COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona"

Transcript

1 COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO Settore Ufficio Tecnico Servizio Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

2 ARTICOLO 1 CAMPO DI APPLICAZIONE-ATTO AUTORIZZATIVO Il presente Regolamento CEM si applica a tutti gli impianti operanti nell'intervallo di frequenza compresa tra 100KHz e 300 GHz, compresi gli impianti a microcelle, gli impianti mobili su carrato, gli impianti provvisori nonché gli impianti di ponti radio installati nel territorio del Comune di Osimo. Chiunque intende installare o modificare impianti di radiodiffusione ed impianti di telefonia mobile nel territorio del Comune di Osimo, ad eccezione dei ponti radio di cui all'art.10 e degli impianti provvisori di telefonia mobile di cui all'art. 11 del presente Regolamento, dovrà presentare apposita richiesta di concessione al Comune. Sono esclusi dall'applicazione delle presenti norme regolamentari gli apparati di radioamatori e gli impianti di cui al comma 4 dell'art.2 della L.R. 25/2001. ARTICOLO 2 LIMITI SANITARI I limiti di esposizione sono quelli prescritti dall art.3 comma 1 del D.P.C.M. 8 luglio Gli stessi si intenderanno variati automaticamente ove normative di carattere nazionale e regionale intervengano con disposizioni diverse. ARTICOLO 3 MISURE DI CAUTELA ED OBIETTIVI DI QUALITA' Fermi restando i limiti di cui all art. 2 del presente Regolamento, la progettazione, la realizzazione, nonché la modifica degli impianti, di cui all' art. 1 del presente Regolamento, devono avvenire utilizzando le migliori tecnologie disponibili in modo da produrre i valori di campo elettromagnetico più bassi possibile al fine di minimizzare l'esposizione della popolazione. A titolo di misura di cautela, per la protezione degli edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere, e loro pertinenze esterne, che siano fruibili come ambienti abitativi quali balconi, terrazzi e cortili esclusi i lastrici solari, viene fissato il valore di attenzione per il campo elettrico di 6 V/m di cui all art. 3 comma2 del D.P.C.M. 8 luglio 2003 All aperto nelle aree intensamente frequentate, dove per aree intensamente frequentate si intendono anche superfici edificate ovvero attrezzate permanentemente per il soddisfacimento di bisogni sociali, sanitari e ricreativi, viene fissato, come obiettivo di qualità, il valore di campo elettrico di 6 V/m di cui all art. 4 commi 1 e 2 del D.P.C.M. 08/07/2003. ARTICOLO 4 LOCALIZZAZIONE E DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI CEM Entro un anno dall'entrata in vigore del presente Regolamento tutti gli impianti per telefonia mobile situati in una zona diversa da quelle previste all art.15 del presente Regolamento dovranno essere rimossi con il ripristino dello stato dei luoghi a cura e spese dei gestori. Al fine della delocalizzazione il Comune può indire apposita Conferenza alla quale partecipano l ASUR, l'arpam, i Gestori di Telefonia mobile, le associazioni ambientaliste nonché i portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni o comitati ai sensi dell'art. 9 della L. del n 241.

3 Entro due anni dall'entrata in vigore del presente Regolamento tutti gli impianti di Radiodiffusione situati in una zona diversa da quelle previste nel primo comma dovranno essere rimossi con il ripristino dello stato dei luoghi a cura e spese dei gestori. Al fine della delocalizzazione il Comune può indire apposita Conferenza alla quale partecipano la REGIONE MARCHE, l'asur, l'arpam, i Rappresentanti delle concessionaria pubblica e delle emittenti o reti private esistenti sul territorio Comunale e i rappresentanti delle principali associazioni ambientaliste ai sensi dell'art. 9 della L. del n a) I nuovi impianti e gli esistenti, la cui localizzazione su immobili rientra nella fattispecie di cui al comma 1 dell art.12 DECRETO LEGISLATIVO 22 gennaio 2004, n.42, ove per i detti immobili non sia ancora intervenuta la verifica prevista dal comma 2 del citato art.12 del D.Lgs. 42/2004, non provvedono alla delocalizzazione qualora ottenute tutte le autorizzazioni, nulla osta e permessi di legge. 3-b)Ove detti impianti, a seguito dell avvenuta verifica di cui al comma precedente, dovessero ricadere negli immobili riconosciuti, dai competenti organi del Ministero dei Beni Culturali, d interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico, entro un anno da detto formale riconoscimento, dovranno essere rimossi con il ripristino dello stato dei luoghi a cura e spese dei gestori. ARTICOLO 5 DISTANZE E LIMITI DI INTENSITA' DI CAMPO Oltre al rispetto delle disposizioni indicate dall' art 4, l'installazione dell'impianto tecnologico dovrà avere caratteristiche tecniche tali che l'intensità di campo elettromagnetico generato rispetti i limiti di esposizione prescritti dalla normativa vigente, come indicato nell'art.2 del presente Regolamento, e dovrà dimostrare all'interno degli elaborati previsti per il rilascio della concessione, così come previsto all'art. 1 del presente Regolamento, il perseguimento delle misure di cautela e dell obiettivo di qualità fissati nell'art. 3 del presente Regolamento. ARTICOLO 6 CONTROLLI La verifica del rispetto dei limiti di esposizione, delle misure di cautela e degli obiettivi di qualità, previsti dalle normative vigenti per l'attivazione di nuovi impianti o la modifica di quelli esistenti, nonché per tutti gli impianti esistenti e regolarmente autorizzati prima dell'entrata in vigore del presente Regolamento, verrà effettuata con supporto tecnico dell'arpam o anche su richiesta dell'arpam medesima. Inoltre ai fini della verifica delle modalità di funzionamento degli impianti e della verifica del funzionamento degli stessi nelle condizioni di massima potenza immessa in antenna, verrà utilizzato il personale incaricato munito di documento di riconoscimento rilasciato dall'arpam il quale potrà richiedere i dati, le informazioni e i documenti necessari, per l'espletamento delle proprie funzioni. I Gestori degli impianti di cui all'art. 1 del presente Regolamento devono monitorare gli stessi attraverso un programma annuale di autocontrollo. Il Programma annuale contenente l'individuazione degli impianti irradianti campi elettromagnetici, il numero, il giorno e l'orario delle misurazioni dei valori dei parametri previsti dal D.P.C.M. 8 luglio 2003 deve essere ufficialmente comunicato, contestualmente alla data di attivazione degli impianti, al Comune e all'arpam avendolo preventivamente con quest'ultima concordato.

4 I risultati delle misurazioni di cui sopra dovranno essere presentati, sotto forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà di cui all'art. 47 del DPR 445/2000, di volta in volta al Comune e all'arpam. Il Comune, su richiesta, mette a disposizione tali dati a tutti i cittadini interessati. Gli impianti, ad eccezione dei ponti radio, devono essere provvisti di limitatore di potenza per evitare il superamento dei limiti previsti dal D.P.C.M. 8 luglio 2003 o in assenza di strumenti fissi di misurazione del campo elettrico, con sistemi di registrazione dei dati. ARTICOLO 7 CATASTO COMUNALE DEGLI IMPIANTI Il Comune istituisce un catasto delle sorgenti fisse e mobili dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, operanti tra 100 KHz e 300 GHz al fine di collaborare con la Regione e l'arpam così come previsto dall'art. 6 della Legge Regionale n 25 del A tal fine i gestori degli impianti di cui al precedente art. 1, già esistenti alla data di entrata in vigore del presente Regolamento, dovranno presentare la documentazione così come previsto dall'art. 12 e dall'art.14 della Legge Regionale n 25 del ARTICOLO 8 IMPIANTI ESISTENTI-RISANAMENTO Il Comune entro 30 gg dalla data di ricevimento della documentazione di cui al precedente art. 7 secondo comma, trasmette copia della stessa all'arpam ai fini dell'ottenimento del parere di competenza. Il Comune comunica il parere espresso dall'arpam ai gestori degli impianti di radiodiffusione e telefonia mobile. Sulla base dei pareri espressi dall'arpam nelle zone abitative o comunque accessibili alla popolazione ove vengano superati i limiti di esposizione e i valori di cautela previsti dal D.P.C.M. 8 luglio 2003 sono attuate azioni di risanamento a carico dei titolari degli impianti. Nell'ambito delle azioni di risanamento la riduzione dei contributi dei campi elettromagnetici è effettuata ai sensi dell'allegato C del D.P.C.M. 8 luglio Le modalità e i tempi di esecuzioni delle azioni di risanamento sono determinati dal Comune, sentita l'arpam. Il Comune comunica ai soggetti interessati le modalità ed i tempi di esecuzione delle azioni di risanamento, che dovranno essere attuate entro 60 gg da predetta comunicazione. ARTICOLO 9 DOMANDA DI CONCESSIONE EDILIZIA E ALLEGATI TECNICI La richiesta di concessione, relativa alla installazione o modifica degli impianti di cui all'art. 1 del presente Regolamento, da presentare con le modalità previste dal vigente Regolamento Edilizio comunale di cui all art. 2, lett.q dovrà contenere le seguenti indicazioni e allegati (in quattro copie) così suddivisi: 1) elaborati tecnici e documenti da allegare alla richiesta di concessione edilizia per Emittenti radiofoniche e televisive

5 a) copia della concessione rilasciata dal Ministero delle Telecomunicazioni; b) ubicazione dell'impianto con specificate le coordinate geografiche del punto d'installazione e l'altezza rispetto al suolo dei punti di emissione delle sorgenti; c) progetto dell'impianto con relativi elaborati grafici, almeno in scala 1:100; d) planimetria in scala 1:2000 con riportate le curve altimetriche, l'indicazione del punto previsto per l'installazione dell'impianto, indicazione di tutti gli edifici e relativa prevalente destinazione d'uso situati in un raggio di 300 m dal punto previsto per l'installazione dell'impianto, le relative altezze il numero di piani fuori terra, l'indicazione del Nord geografico; e) tipo, modello, dimensioni, e ditta costruttrice di ciascuna antenna trasmittente con indicate le seguenti caratteristiche: 1) diagrammi di irradiazione sul piano orizzontale e su quello verticale; 2) direzione di massima irradiazione in gradi nord; 3) inclinazione sull'orizzontale della direzione di massima irradiazione; 4) guadagno dell'antenna; 5) altezza dal suolo del centro elettrico dell'antenna; 6) polarizzazione; 7) frequenza; 8) potenza massima immessa in antenna; 9) potenza massima erogata dai trasmettitori; f) relazione tecnica, contenente le valutazioni dell'inquinamento elettromagnetico prodotto dall'impianto, effettuate mediante calcoli previsionali, con allegate misure dei livelli del campo elettromagnetico preesistente e la dimostrazione che nel raggio di 300 ml. nei luoghi adibiti a permanenze superiori a 4 ore non siano superati i limiti previsti dal D.P.C.M. 8 luglio 2003; 2) elaborati tecnici e documenti da allegare alla richiesta di concessione edilizia per Stazioni radio base per telefonia mobile. a) copia della concessione rilasciata dal Ministero delle Telecomunicazioni; b) ubicazione dell'impianto con specificate le coordinate geografiche del punto d'installazione e l'altezza rispetto al suolo dei punti di emissione delle sorgenti; c) progetto dell'impianto con relativi elaborati grafici, almeno in scala 1:100; d) planimetria in scala 1:2000 con riportate le curve altimetriche, l'indicazione del punto previsto per l'installazione dell'impianto, indicazione di tutti gli edifici e relativa prevalente destinazione d'uso situati in un raggio di 100 m dal punto previsto per l'installazione dell'impianto, le relative altezze il numero di piani fuori terra, l'indicazione del Nord geografico; e) tipo, modello, dimensioni, e ditta costruttrice di ciascuna antenna trasmittente con indicate le seguenti caratteristiche: 1) diagrammi di irradiazione sul piano orizzontale e su quello verticale; 2) direzione di massima irradiazione in gradi nord; 3) inclinazione sull'orizzontale della direzione di massima irradiazione; 4) guadagno dell'antenna; 5) altezza dal suolo del centro elettrico dell'antenna; 6) polarizzazione; 7) banda di frequenza utilizzata; 8) potenza massima immessa in antenna per singolo canale radio o portante e numero massimo di canali o portanti previsto per singola cella;

6 f) relazione tecnica, contenente le valutazioni dell'inquinamento elettromagnetico prodotto dall'impianto, effettuate mediante calcoli previsionali, con allegate misure dei livelli del campo elettromagnetico preesistente e la dimostrazione che nel raggio di 100 m nei luoghi adibiti a permanenze superiori a 4 ore non siano superati i limiti previsti dal D.P.C.M. 8 luglio Il rilascio della concessione edilizia è subordinato: 1) al parere favorevole dell'arpam e della ASUR; 2) al rispetto delle norme in materia urbanistica, di salvaguardia e tutela paesaggistico-ambientale, storico-architettonica, monumentale ed archeologica; 3) al parere favorevole della commissione edilizia integrata CEI; Qualsiasi modifica e/o variante al progetto iniziale dovrà essere sottoposta nuovamente al procedimento previsto nel presente articolo. ARTICOLO 10 ADEMPIMENTI RELATIVI ALL'INSTALLAZIONE DEI PONTI RADIO I Titolari di impianti fissi di telecomunicazioni, quali Ponti radio sono tenuti a presentare apposita istanza di autorizzazione e/o concessione edilizia per quanto riguarda il supporto; mentre sono tenuti a comunicare entro 30 giorni dall'avvenuta installazione degli impianti medesimi al Comune e all'arpam: a) ubicazione dell'impianto; b) tipo, modello, dimensioni, e ditta costruttrice di ciascuna antenna trasmittente con indicate le seguenti caratteristiche: 1) diagrammi di irradiazione sul piano orizzontale e su quello verticale 2) direzione di massima irradiazione in gradi nord 3) inclinazione sull'orizzontale della direzione di massima irradiazione 4) guadagno dell'antenna 5) altezza dal suolo del centro elettrico dell'antenna 6) polarizzazione 7) frequenza utilizzata 8) potenza massima immessa in antenna ARTICOLO 11 IMPIANTI PROVVISORI DI TELEFONIA MOBILE Dell'installazione degli impianti provvisori di telefonia mobile è data comunicazione al Comune quarantacinque giorni prima della loro collocazione, che non può essere comunque superiore a tre mesi. La comunicazione deve essere corredata del parere favorevole dell'arpam e dell'asur. Il Comune può chiedere al gestore una diversa collocazione. ARTICOLO 12 COMUNICAZIONE DI ENTRATA IN ESERCIZIO Per ciascun impianto concesso il soggetto Gestore dovrà dare entro 15 giorni dall'attivazione, apposita comunicazione di entrata in esercizio, la comunicazione è inviata all'arpam e al Comune che ha rilasciato la concessione, per le verifiche di competenza.

7 ARTICOLO 13 ADEMPIMENTI IN RELAZIONE ALLA DECADENZA DELLA CONCESSIONE MINISTERIALE I Gestori di impianti per la telefonia mobile sono tenuti a rimuovere l'impianto e le relative pertinenze e a ripristinare lo stato dei luoghi, a propria cura e spesa entro tre mesi dalla scadenza della Concessione ministeriale, ove la stessa non venga rinnovata, o l'impianto non sia trasferito ad altra società concessionaria subentrante. Le prescrizioni di cui al comma precedente si applicano in tutti quei casi in cui l'impianto ricetrasmittente sia disattivato prima della scadenza della concessione, e nei casi in cui il titolo contrattuale che ha consentito l'installazione abbia esaurito la propria efficacia. ARTICOLO 14 SANZIONI Salvo che il fatto costituisca reato, per quanto riguarda l'assenza o la difformità dall'atto autorizzativo si applica quale sanzione amministrativa quanto stabilito dall'art.17 comma 1 della L.R. n 25/2001. L'inosservanza delle disposizioni previste di cui all'art. 13 del presente Regolamento si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma variabile da 1032,92 a 15493,71. La mancata comunicazione dei dati di cui all'art. 10 nonché la mancata presentazione della comunicazione di cui all'art.12 e la mancata comunicazione di cui all'art. 11 e la mancata comunicazione di cui all'art.7 comma 2 del presente Regolamento comporta una sanzione amministrativa da 516,46 a 2582,28. Salvo che il fatto costituisca reato, chiunque superi i limiti di esposizione e i valori di attenzione di cui agli artt. nn 3 e 4 del D.P.C.M. 8 luglio 2003 è soggetto alla sanzione amministrativa prevista dall'art. 15 della L. 36/2001. In caso di mancato risanamento dell'impianto di cui all'art.8 del presente Regolamento si applica la sanzione amministrativa prevista dall'art.2 comma 2 della L. n 66/2001. In caso di inosservanza di quanto previsto all'art. 6 commi 2 e successivi è prevista l'applicazione di una sanzione amministrativa da 516,46 ad 5164,57 Conformemente a quanto previsto dall'art. 15 comma 7 L. 36/2001, per le sanzioni previste dal presente articolo non è ammesso il pagamento della misura ridotta, di cui all'art. 16 della L. 689/1981 e successive modificazioni. Per l'irrogazione delle sanzioni previste dal presente Regolamento, si applica la L.R. n 33/1998. ART. 15 LOCALIZZAZIONE DELLE SORGENTI C.E.M. E PONTI RADIO Le presenti disposizioni si applicano a tutti i tipi di sorgenti dei Campi Elettro Magnetici di cui al comma1 art. 2 della L.R. n 25 del e precisamente a tutti gli impianti operanti

8 nell intervallo di frequenza compresa fra 100 KHz e 300 GHz, compresi gli impianti a microcelle, gli impianti mobili su carrato, i ponti radio e gli impianti provvisori. Rimangono esclusi dalla presente norma gli apparati di radioamatori e gli impianti di cui al comma 4 dell art. 2 della LR 25/ Per quanto riguarda gli impianti di radiodiffusione, è vietata l installazione: a) sugli edifici destinati ad abitazione, a luoghi di lavoro o ad attività diverse da quelle specificatamente connesse all esercizio degli impianti stessi; b) su ospedali, case di cura e di riposo, edifici adibiti al culto, scuole ed asili nido, parchi pubblici, parchi gioco, aree verdi attrezzate e impianti sportivi; c) - nelle aree sottoposte a vincolo di tutela o classificate come siti di interesse paesaggistico ambientale, artistico, storico, architettonico, monumentale e archeologico dal P.R.G. Comunale; d) - nelle Zone Territoriali Omogenee di P.R.G. di tipo A Zone Storiche; e) - nelle Zone territoriali omogenee di P.R.G. di tipo F : - Zto F1) attrezzature dell istruzione superiore, attrezzature sanitarie ed ospedaliere, zone verdi, giardini, boschi e parchi di interesse urbano e territoriale, attrezzature civiche, impianti sportivi, protezione civile e stanzialità temporanee, attrezzature per la sosta ed attrezzature cimiteriali ; - Zto F2 parcheggi di quartiere, attrezzature per l istruzione inferiore, attrezzature per il verde e per lo sport ; 2. Per quanto riguarda gli impianti di telefonia mobile e i ponti radio, è vietata l installazione: a) su ospedali, case di cura e di riposo, edifici adibiti al culto, scuole ed asili nido, parchi pubblici, parchi gioco, aree verdi attrezzate e impianti sportivi; b) sugli immobili vincolati ai sensi del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n.42 Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell art. 10 della Legge 6 luglio 2002, n.137 o individuati come edifici di pregio storico e architettonico; c) - nelle Zone territoriali omogenee di P.R.G. di tipo F : - Zto F1) attrezzature dell istruzione superiore, attrezzature sanitarie ed ospedaliere, zone verdi, giardini, boschi e parchi di interesse urbano e territoriale, attrezzature civiche, impianti sportivi ; - Zto F2 parcheggi di quartiere, attrezzature per l istruzione inferiore, attrezzature per il verde e per lo sport ; 3 Per tutti gli impianti di cui ai commi precedenti, compresi i ponti radio, è comunque vietata, limitatamente alle Zto di tipo A e alle Zto di tipo B, l installazione a terra in tutti i casi. 4. Gli impianti di radiodiffusione, nelle zone ove ne è consentita l installazione a terra, non possono comunque essere collocati a distanza inferiore a 100 ml. dagli edifici esistenti, mentre per gli impianti di telefonia mobile e ponti radio di cui è prevista l installazione a terra o su copertura, è fissata una distanza minima di 50 ml. dagli edifici di altezza superiore.

9 5. In osservanza delle precedenti disposizioni, la localizzazione è comunque vietata nelle seguenti fasce di rispetto: ambito minimo di 100 ml., per impianti di radiodiffusione, telefonia mobile e ponti radio, da edifici e immobili vincolati ai sensi D.Lgs. 22 gennaio 2004, n.42 Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell art. 10 della Legge 6 luglio 2002, n.137 o individuati come edifici di pregio storico e architettonico; ambito minimo di 100 ml, per gli impianti di radiodiffusione, da tutte le aree ricomprese nelle Zone territoriali omogenee di P.R.G. di tipo A e B, e dalle Zone territoriali omogenee di P.R.G. di tipo F, di cui al comma 1 lett.e); ambito minimo di 100 ml. per impianti di telefonia mobile e ponti radio installati a terra, da tutte le aree ricomprese nelle Zone territoriali omogenee di P.R.G. di tipo F, di cui al comma 2 lett.c); ambito minimo di 50 ml. per gli impianti di telefonia mobile e ponti radio installati su edifici, da tutte le aree ricomprese nelle Zone territoriali omogenee di P.R.G. di tipo F, di cui al comma 2 lett. c); Per ogni altra disposizione non compresa nel presente articolo si fa riferimento alla succitata L. R. n 25 del , nonché alla legge quadro 36/2001, al D.P.C.M. 8 luglio 2003, al REC e ad altri regolamenti, Comunali e non, specifici in materia. ARTICOLO 16 ENTRATA IN VIGORE DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento entra in vigore dopo che sia divenuta esecutiva la deliberazione approvazione dello stesso.

10 IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E PONTI RADIO ZONE DIVIETI FASCE DI RISPETTO MINIME A ed immobili di pregio storico architettonico vincolati ai sensi del D.Lgs. 22/01/2004 n ml. da edifici di di altezza superiore ml. da edifici vincolati B 50 ml. da edifici di di altezza superiore C - D - E / 50 ml. da edifici di di altezza superiore F1 - F2-100 ml. dalla Z.t.o. per impianti installati a terra - 50 ml. dalla Z.t.o. per impianti installati su edifici Zone di interesse paesaggistico - ambientale, storico architettonico, monumentale ed archeologico Installazione non compatibile con la specifica normativa di Zona 50 ml. da edifici di di altezza superiore Immobili ed edifici di pregio storico architettonico vincolati ai sensi D.Lgs. 22/01/2004 n ml. da edifici e immobili vincolati

11 IMPIANTI DI RADIODIFFUSIONE ZONE DIVIETI FASCE DI RISPETTO MINIME A 100 ml. dalla Z.t.o. B 100 ml. dalla Z.t.o. C - D - E 100 ml. da edifici F1 - F2 100 ml. dalla Z.t.o. Zone di interesse paesaggistico - ambientale, storico architettonico, monumentale ed archeologico 100 ml. dalla Z.t.o. Immobili ed edifici di pregio storico architettonico vincolati ai sensi D.lgs. 22/01/2004 n. 42 e immobili vincolati 100 ml. da edifici e immobili vincolati

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CORRETTO INSEDIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E PIANO DI LOCALIZZAZIONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.59 del 05/10/2012 Il Segretario Comunale Il

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento

Dettagli

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO COMITATO TUTELA AMBIENTE C/o Casulli - Via V. De Gama,109/3-24045 Fara Gera D Adda Telefono: 0363 399968 Fax: 035 4542646 Indirizzo e-mail : comitato_ambiente@inwind.it - Sito web: www.ambientefara.it

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO)

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1) Il presente regolamento

Dettagli

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro Regolamento per l installazione, la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti

Dettagli

COMUNE DI ANDRIA --o0o--

COMUNE DI ANDRIA --o0o-- COMUNE DI ANDRIA --o0o-- Regolamento per l installazione la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti radiotelevisive Art. 1 Applicazione

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune)

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune) REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune) Approvato con deliberazione del C.C. n. 53 del 12.4.2000 ultimo aggiornamento

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Allegato 1 alla deliberazione di C.C. n. 38 del 21 maggio 2008 CITTA DI LONIGO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Maggio 2008 1 Capo I ART. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER L EMITTENZA RADIO TELEVISIVA E MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

"NORME PER LA TUTELA DELLA SALUTE E LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO"

NORME PER LA TUTELA DELLA SALUTE E LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO "NORME PER LA TUTELA DELLA SALUTE E LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO" CAPO I FINALITA' Art. 1 Finalità 1. La Regione Emilia-Romagna in attuazione del Decreto del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera di C.C. n 31 del 03.06.2013 Redazione a cura del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE di STAZIONI di TELEFONIA MOBILE e APPARATI DI TELECOMUNICAZIONI IN GENERALE

COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE di STAZIONI di TELEFONIA MOBILE e APPARATI DI TELECOMUNICAZIONI IN GENERALE ARTICOLO 1 CRITERI E PRINCIPI GENERALI 1) Il presente regolamento comunale per l installazione di impianti di teleradiocomunicazione viene redatto, unitamente ad altra documentazione integrativa, allo

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ****************************************

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI **************************************** COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ASSESSORATO ALL URBANISTICA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ******** **************************************** ********************************************************************************

Dettagli

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE E PER LA RADIODIFFUSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. La Responsabile per il Servizio Urbanistica arch. Maria Grazia La Porta Il Responsabile per lo Sportello Unico

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO. Provincia di Campobasso. Regolamento comunale. mobile e impianti di. radiodiffusione

COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO. Provincia di Campobasso. Regolamento comunale. mobile e impianti di. radiodiffusione COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO Provincia di Campobasso Regolamento comunale Per l installazione e l esercizio degli impianti di telefonia mobile e impianti di radiodiffusione REGOLAMENTO COMUNALE PER L

Dettagli

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE.

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 5 settembre 2005, n.16-757 Legge regionale n. 19 del 3 agosto 2004 Nuova disciplina regionale sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici.

Dettagli

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE 2011 Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco Dicembre 2011 INDICE Art.1 Finalità del

Dettagli

PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO

PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova) PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 39 DEL 20.10.2003 APPROVATO CON

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE INDICE CAPO I - FINALITÀ E CAMPO APPLICATIVO... 3 ART. 01.

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e nome documento

Dettagli

Regolamento per le installazioni di stazioni radio base per telecomunicazioni e radiotelevisivi

Regolamento per le installazioni di stazioni radio base per telecomunicazioni e radiotelevisivi Regolamento per le installazioni di stazioni radio base per telecomunicazioni e radiotelevisivi (appendice all'art.44bis del Regolamento Edilizio Comunale Articolo 1 - Oggetto del regolamento Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA

REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 31/03/2003. 50058 SIGNA (FI) - Piazza della Repubblica,

Dettagli

COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE.

COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. PREMESSA...2 Capo I...3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 ART. 2 - FINALITÀ E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO...3 Capo II...4

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 73 DEL 03.09.2009) I N D I C E

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

BOZZA DEL 09/10/2006

BOZZA DEL 09/10/2006 Art. 1 OGGETTO BOZZA DEL 09/10/2006 Scopo del presente Regolamento è disciplinare la concessione dei permessi di installazione di impianti fissi e mobili per il servizio di telefonia mobile. Tale regolamentazione,

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Via Cristoforo Colombo, 106 60127 ANCONA Cod. Fisc./P. IVA 01588450427 TEL. 071/28732.720 /29 - FAX 071/28732.721 e-mail: radiazioni.rumorean@ambiente.marche.it RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E RADIOTELEVISIVI. APPROVATO CON DEL. CONS. N. 8 del 20/03/2002

Dettagli

COMUNE DI REANO (Provincia di Torino)

COMUNE DI REANO (Provincia di Torino) COMUNE DI REANO (Provincia di Torino) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LE RETI DI TELEFONIA MOBILE E TELECOMUNICAZIONE E DI RADIODIFFUSIONE SONORA E TELEVISIVA Approvato con

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 31 ottobre 2000, n. 30 #LR-ER-2000-30# NORME PER LA TUTELA DELLA SALUTE E LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Testo coordinato con le modifiche apportate

Dettagli

Approvato con D.C.C. n. del. Pagina 1 di 30

Approvato con D.C.C. n. del. Pagina 1 di 30 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE, TELECOMUNICAZIONE, RADIODIFFUSIONE SONORA AI SENSI DELLA L.R. 19/2004 e d.g.r. 16-757 del 5/9/2005

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI .REGIUNE DEL~ t&fwia Consiglio Regionale VII LEGISLATURA ATTO N. 520 P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI Norme per la prevenzione e la tutela sanìtarìa dall%@namento elettromagnetico

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE INSTALLAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE Pag. 1 di 10 Approvato

Dettagli

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO All Ill.mo Sig. Sindaco della Città di Montegranaro All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Montegranaro e, p.c. Ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE ANTENNE E APPARATI ANNESSI PER TELEFONIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI CAIVANO REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE 1 I N D I C E CAPO I Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Finalità e obiettivi del regolamento

Dettagli

Settore Territorio Servizi Urbanistica Edilizia. VARIANTE AL PRG relativa agli impianti di telefonia mobile

Settore Territorio Servizi Urbanistica Edilizia. VARIANTE AL PRG relativa agli impianti di telefonia mobile J COMUNE DI BELLUNO Settore Territorio Servizi Urbanistica Edilizia copia per Urb. VARIANTE AL PRG relativa agli impianti di telefonia mobile integrazione della Variante approvata dal C.C. in data 28.1.2002

Dettagli

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni AMBITO DI APPLICAZIONE La L. 36/01 1 ha per oggetto gli

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE I I N D I C E CAPO I Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Finalità e obiettivi del regolamento

Dettagli

proposta di legge n. 105

proposta di legge n. 105 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 105 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 31 gennaio 2002 TUTELA DELLA SALUTE E SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE DALL INQUINAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA, L ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DEGLI IMPIANTI DI RADIOTRASMISSIONE IN GENERE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana ASSESSORATO ALL'AMBIENTE XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA CHE PRODUCONO INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO come modificato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE,

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LA TUTELA DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI. Approvato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

ART.1- - OGGETTO. Sono oggetto delle presenti norme le stazioni radio-base per telefonia mobile.

ART.1- - OGGETTO. Sono oggetto delle presenti norme le stazioni radio-base per telefonia mobile. Regolamento per l installazione e il controllo delle stazioni radio-base per telefonia mobile (Approvato con deliberazione n.47/cc del 8.05.2002 Adeguamento alla deliberazione del Consiglio Regionale n.12

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT.

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT. COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT. - Delibera C.C. n 2 del 08.03.2001:

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di

Dettagli

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Bozzoni, F., Chiovaro, S., Piro, L., Violanti, S. Arpa Emilia Romagna Sezione di Piacenza,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 ALLEGATO 1 variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 DATA : 10.06.2005 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI

Dettagli

(approvato con delib. del C.C. n. del )

(approvato con delib. del C.C. n. del ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PRESSO IMMOBILI AD USO CIVILE ABITAZIONE E RELATIVE PERTINENZE (approvato con delib. del

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 35 IL 14 OTTOBRE

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 35 IL 14 OTTOBRE COMUNE DI CORI REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE ANTENNE E APPARATI ANNESSI PER TELEFONIA

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento)

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) C.A.P. 92028 Tel. 0922-953011 Fax 0922-957324 Regolamento per la pianificazione e la gestione degli impianti di telefonia mobile, telecomunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ATTIVAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ATTIVAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ATTIVAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE MAGGIO 2007 adottato con delibera di Consiglio Comunale nr. -32 del 22/05/2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE Comune di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI

Dettagli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE E TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

Legge.Regionale. Abruzzo13 dicembre 2004, n. 45. Norme per la tutela della salute e la salvaguardia dell ambiente dall inquinamento elettromagnetico.

Legge.Regionale. Abruzzo13 dicembre 2004, n. 45. Norme per la tutela della salute e la salvaguardia dell ambiente dall inquinamento elettromagnetico. LR(13) 45_04 Pag: 1 Legge.Regionale. Abruzzo13 dicembre 2004, n. 45. Norme per la tutela della salute e la salvaguardia dell ambiente dall inquinamento elettromagnetico. in B.U.R.A. n. 39-bis del 17-12-2004

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

C O M U N E DI V I G O N O V O

C O M U N E DI V I G O N O V O C O M U N E DI V I G O N O V O Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI RADIOELETTRICI E PER LA MODIFICA DELLE LORO CARATTERISTICHE LEGENDA: normale : testo del

Dettagli

C O M U N E DI O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso)

C O M U N E DI O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) C O M U N E DI O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) Proposta di Deliberazione del Consiglio Comunale N 59_PropC/2015 del 25/11/2015 Oggetto: INSTALLAZIONE DI NUOVO IMPIANTO DI RADIOTELECOMUNICAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano S. P. CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano Q. S. REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE Redatto da: Giuseppe PRESTIFILIPPO in collaborazione

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 - 1 - COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per la protezione degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno dall esposizione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Testo approvato con delibera C.C. n. 109 del 30.07.2007 (in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO 2 RUE ALLEGATO 6 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO Parte I - FINALITA... 4 Art. 1 - Obiettivi 4 Parte II MODALITA DI RILASCIO DELLE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO . COMUNE DI BOLOGNA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA Pagina 1 Capo 1 : lineamenti generali Art. 1. - Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SERDIANA - Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE PER TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti

PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti PIANO PROVINCIALE DI LOCALIZZAZIONE DELL'EMITTENZA RADIO-TELEVISIVA Scheda di identificazione dei siti esistenti Sito n. 007-03 Nome MONTE CAVALLO 1 Comune di Località Indirizzo CESENA MONTE CAVALLO Tipologia

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO STAZIONI RADIO BASE (Autorizzazione impianti di telefonia mobile e minimizzazione dell esposizione ai campi elettromagnetici sul territorio comunale)

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE CELLULARE E PER LA TUTELA DAI CAMPI

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile (Art. 8, comma 6, legge quadro n. 36/2001) Ferrara, 8 ottobre 2013 1 Capo I Disposizioni

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

Parere n. 140/2009 - Rilascio permesso a costruire impianto fotovoltaico sottoposto a vincolo urbanistico

Parere n. 140/2009 - Rilascio permesso a costruire impianto fotovoltaico sottoposto a vincolo urbanistico Parere n. 140/2009 - Rilascio permesso a costruire impianto fotovoltaico sottoposto a vincolo urbanistico Si chiede parere in merito alla possibilità di rilascio di un permesso di costruire avente ad oggetto

Dettagli

Regolamento per l insediamento urbanistico e territoriale degli impianti fissi per le telecomunicazioni

Regolamento per l insediamento urbanistico e territoriale degli impianti fissi per le telecomunicazioni Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l insediamento urbanistico e territoriale degli impianti fissi per le telecomunicazioni Adottato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

Riconfigurazione di impianto esistente Codice Sito. Installazione nuovo impianto di telefonia mobile Codice Sito. Il/La sottoscritto/a

Riconfigurazione di impianto esistente Codice Sito. Installazione nuovo impianto di telefonia mobile Codice Sito. Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO: Prot. Gen. Servizio Attività Produttive SUAP Servizio Edilizia Pubblica e Privata Servizio Urbanistica - SIT Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel. 051 598

Dettagli

nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: -

nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: - ACCORDO PROCEDIMENTALE, TRA I GESTORI DELLA TELEFONIA MOBILE ED IL COMUNE DI IMPRUNETA, PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO, IL CONTROLLO E LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE COMUNE DI RAGALNA (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera C.C. n. 35 del 29.5.2013 1 CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

Domanda: Pratica: Nominativo. Residente in prov... C.A.P... Via/Piazza n.ro... Tel./Cell... Fax

Domanda: Pratica: Nominativo. Residente in prov... C.A.P... Via/Piazza n.ro... Tel./Cell... Fax Mod 1015 Agg. SET2011 Domanda: Protocollo Pratica: Comune di PESARO OGGETTO: Al Sig. Sindaco del Comune di PESARO COMUNICAZIONE PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI -FOTOVOLTAICI E TERMICI- SU FABBRICATI

Dettagli

Comune di CAMPOBASSO Area 4 Lavori e manutenzioni - Protezione civile e Sicurezza- Ambiente - Urbanistica

Comune di CAMPOBASSO Area 4 Lavori e manutenzioni - Protezione civile e Sicurezza- Ambiente - Urbanistica Comune di CAMPOBASSO Area 4 Lavori e manutenzioni - Protezione civile e Sicurezza- Ambiente - Urbanistica REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE PER

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PROVINCIA DI TORINO Settore Urbanistica e Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI (TELEFONIA MOBILE, TRASMISSIONE DATI E DIFFUSIONE RADIOTELEVISIVA)

Dettagli