Anche il non profit fa marketing Il non profit è in crescita, ma ora, cosa gli manca?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anche il non profit fa marketing Il non profit è in crescita, ma ora, cosa gli manca?"

Transcript

1 MASTER IN COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO NELLE AREE RURALI LEZIONE SU: MARKETING SOCIALE E RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE DOTT. FRANCO TAGLIENTE Indice 0) Lucidi lezione 1) ENTERPRISE DESTINAZIONE AURION - Imprenditori coraggiosi verso il futuro di Franco Tagliente 2) IMPEGNARSI NEL SOCIALE Uomini responsabili d imprese responsabili di Franco Tagliente 3) CERCATE LA VITA R. Stainer 4) CINQUE ESERCIZI CHE RENDONO FECONDO IL LAVORO DI GRUPPO - Studio Tagliente 5)ECONOMIA E' ETICA - F. Tagliente 6) FINDHORN, IL LUOGO DELL ASCOLTO di Franco Tagliente 7) Charlie Chaplin ne Il grande dittatore USA ) IL LAVORO NON E' MERCE - F. Tagliente 9) IL MARKETING DEL CAMBIAMENTO di Franco Tagliente 10) IL PRINCIPE CIRO, IL MAGO ZOROASTRO E IL BURATTINO Una favola di Franco Tagliente racconto e sceneggiatura in tre atti 11) IMPARARE AD IMPARARE - F. Tagliente 12) LA STRADA VERSO LA QUALITA - Non si possono trasformare, in poche ore, dei dipendenti in monaci buddisti però... 13) POESIA SUL NATALE 1

2 Anche il non profit fa marketing Vendere i propri servizi senza snaturare il significato della propria attività Cos ha il profit che il non profit non ha? All operatore di marketing non profit mancano i riferimenti, le statistiche, le caratteristiche e le percezioni del pubblico. È ancora un terreno insondato. Il non profit si occupa di tematiche su cui è difficile ricevere risposte sincere, che non siano convenzionali; per il profit è molto più semplice indagare su gusti o preferenze. In società avanzate e sviluppate si rischia di restare indifferenti alle problematiche di interesse generale: il non profit potrebbe risultare lontano dal pubblico. Le azioni del non profit impegnano i consumatori a cambiare attitudini: anche se sono apertamente contrarie alla loro abitudini. Il profit non ha questo duplice aspetto. Mentre per il profit è facile modificare l offerta, per il non profit non esistono alternative. Le problematiche cui si rivolgono non hanno altre soluzioni possibili. Le problematiche cui si rivolge il non profit sono molto complesse e impegnative. Servono allora molte informazioni e una comunicazione efficace. I risultati non sono mai abbastanza evidenti da essere chiaramente percepiti. Chi gode dei risultati del non profit è molto spesso lontano da chi ha sostenuto l iniziativa. È difficile sfruttare pienamente l impatto dei mass media. Il non profit è in crescita, ma ora, cosa gli manca? Una filosofia di marketing. L apprendimento di concetti e tecniche impiegati nel settore delle imprese private. L adozione di un metodo sistematico, per promuoversi. Tutte le attività sottendono uno scambio: Il non profit si differenzia perché orienta i propri scambi con benefici sociali e psicologici. Il marketing ha ribaltato le dinamiche storiche dello scambio. Si parte dal consumatore e si risale il fiume al contrario verso la migliore offerta. Quali sono le caratteristiche minime per fare del marketing in un organizzazione non profit? 2

3 Centralità del consumatore: A chi vogliamo rivolgerci? Dove risiedono? Quali caratteristiche hanno? Come cambieranno le loro percezioni, dopo che verranno realizzate le nostre strategie? Quanto la nostra offerta soddisfa i nostri consumatori? Ruolo essenziale della ricerca: diventa essenziale la capacità di visione e previsione del management, la ricerca avvicina e lega impresa e individuo/cliente. Impiego della segmentazione del mercato: si guarda al proprio pubblico in termini di pezzi componibili. Segmentare significa ridurre in parti più consultabili: per poter riempire la domanda di possibili soluzioni. Allargare il concetto di concorrenza: bisogna tener conto dell ambiente in cui ci muoviamo, per definire sempre il sistema competitivo, ovvero il sistema di scelte alternative che si presenta al proprio pubblico o mercato obiettivo. Impiego di tutte le leve del marketing mix: tutte le tecniche vanno combinate, nessuna va preventivamente esclusa. Il primo passo da compiere decidere in quale direzione si desidera operare? La risposta si trova in tre scalini Missione Obiettivo Traguardo Missione. Definisce l intento fondamentale. Un organizzazione nasce come collettività strutturata per il perseguimento di una specifica mission. Nelle risposte a queste domande, ricade la missione: Chi siamo noi? Chi sono loro (il pubblico)? Che cosa si aspettano da noi? Cosa faremo? Cosa dovremo fare? La nostra mission è fattibile e motivante? È distintiva? 2. Obiettivo. Stabilisce le linee guida da seguire. Vengono riformulate e modificate a seconda della tempistica scelta e dai risultati ottenuti. 3. Traguardo. Definisce le caratteristiche operative del percorso da seguire, se possibile anche in modo quantitativo. Fissare dei traguardi consente all organizzazione di pianificare, programmare e controllare le azioni volte a conseguire l obiettivo in modo da essere pronti alla riformulazione della strategia. 3

4 Tenere sempre aggiornata la cultura aziendale. Nel momento in cui l organizzazione ha successo, subentra la necessità strutturale di gestire in chiave tipicamente aziendale e non più di servizio: ecco dove si scontrano due culture. Rischi interni. L inadeguatezza delle strutture, delle strategie e delle tattiche sono il punto debole per lo sviluppo e la crescita dell ente. Quali sono i contesti con cui si confronta il non profit? Ambiente pubblico Ambiente competitivo Macroambiente Ambiente pubblico: Comunità locali Gruppi di impegno sociale, religioso e ambientale Opinione pubblica Mass media Ambiente competitivo: Gruppi e organizzazioni che competono per acquisire dei pubblici potenzialmente comuni Macroambiente: Le grandi tendenze sociali di fondo le forze demografiche, socio-politiche, religiose, di attualità, economiche, religiose, tecnologiche L attività di raccolta fondi, o fund raising, è la fonte principale del supporto finanziario per il non profit. Quali sono le fonti? Fondazioni Imprese Istituzioni pubbliche Donatori individuali (circa l 80% del totale) Perchè scegliere un organizzazione non profit? Per l ambiente sociale che ci circonda le organizzazioni non profit e coloro che vi lavorano hanno obiettivi diversi da tutti gli altri lavoratori: mirano a obiettivi di ordine superiore. Il volontario partecipa individualmente ad attività spontanee, private e liberamente scelte, che promuovono o migliorano alcuni aspetti del bene comune. Nessuna imposizione, nessun profitto. C è chi si impegna come operatore volontario oppure c è chi compone gli organi istituzionali della non profit. 4

5 Ecco alcune linee di tendenza: Per chi fa volontariato, pensando che sia una buona cosa, desidera cambiare la Società e il Mondo che lo circonda, desidera fare esperienze utili, magari nel suo futuro, desidera sostenere una causa, crede di socializzare con più facilità, desidera prepararsi una carriera, per quando sarà in pensione. Ad impegnarsi, nel sostegno di attività non profit, non sono più solo gli appartenenti al ceto medio. Anche parte delle categorie servite (anziani e disabili) e professionisti si stanno avvicinando I volontari sono pronti ad assumersi anche più responsabilità del dovuto, prendendo pieno controllo di ciò che fanno. Reclutare bene gli addetti è importante gestirli sarà ancora più difficile! Quali sono i parametri da seguire per una buona gestione degli operatori? Conoscere i motivi che li spingono a fare volontariato. Capire i costi per un volontario. Offrire adeguata formazione. Richiedere troppo impegno. Non offrire un senso di realizzazione personale. Far percepire un importanza inferiore a quella dei dipendenti dell organizzazione. Non mancare di dare riscontri positivi, da parte dei beneficiari delle attività svolte e dei colleghi di volontariato. Trattare i volontari come dei professionisti, per trasformare i volontari dilettanti in professionisti ben addestrati, ma che continuano a non essere pagati. Riconoscere la professionalità raggiunta Aumentare la consapevolezza circa gli effetti dell attività dell organizzazione sulla comunità Incoraggiare il senso di realizzazione personale, all interno dell organizzazione Gli organi istituzionali (Consiglio di Amministrazione, Comitati di direzione) ricoprono un ruolo cruciale: Dirigono l attività dell ente Vigilano sulla conformità dell attività Forniscono specifiche competenze Raccolgono fondi Tengono attivi i collegamenti con l ambiente esterno. Perché nasce il collegamento con il settore privato? Il non profit si rivolge alle aziende per chiedere sostegno e moltiplicare così le risorse a disposizione. 5

6 Il cause-related marketing è la principale forma di collaborazione tra aziende e non profit. Consiste in un accordo tramite il quale un azienda cerca di ottenere vantaggi economici, contribuendo agli obiettivi di una o più imprese non profit. I 6 principi chiave del processo di cause-related marketing: Integrità Trasparenza Sincerità Mutuo rispetto Partnership Mutuo beneficio I 6 elementi chiave nel processo di cause-related marketing: Pianificazione e preparazione Negoziazione della partnership Accordo formale Gestione del programma Comunicazione efficace del programma Monitoraggio, misurazione e valutazione del programma Il cause-related marketing si differenzia in 4 tipi di iniziative: Iniziative aziendali Iniziative congiunte Raccolta fondi collegata alle vendite Concessione di licenze 1. Iniziative aziendali Se un azienda promuove dei comportamenti socialmente desiderabili, di sua iniziativa, senza coinvolgere altre organizzazioni: mentre si sostiene un comportamento socialmente desiderabile, si reclamizza una marca 2. Iniziative congiunte Se un azienda in collaborazione con un organizzazione non profit finanzia o progetta una campagna per indurre determinati comportamenti. 3. Raccolta fondi collegata alle vendite Se un azienda accetta di donare mezzi finanziari o attrezzature a un organizzazione non profit o benefica, in relazione all ammontare delle vendite o al numero di transazioni commerciali che vengono effettuate: questa è la prima forma di transazione commerciale di cause-related marketing. 4. Concessione di licenze Parecchie organizzazioni non profit hanno concesso il loro marchio a operatori del settore privato, in cambio di qualche vantaggio finanziario sotto forma di un diritto fisso o di una percentuale dei profitti. 6

7 Quale il partner ideale? La proposta va rivolta ai partner affini per interessi: deve essere contenuta in un piano di marketing che soddisfi i bisogni e i desideri dell azienda. Idealmente la relazione dovrebbe essere duratura e basata sulla completa trasparenza nei riguardi di partner e Pubblico. Le imprese rivedono la relazione con la comunità, perché? Il consumatore richiede maggiore responsabilità sociale alle imprese Le aziende credono che l adesione a campagne di cause-related marketing le renda più competitive nella propria nicchia di mercato Il non profit cerca aiuti, assistenza, fondi e professionalità, per crescere e diventare una realtà consolidata: l unione con un impresa può catalizzare la sua affermazione. Attenzione ai rischi per le imprese Una relazione sbagliata, può diventare una pubblicità fortemente negativa Un accordo ambiguo, può danneggiare l immagine dell azienda, con l accusa di cinismo. e per le imprese non profit I benefattori di un ente potrebbero diminuire le loro offerte credendo che la somma sarebbe comunque raggiunta; un organizzazione potrebbe essere limitata dall azienda profit con cui collabora; le imprese potrebbero sporcare l immagine dell ente non profit; l unione con una grossa azienda potrebbe far credere che basta questa partnership per la sopravvivenza, tanto se ne occupano loro. Passaggi chiave per l operatore di un non profit, per lo sviluppo di un efficace strategia di cause-related marketing: È bene coinvolgere i membri del Consiglio direttivo e le persone attive nella comunità per identificare i possibili partner 2. Selezionare il partner con il quale esiste una comunanza di interessi 3. Sono da scartare i partner che possono avere conflitti di interesse con i propri obiettivi 4. Sono opportuni accertamenti sul tipo di relazione proposta, visto che comunque si tratta di un operazione aziendale di marketing 5. È bene sviluppare una proposta dettagliata, prima di contattare un potenziale partner 6. È bene dividersi chiaramente i ruoli e che vi sia la necessaria chiarezza nelle comunicazioni 7

8 7. È opportuno mantenere una completa trasparenza nei confronti del pubblico: nessuna ambiguità, nessun dubbio 8. La relazione deve snodarsi nel lungo periodo 9. La non profit non si deve vincolare troppo rispetto alla profit, ma deve mantenere una certa libertà di manovra, nel pieno rispetto dell accordo con la profit 10. È necessario valutare correttamente i risultati, attraverso attente e dettagliate analisi Il marketing sociale È uno strumento potente per favorire cambiamenti comportamentali. Non crea profitto solo per sé, ma crea benefici all interno del gruppo obiettivo e per la Società in generale. Si cerca di realizzare il desiderio di creare un mondo migliore! Tutte le imprese operano per creare, sviluppare e mantenere degli scambi. Il marketing diventa il facilitatore di questi scambi. Il fine giustifica i mezzi? Il marketing sociale si basa unicamente sugli obiettivi del soggetto o dell organizzazione che lo attiva non per il profitto, ma per creare benefici. I valori possono diventare un mezzo, uno strumento col quale influenzare i comportamenti dei clienti. Il marketing sociale: Non commercializza un prodotto o un servizio Tutti possono attivare un percorso di marketing sociale: gruppi informali, aziende, singoli individui, enti non profit Non ci sono campi di applicazione stabiliti Processi e concetti per il marketing sociale: Tutto ruota attorno ad uno scambio. Il consumatore può scegliere l alternativa migliore costi/benefici : il marketing lo aiuta a decidere. Esiste sempre la possibilità di modificare l offerta. Il comportamento auspicato rimane un possibilità, non costituisce una realtà oggettiva: cambiare l offerta assume il significato di modificare le percezioni del gruppo obiettivo. Coordinare tutti i costi, ai rispettivi benefici. Diventa fondamentale non far credere ai consumatori di avere solo costi i programmi di marketing devono prevedere un approccio coordinato che tenga conto di tutti i benefici e di tutti i costi più significativi. 8

9 La ricerca di mercato è fondamentale. Assume un peso rilevante per il soddisfacimento dei bisogni ( dei desideri) dei consumatori. Conoscere il proprio mercato obiettivo è la condizione minima per partire Seguire le eventuali segmentazioni del mercato obiettivo. Tenersi in contatto col mercato obiettivo significa confrontarsi continuamente e ripetutamente con ogni sua differenziazione. Risorse limitate rendono essenziale il rapporto costi/efficacia. Questo approccio pragmatico implica una costante attenzione all efficienza e all efficacia di qualsiasi attività intrapresa. Si rende necessaria la pianificazione. Si avvia un progetto solo dopo un accurata pianificazione, si programmano i principali componenti della strategia da seguire. In virtù del senso di responsabilità verso il risultato economico finale. Si possono prendere solo rischi ragionevoli. Utilizzando alcuni calcoli formali del rischio si prendono delle decisioni. Il mercato del Sociale è sperimentale per definizione, quindi i rischi sono sempre dietro l angolo e non esiste la strategia migliore. Differenze tra marketing sociale e marketing generico: È sempre nell occhio del ciclone, per le critiche del pubblico Le aspettative da soddisfare sono sempre alte Spesso non esiste una domanda Spesso si deve influenzare una domanda negativa Può capitare di affrontare pubblici analfabeti Si occupa di aspetti comportamentali delicati Non si generano sempre benefici visibili I beneficiari spesso sono lontani I risultati sono intangibili, difficili da descrivere Chi lavora nel sociale, incontra spesso atteggiamenti ostili verso il mondo degli affari Due aspetti importanti del marketing sociale: La sostenibilità L istituzionalizzazione 9

10 Per sostenibilità, si intende il mantenimento del cambiamento comportamentale che si cerca di indurre tramite il programma. Lo scopo è farlo durare nel tempo, dando continuità. Ecco una serie di slogan da tenere in considerazione: Rendere l offerta soddisfacente nei termini intesi dal destinatario Far sì che tutto possa essere svolto con facilità Riconoscere i progressi Rendere il cambiamento un fatto compiuto Tenere il passo con la popolazione obiettivo Mantenere informati e motivati tutti gli uomini coinvolti Tenere sotto controllo il marketing mix Prepararsi per un lungo cammino. Quando si parla di istituzionalizzazione, ci si riferisce al compito di indurre le organizzazioni locali a istituire il processo di marketing sociale in modo tale che, nel momento in cui il supporto esterno in termini di risorse finanziarie e intellettuali verrà a mancare, il progetto non subisca arresti o perda di significato. Ecco alcuni suggerimenti per facilitare l istituzionalizzazione: Puntare in alto Costruire ponti verso il futuro Dimostrare che funziona Non entrare nella logica dell organigramma Individuare il sistema locale di comunicazione Scrivere insieme il vocabolario Attenersi al concetto di semplicità Non cercare di emergere Fare dell istituzione un polo positivo Prestare attenzione ai feriti sul campo 10

11 Definire gli obiettivi: il documento di buona causa. È un testo scritto, di presentazione in cui si esplicita il motivo per il quale vale la pena donare LA MISSION: definisce il futuro desiderato e la direzione che l ente assumerà. Deve essere fattibile, motivante e distintiva. «GLI OBIETTIVI STRATEGICI: legati alla mission; «GLI OBIETTIVI OPERATIVI: legati agli obiettivi strategici, indicheranno i livelli specifici e misurabili di conseguimento; «LE SINGOLE PROPOSTE: le vere e proprie richieste dei donatori Diventa la base per comunicare e rispondere anche alle seguenti domande: Qual è l origine e la storia dell organizzazione? A chi si rivolge? Che bisogni serve? Come li risolve? Qual è la reputazione dei manager? Quali obiettivi futuri ha? Come verranno utilizzati i soldi donati? Come viene coinvolto il donatore? Il documento di Buona Causa è l esito scritto di un lavoro di ricerca della propria identità. Per iniziare si intervistano i leader dell organizzazione, si raccoglie il materiale promozionale, si cercano le origini, si lavora alla prima bozza fino alla stesura di quella definitiva che deve essere chiara e sintetica perché? Nella comunicazione della Buona Causa, aggiungendo si toglie e togliendo si aggiunge. La ridondanza indebolisce il significato e la credibilità del comunicatore. Altri parametri di giudizio, per rendere appetibile una buona causa: Una scarsa definizione del problema, offre la possibilità di avere più punti di vista e quindi di raccogliere maggiori consensi La semplicità dell esposizione La persistenza nel tempo del problema L originalità ha maggior presa sul pubblico Le anomalie, le imperfezioni, i difetti toccano la sensibilità del pubblico 11

12 I 3 principi etici di un organizzazione non profit: Rispetto dell autonomia personale, della privacy e degli interessi degli altri (principio della protezione) Beneficenza fare del bene (intenzione umanitaria) Fiducia dire la verità, mantenere le promesse: trasparenza, correttezza, fedeltà allo scopo I valori essenziali coincidono con i seguenti principi: Impegno oltre sé stessi Impegno oltre la legge Impegno al bene comune Rispetto del valore e della dignità dell individuo Tolleranza, diversità e giustizia sociale Trasparenza al pubblico Apertura e onestà Utilizzo prudente delle risorse Rispetto delle leggi Una guida per elaborare il codice etico: Scopo: l obiettivo primario è Rapporto con i partecipanti: quali rapporti si intende mantenere con la comunità che accoglie l organizzazione? Senso civico: impegno a rispettare le leggi e tutti i diritti. Principi etici oltre la legge. Fiducia pubblica e privata. Fund raising: cura della raccolta fondi e dei donatori. Gestione delle informazioni: rispetto delle privacy Conflitti di interesse Carattere personale Il modello dello sviluppo etico dell impresa Abbiamo preso come riferimento il modello proposto nel 1984, da Reindenbach e Robin. LIVELLO 5: ETICITÀ PERFETTA integrazione dell etica nel marketing LIVELLO 4: IMPRESA ETICA Ricerca di equilibrio tra etica e profitto; diffusione dei veicoli etici LIVELLO 3: IMPRESA RESPONSABILE Si riconosce che un comportamento responsabile è nel miglior interesse economico dell azienda LIVELLO 2: IMPRESA LEGALE Si segue la lettera della legge; ciò che è legale è etico LIVELLO 1: IMPRESA AMORALE Massimo profitto a tutti i costi; gli azionisti sono gli stakeholder primari 12

13 Rappresenta uno dei più significativi sforzi per descrivere l iter evolutivo attraverso il quale l etica ed il marketing arrivano a coniugarsi. Il codice etico. Stabilisce formalmente i principi aziendali, le regole di condotta, le pratiche accettabili e la cultura aziendale con particolare riguardo alla responsabilità nei confronti dei dipendenti, degli azionisti, dei consumatori, dell ambiente e della Società in generale. Per Coda, è un documento ufficiale contenente: L enunciazione dei valori su cui si fonda la cultura aziendale E/o la dichiarazione delle responsabilità verso ciascuna categoria di stakeholder, verso cui l azienda si sente moralmente obbligata E/o la specificazione delle politiche aziendali in materia di etica d impresa E/o l identificazione delle prescrizioni alle quali i manager devono attenersi, per tradurre in atto le politiche etiche dell impresa Il codice impegna l impresa verso tutti gli stakeholder. La cultura dell azienda va rispettata, non solo trascritta.. Quali sono le principali istanze trattate nei codici etici? Nell area dello sviluppo e della gestione del prodotto: - comunicare apertamente tutti i rischi connessi all uso di un prodotto o di un servizio - identificare qualsiasi sostituzione di una componente del prodotto che potrebbe cambiare materialmente il prodotto o l impatto sulla decisione di acquisto - identificazione degli elementi che comportano dei costi aggiuntivi - non rivelare ad un cliente attuale o potenziale alcuna informazione relativa a prodotti non ancora annunciati alla generalità dei clienti Nell area delle promozioni: - evitare la pubblicità falsa e ingannevole - evitare promozioni di vendita che usino l inganno o la manipolazione - evitare forme di pubblicità che possano ledere la sensibilità del pubblico - evitare ogni pratica contraria al buon gusto Nell area della distribuzione: - non manipolare la disponibilità di un prodotto - non usare coercizione nel canale di distribuzione - non esercitare forme di influenza non dovute sulla scelta del rivenditore di trattare un determinato prodotto Nell area del prezzo: - non impegnarsi in pratiche di price-fixing - non attuare politiche predatorie 13

14 - dichiarare apertamente il prezzo pieno associato ad ogni acquisto - trattare nello stesso modo tutti i clienti che si trovano nelle stesse condizioni Nell area della ricerca di marketing: - proibire la vendita o la raccolta di fondi col pretesto di condurre una ricerca - mantenere l integrità appropriata per una ricerca evitando la falsa rappresentazione o l omissione di dati emergenti dalla ricerca - trattare i clienti esterni ed i fornitori in modo equo Ecco alcune esempi del modo in cui le imprese esprimono queste obbligazioni nei confronti dei clienti: mettere il consumatore al primo posto è il nostro spirito. Ciò si realizza fornendo un servizio di prima qualità, prodotti eccellenti, valore in cambio di denaro, relazioni di lunga durata. Ogni nostra iniziativa, ogni nostro scopo dipende da un consumatore (IBM) ricercare prodotti innovativi, utilizzare la tecnologia e servirsi di pratiche di lavoro efficienti per dare ai clienti un valore migliore di quello che potrebbero ottenere da qualsiasi altra parte (Post Office UK) i prodotti, i beni ed i servizi dovrebbero essere di una tale qualità e forniti con una tale quantità di informazioni per l uso da far sì che la salute e la sicurezza del consumatore e del pubblico in generale non vengano messe a repentaglio (Smith&Nephew) produciamo, commercializziamo computer: affinchè le persone possano utilizzarli per rendere le loro vite migliori. I nostri consumatori rimangono la preoccupazione fondamentale delle nostre menti (Apple Computer, Inc.) ci sforziamo di fornire e di promuovere a prezzi giusti una vasta gamma di servizi che rispondano ai bisogni del consumatore e si avvalgano delle tecnologie più moderne (Llyds Bank) la politica dell azienda è di fornire ai suoi clienti prodotti che presentino i più elevati standard di sicurezza, qualità ed affidabilità (Air Products) cerchiamo sempre e comunque di assicurare la sicurezza dei depositi, aderendo a politiche prudenziali (Barcklay Bank) la scopo della comunicazione aziendale è la verità, detta bene ed in modo persuasivo (Procter&Gamble) nella nostra pubblicità e in ogni altra comunicazione pubblica, eviteremo non solo le falsità, ma anche le esagerazioni e le dichiarazioni eccessive (Caterpillar Tractor) i nostri obiettivi prioritari sono di sviluppare e mantenere buone e durevoli relazioni con tutti i nostri clienti; trattare sempre su basi etiche; assicurare una rapida 14

15 risposta nel soddisfare i bisogni del cliente; raggiungere e mantenere elevati standard nel servizio al cliente (BICC Group) siamo votati, in ogni momento, all integrità e all equità, alla qualità dei prodotti e dei servizi che forniscono al cliente un adeguato valore, e alle capacità tecnologiche ed innovative per sviluppare nuovi prodotti. Cerchiamo di raggiungere la soddisfazione dei consumatori e di instaurare con essi relazioni di lunga durata (British Petrol) La tutela dei diritti dei consumatori va coordinata ai profitti e alle strategie aziendali. Il marketing si deve misurare anche con il valore etico senza per questo snaturare la sua funzione aziendale: si avvicina al consumatore comunque per creare, o mantenere vivo un mercato. 15

16 Paura del domani di E. Finardi La paura del domani è sbagliata e tu lo sai perché porta alla rinuncia che non serve mai. E non voglio dir con questo che bisogna ignorar quel che c è di sbagliato per tirare a campare. Ma l ottimismo non è esser ciechi ai problemi della vita: è cercare senza arrendersi mai una giusta via d uscita. E poi, dai, è tanto comodo essere cinici e delusi per non farsi coinvolgere e dagli altri essere chiusi, evitar sempre di scegliere se star di qua o di là e uccidere col sarcasmo ogni responsabilità. Ma lo so che non è facile darsi da fare: sembra spesso quasi impossibile che qualcosa possa cambiar. Ma forse se ci si mette in tanti ci si può anche riuscire. In fondo che altra scelta c è. Bisognerà pur provar. Perciò esci nelle strade del mondo entra tra la gente. Il futuro che ti scegli te lo crei nel presente. Perciò esci nelle strade del mondo entra tra la gente. Il futuro che si sceglie lo si crea nel presente. 16

17 Ricerca Explorer-Ipsos, novembre Aspetti quantitativi. Livello di consenso sulla partecipazione delle imprese alla soluzione di problemi sociali: Molto 33% Abbastanza 48% Percezione del livello di impegno delle imprese nel Sociale: molto 2% abbastanza 13% poco 46% nullo 29% non risponde 10% Il coinvolgimento di una causa nella comunicazione dell impresa: quanto è utile per la valutazione dell impresa? Molto 31% Abbastanza 47% Poco/nulla 14% Non risponde 8% Cosa produce il coinvolgimento di una causa sociale nella comunicazione dell impresa? Produce benefici per impresa e collettività 45% Consente il finanziamento di interventi utili 22% Commercializza/svilisce le cause sociali 9% Distorce il modo di fare pubblicità 7% Altro 4% Non risponde 13% Quale effetto provocherebbe sull immagine delle imprese? Molto positivo (ci si distingue ) 35% Positivo (rende visibili ) 41% Neutro 13% Negativo (opportunismo/cinismo) 3% Non risponde 8% Quanti si dichiarano disposti a cambiare marca/abitudini, preferendo un prodotto associato ad una causa sociale? Si 75% No 11% Incerti 8% Non risponde 6% 17

18 Negli ultimi 12 mesi, quanti ricordano una campagna pubblicitaria con abbinamento impresa/causa sociale? Ricordo spontaneo: Non ricordano 75% Ricordano 25% Ricordo suggerito: Non ricordano 32% Ricordano 68% Aspetti qualitativi. Cambiamenti prevalenti: per il mondo dei consumatori, per il mondo delle imprese, per il mondo del Terzo Settore. Per i clienti: Dalla strumentalizzazione al mutual benefit Dai bisogni di consumo ai bisogni di cittadinanza Per le aziende: Dalla produzione di reddito alla cittadinanza Da un marketing istituzionale alla ricerca del distintivo Per il Terzo settore: Dal welfare state alla welfare society Dal silenzio alla parola del non profit Fasi del processo: Goodwill Posizionamento Immagine del prodotto Vendite del prodotto Fidelizzazione Notorietà del prodotto 18

19 Acceleratori: Funzionalità su specifici obiettivi Azione su pubblici mirati Sensibilità dei consumatori Innovatività Solidarietà, sviluppo culturale Esempio: Sponsorizzazione di eventi/situazioni: 1. Notorietà, 2. Costruzione di goodwill. Abbinamento con ente/associazione/causa: 1. Posizionamenti differenziali, 2. Potenziamento immagine, 3. Promozione prodotto, 4. Fidelizzazione. Freni: Inefficacia Effetto boomerang Difficile misurazione (poco constatabile) Politica fiscale Deregulation ipertrofia Il mercato porta la disponibilità/tendenza dei consumatori le imprese chiedono regole, organizzazioni e agevolazioni Partnership: Coalizione di soggetti di diversa natura (privato, pubblico, non profit). Per la soluzione di problemi sociali complessi, con ruoli e apporti di risorse complementari. Parole chiave: Reciprocità Trasparenza Simmetria 19

20 La reputazione d impresa nasce dal rapporto equilibrato di: Valore economico: Prezzo, Servizio, Qualità. Valore sociale: Comportamenti etici, Rispetto dell ambiente e della sicurezza, Cura del personale, Solidità finanziaria La fedeltà alla marca si associa alla reputazione d impresa. Ricerca Ipsos-Explorer. Giugno 2001 Ricerca sul cause related marketing. Attività nel sociale intraprese dalle imprese: Imprese che negli ultimi due anni hanno svolto qualche attività nel sociale: due su tre Imprese che negli ultimi due anni non hanno svolto alcuna attività nel sociale: una su tre Nella scelta e realizzazione delle attività nel sociale le aziende in genere associano alle specifiche iniziative obiettivi di marketing specifici, loro propri. Gli obiettivi attribuiti alle specifiche iniziative. Investimenti nel sociale: Si intende attivare un più stretto legame tra l azienda e la comunità, per acquisire condizioni favorevoli all attività dell impresa. Inoltre si intende rafforzare la fedeltà al brand da parte del consumatore locale Cause related marketing. Obiettivo principale. Posizionare/differenziare il brand su valori etici. 20

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli