Rapporto esplicativo concernente la modifica dell'ordinanza tecnica sui rifiuti relativa allo smaltimento del fluff (ASR)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto esplicativo concernente la modifica dell'ordinanza tecnica sui rifiuti relativa allo smaltimento del fluff (ASR)"

Transcript

1 Rapporto esplicativo concernente la modifica dell'ordinanza tecnica sui rifiuti relativa allo smaltimento del fluff (ASR) 1. Situazione iniziale In Svizzera vengono ritirati dalla circolazione circa 240'000 veicoli l'anno. Circa 90'000 veicoli fuori uso sono esportati. I rimanenti 150'000 sono smaltiti in Svizzera da ditte specializzate, le quali smontano le batterie come pure le parti riciclabili ed eliminano i liquidi inquinanti. I veicoli sono poi frantumati negli appositi impianti (frantumatori, ingl. shredder ). Circa il 75 per cento del peso è composto da metalli riciclabili, mentre il rimanente 25 per cento circa forma gli ASR (automotive shredder residues), detti anche fluff, costituiti da un misto di materie plastiche, tessili, gomma, frammenti di vernice, vetro e umidità. Essi contengono ancora circa l'un per cento di metalli riciclabili quali rame, zinco e alluminio. Il conferimento diretto in discarica di tali residui, la cui produzione annua ammonta a circa 50'000-60'000 tonnellate, è vietato In Svizzera. Questa misura è stata adottata per evitare sia la contaminazione dell'acqua d'infiltrazione con metalli pesanti e altre sostanze pericolose che lo spreco di risorse, quali ad esempio il rame. Circa due terzi dei residui provengono dal riciclaggio di veicoli fuori uso, mentre il rimanente deriva dal trattamento di altri apparecchi metallici e rifiuti. Per assicurare uno smaltimento rispettoso dell'ambiente, gli importatori svizzeri di automobili hanno fondato nel 1992 la Fondazione Auto Recycling Svizzera. Detta fondazione finanzia lo smaltimento del fluff prelevando dagli importatori una tassa di smaltimento sui nuovi veicoli immatricolati. Tale soluzione consente in particolare di evitare che al momento del ritiro del veicolo dalla circolazione l'ultimo proprietario debba farsi carico di costi insopportabili. Di conseguenza, in questi ultimi anni i veicoli smaltiti in maniera illegale hanno causato ben pochi problemi. Detta fondazione intende ora costruire un impianto specializzato per lo smaltimento del fluff. Oltre ad assicurare un alto tasso di recupero dei metalli ancora contenuti nel fluff, l'impianto deve essere conforme allo stato attuale della tecnica e permettere anche l utilizzo dell energia prodotta nel processo di combustione. Infine, deve fornire residui vetrificati che possono poi essere depositati in discarica senza causare problemi. La fondazione teme ora che, dopo l entrata in funzione del suo impianto, i residui possano essere trattati anche in altri impianti, rendendo difficile o impedendo l'ammortamento del proprio impianto. Per tale ragione, nella primavera del 2003 la fondazione ha chiesto al Consiglio federale di decretare ai sensi dell'articolo 31c capoverso 3 della legge federale sulla protezione dell'ambiente (LPAmb) l'entrata in vigore di un comprensorio di raccolta di tali residui. Il provvedimento assicurerebbe che i produttori svizzeri smaltiscano i loro residui nell'impianto previsto dalla fondazione.

2 2 Dato che l'impianto previsto costituirà un'impresa che domina il mercato ai sensi della legge sui cartelli, la fondazione non può nemmeno limitarsi ad attirare i residui praticando semplicemente prezzi bassi. Una simile politica comporterebbe per la fondazione il pericolo di essere obbligata ai sensi dell'articolo 7 della legge sui cartelli di far smaltire parte dei residui ai concorrenti svizzeri e stranieri oppure di corrispondere loro un'indennità. Durante la fase di valutazione della procedura di trattamento dei residui sia le ditte che offrono tali procedure che le autorità hanno ritenuto a lungo che i residui vetrificati prodotti avessero un basso tenore di metallo, analogo a quello contenuto nelle rocce naturali. Indagini esaustive hanno però rivelato dei tenori di metalli, ad esempio di rame e di zinco, nettamente superiori ai valori limite per materiali inerti previsti dall'otr e quindi anche ben superiori al tenore contenuto nelle rocce naturali. Al tempo stesso, studi esaurienti sulla stabilità dei residui vetrificati hanno mostrato che ci si possono attendere emissioni di tali metalli soltanto se i residui sono macinati finemente o sono esposti a condizioni chimiche estreme. Per i residui vetrificati, l OTR non prevede attualmente requisiti adeguati, così come non prevede apposite norme per il loro conferimento in discarica. Per ovviare a tale lacuna, le relative norme sono proposte nel quadro della presente modifica dell'otr. 2. Lo smaltimento attuale e futuro del fluff In Svizzera, dove attualmente sono in funzione sei impianti di frantumazione, il conferimento diretto in discarica del fluff non trattato è vietato dal 1 gennaio 2000, ossia da quando è entrato in vigore il divieto di conferimento diretto in discarica dei rifiuti combustibili. Dato che sinora per lo smaltimento non è stato possibile trovare una soluzione che soddisfi tutti i requisiti previsti, è necessario ricorrere a diverse soluzioni intermedie. Il fluff prodotto sul territorio della Confederazione viene incenerito in impianti di incenerimento dei rifiuti urbani (IIRU) svizzeri ed esteri, in due impianti esteri per l incenerimento dei rifiuti speciali e in un impianto francese destinato al trattamento dei fanghi contenenti metalli pesanti. Nell ambito del processo di termodistruzione, negli IIRU è possibile aggiungere ai rifiuti urbani solo dal 5 al 7 per cento di fluff, e questo per evitare l insorgere di problemi tecnici. Nel 2003, una parte del fluff è stata pertanto ripartita su tre IIRU svizzeri e nove di tali impianti situati in Germania. In tutti questi impianti la quota di recupero di metalli, il recupero energetico e la qualità dei residui sono nettamente inferiori a quelli dell impianto previsto. Mentre in Europa il fluff prodotto negli impianti di frantumazione viene per lo più conferito in discarica senza essere trattato, in Giappone sono già in funzione impianti speciali per il trattamento termico di tali residui. 3. Scelta della procedura di trattamento Negli ultimi anni la Fondazione Auto Recycling Svizzera ha esaminato tutta una serie di procedure tecniche di trattamento del fluff. Dall'esaustiva procedura di valutazione, affidata ad un istituto universitario neutrale, è emerso quale variante migliore il processo Reshment. Tale tecnologia implica un'ulteriore macinazione dei residui

3 3 forniti dagli impianti di frantumazione, seguita da una separazione mirata dei metalli non ferrosi, in particolare di rame, acciaio cromato e alluminio. I residui ormai privi di pezzi metallici sono poi inceneriti in un focolare a ciclone ad alte temperature. La successiva fusione di composti di calcio, silicio e alluminio produce residui simili al vetro. I residui metallici, in particolare il ferro e il rame, possono essere recuperati in forma metallica. Come rivelato da indagini svolte, i residui ottenuti contengono un tenore di metallo nettamente superiore a quello della roccia naturale, ma nel caso di un'eventuale dilavamento i metalli rimangono saldamente inglobati nella struttura dei residui. L'energia combustibile, generata in quantità notevoli, è utilizzata per la produzione di vapore, che sul sito previsto di Monthey può essere ceduto direttamente all'industria chimica vicina e sostituisce circa 16 milioni di metri cubi di gas o circa 13'000 tonnellate d'olio da riscaldamento l'anno. Le due fasi procedurali, ovvero la frantumazione dei residui con successiva separazione dei metalli nonché la fusione nel focolare a ciclone, sono state testate in impianti già esistenti utilizzando alcune centinaia di tonnellate di fluff prodotto in Svizzera. L'impianto previsto a Monthey risolve non solo il problema legato allo smaltimento dei residui, ma permette anche di trattare in maniera ecocompatibile rifiuti simili, ad esempio frazioni di materie plastiche inquinate provenienti dal riciclaggio di apparecchi elettrici ed elettronici, oppure resti di isolamenti derivanti dal riciclaggio di cavi di rame. Dato il suo notevole valore calorico (6000 kj/kg), il fluff può essere trattato nel focolare a ciclone insieme ad altri rifiuti combustibili e non combustibili. Particolarmente interessante è la procedura di trattamento delle ceneri dei filtri degli impianti d'incenerimento dei rifiuti urbani oppure di mineralizzazione di rifiuti organici contaminati, ricchi di metalli pesanti, provenienti ad esempio dal settore della galvanica. In questo caso, il processo Reshment fornisce da un lato gli ossidi dei metalli volatili (zinco, piombo, cadmio, ecc.), che vengono raccolti e riciclati, dall'altro produce invece un residuo vetrificato che, una volta depositato, rimane in pratica inerte. Le temperature elevate (oltre 1500 gradi) distruggono in maniera affidabile le sostanze nocive organiche contenute nelle ceneri dei filtri degli IIRU. Una composizione dei rifiuti idonea è la premessa indispensabile per ottenere residui vetrificati molto stabili. L'UFAFP ha condotto ampie ricerche sulla stabilità dei residui vetrificati e, in base ai risultati ottenuti, ha elaborato dei criteri di gestione di tali residui come pure per il loro deposito definitivo. Benché i residui contengano ancora parti di metalli pesanti, quali rame e cromo, detti metalli rimangono saldamente inglobati nella struttura e la loro lisciviazione risulta assai improbabile. L'allegato 1 dell'otr prevede dei requisiti di stabilità per i residui vetrificati di cui è autorizzato il conferimento in discariche equivalenti alle attuali discariche per materiali inerti. 4. La necessità di normative statali Lo smaltimento ecocompatibile ed economico del fluff in Svizzera rimane tuttora uno dei problemi ancora irrisolti della gestione svizzera dei rifiuti. Lo smaltimento di automobili e di apparecchi metallici usati, comporta, oltre al recupero manuale di componenti preziose riciclabili o particolarmente critiche, sempre anche uno

4 4 smontaggio meccanico in impianti di frantumazione, nettamente meno costoso rispetto alla possibilità teorica di uno smontaggio manuale completo. Il trattamento adeguato del fluff prodotto nel quadro dello smontaggio meccanico in un impianto di frantumazione colma una lacuna importante nella tecnica di smaltimento attuale. L impianto previsto permette di recuperare e riciclare gran parte dei metalli. Il processo Reshment è caratterizzato da un alto rendimento energetico e dall eccellente qualità dei residui vetrificati. Motivi di gestione aziendale inducono a prevedere per l impianto basato sulla tecnologia Reshment una capacità di trattamento annua di circa 105'000 tonnellate di fluff e di altri rifiuti idonei. Non v ha dubbio che l impianto assumerà in un certo qual modo una posizione dominante sul mercato nel campo dello smaltimento del fluff. Non sarebbe però molto opportuno costruire un maggior numero di impianti di dimensioni minori, ciascuno dei quali costerebbe quasi quanto l impianto previsto. La fondazione teme ora che senza le misure di accompagnamento si continuerebbe a smaltire in altri impianti il fluff prodotto in Svizzera, eventualmente a minor costo e con meno efficienza dal profilo ecologico. Ciò impedirebbe di conseguenza l ammortamento degli investimenti effettuati. La fondazione sarebbe senz altro in grado di offrire prezzi vantaggiosi attirando in tal modo i residui da smaltire. Dato che ai sensi della legge sui cartelli l impianto previsto costituisce un impresa che domina il mercato, dopo l adozione di una simile procedura, la fondazione potrebbe essere costretta dalla Commissione federale della concorrenza, in base all articolo 7 della legge sui cartelli, a cedere lo smaltimento di parte dei residui ai propri concorrenti svizzeri o esteri oppure a dover versare loro un risarcimento. Data la situazione giuridica e considerato un volume di investimenti di quasi 110 milioni di franchi, le riserve avanzate dalla fondazione sono, in linea di principio, comprensibili. Già in passato la volontà degli investitori di finanziare impianti più moderni, migliori dal punto di vista ecologico, ma pur sempre più costosi, sussisteva soltanto quando potevano fare affidamento su una garanzia minima che assicurasse loro di ottenere effettivamente i rifiuti da smaltire. Per tale ragione, nel 1995, in occasione di una modifica della LPAmb è stato adottato l articolo 31c, il quale autorizza il Consiglio federale a definire i comprensori di raccolta per impianti dei rifiuti se il trattamento di un tipo di rifiuto presuppone un unico impianto. Il messaggio del 7 giugno 1993 relativo alla modifica della legge sulla protezione dell ambiente indica esplicitamente i rifiuti provenienti dal riciclaggio dei veicoli fuori uso quale esempio di una simile regolamentazione. La definizione di un comprensorio di raccolta implica, per i prossimi dodici anni, l assegnazione all impianto previsto del fluff prodotto in Svizzera. In tal modo si creano le condizioni quadro indispensabili per ridurre sensibilmente il rischio degli investitori e facilitare lo smaltimento ecocompatibile ed economico del fluff. Gli altri tipi di rifiuti idonei, destinati al trattamento nell impianto, dovranno essere ritirati a condizioni di mercato. In particolare si rinuncia a delimitare un comprensorio di raccolta per le ceneri dei filtri degli IIRU.

5 5 5. Conseguenze per la Confederazione e per i Cantoni La modifica dell ordinanza implica per la Confederazione e per i Cantoni soltanto conseguenze minime sul piano esecutivo. 6. Conseguenze per l economia Dal 1992 la fondazione preleva una tassa di smaltimento sulle automobili e sui veicoli commerciali importati in Svizzera, fissata inizialmente a 75 franchi per veicolo commerciale ma poi scesa ai 30 franchi attuali. Con il ricavato, la fondazione finanzia l 80 per cento dei costi di smaltimento del fluff proveniente dalla frantumazione di automobili usate. Sinora il fluff è stato smaltito, nell ambito di una soluzione transitoria, negli IIRU o in altri impianti d incenerimento idonei, in Svizzera e all estero. I costi di smaltimento attuali si collocano tra 250 e 350 franchi per tonnellata. Per ora le aziende che gestiscono gli impianti di frantumazione ricevono un sostegno della fondazione per lo smaltimento del fluff. Secondo le stime attuali, i costi di smaltimento generati da un processo Reshment saranno di poco superiori a quelli causati dalle soluzioni transitorie adottate attualmente. La fondazione prevede un prezzo di poco superiore ai 300 franchi per tonnellata di fluff. Attualmente in Svizzera il fluff viene incenerito nei due IIRU della città di Zurigo, nell IIRU di Weinfelden e in quello di Niederurnen. L anno scorso sono così state smaltite complessivamente tonnellate di questi residui. Le capacità dei quattro impianti citati ammontano a un totale di tonnellate annue di rifiuti urbani e altri rifiuti combustibili. L incenerimento del fluff corrisponde pertanto al 3 per cento delle capacità di detti impianti. Il nuovo impianto previsto a Monthey attiva un volume di investimenti pari a 110 milioni di franchi e consente di creare da 35 a 40 nuovi posti di lavoro. Dal momento che, sia in Svizzera che altrove, lo smaltimento del fluff pone ancora problemi, le aziende coinvolte avranno senz altro la possibilità di commercializzare anche in altri Paesi l esperienza professionale acquisita e la tecnologia. 7. Confronto a livello internazionale Anche l UE ha regolamentato lo smaltimento dei veicoli fuori uso. La sua direttiva del 18 settembre 2000 obbliga i Paesi membri a fare il necessario affinché gli operatori economici introducano sistemi per il ritiro dalla circolazione dei veicoli fuori uso. Il ritiro dalla circolazione di tali veicoli deve avvenire a titolo gratuito. I veicoli da smaltire possono essere fatti cancellare dagli appositi registri e quindi esentati dall obbligo fiscale soltanto se il proprietario dispone di un certificato di rottamazione rilasciato dall azienda di smaltimento. Le nuove norme sono entrate in vigore il 1 luglio 2002 per i nuovi veicoli entrati in circolazione dopo quella data, mentre per tutti gli altri veicoli saranno vincolanti soltanto dal 1 gennaio Date le esperienze prevalentemente positive fatte in Svizzera con i sistemi di smaltimento privati, il finanziamento dello smaltimento di veicoli fuori uso, almeno per

6 6 ora, sarà lasciato in gestione al settore. Se il settore non dovesse essere in grado di gestire in maniera soddisfacente il ritiro dei veicoli fuori uso, la Confederazione avrà sempre l opportunità intervenire sul piano legislativo e di assicurare il ritiro gratuito istituendo una tassa di smaltimento anticipata. La direttiva UE ha introdotto delle quote di riciclaggio come obiettivi di trattamento. Attualmente non è ancora chiaro come i diversi Paesi membri intendano applicare questa normativa. Le strategie elaborate sinora da alcuni Paesi dell Ue prevedono che, una volta privati delle componenti inquinanti o riciclabili, i veicoli fuori uso siano inviati negli impianti di frantumazione, dove le loro componenti metalliche verranno recuperate per essere riciclate. Il trattamento termico del fluff in impianti idonei è previsto nell ambito della strategia elaborata da singoli Paesi (ad es. A, NL), ed anche la Commissione europea l ha inclusa espressamente nelle sue riflessioni. La Svizzera ricicla già ora acciaio, metalli ferrosi, batterie, olio usato, pneumatici e determinate materie plastiche provenienti da veicoli fuori uso. I residui non metallici sono trattati termicamente. Applicando il processo Reshment si migliora ulteriormente il riciclaggio dei veicoli fuori uso e, in linea di principio, ci si conforma agli obiettivi di trattamento stabiliti dall UE. 8. Basi giuridiche Il fluff rientra nella categoria dei rifiuti speciali e deve quindi essere smaltito dai chi lo detiene. L articolo 31c LPAmb prevede che i Cantoni facilitino, nella misura del necessario, lo smaltimento di tali residui. In particolare, assegna loro la competenza di definire i comprensori di raccolta. Se lo smaltimento di questi rifiuti richiede in tutta la Svizzera solo pochi comprensori di raccolta, il Consiglio federale può definire questi comprensori. L articolo 30h LPAmb affida al Consiglio federale la competenza di emanare prescrizioni tecniche e organizzative sugli impianti per lo smaltimento dei rifiuti (impianti per i rifiuti). L OTR prevede attualmente prescrizioni per discariche, depositi intermedi, impianti d incenerimento dei rifiuti e impianti di compostaggio. Ai sensi dell articolo 32a Il Consiglio federale può obbligare i fabbricanti e gli importatori che mettono in commercio prodotti che, una volta fuori uso, devono essere sottoposti ad un trattamento speciale o si prestano ad essere riciclati, a versare una tassa anticipata per finanziare i costi di smaltimento. Il Consiglio federale ha inoltre la facoltà di disciplinare l ammontare della tassa e l impiego della stessa. 9. Le singole disposizioni in dettaglio Art. 14a Obiettivo di smaltimento per il fluff (nuovo) Il nuovo articolo 14a OTR prescrive il tipo di smaltimento previsto per il fluff. In particolare esige, nella misura del possibile, il recupero dei metalli secondo lo stato attuale della tecnica, la vetrificazione delle componenti non metalliche e l utilizzo del calore prodotto nel corso di tale processo. Attualmente, il processo Reshment determina lo stato della tecnica nel riciclaggio del metallo. Il processo deve avvenire

7 7 in modo tale che la separazione dei metalli pesanti possa essere completa e i residui vetrificati siano fusi in una forma stabile. Se detti residui sono sufficientemente stabili, possono essere depositati in una discarica per materiali inerti, nonostante il loro eccessivo tenore di metalli pesanti. La nuova cifra 13 dell allegato 1 specifica i requisiti dettagliati che i residui vetrificati devono soddisfare. Il controllo della gestione dell impianto previsto è affidato al Cantone d ubicazione secondo la normale ripartizione dei compiti prevista dalla legge. Dato che sia l impianto sia il deposito di residui vetrificati sono progetti di carattere pionieristico, nell ambito del deposito delle scorie vetrificate sarà necessario esaminare, all interno di un primo compartimento, se sono stati ottenuti i risultati previsti in seguito a esperimenti compiuti in laboratorio e se, eventualmente, è possibile rendere più facile il deposito dei residui vetrificati. Il tenore di metalli pesanti che allo stato attuale delle conoscenze è lecito aspettarsi nei residui vetrificati ne sconsiglia il riciclaggio quale materiale edile. Inoltre, non è affatto esaurito il potenziale di valorizzazione offerto dal materiale edile riciclabile non problematico. La valorizzazione dei residui riciclabili sarebbe però ipotizzabile, se si riuscisse a ridurre il tenore di metalli pesanti a un livello decisamente inferiore ai valori limite attuali previsti per le sostanze inerti e a rispettare i requisiti di carattere tecnico-edilizio. Art. 14 b Comprensorio temporaneo per la raccolta del fluff (nuovo) I residui prodotti in Svizzera saranno smaltiti per un periodo di dodici anni esclusivamente nell impianto basato sulla tecnologia Reshment costruito dalla fondazione, se detto impianto disporrà delle capacità sufficienti. Tale lasso di tempo corrisponde al periodo di ammortamento degli investimenti previsto dalla fondazione ed equivale all arco di tempo che si presume necessario per smaltire tutte le vetture costruite secondo i criteri attuali. In tal modo si assicura da un lato che gli investimenti effettuati possano essere adeguatamente ammortizzati. Dall altro però, questa prescrizione è chiaramente limitata nel tempo. Durante questo periodo, il gestore dell impianto può posizionarsi sul mercato, dove potrà in seguito smaltire a condizioni di mercato sia il fluff che gli altri rifiuti idonei. Nel caso in cui le capacità dell impianto della fondazione fossero insufficienti, l UFAFP autorizzerà, di comune accordo con i Cantoni e laddove necessario, il ricorso ad altre vie di smaltimento idonee. Per il momento si rinuncia ad introdurre parallelamente una regolamentazione statale relativa al finanziamento dello smaltimento dei veicoli fuori uso. Il settore interessato ha infatti l intenzione di realizzare un sistema gratuito di ritiro dalla circolazione dei veicoli fuori uso interi, finanziato su base privata su tutto il territorio nazionale mediante il prelievo di una tassa di smaltimento anticipata. In quest ambito si vuole però tenere conto delle soluzioni concrete previste dall UE in materia di ritiro gratuito dalla circolazione di veicoli fuori uso, adeguando i tempi di attuazione di tale sistema in Svizzera a quelli della stessa UE. Se non dovesse delinearsi una soluzione soddisfacente su basi private, ai sensi della legge sulla protezione dell ambiente il

8 8 Consiglio federale ha la facoltà di introdurre l obbligo del ritiro dalla circolazione gratuito. Trattandosi di una normativa limitata nel tempo, l articolo 57a ne stabilisce la durata di validità. Art. 14c Sorveglianza dei prezzi (nuovo) La creazione di un comprensorio di raccolta consente al gestore di un impianto basato sulla tecnologia Reshment di acquisire una posizione dominante sul mercato per quanto concerne lo smaltimento del fluff. L impianto è pertanto sottoposto alla legge sulla sorveglianza dei prezzi onde evitare prezzi di smaltimento eccessivi. Per evitare sussidi trasversali destinati allo smaltimento di altri rifiuti mediante gli introiti derivanti dallo smaltimento del fluff, devono essere sorvegliati anche i costi generati dal detto processo e i prezzi praticati in quest ambito. Per agevolare il controllo, è quindi indispensabile fornire un rendiconto dettagliato a tale riguardo. Allegato 1 A determinate condizioni, i rifiuti vetrificati possono essere depositati in discariche per materiali inerti. Per questo motivo tali residui vengono inclusi nell elenco dei rifiuti il cui conferimento in discariche per inerti è autorizzato. Cifra 13 Residui vetrificati (nuovo) I criteri di qualità qui elencati sono scaturiti da ampie indagini compiute in collaborazione con istituti di ricerca svizzeri ed esteri 1. In tal ambito è stata esaminata in particolar modo la stabilità di materiali provenienti da procedure eseguite con forni ad elevate temperature. I vetri hanno una componente cristallina molto esigua, ma si contraddistingue per la struttura omogenea e la porosità ridotta. Una composizione idonea rende il vetro molto stabile contro la maggior parte degli effetti chimici. Ciò significa che i metalli pesanti e altri elementi sono poco soggetti a lisciviazione. Per produrre residui vetrificati stabili ed omogenei è necessaria un alta temperatura di fusione. Per tale ragione è richiesto esplicitamente che il vetro provenga da un processo in cui la massa fusa raggiunge temperature superiori di 100 C al punto di fusione. Inoltre, è indispensabile che la composizione sia idonea. In particolare l elemento matrice silicio deve essere presente in quantità sufficiente e avere un rapporto equilibrato con il calcio. Poiché i frammenti più piccoli hanno per volume una superficie maggiore e in considerazione del fatto che un eventuale corrosione del vetro avverrebbe in superficie, i rifiuti vetrificati non dovrebbero essere ulteriormente macinate. Data la stabilità dei residui vetrificati, la lisciviazione produce quantità minime di metalli pesanti. Il test d eluizione, attualmente prescritto ai sensi dell OTR, non è idoneo per valutare tali residui. Per la valutazione della stabilità dei vetri è stato 1 D. Perret, P. Stille, G. Shields, J.-L. Crovoisier, U. Mäder (April 2000): Long-term stability of HT materials, Report 4

9 9 elaborato un nuovo test. I vetri vengono macinati e sottoposti per tre giorni a lisciviazione con acqua riscaldata a 90 C. Dato che nell ambito del test i metalli pesanti sono riscontrabili nell eluito soltanto in concentrazioni molto basse, è difficile determinarli mediante analisi. Per tale ragione, il grado di lisciviazione degli elementi principali silicio e calcio è utilizzato quale metro di misurazione della stabilità dei vetri. La cifra 13 lettera e dell ordinanza definisce anche il tenore massimo dei metalli pesanti nei residui vetrificati che possono essere depositati in discariche per materiali inerti. Lo stato attuale della tecnica permette un efficiente separazione dei metalli mediante trattamento meccanico dei residui come pure la rimozione dalla massa fusa di metalli pesanti volatili. Inoltre i metalli pesanti volatili, quali il ferro o il rame, in quanto massa fusa metallica vengono separati e smaltiti. Per assicurare l impiego di dette possibilità tecniche e per limitare a titolo preventivo il tenore dei metalli pesanti nei residui vetrificati, sono stati stabiliti dei valori limite di sei metalli pesanti. Detti valori superano in parte quelli per materiali inerti, stabiliti nell OTR, anche se si applicano a residui meno stabili. I valori limite scaturiscono dai risultati emersi dalle analisi del vetro compiute nell ambito dello studio dell UFAFP menzionato in precedenza. La stabilità dei rifiuti vetrificati è ridotta a contatto con acque basiche o determinati batteri. Un simile contatto deve essere evitato attraverso misure idonee adottate al momento della costruzione delle discariche. In particolare è necessario depositare rifiuti vetrificati in modo da escludere uno scambio di sostanze con altri rifiuti (monocompartimento). D luglio 2004

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Legge federale sulla protezione dell ambiente (Legge sulla protezione dell ambiente, LPAmb) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam)

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Rapporto esplicativo 28 marzo 2013 Indice 1 Situazione iniziale... 3 2 Obiettivo ed elementi

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

Comune di Canobbio REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Comune di Canobbio REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Comune di Canobbio REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti Indice Disposizioni generali Art. Art. Art. Art. Art. 5 Campo d'applicazione Competenza

Dettagli

Regolamento comunale sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento comunale sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti Regolamento comunale sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti Il Consiglio comunale di Stabio, richiamati: - la legge federale sulla protezione dell ambiente del 7 ottobre 98 (LPAmb), - l ordinanza tecnica

Dettagli

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente CRS s.r.l. Via Piave, 21 10040 LEINI (TO) Tel. 011 9910270 - Fax : 011 9910992 P.IVA. - C.F. 07357640015 www.derichebourg.com Documento non vincolante - 10/2008 - www.epicea.com - Photo GettyImages - Corbis

Dettagli

Sintesi del Rapporto per la Stampa

Sintesi del Rapporto per la Stampa Sintesi del Rapporto per la Stampa Il Rapporto descrive e analizza le dinamiche connesse al movimento transfrontaliero dei rifiuti speciali tra l Italia e gli altri Paesi, europei e non. Per rifiuti speciali

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 28 La gestione dei rifiuti riguarda due tipologie di attività previste dalla normativa: il recupero (R) e lo (D). In linea generale, però, con il termine gestione possono

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Decisioni del Consiglio degli Stati del 25.11.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 19.5.2015 Legge federale sulla protezione dell ambiente (, LPAmb) e-parl 27.08.2015 14:51 Modifica

Dettagli

LE BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE:

LE BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE: LE BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE: LA RACCOLTA E IL RICICLAGGIO Eleonora Chiodi LA BATTERIA AL PIOMBO: È un generatore elettrochimico in grado di erogare, sotto forma di una corrente elettrica continua, parte

Dettagli

Iniziativa parlamentare Impianti di incenerimento dei rifiuti urbani (IIRU) del Cantone Ticino

Iniziativa parlamentare Impianti di incenerimento dei rifiuti urbani (IIRU) del Cantone Ticino ad 03.421 Iniziativa parlamentare Impianti di incenerimento dei rifiuti urbani (IIRU) del Cantone Ticino Rapporto del 4 settembre 2003 della Commissione dell ambiente, della pianificazione del territorio

Dettagli

Rifiuti da pile e accumulatori: la disciplina per il riciclaggio

Rifiuti da pile e accumulatori: la disciplina per il riciclaggio l I produttori devono farsi carico in maniera complessiva di tutti gli oneri Rifiuti da pile e accumulatori: la disciplina per il riciclaggio La direttiva europea 2006/66/CE, recepita dal D.Lgs. n. 188/2008,

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

Promemoria per l esecuzione. 1. Contenuto. 2. Campo d applicazione

Promemoria per l esecuzione. 1. Contenuto. 2. Campo d applicazione Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Divisione Protezione dell'aria e RNI Riferimento/numero d'incarto: H361-1204

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare

Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare L UNIONE EUROPEA E L AMBIENTE (Documenti a cura della rappresentanza a Milano della Commissione delle Comunità Europee. Aprile 1998) Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare I veicoli fuori

Dettagli

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico Ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Modifica del 23 giugno 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 dicembre 1985 1 contro l inquinamento atmosferico è modificata

Dettagli

UFFICIO AMBIENTE VERDE PAESAGGIO DEL COMUNE DI ARZIGNANO. ambiente@comune.arzignano.vi.it

UFFICIO AMBIENTE VERDE PAESAGGIO DEL COMUNE DI ARZIGNANO. ambiente@comune.arzignano.vi.it UFFICIO AMBIENTE VERDE PAESAGGIO DEL COMUNE DI ARZIGNANO ambiente@comune.arzignano.vi.it Dott. Giorgio Gentilin Arch. Giovanni Panagin Dott. Davide Zorzanello Rag. Elena Rossato RIFIUTI RACCOLTI AD ARZIGNANO

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

4.3 Il recupero di materia

4.3 Il recupero di materia 4.3 Il recupero di materia Nel 2008 sono state gestite tramite operazioni di recupero di materia (da R2 a R13) oltre 13.000.000 t di rifiuti in Veneto nei circa 1.200 impianti ubicati sul territorio regionale.

Dettagli

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione 1 Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione Gino Schiona Direttore Generale CIAL Alberto Cambiaghi Direttore Generale Brianza Energia Ambiente Ecomondo Rimini, 6 novembre 2014 2 CIAL. La strategia

Dettagli

Comunicazione della CAV PP C 05/2012

Comunicazione della CAV PP C 05/2012 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Comunicazione della CAV PP C 05/2012 Finanziamento degli istituti di previdenza degli enti di diritto pubblico Edizione del:

Dettagli

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio Del Vecchio-Governatori Riciclaggio 1 Il problema della gestione dei rifiuti Il problema della gestione dei rifiuti è diventato sempre più rilevante: la crescita dei consumi e dell'urbanizzazione hanno

Dettagli

Inceneritori. Tale rifiuto può seguire solo le seguenti strade:

Inceneritori. Tale rifiuto può seguire solo le seguenti strade: Inceneritori L inceneritore è un sistema per lo smaltimento dei rifiuti solidi, ad oggi è già presente in alcune aree urbane un esempio è l inceneritore di Vienna il cui design è stato elaborato dall architetto

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7594 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GERARDINI Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Presentata il 6

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

Piano di dismissione dell impianto

Piano di dismissione dell impianto Sommario PREMESSA... 2 1. SOSTENIBILITÀ DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 2 2. DECOMMISSIONING DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 3 3. TIPOLOGIA DEI MATERIALI... 3 3.1 Pannelli FV :... 3 3.2 Strutture di sostegno:...

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

C o m u n e di Canobbio ORDINANZA D'APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

C o m u n e di Canobbio ORDINANZA D'APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI C o m u n e di Canobbio ORDINANZA D'APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI Valevole dal gennaio 009 Risoluzione Municipale n. 730 del 0..008 Ordinanza d'applicazione del regolamento

Dettagli

Sede Operativa : Via Ardeatina, 802-00178 Roma Tel. 06 71302273 Fax 06 71301017 csm.bizzaglia@gmail.com

Sede Operativa : Via Ardeatina, 802-00178 Roma Tel. 06 71302273 Fax 06 71301017 csm.bizzaglia@gmail.com Sede Operativa : Via Ardeatina, 802-00178 Roma Tel. 06 71302273 Fax 06 71301017 csm.bizzaglia@gmail.com i e d La società nasce nel 1994, su iniziativa di persone dotate di vasta esperienza nel settore

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Pneumatici fuori uso i Normativa, contributo e tutto ciò che c è da sapere

Pneumatici fuori uso i Normativa, contributo e tutto ciò che c è da sapere Pneumatici fuori uso i Normativa, contributo e tutto ciò che c è da sapere e Introduzione A partire da aprile 2011 è attivo un nuovo sistema di recupero e smaltimento degli pneumatici fuori uso, che prevede

Dettagli

La seconda vita della Scatoletta

La seconda vita della Scatoletta La seconda vita della Scatoletta Quello dello smaltimento dei rifiuti è uno dei problemi più grandi che il nostro pianeta sembra dover affrontare nei prossimi decenni. I rifiuti oggi vengono smaltiti in

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

Smaltimento dei residui di incendio

Smaltimento dei residui di incendio Dipartimento del Territorio Smaltimento dei residui di incendio Foglio informativo Sezione della protezione dell aria dell acqua e del suolo - SPAAS Ufficio della gestione dei rifiuti - UGR Ufficio delle

Dettagli

Batterie per auto, oli minerali e pneumatici

Batterie per auto, oli minerali e pneumatici Page 1 of 5 n. 001 - Lunedì 02 Gennaio 2012 Batterie per auto, oli minerali e pneumatici Come possono i cittadini smaltirli correttamente? Nell'ambito delle problematiche relative ai rifiuti, si presentano,

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE

(Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE L 86/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.4.2005 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 marzo 2005 che stabilisce

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 29 novembre 1993 1 sull

Dettagli

DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 10.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 329/5 DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 20 novembre 2013 che modifica la direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e

Dettagli

Garantire una catena di approvvigionamento responsabile.

Garantire una catena di approvvigionamento responsabile. Garantire una catena di approvvigionamento responsabile. Acquisti sostenibili. G4 12 G4 EC9 G4 DMA Come azienda di esclusiva proprietà della Confederazione, le FFS operano nel rispetto delle procedure

Dettagli

VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO. Ing. Franco Macor Gruppo Fiori

VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO. Ing. Franco Macor Gruppo Fiori VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO 2013 Ing. Franco Macor Gruppo Fiori Il Gruppo Fiori: impianti di recupero Italmetalli (Bologna) Italferro (Roma) INPUT >360.000 t

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Simona Fontana Responsabile Centro Studi - Area Prevenzione Rimini, 5 novembre 2014 Il Sistema CONAI,

Dettagli

Gomma e pneumatici fuori uso

Gomma e pneumatici fuori uso e pneumatici.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale Il consumo europeo di pneumatici si è mantenuto basso nel 2013 in analogia a quanto già osservato negli anni precedenti. In altre parole,

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008 CIRCOLARE N. 43/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 maggio 2008 OGGETTO: Rifiuti e rottami trattamento fiscale ai fini IVA N. 127-sexiesdecies, della Tabella A Parte III allegata al DPR

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

Intervento al Metalriciclo del 14.9.07

Intervento al Metalriciclo del 14.9.07 G.Manunta Intervento al Metalriciclo del 14.9.07 Come è noto il sistema del fine vita auto è governato e regolato dal Dlgs 209 in attuazione della Direttiva Europea 2000/53 CE. Nel regolare il sistema,

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro Relatore:

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione giuridica e per il mercato interno 8 giugno 2001 DOCUMENTO DI LAVORO sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle macchine e

Dettagli

Argomento: Sacchetti per la spesa biodegradabili: il quadro normativo europeo

Argomento: Sacchetti per la spesa biodegradabili: il quadro normativo europeo Argomento: Sacchetti per la spesa biodegradabili: il quadro normativo europeo I sacchetti della spesa sono diventati oggetto di molte discussioni dopo che è entrato in vigore il divieto alla loro commercializzazione

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo DESTINATARI: CAPITANERIE DI PORTO (tutte) Ministero dell Ambiente e della Tutela UFFICI CIRCONDARIALI MARITTIMI (tutti - tramite le Capitanerie di Porto) e, per conoscenza: DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITÀ

Dettagli

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI AGGIORNAMENTI NORMATIVI Marino Lamperti Federazione Gomma Plastica Area Tecnico Scientifica MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL AGGIORNAMENTI NORMATIVI > Stato attuativo del Regolamento (CE) N. relativo

Dettagli

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani RECUPERO ALLUMINIO DALLE SCORIE POST-COMBUSTIONE L impianto BSB per il trattamento

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 COM(2014) 750 final 2014/0359 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa all accettazione dell emendamento del protocollo del 1998 della convenzione del

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE

Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE Prot. Generale N. 0100090 / 2015 Atto N. 4715 OGGETTO: BENFANTE S.P.A. MODIFICA NON SOSTANZIALE DELL AUTORIZZAZIONE UNICA, RILASCIATA,

Dettagli

Regione Tre Valli. Dal 1 luglio 2006. Tassa sul sacco. ...separiamo i rifiuti... Non gettiamo i soldi nei forni!

Regione Tre Valli. Dal 1 luglio 2006. Tassa sul sacco. ...separiamo i rifiuti... Non gettiamo i soldi nei forni! Dal 1 luglio 2006 Regione Tre Valli Tassa sul sacco Informazioni e consigli sulle novità e sui cambiamenti Non gettiamo i soldi nei forni!...separiamo i rifiuti... pt su 10 di interlinea - 28 pt track

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Ordinanza relativa alla tassa sul CO 2

Ordinanza relativa alla tassa sul CO 2 Ordinanza relativa alla tassa sul CO 2 (Ordinanza sul CO 2 ) Modifica del Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza dell 8 giugno 2007 1 sul CO 2 è modificata come segue: Art. 1 Principio La

Dettagli

814.610. Ordinanza sul traffico di rifiuti. (OTRif) Capitolo 1: Disposizioni generali. del 22 giugno 2005 (Stato 1 maggio 2014)

814.610. Ordinanza sul traffico di rifiuti. (OTRif) Capitolo 1: Disposizioni generali. del 22 giugno 2005 (Stato 1 maggio 2014) Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) 814.610 del 22 giugno 2005 (Stato 1 maggio 2014) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 30b capoverso 1, 30f capoversi 1 3, 30g capoverso 1, 39 capoverso

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

residua possibilità di utilizzazione

residua possibilità di utilizzazione Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni La modifica dei piani di ammortamento: vincoli civilistici e fiscali Premessa A causa del difficile contesto economico e di mercato dovuto alla perdurante

Dettagli

Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D. Sorting your business

Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D. Sorting your business Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D Sorting your business Bollegraaf Soluzioni per la valorizzazione dei rifiuti Noi di Bollegraaf comprendiamo che il settore del riciclaggio, come tutte le attività

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 30.05.2002 ad oggetto Approvazione del Regolamento per l utilizzo dell Isola Ecologica, esecutiva ai sensi di legge,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 20.04.2001 COM(2001)216 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO che modifica l'elenco di rifiuti contenuto nella decisione della Commissione 2000/532/EC

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 Chiudere il cerchio Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 L infrastruttura della filiera della carta L industria della carta italiana anno 2013 Produzione di 8,5 milioni

Dettagli