Di seguito si segnalano le disposizioni di maggiore interesse.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Di seguito si segnalano le disposizioni di maggiore interesse."

Transcript

1 Borgo S. Spirito, Roma Tel Fax SERVIZIO LEGISLATIVO E LEGALE Circ. n. 40/2011 Roma, 5 ottobre 2011 Prot. n Oggetto: D.lgs. 6 settembre 2011, n. 159 recante: Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n Confederazione Cooperative Italiane e mail: Sito web - Cod. Fisc Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali Alle Federazioni nazionali Ai Consorzi nazionali LORO SEDI Nella Gazzetta Ufficiale n. 226 del 28 settembre 2011-S.O. n. 214, è stato pubblicato il provvedimento in oggetto. Trattasi di un vero e proprio Testo Unico (di seguito Codice) approvato dal Governo in base alla delega conferitagli dal Parlamento con legge n. 136/2010 (c.d. Piano straordinario antimafia) con cui, da una parte, sono state raccolte le disposizioni vigenti in materia di misure di prevenzione personali e patrimoniali e dall altro, invece, sono state rivisitate e aggiornate le disposizioni vigenti non ritenute più attuali. Di seguito si segnalano le disposizioni di maggiore interesse.

2 Il decreto in oggetto, disciplina i compiti e gli organi dell Agenzia nazionale per l amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (di seguito Agenzia) istituita dal decreto legge n. 4/2010, convertito con legge n. 50/2010. L Agenzia avrà, quindi, il compito di amministrare e gestire tutti i beni, comprese le aziende, dalla pronuncia di primo grado fino alla confisca definitiva. Proprio nell ambito della disciplina relativa alla gestione dei beni sequestrati e confiscati, si collocano alcune disposizioni di specifico interesse per le cooperative. Trattasi, in particolare, dell articolo 48 (destinazione dei beni confiscati). La disposizione prevede che i beni immobili confiscati possono, tra l altro, essere trasferiti per finalità sociali o istituzionali al patrimonio del Comune, della Regione o della Provincia ove l immobile è situato. Gli enti territoriali possono amministrare il bene direttamente ovvero, attraverso convenzioni, assegnarlo in concessione a titolo gratuito, e nel rispetto dei principi di trasparenza, pubblicità e parità di trattamento, a comunità, anche giovanili, ad enti, a cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n, 381, o a comunità terapeutiche e centri di recupero e cura di tossicodipendenti, nonché alle associazioni di protezione ambientale. La convenzione disciplina la durata, l uso del bene, le modalità di controllo della sua utilizzazione, le cause di risoluzione del rapporto e le modalità del rinnovo. I beni immobili confiscati di cui non sia possibile destinazione a finalità di pubblico interesse sono destinati alla vendita con provvedimento dell Agenzia. Alle cooperative edilizie costituite tra gli appartenenti alle Forze armate e alle Forze di polizia è riconosciuto un diritto di opzione prioritaria sull acquisto di tali beni. I beni aziendali confiscati sono mantenuti nel patrimonio dello Stato e con provvedimento dell Agenzia sono destinati all affitto a titolo oneroso, quando sussistono concrete prospettive di continuazione dell attività economica, a società e ad imprese pubbliche o private, ovvero a titolo gratuito, senza oneri a carico dello Stato, a cooperative di lavoratori dipendenti dell impresa confiscata. Nella scelta dell affittuario sono privilegiate le soluzioni che garantiscono il mantenimento dei livelli occupazionali. Tuttavia, i beni non possono essere destinati all affitto a cooperative di lavoratori dipendenti dell impresa confiscata qualora taluno dei soci è parente, coniuge, affine o convivente con il destinatario della confisca. Il Libro II del Codice, regolamenta la materia della documentazione antimafia. La disciplina in parola è incentrata prevalentemente sulla necessità di prevenire e contrastare infiltrazioni di tipo mafioso nelle imprese soprattutto di quelle che operano nel settore dei contratti pubblici ovvero che ricevono contributi o finanziamenti pubblici anche comunitari. Da qui la necessità di aggiornare e modificare le disposizioni vigenti in materia di certificazioni antimafia. 2

3 A tale scopo, è previsto che le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici, anche costituiti in stazioni uniche appaltanti, prima di stipulare, approvare o autorizzare i contratti o i subcontratti relativi a lavori, servizi o forniture, devono acquisire la documentazione antimafia. La documentazione antimafia non è richiesta, tra gli altri, nel caso in cui il valore economico dell attività non superi il valore di ovvero nel caso di stipula, approvazione o concessione di erogazioni nei confronti di chi esercita attività agricole o professionali non organizzate in forma di impresa, nonché a favore di chi esercita attività artigiana in forma di impresa individuale e attività di lavoro autonomo anche intellettuale in forma individuale. Per comunicazione antimafia si intende l attestazione dell esistenza o meno di una delle cause di decadenza, sospensione, o di divieto delle iscrizioni, autorizzazioni, concessioni, abilitazioni ecc. previste dalla normativa vigente. Per informazione antimafia si intende, oltre all attestazione dell esistenza o meno di una delle cause di decadenza, sospensione o divieto delle iscrizioni, autorizzazioni, concessioni, abilitazioni ecc., l attestazione dell esistenza o meno di eventuali tentavi di infiltrazione mafiosa tendenti a condizionare le scelte o gli indirizzi delle società o imprese interessate. In merito ai soggetti sottoposti alla verifica antimafia, oltre al direttore tecnico, ove previsto, essa riguarda: se si tratta di associazioni, il legale rappresentante; se si tratta di società anche consortili, ex articolo 2615-ter c.c., società cooperative e loro consorzi, il legale rappresentante e gli eventuali altri componenti l'organo di amministrazione, nonché ciascuno dei consorziati che nei consorzi e nelle società consortili detenga una partecipazione superiore al 10 per cento oppure detenga una partecipazione inferiore al 10 per cento e che abbia stipulato un patto parasociale riferibile a una partecipazione pari o superiore al 10 per cento, i soci o consorziati per conto dei quali le società consortili o i consorzi operino in modo esclusivo nei confronti della pubblica amministrazione; per i consorzi di cui all articolo 2602 c.c., chi ne ha la rappresentanza e gli imprenditori o società consorziate; per i raggruppamenti temporanei di imprese, le imprese costituenti il raggruppamento, anche se aventi sede all estero. L informazione antimafia, oltre ai soggetti sopra citati a seconda della tipologia di società, deve riferirsi anche ai familiari conviventi. La comunicazione antimafia è rilasciata dal prefetto della provincia in cui il soggetto richiedente ha la sede, ovvero da quello della provincia in cui le persone fisiche, le società, i consorzi e le associazioni richiedenti hanno la residenza o hanno la sede. Essa ha durata semestrale ed è conseguita mediante consultazione della banca dati nazionale. Il Codice, tuttavia, prevede la possibilità per i soggetti interessati di ricorrere all autocerficazione. 3

4 L informazione antimafia, invece, ha efficacia annuale qualora non siano intervenuti mutamenti societari o gestionali, è rilasciata dal prefetto ed è conseguita mediante consultazione della c.d. banca dati nazionale da parte delle amministrazioni interessate, dalle camere di commercio e dagli ordini professionali. Permane il divieto di frazionamento dei contratti, delle concessioni o delle erogazioni, effettuate allo scopo di eludere gli obblighi di legge. La richiesta dell informazione antimafia deve essere effettuata dalle stazioni appaltanti al momento dell aggiudicazione del contratto ovvero trenta giorni prima della stipula del subcontratto. La banca dati nazionale contiene tutte le comunicazioni e le informazioni antimafia, sia liberatorie che interdittive. Essa è collegata con il sistema informatico della Direzione investigativa antimafia (DIA) e permette di consultare i dati acquisiti attraverso gli accessi nei cantieri delle imprese interessate dall esecuzione dei lavori pubblici disposti dal prefetto. Con uno o più regolamenti interministeriali, da adottarsi entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del provvedimento in esame, saranno disciplinati il funzionamento, l accesso, l autenticazione, la registrazione e la consultazione della banca dati nazionale, nonché il suo collegamento con il CED interforze. Il sistema informatico conserva la traccia di ogni accesso e garantisce l individuazione del soggetto che accede. Il rilascio della comunicazione antimafia e della informazione antimafia è immediato, salvo che dalla consultazione della banca dati non emergano cause ostative. Ai fini dell esecuzione delle funzioni dirette a prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti, il prefetto dispone accessi e accertamenti nei cantieri delle imprese interessate. E prevista anche la possibilità che il soggetto interessato possa essere audito, qualora il prefetto lo ritenga utile, ai fini dell acquisizione delle informazioni necessarie al rilascio dell informazione antimafia. A tale scopo, sono considerate imprese interessate all esecuzione dei lavori pubblici tutti i soggetti che intervengono a qualunque titolo nell esecuzione dell opera, anche con noli e forniture di beni e prestazioni di servizi, compresi quelli di natura intellettuale, a prescindere dall importo dei relativi contratti e subcontratti. L eventuale accertamento da parte del prefetto della presenza di cause ostative al rilascio della documentazione antimafia determina il divieto per le amministrazioni interessate di stipulare, approvare o autorizzare i contratti o subcontratti ovvero di autorizzare, consentire o rilasciare le autorizzazioni o le concessioni. Qualora l accertamento della cause ostative è successivo alla stipula del contratto o al rilascio delle autorizzazioni, sussiste l obbligo assoluto (e non più la facoltà) per le stazioni appaltanti di recedere dal contratto o di revocare le autorizzazioni, fermo restando il pagamento del valore delle opere eseguite e il rimborso delle spese sostenute per l esecuzione del rimanente. 4

5 Fanno eccezione all effetto caducatorio conseguente all accertamento delle informazioni interdittive, l ipotesi in cui i lavori siano in fase di ultimazione ovvero, nel caso di fornitura di beni e servizi di natura essenziale, l impossibilità di sostituire il contraente in tempi rapidi. Le disposizioni contenute nel Libro II, Capi I, II, III e IV del Codice relative, come detto, alla comunicazione antimafia e all informazione antimafia, entreranno in vigore decorsi 24 mesi dalla data di pubblicazione in GU del regolamento o dell ultimo dei regolamenti che dovranno disciplinare le modalità di funzionamento della banca dati nazionale. Si resta a disposizione per ogni ulteriore chiarimento. Cordiali saluti. IL SEGRETARIO GENERALE (Vincenzo Mannino) 5

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Modificazioni concernenti la validità della documentazione antimafia e l'ambito delle relative verifiche

Modificazioni concernenti la validità della documentazione antimafia e l'ambito delle relative verifiche DECRETO LEGISLATIVO 6 SETTEMBRE 2011, N. 159 CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA E DELLE MISURE DI PREVENZIONE, NONCHÉ NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE ANTIMAFIA, A NORMA DEGLI ARTICOLI 1 E 2 DELLA

Dettagli

Circolare N.138 del 20 ottobre 2011. Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011

Circolare N.138 del 20 ottobre 2011. Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Circolare N.138 del 20 ottobre 2011 Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Codice antimafia e appalti: le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Gentile cliente, con la presente,

Dettagli

COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218)

COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218) COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218) La comunicazione antimafia consiste nell'attestazione della sussistenza o meno di una delle cause

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153

DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153 DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153 Ulteriori disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione,

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Denominata "Libero Consorzio Comunale"ai sensi della L.R. n. 8/2014 SEGRETERIA GENERALE Servizio Ispettivo

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Denominata Libero Consorzio Comunaleai sensi della L.R. n. 8/2014 SEGRETERIA GENERALE Servizio Ispettivo PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Denominata "Libero Consorzio Comunale"ai sensi della L.R. n. 8/2014 SEGRETERIA GENERALE Servizio Ispettivo Prot. n. Messina, lì?s M. A tutti i Dirigenti Al Comandante Polizia

Dettagli

Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia

Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia CONSIDERAZIONI GENERALI È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (G.U. n. 226 del 28.9.2011 - Suppl.

Dettagli

LIBRO II. Nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia. Capo I. Disposizioni di carattere generale

LIBRO II. Nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia. Capo I. Disposizioni di carattere generale LIBRO II Nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia Capo I Disposizioni di carattere generale Articolo 82 Oggetto 1. Il presente Libro disciplina la documentazione antimafia ed i suoi effetti,

Dettagli

Codice antimafia, via libera alle modifiche Ipsoa.it

Codice antimafia, via libera alle modifiche Ipsoa.it Codice antimafia, via libera alle modifiche Ipsoa.it Il Consiglio dei Ministri del 26 ottobre 2012 ha approvato in via definitiva, dopo aver acquisito il parere delle Commissioni parlamentari competenti,

Dettagli

Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F Luogo di nascita: Stato Provincia Comune

Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F Luogo di nascita: Stato Provincia Comune Timbro del protocollo COMUNE DI ROSTA Città metropolitana di Torino SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P. del Comune di Rosta Piazza Vittorio Veneto n 1 10090 ROSTA (TO) Sito web: www.comune.rosta.to.it

Dettagli

LORO SEDI. e Forestali. internazionali

LORO SEDI. e Forestali. internazionali ORGANISMO PAGATORE OCOM VINO E ALTRI AIUTI Via Palestro, 81 00185 Roma Prot. n. DPMU.013.1344 Roma, lì 3/4/013 A tutti gli Operatori interessati Ai Centri di Assistenza Agricola Alle Organizzazioni interessate

Dettagli

D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159

D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13

Dettagli

Il/la sottoscritto/a nato/a il a Residente in Via/Piazza n.,

Il/la sottoscritto/a nato/a il a Residente in Via/Piazza n., Allegato 7 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL CERTIFICATO DI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA E DATI PER L ACQUISIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE ANTIMAFIA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

PRIME NOTE SUI DIFFICILI RAPPORTI TRA CODICE ANTIMAFIA E CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

PRIME NOTE SUI DIFFICILI RAPPORTI TRA CODICE ANTIMAFIA E CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI M.Cristina Colombo Avvocato in Milano PRIME NOTE SUI DIFFICILI RAPPORTI TRA CODICE ANTIMAFIA E CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI PREMESSA Per effetto delle nuove norme in materia di antimafia, introdotte dal

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AL DOMICILIO DEL CONSUMATORE (CATERING) Segnalazione certificata di inizio attività

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AL DOMICILIO DEL CONSUMATORE (CATERING) Segnalazione certificata di inizio attività Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A - tel. 051.2194082 - fax 051.2194870 SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO

DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO L appaltatore all atto dell offerta, e, nel caso di varianti in corso d opera, all atto dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA. 40129 Bologna - piazza Liber Paradisus, 10, Torre A - tel. 051/2194082 pec: suap@pec.comune.bologna.it

COMUNE DI BOLOGNA. 40129 Bologna - piazza Liber Paradisus, 10, Torre A - tel. 051/2194082 pec: suap@pec.comune.bologna.it Comunicazione a 30gg Titolazione 10.01.04/ 10.01.05 Tipo doc. 16 Proc.1857 spazio per marca da bollo euro 16,00 COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 27 ottobre 2014 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 27 ottobre 2014 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 155 - Numero 250 UFFICIALE DELLA

Dettagli

AL COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE

AL COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE Marca Bollo AL COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PERMANENTE PER ESERCIZIO DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE, A SEGUITO DI ACQUISIZIONE

Dettagli

Codice antimafia: analisi Ance su criticità e problemi applicativi

Codice antimafia: analisi Ance su criticità e problemi applicativi Codice antimafia: analisi Ance su criticità e problemi applicativi Verifica antimafia e verifica sul concorrente in fase di gara ai sensi dell articolo 38 del codice appalti Un primo punto da chiarire

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE RELAZIONE ISTRUTTORIA

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE RELAZIONE ISTRUTTORIA PROT. S.G. PROVINCIA DI NAPOLI AREA PATRIMONIO PROT. INT. N. NAPOLI, LI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE Oggetto: Aggiornamento dell inventario dei beni immobili di proprietà della Provincia di Napoli anno 2014.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R. Approvato con atto del Direttore Generale n 102/13 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Dell A.L.E.R. DI PAVIA 1.

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

marca da bollo COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE

marca da bollo COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE (11/2015) marca da bollo COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE RICHIESTA VOLTURA AUTORIZZAZIONE PER ESERCIZIO DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE NEL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LE PREFETTURE DELL EMILIA-ROMAGNA

PROTOCOLLO D INTESA LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LE PREFETTURE DELL EMILIA-ROMAGNA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE PREFETTURE DELL EMILIA-ROMAGNA PER L ATTUAZIONE DELLA L.R. 11/2010 DISPOSIZIONI PER LA PROMOZIONE DELLA LEGALITÀ E DELLA SEMPLIFICAZIONE NEL SETTORE

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag.

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag. TECNOPOLIS CSATA Società consortile a responsabilità limitata Sede Legale: Str. Prov. Per Casamassima Km. 3-70010 Valenzano Bari/Italy tel. +39-80-4670.111 - fax +39-80-4551.868 Cap. soc. Euro 90.646,00

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 8

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 11,

Dettagli

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI Alico Italia S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma Tel.: +39 06 492161 Fax: +39 06 49216300 Unionfondo Fondo Pensione Aperto Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

La Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Chieti e gli Enti della provincia di Chieti che sottoscrivono il presente protocollo, premesso

La Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Chieti e gli Enti della provincia di Chieti che sottoscrivono il presente protocollo, premesso PROTOCOLLO DI LEGALITÀ IN MATERIA DI APPALTI PUBBLICI La Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Chieti e gli Enti della provincia di Chieti che sottoscrivono il presente protocollo, premesso -

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

AL COMUNE DI PERUGIA U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA

AL COMUNE DI PERUGIA U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA Marca da bollo (mod. 4/2015) AL COMUNE DI PERUGIA U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA RICHIESTA REINTESTAZIONE AUTORIZZAZIONE PER LOCALE DI PUBBLICO SPETTACOLO E COMUNICAZIONE CONTINUAZIONE

Dettagli

2: modificazione delle disposizioni legislative di cui all articolo 3 della Legge 27. Domanda 4: Risposta 4:

2: modificazione delle disposizioni legislative di cui all articolo 3 della Legge 27. Domanda 4: Risposta 4: Procedura di selezione per l'affidamento in concessione della gestione del gioco del Bingo (art. 1, commi da 636 a 638, della L. 27 dicembre 2013 n. 147, pubblicata nella G.U. n. 302 del 27 dicembre 2013

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 Modello B Gara 3-f-2015 FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UFFICIO GARE E

Dettagli

SEGNALA ai sensi dell art. 19 della Legge 241/1990 e successive modifiche

SEGNALA ai sensi dell art. 19 della Legge 241/1990 e successive modifiche SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 della Legge 241/90 e successive modifiche ed integrazioni) La/Il sottoscritta/o (cognome) (nome) codice fiscale in qualità di: titolare legale rappresentante

Dettagli

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 7213 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio 1999, n. 11. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO Art.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON L AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO D IMPRESA S.P.A. (INVITALIA) PREMESSO CHE - L art.

Dettagli

Documentazione per l esame di Atti del Governo

Documentazione per l esame di Atti del Governo Documentazione per l esame di Atti del Governo Ulteriori disposizioni integrative e correttive al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione

Dettagli

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15.03.2011 1 ARTICOLO 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

IL CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

IL CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA IL CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA (Decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159) Esame e commento Novembre 2011 1 Come ampiamente pubblicizzato dalla stampa, il decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159,

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. CHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. 445/2000) Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente a via nella sua qualità di

Dettagli

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AI FINI DELLA RICHIESTA ALLA PREFETTURA COMPETENTE DI INFORMAZIONE ANTIMAFIA

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AI FINI DELLA RICHIESTA ALLA PREFETTURA COMPETENTE DI INFORMAZIONE ANTIMAFIA ALLEGATO 5 all Avviso Pubblico per la presentazione delle domande a valere sulla Misura 411 Competitività Azione 3 Attivazione con approccio LEADER della Misura 121 Ammodernamento Aziende Agricole di cui

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE, OGGETTO E FINALITA Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE,

Dettagli

Protocollo di Legalità tra la. PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di T R I E S T E. l AUTORITÀ PORTUALE di T R I E S T E

Protocollo di Legalità tra la. PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di T R I E S T E. l AUTORITÀ PORTUALE di T R I E S T E Protocollo di Legalità tra la PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di T R I E S T E e l AUTORITÀ PORTUALE di T R I E S T E ai fini della prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità

Dettagli

Progetto Pro.Di.Gio. AUTOCERTIFICAZIONI AZIENDA E PROFESSIONISTA

Progetto Pro.Di.Gio. AUTOCERTIFICAZIONI AZIENDA E PROFESSIONISTA Progetto Pro.Di.Gio. AUTOCERTIFICAZIONI AZIENDA E PROFESSIONISTA Premessa e Istruzioni La valutazione delle domande presentate dalle aziende alla Regione Lazio e relative all Avviso Prodigio si basa su

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici.

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici. LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO Norme in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 21 del 30 luglio 1980 Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Determinazione del Direttore Generale n. 25 del 5 marzo 2013 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE (Provincia di Vibo Valentia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI CONFISCATI ALLA MAFIA AI SENSI DELLA LEGGE 109/96 DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE DEL COMUNE DI SAN CALOGERO

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

Servizio Pubblici Appalti

Servizio Pubblici Appalti Servizio Pubblici Appalti OGGETTO: Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50 pubblicato nella G.U. del 19/04/16 supplemento ordinario n. 10/L recanti le disposizioni relative al nuovo Codice degli appalti

Dettagli

A TUTTE Milano, 10 Settembre 2010 LE AZIENDE ASSOCIATE

A TUTTE Milano, 10 Settembre 2010 LE AZIENDE ASSOCIATE A TUTTE Milano, 10 Settembre 2010 LE AZIENDE ASSOCIATE LORO SEDE Oggetto: Piano straordinario contro le mafie. Nuove indicazioni sulla bolla di consegna o DDT. E stato approvato il ddl in oggetto recante

Dettagli

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA)

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA) DURC SINTESI DELLE LEGGI E NORMATIVE AGGIORNATO A OTTOBRE 2013 Entrato in vigore il 2 gennaio 2006, il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) è un certificato che, sulla base di un'unica richiesta,

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO ART. 1 ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA E costituita un associazione denominata: Associazione Commercianti - Pubblici Esercizi - Attività di Servizi - Ausiliari del Commercio

Dettagli

Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI.

Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI. Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI. Approvato con delibera consiliare n. 48 dd 14/09/2001

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 26/07/2013 Circolare n. 114 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 30 ottobre 2014, n. 193. Regolamento recante disposizioni concernenti le modalità di funzionamento, accesso, consultazione

Dettagli

AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso.

AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso. AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso. ASSUMI UNO BRAVO COME TE. Invitalia offre tre differenti opportunità di autoimpiego a chi non ha un lavoro e vuole avviare un attività in proprio: il lavoro

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Delibera Consob 19 dicembre 2014 n. 19084 Modifiche al regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con delibera del 14 maggio 1999 n.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della provincia di Cremona Approvato con D.C.P. n. 165 del 17.12.2008

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di:

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di: ALLEGATO 2 dichiarazione sostitutiva Al Comune di CORSICO Via Roma n. 18 20094 CORSICO (MI) OGGETTO: Avviso pubblico per l accreditamento della fornitura di prestazioni domiciliari assistenziali e socio-educative

Dettagli

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E.

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. AL COMUNE DI RAGUSA Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE O RESPONSABILE DEI LAVORI (art.90 D.Lgs. n. 81 del 09.04 08 come modificato dall art 59 del D.Lgs n. 106 del 03.08.09)

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a il a codice fiscale. residente a via/piazza n. C.A.P. tel. cellulare fax

Il/La sottoscritto/a. nato/a il a codice fiscale. residente a via/piazza n. C.A.P. tel. cellulare fax COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 COMUNICAZIONE AI FINI DELLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Prot. DPMU.2014.4858 dell 11.11. 2014. ALLA REGIONE BASILICATA Dip. Agricoltura Via Anzio 44 85100 Potenza

Prot. DPMU.2014.4858 dell 11.11. 2014. ALLA REGIONE BASILICATA Dip. Agricoltura Via Anzio 44 85100 Potenza ORGANISMO PAGATORE OCM VINO E ALTRI AIUTI Via Palestro, 81 00185 Roma Prot. DPMU.2014.4858 dell 11.11. 2014 ALLA REGIONE BASILICATA Dip. Agricoltura Via Anzio 44 85100 Potenza ALLA REGIONE PIEMONTE Corso

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE C I TT A D i G E R A C E 1. Oggetto del Piano PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE 1. Il piano di prevenzione della corruzione: a) fornisce il diverso livello di esposizione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

INTERNATIONAL SECURITY SERVICE VIGILANZA

INTERNATIONAL SECURITY SERVICE VIGILANZA REGIONE PIEMONTE BU36S1 10/09/2015 Codice A11090 D.D. 8 giugno 2015, n. 310 Servizio di vigilanza armata e non armata, esecuzione e manutenzione impianto di video sorveglianza TVCC presso la sede regionale

Dettagli

Comune di San Michele Salentino

Comune di San Michele Salentino Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi SETTORE AA. GG. SERVIZI SOCIO-SCOLASTICI Via G. Pascoli, 1-72018 San Michele Salentino (BR) P. I.V.A. 00242750743 Cod. Fisc. 81002890747 Tel. 0831.966026

Dettagli

COMUNE DI ROGNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ROGNO Provincia di Bergamo COMUNE DI ROGNO Provincia di Bergamo CAP 24060-PIAZZA DRUSO,5 TEL. 035/967013 FAX 035/967243 E.mail info@comune.rogno.bg.it Cod. fisc. 00542510169 P. IVA 00500290168 REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO ECONOMICO ALLE IMPRESE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale nr. 68 del 25/10/2010 BOZZA 1 Art. 1 - Finalità

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

1. le abilitazioni amministrative richieste dalla legge vigente in relazione alla tipologia di lavori da realizzare.

1. le abilitazioni amministrative richieste dalla legge vigente in relazione alla tipologia di lavori da realizzare. Detrazione del 36% Giovedì 10 Novembre 2011 10:48 Con il Provvedimento 2 novembre 2011, Prot. n.2011/149646, l`agenzia delle Entrate individua i documenti che i contribuenti devono conservare, ed esibire

Dettagli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM.MNUC Reg. Uff. n.104077 del 22/12/2014 IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli VISTO il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, (T.U.L.P.S.), e successive modificazioni

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE In bollo da. 14,62 ALLEGATO A Al Conaf Via Oggetto: Affidamento servizio di broker e consulenza assicurative biennio 2012-2013 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE (da rendere, sottoscritta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

ATTO AGGIUNTIVO IN MATERIA ANTICORRUZIONE AL PROTOCOLLO DI LEGALITA SOTTOSCRITTO IL 26 SETTEMBRE 2014. tra PREFETTURA DI MILANO.

ATTO AGGIUNTIVO IN MATERIA ANTICORRUZIONE AL PROTOCOLLO DI LEGALITA SOTTOSCRITTO IL 26 SETTEMBRE 2014. tra PREFETTURA DI MILANO. ATTO AGGIUNTIVO IN MATERIA ANTICORRUZIONE AL PROTOCOLLO DI LEGALITA SOTTOSCRITTO IL 26 SETTEMBRE 2014 tra PREFETTURA DI MILANO e CAP HOLDING SpA In data 05.12.2014 presso la Prefettura di Milano, corso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO COMUNE DI VIGOLO VATTARO (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 35 del 29.12.1999 Modificato con delibera

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

tra la Regione Toscana con sede in, Via/Piazza, n. (Cod. fisc. ), rappresentato da ;

tra la Regione Toscana con sede in, Via/Piazza, n. (Cod. fisc. ), rappresentato da ; Allegato 1 Convenzione per l interscambio informativo tra Regione Toscana e gli Enti Locali toscani tra la Regione Toscana con sede in, Via/Piazza, n. (Cod. fisc. ), rappresentato da ; e Comune / Unione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2378 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CICOLANI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 LUGLIO 2003 Disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI Approvato con Deliberazione della Commissione Straordinaria

Dettagli

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

---------- Il sottoscritto nato il a... in qualità di. dell impresa.. con sede in con codice fiscale n con partita IVA n... con la presente CHIEDE

---------- Il sottoscritto nato il a... in qualità di. dell impresa.. con sede in con codice fiscale n con partita IVA n... con la presente CHIEDE Marca da bollo legale ALLEGATO 1 ( 14,62) DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI CASSA, ALTRI SERVIZI E INTERVENTI DI SPONSORIZZAZIONE A FAVORE DELLA SCUOLA SUPERIORE

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli