LEZIONE 15 HARD DISK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE 15 HARD DISK"

Transcript

1 LEZIOE 15 HARD DIK

2 15.1 Descrizione generale Un hard disk (o disco magnetico) consiste di un insieme di piatti che ruotano attorno ad un asse ad una velocità compresa tra 3600 e 7200 giri al minuto (oggi anche fino ad 15000). I piatti, in metallo (recentemente in vetro1) con diametro che può variare da un pollice (2.5cm) ad otto (20cm), sono coperti su ambedue le facce da materiale magnetico in grado di memorizzare informazioni. La scrittura su disco è quindi non volatile, ossia i dati vengono conservati anche quando viene tolta l alimentazione. Per leggere e scrivere informazioni su un hard disk al di sopra di ciascuna superficie è posizionato un braccio mobile contenente una piccola bobina elettromagnetica chiamata testina (head) di lettura/scrittura. Ciascuna superficie del disco è divisa in cerchi concentrici chiamati tracce, tipicamente ogni superficie contiene dalle 1000 a 5000 tracce (track). Una traccia è a sua volta divisa in settori che contengono le informazioni, ognuna di esse può contenere da 64 a 200 settori, ed il settore è l unità minima di lettura e scrittura (vedi fig. 15.1). e sono disponibili piu superfici di memorizzazione, si puo immaginare che queste costituiscano un cilindro (cylinder), tale termine viene usato in questo contesto come sinonimo di traccia. Inoltre nell accesso a superfici di memorizzazione distinte si fa riferimento alla testina scrivente. Piatti Tracce ettori Piatto Traccia FIGURA 15.1 I dischi si suddividono in piatti, tracce e settori. L uso di componenti meccanici fa si che i tempi di accesso per i dischi magnetici siano molto più alti che per le DRAM; per i dischi variano da 5 a 20 millisecondi, per le DRAM si hanno tempi di accesso compresi tra 5 e 100 nanosecondi, il che rende le DRAM circa volte più veloci, tuttavia a parità di capacità di immagazzinamento il costo per megabyte di un disco è 50 volte minore di quello di una DRAM. ella figura 15.2 e riportato l andamento dei costi del disco per MByte. 1 Il substrato in vetro presenta alcuni vantaggi, infatti si ha una: maggiore uniformità della pellicola magnetica superficiale, che produce, quindi, un miglioramento dell affidabilità del disco; riduzione dei difetti della superficie con conseguente riduzione degli errori di lettura/scrittura; minore distanza tra testina e supporto; maggiore rigidità; maggiore resistenza ad urti e danneggiamenti. 15.1

3 $ $ FIGURA 15.2 Andamento costo per MByte Meccanismi di lettura e scrittura magnetica Il meccanismo di scrittura si basa sul fatto che l elettricità, fluendo attraverso la bobina produce un campo magnetico; la testina di scrittura pertanto riceve impulsi, e nella superficie sottostante vengono registrati schemi magnetici differenti dipendenti dalla corrente (positiva o negativa). La testina di scrittura è composta da materiale facilmente magnetizzabile ed ha la forma di un ferro di cavallo attorno al quale sono avvolti pochi giri di conduttore filiforme (vedi fig. 15.3). Una corrente elettrica nel filo induce, attraverso gli estremi del ferro di cavallo, un campo magnetico che magnetizza una piccola area del mezzo di registrazione; logicamente l inversione della direzione della corrente inverte l orientamento del campo magnetico sul supporto di registrazione. Il meccanismo di lettura è basato sul fatto che un campo magnetico in movimento relativo rispetto ad una bobina produce in essa una corrente elettrica. La porzione di superficie del disco passante sotto la testina genera una corrente della stessa polarità di quella che precedentemente era stata registrata. i può utilizzare la stessa testina e per la scrittura e per la lettura poiché hanno la stessa struttura. Le testine singole sono utilizzate dai floppy disk e dai vecchi sistemi a disco rigido. Tuttavia i sistemi a disco rigido odierni richiedono una testina di lettura distinta comprendente un sensore magnetoresistivo (MR) parzialmente schermato. Il materiale magnetoresistivo presenta una resistenza elettrica che dipende dalla magnetizzazione del mezzo che si trova sotto di esso; tramite il passaggio della corrente attraverso il sensore vengono rilevati, come segnali di tensione, i cambiamenti di resistenza. Questo metodo garantisce maggior densità di memorizzazione e velocità operative piu elevate. 15.2

4 chermatura Corrente di lettura Corrente di scrittura Ampiezza della traccia Magnetizzazione ensore MR Elemento di scrittura a induzione upporto di registrazione Figura 15.3 Testina di scrittura induttiva e lettura magnetoresistiva Organizzazione e formattazione dei dati Come precedentemente accennato la testina è un dispositivo relativamente piccolo in grado di leggere e di scrivere su una porzione del disco rotante; ed è ciò che è all origine della disposizione fisica dei dati in anelli concentrici chiamati tracce. Esse sono tanto larghe quanto la testina. Come detto, si usa il termine cilindro per far riferimento a tutte le tracce che in un certo istante si trovano al di sotto delle testine sulle varie superfici. Fisicamente, tracce adiacenti sono separate da spazi per prevenire, o quanto meno minimizzare, gli errori dovuti al disallineamento della testina o all interferenza tra i campi magnetici. Il trasferimento dati avviene per settori; che sono di lunghezza fissa o variabile (la maggior parte dei sistemi odierni usa tipicamente settori a lunghezza fissa pari a 512 byte). Anche in questo caso per ridurre eventuali imprecisioni i settori adiacenti sono separati da spazi vuoti (vedi fig. 15.4). ector 3 4 Intersector Gap Track Intratrack Gap FIGURA 15.4 truttura del disco I bit vicini al centro del disco ruotano più lentamente di quelli più esterni. E possibile compensare la variazione di velocità, incrementando lo spazio tra i bit registrati sul disco man 15.3

5 mano che ci si allontana dal centro del disco, in modo tale che la testina possa leggere tutti i bit alla stessa velocità (tecnica a velocita angolare costante). Questa tecnica da come vantaggio che i singoli blocchi di dati possono essere indirizzati per traccia e settore. Per spostare la testina verso un indirizzo specifico è sufficiente un suo movimento verso la traccia desiderata e attendere che il settore specificato venga a trovarsi sotto la testina. Come svantaggio si ha che la quantità di dati immagazzinabili deve essere la stessa e per le tracce interne e per quelle esterne. Essendo la densità, in bit per centimetro lineare, crescente man mano che ci si sposta dalla traccia più esterna a quella più interna la capacità di memorizzazione dei dischi a velocità angolare costante è limitata dalla massima densità ottenibile dalla traccia più interna. In figura 15.5 è riportato l andamento della crescita della densità per anno. Year Areal Density Areal Density Year FIGURA 15.5 Andamento della densità. Per incrementare tale densità si utilizza una tecnica nota come registrazione a più zone (multiple zone recording) in cui la superficie è ripartita in un certo numero di aree (16 solitamente) all interno delle quali il numero di bit per traccia è costante; le zone più lontane dal centro contengono un numero maggiore di settori e quindi di bit rispetto a quelle più centrali, ciò consente una capacità di memorizzazione più elevata a discapito di una logica circuitale più complessa. Poiché la testina si muove da una zona all altra la lunghezza (lungo la traccia) dei singoli bit varia, provocando così un cambiamento nei tempi di lettura e scrittura. E logico che vi deve essere un criterio per localizzare la posizione del settore all interno della traccia, quindi un punto di partenza sulla traccia per poter identificare l inizio e la fine di ogni settore (Fig. 15.6). Questi requisiti vengono rispettati tramite dati di controllo memorizzati sul disco. Ossia il disco viene inizializzato con dei dati utilizzabili solo dal suo sistema di controllo e non accessibili all utente Bytes Gap1 Id Gap2 Data Gap3 Gap1 Id Gap2 Data Gap3 ync Byte Track # Head # ector # CRC ync Byte Data CRC Bytes FIGURA Formato della traccia nel disco T

6 15.2 Caratteristiche fisiche La testina, rispetto alla direzione radiale del piatto, potrebbe essere fissa o mobile. ei dischi a testina fissa e presente una testina di lettura-scrittura per ciascuna traccia: tali testine sono montate su un braccio rigido che si estende attraverso tutte le tracce (questi sistemi attualmente sono rari). ei dischi a testina mobile ve ne è una sola montata su un braccio, quest ultimo può estendersi o ritrarsi in quanto la testina deve essere in grado di raggiungere una qualsiasi traccia. Il disco è montato su un telaio comprendente il braccio, l albero che fa ruotare il disco e i circuiti per l ingresso e l uscita dei dati. I dischi non removibili restano montati nel proprio telaio mentre quelli removibili possono essere asportati e sostituiti con altri dischi; il vantaggio consiste nel poter disporre di quantità illimitate di dati pur avendo quantità limitate di memorie disco, inoltre tali dischi possono essere spostati da un calcolatore ad un altro come avviene con i floppy disk. I dischi magnetici removibili tendono oggi ad essere sostituite da memoria a stato solido dette memorie flash. e la patina magnetizzabile è applicata ad entrambe le facce dei piatti i dischi sono detti a doppia faccia (double-sided) altrimenti a singola faccia (single-sided). ei modelli con più piatti (multiple platter) disposti verticalmente a distanza di pochi centimetri sono presenti più bracci; questi dischi utilizzano una testina mobile di lettura/scrittura per ogni superficie dei piatti, le testine sono fissate meccanicamente in modo tale da trovarsi alla stessa distanza dal centro del disco e muoversi contemporaneamente. Così, in ogni istante, tutte le testine sono posizionate sulle tracce che presentano uguale distanza dal centro del disco. A seconda del meccanismo della testina i dischi vengono classificati in tre tipi. Un un primo tipo di disco, la testina di lettura/scrittura viene posizionata a distanza fissa sopra il piatto lasciando un intercapedine d aria. All altro estremo si trova un tipo di disco (floppy disk) in cui il meccanismo che viene a contatto fisico con il supporto durante le operazioni di lettura o scrittura. Per il terzo tipo va detto che la testina deve generare o leggere un campo elettromagnetico di intensità sufficiente alla scrittura e alla lettura. Più è stretta la testina e più è vicina alla superficie del piatto, quindi tracce più ravvicinate e pertanto maggiore densità dei dati. Tuttavia più la testina è vicina al disco e maggiore è il rischio d errore per impurità o imperfezione. Per un miglioramento della tecnologia venne sviluppato il disco Winchester (esso si trova comunemente all interno di personal computer e workstation); le sue testine sono utilizzate negli assemblaggi di dischi ermeticamente sigillati, praticamente privi di contaminanti. Esse operano più vicino alla superficie rispetto a quelle convenzionali consentendo così una maggiore densità dei dati.la testina è in realtà una foglia aerodinamica che si appoggia leggermente alla superficie del piatto quando il disco è fermo. La pressione dell aria generata da un disco in rotazione è sufficiente per allontanare la foglia dalla superficie. Il sistema risultante, privo di contatto, può quindi utilizzare testine più strette che operano più vicino alla superficie del piattello Caratterizzazione delle prestazioni del disco Per accedere ai dati il sistema operativo deve pilotare i dischi attraverso un processo composto da tre fasi. ella prima si posiziona la testina sopra la traccia più opportuna, operazione denominata seek (letteralmente ricerca) ed il tempo necessario richiesto è denominato tempo di seek. I produttori di dischi riportano nei loro manuali il tempo di seek minimo, massimo e medio. I 15.5

7 primi due sono facilmente misurabili, mentre la media si presta a diverse interpretazioni poiché dipende dalla distanza di posizionamento. Le industrie si sono accordate nel calcolare il tempo di seek medio come la somma di tutti i possibili tempi di seek divisa per il numero di posizionamenti possibili. I tempi di seek medi che vengono dichiarati oscillano tra 8 ms e 20 ms, tuttavia a causa della località dei riferimenti al disco i valori medi reali possono anche essere solo il 25-33% di quelli dichiarati; il fenomeno della località si manifesta sia a causa di accessi consecutivi allo stesso file, sia perché il sistema operativo tenta di far eseguire insieme tali accessi. Una volta che la testina ha raggiunto la traccia corretta (seconda fase) è necessario attendere che il settore desiderato si muova (ruotando) sotto la testina di lettura/scrittura; questo tempo viene chiamato latenza di rotazione o ritardo di rotazione. La latenza media per raggiungere l informazione desiderata corrisponde a mezza rotazione del disco e poiché questi ruotano ad una velocità compresa tra 3600 RPM e 7200 RPM la latenza di rotazione media varia tra: latenza di rotazione media = 0.5 rotazioni/3600 RPM = 8.3 ms latenza di rotazione media = 0.5 rotazioni/7200 RPM = 4.2 ms I dischi caratterizzati da diametri più piccoli sono più attraenti, poiché possono ruotare a velocità maggiori senza un consumo eccessivo, riducendo così la latenza di rotazione. L ultima fase che caratterizza un accesso ad un disco e denominata tempo di trasferimento: è il tempo necessario per trasferire un blocco di bit, che corrisponde solitamente ad un settore. Il tempo di trasferimento è una funzione della dimensione del settore (oggi in realta molti trasferimenti da disco hanno una lunghezza pari a più settori), della velocità di rotazione e della densità di memorizzazione di una traccia. Il calcolo si complica di più se si considera che la maggior parte dei dischi possiedono una cache integrata che memorizza i settori man mano che questi vengono acquisiti. Il controllo del disco ed il trasferimento dei dati tra il disco e la memoria vengono gestiti da un controllore di disco. Esso è responsabile dell aggiunta di un ulteriore componente al tempo di accesso al disco, nota come tempo del controllore, che corrisponde al ritardo che il controllore impone all esecuzione degli accessi di I/O. Quindi il tempo medio per eseguire un operazione di I/O è determinato da queste componenti oltre ad eventuali tempi di attesa dovuti al fatto che altri processi stanno utilizzando il disco. Esempio: Calcolare il tempo medio per la scrittura o la lettura di un settore di 512 byte per un disco che ruota a 5400 RPM ed in cui il tempo medio di seek e pari a 12 ms, il tempo di trasferimento e 5 MB/s, il tempo aggiuntivo causato dal controllore risulta 2 ms. Il tempo medio di accesso al disco è pari al tempo medio di seek + la latenza di rotazione media + il tempo di trasferimento + il tempo del controllore. Tempo medio accesso disco = 12 ms ms + (0.5 KB)/(5 MB/s) + 2 ms = 19.7 ms e il tempo medio di seek misurato fosse pari al 25% del tempo medio indicato il risultato sarebbe: Tempo medio accesso disco = 3 ms ms + (0.5 KB)/(5 MB/s) + 2 ms = 10.7 ms 15.6

8 Da notare è che quando si prende in considerazione il tempo medio di seek misurato, anziché quello indicato dal costruttore, la latenza di rotazione può divenire la componente principale del tempo di accesso. Ciascuna traccia contiene lo stesso numero di bit, tuttavia quelle esterne sono più lunghe. Queste, quindi, memorizzano le informazioni con una minore densità per centimetro rispetto alle tracce più vicine al centro del disco. In alcuni tipi di hard disk, quali tipicamente quelli basati sull interfacctia CI (mall Computer ystems Interface) si usa invece una tecnica detta densità di bit costante, basata sulla memorizzazione di un numero maggiore di settori nelle tracce esterne rispetto a quelle interne. La velocità alla quale si muove l unità di lunghezza della singola traccia sotto la testina è pertanto variabile ed è maggiore per le tracce esterne. Di conseguenza, se il numero di bit per unità di lunghezza è costante, la frequenza alla quale i bit devono essere letti/scritti è variabile, quindi, la parte elettronica del dispositivo deve tener conto di questo fattore tandard di comunicazione Le tecnologie utilizzate per gli hard disk sono oramai molto sofisticate, dovute direttamente dalla maggiore richiesta di elevate prestazioni e capacità. L evoluzione costante di processori e memorie incrementa la quantità di dati da elaborare e gli hard disk sono costretti a ospitare e spostare moli sempre maggiori di Mbyte. Le innovazioni tecniche riguardanti vari componenti, come dischi e testine, condizionano la capacità degli hard disk oltre che le loro prestazioni. I vari sistemi d interfacciamento sono importanti per evitare l insorgere di limitazioni dal punto di vista delle prestazioni. Attualmente (anno 2005) il sistema di interfacciamento più diffuso utilizza il bus parallelo dello standard ATA (AT Attachment). Ad esempio, nello standard ATA/100 e possibile ottenere una velocita di trasferimento dal controller all hard disk pari a 100. Una tale velocità è ragguardevole in quanto non ci sono, per ora, applicazioni che richiedono tutta questa larghezza di banda. Il trend degli hard disk per Personal Computer è orientato verso un nuovo standard denominato -ATA (erial ATA), il quale usa un bus di comunicazione seriale anziché parallelo. Il 29/08/2001 sono state rilasciate le specifiche della versione 1.0 dello standard erial ATA. Questa evoluzione fornisce prestazioni più elevate permettendo di superare alcune limitazioni dovute ai precedenti protocolli di comunicazione, quali l elevato numero di pin da utilizzare per i collegamenti, la complessità (e quindi i costi) dei cavi usati e le tensioni in gioco relativamente elevate. La prima evidente differenza è nei cavi, i quali utilizzano una connessione punto-punto con lunghezza massima di un metro; inoltre, il erial ATA, concepito per collegare unità interne, usa due coppie di fili contro i 40/80 necessari con lo standard ATA parallelo. I sistemi operativi attuali sono compatibili poiché questo bus è trasparente rispetto alle applicazioni; sarà, quindi, solamente necessario istallare i corrispondenti driver per il controller così come accade per qualunque altro dispositivo. Un altro aspetto interessante è che per il suo funzionamento necessita di una tensione di 500 millivolt picco-picco, inferiore a quella di 5 V richiesta dagli standard ATA paralleli. Le conseguenze si ripercuotono sui produttori di chipset; infatti, essendo il controller per gli hard disk ormai integrato nel chipset principale del calcolatore, il non esser costretti a utilizzare una tensione di 5 V 15.7

9 permette di costruire chip con minori dimensioni e pertanto con un risparmio in termini di costi di produzione. Questa riduzione di tensione torna anche utile per il mondo dei portatili con conseguente prolungamento dell autonomia delle batterie. Per quanto riguarda la topologia di collegamento usata da erial Ata ci si trova di fronte a una configurazione a stella. Ossia da un connettore del controller parte un cavetto che va direttamente all hard disk, per collegare un secondo hard disk serve un secondo connettore e un altro cavetto analogo al primo. Tra le conseguenze di questo tipo di collegamento c è la possibilità di evitare collisioni di segnali sullo stesso cavo, con diversi vantaggi per le prestazioni. A livello software non ci sono sconvolgimenti dato che il comportamento dei registri di controllo e dei comandi, i trasferimenti dati, i reset e gli interrupt sono tutti emulati dall unità Direzioni future I dischi magnetici hanno capacità che crescono rapidamente anche se il tempo di accesso migliora molto più lentamente. Una delle spiegazioni sta nel fatto che i dischi magnetici hanno un evoluzione più veloce nella fascia bassa piuttosto che in quella alta del mercato, ed è la fascia bassa a registrare una spinta maggiore verso un limitato costo per megabyte. Questo mercato ha dato il suo contributo alla riduzione nella dimensione dei dischi dai piatti da 14 pollici (35 cm) usati per i dischi dei mainframe ai dischi di 1.3 pollici (3.5 cm) sviluppati per i calcolatori portatili e palmari. Questa elevatissima richiesta di dischi piccoli ha portato ad un accelerazione per il miglioramento della densità dei dischi. Oltre al miglioramento della densità sono cresciute anche le velocità di trasferimento, man mano che i dischi aumentavano la propria velocità di rotazione e miglioravano le interfacce. Inoltre, ogni disco ad alte prestazioni prodotto oggi contiene un buffer di traccia o di settore che implementa un meccanismo di cache che memorizza i settori quando la testina passa sopra di essi. Un importante novità per ciò che concerne l organizzazione dei dischi è costituita dai sistemi RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks o letteralmente schiere di dischi piccoli ed economici). La motivazione che spinge a ciò è che, poiché il prezzo per megabyte è indipendente dalla dimensione del disco, il throughput potenziale può essere migliorato utilizzando più unità disco e quindi più testine: la distribuzione dei dati su più dischi fa sì che gli accessi avvengano su più dischi; mentre l uso delle schiere migliora il throughput, la latenza non viene però necessariamente ridotta. L aggiunta dei dischi ridondanti offre la possibilità di scoprire un disco guasto e recuperare automaticamente l informazione perduta. Le schiere possono quindi migliorare l affidabilità e le prestazioni dei sistemi di elaborazione. Ad esempio IBM offre sia la soluzione basata su RAID sia un sottosistema di dischi che utilizza i dischi più grandi prodotti dall azienda. onostante questo continuo sviluppo va sottolineato come il disco rimanga il vero collo di bottiglia dei moderni Personal Computer: con tempi di accesso ai dati dell ordine di una decina di millisecondi, un moderno processore può sprecare qualche milione di cicli utili in attesa del dato giusto da elaborare. Le piattaforme multiprocessore di prossima introduzione non faranno che esasperare questo problema, necessitando di maggiori quantità di dati da elaborare. Le nuove generazioni di dischi rigidi hanno,tuttavia, tutte le carte in regola per stare al passo con le future piattaforme. Infatti basti osservare le nuove tecnologie dei protocolli di 15.8

10 comunicazione. Ad esempio, la tecnologia CQ (ative Command Queueing) è la caratteristica più avanzata del futuro standard erial Ata II. CQ è un protocollo che permette all hardware di controllo del disco di mantenere in sospeso più comandi allo stesso tempo. I dischi che lo supportano dispongono di un buffer dove i comandi pervenuti possono essere accodati, riordinati e infine essere eseguiti in modo dinamico per ottimizzare i tempi di accesso e scrittura dei dati sulla superficie magnetica. Il protocollo erial Ata II si basa su tre nuove funzioni integrate atte a migliorare le prestazioni dei dischi: Race Free tatus Return Mechanism, Interrupt Aggregation e First Party Dma. La prima funzione consiste nella possibilità di comunicare la risposta, o status, ad un qualunque comando dell host in ogni momento senza che questo resti in attesa per riceverlo; in questo modo il drive può soddisfare comandi multipli e restituirne lo stato consecutivamente o perfino nello stesso momento. La seconda funzione, aggregazione degli interrupt, consente di superare il problema che riguarda il drive per ciò che concerne la produzione di un segnale d interruzione per l host ogni volta che completa un comando: se un drive con CQ completa più comandi in un tempo molto breve, i singoli segnali di interrupt vengono aggregati per produrne uno solo affinché l host sia interrotto una volta sola per più comandi. Infine la funzione First Party Dma consiste in un sofisticato sistema che permette al drive di eseguire un operazione di accesso diretto alla memoria centrale per trasferirvi dati senza l intervento del software dell host ed è alla base della possibilità di riordinare la sequenza di esecuzione dei comandi. Infatti, il drive può scegliere di propria iniziativa il buffer da trasferire e preparare il comando appropriato per il sistema DMA, il controller dell host si limita quindi a copiare nel controller DMA la direttiva che arriva dal drive in modo che venga avviato il trasferimento hardware dei dati. E evidente che, con il sistema CQ, l host può trasmettere comandi mentre il disco sta ancora eseguendo quelli precedenti, offrendo così un miglior supporto al software multithread per Windows o Linux. In pratica la coda delle richieste di accesso al disco viene riordinata e eseguita tenendo conto della posizione delle testine sui dischi, in modo da ridurre al minimo il numero di rotazioni dei dischi e di spostamenti delle testine, il che comporta migliori prestazioni e minore usura meccanica. La logica CQ del drive può decidere di eseguire subito una richiesta appena arrivata, facendole saltare una lunga coda di attesa, se determina che la testina sia già nella giusta posizione, magari integrando la richiesta a quelle che riguardano lo stesso settore su disco. Le prove di laboratorio hanno evidenziato come, anche in mancanza di software appositamente ottimizzato, l incremento di prestazioni è di almeno il 15%. Per ciò che concerne i futuri supporti ottici sono da menzionare due formati, che sono il Blu-Ray e HD-DVD (entrambi basati su laser blu, cioe a lunghezza d onda piu bassa rispetto ai laser attualmente utilizzati nelle memorie ottiche) che sono in concorrenza per succedere agli attuali formati per DVD. I supporti Blu-Ray possono contenere fino a 50 GByte di dati, mentre gli HD-DVD possono registrare fino a 32 GByte di dati. Il supporto fisico ha lo stesso spessore di un normale DVD (1.2 millimetri) e i masterizzatori di DVD esistenti si potrebbero modificare con poca spesa. Blu Ray e HD-DVD sono, quindi, una soluzione interessante per il backup dei dati. E interessante notare come anche nella variante Double Layer (7.9 GByte) il DVD non riesca ad eguagliare la capacità di archiviazione offerta da Blu Ray e HD-DVD RIFERIMETI BIBLIOGRAFICI [1] D.A. Patterson, J.L. Hennessy, Computer Organization and Design, Morgan Kuafmann

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

SCEGLIERE UNO SCANNER

SCEGLIERE UNO SCANNER Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT

ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT Roberto Albiero 1. Concetti generali 1.1 Hardware, Software, Tecnologia dell Informazione Chi avrebbe pensato, solo quindici anni fa, alla possibilità

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli