NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMATIVA DI RIFERIMENTO"

Transcript

1 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI, PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LA RADIODIFFUSIONE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 203/89 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 20/11/2006 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE: N. 41 Reg./4 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 24/2/2014 2^ STESURA

2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO La materia oggetto del presente regolamento è normata dalle seguenti disposizioni. - D.M. n. 381/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. - D.P.C.M. 8 luglio 2003 Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 khz. e 300 GHz e s.m.i. - Legge n. 36 del 22 febbraio 2001 Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. - D.Lgs. n. 259 del 1 agosto 2003 Codice delle comunicazioni elettroniche. - L.R. n. 11 del 11 maggio 2001 Norme sulla protezione ambientale dall esposizione a campi elettromagnetici indotti da impianti fissi per le telecomunicazioni e per la radiotelevisione e s.m.i. 1

3 Art. 1 Finalità Il presente regolamento è finalizzato a: - fissare i criteri per la localizzazione ottimale degli impianti per le telecomunicazioni e la radiotelevisione (d ora in avanti definiti impianti), allo scopo di un corretto insediamento urbanistico, territoriale e paesistico degli impianti stessi; - attuare misure finalizzate al contenimento della produzione di campi elettromagnetici, contemperando le esigenze di garantire la fornitura di un servizio universale, trasparente, non distorsivo della libera concorrenza, con la tutela primaria degli interessi della comunità locale, perseguendo gli obiettivi di qualità fissati dalle normative vigenti ed applicando il principio di precauzione. Art. 2 Minimizzazione dell esposizione ai campi elettromagnetici Al fine di dare attuazione a quanto previsto dal precedente art.1, l Amministrazione comunale adotta, nel rispetto della normativa statale e regionale, tutti gli accorgimenti possibili per ridurre al minimo le esposizioni della popolazione ai campi elettromagnetici per la salvaguardia della salute come diritto fondamentale dell uomo in virtù di quanto sancito dall art. 32, comma 1 della Costituzione e dall art. 152, commi 1, 2 e 3 del Trattato istitutivo dell Unione Europea ed in raccordo con lo sviluppo scientifico promosso per mezzo dei servizi di telecomunicazione, salvaguardando altresì la qualità dei servizi offerti. I soggetti interessati ad installare ed esercire gli impianti, qualunque sia la tecnologia applicata, debbono utilizzare la migliore soluzione tecnica praticabile che riduca al livello più basso possibile i campi elettromagnetici, in ottemperanza a quanto prescritto dalle vigenti norme in materia. Art. 3 Ambito di applicazione Le disposizioni del presente regolamento si applicano all intero territorio comunale e hanno ad oggetto gli impianti e le apparecchiature impiegati quali sistemi fissi per le telecomunicazione e la radiotelevisione. Le disposizioni del presente regolamento si applicano sia agli interventi di nuova installazione, sia agli impianti preesistenti che necessitano di un adeguamento. Art. 4 Disciplina del procedimento autorizzativo Per la presentazione delle istanze di autorizzazione e/o delle comunicazioni/segnalazioni di legge finalizzate alla realizzazione degli impianti, si fa riferimento a quanto disposto dal D.Lgs. 1 agosto 2003 n. 259 e dalla L.R. n.11 del 11 maggio La presentazione delle istanze dovrà essere effettuata in modalità telematica, utilizzando l apposita modulistica predisposta dall Amministrazione comunale. 2

4 Tutti i procedimenti sono soggetti ad istruttoria ai fini della verifica della compatibilità con il presente Regolamento e con la normativa vigente. Le domande per l installazione, la modifica e l adeguamento degli impianti, nonché per le modifiche delle caratteristiche di emissione degli stessi, devono essere inoltrate contestualmente all ARPA- Dipartimento di Bergamo. L istanza deve essere presentata allo Sportello Unico per le Attivita Produttive comunale (SUAP), ai sensi della normativa vigente in materia di attività produttive. E facoltà dell istante corredare la domanda con eventuali pareri, autorizzazioni o nulla osta di diverse amministrazioni pubbliche, previsti dalla normativa statale e regionale vigente, propedeutici alla realizzazione dell impianto. Il gestore è tenuto a presentare, una comunicazione di fine lavori, entro dodici mesi dalla ricezione del provvedimento autorizzativo espresso. Entro dieci giorni dall entrata in esercizio dell impianto, il gestore è tenuto inoltre ad inviare apposita comunicazione al competente servizio comunale e all Arpa, dichiarando sotto la propria responsabilità la conformità dell impianto realizzato al progetto presentato. Art. 5 Localizzazione degli impianti con particolare riferimento alle aree sottoposte a tutela Per l esatta individuazione degli ambiti in cui potranno essere collocati i nuovi impianti, si fa esplicito rimando al Piano comunale di programmazione annuale, di cui all art. 10, fermo restando l osservanza della normativa nazionale e regionale vigente in materia. A garanzia della tutela degli interessi pubblici, l amministrazione comunale persegue lo scopo di minimizzare l esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici e adotta tutte le necessarie misure atte a salvaguardare i beni e le aree di interesse culturale e paesaggistico presenti sul territorio. A tal fine vengono individuate le seguenti tipologie di siti da considerarsi particolarmente tutelati: A) i siti sensibili di cui alla L.R 11 maggio 2001 n. 11, art. 4 comma 8. In questi siti è comunque vietata l installazione degli impianti in corrispondenza di asili, edifici scolastici, strutture di accoglienza socio-assistenziali, ospedali, carceri, oratori, parchi gioco, case di cura, residenze per anziani, orfanotrofi e strutture similari che ospitano soggetti minorenni, comprese per tutti le relative pertinenze, salvo che si tratti di impianti con potenza al connettore d antenna non superiore ai 7W. Per l esatta individuazione degli ambiti, di cui sopra, si rimanda alla tavola di inquadramento dei siti sensibili, pubblicata sul sito comunale. B) i siti e gli edifici d interesse culturale, storico, artistico, architettonico ovvero le aree di particolare valenza ambientale o paesaggistica, sottoposti a specifico vincolo. In detti siti e in dette aree, fermo restando l ottenimento del parere favorevole o dell autorizzazione da rilasciarsi da parte delle Autorità preposte alla tutela del vincolo, deve essere evitata la realizzazione di impianti che possono compromettere i valori da tutelare. Per l esatta individuazione degli ambiti, di cui sopra, si rimanda alla tavola di inquadramento dei vincoli e delle tutele (tav. PRb8), pubblicata sul sito comunale. C) i siti compresi negli ambiti di sensibilità paesistica, di cui allo Studio paesistico di dettaglio allegato al PGT (in particolare tavole SP3 e SP5). Negli Ambiti definiti ad alta e molto alta sensibilità visiva (tavola SP5), negli ambiti boschivi, negli ambiti verdi di pregio, negli ambiti di grande intervisibilità di valore ecologico e ambientale (tavola SP3), è consentita l installazione degli impianti solo se garantiscono il corretto inserimento 3

5 nel contesto paesistico ambientale e la salvaguardia dei valori da tutelare. L installazione degli impianti deve rispettare gli elementi della struttura visiva del paesaggio (corridoi visivi, percorsi panoramici, ecc.), le visualità, in particolare quelle aperte e parziali, le emergenze architettoniche di riferimento visivo. Per l esatta individuazione degli ambiti si rimanda agli elaborati sopra indicati, allegati PGT vigente alla data di approvazione del presente Regolamento. Anche nel caso di impianto da localizzarsi in ambito non vincolato, è facoltà del competente servizio comunale chiedere un parere preliminare consultivo alla commissione comunale per il Paesaggio, nel rispetto delle tempistiche di legge prefissate per la messa in opera degli impianti, soprattutto nel caso di richieste che prefigurano un possibile impatto negativo rispetto ai valori paesistici del territorio da tutelare. Le istanze dovranno essere corredate da adeguata documentazione per l esame paesistico dei progetti, ai sensi della normativa regionale vigente in materia. Art. 6 Mitigazione ambientale degli impianti ammessi sul territorio. I gestori degli impianti di cui al presente regolamento devono proporre la soluzione architettonica di minor impatto visivo e di miglior inserimento nell ambiente circostante. A tale scopo è opportuno che i soggetti richiedenti concordino le caratteristiche costruttive degli impianti con i competenti uffici comunali, perlomeno degli impianti a maggior impatto ambientale, per altezza, tipologia o materiali utilizzati, al fine di consentire un adeguato inserimento nel contesto e fatto salvo quanto disposto dal regolamento edilizio comunale. Sotto il profilo esecutivo, in mancanza di disposizioni per la sicurezza, si dovranno privilegiare scelte cromatiche di tipo neutro che riducano l impatto visivo dei manufatti e si dovranno evitare superfici metalliche riflettenti. Art. 7 Installazione in ambiti soggetti a trasformazioni urbanistiche E consentita l installazione di impianti negli ambiti soggetti a trasformazione urbanistica mediante pianificazione attuativa, purché venga sottoscritto un atto impegnativo da allegare all istanza con il quale il gestore dell impianto assume l obbligo di procedere, a seguito di semplice richiesta del Comune, all integrale rimozione dell impianto al fine di consentire la trasformazione prevista dallo strumento urbanistico. L Amministrazione può prescrivere la prestazione di fidejussione per un importo pari al presumibile costo di rimozione del manufatto e di remissione in pristino dell area. Art. 8 Ubicazione degli impianti su immobili di proprietà comunale Per garantire la maggior tutela degli interessi pubblici, una distribuzione razionale degli impianti sul territorio, il minor consumo di suolo libero ed il costante monitoraggio del campo elettromagnetico indotto, l Amministrazione comunale favorisce l installazione degli impianti su immobili di proprietà comunale. L installazione è subordinata alla verifica del rispetto dei limiti di legge, alla valutazione 4

6 di compatibilità ambientale ed urbanistica nonché al rispetto delle disposizioni di cui al presente regolamento. A tal fine, nel corso della predisposizione del Piano comunale di programmazione annuale di cui al successivo art. 10, l Amministrazione si riserva la facoltà di indicare ai soggetti proponenti il Piano di localizzazione, eventuali edifici e/o aree comunali ritenute idonee all installazione degli impianti. L installazione dell impianto sull immobile e/o sull area di proprietà comunale, potrà essere autorizzata dalla competente Direzione comunale, previa definizione di un canone di occupazione e successiva stipula di concessione d uso precario. Art.9 Cositing Al fine di ridurre l impatto visivo e di facilitare le operazioni di vigilanza e controllo da parte degli Enti preposti, si considerano prioritarie installazioni di più impianti di gestori diversi sulla stessa struttura (cositing). Nella condivisione degli impianti i gestori degli stessi devono concordare idonee soluzioni progettuali, utilizzando le migliori tecnologie disponibili. Qualora l operatore intenda proporre l istallazione di un nuovo impianto nonostante la presenza di impianti già esistenti nelle immediate vicinanze, in uso ad altri operatori, dovrà presentare idonea relazione tecnica che attesti l impossibilità di collocare il nuovo impianto in cositing. Art. 10 Piano comunale di programmazione annuale Al fine di garantire il rispetto delle finalità e dei principi indicati agli artt. 1 e 2 ed ottimizzare la collocazione degli impianti sul territorio comunale, entro il termine del 30 ottobre di ogni anno, i gestori delle reti di telecomunicazione interessati presentano al Comune ed all ARPA il piano di localizzazione della propria rete che intendono sviluppare nell anno solare successivo. Il piano di localizzazione deve essere corredato dalla seguente documentazione tecnica, da presentarsi sia in formato cartaceo che informatico: a. relazione tecnica che illustri sinteticamente i contenuti e gli obiettivi del programma di sviluppo della rete, nonché le ragioni delle scelte delle nuove localizzazioni previste, anche tenendo conto delle alternative individuate, in relazione all esigenza di assicurare la copertura del servizio. b. cartografia in scala 1: con indicazione della rete esistente degli impianti in gestione sul territorio comunale; c. cartografia in scala 1: con individuazione dei siti di nuova localizzazione e/o delle aree di ricerca per nuovi impianti (individuazione in mappa mediante georeferenziazione del centro degli areali, che in ogni caso non devono superare la superficie di mq ), nonché degli interventi di modifica degli impianti esistenti, che si intendono realizzare nell anno solare successivo. Entro trenta giorni dalla presentazione dei piani di localizzazione, il responsabile del procedimento effettua la verifica documentale, convoca apposita conferenza di servizi al fine di acquisire un parere di indirizzo e/o eventuali osservazioni in merito alla compatibilità ambientale, paesistica e urbanistica dei piani proposti, richiede ai gestori le eventuali necessarie integrazioni e predispone, entro il termine del 31 dicembre di ogni anno, il Piano comunale di programmazione annuale. I criteri per l individuazione delle aree nelle quali è consentita l installazione degli impianti sono quelli stabiliti dalla normativa regionale vigente e dal presente regolamento. Alla formazione del Piano comunale concorre un tavolo di consultazione convocato dall Amministrazione comunale e aperto ai gestori delle reti di telecomunicazione, all ARPA e agli 5

7 altri enti competenti per materia. Detto tavolo potrà coincidere con la conferenza dei servizi di cui al comma precedente. In sede di istruttoria del Piano comunale di programmazione, potrà essere prescritta ai gestori la predisposizione di un Piano di riassetto con le modificazioni, gli adeguamenti e le eventuali delocalizzazioni degli impianti esistenti, in particolare di quelli installati in aree sensibili. La proposta del Piano comunale di programmazione annuale viene successivamente sottoposta alla Giunta Comunale per gli indirizzi di merito. Non può essere autorizzata l installazione di nuovi impianti in siti ed in zone non previsti dal Piano comunale di cui al presente art. 10, salvo comprovate esigenze di copertura del servizio, che devono essere adeguatamente documentate e, di norma, intervenute successivamente alla data di presentazione del programma di sviluppo della rete. Art.11 Pubblicizzazione Il Piano comunale di programmazione annuale cui al precedente articolo, viene reso pubblico ai sensi dell art.4 comma 12 della L.R.11/2001. Il Comune pubblicizza inoltre all Albo Pretorio tutte le istanze e/o le S.C.I.A. presentate, così come previsto dall art. 87 comma 4 del D.Lgs. n.259/2003. Art. 12 Vigilanza e controllo L Amministrazione comunale esercita le funzioni di controllo e di vigilanza, in attuazione a quanto previsto dalla Legge n. 36 del 22 febbraio 2001, avvalendosi della struttura territoriale dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente (ARPA). L Amministrazione comunale si riserva inoltre la facoltà di effettuare specifici monitoraggi dei campi elettromagnetici in zone particolarmente sensibili dell abitato. Gli strumenti ed i dati ricavati verranno sottoposti alle valutazioni dell ARPA. Art.13 Sanzioni Trovano applicazioni le sanzioni previste dalla normativa vigente con particolare riferimento all art. 12 della L.R. n.11/2001. Art.14 Disposizioni finali Il presente regolamento modifica e sostituisce il precedente Regolamento per la disciplina urbanistico/territoriale e la minimizzazione dell esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici nella localizzazione delle infrastrutture e impianti radioelettrici per la telefonia 6

8 mobile e la radiodiffusione, adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 230/89 nella seduta del 20/11/

9 INDICE Normativa di riferimento pag. 1 Art. 1 - Finalità pag. 2 Art. 2 - Minimizzazione dell esposizione ai campi elettromagnetici pag. 2 Art. 3 - Ambito di applicazione pag. 2 Art. 4 - Disciplina del procedimento autorizzativo pag. 2 Art. 5 - Localizzazione degli impianti con particolare riferimento alle aree sottoposte a tutela pag. 3 Art. 6 - Mitigazione ambientale degli impianti ammessi sul territorio pag. 4 Art. 7 - Installazione in ambiti soggetti a trasformazioni urbanistiche pag. 4 Art. 8 - Ubicazione degli impianti su immobili di proprietà comunale pag. 4 Art. 9 - Cositing pag. 5 Art Piano comunale di programmazione annuale pag. 5 Art Pubblicizzazione pag. 6 Art Vigilanza e controllo pag. 6 Art Sanzioni pag. 6 Art Disposizioni finali pag. 6 8

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE Comune di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE E PER LA RADIODIFFUSIONE

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Testo approvato con delibera C.C. n. 109 del 30.07.2007 (in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE INDICE CAPO I - FINALITÀ E CAMPO APPLICATIVO... 3 ART. 01.

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE. Indice :

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE. Indice : REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Indice : titolo I Art. 1 Art. 2 titolo II Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 titolo III Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO)

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE CELLULARE E PER LA TUTELA DAI CAMPI

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA. Lucca, Giugno 2015

PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA. Lucca, Giugno 2015 PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA Lucca, Giugno 2015 TEMI DELLA RELAZIONE Legge Regionale 49/2011: principali contenuti ed implicazioni in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE,

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LA TUTELA DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI. Approvato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ****************************************

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI **************************************** COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ASSESSORATO ALL URBANISTICA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ******** **************************************** ********************************************************************************

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1) Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA, L ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DEGLI IMPIANTI DI RADIOTRASMISSIONE IN GENERE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 ALLEGATO 1 variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 DATA : 10.06.2005 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE COMUNE DI RAGALNA (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera C.C. n. 35 del 29.5.2013 1 CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Verbale di deliberazione di Giunta Comunale. L anno 2013, addì 13 del mese di Dicembre alle ore 09.30 nella sala delle

Verbale di deliberazione di Giunta Comunale. L anno 2013, addì 13 del mese di Dicembre alle ore 09.30 nella sala delle Città di Corbetta G.C. Numero 224 13/12/2013 Oggetto: APPROVAZIONE STUDIO TECNICO PRELIMINARE PER LA LOCALIZZAZIONE DEI SITI DA RISERVARE A STAZIONE RADIO BASE PER LA TELEFONIA MOBILE SUL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MALBORGHETTO VALBRUNA PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE (L.R. 28 del 6 dicembre 2004) ELABORATO

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER L EMITTENZA RADIO TELEVISIVA E MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI .REGIUNE DEL~ t&fwia Consiglio Regionale VII LEGISLATURA ATTO N. 520 P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI Norme per la prevenzione e la tutela sanìtarìa dall%@namento elettromagnetico

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SERDIANA - Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE PER TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

Introduzione al catasto

Introduzione al catasto Introduzione al catasto Angela Alberici ARPA Lombardia CASTEL Catasto Informatizzato degli Impianti di Telecomunicazione e Radiotelevisione Sala Riunioni 1 - XXVI piano Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi,

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CORRETTO INSEDIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E PIANO DI LOCALIZZAZIONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.59 del 05/10/2012 Il Segretario Comunale Il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO COMITATO TUTELA AMBIENTE C/o Casulli - Via V. De Gama,109/3-24045 Fara Gera D Adda Telefono: 0363 399968 Fax: 035 4542646 Indirizzo e-mail : comitato_ambiente@inwind.it - Sito web: www.ambientefara.it

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera di C.C. n 31 del 03.06.2013 Redazione a cura del

Dettagli

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro Regolamento per l installazione, la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti

Dettagli

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici ALLEGATO B Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli edifici Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili,

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

CITTA DI GIAVENO. Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici

CITTA DI GIAVENO. Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici CITTA DI GIAVENO Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici Anno 2006 Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici Elaborazione Per l Ufficio Urbanistica ed Edilizia Privata della Città di Giaveno

Dettagli

proposta di legge n. 105

proposta di legge n. 105 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 105 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 31 gennaio 2002 TUTELA DELLA SALUTE E SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE DALL INQUINAMENTO

Dettagli

C O M U N E D I C E N T O

C O M U N E D I C E N T O C O M U N E D I C E N T O Provincia di Ferrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Pag. 1 di 14 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

Dettagli

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE.

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 5 settembre 2005, n.16-757 Legge regionale n. 19 del 3 agosto 2004 Nuova disciplina regionale sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici.

Dettagli

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Bozzoni, F., Chiovaro, S., Piro, L., Violanti, S. Arpa Emilia Romagna Sezione di Piacenza,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile TRA Comune di Genova, Soggetti titolari di concessione del servizio

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile (Art. 8, comma 6, legge quadro n. 36/2001) Ferrara, 8 ottobre 2013 1 Capo I Disposizioni

Dettagli

DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10.

DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10. DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 In continuazione di seduta. LA GIUNTA COMUNALE Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10.2005: Oggetto: Piano Generale e programma delle

Dettagli

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013.

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. N. del OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che la Legge 28

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO . COMUNE DI BOLOGNA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA Pagina 1 Capo 1 : lineamenti generali Art. 1. - Obiettivi

Dettagli

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE)

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE) REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO SETTEMBRE 2011 PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER TELEFONIA MOBILE, I PONTI RADIO E GLI IMPIANTI DVB-H

Dettagli

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO All Ill.mo Sig. Sindaco della Città di Montegranaro All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Montegranaro e, p.c. Ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI L.P. 5 SETTEMBRE 1991, N. 22 articolo 99, comma 1, lettera e bis) INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI (testo approvato con deliberazione della Giunta provinciale n.

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE INSTALLAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE Pag. 1 di 10 Approvato

Dettagli

Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni

Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni Alberto Piacentini Responsabile Wireless Implementation Lombardia Milano, 7 novembre 2006 Realizzazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE S E R V I Z I O U R B A N I S T I C A SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E ATTIVITA PRODUTTIVE S E R V I Z I O A M B I E N T E, S I C U R E Z Z

Dettagli

Riconfigurazione di impianto esistente Codice Sito. Installazione nuovo impianto di telefonia mobile Codice Sito. Il/La sottoscritto/a

Riconfigurazione di impianto esistente Codice Sito. Installazione nuovo impianto di telefonia mobile Codice Sito. Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO: Prot. Gen. Servizio Attività Produttive SUAP Servizio Edilizia Pubblica e Privata Servizio Urbanistica - SIT Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel. 051 598

Dettagli

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE 2011 Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco Dicembre 2011 INDICE Art.1 Finalità del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune)

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune) REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune) Approvato con deliberazione del C.C. n. 53 del 12.4.2000 ultimo aggiornamento

Dettagli

COMUNE DI ANDRIA --o0o--

COMUNE DI ANDRIA --o0o-- COMUNE DI ANDRIA --o0o-- Regolamento per l installazione la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti radiotelevisive Art. 1 Applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 73 DEL 03.09.2009) I N D I C E

Dettagli

Regolamento comunale per la telefonia mobile

Regolamento comunale per la telefonia mobile COMUNE DI UDINE Regolamento comunale per la telefonia mobile Approvato con Delibera consiliare n. 74 d ord. del 4 novembre 2013 Capo I Capo I...3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 ART. 2 FINALITÀ E OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA

REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 31/03/2003. 50058 SIGNA (FI) - Piazza della Repubblica,

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 - 1 - COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per la protezione degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno dall esposizione

Dettagli

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9)

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004,

Dettagli

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna www.comune.bologna.it/primopiano/telefonia Giuseppe Paruolo Assessore a Salute e Comunicazione assessoresalute@comune.bologna.it

Dettagli

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano S. P. CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano Q. S. AGGIORNAMENTO DEL PIANO ATTUATIVO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE SRB PER LA TELEFONIA MOBILE E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE.

COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. PREMESSA...2 Capo I...3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 ART. 2 - FINALITÀ E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO...3 Capo II...4

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE ANTENNE E APPARATI ANNESSI PER TELEFONIA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Il Ministero delle Comunicazioni, l ANCI ed i soggetti Gestori del servizio di telefonia cellulare

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Il Ministero delle Comunicazioni, l ANCI ed i soggetti Gestori del servizio di telefonia cellulare PRTLL D ITS Tra Il inistero delle omunicazioni, l I ed i soggetti Gestori del servizio di telefonia cellulare PR L ISTLLZI, IL ITRGGI, IL TRLL L RZILIZZZI DGLI IPITI PR L TLFI BIL Premesso che su proposta

Dettagli

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di Torino Piazza Conte Rosso n.7 Cap. 10051 P.IVA 01655950010 AREA TECNICA URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA Tel. 011.97.69.017 Fax 011.97.69.109 e-mail urbedi.avigliana@reteunitaria.piemonte.it

Dettagli

Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali

Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali P.G. N.: 4978/2008 Prog. n.: 1/2008 Data Seduta Giunta : 15/01/2008 Data Pubblicazione : 19/01/2008 Data Esecutivit à: 29/01/2008 Esecutivo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 30/05/2012 Pagina 1 di 11 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA Indice

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi Provincia di Novara Schema di regolamento comunale per gli impianti di telefonia mobile e telecomunicazioni: i criteri e i possibili contenuti Marzo 2006 INDICE Riferimenti normativi... 3 Articolo 1 -

Dettagli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE E TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO 2 RUE ALLEGATO 6 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO Parte I - FINALITA... 4 Art. 1 - Obiettivi 4 Parte II MODALITA DI RILASCIO DELLE

Dettagli

PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO

PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova) PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 39 DEL 20.10.2003 APPROVATO CON

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

1. Fattispecie escluse dal processo di valutazione integrata.

1. Fattispecie escluse dal processo di valutazione integrata. COMUNE DI LARI LINEE GUIDA SUL PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE INTEGRATA L..R.. n 1/ /2005 e D..P.G.R.. n 4/ /R/2007 Criteri applicativi per i Piani attuativi Apppprroovvaat tee ccoonn Deel libbeerraazzi ioonnee

Dettagli

COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO. Provincia di Campobasso. Regolamento comunale. mobile e impianti di. radiodiffusione

COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO. Provincia di Campobasso. Regolamento comunale. mobile e impianti di. radiodiffusione COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO Provincia di Campobasso Regolamento comunale Per l installazione e l esercizio degli impianti di telefonia mobile e impianti di radiodiffusione REGOLAMENTO COMUNALE PER L

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

REGOLAMENTO SULL INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI DI RICEZIONE DELLE TRASMISSIONI SATELLITARI

REGOLAMENTO SULL INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI DI RICEZIONE DELLE TRASMISSIONI SATELLITARI COMUNE di NOVARA Assessorato all Edilizia Privata e Commercio Assessore dr. Giovanni RIZZO Servizio Gestione Sviluppo del Territorio e dell Economia - Ufficio S.I.T. Dirigente arch. Roberto Stampini Funzionario

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 204 in data 30/12/2014 Prot. N. 18116 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE

Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE SCHEMA DELIBERA DI ADOZIONE (PER PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 39 DEL DLGS 33/2013) 1 REGOLAMENTO EDILIZIO URBANISTICO

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SETTORE AMBIENTE E TERRITORIO U. O. AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE U.O. PIANIFICAZIONE URBANISTICA

COMUNE DI PERUGIA SETTORE AMBIENTE E TERRITORIO U. O. AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE U.O. PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNE DI PERUGIA SETTORE AMBIENTE E TERRITORIO U. O. AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE U.O. PIANIFICAZIONE URBANISTICA PIANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI, DI TELEFONIA MOBILE E DI RADIODIFFUSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli