MASTER UNIVERSITARIO IN MARKETING E MARKET ACCESS FARMACEUTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER UNIVERSITARIO IN MARKETING E MARKET ACCESS FARMACEUTICO"

Transcript

1 Convegno TECNOLOGIE MEDICHE: CONIUGARE INNOVAZIONE E SOSTENIBILITA. Roma, Mercoledì 8 Ottobre 2014 Auditorium I Clinica medica - Viale del Policlinico 155 Summary Via Vincenzo Lamaro, Roma tel fax

2 Nell ambito del convegno Tecnologie mediche: coniugare innovazione e sostenibilità svoltosi presso la Sapienza Università di Roma l 8 Ottobre 2014, è stato presentato al pubblico il Master in Marketing e Market Access Farmaceutico. Il Convegno ha visto la partecipazione di: Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute Annarita Vestri, Professore ordinario di statistica medica della Sapienza Università di Roma Luigi Frati, Magnifico Rettore - Sapienza Università di Roma Eugenio Gaudio, Preside Facoltà di Farmacia e Medicina e neoeletto Magnifico Rettore della Sapienza Università di Roma Vincenzo Vullo, Direttore Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive - Sapienza Università di Roma Federico Spandonaro, Presidente CREA Sanità Università di Roma Tor Vergata Stefano Vella, Direttore Dipartimento del Farmaco Istituto Superiore di Sanità Tonino Aceti, Coordinatore Nazionale Tribunale per i Diritti del Malato, Cittadinanzattiva Stefania Basili, Sapienza Università di Roma, Prof. Associato di Medicina Interna e Specialità Mediche Francesco Conti, Direttore Comunicazione, Relazioni Istituzionali, Congressi di Medtronic Italia Lucio Corsaro, Direttore Generale della Medi-Pragma Lorenzo Mantovani, Università di Napoli Federico II, Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia Federico Serra, Government Affairs & External Relation Director Novo Nordisk, Vice Presidente Public Affairs Association Maurizio Simmaco, Direttore Diagnostica Molecolare Avanzata Di.M.A., Sapienza Università di Roma Lorenzo Terranova, Direttore del Centro studi Federsanità ANCI RS 8453 MASTER MAF. 1

3 PREMESSA La spesa per farmaci in Italia si contraddistingue, tra gli altri mercati nazionali dei Paesi industrializzati, per i seguenti elementi: un decremento ormai pronunciato e persistente della componente territoriale e rimborsata; un alternanza di aumenti e decrementi della componente a spesa privata; una crescita ancora sensibile della componente ospedaliera e a spesa diretta delle istituzioni pubbliche. Al contrario l aumentata speranza di vita, i cambiamenti dei quadri epidemiologici, l innovazione tecnologica e le maggiori aspettative dei cittadini, sempre più informati e consapevoli, sono fattori concatenati il cui effetto complessivo pone una pressione verso l aumento della domanda di servizi. Ci si deve quindi chiedere come sia possibile che una domanda crescente in volume si coniughi con decrementi marcati della spesa, almeno per il segmento della spesa farmaceutica territoriale coperta da rimborso. La risposta è che nel nostro Paese le misure di contenimento della spesa pubblica hanno avuto un importante effetto sul capitolo della farmaceutica territoriale, consentendo al SSN di recuperare preziose risorse da immettere nell innovazione entrante nel canale ospedaliero. Dati di spesa in milioni di euro per comparto anni 2012, 2013, 2014 e Δ% 2013 Δ% 2014* Δ% 2015** Δ% TOTALE GENERALE ,8% ,9% ,4% ,0% Specialistica ospedaliera e diretta ,6% ,2% ,0% ,0% Farmaceutica territoriale ,8% ,0% ,3% ,1% - Rimborsata SSN ,3% ,3% ,5% ,0% - A spesa privata ,9% ,0% ,5% ,0% Automedicazione ,6% ,1% ,5% ,0% PIL (Prodotto Interno Lordo) 0,4% -0,4% 1,0% 2,4% *Pre-consuntivo sulla base dei dati storici di gennaio-luglio 2014 ** Previsione Medi-Pragma Nota: i valori della spesa non considerano eventuali ripiani e sono espressi in prezzi al pubblico, eccetto il segmento dell ospedaliera e diretta. Sono al lordo di ticket, sia regionali che copay, e sconto farmacie e produttori Fonte: Elaborazione Medi-Pragma su dati Osmed Attualmente in Italia, secondo i dati di Medi-Pragma, sono circa gli specialisti aziendali che operano sul territorio italiano per agevolare a livello locale i processi di adozione e accesso alle cure. Una moltitudine di professionisti che dal 2010 al 2014 è quasi raddoppiata (+ 80%). Un fenomeno in controtendenza rispetto al progressivo assottigliarsi delle reti di informazione scientifica, soppiantate in parte anche dal ricorso agli strumenti della comunicazione digitale. RS 8453 MASTER MAF. 2

4 Inoltre, tra i primi cento produttori di tecnologie mediche presenti in Italia, in termini di fatturato, il 55% si è dotato di un organizzazione formale di Market Access. Negli altri casi le aziende fanno fronte ad eventuali problematiche con la costituzione di task force dedicate o rivolgendosi a società di servizi specializzate. Avere una struttura dedicata e una strategia di Market Access per l azienda farmaceutica è ormai necessario. Ancora di più se si pensa al contesto italiano che ha particolarità uniche, dovute alla disomogeneità territoriale del sistema di accesso e alla sua continua trasformazione a seguito di manovre finanziare ed economiche. Inoltre il diverso grado di accesso alle cure potrebbe essere rallentato dalla disomogeneità territoriale dovuta prevalentemente alle politiche sanitarie decentralizzate. Anche a causa di questa eterogeneità è difficile individuare tra le imprese, che si sono mosse finora in ordine sparso, uno standard organizzativo per il Market Access: alcune aziende si focalizzano nelle fasi di negoziazione con AIFA, altre si confrontano direttamente a livello locoregionale. Figura A Tuttavia, il profilo organizzativo delle aziende si va generalmente riconfigurando istituendo strutture impegnate in attività esterne, volte a stabilire relazioni con gli interlocutori della sanità (decisori, gestori ed operativi) e dedicate allo sviluppo di progettualità specifiche, e strutture interne dedicate alle attività di Pricing & Reimbursement, HTA, Health Economics, Outcome Research. Questa separazione di ruoli esterno / interno sarà, probabilmente, sempre meno funzionale. Infatti, mentre rimangono rilevanti le attività di mappatura delle politiche regionali e lo sviluppo di progettualità mirate ad agevolare o mantenere genericamente la diffusione di un prodotto, la sfida del Market Access e del Patient Access assumerà i toni di una continua competizione per le risorse. Quindi, le strutture di Market Access che classicamente hanno avuto e tuttora svolgono un ruolo determinante in due momenti specifici quali l introduzione nel mercato dei nuovi prodotti, la scadenza brevettuale (LoE) sono chiamate ad assumere nuovi compiti in tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto. L illustrazione grafica che segue, basata sul parere di 200 esperti sparsi per il mondo, serve a far riflettere sulla complessità e le interdipendenze che riguardano il Market Access, ormai non RS 8453 MASTER MAF. 3

5 solo una funzione specifica, ma una vera nuova filosofia di business in cui i temi della sostenibilità economica e dell etica non possono essere ignorati. Figura B Con questa visione prospettica nasce il Master in Marketing e Market Access Farmaceutico, «un Master di grande attualità rispetto al fabbisogno europeo» come ha dichiarato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin nel corso del suo intervento al Convegno. L istituzione del Master si basa sulla consapevolezza della necessità di una figura professionale, nuova, che sappia comprendere le dinamiche del Market Access, divenuto ormai cruciale per le aziende farmaceutiche e per il SSN, e che sappia sviluppare un dialogo assertivo con gli stakeholders per stabilire politiche e strategie anche rispetto agli altri paesi europei. Il Market Access ha assunto i connotati di un processo complesso dove la competizione per accedere alle nuove proposte terapeutiche sarà sempre più accentuata a fronte di risorse disponibili limitate. Da qui nasce l esigenza di coniugare innovazione e sostenibilità del sistema. Il Master, diretto dalla Prof. Annarita Vestri, Ordinario di Statistica Medica della Sapienza Università di Roma, affronterà vari temi: dalla diffusione delle malattie, allo sviluppo delle nuove cure e alla loro valutazione economica. Presenterà simulazioni di decisioni riguardanti casi reali per apprezzarne le conseguenze non solo sul piano finanziario ma anche sul versante del benessere sociale e, non ultimo, sul piano etico. È un percorso formativo che si pone l obiettivo di colmare le lacune che possono agevolare e rilanciare il dialogo con i decisori; in RS 8453 MASTER MAF. 4

6 particolare per le situazioni che richiedono la valutazione appropriata di tecnologie e risorse. Anche perché, come afferma la Prof. Vestri, «per fare Market Access sarà sempre più necessario ricorrere alla teoria delle decisioni e cioè applicare tecniche di analisi e strumenti quantitativi a fenomeni complessi allo scopo di prevederne il comportamento». Il Convegno Condividere quali possano essere i drivers che coniughino insieme Innovazione e sostenibilità è la sfida che si è posta l organizzazione del Convegno. Gli interventi dei relatori sono stati sfidanti e, in certi casi, illuminanti sulle molteplici possibilità che si hanno per mettere a disposizione dei pazienti le più valide e innovativi tecnologie mediche e contestualmente assicurare sostenibilità al sistema. Formazione, appropriatezza terapeutica e prevenzione sono stati i temi centrali della discussione; un confronto che ha ribadito, comunque, il valore insostituibile del SSN quale strumento indispensabile per la tutela dello stato di salute come principio base di un buon welfare. Presieduto dalla Prof. Annarita Vestri, Ordinario di Statistica Medica alla Sapienza, il convegno si è aperto con l intervento del Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin che ha ribadito come coniugare «innovazione e sostenibilità» sia il tema su cui tutti gli operatori del settore dovranno confrontarsi nei prossimi anni. L innovazione è il presente e il futuro della Medicina. Attualmente, ha proseguito il Ministro, si hanno a disposizione una serie di scoperte che hanno rivoluzionato l approccio alla medicina provenienti dal mondo dei medical device, oltre che da quello del farmaco. Prodotti innovativi che hanno cambiato e cambieranno l approccio del medico al paziente e quello del paziente alla propria cura. Come faranno i Paesi a sostenere un innovatività così elevata? «È proprio questa la domanda che ha informato il semestre di presidenza italiana delle UE» ha sostenuto il Ministro, «il tasso di innovazione informa una nuova stagione della politica europea». La questione ha due importanti risvolti: quello economico-sanitario, che coinvolge investitori e RS 8453 MASTER MAF. 5

7 industria, sul quale bisogna riflettere e intervenire per garantire l accesso all innovatività a tutti i pazienti, assicurando tutte le nuove molecole e le nuove scoperte; il secondo aspetto è quello relativo al cambiamento dell approccio alla medicina; in questo contesto il tema della medicina personalizzata è già un presente. «Le risposte a tutte queste domande saranno possibili attraverso un nuovo approccio metodologico. Si devono preparare i cittadini ad un cambiamento di prospettiva, educarli alla prevenzione che deve essere l arma primaria per la sostenibilità dei sistemi» ha aggiunto il Ministro. La programmazione sarà quindi utile al recupero del massimo di efficienza del sistema e la prevenzione necessaria per accedere all innovazione. Aumentare la consapevolezza dei comportamenti a rischio, come quelli inerenti all uso dei farmaci, ed educare alle buone abitudine fin dall infanzia sono le sfide del sistema. E per questo che, come afferma il Ministro, si stanno promuovendo piani di azione per arrivare alle persone e per spiegare loro l importanza della prevenzione. Garantire ai pazienti l accesso alle migliori cure disponibili, ha concluso il Ministro, è il compito del Sistema Sanitario, nel rispetto del suo principio fondante ovvero l universalità. Sono più di 20 anni che ci si interroga su «dove sta andando la Sanità» afferma Luigi Frati Magnifico Rettore della Sapienza Università di Roma, quando si iniziava a parlare sempre più di farmaci biotech e meno di farmaci di sintesi. Me nel corso di questi anni si è evidenziato che il vero problema è credere nella ricerca. E la sanità non ci crede abbastanza. L investimento in ricerca della sanità italiana è inferiore di quello degli altri paesi europei. Se non si investe in ricerca si verificherà una migrazione sempre maggiore dei pazienti altrove, verso altre nazioni, mentre è importante pensare in un ottica di offerta di servizi che possano invece fare registrare una controtendenza, ovvero una maggiore presenza di cittadini di altri paesi in Italia. Un conto economico che diventa quindi una scelta scientifica. La ricerca di base è il motore di questo sistema: è un valore aggiunto alla clinica e necessario alla formazione. La scadenza dei brevetti ci da modo di intervenire in questo sistema, dove è possibile recuperare margini per dare più sanità ai cittadini E il ruolo dell Università? Rispetto al passato è cambiato l approccio al malato. Non si ragiona più in un ottica patocentrica come ribadito da Eugenio Gaudio, Preside della Facoltà di Farmacia e Medicina della Sapienza e neo-eletto Rettore della stessa Università, «Bisogna educare alla prevenzione primaria (l obesità dei bambini in Italia ne è un esempio); di questo se ne deve fare carico l Università». Altro punto di competenza dell Università è la formazione degli operatori, perché l appropriatezza può dare un contributo importante alla sostenibilità del sistema. Si deve RS 8453 MASTER MAF. 6

8 evitare la medicina difensiva e si deve poter contare su medici competenti che agiscano sulla prevenzione e che garantiscano cure appropriate. Non si può più ragionare in un ottica di tagli ulteriori perché un paese non si può sviluppare con i tagli. Quindi conclude il Preside Gaudio «sono due gli obiettivi di uno stato moderno: avere un sistema sanitario sano e investire in cultura e formazione. Perché il Paese è in una crisi culturale e morale prima ancora che economica. Bisogna prima agire sulla crisi culturale e morale». Parlando di come sia possibile coniugare crisi e innovazione, secondo il Prof. Federico Spandonaro, Presidente CREA Sanità e docente all Università di Roma Tor Vergata, «oggi scopriamo di avere problemi che la maggior parte del mondo ha nell accesso all innovazione. Finché non ci è toccato non ce ne siamo resi conto. Veniamo da 10 anni di recessione e in questo Paese cominciano a non quadrare i conti; lo si vede nei fondi destinati all innovazione. La crescita è zero in Italia o 0.2% e spendiamo in salute il 25% in meno del resto d Europa.» «Abbiamo poca cultura dell innovazione. Anche questo aspetto ha un motivo etico. Si prenda ad esempio il caso dell HIV dove ci si è investito molto per l elevato ritorno economico previsto, visti i costi delle terapie. L innovazione va pagata e ci sono sicuramente recuperi da fare. Ci sono già in atto meccanismi di razionamento. I consumi pro-capite in Italia sono tutti più bassi di tutte le classi terapeutiche degli altri paesi, ci sono barriere all accesso, ci sono limiti di budget e siamo attenti all uso di farmaci innovativi. Negli ultimi anni la spesa privata di classe A è aumentata del 70%, segno che il SSN evidentemente regge. Oltretutto siamo il paese con l IVA più alta per i prodotti farmaceutici. Dove si vanno a prendere i soldi? Si spera che il PIL cresca, ma come? Bisogna stabilire le priorità e l unica alternativa è deciderle. Un esempio di come le risorse non vengano allocate efficacemente è rappresentato dalla gratuità delle terapie antipertensive che hanno un basso impatto economico, o come quelle antibiotiche oltretutto mal utilizzate in Italia.» Secondo il Prof. Spandonaro, distribuire gratuitamente un prodotto a basso costo «distoglie le risorse da terapie più innovative. Garantire l equità di accesso non è dare terapie a basso costo, ma è garantire terapie innovative a tutti i cittadini». Un case history interessante, presentato durante il Convegno, che ha dato modo di riflettere su come investire nell innovatività attivi un circolo virtuoso con ricadute positive sulla prevenzione e quindi sulla sostenibilità del sistema, è stato quello presentato dal Prof. Stefano Vella, Direttore del Dipartimento del Farmaco dell Istituto Superiore di Sanità, relativo alla terapia dell HIV a livello mondiale. L aspettativa di vita dei pazienti con HIV è oggi uguale a quella delle persone non affette, la curva di accrescimento si è andata impennando dal 2000 in poi, anno in cui le previsioni sulla sopravvivenza avevano fatto registrare i minimi storici per questa patologia. Oggi sono in trattamento 15 milioni di pazienti. E la terapia rappresenta un efficace sistema di prevenzione, perché più copertura c è meno diffusione si registra. «Lo stesso modello» sostiene Stefano Vella «lo si potrebbe applicare al trattamento dell HCV». In Italia si registra la RS 8453 MASTER MAF. 7

9 più elevata prevalenza di epatite C tra i paesi europei. Per molti anni si è curata solo con l interferone e poi si è aggiunta la ribavirina. Oggi con le nuove terapie si è arrivata ad un elevatissima risposta antivirale, fino all eradicazione. Sono trattamenti semplici, sicuri, ben tollerati ed efficaci anche se estremamente costosi. Potrebbero avere un impiego allargato e in sostituzione dei trapianti che hanno un impatto economico elevatissimo. E quindi l impiego dell innovazione farmaceutica può in prospettiva abbattere i costi. Come per l HIV, si potrebbero per l HCV istituire fondi mondiali e agire su due binari, recuperando risorse in occidente per distribuire a basso costo nel sud del mondo. «È una questione di global health non di cooperazione umanitaria, perché ci sono disuguaglianze nell accesso alle terapie». La Tavola Rotonda L equità di accesso al trattamento per tutte le categorie di pazienti e per paziente che hanno la stessa patologia è l obiettivo primario di tutte le azioni di governo in tema di sanità. Oggi si deve parlare «di diritto a guarire» come sostiene Tonino Aceti, Coordinatore Nazionale Tribunale per i Diritti del Malato, Cittadinanzattiva, e la proposta «sostenibilità e innovazione» secondo Aceti implica «un approccio di sistema, una programmazione integrata della spesa sanitaria e di quella pubblica in generale e capire come si integrano» ad esempio rispetto all epatite C si dovrebbe pensare alla programmazione integrata, attraverso un approccio di Health Technology Assessment. RS 8453 MASTER MAF. 8

10 L Health Tecnhology Assessment deve essere utilizzato, in modo appropriato, per orientare le decisioni. «L HTA è una parola troppo di moda» secondo il Prof.Lorenzo Mantovani, Farmacoeconomista della Università di Napoli Federico II, «il punto fondamentale dell HTA è come quello della metanalisi, dipende da quello che ci metti dentro». Solo se vengono inserite informazioni puntuali, precise si potranno avere dati utili. Quello che serve sono nuovi metodi di controllo dell outcome il più standardizzati possibile. Dalla discussione non poteva rimanere escluso il mercato dei Medical Device. Quello di dispositivi è un mondo vasto dalla diagnostica, passando per l attività operatoria, alle terapie. Il processo di entrata nel mercato è diversa da quello del farmaco. L innovazione è estremamente elevata e il ricambio è continuo e le gare regolano i prezzi: la tendenza è andare con prezzi bassi e proporre anche prodotti non innovativi pur di entrare. Concludendo è doveroso «coniugare la sostenibilità e l etica» come afferma il Prof. Maurizio Simmaco, Direttore del Centro di Diagnostica Molecolare Avanzata Di.M.A. della Sapienza, «ed è un dovere offrire a tutti un servizio sanitario pubblico, ultimo grande baluardo di un paese moderno, che passi proprio attraverso l offerta della salute». La personalizzazione della scelta terapeutica, che ci impone la valutazione della diversità di individui con base genomica differente, potrà garantire un enorme impatto sulla riduzione dei costi. E l Italia nell ambito della medicina personalizzata si pone tra i pionieri d Europa senza però essere supportata da adeguate risorse. In questo contesto Il Master in Market Access ha il compito di formare professionisti che «possano avvicinare la ricerca al mercato» come lo ha efficacemente definito la Prof. Stefania Basili, Professore Associato del Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche della Sapienza. Il mondo del farmaco è totalmente cambiato: se da un lato ci sono le sfide relative alla innovazione e sostenibilità, dall altro per le aziende ci sono innovazione, accesso (market access) e partnership (public affair). «Prima le aziende spendevano energie nel visitare i prescribers, ora sono intervenute nuove figure. Solo il 55% delle aziende ha una struttura di Market Access. Bisogna modificare alcuni skills interne attraverso una formazione avanzata» afferma Federico Serra, Government Affairs &External Relation Director di Novo Nordisk e Vice Presidente della Public Affairs Association. Quanto siamo pronti ad accettare questa sfida del cambiamento? La sfida per le farmaceutiche nelle patologie croniche, come il diabete, è garantire l accesso alle terapie innovative anche attraverso relazioni di partnership. Sempre con lo sguardo rivolto all Europa e «sempre nel rispetto della centralità del paziente» come ribadito da Lucio Corsaro, Direttore Generale della Medi-Pragma di Roma. RS 8453 MASTER MAF. 9

11 LE PAROLE CHIAVE SCATURITE DAL CONVEGNO PER CONIUGARE INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ Figura C Dopo aver aperto il Convegno con una relazione sulle prospettive del Market Access in Italia, la Prof. Annarita Vestri, Direttore del Master in Marketing e Market Access Farmaceutico, ha concluso i lavori con una breve presentazione del Master per il quale è stato appena emesso il bando per le iscrizioni, disponibile al sito internet: Si tratta di un Master universitario di primo livello che prenderà l avvio da Gennaio 2015 presso la Sapienza Università di Roma. Il piano didattico prevede un impegno complessivo di ore di studio di cui almeno 300 costituite da lezioni frontali che si svolgeranno nei fine settimana (Venerdì e Sabato) nel corso di tutto l anno La metodologia didattica, ispirata alla filosofia del LEARNING BY DOING si basa sull analisi, discussione e simulazione di casi reali. L attività di docenza è affidata a professori universitari, a dirigenti delle agenzie sanitarie pubbliche, a manager della sanità pubblica e a manager di aziende private. Nell ambito delle lezioni sono previsti interventi e testimonianze da parte dei protagonisti delle decisioni in sanità. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito dedicato al Master: Dr.ssa Francesca Venturi Visconti - MEDI-PRAGMA srl, Roma Tel: RS 8453 MASTER MAF. 10

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio.

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio. RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSEMBLEA PUBBLICA Roma, 3 luglio 2014 L INDUSTRIA FARMACEUTICA IN ITALIA, UN ECCELLENZA EUROPEA. Autorità, cari Amici imprenditori, Signore e Signori, grazie di cuore per aver

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli