e PIANO PREVENZIONE INCENDI 2009 Parco Costa Otranto - S. M. di Leuca e Bosco di Tricase

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e PIANO PREVENZIONE INCENDI 2009 Parco Costa Otranto - S. M. di Leuca e Bosco di Tricase"

Transcript

1 ANDRANO - 29 luglio ore Castello Spinola Caracciolo CONFERENZA STAMPA del PROGETTO e PIANO PREVENZIONE INCENDI 2009 Parco Costa Otranto - S. M. di Leuca e Bosco di Tricase INTERVERRANNO: Gianfranco GALLUCCIO Presidente UISP Comitato Provinciale Lecce Antonio GABELLONE Nicola PANICO Vincenzo LIACI Luciano CARIDDI Carmine PANTALEO Riccardo BANDELLO Presidente della Provincia di Lecce Presidente del Comitato Esecutivo del Parco Otranto-Leuca Presidente Regionale della UISP- Puglia e componente del Comitato di Indirizzo della Fondazione per il Sud Presidente dell Assemblea dei Sindaci del Parco Otranto-Leuca Sindaco di Andrano Direttore Tecnico del Piano Prevenzione Incendi Mauro QUARTA Progettista e Coordinatore del progetto AvVISTA nel PARCO Referenti Protezioni Civili del Parco PARTNERS DI PROGETTO: Soc. coop. a r. l. - Lecce Coop. Sociale - Andrano CONSORZIO di Gestione del Parco Naturale Regionale Costa Otranto Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase PRO LOCO LEUCA (Castrignano del Capo) Ass. Scuole e Lavoro Casarano PROTEZIONE CIVILE LA TORRE di CORSANO PROTEZIONE CIVILE ARCI di TRICASE 1

2 AvVISTA NEL PARCO: PIANO PREVENZIONE INCENDI 2009 Nell ambito del progetto AvVISTAnelPARCO (la cui sintesi è presente successivamente) si avvia per l anno 2009 il PIANO di PREVENZIONE INCENDI all interno del Parco Naturale Regionale Costa Otranto S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase. Il Piano di Prevenzione Incendi del Progetto AvVISTAnelPARCO vede coinvolti, oltre alla capofila (UISP Comitato Provinciale di Lecce), ai Partners di progetto, ai 12 Comuni del Parco, alla Provincia di Lecce, soprattutto le Protezioni Civili di Corsano, Tricase, Diso-Marittima, Otranto e Gagliano del Capo che pattuglieranno l intero territorio del Parco abbinati all avvistamento aereo (a cura di Aviogenesi S.a.s. di Torre S. Andrea Marina di Melendugno) ed all avvistamento/soccorso marittimo (a cura dell Associazione Salento Soccorso di Otranto) nonché affiancati da un centro di coordinamento ubicato ad Andrano (gestito per intervenire prontamente 24 ore su 24 dal Geom. Filippo Urso e dal Geom. Luigi Scarcella) e dal Direttore Tecnico del Piano Prevenzione Incendi ing. Riccardo Bandello. L attività di prevenzione sarà ulteriormente rafforzata dalla presenza in 5 PUNTI DI AVVISTAMENTO (a Otranto, in località Orte e a Torre S. Emiliano, a Santa Cesarea Terme presso il punto panoramico, a Tricase/Andrano presso la Torre del Sasso e a Corsano presso la Torre di Corsano) e di ben 12 AVVISTATORInelPARCO : giovani ragazzi e ragazze appositamente formati che, turnando, saranno presenti tutti i giorni per nove ore al giorno, al fine di facilitare l individuazione tempestiva dei roghi e l esatta localizzazione degli stessi. L attività di Prevenzione Incendi, che si affianca all attività antincendi promossa dalla Regione Puglia per l intero territorio, avrà inizio l 1 agosto 2009 e terminerà il 22 settembre 2009 per un totale di 53 giorni continuati. Sono state individuate tre aree di pattugliamento: 1. AREA A - da OTRANTO a SANTA CESAREA TERME 2. AREA B - da SANTA CESAREA TERME a MARINA SERRA 3. AREA C - da MARINA SERRA a SANTA MARIA DI LEUCA 2

3 Inoltre, il progetto AvVISTAnelPARCO permetterà di sperimentare l installazione di un sistema di rilevazione incendi, denominato fireless, nell area (classificata come altamente sensibile) della pineta di S. Cesarea Terme. Infine, occorre ricordare che l azione di prevenzione del progetto AvVISTAnelPARCO sarà ulteriormente sostenuta da una attività di sensibilizzazione e valorizzazione dell intera area Parco Costa Otranto S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase grazie all inserimento di sei INFORMATORI nel PARCO che svolgeranno attività turistico-informative presso le strutture degli IAT di Otranto, di Santa Cesarea Terme e di Santa Maria di Leuca. 3

4 AvVISTA NEL PARCO: SINTESI PROGETTO Il Parco Costa Otranto S. M. di Leuca e Bosco di Tricase si estende sul territorio di ben 12 comuni quali: Alessano, Andrano, Castrignano del Capo, Castro, Corsano, Diso, Gagliano del Capo, Ortelle, Otranto, Santa Cesarea Terme, Tiggiano e Tricase; nel territorio del parco è inclusa, tra l altro, la zona dove sorge il faro di Punta Palascìa, punto più orientale d'italia. L analisi del contesto ambientale individua come principali MINACCE del sistema Parco il rischio di incendi e l erosione e degrado del suolo, dovuto ad un prolungato stato di abbandono. D altro canto, le OPPORTUNITÀ sono rappresentate dalla valorizzazione del territorio del parco ed una diffusione della cultura ambientale che possono avviare uno sviluppo del settore turistico eco-compatibile e la nascita di attività d impresa a basso impatto ambientale. La ricchezza del patrimonio ambientale pur essendo la principale fonte attrattiva del parco ne rappresenta il tallone d achille in un analisi di prevenzione del rischio incendi. Difatti, tutta l area compresa nel perimetro del Parco Regionale Otranto - S. M. di Leuca - Bosco di Tricase è da considerarsi ad altissimo rischio di incendi sia per l adiacenza del territorio alle aree produttive sia a quelle a pascolo/coltivo nonché con quelle antropizzate. Il territorio a maggior rischio di incendio boschivo è quello di S. Cesarea, seguito da Otranto, Castro, Diso, Tricase e Alessano. Il progetto è stato ideato sulla base di una strategia e visione fondata sulla considerazione che le Torri Costiere del Parco, possono divenire nel tempo elemento identitario nell azione di sensibilizzazione ambientale e naturalistica della popolazione locale. E questa l idea alla base del progetto AvVISTA nel PARCO: le torri (antiche postazioni di avvistamento) saranno riutilizzate per veicolare temi diversi quali la storia, l archeologia, la natura (flora e fauna) ma, soprattutto, potranno essere rilanciate per valorizzare il Parco e le sue risorse, preservandolo e tutelandolo dal rischio incendi. L iniziativa è stata ammessa a finanziamento dalla Fondazione per il Sud, che promuove lo sviluppo del Meridione, nell ambito dell Invito Ambientale La Fondazione, presieduta da Carlo Alfiero, ha selezionato AvVISTA NEL PARCO quale progetto esemplare di tutela e valorizzazione ambientale nel Mezzogiorno. L iniziativa a favore del Parco Naturale Regionale Costa Otranto S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase, prevede investimenti per ,00, finanziati da: Fondazione per il Sud per ,00; Provincia di Lecce per ,00; 4

5 Partner di Progetto per ,00. Per la sua realizzazione è stata costituita una solida e folta rete di partners di progetto quali: 1. U. I. S. P. (Unione Italiana Sport per Tutti) Coordinamento Provinciale di Lecce (capofila del Raggruppamento); 2. Consorzio per la gestione provvisoria del Parco Naturale Regionale Costa Otranto Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase (Ente Parco); 3. Pro Loco di Castrignano del Capo (in partnership con le Pro Loco del Parco); 4. Protezione Civile di Tricase (in partnership con le Protezioni Civili del Parco); 5. Protezione Civile La Torre di Corsano; 6. COOPERATIVA ULISSIDE (ANDRANO) 7. COOPERATIVA PROJECT LAB (LECCE) 8. ASCLA (CASARANO) Il progetto è stato ideato rispondendo pienamente ai requisiti del bando della Fondazione per il Sud ed, in particolare, per creare integrazione e sinergia tra due azioni progettuali ossia: ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE E DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ATTIVITA DI PREVENZIONE INCENDI Nell ambito delle ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE le spese/azioni previste sono le seguenti: 1. PIANIFICAZIONE & COORDINAMENTO DELLA SENSIBILIZZAZIONE 2. Realizzazione di SEMINARI E CONVEGNI 3. Realizzazione di FORUM-INCONTRI 4. Attività di FORMAZIONE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE 5. Attività di STAGE per GIOVANI presso i soggetti abilitati alla custodia e valorizzazione del Parco. 6. Realizzazione di ATTIVITA SPORTIVO-AMBIENTALI 7. Studio della VALORIZZAZIONE DEL PARCO E DEI SUOI PRODOTTI 8. Realizzazione di PUNTI INFORMATIVI STABILI 9. RI-UTILIZZO DELLE TORRI DEL PARCO, sia come punti informativi che come postazioni antincendio 10. SVILUPPO DELLA RETE 5

6 11. istituzione e realizzazione del PREMIO DEL PARCO 12. Realizzazione di un DOCUMENTARIO 13. ATTREZZATURE, TOTEM, STRISCIONI PROMOZIONALI, ecc. che accompagnano e segnalano l esistenza del PARCO 14. Ideazione e diffusione di MATERIALE PROMO-PUBBLICITARIO 15. Realizzazione del SITO INTERNET DEL PARCO Nell ambito delle ATTIVITA DI PREVENZIONE INCENDI a cura dell ing. Bandello, le spese/azioni previste sono le seguenti: 1. PIANIFICAZIONE, rappresentata dall elaborazione del progetto antincendio definitivo/esecutivo. 2. INFRASTRUTTURAZIONE, attraverso segnaletica, punti di approvvigionamento, varchi controllati, strutture di avvistamento, realizzazione di punti di accessibilità per disabili, la sperimentazione di un sistema di rilevazione incendi per un area di 20 ha. 3. AVVISTAMENTO, SORVEGLIANZA E INTERVENTI DI SPEGNIMENTO, a cura, principalmente, delle PROTEZIONI CIVILI PRESENTI SUL TERRITORIO DEL PARCO 4. RESTAURO AMBIENTALE - Piantumazione degli alberi in stretta sinergia con le amministrazioni comunali e gli istituti scolastici 5. DIREZIONE E COORDINAMENTO ATTIVITÀ. 6

Presso Sala Conferenze ISTITUTO ANTONACCI Istituto per Ciechi Anna Antonacci - Palazzo Giaconia Via Scipione De Summa n.

Presso Sala Conferenze ISTITUTO ANTONACCI Istituto per Ciechi Anna Antonacci - Palazzo Giaconia Via Scipione De Summa n. Lecce - 09 LUGLIO 2010 - ore 11.00 Presso Sala Conferenze ISTITUTO ANTONACCI Istituto per Ciechi Anna Antonacci - Palazzo Giaconia Via Scipione De Summa n. 1 CONVEGNO SENSIBILIZZAZIONE, VALORIZZAZIONE

Dettagli

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTA' DI TRICAE PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto n. 59 Del 20/09/2012 Oggetto: PO FER PUGLIA 2007-2013 MIURA 227, AZ 1,2,3 - ADEIONE ALLA PROPOTA DI PARTENARIATO AVANZATA

Dettagli

ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ESECUTIVO

ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ESECUTIVO ( Provincia di Lecce ) ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Numero 19 Del Registro Seduta del 11.06.2014 OGGETTO:.- PROGRAMMA DI COOPERAZIONE TERRITORIALE GRECIA- ITALIA 2007/2013 PROGETTO PARKS

Dettagli

ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ESECUTIVO

ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ESECUTIVO ( Provincia di Lecce ) ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Numero 50 Del Registro Seduta del 09.10.2015 OGGETTO: PROGRAMMA DI COOPERAZIONE TERRITORIALE GRECIA-ITALIA 2007/2013 APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Co.R.E.M. COOPERAZIONE DELLE RETI ECOLOGICHE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA CONSIGLI COMUNALI DEI RAGAZZI (CCR), COMITATO UNICEF ITALIA, PROVINCIA DI LECCE E SINDACI

PROTOCOLLO D INTESA CONSIGLI COMUNALI DEI RAGAZZI (CCR), COMITATO UNICEF ITALIA, PROVINCIA DI LECCE E SINDACI Provincia di Lecce PROTOCOLLO D INTESA CONSIGLI COMUNALI DEI RAGAZZI (CCR), COMITATO UNICEF ITALIA, PROVINCIA DI LECCE E SINDACI Vista la Convenzione ONU sui diritti dell infanzia e dell adolescenza (Convention

Dettagli

POR Puglia 2000/2006 PIS 14 Sud Salento

POR Puglia 2000/2006 PIS 14 Sud Salento POR Puglia 2000/2006 PIS 14 Sud Salento LINEE DI INDIRIZZO PER GLI INTERVENTI A VALERE SULLA MIS. 1.6 Aprile 2005 1 LINEE DI INDIRIZZO PER GLI INTERVENTI A VALERE SULLA MIS. 1.6 PREMESSA Durante le riunioni

Dettagli

CONSORZIO PER LA GESTIONE DEL PARCO NATURALE REGIONALE COSTA OTRANTO SANTA MARIA DI LEUCA E BOSCO DI TRICASE. Provincia di Lecce

CONSORZIO PER LA GESTIONE DEL PARCO NATURALE REGIONALE COSTA OTRANTO SANTA MARIA DI LEUCA E BOSCO DI TRICASE. Provincia di Lecce CONSORZIO PER LA GESTIONE DEL PARCO NATURALE REGIONALE COSTA OTRANTO SANTA MARIA DI LEUCA E BOSCO DI TRICASE Provincia di Lecce ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Numero 9 Del Registro Seduta

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

L Italia secondo i Conti Pubblici Territoriali (CPT) I flussi finanziari pubblici nella Regione Puglia

L Italia secondo i Conti Pubblici Territoriali (CPT) I flussi finanziari pubblici nella Regione Puglia L Italia secondo i Conti Pubblici Territoriali (CPT) I flussi finanziari pubblici nella Regione Puglia CPT Puglia: l esperienza, i risultati GIORNATA DI PRESENTAZIONE DELLA MONOGRAFIA DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA (di seguito denominata Regione) nella persona dell Assessore regionale al lavoro, università e ricerca Alessia Rosolen, domiciliata

Dettagli

PIANO DI MARKETING TERRITORIALE

PIANO DI MARKETING TERRITORIALE REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA PIANO DI MARKETING TERRITORIALE PER.NA.TUR. PROGETTO INTERREG IIIA Italia/Albania Misura 4.2 Azione 1 Codice di Progetto: 36/52502/TUR Leader Partner Comune di Andrano Elaborato

Dettagli

Consulenza economico-finanziaria per avere accesso a strumenti di finanza agevolata rivolta alle PMI, alle Istituzioni ed Enti Pubblici e Privati

Consulenza economico-finanziaria per avere accesso a strumenti di finanza agevolata rivolta alle PMI, alle Istituzioni ed Enti Pubblici e Privati PROJECT Consulting La Project Consulting S.a.s. è un azienda giovane, gestita e coordinata da giovani talenti con un alto livello di professionalità, leader nel settore del Marketing Urbano e della Finanza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Domicilio ARRIVABENE ROSA Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita Professione Italiana MAGLIE

Dettagli

PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE SOCIALE DI PERSONE SVANTAGGIATE

PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE SOCIALE DI PERSONE SVANTAGGIATE AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO 73034 Via P.tta del Gesù - Cod. Fisc. 81001150754 Tel-fax 0833-548575 e-mail: ambitosociale.gaglianodelcapo@pec.rupar.puglia.it COMUNI DI: GAGLIANO DEL CAPO (Capofila)

Dettagli

Dodici scatti in cerca di autori. Un calendario per Molfetta

Dodici scatti in cerca di autori. Un calendario per Molfetta CONCORSO FOTOGRAFICO, a tema. Dodici scatti in cerca di autori. Un calendario per Molfetta 1 a edizione 2014 Da un idea della Soc. Coop. FeArT e dell Ass. di promozione turistica Puglia Autentica, in rete

Dettagli

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 PROGETTO TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 Premessa Il Progetto si configura come nuovo sistema di telefonia che assorbe e da continuità alla sperimentazione

Dettagli

Programma Minori Serbia

Programma Minori Serbia Programma Minori Serbia ``Supporto in favore delle politiche minorili in Serbia - Rafforzamento istituzionale per il decentramento dei servizi sociali e del servizio nazionale per la protezione dei diritti

Dettagli

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA Programma di riferimento: Progetto di Eccellenza Progettazione e realizzazione di itinerari dedicati al segmento religioso (art. comma 228 della Legge 296/2006)

Dettagli

0832/520246 mobile: 338/5255953. 0832/520246 muia@projectpuglia.it(anche msn/skype); gabriellamuia@libero.it

0832/520246 mobile: 338/5255953. 0832/520246 muia@projectpuglia.it(anche msn/skype); gabriellamuia@libero.it FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MUIA GABRIELLA AURELIA Indirizzo 3, VIA MICHELE PALUMBO - 73100 LECCE (LE) Telefono 0832/520246 mobile: 338/5255953 Fax E-mail Nazionalità

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 81 DEL OGGETTO: Fondazione CON IL SUD - Bando Socio Sanitario 2012 - Adesione del Comune di Serdiana

Dettagli

Scopo di questa presentazione è di dare una guida pratica a chi abbia sentito parlare di Legge 488/92 per il Turismo senza, tuttavia, avere buona

Scopo di questa presentazione è di dare una guida pratica a chi abbia sentito parlare di Legge 488/92 per il Turismo senza, tuttavia, avere buona Scopo di questa presentazione è di dare una guida pratica a chi abbia sentito parlare di Legge 488/92 per il Turismo senza, tuttavia, avere buona padronanza dei suoi aspetti principali. COSA RAPPRESENTA

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

ARTaboutOIL BANDO DI RESIDENZA ARTISTICA PARTECIPATA IN BASILICATA ...

ARTaboutOIL BANDO DI RESIDENZA ARTISTICA PARTECIPATA IN BASILICATA ... ARTaboutOIL BANDO DI RESIDENZA ARTISTICA PARTECIPATA IN BASILICATA... BANDO DI RESIDENZA ARTISTICA PARTECIPATA IN BASILICATA ARTaboutOIL Finalità del concorso e Tema L Associazione Culturale Allelammie

Dettagli

ALLEGATO A ACCORDO DI PARTENARIATO

ALLEGATO A ACCORDO DI PARTENARIATO ACCORDO DI PARTERNARIATO TRA Il Comune di Cremona, con sede in Piazza del Comune 8 Cremona - e qui rappresentata da sindaco prof. Gianluca Galimberti, in qualità di Soggetto Capofila; E L Ente di promozione

Dettagli

RIFIUTI, NUOVI PERCORSI DI RESPONSABILITA TRANSFRONTALIERA

RIFIUTI, NUOVI PERCORSI DI RESPONSABILITA TRANSFRONTALIERA Presentazione del Piano Integrato Transfrontaliero (P.I.T.) RIFIUTI, NUOVI PERCORSI DI RESPONSABILITA TRANSFRONTALIERA Dott. Paolo Landini Settore Ecologia ed Energia Attività Bilancio e Sviluppo Sostenibile

Dettagli

SOLUZIONI TECNOLOGICHE ALL AVANGUARDIA E APPROCCI DIDATTICI INNOVATIVI PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI STUDENTI DISABILI NELLE SCUOLE ROMANE

SOLUZIONI TECNOLOGICHE ALL AVANGUARDIA E APPROCCI DIDATTICI INNOVATIVI PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI STUDENTI DISABILI NELLE SCUOLE ROMANE PROTOCOLLO D INTESA SOLUZIONI TECNOLOGICHE ALL AVANGUARDIA E APPROCCI DIDATTICI INNOVATIVI PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI STUDENTI DISABILI NELLE SCUOLE ROMANE Protocollo d intesa tra il Comune di

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

Un sapore che si arricchisce mescolando profumi e colori

Un sapore che si arricchisce mescolando profumi e colori Un sapore che si arricchisce mescolando profumi e colori Un sogno, una visione condivisa «Dietro le cose come sono c è anche una promessa, l esigenza di come dovrebbero essere, c è la potenzialità di una

Dettagli

Provincia di Modena. Provincia di Bologna. Provincia di Ravenna

Provincia di Modena. Provincia di Bologna. Provincia di Ravenna Provincia di Modena Provincia di Bologna Provincia di Ravenna Struttura partnership Regional co-ordinator Emilia-Romagna Provincia di Modena Co-operating partners Provincia di Bologna Provincia di Ravenna

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

FA.RE.NA.IT. Provincia di Lucca Servizio Pianificazione territoriale e della mobilità, risorse naturali e politiche energetiche

FA.RE.NA.IT. Provincia di Lucca Servizio Pianificazione territoriale e della mobilità, risorse naturali e politiche energetiche Provincia di Lucca Servizio Pianificazione territoriale e della mobilità, risorse naturali e politiche energetiche FA.RE.NA.IT 28 giugno 2013 Aree protette e comunicazione Il sistema delle aree protette

Dettagli

Progetto strategico. Sintesi a cura di DELTA 2000

Progetto strategico. Sintesi a cura di DELTA 2000 Progetto strategico Sintesi a cura di DELTA 2000 TITOLO e ACRONIMO Valorizzazione e promozione di itinerari turistici "slow" tra l'italia e la Slovenia - PROGRAMMA, BANDO E ASSE DI RIFERIMENTO Italia Slovenia

Dettagli

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi Parc Adula Progetto di parco nazionale Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi 1 Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi, Associazione Parc Adula, Marzo 2011 Missione Il progetto Parc Adula si prefigge

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012 Foto di Luca Eula Bando A SOSTEGNO DI progetti e ATTIVITÁ IN mirafiori sud Anno 2012 2 Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus Bando - Anno 2012 Budget complessivo 40.000 euro Premessa La Fondazione

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

La co-progettazione pubblico-privato. Una piccola esperienza dalla provincia di Pordenone

La co-progettazione pubblico-privato. Una piccola esperienza dalla provincia di Pordenone La co-progettazione pubblico-privato Una piccola esperienza dalla provincia di Pordenone guardando un po indietro Il Comune di San Vito al Tagliamento, grazie ad un lascito, è proprietario di un terreno

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PO Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Formulario Progetti Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Programme de coopération transfrontalière Italie-France Maritime

Dettagli

Curriculum vitae e professionale

Curriculum vitae e professionale Curriculum vitae e professionale INFORMAZIONI PERSONALI Ippazio Antonio Morciano nato a Scorrano (Le) il 7 Gennaio 1967 residente in Tiggiano (Le) in via A.Diaz 25 Tel.0833/533609 Cell. 328-0782623 C.F.:

Dettagli

PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE

PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE 1. Descrizione e obiettivo Il Progetto CoopLiguria Startup è una iniziativa di Coop Liguria, svolta in collaborazione con Legacoop Liguria e Coopfond,

Dettagli

la legge 31 maggio 1965, n. 575 recante Disposizioni contro la mafia ;

la legge 31 maggio 1965, n. 575 recante Disposizioni contro la mafia ; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Comune di Caserta PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL COMUNE DI CASERTA SULL IMPIEGO DEI

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012. Roma, 16 gennaio 2010

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012. Roma, 16 gennaio 2010 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012 Roma, 16 gennaio 2010 1. PREMESSA Con i piani di comunicazione e marketing, la FISO si è dotato di due strumenti

Dettagli

PROGETTO ELIGO Il polo dei lavori e delle idee di innovazione e sviluppo dedicato ai Giovani della Valle Brembana

PROGETTO ELIGO Il polo dei lavori e delle idee di innovazione e sviluppo dedicato ai Giovani della Valle Brembana PROGETTO ELIGO Il polo dei lavori e delle idee di innovazione e sviluppo dedicato ai Giovani della Valle Brembana Osservatorio Vallare Sul Sociale ed il Lavoro Il Bando Regione Lombardia sostiene la realizzazione

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE

PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE Zero Sprechi 100% Solidarietà e Ambiente PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra LEGA NAVALE ITALIANA CIRCOSCRIZIONE PUGLIA SUD E BASILICATA JONICA MUSEO DI STORIA NATURALE DEL SALENTO

PROTOCOLLO D INTESA. Tra LEGA NAVALE ITALIANA CIRCOSCRIZIONE PUGLIA SUD E BASILICATA JONICA MUSEO DI STORIA NATURALE DEL SALENTO PROTOCOLLO D INTESA Tra LEGA NAVALE ITALIANA CIRCOSCRIZIONE PUGLIA SUD E BASILICATA JONICA MUSEO DI STORIA NATURALE DEL SALENTO OSSERVATORIO FAUNISTICO DELLA PROVINCIA DI LECCE COOPERATIVA NATURALIA COOPERATIVA

Dettagli

Istituto Professionale - Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità. Oggetto: CONCORSO NAZIONALE di Enogastronomia, Servizi di Sala

Istituto Professionale - Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità. Oggetto: CONCORSO NAZIONALE di Enogastronomia, Servizi di Sala Prot. n. 8953/C15 del 03/12/2014 I.I.S. F. Bottazzi Casarano (LE) Istituto Professionale - Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Sede Coordinata di Ugento (LE) Oggetto: CONCORSO NAZIONALE

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Newsletter. Aiapp -sezione Pugliagennaio

Newsletter. Aiapp -sezione Pugliagennaio 2013 pag. 1 Sommario Assemblea di Sezione del 7 gennaio 2013 Resoconto- Organizzazione giornate AIAPP 13-14 aprile 2013 sul tema Archeologie e Paesaggi ; Adesione alla manifestazione Fiera dell eccellenza

Dettagli

PROGETTO. La diversità è la bellezza perfetta

PROGETTO. La diversità è la bellezza perfetta PROGETTO La diversità è la bellezza perfetta 1. PREMESSA L arte rappresenta uno straordinario strumento per promuovere le pari opportunità delle persone diversamente abili. Essa offre parità dal momento

Dettagli

ELENCO AGGIORNATO ALLA DATA DEL 9 Gennaio 2014 ASSOCIAZIONI E ORGANIZZAZIONI CHE OPERANO IN FAVORE DI DIVERSAMENTE ABILI E NEL SOCIALE

ELENCO AGGIORNATO ALLA DATA DEL 9 Gennaio 2014 ASSOCIAZIONI E ORGANIZZAZIONI CHE OPERANO IN FAVORE DI DIVERSAMENTE ABILI E NEL SOCIALE ELENCO ALBO DI FORNITORI DI BENI E SERVIZI AD UTILIZZO DELL UISP COMITATO TERRITORIALE DI, PER ATTIVITA DACOMPIERSI NELL'AMBITO DEL PROGETTO PARKS WITHOUT BORDERS (CUP B61H12000110007) FINANZIATO DAL PROGRAMMA

Dettagli

TERRA ARCHEORETE DEL MEDITERRANEO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

TERRA ARCHEORETE DEL MEDITERRANEO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE scadenza adesione 20 febbraio 2016 Giurdignano-Patù 3 febbraio 2016 A tutti gli interessati : - Associazioni - Pro Loco - Confraternite - Parrocchie - imprese turistiche - cittadini tutori dei beni culturali

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

dell'archeoclub d'italia ONLUS

dell'archeoclub d'italia ONLUS Archeoclub d'italia ONLUS Associazione di Promozione Sociale www.archeoclubitalia.org Ente Morale riconosciuto con D.P.R. 24 luglio 1986 n.565 sede centrale: via Nomentana 263-00161 Roma SEDE LOCALE DI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PUBBLICA ASSISTENZA A.R.M. 2) Codice di accreditamento: NZO1852 3) Albo e classe

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2011

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2011 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 PIANURA DI COPERTINO Comuni di: ARNESANO, CAMPI SALENTINA, CARMIANO, COPERTINO, GUAGNANO, LEVERANO, MONTERONI DI LECCE, NOVOLI, SALICE SALENTINO, SAN PIETRO

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

SCHOOL LAB. Azione 3. Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013

SCHOOL LAB. Azione 3. Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013 SCHOOL LAB Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013 Azione 3 FEI Fondo Europeo per l Integrazione Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

Curriculum vitae Cooperativa N.e.a. Soluzioni

Curriculum vitae Cooperativa N.e.a. Soluzioni Curriculum vitae Cooperativa N.e.a. Soluzioni COOPERATIVA N.E.A. SOLUZIONI Chi siamo La Società Cooperativa N.e.a. Soluzioni è stata costituita nel dicembre 2010 da un gruppo di tecnici del territorio

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA REALIZZAZIONE DI ALCUNE FASI DELLE MACROATTIVITA 2,3,4 DEL PROGETTO PER FARE UN TAVOLO CI

DISCIPLINARE PER LA REALIZZAZIONE DI ALCUNE FASI DELLE MACROATTIVITA 2,3,4 DEL PROGETTO PER FARE UN TAVOLO CI Reg. n. Pordenone, DISCIPLINARE PER LA REALIZZAZIONE DI ALCUNE FASI DELLE MACROATTIVITA 2,3,4 DEL PROGETTO PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE :LA RISCOPERTA DEI VECCHI MESTIERI E NUOVE OPPORTUNITA LEGATE AL LEGNO

Dettagli

Premio Raffaele Sirica 2015 Start up giovani

Premio Raffaele Sirica 2015 Start up giovani Premio Raffaele Sirica 2015 Start up giovani professionisti 29.04 17.07.2011 Tori Lunedì_Mercoledì_Giovedì_Sab Info: www.pierluiginervi.org in Un progetto prodotto da Con il sostegno di Paesaggisti in

Dettagli

Asse 3 Patrimonio naturale e culturale

Asse 3 Patrimonio naturale e culturale INTERREG V : ITALIA AUSTRIA 2014-2020 Asse 3 Patrimonio naturale e culturale Flavia Zuccon UCR Veneto direttore Sezione Cooperazione Transfrontaliera e Territoriale Europea IP 6 c Conservare proteggere

Dettagli

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba. FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.org skype: ufficiostampafiaba www.fiaba.org CHI SIAMO FIABA é un organizzazione

Dettagli

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO. 1) Ente proponente il progetto:

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO. 1) Ente proponente il progetto: ENTE 1) Ente proponente il progetto: Ente Capofila: COMUNE DI CELLOLE Enti partecipanti: NZ0316 COMUNE DI PIETRAMELARA NZ007 COMUNE DI MARZANO APPIO NZ0492 CONSORZIO TURISTICO BALNEARE BAIA DOMIZIA NZ04736

Dettagli

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione, Società Consortile a Responsabilità Limitata senza scopo di lucro, è nata nel 1992 come

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI SEREGNO E L ASSOCIAZIONE STEFANIA PER LA GESTIONE DELLO SPORTELLO TERRITORIALE DI PROSSIMITA PER ALCUNE MATERIE DI VOLONTARIA GIURISDIZIONE. L anno 2011, il giorno..

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

PRESENTANO IL PROGETTO. SinErgica-Mente alla Ri-scossa. Ancora in cammino sulla via del risparmio energetico con CEA capofila CDA WWF Rimini

PRESENTANO IL PROGETTO. SinErgica-Mente alla Ri-scossa. Ancora in cammino sulla via del risparmio energetico con CEA capofila CDA WWF Rimini I CENTRI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI RIMINI: CDA WWF RIMINI, COMUNE DI RIMINI, OSSERVATORIO NATURALISTICO VALMARECCHIA, L ARBORETO DI MONDAINO, CDA COMUNE DI RICCIONE, FONDAZIONE CETACEA

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO Percorso formativo di accompagnamento III seminario Milano, 25 settembre 2013 Dalla Manifestazione

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

Soggetto attuatore. Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal

Soggetto attuatore. Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal Soggetto attuatore Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal dal C.R.E.D.E.A Il Consorzio EDEN promuove l efficienza energetica e l impiego di FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE, anche come

Dettagli

PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi

PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) ALLEGATO 1 ALLA PROPOSTA DI PST SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi SISTEMA TURISTICO LOCALIZZAZIONE COMUNE/I:

Dettagli

GREEN FUTURE TURISMO SOSTENIBILE E CREAZIONE D IMPRESA NEL SARRABUS

GREEN FUTURE TURISMO SOSTENIBILE E CREAZIONE D IMPRESA NEL SARRABUS GREEN FUTURE AVVISO PUBBLICO DI CHIAMATA DI OPERAZIONI DA REALIZZARE CON IL CONTRIBUTO DEL FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 OBIETTIVO 2 ASSE OCCUPABILITA TURISMO SOSTENIBILE E CREAZIONE D IMPRESA NEL SARRABUS

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Piano di comunicazione esterna

Piano di comunicazione esterna Piano di comunicazione esterna Azioni di co-marketing per la promozione del territorio e attivazione azione pilota- Metrò del Mare Comune di Porto Torres 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DELL AZIONE

Dettagli