ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015"

Transcript

1 BRIEFING ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 Contenuti I. Ambito di applicazione del DTR II. Interventi contemplati dal DTR III. Incrementi di Producibilità IV. Tipologie di Comunicazioni al GSE e Tempi di valutazione degli interventi di modifica V. Costi di istruttoria a carico dei Soggetti Responsabili VI. Impatto e conseguenze del DTR Con la pubblicazione sul proprio sito web, in data 1 maggio 2015, delle Regole per il mantenimento degli incentivi in Conto energia - Documento tecnico di riferimento ( DTR ), il Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. (GSE) ha illustrato le modalità cui dovranno attenersi gli operatori del settore fotovoltaico in caso di interventi sugli impianti in Conto Energia onde evitare la decadenza dal diritto alle tariffe incentivanti. I. Ambito di applicazione del DTR Il DTR si rivolge agli operatori degli impianti fotovoltaici ammessi alle tariffe incentivanti di tutti e cinque i Conti Energia ad oggi adottati: dunque dal Primo Conto Energia (i.e. Decreti Ministeriali 28 luglio 2005 e 6 febbraio 2006) al Quinto Conto Energia (i.e. Decreto Ministeriale 5 luglio 2012), che intendano effettuare interventi di modifica sui relativi impianti, precisando, ai fini del mantenimento del diritto agli incentivi, quanto segue: In caso di interventi successivi alla pubblicazione del DTR: tutti gli interventi di modifica, sia di natura giuridico-amministrativa, che di natura tecnicoprogettuale e commerciale, dovranno essere notificati al GSE. In caso di interventi conclusi prima della pubblicazione del DTR: le modifiche effettuate saranno valutate dal GSE ai sensi del Conto Energia di riferimento e della relativa normativa applicabile.

2 1 Watson Farley & Williams In caso di interventi non espressamente disciplinati dal DTR: il Soggetto Responsabile sarà tenuto ad inviare al GSE una "richiesta di valutazione preliminare", secondo il modello fornito dal medesimo ente. II. Interventi contemplati dal DTR Qui di seguito ci proponiamo di descrivere brevemente, a seconda della natura della modifica (i.e. tecnico-progettuale e commerciale, giuridico-amministrativa), gli interventi sugli impianti fotovoltaici vietati o ammessi secondo le regole di cui al DTR, ivi incluse le relative implicazioni in termini di decadenza o mantenimento degli incentivi. 1. Modifiche di natura tecnico-progettuale e commerciale a) Spostamento dell impianto Lo spostamento di un impianto fotovoltaico in un sito diverso da quello di prima installazione comporta la decadenza dal diritto alla tariffa incentivante e la risoluzione della Convenzione stipulata con il GSE. Ammissibilità dell intervento e mantenimento dell incentivo: Purché autorizzati dagli Enti territorialmente competenti (e adeguatamente motivati al GSE) sono consentiti gli spostamenti all interno del sito di prima installazione, alle seguenti condizioni: i. Per gli impianti installati su edificio: la collocazione finale dell impianto rimanga nell ambito della stessa particella catastale; l intervento sia realizzato disponendo del titolo autorizzativo/abilitativo necessario. ii. iii. Per gli impianti installati su manufatti non accatastati: la collocazione finale dell impianto rimanga nell ambito della/e particella/e su cui insisteva il manufatto sul quale l impianto è stato inizialmente autorizzato e realizzato; l intervento sia realizzato disponendo del titolo autorizzativo/abilitativo necessario. Per impianti installati a terra: la collocazione finale dell impianto rimanga nell ambito della/e particella/e su cui lo stesso è stato inizialmente autorizzato e realizzato; l intervento sia realizzato disponendo del titolo autorizzativo/abilitativo necessario. Incremento di producibilità: Nel caso in cui lo spostamento dell impianto consentito dovesse determinare un incremento della producibilità dell impianto, il GSE erogherà gli incentivi spettanti nei limiti della soglia massima come definita al seguente paragrafo III. b) Modifiche del punto di connessione dell impianto

3 INCENTIVI IN CONTO ENERGIA A RISCHIO 2 Il punto di connessione dell impianto alla Rete elettrica (identificato con un codice POD), deve rimanere non condiviso con altri impianti fotovoltaici incentivati per tutta la durata del periodo di incentivazione, pena la decadenza dal diritto a percepire gli incentivi per tutti gli impianti che condividono il medesimo POD. Ammissibilità dell intervento e mantenimento dell incentivo: Le variazioni del codice POD sono consentite in caso di: a) sostituzione del POD provvisorio/di cantiere; b) variazione della tensione di collegamento alla rete dell impianto; c) modifica del regime di cessione in rete dell energia; d) spostamento del punto di connessione; e) fusione per incorporazione del Gestore di rete con altro Gestore di rete o cessione di ramo d azienda di un Gestore di rete ad altro Gestore di rete. No benefici economici In nessun caso la modifica POD può comportare un incremento dei benefici economici riconosciuti, se non previsto dalla normativa di riferimento. c) Variazione della modalita installativa Per questa tipologia di intervento, il DTR fornisce indicazioni a titolo meramente esemplificativo. Nel caso di impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative (BIPV) che abbiano avuto accesso diretto agli incentivi di cui al Quinto Conto Energia, il venir meno di tale caratteristica comporterebbe la decadenza dal diritto agli incentivi qualora non sussistessero nemmeno gli ulteriori requisiti previsti dal Decreto che avrebbero consentito l accesso diretto agli incentivi. Ammissibilità dell intervento e rimodulazione dell incentivo: Nel caso in cui le caratteristiche innovative dell impianto abbiano comportato il riconoscimento di una maggiorazione della tariffa incentivante (ovvero di un premio), la variazione comporta l adeguamento della tariffa incentivante all effettiva tipologia di impianto e il venir meno della componente premiale. No incremento della producibilità - No benefici economici: Non sono ammessi interventi volti ad incrementare la producibilità dell impianto; in nessun caso la modifica della modalità installativa può comportare un incremento dei benefici economici riconosciuti, se non previsto dalla normativa di riferimento. d) Sostituzione dei componenti d impianto Ammissibilità dell intervento e limiti di potenza: Nei limiti indicati dal DTR, è ammessa la sostituzione dei componenti

4 3 Watson Farley & Williams principali di impianto (quali moduli e inverter) nei limiti della potenza nominale dell impianto incentivata e contrattualizzata dal GSE, e di altri componenti (quali, ad esempio, contatori, trasformatori, dispositivo d interfaccia, strutture di sostegno dei moduli), fatto per tutti salvo, ove previsto, l ottenimento delle necessarie autorizzazioni da parte di Enti e Autorità competenti. Non e consentito installare componenti già utilizzati in altri impianti incentivati. Eccezione ai limiti di potenza per impianti fino a 20 KW: Per i soli casi di impianti con una potenza complessiva non superiore a 20 KW, fermo restando il rispetto dei requisiti del Conto Energia di riferimento, sono consentiti gli incrementi di potenza entro i seguenti limiti: Potenza Incremento percentuale ammissibile 3 KW 7% 6 KW 6% 10 KW 5% 20 KW 3% Incremento di producibilità: Nel caso in cui l intervento di sostituzione di componenti principali di impianto dovesse determinare un incremento della producibilità dell impianto, il GSE erogherà gli incentivi spettanti nei limiti della soglia massima come definita al seguente paragrafo III. e) Interventi di modifica della configurazione elettrica Ammissibilità dell intervento e mantenimento dell incentivo: Sono consentiti gli interventi che comportano l inserimento di nuovi componenti o l eliminazione di componenti esistenti, se necessari al fine di adeguare l impianto all evoluzione della normativa tecnica relativa al collegamento alla rete e all esercizio in sicurezza, nonché quelli necessari per mantenere in efficienza l impianto o garantirne un corretto rendimento. Incremento della producibilità - No benefici economici: Nel caso in cui l intervento comporti un incremento della producibilità dell impianto, il GSE erogherà gli incentivi nei limiti della soglia massima di energia incentivabile, come definita al seguente paragrafo III; in nessun caso la modifica della configurazione elettrica può comportare un incremento dei benefici economici riconosciuti, se non previsto dalla normativa di riferimento.

5 INCENTIVI IN CONTO ENERGIA A RISCHIO 4 f) Riduzione della potenza di impianto Ammissibilità dell intervento e mantenimento dell incentivo: È possibile ridurre, in via definitiva o anche temporanea, la potenza nominale dell impianto incentivata e contrattualizzata dal GSE (ad esempio nel caso in cui, a seguito di guasti, furti, avarie permanenti dei moduli fotovoltaici, il Soggetto Responsabile non intenda procedere, anche solo temporaneamente, alla sostituzione dei componenti oppure a seguito di specifiche prescrizioni degli Enti competenti), previa autorizzazione dell Amministrazione competente. No incremento dell incentivo: In caso di rinuncia, in via definitiva, della quota parte di potenza dismessa o non più installata, non saranno riconosciuti gli incrementi della tariffa incentivante eventualmente spettanti per impianti di pari potenza. g) Potenziamenti non incentivati Ammissibilità dell intervento e mantenimento dell incentivo: È possibile realizzare interventi che comportino incrementi della potenza in immissione sul punto di connessione alla rete di impianti incentivati, senza variare la potenza incentivata dell impianto preesistente, attraverso l installazione di nuovi moduli e convertitori, fermo restando il rispetto delle seguenti condizioni: i. installazione di idonee apparecchiature di misura che permettano di rilevare, separatamente, l energia elettrica prodotta dalla porzione di impianto incentivato e quella prodotta dalla porzione aggiuntiva, non incentivata, e ii. l aggiornamento della registrazione sul portale GAUDÌ dell impianto oggetto di potenziamento non incentivato conformemente alle disposizioni del Codice di Rete di Terna. Sospensione dell incentivo: Il mancato rispetto delle condizioni di cui sopra e/o dei termini di comunicazione al GSE, determina la sospensione del riconoscimento delle tariffe incentivanti, a partire dalla data di primo parallelo con la rete elettrica della porzione aggiuntiva di impianto non incentivabile e l adozione dei provvedimenti ritenuti più opportuni. h) Variazione del regime di cessione in rete dell energia prodotta dall impianto e/o del regime commerciale di valorizzazione della stessa Le variazioni della modalità di cessione dell energia elettrica prodotta dall impianto e immessa in rete o del regime commerciale di valorizzazione della stessa che comportino il venir meno dei requisiti che avevano consentito il riconoscimento delle tariffe incentivanti o di un determinato livello tariffario, possono determinare la decadenza dal diritto agli incentivi.

6 5 Watson Farley & Williams 2. Modifiche di carattere giuridico-amministrativo a) Variazione della proprietà del sito di installazione dell impianto Nei casi in cui disposizioni normative hanno legato alla proprietà e/o alla disponibilità del sito di installazione degli impianti l accesso agli incentivi, ovvero il diritto a godere di premi sulle tariffe incentivanti (si pensi, a titolo esemplificativo, alle disposizioni di cui al Quarto Conto Energia su aree o edifici di proprietà della Pubblica Amministrazione), la variazione della proprietà del sito di installazione può comportare la decadenza dal diritto a percepire gli incentivi e la risoluzione della Convenzione. No benefici economici: In nessun caso il trasferimento della proprietà del sito di installazione dell impianto da un privato ad una Pubblica Amministrazione può comportare la fruizione dei benefici economici riservati alle Pubbliche Amministrazioni. b) Cambio di titolarità degli impianti La variazione della titolarità dell impianto potrebbe avere effetti sulle tariffe incentivanti inizialmente riconosciute, ivi inclusa la decadenza dal diritto a percepire gli incentivi, laddove i requisiti soggettivi del Soggetto Responsabile (per es. l essere una Pubblica Amministrazione/Ente Locale/Regione) abbiano determinato il riconoscimento, o un maggior favore nel riconoscimento, delle tariffe incentivanti (si pensi, a titolo esemplificativo, agli impianti incentivanti con tariffe del Secondo Conto Energia ai sensi della Legge Finanziaria 2008, e agli impianti di potenza superiore a 12 KW, incentivati ai sensi del Quinto Conto Energia). No benefici economici: In nessun caso il trasferimento della titolarità dell impianto da un privato ad una Pubblica Amministrazione può comportare la fruizione da parte del nuovo Soggetto Responsabile, dei benefici economici riservati alle Pubbliche Amministrazioni. III. Incrementi di producibilità In considerazione del limite del costo indicativo cumulato degli incentivi pari a 6,7 miliardi di Euro l anno di cui al DM 5 luglio 2012, in caso di interventi che comportino incrementi della producibilità oltre la soglia di seguito descritta, si procederà alla valorizzazione: i. di tutta l energia elettrica immessa in rete, nella disponibilità del produttore, attraverso il Ritiro Dedicato, lo Scambio Sul Posto o la vendita al mercato libero; ii. dell energia elettrica eccedente la soglia, nei casi di incentivazione tramite tariffa onnicomprensiva, alle condizioni previste dalla deliberazione 343/2012/R/efr per l energia elettrica non incentivata. Il GSE erogherà gli incentivi per l energia elettrica prodotta entro la soglia limite prevista a decorrere dall anno solare di effettuazione dell intervento.

7 INCENTIVI IN CONTO ENERGIA A RISCHIO 6 La soglia massima di producibilità stabilita dal GSE ai fini dell incentivazione, è calcolata come segue: nel caso di impianti con decorrenza dell incentivo di almeno tre anni solari: è pari al valore massimo di energia prodotta, su base annua, negli ultimi tre anni solari di decorrenza dell incentivo antecedenti alla realizzazione dell intervento di modifica, incrementato del 2%; nel caso di impianti con decorrenza dell incentivo inferiore a tre anni solari: è pari al valore di producibilità determinato a partire dalla stima delle ore di produzione regionali di cui alla Tabella 1 Ore equivalenti medie per Regione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 16 ottobre 2014 (aggiornata annualmente dal GSE). Ore equivalenti medie per Regione - anno 2014 Regioni Ore equivalenti annue Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d'aosta Veneto La Tabella di cui sopra è pubblicata dal GSE sul proprio sito internet entro il 31 luglio di ogni anno N, utilizzando le ore medie di produzione degli impianti fotovoltaici incentivati, differenziate in funzione della Regione italiana di localizzazione e calcolate sulla base delle misure valide dell anno N-1, disponibili al 30 giugno dell anno N. Per i soli impianti fotovoltaici a inseguimento, si considera il valore di producibilità attesa utilizzato per il calcolo del costo indicativo cumulato annuo degli incentivi in conto energia. IV. Tipologie di comunicazioni al GSE e Tempi di valutazione degli interventi In base al DTR, il Soggetto Responsabile dovrà comunicare (mediante PEC o posta raccomandata A/R) gli interventi di modifica mediante l utilizzo dei modelli forniti dallo stesso GSE.

8 7 Watson Farley & Williams In particolare: i. Comunicazione di inizio lavori: da inviare in caso di avvio di lavori relativi a qualsiasi intervento di modifica di cui al DTR. ii. iii. Comunicazione di modifica in corso d Opera: da inviare entro 15 giorni dalla pubblicazione del DTR, in caso di interventi di cui al medesimo DTR che fossero in corso alla data del 1 maggio Comunicazione di avvenuta modifica dell impianto fotovoltaico: da inviare entro 30 giorni dall avvenuta modifica (oppure dalla data di pubblicazione del DTR, qualora, a tale data, sia già stata realizzata e non sia già stata comunicata l avvenuta modifica al GSE, oppure non si sia ancora ricevuta una risposta alla comunicazione eventualmente inviata al GSE prima della pubblicazione del presente DTR). La medesima comunicazione dovrà essere inviata in sostituzione della comunicazione sub (i), nelle seguenti eccezionali ipotesi: Interventi urgenti per la messa in sicurezza e ripristino della funzionalità del sito/impianto da concludersi entro 15 giorni; Interventi su impianti di potenza incentivata non > 20 KW; Interventi che non alterino i criteri e i requisiti originari di ammissione agli incentive (quali, ad esempio, sostituzione del quadro, dei cavi, dei componenti minori). iv. Richiesta di valutazione preliminare: da inviare al GSE in caso di interventi non espressamente contemplati nel DTR, ovvero nel caso di interventi dipendenti da eventi eccezionali (quali cause di forza maggiore, etc.). Entro 90 giorni dalla ricezione della comunicazione di avvenuta modifica dell'impianto, 60 nel caso della richiesta sub (iv), il GSE comunicherà al Soggetto Responsabile l'esito della valutazione sull ammissibilità dell intervento e valutazione delle relative conseguenze, che, a seconda dei casi, potrebbero consistere, rispetto all incentivo, in una conferma, in una rimodulazione, nella decadenza, nella determinazione della soglia massima di energia incentivabile, in una valutazione di non ammissibilità della modifica. v. Comunicazione di fermo impianto e riattivazione impianto: dette comunicazioni dovranno essere inviate,, nell'ambito della comunicazione sub (i)/sub(ii), rispettivamente, quando l intervento comporti un fermo dell impianto oltre 15 giorni (entro 15 giorni dall interruzione della produzione) e a seguito della riattivazione del medesimo impianto. Durante il fermo l erogazione degli incentivi sarà sospesa. V. Costi di istruttoria a carico dei Soggetti Responsabili I Soggetti Responsabili degli impianti interessati da una modifica o che facciano richiesta di una valutazione preliminare di modifica dovranno corrispondere al GSE (tramite bonifico bancario), un corrispettivo fisso (pari a 50 Euro) e variabile (pari a 2 Euro per i primi 20 KW di potenza incentivata, e 1 Euro per ogni KW di potenza incentivata eccedente i 20 KW). In ipotesi di sostituzione di moduli fotovoltaici, il corrispettivo sarà calcolato sulla base della potenza oggetto dell intervento di sostituzione.

9 INCENTIVI IN CONTO ENERGIA A RISCHIO 8 VI. Impatto e conseguenze del DTR A seguito dell adozione e della pubblicazione del DTR, il mondo delle energie rinnovabili, già duramente provato dagli effetti del ben noto Decreto Legge 91/2014 c.d. Spalma Incentivi (convertito in legge con la Legge 11 agosto 2014 n. 116), vede nuovamente vacillare le proprie certezze e minacciati i propri diritti. Colpendo trasversalmente tutti gli impianti incentivati in Conto Energia, le regole di cui al DTR, di fatto, inevitabilmente avranno l effetto di inibire gli interventi sugli impianti, sia che questi siano di manutenzione, sia che siano interventi di modifica e, più in particolare, di efficientamento ; non può infatti trascurarsi la circostanza che, in generale, la valutazione da parte del GSE circa l ammissibilità degli interventi sia successiva al completamento degli stessi. Tra le maggiori criticità di cui al DTR, emerge, in particolare, l imposizione di una soglia massima agli incrementi di producibilità dei singoli impianti, in considerazione, secondo il dettame dello stesso DTR, del limite del costo indicativo cumulato annuo previsto dal DM 5 luglio 2012 pari a 6,7 miliardi di Euro. Il DTR appare frutto dell esercizio di funzioni non attribuite al GSE, un prodotto in contrasto non solo con le politiche europee in tema di energie rinnovabili, ma anche con fonti gerarchicamente superiori, talché non sembra potersi escludere un movimento di settore, parimenti a quanto di recente accaduto avverso lo Spalma Incentivi, che si concretizzi nell avvio di azioni legali. Segnaliamo, inoltre, che è nostra intenzione sottoporre al GSE una serie di quesiti al fine di ottenere delucidazioni relativamente a talune delle questioni trattate nel DTR; inter alia, appare necessario che il GSE fornisca chiarimenti in merito alla disciplina prevista in caso della manutenzione di impianti, che sembra essere trattata al pari di qualsiasi intervento di modifica, pur di fatto non essendo necessariamente tale (si consideri, ad esempio, il caso degli interventi volti a mantenere in efficienza l'impianto o a garantirne un corretto rendimento).

10 Watson Farley & Williams CONTATTI Il dipartimento di energy e infrastrutture di Watson Farley & Williams fornirà degli aggiornamenti non appena tali informazioni saranno rese disponibili. Nel frattempo non esistiate a contattare i professionisti indicati di seguito o i Vostri usuali referenti presso Watson Farley & Williams qualora vogliate discutere le materie oggetto del presente briefing. TIZIANA MANENTI Partner Rome LUCA SFRECOLA Senior Associate Rome CRISTINA BETTI Associate Rome GINERVA BIADICO Associate Milan All references to Watson Farley & Williams and the firm in this publication mean Watson Farley & Williams LLP and/or its affiliated undertakings. Any reference to a partner means a member of Watson Farley & Williams LLP, or a member or partner in an affiliated undertaking, or an employee or consultant with equivalent standing and qualification. The transactions and matters referred to in this publication represent the experience of our lawyers. This publication is produced by Watson Farley & Williams. It provides a summary of the legal issues, but is not intended to give specific legal advice. The situation described may not apply to your circumstances. If you require advice or have question or comments on its subject, please speak to your usual contact at Watson Farley & Williams. This publication constitutes attorney advertising LON KW KW 19/05/2015 Watson Farley & Williams 2015 wfw.com

11 ATHENS BANGKOK DUBAI FRANKFURT HAMBURG HONG KONG LONDON MADRID MILAN MUNICH NEW YORK PARIS ROME SINGAPORE All references to Watson Farley & Williams and the firm in this publication mean Watson Farley & Williams LLP and/or its affiliated undertakings. Any reference to a partner means a member of Watson Farley & Williams LLP, or a member or partner in an affiliated undertaking, or an employee or consultant with equivalent standing and qualification. The transactions and matters referred to in this publication represent the experience of our lawyers. This publication is produced by Watson Farley & Williams. It provides a summary of the legal issues, but is not intended to give specific legal advice. The situation described may not apply to your circumstances. If you require advice or have question or comments on its subject, please speak to your usual contact at Watson Farley & Williams. This publication constitutes attorney advertising LON KW KW 19/05/2015 Watson Farley & Williams 2015 wfw.com

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento INDICE PREMESSA 4 1 INTERVENTI SU IMPIANTI INCENTIVATI IN CONTO ENERGIA 6 1.1 SPOSTAMENTO DELL IMPIANTO 7 1.2

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA - PROROGA AL 30 SETTEMBRE DEL TERMINE PER COMUNICARE GLI INTERVENTI GIÀ REALIZZATI

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA - PROROGA AL 30 SETTEMBRE DEL TERMINE PER COMUNICARE GLI INTERVENTI GIÀ REALIZZATI CLIENT ALERT 29 Maggio 2015 REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA - PROROGA AL 30 SETTEMBRE DEL TERMINE PER COMUNICARE GLI INTERVENTI GIÀ REALIZZATI 1. Introduzione In data 28 maggio

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango

Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango Solarexpo 9 aprile 2015 Introduzione Le disposizioni del quinto Conto Energia, unitamente a quelle

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA

ENERGIA FOTOVOLTAICA ENERGIA FOTOVOLTAICA Quinto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.07.2012 - G.U. 10.07.2012 Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici 3 Meccanismo di finanziamento

Dettagli

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici L incentivazione del Fotovoltaico: : il conto energia Il Decreto 19 febbraio 2007 3 Il GSE

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA. Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011

ENERGIA FOTOVOLTAICA. Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011 ENERGIA FOTOVOLTAICA Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011 3 Meccanismo di finanziamento per il fotovoltaico Collana prodotta dal Servizio Pianificazione

Dettagli

BOZZA NUOVO DECRETO FER DISPOSIZIONI ANCHE PER IL SOLARE

BOZZA NUOVO DECRETO FER DISPOSIZIONI ANCHE PER IL SOLARE CLIENT ALERT BOZZA NUOVO DECRETO FER DISPOSIZIONI ANCHE PER IL SOLARE OTTOBRE 2015 SCHEMA NUOVO DECRETO FER AL VAGLIO DELL'AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO E DELLA CONFERENZA

Dettagli

Crowdfunding nel settore immobiliare 26 giugno 2014

Crowdfunding nel settore immobiliare 26 giugno 2014 Crowdfunding nel settore immobiliare 26 giugno 2014 1 Introduzione Il fenomeno del crowdfunding in Italia Per crowdfunding si intende la raccolta di capitali finalizzata al finanziamento di start-up innovative,

Dettagli

Incentivazione degli impianti fotovoltaici

Incentivazione degli impianti fotovoltaici Incentivazione degli impianti fotovoltaici Relazione delle attività 2013 1 Premessa... 3 2 L incentivazione degli impianti fotovoltaici con il Conto Energia... 4 2.1 Il primo Conto Energia... 5 2.2 Il

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

IL CONTO ENERGIA IL REGIME FISCALE DEL FOTOVOLTAICO

IL CONTO ENERGIA IL REGIME FISCALE DEL FOTOVOLTAICO convegno nazionale & question time IL CONTO ENERGIA IL REGIME FISCALE DEL FOTOVOLTAICO Evoluzione del Conto Energia. Risultati e prospettive Gerardo Montanino, Direttore Divisione Operativa, GSE Fiera

Dettagli

Incentivazione degli impianti fotovoltaici. Relazione delle attività 2012

Incentivazione degli impianti fotovoltaici. Relazione delle attività 2012 Incentivazione degli impianti fotovoltaici Relazione delle attività 2012 Giugno 2013 1 1 Premessa... 3 2 L incentivazione degli impianti fotovoltaici con il Conto Energia... 4 2.1 Il primo Conto Energia...

Dettagli

Incentivazione degli impianti fotovoltaici

Incentivazione degli impianti fotovoltaici Incentivazione degli impianti fotovoltaici Relazione delle attività settembre 2008 agosto 2009 2 1. Premessa 4 2. L incentivazione degli impianti fotovoltaici con il Conto Energia 5 2.1 Il primo Conto

Dettagli

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ing. Salvatore

Dettagli

QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO INVESTIMENTO E RITORNO ECONOMICO ATTESO

QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO INVESTIMENTO E RITORNO ECONOMICO ATTESO Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti QUADRO LEGISLATIVO E NORMATIVO INVESTIMENTO

Dettagli

Il costo medio di realizzazione dell impianto varia da ca. 4.000 kwp (P < 50 kwp), a ca. 3.600 /kwp (50kWp 200kWp).

Il costo medio di realizzazione dell impianto varia da ca. 4.000 kwp (P < 50 kwp), a ca. 3.600 /kwp (50kWp<P<200kWp) a ca. 3.100 /kwp (P> 200kWp). Il CETRI-TIRES, Circolo Europeo per la Terza Rivoluzione Industriale ha condotto una simulazione su dati GSE, Terna, ATLASOLE e su dati di contabilità industriale di aziende del settore fotovoltaico aderenti

Dettagli

Incentivazione degli impianti fotovoltaici

Incentivazione degli impianti fotovoltaici Incentivazione degli fotovoltaici Relazione delle attività ottobre 2006 settembre 2007 1. Premessa 2 2. L incentivazione degli fotovoltaici con il Conto Energia 3 2.1 Il primo Conto Energia (DM 28/07/05

Dettagli

Incentivazione degli impianti fotovoltaici

Incentivazione degli impianti fotovoltaici Incentivazione degli impianti fotovoltaici Relazione delle attività settembre 2007 agosto 2008 1 1. Premessa 4 2. L incentivazione degli impianti fotovoltaici con il Conto Energia 5 2.1 Il primo Conto

Dettagli

PUBBLICATO DAL GSE IL 1 MAGGIO 2015 CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE

PUBBLICATO DAL GSE IL 1 MAGGIO 2015 CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE PROPOSTE ASSORINNOVABILI MIGLIORATIVE DEI CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA - DOCUMENTO TECNICO DI RIFERIMENTO PUBBLICATO DAL GSE IL 1 MAGGIO

Dettagli

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze)

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Il gruppo GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energial Elettrica ed il Gas ) Delibere Fiera di Verona,

Dettagli

Le regole tecniche per gli Energy Storage in sistemi di produzione di energia elettrica incentivati. Francesco De Mango

Le regole tecniche per gli Energy Storage in sistemi di produzione di energia elettrica incentivati. Francesco De Mango Le regole tecniche per gli Energy Storage in sistemi di produzione di energia elettrica incentivati Francesco De Mango Napoli 18 giugno 2015 GSE Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. L organizzazione MiSE

Dettagli

GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS

GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS MountEE - mountee: Energy efficient and sustainable building in European municipalities in mountain regions IEE/11/007/SI2.615937 GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS CONTO ENERGIA - IT www.mountee.eu info@mountee.eu

Dettagli

Incentivazione degli impianti fotovoltaici. Relazione delle attività 2010

Incentivazione degli impianti fotovoltaici. Relazione delle attività 2010 Incentivazione degli impianti fotovoltaici Relazione delle attività 2010 Marzo 2011 INDICE 1. Premessa 3 2. L incentivazione degli impianti fotovoltaici con il Conto Energia 4 2.1 Il primo Conto Energia

Dettagli

Incentivazione degli impianti fotovoltaici. Relazione delle attività 2011

Incentivazione degli impianti fotovoltaici. Relazione delle attività 2011 Incentivazione degli impianti fotovoltaici Relazione delle attività 2011 Marzo 2012 2 1. Premessa... 4 2. L incentivazione degli impianti fotovoltaici con il Conto Energia... 5 2.1 Il primo Conto Energia...

Dettagli

Circolare N. 156 del 27 Novembre 2014

Circolare N. 156 del 27 Novembre 2014 Circolare N. 156 del 27 Novembre 2014 Riduzione incentivi fotovoltaico l opzione entro il 30 novembre (Istruzioni GSE) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che entro il prossimo 30.11.2014

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DELLE TARIFFE INCENTIVANTI ALL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE

CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DELLE TARIFFE INCENTIVANTI ALL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DELLE TARIFFE INCENTIVANTI ALL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE ai sensi dell articolo 25 del D.Lgs. 28/11 e del D.M. 5 luglio

Dettagli

SPALMA INCENTIVI FV. Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014. Presentazione a cura di: Raul Ruggeri

SPALMA INCENTIVI FV. Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014. Presentazione a cura di: Raul Ruggeri SPALMA INCENTIVI FV Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014 Presentazione a cura di: Raul Ruggeri DISPOSITIVO 1/2 Art. 23 Riduzione delle bollette elettriche a favore dei clienti forniti in media e

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Attuazione del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 6 agosto 2010, ai fini dell incentivazione della produzione

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Il DM 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

Il Fotovoltaico. Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche

Il Fotovoltaico. Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche Il Fotovoltaico Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008 a cura dell Ufficio Statistiche 2 3 Introduzione Il presente lavoro intende fornire, attraverso alcune sintetiche elaborazioni a cura dell

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie

Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie 1. Premessa Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Dettagli

17/07/2008. Seminario sui Sistemi Fotovoltaici. Il Nuovo Conto Energia

17/07/2008. Seminario sui Sistemi Fotovoltaici. Il Nuovo Conto Energia Impianti Fotovoltaici dopo 1 anno di applicazione Seminario sui Sistemi Fotovoltaici CNA Bologna 17 luglio 20 Claudio Lambertini - Emilia Romagna Dal 13 aprile 2007 gli impianti fotovoltaici possono godere

Dettagli

FAQ. Si precisa che nel seguito non vengono fornite risposte alle domande che riguardano i criteri per la valutazione delle domande di ammissione.

FAQ. Si precisa che nel seguito non vengono fornite risposte alle domande che riguardano i criteri per la valutazione delle domande di ammissione. Studio RUSSORESEARCH FAQ QUESITI FREQUENTI SULLA PROCEDURA DI AMMISSIONE ALLE TARIFFE INCENTIVANTI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI CUI AL DM 28.7.2005 E ALLA DELIBERA AEEG N. 188/05 Aggiornamento al 23

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO. Luisa Calleri. APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili

Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO. Luisa Calleri. APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO Workshop FIRE APER Fonti rinnovabili: guida per i decisori pubblici e i manager Luisa Calleri APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili L Associazione

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012. detto anche Quinto conto energia. Guida alla lettura

DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012. detto anche Quinto conto energia. Guida alla lettura DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012 detto anche Quinto conto energia Guida alla lettura Premessa Il V Conto Energia aggiorna lo schema di incentivi previsti per incentivare la produzione di energia elettrica

Dettagli

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua.

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. Art. 3. Su ciascun contenitore delle zattere di cui al precedente articolo dovranno

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA COMMENTARIO V CONTO ENERGIA Premesse a) Incremento del costo indicativo cumulato annuo a 6.700 milioni di euro (il V C.E. termina 30 gg dopo il raggiungimento); b) Il V C.E. parte dopo 45 giorni dalla

Dettagli

Modalità copertura gestione, verifica. ica

Modalità copertura gestione, verifica. ica Modalità operative per il riconoscimento delle tariffe a copertura dei costi sostenuti dal GSE per le attività di gestione, verifica e controllo relative ai meccanismii di incentivazione e sostegno delle

Dettagli

Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori

Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori agricoli di Ennio Trivella - dottore commercialista e revisore legale Per effetto di quanto stabilito

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Guida alla lettura del V Conto Energia

Guida alla lettura del V Conto Energia Guida alla lettura del V Conto Energia Manuale pratico per l applicazione del decreto ministeriale 5 luglio 2012 (aggiornata al 5/9/2012) Sommario Finalità del decreto... 3 Disciplina transitoria... 4

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE Prof. Massimo Beccarello Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Strategie, Studi e Documentazione 22 dicembre 2004 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 3 dicembre 2010, ARG/elt 225/10

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 3 dicembre 2010, ARG/elt 225/10 Versione integrata e modificata dalla deliberazione 3 dicembre 2010, ARG/elt 225/10 Attuazione del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato >> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato IMPIANTI FOTOVOLTAICI Tecnologie attuali e nuovi modelli Bari 11 Dicembre 2007 ore 15,30 1 >> Fotovoltaico: situazione attuale

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Il Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del mare

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione energia elettrica Milano, 12 aprile 2006 1 Sommario 1. Introduzione...3 2. Il quadro normativo di

Dettagli

Strumenti per il finanziamento delle infrastrutture energetiche: i Project Bond

Strumenti per il finanziamento delle infrastrutture energetiche: i Project Bond Energy Symposium 2013 Strumenti per il finanziamento delle infrastrutture energetiche: i Project Bond Avv. Umberto Mauro Roma, 14.11.2013 1 Norton Rose Fulbright Group oltre 3800 avvocati oltre 50 uffici

Dettagli

FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione -

FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione - FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione - Edizione 2008 INDICE 1. PREMESSA...3 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO()...4 3. PROGETTO...5 4. RICHIESTA...6

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

Caratterizzato da chiare esplicazioni sul funzionamento e l'utilizzo degli impianti fotovoltaici connessi in rete, da dettagliate e pratiche

Caratterizzato da chiare esplicazioni sul funzionamento e l'utilizzo degli impianti fotovoltaici connessi in rete, da dettagliate e pratiche Caratterizzato da chiare esplicazioni sul funzionamento e l'utilizzo degli impianti fotovoltaici connessi in rete, da dettagliate e pratiche indicazioni progettuali, procedurali ed economiche, da esempi

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA - Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli

Dettagli

DECRETI RELATIVI AGLI INCENTIVI EROGATI AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI PUBBLICATI IN DATA 17/10/2014

DECRETI RELATIVI AGLI INCENTIVI EROGATI AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI PUBBLICATI IN DATA 17/10/2014 DECRETI RELATIVI AGLI INCENTIVI EROGATI AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI PUBBLICATI IN DATA 17/10/2014 Venerdì 17 Ottobre, ha comunicato con nota l avvenuta firma di tre decreti

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Con la presente siamo a sottoporvi la ns. migliore offerta economica relativa alla esecuzione dell impianto in oggetto.

Con la presente siamo a sottoporvi la ns. migliore offerta economica relativa alla esecuzione dell impianto in oggetto. Via Rubiera, 44 42018 San Martino in Rio (RE) P.Iva: 01218040358 Tel: (+39) 0522 698449 e-mail: info@ecosource-re.it Spett. San Martino in Rio, 26 Gennaio 2012 OGGETTO: Offerta per l esecuzione di 1 impianti

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

DOMANDA DI CONNESSIONE PER SERVIZIO DI SCAMBIO

DOMANDA DI CONNESSIONE PER SERVIZIO DI SCAMBIO Enel Distribuzione S.p.A. CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE Zona di... Casella Postale...... DOMANDA DI CONNESSIONE PER SERVIZIO DI SCAMBIO domanda di connessione/adeguamento della connessione esistente

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Ing. Luca Di Carlo Direttore Ingegneria IL MINIEOLICO IN ITALIA. PROGETTARE IL FUTURO Solarexpo The Innovation Cloud Milano, 9 maggio 2014

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

PRIME DISPOSIZIONI RELATIVE AI SISTEMI DI ACCUMULO - ORIENTAMENTI

PRIME DISPOSIZIONI RELATIVE AI SISTEMI DI ACCUMULO - ORIENTAMENTI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 613/2013/R/EEL PRIME DISPOSIZIONI RELATIVE AI SISTEMI DI ACCUMULO - ORIENTAMENTI Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica 19 dicembre 2013 1

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE PER L ISCRIZIONE AI REGISTRI E PER L ACCESSO ALLE TARIFFE INCENTIVANTI DM 5 LUGLIO 2012 (QUINTO CONTO ENERGIA)

REGOLE APPLICATIVE PER L ISCRIZIONE AI REGISTRI E PER L ACCESSO ALLE TARIFFE INCENTIVANTI DM 5 LUGLIO 2012 (QUINTO CONTO ENERGIA) REGOLE APPLICATIVE PER L ISCRIZIONE AI REGISTRI E PER L ACCESSO ALLE TARIFFE INCENTIVANTI DM 5 LUGLIO 2012 (QUINTO CONTO ENERGIA) 7 agosto 2012 Indice Premessa... 5 1 Inquadramento generale e quadro normativo

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

FAQ (Risposte alle domande più frequenti) AGGIORNAMENTO AL 16/06/2015

FAQ (Risposte alle domande più frequenti) AGGIORNAMENTO AL 16/06/2015 Modalità di redazione dell elenco anagrafe delle Opere incompiute di cui all art.44-bis del DL 6/12/2011 n.201, convertito con modificazioni dalla legge 22/12/2011 n.214, ed in riferimento al Decreto 13

Dettagli

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Ing. Salvatore Favuzza

Dettagli