FORMAGGI. Canada. Formaggi_CAN_rev00.doc 1 di 9

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAGGI. Canada. Formaggi_CAN_rev00.doc 1 di 9"

Transcript

1 DATI GENERALI Capitale: Ottawa Lingua ufficiale: inglese, francese Valuta: Dollaro Canadese (CAD) Fuso orario (rispetto all Italia): -6 (Quebec e Ontario), -7 (Manitoba), -8 (Alberta), -9 (British Columbia). Prefisso telefonico: + 1 Codice paese: CDN Festività: terzo Lunedì di maggio, 1º luglio, 1º lunedì di agosto, 1º Lunedì di settembre, 2º Lunedì di ottobre, 11 novembre. Principali voci dell export italiano: apparecchi meccanici per l industria, prodotti energetici, prodotti agroalimentare, derivati del legname. INFORMAZIONI GENERALI RELATIVE ALL'ESPORTAZIONE AGROALIMENTARE Il crescente interesse per il cibo italiano nel mercato canadese, nonostante le abitudini alimentari in parte assimilabili a quelle degli Stati Uniti d America, si deve ad un evoluzione del gusto del consumatore medio canadese che si è indirizzato verso la ricerca di cibi più sani e raffinati, con un conseguente cambiamento delle abitudini alimentari. Il consumatore locale è infatti diventato molto attento alla genuinità del prodotto, al procedimenti di lavorazione, all origine biologica di un alimento, ed il suo valore nutrizionale riportato nelle tabelle è diventato sempre più fattore determinante per la scelta di acquisto. A questo bisogna aggiungere che il successo di un alimento è fortemente determinato alla comunità etnica che lo consuma: pertanto i prodotti italiani sono particolarmente apprezzati nei territori canadesi dove più radicata è la presenza della comunità italiana ovvero Ontario e Quebec. I prodotti italiani giungono al consumatore finale attraverso i negozi specializzati, la GDO e tramite i brokers. Questi ultimi, accanto alla tradizionale figura dell importatore, hanno assunto sempre più un ruolo chiave a causa delle differenze regionali presenti in. La figura dell importatore rimane comunque un anello importante nella catena distributiva dei prodotti italiani sul mercato canadese, perché funge anche da distributore sul mercato locale. Ad un impresa italiana che per la prima volta si affaccia sul mercato canadese si consiglia di avvalersi della figura dell importatore per la distribuzione esportando inizialmente piccole quantità di prodotto e facendolo distribuire con la private label del distributore stesso. L importazione di alcuni prodotti deve essere contenuta entro i limiti di quote prefissate e può richiedere specifici permessi (ad es. pollame e latticini). Formaggi_CAN_rev00.doc 1 di 9

2 ANDAMENTO DELLE ESPORTAZIONI DEL PRODOTTO PRINCIPALI PAESI ESPORTATORI DI OLIO DI FORMAGGI Valore (in migliaia di dollari) Francia Stati Uniti Italia Svizzera Danimarca Quote di mercato (in percentuale) 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 Francia Stati Uniti Italia Svizzera Danimarca 5,0 0, Fonte: elaborazioni su dati ICE DOCUMENTI DI ACCOMPAGNO ALLA MERCE Riportiamo, in questa sezione, i documenti commerciali di accompagnamento alla merce, classificati in base all operatore commerciale che ne deve garantire la presenza (esportatore, importatore, vettore). DOCUMENTI A CARICO DELL ESPORTATORE Numero meccanografico E un codice alfanumerico, preceduto da una M, attribuito alle imprese che svolgono Formaggi_CAN_rev00.doc 2 di 9

3 attività commerciali con l estero, e rappresenta una specie di matricola con cui l azienda viene individuata e riconosciuta dal Ministero del commercio internazionale. Il numero meccanografico viene rilasciato dalla Camera di Commercio territorialmente competente e deve essere sempre indicato sui documento utilizzati nelle operazioni con l estero (fatture, certificati di origine, ecc.). Fattura commerciale E il documento che descrive il dettaglio del bene in transazione, ed è necessario per lo sdoganamento della merce. Non vi è uno specifico formato per la predisposizione della fattura commerciale, l importante è che essa sia scritta in inglese (possono essere previste altre lingue ma non in sostituzione) e che contenga almeno i seguenti dati: numero della fattura e data; Paese di origine e porto di ingresso; denominazione completa dell esportatore con relativa P.iva, nonché l esatta denominazione del destinatario; natura, qualità e quantità dei prodotti oggetto della spedizione, specificando pesi e misure e numero dei colli inviati; la forma di pagamento pattuita contrattualmente; le modalità di trasporto e il riferimento all eventuale DDT emesso; prezzo espresso nella valuta con cui sarà effettuato il pagamento, per i beni destinati alla vendita. L omissione dei dati relativi alla quantità, a pesi e misure comporterà l accertamento da parte delle autorità doganali con addebito dei costi al destinatario delle merci. Packing list In Italiano Bolla di carico o anche Lista dei contenuti e dei pesi, è il documento che descrive il tipo, la natura (casse, cartoni, sacchi) ed il numero degli imballi preparati per la spedizione della merce, nonché il contenuto di ciascuno di essi. Bill of Lading In Italiano Polizza di carico, è il documento, in forza ad un contratto di spedizione, rappresentativo della merce, nel senso che il legittimo possessore di tale polizza ha il diritto di farsi consegnare la merce giunta a destinazione. Certificato di origine E il documento che certifica l origine territoriale del bene importato e può essere, facoltativamente, richiesto dall importatore. Il certificato di origine viene emesso dalla CCIAA e deve essere consegnato in originale. Dichiarazione doganale di esportazione E un documento che costituisce la manifestazione di volontà del proprietario delle merci, o del suo rappresentante (ad esempio lo spedizioniere), di voler trasferire fuori dal territorio doganale comunitario merci di produzione comunitaria. La Dichiarazione, predisposta su particolari moduli conformi al modello Dau-EX (Documento amministrativo unico), va presentata alla Dogana presso la quale si intende compiere l esportazione e segue un iter che corrisponde ai vari controlli doganali, ovvero: Formaggi_CAN_rev00.doc 3 di 9

4 accettazione della Dichiarazione da parte dell Ufficio divieti; verifica delle merci da parte di un funzionario doganale per accertare la conformità della loro natura a quanto dichiarato; dichiarazione di conformità con liquidazione e pagamento dei eventuali diritti doganali. La descrizione della merce sulla Dichiarazione non deve fare riferimento alla denominazione commerciale del prodotto, ma deve riportare le voci previste dalla tariffa doganale d uso integrata, consultabile dal sito delle dogane (vedi: Taric) Al termine di queste operazioni, all esportatore rimarrà la copia 3 della Dichiarazione, che deve essere conservata per documentare la non imponibilità IVA dell operazione. Certificato sanitario veterinario per prodotti di origine animale E un documento che attesta che i prodotti di origine animale importati sono commestibili, in idonee condizioni igienico-sanitarie e che non sono fonte di malattie infettive per l uomo. La certificazione è rilasciata dalle autorità del paese di origine (ASL). Il certificato può essere preparato in una qualsiasi lingua, tuttavia una traduzione in inglese o francese è consigliata. Da presentare in originale. Certificato di esportazione L esportazione di prodotti agricoli soggetti alla regolamentazione comunitaria, tra i quali i formaggi, prevede il rilascio di certificati di esportazione verso i Paesi terzi allo scopo di garantire un efficace gestione dell organizzazione comune dei mercati agricoli. Tali certificati sono rilasciati, in via automatica, dal Ministero per il commercio internazionale e autorizzano l operatore ad esportare la quantità di prodotto specificato entro il periodo di validità previsto dal titolo stesso. Al momento del loro rilascio viene richiesto un deposito cauzionale a garanzia dell impegno ad esportare il prodotto indicato. Le richieste vanno inviate a Ministero del Commercio Internazionale - D.G. Politica Commerciale - Div. II - Viale Boston, Roma (http://www.mincomes.it/prod_agroalim/indice.htm). DOCUMENTI A CARICO DELL IMPORTATORE I documenti di seguito elencati sono a carico dell operatore estero e, pertanto, se ne fornirà una breve e sintetica descrizione. Dichiarazione doganale di importazione (Customs Import Declaration) Documento ufficiale per lo sdoganamento delle merci. È generalmente richiesto per le merci che entrano negli Stati Uniti con un valore superiore a 2000 USD, o nei casi in cui l'ingresso informale non è possibile (ad esempio, per contingentamenti da quote o restrizioni in materia di visti). E' obbligatorio per lo sdoganamento e deve essere compilato dall'importatore in inglese in una copia. Canadian custom invoice Richiesta per i beni che superano in valore i dollari canadesi e descrive in maniera più dettagliata i beni oggetti di sdoganamento e deve essere predisposta sulla base del formato preparato dal Border Services Agency. Application for a Business number Formaggi_CAN_rev00.doc 4 di 9

5 E il documento che attesta che l importatore è registrato presso il Revenue Agency ed ha ottenuto un numero di registrazione per lo svolgimento delle sue attività di commercio estero. Autorizzazione all import di prodotti di origine animale Documento che consente all importatore di trattare prodotti di origine animale. Ha validità di tre mesi ed a seconda della frequenza delle importazioni tale permesso può essere emesso anche in versione multipla. Autorizzazione all import di prodotti alimentari E il documento che consente l importazione di taluni prodotti agricoli, tra i quali i formaggi, ed è richiesto per lo sdoganamento di tale merce. La domanda deve essere presentata 30 giorni prima dell arrivo della merce. Dichiarazione per l importazione di prodotti alimentari E il documento contenente i dettagli della spedizione e deve essere inoltrato dall importatore presso una qualsiasi Canadian Food Inspection Agency. DOCUMENTI A CARICO DEL VETTORE/SPEDIZIONIERE I documenti di seguito elencati sono a carico del vettore/spedizioniere e, pertanto, se ne fornirà una breve e sintetica descrizione. Air way bill In Italiano Lettera di vettura aerea, è il documento di trasporto non rappresentativo della merce rilasciato dal vettore aereo generalmente attraverso un Agente IATA (trasportatore). Manifest for Aircraft/Manifest for Vessels E il documento obbligatorio in possesso del vettore, comprensivo del dettaglio completo della merce caricata a bordo mezzo, dei passeggeri e dell equipaggio. A seconda del vettore di trasporto può essere tanto aereo quanto marittimo. Tale documento viene consegnato alla dogana di arrivo della merce. Customs Cargo control Documento che riassume i beni consegnati alla dogana da parte del vettore spedizioniere CONTENUTI DELL ETICHETTA L etichetta deve essere bilingue (inglese e francese) e deve contenere almeno le seguenti informazioni: denominazione di vendita nome e indirizzo del produttore, completo di indirizzo, cap e Paese di produzione; nome e indirizzo dell importatore; quantità, indicata secondo il sistema metrico decimale e il sistema anglosassone; elenco degli ingredienti; termine minimo di conservazione; informazioni nutrizionali; indicazioni relative alla presenza di allergeni (es. Contains. ); Formaggi_CAN_rev00.doc 5 di 9

6 indicazioni sulle modalità di corretta conservazione del prodotto. La grandezza minima ammessa del carattere con cui si possono scrivere le etichette, è di 1.6 millimetri. L Agenzia Canadese per il controllo sugli alimenti offre ai produttori che ne fanno richiesta il servizio di verifica e controllo delle etichette. Le aziende possono inviare, la bozza dell etichetta per il mercato canadese a: Canadian Food Inspection Agency (CFIA) 401, Champagne Drive, Unit 1, Downsview, Ontario M3J 2C6, Tel: ; Numero verde: (solo in ); Fax: ; SPECIFICHE RELATIVE AGLI IMBALLAGGI Per evitare che i prodotti giungano a destinazione deteriorati è necessario utilizzare un imballaggio idoneo. Un buon imballaggio deve: proteggere la merce; essere facilmente apribile per agevolare i controlli doganali, ma al contempo prevenire manomissioni; essere poco ingombrante e, preferibilmente, cintato con opportune stringhe di metallo o plastica per evitare il furto parziale dei colli. Si tenga anche conto che un imballaggio non idoneo al mezzo di trasporto utilizzato può essere causa di esonero delle responsabilità del vettore in caso di danneggiamento durante il trasporto. E importante marchiare tutti i colli, al fine di agevolare le operazioni di identificazione in caso di smarrimento; le informazioni minime da riportare sono (vedi anche Packing list): nome dell esportatore, nome del cliente estero, luogo di destinazione delle merci, porto di spedizione, peso lordo e/o netto, numerazione dei colli, Paesi di origine (Made in Italy). Gli imballaggi di legno sono assoggettati a specifiche norme di fumigazione stabilite dalla International Plant Protection Convention (IPPC) del 15 marzo 2002; tale Convenzione richiede l obbligo della marchiatura fitosanitaria IPCC/FAO sugli imballaggi di legno e la loro fumigazione. I costi relativi a tale procedura sono interamente a carico dell esportatore. APPUNTAMENTI DI INTERESSE GROCERY INNOVATIONS - Salone Nazionale della Drogheria, Toronto da Ottobre 2008 CHRISTMAS AT THE FORUM - Salone dell'artigianato, dell'antiquariato, dell'arte e dei Prodotti Alimentari, Halifax da Novembre 2008 OTTAWA WINE & FOOD - Salone Internazionale degli Alimentari e del Vino, Ottawa da Novembre 2008 GOURMET FOOD & WINE EXPO - Salone dell'alimentazione e del Vino, Toronto da Novembre 2008 SITI ISTITUZIONALI Canadian Food Inspection Agency (CFIA): Border Information Services: Export and Import Controls Bureau (EICB): Legislazione: Formaggi_CAN_rev00.doc 6 di 9

7 Formaggi_CAN_rev00.doc 7 di 9

8 Allegato 1 Esempio di certificato veterinario Formaggi_CAN_rev00.doc 8 di 9

9 Allegato 2 Fattura commerciale

PRODOTTI DA FORNO. Canada

PRODOTTI DA FORNO. Canada DATI GENERALI Capitale: Ottawa Lingua ufficiale: inglese, francese Valuta: Dollaro Canadese (CAD) Fuso orario (rispetto all Italia): -6 (Quebec e Ontario), -7 (Manitoba), -8 (Alberta), -9 (British Columbia).

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. Canada

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. Canada DATI GENERALI Capitale: Ottawa Lingua ufficiale: inglese, francese Valuta: Dollaro Canadese (CAD) Fuso orario (rispetto all Italia): -6 (Quebec e Ontario), -7 (Manitoba), -8 (Alberta), -9 (British Columbia).

Dettagli

PRODOTTI DA FORNO. Cina Hong Kong

PRODOTTI DA FORNO. Cina Hong Kong DATI GENERALI Lingua ufficiale: cinese e inglese Valuta: dollaro Hong Kong (HKD) Fuso orario (rispetto all Italia): + 7 Prefisso telefonico: + 852 Festività: 5 Aprile, 1 Maggio, 24Maggio, 19 Giugno, 2

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. Cina Hong Kong

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. Cina Hong Kong DATI GENERALI Lingua ufficiale: cinese e inglese Valuta: dollaro Hong Kong (HKD) Fuso orario (rispetto all Italia): + 7 Prefisso telefonico: + 852 Festività: 5 Aprile, 1 Maggio, 24Maggio, 19 Giugno, 2

Dettagli

FORMAGGI. Cina Hong Kong

FORMAGGI. Cina Hong Kong DATI GENERALI Lingua ufficiale: cinese e inglese Valuta: dollaro Hong Kong (HKD) Fuso orario (rispetto all Italia): + 7 Prefisso telefonico: + 852 Festività: 5 Aprile, 1 Maggio, 24Maggio, 19 Giugno, 2

Dettagli

VINO. Federazione Russa

VINO. Federazione Russa DATI GENERALI Capitale: Mosca Lingua ufficiale: russo Valuta: Rublo (RUB) Fuso orario (rispetto all Italia): 11 fusi orari; Mosca + 2. Prefisso telefonico: + 7 Codice paese: RUS Festività: 7 gennaio, 23

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. Federazione Russa

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. Federazione Russa DATI GENERALI Capitale: Mosca Lingua ufficiale: russo Valuta: Rublo (RUB) Fuso orario (rispetto all Italia): 11 fusi orari; Mosca + 2. Prefisso telefonico: + 7 Codice paese: RUS Festività: 7 gennaio, 23

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. Stati Uniti d America

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. Stati Uniti d America DATI GENERALI Capitale: Washington Lingua ufficiale: inglese Valuta: dollaro statunitense (US Dollar) Fuso orario: UTC da -5 a -10 Prefisso telefonico: + 1 Codice paese: USA Festività: 1 e 20 gennaio;

Dettagli

PRODOTTI DA FORNO. Stati Uniti d America

PRODOTTI DA FORNO. Stati Uniti d America DATI GENERALI Capitale: Washington Lingua ufficiale: inglese Valuta: dollaro statunitense (US Dollar) Fuso orario: UTC da -5 a -10 Prefisso telefonico: + 1 Codice paese: USA Festività: 1 e 20 gennaio;

Dettagli

VINO. Stati Uniti d America

VINO. Stati Uniti d America DATI GENERALI Capitale: Washington Lingua ufficiale: inglese Valuta: dollaro statunitense (US Dollar) Fuso orario: UTC da -5 a -10 Prefisso telefonico: + 1 Codice paese: USA Festività: 1 e 20 gennaio;

Dettagli

VINO. Canada. Vino_CAN_rev00.doc 1 di 8

VINO. Canada. Vino_CAN_rev00.doc 1 di 8 DATI GENERALI Capitale: Ottawa Lingua ufficiale: inglese, francese Valuta: Dollaro Canadese (CAD) Fuso orario (rispetto all Italia): -6 (Quebec e Ontario), -7 (Manitoba), -8 (Alberta), -9 (British Columbia).

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a F r a n c i a m

Dettagli

Tecniche doganali e dei trasporti internazionali. Presentazione a cura di Paola Carniglia

Tecniche doganali e dei trasporti internazionali. Presentazione a cura di Paola Carniglia Tecniche doganali e dei trasporti internazionali Presentazione a cura di Paola Carniglia Introduzione Obiettivo della presentazione: Fornire dei cenni sulle problematiche doganali all esportazione Chiarire

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

BIELLA 27 gennaio 2014. Road show - Internazionalizzazione

BIELLA 27 gennaio 2014. Road show - Internazionalizzazione BIELLA 27 gennaio 2014 Road show - Internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 13 18 22 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti del Piemonte Focus Biella Documenti e formalità per le cessioni

Dettagli

L'EXPORT DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI CERTIFICAZIONI PER L'ESPORTAZIONE E PRESENTAZIONE PROGETTO TUTTOFOOD INDIA

L'EXPORT DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI CERTIFICAZIONI PER L'ESPORTAZIONE E PRESENTAZIONE PROGETTO TUTTOFOOD INDIA L'EXPORT DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI CERTIFICAZIONI PER L'ESPORTAZIONE E PRESENTAZIONE PROGETTO TUTTOFOOD INDIA Lunedì, 4 marzo 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA Via Einaudi n.23 Salone Ridotto Sommario

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO I regolamenti sul commercio dei prodotti agricoli tra Svizzera e Unione Europea rientrano negli Accordi bilaterali I in vigore dal Giugno 2002 2 principi Mantenimento di un livello minimo di restrizioni

Dettagli

PADOVA 2 dicembre 2014. Road show per l internazionalizzazione

PADOVA 2 dicembre 2014. Road show per l internazionalizzazione PADOVA 2 dicembre 2014 Road show per l internazionalizzazione 1 3 Nota Metodologica 4 6 8 9 Principali prodotti export e Paesi acquirenti del Veneto Focus Padova Documenti e formalità per le cessioni intracomunitarie

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 15, 24, 31 marzo 7, 14, 21, 28 aprile 5 maggio 2011 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo

Dettagli

THAILANDIA NORMATIVA

THAILANDIA NORMATIVA THAILANDIA NORMATIVA In Thailandia può essere liberamente importata la maggior parte delle merci. Ciònonostante, alcune categorie di beni sono soggette a controlli e devono essere importate con una licenza

Dettagli

DHL EXPRESS FOR FOOD IL MADE IN ITALY SULLE TAVOLE DI TUTTO IL MONDO

DHL EXPRESS FOR FOOD IL MADE IN ITALY SULLE TAVOLE DI TUTTO IL MONDO DHL EXPRESS FOR FOOD IL MADE IN ITALY SULLE TAVOLE DI TUTTO IL MONDO GLI INGREDIENTI FONDAMENTALI DI OGNI SPEDIZIONE Grazie alla propria gamma di servizi ad orario, DHL Express è in grado di esportare

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

INDIA NORMATIVA. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI.

INDIA NORMATIVA. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI. INDIA NORMATIVA L`India appartiene a numerosi accordi regionali,, come la ZLEAS (Zona di libero scambio dell`asia del Sud), l`accordo commerciale per l`asia e il Pacifico ecc. Documenti di spedizione Oltre

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA

LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA Per tutte le esportazioni dall Italia alla Russia, i documenti accompagnatori richiesti sono: AWB (lettera di vettura), Fattura (originale + 1 copia) in lingua inglese,

Dettagli

Il mercato del vino a Hong Kong

Il mercato del vino a Hong Kong Il mercato del vino a Hong Kong Aprile 2012 Battistella A., Dal Bianco A. Mercato del vino imbottigliato a HONG KONG Andamento in MLN di $ delle importazioni a Hong Kong 1400 1200 Mondo 1000 800 Regno

Dettagli

Spedizioni internazionali: guida alla compilazione della fattura commerciale

Spedizioni internazionali: guida alla compilazione della fattura commerciale Spedizioni internazionali: guida alla compilazione della fattura commerciale Grazie alla nostra esperienza nelle operazioni doganali e alla logistica di UPS, l export non avrà più segreti per voi. Compilare

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE Sommario: - 1- Norme di carattere generale. 2. Norme di carattere particolare. 3. Procedure richieste per le esportazioni in Egitto. 3.1. Norme di carattere

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 29 aprile 6, 13, 14, 20, 22, 27 e 29 maggio 2010 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo L

Dettagli

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007)

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) 1 Regime d importazione e legislazione Il regime d'importazione in Germania è quello previsto dalla

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 66/ 14 DEL 27.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 66/ 14 DEL 27.11.2008 DELIBERAZIONE N. 66/ 14 Oggetto: Decreto interministeriale 13 novembre 2007 e art. 8 della legge 25 febbraio 2008, n. 34 - Attribuzione nuove funzioni all Agenzia ARGEA Sardegna ai sensi dell art. 7, comma

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ACCORDO BILATERALE SVIZZERA/UE SUI PRODOTTI AGRICOLI L'accordo del 21 giugno 1999, fra la Confederazione Svizzera e la Comunità

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. La fattura

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. La fattura Albez edutainment production Economia Aziendale I La fattura 1 La fattura E il principale documento della compravendita ed attesta l avvenuta esecuzione del contratto da parte dell impresa venditrice e

Dettagli

Esportare prodotti alimentari negli Stati Uniti d America (USA)

Esportare prodotti alimentari negli Stati Uniti d America (USA) Esportare prodotti alimentari negli Stati Uniti d America (USA) Premesse esportazione prodotti agroalimentari Negoziati in corso per Accordi bilaterali UE USA (tutela DOP e IGP, riconoscimento attività

Dettagli

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE Norme e regolamenti Contratti Diritto e Giurisdizione Termini di consegna Termini di pagamento, finanziamenti, assicurazioni Documentazione Confezionamento NORME

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

_OTIM. Invio restante documentazione dogana estera a chiara.rossolimo@otim.it / federica.calio@otim.it: 22 settembre

_OTIM. Invio restante documentazione dogana estera a chiara.rossolimo@otim.it / federica.calio@otim.it: 22 settembre BRAND ITALY 2014 dal 10 al 12 Novembre 2014 Doha, Qatar Facciamo riferimento all oggetto e ci permettiamo di contattarvi per la spedizione dei vs. materiali destinati alla manifestazione di cui sopra,

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

Modalità di ingresso nel mercato

Modalità di ingresso nel mercato Modalità di ingresso nel mercato alimentare cinese. Gli strumenti: etichettatura dei prodotti. 11 Ottobre 2012 Bari 1 Chi siamo Lo Studio Picozzi & Morigi è stato fondato nel 1976 dagli avvocati Alessandro

Dettagli

EGITTO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU.

EGITTO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU. EGITTO NORMATIVE In Egitto sono presenti delle zone franche. Sul piano doganale sono considerate come esterne al paese. Queste zone sono sia pubbliche che private Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione

Dettagli

Stato di Operatore Economico Autorizzato. Pre audit per la richiesta della certificazione AEO

Stato di Operatore Economico Autorizzato. Pre audit per la richiesta della certificazione AEO Avv. Danilo Desiderio International Trade & Customs Regulation Piazza Garibaldi, 12/B 83100 Avellino (AV) - Italy Tel./Fax. 00.39.0825.26813 email: d.desiderio@ddcustomslaw.com web site: www.ddcustomslaw.com

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE 1 DHL Express (Italy) s.r.l. Marketing 062014 LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE Tra i Paesi dell Asia orientale, dopo la Cina, il Giappone

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Premessa Analisi iniziale Pre-assessment modifiche Il percorso per

Dettagli

PONY EXPRESS ROMA. Condizioni generali di trasporto

PONY EXPRESS ROMA. Condizioni generali di trasporto PONY EXPRESS ROMA Condizioni generali di trasporto Le presenti Condizioni Generali (di seguito CGS ) che costituiscono attuazione delle condizioni generali per l espletamento del servizio postale universale

Dettagli

MILANO 24 marzo 2014. Road show per l internazionalizzazione

MILANO 24 marzo 2014. Road show per l internazionalizzazione MILANO 24 marzo 2014 Road show per l internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 14 19 23 28 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti della Puglia Focus Bari Documenti e formalità per le

Dettagli

20 anni al servizio. delle imprese. alimentari. consulenti e comunicatori della qualità alimentare

20 anni al servizio. delle imprese. alimentari. consulenti e comunicatori della qualità alimentare 20 anni al servizio delle imprese alimentari consulenti e comunicatori della qualità alimentare i numeri di TQF 150.000 le norme alimentari monitorate, interpretate e aggiornate nel mondo 147 5.000 i servizi

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA 1. PREMESSA Vademecum Versione RV_01_10/03/09 1.1 Generalità Il presente vademecum intende supportare le aziende svizzere che

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE

ISTRUZIONI OPERATIVE ISTRUZIONI OPERATIVE CERTIFICAZIONI SANITARIE CERTIFICATO PRE EXPORT: - richiesto in genere per l esportazione verso la Federazione Russa; - modello ufficiale (reperibile sul sito http://www.salute.gov.it/veterinariainternazionale

Dettagli

USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera

USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera APPLICATIVO NSIS USMAF: Gestione cruscotti di ricerca DGPRE Ufficio III Roma, 21 FEBBRAIO 2013 GESTIONE CRUSCOTTI NSIS-USMAF CRUSCOTTO REGISTRO CERTIFICATI;

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto l articolo 1, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, (di seguito: legge finanziaria 2007) ed in particolare:

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D 1 C o r e a d e l S u d G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a B

Dettagli

KENYA NORMATIVA. Le regole relative all emissione e utilizzazione di questi documenti sono precisate nell allegato X.

KENYA NORMATIVA. Le regole relative all emissione e utilizzazione di questi documenti sono precisate nell allegato X. KENYA NORMATIVA Il Kenia è membro del COMESA (Common Market for Eastern and Southern Africa) http://comesa.int che ha messo in pratica una zona di libero scambio tra 11 dei 19 paesi membri che si apprestano

Dettagli

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore del vino Gennaio 2013 Ufficio di Oslo Inkognitogata 7 N-0244 Oslo T + 47 23 13 16 30 F +47 23 13 16 31 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

Etichettatura degli additivi

Etichettatura degli additivi LABORATORIO CHIMICO CAMERA COMMERCIO TORINO Etichettatura degli additivi Laura Bersani Novara 7 dicembre 2011 laura.bersani@lab-to.camcom.it Miglioratori alimentari (food improvement agents package) Reg

Dettagli

BARI 12 febbraio 2014. Road show per l internazionalizzazione

BARI 12 febbraio 2014. Road show per l internazionalizzazione BARI 12 febbraio 2014 Road show per l internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 14 19 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti della Puglia Focus Bari Documenti e formalità per le cessioni

Dettagli

MANTOVA 11 giugno 2014. Road show per l internazionalizzazione

MANTOVA 11 giugno 2014. Road show per l internazionalizzazione MANTOVA 11 giugno 2014 Road show per l internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 14 19 23 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti della Lombardia Focus Mantova Documenti e formalità per

Dettagli

Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero

Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero (Ordinanza sul sostegno del prezzo del latte, OSL) 916.350.2 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 febbraio 2002) Il Consiglio

Dettagli

Il movimento internazionale delle merci

Il movimento internazionale delle merci Il movimento internazionale delle merci Pianificazione fiscale e doganale Nuovo Codice Doganale dell Unione Regolamento UE n. 952/2013 Milano, 11 e 12 marzo 2014 Grand Hotel et de Milan Relatori Avv. Giuseppe

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia

Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia 1. La valutazione della conformità di prodotto nell ambito del sistema GOST R La certificazione di prodotti è una forma di conferma della qualità. La

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI SERVIZIO PACCOCELERE INTERNAZIONALE

CONDIZIONI GENERALI DI SERVIZIO PACCOCELERE INTERNAZIONALE Validità a partire dal: 24 Agosto 2010 CONDIZIONI GENERALI DI SERVIZIO PACCOCELERE INTERNAZIONALE Le presenti Condizioni Generali di Servizio, che si compongono di 14 articoli, disciplinano il Servizio

Dettagli

Tariffe per spedire vino con Poste italiane e corriere

Tariffe per spedire vino con Poste italiane e corriere Tariffe per spedire vino con Poste italiane e corriere Normativa e tariffe per spedire vino in italia con Poste italiane e corriere espresso Bartolini e all estero con UPS. Tariffe e restrizioni per spedire

Dettagli

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo

Dettagli

Dichiarazione della merce ai fini doganali

Dichiarazione della merce ai fini doganali Firma del Mittente... Firma del Mittente... Firma del Mittente... Firma del Mittente... Firma del Mittente... Copia per l ufficio di accettazione - DICHIARAZIONE DELLA MERCE AI FINI DOGANALI - Mod.05411B

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

REGISTRI AZIENDALI LINEE GUIDA

REGISTRI AZIENDALI LINEE GUIDA Organismo di Controllo autorizzato con D.M. del MIRAAF n. 9697170 del 18/12/1996 in applicazione del Reg. CEE n. 834/2007 Via Don L. Milani, 4-95048 - Scordia/CT Tel.: (+39) 095 650716 / 095 650634 - Fax:

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS

Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS Milano 19 aprile 2011 1 Il mercato Il mercato della Federazione Russa e quelli dei paesi che costituiscono il CIS, da almeno 10 anni offrono ottime opportunità

Dettagli

ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010

ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010 ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010 INFORMAZIONI GENERALI SPEDIZIONIERE UFFICIALE, BROKER DOGANALE E SERVIZI DI HANDLING : Fairs & Exhibitions Dept Milano

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI INTRODUZIONE Per accedere al servizio di raccolta rifiuti agricoli è necessario stipulare una convenzione con Alisea Spa. Tale convenzione

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA Incoming operatori esteri al CIBUS 2014 Parma 5-8maggio 2014 Questa indagine è stata realizzata dall ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione

Dettagli

REV. 1 ISPGMBGE01.001. ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÁ Pag. 1 di 25. Gruppo di Lavoro:

REV. 1 ISPGMBGE01.001. ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÁ Pag. 1 di 25. Gruppo di Lavoro: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÁ Pag. 1 di 25 Gruppo di Lavoro: Dott.ssa Graziella Morace Sig. Francesco Toscano Dott.ssa Ida Luzzi Dott. Giulio Pisani Dott. Ing. Sergio Sbrenni ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÁ

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI. Overview:

IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI. Overview: IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI Overview: La prima settimana di Aprile si è svolta a Verona la 47 edizione del VINITALY che ha registrato 148.000 (+6% rispetto lo scorso anno) dei quali 50.000 esteri

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore agroalimentare Ottobre 2010 Ufficio di Oslo Henrik Ibsens gate 60A N-0255 Oslo T + 47 22 54 05 40 F +47 22 54 05 41 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Urbana Gaiotto Marzo 2004 L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Comunità Europea dei 15: Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia

Dettagli

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER Avvertenze I dati utilizzati sono gli ultimi disponibili, eccetto ove indicato. Le fonti sono istituti statistici

Dettagli

Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO

Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO IMPRESA E MERCATO Gestire l impresa come un sistema complesso IMPRESA E STRATEGIA Analizzare le opportunità di miglioramento dei risultati Fonte: Ansoff

Dettagli

Coniugare la qualità con il mercato: i nuovi sistemi di certificazione sotto accreditamento

Coniugare la qualità con il mercato: i nuovi sistemi di certificazione sotto accreditamento Coniugare la qualità con il mercato: i nuovi sistemi di certificazione sotto accreditamento Cremona 22 Ottobre 2014 Francesco Santini Responsabile Area Agroalimentare Dipartimento Certificazione & Ispezione

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in C A N A D A

il mercato dei prodotti agroalimentari in C A N A D A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in C A N A D A 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a F r a n c i a m a g

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Hong Kong Scheda Paese

Hong Kong Scheda Paese Hong Kong Scheda Paese marzo 2013 Per ogni approfondimento, contattare: ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Area Agroalimentare Linea Agroindustria

Dettagli

Roma, 24 dicembre 2004. CIRCOLARE n. 80/D. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c.

Roma, 24 dicembre 2004. CIRCOLARE n. 80/D. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c. Roma, 24 dicembre 2004 Protocollo: 3933 Rif.: Allegati: 1 CIRCOLARE n. 80/D Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, p.c. Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane.

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane. TURCHIA NORMATIVE Documenti di spedizione Oltre la dichiarazione doganale (DAU) usualmente richiesta per tutte le spedizioni (salvo all`interno dell`unione europea), le spedizioni destinate alla Turchia

Dettagli

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana FORUM FOOD & MADE IN ITALY NUOVI SCENARI PER L'AGROALIMENTARE Milano, 30 GIUGNO 2015 Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana AGENDA Introduzione Etichettatura: l evoluzione

Dettagli

3) Contratto d'acquisto Nelle ordinazioni sul sito www.sergiobiciclette.it il cliente stipula il contratto con:

3) Contratto d'acquisto Nelle ordinazioni sul sito www.sergiobiciclette.it il cliente stipula il contratto con: CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ONLINE INFORMAZIONI GENERALI 1) Contatto 2) Coordinate Bancarie 3) Contratto d acquisto 4) Servizio clienti 5) Garanzia 6) Documento d'accompagnamento della merce 7) Contenuti

Dettagli

Scegliete FedEx per le vostre importazioni

Scegliete FedEx per le vostre importazioni Scegliete FedEx per le vostre importazioni 1 Questo documento è protetto da copyright ed il suo marchio è registrato sotto la normativa americana ed internazionale vigente. Tutti i diritti sono riservati.

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Misure urgenti per il miglioramento del sistema di controllo come disciplinato agli artt. 27 e seguenti del Reg. (CE) n. 834/2007 e relativi regolamenti di applicazione. VISTO il Reg. (CE) n. 834/2007

Dettagli

MANTOVA EXPORT LISTINO SERVIZI. riservato ai Soci di Mantova Export

MANTOVA EXPORT LISTINO SERVIZI. riservato ai Soci di Mantova Export LISTINO SERVIZI 2007 TARIFFE IN VIGORE DAL 01.03.2007 riservato ai Soci di Mantova Export Export Check-Up Il check-up fornisce all impresa un concreto aiuto nella valutazione delle aree critiche dell ufficio

Dettagli

La nuova Unione Doganale

La nuova Unione Doganale SCHEDA CORCIULO La nuova Unione Doganale L Unione Doganale di Russia, Bielorussia e Kazakistan è uno spazio economico comune, creato nel 2010 ispirandosi all Unione Europea. Andamento export Italia verso

Dettagli

IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS

IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS Alessandro Marino Segretario Generale Camera di Commercio Italo-Tedesca IMPORT TEDESCO ALIMENTARE Altri 33,3% Paesi Bassi 18,7%

Dettagli

Regolamento. Premessa. Articolo 1. Gli Affiliati

Regolamento. Premessa. Articolo 1. Gli Affiliati Regolamento Premessa Premesso che il contenuto del documento Informazioni utili per affiliarsi al Sicilia Convention Bureau fa integralmente parte del presente Regolamento, si sottolinea: - che la missione

Dettagli