Project Risk Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Risk Management"

Transcript

1 Echi dal PMI Global Congress EMEA 2007 Different Area of focus Project Risk Management Paolo Rossi, PMP Echi da Budapest, 8 giugno

2 Il Project Risk Management al Congresso Temi del PRM trattati da N 4 presentazioni in varie aree of focus, da differenti prospettive Particolare attenzione ai temi relativi alla parte di risk definition e assessment. Consapevolezza del rischio del project risk management: elevato potenziale ma facile aleatorietà RiskSIG Specific Interest Group (www.risksig.com) presente con un numero significativo di guru, congress speakers e partecipanti ai lavori Echi da Budapest, 8 giugno

3 Il Project Risk Management al Congresso Areas of Focus ADV01 ADV05 PMT01 PMT04 INTERVENTO Back to basics: how to generate value through risk management, Colin Wheeler Understanding risk exposure using multiple hiearchies, David Wilson Incorporating risks in schedule development. You have the tools, can you get the info?, Kostantinos Kirytopoulos How to link the qualitative and quantitative risk assessment, Paolo Rossi Echi da Budapest, 8 giugno

4 PMT04 How to link the qualitative and quantitative risk assessment Elementi chiave La fase di qualitative assessment può diventare, se adeguatamente strutturata, un elemento chiave dell intero processo di risk management. Una precisa caratterizzazione degli intervalli di probabilità e di impatto per le diverse aree può ridurre notevolmente l instrinseca soggettività della valutazione qualitativa. L introduzione di un sistema di scoring consente utili approfondimenti all analisi del rischio di progetto e indicazioni su gli step successivi. Echi da Budapest, 8 giugno

5 Qualitative assessment limits Subjective evaluation of P,I intervals Clear indication of overall project risk level exposure Risks ranking & prioritization Risk level ranking by categories and impact areas Risk level monitoring vs time Echi da Budapest, 8 giugno

6 Project qualitative risk exposure through PxI matrix The qualitative PxI matrix is a powerful representation of the project risk exposure but constrained by some limits: For each risk factor the same probability of impact is assigned for different areas. Only the highest impact value is represented in the matrix. The alternative would be to depict in the PxI matrix not the single risk factor but each of its potential impact Echi da Budapest, 8 giugno

7 Qualitative assessment areas of improvement Clear definition of scale intervals for: Probability values Impact effects for each different project objectives Score system definition to quantify the qualitative assessment through a numerical index Echi da Budapest, 8 giugno

8 To guide the impact assessment a legend has been created for each impact area Risk impact areas Impact level* People Multiple fatalities Permanent Total Disability / Single fatality Major health effect / injury Minor health effect / injury Slight health effect / injury Environmen t Extensive damage Major effect Localised effect Minor effect Slight effect Costs Quality Schedule Budget increase >15% Budget increase >7% Budget increase 0-7 % Can be managed within contingency Slight effect Project Objectives Project product unusable Quality reduction unacceptable to the client Quality reduction requires client approval Only very demanding applications are affected Quality degradation barely noticeable Overall project slippage > 6 months Overall project slippage 3-6 months Overall project slippage 0-3 months Can be managed within contingency Insignificant schedule slippage Commercial / Business loss IRR reduction >20% IRR reduction 10-20% IRR reduction 5-10 % IRR reduction < 5% Insignificant business loss Corporate Reputation Corporate Image International impact National impact Local impact Minor impact Slight impact Relationshi p with 3rd parties Company breakdown of relation with influential stakeholders Project breakdown of relation with influential stakeholders Dispute with international stakeholders Company breakdown of relation with non influential stakeholders Dispute with non influential stakeholders Echi da Budapest, 8 giugno

9 To guide the probability assessment a legend has been created for each probability level 1 Identify and categorise 2 3 Identify impact area Evaluate risk level 4 5 Select the proper control strategy Define the action plan 6 Risk Control Probability E D C B A HSE 10-1 P 10-3 P< P< P<10-4 0<P<10-6 Other Obj P< P< P< P< <P<0.10 Impact Rating Qualitative risk matrix A Low Probability: A = Lower E= higher Probability Rating B C D E High Medium Impact: 1 = Lower 5 = Higher (*): different levels will be used for risk factors impacting Health, Safety & Environment areas Echi da Budapest, 8 giugno

10 A scoring system has been defined to quantify the qualitative assessment. 5 0,90 4 0,70 High Impact Rating 3 2 0,3 0,15 Low Medium To each P, I scale evaluation a score is assigned as illustrated in the figure. 1 0,01 0,05 0,2 0,4 0,65 0,95 A B C D E Probability Rating Echi da Budapest, 8 giugno

11 For each risk the scored assessments may be drawn on a similar matrix with P & I values RISKS IMPACT AREAS FOR PROJECT / WP RISK IMPACT AREAS WP (1) PEOPLE ENVIRONMENT P.O. COST P.O. QUALITY P.O. SCHEDULE P.O. COMMERCIAL / BUSINESS LOSS C.R. CORPORATE IMAGE C.R. RELATION WITH 3rd PARTY RISK LEVEL PER STAKEHOLDER RISK CATEGORY ALL RISKS OF VARIOUS RISK CATEGORIES IMPACTINGWP (1) Risk K Risk Risk i... Risk j RISK LEVEL PER IMPACT AREAS P ke P e P iee P e P e I ke I kd I kh I kq I kr I kx I ku I ks I e I iee I e I e P kd P kh P kq P kr P kx P ku P kx P ih P j I ih I j? IKH PKH Each cell may be subdivided in two parts: one represents the probability P kh of the risk k on impact area h, and the other I kh represents the risk k impact on area h RISK LEVEL (1) WP identification P kh =Probability risk k on area h Ikh=Impact risk k on area h Echi da Budapest, 8 giugno

12 The PxI score figures of the previous table can be summed by risk (k) or impact area (h) Risk K = h (P kh x I kh ), sum extended to all impacted areas. Impact Area H = k (P kh x I kh ), sum extended to all risk impacting area h Echi da Budapest, 8 giugno

13 Project risk exposure level may be represented by category or impact area Echi da Budapest, 8 giugno

14 Risk index may be used to track overall risk exposure vs time and to assess control strategies adoption RISK LEVEL Do nothing With a Risk Action Plan TIME Echi da Budapest, 8 giugno

15 Scoring qualitative assessment advantages The use of a qualitative approach with the scoring system allows the following analysis features: Risk & Impact area ranking Project / Workpackages ranking Risk categories ranking & prioritization Calculation of an overall risk level and its monitoring vs time Control strategies effect evaluation Echi da Budapest, 8 giugno

16 Case History - Risk register Echi da Budapest, 8 giugno

17 Quantitative schedule risk analysis reference frame Schedule activities IDENTIFIED risks (from qualitative assessment) NEW risks R 1 R 2 R 3 R n p 1 p 2 p 3 p n Activity 1 Ia 1 Ia 1 Activity 2 Ia 2 Activity 3 Ia 3 Activity 4 Ia 4 Activity n Ia n Each risk may impact (differently) more activities. Each activity may be impacted (differently) by different risks (having different probability of occurrence). Echi da Budapest, 8 giugno

18 Case History - Quantitative schedule risk analysis X <=4/ 10/ % 1 Project First Oil FINISH date X <=5/ 24/ % Distribution for ABO EXTENSION FIRST OIL/Finish Mean=5/7/ /4/2008 probability 0,8 0,6 0,4 M ean=5/7/ /2/2008 5/9/2008 6/15/2008 7/22/2008 8/28/ /4/ % 40% 10% > 5/3/2008 6/8/2008 0,2 Finish dates March Probability /2/08 6/8/08 8/14/08 10/20/08 dates April 44,3 May 85 Echi da Budapest, 8 giugno

19 Risk Management process output Risk Management process give input to other PM planning processes: Project budgeting Project schedule development Project procurement planning Contractual strategies Terms & conditions Echi da Budapest, 8 giugno

20 ADV01 - Understanding risk exposure using multiple hierarchies Elementi chiave Solitamente la fase di identificazione dei rischi produce liste che possono essere difficili da gestire e analizzare. La categorizzazione di questi rischi può invece fornire preziosi elementi per guidare la successiva fase di analisi e risposta ai rischi identificati. A questo proposito possono essere utilizzate le diverse strutture di progetto che già vengono definite per supportare i processi di project management. Echi da Budapest, 8 giugno

21 ADV01 - Understanding risk exposure using multiple hierarchies Standard Project Structure 1 WBS 2 OBS 3 CBS 4 RBS 5 RiBS Mappare i rischi verso la WBS indica quali parti dello scopo del progetto presentano una maggiore esposizione al rischio. Categorizzare i rischi usando la OBS mostra il livello di rischio in relazione alle aree di responsabilità e può essere usato per definire gli appropriati risk owners. Mappare i rischi sulla struttura dei costi indica quali elementi di costo sono più incerti, suggerendo dove porre eventuali contingency. Indica quali sono le principali sorgenti di rischio per il progetto, aiutando la definizione di azioni di mitigation. Indica quali aree di impatto sono maggiormente esposte ai rischi, supportando la definizione di azioni di mitigation. Echi da Budapest, 8 giugno

22 ADV01 - Understanding risk exposure using multiple hierarchies Cross-structures mapping 1 RBS x WBS Rivelaquali tipi di rischi (Risk Breakdown Structure) impattano quali parti dello scopo del lavoro (Work Breakdown Structure) del progetto. 2 RBS x RiBS Indica i legami di causa-effetto per i rischi più significativi che impattano il progetto, particolarmente utile per supportare la definizione delle azioni di contenimento, sia in fase preventiva (agendo sulle cause) che correttiva (agendo sugli impatti). 3 RiBS x CBS Combinazione che identifica quali aree di impatto possono determinare un maggiore effetto sul budget. Ma il costo può essere sua volta un area di impatto, forse sarebbe più utile proporre una matrice RBS/RiBS vs OBS per determinare una corretta allocazione delle responsabilità. Echi da Budapest, 8 giugno

23 PMT01 - Incorporating risks in schedule development. You have the tools, can you get the info? Elementi chiave Attenzione su stima durata delle attività in caso di approccio probabilistico: distinzione tra rischi intrinsechi e rischi discreti. Utilizzo Knowledge Repository per tenere separatamente traccia dell impatto dei rischi intrinsechi e dei rischi discreti in base alle informazioni contenute nel risk register. Rischi modellati attraverso best fit cuves, in base ai dati contenuti nel repository. Cenno difficoltà stima durate pessimistiche Echi da Budapest, 8 giugno

24 ADV01 Back to basics: how to generate value through risk management Elementi chiave Solitamente i PM faticano ad ottenere l adeguato supporto per gestire efficacemente i rischi di progetto. Un modo per ottenere questo supporto è comunicare il valore del Risk Management attraverso un linguaggio molto conosciuto, cioè dimostrarne l impatto su il Ritorno degli investimenti (ROI). Elementare descrizione del processo di gestione dei rischi: dall identificazione alla definizione delle strategie di mitigation. Esempi di curve di analisi di rischio quantitative. Echi da Budapest, 8 giugno

25 Echi dal PMI Global Congress EMEA 2007 PROJECT RISK MANAGEMENT Conclusioni Tutti gli interventi erano sostanzialmente rivolti all approfondimento delle fasi di analisi per la consapevolezza del rischio di perdere il valore generato dalla fase di identificazione. Utilizzare il valore del processo di risk management implica però la disponibilità ad una sua attenta definizione e cura, in termini di: caratterizzazione, strutturazione, analisi e gestione di repository aziendali. Il mercato offre tool per la verifica dell impatto dei rischi su aree particolarmente sensibili del progetto: schedula, budget, indicatori di redditività. Echi da Budapest, 8 giugno

26 Contact Information Paolo Rossi, PMP Echi da Budapest, 8 giugno

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

Earned Value la ricerca del Graal

Earned Value la ricerca del Graal Earned Value la ricerca del Graal Dott. Paolo La Rocca PMP October 26 th, 2012 Prof. Alberto Bettanti 1 Introduzione Questa presentazione non è un corso introduttivo al Project Management. Ci concentreremo

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

Gestione delle risorse umane di progetto

Gestione delle risorse umane di progetto Gestione delle risorse umane di progetto Alessandro Pigna, PMP Dalla Guida al PMBOK 2000 Edizione 2000 9.1 Organizational Planning 9.2 Staff Acquisition 9.3 Team Development Terza edizione 9.1 Pianificazione

Dettagli

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011 Project Management e Business Analysis: the dynamic duo Firenze, 25 Maggio 2011 Grazie! Firenze, 25 Maggio 2011 Ing. Michele Maritato, MBA, PMP, CBAP 2 E un grazie particolare a www.sanmarcoinformatica.it

Dettagli

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato I fattori condizionanti il progetto Tempo Norme Progetto Costi Tecnologie Alcune definizioni.. Programma Gruppo di progetti gestiti in modo coordinato per ottenere benefici non ottenibili in caso di gestione

Dettagli

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami Echi da Amsterdam Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009 Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile Relatore: Bruna Bergami PMI NIC - Tutti i diritti riservati Milano, 19 Giugno

Dettagli

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma No Risk, No Gain Evento sul Project Risk Management Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma Organizzato con Eureka Service Sponsor dell evento The

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

CUSTOMER EXPERIENCE JOURNEY

CUSTOMER EXPERIENCE JOURNEY CUSTOMER EXPERIENCE JOURNEY I 5 anni di Piero nella Terra dell Experience Milano, 16 aprile 2014 Documento Riservato da non divulgare CUSTOMER EXPERIENCE MANAGEMENT Il CUSTOMER EXPERIENCE MANAGEMENT si

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

FINALITA DEL PROGRAMMA DI COACHING

FINALITA DEL PROGRAMMA DI COACHING MANAGERS DEVELOPMENT ACTIONS Consulman PL On the job training for Managers Personal coaching for managers Focused workshop business game (based on focused scope) Plant assessment business game (based on

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management Software Project Management Software Project Planning The overall goal of project planning is to establish a pragmatic strategy for controlling, tracking, and monitoring a complex technical project. Why?

Dettagli

Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it

Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it L effetto della gestione del rischio Resources Opportunity to Add Value Curve Cost of Modifying Curve Conception Planning Execution

Dettagli

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Firenze, 6 marzo 2013 Consiglio Regionale della Toscana Evento organizzato dal Branch Toscana-Umbria del PMI NIC Walter Ginevri, PMP, PgMP, PMI-ACP

Dettagli

Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008

Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Gli standard di PMI Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Maria Cristina Barbero, PMP Vice Presidente Tesoriere PMI Northern Italy Chapter Contenuti

Dettagli

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione Fiona Healy 29 September 2011 Det Norske Veritas DNV è una fondazione internazionale indipendente che dal 1864 opera per la salvaguardia

Dettagli

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Giornata di studio Applicazione del Quality by Design (QbD) ai processi farmaceutici 22 Aprile 2013 Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Paolo Mazzoni Agenda Cosa è il Quality

Dettagli

XX Congresso Nazionale GIQAR

XX Congresso Nazionale GIQAR XX Congresso Nazionale GIQAR Il QA come elemento funzionale di mitigazione del rischio nel Project Management: un esperienza a supporto Luca Angerame Roma, 26 Maggio 2011 Quality Management Project Management

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012 Testi del Syllabus Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Sistema Gestione dei Rischi

Sistema Gestione dei Rischi Sistema Gestione dei Rischi Applicazioni in Farmacovigilanza Annamaria Paparella Quality Assurance Manager General Management Takeda Italia Farmaceutici S.p.A Congresso GIQAR 4-5 Giugno 2009 Rischio e

Dettagli

Certificazioni di Project Management a confronto. a cura di Tiziano Villa, PMP marzo 2006

Certificazioni di Project Management a confronto. a cura di Tiziano Villa, PMP marzo 2006 Certificazioni di Project Management a confronto a cura di Tiziano Villa, PMP marzo 2006 Indice del documento 1 Le Organizzazioni internazionali di Project Management pag. 2 2 Gli Standard internazionali

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills Echi dal PMI Global Congress Europe 2004 Area of focus SWT Software and Technical Skills Maria Antonietta Cervini Senior Clinical Planner Nerviano Medical Science Nerviano (Milano) Italy 21 May 2004 1

Dettagli

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca Creating Your Future PROJECT MANAGEMENT IN BANCA La governance dell innovazione in banca 1 Ambito di applicazione 2 Attività formativa 3 Competenze 4 Project Management Framework 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Program & Portfolio Management Standard, Second edition 2008

Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Program & Portfolio Management Standard, Second edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Program & Portfolio Management Standard, Second edition 2008 Tiziano Villa, PMP CMC - partner The Project Management

Dettagli

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Pillole l di Project Management Lunedì 21 febbraio c/o Relais Santa Croce Via Ghibellina, 87 a Firenze Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Dott. Ing. Luigi De Laura

Dettagli

I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012

I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012 I nuovi standard PMI Milano, 25 gennaio 2013 PMI Project Management Standard, PMBOK Fifth Edition 2012 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner, ITIL V3 Foundation Indice PMI - A Guide to the Project

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008)

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008) Paolo Mazzoni 2013. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2013". Non sono ammesse

Dettagli

PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT

PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT L' della in collaborazione con l Associazione Ingegneri della e KWANTIS organizza il seguente CORSO DI AGGIORNAMENTO: PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT MODULO UNICO DI 24 ORE 21-28 Ottobre 2015 e 3 Novembre

Dettagli

PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008

PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner - Responsabile Area

Dettagli

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 Il PMO come soluzione di business Linee guida per la realizzazione e il miglioramento continuo di un PMO aziendale REALIZZARE IL PMO Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 PMI-NIC -

Dettagli

Una veloce e sintetica introduzione al Project Management

Una veloce e sintetica introduzione al Project Management Una veloce e sintetica introduzione al Project Management Massimiliano M. Schiraldi Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Facoltà di Ingegneria schiraldi@uniroma2.it Contenuto della presentazione Panoramica

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Certificazione AGILE PMI-ACP 2013-04. Cosa è e come affrontarla Vito Madaio, PMP

Certificazione AGILE PMI-ACP 2013-04. Cosa è e come affrontarla Vito Madaio, PMP Certificazione AGILE PMI-ACP 2013-04 Cosa è e come affrontarla Vito Madaio, PMP Certificazione PMI-ACP Gartner stima che nel 2013, più dell 80% dello sviluppo software sarà affrontato con le metodologie

Dettagli

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO DI UNA SGR IMMOBILIARE THE INVESTMENT PROCESS OF AN ASSET MANAGEMENT COMPANY

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO DI UNA SGR IMMOBILIARE THE INVESTMENT PROCESS OF AN ASSET MANAGEMENT COMPANY Maria Giuditta Losa MRICS, Responsabile Funzione Valutazioni Serenissima SGR S.p.A. Milano, 11 Aprile 2014, Camera di Commercio Gli Impatti degli effetti della riforma catastale sulla valorizzazione di

Dettagli

La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000

La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000 Risk Management and Business Continuity: gli strumenti a disposizione La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000 Antonio Moschitta Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Elettronica

Dettagli

Risk Analysis & Risk Management. Prof. Ing. Claudio Cilli, CIA, CISA, CISSP, CISM c.cilli@isacaroma.it

Risk Analysis & Risk Management. Prof. Ing. Claudio Cilli, CIA, CISA, CISSP, CISM c.cilli@isacaroma.it Risk Analysis & Risk Management Prof. Ing. Claudio Cilli, CIA, CISA, CISSP, CISM c.cilli@isacaroma.it Risk Analyisis: Il problema Perdita di riservatezza Perdita di fiducia Perdita di disponibilità Perdita

Dettagli

Metodologie, standard e best-practice di Project Risk Management. Cinzia Pellegrino, PMP, MBA Rovereto, 19 Settembre 2014

Metodologie, standard e best-practice di Project Risk Management. Cinzia Pellegrino, PMP, MBA Rovereto, 19 Settembre 2014 Metodologie, standard e best-practice di Project Risk Management Cinzia Pellegrino, PMP, MBA Rovereto, 19 Settembre 2014 Agenda Definire il Rischio Processi di Project Management Processi di Risk Management

Dettagli

Stima dell'effort. IT Project Management. Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga. Monitoring del progetto (Earned Value)

Stima dell'effort. IT Project Management. Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga. Monitoring del progetto (Earned Value) IT Project Management Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance Il controllo di progetto come strumento di IT Governance ing. Giorgio Beghini 20 febbraio 2003 - Vicenza OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax:049-88

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Master Universitario di primo livello per le funzioni di coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario di primo livello per le funzioni di coordinamento delle Professioni Sanitarie DISPENSA 1/2 Master Universitario di primo livello per le funzioni di coordinamento delle Professioni Sanitarie TITOLO: RISK MANAGEMENT - La gestione del rischio in sanità 1. Il processo di gestione del

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa Cosa fa IBM Cognos Scorecards & Dashboards Reports Real Time Monitoring Supporto? Decisionale Come stiamo andando? Percezione Immediate immediata

Dettagli

AGENDA SECTION n. 5b. 1. La gestione dell ambito di progetto. a. PSM si focalizza su. b. Pianificare la gestione dell ambito

AGENDA SECTION n. 5b. 1. La gestione dell ambito di progetto. a. PSM si focalizza su. b. Pianificare la gestione dell ambito AGENDA SECTION n. 5b 1. La gestione dell ambito di progetto a. PSM si focalizza su b. Pianificare la gestione dell ambito c. Piano di gestione dell ambito d. Piano di gestione dei requisiti e. Raccogliere

Dettagli

Creare Valore con il Supply Chain Management. Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo roberto.pinto@unibg.

Creare Valore con il Supply Chain Management. Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo roberto.pinto@unibg. Creare Valore con il Supply Chain Management Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo roberto.pinto@unibg.it Caccia al logo No endorsement 2 Caccia al logo https://www.airbnb.it/

Dettagli

Creare Valore con il Supply Chain Management Bologna, 26 se:embre 2013. Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo

Creare Valore con il Supply Chain Management Bologna, 26 se:embre 2013. Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo Creare Valore con il Supply Chain Management Bologna, 26 se:embre 2013 Roberto Pinto CELS Dip. di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo Caccia al logo No endorsement is granted 2 Caccia al logo

Dettagli

Sistemi di misurazione delle performance

Sistemi di misurazione delle performance Sistemi di misurazione delle performance 1 Agenda Cos è la misurazione delle performance e a cosa serve? Tipi di indicatori Outcome Requisiti minimi Come gestire la performance. 2 Che cos e la misurazione

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

Use Case 3 (Scenario2) Survey Results: Early Users Feedback winter 2013

Use Case 3 (Scenario2) Survey Results: Early Users Feedback winter 2013 Use Case 3 (Scenario2) Survey Results: Early Users Feedback winter 2013 Introduction The survey is part of the Early users feedback task, in the Phase II Idea refinement of the Trento Use Case 3 - Scenario3

Dettagli

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia Il caso Keyline Gianni Pelizzo Espedia Agenda Presentazione azienda cliente: Think Different @ Keyline Obiettivi del progetto e strumento utilizzato Overview SAP PPM Il caso aziendale: demo a sistema Prossimi

Dettagli

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Making the traveller s day better Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Milano, 2 Luglio 204 Group Enterprise Risk Management Contenuto del

Dettagli

COMUNITA TERAPEUTICA IL FARO

COMUNITA TERAPEUTICA IL FARO COMUNITA TERAPEUTICA IL FARO Ristrutturazione per danni provocati dal sisma e adeguamento nuove normative Presentazione al 31.10.2010 STATO DI FATTO PRIMA DEL SISMA DI APRILE 2009 CRITICITA CRITICITA Spazi

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015

certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015 Corso di Project Management + Corso di preparazione al conseguimento della certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015 Che cos è il PMP PMP (Project Management

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Severino Meregalli Head MIS Unit SDA Bocconi. SDA Bocconi - Severino Meregalli 1

Severino Meregalli Head MIS Unit SDA Bocconi. SDA Bocconi - Severino Meregalli 1 L adozione dei framework di IS Governance nella prospettiva del valore dei Sistemi Informativi: Il ruolo di COBIT SDA Bocconi AIEA Milano - ICT Ticino Manno, 27 Gennaio 2010 Severino Meregalli Head MIS

Dettagli

Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione

Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione Perché siamo qui? È un occasione per riflettere sullo stato della nostra professione La terza edizione del PMBOK Fotografia dello stato dell arte (260 fotografi + 11) La versione italiana diventa un valido

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

SCHEMI DI FINANZIAMENTO E REGOLE DI PARTECIPAZIONE. Serena Borgna - APRE BIO NMP - ERC National Contact Point borgna@apre.it Venezia, 17.02.

SCHEMI DI FINANZIAMENTO E REGOLE DI PARTECIPAZIONE. Serena Borgna - APRE BIO NMP - ERC National Contact Point borgna@apre.it Venezia, 17.02. SCHEMI DI FINANZIAMENTO E REGOLE DI PARTECIPAZIONE Serena Borgna - APRE BIO NMP - ERC National Contact Point borgna@apre.it Venezia, 17.02.2014 Participant Portal http://ec.europa.eu/research/pa rticipants/portal/desktop/en/ho

Dettagli

How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins)

How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins) How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins) V. Juliette Cortes1, Simone Sterlacchini2, Thom Bogaard3, Simone Frigerio1,

Dettagli

Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale

Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale Business Continuity Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale A cura di: Alfredo Bertini Governance, Quality & Safety Manager Direzione Legal, Governance & Compliance Agenda: Roche Italy

Dettagli

LEEDer in Ecosustainability

LEEDer in Ecosustainability LEEDer in Ecosustainability Da oggi le cucine Ernestomeda sono conformi al rating system LEED, una certificazione internazionale che valuta e attesta la sostenibilità nell edilizia. Ernestomeda kitchens

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

Creating Your Future. Linee guida

Creating Your Future. Linee guida Creating Your Future IL CICLO DEL PERFORMANCE MANAGEMENT Un approccio sistematico Linee guida Il focus si sta spostando dal personale inteso come un costo al personale come fonte di valore 35% 30% 25%

Dettagli

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano Project Management - Pianificazione e Progettazione Niccolò Cusumano Che cos è un PROGETTO? Attività con un inizio e una fine Costituito da un insieme di attività correlate Svolto da un gruppo di persone

Dettagli

DESIGN IS OUR PASSION

DESIGN IS OUR PASSION DESIGN IS OUR PASSION Creative agency Newsletter 2014 NOVITA' WEB MANAGEMENT NEWS BUSINESS BREAKFAST Live the SITE experience with us! From September 2014 Carrara Communication has introduced to their

Dettagli

Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001

Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001 Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001 Cesare Gallotti Milano, 14 marzo 2011 Agenda Presentazione

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi 17/07/2012 1 Dott.ssa Francesca Leonardi RSPP-RSGSSL Istituti Clinici Zucchi. ORGANISMO AZIENDA SANITARIA : COGENZA

Dettagli

Workshop F - INNOVAZIONE - ECO-DESIGN - IMPRESE. Alessandro Santini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali. alessandro.santini3@unibo.

Workshop F - INNOVAZIONE - ECO-DESIGN - IMPRESE. Alessandro Santini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali. alessandro.santini3@unibo. Workshop F - INNOVAZIONE - ECO-DESIGN - IMPRESE Ecodesign, integrare economia ed ecologia nel ciclo di vita dei prodotti Alessandro Santini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 Skytechnology srl Skytechnology è una società di ingegneria,

Dettagli

Project Management & Innovazione

Project Management & Innovazione Project Management & Innovazione Milano, 24 ottobre 2006 Antonio Bassi, PMP antonio.bassi@pmi-nic.org www.pmi-nic.org Agenda Il progetto La ricerca L evoluzione Il libro e poi Ambito e missione del progetto

Dettagli

ITIL & Project Management Quali relazioni?

ITIL & Project Management Quali relazioni? ITIL & Project Management Quali relazioni? ing. Andrea Praitano Via Vallombrosa 47/a 00135 Roma Tel. 06.33 71 14 61 Fax. 06. 33 66 09 87 www.isipm.org email info@isipm.org Agenda Progetto vs Servizio;

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

Andare SOA Fra imperativo e realtà. Egidio Astesiano DISI Università di Genova

Andare SOA Fra imperativo e realtà. Egidio Astesiano DISI Università di Genova Andare SOA Fra imperativo e realtà Egidio Astesiano DISI Università di Genova L Imperativo SOA e l impresa secondo Gartner 2004 Mostra AICA per fili e per segni Andrea di Maio - Vicepresident,Gartner Europe

Dettagli

Università Ca Foscari di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Laboratorio di Informatica Applicata

Università Ca Foscari di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Laboratorio di Informatica Applicata Università Ca Foscari di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione alla Business Intelligence Marco Salvato Marzo 2003 Relatore Marco Salvato Senior manager

Dettagli

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA (COMPUTER ANALYSIS POSTURE BED AND SITTING) FT. Costante Emaldi FT. Rita Raccagni Will you care for me in my old age? SISTEMA a rilevazione di pressione

Dettagli