fatti che rimangono e che sono come gradini di una scalinata. Però il tratto dominante è la generazione pionieristica davanti alla quale io mi inchino sempre con grande devozione, ammirazione e riconoscenza. Pietro Barilla 24 Il profitto è ingre della vita econom e si mantenga una necessaria l esiste morali e di valori. le passate generaz dovere onorarne aiutiamo i giovani ad avere coscienz Pietro Barilla

25 GIANNI E PIETRO ALLA GUIDA DELL AZIENDA Alla morte di Riccardo Barilla, nel 1947, i suoi figli Pietro e Gianni prendono le redini dell azienda, sviluppando moderni sistemi produttivi e intense attività comunicative e pubblicitarie IL SECONDO DOPOGUERRA BARILLA LEADER ITALIANO 1971 BARILLA DIVENTA AMERICANA LA PARENTESI AMERICANA Nel 1971 la Famiglia Barilla cede la Società al Gruppo americano Grace STASERA CANTA MINA! All inizio degli anni 60 Barilla diventa Società per Azioni. Ha dipendenti e 200 addetti alle vendite. Nel 1965 Barilla entra per la prima volta nel mercato dei prodotti da forno confezionati, producendo grissini e cracker. Nel 1969 viene costruito lo stabilimento di Pedrignano (Parma), il più grande sito produttivo per la pasta nel mondo, con una capacità produttiva di tons al giorno. diente fondamentale ica, ma perché si realizzi convivenza civile è nza ed il rispetto di regole Questo ci hanno trasmesso ioni e per questo è nostro la memoria. Così facendo di oggi a capire la storia, a delle nostre radici. io sostengo che le tre caratteristiche dell imprenditore siano il coraggio, l intuizione, e l ottimismo. Io penso che l imprenditore in tutti i campi abbia un ruolo importante. Ma l alimentare ne ha uno specifico, direi un po più profondo e impegnativo, perché l alimento va a tutti: dai bambini, ai vecchi, alle famiglie. L alimento ha questa delicatezza, questa importanza per la salute degli uomini. 25 Pietro Barilla Durante quegli anni fui veramente infelice, per un insieme di ragioni, e poi mi andava tutto male Chissà perché mi andava tutto male Ero un uomo che soffriva per diverse ragioni, ma la più importante era di aver abbandonato la nave che mi era stata affidata e con la quale avevo navigato fino all età di 58 anni Pietro Barilla

26 NASCE MULINO BIANCO Nel 1975 nasce Mulino Bianco, una nuova linea di prodotti da forno, tra cui biscotti, sostituti del pane e merende, caratterizzati da genuinità e ricette con ingredienti naturali, che si avvale della secolare esperienza maturata da Barilla nella lavorazione dei cereali. IL RITORNO DI PIETRO BARILLA IL RILANCIO 1975 COMINCIA L ERA DEL MULINO BIANCO Nel 1979 Pietro Barilla ritorna alla guida del Gruppo. Lo storico riacquisto coincide con la ripresa di una strategia industriale e comunicativa di lungo periodo, fondata sull idea di rilanciare la pasta e il primo piatto all italiana e di sviluppare l offerta dei prodotti da forno. GUIDO, LUCA E PAOLO ALLA GUIDA DEL GRUPPO Nel 1993, dopo la scomparsa di Pietro Barilla, la guida dell azienda passa nelle mani dei figli Guido, Luca e Paolo. La marca deve saper costruire relazioni con i consumatori, non solo transazioni; e il nostro sarà un avvenire possibile se continueremo a rinnovare creativamente il nostro modo DI competere. Guido Barilla Il ritorno non è stato facile. Incontri, ostacoli, finanza, denaro, viaggi: New York, Zurigo... A molti di questi viaggi parteciparono anche i figli che volli testimoni di questa avventura. Alla fine del 1978 non riuscii ad avere la cifra. Davanti ai capi della Grace io rimasi così male che piansi. Uno di questi, il Signor Graff - persona eccellente - capì il mio dramma e mi chiamò nel suo ufficio a parte e mi disse: Non si scoraggi, vedremo cosa si può 26 fare.... Era la fine del 1978 e nel luglio del 1979 siamo riusciti a chiudere la trattativa. Pietro Barilla Penso che i miei figli non cattiva opinione di me, mi fiducia, stima; che mi cred trasmissione delle esper un padre ai figli sia effet verità che si possa realiz è la successione, che la f per un altra generazion anni nell impresa. P generazione provvederà alla successione... Pietro Barilla

27 I GIORNI NOSTRI 2010 NASCE IL BARILLA CENTER FOR FOOD AND NUTRITION 2000 BARILLA AZIENDA INTERNAZIONALE IMPORTANTI ACQUISIZIONI Gli anni 90 e il primo decennio degli anni 2000 sono caratterizzati da un forte processo di internazionalizzazione, con la crescita sui mercati europei e statunitense, l apertura di nuovi impianti produttivi e l acquisizione di importanti marchi quali Pavesi (Italia), Misko (Grecia), Filiz (Turchia), Wasa (Svezia), Yemina e Vesta (Messico), Lieken (Germania) e Harry s (Francia). Nel 2009 viene lanciato il Barilla Center for Food and Nutrition, un centro di pensiero multidisciplinare impegnato nella promozione e nella condivisione dei temi legati alla nutrizione e alla alimentazione. abbiano una illudo che abbiano ano e che questa ienze che può fare tivamente una zare. L obiettivo amiglia continui e, che vuol dire oi la nuova... se provvederà... Diventeremo sempre più globali e pronti ad affrontare il futuro sviluppando le performance nei confronti del consumatore; non perseguendo un semplice e tradizionale aumento delle dimensioni, ma adattando la nostra cultura della qualità e la nostra professionalità ai cambiamenti di scenario che saranno sempre più rapidi. Guido Barilla 27 Il modello alimentare italiano è il punto di riferimento fondamentale per sane abitudini alimentari, per il rispetto e la tutela delle risorse naturali del nostro Pianeta per la salvaguardia dei diritti delle future generazioni. Guido, Luca e Paolo Barilla

28 28

29 buono per te, sostenibile per il pianeta il modo di operare di barilla Nel 2006 Barilla si aggiudica il premio del Reputation Institute (New York, USA) come azienda con la migliore reputazione del mondo. Fra gli elementi di questo valore riconosciuto dalle persone all azienda ci sono alcuni tratti identitari chiave: in primis l essere un azienda familiare e italiana. A questo però si aggiunge una cultura d impresa che oggi rientra spesso sotto l espressione sostenibilità. Barilla è convinta che fornire i propri prodotti a cinquanta milioni di persone che li comprano ogni giorno, in oltre cento Paesi del mondo, comporti il dovere e la necessità di contribuire alla costruzione di un benessere che non sia solo di oggi, ma anche di domani, che riguardi l azienda, le persone, il pianeta. Contribuire al benessere delle persone e del pianeta significa innanzitutto sviluppare e condividere una visione sul futuro tesa a risolvere alcuni grandi paradossi che riguardano il cibo e la nutrizione a livello locale e globale. La dialettica fra accesso al cibo ed eccesso di cibo in parti diverse del mondo; il dilemma della nutrizione animale che rischia di sottrarre risorse agricole a quella umana; la conflittualità fra usi alimentari ed usi energetici di alcune materie prime sono esempi di temi sui quali la condivisione di conoscenza è essenziale per trovare soluzioni comuni. Barilla ha deciso di essere parte del dibattito su questi temi e di trasferire la ricerca di soluzioni nel lavoro quotidiano delle persone in azienda. Per questo è impegnata nel gestire l azienda migliorando costantemente i processi, minimizzando l impatto ambientale e valorizzando il contributo al territorio e alle comunità. Questo impegno lo trasferisce nei prodotti, offrendo alle Persone non solo un cibo di qualità ed equilibrato da un punto di vista nutrizionale, ma anche e soprattutto la possibilità di scegliere attraverso i propri comportamenti alimentari di contribuire a uno sviluppo sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale. è un azione di imprenditoria sociale che si basa su comportamenti concreti e su uno sforzo costante di trasparenza, informazione ed educazione a favore delle Persone che l azienda serve e dei territori in cui opera. Il Barilla Center for Food & Nutrition Il Barilla Center for Food & Nutrition (www.barillacfn. com) è un centro multidisciplinare impegnato nella condivisione della conoscenza sui temi della nutrizione e dell alimentazione, che si avvale delle esperienze e competenze più avanzate disponibili a livello mondiale. Il centro si concentra su quattro aree di ricerca: Food for Health, Food for Sustainable Growth, Food for All, Food for Culture. I risultati sono resi disponibili ai decision maker, ma anche e soprattutto all opinione pubblica più allargata, al fine di orientare le scelte collettive e individuali a favore Se non possiamo fermare la continua evoluzione del Pianeta, abbiamo però il dovere morale di suggerire indirizzi e proposte per interagire in modo responsabile con essa. GUIDO BARILLA 29

30 la Doppia Piramide di uno stile di vita più sano e sostenibile. Questo processo divulgativo avviene attraverso la pubblicazione di rapporti e l organizzazione periodica di eventi online e fisici, fra cui il Forum internazionale sul Cibo e la Nutrizione, cui partecipano esperti e studiosi provenienti da tutto il mondo. Il comitato scientifico, formato da sette esperti internazionali in discipline diverse e sinergiche, è l organismo garante: identifica i temi di interesse, valida i contenuti scientifici, avanza raccomandazioni e proposte. Anche dall elaborazione concettuale e di scenario del BCFN discendono le scelte strategiche e operative che Barilla compie come impresa. Dalla ricerca all azione: la Doppia Piramide Alimentare e Ambientale Uno dei risultati più originali ottenuti dal BCFN è la rappresentazione della cosiddetta doppia piramide, che consente alle persone di scegliere come comporre la propria dieta nella consapevolezza degli impatti che le loro valutazioni e le loro scelte hanno sul loro benessere e su quello del Pianeta. La doppia piramide è anche un indicazione d azione per l impresa, che stimola a produrre meglio, a riformulare i prodotti già esistenti, a inventarne di nuovi. Sulla base delle Linee Guida Nutrizionali del Nutrition Advisory Board e in coerenza con la Doppia Piramide, Barilla struttura un offerta di prodotti sempre più ampia e variegata e ciò assicura una continua capacità di innovare all impresa. Migliorare la qualità nutrizionale dei prodotti e introdurne di nuovi aumenta la competitività di Barilla e, al contempo, permette alle persone di scegliere cosa mangiare, in relazione al loro stesso benessere e a quello dell ambiente e delle generazioni future. Se è vero che la maggior parte dei prodotti dei marchi Barilla si colloca nelle aree della Piramide che hanno un impatto ambientale complessivo meno pesante per il Pianeta, questo non esime l azienda dal lavorare per monitorare e ridurre l impronta ecologica dei processi di produzione. Lo stesso ragionamento si applica alla filiera: la doppia piramide invita a un consumo molto ampio di prodotti agricoli e questo si traduce per Barilla in uno stimolo ad aumentare la relazione con il territorio da cui questi prodotti provengono. Approvvigionare l azienda attraverso una filiera integrata significa assicurare un maggior controllo sulla qualità della produzione, ma anche tendere verso una stabilizzazione dei prezzi che spesso determina la capacità di investimento - se non la sopravvivenza - dei produttori, nonché contribuisce al benessere del territorio attraverso la creazione di lavoro e opportunità per le persone. 30

31 Non ho mai concepito una impresa non sostenibile. Non c è un altro modo di fare impresa che non sia la sostenibilità. Ed è una sostenibilità legata al lavoro, alla gestione degli impianti, degli acquisti, dell intero processo. guido BARILLA 31

32 32

33 il saper fare i prodotti barilla dal campo alla tavola I l portafoglio prodotti di Barilla è composto da oltre 1000 referenze che coprono tutti i momenti di consumo quotidiani, dalla prima colazione alla cena. Per garantire qualità, sicurezza, proprietà nutrizionali, capacità di innovare seguendo l evoluzione dei trend sociali, servizio alle persone che lo comprano e ai clienti della distribuzione che lo commercializzano, sostenibilità economica, sociale e ambientale, il presidio deve essere totale, a partire dalle materie prime. Barilla acquista circa 800 materie prime e 50 tipologie di materiali di confezionamento da fornitori in tutto il mondo. Questo significa, ad esempio, tonnellate di grano duro, tonnellate di grano tenero e segale, 130 mila tonnellate di pomodori, 700 milioni di uova. Il cosiddetto modello di filiera integrata di Barilla, a differenza della classica struttura lineare, con il susseguirsi a cascata degli operatori di filiera, è di tipo circolare, così da coinvolgere i diversi attori in progetti di partnership strategica sul lungo periodo. L azienda si mette a fianco dei fornitori e lavora con loro in ogni fase della produzione. Un esempio è quello della filiera del grano duro, dove Barilla sviluppa accordi con i produttori che consentono di ottimizzare la selezione delle varietà, la moltiplicazione delle sementi, i protocolli di coltivazione e rotazione. La stretta interazione con i produttori permette anche di programmare e contenere l utilizzo di acqua e fertilizzanti che ha come conseguenza diretta l abbassamento delle emissioni di gas serra. Le partnership di lungo periodo consentono poi il miglioramento qualitativo del grano sia dal punto di vista di programmazione della qualità che di sicurezza. Questo consente di lavorare sul territorio, accorciando le filiere: oltre il 81% del grano duro utilizzato per le varie marche del Gruppo Barilla viene coltivato localmente, ovvero nel paese in cui viene prodotta la pasta. Altra filiera strategica per Barilla è quella delle uova. Con i fornitori riusciamo a realizzare una completa pianificazione dei sistemi di allevamento che comprendono la gestione e la programmazione del mangime e curano particolarmente il benessere degli animali. Circa l 85% delle galline ovaiole è allevato a terra. Contribuire ogni giorno alla salute e al benessere delle persone attraverso i nostri prodotti, trasformando ingredienti di alta qualità in prodotti sani e sicuri che rispondano ad esigenze nutrizionali sia basilari che specifiche, offrendo soluzioni di uso quotidiano buone e pratiche che si ispirano alla sana e bilanciata dieta mediterranea. IL MANIFESTO NUTRIZIONALE 33

34 Le uova utilizzate per la produzione dei prodotti da forno del Mulino Bianco e di Pavesi, e della pasta all uovo Le Emiliane provengono da galline allevate a terra. I processi produttivi salvaguardano il più possibile l integrità, la naturalezza e le caratteristiche nutrizionali degli ingredienti. Questo è il frutto di 56 tecnologie dedicate, molte delle quali sono state sviluppate in modo esclusivo, come la recente introduzione dei forni per la cottura a vapore per i prodotti bakery. Il sistema qualità, il cui presidio è assicurato da circa 200 professionisti responsabili per oltre 2 milioni di analisi ogni anno, consente il controllo e la verifica degli standard di produzione, fino all arrivo del prodotto sugli scaffali della grande distribuzione come di quella al dettaglio, ovunque nel mondo. Tutto questo non avrebbe importanza se alla fine di questo percorso, il prodotto non avesse caratteristiche nutrizionali tali da favorire la salute delle persone. Barilla propone prodotti gustosi e pratici, di uso quotidiano, che fanno parte di un percorso alimentare corretto, accessibili in termini di prezzo. Riformula costantemente i propri prodotti, in particolare diminuendo il contenuto di grassi e sale e accrescendo la quantità di fibra e crea nuovi prodotti che abbiano benefici specifici e un alto valore salutistico. 34

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli