L accoglienza residenziale per bambini da 0 a 6 anni e per gestanti e madri con figlio: stili di accudimento e stili di attaccamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L accoglienza residenziale per bambini da 0 a 6 anni e per gestanti e madri con figlio: stili di accudimento e stili di attaccamento"

Transcript

1 L accoglienza residenziale per bambini da 0 a 6 anni e per gestanti e madri con figlio: stili di accudimento e stili di attaccamento P. Pistacchi, Psicologa, Responsabile servizio Accoglienza, Istituto degli Innocenti

2 La teoria dell attaccamento, così come pensata da Bowlby, considerando il bambino come un essere in relazione, si presenta come un ponte che poggia da un lato sul terreno delle relazioni concrete e dall altro su quello delle relazioni rappresentate Luigi Onnis (a cura di), Legami che creano, legami che curano. Attaccamento: una teoria ponte per le psicoterapie, Bollati Boringhieri, Torino 2010.

3 Ciò significa che la possibilità di sperimentare nuovi legami di attaccamento, man mano che verrà posta a livello della coscienza e di consapevolezza, tenderà ad allentare gradualmente l attaccamento con la figura di riferimento educativo, mediante l attivazione di una base sicura interiore emergente nell individuo stesso.

4 Il percorso di accoglienza dunque deve avere come obiettivo quello di stabilire il legame di attaccamento con il bambino/ragazzo accolto e attraverso questa relazione di attaccamento creare la premessa per la costituzione della base sicura dalla quale poter costruire un contatto con il mondo esterno in modo positivo. È quindi nelle mani dell équipe di lavoro l abilità di fornire tale base sicura, interagendo in modo sensibile e sintonico con i sentimenti dei bambini/ragazzi accolti nelle comunità.

5 I contesti accoglienti che possono essere offerti all interno di comunità residenziali, se considerati nell ambito della cornice di riferimento proposta dalla teoria dell attaccamento, possono essere intesi come una sorta di setting organizzato ed emotivamente strutturato, nel quale i bambini e gli adolescenti che attraversano un periodo di particolare difficoltà, possono sperimentare la vita quotidiana in un contesto disponibile, un sistema di relazioni attento al bisogno che permetta loro il recupero e un intervento riparatorio e terapeutico grazie al quale acquisire sicurezza nel futuro.

6 L accoglienza residenziale all interno delle comunità, è un intervento che deve essere progettato con attenzione per poter offrire un ambiente idoneo, caldo e familiare, svolgere una funzione protettiva nei riguardi dei minori e al tempo stesso permettere alla famiglia naturale di essere sostenuta per esercitare nuovamente le sue funzioni genitoriali ed educative. Vista la varietà delle problematiche possibili gli interventi da attuare sono differenti tra loro in funzione dei numerosi bisogni da soddisfare.

7 Comunità per minori. riferimenti normativi. La legge 149/2001 Le comunità per minori rappresentano oggi una nuova modalità di accoglienza di bambini e adolescenti, meglio definita con la legge 149/2001. La normativa italiana attribuisce alla famiglia il ruolo di risorsa primaria e fondamentale della società e stabilisce per il minore il diritto a crescere ed essere educato all'interno della propria famiglia. Nel caso in cui il nucleo familiare non riesca a garantire questo diritto ai suoi membri la normativa prevede alcune misure di auto e sostegno tra cui l'affidamento familiare del minore presso una coppia con figli, una coppia senza figli, una persona sola, una comunità di tipo familiare.

8 Comunità per minori. riferimenti normativi. La legge 149/2001 La legge 328/2000 La stesa legge, per superare definitivamente il modello istituzionale di intervento socioassistenziale, oltre a determinare la chiusura degli Istituto al 31/12/2006, attribuisce alle comunità residenziali la caratteristica di tipo familiare attraverso organizzazione e rapporti interpersonali analoghi a quelli di una famiglia. Questa condizione era già emersa anche con una legge precedente, la n.328 del 2000, in cui si affermava che «i servizi e le strutture a ciclo residenziale destinati all'accoglienza dei minori devono essere organizzati esclusivamente nella forma di strutture comunitarie di tipo familiare

9 Ad oggi esistono molte tipologie di comunità per minori, l'ultima classificazione redatta nelle Linee Guida del Ministero della Solidarietà Sociale nella conferenza unificata del marzo 2000, fornisce alcune indicazioni per poterle meglio definire soprattutto in relazione ad alcuni criteri di riferimento secondo i quali, le comunità residenziali per i minori dai 4 ai 18 anni si possono dividere in quattro modelli: Comunità di pronta accoglienza. Comunità di tipo familiare Comunità educativa Gruppo appartamento giovani Linee Guida del Ministero della Solidarietà Sociale Conferenza unificata - marzo 2000

10 Le comunità, sia pur diversificandosi per capacità di accoglienza, metodologia o utenza, sono accomunate dall'intervento educativo. Ogni minore inserito in una struttura residenziale va considerato nella sua specificità ed interezza, ma soprattutto come il soggetto di un intervento educativo personalizzato.

11 Regione Toscana La legge 41/2005 La Regione Toscana ha disciplinato il variegato universo delle strutture dedicate all accoglienza dei minori temporaneamente allontanati dalla propria famiglia nell ambito del sistema integrato che governa gli interventi e i servizi sociali e socio-sanitari; ed infatti tali tipologie di strutture sono state precisamente definite dall articolo 21, comma 1, della legge regionale 41 del 2005

12 Regione Toscana La legge 41/ centri di pronta accoglienza -case di accoglienza per minori con il proprio genitore, - servizi residenziali socio-educativi per minori di tipo familiare caratterizzati da media intensità assistenziale, media complessità organizzativa così articolati: 1) comunità familiari, con una capacità ricettiva massima di sei minori; 2) comunità a dimensione familiare con una capacità ricettiva massima di dieci minori e di due posti riservati alla pronta accoglienza lett. g); - gruppi appartamento per minori di età non inferiore a sedici anni

13 Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) Il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) definisce le comunità come luoghi -una casa o un appartamento- in cui vivono stabilmente più ragazzi insieme agli adulti di riferimento come in una famiglia e si fanno le cose che si fanno in una normale famiglia.

14 Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) La comunità permette ai suoi giovani ospiti attraverso la presenza di figure adulte di riferimento stabili di favorire e garantire la creazione di legami significativi stabili e durevoli nel tempo ed essendo impostata su un concetto di vita stabile, la presenza effettiva di rapporti significativi tra gli adulti e i minori e l'utilizzo di personale adeguatamente formato può rappresentare un contesto attraverso il quale il bambino o l'adolescente riesce a rielaborare la sua personale storia e a ridefinire il suo futuro.

15 I bambini, i ragazzi e gli adolescenti che si trovano a vivere in una comunità sono uniti, il più delle volte, da esperienze di maltrattamenti, abusi o abbandoni. Sono minori che all'interno della loro famiglia o al di fuori di essa, hanno sperimentato una molteplicità di situazioni critiche e di sofferenze.

16 Le problematiche familiari, dalle quali giungono possono prendere origine da diversi fattori: la qualità delle cure materne (carenti o assenti), la privazione paterna, la disgregazione familiare (instabilità della famiglia), gli stili educativi (eccessiva severità o permissività), le dinamiche relazionali.

17 Il maltrattamento e la violenza in generale possono rappresentare un'esperienza devastate e traumatica per la crescita di un bambino, sia per quanto riguarda il rischio di incorrere in gravi conseguenze psicopatologiche, sia per lo sviluppo delle competenze relazionali e sociali. P. Di Blasio, Psicologia del bambino maltrattato, Il Mulino, Milano, 2000

18 Le piccole realtà di accoglienza in forma comunitaria possono garantire a tutti quei minori, che non possono essere collocati in ambiti familiari, dei percorsi di supporto e protezione, uniti ad interventi adeguati a ricostruire la loro personalità. La presa in carico di questi ragazzi da parte delle comunità, qualunque sia il motivo per il quale essi vengono allontanati dal nucleo familiare, necessita di interventi di cura e riparazione idonei all'interiorizzazione della sicurezza e della protezione, negate nelle precedenti esperienze familiari.

19 La comunità con la sua funzione protettiva e riparatoria consente al bambino di sperimentare condizioni favorevoli al recupero e al cambiamento di una condizione disfunzionale. Attraverso un ascolto attento, un intervento terapeutico ed educativo, la comunità può rafforzare nel soggetto la stima in sé stesso e il senso di efficacia personale per acquisire sicurezza e fiducia nel futuro.

20 I minori affidati alle comunità hanno nel loro passato esperienze evolutive ad alto rischio che spesso risultano prive dell'interiorizzazione della sicurezza oltre alle già citate conseguenze sulla personalità e sul comportamento. L'esperienza della sicurezza o della sua assenza è strettamente collegata al legame di attaccamento che si instaura tra il piccolo e la persona che si prende cura di lui in modo adeguato e continuativo.

21 Il compito delle comunità per minori non è solo quello di rappresentare una realtà capace di dare ai bambini e ragazzi ospiti nuove opportunità di crescita e di relazioni interpersonali che si differenziano profondamente dai contesti di origine della maggioranza di loro, ma anche quella di fornire l'occasione per sperimentare nuove relazioni significative con gli adulti/educatori presenti nella struttura.

22 «La comunità può svolgere funzione protettiva/perturbativa quando gli educatori, svolgendo le funzioni di adulti significativi, fortemente coinvolti in una dimensione relazionale significativa con il minore, riescono a modificare i modelli operativi interni dei minori stessi». (P. Bastianoni, A. Taurino, Le comunità per minori Carocci, Roma, 2009; p.62.)

23 Bowlby sostiene che «cambiamenti nel modo in cui un bambino viene trattato possono far deviare il suo percorso in una direzione più favorevole o in una più sfavorevole». Esperienze positive di attaccamento, costruite anche dopo il primo anno di vita, possono svolgere una funzione di base sicura per il minore svantaggiato. Dato ciò, il bambino può instaurare una relazione di attaccamento anche con una figura esterna alla famiglia che, in un precisa situazione, risulta per lui molto significativa J. Bowlby, Una base sicura. Applicazioni cliniche della teoria dell'attaccamento, Raffaello Cortina, Milano, 1988; (trad. it. 1989).

24 Ma come è possibile per l'educatore in comunità diventare un adulto significativo per i ragazzi che vi risiedono? La risposta si trova nella graduale costruzione di un legame empatico e di vicinanza che trasforma la persona sconosciuta (l'educatore) in una familiare. La convivenza quotidiana, l'assistenza, la cura e il supporto dell'adulto verso il bambino consentono all'educatore stesso di svolgere una funzione genitoriale anche in assenza di legami biologici.

25 La comunità residenziale deve, per questo motivo, permettere e sostenere la costruzione dei legami significativi attraverso la garanzia di un ambiente emotivamente stabile, ben curato, supportevole ed impegnarsi a mantenere costanti queste caratteristiche nel tempo.

26 La comunità dimostra così di essere un servizio pensato per allontanarsi il più possibile dalle sole cure assistenziali, tipiche delle vecchie strutture e definirsi quindi come un contesto che offre competenze specifiche per rendere l'accoglienza una reale possibilità di miglioramento nelle condizioni di vita.

27 Per poter offrire queste fondamentali qualità, la struttura residenziale deve preferibilmente possedere la tipica atmosfera familiare nella quale è possibile per ogni bambino/ragazzo esprimersi liberamente, essere ascoltato e accolto, dove riceve affetto e protezione

28 La comunità deve poter garantire ai bambini/ragazzi accolti competenze specifiche per poter costruire,al meglio, il progetto generale sottostante alla comunità e i progetti educativi individualizzati (PEI) dei minori che ha in affido. Questo lavoro spetta agli educatori che devono suddividere il loro tempo tra aspetti metodologici e organizzativi della comunità e quelli più strettamente inerenti il fare con i bambini/ragazzi.

29 Spesso, nelle piccole realtà a carattere familiare (come aiuto in più) o nelle comunità dove sono assenti gli adulti facenti funzioni genitoriali, gli educatori devono svolgere anche attività riguardanti il management quotidiano come: fare rifornimenti, cucinare, pulire, aiutare i minori nell'igiene e nella cura personale e accompagnarli a fare acquisti. Tutte queste mansioni, però, non devono togliere del tempo prezioso alla relazione tra l'adulto e il bambino; un tempo deve essere dedicato all'ascolto, al dialogo, alla comprensione dei minori: cioè a quello speciale rapporto individuale creato con ogni bambino e ragazzo affidato alla comunità.

30 Per tutti questi motivi, la professione dell'educatore trova la sua specificità nella vita quotidiana intesa come strumento professionale. Vivere la quotidianità permette di guidare i bambini e i ragazzi in ogni ambito della vita, offrendo loro sostegno e orientamento nei compiti evolutivi, fino al raggiungimento di un buon adattamento sociale, nonostante le difficoltà delle loro storie di vita.

31 Istituto degli Innocenti Il Servizio Accoglienza L'accoglienza ai bambini resta il primo e fondamentale compito dell Istituto che, sulla base della secolare esperienza, adegua attività e servizi alle nuove esigenze sociali. Negli anni '70 la grande struttura per i bambini abbandonati è stata sostituita da case a gestione familiare dove vengono accolti temporaneamente bambini e madri dal territorio toscano, indirizzati dai Servizi Sociali territoriali o dall'autorità giudiziaria: la Casa bambini, per i piccoli da 0 a 6 anni, la Casa Madri, per donne con figli e gestanti in situazioni difficili la Casa Rondini per madri nel periodo finale di un percorso di autonomia.

32 Istituto degli Innocenti Il Servizio Accoglienza Le case sono Comunità educative residenziali in cui si ha a che fare spesso con bisogni complessi, prodotti da diverse dimensioni problematiche che coinvolgono la persona: aspetti psicologici e relazionali di sofferenza possono sovrapporsi a condizioni di povertà materiale, deprivazione morale. Una buona diagnosi psicologica e sociale è il primo passo per la scelta degli interventi calibrati in risposta a specifiche esigenze. Esame congiunto dei casi, progetto educativo individuale, sistema di documentazione, verifiche periodiche: sono questi gli strumenti metodologici indispensabili per la qualità del lavoro di rete, cui le Comunità partecipano attivamente

33 Istituto degli Innocenti Casa Bambini Il progetto educativo Il progetto educativo nasce da un lato dall'analisi dei bisogni emersi negli ultimi anni e dall'altro da un'attenta valutazione dei risultati della ricerca scientifica nei diversi campi della psicologia, della psico-patologia e nell'ambito degli studi sempre più attenti legati all'attaccamento e all'accoglienza familiare.

34 Istituto degli Innocenti Casa Bambini Il progetto educativo La considerazione degli elementi di rischio connessi all'istituzionalizzazione ha portato ad assumere come primo obiettivo nella progettazione educativa della struttura il contenimento del periodo di permanenza dei piccoli nella casa. La necessità di procedere rapidamente alla ricerca di soluzioni porta necessariamente all'organizzazione di scambi sistematici tra Istituto, i SIAST, i servizi specialistici del territorio coinvolti ed il Tribunale per i Minorenni e al perfezionamento di procedure di interazione fra detti Enti.

35 Istituto degli Innocenti Casa Bambini Il progetto educativo Nell'intento di limitare le carenze derivate da sistemazioni in collettività guidate da più adulti si ritiene che l'organizzazione interna debba essere orientata alla stabilità del personale educativo, del personale ausiliario e al contenimento della presenza di altre figure presenti all'interno della casa che a più livelli svolgono attività di supporto allo svolgimento delle attività interne alla casa: volontari, servizio civile, in modo da offrire al bambino la possibilità di una relazione privilegiata e continua con gli stessi adulti (e in particolare con l'adulto di riferimento) dal momento di ingresso all'uscita della casa.

36 Istituto degli Innocenti Casa Bambini Il progetto educativo In considerazione dell'importanza e della delicatezza dell'impegno è considerata molto importante per la formazione degli operatori l'attivazione di modalità formative orientate all'ascolto e all'osservazione sistematica del bambino e delle sue relazioni con i genitori biologici, qualora presenti, per poter giungere alla costruzione di un intervento omogeneo e alla predisposizione di un'organizzazione pedagogica e di un sistema educativo in grado di contenere i rischi dell'istituzionalizzazione e di rispettare le esigenze e i ritmi evolutivi di ciascun bambino.

37 Istituto degli Innocenti Casa Bambini Il progetto educativo Il mantenimento di un livello qualificato dell'intervento è garantito dall'osservazione continua e costante dei dei bambini da parte degli educatori e della registrazione sistematica dei dati assieme alla periodica discussione sul singolo caso e sulla verifica fatta in équipe con la presenza dei servizi a più livelli coinvolti.

38 Istituto degli Innocenti Casa Bambini I bambini La casa può accogliere temporaneamente fino a 7 bambini dalla nascita a 6 anni in stato di abbandono totale o parziale e per i quali si stanno ricercando soluzioni sostitutive o integrative della famiglia d'origine. I bambini lasciano la struttura quando i genitori, superate le difficoltà temporanee possono riprenderli o quando sia possibile procedere ad affidi ed adozioni o, nel caso di bambini portatori di handicap, ad inserimenti in adeguate collettività.

39 Istituto degli Innocenti Casa Bambini I bambini I bambini suddivisi in piccoli gruppi, secondo la fascia d'età hanno la possibilità di usufruire di un proprio spazio sia per il riposo che per le attività ludiche organizzate secondo una progettazione attenta allo sviluppo psico-fisico di ciascuno e rispondente agli obiettivi personalizzati del Progetto educativo sottoscritto con il servizio sociale di riferimento. Man mano che il bambino cresce viene introdotto in spazi e in attività esterne alla casa e viene gradualmente posto a contatto con varie persone e in una molteplicità di relazioni e di esperienze.

40 Istituto degli Innocenti Casa Bambini I bambini Al fine di far sperimentare ai bambini esperienze e realzioni esterne alla struttura sono favoriti: i rapporti con struttura le visite reciproche le passeggiate le esplorazioni in ambienti nuovi gli adulti e i bambini esterni alla A tale scopo sono accolti e utilizzati tutti gli spunti per proporre ad ogni piccolo occasioni di vita esterna alla casa e di divertimento anche al fine di evitare i rischi che derivano dalla monotonia quotidiana e dai ritmi regolari della vita in collettività (es. progetto Brevi uscite; Soggiorno estivo in campagna).

41 Istituto degli Innocenti Casa Bambini Gli educatori Gli educatori hanno il compito preminente dell'accudimento, della cura e dell'educazione dei bambini. Ogni educatore si occupa in modo specifico di uno o due bambini anche se durante il suo turno di lavoro è tenuto a non trascurare gli altri. L'attenzione privilegiata al bambino/i di riferimento verrà espressa dedicando attenzione e tutto il tempo necessario soprattutto nei momenti di cura e pulizia personale, del cambio del vestiario, dell'alimentazione e della preparazione al riposo e al sonno. In particolare si occupa di tenere costantemente aggiornate le cartelle sociali e sanitarie.

42 Istituto degli Innocenti Casa Bambini Gli educatori Mentre gli educatori vivono con il bambino lo osservano (in modo particolare nei momenti di cura, di pulizia e dei pasti) nei gesti, nelle espressioni, nelle modalità con cui reagisce alle cure, con cui partecipa alle varie azioni e risponde alle sollecitazioni, nei momenti di interazione con il genitore nei momenti di incontro. L'affinamento delle capacità di osservazione potrà contribuire a rendere la relazione più ricca per l'accresciuto investimento affettivo e l'intervento educativo più appropriato.

43 Istituto degli Innocenti Casa Bambini Gli operatori qualificati Per favorire la presenza degli educatori di riferimento accanto ai piccoli e per permettere loro di provvedere alla progettazione delle attività, alla stesura delle relazioni e all'aggiornamento delle cartelle sociali e sanitarie, gli addetti ai servizi generali, operatori qualificati, assolvono i compiti di cucina, lavanderia, stireria, pulizia, assistenza al personale educativo, supporto al'educatore nei momenti di incontro da parte dei genitori dei bambini accolti ed ogni altro compito connesso con le esigenze della struttura, dei bambini e degli ambienti che lo ospitano.

44 Avendo la necessità di offrire al bambino relazioni significative e privilegiate con gli stessi adulti durante il periodo di permanenza nella casa, man mano che il bambino cresce deve essere immerso in una serie di relazioni sociali con coetanei ed adulti esterni allacasa.

45 Istituto degli Innocenti Casa Bambini I Volontari del Servizio Civile e dell Associazione Spedale degli Innocenti La presenza del volontario del Servizio civile, e dell'associazione dei volontari dello Spedale degli Innocenti, adeguatamente formati e opportunamente guidati, facilita maggiormente la costruzione di un ambiente caldo e tutelante capace di mettere in grado i minori che vi risiedono di superare le difficoltà provocate dal danno evolutivo subìto, attraverso il confronto con modelli relazionali ed educativi diversi. Contribuisce fra l'altro a tenere vivo l'interesse a livello della comunità locale sull'esperienza della casa e fornire una serie di sollecitazioni per la realizzazione di progetti e possibilità concrete di aiuto.

46 Istituto degli Innocenti Casa Bambini I Volontari del Servizio Civile e dell Associazione Spedale degli Innocenti Attraverso l adulto significativo si compie nel bambino un processo di cambiamento nella percezione di se stessi e della propria condizione di svantaggio. Il bambino può gradualmente conoscere, scoprire, familiarizzare con l educatore che si prende cura di lui, così da poter instaurare con lo stesso un sentimento di fiducia e stima che gli consenta di sentirsi sicuro e protetto, capace di aprirsi al mondo.

47 Istituto degli Innocenti Casa Madri Il progetto educativo Il progetto educativo si colloca all interno di un pacchetto di proposte che l Istituto articola nel settore della tutela de bambino e del rafforzamento delle competenze genitoriali che mira a: potenziare il progetto di sostegno educativo e di avviamento all autonomia delle donne in sinergia con i servizi fornendo specifiche risposte di sostegno a bisogni diversificati di nuclei familiari in particolare situazione di disagio formulare proposte di nuove attività per il sostegno familiare con la realizzazione di spazi dedicati (es. incontri protetti, laboratori artigianali, percorsi di inserimento sociale)

48 Istituto degli Innocenti Casa Madri Il progetto educativo Due gli obiettivi di riferimento per l organizzazione dell ambiente familaire all interno della casa: costituzione di un ambiente di vita, di un clima in grado di facilitare la comunicazione e gli scambi e di mobilitare a partecipazione dei singoli individui nell esperienza di vita comune sostegno al rapporto madre-bambino attraverso l organizzazione di una rete di rapporti e una serie di interventi che facilitino la comunicazione della donna con il proprio piccolo

49 Istituto degli Innocenti Casa Madri L organizzazione della vita quotidiana L organizzazione della vita quotidiana è scandita dai ritmi e dalle regole della vita in gruppo. Ogni madre è tenuta a provvedere alle esigenze del proprio o dei propri figli, alla pulizia della stanza e dei propri oggetti, alla cura di sé e dei figli e, insieme alle altre ospiti, alla cura della casa, alla preparazione dei pasti, alla pulizia degli ambienti. Viene favorita la partecipazione delle ospiti ad attività condotte all esterno dell Istituto affinchè possano acquisire capacità di proiettarsi nella realtà sociale.

50 Istituto degli Innocenti Casa Madri L organizzazione della vita quotidiana Le ospiti si confrontano insieme alle educatrici nelle riunioni di gruppo che diventano un ulteriore occasione per affrontare nodi irrisolti e problematiche inespresse mascherate dall ennesimo dibattito sulle mancate pulizie. L educazione a vivere in gruppo a conoscersi attraverso il confronto reciproco, a modulare le proprie esigenze imparando a confrontarsi con gli altri, investe la centralità dell intervento educativo così come è stato concepito e strutturato dall équipe educativa della comunità.

51 Istituto degli Innocenti Servizio Accoglienza Le Comunità di accoglienza all'interno degli Innocenti - Casa bambini, Casa Madri e Casa Rondini- e l'attenzione concreta e il contatto diretto con la realtà di vita dei bambini, non solo in difficoltà, rappresenta per l Istituto un orientamento per la propria azione, affinché l attività di ricerca che si realizza al suo interno rappresenti un efficace sostegno all attuazione e allo sviluppo delle politiche di promozione e tutela delle condizioni di vita di bambini e ragazzi, contribuendo al diffondersi di adeguate e attendibili forme di conoscenza e consapevolezza delle questioni che direttamente li coinvolgono.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

L affido, una delle risposte possibili

L affido, una delle risposte possibili Associazione Centro Studi Psicologia Sistemica Infanzia, Adolescenza, Adulti Centro Co.Me.Te. Arezzo - Cortona Consulenza, Mediazione, Terapia L affido, una delle risposte possibili Sportello B.E.S. Scuola

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT Pag.1 Pag.2 Sommario COS È IL SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE SAAT... 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO... 3 I SERVIZI OFFERTI...

Dettagli

Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07

Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07 O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA Reggio Emilia Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07 TESTO ATTUALE 1.3.2 Personale a) Personale educativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 REGOLAMENTO CONSORTILE PER L INSERIMENTO DI MINORI NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 1 S O M M A R I O ART. 1 - OGGETTO...3 ART. 2 - FINALITÀ...3 ART.

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

accogliamo... verso nuove storie ALBATROS Cooperativa Sociale PLANO Comunità di Pronto Intervento per minori

accogliamo... verso nuove storie ALBATROS Cooperativa Sociale PLANO Comunità di Pronto Intervento per minori ALBATROS Cooperativa Sociale accogliamo... verso nuove storie PLANO Comunità di Pronto Intervento per minori La Cooperativa Albatros progetta e gestisce, in proprio o in collaborazione con le Amministrazioni

Dettagli

un servizio residenziale rivolto a minori Sino ad un massimo di nove minori interventi educativi I progetti individualizzati fondati

un servizio residenziale rivolto a minori Sino ad un massimo di nove minori interventi educativi I progetti individualizzati fondati un servizio residenziale rivolto a minori che rivelano il bisogno di un progetto individualizzato, a carattere residenziale, per tutelare il loro sviluppo psicologico e sociale. Anche attraverso brevi

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Le richieste di ammissione sono segnalate per iscritto dal Ser.T, ( precedute da contatti telefonici).

Le richieste di ammissione sono segnalate per iscritto dal Ser.T, ( precedute da contatti telefonici). PROGRAMMA COMUNITÀ TERAPEUTICA EMMAUS L associazione Comunità sulla strada di Emmaus è iscritta con il numero d ordine n. 10 ai sensi della L. R. 9.9.96 n. 22 all Albo regionale degli Enti Ausiliari; senza

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO GENERALE L associazione, attraverso la comunità educativa mamma-bambino denominata Casa Cinzia e gli alloggi per l autonomia denominati Cinzia 1 e Cinzia 2, collegati a Casa

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013

Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013 PIANO DI ZONA 2011-2013 2013 Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013 Tavolo Minori e Famiglie: STORIE PER CRESCERE A cura di AS Angela Morabito ed AS Ilenia Petrucci Lab. Minori Sensibilizzazione

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 19 2. TITOLO AZIONE Spazio di consulenza e sostegno alle famiglie e agli adolescenti 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI COMUNITÀ EDUCATIVE COMUNITÀ FAMILIARE SERVIZIO SEMIRESIDENZIALE ALLOGGIO PER L AUTONOMIA COMUNITA EDUCATIVE COMUNITA FAMILIARE FONDAZIONE PIO ISTITUTO BUON PASTORE Via

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana Perchè sceglierci? Perchè il nostro Asilo Nido fornisce un servizio assistenziale ed educativo che, in collaborazione con le famiglie, sa fornire uno spazio

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande Dirigente Scolastico Lucia Palazzo Insieme si può L Istituzione scolastica ha proposto l incontro con la Cooperativa sociale Promozione di Acireale per promuovere

Dettagli

La rappresentazione delle giovani generazioni in Toscana: dati e indicatori. Anna Maria Bertazzoni Direttore generale, Istituto degli Innocenti

La rappresentazione delle giovani generazioni in Toscana: dati e indicatori. Anna Maria Bertazzoni Direttore generale, Istituto degli Innocenti La rappresentazione delle giovani generazioni in Toscana: dati e indicatori Anna Maria Bertazzoni Direttore generale, Istituto degli Innocenti Dati e indicatori sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Sintesi intervento della dottoressa Liviana Marelli - Il diritto alla protezione dei bambini e dei ragazzi è un concetto ampio che

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 0/44 Allegato B) Dgr n. del 4444 Pagine Unità di offerta che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della Regione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM Associazione FA.T.A. Onlus FA.T.A. FAmiglie Temporanea Accoglienza (www.fataonlus.org) ospita e sostiene bambini e adolescenti che il Tribunale dei Minori allontana dalla famiglia per disagio. L Associazione

Dettagli

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO"

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: CI VORREI ESSERE ANCH'IO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO" SETTORE e Area di Intervento: Area di intervento A Settore Assistenza Codifica 06 (Disabili)

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI

PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI 1 NOSOTRAS si configura come Associazione di Promozione Sociale ONLUS. Costituita nel 1998, con sede a Firenze, è attiva nell ascolto, sostegno

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

Regolamento Affido a Famiglie e/o Strutture di accoglienza Ambito:CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI A6 APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE n. 05 DEL 25.09.2009 L Affidamento familiare Premessa

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

Allegato A. 5. Servizi integrativi

Allegato A. 5. Servizi integrativi Allegato A 5. Servizi integrativi Il "Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali" del CISIS (Centro interregionale per i sistemi informatici, geografici e statistici) definisce le tipologie

Dettagli

ElEmEnti di pedagogia infantile Cosa significa educare

ElEmEnti di pedagogia infantile Cosa significa educare ElEmEnti di pedagogia infantile Cosa significa educare costruzione sociale dell identità incontro e socializzazione sostegno alla genitorialità educazione emotiva superamento di stereotipi e pregiudizi

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione

Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione Dott.ssa Maria Berica Tortorani Psicologa-Psicoterapeuta ASL 3 Pistoia Operatrice-formatrice Area Vasta per l adozione

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli