IL COLLEZIONISTA. Tomas Saulius Kondrotas. Tratto dalla raccolta Racconti dal mondo, sezione Racconti Lituani Edizione stampa Alternativa, 1993

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COLLEZIONISTA. Tomas Saulius Kondrotas. Tratto dalla raccolta Racconti dal mondo, sezione Racconti Lituani Edizione stampa Alternativa, 1993"

Transcript

1 IL COLLEZIONISTA di Tomas Saulius Kondrotas Tratto dalla raccolta Racconti dal mondo, sezione Racconti Lituani Edizione stampa Alternativa,

2 Afuria di meravigliarmi del mondo e della gente, a poco a poco mi sono convinto che la nostra compassione per gli altri si fonda su calcoli egoistici. Probabilmente, a parte qualche eccezione, è sempre così. Immaginiamoci questa situazione. Voi vi trovate ai funerali di una persona. L autunno, gli aster in fiore, la bara, la fossa per la tomba, la gente infreddolita negli abiti neri e un atmosfera spiacevole. Voi siete in piedi alle spalle degli altri, un po' in disparte, poiché non appartenete alla cerchia dei parenti prossimi del defunto e siete venuti solamente per cortesia, dal momento che una volta l avevate un po' conosciuto. Dunque avete un ottima occasione per osservare tutto e valutarlo con imparzialità. Ecco che la bara viene calata nella buca, si suona una triste musica di commiato. E cos altro sentite voi, a parte quella musica? Il lamento della vedova: - Ah, come farò io a vivere senza di lui?! Mio unico bene, mio carissimo! Eccetera, eccetera. Sentite? IO, MIO... Nessuno, quasi nessuno piange per il fatto che un uomo é morto e che PER LUI é male esser morto. No. Solo IO senza di lui non posso!, NOI non sopravvivremo a tanta disgrazia! e simili. Non vi sembrerà strano dopo di ciò guardare uno che piange accanto al feretro, non sorprenderete nelle sue lacrime solo apprensione per se stesso? Si, solamente questo. Se rovisterete nei vostri sentimenti, forse ne converrete: in fondo siamo tutti molto simili. Perciò vi sarà facile capire, perché non amo gli ammalati. Trovo difficile persino far visita alle persone che mi sono più care quando stanno male, perché mi opprime l idea di doverle aiutare, forse addirittura curarle e, quel che é peggio, che solo io possa farlo. All improvviso, mentre correva la sua sessantesima primavera, s ammalò una persona a me cara, vissuta sola soletta, senza famiglia né parenti che potessero essergli d aiuto e conforto. Per mia fortuna (o sfortuna?) molte cose ci legavano, cosicché toccò a me imboccarlo, lavarlo e vegliarlo. Poiché era un uomo intelligente e conosceva il mio punto di vista intorno ai malati, non richiedeva da me che sedessi presso il suo letto a lisciarlo e intrattenerlo con storielle allegre anche in quelle ore in 1

3 cui non era davvero necessario. Però ero pur sempre costretto a gironzolare nei dintorni in modo che all occorrenza potesse chiamarmi. Dovendo spendere così il mio tempo, ogni tanto, volente o nolente, spinto dalla noia, leggevo da cima a fondo tutte le riviste, anche perché negli ospedali non si trovano altro che testi tecnici e quelli io proprio non li sopporto e per dirla tutta sono piuttosto duri da digerire. Una mattina, dopo aver dato la prima colazione al mio amico, sedevo e sfogliavo le pagine degli annunci di un quotidiano. Tra le svariate notiziole che m informavano sulla vendita d un pentolone nero, del portapacchi d un motociclo, d una camera da letto o del fatto che si comprerebbe volentieri un box metallico e un passeggino per bambini, ne capitò una sulla quale dapprima lasciai scivolare gli occhi ma poi vi ritornai sopra e lessi con maggiore attenzione, perché mi pareva contenere un errore di stampa. L annuncio suonava così : Vendesi collezione. Tramonti. Rivolgersi a... fino alle 19 Dapprincipio pensai che la parola Tramonti indicasse l indirizzo al quale gli acquirenti dovevano rivolgersi. Così come c è viale dei Tramonti o traversa del Tramonto. Ma in basso, nella seconda riga, c era scritta un altra via. Non mi raccapezzavo. Che poteva significare tutto ciò, cos era mai quella collezione e che c entravano i tramonti? Lì per lì non ci rimuginai troppo. Strappai l annuncio e l infilai nel taschino. Così, come spesso senza riflettere si mettono in tasca pietruzze di forma strana pur sapendo che non ci serviranno mai. Passarono alcuni mesi. Il mio amico e io vivevamo come al solito. Era autunno inoltrato quando una volta, non mi ricordo per quale faccenda, capitai in quel quartiere della città dove si trovava la strada indicata nell annuncio del giornale. Non avevo bisogno di nessuna collezione, ma decisi di passare per quella strada e per curiosità dare un occhiata alla casa dove viveva l inserzionista. 2

4 Trovai subito la casa. Era una costruzione in legno con profonde fondamenta, più o meno ad altezza d uomo, murata con grosse pietre. Si vedeva che era un vecchio edificio perché nelle crepe della malta crescevano già erbette e muschi. Nella via c era un camion in sosta e l intero tratto tra l automezzo e la casa era ricoperto con fogli di giornali e vecchie riviste sparpagliate a terra. Quattro uomini con tute grigio scuro si sforzavano di far passare dalla porta un grosso armadio. Li guidava un tizio alto e biondo, più o meno sulla trentina. A furia di gesticolare con le mani, gli svolazzavano i baveri della giacchetta abbottonata. L uomo sorrideva e scherzava coi facchini. Rimasi lì per qualche minuto osservando il gruppo finché il tipo con la giacca mi vide. Si fece vicino e chiese: - Lei cerca Grikonis? Io restai interdetto. Non sapevo cosa rispondere perché in verità non conoscevo nessun Grikonis e nemmeno si poteva dire che cercassi davvero qualcuno. L uomo penetrante e indagatore notò la mia confusione. Macchinalmente infilai la mano nel taschino, estrassi il pezzetto di giornale e glielo mostrai. Gli dette un rapido sguardo e di nuovo mi fissò. - Aah. Ciò significa che lei é di quelli... Io non avevo la più pallida idea di chi fossero quelli. - Per parlare francamente, no - dissi. Ma lui non prestò attenzione alle mie parole e a quanto pare anche dopo mi considerò come uno di quelli : - E morto una settimana fa. Probabilmente sentiva che sarebbe morto presto e si é affrettato a vendere. Io sono suo figlio - mi tese la mano e io la strinsi. - Ho deciso di vendere la casa e tutti i mobili. Vede, - e mosse la mano verso I facchini - portiamo tutto fuori. Mi prese per il braccio. - Entriamo. Le farò vedere dov è sistemata. Gli armadi erano stracolmi e allora abbiamo trasportato tutto in una stanza. Ho in mente di gettarli, perciò abbiamo caricato come capitava. Lui aveva sistemato tutto con molto ordine. Non pensavo che a qualcuno sarebbero servite queste cose. Se le può prendere. Non chiedo nessun compenso. Me ne sarei 3

5 disfatto comunque. Solo dovrebbe portar via tutto al più presto. Oggi stesso. I suoi pensieri saltellavano, parlava veloce, senza permettere spiegazioni. Di colpo mi strinse il braccio: - Sa una cosa? Ci ho pensato. Noi mettiamo tutto in questa macchina, lo trasportiamo a casa sua e scarichiamo. Non abbia paura, ci starà. Nella macchina c è ancora molto posto. Questo é l ultimo viaggio. Così faremo più in fretta. - Parlando mi conduceva per le stanze vuote con brandelli di carta giallastra e azzurro cielo attaccati alle pareti. Odoravano di cinnamomo e di ragnatele umide. Sui pavimenti erano ancor chiare le tracce di mobili da poco rimossi. L uomo aprì una porta su una piccola cameretta con un ampia finestra: - Eccoli. Devo dire che quel che allora vidi mi deluse. Senza, in coscienza, aspettarmi nulla, eppure nel profondo del cuore speravo di vedere qualcosa d interessante. Si, una collezione, fosse pure di etichette, di fiammiferi o di spillini. Ma ciò che era ammonticchiato in quella camera da lontano non ricordava affatto una collezione. C erano cumuli di scatolette di latta della marmellata, storte e arrugginite, vecchi pacchetti di cartone per surrogato di caffè pieni di macchie, bottigline di vetro nero (su una lessi Inchiostro Pingvin ) e barattoli di vetro ricoperti con carta adesiva scura. Alcuni avevano certe etichette, altri non recavano niente o delle tracce di colla sbruciacchiate a indicare che anche lì c erano state le etichette. - Eccoli - ripeté quell uomo, ritto dietro la mia schiena, guardando la camera oltre le mie spalle. - Cosa? - I tramonti. Ehi, ragazzi! - strillò - caricate anche questa roba! - aprì con delicatezza una delle scatolette e quella, rimbalzando sul pavimento, rotolò verso le altre. A giudicare dal suono doveva essere vuota. Probabilmente il mio viso mostrò delusione, poiché sentii dire: - Il babbo si lamentava sempre che gli mancavano i contenitori e tutti i vicini allora gli portavano ogni tipo di barattoli che poi gli sono rimasti. i facchini intanto trasportavano le lattine e i barattoli di vetro sul 4

6 camion e io dovevo starmene lì, in piedi, e ascoltare quello sconosciuto. Quella robaccia occuperà almeno un quarto del mio appartamento. E quanta fatica dovrò ancora fare prima di riportarla tutta fuori di casa; non posso certo permettermi d ingaggiare dei facchini. - Mica poco, vero? disse il biondo con una punta d orgoglio. - All inizio collezionava aurore, ma poi, chissà come e perché, s interessò ai tramonti. Sapete, cominciò ad occuparsi di tutto ciò assai tardi cosicché non poté dedicare molto tempo agli uni e alle altre. L età non era più quella. Capirete da solo: d estate il sole sorge molto presto e per una persona anziana non é semplice levarsi all alba. I tramonti erano più comodi. Comunque per me lei può prendersi tutto. Le aurore sono stipate nello scantinato. Quasi tutte senza etichetta. Ma penso che in un modo o nell altro occorrerà aiutarla. Per me sarebbe meglio se si prendesse tutto. Mi guardò negli occhi: - E allora? Avvertivo sul mio volto un certo rossore ma non riuscivo a farci niente. - No grazie, - dissi - non é il mio campo. - Ma come... I facchini avevano finito il lavoro quando arrivammo presso il camion. Mi sedetti vicino al conduttore per indicare la strada. Il biondo salì in cabina. Dopo un ora rimasi da solo nel mio appartamento, sovrastato da pezzi di metallo, stracci e barattoli di vetro; bestemmiavo sottovoce e non avevo la minima idea di come utilizzare quel tesoro cadutomi, é il caso di dirlo, dal cielo. Afferrai una di quelle scatolette di latta, la rigirai nelle mani e la gettai di nuovo nel mucchio. Sull etichetta, a lettere rotonde, uguali e quasi infantili, lessi: Zagare, 1946, Primavera. Sollevai la scatoletta e l agitai. A un tratto mi parve che qualcosa risuonasse all interno, ma dopo averla agitata ancora per un po', non udii più nulla. Una semplice latta vuota. Mi sorpresi nello specchio con quella scatoletta all orecchio. Avevo l aria di un imbecille. Ebbi un sospiro, mi procurai un coltellino, aprii la latta e balzai all indietro. La stanza fu invasa da una cortina di luce argentea. Le altre cose svanirono. Vidi davanti a me la linea azzurra del cielo e il sole che 5

7 tramontava. Un luogo straniero, del tutto sconosciuto, illuminato da raggi rossi e color del bronzo. Similmente si riflette la fiamma della stufa sulle stoviglie d argento. Alcune nuvole di porcellana giallastra, appena visibili all orizzonte, il disco cremisi del sole nel fondo del cielo. Il cielo, in alto verde com erba appena spuntata, un po' più in basso color della pera che marcisce, in un gioco di barbagli come i lampi di luce sul bicchiere di cristallo pieno di tè. L aria pura e tersa, ma avviluppata da una stanchezza appena percettibile. Appena appena. Ecco che il tramonto c era davvero. Non durò molto, solo qualche minuto finché il sole scomparve. Aprii la latta e la gettai a terra. Rimasi stordito per un po', come chi riprende a fumare dopo tanto tempo. Mezz ora più tardi, svanita la vertigine, passai in rassegna tutte le altre etichette. Su tutte c era la data, il nome del luogo e la stagione. Nient altro. Ne trovai alcune degli anni prima della guerra, tre o quattro degli anni della guerra, ma la maggior parte erano degli ultimi vent anni. Ricomposi tutto con ordine quanto meglio potei e uscii di casa. Avevo bisogno di camminare e di riflettere con calma. Riuscii a passare tutte le scatolette nell arco di un mese, ma non più di dieci al giorno. La testa mi girava, avevo perso la percezione di chi ero e di dove ero. Dieci era il limite che più di una volta non fui capace di superare. Molto più tardi mi imposi una regola: non aprire più di tre scatole nello stesso giorno. Ma ciò avvenne molto tempo dopo. Allora invece io ero come un folle. Come quell uomo che nel deserto era quasi morto dalla sete e ora beve credendo che l acqua non finirà mai. Non riuscivo a capire come avessi fatto prima a non notare i tramonti. E ancora: quell uomo, Grikonis, che aveva messo insieme la collezione era costantemente con me. Io lo conoscevo così come conosco me stesso. Sebbene fosse morto e sepolto, tra noi si stese un resistente filo d oro. Molto più resistente di qualunque altro che mi legasse a chicchessia. Ricavavo informazioni su di lui da come aveva selezionato i tramonti, con quali colori, linee e stati d animo. Alcuni tramonti non mi piacevano affatto, altri così così, di altri ancora ero affascinato come da vere opere d arte. E tutto questo mi faceva conoscere 6

8 Grikonis. Fino ad allora non avevo mai immaginato che d un uomo si può dire ciò che é dai tramonti che preferisce. Senza conoscerne i dettagli, potevo sperimentare la solitudine di quell uomo come fosse la mia propria (io quella sensazione non l avevo mai provata), riuscivo a esperire i sentimenti e le preoccupazioni dalle quali egli da tempo si era liberato per sempre. Talvolta guardavo e riguardavo lo stesso tramonto, finché percepivo cosa rodeva i pensieri di Grikonis quando anch egli lo contemplava. Non c erano tramonti casuali. Ognuno possedeva un significato, solo che bisognava saperlo cogliere. Col tempo selezionai una ventina di tramonti che guardavo e riguardavo ogni volta scoprendo sempre nuovi stati d animo e sensazioni. Gli altri li guardavo solo di tanto in tanto, se mi restava qualcosa di oscuro in uno dei venti. Il mondo acquistava per me nuove e mai viste profondità e dimensioni. Un giorno viaggiavo verso quella casa dove tutto aveva avuto inizio colla segreta speranza di riuscire a trovare anche le aurore. Da tempo nessuno aveva più aperto la porta. Io mi stavo già rallegrando del fatto che il luogo fosse disabitato perché così sarei riuscito nel mio intento. Ma la porta si aprì e apparve il volto raggrinzito e ingenuo di una vecchina. Dissi di essere un amico dell ex proprietario della casa e mi informai su dov era sepolto. Ma la vecchina l ignorava. Allora chiesi dove abitava il figlio. Ma non seppe dirmi nemmeno questo. Mentre perdevo la speranza di trovare qualcosa, accennai alle aurore. - Quali aurore? si spaventò la vecchietta. - Sa... nelle latte. Devono essere nello scantinato. - Aurore nelle latte? Nello scantinato? Lei é pazzo! - La vecchina mi sbatté la porta in faccia e sentii che strillava dentro: - Prendersi gioco di una donna anziana! No! Chiamerò la polizia! Non finirà così! Mi hanno avvelenato il gatto e ora si burlano di me! Mi vogliono buttare fuori di casa! La vedremo! Porterò tutto in tribunale! E così via... Non indugiai oltre. Tentai d ottenere qualche informazione dal custode del cimitero, ma anche questi non sapeva niente. Ne seppelliamo tanti. Come si fa a ricordarseli tutti?, e basta. 7

9 Col tempo cominciò a non bastarmi più quello che possedevo. Volevo avere qualcosa di mio. Con sempre crescente insistenza ci rimuginavo su, finché, senza neanche accorgermene, presi la decisione. Riempii la valigia di scatolette vuote del tè, presi alcuni giorni di ferie non pagate e viaggiai nei posti dove immaginavo vi fossero i tramonti più belli. Anche se non c ero mai stato prima d allora, scelsi la zona dei laghi nel sud della Lituania. Quei posti mi attiravano già da tempo. Per tre giorni fu nuvoloso, ma il terzo già dall alba si mostrò niente male e così mi preparai per il sud. Devo confessare che avevo molta paura di non riuscire. E infatti le prime prove non furono buone, ma compresi presto dov era il mio errore. Non occorre semplicemente guardare il sole che cala. Bisogna invece VIVERE quella visione. Concentrare in uno - nel tramonto - tutti i propri sentimenti e pensieri. Qui é nascosto tutto il segreto perché non si può sentire così ogni tramonto. Un altra difficoltà é che in un giorno si può vedere un solo tramonto. Esso non si ripeterà più una seconda volta. Perciò qui non può esserci alcun tentativo. O ti riesce oppure no. E basta. Da quei giorni sono passati quindici anni, e posso dire che la mia speranza é stata soddisfatta. Anno su anno ho accumulato la mia raccolta, ogni giorno libero sono andato in cerca di tramonti. Ho selezionato, lasciando fuori o recuperando una cosa o l altra, finché la mia collezione personale é diventata anch essa bella, ordinata e compatta. Si può dire che sono diventato un virtuoso di quest insolito genere di cose. Appena sbircio un tramonto so subito quanto vale e se si addice o no alla mia collezione. Ecco, sono già due anni che sono in pensione e allora, lo capite da soli, non é più oltre le montagne il mio tramonto, che vedrei solo una volta senza poterlo inserire nella collezione. Adesso io viaggio di continuo per il paese, con ogni mezzo di trasporto e anche a piedi. In alcuni posti mi conoscono già e i ragazzini si offrono di portarmi le scatolette. Loro non sanno perché sono sempre qui, cosa mi spinge in questi paraggi, ma forse un giorno glielo spiegherò. Forse spiegherò e racconterò tutto ciò che so sui tramonti e sul mondo. E ogni volta più faticoso camminare col carico 8

10 dei miei tramonti e non c è paragone con quegli accalappiatopi, detti gli ungari, che tempi addietro andavano per i villaggi. Ogni giorno é più dura. Non é da escludere che anche a me verrà il desiderio di vendere a qualcuno la mia collezione, sebbene preferirei donarla a una persona adatta. Non meravigliatevi perciò quando vi capiterà di vedere su un giornale questo piccolo annuncio: Vendesi collezione. Tramonti. Quello sarò io. fine 9

Albert Camus LO STRANIERO. Titolo originale: L Étranger Traduzione di Alberto Zevi Casa Editrice: Bompiani Anno: 1987

Albert Camus LO STRANIERO. Titolo originale: L Étranger Traduzione di Alberto Zevi Casa Editrice: Bompiani Anno: 1987 Albert Camus LO STRANIERO Titolo originale: L Étranger Traduzione di Alberto Zevi Casa Editrice: Bompiani Anno: 1987 > Digitalizzazione a cura di Yorikarus @ forum.tntvillage.scambioetico.org < PARTE PRIMA

Dettagli

CHI HA PAURA DEI FANTASMI?

CHI HA PAURA DEI FANTASMI? CHI HA PAURA DEI FANTASMI? di Roberto Barbero Qualche volta i fantasmi non sono soli Guardando da una finestra del castello di Agrate, Arrigo vide passare una strana figura. Cosa? Un fantasma? gridò spaventato.

Dettagli

Racconti di un pellegrino russo. Se tu non capisci la parola di Dio i diavoli però capiscono quel che tu leggi e tremano. www.laparola.

Racconti di un pellegrino russo. Se tu non capisci la parola di Dio i diavoli però capiscono quel che tu leggi e tremano. www.laparola. RACCONTI DI UN PELLEGRINO RUSSO Se tu non capisci la parola di Dio i diavoli però capiscono quel che tu leggi e tremano. www.laparola.it - 1/62 Prefazione "Racconti di un pellegrino russo" furono stampati

Dettagli

Il giardino degli aranci

Il giardino degli aranci Ilaria Pasqua Il giardino degli aranci Il mondo di nebbia I edizione digitale: maggio 2014 Nativi Digitali Edizioni snc Via Broccaindosso n.16, Bologna ISBN: 978-88-98754-10-6 Collana: NSL Non Solo Fantasy

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

La coscienza di Zeno. di Italo Svevo. Letteratura italiana Einaudi

La coscienza di Zeno. di Italo Svevo. Letteratura italiana Einaudi La coscienza di Zeno di Italo Svevo Edizione di riferimento: dall Oglio, Milano 1976 Sommario 1. Prefazione 1 2. Preambolo 2 3. Il fumo 4 4. Morte del padre 30 5. Matrimonio 62 6. Moglie e amante 166 7.

Dettagli

MORTE DI UN GURU INDICE. Rabindranath R. Maharaj

MORTE DI UN GURU INDICE. Rabindranath R. Maharaj INDICE Rabindranath R. Maharaj discende da una lunga stirpe di sacerdoti e di guru bramini e fu educato allo scopo di divenire uno yoghi. Si esercitava per lunghe ore al giorno in misteriosi riti e preghiere

Dettagli

GIACOMO CUTRERA DEMONE BIANCO. una storia di dislessia

GIACOMO CUTRERA DEMONE BIANCO. una storia di dislessia GIACOMO CUTRERA DEMONE BIANCO una storia di dislessia 1 2 INDICE 01- DISLESSIA 7 02- L ESAME 18 03- LE MEDIE 24 04- LA CLASSE 27 05- DISTRATTO 33 06- STUDIO A CASA 39 07- OMBRA 45 08- I VERI BULLI 51 09-

Dettagli

LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ

LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ TEMPI E UNITÀ TEMI DEGLI INCONTRI OBIETTIVI RIFERIMENTI BIBLICI RIFERIMENTI AL ICFR 4 pp. 58-71 CELEBRAZIONI Cammino di catechesi per fanciulli e ragazzi Quinta tappa LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Le notti bianche Romanzo sentimentale (Dalle memorie di un sognatore)

Le notti bianche Romanzo sentimentale (Dalle memorie di un sognatore) Fëdor Dostoevskij Le notti bianche Romanzo sentimentale (Dalle memorie di un sognatore) ( ) 1848 1 1 Traduzione e note di Elsa Mastrocicco. L immagine riproduce la copertina dell opera edita nel 1923 e

Dettagli

BEATA ANGELA DA FOLIGNO MEMORIALE

BEATA ANGELA DA FOLIGNO MEMORIALE BEATA ANGELA DA FOLIGNO MEMORIALE I. Cenni biografici. Non si hanno certezze sulla data di nascita di Angela. Sposatasi, ha dei figli. Verso il 1285, si verifica la sua conversione ad un autentica vita

Dettagli

Una rivelazione Divina dell INFERNO. Il tempo sta per finire! Mary K. Baxter

Una rivelazione Divina dell INFERNO. Il tempo sta per finire! Mary K. Baxter Una rivelazione Divina dell INFERNO Il tempo sta per finire! Mary K. Baxter Gilgal Publishing Dorfstrasse 774 CH-5728 Gontenschwil Switzerland ISBN: 3-9522446-9-4 Titolo originale: A Divine Revelation

Dettagli

James Mattew Barrie Peter Pan nei giardini di Kensington

James Mattew Barrie Peter Pan nei giardini di Kensington James Mattew Barrie Peter Pan nei giardini di Kensington www.liberliber.it Questo e-book è stato realizzato anche grazie al sostegno di: E-text Editoria, Web design, Multimedia http://www.e-text.it/ QUESTO

Dettagli

Tornare. i n n a m o r a rs i

Tornare. i n n a m o r a rs i Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/2004 - Arezzo - Anno XIII n 2/2009 ad Tornare i n n a m o r a rs

Dettagli

DALL ILLUSIONE ALLA VERITA

DALL ILLUSIONE ALLA VERITA DALL ILLUSIONE ALLA VERITA Testimonianza dal vivo di Gloria Polo, medico dentista, in una chiesa di Caracas, Venezuela, il giorno 5 maggio 2005. Sono stata alle porte del cielo e dell inferno DICHIARAZIONE

Dettagli

Tu sol pensando o ideal, sei vero

Tu sol pensando o ideal, sei vero Tu sol pensando o ideal, sei vero Nella semplicità del mio cuore lietamente Ti ho dato tutto di Enzo Piccinini La notte del 26 maggio è morto Enzo Piccinini, chirurgo e responsabile di Comunione e Liberazione,

Dettagli

Anna Frank. IL DIARIO DI ANNA FRANK.

Anna Frank. IL DIARIO DI ANNA FRANK. Anna Frank. IL DIARIO DI ANNA FRANK. Traduzione di Arrigo Vita. Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., Milano, 1959. Su licenza della Giulio Einaudi Editore, Torino. NOTE BIOGRAFICHE. Nacque il 12 giugno 1929

Dettagli

CARINI MA UN PO NEVROTICI. di Aldo Nicolaj

CARINI MA UN PO NEVROTICI. di Aldo Nicolaj CARINI MA UN PO NEVROTICI di Aldo Nicolaj PERSONAGGI Grande cucina-soggiorno in una casa di campagna isolata. Una porta laterale dà su un piccolo esterno con tettoia, dove arriva a ripararsi dalla pioggia

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi. Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi. Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli