IVIE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SUGLI IMMOBILI Breve analisi dell imposta sugli immobili situati all estero

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IVIE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SUGLI IMMOBILI Breve analisi dell imposta sugli immobili situati all estero"

Transcript

1 MAP IVIE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SUGLI IMMOBILI Breve analisi dell imposta situati all estero A decorrere dal 2012, la detenzione, da parte di persone fi siche residenti in Italia, di immobili situati all estero comporta l assoggettamento all I- VIE, la cui disciplina normativa caratterizzata da signifi cative analogie con l IMU ha recentemente subito ripetute modifi cazioni. Con l art. 19, co del decreto salva-italia (D. L. 06/12/2011, n. 201, convertito in L. 22/12/2011, n. 214), il legislatore ha introdotto nell ordinamento nazionale una imposta sul valore degli immobili detenuti all estero dalle persone fi siche residenti in Italia (IVIE) 1. Successivamente, la norma ha subito una serie di modifi cazioni, dapprima ad opera del D.L. 02/03/2012, n. 16 (poi convertito in L. 26/04/2012, n. 44), e quindi da parte della legge di stabilità per il 2013 (L. 24/12/2012, n. 228); quest ultima, in particolare, ha disposto il differimento dell applicazione dell imposta al periodo 2012, ed ha introdotto alcuni correttivi volti a prevenire eventuali censure in merito a possibili profi li discriminatori della disciplina. 1 Contestualmente, i commi del medesimo articolo hanno istituito una imposta sul valore delle attività fi nanziarie detenute all estero da persone fi siche residenti in Italia (IVAFE). 8

2 Nel contempo, con il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate in data 5 giugno 2012 sono state emanate le disposizioni attuative dell art. 19; l Amministrazione finanziaria ha altresì fornito i propri chiarimenti con le Circolari 02/07/2012, n. 28/E, n. 12/E del 03/05/2013 e n. 13/E del 09/05/2013 (queste ultime attengono, in particolare, alle modifi cazioni apportate dalla legge di stabilità ). L imposta sul valore degli immobili detenuti all estero è dovuta dalle persone fisiche residenti in Italia che risultino titolari di diritti reali su beni immobili localizzati fuori del territorio nazionale. Dal punto di vista sistematico, nella prospettiva del legislatore l introduzione dell imposta risponde ad esigenze di equità, al fi ne di sottoporre a tassazione la detenzione di immobili esteri, così come quelli siti in Italia sono assoggettati all IMU; più in particolare, secondo l Amministrazione fi nanziaria, l IVIE presenta molteplici analogie proprio con l IMU, sicché alcune delle disposizioni vigenti per quest ultima possono essere estese anche all IVIE, per ragioni di coerenza e di uniformità di trattamento 2. Sotto il profi lo soggettivo, la residenza in Italia ai fi ni fi scali costituisce condizione suffi ciente per l assoggettamento all imposta di una persona fi sica, mentre resta sostanzialmente irrilevante la cittadinanza del contribuente 3. La sussistenza del requisito della residenza deve essere valutata sulla base delle ordinarie regole di cui all art. 2, co. 2-bis, TUIR, in merito alle quali va ricordato che: a) l Amministrazione fi nanziaria può disconoscere l effi cacia del trasferimento all estero della residenza di un cittadino italiano qualora sia in grado di provarne il carattere fi ttizio, nonostante la cancellazione dell interessato dall anagrafe della popolazione residente e la sua iscrizione all A.I.R.E.; b) nel caso in cui il contribuente trasferisca la residenza in Stati o territori con regime fi scale privilegiato 4, l onere della prova è invertito (i.e., compete al contribuente provare l effettività della propria residenza estera). 2 Così come avviene per l IMU, l IVIE è sostitutiva dell IRPEF con riferimento agli immobili esteri adibiti ad abitazione principale (vedasi infra) nonché a quelli tenuti a disposizione (quest ultima previsione è stata introdotta dalla legge di stabilità al fi ne di assicurare una effettiva equiparazione del trattamento degli immobili esteri rispetto a quelli domestici assoggettati ad IMU). Un possibile profi lo discriminatorio permane nel senso che il tributo non si applica ai soggetti diversi dalle persone fi siche, i quali invece restano assoggettati all IMU con riferimento agli immobili detenuti in Italia. 3 In linea di principio, pertanto, sono soggetti all imposta i cittadini stranieri fi scalmente residenti in Italia ivi compresi i c.d. inbound expatriates, ossia gli stranieri temporaneamente residenti per ragioni lavorative mentre ne sono esclusi i cittadini italiani fi scalmente residenti all estero. 4 Si veda la black list di cui al D.M. Finanze 04/05/

3 L imposta si applica situati all estero, detenuti: a) a titolo di proprietà; b) sulla base di altro diritto reale, in particolare di diritti corrispondenti a quelli di usufrutto 5, uso, abitazione, enfiteusi o superfi cie 6 ; c) in concessione (soggetto passivo dell imposta è il concessionario, per l intera durata della concessione); d) sulla base di contratti di locazione finanziaria (soggetto passivo dell imposta è il locatario, per l intera durata del contratto, anche nel caso in cui l immobile sia da costruire o in corso di costruzione). In caso di contitolarità, ciascuno dei detentori è debitore dell imposta per la quota di propria competenza. L IVIE è dovuta: - indipendentemente dalle modalità di acquisizione degli immobili; sono pertanto soggetti anche quelli pervenuti per successione o donazione; - a prescindere dalla relativa destinazione di uso; sono quindi soggetti anche gli immobili strumentali per natura o per destinazione, utilizzati in attività d impresa o di lavoro autonomo. Quanto alla localizzazione all estero, l Amministrazione fi nanziaria ha espressamente precisato che sono assoggettati ad IVIE anche gli immobili oggetto di sanatoria mediante lo scudo fi scale, sia nella forma della regolarizzazione che del rimpatrio giuridico, sebbene questi ultimi siano da qualifi carsi come di fatto in Italia, secondo quanto indicato nella Circolare n. 45/E/2010. Presupposti soggettivi I detentori degli immobili devono essere: - persone fisiche - residenti in Italia (art. 2, TUIR) Presupposti oggettivi Immobili situati all estero Titolo di detenzione dell immobile: - proprietà - altri diritti reali immobiliari (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, ecc...) - concessione - locazione finanziaria 5 Se due contribuenti residenti sono rispettivamente titolari dell usufrutto e della nuda proprietà su un medesimo immobile estero, soggetto passivo d imposta è esclusivamente il titolare del diritto di usufrutto (cfr. Circolare n. 28). 6 Secondo la Circolare n. 28, ai fi ni dell individuazione dei diritti reali che attribuiscono ai loro titolari l obbligo passivo dell imposta, si deve fare riferimento agli analoghi istituti previsti negli ordinamenti esteri in cui l immobile è ubicato. Tale analisi va condotta sulla base di indici e criteri sostanziali piuttosto che formali: ad esempio, posto che l istituto del leasehold, previsto nei paesi di tradizione anglosassone, presenta maggiori analogie con i diritti reali come disciplinati dall ordinamento italiano (in particolare, con l usufrutto), piuttosto che con il diritto di locazione, si ritiene che in tal caso sono tenuti al pagamento dell imposta in questione i titolari di tale diritto. 10

4 Oltre che nel caso di possesso diretto dell immobile da parte del contribuente, l imposta si applica altresì laddove esso sia detenuto tramite entità giuridiche (quale che ne sia la natura: società, fondazioni, trust, ecc ) operanti quali meri soggetti interposti, secondo le indicazioni a suo tempo espresse dall Amministrazione con la Circolare 99/E/ : in tali circostanze, infatti, la disponibilità effettiva dei beni è da riconoscersi in capo a persone fi siche residenti in Italia. Nel caso specifi co di immobili oggetto di contratti di amministrazione con una società fi duciaria, secondo le indicazioni dell Amministrazione è quest ultima a dover versare l imposta dovuta dal contribuente, ricevendo apposita provvista da parte dello stesso 8. L individuazione della base imponibile rappresenta il profi lo di maggiore complessità per l applicazione dell imposta, sia perché le relative modalità di calcolo si differenziano a seconda del Paese nel quale l immobile è localizzato, sia perché la normativa individua una molteplicità di criteri da applicare in via alternativa e reciprocamente subordinata. Per gli immobili situati nei Paesi dell Unione Europea, nonché in Norvegia ed Islanda 9, il valore da assumere quale base imponibile è quello catastale, così come utilizzato, nel Paese in questione, ai fi ni della liquidazione delle imposte patrimoniali e di quelle sui redditi fondiari 10. Per valore catastale, in base alle indicazioni dell Amministrazione, si deve intendere il valore dell immobile preso a base per la determinazione delle imposte ivi dovute ; è quindi preclusa la possibilità di fare riferimento ad importi espressivi del solo reddito medio ordinario dell immobile (di fatto equivalenti alla rendita catastale di cui al sistema impositivo italiano). Una tale rendita catastale può essere utilizzata solo se la normativa in vigore nel Paese interessato contempla come avviene nella determinazione della base imponibile IMU l applicazione di meccanismi di moltiplicazione e rivalutazione analoghi a quelli previsti dalla legislazione italiana. 7 In tale occasione, a titolo di esempio, è stata qualifi cata come soggetto interposto una società localizzata in un Paese avente fi scalità privilegiata, non soggetta ad alcun obbligo di tenuta delle scritture contabili, in relazione alla quale lo schermo societario appare meramente formale. Quanto ai trust, si rinvia alle ulteriori e specifi che indicazioni fornite con la Circolare 61/E/ La fi duciaria deve altresì indicare i dati complessivi relativi ai versamenti dell imposta nella propria dichiarazione Modello 770 ordinario, fornendo i dati di ciascun contribuente nonché le indicazioni circa l ammontare dell imposta riferibile agli stessi. 9 Paesi aderenti al SEE (Spazio economico europeo), che garantiscono un adeguato scambio di informazioni ai fi ni fi scali. 10 Come indicato dalla Circolare n. 28, se ad uno stesso immobile sono attribuibili più valori catastali diversi, rispettivamente ai fi ni delle imposte reddituali e delle imposte patrimoniali, deve essere preso in considerazione quello utilizzabile ai fi ni di queste ultime, ivi comprese quelle di competenza di enti locali e territoriali. 11

5 In mancanza di un valore catastale come sopra inteso, la base imponibile dell IVIE è invece costituita: a) dal valore risultante dall atto di acquisto dell immobile acquisito in proprietà; b) dal costo di costruzione sostenuto, purché documentato, nel caso di immobili in costruzione; c) dal costo complessivamente sostenuto per l acquisizione degli altri diritti reali di godimento, quale risultante dai relativi contratti; d) con riferimento agli immobili acquisiti per successione o donazione, dal valore indicato nella dichiarazione di successione, nei corrispondenti atti registrati ovvero negli altri atti con analoghe fi nalità previsti dagli ordinamenti esteri interessati. Soltanto nell eventualità in cui non sia possibile documentare i costi storici di acquisizione dei beni come sopra specifi cati, il contribuente deve fare riferimento al valore di mercato rilevato al termine di ciascun anno, determinato sulla base della media dei valori risultanti dai listini elaborati da organismi, enti o società operanti nel settore immobiliare locale. Un meccanismo correttivo, al fi ne di perequare le possibili disomogeneità fra soggetti che abbiano acquisito immobili in periodi diversi 11, può essere applicato nel caso in cui la normativa locale: a) preveda un valore espressivo del reddito medio ordinario; e b) non contempli meccanismi di moltiplicazione e rivalutazione analoghi a quelli previsti dalla normativa italiana. In tali circostanze, è rimessa al contribuente la facoltà di optare, in alternativa alle modalità ordinarie sopra individuate, per l utilizzo di una base imponibile virtuale risultante dall applicazione, al suddetto reddito medio ordinario, dei coeffi cienti moltiplicativi ai fi ni IMU, tenuto altresì conto delle eventuali rettifi che previste dalla legislazione locale Si pensi alla fattispecie di due soggetti detentori di immobili identici, siti nello stesso luogo, ma acquistati, ad esempio, rispettivamente nel 1980 per l equivalente di e nel 2008 per : in mancanza del correttivo, nei due casi l imposizione sarebbe marcatamente differente, per il solo fatto del (diverso valore economico del bene nel) diverso momento di acquisto. 12 In proposito, la prassi dell Amministrazione richiama il caso degli immobili siti in Francia, ove, ai fi ni della liquidazione della taxe foncière, si applica un valore locativo catastale presunto abbattuto del 50%. 12

6 In calce alla Circolare n. 28 sono distintamente elencati: - i Paesi europei per i quali si deve assumere quale base imponibile dell IVIE il valore catastale dell immobile utilizzato ai fi ni dell assolvimento delle imposte locali; - quelli per i quali detto valore non è previsto dalla normativa estera, e si deve pertanto fare riferimento al costo di acquisto o, in assenza, al valore di mercato. In questa seconda categoria di Paesi rientrano, in sostanza, Belgio, Francia, Irlanda e Malta; in relazione agli immobili ivi posseduti il contribuente potrà fare ricorso, a propria scelta, al valore ottenuto moltiplicando il reddito medio ordinario eventualmente previsto dalle legislazioni locali, per i coeffi cienti IMU. In generale, se un immobile non è più posseduto al 31/12 dell anno di riferimento, il valore da assumere per la determinazione dell imposta è quello rilevato al termine del periodo di detenzione. Il processo di individuazione della base imponibile può essere così schematizzato: Immobili siti nella UE/SEE 1. valore catastale in base alla normativa locale 2. in mancanza: costo di acquisto (ovvero reddito medio per coefficienti IMU) 3. in mancanza: valore di mercato Immobili siti fuori dalla UE/SEE 1. costo di acquisto 2. in mancanza: valore di mercato Immobili acquisiti per successione/donazione 1. valore indicato negli atti di successione/donazione 2. in mancanza: costo di acquisto/costruzione sostenuto dal dante causa 3. in mancanza: valore di mercato Il principio generale per gli immobili diversi da quelli di cui al precedente paragrafo è che il valore imponibile è costituito dal costo storico di acquisizione adeguatamente documentato, ossia, come già sopra indicato: a) dal costo di acquisto; b) dal costo di costruzione; c) dal costo sostenuto per l acquisizione degli altri diritti reali di godimento; d) dal valore indicato negli atti di successione o donazione. 13

7 Anche in questo caso, l impossibilità di documentare i costi storici impone l applicazione del valore di mercato rilevato al termine del periodo di imposta. L aliquota ordinaria dell IVIE è stabilita nella misura dello 0,76%, analoga all aliquota ordinaria dell IMU. La determinazione dell imposta dovuta avviene in proporzione, oltre che alla quota di titolarità del diritto di proprietà o altro diritto reale, alla durata, in mesi, per cui tale diritto si è protratto nel corso del periodo di imposta di riferimento, assunta con le medesime convenzioni previste per l IMU (il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno quindici giorni è computato per intero). Il decreto istitutivo ha peraltro previsto una soglia di esenzione per gli immobili il cui valore complessivo non superi , cui corrisponde una imposta teorica pari a 200, che rappresenta l ammontare al di sotto del quale l imposta non è dovuta 13. Al fi ne di evitare fenomeni di doppia imposizione, ai contribuenti viene riconosciuto un credito d imposta pari all importo dell eventuale imposta patrimoniale sull immobile versata, nell anno di riferimento, nello Stato estero in cui è sito il bene interessato; il credito è determinato sulla base del principio di cassa, e pertanto spetta anche con riferimento ai pagamenti effettuati in relazione a periodi d imposta precedenti. Non concorrono, in ogni caso, a formare tale credito le imposte locali corrisposte in relazione all utilizzo abitativo dell immobile 14, in quanto di fatto costituenti non un tributo patrimoniale ma una sorta di corrispettivo per la fruizione dei servizi forniti dalle amministrazioni locali. Nel solo caso degli immobili localizzati nell Unione Europea o nel SEE, dall IVIE può essere detratta, in aggiunta, la quota di imposte reddituali estere pagate, laddove eccedente la quota scomputabile ai sensi dell art. 165, TUIR. In ogni caso, i crediti di imposta spettanti non possono eccedere l IVIE dovuta ma, al più, azzerarla. Per poter benefi ciare delle suddette detrazioni, i contribuenti devono disporre della documentazione attestante l avvenuto versamento, nel 13 Per verifi care l applicabilità della soglia di esenzione, l imposta teorica di 200 va calcolata senza tenere conto delle eventuali detrazioni e crediti di imposta spettanti. 14 Ad esempio, non potrà essere detratta dall IVIE la taxe d habitation applicata in Francia. 14

8 periodo di riferimento, delle imposte patrimoniali e reddituali relative agli immobili soggetti ad IVIE. Una specifica agevolazione è riconosciuta ai soggetti detentori di immobili situati all estero adibiti ad abitazione principale 15. Per tali beni opera una sostanziale equiparazione rispetto al trattamento previsto ai fi ni dell IMU; infatti: a) l IVIE si applica con l aliquota ridotta dello 0,4%; b) compete una detrazione per abitazione principale dell ammontare di 200 annui, fi no a concorrenza dell importo dell imposta dovuta 16 ; c) la suddetta detrazione è maggiorata, per gli anni 2012 e 2013, di 50 per ciascun fi glio di età non superiore a 26 anni, residente ed abitualmente dimorante nell immobile. Tale regime di favore opera a condizione che il medesimo contribuente non possieda in Italia un immobile per il quale già fruisca delle corrispondenti agevolazioni previste ai fi ni IMU. Inoltre, in ulteriore analogia a quanto previsto in tema di IMU: - se l unità immobiliare estera è adibita ad abitazione principale da più contribuenti, le detrazioni spettano, proporzionalmente alla quota di possesso, a tutti i contitolari; - se l unità immobiliare estera è adibita ad abitazione principale solo per una parte del periodo di imposta, le agevolazioni (aliquota ridotta e detrazioni) si applicano pro rata temporis, limitatamente alla durata di tale destinazione; - il beneficio dell aliquota ridotta è riconosciuto anche con riferimento alle eventuali pertinenze dell abitazione principale Nella formulazione della norma anteriore alle modifi che apportate dalla legge di stabilità, l agevolazione era riconosciuta esclusivamente a favore dei soggetti che prestano lavoro all estero, la cui residenza fi scale è stabilita in Italia in base a specifi che norme di legge, in deroga ai criteri generali dell art. 2, TUIR. (ad esempio, i dipendenti dello Stato che svolgono la propria attività all estero). L effettivo ambito di applicazione dell agevolazione sarà presumibilmente piuttosto ristretto, essendo in concreto poco frequente l utilizzo di un immobile all estero quale abitazione principale con contestuale mantenimento della residenza fi scale in Italia (ad esempio perché il contribuente ha conservato l iscrizione anagrafi ca in Italia). 16 In questo caso, non trova applicazione la soglia di esenzione di 200 accordata a fronte dell applicazione dell aliquota IVIE ordinaria dello 0,76%. 17 Una sola pertinenza per ciascuna categoria (magazzini e locali di deposito; stalle, rimesse e autorimesse; tettoie). 15

9 La liquidazione dell IVIE avviene attraverso la compilazione di una apposita sezione del quadro RM del Modello UNICO PF, denominata Imposta su immobili situati all estero 18. La legge di stabilità ha disposto il differimento al periodo di imposta 2012 della decorrenza dell IVIE 19 ; di conseguenza, gli importi nel frattempo già corrisposti dai contribuenti in forza della previgente normativa vengono riqualifi cati come acconti a valere su quanto dovuto per il Ai fi ni del versamento (nonché dell accertamento), si applicano le disposizioni previste per le imposte sui redditi; pertanto: - l imposta va versata a mezzo delega di pagamento modello F24, entro il termine previsto per il saldo IRPEF dell anno di riferimento; - si applica il medesimo sistema di versamenti in acconto ed a saldo operante per l IRPEF 21 ; - l imposta può essere versata in forma rateale e può essere compensata; l eventuale eccedenza a credito risultante dalla dichiarazione può,a propria volta, essere utilizzata in compensazione di altri tributi; - per i tardivi o omessi versamenti si applica la sanzione del 30% dell importo dovuto (salvo il caso di infedele dichiarazione); è applicabile l istituto del ravvedimento operoso. I codici tributo da utilizzare per i versamenti sono riepilogati nella Risoluzione 19/04/2013, n. 27/E. 18 In presenza di importi denominati in valute diverse dall euro, la conversione va operata in base ai tassi di cambio di cui agli appositi Provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate ex art. 4, D.L. 28/06/1990, n Laddove l IVIE non sia dovuta in quanto spetta l esenzione per l imposta di ammontare non superiore ad 200, non è necessario indicare i dati relativi all immobile nel quadro RM del Modello UNICO; permane tuttavia l obbligo di compilazione del modulo RW, ai fi ni del monitoraggio fi scale. In generale, potranno aversi divergenze tra i valori indicati nel quadro RM e quelli indicati nel modulo RW; ad esempio, un immobile valorizzato ai fi ni IVIE in base al valore catastale estero, nel modulo RW andrà comunque indicato al relativo costo di acquisto. 19 In proposito si veda altresì la Circolare n. 13/E/2013, par L originaria decorrenza dal 2011 avrebbe potuto essere qualifi cata come discriminatoria rispetto a quanto previsto per la corrispondente imposta domestica (l IMU). 20 Come chiarito dalla Circolare n. 12/E/2013, non si applicano sanzioni per omessi versamenti nel caso in cui non sia stato eseguito, in tutto o in parte, il versamento delle imposte originariamente dovute per il periodo di imposta Cfr. Circolare n. 12/E/

10 ELENCO PAESI UE E SEE PAESE IMPOSTA PRESA A RIFERIMENTO AI FINI DELLA IMPOSTE PATRIMONIALI DETRAIBILI DETERMINAZIONE DEL VALORE DELL IMMOBILE AUSTRIA Grundsteuer Grundsteuer BELGIO - Précompte immobilier/ Onroerende Voorheffing BULGARIA Danak varhu nedvizhimite imoti Danak varhu nedvizhimite imoti (Данък върху недвижимите имоти) (Данък върху недвижимите имоти) CIPRO Foros akinitis periousias (Φόρος Ακίνητης Περιουσίας) Foros akinitis periousias (Φόρος Ακίνητης Περιουσίας) DANIMARCA Lov om statslig, kommunal og amtskommunal ejendomsværdiskat; Kommunal og amtskommunal grundskyld Lov om statslig, kommunal og amtskommunal ejendomsværdiskat; Kommunal og amtskommunal grundskyld ESTONIA Maamaks Maamaks FINLANDIA Kiinteistövero/ Fastighetsskatt Kiinteistövero/ Fastighetsskatt FRANCIA - Tax foncière; - Impôt de Solidarité sur la Fortune GERMANIA Grundsteuer Grundsteuer GRECIA Foros akinitis periousias (Φόρος Ακίνητης Περιουσίας) Foros akinitis periousias (Φόρος Ακίνητης Περιουσίας) IRLANDA - The rates ISLANDA Fasteignagjöld Fasteignagjöld LETTONIA Nekustamā īpašuma nodoklis Nekustamā īpašuma nodoklis LITUANIA Nekilnojamojo turto mokestis Nekilnojamojo turto mokestis LUSSEMBURGO Impôt foncier Impôt foncier MALTA - - NORVEGIA Eiendomsskatt Eiendomsskatt OLANDA Onroerendzaak belasting Onroerendzaak belasting POLONIA Podatek od nieruchomości Podatek od nieruchomości PORTOGALLO Imposto Municipal sobre Imóveis Imposto Municipal sobre Imóveis REGNO UNITO Council tax - REP. CECA Daň z nemovitostí Daň z nemovitostí ROMANIA Taxa pe cladiri Taxa pe cladiri SLOVACCHIA Dan z nehnutelnosti Dan z nehnutelnosti SLOVENIA Nadomestilo za uporabo stavbnega zemljišča; Davek na premoženje; Davek na nepremično premoženje večje vrednosti Nadomestilo za uporabo stavbnega zemljišča; Davek na premoženje; Davek na nepremično premoženje večje vrednosti SPAGNA Impuesto sobre Bienes Inmuebles Impuesto sobre Bienes Inmuebles SVEZIA Fastighetsskatt; Kommunal Fastighetsavgift Fastighetsskatt; Kommunal Fastighetsavgift UNGHERIA Epítményadò Epítményadò ELENCO ALTRI PAESI PAESE IMPOSTE PATRIMONIALI DETRAIBILI ARGENTINA Impuesto inmobiliario STATI UNITI Real Property Tax SVIZZERA Imposta sulla sostanza delle persone fisiche; Imposta immobiliare RUSSIA Nalog na imuschestvo fizicheskih litz (Налог на имущество физических лиц) 17

CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN MATERIA DI IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO IMPOSTA SUL VALORE DI IMMOBILI ESTERI (IVIE)

CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN MATERIA DI IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO IMPOSTA SUL VALORE DI IMMOBILI ESTERI (IVIE) Treviso, 06 luglio 2012 Circ. 07/2012 fisc. Ai Gentili Clienti Loro Sedi CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN MATERIA DI IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO Con pochi giorni di anticipo rispetto

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 2 luglio 2012. Prot.: 2012/97954 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 2 luglio 2012. Prot.: 2012/97954 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi di Capitale e Diversi Roma, 2 luglio 2012 Prot.: 2012/97954 Alle Direzioni regionali

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri Documento n. 13 La tassazione degli immobili esteri Febbraio 2013 LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI SOMMARIO: 1. Presupposto impositivo. 2. Soggetti passivi. 3. Base

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Incontri del Martedì

Incontri del Martedì Incontri del Martedì LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL'ESTERO Luciano Olivieri Dottore Commercialista Milano, 9 Aprile 2013 1 IVIE: Imposta sul Valore degli Immobili detenuti

Dettagli

IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE

IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE MAP IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE Analogamente a quanto previsto per i beni immobili, assoggettati all IVIE, a decorrere dal 2012 le persone fi siche residenti in Italia

Dettagli

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE-

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- MASSIMILIANO SIRONI 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

1. I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN MATERIA DI IMPOSTA SUL VALORE DI IMMOBILI ESTERI (IVIE)

1. I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN MATERIA DI IMPOSTA SUL VALORE DI IMMOBILI ESTERI (IVIE) Dario Dellacroce via Orazio Antinori n. 6 dottore commercialista 10128 TORINO revisore contabile consulente del giudice Telefono 011-50.91.524 Telefax 011-50.91.535 Alberto Miglia E-mail: info@dellacroceeassociati.it

Dettagli

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero"

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero Dott. Ciancianaini Riccardo Dottore Commercialista Revisore Contabile IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero" Londra, Venerdì 30

Dettagli

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE)

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) L IMPOSTA SUGLI IMMOBILI DETENUTI ALL ESTERO IVIE A decorrere dall 1.1.2011 è stata istituita l IVIE, imposta sul valore degli

Dettagli

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014.

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 146 21.05.2014 La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014 Quadro RL e RW Categoria: Unico Sottocategoria: Persone fisiche La proprietà o

Dettagli

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero Brevi appunti su IVIE ed IVAFE NORMATIVA DI RIFERIMENTO L'articolo 19 del DL 06/12/2011 n. 201 ha istituito: Decreto Legge Salva Italia

Dettagli

IMU INSERTO STACCABILE

IMU INSERTO STACCABILE IMU SCHEDE INFORMATIVE PER LA GUIDA AL CALCOLO DELL ACCONTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO 2012 valevole per il contribuente residente e dimorante nel Comune di Piazzola sul Brenta per il solo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

Oggetto: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN MATERIA DI IMPOSTA SUL VALORE DI IMMOBILI ESTERI (IVIE)

Oggetto: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN MATERIA DI IMPOSTA SUL VALORE DI IMMOBILI ESTERI (IVIE) Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN MATERIA DI IMPOSTA SUL VALORE DI IMMOBILI ESTERI (IVIE) Con pochi giorni di anticipo rispetto alla scadenza, l Agenzia

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA L art. 13 del Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011 cd Manovra Monti o decreto salva Italia convertito con modificazioni dalla Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 - ha anticipato l istituzione dell Imposta

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

Anno 2013 N.RF100. La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

Anno 2013 N.RF100. La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Anno 2013 N.RF100 ODCEC VASTO OGGETTO La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 9 RIFERIMENTI CM 12/2013 E 13/2013 - ART. 19 C. 13-23 DL 201/2011;

Dettagli

IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012

IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012 COMUNE DI RIVERGARO Provincia di Piacenza IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012 N.B.: IL CONSIGLIO COMUNALE DI RIVERGARO AD OGGI NON HA ADOTTATO ALCUN REGOLAMENTO SULLA

Dettagli

I.U.C. ( Imposta unica municipale )

I.U.C. ( Imposta unica municipale ) I.U.C. ( Imposta unica municipale ) La Legge 27/12/2013, n 147, ha istituito, con decorrenza 1 gennaio 2014, la IUC, Imposta comunale sugli immobili, composta da tre distinti tributi: IMU, TASI, TARI.

Dettagli

COMUNE DI ZERFALIU PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI ZERFALIU PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI ZERFALIU PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO-TRIBUTI Visto l art. 13 del D.L. 06.12.2011, n. 201, convertito in L. 22.12.2011,

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

COMUNE DI PETRELLA SALTO - INFORMATIVA - TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili Tributo Servizi Indivisibili Tributo Servizi Indivisibili

COMUNE DI PETRELLA SALTO - INFORMATIVA - TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili Tributo Servizi Indivisibili Tributo Servizi Indivisibili COMUNE DI PETRELLA SALTO - INFORMATIVA - TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili Tributo Servizi Indivisibili Tributo Servizi Indivisibili A decorrere dal 1 gennaio 2014 è in vigore l imposta unica comunale

Dettagli

INFORMATIVA I.M.U. 2013 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. Novità rispetto all anno 2012

INFORMATIVA I.M.U. 2013 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. Novità rispetto all anno 2012 INFORMATIVA I.M.U. 2013 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Ai sensi dell articolo 13 del decreto legge 6 dicembre 2011, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, a partire dal 1.01.2012 è stata anticipata,

Dettagli

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero 29/2014 Pagina 1 di 8 Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero : 29/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : DICHIARAZIONI

Dettagli

INFORMATIVA - TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili

INFORMATIVA - TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili INFORMATIVA - TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili A decorrere dal 1 gennaio 2014 è in vigore l imposta unica comunale (IUC) che si compone: dell imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale,

Dettagli

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA ( PROVINCIA DI TRAPANI )

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA ( PROVINCIA DI TRAPANI ) COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA ( PROVINCIA DI TRAPANI ) UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) (artt. 52 e 59, decreto legislativo 15 dicembre 1997. n. 446,

Dettagli

INFORMATIVA IMU anno 2012

INFORMATIVA IMU anno 2012 COMUNE DI BUSSO 86010 PROVINCIA DI CAMPOBASSO CF 00172190704 Via Alessandro Manzoni, 5 Tel. 0874 / 447133 Fax 0874/447951 INFORMATIVA IMU anno 2012 La informiamo che dal 1 gennaio 2012 l ICI (Imposta Comunale

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

COMUNE DI PALO DEL COLLE CITTA METROPOLITANA DI BARI

COMUNE DI PALO DEL COLLE CITTA METROPOLITANA DI BARI COMUNE DI PALO DEL COLLE CITTA METROPOLITANA DI BARI IMU - TASI SI RENDE NOTO che entro la scadenza del 16 giugno 2015 deve essere effettuato il versamento della prima rata dell Imposta Municipale propria

Dettagli

LA NUOVA IMU. Dott. Stefano Spina. Torino 27 gennaio 2012

LA NUOVA IMU. Dott. Stefano Spina. Torino 27 gennaio 2012 LA NUOVA IMU Dott. Stefano Spina Torino 27 gennaio 2012 NORMATIVA NORME DI RIFERIMENTO Art. 13 DL 201/2011 * Art. 2 DLgs 504/92 (Decreto Salva Italia) (Definizione fabbricati e aree) * Art. 5 co.1,3,5,6

Dettagli

Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015

Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015 Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015 SI AVVISA CHE I PAGAMENTI IN ACCONTO (50% DELL IMPOSTA DOVUTA) CON SCADENZA 16 GIUGNO 2015 DI IMU E TASI DOVRANNO ESSERE EFFETTUATI UTILIZZANDO

Dettagli

Principali novità IMU e TASI introdotte dalla Legge di stabilità 2016( Legge n. 208/2015)

Principali novità IMU e TASI introdotte dalla Legge di stabilità 2016( Legge n. 208/2015) IMU Principali novità IMU e TASI introdotte dalla Legge di stabilità 2016( Legge n. 208/2015) Agevolazioni/Riduzioni IMMOBILI CONCESSI IN COMODATO (art. 1, comma 10) La base imponibile IMU è ridotta del

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 31/07/2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI IND I C E Art. 1 -

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU)

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano Per qualsiasi chiarimento, informazione e delucidazione in merito l Ufficio Tributi è a disposizione negli orari di apertura al pubblico tel 029010012 fax 0290296960

Dettagli

Milano, 27 aprile 2012. Informazioni tributarie 4.4/04/2012. A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE

Milano, 27 aprile 2012. Informazioni tributarie 4.4/04/2012. A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE Milano, 27 aprile 2012 Informazioni tributarie 4.4/04/2012 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE 1. APPALTO E SUBAPPALTO RESPONSABILITA SOLIDALE DI APPALTATORE, SUBAPPALTATORE E COMMITTENTE.

Dettagli

COMUNE DI RACALE. (Provincia di Lecce)

COMUNE DI RACALE. (Provincia di Lecce) COMUNE DI RACALE (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON ATTO N. 20 DEL 22.5.2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto Del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO (VE) NOTA INFORMATIVA I.M.U. (la presente informativa è suscettibile di modifiche per la possibile evoluzione normativa della materia) Con la Manovra Monti delineata nel D.L. 201/2011

Dettagli

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE CIRCOLARE Padova, 1^ ottobre 2007 SPETT.LI CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Locazione di immobili e altre problematiche fiscali. Con la presente Vi informiamo che è stata pubblicata la Legge 448/2006, che ha

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI Con l approvazione dell Art.13 del D.L 201/2011 detto Decreto salva Italia, entrerà in vigore in via sperimentale, già a partire dal 01/01/2012, l IMU

Dettagli

Circolare N. 79 del 27 Maggio 2015

Circolare N. 79 del 27 Maggio 2015 Circolare N. 79 del 27 Maggio 2015 Bonus prima casa: i chiarimenti sul riacquisto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la circolare n.17/e del 24.04.2015,

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE Art. 3 Indicazione analitica dei servizi indivisibili TITOLO I Disposizioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) COMUNE di MEGLIADINO SAN VITALE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) approvato con atto di C.C. n. del in vigore dal 1 gennaio 2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012 Il Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, ha istituito con gli articoli 8 e 9 la nuova Imposta

Dettagli

IVIE - IVAFE - TRATTAMENTO FISCALE - IMMOBILI SITUATI ALL'ESTERO - ATTIVITA' FINANZIARIE DETENUTE ALL'ESTERO

IVIE - IVAFE - TRATTAMENTO FISCALE - IMMOBILI SITUATI ALL'ESTERO - ATTIVITA' FINANZIARIE DETENUTE ALL'ESTERO www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 2 luglio 2012, n.28/e Imposta sul valore degli immobili situati all'estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero.

Dettagli

IMU (Imposta Municipale Propria) 2012

IMU (Imposta Municipale Propria) 2012 Comune di Cisliano IMU (Imposta Municipale Propria) 2012 Dal 1 gennaio 2012 è in vigore l Imposta Municipale Propria (IMU), la cui istituzione è stata anticipata in via sperimentale dal decreto legge n.

Dettagli

COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 09 del 01 Ottobre 2012 ARTICOLO N. 1 OGGETTO

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo

Comune di Azzano San Paolo Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo IMPOSTA UNICA COMUNALE. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA COMPONENTE TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera C.C. n.21 del 08/09/2014

Dettagli

COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI. INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015

COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI. INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015 COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015 RATA 1 - ACCONTO RATA 2 - SALDO TERMINI DI VERSAMENTO Rata in acconto

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Guida IMU ATTENZIONE. Conseguentemente per determinare il versamento dell'imposta dovuta i contribuenti possono:

Guida IMU ATTENZIONE. Conseguentemente per determinare il versamento dell'imposta dovuta i contribuenti possono: Guida IMU L'IMU è l'imposta municipale propria, la cui istituzione è anticipata in via sperimentale a decorrere dall'anno 2012 e sostituisce l imposta comunale sugli immobili (ICI), l'imposta sul reddito

Dettagli

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA UNA NUOVA IMPOSTA SUGLI IMMOBILI FONTI decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 decreto legge 06 dicembre

Dettagli

IUC - Imposta unica comunale

IUC - Imposta unica comunale IUC - Imposta unica comunale La Legge 147 del 27 dicembre 2013 ha istituito la nuova Imposta Unica Comunale (IUC) che si basa su due presupposti impositivi: uno costituito dal possesso di immobili e collegato

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO

IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO Imposta Municipale Propria (I.M.U.) - anno 2014 Invitiamo alla consultazione periodica del nostro sito istituzionale, per le eventuali novità apportate in sede normativa.

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

PRIMA NOTA INFORMATIVA per il calcolo dell acconto dell Imposta Municipale Propria IMU Anno 2012

PRIMA NOTA INFORMATIVA per il calcolo dell acconto dell Imposta Municipale Propria IMU Anno 2012 PRIMA NOTA INFORMATIVA per il calcolo dell acconto dell Imposta Municipale Propria IMU Anno 2012 L art. 13 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito con modificazioni in Legge n. 214 del 22.12.2011,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

GUIDA PRATICA ALL IMU (IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA)

GUIDA PRATICA ALL IMU (IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA) GUIDA PRATICA ALL IMU (IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA) IMU - Imposta Municipale Propria Con il D.L. n.201/2011, convertito nella legge n.214/2011, è stata introdotta l imposta municipale propria (IMU) in via

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

1. CHI DEVE PAGARE L'ICI. L'Ici, imposta comunale sugli immobili, istituita con DL 504 del 1992, deve essere pagata:

1. CHI DEVE PAGARE L'ICI. L'Ici, imposta comunale sugli immobili, istituita con DL 504 del 1992, deve essere pagata: 1. CHI DEVE PAGARE L'ICI L'Ici, imposta comunale sugli immobili, istituita con DL 504 del 1992, deve essere pagata: dai proprietari di fabbricati, aree edificabili e terreni agricoli situati nel territorio

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

COMUNE DI ALBIOLO PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

COMUNE DI ALBIOLO PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA COMUNE DI ALBIOLO PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU Comune di Albiolo REGOLAMENTO IMU Pag.. 1 INDICE: ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 IMPOSTA RISERVATA

Dettagli

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO. Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO. Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 197 del 25.10.2012 INDICE Titolo

Dettagli

IUC Imposta unica comunale. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU per l anno 2016

IUC Imposta unica comunale. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU per l anno 2016 Città di Tarcento IUC Imposta unica comunale La legge 147 del 27 dicembre 2013 (legge di stabilità 2014) ha istituito la nuova imposta unica comunale (IUC) che si basa su due presupposti impositivi: uno

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

IMU 2015 BREVE MEMORANDUM SUI PRINCIPALI ADEMPIMENTI

IMU 2015 BREVE MEMORANDUM SUI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IMU 2015 BREVE MEMORANDUM SUI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IMU: SOGGETTO PASSIVO (chi paga?) Il proprietario di fabbricati, aree edificabili e di terreni a qualsiasi uso destinati; Il titolare del diritto reale

Dettagli

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012 mod-tribici-015-06.doc5 rev. 6 del 31/05/12 CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it Mini-guida IMU 2012 NOVITA RILEVANTI:

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI Fiscalità Edilizia LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI -DL 28 marzo 2014, n. 47, convertito con modifiche nella Legge 23 maggio 2014, n.80- Maggio 2015 1 Per sviluppare programmi di edilizia

Dettagli

INFORMATIVA TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili

INFORMATIVA TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili INFORMATIVA TASI 2014 Tributo Servizi Indivisibili A decorrere dal primo gennaio 2014 è istituita l'imposta unica comunale (IUC) - Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di stabilità 2014), art. 1, commi

Dettagli

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina COMUNE DI F O R M I A Provincia di Latina Piazza Municipio 0771/7781 - fax 0163/771680 2012 PREMESSA Il Comune di Formia, con la presente informativa, intende fornire al Cittadino/Contribuente uno strumento

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

L ICI. Sono quindi tenuti al pagamento dell imposta, i contribuenti che possiedono:

L ICI. Sono quindi tenuti al pagamento dell imposta, i contribuenti che possiedono: L ICI 1. Cos è L'ICI è l'imposta comunale sugli immobili. Ogni singolo comune delibera un aliquota, di norma compresa tra il 4 ed il 7 per mille, da applicare al valore catastale di fabbricati, aree fabbricabili

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 agosto 2015 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Condominio minimo - Detrazione spese per interventi edilizi - art. 16-bis

Dettagli

L ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE

L ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE COMUNE DI ALSERIO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO Ufficio Tributi VIA CARCANO, 9 22040 ALSERIO Tel. 031.630063 Fax 031.630917 e-mail: ufficiosegreteria@comune.alserio.co.it PARTITA IVA 00600170138

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute.

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute. COMUNE DI BOMARZO Provincia di Viterbo IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute.. Dal 1 gennaio 2012

Dettagli

2 TIPOLOGIE DI IMMOBILI INTERESSATE DALLA MINI-IMU

2 TIPOLOGIE DI IMMOBILI INTERESSATE DALLA MINI-IMU STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 17.1.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) approvato con atto di C.C. n. 9 del 09.04.2014 in vigore dal 1 gennaio 2014

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE IMU Il Decreto Legge n. 201/2011 anticipa in via sperimentale il nuovo tributo IMU, a decorrere dall anno 2012.

NOVITA LEGISLATIVE IMU Il Decreto Legge n. 201/2011 anticipa in via sperimentale il nuovo tributo IMU, a decorrere dall anno 2012. NOVITA LEGISLATIVE IMU Il Decreto Legge n. 201/2011 anticipa in via sperimentale il nuovo tributo IMU, a decorrere dall anno 2012. L imposta, che ripristina la tassazione dell abitazione principale, sostituisce

Dettagli

L'ABOLIZIONE DELLA PRIMA RATA IMU 2013 E LE ALTRE NOVITÀ DEL C.D. DECRETO IMU

L'ABOLIZIONE DELLA PRIMA RATA IMU 2013 E LE ALTRE NOVITÀ DEL C.D. DECRETO IMU L'ABOLIZIONE DELLA PRIMA RATA IMU 2013 E LE ALTRE NOVITÀ DEL C.D. DECRETO IMU RIFERIMENTI: DL 31.8.2013, n. 102 IN SINTESI Nell'ambito del c.d. Decreto IMU il Legislatore, oltre all abolizione della prima

Dettagli