DI AZIONI ITALIA INDEPENDENT GROUP S.P.A. Nominated Adviser e Specialista Equita SIM S.p.A. Joint Global Coordinators

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DI AZIONI ITALIA INDEPENDENT GROUP S.P.A. Nominated Adviser e Specialista Equita SIM S.p.A. Joint Global Coordinators"

Transcript

1 DOCUMENTO DI AMMISSIONE relativo alla AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI SU AIM ITALIA / MERCATO ALTERNATIVO DEL CAPITALE, SISTEMA MULTILATERALE DI NEGOZIAZIONE ORGANIZZATO E GESTITO DA BORSA ITALIANA S.P.A., DI AZIONI ITALIA INDEPENDENT GROUP S.P.A. Nominated Adviser e Specialista Equita SIM S.p.A. Joint Global Coordinators Equita SIM S.p.A. Banca IMI S.p.A. Financial Adviser Methorios Capital S.p.A. Il presente Documento di Ammissione è stato redatto in conformità al Regolamento Emittenti AIM ai fini dell ammissione alle negoziazioni su AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale ( AIM Italia ) delle azioni ordinarie di Italia Independent Group S.p.A., e non costituisce un prospetto ai sensi del Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, come successivamente modificato ed integrato ( Testo Unico della Finanza ) e del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999, come successivamente modificato ed integrato ( Regolamento ). Borsa Italiana S.p.A. ha emesso il provvedimento di ammissione alle negoziazioni su AIM Italia il 26 giugno Si prevede che la data di inizio delle negoziazioni delle azioni dell Emittente sia il 28 giugno Le azioni della Società non sono negoziate in alcun mercato regolamentato o non regolamentato italiano o estero e la Società non ha presentato domanda di ammissione delle azioni in altri mercati (fatta eccezione per AIM Italia). AIM Italia è un sistema multilaterale di negoziazione dedicato primariamente alle piccole e medie imprese e alle società ad alto potenziale di crescita alle quali è tipicamente collegato un livello di rischio superiore rispetto agli emittenti di maggiori dimensioni o con business consolidati. L investitore deve essere consapevole dei rischi derivanti dall investimento in questa tipologia di emittenti e deve decidere se investire soltanto dopo attenta valutazione. Al fine di effettuare un corretto apprezzamento degli strumenti finanziari oggetto del Documento di Ammissione, è necessario esaminare con attenzione tutte le informazioni contenute nel presente documento, ivi incluso il Capitolo 4 Fattori di Rischio. Consob e Borsa Italiana S.p.A. non hanno esaminato né approvato il contenuto di questo documento. 1

2 Né il presente Documento di Ammissione né l operazione descritta nel presente documento costituisce un offerta al pubblico di strumenti finanziari né un ammissione di strumenti finanziari in un mercato regolamentato così come definiti dal Testo Unico della Finanza e dal Regolamento Pertanto non si rende necessaria la redazione di un prospetto secondo gli schemi previsti dal Regolamento Comunitario 809/2004/CE. La pubblicazione del presente documento non deve essere autorizzata dalla Consob ai sensi della Direttiva Comunitaria n. 2003/71/CE ( Direttiva Prospetto ) o di qualsiasi altra norma o regolamento disciplinante la redazione e la pubblicazione dei prospetti informativi (ivi inclusi gli articoli 94 e 113 del Testo Unico della Finanza). Le Nuove Azioni rivenienti dall Aumento di Capitale e le Azioni in Vendita sono state offerte ad investitori qualificati in Italia ed istituzionali all estero in prossimità dell ammissione alle negoziazioni su AIM Italia, ai sensi e per gli effetti dell art. 6 della Parte II ( Linee Guida ) del Regolamento Emittenti AIM, nell ambito di un collocamento riservato, rientrante nei casi di inapplicabilità delle disposizioni in materia di offerta al pubblico di strumenti finanziari previsti dall art. 100 del Testo Unico della Finanza e dall art. 34-ter del Regolamento e quindi senza offerta al pubblico delle Nuove Azioni e delle Azioni in Vendita (il Collocamento Istituzionale ). Il presente Documento di Ammissione non potrà essere diffuso, né direttamente né indirettamente, in giurisdizioni diverse dall Italia e, in particolare, in Australia, Canada, Giappone e Stati Uniti o in qualsiasi altro paese nel quale l offerta dei titoli citati nel presente Documento di Ammissione non sia consentita in assenza di specifiche autorizzazioni da parte delle autorità competenti e/o comunicato ad investitori residenti in tali paesi, fatte salve eventuali esenzioni previste dalle leggi applicabili. La pubblicazione e la distribuzione del presente Documento di Ammissione in altre giurisdizioni potrebbero essere soggette a restrizioni di legge o regolamentari. Ogni soggetto che entri in possesso del presente Documento di Ammissione dovrà preventivamente verificare l esistenza di tali normative e restrizioni ed osservare tali restrizioni. Le Azioni non sono state e non saranno registrate ai sensi dello United States Securities Act of 1933 e sue successive modifiche, o presso qualsiasi autorità di regolamentazione finanziaria di uno stato degli Stati Uniti o in base alla normativa in materia di strumenti finanziari in vigore in Australia, Canada o Giappone. Le Azioni non potranno essere offerte, vendute o comunque trasferite, direttamente o indirettamente, in Australia, Canada, Giappone e Stati Uniti né potranno essere offerte, vendute o comunque trasferite, direttamente o indirettamente, per conto o a beneficio di cittadini o soggetti residenti in Australia, Canada, Giappone o Stati Uniti, fatto salvo il caso in cui la Società si avvalga, a sua discrezione, di eventuali esenzioni previste dalle normative ivi applicabili. La violazione di tali restrizioni potrebbe costituire una violazione della normativa applicabile in materia di strumenti finanziari nella giurisdizione di competenza. La Società dichiara che utilizzerà la lingua italiana per tutti i documenti messi a disposizione degli azionisti e per qualsiasi altra informazione prevista dal Regolamento Emittenti AIM. 2

3 INDICE DEFINIZIONI E GLOSSARIO... 7 DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO ALTRE INFORMAZIONI CALENDARIO DELL OPERAZIONE PRINCIPALI INFORMAZIONI SUL CAPITALE SOCIALE DELL EMITTENTE SEZIONE PRIMA INFORMAZIONI RELATIVE ALLE PERSONE RESPONSABILI DEL DOCUMENTO DI AMMISSIONE RESPONSABILI DEL DOCUMENTO DI AMMISSIONE DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ REVISORI LEGALI DEI CONTI REVISORI CONTABILI DELL EMITTENTE INFORMAZIONI SUI RAPPORTI CON LA SOCIETÀ DI REVISIONE INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE SELEZIONATE RELATIVE AGLI ESERCIZI CHIUSI AL 31 DICEMBRE 2012, 2011 E Dati economici consolidati selezionati dell Emittente per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e Analisi dei ricavi per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e Dati patrimoniali consolidati per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e Capitale circolante netto Altri crediti, ratei e risconti attivi e altri debiti, ratei e risconti passivi Immobilizzazioni materiali, avviamento e immobilizzazioni immateriali, immobilizzazioni finanziarie Passività non correnti Patrimonio netto Posizione finanziaria netta Dati selezionati relativi ai flussi di cassa dell Emittente per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e FATTORI DI RISCHIO INFORMAZIONI SULL EMITTENTE STORIA ED EVOLUZIONE DELL EMITTENTE Denominazione legale e commerciale dell Emittente Luogo di registrazione dell Emittente e suo numero di registrazione Data di costituzione e durata dell Emittente Domicilio e forma giuridica dell Emittente, legislazione in base alla quale opera, paese di costituzione, nonché indirizzo e numero di telefono della sede sociale Fatti importanti nell evoluzione dell attività dell Emittente INVESTIMENTI Descrizione degli investimenti in attività materiali, immateriali e finanziarie effettuate dal Gruppo nel corso degli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 e fino alla Data del Documento di Ammissione Descrizione dei principali investimenti in corso di realizzazione Investimenti futuri PANORAMICA DELLE ATTIVITÀ PRINCIPALI ATTIVITÀ Panoramica delle attività e fattori chiave del Gruppo Prodotti e servizi Occhialeria e prodotti lifestyle Comunicazione

4 6.1.3 Il modello organizzativo dell attività Ricerca, ideazione e sviluppo dei prodotti Produzione, logistica e customer care Distribuzione Comunicazione. Il brand Italia Independent L attività di Independent Ideas Altre attività I Spirits Sound Identity Independent Value Card We Care Strategia e programmi futuri PRINCIPALI MERCATI IN CUI OPERA IL GRUPPO Mercato di riferimento Posizionamento competitivo FATTORI ECCEZIONALI CHE HANNO INFLUITO SULL ATTIVITÀ DELL EMITTENTE O SUI MERCATI DI RIFERIMENTO DIPENDENZA DELL EMITTENTE DA BREVETTI O LICENZE, DA CONTRATTI INDUSTRIALI, COMMERCIALI O FINANZIARI, O DA NUOVI PROCEDIMENTI DI FABBRICAZIONE FONTI DELLE DICHIARAZIONI FORMULATE DALL EMITTENTE RIGUARDO ALLA PROPRIA POSIZIONE CONCORRENZIALE STRUTTURA ORGANIZZATIVA DESCRIZIONE DEL GRUPPO A CUI APPARTIENE L EMITTENTE SOCIETÀ CONTROLLATE E PARTECIPATE DALL EMITTENTE Società controllate Altre società di cui l Emittente detiene una partecipazione del capitale sociale IMMOBILI, IMPIANTI E MACCHINARI INFORMAZIONI RELATIVE AD IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ESISTENTI O PREVISTE, COMPRESI BENI AFFITTATI PROBLEMI AMBIENTALI CHE POSSONO INFLUIRE SULL UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE TENDENZE PIÙ SIGNIFICATIVE MANIFESTATESI RECENTEMENTE NELL ANDAMENTO DELLA PRODUZIONE, DELLE VENDITE E DELLE SCORTE E NELL EVOLUZIONE DEI COSTI E DEI PREZZI DI VENDITA INFORMAZIONI SU TENDENZE, INCERTEZZE, RICHIESTE, IMPEGNI O FATTI NOTI CHE POTREBBERO RAGIONEVOLMENTE AVERE RIPERCUSSIONI SIGNIFICATIVE SULLE PROSPETTIVE DELL EMITTENTE ALMENO PER L ESERCIZIO IN CORSO PREVISIONI O STIME DEGLI UTILI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE O DI VIGILANZA E ALTI DIRIGENTI INFORMAZIONI CIRCA GLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DIREZIONE E CONTROLLO Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Direttore generale e principali dirigenti CONFLITTI DI INTERESSI DEI MEMBRI DEGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE E DI VIGILANZA E DEGLI ALTI DIRIGENTI PRASSI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DURATA DELLA CARICA DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEI MEMBRI DEL COLLEGIO SINDACALE CONTRATTI DI LAVORO STIPULATI DAI MEMBRI DEGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE O DI VIGILANZA CON L EMITTENTE O CON LE SOCIETÀ CONTROLLATE CHE PREVEDONO UN INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO DICHIARAZIONE CIRCA L OSSERVANZA DELLE NORME IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DIPENDENTI ORGANIGRAMMA DI GRUPPO DIPENDENTI Numero di dipendenti

5 13.3 PARTECIPAZIONI AZIONARIE E STOCK OPTION DESCRIZIONE DI EVENTUALI ACCORDI DI PARTECIPAZIONE DEI DIPENDENTI AL CAPITALE SOCIALE PRINCIPALI AZIONISTI AZIONISTI CHE DETENGONO STRUMENTI FINANZIARI IN MISURA SUPERIORE AL 5% DEL CAPITALE SOCIALE DELL EMITTENTE PARTICOLARI DIRITTI DI VOTO DI CUI SONO TITOLARI I PRINCIPALI AZIONISTI SOGGETTO CHE ESERCITA IL CONTROLLO SULL EMITTENTE ACCORDI DALLA CUI ATTUAZIONE POSSA SCATURIRE UNA VARIAZIONE DELL ASSETTO DI CONTROLLO DELL EMITTENTE SUCCESSIVAMENTE ALLA PUBBLICAZIONE DEL DOCUMENTO DI AMMISSIONE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OPERAZIONI INFRAGRUPPO E COMPENSI DEGLI AMMINISTRATORI INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI CAPITALE SOCIALE Ammontare del capitale sociale emesso Azioni non rappresentative del capitale Azioni proprie Importo delle obbligazioni convertibili, scambiabili o con warrant Esistenza di diritti e/o obblighi di acquisto sul capitale deliberato, ma non emesso o di un impegno all aumento di capitale Altre informazioni relative al capitale di eventuali membri del Gruppo offerto in opzione Evoluzione del capitale azionario dell Emittente negli ultimi tre esercizi ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Oggetto sociale Disposizioni dello Statuto riguardanti i membri degli organi di amministrazione, di direzione e di vigilanza Diritti, privilegi e restrizioni connessi alle azioni esistenti Disciplina statutaria della modifica dei diritti dei possessori delle azioni, con indicazione dei casi in cui le condizioni sono più significative delle condizioni previste dalla legge Modalità di convocazione delle assemblee Descrizione di eventuali disposizioni statutarie che potrebbero avere l effetto di ritardare, rinviare o impedire una modifica dell assetto di controllo dell Emittente Descrizione di eventuali disposizioni statutarie che disciplinano la soglia di possesso al di sopra della quale vige l obbligo di comunicazione al pubblico della quota di azioni posseduta Condizioni previste dall atto costitutivo e dallo Statuto per la modifica del capitale, nel caso che tali condizioni siano più restrittive delle condizioni previste per legge CONTRATTI IMPORTANTI INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI ATTESTAZIONE IN MERITO ALLE INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI INFORMAZIONI SULLE PARTECIPAZIONI SEZIONE SECONDA PERSONE RESPONSABILI RESPONSABILI DEL DOCUMENTO DI AMMISSIONE DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ FATTORI DI RISCHIO INFORMAZIONI FONDAMENTALI DICHIARAZIONE RELATIVA AL CAPITALE CIRCOLANTE RAGIONI DELL AUMENTO DI CAPITALE E IMPIEGO DEI PROVENTI INFORMAZIONI RIGUARDANTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DA AMMETTERE ALLA NEGOZIAZIONE

6 4.1 TIPO E CLASSE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI AL PUBBLICO E AMMESSI ALLA NEGOZIAZIONE LEGISLAZIONE IN BASE ALLA QUALE LE AZIONI SARANNO EMESSE CARATTERISTICHE DELLE AZIONI VALUTA DI EMISSIONE DELLE AZIONI DESCRIZIONE DEI DIRITTI, COMPRESA QUALSIASI LORO LIMITAZIONE, CONNESSI ALLE AZIONI E PROCEDURA PER IL LORO ESERCIZIO DELIBERE, AUTORIZZAZIONI E APPROVAZIONI IN VIRTÙ DELLE QUALI GLI STRUMENTI FINANZIARI SONO STATI O SARANNO CREATI E/O EMESSI DATA PREVISTA PER L EMISSIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DESCRIZIONE DI EVENTUALI RESTRIZIONI ALLA LIBERA TRASFERIBILITÀ DELLE AZIONI APPLICABILITÀ DELLE NORME IN MATERIA DI OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E/O DI OFFERTA DI ACQUISTO RESIDUALE PRECEDENTI OFFERTE PUBBLICHE DI ACQUISTO SULLE AZIONI DELL EMITTENTE REGIME FISCALE STABILIZZAZIONE POSSESSORI DI STRUMENTI FINANZIARI CHE PROCEDONO ALLA VENDITA INFORMAZIONI SUI SOGGETTI CHE OFFRONO IN VENDITA GLI STRUMENTI FINANZIARI NUMERO E CLASSE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI DA CIASCUNO DEI POSSESSORI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE PROCEDONO ALLA VENDITA ACCORDI DI LOCK-UP SPESE LEGATE ALL AMMISSIONE PROVENTI NETTI TOTALI E STIMA DELLE SPESE TOTALI LEGATE ALL AMMISSIONE DILUIZIONE AMMONTARE E PERCENTUALE DELLA DILUIZIONE IMMEDIATA DERIVANTE DALL OFFERTA EFFETTI DILUITIVI IN CASO DI MANCATA SOTTOSCRIZIONE DELL OFFERTA INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI CONSULENTI INDICAZIONE DI ALTRE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA SEZIONE SECONDA SOTTOPOSTE A REVISIONE O REVISIONE LIMITATA DA PARTE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE PARERI O RELAZIONI DEGLI ESPERTI INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI

7 DEFINIZIONI E GLOSSARIO Si riporta di seguito un elenco delle principali definizioni e dei principali termini utilizzati all interno del Documento di Ammissione. Tali definizioni e termini, salvo ove diversamente specificato, hanno il significato qui di seguito indicato. AIM Italia Ammissione Aumento di Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale, sistema multilaterale di negoziazione organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. L ammissione delle Azioni alle negoziazioni su AIM Italia. L aumento del capitale sociale, a pagamento e in forma scindibile, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell art. 2441, comma 5, cod. civ., da Euro fino a massimi nominali Euro , mediante emissione di massime n Azioni al servizio dell Ammissione deliberato dall Assemblea straordinaria dell Emittente in data 29 maggio In esecuzione della suddetta delibera assembleare, il Consiglio di Amministrazione dell Emittente del 25 giugno 2013 ha deliberato di emettere massime n Azioni al servizio dell Ammissione ad un prezzo di sottoscrizione pari ad Euro 26,00 per ciascuna Nuova Azione (le Nuove Azioni ). Azioni Le azioni ordinarie dell Emittente del valore nominale di Euro 1,00 ciascuna. Azioni in Vendita Azionisti Venditori Banca IMI Below the line Le massime n Azioni di proprietà degli Azionisti Venditori offerte in vendita nell ambito del Collocamento Istituzionale. Gli azionisti della Società indicati nella Sezione Sezione Seconda, Capitolo 5, Paragrafo 5.2 del Documento di Ammissione. Banca IMI S.p.A., con sede legale in Largo Mattioli n. 3, Milano. Tutte le attività di comunicazione diverse dalla pubblicità e dalle attività veicolate attraverso i media classici, come televisione, radio, editoria e affissioni, incluse le sponsorizzazioni, le relazioni pubbliche, il direct marketing e le promozioni. Borsa Italiana Borsa Italiana S.p.A., con sede in Milano, Piazza degli Affari n. 6. Co-branding Codice di Autodisciplina Collocamento Istituzionale o Collocamento Consob Data del Documento di Ammissione Le attività di cooperazione e collaborazione tra il Gruppo e le imprese partner volte alla realizzazione congiunta di iniziative e prodotti identificati mediante l abbinamento dei rispettivi marchi. Codice di Autodisciplina delle Società Quotate, approvato dal Comitato per la Corporate Governance delle Società Quotate nel dicembre L offerta delle Nuove Azioni e delle Azioni in Vendita ad investitori qualificati in Italia ed istituzionali all estero in prossimità dell ammissione alle negoziazioni su AIM Italia, ai sensi e per gli effetti dell art. 6 della Parte II ( Linee Guida ) del Regolamento Emittenti AIM, nell ambito di un collocamento riservato, rientrante nei casi di inapplicabilità delle disposizioni in materia di offerta al pubblico di strumenti finanziari previsti dall art. 100 del Testo Unico della Finanza e dall art. 34-ter del Regolamento e delle equivalenti disposizioni di legge e regolamentari applicabili all estero e quindi senza offerta al pubblico. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, istituita con la Legge n. 216 del 7 giugno Data di pubblicazione del Documento di Ammissione da parte dell Emittente. 7

8 Data di Ammissione Documento di Ammissione Emittente o Italia Independent Group o Società Equita Data del provvedimento di Borsa Italiana di Ammissione. Il presente documento di ammissione. Italia Independent Group S.p.A., con sede legale in Torino, corso XI Febbraio, 19, C.F., partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Torino n , R.E.A. (Repertorio Economico Amministrativo) n Equita SIM S.p.A., con sede legale in Milano, via Turati 9, Registro delle Imprese di Milano, C.F. e partita IVA , capitale sociale pari ad Euro interamente sottoscritto e versato, iscritta all Albo delle SIM al n. 67. Gruppo L Emittente e le società da questa controllate ai sensi dell art. 2359, comma 1, n. 1, cod. civ., e incluse nel perimetro di consolidamento. IFRS Independent Ideas Italia Independent Tutti gli International Financial Reporting Standards, tutti gli International Accounting Standards (IAS), tutte le interpretazioni dell International Reporting Interpretations Committee (IFRIC), precedentemente denominate (SIC), adottati dall Unione Europea. Independent Ideas S.r.l., con sede legale in Torino, corso XI Febbraio, 19, C.F., partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Torino n , R.E.A. (Repertorio Economico Amministrativo) n Italia Independent S.p.A., con sede legale in Torino, corso XI Febbraio, 19, C.F., partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Torino n , R.E.A. (Repertorio Economico Amministrativo) n Monte Titoli Monte Titoli S.p.A., con sede in Milano, Via Andrea Mantegna n. 6. Nuove Azioni Massime n Azioni, pari a complessivi nominali Euro , rivenienti dall Aumento di Capitale, offerte in sottoscrizione nell ambito del Collocamento Istituzionale. Nomad (Nominated Adviser) Opzione di Over Allotment Parti Correlate Piano di Stock Option Principi Contabili Italiani Equita SIM S.p.A., con sede legale in Milano, via Turati 9, Registro delle Imprese di Milano, C.F. e partita IVA , capitale sociale pari ad Euro interamente sottoscritto e versato, iscritta all Albo delle SIM al n. 67. L opzione di acquisto concessa ai Joint Global Coordinators per l acquisto di massime n Azioni da allocare presso gli investitori qualificati e gli altri investitori istituzionali cui il Collocamento è riservato, in caso di Over Allotment, descritta alla Sezione Seconda, Capitolo 5, Paragrafo 5.2. Indica le parti correlate così come definite nel regolamento adottato dalla Consob con delibera n del 12 marzo 2010, come successivamente modificato e integrato, recante disposizioni in materia di operazioni con parti correlate. Indica il piano di stock option descritto nella Sezione Prima, Capitolo 13, Paragrafo 13.3 del Documento di Ammissione. Le norme di legge vigenti alla data di riferimento di ciascun bilancio dell Emittente e del Gruppo che disciplinano i criteri di redazione dei 8

9 Prodotti lyfestyle bilanci come interpretate e integrate dai principi contabili emanati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri e, ove applicabile, dai documenti interpretativi predisposti dall Organismo Italiano di Contabilità. Gli articoli di abbigliamento e accessori distribuiti dal Gruppo nel settore del fashion lifestyle. Regolamento Regolamento di attuazione del D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti, adottato dalla Consob con delibera n del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato. Regolamento Emittenti AIM Retail Sell-out Società di Revisione Statuto Testo Unico della Finanza Wholesale Regolamento Emittenti AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale di Borsa Italiana 1 marzo La vendita al dettaglio operata direttamente dal Gruppo. La vendita finale dei prodotti del Gruppo dai retailer ai consumatori. Deloitte & Touche S.p.A., con sede legale in Milano, via Tortona, 25, capitale sociale pari ad Euro ,00 interamente sottoscritto e versato, C.F., partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n , iscritta al Registro dei Revisori Contabili di cui al D.Lgs. 27 gennaio 1992 n. 88, ed ai sensi e per gli effetti dell art. 13 D.Lgs. 27/1/2010 n. 39. Lo statuto sociale dell Emittente come modificato dalla delibera dell Assemblea straordinaria del 29 maggio 2013 in vigore dalla Data di Ammissione. Il Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni ed integrazioni. Il canale distributivo degli operatori terzi di cui il Gruppo si avvale per la vendita dei propri prodotti ai rivenditori al dettaglio. 9

10 DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO I seguenti documenti sono a disposizione del pubblico presso la sede legale dell Emittente (corso XI Febbraio, 19, Torino) nonché sul sito internet il Documento di Ammissione; lo Statuto dell Emittente; il bilancio di esercizio della Società al 31 dicembre 2012 redatto secondo i Principi Contabili Italiani e approvato dall assemblea dei soci della Società in data 29 maggio 2013; la relazione della Società di Revisione al bilancio di esercizio della Società al 31 dicembre 2012 emessa in data 24 maggio 2013; il bilancio consolidato del Gruppo al 31 dicembre 2012 redatto secondo i Principi Contabili Italiani e approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società in data 16 maggio 2013; la relazione della Società di Revisione al bilancio consolidato del Gruppo al 31 dicembre 2012 emessa in data 24 maggio

11 ALTRE INFORMAZIONI Calendario dell operazione Data del Documento di Ammissione 26 giugno 2013 Data di Ammissione 26 giugno 2013 Data prevista di inizio delle negoziazioni 28 giugno 2013 Principali informazioni sul capitale sociale dell Emittente Capitale sociale nominale alla Data del Documento di Ammissione Euro Numero di Azioni alla Data del Documento di Ammissione Valore nominale di ciascuna Azione Euro 1,00 In prossimità dell Ammissione le Azioni oggetto del Collocamento Istituzionale sono state offerte in sottoscrizione e in vendita ad investitori qualificati in Italia ed istituzionali all estero, ai sensi e per gli effetti dell art. 6 della Parte II ( Linee Guida ) del Regolamento Emittenti AIM, nell ambito di un collocamento riservato, rientrante nei casi di inapplicabilità delle disposizioni in materia di offerta al pubblico di strumenti finanziari previsti dall art. 100 del Testo Unico della Finanza e dall art. 34-ter del Regolamento e delle equivalenti disposizioni di legge e regolamentari applicabili all estero e quindi senza offerta al pubblico di sottoscrizione o di vendita delle Azioni. Per maggiori informazioni sull Aumento di Capitale si rinvia alla Sezione Seconda, Capitolo 4, Paragrafo

12 SEZIONE PRIMA 12

13 1. INFORMAZIONI RELATIVE ALLE PERSONE RESPONSABILI DEL DOCUMENTO DI AMMISSIONE 1.1 Responsabili del Documento di Ammissione L Emittente assume la responsabilità della completezza e della veridicità dei dati e delle informazioni contenute nel Documento di Ammissione. 1.2 Dichiarazione di responsabilità L Emittente dichiara che, avendo adottato tutta la ragionevole diligenza a tale scopo, le informazioni e i dati in esso contenuti sono, per quanto a propria conoscenza, conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. 13

14 2. REVISORI LEGALI DEI CONTI 2.1 Revisori contabili dell Emittente In data 19 dicembre 2012, l Assemblea della Società ha conferito alla Società di Revisione l incarico di revisione contabile dei bilanci della Società per gli esercizi 2012, 2013 e 2014 ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. 39/2010. In data 29 maggio 2013, l Assemblea della Società ha deliberato di integrare, subordinatamente all Ammissione, l incarico per la revisione contabile del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato relativo agli esercizi 2013, 2014 e 2015 e la revisione contabile limitata della relazione semestrale relativa a ciascuno dei periodi infrannuali con chiusura sino al 30 giugno 2015 conferito alla Società di Revisione. Tale incarico prevede, altresì, il rilascio da parte della Società di Revisione di un giudizio su ciascun bilancio (di esercizio e consolidato) della Società e su ciascuna relazione semestrale per ciascuno degli esercizi considerati ai sensi dell art. 14 del D.Lgs. 39/2010. Il bilancio consolidato del Gruppo e il bilancio di esercizio chiusi al 31 dicembre 2012 sono stati redatti in conformità ai Principi Contabili Italiani e sottoposti rispettivamente a revisione volontaria e legale da parte della Società di Revisione che ha espresso un giudizio senza rilievi. Le relazioni della Società di Revisione sono state emesse in data 24 maggio Informazioni sui rapporti con la Società di Revisione Fino alla Data del Documento di Ammissione non è intervenuta alcuna revoca dell incarico conferito dall Emittente alla Società di Revisione né la Società di Revisione ha rinunciato all incarico conferitole. 14

15 3. INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE PREMESSA Nel presente Capitolo vengono fornite le informazioni finanziarie selezionate relative ai dati annuali consolidati dell Emittente per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e Si segnala che il Gruppo ha redatto per la prima volta il bilancio consolidato al 31 dicembre 2012 e che i dati consolidati relativi agli esercizi 2011 e 2010 sono dati proforma predisposti unicamente a fini informativi per la loro inclusione nel presente Documento di Ammissione. Il bilancio di esercizio della Società e il bilancio consolidato del Gruppo al 31 dicembre 2012 sono stati assoggettati a revisione contabile da parte della Società di Revisione che ha emesso le proprie relazioni in data 24 maggio I prospetti consolidati pro-forma al 31 dicembre 2011 e al 31 dicembre 2010 non sono stati assoggettati a verifica da parte della Società di Revisione. I prospetti consolidati pro-forma relativi all esercizio chiuso al 31 dicembre 2010 sono stati predisposti ipotizzando che le operazioni di acquisizione delle società controllate dall Emittente (Italia Independent e Independent Ideas), concluse nel corso del 2011, fossero avvenute con riferimento all esercizio chiuso al 31 dicembre Pertanto nella predisposizione dei prospetti consolidati pro-forma al 31 dicembre 2010 sono stati aggregati integralmente il bilancio di esercizio della Società capogruppo con i bilanci di esercizio delle due società controllate, redatti secondo i principi contabili italiani conformi a quelli utilizzati dalla capogruppo. I bilanci di esercizio di Italia Independent e Independent Ideas al 31 dicembre 2010 e al 31 dicembre 2011 non sono stati assoggettati né a revisione contabile, né a revisione contabile limitata. Più in dettaglio, nella redazione dei prospetti consolidati proforma al 31 dicembre 2010 è stato ipotizzato che: l Emittente detenesse già al 31 dicembre 2010 una partecipazione nella società Italia Independent (già LA S.p.A.) (pari al 72,5% del capitale sociale) per un valore di carico pari a Euro , e una partecipazione nella società Independent Ideas (già LA Communication S.r.l.) (pari al 75% del capitale sociale) per un valore di carico pari a Euro ; a seguito delle operazioni di cui sopra, ai fini delle operazioni di consolidamento pro-forma, fra le immobilizzazioni immateriali fosse presente una differenza di consolidamento pari a Euro (di cui Italia Independent per un importo pari a Euro e Independent Ideas per un importo pari a Euro ) emergente dall elisione del valore di carico delle partecipazioni (pari a Euro , di cui Italia Independent per un importo pari a Euro e Independent Ideas per un importo pari a Euro ) a fronte della corrispondente quota di patrimonio netto delle stesse al 31 dicembre 2010 (pari a Euro , di cui Italia Independent per un importo pari a Euro e Independent Ideas per un importo pari a Euro ). La differenza da consolidamento è stata ammortizzata a partire dal 2011; il patrimonio netto dell Emittente recepisse già al 31 dicembre 2010: o o o l aumento del capitale sociale per un importo pari a Euro (avvenuto nel corso del 2011), a seguito del quale il capitale sociale della Società è stato assunto pari a Euro ; l iscrizione di una riserva di sovraprezzo pari a Euro , data per Euro dall aumento di capitale mediante conferimento della partecipazione detentuta da Lapo Edovard Elkann in Italia Independent e per Euro dagli aumenti di capitale in denaro avvenuti nel corso del 2011; l iscrizione di una riserva pari a Euro derivante dalla fusione con la società Tessitore & Associates S.r.l.. In estrema sintesi le operazioni di acquisizione delle società controllate sono state considerate congiuntamente alle operazioni sul capitale in considerazione della diretta correlazione tra le stesse. I prospetti consolidati pro-forma relativi all esercizio chiuso al 31 dicembre 2011 sono stati predisposti ipotizzando che le operazioni di acquisizione delle società controllate dall Emittente (Italia Independent e Independent Ideas), concluse rispettivamente nel giugno 2011 e agosto 2011, fossero state realizzate con riferimento all esercizio chiuso al 31 dicembre 2010; pertanto, il conto economico al 31 dicembre 2011 riflette il consolidamento dell intero esercizio 2011, in coerenza con il conto economico al 31 dicembre 2010 che riflette il consolidamento dell intero esercizio Le informazioni finanziarie selezionate sono desunte dal bilancio consolidato dell Emittente per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 e dai prospetti consolidati pro-forma al 31 dicembre 2011 e 2010 predisposti in conformità alla normativa vigente, integrata e interpretata dai Principi Contabili Italiani. Si segnala, tuttavia, che le informazioni contenute nei prospetti consolidati rappresentano, come precedentemente indicato, una simulazione dei possibili effetti che sarebbero potuti derivare dalle operazioni, fornite a soli fini illustrativi. In particolare, poiché i prospetti consolidati pro-forma sono costruiti per riflettere retroattivamente gli effetti 15

16 di operazioni successive, vi sono dei limiti connessi alla natura stessa dei dati pro-forma, nonostante il rispetto delle regole comunemente accettate e l utilizzo di assunzioni ragionevoli. Inoltre, in considerazione delle diverse finalità dei dati pro-forma rispetto a quelle dei bilanci storici e delle diverse modalità di calcolo degli effetti delle operazioni con riferimento allo stato patrimoniale pro-forma e al conto economico pro-forma, questi prospetti contabili vanno letti ed interpretati separatamente, senza ricercare collegamenti contabili tra gli stessi. Il presente Capitolo non include i bilanci di esercizio dell Emittente, con riferimento a ciascuna delle date sopra indicate. Le informazioni finanziarie selezionate riportate di seguito devono essere lette congiuntamente al bilancio di esercizio al 31 dicembre 2012 e al bilancio consolidato al 31 dicembre 2012 dell Emittente riportati in allegato al presente Documento di Ammissione e a disposizione del pubblico per la consultazione nei luoghi indicati nell introduzione del presente Documento di Ammissione. 3.1 Informazioni finanziarie consolidate selezionate relative agli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e Dati economici consolidati selezionati dell Emittente per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 Di seguito sono forniti i principali dati economici dell Emittente per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010: (in unità di Euro) 2012 % Pro-forma unaudited 2011 % Pro-forma unaudited 2010 % Ricavi lordi ,4% ,3% ,3% Resi ( ) -11,9% ( ) -8,5% ( ) -5,8% Ricavi netti ,6% ,9% ,4% Altri ricavi e proventi (royalties) ,4% ,1% ,6% Totale ricavi ,0% ,0% ,0% Variazione rimanenze di prodotti in corso di lav., semil. e finiti ,7% ,0% ,8% Valore della produzione ,7% ,0% ,8% Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci ( ) -32,6% ( ) -24,8% ( ) -25,1% Costi per servizi ( ) -43,4% ( ) -52,7% ( ) -64,3% Costi per godimento di beni di terzi ( ) -1,7% ( ) -2,6% ( ) -4,1% Costi del personale ( ) -9,7% ( ) -6,3% ( ) -3,7% Oneri diversi di gestione ( ) -1,4% ( ) -2,3% (92.173) -1,7% EBITDA (*) ,0% ,2% ,9% Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali ( ) -1,2% ( ) -2,1% ( ) -2,0% Ammortamento delle immobilizzazioni materiali ( ) -0,7% (59.855) -0,6% (41.499) -0,7% Altri accantonamenti ( ) -1,3% ( ) -2,6% (80.000) -1,4% Svalutazione dei crediti ( ) -1,4% ( ) -1,7% (20.000) -0,4% EBIT (**) ,3% ,1% ,4% Oneri finanziari ( ) -1,4% ( ) -1,6% (76.807) -1,4% Proventi finanziari ,0% 605 0,0% 33 0,0% Utili (e perdite) su cambi (463) 0,0% 49 0,0% 0 0,0% Proventi (Oneri) finanziari netti ( ) -1,4% ( ) -1,6% (76.774) -1,4% Rivalutazioni di attività finanziarie ,1% ,2% ,0% Svalutazioni di attività finanziarie ( ) -1,4% 0 0,0% (15.300) -0,3% Rettifiche di valore di attività finanziarie nette ( ) -1,3% ,2% (14.109) -0,3% Oneri straordinari ( ) -0,7% ( ) -1,6% (92.000) -1,7% Proventi straordinari ,0% 1 0,0% ,1% Proventi (Oneri) straordinari netti ( ) -0,7% ( ) -1,6% (87.117) -1,6% Risultato ante imposte ,9% ,1% (45.802) -0,8% Imposte correnti ( ) -4,5% ( ) -2,8% ( ) -2,1% Imposte differite (94.205) -0,6% (79.024) -0,8% (569) 0,0% Risultato dell'esercizio ,8% ,5% ( ) -2,9% (*) EBITDA indica il risultato prima della gestione finanziaria e straordinaria, delle imposte, degli ammortamenti delle immobilizzazioni, degli accantonamenti e della svalutazione dei crediti e delle rimanenze di magazzino. EBITDA non include, in particolare, oneri straordinari (Euro 117 migliaia nel 2012, Euro 155 migliaia nel 2011 e Euro 92 migliaia nel 2010), accantonamento al fondo trattamento di fine mandato degli amministratori (Euro 55 migliaia nel 2012 e nel 2011) ed accantonamento al fondo svalutazione magazzino (Euro 50 migliaia nel 2012 e Euro 40 migliaia nel 2010). L EBITDA così definito rappresenta l indicatore utilizzato dagli amministratori dell Emittente per monitorare e valutare l andamento operativo dell attività aziendale. Siccome l EBITDA non è identificato come misura contabile nell ambito dei principi contabili nazionali, non deve essere considerato una misura alternativa per la valutazione dell andamento dei risultati operativi dell Emittente. Poiché la 16

17 composizione dell EBITDA non è regolamentata dai principi contabili di riferimento, il criterio di determinazione applicato dalla Società potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altre entità e quindi non risultare con esse comparabile. (**) EBIT indica il risultato prima della gestione finanziaria e straordinaria e delle imposte dell esercizio. EBIT rappresenta pertanto il risultato della gestione operativa prima della remunerazione del capitale sia di terzi che proprio. L EBIT così definito rappresenta l indicatore utilizzato dagli amministratori dell Emittente per monitorare e valutare l andamento operativo dell attività aziendale. Siccome l EBIT non è identificato come misura contabile nell ambito dei principi contabili nazionali, non deve essere considerato una misura alternativa per la valutazione dell andamento dei risultati operativi dell Emittente. Poiché la composizione dell EBIT non è regolamentata dai principi contabili di riferimento, il criterio di determinazione applicato dalla Società potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altre entità e quindi non risultare con esse comparabile Analisi dei ricavi per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 Di seguito si rappresenta il dettaglio della composizione della voce ricavi consolidati per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010, suddivisi solo per categorie di attività: (in unità di Euro) 2012 % Pro-forma unaudited 2011 % Pro-forma unaudited 2010 % Occhiali % % % Prodotti life style % % % Comunicazione % % % Totale ricavi % % % (*) I dati sui ricavi sono estratti dal bilancio consolidato al 31 dicembre 2012 e dai prospetti consolidati pro-forma al 31 dicembre 2011 e 2010 senza considerare la variazione delle rimanenze Dati patrimoniali consolidati per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 Di seguito sono fornite le informazioni riguardanti i principali indicatori patrimoniali relativi al 31 dicembre 2012, 2011 e In particolare si riporta di seguito lo schema riclassificato per fonti ed impieghi dello stato patrimoniale al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010: (in unità di Euro) 2012 Pro-forma unaudited 2011 Pro-forma unaudited 2010 IMPIEGHI Capitale circolante netto (1) Immobilizzazioni Attività non correnti Passività non correnti ( ) ( ) (23.827) Capitale investito netto (2) FONTI Patrimonio netto Posizione finanziaria netta (3) Totale Fonti di Finanziamento (1) Il capitale circolante netto è ottenuto come differenza fra attività correnti e passività correnti con esclusione delle attività e passività finanziarie. Il capitale circolante netto non è identificato come misura contabile nell ambito dei principi contabili di riferimento. Si precisa che è stato determinato in conformità a quanto stabilito nella Raccomandazione del CESR b del 10 febbraio 2005, rivista il 23 marzo 2011 Raccomandazioni per l attuazione uniforme del regolamento della Commissione Europea sui prospetti informativi. Il criterio di determinazione applicato dall Emittente potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altre entità e, pertanto, il saldo ottenuto dall Emittente potrebbe non essere comparabile con quello determinato da questi ultimi. (2) Il capitale investito netto è ottenuto come sommatoria algebrica del capitale circolante netto, delle attività immobilizzate e delle passività a lungo termine. Il capitale investito netto non è identificato come misura contabile nell ambito dei principi contabili di riferimento. Il criterio di determinazione applicato dall Emittente potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altre entità e, pertanto, il saldo ottenuto dall Emittente potrebbe non essere comparabile con quello determinato da questi ultimi. (3) Ai sensi di quanto stabilito dalla comunicazione CONSOB n. DEM/ del 28 luglio 2006, si precisa che la posizione finanziaria netta è ottenuta come somma algebrica delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti, delle attività finanziarie correnti e delle passività finanziarie a breve e a lungo termine (passività correnti e non correnti). La posizione finanziarie netta è stata determinata in conformità a quanto stabilito nella Raccomandazione del CESR b del 10 febbraio 2005, rivista il 23 marzo 2011 Raccomandazioni per l attuazione uniforme del regolamento della Commissione Europea sui prospetti informativi. 17

18 3.1.4 Capitale circolante netto La composizione del capitale circolante netto al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 è dettagliata nella tabella seguente: Pro-forma unaudited 2011 Pro-forma unaudited 2010 (in unità di Euro) 2012 Crediti commerciali esigibili entro l'esercizio Valore lordo F.do svalutazione ( ) ( ) (20.000) Rimanenze Valore lordo F.do svalutazione (50.000) - (40.000) Altri crediti, ratei e risconti attivi Debiti commerciali ( ) ( ) ( ) Altri debiti, ratei e risconti passivi ( ) ( ) ( ) Totale Altri crediti, ratei e risconti attivi e altri debiti, ratei e risconti passivi Le altre attività e passività correnti al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 sono dettagliate nella tabella seguente: Pro-forma unaudited 2011 Pro-forma unaudited 2010 (in unità di Euro) 2012 Crediti tributari Imposte anticipate e differite attive esigibili entro l'esercizio Altri crediti esigibili entro l'esercizio Ratei e risconti attivi Totale altri crediti, ratei e risconti attivi Debiti tributari ( ) ( ) (89.044) Debiti previdenziali ( ) (96.025) (48.290) Altri debiti ( ) (71.177) (17.266) Ratei e risconti passivi ( ) ( ) (20.772) Totale altri crediti, ratei e risconti passivi ( ) ( ) ( ) 18

19 3.1.6 Immobilizzazioni materiali, avviamento e immobilizzazioni immateriali, immobilizzazioni finanziarie Le immobilizzazioni materiali e immateriali, l avviamento e le immobilizzazioni finanziarie al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 sono dettagliate nella tabella seguente: L incremento avvenuto nel 2012 nella voce Terreni e Fabbricati deriva dalla contabilizzazione con metodo finanziario di due contratti di leasing finanziario stipulati nell esercizio relativamente ai fabbricati in cui risiede la sede legale dell Emittente (corso XI Febbraio 19, Torino) Passività non correnti Le altre passività a medio lungo termine al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 sono dettagliate nella tabella seguente: Patrimonio netto Il patrimonio netto al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 è dettagliato nella tabella seguente: Pro-forma unaudited 2011 Pro-forma unaudited 2010 (in unità di Euro) 2012 Terreni e fabbricati Impianti, macchinari e attrezzature industriali e commerciali Altri beni Costi di impianto e ampliamento Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità Concessioni, licenze, marchi e diritti simili Altre immobilizzazioni immateriali Partecipazioni in imprese controllate I-I Wall Street Corp LA France Partecipazioni in imprese collegate Partecipazioni in altre imprese Altri crediti Totale Pro-forma unaudited 2011 Pro-forma unaudited 2010 (in unità di Euro) 2012 Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato ( ) (39.228) (17.828) Fondo rischi e oneri ( ) ( ) (5.999) Altri debiti Totale ( ) ( ) (23.827) Pro-forma unaudited 2011 Pro-forma unaudited 2010 (in unità di Euro) 2012 Capitale sociale Riserva sovrapprezzo azioni Riserva legale Altre riserve Utili (perdite) a nuovo Utile (perdita) dell'esercizio ( ) Patrimonio Netto di Gruppo Patrimonio Netto di Terzi Patrimonio Netto Totale

20 3.1.9 Posizione finanziaria netta La posizione finanziaria netta negativa esposta secondo lo schema della Comunicazione Consob n. DEM/ del 28 luglio 2006 al 31 dicembre 2012, 2011 e 2010 è dettagliata nella tabella seguente: Pro-forma unaudited Dati selezionati relativi ai flussi di cassa dell Emittente per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e 2011 I flussi di cassa per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e 2011 sono dettagliati nella tabella seguente: Pro-forma unaudited 2010 (in unità di Euro) 2012 A. Cassa (39.376) (1.139) - B. Altre disponibilità liquide ( ) ( ) ( ) C. Titoli detenuti per la negoziazione - ( ) - D. Liquidità (A) + (B) + (C) ( ) ( ) ( ) E. Crediti finanziari correnti F. Debiti bancari a breve termine G. Parte corrente dell indebitamento non corrente H. Altri debiti finanziari correnti I. Indebitamento finanziario corrente (F)+(G)+(H) J. Indebitamento finanziario corrente netto (D) + (E) + (I) K. Debiti bancari non correnti L. Obbligazioni emesse M. Altri debiti non correnti N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M) O. Indebitamento finanziario netto (J) + (N) Pro-forma unaudited A. Flussi finanziari dell attività operativa ( ) Utile/(Perdita) post-imposte Rettifiche per costi e ricavi non monetari Ammortamenti Aumento fondi per rischi e oneri Aumento fondo per benefici per dipendent Variazione del capitale circolante netto ( ) ( ) (Aumento crediti commerciali) ( ) ( ) (Aumento crediti diversi) ( ) Diminuzione rimanenze di magazino ( ) ( ) (Diminuzione debiti commerciali) (Diminuzione debiti diversi) B. Flussi finanziari dell attività di investimento ( ) ( ) (Acquisto di immobili, impianti e macchinari) ( ) ( ) C. Flussi finanziari dell attività finanziaria Incassi dall emissione di capitale azionario Incassi/(Rimborsi) di finanziamenti a lungo termine (Dividendi corrisposti) (22.500) 0 D. Flusso netto generato dalla gestione (A ± B ± C) ( ) E. Liquidità iniziali F. Liquidità finali (D ± E)

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli