LEZIONE 15 HARD DISK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE 15 HARD DISK"

Transcript

1 LEZIOE 15 HARD DIK

2 15.1 Descrizione generale Un hard disk (o disco magnetico) consiste di un insieme di piatti che ruotano attorno ad un asse ad una velocità compresa tra 3600 e 7200 giri al minuto (oggi anche fino ad 15000). I piatti, in metallo (recentemente in vetro1) con diametro che può variare da un pollice (2.5cm) ad otto (20cm), sono coperti su ambedue le facce da materiale magnetico in grado di memorizzare informazioni. La scrittura su disco è quindi non volatile, ossia i dati vengono conservati anche quando viene tolta l alimentazione. Per leggere e scrivere informazioni su un hard disk al di sopra di ciascuna superficie è posizionato un braccio mobile contenente una piccola bobina elettromagnetica chiamata testina (head) di lettura/scrittura. Ciascuna superficie del disco è divisa in cerchi concentrici chiamati tracce, tipicamente ogni superficie contiene dalle 1000 a 5000 tracce (track). Una traccia è a sua volta divisa in settori che contengono le informazioni, ognuna di esse può contenere da 64 a 200 settori, ed il settore è l unità minima di lettura e scrittura (vedi fig. 15.1). e sono disponibili piu superfici di memorizzazione, si puo immaginare che queste costituiscano un cilindro (cylinder), tale termine viene usato in questo contesto come sinonimo di traccia. Inoltre nell accesso a superfici di memorizzazione distinte si fa riferimento alla testina scrivente. Piatti Tracce ettori Piatto Traccia FIGURA 15.1 I dischi si suddividono in piatti, tracce e settori. L uso di componenti meccanici fa si che i tempi di accesso per i dischi magnetici siano molto più alti che per le DRAM; per i dischi variano da 5 a 20 millisecondi, per le DRAM si hanno tempi di accesso compresi tra 5 e 100 nanosecondi, il che rende le DRAM circa volte più veloci, tuttavia a parità di capacità di immagazzinamento il costo per megabyte di un disco è 50 volte minore di quello di una DRAM. ella figura 15.2 e riportato l andamento dei costi del disco per MByte. 1 Il substrato in vetro presenta alcuni vantaggi, infatti si ha una: maggiore uniformità della pellicola magnetica superficiale, che produce, quindi, un miglioramento dell affidabilità del disco; riduzione dei difetti della superficie con conseguente riduzione degli errori di lettura/scrittura; minore distanza tra testina e supporto; maggiore rigidità; maggiore resistenza ad urti e danneggiamenti. 15.1

3 $ $ FIGURA 15.2 Andamento costo per MByte Meccanismi di lettura e scrittura magnetica Il meccanismo di scrittura si basa sul fatto che l elettricità, fluendo attraverso la bobina produce un campo magnetico; la testina di scrittura pertanto riceve impulsi, e nella superficie sottostante vengono registrati schemi magnetici differenti dipendenti dalla corrente (positiva o negativa). La testina di scrittura è composta da materiale facilmente magnetizzabile ed ha la forma di un ferro di cavallo attorno al quale sono avvolti pochi giri di conduttore filiforme (vedi fig. 15.3). Una corrente elettrica nel filo induce, attraverso gli estremi del ferro di cavallo, un campo magnetico che magnetizza una piccola area del mezzo di registrazione; logicamente l inversione della direzione della corrente inverte l orientamento del campo magnetico sul supporto di registrazione. Il meccanismo di lettura è basato sul fatto che un campo magnetico in movimento relativo rispetto ad una bobina produce in essa una corrente elettrica. La porzione di superficie del disco passante sotto la testina genera una corrente della stessa polarità di quella che precedentemente era stata registrata. i può utilizzare la stessa testina e per la scrittura e per la lettura poiché hanno la stessa struttura. Le testine singole sono utilizzate dai floppy disk e dai vecchi sistemi a disco rigido. Tuttavia i sistemi a disco rigido odierni richiedono una testina di lettura distinta comprendente un sensore magnetoresistivo (MR) parzialmente schermato. Il materiale magnetoresistivo presenta una resistenza elettrica che dipende dalla magnetizzazione del mezzo che si trova sotto di esso; tramite il passaggio della corrente attraverso il sensore vengono rilevati, come segnali di tensione, i cambiamenti di resistenza. Questo metodo garantisce maggior densità di memorizzazione e velocità operative piu elevate. 15.2

4 chermatura Corrente di lettura Corrente di scrittura Ampiezza della traccia Magnetizzazione ensore MR Elemento di scrittura a induzione upporto di registrazione Figura 15.3 Testina di scrittura induttiva e lettura magnetoresistiva Organizzazione e formattazione dei dati Come precedentemente accennato la testina è un dispositivo relativamente piccolo in grado di leggere e di scrivere su una porzione del disco rotante; ed è ciò che è all origine della disposizione fisica dei dati in anelli concentrici chiamati tracce. Esse sono tanto larghe quanto la testina. Come detto, si usa il termine cilindro per far riferimento a tutte le tracce che in un certo istante si trovano al di sotto delle testine sulle varie superfici. Fisicamente, tracce adiacenti sono separate da spazi per prevenire, o quanto meno minimizzare, gli errori dovuti al disallineamento della testina o all interferenza tra i campi magnetici. Il trasferimento dati avviene per settori; che sono di lunghezza fissa o variabile (la maggior parte dei sistemi odierni usa tipicamente settori a lunghezza fissa pari a 512 byte). Anche in questo caso per ridurre eventuali imprecisioni i settori adiacenti sono separati da spazi vuoti (vedi fig. 15.4). ector 3 4 Intersector Gap Track Intratrack Gap FIGURA 15.4 truttura del disco I bit vicini al centro del disco ruotano più lentamente di quelli più esterni. E possibile compensare la variazione di velocità, incrementando lo spazio tra i bit registrati sul disco man 15.3

5 mano che ci si allontana dal centro del disco, in modo tale che la testina possa leggere tutti i bit alla stessa velocità (tecnica a velocita angolare costante). Questa tecnica da come vantaggio che i singoli blocchi di dati possono essere indirizzati per traccia e settore. Per spostare la testina verso un indirizzo specifico è sufficiente un suo movimento verso la traccia desiderata e attendere che il settore specificato venga a trovarsi sotto la testina. Come svantaggio si ha che la quantità di dati immagazzinabili deve essere la stessa e per le tracce interne e per quelle esterne. Essendo la densità, in bit per centimetro lineare, crescente man mano che ci si sposta dalla traccia più esterna a quella più interna la capacità di memorizzazione dei dischi a velocità angolare costante è limitata dalla massima densità ottenibile dalla traccia più interna. In figura 15.5 è riportato l andamento della crescita della densità per anno. Year Areal Density Areal Density Year FIGURA 15.5 Andamento della densità. Per incrementare tale densità si utilizza una tecnica nota come registrazione a più zone (multiple zone recording) in cui la superficie è ripartita in un certo numero di aree (16 solitamente) all interno delle quali il numero di bit per traccia è costante; le zone più lontane dal centro contengono un numero maggiore di settori e quindi di bit rispetto a quelle più centrali, ciò consente una capacità di memorizzazione più elevata a discapito di una logica circuitale più complessa. Poiché la testina si muove da una zona all altra la lunghezza (lungo la traccia) dei singoli bit varia, provocando così un cambiamento nei tempi di lettura e scrittura. E logico che vi deve essere un criterio per localizzare la posizione del settore all interno della traccia, quindi un punto di partenza sulla traccia per poter identificare l inizio e la fine di ogni settore (Fig. 15.6). Questi requisiti vengono rispettati tramite dati di controllo memorizzati sul disco. Ossia il disco viene inizializzato con dei dati utilizzabili solo dal suo sistema di controllo e non accessibili all utente Bytes Gap1 Id Gap2 Data Gap3 Gap1 Id Gap2 Data Gap3 ync Byte Track # Head # ector # CRC ync Byte Data CRC Bytes FIGURA Formato della traccia nel disco T

6 15.2 Caratteristiche fisiche La testina, rispetto alla direzione radiale del piatto, potrebbe essere fissa o mobile. ei dischi a testina fissa e presente una testina di lettura-scrittura per ciascuna traccia: tali testine sono montate su un braccio rigido che si estende attraverso tutte le tracce (questi sistemi attualmente sono rari). ei dischi a testina mobile ve ne è una sola montata su un braccio, quest ultimo può estendersi o ritrarsi in quanto la testina deve essere in grado di raggiungere una qualsiasi traccia. Il disco è montato su un telaio comprendente il braccio, l albero che fa ruotare il disco e i circuiti per l ingresso e l uscita dei dati. I dischi non removibili restano montati nel proprio telaio mentre quelli removibili possono essere asportati e sostituiti con altri dischi; il vantaggio consiste nel poter disporre di quantità illimitate di dati pur avendo quantità limitate di memorie disco, inoltre tali dischi possono essere spostati da un calcolatore ad un altro come avviene con i floppy disk. I dischi magnetici removibili tendono oggi ad essere sostituite da memoria a stato solido dette memorie flash. e la patina magnetizzabile è applicata ad entrambe le facce dei piatti i dischi sono detti a doppia faccia (double-sided) altrimenti a singola faccia (single-sided). ei modelli con più piatti (multiple platter) disposti verticalmente a distanza di pochi centimetri sono presenti più bracci; questi dischi utilizzano una testina mobile di lettura/scrittura per ogni superficie dei piatti, le testine sono fissate meccanicamente in modo tale da trovarsi alla stessa distanza dal centro del disco e muoversi contemporaneamente. Così, in ogni istante, tutte le testine sono posizionate sulle tracce che presentano uguale distanza dal centro del disco. A seconda del meccanismo della testina i dischi vengono classificati in tre tipi. Un un primo tipo di disco, la testina di lettura/scrittura viene posizionata a distanza fissa sopra il piatto lasciando un intercapedine d aria. All altro estremo si trova un tipo di disco (floppy disk) in cui il meccanismo che viene a contatto fisico con il supporto durante le operazioni di lettura o scrittura. Per il terzo tipo va detto che la testina deve generare o leggere un campo elettromagnetico di intensità sufficiente alla scrittura e alla lettura. Più è stretta la testina e più è vicina alla superficie del piatto, quindi tracce più ravvicinate e pertanto maggiore densità dei dati. Tuttavia più la testina è vicina al disco e maggiore è il rischio d errore per impurità o imperfezione. Per un miglioramento della tecnologia venne sviluppato il disco Winchester (esso si trova comunemente all interno di personal computer e workstation); le sue testine sono utilizzate negli assemblaggi di dischi ermeticamente sigillati, praticamente privi di contaminanti. Esse operano più vicino alla superficie rispetto a quelle convenzionali consentendo così una maggiore densità dei dati.la testina è in realtà una foglia aerodinamica che si appoggia leggermente alla superficie del piatto quando il disco è fermo. La pressione dell aria generata da un disco in rotazione è sufficiente per allontanare la foglia dalla superficie. Il sistema risultante, privo di contatto, può quindi utilizzare testine più strette che operano più vicino alla superficie del piattello Caratterizzazione delle prestazioni del disco Per accedere ai dati il sistema operativo deve pilotare i dischi attraverso un processo composto da tre fasi. ella prima si posiziona la testina sopra la traccia più opportuna, operazione denominata seek (letteralmente ricerca) ed il tempo necessario richiesto è denominato tempo di seek. I produttori di dischi riportano nei loro manuali il tempo di seek minimo, massimo e medio. I 15.5

7 primi due sono facilmente misurabili, mentre la media si presta a diverse interpretazioni poiché dipende dalla distanza di posizionamento. Le industrie si sono accordate nel calcolare il tempo di seek medio come la somma di tutti i possibili tempi di seek divisa per il numero di posizionamenti possibili. I tempi di seek medi che vengono dichiarati oscillano tra 8 ms e 20 ms, tuttavia a causa della località dei riferimenti al disco i valori medi reali possono anche essere solo il 25-33% di quelli dichiarati; il fenomeno della località si manifesta sia a causa di accessi consecutivi allo stesso file, sia perché il sistema operativo tenta di far eseguire insieme tali accessi. Una volta che la testina ha raggiunto la traccia corretta (seconda fase) è necessario attendere che il settore desiderato si muova (ruotando) sotto la testina di lettura/scrittura; questo tempo viene chiamato latenza di rotazione o ritardo di rotazione. La latenza media per raggiungere l informazione desiderata corrisponde a mezza rotazione del disco e poiché questi ruotano ad una velocità compresa tra 3600 RPM e 7200 RPM la latenza di rotazione media varia tra: latenza di rotazione media = 0.5 rotazioni/3600 RPM = 8.3 ms latenza di rotazione media = 0.5 rotazioni/7200 RPM = 4.2 ms I dischi caratterizzati da diametri più piccoli sono più attraenti, poiché possono ruotare a velocità maggiori senza un consumo eccessivo, riducendo così la latenza di rotazione. L ultima fase che caratterizza un accesso ad un disco e denominata tempo di trasferimento: è il tempo necessario per trasferire un blocco di bit, che corrisponde solitamente ad un settore. Il tempo di trasferimento è una funzione della dimensione del settore (oggi in realta molti trasferimenti da disco hanno una lunghezza pari a più settori), della velocità di rotazione e della densità di memorizzazione di una traccia. Il calcolo si complica di più se si considera che la maggior parte dei dischi possiedono una cache integrata che memorizza i settori man mano che questi vengono acquisiti. Il controllo del disco ed il trasferimento dei dati tra il disco e la memoria vengono gestiti da un controllore di disco. Esso è responsabile dell aggiunta di un ulteriore componente al tempo di accesso al disco, nota come tempo del controllore, che corrisponde al ritardo che il controllore impone all esecuzione degli accessi di I/O. Quindi il tempo medio per eseguire un operazione di I/O è determinato da queste componenti oltre ad eventuali tempi di attesa dovuti al fatto che altri processi stanno utilizzando il disco. Esempio: Calcolare il tempo medio per la scrittura o la lettura di un settore di 512 byte per un disco che ruota a 5400 RPM ed in cui il tempo medio di seek e pari a 12 ms, il tempo di trasferimento e 5 MB/s, il tempo aggiuntivo causato dal controllore risulta 2 ms. Il tempo medio di accesso al disco è pari al tempo medio di seek + la latenza di rotazione media + il tempo di trasferimento + il tempo del controllore. Tempo medio accesso disco = 12 ms ms + (0.5 KB)/(5 MB/s) + 2 ms = 19.7 ms e il tempo medio di seek misurato fosse pari al 25% del tempo medio indicato il risultato sarebbe: Tempo medio accesso disco = 3 ms ms + (0.5 KB)/(5 MB/s) + 2 ms = 10.7 ms 15.6

8 Da notare è che quando si prende in considerazione il tempo medio di seek misurato, anziché quello indicato dal costruttore, la latenza di rotazione può divenire la componente principale del tempo di accesso. Ciascuna traccia contiene lo stesso numero di bit, tuttavia quelle esterne sono più lunghe. Queste, quindi, memorizzano le informazioni con una minore densità per centimetro rispetto alle tracce più vicine al centro del disco. In alcuni tipi di hard disk, quali tipicamente quelli basati sull interfacctia CI (mall Computer ystems Interface) si usa invece una tecnica detta densità di bit costante, basata sulla memorizzazione di un numero maggiore di settori nelle tracce esterne rispetto a quelle interne. La velocità alla quale si muove l unità di lunghezza della singola traccia sotto la testina è pertanto variabile ed è maggiore per le tracce esterne. Di conseguenza, se il numero di bit per unità di lunghezza è costante, la frequenza alla quale i bit devono essere letti/scritti è variabile, quindi, la parte elettronica del dispositivo deve tener conto di questo fattore tandard di comunicazione Le tecnologie utilizzate per gli hard disk sono oramai molto sofisticate, dovute direttamente dalla maggiore richiesta di elevate prestazioni e capacità. L evoluzione costante di processori e memorie incrementa la quantità di dati da elaborare e gli hard disk sono costretti a ospitare e spostare moli sempre maggiori di Mbyte. Le innovazioni tecniche riguardanti vari componenti, come dischi e testine, condizionano la capacità degli hard disk oltre che le loro prestazioni. I vari sistemi d interfacciamento sono importanti per evitare l insorgere di limitazioni dal punto di vista delle prestazioni. Attualmente (anno 2005) il sistema di interfacciamento più diffuso utilizza il bus parallelo dello standard ATA (AT Attachment). Ad esempio, nello standard ATA/100 e possibile ottenere una velocita di trasferimento dal controller all hard disk pari a 100. Una tale velocità è ragguardevole in quanto non ci sono, per ora, applicazioni che richiedono tutta questa larghezza di banda. Il trend degli hard disk per Personal Computer è orientato verso un nuovo standard denominato -ATA (erial ATA), il quale usa un bus di comunicazione seriale anziché parallelo. Il 29/08/2001 sono state rilasciate le specifiche della versione 1.0 dello standard erial ATA. Questa evoluzione fornisce prestazioni più elevate permettendo di superare alcune limitazioni dovute ai precedenti protocolli di comunicazione, quali l elevato numero di pin da utilizzare per i collegamenti, la complessità (e quindi i costi) dei cavi usati e le tensioni in gioco relativamente elevate. La prima evidente differenza è nei cavi, i quali utilizzano una connessione punto-punto con lunghezza massima di un metro; inoltre, il erial ATA, concepito per collegare unità interne, usa due coppie di fili contro i 40/80 necessari con lo standard ATA parallelo. I sistemi operativi attuali sono compatibili poiché questo bus è trasparente rispetto alle applicazioni; sarà, quindi, solamente necessario istallare i corrispondenti driver per il controller così come accade per qualunque altro dispositivo. Un altro aspetto interessante è che per il suo funzionamento necessita di una tensione di 500 millivolt picco-picco, inferiore a quella di 5 V richiesta dagli standard ATA paralleli. Le conseguenze si ripercuotono sui produttori di chipset; infatti, essendo il controller per gli hard disk ormai integrato nel chipset principale del calcolatore, il non esser costretti a utilizzare una tensione di 5 V 15.7

9 permette di costruire chip con minori dimensioni e pertanto con un risparmio in termini di costi di produzione. Questa riduzione di tensione torna anche utile per il mondo dei portatili con conseguente prolungamento dell autonomia delle batterie. Per quanto riguarda la topologia di collegamento usata da erial Ata ci si trova di fronte a una configurazione a stella. Ossia da un connettore del controller parte un cavetto che va direttamente all hard disk, per collegare un secondo hard disk serve un secondo connettore e un altro cavetto analogo al primo. Tra le conseguenze di questo tipo di collegamento c è la possibilità di evitare collisioni di segnali sullo stesso cavo, con diversi vantaggi per le prestazioni. A livello software non ci sono sconvolgimenti dato che il comportamento dei registri di controllo e dei comandi, i trasferimenti dati, i reset e gli interrupt sono tutti emulati dall unità Direzioni future I dischi magnetici hanno capacità che crescono rapidamente anche se il tempo di accesso migliora molto più lentamente. Una delle spiegazioni sta nel fatto che i dischi magnetici hanno un evoluzione più veloce nella fascia bassa piuttosto che in quella alta del mercato, ed è la fascia bassa a registrare una spinta maggiore verso un limitato costo per megabyte. Questo mercato ha dato il suo contributo alla riduzione nella dimensione dei dischi dai piatti da 14 pollici (35 cm) usati per i dischi dei mainframe ai dischi di 1.3 pollici (3.5 cm) sviluppati per i calcolatori portatili e palmari. Questa elevatissima richiesta di dischi piccoli ha portato ad un accelerazione per il miglioramento della densità dei dischi. Oltre al miglioramento della densità sono cresciute anche le velocità di trasferimento, man mano che i dischi aumentavano la propria velocità di rotazione e miglioravano le interfacce. Inoltre, ogni disco ad alte prestazioni prodotto oggi contiene un buffer di traccia o di settore che implementa un meccanismo di cache che memorizza i settori quando la testina passa sopra di essi. Un importante novità per ciò che concerne l organizzazione dei dischi è costituita dai sistemi RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks o letteralmente schiere di dischi piccoli ed economici). La motivazione che spinge a ciò è che, poiché il prezzo per megabyte è indipendente dalla dimensione del disco, il throughput potenziale può essere migliorato utilizzando più unità disco e quindi più testine: la distribuzione dei dati su più dischi fa sì che gli accessi avvengano su più dischi; mentre l uso delle schiere migliora il throughput, la latenza non viene però necessariamente ridotta. L aggiunta dei dischi ridondanti offre la possibilità di scoprire un disco guasto e recuperare automaticamente l informazione perduta. Le schiere possono quindi migliorare l affidabilità e le prestazioni dei sistemi di elaborazione. Ad esempio IBM offre sia la soluzione basata su RAID sia un sottosistema di dischi che utilizza i dischi più grandi prodotti dall azienda. onostante questo continuo sviluppo va sottolineato come il disco rimanga il vero collo di bottiglia dei moderni Personal Computer: con tempi di accesso ai dati dell ordine di una decina di millisecondi, un moderno processore può sprecare qualche milione di cicli utili in attesa del dato giusto da elaborare. Le piattaforme multiprocessore di prossima introduzione non faranno che esasperare questo problema, necessitando di maggiori quantità di dati da elaborare. Le nuove generazioni di dischi rigidi hanno,tuttavia, tutte le carte in regola per stare al passo con le future piattaforme. Infatti basti osservare le nuove tecnologie dei protocolli di 15.8

10 comunicazione. Ad esempio, la tecnologia CQ (ative Command Queueing) è la caratteristica più avanzata del futuro standard erial Ata II. CQ è un protocollo che permette all hardware di controllo del disco di mantenere in sospeso più comandi allo stesso tempo. I dischi che lo supportano dispongono di un buffer dove i comandi pervenuti possono essere accodati, riordinati e infine essere eseguiti in modo dinamico per ottimizzare i tempi di accesso e scrittura dei dati sulla superficie magnetica. Il protocollo erial Ata II si basa su tre nuove funzioni integrate atte a migliorare le prestazioni dei dischi: Race Free tatus Return Mechanism, Interrupt Aggregation e First Party Dma. La prima funzione consiste nella possibilità di comunicare la risposta, o status, ad un qualunque comando dell host in ogni momento senza che questo resti in attesa per riceverlo; in questo modo il drive può soddisfare comandi multipli e restituirne lo stato consecutivamente o perfino nello stesso momento. La seconda funzione, aggregazione degli interrupt, consente di superare il problema che riguarda il drive per ciò che concerne la produzione di un segnale d interruzione per l host ogni volta che completa un comando: se un drive con CQ completa più comandi in un tempo molto breve, i singoli segnali di interrupt vengono aggregati per produrne uno solo affinché l host sia interrotto una volta sola per più comandi. Infine la funzione First Party Dma consiste in un sofisticato sistema che permette al drive di eseguire un operazione di accesso diretto alla memoria centrale per trasferirvi dati senza l intervento del software dell host ed è alla base della possibilità di riordinare la sequenza di esecuzione dei comandi. Infatti, il drive può scegliere di propria iniziativa il buffer da trasferire e preparare il comando appropriato per il sistema DMA, il controller dell host si limita quindi a copiare nel controller DMA la direttiva che arriva dal drive in modo che venga avviato il trasferimento hardware dei dati. E evidente che, con il sistema CQ, l host può trasmettere comandi mentre il disco sta ancora eseguendo quelli precedenti, offrendo così un miglior supporto al software multithread per Windows o Linux. In pratica la coda delle richieste di accesso al disco viene riordinata e eseguita tenendo conto della posizione delle testine sui dischi, in modo da ridurre al minimo il numero di rotazioni dei dischi e di spostamenti delle testine, il che comporta migliori prestazioni e minore usura meccanica. La logica CQ del drive può decidere di eseguire subito una richiesta appena arrivata, facendole saltare una lunga coda di attesa, se determina che la testina sia già nella giusta posizione, magari integrando la richiesta a quelle che riguardano lo stesso settore su disco. Le prove di laboratorio hanno evidenziato come, anche in mancanza di software appositamente ottimizzato, l incremento di prestazioni è di almeno il 15%. Per ciò che concerne i futuri supporti ottici sono da menzionare due formati, che sono il Blu-Ray e HD-DVD (entrambi basati su laser blu, cioe a lunghezza d onda piu bassa rispetto ai laser attualmente utilizzati nelle memorie ottiche) che sono in concorrenza per succedere agli attuali formati per DVD. I supporti Blu-Ray possono contenere fino a 50 GByte di dati, mentre gli HD-DVD possono registrare fino a 32 GByte di dati. Il supporto fisico ha lo stesso spessore di un normale DVD (1.2 millimetri) e i masterizzatori di DVD esistenti si potrebbero modificare con poca spesa. Blu Ray e HD-DVD sono, quindi, una soluzione interessante per il backup dei dati. E interessante notare come anche nella variante Double Layer (7.9 GByte) il DVD non riesca ad eguagliare la capacità di archiviazione offerta da Blu Ray e HD-DVD RIFERIMETI BIBLIOGRAFICI [1] D.A. Patterson, J.L. Hennessy, Computer Organization and Design, Morgan Kuafmann

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie Memoria Esterna (secondaria) Dischi magnetici RAID Rimovibili Ottica CD-ROM CD-Recordable (CD-R) CD-R/W DVD Nastri magnetici Dischi Magnetici Disco rivestito con materiale magnetico (ossido di ferro) Materiale

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

Memorie ad accesso seriale

Memorie ad accesso seriale Memorie ad accesso seriale Matteo Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Sonza Reorda - a.a. 2001/2002 Sommario Introduzione Memorie a Disco Magnetico Memorie a Nastro

Dettagli

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu 05 Le memorie secondarie Dott.ssa Ramona Congiu 1 Come vengono memorizzati i dati Nonostante le numerose funzioni che svolge, la memoria RAM dispone di uno spazio limitato, per cui no riesce a contenere

Dettagli

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE LE MEMORIE La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. Le memorie si dividono in Memorie principali o centrali Sono anche dette memorie veloci

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Memorie di massa!2 Le memorie di massa Le memorie secondarie o di massa sono utilizzate per

Dettagli

Memoria Secondaria e Terziaria

Memoria Secondaria e Terziaria Memoria Secondaria e Terziaria Memoria secondaria e terziaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap Struttura

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 16 Martedì 3-12-2013 1 La tecnica di gestione di un dispositivo a interruzione

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 File System a strati Metadati (i FCB) + protezione e sicurezza

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria secondaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Connessione dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica Le memorie secondarie Memoria magnetica Comprendono due elementi distinti: Il dispositivo ha la funzione di leggere e scrivere i dati Il supporto componente fisico su cui vengono immagazzinati i dati 1)

Dettagli

UD 1.4h: Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI

UD 1.4h: Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI Modulo 1: Le I.C.T. : Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI Prof. Alberto Postiglione Curtin, cap. 5.1 Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 14.00-15.30. Aula opposta aula 10b Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Memorie secondarie o di massa Le memorie secondarie

Dettagli

Struttura dei dischi

Struttura dei dischi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

1.4e: MEMORIA DI MASSA

1.4e: MEMORIA DI MASSA 1.4e: MEMORIA DI MASSA 2 30 nov 2011 Bibliografia Curtin, Foley, Sen, Morin Informatica di base, Mc Graw Hill Ediz. Fino alla III : cap. 5.1, 5.2, 5.3, 5.4, 5.5, 5.6, 5.7 IV ediz.: cap. 4.1, 15.1, 4.2,

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Gestione della memoria di massa

Gestione della memoria di massa Contenuti Gestione della memoria di massa Memoria di massa Struttura del disco Collegamento dei dischi Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Strutture RAID Implementazione

Dettagli

Appunti di Enterprise Digital Infrastructures

Appunti di Enterprise Digital Infrastructures Appunti di Enterprise Digital Infrastructures Matteo Gianello 30 settembre 2013 1 Indice 1 Hard Disk 3 1.1 Caratteristiche base....................... 3 1.1.1 Hard Disk: componenti e caratteristiche........

Dettagli

Capitolo 12 -- Silberschatz

Capitolo 12 -- Silberschatz Gestione della memoria di massa Capitolo 12 -- Silberschatz Nastro magnetico Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente usato per

Dettagli

Sistemi Operativi. Struttura delle memorie di massa

Sistemi Operativi. Struttura delle memorie di massa Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 File System a strati Metadati (i FCB) + protezione e sicurezza

Dettagli

1. Sistemi di memorizzazione affidabili, efficienti e capienti. - Dischi - Raid - Memoria terziaria

1. Sistemi di memorizzazione affidabili, efficienti e capienti. - Dischi - Raid - Memoria terziaria Corso: Gestione ed elaborazione grandi moli di dati Lezione del: 10-11 aprile 2006 Argomento: Introduzione e Hard Disk Scribes: Nicola Chemello e Filippo Marchese 1 Introduzione CONTESTO Il contesto tecnologico

Dettagli

Le Memorie Secondarie

Le Memorie Secondarie Le Memorie Secondarie (di Massa) Prof. Vincenzo Auletta 1 Cosa sono? Tipo di memorie in grado di conservare un elevata quantità di dati. Scheda perforata primo esempio di memoria di massa ideata nella

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Memorizzazione delle informazioni

Memorizzazione delle informazioni Memorizzazione delle informazioni Parte 1 Definizioni Linguaggio binario Gli odierni calcolatori digitali (o elaboratori, o computer) operano in linguaggio binario Un linguaggio binario è composto da simboli

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

CORSO BASE DI TECNICO RIPARATORE HARDWARE HARD DISK Docente: Dott. Ing. Antonio Pagano DEFINIZIONE Un disco rigido, anche chiamato disco fisso o hard disk drive (abbreviazioni comuni: "hard disk", "HDD

Dettagli

Memorie di massa SSD (drive a stato solido) SSD

Memorie di massa SSD (drive a stato solido) SSD Sistemi Gerboni Roberta Memorie di massa SSD (drive a stato solido) Un unità a stato solido o drive a stato solido (SSD) è un dispositivo di archiviazione dati che usa una memoria a stato solido per memorizzare

Dettagli

Architettura di un PC

Architettura di un PC Architettura di un PC Hardware Insieme di circuiti elettronici ed elettromeccanici che costituiscono un calcolatore Architettura Combinazione delle funzionalità operative delle singole unità hardware del

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione N. 4

Architettura di un sistema di elaborazione N. 4 Architettura di un sistema di elaborazione N. 4 La memoria secondaria o memoria di massa La memoria secondaria, detta anche di massa, è una memoria di supporto che contiene programmi e dati che possono

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

I/O. Interfacciamento di una periferica. Architettura di un elaboratore. L input/output Parte VI. Architettura degli Elaboratori e delle Reti

I/O. Interfacciamento di una periferica. Architettura di un elaboratore. L input/output Parte VI. Architettura degli Elaboratori e delle Reti L input/output Parte VI Architettura degli Elaboratori e delle Reti Alberto Borghese Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione email: borghese@dsi.unimi.it 1 I/O Indirizzamento

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Lezione 15 Dischi Magnetici

Lezione 15 Dischi Magnetici Lezione 15 Dischi Magnetici http://www.dii.unisi.it/~giorgi/didattica/calel All figures from Computer Organization and Design: The Hardware/Software Approach, Second Edition, by David Patterson and John

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Input e Output. Input / Output. Performance. Misure di banda e tempi di trasferimento

Input e Output. Input / Output. Performance. Misure di banda e tempi di trasferimento Input e Output INPUT Input / Output Salvatore Orlando OUTPUT I dati trasferiti durante le operazioni di I/O possono passare (o meno) dal processore programmed I/O vs. DMA Arch. Elab. - S. Orlando 1 La

Dettagli

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable Sommario Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi Dispositivi di I/O Organizzazione delle funzioni di I/O Problematiche di Progettazione I/O Buffering Disk Scheduling Categorie di Dispositivi di I/O Area

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Metodi per la rappresentazione delle informazioni Metodi per la rappresentazione delle soluzioni Linguaggi di programmazione Architettura dei

Metodi per la rappresentazione delle informazioni Metodi per la rappresentazione delle soluzioni Linguaggi di programmazione Architettura dei Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino Materiali per il modulo 1 ECDL Autore: M. Lanino RAM, l'acronimo per "random access memory", ovvero "memoria ad acceso casuale", è la memoria in cui vengono caricati i dati che devono essere utilizzati

Dettagli

La rivoluzione informatica. Introduzione. Classi di computer. Classi di computer (2) Architetture dei Calcolatori (lettere A-I)

La rivoluzione informatica. Introduzione. Classi di computer. Classi di computer (2) Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) La rivoluzione informatica Introduzione Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) Dopo la rivoluzione agricola e quella industriale Nascita della Società della Informazione Innovazione e progresso senza

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Applicazioni e considerazioni conclusive

Applicazioni e considerazioni conclusive Applicazioni e considerazioni conclusive 8.1 La telecamera tridimensionale Il sistema di scansione a luce debolmente strutturata permette di scandire un oggetto e di ricavarne un immagine tridimensionale

Dettagli

1.1.3.3. Dispositivi di memorizzazione

1.1.3.3. Dispositivi di memorizzazione 1.1.3.3 Dispositivi di memorizzazione Le memorie di massa come dicevamo sono destinate a conservare grandi quantità di dati necessari al computer anche quando questo è spento. Principalmente parliamo di

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) Memorie

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) Memorie 2009-2010 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 9 Memorie 1 Memoria In generale : qualsiasi supporto delegato alla memorizzazione di dati

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Si intende per Sistema Operativo (o software di sistema) un gruppo di programmi che gestisce il funzionamento di base del computer. Il sistema operativo rimane sempre attivo dal momento

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Gestione dell Input / Output

Gestione dell Input / Output Gestione dell Input / Output Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Informatica alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson: 6.3, 6.4 e 6.6 1/45 Sommario Funzionamento

Dettagli

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio I motori elettrici si possono suddividere in varie categorie (vedi figura 1), che si differenziano a seconda della tensione di alimentazione

Dettagli

Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann

Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann MA lo sviluppo della tecnologia e del software ha permesso la realizzazione di computer sempre più veloci e

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system:

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Un insieme di funzionalità per astrarre i dati grezzi presenti in memoria di massa e interpretare questi ultimi in termini di files e cartelle

Dettagli

obiettivo del corso formare gli allievi affinché diventino utilizzatori consapevoli di sistemi di elaborazione per ufficio

obiettivo del corso formare gli allievi affinché diventino utilizzatori consapevoli di sistemi di elaborazione per ufficio obiettivo del corso formare gli allievi affinché diventino utilizzatori consapevoli di sistemi di elaborazione per ufficio ing. Angelo B. Capodieci - Università del Salento - Scienze dell Amministrazione

Dettagli

Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server

Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Pagina 1 di 5 Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Spesso il server non è in grado di gestire tutto il carico di cui è gravato. Inoltre, una

Dettagli

obiettivo del corso formare gli allievi affinché diventino utilizzatori consapevoli di sistemi di elaborazione per ufficio

obiettivo del corso formare gli allievi affinché diventino utilizzatori consapevoli di sistemi di elaborazione per ufficio obiettivo del corso formare gli allievi affinché diventino utilizzatori consapevoli di sistemi di elaborazione per ufficio Programma del corso 1. Come è fatto e come funziona un computer (architettura

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo Organizzazione dei sistemi di calcolo - Processori - Memoria principale - Memoria secondaria - Input/Output Pagina 2 Processori Pagina 3 La CPU è composta da: - Unità di controllo - Unità logico-aritmetica

Dettagli

LA GESTIONE DELLA MEMORIA

LA GESTIONE DELLA MEMORIA LA GESTIONE DELLA MEMORIA Indice Introduzione La memoria virtuale La memoria centrale Memoria ROM Registri della CPU Memoria RAM Memoria Cache La memoria secondaria: i supporti magnetici Hard disk Floppy

Dettagli

Corso di Informatica Generale Esempi di domande.

Corso di Informatica Generale Esempi di domande. Il materiale contenuto in questo documento è utilizzabile unicamente per la preparazione dell esame di Informatica. Non ne può essere fatto altro uso. Corso di Informatica Generale Esempi di domande. 1.

Dettagli

Assemblare un pc Lezione n. 14. Introduzione

Assemblare un pc Lezione n. 14. Introduzione HARD DISK Parte 2 Introduzione Dopo aver effettuato una panoramica generale sugli hard disk, imparato a riconoscere le interfacce, i loro elementi principali ed i vari connettori e cavi a disposizione,

Dettagli

I dati all interno dei Computer

I dati all interno dei Computer I dati all interno dei Computer Nei sistemi elettronici digitali e nei computer in particolare, le informazioni vengono rappresentate in codice binario la cui lunghezza massima (misurata in bit ) dipende

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA...2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)...2 2. Guida alla configurazione

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk

Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk Di Giuseppe Zingone Introduzione La maggior parte dei difetti che si verificano sui personal computer sono dovuti a guasti o a malfunzionamenti del

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Sistemi Operativi. Lezione 12 Il File System

Sistemi Operativi. Lezione 12 Il File System Sistemi Operativi Lezione 12 Il File System I Dischi Alcune delle fotografie riportate sono riprese da: http://royal.pingdom.com/2010/02/18/amazing-facts-and-figures-aboutthe-evolution-of-hard-disk-drives/

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Hardware. Il computer è una macchina programmabile, cioè può essere istruita ad eseguire compiti differenti.

Hardware. Il computer è una macchina programmabile, cioè può essere istruita ad eseguire compiti differenti. Hardware Che cos è un computer Hardware dei personal computer (pc) Perché il binario? La memoria del computer Il processore Gestione dell input/output Hardware Software Il computer è una macchina programmabile,

Dettagli