Il processo di quotazione sui mercati regolamentati di Borsa Italiana e su AIM Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il processo di quotazione sui mercati regolamentati di Borsa Italiana e su AIM Italia"

Transcript

1 Il processo di quotazione sui mercati regolamentati di Borsa Italiana e su AIM Italia

2 Ulteriori Informazioni Qualora desideraste ricevere ulteriori informazioni in merito, Vi preghiamo di contattare le persone elencate di seguito o il vostro interlocutore abituale presso lo studio Contatti Roberto Culicchi T Angelica Ruggeri T La presente nota ha carattere meramente generale e non va intesa come sostitutiva di una consulenza legale specifica

3 Lovells Sommario IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SUI MERCATI REGOLAMENTATI DI BORSA ITALIANA Prefazione I requisiti per la quotazione Premessa I requisiti dell'emittente I requisiti delle azioni I requisiti addizionali per la qualifica di STAR I soggetti coinvolti nel processo di quotazione Le istituzioni I consulenti Le fasi del processo di quotazione Fase preliminare Fase iniziale Fase intermedia Fase esecutiva IL MERCATO AIM ITALIA Prefazione Il processo di quotazione Premessa Caratteristiche principali dell'aim Italia Requisiti per l'ammissione all'aim Italia Procedura di ammissione all'aim Italia Trasparenza nei confronti del mercato Il Nomad

4 Lovells IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SUI MERCATI REGOLAMENTATI DI BORSA ITALIANA

5 Lovells 1 Prefazione Quotarsi in borsa è un segnale di leadership. Significa reperire i capitali necessari per finanziare un progetto articolato di crescita dimensionale e culturale; significa voler ridisegnare gli equilibri di un settore, affermando la propria supremazia; significa valorizzare adeguatamente l azienda, dotandola degli strumenti più efficaci per competere con successo su scala internazionale. La quotazione è un investimento di lungo termine che richiede consapevolezza sia degli obblighi, sia delle opportunità nuove che ne derivano. Ad esempio, la visibilità internazionale e la superiore credibilità presso gli stakeholder contribuiscono ad accrescere le occasioni di business; la liquidità delle azioni e la trasparenza di valore agevolano l ingresso di nuovi azionisti e l eventuale uscita di azionisti non più interessati alla permanenza nel capitale della società, favorendo pertanto processi di passaggio generazionale. Ancora, con la quotazione si diversificano le fonti di finanziamento e si riequilibra la struttura patrimoniale della società. Dall altro lato la quotazione richiede uno sforzo in termini di trasparenza informativa e organizzazione interna la cui attuazione è condizione necessaria per garantire la tutela degli azionisti di minoranza. Spesso, infatti, si rendono opportuni interventi finalizzati a migliorare i sistemi di pianificazione e controllo, i sistemi di reporting e comunicazione e, più in generale, l assetto di governo societario. Del resto, la quotazione accelera investimenti gestionali e organizzativi che aziende con forte vocazione alla crescita dovrebbero comunque affrontare. Condizioni di mercato come quelle attuali lasciano in tal senso spazi temporali maggiori per fare le scelte più oculate e rendono ancor più necessaria la presenza di esperti molto preparati. E per questo motivo che apprezziamo oggi, ancor più che nel passato, l impegno e la professionalità dei nostri Partner Equity Market, come Lovells, che contribuiscono da molti anni allo sviluppo dei mercati finanziari italiani e che sono il primo supporto alle società in via di quotazione. Luca Peyrano Responsabile Europa Continentale, Mercato Primario, Borsa Italiana, London Stock Exchange Group

6 Lovells 2 I requisiti per la quotazione PREMESSA Tradizionalmente, gli strumenti finanziari azionari sono negoziati in Borsa sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana In particolare, il Mercato Telematico Azionario, ovvero definito MTA, è il mercato di quotazione principale delle società operanti in settori tradizionali con una elevata quota di mercato, che presentano un andamento di risultati positivi e un'attività con reali prospettive di sviluppo All'interno del MTA è possibile identificare i seguenti tre diversi segmenti, definiti in base alle dimensioni e ai requisiti specifici soddisfatti dalle società ammesse alla negoziazione: Blue Chip: è il segmento dedicato alle società con capitalizzazione di mercato elevata (superiore a Euro 1 miliardo) STAR (Segmento Titoli ad Alti Requisiti): è il segmento dedicato alle imprese di medie dimensioni con capitalizzazione di mercato non inferiore a Euro 40 milioni, e che si impegnano a rispettare determinati vincoli particolari in tema di liquidità, trasparenza societaria e corporate governance Standard o ordinario: è il segmento residuale dedicato alle imprese che non presentano i requisiti di Blue Chip e STAR La disciplina di riferimento predisposta da Borsa Italiana in tema di regole, procedure di ammissione, obblighi e responsabilità derivanti dall'ammissione alla quotazione in Borsa è contenuta nel Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana e nelle relative Istruzioni I REQUISITI DELL EMITTENTE I REQUISITI DELLE AZIONI I requisiti sotto indicati rappresentano le condizioni che devono sussistere in capo a un emittente che intenda accedere al mercato dei capitali mediante la quotazione delle proprie azioni in Borsa e sono contenuti nel Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana: Libera trasferibilità e negoziabilità Capacità dell'emittente di esercitare, direttamente o attraverso le proprie controllate e in condizioni di autonomia gestionale, un'attività capace di generare ricavi Pubblicazione e deposito da parte dell'emittente dei bilanci, anche consolidati, relativi agli ultimi tre esercizi annuali, sottoposti a revisione contabile, di cui gli ultimi due redatti in conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS Nel caso di emittenti di recente costituzione ovvero risultanti da operazioni straordinarie ovvero che abbiano subito recenti modificazioni sostanziali nella loro struttura patrimoniale è richiesta altresì la predisposizione di appositi dati pro-forma sottoposti a revisione contabile Adozione da parte dell'emittente di un modello adeguato di Corporate Governance, mediante l'adozione di uno statuto sociale adeguato alle disposizioni normative e regolamentari relative alle società con azioni quotate, l'adozione di appositi codici interni in tema di comunicazione al mercato di determinate informazioni rilevanti (codice di internal dealing, codice per le informazioni price sensitive, codice per le operazioni con parti correlate) e l'adozione del modello organizzativo in materia di responsabilità degli enti previsto dal D.Lgs. 231/2001 Ai fini dell'ammissione a quotazione in Borsa delle azioni di un emittente, le azioni dello stesso devono possedere i seguenti requisiti, come previsti dal Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana: Capitalizzazione di mercato pari ad almeno Euro 40 milioni (salvo deroga accordata da Borsa Italiana) Sufficiente diffusione sul mercato con un flottante pari ad almeno il 25% del capitale dell'emittente (salvo deroga accordata da Borsa Italiana) Gestione accentrata presso Monte Titoli in forma dematerializzata I REQUISITI ADDIZIONALI PER LA QUALIFICA DI STAR All'atto della domanda di ammissione, ovvero successivamente alla quotazione, l'emittente può richiedere la qualifica di STAR per le proprie azioni, rispettando le ulteriori condizioni indicate nel Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana tra le quali, inter alia: Sufficiente diffusione sul mercato con un flottante pari ad almeno il 35% per l accesso al segmento (in fase di prima quotazione) e il 20% per la permanenza (requisito verificato periodicamente da Borsa Italiana) Capitalizzazione di mercato non superiore a Euro milioni Pubblicazione dei bilanci, delle relazioni semestrali e trimestrali e dei comunicati sul proprio sito, anche in lingua inglese. La relazione trimestrale deve

7 Lovells 3 essere resa disponibile entro 45 giorni dal termine di ciascun trimestre dell esercizio, salvo che per la seconda o la quarta relazione trimestrale, che possono non essere rese disponibili entro tale termine, qualora rispettivamente la relazione semestrale o il bilancio di esercizio siano resi disponibili entro 60 giorni dalla chiusura rispettivamente del semestre o dell'esercizio di riferimento Adesione da parte dell'emittente ai principi di Corporate Governance esposti nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana (istituendo quindi, inoltre, amministratori indipendenti, comitato per il controllo interno, comitato per la remunerazione) azioni offerte in vendita e azioni offerte in sottoscrizione (OPVS) L offerta si potrà comporre di una offerta pubblica rivolta al pubblico indistinto in Italia e di un collocamento privato rivolto ad investitori qualificati italiani e ad investitori istituzionali esteri, secondo le normative vigenti in materia. Tale collocamento privato potrà essere realizzato con esclusione degli Stati Uniti d'america, ai sensi della Regulation S dello United States Securities Act del 1933, ovvero con inclusione degli Stati Uniti d'america, ai sensi della Rule 144A dello United States Securities Act del 1933 Incentivazione del management mediante sistemi di remunerazione anche variabile che commisurino una parte significativa della remunerazione destinata agli amministratori esecutivi e agli alti dirigenti ai risultati raggiunti Individuazione di un responsabile incaricato di mantenere i rapporti con gli investitori (investor relator) L ammissione delle azioni di un emittente alla quotazione in Borsa può avvenire a seguito di quotazione di una società con un flottante già esistente (c.d. introductions) oppure tramite l'effettuazione di un'offerta pubblica e/o un collocamento privato La sollecitazione al pubblico risparmio può avvenire attraverso una vendita di azioni dell'emittente già esistenti messe a disposizione dagli azionisti dell'emittente (OPV) ovvero attraverso un aumento di capitale deliberato dall'emittente medesimo con emissione di nuove azioni in sottoscrizione (OPS) oppure attraverso una combinazione di

8 Lovells 4 I soggetti coinvolti nel processo di quotazione LE ISTITUZIONI CONSOB: esercita la vigilanza ed il controllo sulle società e sui mercati; è competente per il rilascio del nulla osta alla pubblicazione del Prospetto Informativo funzionale alla quotazione e all offerta Borsa Italiana: gestisce il mercato mobiliare; è competente per il rilascio del provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni della società quotanda Monte Titoli: si occupa della gestione accentrata obbligatoria degli strumenti finanziari I CONSULENTI Sponsor: è l intermediario finanziario obbligatorio, nominato dall emittente, che assiste l emittente nello svolgimento dell intero processo di quotazione e che si fa garante nei confronti del mercato della sussistenza in capo all'emittente dei requisiti per la quotazione; successivamente all ammissione alla quotazione, lo Sponsor, almeno due volte all anno produce ricerche sull emittente ed organizza incontri tra il management dell emittente e gli investitori Specialista: (obbligatorio solo per il segmento STAR) è un intermediario finanziario, nominato dall emittente, che ha il compito di sostenere la liquidità delle azioni sul mercato Global Coordinator: (nella maggior parte dei casi è lo stesso Sponsor) è il soggetto che coordina tutti gli aspetti del processo di quotazione e dell'offerta ed è responsabile della gestione e selezione dei membri del consorzio di collocamento e del coordinamento delle attività dei consorzi durante il periodo dell offerta Responsabile del Collocamento: è responsabile del collocamento delle azioni oggetto dell offerta pubblica, gestisce il consorzio per l offerta pubblica ed è responsabile nei confronti del mercato, unitamente all emittente e agli eventuali azionisti venditori, della veridicità delle informazioni contenute nel Prospetto Informativo Financial Advisor: collabora con l emittente, il Global Coordinator e lo Sponsor in particolare nella realizzazione dello studio di fattibilità, nella selezione degli altri consulenti, nella redazione del Prospetto Informativo e dell Offering Circular e nella preparazione del budget, del business plan e del QMAT Società di revisione: è responsabile per la revisione dei bilanci dell emittente e degli eventuali ulteriori documenti contabili contenuti nel Prospetto Informativo e nell'offering Circular Consulenti legali: sono incaricati rispettivamente dall emittente o dallo Sponsor/Global Coordinator di assistere le parti coinvolte su tutti gli aspetti di natura legale, contrattualistica e normativa del processo di quotazione (due diligence, delibere societarie, adeguamenti statutari, redazione del Prospetto Informativo e dell Offering Circular, adempimenti legali, contratti strumentali all offerta) Società di comunicazione: svolge un ruolo cruciale nella fase di marketing dell offerta e si occupa di curare le relazioni con i media e l immagine dell emittente Consulente per la predisposizione del sistema per il controllo di gestione: si occupa della predisposizione del sistema di controllo di gestione obbligatorio per la società quotanda Consulente fiscale: è incaricato dall emittente dell assistenza su tutti gli aspetti di natura fiscale legati al processo di quotazione Eventuale consulente per la verifica dei dati extracontabili: è responsabile della verifica dei dati extra-contabili da inserire nel Prospetto Informativo e nell Offering Circular qualora tale verifica non sia effettuata dalla società di revisione Eventuale consulente per il roadshow: è incaricato di assistere l'emittente nell organizzazione del roadshow

9 Lovells 5 Le fasi del processo di quotazione FASE PRELIMINARE FASE INIZIALE FASE INTERMEDIA FASE ESECUTIV A Valutazioni preliminari Scelta dei vari consulenti Studio di fattibilità Firma del mandato Kick-off meeting Due Diligence economico-finanziaria, legale e fiscale Preparazione del memorandum sul sistema di controllo di gestione Preparazione e aggiornamento Prospetto Informativo Preparazione documento a supporto della valutazione Delibera del CDA di convocazione dell'assemblea Delibera assemblea aumento capitale e approvazione progetto di quotazione Rilascio dei certificati, delle comfort letters e delle legal opinions Filing in CONSOB e Borsa Italiana Istruttoria CONSOB e Borsa Italiana Approvazione del CDA e dell'assemblea degli ultimi dati finanziari Predisposizione Offering Circular Analyst Presentation Predisposizione e pubblicazione delle ricerche - inizio del black out period Inizio pre-marketing Rilascio provvedimento di ammissione a quotazione da parte di Borsa Italiana Rilascio nulla osta a pubblicazione Prospetto Informativo da parte di CONSOB Pubblicazione Prospetto Informativo e Preliminary Offering Cicular Marketing (incontro con analisti, distribuzione ricerca, roadshow) Bookbuilding (raccolta ordini istituzionali) Firma accordo collocamento e garanzia italiano Offerta Pubblica di Vendita e/o Sottoscrizione Fissazione del prezzo di offerta Firma Institutional Underwriting Agreement e Final Offering Circular Inizio negoziazioni Stabilizzazione Mese 1 Mese 2 Mese 3 TEMPO INDETERMINATO Mese 4 Mese 5 Mese 6 FASE PRELIMINARE La fase preliminare ha inizio con lo svolgimento di una approfondita indagine, che viene effettuata anche attraverso la predisposizione di uno studio di fattibilità e del piano industriale, al fine di valutare la convenienza strategica, economica e finanziaria dell operazione In tale fase preliminare vengono inoltre selezionate le banche e viene scelto il team di consulenti che accompagneranno l'emittente nell'intero processo di quotazione L'individuazione del team di lavoro viene perfezionata attraverso la sottoscrizione dei contratti di mandato stipulati tra l'emittente e i vari consulenti selezionati La fase preliminare ha termine con il kickoff meeting, nel quale vengono pianificate con i consulenti le modalità e i termini di realizzazione dell intero processo di quotazione FASE INIZIALE La fase iniziale inizia con il processo di due diligence finanziaria, legale e fiscale finalizzato ad avere una visione completa della realtà aziendale e accertare il rispetto dei requisiti formali e sostanziali per l accesso alla quotazione da parte dell'emittente L emittente e il team di lavoro composto dai consulenti legali, il consulente fiscale, la società di revisione e lo Sponsor/Responsabile del Collocamento/Global Coordinator redigono il Prospetto Informativo. In questa fase ha inizio anche la predisposizione del memorandum sul sistema di controllo di gestione dell'emittente e vengono preparati i dati finanziari da inserire nel Prospetto Informativo e nell'offering Circular Viene dato altresì avvio alle attività societarie propedeutiche alla quotazione, e, in particolare, viene convocato il consiglio di amministrazione nonché l'assemblea ordinaria e straordinaria dell'emittente chiamata a deliberare, tra l'altro, su materie quali l'approvazione del progetto di quotazione, l approvazione del bilancio, il conferimento dell'incarico alla società di revisione, l aumento del capitale sociale a servizio della quotazione e gli adeguamenti statutari necessari La fase iniziale termina con la presentazione, rispettivamente a Consob e Borsa Italiana, della domanda di autorizzazione alla pubblicazione del Prospetto Informativo e della domanda di ammissione a quotazione, entrambe corredate dalla bozza del Prospetto Informativo e dagli ulteriori documenti previsti dalla normativa regolamentare in materia FASE INTERMEDIA La fase intermedia si svolge nel periodo dell'istruttoria condotta da Consob e Borsa Italiana sulla documentazione prodotta dall'emittente ai fini della richiesta di ammissione a quotazione Se del caso, viene convocato il consiglio di amministrazione e l'assemblea ordinaria dell'emittente chiamata a deliberare in merito all'approvazione degli ultimi dati finanziari L emittente e il team di lavoro composto dai consulenti legali, il consulente fiscale, la società di revisione e lo Sponsor/Responsabile del Collocamento/Global Coordinator redigono l Offering Circular che, una volta terminata la sua stesura, viene presentata a Consob e Borsa Italiana Viene svolta la presentazione dell'emittente agli analisti finanziari (Analyst Presentation) finalizzata alla

10 Lovells 6 successiva predisposizione e pubblicazione da parte degli analisti delle ricerche sull'emittente Ha inizio l'attività di pre-marketing finalizzata alla raccolta di manifestazioni di interesse all'acquisto delle azioni dell'emittente da parte di potenziali investitori La fase intermedia si conclude con il rilascio del provvedimento di ammissione a quotazione da parte di Borsa Italiana e del nulla osta alla pubblicazione del Prospetto Informativo da parte di Consob e con la contestuale pubblicazione del Prospetto Informativo e della Preliminary Offering Circular La fase esecutiva si conclude con l'inizio delle negoziazioni delle azioni dell'emittente e l'attività di stabilizzazione FASE ESECUTIVA Il processo di quotazione si conclude con la fase esecutiva, nella quale viene effettivamente perfezionata e portata a termine l'offerta e, successivamente, le azioni dell'emittente vengono negoziate in Borsa Durante la fase esecutiva vengono sottoscritti i contratti di collocamento e garanzia per l'offerta pubblica e il collocamento privato tra l'emittente, gli eventuali azionisti venditori e il Responsabile del Collocamento/Global Coordinator Ha inizio il periodo di adesione all'offerta pubblica da parte del pubblico indistinto in Italia, della durata massima di due settimane Vengono organizzati incontri, conferenze stampa e il roadshow tra l'emittente e potenziali investitori propedeutici all'inizio del collocamento privato Al termine del periodo di adesione all'offerta pubblica e del collocamento privato si svolge il processo di fissazione del prezzo definitivo di offerta delle azioni (pricing) e la contestuale pubblicazione della Final Offering Circular Le azioni vengono consegnate al pubblico indistinto e agli investitori in base alle richieste pervenute contro pagamento del prezzo

11 Lovells 7 IL MERCATO AIM ITALIA

12 Lovells 8 Prefazione Lo scorso dicembre è entrato in vigore il regolamento di AIM Italia, il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese che vogliono accelerare la propria crescita utilizzando un ambiente studiato appositamente per le loro esigenze: un percorso veloce, semplice e flessibile alla quotazione in Borsa, rispettoso al contempo delle esigenze di tutela degli investitori nazionali e internazionali. E proprio la realizzazione di questo delicato equilibrio fra domanda e offerta di capitali spiega il grande successo globale della formula AIM: oltre 2500 quotazioni in 14 anni di attività, da oltre 40 settori diversi e 40 diverse nazioni. AIM Italia, forte di tale esperienza, ambisce a ricreare le medesime condizioni di successo nel paese dotato del più alto numero di società quotabili in Europa. In tale contesto, è particolarmente apprezzabile lo sforzo dei professionisti che, grazie alla propria reputazione ed esperienza, intendono contribuire allo sviluppo delle imprese di piccole e medie dimensioni, supportandole nell avvicinamento alla quotazione su AIM Italia. Tra questi, ci preme sottolineare l impegno e la professionalità dei nostri Partner Equity Market, come Lovells, che ci accompagnano da molti anni e che sono il primo supporto alle società in via di quotazione. Luca Peyrano Responsabile Europa Continentale, Mercato Primario, Borsa Italiana, London Stock Exchange Group

13 Lovells 9 Il processo di quotazione PREMESSA AIM Italia è il nuovo sistema multilaterale di negoziazione organizzato e gestito da Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese, alle quali si propone di offrire una nuova opportunità in termini di accesso ad un flusso qualificato di investimenti, italiani ed internazionali, in capitale di rischio Il 24 settembre 2008, il Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana ha approvato i regolamenti dell'aim Italia ed in particolare, il Regolamento Emittenti contenente le regole, le procedure di ammissione e le responsabilità' per gli emittenti che intendano accedere all'aim Italia, il Regolamento Nomad contenente i criteri di ammissione, gli obblighi su base continuativa e gli aspetti regolamentari relativi ai Nominated Advisers, ovvero definiti NOMAD e i relativi manuali e allegati. I regolamenti attualmente vigenti sono entrati in vigore il 1 dicembre 2008 La creazione dell'aim Italia trae spunto dall'esperienza di successo rappresentata dal mercato AIM del London Stock Exchange, con gli opportuni adattamenti necessari per rispondere alle caratteristiche della realtà imprenditoriale italiana, e risponde all'esigenza di creare un mercato di quotazione ideale per le piccole e medie imprese, grazie ad una regolamentazione flessibile e ad un processo di quotazione semplificato, mantenendo al contempo adeguati presidi in termini di trasparenza a tutela degli investitori CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL'AIM ITALIA L'AIM Italia è un sistema multilaterale di negoziazione ai sensi della Direttiva MIFID; non è, pertanto, un mercato regolamentato secondo la definizione di cui alla Direttiva MIFID, ma è organizzato e gestito da Borsa Italiana nel rispetto della normativa vigente L'AIM Italia è dedicato principalmente agli strumenti finanziari azionari In quanto mercato non regolamentato ai sensi della Direttiva MIFID, il collocamento degli strumenti finanziari azionari sull'aim Italia ovvero l'ammissione degli stessi non comporta l'obbligo di predisposizione da parte dell'emittente di un prospetto informativo, salvo che ricorrano i presupposti per l'applicazione della Direttiva Prospetto e della relativa normativa nazionale applicabile che ne rendano necessaria la predisposizione in caso di effettuazione di un'offerta al pubblico L'emittente che intenda accedere all'aim Italia è tenuto a nominare e, una volta ammesso, a mantenere in via continuativa un NOMAD, quale soggetto responsabile nei confronti di Borsa Italiana della verifica dell'appropriatezza dell'emittente per l'ammissione all'aim Italia nonché successivamente all'ammissione, quale soggetto che assiste e guida l'emittente nell'adempimento degli obblighi e delle responsabilità regolamentari derivanti dall'ammissione all'aim Italia L'emittente che intenda accedere all'aim Italia è tenuto, inoltre, a nominare in via continuativa un operatore specialista, al fine di garantire l'operatività e la liquidità degli strumenti finanziari azionari ammessi all'aim Italia REQUISITI PER L'AMMISSIONE ALL'AIM ITALIA Ai fini dell'ammissione all'aim Italia non sono previsti requisiti minimi di capitalizzazione e di flottante. Condizioni speciali di ammissione sono previste dal Regolamento Emittenti in caso di ammissione all'aim Italia di emittenti che presentino un business non indipendente e che non ha prodotto ricavi per almeno due anni, ovvero di emittenti qualificabili come investing companies ai sensi del Regolamento Emittenti La domanda di ammissione all'aim Italia deve avere ad oggetto tutti gli strumenti finanziari di una medesima categoria dell'emittente. Gli strumenti finanziari per i quali si richiede l'ammissione all'aim Italia devono essere liberamente negoziabili, sottoposti al regime di forma, legittimazione e circolazione dei titoli dematerializzati e idonei ad essere regolati nelle procedure di liquidazione di Monte Titoli PROCEDURA DI AMMISSIONE ALL'AIM ITALIA Ai fini dell'ammissione all'aim Italia l'emittente è tenuto a presentare a Borsa Italiana, almeno 10 giorni di mercato aperto prima della prevista data di ammissione, la comunicazione di preammissione contenente le informazioni specificate nel Regolamento Emittenti ivi incluse, inter alia, una sintetica descrizione dell'attività dell'emittente, informazioni relative agli azionisti dell'emittente e ai membri degli organi sociali, nonché informazioni relative alle caratteristiche degli strumenti finanziari per i quali si richiede l'ammissione e alla prevista data di ammissione all'aim Italia Almeno 3 giorni di mercato aperto prima della prevista data di ammissione, l'emittente è tenuto, inoltre, a presentare a Borsa Italiana la domanda di ammissione, redatta secondo il modello previsto dal Regolamento Emittenti,

14 Lovells 10 unitamente ai seguenti ulteriori documenti: (i) documento di ammissione; (ii) evidenza del pagamento dei corrispettivi per l'ammissione all'aim Italia; (iii) dichiarazione del NOMAD Il documento di ammissione è redatto secondo il modello previsto dal Regolamento Emittenti ed è strutturato secondo lo schema di prospetto informativo previsto dalla Direttiva Prospetto e dal Regolamento 809/2004/CE, con alcune eccezioni e integrazioni e non è sottoposto ad alcun esame ovvero approvazione da parte di Borsa Italiana. La dichiarazione del NOMAD è redatta secondo il modello previsto dal Regolamento NOMAD e contiene, inter alia, l'attestazione del NOMAD sull'appropriatezza dell'emittente e degli strumenti finanziari per l'ammissione all'aim Italia. Qualora prima della prevista data di ammissione dovessero intervenire modifiche alle informazioni contenute nella comunicazione di pre-ammissione tali, a giudizio di Borsa Italiana, da rendere le informazioni originariamente fornite significativamente differenti, Borsa Italiana può ritardare la prevista data di ammissione di ulteriori 10 giorni di mercato aperto. L'ammissione può essere, inoltre, ritardata da Borsa Italiana in caso di problematiche che possano influenzare l'appropriatezza dell'emittente per l'ammissione all'aim Italia A conclusione della procedura di ammissione, Borsa Italiana stabilisce con apposito avviso la data di decorrenza dell'ammissione all'aim Italia Il documento di ammissione è messo gratuitamente a disposizione del pubblico sul sito web dell'emittente, unitamente agli altri documenti per i quali il Regolamento Emittenti ne richieda la messa a disposizione Il documento di ammissione, al pari degli altri documenti indicati nel Regolamento Emittenti, può essere redatto in lingua italiana o in lingua inglese, secondo la determinazione effettuata dall'emittente al momento dell'ammissione all'aim Italia. Una volta determinata la lingua utilizzata, nessuna modifica alla scelta operata può essere effettuata senza il consenso degli azionisti dell'emittente TRASPARENZA NEI CONFRONTI DEL MERCATO Informativa price sensitive: l'emittente AIM Italia è tenuto a comunicare senza indugio le informazioni privilegiate secondo la definizione e le modalità indicate nel Regolamento Emittenti Informativa sulle operazioni societarie: l'emittente AIM Italia è tenuto a comunicare senza indugio, secondo le modalità indicate nel Regolamento Emittenti, le informazioni riguardanti determinate tipologie di operazioni rilevanti poste in essere dall'emittente quali le operazioni significative, operazioni con parti correlate, reverse take-overs, operazioni che determinino un cambiamento sostanziale dell'attività. Il Regolamento Emittenti individua i parametri e le modalità di calcolo per l'identificazione delle operazioni rilevanti Informativa generale: il Regolamento Emittenti prevede ulteriori obblighi informativi a carattere continuativo in capo all'emittente riguardanti, inter alia, le seguenti informazioni: (i) operazioni sugli strumenti finanziari dell'emittente poste in essere dagli amministratori; (ii) cambiamenti sostanziali dei risultati della propria attività o della situazione finanziaria; (iii) informazioni su azioni proprie eventualmente detenute; (iv) rinuncia, revoca o attribuzione dell'incarico al NOMAD o allo specialista; (v) cambiamenti sostanziali nell'azionariato dell'emittente (superamento della soglia del 3% e successivi incrementi dell'1%); (vi) rilascio da parte della società di revisione di un giudizio con rilievi, di un giudizio negativo, ovvero della dichiarazione di impossibilità di esprimere un giudizio sulle rendicontazioni contabili periodiche Informativa finanziaria: l'emittente AIM Italia deve procedere alla pubblicazione delle relazioni semestrali e dei bilanci annuali, presentati e redatti in conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS. I bilanci annuali devono essere sottoposti a revisione contabile Black out periods: l'emittente AIM Italia, salvo alcune eccezioni, deve assicurarsi che gli amministratori e i dipendenti rilevanti non effettuino operazioni su strumenti finanziari dell'emittente durante i close periods, come definiti nel Regolamento Emittenti; durante i medesimi periodi non può essere effettuato dall'emittente AIM Italia l'acquisto o il rimborso anticipato degli strumenti finanziari detenuti o la vendita di strumenti finanziari detenuti come azioni proprie L'emittente AIM Italia è responsabile per le informazioni comunicate, dovendo assicurare che queste non siano fuorvianti, false o ingannevoli e che non omettano nulla che possa influenzare la rilevanza di tali informazioni Ai fini dell'adempimento degli obblighi di trasparenza nei confronti del mercato, l'emittente AIM Italia è tenuto a dare incarico a uno SDIR (Servizio per la Diffusione Informativa Regolamentata) affinché provveda a effettuare le

15 Lovells 11 comunicazioni al mercato previste dal Regolamento Emittenti, a Borsa Italiana e, in determinate ipotesi, a Consob. Ai fini della diffusione dell'informativa societaria, l'emittente AIM Italia deve mettere a disposizione, a partire dalla data di ammissione, un sito web nel quale rendere disponibili gratuitamente tutte le informazioni allo stesso relative e indicate nel Regolamento Emittenti possa non essere più appropriato per l'aim Italia deve darne comunicazione a Borsa Italiana Il NOMAD deve essere un operatore indipendente rispetto all'emittente AIM Italia che assiste e non deve in alcun modo avere o deve aver cura di evitare la configurabilità di un conflitto di interesse nei confronti dell'emittente AIM Italia IL NOMAD L'emittente che intenda accedere all'aim Italia è tenuto a nominare e a mantenere in via continuativa un NOMAD La nomina del NOMAD viene fatta tra gli operatori iscritti nell'apposito Registro dei NOMAD istituito da Borsa Italiana. La qualifica di NOMAD è attribuita da Borsa Italiana e si basa sui criteri e valutazioni indicate nel Regolamento NOMAD, ivi incluse inter alia la professionalità e la necessaria esperienza dell'operatore per garantire la reputazione e l'integrità del mercato In fase di ammissione dell'emittente all'aim Italia, il NOMAD è responsabile nei confronti di Borsa Italiana di valutare l'appropriatezza dell'emittente che richiede l'ammissione all'aim Italia. Tale valutazione è effettuata dal NOMAD dopo aver condotto una due diligence sull'emittente e si concretizza nella presentazione a Borsa Italiana di una apposita dichiarazione da parte del NOMAD contestualmente alla presentazione della domanda di ammissione da parte dell'emittente Successivamente all'ammissione all'aim Italia, il NOMAD svolge il compito di assistere e guidare l'emittente, per tutta la durata della sua permanenza sul mercato, nell'adempimento degli obblighi e delle responsabilità regolamentari derivanti dall'ammissione all'aim Italia. Nel caso in cui il NOMAD ritenga che l'emittente AIM Italia per il quale opera

16 Lovells LLP and its affiliated businesses have offices in: Alicante Amsterdam Beijing Brussels Budapest* Chicago Dubai Dusseldorf Frankfurt Hamburg Hanoi Ho Chi Minh City Hong Kong London Madrid Milan Moscow Munich New York Paris Prague Rome Shanghai Singapore Tokyo Warsaw Zagreb* Lovells is an international legal practice comprising Lovells LLP and its affiliated businesses. Lovells Studio Legale is an affiliated business of Lovells LLP, a limited liability partnership registered in England and Wales. The word "partner" is used to refer to a member of Lovells LLP, or an employee or consultant with equivalent standing and qualifications, and to a partner, member, employee or consultant in any of the affiliated businesses who has equivalent standing. New York State Notice: Attorney Advertising Copyright Lovells LLP All rights reserved. *Associated offices

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Procedura per l'adempimento degli obblighi di comunicazione al Nomad da parte di Bio-On S.p.A. (la Società ) ai sensi del Regolamento AIM Italia

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Avvocati nella stanza dei bottoni

Avvocati nella stanza dei bottoni Maggio 2007 Avvocati nella stanza dei bottoni L evoluzione del ruolo del General Counsel nelle principali società italiane 2 Avvocati nella stanza dei bottoni spencer stuart Fondata nel 1956, SpencerStuart

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

Guida alla Quotazione su AIM Italia

Guida alla Quotazione su AIM Italia Guida alla Quotazione su AIM Italia Un network globale di PMI e investitori specializzati, al servizio della crescita delle piccole e medie imprese La Guida alla Quotazione su AIM Italia è stata predisposta

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Le principali novità del codice del processo amministrativo

Le principali novità del codice del processo amministrativo Le principali novità del codice del processo amministrativo Ottobre 2010 Indice Introduzione 1 Le principali novità del codice del processo amministrativo 5 La disciplina dei termini processuali 9 Giudizio

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015

ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 BRIEFING ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 Contenuti I. Ambito di applicazione del DTR II. Interventi contemplati dal DTR III. Incrementi di Producibilità

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Istruzioni al Servizio di Gestione Accentrata per Intermediari ed Emittenti

Istruzioni al Servizio di Gestione Accentrata per Intermediari ed Emittenti Monte Titoli Istruzioni al Servizio di Gestione Accentrata per Intermediari ed Emittenti 9 giugno 2014 Controllo Sommario 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 8 1.1 Definizioni... 8 2 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO...

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA relativa ALL'ASSEMBLEA DEI PORTATORI delle obbligazioni attualmente in circolazione denominate

RELAZIONE ILLUSTRATIVA relativa ALL'ASSEMBLEA DEI PORTATORI delle obbligazioni attualmente in circolazione denominate DA NON CONSEGNARE, PUBBLICARE O DISTRIBUIRE AD ALCUN SOGGETTO DOMICILIATO O RESIDENTE IN QUALUNQUE GIURISDIZIONE OVE SIA ILLEGALE DISTRIBUIRE QUESTO DOCUMENTO (PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA AL PARAGRAFO

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli