Relatore: LAURA RUTILIO. Corrispettivi per le prestazioni professionali: software gratuito di calcolo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relatore: LAURA RUTILIO. Corrispettivi per le prestazioni professionali: software gratuito di calcolo"

Transcript

1 Relatore: LAURA RUTILIO Corrispettivi per le prestazioni professionali: software gratuito di calcolo

2 COMMISSIONE PARCELLE Ing. Maria Laura Rutilio MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Decreto ministeriale 31 ottobre 2013, n. 143 In vigore dal 21 Dicembre 2013 Regolamento recante determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura ed all'ingegneria (G.U. n. 298 del 20 dicembre 2013) Deontologia Professionale e Corrispettivi principi e novità Cagliari, 5 Marzo 2014

3 OPERE PUBBLICHE TARIFFA PROFESSIONALE (L. 143/49); Legge n 143 del aggiornata al D.M. n 138 del Decreto Ministeriale del 4 Aprile 2001; (Nuove tariffe Professionali); D.L. Bersani, del 4 luglio 2006, n. 223, convertito in L. 4 agosto 2006, n. 248 (Abolizione obbligatorietà dei minimi Tariffari); Decreto Liberalizzazioni - DECRETO-LEGGE 24 gennaio 2012, n.1 (Abrogazione Tariffe Professionali) Capo III Art. 9 - Disposizioni sulle professioni regolamentate; Legge di conversione del DL liberalizzazioni - Legge n 27, pubblicata su G.U. n.71 del Suppl. Ordinario n.53 - Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 24 gennaio 2012 n.1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività.

4 OPERE PUBBLICHE Decreto Sviluppo: DL 22 giugno 2012 n.83 (Pubblicato nel supplemento ordinario numero 129 allegato alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 26 giugno 2012). Nel decreto è riportato: le tariffe professionali possono continuare ad essere utilizzate in attesa del nuovo decreto sulle tariffe in fase di elaborazione. Legge 7 agosto 2012, n Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, recante Misure urgenti per la crescita del Paese (Gazzetta Ufficiale n. 187 dell'11 agosto 2012) Decreto Ministeriale 31 ottobre 2013 n. 143, In vigore dal 21 Dicembre 2013, Regolamento recante determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura ed all'ingegneria;

5 OPERE PRIVATE TARIFFA PROFESSIONALE (L. 143/49); Legge n 143 del aggiornata al D.M. n 138 del Decreto Ministeriale del 4 Aprile 2001 (per il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione); d.l. Bersani, del 4 luglio 2006, n. 223, convertito in l. 4 agosto 2006, n. 248 (Abolizione obbligatorietà dei minimi Tariffari); DECRETO-LEGGE 24 gennaio 2012, n. 1 (Abrogazione Tariffe Professionali); DECRETO-LEGGE 24 gennaio 2012, n. 1 Legge di conversione del DL liberalizzazioni n n 27, pubblicata su G.U ). (Art.1 comma4) Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi..

6 COMPENSI GIURISDIZIONALI Decreto Ministero Giustizia n 140, G.U Compensi professionali: disposizioni concernenti le professioni dell'area tecnica. - Capo V disposizioni concernenti le prestazioni dell area tecnica (Artt-33-39) I parametri del D.M. 140/2012 trovano applicazione, ai sensi dell art.1, solo nei casi di contenzioso e solo se il professionista non possa dimostrare di avere concordato con il committente un preventivo di massima all atto del conferimento dell incarico. L'assenza di prova del preventivo di massima di cui all'articolo 9, comma 4, terzo periodo, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n.1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, costituisce elemento di valutazione negativa da parte dell'organo giurisdizionale per la liquidazione del compenso.

7 PREMESSA 20/12/2013 è stato pubblicato in GU il nuovo DM 31 ottobre 2013 n. 143 (decreto parametri-bis); il giorno dopo la sua pubblicazione, ossia il 21/12/2013, lo stesso è entrato in vigore. Il suddetto decreto individua i parametri per la determinazione del corrispettivo da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura ed all'ingegneria di cui al D.Lgs. 163/2006 e D.P.R. 207/2010. Il DM n.143/2013, richiama le Vecchie tariffe, sebbene abrogate, citando all Art.1, comma 4 le seguenti parole..il corrispettivo non deve determinare un importo a base di gara superiore a quello derivante dall'applicazione delle tariffe professionali vigenti prima dell'entrata in vigore del medesimo decreto-legge.

8 IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Adotta il seguente regolamento così costituito: DECRETO 143/2013 Art. 1. Oggetto e finalità Art. 2. Parametri generali per la determinazione del compenso Art. 3. Identificazione e determinazione dei parametri Art. 4. Determinazione del compenso Art. 5. Spese e oneri accessori Art. 6. Altre attività Art. 7. Specificazione delle prestazioni Art. 8. Classificazione delle prestazioni professionali Art. 9. Entrata in vigore Allegati (tabelle di calcolo)

9 Art. 1. Oggetto e finalità 1. Il presente decreto individua i parametri per la determinazione del corrispettivo da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura ed all'ingegneria di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, parte II, titolo I, capo IV. 2. Il presente decreto definisce altresì la classificazione delle prestazioni professionali relative ai predetti servizi. 3. Il corrispettivo è costituito dal compenso e dalle spese ed oneri accessori di cui ai successivi articoli. 4. Nel rispetto di quanto previsto dall'articolo 9, ultimo periodo, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, il corrispettivo non deve determinare un importo a base di gara superiore a quello derivante dall'applicazione delle tariffe professionali vigenti prima dell'entrata in vigore del medesimo decreto-legge. Il comma 4 del presente articolo sembra quindi imporre alle amministrazioni, per ogni procedura di gara relativa all'affidamento di un incarico professionale, la necessità di effettuare tre calcoli diversi del compenso: il primo ai sensi del nuovo DM 143/2013 da porre a base di gara, il secondo ed il terzo ai sensi dei previgenti D.M. 4 aprile 2001 e L. 143/1949 allo scopo di accertare che l'importo da questi risultanti sia uguale o superiore a quello derivante dall'applicazione del nuovo DM 143/2013 Art. 2

10 A rt. 2. Parametri generali per la determinazione del compenso 1. Per la determinazione del compenso si applicano i seguenti parametri: a) parametro «V», dato dal costo delle singole categorie componenti l'opera; b) parametro «G», relativo alla complessità della prestazione; c) parametro «Q», relativo alla specificità della prestazione; d) parametro base «P», che si applica al costo economico delle singole categorie componenti l'opera. N.B. il valore complessivo dell'opera V, dovrà essere suddiviso in più parti (V1, V2,...Vn) ognuna delle quali è costituita dalle opere "elementari" individuate in ciascuna delle definizioni delle ID_OPERE riportate nella tavola Z-1.

11 Art. 3. Identificazione e determinazione dei parametri 1. Il parametro "V" definito quale costo delle singole categorie componenti l'opera, è individuato sulla base del preventivo di progetto, o sulla base del consuntivo lordo nelle fasi di direzione esecutiva e collaudo e, ove applicabili, sulla base dei criteri di cui alla tavola Z-1 allegata facente parte integrante del presente regolamento; per le prestazioni relative ad opere esistenti tale costo è corrispondente all'importo complessivo delle opere, esistenti e nuove, oggetto della prestazione. 2. Il parametro "G", relativo alla complessità della prestazione, è individuato per ciascuna categoria e destinazione funzionale sulla base dei criteri di cui alla tavola Z-1 allegata. 3. Il parametro "Q", relativo alla specificità della prestazione, è individuato per ciascuna categoria d'opera nella tavola Z-2 allegata facente parte integrante del presente regolamento. 4. Il parametro base «P», applicato al costo delle singole categorie componenti l'opera sulla base dei criteri di cui alla Tavola Z-1 allegata, è dato dall'espressione: P=0,03+10/V 0,4 5. Per importi delle singole categorie componenti l'opera inferiori a ,00 il parametro "P" non può superare il valore del parametro "P" corrispondente a tale importo.

12 Art. 3. Identificazione e determinazione dei parametri.. PARAMETRO V" - (costo economico delle singole categorie componenti l'opera) Ogni opera può essere considerata composta da una o più categorie tra quelle indicate nella prima colonna della tavola Z-1 (allegata al DM 143/2013). Ogni categoria è poi suddivisa (colonna 2) in più destinazioni funzionali Ogni destinazione funzionale è costituita a sua volta da più codici identificativi delle opere. PARAMETRO "G" (complessità della prestazione) Per ogni "Categoria" > "Destinazione funzionale" > "ID_Opere" costituente l'opera nel suo complesso, il DM 143/2013, nella tavola Z-1, stabilisce un preciso ed unico valore del parametro "G" da applicare ai compensi parziali che avevamo già determinato. Si evidenzia che il D.M. 140/2012, indicava per il parametro "G" un valore minimo e un valore massimo.

13 Art. 3. Identificazione e determinazione dei parametri.. PARAMETRO Q (specificità della prestazione) I compensi calcolati con i primi tre parametri possono essere considerati VALORI FORFETTARIO DI BASE che possono aumentare o diminuire a seconda del numero e del tipo di incarichi che il professionista dovrà svolgere. Ad ogni singola prestazione corrisponderà sulla tavola Z-2 un ben determinato valore di "Q"; per calcolare il corrispettivo finale che compete al professionista potremo allora sommare tutti i valori di "Q" corrispondenti ciascuno alle diverse singole prestazioni, e moltiplicare il risultato così ottenuto per il "valore forfettario di base". Per un incarico completo può verificarsi una situazione nella quale la somma di tutti i valori di "Q" da considerare è superiore al valore 1, e di conseguenza il valore del corrispettivo finale sarà anch'esso maggiore del valore forfettario di base.

14 Art. 3. Identificazione e determinazione dei parametri.. PARAMETRO P" - (parametro base) Il parametro base "Pi" va calcolato per il valore economico di ogni ID_OPERE in cui abbiamo suddiviso la nostra opera complessiva (V1, V2, Vn). Si ottengono così, attraverso la formula, le rispettive percentuale (P1, P2..Pn) per i rispettivi importi (V1, V2, Vn). Il compenso complessivo al professionista (CP) sarà determinato dalla somma dei risultati parziali così ottenuti: CP = i (Vi x Pi ) = (V1 x P1) + (V2 x P2) (Vn x Pn) Il valore del generico parametro base "P" viene trovato mediante l'applicazione della seguente formula imposta dal DM 143/2013 : Poiché "V" è al denominatore ed è elevato a potenza (minore di 1), all'aumentare dell'importo delle singole destinazioni funzionali "Vi", diminuisce la percentuale da riconoscere al professionista in maniera non lineare.

15 PARAMETRO P" - (parametro base) Per importi delle singole categorie componenti l'opera inferiori a ,00 il parametro "P" non può superare il valore del parametro "P" corrispondente a tale importo". Ciò implica che per valori Vi< ,00, bisognerà sempre e comunque assumere P = 20,411%. Valori economici V sotto i relativi parametri P calcolati mediante la formula P=0,03+10/V^0,4 relativi parametri Pmassimi applicabili sotto i valori di V= V ,411% 20,411% V ,037% 20,411% V ,358% 20,411% V ,119% 20,411% V ,145% 20,411%

16 Art. 4. Determinazione del compenso 1. Il compenso «CP», con riferimento ai parametri definiti dal precedente articolo 3, è determinato dalla sommatoria dei prodotti tra il costo delle singole categorie componenti l'opera «V», il parametro «G» corrispondente al grado di complessità delle prestazioni, il parametro «Q» corrispondente alla specificità della prestazione distinto in base alle singole categorie componenti l'opera e il parametro base «P», secondo l'espressione che segue: CP= (V G Q P) CP è il Compenso totale che spetta al Professionista ed è una percentuale del valore complessivo dell'opera, determinato però come somma delle percentuali applicate agli importi delle singole opere "elementari" costituenti l'opera nel suo complesso. CP= (Vi Gi Qi Pi)

17 Art. 5. Spese e oneri accessori 1. L'importo delle spese e degli oneri accessori è stabilito in maniera forfetaria; per opere di importo fino a ,00 è determinato in misura non superiore al 25% del compenso; per opere di importo pari o superiore a ,00 è determinato in misura non superiore al 10% del compenso; per opere di importo intermedio in misura non superiore alla percentuale determinata per interpolazione lineare. N.B. Al compenso determinato, andranno quindi aggiunte le spese definite in maniera forfettaria in termini di percentuale rispetto al compenso complessivo. Opere di importo fino a ,00: importo spese ed oneri accessori non superiori al 25% del compenso; Opere di importo pari o superiore a ,00: importo spese ed oneri accessori non superiori al 10% del compenso; Opere di importo intermedio: importo spese non superiore alla percentuale determinata per interpolazione lineare;

18 Art. 6. Altre attività 1. Per la determinazione del corrispettivo a base di gara per prestazioni complementari non ricomprese nelle tavole allegate al presente decreto, si fa ricorso al criterio di analogia con le prestazioni comprese nelle tavole allegate. 2. Per determinare i corrispettivi a base di gara per altre prestazioni non determinabili ai sensi del comma 1, si tiene conto dell'impegno del professionista e dell'importanza della prestazione, nonché del tempo impiegato, con riferimento ai seguenti valori: a) professionista incaricato /ora (da 50,00 a 75,00); b) aiuto iscritto /ora (da 37,00 a 50,00); c) aiuto di concetto /ora (da 30,00 a 37,00).

19 Art. 7. Specificazione delle prestazioni 1. Le prestazioni si articolano nelle seguenti fasi, come specificate nella tavola Z-2 allegata: Pianificazione e programmazione; Attività propedeutiche alla progettazione; Progettazione; Direzione dell'esecuzione; Verifiche e collaudi; Monitoraggi. 2. Le prestazioni attengono alle seguenti categorie di opere, come specificate nella tavola Z-1 allegata: Edilizia; Strutture; Impianti; Infrastrutture per la mobilità; Idraulica; Tecnologie della Informazione e della Comunicazione; Paesaggio, Ambiente, Naturalizzazione, Agroalimentare, Zootecnica Ruralità, Foreste; Territorio e Urbanistica.

20 Art. 8. Classificazione delle prestazioni professionali 1. La classificazione delle prestazioni professionali relative ai servizi di cui al presente decreto è stabilita nella tavola Z-1 allegata, tenendo conto della categoria d'opera e del grado di complessità, fermo restando che gradi di complessità maggiore qualificano anche per opere di complessità inferiore all'interno della stessa categoria d'opera; 2. Per la classificazione delle prestazioni rese prima dell'entrata in vigore del presente decreto, si fa riferimento alle corrispondenze indicate nella tavola Z-1 allegata. Art. 9. Entrata in vigore 1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. (G.U. n. 298 del 20 dicembre 2013) Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. Roma, 31 ottobre 2013 Il Ministro della giustizia - Cancellieri Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti - Lupi

21 N.B. il nuovo D.M. 143/2013 ha sostanzialmente confermato l'impostazione di calcolo di cui al D.M. 140/2012 modificando i parametri e le relative tabelle di individuazione delle prestazioni. Ha inoltre eliminato la discrezionalità dei valori da potere attribuire al parametro "G" (grado di complessità della prestazione) attraverso l'individuazione di un preciso e prefissato grado di complessità.

22 Tutto ciò premesso A titolo di Esempio consideriamo la costruzione di un teatro il cui valore complessivo stimato è V = ,00 Detto importo complessivo lo possiamo considerare quale somma dei valori di cinque opere "elementari" (ID_OPERE) individuate nella tavola Z-1, ognuna delle quali corrisponde ad una determinata categoria e destinazione funzionale: V = V1 + V2 + V3 + V4 + V5

23 CATEGORIA EDILIZIA STRUTTURE IMPIANTI DESTINAZ. FUNZIONALE Cultura, Vita sociale, Sport, Culto Strutture, Opere infrastrutturali puntuali Impianti meccanici a fluido a servizio delle costruzioni impianti elettrici e speciali a servizio delle costruzioni... ID OPERE DESCRIZIONE VALORE (Vi) E.13 Teatro V S.03 IA.02 IA.01 IA.01 IA.01 Strutture o parti di strutture in cemento armato... Impianto di riscaldamento Impianto idraulico Impianto di fognatura Impianto antincendio V V V IA.04 Impianto elettrico V Importo complessivo delle opere ,00 Si noti dalla suddetta tabella, che l'importo di V4 è dato dalla somma degli importi relativi ai diversi impianti, tutti afferenti all'unico ID_OPERE: IA.01

24 L'esatto valore economico "Vi" delle singole opere "elementari" noi lo conosceremo solo a seguito della stesura del computo metrico, una volta che sarà redatto il progetto esecutivo. Per poter determinare detti valori economici (V1, V2, V3, ecc.) necessari per poter calcolare l'importo del compenso da porre a base di gara, dovremo fare riferimento (art. 3 del DM 143/2013) al preventivo di progetto. In assenza di computo metrico estimativo, nel caso di una stima di massima, potremo fare riferimento ai valori di mercato, alla comparazione con opere o lavori simili già eseguiti o all'esperienza del singolo professionista. Calcoliamo ora, sulla base degli importi V1, V2, V3, V4 e V5, le percentuali P1, P2, P3, P4 e P5, applicando la formula:

25 Si ottiene: il compenso complessivo al professionista (CP), che non è altro che una percentuale del valore complessivo dell'opera, e sarà determinato dalla somma dei risultati parziali così ottenuti: CP = i (Vi x Pi) = (V1 x P1) + (V2 x P2) + (V3 x P3) + (V4 x P4) + (V5 x P5) VALORE (Vi) Pi V ,248% V ,579% V ,503% V ,994% V ,146% Di seguito riporto una tabella di sintesi:

26 CATEGORIA DESTINAZ. FUNZIONALE ID OPERE EDILIZIA DESCRIZIONE VALORE (Vi) Pi Vi x Pi Cultura, Vita sociale, Sport, Culto E.13 Teatro V ,248% ,98 STRUTTURE Strutture, Opere infrastrutturali puntuali S.03 Strutture o parti di strutture in cemento armato... V ,579% ,17 IMPIANTI Impianti meccanici a fluido a servizio delle costruzioni impianti elettrici e speciali a servizio delle costruzioni... IA.02 IA.01 IA.01 IA.01 Impianto di riscaldamento Impianto idraulico Impianto di fognatura Impianto antincendio V ,503% ,25 V ,994% ,16 IA.04 Impianto elettrico V ,146% ,63 Compenso al professionista CP = i (Vi x Pi) = ,19

27 Per ogni "Categoria" > "Destinazione funzionale" > "ID_OPERE" costituente l'opera nel suo complesso, il DM 143/2013 stabilisce un preciso ed unico valore del parametro "G" da applicare ai compensi parziali che avevamo già determinato, fissato nella tavola Z-1 del DM 143/2013. Applicando i valori del parametro G nel nostro esempio otteniamo i nuovi compensi parziali pari a: CP = i (Vi x Gi x Pi) = (V1 x G1 x P1) + (V2 x G2 x P2) + (V3 x G3 x P3) + (V4 x G4 x P4) + (V5 x G5 x P5) I compensi calcolati possono essere considerati VALORE FORFETTARIO DI BASE che può ancora aumentare o diminuire a seconda del numero e del tipo di incarichi che dovrà svolgere il professionista. Di seguito la tabella del nostro esempio che riporta tutti i parametri fino a questo momento ricavati e/o calcolati

28 CATEGORIA DESTINAZ. FUNZIONALE ID OPERE DESCRIZIONE VALORE (Vi) EDILIZIA Pi Vi x Pi Gi Compenso parziale complessivo (valore forfettario di base) Cultura, Vita sociale, Sport, Culto E.13 Teatro V ,248% ,98 1, ,38 STRUTTURE Strutture, Opere infrastrutturali puntuali S.03 Strutture o parti di strutture in cemento armato... V ,579% ,17 0, ,31 IMPIANTI Impianti meccanici a fluido a servizio delle costruzioni IA.02 IA.01 IA.01 IA.01 Impianto di riscaldamento Impianto idraulico Impianto di fognatura Impianto antincendio V ,503% ,25 0, ,11 V ,994% ,16 0, ,12 impianti elettrici e speciali a servizio delle costruzioni... IA.04 Impianto elettrico V ,146% ,63 1, , , ,33

29 A questo punto subentra il PARAMETRO Q specificità della prestazione Il compenso dovrà tener conto delle prestazioni che il professionista sarà chiamato ad effettuare. Supponiamo di volere affidare al professionista (sempre con riferimento all esempio) le prestazioni professionali relative alla progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva, al coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione e all'esecuzione dei lavori per la realizzazione del nostro teatro, relazione geotecnica compresa. Ad ogni singola prestazione corrisponderà sulla tavola Z-2 un ben determinato valore di "Q"; per calcolare il corrispettivo finale che compete al professionista potremo allora sommare tutti i valori di "Q" corrispondenti ciascuno alle diverse singole prestazioni, e moltiplicare il risultato così ottenuto per il "valore forfettario di base. Nella tabella che segue sono riportate tutte le prestazioni richieste al professionista con i relativi valori assunti dal parametro "Q" desunti dalla tavola Z-2.

30 CATEGORIE: E S I FASI PRESTAZIONALI Parametro «Q» DESCRIZIONE DELLE SINGOLE PRESTAZIONI Edilizia Strutture Impianti A S.01 S.02 S.03 S.04 S.05 S.06 IA IB PROGETTAZIONE b.i) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Qb.I.01 Qb.I.02 Qb.I.05 Qb.I.06 Qb.I.15 Relazioni, planimetrie, elaborati grafici (art. 17, comma1, lettere a), b), e), d.p.r. 207/2010 art. 242, comma 2, lettere a), b), c), d), d.p.r. 207/2010) Calcolo sommario spesa, quadro economico di progetto (art. 17, comma 1, lettere g), h), d.p.r. 207/2010) Capitolato speciale descrittivo e prestazionale, schema di contratto (art.17, comma 3, lettere b), c), d.p.r. 207/10 -art.164, d.lgs. 163/06 -art.7, Allegato XXI) [5] Relazione Geotecnica (Art.19, comma 1, d.p.r. 207/2010) Prime indicazioni di progettazione antincendio (D.M. 6/02/1982) 0,090 0,090 0,090 0,010 0,010 0,010 0,070 0,070 0,070 0,030 0,030 0,030 0,005 0,005 0,005 Qb.I.16 Prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei Piani di Sicurezza (art. 17, comma 1, lettera f), d.p.r. 207/2010) 0,010 0,010 0,010

31 FASI PRESTAZIONAL I PROGETTAZIONE b.ii) PROGETTAZIONE DEFINITIVA Parametro «Q» Qb.II.01 Qb.II.03 Qb.II.05 Qb.II.08 Qb.II.09 Qb.II.18 Qb.II.20 Qb.II.21 DESCRIZIONE DELLE SINGOLE PRESTAZIONI Relazioni generale e tecniche, Elaborati grafici, Calcolo delle strutture e degli impianti, eventuali Relazione sulla risoluzione delle interferenze e Relazione sulla gestione materie (art. 24, comma 2, lettere a), b), d), f), h), d.p.r. 207/2010 -art. 26, comma 1, lettera i), d.p.r. 207/2010) Disciplinare Descrittivo e prestazionale (art.24, comma 2, lettera g), D.P.R. 207/2010 Elenco prezzi unitari ed eventuali analisi, Computo metrico estimativo, Quadro economico (art. 24, comma 2, lettere l), m), o), d.p.r. 207/2010) Schema di contratto, Capitolato speciale d'appalto (art. 24, comma 3, d.p.r. 207/2010 -art.164, d.lgs. 163/06 -art.8, Allegato XXI) Relazione Geotecnica (Art.26, comma 1, d.p.r. 207/2010) Elaborati di progettazione antincendio (d.m. 16/02/1982) ) Elaborati e relazioni per requisiti acustici (legge 447/1995 -d.p.c.m. 512/1997) Relazione energetica (ex legge 10/1991 e s.m.i.) CATEGORIE: E S I Edilizia Strutture Impianti S.03 A S.01 S.04 S.02 S.05 S.06 IA IB 0,230 0,180 0,160 0,200 0,010 0,010 0,010 0,070 0,040 0,070 0,070 0,070 0,080 0,060 0,060 0,060 0,060 0,060 0,060 0,020 0,020 0,020 0,030 0,030 0,030

32 FASI PRESTAZIONALI Parametro «Q» Qb.III.01 DESCRIZIONE DELLE SINGOLE PRESTAZIONI Relazione generale e specialistiche, Elaborati grafici, Calcoli esecutivi (art. 33, comma 1, lettere a), b), c), d), d.p.r. 207/2010) CATEGORIE: E S I Edilizia Strutture A S.01 S.02 S.03 S.04 S.05 S.06 Impianti IA IB 0,070 0,120 0,150 0,040 PROGETTAZIONE b.iii) PROGETTAZIONE ESECUTIVA Qb.III.02 Qb.III.03 Qb.III.04 Qb.III.05 Particolari costruttivi e decorativi (art. 36, comma 1, lettera c), d.p.r. 207/2010) Computo metrico estimativo, Quadro economico, Elenco prezzi e eventuale analisi, Quadro dell'incidenza percentuale della quantità di manodopera (art. 33, comma 1, lettere f), g), i), d.p.r. 207/2010) Schema di contratto, capitolato speciale d'appalto, cronoprogramma (art. 33, comma 1, lettere l), h), d.p.r. 207/2010) Piano di manutenzione dell'opera (art. 33, comma 1, lettera e), d.p.r. 207/2010) 0,130 0,130 0,050 0,040 0,030 0,050 0,020 0,010 0,020 0,020 0,025 0,030 Qb.III.07 Piano di Sicurezza e Coordinamento (art. 33, comma 1, lettera f), d.p.r. 207/2010) 0,100 0,100 0,100

33 FASI PRESTAZIONA LI DIREZIONE DELL'ESECUZIONE c.i) ESECUZIONE DEI LAVORI Parametro «Q» Qc.I.01 Qc.I.02 Qc.I.10 Qc.I.12 DESCRIZIONE DELLE SINGOLE PRESTAZIONI Direzione lavori, assistenza al collaudo, prove di accettazione (art. 148, d.p.r. 207/2010) [10] Liquidazione (art. 194, comma 1, d.p.r. 207/2010) Rendicontazioni e liquidazione tecnico contabile (Reg. CE 1698/2005 e s.m.i.) Contabilità dei lavori a corpo (art. 185, d.p.r. 207/2010) CATEGORIE: E S I Edilizia Strutture Impianti A S.01 S.02 S.03 S.04 S.05 S.06 IA IB 0,320 0,380 0,320 0,450 0,030 0,020 0,030 Fino a Euro ,045 0,045 0,035 Sull eccedenza 0,090 Coordinamento della sicurezza in esecuzione (art. 151, d.p.r. 207/2010) sarebbe 0,09 ma nell'esempio non supera sarebbe 0,07, ma nell'esempio non supera 0,250 0,250 0,250 Valore "Q" nei Lavori fino a 500,000 1,790 1,795 1,740 Valore Q nei lavori oltre 500,000 1,835

34 In conclusione, per determinare il compenso complessivo (CP) da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura e all'ingegneria, dovremo sommare tutti i corrispettivi parziali calcolati, relativi alle "destinazioni funzionali di cui si compone l'opera", applicando la seguente formula: CP = i (Vi x Pi x Gi x Qi) I valori di Q ricavati dalla Tavola Z-2 sono di seguito sintetizzati: CATEGORIE IMPORTI Qi(a) nei lavori fino a Qi(b) nei lavori oltre EDILIZIA V1 1,790 1,835 STRUTTURE V2 1,795 V3 1,740 V4 1,740 IMPIANTI V5 1,740 Calcoliamo ora il corrispettivo finale da riconoscere da porre a base di gara per l'affidamento di tutte le prestazioni indicate nella tabella soprastante:

35 Compenso calcolato con DM 143/2013 : CATEGORIA EDILIZIA (Valore opere V1) CP(1a) = V1 x P1 x G1 x Q1a = ,00 x 8,253% x 1,20 x 1,790 = ,52 CP(1b) = V1 x P1 x G1 x Q1b = ,00 x 8,253% x 1,20 x 1,835 = ,34 Totale Onorario per V1 = ,86 CATEGORIA STRUTTURE (Valore opere V2) CP(2) = V2 x P2 x G2 x Q2 = ,00 x 10,579% x 0,95 x 1,795 = ,26 Totale Onorario per V2 = ,26 CATEGORIA IMPIANTI (Valore opere V3) CP(3) = V3 x P3 x G3 x Q3 = ,00 x 11,503% x 0,85 x 1,740 = ,03 Totale Onorario per V3 = ,03 CATEGORIA IMPIANTI (Valore opere V4) CP(4) = V4 x P4 x G4 x Q4 = ,00 x 10,994% x 0,75 x 1,740 = ,42 Totale Onorario per V4 = ,42 CATEGORIA IMPIANTI (Valore opere V5) CP(5) = V5 x P4 x G4 x Q4 = ,00 x 12,146% x 1,30 x 1,740 = ,10 Totale Onorario per V5 = ,10

36 Di seguito la sintesi delle somme ottenute: CATEGORIE ID OPE RE Vi Valori economici Pi Gi Qi CP EDILIZIA E.13 V1a ,253% 1,20 1, ,52 E.13 V1b ,253% 1,20 1, ,34 STRUTTURE S.03 V ,579% 0,95 1, ,26 IA.02 V ,503% 0,85 1, ,03 IMPIANTI IA.01 V ,994% 0,75 1, ,42 IA.04 V ,146% 1,30 1, , ,67

37 Ed in definitiva, sostituendo i valori trovati nella formula: CP = (V1 x G1 x Q1 x P1) + (V2 x G2 x Q2 x P2) + (V3 x G3 x Q3 x P3) + (V4 x G4 x Q4 x P4) + (V5 x G5 x Q5 x P5) = ,67 Al suddetto importo vanno infine aggiunte le spese. Essendo l'importo dell'opera da realizzare ,00 in base all'art. 5 del DM 143/2013, l'aliquota si ottiene per interpolazione lineare fra il 25% (rimborso spese fino ad ) e il 10% (rimborso spese fino ad ) pertanto: ,000% ,000% ,688% Importo Spese = 24,688% di ,67 = ,065 In conclusione il compenso professionale per la progettazione di un teatro di importo complessivo da porre a base di gara, per le prestazioni considerate, è: CP = , ,07 = ,74

38 Per il calcolo delle parcelle con le nuove tariffe il CNAPPC (Consiglio nazionale degli Architetti Pianificatori paesaggistici e Conservatori) e il CNI (Consiglio Nazionale degli Ingegneri) in collaborazione con la società BLUMATICA hanno predisposto un programma di calcolo gratuito per tutti gli iscritti. Per scaricare il programma potete collegarvi al seguente Link: Effettuando ora il calcolo appena svolto con il programma della Blumatica si ottiene un valore, a meno di arrotondamenti, pressoché uguale al calcolo svolto manualmente. Si è rilevato che la tavola Z2 allegata sul sito Bosetti e Gatti riporta, per le strutture, nella Progettazione Esecutiva, un valore di Q differente (0,020) rispetto alle tabelle allegate al Decreto, pubblicate sulla G.U. che al punto QbIII.04 indica invece 0,010, valore adottato anche dal programma Blumatica.

39 Ubicazione Opera COMUNE DI Provincia Opera Progettazione di un teatro Ente Appaltante Indirizzo P.IVA Tel./Fax / Tecnico Data 01/02/2014 Archivio Elaborato Tavola N DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI Rev. SERVIZI RELATIVI ALL ARCHITETTURA E ALL INGEGNERIA (Decreto 31 ottobre 2013, n.143) Il Tecnico Il Dirigente

40 PREMESSA Con il presente documento viene determinato il corrispettivo da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all architettura ed all ingegneria di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163, parte II, titolo I, capo IV. Il corrispettivo, costituito dal compenso e dalle spese ed oneri accessori, è stato determinato in funzione delle prestazioni professionali relative ai predetti servizi ed applicando i seguenti parametri generali per la determinazione del compenso (come previsto dal Decreto 31 ottobre 2013, n.143): a. parametro «V», dato dal costo delle singole categorie componenti l'opera; b. parametro «G», relativo alla complessità della prestazione; c. parametro «Q», relativo alla specificità della prestazione; d. parametro base «P», che si applica al costo economico delle singole categorie componenti l'opera. Il compenso «CP», con riferimento ai parametri indicati, è determinato dalla sommatoria dei prodotti tra il costo delle singole categorie componenti l opera «V», il parametro «G» corrispondente al grado di complessità delle prestazioni, il parametro «Q» corrispondente alla specificità della prestazione distinto in base alle singole categorie componenti l opera e il parametro base «P», secondo l espressione che segue: CP= (V G Q P) L importo delle spese e degli oneri accessori è calcolato in maniera forfettaria; per opere di importo fino a ,00 è determinato in misura non superiore al 25% del compenso; per opere di importo pari o superiore a ,00 è determinato in misura non superiore al 10% del compenso; per opere di importo intermedio in misura massima percentuale determinata per interpolazione lineare.

41 QUADRO ECONOMICO DELL OPERA OGGETTO DEI SERVIZI RELATIVI ALL ARCHITETTURA E ALL INGEGNERIA: Progettazione di un teatro ID. OPERE Grado Costo Parametri CATEGORIE D OPERA Codice Descrizione Complessità <<G>> Categorie( ) <<V>> Base <<P>> EDILIZIA E.13 STRUTTURE S.03 Biblioteca, Cinema, Teatro, Pinacoteca, Centro Culturale, Sede congressuale, Auditorium, Museo, Galleria d'arte, Discoteca, Studio radiofonico o televisivo o di produzione cinematografica - Opere cimiteriali di tipo monumentale, Monumenti commemorativi, Palasport, Stadio, Chiese Strutture o parti di strutture in cemento armato - Verifiche strutturali relative - Ponteggi, centinature e strutture provvisionali di durata superiore a due anni. 1, ,00 7,2485% 0, ,00 10,5786% IMPIANTI IA.02 Impianti di riscaldamento - Impianto di raffrescamento, climatizzazione, trattamento dell aria - Impianti meccanici di distribuzione fluidi - Impianto solare termico 0, ,00 11,5028% IMPIANTI IA.01 Impianti per l'approvvigionamento, la preparazione e la distribuzione di acqua nell'interno di edifici o per scopi industriali - Impianti sanitari - Impianti di fognatura domestica od industriale ed opere relative al trattamento delle acque di rifiuto - Reti di distribuzione di combustibili liquidi o gassosi - Impianti per la distribuzione dell aria compressa del vuoto e di gas medicali - Impianti e reti antincendio 0, ,00 10,9944% IMPIANTI IA.04 Impianti elettrici in genere, impianti di illuminazione, telefonici, di sicurezza, di rivelazione incendi, fotovoltaici, a corredo di edifici e costruzioni complessi - cablaggi strutturati - impianti in fibra ottica - singole apparecchiature per laboratori e impianti pilota di tipo complesso 1, ,00 12,1461% Costo complessivo dell opera: ,00 Percentuale forfettaria spese : 24,69%

42 FASI PRESTAZIONALI PREVISTE PROGETTAZIONE b.i) Progettazione Preliminare b.ii) Progettazione Definitiva b.iii) Progettazione Esecutiva DIREZIONE DELL ESECUZIONE (c.i)

43 SINGOLE PRESTAZIONI PREVISTE Qui di seguito vengono riportate le Fasi prestazionali previste per ogni diversa Categoria d Opera con la distinta analitica delle singole prestazioni e con i relativi Parametri <<Q>> di incidenza, desunti dalla tavola Z-2 allegata alla vigente normativa. EDILIZIA E.13 b.i) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbI.01 QbI.02 QbI.05 Relazioni, planimetrie, elaborati grafici (art.17, comma1, lettere a), b), e), d.p.r. 207/10-art.242, comma 2, lettere a), b), c) d) d.p.r. 207/10) Calcolo sommario spesa, quadro economico di progetto (art.17, comma 1, lettere g), h), d.p.r. 207/10) Capitolato speciale descrittivo e prestazionale, schema di contratto (art.17, comma 3, lettere b), c), d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.7, Allegato XXI)[2] 0,0900 0,0100 0,0700 QbI.06 Relazione geotecnica (art.19, comma 1, d.p.r. 207/10) 0,0300 QbI.15 Prime indicazioni di progettazione antincendio (d.m. 6/02/1982) 0,0050 QbI.16 Prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei Piani di Sicurezza (art.17, comma 1, lettera f) d.p.r. 207/2010) 0,0100 b.ii) PROGETTAZIONE DEFINITIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbII.01 Relazioni generale e tecniche, Elaborati grafici, Calcolo delle strutture e degli impianti, eventuali Relazione sulla risoluzione delle interferenze e Relazione sulla gestione materie(art.24, comma 2, lettere a), b), d), f), h) d.p.r. 207/10-art.26, comma 1, lettera i) d.p.r. 207/10) 0,2300 QbII.03 Disciplinare descrittivo e prestazionale (art.24, comma 2, lettera g), d.p.r. 207/10) 0,0100 QbII.05 QbII.08 Elenco prezzi unitari ed eventuali analisi, Computo metrico estimativo, Quadro economico (art.24, comma 2, lettere l), m), o), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, Capitolato speciale d'appalto (art.24, comma 3, d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.8, Allegato XXI)[1] 0,0700 0,0700 QbII.09 Relazione geotecnica (art.26, comma 1, d.p.r. 207/2010) 0,0600 QbII.18 Elaborati di progettazione antincendio (d.m. 16/02/1982) 0,0600 QbII.20 Elaborati e relazioni per requisiti acustici (Legge 447/95-d.p.c.m. 512/97) 0,0200 QbII.21 Relazione energetica (ex Legge 10/91 e s.m.i.) 0,0300

44 b.iii) PROGETTAZIONE ESECUTIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbIII.01 Relazione generale e specialistiche, Elaborati grafici, Calcoli esecutivi (art.33, comma 1, lettere a), b), c), d), d.p.r. 207/10) 0,0700 QbIII.02 Particolari costruttivi e decorativi (art.36, comma 1, lettera c), d.p.r. 207/10) 0,1300 QbIII.03 QbIII.04 Computo metrico estimativo, Quadro economico, Elenco prezzi e eventuale analisi, Quadro dell'incidenza percentuale della quantità di manodopera (art.33, comma 1, lettere f), g), i), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, capitolato speciale d'appalto, cronoprogramma (art.33, comma 1, lettere l), h), d.p.r. 207/10) 0,0400 0,0200 QbIII.05 Piano di manutenzione dell'opera (art.33, comma 1, lettera e) d.p.r. 207/10) 0,0200 QbIII.07 Piano di Sicurezza e Coordinamento (art.33, comma 1, lettera f), d.p.r. 207/2010) 0,1000 c.i) ESECUZIONE DEI LAVORI Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QcI.01 Direzione lavori, assistenza al collaudo, prove di accettazione(art.148, d.p.r. 207/10)[1] 0,3200 QcI.02 Liquidazione (art.194, comma 1, d.p.r. 207/10)-Rendicontazioni e liquidazione tecnico contabile (Reg. CE 1698/2005 e s.m.i.) 0,0300 QcI.10 Contabilità dei lavori a corpo (art.185, d.p.r. 207/10) 0,0635 QcI.12 Coordinamento della sicurezza in esecuzione (art.151, d.p.r. 207/2010) 0,2500 Lavori a corpo: ,00 STRUTTURE S.03 b.i) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbI.01 QbI.02 QbI.05 Relazioni, planimetrie, elaborati grafici (art.17, comma1, lettere a), b), e), d.p.r. 207/10-art.242, comma 2, lettere a), b), c) d) d.p.r. 207/10) Calcolo sommario spesa, quadro economico di progetto (art.17, comma 1, lettere g), h), d.p.r. 207/10) Capitolato speciale descrittivo e prestazionale, schema di contratto (art.17, comma 3, lettere b), c), d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.7, Allegato XXI)[2] 0,0900 0,0100 0,0700 QbI.06 Relazione geotecnica (art.19, comma 1, d.p.r. 207/10) 0,0300 QbI.15 Prime indicazioni di progettazione antincendio (d.m. 6/02/1982) 0,0050 QbI.16 Prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei Piani di Sicurezza (art.17, comma 1, lettera f) d.p.r. 207/2010) 0,0100

45 b.ii) PROGETTAZIONE DEFINITIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbII.01 Relazioni generale e tecniche, Elaborati grafici, Calcolo delle strutture e degli impianti, eventuali Relazione sulla risoluzione delle interferenze e Relazione sulla gestione materie(art.24, comma 2, lettere a), b), d), f), h) d.p.r. 207/10-art.26, comma 1, lettera i) d.p.r. 207/10) 0,1800 QbII.03 Disciplinare descrittivo e prestazionale (art.24, comma 2, lettera g), d.p.r. 207/10) 0,0100 QbII.05 QbII.08 Elenco prezzi unitari ed eventuali analisi, Computo metrico estimativo, Quadro economico (art.24, comma 2, lettere l), m), o), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, Capitolato speciale d'appalto (art.24, comma 3, d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.8, Allegato XXI)[1] 0,0400 0,0700 QbII.09 Relazione geotecnica (art.26, comma 1, d.p.r. 207/2010) 0,0600 QbII.18 Elaborati di progettazione antincendio (d.m. 16/02/1982) 0,0600 QbII.20 Elaborati e relazioni per requisiti acustici (Legge 447/95-d.p.c.m. 512/97) 0,0200 QbII.21 Relazione energetica (ex Legge 10/91 e s.m.i.) 0,0300 b.iii) PROGETTAZIONE ESECUTIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbIII.01 Relazione generale e specialistiche, Elaborati grafici, Calcoli esecutivi (art.33, comma 1, lettere a), b), c), d), d.p.r. 207/10) 0,1200 QbIII.02 Particolari costruttivi e decorativi (art.36, comma 1, lettera c), d.p.r. 207/10) 0,1300 QbIII.03 QbIII.04 Computo metrico estimativo, Quadro economico, Elenco prezzi e eventuale analisi, Quadro dell'incidenza percentuale della quantità di manodopera (art.33, comma 1, lettere f), g), i), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, capitolato speciale d'appalto, cronoprogramma (art.33, comma 1, lettere l), h), d.p.r. 207/10) 0,0300 0,0100 QbIII.05 Piano di manutenzione dell'opera (art.33, comma 1, lettera e) d.p.r. 207/10) 0,0250 QbIII.07 Piano di Sicurezza e Coordinamento (art.33, comma 1, lettera f), d.p.r. 207/2010) 0,1000 c.i) ESECUZIONE DEI LAVORI Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QcI.01 Direzione lavori, assistenza al collaudo, prove di accettazione(art.148, d.p.r. 207/10)[1] 0,3800 QcI.02 Liquidazione (art.194, comma 1, d.p.r. 207/10)-Rendicontazioni e liquidazione tecnico contabile (Reg. CE 1698/2005 e s.m.i.) 0,0200 QcI.10 Contabilità dei lavori a corpo (art.185, d.p.r. 207/10) 0,0450 QcI.12 Coordinamento della sicurezza in esecuzione (art.151, d.p.r. 207/2010) 0,2500

46 Lavori a corpo: ,00 IMPIANTI IA.02 b.i) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbI.01 QbI.02 QbI.05 Relazioni, planimetrie, elaborati grafici (art.17, comma1, lettere a), b), e), d.p.r. 207/10-art.242, comma 2, lettere a), b), c) d) d.p.r. 207/10) Calcolo sommario spesa, quadro economico di progetto (art.17, comma 1, lettere g), h), d.p.r. 207/10) Capitolato speciale descrittivo e prestazionale, schema di contratto (art.17, comma 3, lettere b), c), d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.7, Allegato XXI)[2] 0,0900 0,0100 0,0700 QbI.06 Relazione geotecnica (art.19, comma 1, d.p.r. 207/10) 0,0300 QbI.15 Prime indicazioni di progettazione antincendio (d.m. 6/02/1982) 0,0050 QbI.16 Prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei Piani di Sicurezza (art.17, comma 1, lettera f) d.p.r. 207/2010) 0,0100 b.ii) PROGETTAZIONE DEFINITIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbII.01 Relazioni generale e tecniche, Elaborati grafici, Calcolo delle strutture e degli impianti, eventuali Relazione sulla risoluzione delle interferenze e Relazione sulla gestione materie(art.24, comma 2, lettere a), b), d), f), h) d.p.r. 207/10-art.26, comma 1, lettera i) d.p.r. 207/10) 0,1600 QbII.03 Disciplinare descrittivo e prestazionale (art.24, comma 2, lettera g), d.p.r. 207/10) 0,0100 QbII.05 QbII.08 Elenco prezzi unitari ed eventuali analisi, Computo metrico estimativo, Quadro economico (art.24, comma 2, lettere l), m), o), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, Capitolato speciale d'appalto (art.24, comma 3, d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.8, Allegato XXI)[1] 0,0700 0,0800 QbII.09 Relazione geotecnica (art.26, comma 1, d.p.r. 207/2010) 0,0600 QbII.18 Elaborati di progettazione antincendio (d.m. 16/02/1982) 0,0600 QbII.20 Elaborati e relazioni per requisiti acustici (Legge 447/95-d.p.c.m. 512/97) 0,0200 QbII.21 Relazione energetica (ex Legge 10/91 e s.m.i.) 0,0300

47 b.iii) PROGETTAZIONE ESECUTIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbIII.01 Relazione generale e specialistiche, Elaborati grafici, Calcoli esecutivi (art.33, comma 1, lettere a), b), c), d), d.p.r. 207/10) 0,1500 QbIII.02 Particolari costruttivi e decorativi (art.36, comma 1, lettera c), d.p.r. 207/10) 0,0500 QbIII.03 QbIII.04 Computo metrico estimativo, Quadro economico, Elenco prezzi e eventuale analisi, Quadro dell'incidenza percentuale della quantità di manodopera (art.33, comma 1, lettere f), g), i), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, capitolato speciale d'appalto, cronoprogramma (art.33, comma 1, lettere l), h), d.p.r. 207/10) 0,0500 0,0200 QbIII.05 Piano di manutenzione dell'opera (art.33, comma 1, lettera e) d.p.r. 207/10) 0,0300 QbIII.07 Piano di Sicurezza e Coordinamento (art.33, comma 1, lettera f), d.p.r. 207/2010) 0,1000 c.i) ESECUZIONE DEI LAVORI Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QcI.01 Direzione lavori, assistenza al collaudo, prove di accettazione(art.148, d.p.r. 207/10)[1] 0,3200 QcI.02 Liquidazione (art.194, comma 1, d.p.r. 207/10)-Rendicontazioni e liquidazione tecnico contabile (Reg. CE 1698/2005 e s.m.i.) 0,0300 QcI.10 Contabilità dei lavori a corpo (art.185, d.p.r. 207/10) 0,0350 QcI.12 Coordinamento della sicurezza in esecuzione (art.151, d.p.r. 207/2010) 0,2500 Lavori a corpo: ,00 IMPIANTI IA.01 b.i) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbI.01 QbI.02 QbI.05 Relazioni, planimetrie, elaborati grafici (art.17, comma1, lettere a), b), e), d.p.r. 207/10-art.242, comma 2, lettere a), b), c) d) d.p.r. 207/10) Calcolo sommario spesa, quadro economico di progetto (art.17, comma 1, lettere g), h), d.p.r. 207/10) Capitolato speciale descrittivo e prestazionale, schema di contratto (art.17, comma 3, lettere b), c), d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.7, Allegato XXI)[2] 0,0900 0,0100 0,0700 QbI.06 Relazione geotecnica (art.19, comma 1, d.p.r. 207/10) 0,0300 QbI.15 Prime indicazioni di progettazione antincendio (d.m. 6/02/1982) 0,0050 QbI.16 Prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei Piani di Sicurezza (art.17, comma 1, lettera f) d.p.r. 207/2010) 0,0100

48 b.ii) PROGETTAZIONE DEFINITIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbII.01 Relazioni generale e tecniche, Elaborati grafici, Calcolo delle strutture e degli impianti, eventuali Relazione sulla risoluzione delle interferenze e Relazione sulla gestione materie(art.24, comma 2, lettere a), b), d), f), h) d.p.r. 207/10-art.26, comma 1, lettera i) d.p.r. 207/10) 0,1600 QbII.03 Disciplinare descrittivo e prestazionale (art.24, comma 2, lettera g), d.p.r. 207/10) 0,0100 QbII.05 QbII.08 Elenco prezzi unitari ed eventuali analisi, Computo metrico estimativo, Quadro economico (art.24, comma 2, lettere l), m), o), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, Capitolato speciale d'appalto (art.24, comma 3, d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.8, Allegato XXI)[1] 0,0700 0,0800 QbII.09 Relazione geotecnica (art.26, comma 1, d.p.r. 207/2010) 0,0600 QbII.18 Elaborati di progettazione antincendio (d.m. 16/02/1982) 0,0600 QbII.20 Elaborati e relazioni per requisiti acustici (Legge 447/95-d.p.c.m. 512/97) 0,0200 QbII.21 Relazione energetica (ex Legge 10/91 e s.m.i.) 0,0300 b.iii) PROGETTAZIONE ESECUTIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbIII.01 Relazione generale e specialistiche, Elaborati grafici, Calcoli esecutivi (art.33, comma 1, lettere a), b), c), d), d.p.r. 207/10) 0,1500 QbIII.02 Particolari costruttivi e decorativi (art.36, comma 1, lettera c), d.p.r. 207/10) 0,0500 QbIII.03 QbIII.04 Computo metrico estimativo, Quadro economico, Elenco prezzi e eventuale analisi, Quadro dell'incidenza percentuale della quantità di manodopera (art.33, comma 1, lettere f), g), i), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, capitolato speciale d'appalto, cronoprogramma (art.33, comma 1, lettere l), h), d.p.r. 207/10) 0,0500 0,0200 QbIII.05 Piano di manutenzione dell'opera (art.33, comma 1, lettera e) d.p.r. 207/10) 0,0300 QbIII.07 Piano di Sicurezza e Coordinamento (art.33, comma 1, lettera f), d.p.r. 207/2010) 0,1000 c.i) ESECUZIONE DEI LAVORI Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QcI.01 Direzione lavori, assistenza al collaudo, prove di accettazione(art.148, d.p.r. 207/10)[1] 0,3200 QcI.02 Liquidazione (art.194, comma 1, d.p.r. 207/10)-Rendicontazioni e liquidazione tecnico contabile (Reg. CE 1698/2005 e s.m.i.) 0,0300 QcI.10 Contabilità dei lavori a corpo (art.185, d.p.r. 207/10) 0,0350 QcI.12 Coordinamento della sicurezza in esecuzione (art.151, d.p.r. 207/2010) 0,2500 Lavori a corpo: ,00

49 IMPIANTI IA.04 b.i) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbI.01 QbI.02 QbI.05 Relazioni, planimetrie, elaborati grafici (art.17, comma1, lettere a), b), e), d.p.r. 207/10-art.242, comma 2, lettere a), b), c) d) d.p.r. 207/10) Calcolo sommario spesa, quadro economico di progetto (art.17, comma 1, lettere g), h), d.p.r. 207/10) Capitolato speciale descrittivo e prestazionale, schema di contratto (art.17, comma 3, lettere b), c), d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.7, Allegato XXI)[2] 0,0900 0,0100 0,0700 QbI.06 Relazione geotecnica (art.19, comma 1, d.p.r. 207/10) 0,0300 QbI.15 Prime indicazioni di progettazione antincendio (d.m. 6/02/1982) 0,0050 QbI.16 Prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei Piani di Sicurezza (art.17, comma 1, lettera f) d.p.r. 207/2010) 0,0100 b.ii) PROGETTAZIONE DEFINITIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbII.01 Relazioni generale e tecniche, Elaborati grafici, Calcolo delle strutture e degli impianti, eventuali Relazione sulla risoluzione delle interferenze e Relazione sulla gestione materie(art.24, comma 2, lettere a), b), d), f), h) d.p.r. 207/10-art.26, comma 1, lettera i) d.p.r. 207/10) 0,1600 QbII.03 Disciplinare descrittivo e prestazionale (art.24, comma 2, lettera g), d.p.r. 207/10) 0,0100 QbII.05 QbII.08 Elenco prezzi unitari ed eventuali analisi, Computo metrico estimativo, Quadro economico (art.24, comma 2, lettere l), m), o), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, Capitolato speciale d'appalto (art.24, comma 3, d.p.r. 207/10 - art.164, d.lgs. 163/06 - art.8, Allegato XXI)[1] 0,0700 0,0800 QbII.09 Relazione geotecnica (art.26, comma 1, d.p.r. 207/2010) 0,0600 QbII.18 Elaborati di progettazione antincendio (d.m. 16/02/1982) 0,0600 QbII.20 Elaborati e relazioni per requisiti acustici (Legge 447/95-d.p.c.m. 512/97) 0,0200 QbII.21 Relazione energetica (ex Legge 10/91 e s.m.i.) 0,0300

50 b.iii) PROGETTAZIONE ESECUTIVA Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QbIII.01 Relazione generale e specialistiche, Elaborati grafici, Calcoli esecutivi (art.33, comma 1, lettere a), b), c), d), d.p.r. 207/10) 0,1500 QbIII.02 Particolari costruttivi e decorativi (art.36, comma 1, lettera c), d.p.r. 207/10) 0,0500 QbIII.03 QbIII.04 Computo metrico estimativo, Quadro economico, Elenco prezzi e eventuale analisi, Quadro dell'incidenza percentuale della quantità di manodopera (art.33, comma 1, lettere f), g), i), d.p.r. 207/10) Schema di contratto, capitolato speciale d'appalto, cronoprogramma (art.33, comma 1, lettere l), h), d.p.r. 207/10) 0,0500 0,0200 QbIII.05 Piano di manutenzione dell'opera (art.33, comma 1, lettera e) d.p.r. 207/10) 0,0300 QbIII.07 Piano di Sicurezza e Coordinamento (art.33, comma 1, lettera f), d.p.r. 207/2010) 0,1000 c.i) ESECUZIONE DEI LAVORI Codice Descrizione singole prestazioni Par. <<Q>> QcI.01 Direzione lavori, assistenza al collaudo, prove di accettazione(art.148, d.p.r. 207/10)[1] 0,3200 QcI.02 Liquidazione (art.194, comma 1, d.p.r. 207/10)-Rendicontazioni e liquidazione tecnico contabile (Reg. CE 1698/2005 e s.m.i.) 0,0300 QcI.10 Contabilità dei lavori a corpo (art.185, d.p.r. 207/10) 0,0350 QcI.12 Coordinamento della sicurezza in esecuzione (art.151, d.p.r. 207/2010) 0,2500 Lavori a corpo: ,00

COMUNE DI ASOLO Provincia TV Via dei tartari

COMUNE DI ASOLO Provincia TV Via dei tartari Ubicazione Opera COMUNE DI ASOLO Provincia TV Via dei tartari Opera Completamento nuovo plesso unico - scuola elementare - 2 stralcio Ente Appaltante COMUNE DI ASOLO Indirizzo ASOLO Piazza G. D'Annunzio,

Dettagli

PREMESSA CP= (V G Q P)

PREMESSA CP= (V G Q P) PREMESSA Con il presente documento viene determinato il corrispettivo da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all architettura ed all ingegneria

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE U.O.C. NUOVE OPERE Policlinico Le Scotte Viale Bracci 53100 SIENA Tel. 0577.585080 Telefax 0577.586161 Ing. Fabio Crocchini e_mail f.crocchini@ao-siena.toscana.it

Dettagli

Sommario. Pagina 1 di 12. 1. Premessa 2. 2. Incidenza dei lavori 2. 3. Attrezzature 3. 4. Spese tecniche 3. 5. Quadro economico generale 5

Sommario. Pagina 1 di 12. 1. Premessa 2. 2. Incidenza dei lavori 2. 3. Attrezzature 3. 4. Spese tecniche 3. 5. Quadro economico generale 5 Sommario 1. Premessa 2 2. Incidenza dei lavori 2 3. Attrezzature 3 4. Spese tecniche 3 5. Quadro economico generale 5 Pagina 1 di 12 1-Premessa Il calcolo sommario di spesa, così come disposto dall art.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI

DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE DIREZIONE GENERALE DEGLI AFFARI GENERALI E DELLA SOCIETÀ DELL'INFORMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CAIRANO ( PROVINCIA di AVELLINO) allegato al DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI CAIRANO ( PROVINCIA di AVELLINO) allegato al DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI CAIRANO ( PROVINCIA di AVELLINO) allegato al DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA artt. 90, 91 D.Lgs 12/04/06 n. 163 e ss.mm.ii., art. 252 e 261 D.P.R. 207/2010 PER AFFIDAMENTO SERVIZI TECNICO-PROFESSIONALI

Dettagli

Progettazione definitiva

Progettazione definitiva Calcolo parcella a base di gara (D.M. 143 del 31 ottobre 2013) a) progettazione definitiva ed esecutiva e coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione di interventi di Adeguamento Impianti elettrici

Dettagli

AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE

AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE Progetto APT n. 1784 Affidamento dell incarico professionale per l assistenza al direttore dei lavori, la misura e la contabilità, il coordinamento per la sicurezza in fase

Dettagli

S.p.A. AUTOSTRADA BS-VR-VI-PD Via Flavio Gioia, 71-37135 Verona (VR) Tel.: 0458272222 - Cell.:. - Fax.:. E-mail:. C.F.: - - P.

S.p.A. AUTOSTRADA BS-VR-VI-PD Via Flavio Gioia, 71-37135 Verona (VR) Tel.: 0458272222 - Cell.:. - Fax.:. E-mail:. C.F.: - - P. Spett.le/Egregio S.p.A. AUTOSTRADA BS-VR-VI-PD Via Flavio Gioia, 71 37135 Verona (VR) C.F.: 03614140238 - P.IVA: 03614140238 Verona, lì 30/11/2015 OGGETTO: INCARICO: Determinazione del corrispettivo a

Dettagli

D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni

D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni arch. paolo papini (Consigliere OAPPC PT e responsabile Commissione Consultiva Tariffe e Notule) 1 DALLE TARIFFE AI PARAMETRI

Dettagli

COMUNE DI SALERNO Provincia SA Viale Kennedy

COMUNE DI SALERNO Provincia SA Viale Kennedy Ubicazione Opera COMUNE DI SALERNO Provincia SA Viale Kennedy Opera COSTRUZIONE EDIFICIO CIVILE Committente Blumatica srl Indirizzo PONTECAGNANO FAIANO Via Irno P.IVA Tel./Fax E-Mail 98765643261 089321489

Dettagli

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL COMPLETAMENTO DELLA VARIANTE PER IL CENTRO OSPEDALIERO DI MONZA 2 LOTTO, LUNGO LA SP6 MONZA CARATE BRIANZA

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL COMPLETAMENTO DELLA VARIANTE PER IL CENTRO OSPEDALIERO DI MONZA 2 LOTTO, LUNGO LA SP6 MONZA CARATE BRIANZA Opera LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL COMPLETAMENTO DELLA VARIANTE PER IL CENTRO OSPEDALIERO DI MONZA 2 LOTTO, LUNGO LA SP6 MONZA CARATE BRIANZA Ubicazione Opera Comune di Monza, Comune di Lissone, Comune

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI DA PORRE A BASE DI GARA NELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DI CONTRATTI PUBBLICI DEI SERVIZI RELATIVI ALLA GEOLOGIA DECRETO 31

Dettagli

QbII.02: Rilievi dei manufatti (art.243, comma 1, lettere c) D.P.R. 207/10-art.28, D.P.R. 207/10)

QbII.02: Rilievi dei manufatti (art.243, comma 1, lettere c) D.P.R. 207/10-art.28, D.P.R. 207/10) Calcolo parcella a base di gara (D.M. 143 del 31 ottobre 2013) A) prestazioni attinenti la progettazione definitiva ed esecutiva e coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione di interventi

Dettagli

A COSA SERVE L OPINAMENTO DELLE PARCELLE PROFESSIONALI

A COSA SERVE L OPINAMENTO DELLE PARCELLE PROFESSIONALI 1. Premesse S:\ORDINE\2013\articolipersito\ opinamento A COSA SERVE L OPINAMENTO DELLE PARCELLE PROFESSIONALI Premetto che, seppure a fasi alterne, forse anche a causa del periodo di stagnazione economica

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi

RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi LEGGE 14 settembre 2011, n. 148 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA CENTRI DI ANTICA E PRIMA FORMAZIONE

COMUNE DI DOLIANOVA CENTRI DI ANTICA E PRIMA FORMAZIONE Ubicazione Opera COMUNE DI DOLIANOVA CENTRI DI ANTICA E PRIMA FORMAZIONE Opera AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEI CENTRI DI ANTICA E PRIMA FORMAZIONE

Dettagli

IN MATERIA DI COMPENSI PROFESSIONALI

IN MATERIA DI COMPENSI PROFESSIONALI IN MATERIA DI COMPENSI PROFESSIONALI Facendo seguito ai Seminari con gli iscritti sulle novità introdotte in materia di tariffe professionali e determinazione dei compensi, di seguito riporto una sintesi

Dettagli

COMPENSO PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI

COMPENSO PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI Summonte, lì 27/05/2014 OGGETTO: INCARICO: Determinazione del corrispettivo a base gara per l'affidamento dei contratti pubblici di servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria (D.M. n. 143/2013).

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1702 23 FEBBRAIO 2005 DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

4 Schema per la determinazione dei compensi tecnici

4 Schema per la determinazione dei compensi tecnici Concorso DI PROGETTAZIONE IN DUE GRADI procedura aperta per la realizzazione di una scuola primaria nel Comune di Riccione 4 Schema per la determinazione dei compensi tecnici PREMESSA Con il presente documento

Dettagli

Tipologia: PROGETTAZIONE (preliminare, definitiva, esecutiva, redazione studi di fattibilità, calcoli statici-strutturali, ecc.).

Tipologia: PROGETTAZIONE (preliminare, definitiva, esecutiva, redazione studi di fattibilità, calcoli statici-strutturali, ecc.). Tipologia: PROGETTAZIONE (preliminare, definitiva, esecutiva, redazione studi di fattibilità, calcoli statici-strutturali, ecc.). Codice Identificazione delle opere (categorie del D.M. 43/03) fascia 0

Dettagli

Impianti elettrici e speciali a servizio delle costruzioni - singole apparecchiature per laboratori e impianti pilota

Impianti elettrici e speciali a servizio delle costruzioni - singole apparecchiature per laboratori e impianti pilota Spett.le/Egregio $EMPTY_COM_01$ $EMPTY_COM_08$ $EMPTY_COM_09$ ($EMPTY_COM_11$) $EMPTY_COM_10$ C.F.: $EMPTY_COM_05$ - P.IVA: $EMPTY_COM_06$ $EMPTY_LUOGO_STAMPA$, lì 12/01/2015 OGGETTO: INCARICO: Determinazione

Dettagli

CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA

CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA...3 Premessa...3 Definizione del metodo...3 Determinazione del costo dei lavori inerenti il parcheggio a raso...3 Determinazione del costo dei

Dettagli

CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA

CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA QUADRO ECONOMICO opera complessiva A1) Importo presunto lavori A CORPO posti a base d'asta 4 980 000,00 di cui per oneri sulla sicurezza non soggetti a ribasso

Dettagli

Ordine degli ingegneri della Provincia di Parma VARIAZIONI TARIFFARIE

Ordine degli ingegneri della Provincia di Parma VARIAZIONI TARIFFARIE Ordine degli ingegneri della Provincia di Parma VARIAZIONI TARIFFARIE D.L. 24/1/2012 n. 1 convertito in Legge 24/03/12 n. 27: art. 9 comma 1: ha abrogato le tariffe professionali regolamentate. art. 9

Dettagli

Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento

Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento Questo articolo prende in esame il nuovo assetto normativo che regola la determinazione dei compensi professionali,

Dettagli

Strumenti e metodi alla luce della Deontologia

Strumenti e metodi alla luce della Deontologia Strumenti e metodi alla luce della Deontologia Deontologia e Ordinamento Professionale Il seminario si propone di approfondire gli aspetti inerenti l'attività professionale di uno Studio di Architettura.

Dettagli

Esemplificazione determinazione del compenso CP. Esemplificazione calcolo compenso CP per prestazione di progettazione preliminare A B C C

Esemplificazione determinazione del compenso CP. Esemplificazione calcolo compenso CP per prestazione di progettazione preliminare A B C C Prestazioni affidate Incidenza Q Esemplificazione determinazione del compenso CP Esemplificazione calcolo compenso CP per prestazione di progettazione preliminare A B C C 1 categoria d opera meccanici

Dettagli

COMUNE DI GRASSOBBIO Provincia di Bergamo NUOVA PALESTRA IN VIA XXV APRILE DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI PROGETTO DEFINITIVO PREMESSA

COMUNE DI GRASSOBBIO Provincia di Bergamo NUOVA PALESTRA IN VIA XXV APRILE DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI PROGETTO DEFINITIVO PREMESSA COMUNE DI GRASSOBBIO Provincia di Bergamo NUOVA PALESTRA IN VIA XXV APRILE DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI SERVIZI RELATIVI ALL ARCHITETTURA E ALL INGEGNERIA (Decreto 31 ottobre 2013, n.143) PROGETTO

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Il calcolo della parcella professionale per servizi di progettazione e direzione lavori IL QUADRO NORMATIVO LEGGE 2 MARZO 1949 N.143 Approvazione della tariffa professionale

Dettagli

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA REP. N.... CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA DIREZIONE LAVORI RELATIVO AI LAVORI DI ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN INTERVENTO DI ADEGUAMENTO E RIFUNZIONALIZZAZIONE PLESSO MATERNITA CORPI B,C,D,E,G,H,I

REALIZZAZIONE DI UN INTERVENTO DI ADEGUAMENTO E RIFUNZIONALIZZAZIONE PLESSO MATERNITA CORPI B,C,D,E,G,H,I Opera REALIZZAZIONE DI UN INTERVENTO DI ADEGUAMENTO E RIFUNZIONALIZZAZIONE PLESSO MATERNITA CORPI B,C,D,E,G,H,I Ente Appaltante Azienda Ospedaliero Universitaria OO.RR. di Foggia Indirizzo FOGGIA Viale

Dettagli

Esemplificazione determinazione del compenso CP

Esemplificazione determinazione del compenso CP Esemplificazione determinazione del compenso CP 1 categoria d'opera Esemplificazione calcolo compenso CP per prestazione di progettazione preliminare A B C C Edilizia Strutture Impianti meccanici a fluido

Dettagli

Il Contratto Professionale ed i compensi

Il Contratto Professionale ed i compensi FEDERAZIONE ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI CONSERVATORI TOSCANI AREZZO GROSSETO LIVORNO LUCCA PISTOIA PRATO SIENA Seminario formativo in materia di Deontologia e Professione L attività professionale

Dettagli

ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA.

ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA. ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA. L Amministrazione Comunale nel rispetto della normativa vigente, intende determinare con il presente regolamento le modalità ed i criteri di conferimento

Dettagli

Calcolo compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013)

Calcolo compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013) Calcolo compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013) Determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ALLEGATO B

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ALLEGATO B Lavori di realizzazione di uno studentato diffuso in località San Lorenzo a Sassari, mediante l'uso di materiali e tecniche a ridotto impatto ambientale durante l'intero ciclo di vita dell'opera, in conformità

Dettagli

- SI - NO precede. b) Elaborati e adempimenti specifici e ulteriori da predisporre (compresi nei corrispettivi): - SI - NO 3/5

- SI - NO precede. b) Elaborati e adempimenti specifici e ulteriori da predisporre (compresi nei corrispettivi): - SI - NO 3/5 Allegato «A»: distinta delle prestazioni oggetto dell incarico e dei corrispettivi A.1 Fase di progettazione ATTIVITA DI SUPPORTO RILIEVI PRELIMINARE DEFINITIVA ESECUTIVA Attività di supporto in fase di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

Calcolo on-line estrapolato dal sito http://www.professionearchitetto.it

Calcolo on-line estrapolato dal sito http://www.professionearchitetto.it 1 di 5 Calcolo on-line estrapolato dal sito http://www.professionearchitetto.it Determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi

Dettagli

Procedure negoziate di affidamento dei servizi tecnici

Procedure negoziate di affidamento dei servizi tecnici Procedure negoziate di affidamento dei servizi tecnici Avv. Alessandro Massari Roma, 17 dicembre 2011 Avv. Alessandro Massari 1 LE NUOVE SOGLIE COMUNITARIE DAL 1.1.2012 Nuove soglie approvate con Regolamento

Dettagli

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Michele Lapenna Consigliere Tesoriere Consiglio Nazionale Ingegneri 1 LA GENESI DELLA RIFORMA

Dettagli

COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA

COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART. 18, COMMA 1 DELLA LEGGE 11.02.1994, N. 109 E SEGUENTI MODIFICHE.

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN ELIPORTO PER ELISSOCCORSO PRESSO IL PRESIDIO OSPEDALIERO DI CAMPOSAMPIERO

REALIZZAZIONE DI UN ELIPORTO PER ELISSOCCORSO PRESSO IL PRESIDIO OSPEDALIERO DI CAMPOSAMPIERO ALLEGATO 1BIS DISCIPLINARE Opera REALIZZAZIONE DI UN ELIPORTO PER ELISSOCCORSO PRESSO IL PRESIDIO OSPEDALIERO DI CAMPOSAMPIERO Ente Appaltante AZIENDA U.L.S.S. 15 ALTA PADOIVANA Indirizzo CITTADELLA P.IVA

Dettagli

C O M U N E D I V I G O N Z A P R O V I N C I A D I P A D O V A

C O M U N E D I V I G O N Z A P R O V I N C I A D I P A D O V A C O M U N E D I V I G O N Z A P R O V I N C I A D I P A D O V A DETERMINAZIONE SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE N. 26 DEL 06/02/2012 Numero Generale 79 OGGETTO: CONTRATTO DI QUARTIERE

Dettagli

COMUNE DI Provincia. Elaborato Tavola N

COMUNE DI Provincia. Elaborato Tavola N Ubicazione Opera COMUNE DI Provincia Opera Ente Appaltante Indirizzo P.IVA Tel./Fax E-Mail / Tecnico Data 16/12/2015 Archivio Elaborato Tavola N DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI SERVIZI RELATIVI ALL ARCHITETTURA

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1794-28 LUGLIO 2009 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. 35 IN DATA 14/08/2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. 35 IN DATA 14/08/2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI GRANOZZO CON MONTICELLO Provincia di Novara Via Matteotti 15 28060 Granozzo con Monticello - Tel. 0321/55113 Fax 0321/550002 Codice fiscale 80013960036 - Partita Iva 00467930038 granozzo.con.monticello@ruparpiemonte.it

Dettagli

COMUNE DI MUGGIA PROVINCIA DI TRIESTE Servizio Lavori Pubblici Prot. n. Da citare sempre nella risposta

COMUNE DI MUGGIA PROVINCIA DI TRIESTE Servizio Lavori Pubblici Prot. n. Da citare sempre nella risposta COMUNE DI MUGGIA PROVINCIA DI TRIESTE Servizio Lavori Pubblici Prot. n. Da citare sempre nella risposta MUGGIA 2/3/2006 Oggetto: Lavori di straordinaria manutenzione della casa di Riposo di Salita Ubaldini

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI

RIFORMA DELLE PROFESSIONI RIFORMA DELLE PROFESSIONI DPR 328 DEL 5 GIUGNO 2001 Riforma degli accessi alla professione per adeguamento alla riforma del sistema universitario DPR 169 DEL 8 LUGLIO 2005 Riforma del sistema elettorale

Dettagli

COMUNE DI Provincia LAVORI DI RIFACIMENTO PAVIMENTAZIONE SCUOLA MATERNA. Elaborato Tavola N

COMUNE DI Provincia LAVORI DI RIFACIMENTO PAVIMENTAZIONE SCUOLA MATERNA. Elaborato Tavola N Ubicazione Opera COMUNE DI Provincia Opera LAVORI DI RIFACIMENTO PAVIMENTAZIONE SCUOLA MATERNA Ente Appaltante Indirizzo P.IVA Tel./Fax E-Mail / Tecnico Data 30/06/2016 Archivio Elaborato Tavola N DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SCOPPITO Provincia AQ

COMUNE DI SCOPPITO Provincia AQ Ubicazione Opera COMUNE DI SCOPPITO Provincia AQ Opera NUOVO PLESSO SCOLASTICO SCOPPITO Ente Appaltante Indirizzo SCOPPITO P.IVA Tel./Fax E-Mail / RUP ing. Giovanna Corridore Data 29/01/2017 Archivio Elaborato

Dettagli

COMUNE DI NEGRAR Provincia VR

COMUNE DI NEGRAR Provincia VR Ubicazione Opera COMUNE DI NEGRAR Provincia VR Opera MANUTENZIONE STRAODINARIA EDIFICI COMUNALI: SPOGLIATOI CAMPO CALCIO ARBIZZANO E TETTO PALAZZETTO DI ARBIZZANO Ente Appaltante COMUNE DI NEGRAR Indirizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

SCHEMA GENERALE DI PARCELLA ESEMPI. 1.5 Calcolo dell onorario: Onorario base: 154.937,07 x 8,2784% x 0,65... = 8.337,10

SCHEMA GENERALE DI PARCELLA ESEMPI. 1.5 Calcolo dell onorario: Onorario base: 154.937,07 x 8,2784% x 0,65... = 8.337,10 GEN SCHEMA GENERALE DI PARCELLA ESEMPI SCHEMA GENERALE PARCELLA GEN 2010 1. SOLA PROGETTAZIONE 1.1 Classe e categorie dell opera (art.14) I c 1.2 Importo delle opere desunto da attendibile preventivo (V.

Dettagli

COMUNE DI DONORI LOCALITA IS ARENAS (PIP)

COMUNE DI DONORI LOCALITA IS ARENAS (PIP) Localita Ubicazione Opera COMUNE DI DONORI LOCALITA IS ARENAS (PIP) Opera COMPLETAMENTO INCUBATORE D'IMPRESA CUP MASTER C47J10000110002 - CUP C49J16000280006 - CIG. Z5D1B45570 Ente Appaltante COMUNE DI

Dettagli

Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone

Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone Via Trattenero 15-10053 Bussoleno (To) Tel: (+39)0122-642800 Fax: (+39)0122-642850 http://www.cmvss.it e-mail: info@cmvss.it Progettazione preliminare, definitiva

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE n. 50 del 26 gennaio 2012 OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO PER PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI DI REALIZZAZIONE IMPIANTI

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE Al Comune di Fiesole.. ISTANZA DI PARTECIPAZIONE Oggetto: Avviso preventivo per lo svolgimento di indagine di mercato finalizzata all affidamento mediante procedura negoziata di servizi attinenti all architettura

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

27/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 8. Regione Lazio

27/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 8. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 13 gennaio 2015, n. G00065 POR FESR LAZIO 2007-2013. Progetto A0070P0187. CALL FOR PROPOSAL

Dettagli

l Ing. Giovanni Martino, nato a. il., C.F.., con studio in. alla Via., in seguito denominato professionista,

l Ing. Giovanni Martino, nato a. il., C.F.., con studio in. alla Via., in seguito denominato professionista, DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE DI DIREZIONE LAVORI E COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI INFRASTRUTTURAZIONE AREA ARTIGIANALE LOCALITA POZZO STRADA.- L anno duemilaquattordici,

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PER I COLLAUDI STATICI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PER I COLLAUDI STATICI Via Giovanni Giolitti, 1-10123 Torino - Tel. 011 562.24.68 - Fax 011 562.13.96 e-mail: ordine.ingegneri@ording.torino.it - sito internet: www.ording.torino.it Cod. Fisc. 80089290011 Allegato A alla Circolare

Dettagli

La notula professionale Martedì 15 Aprile 2014

La notula professionale Martedì 15 Aprile 2014 La notula professionale Martedì 15 Aprile 2014 Esempi di contratti professionali per servizi di architettura e obblighi deontologici Arch. Simona Esseni, membro C.C.T.N. Arch. Giancarlo Galassi, Presidente

Dettagli

- ing. o arch. Capo gruppo del gruppo di progettazione e incaricato all integrazione delle varie figure specialistiche;

- ing. o arch. Capo gruppo del gruppo di progettazione e incaricato all integrazione delle varie figure specialistiche; DOMANDA N. 19 Il disciplinare di gara a pag. 11 cita I concorrenti che non possiedono adeguata qualificazione per prestazione di progettazione e costruzione devono incaricare o associare per la redazione

Dettagli

Visto il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, parte II, titolo I, capo IV;

Visto il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, parte II, titolo I, capo IV; D.M. 31 ottobre 2013, n. 143 Regolamento recante determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura ed all'ingegneria.

Dettagli

COMUNE DI ARONA Provincia NO

COMUNE DI ARONA Provincia NO Ubicazione Opera COMUNE DI ARONA Provincia NO Opera CIMITERO MERCURAGO - Restauro Copertura e fabbricato principale Ente Appaltante Indirizzo ARONA P.IVA Tel./Fax E-Mail / Tecnico Data 30/06/2016 Archivio

Dettagli

Calcolo on-line compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013)

Calcolo on-line compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013) Calcolo on-line compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013) Determinazione dei corrispettiv i da porre a base di gara nelle procedure di af f idamento di contratti pubblici

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena)

COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena) SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE Servizio proponente SUPPORTO AMMINISTRATIVO L.P. DETERMINAZIONE N. 173/LP DEL 16/09/2015 OGGETTO ELENCO PROFESSIONISTI QUALIFICATI PER

Dettagli

AUTORITA PORTUALE NORD SARDEGNA. Codice Fiscale 91025180901 BANDO DI GARA

AUTORITA PORTUALE NORD SARDEGNA. Codice Fiscale 91025180901 BANDO DI GARA AUTORITA PORTUALE NORD SARDEGNA Codice Fiscale 91025180901 BANDO DI GARA Procedura aperta per l appalto di progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria e adeguamento locali

Dettagli

PARCELLE PROFESSIONALI L CALCOLO DEL COMPENSO

PARCELLE PROFESSIONALI L CALCOLO DEL COMPENSO CONCORSO BERGAMO CENTRO PIACENTINIANO PARCELLE PROFESSIONALI L CALCOLO DEL COMPENSO ENTE BANDITORE Città di Bergamo piazza Matteotti, 27 24122 Bergamo PROGETTO DEFINITIVO 06/04/17, 07)57 Calcolo on-line

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

DETERMINAZIONE IL RESPONSABILE U.O.

DETERMINAZIONE IL RESPONSABILE U.O. CITTA' DI BOLLATE Provincia di Milano Codice 10915 DETERMINAZIONE UFFICIO PROPONENTE NUMERO cronologico AREA DATA Urbanistica Urbanistica 839 3 18/12/2013 Oggetto: AFFIDAMENTO DIRETTO DELL'INCARICO DI

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE Provincia TS

COMUNE DI TRIESTE Provincia TS Ubicazione Opera COMUNE DI TRIESTE Provincia TS Opera APPALTO DEI SERVIZI TECNICI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA PER DIREZIONE LAVORI DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE DEGLI EDIFICI

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO ACCORDO ex art. 15 legge 241/90 e s.m.i fra i comuni di BALZOLA, CAMAGNA MONFERRATO, CONZANO, CUCCARO MONFERRATO, FRASSINELLO MONFERRATO, LU, MIRABELLO MONFERRATO, MORANO SUL PO, OCCIMIANO, OLIVOLA, OTTIGLIO,

Dettagli

Impianti elettrici nei grandi edifici e building automation

Impianti elettrici nei grandi edifici e building automation Vincenzo Cataliotti Antonio Cataliotti Impianti elettrici nei grandi edifici e building automation PROGETTO - DIREZIONE DEI LAVORI - COLLAUDO Introduzione L esperienza maturata in ambito accademico e professionale

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL INGEGNERIA ED ALL ARCHITETTURA RELATIVI ALLA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA

Dettagli

Arch. Silvio RUFOLO. Geom. Antonio MANCINI. Arch. Silvio RUFOLO. Arch. Antonio DATTIS

Arch. Silvio RUFOLO. Geom. Antonio MANCINI. Arch. Silvio RUFOLO. Arch. Antonio DATTIS PROGETTISTA RESPONSABILE DELL'INTEGRAZIONE Arch. Silvio RUFOLO RESPONSABILE del PROCEDIMENTO Geom. Antonio MANCINI PROGETTISTI Arch. Silvio RUFOLO Arch. Antonio DATTIS PREMESSA I corrispettivi per la progettazione

Dettagli

Otto per mille Irpef devoluta a diretta gestione statale: modalità per utilizzo D.P.R. 17.11.2014 n 172, G.U. 26.11.2014

Otto per mille Irpef devoluta a diretta gestione statale: modalità per utilizzo D.P.R. 17.11.2014 n 172, G.U. 26.11.2014 Otto per mille Irpef devoluta a diretta gestione statale: modalità per utilizzo D.P.R. 17.11.2014 n 172, G.U. 26.11.2014 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 17 novembre 2014, n. 172 Regolamento recante

Dettagli

SERVIZI TECNICI INGEGNERIA E ARCHITETTURA RELATIVI

SERVIZI TECNICI INGEGNERIA E ARCHITETTURA RELATIVI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO 09086 Piazza SEDDA, 5 Tel.0783/64023-64256 fax 0783/64697 c.f. 00073500951 E mail comsam@tiscali.it comunedisamugheo@virgilio.it SERVIZI TECNICI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

Dettagli

COMUNE DI MONTRESTA Provincia OR

COMUNE DI MONTRESTA Provincia OR Ubicazione Opera COMUNE DI MONTRESTA Provincia OR Opera RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE PIAZZE RAIMONDO PIRAS E IV NOVEMBRE Ente Appaltante COMUNE DI MONTRESTA Indirizzo Via Santa Maria della Neve,

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 21 febbraio 2013, n. 46 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, dei compensi

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

SCHEMA AVVISO PUBBLICO

SCHEMA AVVISO PUBBLICO SCHEMA AVVISO PUBBLICO FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI CUI AFFIDARE INCARICHI DI TECNICI DI CUI AGLI ARTT. 90 E 91 E SERVIZI DI CUI ALL ALL. IIA CATEGORIA 12 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

Dettagli

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA CONSORZIO DI REGIONE ED ENTI LOCALI 10125 - TORINO, VIA BELFIORE 23/C C.F.: 97639830013 Reg. Gen N. 146 Del 12 aprile 2013 Oggetto Affidamento al CSI Piemonte dei

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N 352/15 del 17/09/2015 Oggetto: LAVORI DI CONSOLIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SAN PELLEGRINO TERME Provincia BG

COMUNE DI SAN PELLEGRINO TERME Provincia BG Ubicazione Opera COMUNE DI SAN PELLEGRINO TERME Provincia BG Opera RESTAURO E RISANAMENTO STRUTTURALE EX GRAND HOTEL DI SAN PELLEGRINO TERME.INCARICO PROFESSIONALE DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA

Dettagli

incontro di aggiornamento professionale del 6 giugno 2014 Bergamo Centro Congressi Giovanni XXIII

incontro di aggiornamento professionale del 6 giugno 2014 Bergamo Centro Congressi Giovanni XXIII incontro di aggiornamento professionale del 6 giugno 2014 Bergamo Centro Congressi Giovanni XXIII I COMPENSI PROFESSIONALI ALLA LUCE DELLE RECENTI RIFORME Inquadramento delle novità normative: brevi cenni

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE. LAVORI DI COMPLETAMENTO CENTRO INTERMODALE - 5^ STRALCIO Officina, gate, pavimentazione piazzale e impianti tecnologici

COMUNE DI PORDENONE. LAVORI DI COMPLETAMENTO CENTRO INTERMODALE - 5^ STRALCIO Officina, gate, pavimentazione piazzale e impianti tecnologici Ubicazione Opera COMUNE DI PORDENONE Opera LAVORI DI COMPLETAMENTO CENTRO INTERMODALE - 5^ STRALCIO Officina, gate, pavimentazione piazzale e impianti tecnologici Ente Appaltante Interporto - Centro Ingrosso

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

Calcolo on-line compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013)

Calcolo on-line compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013) 1 di 7 22/05/2015 09:37 Calcolo on-line compenso professionale architetti e ingegneri (D.M. 143 del 31 ottobre 2013) Determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento

Dettagli

Comune di San Sperate

Comune di San Sperate Comune di San Sperate Provincia di Cagliari web: www.sansperate.net e-mail: protocollo@pec.comune.sansperate.ca.it Proposta N.1144 del 16/11/2015 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE UFFICIO TECNICO

Dettagli

FASE A1: INTERVENTO DI FORNITURA E POSA IN OPERA DI FIBRA OTTICA NELLE CONDUTTURE DELL IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

FASE A1: INTERVENTO DI FORNITURA E POSA IN OPERA DI FIBRA OTTICA NELLE CONDUTTURE DELL IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE OGGETTO: interventi di adeguamento al Piano Regolatore dell illuminazione comunale (P.R.I.C.). Realizzazione di un sistema eco-smart grid, di rete di videosorveglianza di aree critiche, di una rete di

Dettagli

COMUNE DI SERRAMAZZONI Provincia MO PIAZZA T.TASSO 7

COMUNE DI SERRAMAZZONI Provincia MO PIAZZA T.TASSO 7 Ubicazione Opera COMUNE DI SERRAMAZZONI Provincia MO PIAZZA T.TASSO 7 Opera MIGLIORAMENTO SISMICO SCUOLA SECONDARIA G. CAVANI SERVIZIO TECNICO DI PROGETTAZIONE DEFINITIVA E ESECUTIVA Ente Appaltante COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli