Fatti vedere! 6 8 anni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fatti vedere! 6 8 anni"

Transcript

1 Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 6 Fatti vedere! 6 8 anni upi Ufficio prevenzione infortuni

2 Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Argomento Catarifrangenti: per le biciclette la legge prescrive l uso di luci e di catarifrangenti anteriori, posteriori e sui pedali. Si raccomanda di munire la bici di un buon faro che resti acceso anche quando la bici è ferma. L ideale è un faro fisso: non si rischia di dimenticarlo. È importante essere visibili sempre, di giorno come di notte. Trovate altre informazioni dettagliate nel nostro sito Internet alla pagina Essere visibili sempre significa essere visibili a 360. Le statistiche mostrano che la gravità degli incidenti stradali aumenta all imbrunire e di notte. La ragione è che di notte l occhio riconosce meno bene i colori e i dettagli. Per essere visti per tempo, gli automobilisti e i motociclisti viaggiano con i fari accesi anche di giorno. Spesso però i pedoni, i ciclisti e i conducenti di mezzi simili a veicoli come skateboard o monopattini indossano abiti scuri e non sono equipaggiati né di inserti riflettenti né di luci o fanali. Per questo spesso vengono visti troppo tardi dagli altri utenti della strada il tempo di reazione è infatti di circa 2 secondi. Per gli utenti più vulnerabili, come i bambini e i ragazzi, ciò può avere conseguenze gravissime se non addirittura letali. Per spostarsi in tutta sicurezza a piedi, in bicicletta, in monopattino, in skate o altro gli scolari devono adottare i seguenti accorgimenti. Indossare abiti chiari con materiale riflettente: in questo modo si è sicuri di essere visti con sufficiente anticipo. Ciò vale anche per lo zaino o la bicicletta. Al buio un automobilista vede il materiale riflettente già a 140 metri, mentre riesce a vedere un pedone vestito di scuro solo a una distanza di 25 metri. Visibilità a 360 gradi: la visibilità a 360, ossia quando un pedone, un ciclista o uno skater è visibile da tutti i lati, è ideale per la sicurezza. Prevenzione degli infortuni Prevenzione strutturale e comportamentale Per ottimizzare la sicurezza occorre lavorare sulla struttura e sul comportamento. Nella circolazione stradale, per struttura s intende ciò che di regola resta inalterato per un lasso di tempo prolungato, in particolare l arredo stradale (marciapiedi, segnaletica ecc.). Diverso, invece, è il discorso per quanto attiene al comportamento. La sicurezza degli scolari e degli automobilisti può essere aumentata stimolando atteggiamenti e comportamenti improntati alla sicurezza ed esortando i giovani a mettere in pratica quanto imparato.

3 Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Obiettivi didattici Gli allievi imparano attraverso alcune attività pratiche come possono essere visti meglio dagli altri utenti della strada sono consapevoli di come cambia la visibilità di oggetti e colori se cambiano le condizioni di luminosità e imparano ad utilizzare correttamente i materiali riflettenti studiano soluzioni per adottare un comportamento sicuro all imbrunire e di notte quando si spostano a piedi o in bici. 1. Approccio didattico-metodologico L unità didattica mette in primo piano la sperimentazione con colori e forme diverse. È finalizzata alla scoperta, all esperienza diretta e alla sensibilizzazione e cerca di motivare i bambini ad adottare comportamenti più sicuri. La struttura dell unità didattica permette agli allievi di partecipare (confronto attivo con colori e forme diverse), visualizzare (vengono presentate e sperimentate in classe varie combinazioni di colori e forme), analizzare (pensare al proprio comportamento sul percorso casascuola) e mettere in pratica quanto imparato (come devo comportarmi d ora in poi sul percorso casa-scuola). 2. Attività di approfondimento Gli allievi sperimentano la visibilità al buio dei loro gilet quando una fonte luminosa li illumina. Si formano due gruppi. Il primo gruppo si ritrova nell aula buia o in un locale adatto. L altro fa la parte del conducente. Un allievo illumina con una torcia elettrica sufficientemente potente il primo gruppo di allievi che portano il gilet (2-3 secondi: contare ). Per questo esperimento è importantissimo che il locale sia assolutamente buio. Chi o cosa era ben visibile? Come cambia la situazione se il primo gruppo si muove? L esperimento può essere svolto anche come una sfilata di moda. Singoli esperimenti si possono svolgere anche in occasione di una serata per i genitori, in modo da sensibilizzarli sulla problematica e spiegare le misure da adottare. In sintesi Usa cose ben visibili da qualsiasi distanza! Gli allievi sperimentano con forme e colori.

4 Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Struttura delle lezioni 6 8 anni Materiale Scheda di lavoro n. 6.1 Fogli di carta bianca A2 e A4 Colori luminescenti (in vendita nei negozi specializzati) o ad acqua Forbici Gesso Metro Materiale riflettente* * Ottenibile all indirizzo riportato nella scheda di lavoro 6.1, pagina 2 20 Individuale 15 Classe Introduzione Gli allievi vengono sensibilizzati sul problema della visibilità dei colori e delle forme nella circolazione stradale. Disegnano su fogli A4 forme chiare e le colorano con tinte forti e scure. Fase principale La visibilità delle forme e dei colori viene verificata all esterno. Si raccomanda di testare la visibilità in condizioni di luminosità diverse. Con questo esperimento gli allievi riconoscono quali colori e quali forme si distinguono particolarmente bene anche a grande distanza. 20 Individuale Fase principale Ogni allievo confeziona un gilet di carta (cfr. scheda di lavoro 6.1 attività 2). Sul gilet si può incollare ritagli riflettenti. 15 Classe Fase principale Anche il secondo esperimento sulla visibilità dei colori e delle forme può svolgersi all esterno. Quest attività può essere risolta secondo lo schizzo dell attività 1 della scheda di lavoro 6.1 con tutta la classe contemporaneamente o a coppie. 20 Classe Conclusioni Le conoscenze acquisite sono riassunte e le misure di prevenzione per i pedoni, i ciclisti e i conducenti di altri mezzi simili a veicoli vengono discusse in classe.

5 Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Al crepuscolo e di notte la visibilità è limitata. Vedere e soprattutto essere visti è quindi estremamente importante. In autunno e in inverno i bambini che si spostano a piedi sono spesso vittime di incidenti della circolazione, soprattutto al mattino o nel tardo pomeriggio. Indossando abiti chiari e usando zaini con inserti riflettenti i bambini possono contribuire a migliorare la propria sicurezza.

6 Ulteriori informazioni Per la tua sicurezza. Il tuo upi. L upi è il centro svizzero di competenza per la prevenzione degli infortuni al servizio della popolazione. Svolge ricerche negli ambiti della circolazione stradale, dello sport, della casa e del tempo libero e ne divulga i risultati attraverso consulenze, formazioni e campagne destinate tanto agli ambienti specializzati quanto al vasto pubblico. Il sito offre maggiori informazioni. L upi consiglia i seguenti Safety Tool: dai 6 ai 12 anni Controllo della sicurezza in acqua CSA Percorso casa-scuola Fatti vedere! Escursioni Cadute Calcio dai 9 ai 12 anni Sci e snowboard Escursioni Gite in bicicletta Cadute Calcio dai 13 ai 15 anni Tecnica e creatività Sci e snowboard Escursioni Gite in bicicletta Calcio dai 16 ai 18 anni Velocità nella circolazione stradale Alcol e droghe nella circolazione stradale Sci e snowboard Gite in bicicletta Calcio I Safety Tool possono essere ordinati gratis oppure scaricati in formato PDF: upi 2010, riproduzione gradita con indicazione della fonte upi Ufficio prevenzione infortuni, casella postale 8236, CH-3001 Berna Tel , fax ,

7 Scheda di lavoro per la promozione della sicurezza 6.1 Safety Tool n. 6 Fatti vedere! 6 8 anni Obiettivi La scheda di lavoro contempla due attività con le quali potrai sperimentare la visibilità di varie forme e colori e capire perché è importante vedere ed essere visto nel traffico stradale. Esperimento 1 Su un foglio bianco disegna forme chiare (ad es. triangolo, cerchio, quadrato, rettangolo) con colori ad acqua. Usa tinte forti e contrasti intensi. Per ottenere un buon contrasto devi utilizzare al massimo due colori chiari e due scuri. La forma che hai disegnato dev essere visibile anche a distanza (50 metri) e in caso di pioggia o nebbia. Ora puoi verificare se il tuo lavoro è visibile anche all esterno (cfr. scheda di lavoro 6.1, Test). Esperimento 2 Hai già sperimentato quali forme e quali colori sono ben visibili di giorno. Ora confeziona un gilet di carta con colori appariscenti e contrasti intensi sul quale incollerai strisce o ritagli adesivi riflettenti. La scheda di lavoro spiega come confezionare il gilet (modello). A pagina 2 della scheda di lavoro 6.1 sono indicati il materiale necessario e gli indirizzi dei fornitori di materiale riflettente. Puoi verificare la visibilità del tuo gilet anche all esterno con il test della scheda di lavoro 6.1 (Test). Annota a che distanza i tuoi compagni ti vedono. Alla pagina è possibile scaricare le schede di lavoro Safety Tool nel formato di testo e adattarle alle proprie esigenze. upi Ufficio prevenzione infortuni

8 Scheda di lavoro 6.1 Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Conclusione Le due attività ti hanno fatto capire come i colori vivi e le forme chiare contribuiscono a migliorare la visibilità nel traffico stradale. Per questo nei primi anni di scuola devi sempre portare il gilet. Cosa farai d ora in poi sul percorso casa-scuola per essere visto in tempo come pedone, ciclista o utilizzatore di mezzi simili a veicoli dagli altri utenti della strada? Attività supplementari Durante la lezione di attività creative puoi provare ad applicare una striscia di materiale riflettente su un capo d abbigliamento che hai portato da casa o su uno di tua creazione (cfr. indirizzi dei fornitori). In classe o in un altro locale adatto verifica ora se il gilet che hai creato è visibile anche nel buio. La classe viene divisa in due gruppi. Gli allievi del primo gruppo indossano il gilet e si riuniscono nel locale buio. Gli allievi del secondo gruppo fanno i conducenti. Uno di loro illumina brevemente con una torcia elettrica gli allievi del primo gruppo (2-3 secondi: contare ). È molto importante che il locale sia assolutamente buio. Chi o cosa era ben visibile? Cosa cambia se gli allievi del primo gruppo si muovono? Discutetene. Fornitori di materiale riflettente Fogli adesivi di segnalazione (A4, argento): SIGNAL AG Strassensignale und Markierungen Kanalstrasse 34 38, 3294 Büren a. A. Tel , (Poiché i fogli adesivi riflettenti sono molto costosi, si raccomanda un ordinazione raggruppata.) Nastro tessile riflettente largo 5 cm, materiale ottenibile al metro Ottenibile presso: espress Verkehrssicherheit Looslistrasse 15, 3027 Berna Tel , Pagina 2

9 Scheda di lavoro 6.1 Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Attività 1 Test Attività: Nome del/della compagno/a che osservo Nome del/della compagno/a che osservo La classe viene divisa in due gruppi che si mettono l uno di fronte all altro a una distanza di 10 metri. Un gruppo tiene davanti a sé il foglio con le forme disegnate o indossa il gilet confezionato. L altro gruppo osserva e annota i risultati sulla scheda mentre il primo gruppo indietreggia metro per metro facendo una sosta ogni metro. Dopo quanti metri la visibilità del/della compagno/a di fronte e del suo disegno è buona, discreta, pessima? Chi è visibile da più lontano? Quale disegno è risultato per primo non visibile? Per indicare la distanza potete tracciare per terra delle linee con il gesso, ad esempio ogni 10 metri. Vedo il foglio chiaramente fino a meno bene fino a male dopo Vedo il gilet chiaramente fino a meno bene fino a male dopo Pagina 3

10 Scheda di lavoro 6.1 Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Attività 2 Modello di gilet Attività: Prendi due grandi fogli da disegno bianchi, formato A2. Su ogni foglio ritaglia una striscia di 8 centimetri. Metti i due fogli l uno sull altro, incolla le due strisce che hai ritagliato sui due fogli (cfr. schizzo) e ritaglia al centro l apertura per il collo. Colora il tuo gilet. Scegli colori forti e luminosi. Puoi usare colori ad acqua o incollare le forme ritagliate dai fogli che hai usato per la prima attività. Con il test dell attività 1 hai imparato quali colori e quali forme sono ben visibili. Da ultimo incolla sul tuo gilet ritagli adesivi riflettenti. Nell aula buia o in un locale adatto puoi sperimentare se il tuo gilet è ben visibile quando è illuminato da una fonte luminosa. Pagina 4

Biciclette elettriche. Comodi e sicuri alla meta

Biciclette elettriche. Comodi e sicuri alla meta Biciclette elettriche Comodi e sicuri alla meta Pedalare senza fatica, andare più veloci e superare le salite con uno sforzo moderato. L assistenza del motore elettrico offre molti vantaggi. L upi e l

Dettagli

Percorso casa-scuola 6 8 anni

Percorso casa-scuola 6 8 anni Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 5 Percorso casa-scuola 6 8 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Percorso casa-scuola Safety Tool n. 5 Argomento percorsi casa-scuola

Dettagli

Stanchezza al volante

Stanchezza al volante Stanchezza al volante Guida sveglio upi Ufficio prevenzione infortuni Ti bruciano gli occhi o sbadigli continuamente mentre sei al volante? Fermati e fai una turbosiesta di 15 minuti. Deve guidare solo

Dettagli

Pattugliatori scolastici

Pattugliatori scolastici Pattugliatori scolastici Scolari e adulti al servizio della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Il servizio dei pattugliatori scolastici fornisce un contributo es senziale alla sicurezza sulle

Dettagli

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol al volante Per una guida sicura verso il futuro upi Ufficio prevenzione infortuni Salute! Molti incidenti stradali sono causati da un conducente in stato di ebbrezza. Sotto l influenza dell alcol

Dettagli

I primi passi nella circolazione stradale

I primi passi nella circolazione stradale I primi passi nella circolazione stradale Sulla strada verso l indipendenza upi Ufficio prevenzione infortuni L esercizio è un buon maestro I bambini sono curiosi e vogliono scoprire il loro mondo, estendendo

Dettagli

Stanchezza al volante

Stanchezza al volante Stanchezza al volante Guida sveglio upi Ufficio prevenzione infortuni Dormi meglio, guida sveglio Si stima che il 10 20% degli incidenti stradali siano dovuti a sonnolenza. Ad essere pericoloso non è soltanto

Dettagli

Schede didattiche per incentivare la sicurezza Safety Tool n. 12. Slittino. 9 15 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Schede didattiche per incentivare la sicurezza Safety Tool n. 12. Slittino. 9 15 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni Schede didattiche per incentivare la sicurezza Safety Tool n. 12 Slittino 9 15 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Slittino Safety Tool n. 12 Buono a sapersi Ci sono regole da rispettare? In generale

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Sicuri e indipendenti upi Ufficio prevenzione infortuni Percorsi a misura di bambino, educazione stradale, pattugliatori scolastici, conducenti attenti e responsabili e

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Sicuri e indipendenti upi Ufficio prevenzione infortuni Percorsi a misura di bambino, educazione stradale, pattugliatori scolastici, conducenti attenti e responsabili e

Dettagli

Alcol e droghe nella circolazione stradale

Alcol e droghe nella circolazione stradale Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 4 Alcol e droghe nella circolazione stradale 16 18 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol e droghe nella circolazione stradale Safety

Dettagli

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni Motocicletta Il bello della strada, il piacere della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Fai una gita in moto e senti l'aria che ti accarezza la faccia, ti godi la libertà che solo una due ruote

Dettagli

Passeggiate Gite scolastiche Escursioni

Passeggiate Gite scolastiche Escursioni Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 7 Passeggiate Gite scolastiche Escursioni 6 15 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Passeggiate Gite scolastiche Escursioni Safety Tool

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

Codice di condotta. «Un cavallo senza cavaliere è sempre un cavallo. Un cavaliere senza cavallo è solo un uomo.»

Codice di condotta. «Un cavallo senza cavaliere è sempre un cavallo. Un cavaliere senza cavallo è solo un uomo.» «Un cavallo senza cavaliere è sempre un cavallo. Un cavaliere senza cavallo è solo un uomo.» Codice di condotta per cavalieri e conducenti di carrozze in campagna e nella circolazione stradale Con questi

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Conducenti: occhio ai bambini! Guidare con particolare prudenza nei pressi di scuole, fermate di scuolabus o mezzi pubblici. Moderare la velocità e tenersi pronti a frenare

Dettagli

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano Il perché di un corso sull uso della bicicletta Il motore della bicicletta e la

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista

www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista Le nostre regole d oro Si parte! Fatevi valere come ciclista. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Mantenere una distanza di sicurezza dal margine

Dettagli

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni Bicicletta Pedalare sicuri upi Ufficio prevenzione infortuni Brivido della velocità o confortevole rilassatezza, brevi tragitti o lunghe distanze, attrezzo sportivo o mezzo di spostamento: la bicicletta

Dettagli

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni Bicicletta Pedalare sicuri upi Ufficio prevenzione infortuni Brivido della velocità o confortevole rilassatezza, brevi tragitti o lunghe distanze, per sport o nella vita quotidiana: la bicicletta diverte

Dettagli

Fogli didattici per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 11. Calcio 9 15 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Fogli didattici per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 11. Calcio 9 15 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni Fogli didattici per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 11 Calcio 9 15 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Calcio Safety Tool n. 11 Argomento ti (vedi riquadro «In sintesi»). A differenza del

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni

Bicicletta. Pedalare sicuri. upi Ufficio prevenzione infortuni Bicicletta Pedalare sicuri upi Ufficio prevenzione infortuni A tutta birra o in assoluto relax, per brevi tragitti o su lunghe distanze, per sport o nella vita quotidiana: la bicicletta diverte ed è sana.

Dettagli

Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 9. Cadute 6 12 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 9. Cadute 6 12 anni. upi Ufficio prevenzione infortuni Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 9 Cadute 6 12 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Cadute Safety Tool n. 9 Argomento terrare anche su un fianco. Un buon allenamento

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista.

Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista. Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista. Le nostre regole d'oro 1 Mantenere una distanza di sicurezza dal margine della carreggiata. 2 3 4 5 6 7 8 9 Mai circolare sulle linee bianche. Tenersi

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Indice 1. INTRODUZIONE ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 1.1 Cos è il Gioco del Traffico 3 1.2 Perchè partecipare

Dettagli

Ferrara. Informazioni. tredici. VEDERE usando. la bicicletta con informazioni utili sui sistemi di illuminazione per bici in commercio.

Ferrara. Informazioni. tredici. VEDERE usando. la bicicletta con informazioni utili sui sistemi di illuminazione per bici in commercio. Informazioni Agenzia della Mobilità Ufficio Biciclette Via Trenti 35, 44121 Ferrara info@ferrarainbici.it www.ferrarainbici.it Amici della Bicicletta di Ferrara Via del Lavoro (presso terminal bus) Ferrara

Dettagli

Controllo della sicurezza in acqua (CSA) 9 12 anni

Controllo della sicurezza in acqua (CSA) 9 12 anni Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 3 Controllo della sicurezza in acqua (CSA) 9 12 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Controllo della sicurezza in acqua (CSA) Safety

Dettagli

trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni

trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni Frizzante aria di montagna, vista su panorami mozzafiato, del sano movimento Nel nostro paese il trekking è molto apprezzato: quasi

Dettagli

Viaggiare in bicicletta 9 15 anni

Viaggiare in bicicletta 9 15 anni Fogli didattici per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 8 Viaggiare in bicicletta 9 15 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Viaggiare in bicicletta Safety Tool n. 8 Argomento Liste di controllo:

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA Non fa rumore Non inquina Occupa poco spazio La bicicletta ( velocipede per il codice della strada ) e le regole per circolare sulla strada La bicicletta e i dispositivi

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie.

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie. ATTIVITÁ E CONTENUTI GENITORI INCONTRO UNICO Incontro - dibattito tra le Istituzioni e i genitori finalizzato a sensibilizzare questi ultimi a comportamenti corretti e al rispetto delle norme del C.d.S..

Dettagli

Sicurezza in bici e per se stessi Informazioni per gli istruttori

Sicurezza in bici e per se stessi Informazioni per gli istruttori Informazioni per gli istruttori 1/6 Ordine di lavoro Obiettivo Gli studenti apprendono quali componenti sono rilevanti per la sicurezza della bicicletta, ma anche quale sia il corretto equipaggiamento

Dettagli

E-bike la bicicletta elettrica. Un nuovo modo di pedalare

E-bike la bicicletta elettrica. Un nuovo modo di pedalare E-bike la bicicletta elettrica Un nuovo modo di pedalare 1 Indice Introduzione pag. 3 Tecnica e dotazione pag. 4 Norme di circolazione stradale pag. 7 La e-bike più adatta ad ogni esigenza pag. 7 Prima

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Fiab AdB Gruppo Cicloescursionistico Massa Lombarda Lugo - Ravenna INTRODUZIONE Questa piccola guida

Dettagli

Opto Drive. Informazioni e trattamenti specifici per la tua GUIDA IN SICUREZZA

Opto Drive. Informazioni e trattamenti specifici per la tua GUIDA IN SICUREZZA Opto Drive. Informazioni e trattamenti specifici per la tua GUIDA IN SICUREZZA L ESPERIENZA VISIVA DURANTE LA GUIDA Oggi la nostra vita è fortemente influenzata dall automobile, che ha trasformato il modo

Dettagli

GUIDA PER INSEGNANTI

GUIDA PER INSEGNANTI PROVINCIA DI VENEZIA Assessorato alla Mobilità e Trasporti CORSO DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE Classe II elementare COGNOME NOME CLASSE GUIDA PER INSEGNANTI DISEGNO LA MIA STRADA a cura di: Luciano

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice della Strada.- Art.152.- Segnalazione visiva e illuminazione

Dettagli

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO RAGAZZI IN GAMBA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO +MOVIMENTO TV = OK! SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO Laboratorio sperimentale per la ricerca di una maggiore consapevolezza e conoscenza

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Comune di Reggio Emilia Assessorato Ambiente Questa piccola guida vuole tentare una classificazione delle più frequenti situazioni di rischio

Dettagli

L upi in breve. Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni. upi Ufficio prevenzione infortuni

L upi in breve. Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni. upi Ufficio prevenzione infortuni L upi in breve Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni upi Ufficio prevenzione infortuni 1 Il nostro profilo. 2 L Ufficio prevenzione infortuni L upi, fondato nel

Dettagli

per i piccoli Ma dove vai se le Regole non le sai? l educazione stradale il giusto comportamento da pedone e ciclista nei percorsi di tutti i giorni

per i piccoli Ma dove vai se le Regole non le sai? l educazione stradale il giusto comportamento da pedone e ciclista nei percorsi di tutti i giorni damica per i piccoli 2010-2011 Ma dove vai se le Regole non le sai? Comune di Montecatini Terme Polizia Municipale StradAmica Impariamo l educazione stradale il giusto comportamento da pedone e ciclista

Dettagli

Velocità nella circolazione stradale

Velocità nella circolazione stradale Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 1 Velocità nella circolazione stradale 16 18 anni upi Ufficio prevenzione infortuni La velocità nella circolazione stradale Safety Tool

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE www.fantavolando.it PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE MOTIVAZIONE: La motivazione che sta alla base della realizzazione di un progetto

Dettagli

INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI

INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI Comune di Reggio Emilia Assessorato Mobilità-Traffico-Infrastrutture Politiche per la Mobilità Ufficio Mobilità Ciclabile Via Emilia San Pietro, 12 - RE Orario: su appuntamento

Dettagli

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Comune di Reggio Emilia Assessorato Mobilità-Traffico-Infrastruttur e Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Ufficio Mobilità Ciclabile

Dettagli

GUIDA PER INSEGNANTI

GUIDA PER INSEGNANTI Assessorato alla Mobilità e Trasporti CORSO DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE II ciclo (classe IV a elementare) GUIDA PER INSEGNANTI a cura di: Luciano Marini, Daniele Masiero, Dino Sabbadin e Lucia

Dettagli

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE...

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... INSEGNANTI: SIMONA MINNUCCI MICHELA BASTIANI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 CLASSE: SECONDA TEMPI: GENNAIO-GIUGNO OBIETTIVO FORMATIVO ESPLORARE LA REALTÀ ATTRAVERSO ESPERIENZE

Dettagli

BICI SICURA. www.liberalabici.it per non farsi investire usando la bicicletta. ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta

BICI SICURA. www.liberalabici.it per non farsi investire usando la bicicletta. ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta BICI SICURA ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta 11modi per non farsi investire usando la bicicletta Liberalabici Associazione Cicloecologista Conegliano INTRODUZIONE Questa piccola

Dettagli

Slittino. Con regole comportamentali sulle ultime pagine. Discese bianche sicure. upi Ufficio prevenzione infortuni

Slittino. Con regole comportamentali sulle ultime pagine. Discese bianche sicure. upi Ufficio prevenzione infortuni Slittino Discese bianche sicure Con regole comportamentali sulle ultime pagine upi Ufficio prevenzione infortuni Il paesaggio corre via velocemente, la neve scende turbinosa, grida di gioia accompagnano

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice.- Con l avvento della primavera, si incrementa l

Dettagli

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA Franco Taggi NORME DI COMPORTAMENTO GENERALE SULLA STRADA - I Tenete sempre in ordine il vostro mezzo (pneumatici, freni, luci, ecc.) Adeguate

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria AMICI della STRADA in collaborazione con scuola famiglia polizia municipale 1.quadro normativo 2.strategie d intervento 3.modalità operative : il

Dettagli

Vedere bene. Guidare sicuro. Sicurezza stradale

Vedere bene. Guidare sicuro. Sicurezza stradale Vedere bene Guidare sicuro Sicurezza stradale Vedere bene è importante per la propria sicurezza! Chi vede bene, guida con maggior sicurezza. Vari studi condotti negli ultimi anni confermano che è molto

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO Azione 4 M.F.TEORICO Classe 2^ 1) PREDISPOSIZIONE DELLA SEDE DELL INCONTRO E DELL ACCOGLIENZA (A cura

Dettagli

Come è l intensità della luce quando ti allontani dalla sorgente luminosa?

Come è l intensità della luce quando ti allontani dalla sorgente luminosa? Ciao! Ti ricordi quale era il problema allora? Riprendiamolo brevemente. La posizione reale di una stella può essere diversa da quello che ti sembra, ma quelle che vediamo più deboli sono veramente tali?

Dettagli

Accendi le luci. Ora anche di giorno.

Accendi le luci. Ora anche di giorno. Accendi le luci. Ora anche di giorno. Più luce, maggiore sicurezza. I veicoli che circolano con le luci anabbaglianti o di marcia diurna accese vengono riconosciuti prima, riducendo così notevolmente il

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA CO 2 footprint Aid 2 IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA Obiettivi: Gli studenti diventano consapevoli di come il loro contributo nelle emissioni di CO2 dipenda dalla loro scelta del mezzo di trasporto

Dettagli

Giulietta Pagliaccio Consigliera Nazionale FIAB

Giulietta Pagliaccio Consigliera Nazionale FIAB Giulietta Pagliaccio Consigliera Nazionale FIAB SEMINARIO DI APPROFONDIMENTO PER PERSONALE DOCENTE Milano, 16 febbraio 2012 Si sta insieme ai compagni di classe in un contesto diverso Si sperimenta il

Dettagli

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2012/2013 1 Indice Componenti del gruppo di lavoro pag. 2 Premessa pag. 3 Descrizione dell'attività di laboratorio pag. 4 Verifica

Dettagli

Divertimento in acqua

Divertimento in acqua aqua-school.ch Divertimento in acqua Guida all insegnamento del nuoto nelle scuole Nuoto scolastico: come, cosa, perché? La vostra lezione di nuoto soddisfa le vostre aspettative? Sapete quando i bambini

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

Attività didattiche. Piante e foglie

Attività didattiche. Piante e foglie Attività didattiche Piante e foglie w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi tre proposte di attività relative al tema dell identificazione delle piante e delle loro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO P.O.F. 2013-2014 TITOLO I docenti dell Istituto Comprensivo, in base alle disposizioni dell art. 230

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

Aggressività sulla strada

Aggressività sulla strada Aggressività sulla strada Aggressività e atteggiamenti aggressivi sono modelli comportamentali importanti per la vita di noi esseri umani. Un certo grado di aggressività è essenziale per raggiungere gli

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI MARZO 2012 La situazione attuale del traffico cittadino, risultato del predominio dei mezzi

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia HelpedGal Classi: IV B Mattei e IV C Fermi 1. DESCRIZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE I pedoni sono tutti coloro che interagiscono con la circolazione, scegliendo di muoversi

Dettagli

Trekking. Vivere la montagna in sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni

Trekking. Vivere la montagna in sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni Trekking Vivere la montagna in sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Respirare aria fresca e pura, ammirare la maestosità dei panorami, ritemprare il corpo e lo spirito. La Svizzera è un paese di

Dettagli

a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari IL PROBLEMA

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO: LA STRADA L'EDUCAZIONE D'UN POPOLO SI GIUDICA INNANZI TUTTO DAL CONTEGNO CH'EGLI TIEN PER LA STRADA. E.

PROGETTO DIDATTICO: LA STRADA L'EDUCAZIONE D'UN POPOLO SI GIUDICA INNANZI TUTTO DAL CONTEGNO CH'EGLI TIEN PER LA STRADA. E. SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO SEZIONE CINQUE ANNI PROGETTO DIDATTICO: LA STRADA L'EDUCAZIONE D'UN POPOLO SI GIUDICA INNANZI TUTTO DAL CONTEGNO CH'EGLI TIEN PER LA STRADA. E. DE AMICIS PREMESSA

Dettagli

CONOSCIAMO GLI ACROMATI

CONOSCIAMO GLI ACROMATI CONOSCIAMO GLI ACROMATI vedono pochissimo non vedono affatto quando c è tanta luce non vedono i colori Associazione Acromati Italiani Onlus Se aiutiamo loro, scopriremo cosa significa vedere, e guarderemo

Dettagli

Mobilità e sicurezza Consigli per i genitori di bambini dai 3 ai 7 anni. Con il sostegno del

Mobilità e sicurezza Consigli per i genitori di bambini dai 3 ai 7 anni. Con il sostegno del Mobilità e sicurezza Consigli per i genitori di bambini dai 3 ai 7 anni Con il sostegno del Cari genitori Come madre di famiglia ne ho fatto anch io l esperienza: non appena i bambini hanno imparato a

Dettagli

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA Albertina Chiodi Scuola Primaria - Classe I LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

La soluzione al D.Lgs. 231/2001, distinguendosi. Network231 è un marchio registrato di LF ITALIA S.r.l. Piazza Quattro Novembre, 7 - Milano

La soluzione al D.Lgs. 231/2001, distinguendosi. Network231 è un marchio registrato di LF ITALIA S.r.l. Piazza Quattro Novembre, 7 - Milano La soluzione al D.Lgs. 231/2001, distinguendosi Il contesto legislativo Come noto, con il D.Lgs. 231/01, il Legislatore ha introdotto nell ordinamento italiano un regime di responsabilità diretta a carico

Dettagli

I nostri paesi e città sono troppo spesso luoghi concepiti senza tener conto dei bambini e dei giovani.

I nostri paesi e città sono troppo spesso luoghi concepiti senza tener conto dei bambini e dei giovani. I nostri paesi e città sono troppo spesso luoghi concepiti senza tener conto dei bambini e dei giovani. Gli spazi urbani pubblici, pensati da adulti in buona forma fisica per adulti a loro volta in forma,

Dettagli

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Presentazione dell attività svolta nelle classi delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado degli Istituti Comprensivi di Reggio Emilia: Pertini

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Scuola dell Infanzia. Anno scolastico 2011/2012

Scuola dell Infanzia. Anno scolastico 2011/2012 Scuola dell Infanzia Anno scolastico 2011/2012 Progetto di Educazione Stradale Questo progetto nasce dal desiderio di accompagnare il bambino in un percorso formativo relativo al comportamento stradale.

Dettagli

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES pag. 16-17-18 Unità aggiornata: 7/2012 2 Se vogliamo

Dettagli

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA ELEZIONE DEL 1 Qualora io venissi eletto, intendo proporre le seguenti 1) Abbellire la nostra scuola e costruire altre aule nuove. 2) Mettere più giochi per ragazzi

Dettagli

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO STRADA.. COME VIVERLA IN SICUREZZA EDUCAZIONE STRADALE PER LA SCUOLA MATERNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COPIA IN PROPRIO UFFICIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MORETTA

Dettagli