Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)"

Transcript

1 Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive la situazione attuale. Livello 2: 2.1 Accettazione e riconoscimento del Project Management da parte dei responsabili del settore (o dipartimento o funzione aziendale) oppure da parte dei responsabili che hanno influenza sui progetti; scegliere la risposta ritenuta migliore: a) Il Project Management è ampiamente conosciuto e accolto come buona prassi per la gestione progetti da almeno un anno. I responsabili incoraggiano l'uso di tale conoscenza. b) Il Project Management è stato accolto e riconosciuto come processo aziendale da più di 6 mesi o è stato utilizzato per almeno un anno, ma ha inciso finora su pochi dirigenti. c) Il Project Management è stato accettato e operativamente utilizzato per più di 6 mesi, ma non è ben accolto e riconosciuto come buona pratica di gestione dai responsabili del settore o non vi è alcun incoraggiamento per il suo utilizzo. d) Sono state da poco avviate azioni volte ad ottenere un pieno coinvolgimento dei responsabili. e) I responsabili sembrano ignorare l'argomento. 2.2 Accettazione dei metodi e delle tecniche del Project Management da parte dei Project Manager (Responsabili di progetto) : a) Il Project Management è accolto come buona pratica di gestione da almeno un anno. I project manager si sentono obbligati e stimolati nell uso di tale conoscenza. b) Il Project Management è accolto come buona e regolare pratica di gestione da almeno un anno, ma solo da un numero limitato di project manager. c) Il Project Management è accolto come buona pratica di gestione da almeno un anno, ma c'è poco stimolo per i project manager nell utilizzo di tale disciplina e delle relative conoscenze. d) Ci sono alcuni sforzi iniziali volti ad ottenere accettazione e pieno coinvolgimento da parte dei project manager. e) I project manager non hanno conoscenza formale del Project Management o di manifestano riluttanti nell utilizzo di tale conoscenza. 2.3 Accettazione del Project Management da parte dei Clienti (vale a dire, le unità organizzative interne o esterne che ricevono il servizio o il prodotto realizzato dal progetto); scegliere la risposta che meglio descrive la situazione attuale: a) La disciplina è ampiamente conosciuta e viene accolta come buona pratica di gestione da almeno un anno. I Clienti la apprezzano e ne promuovono l utilizzo. b) La disciplina è ampiamente conosciuta e viene accolta come buona pratica di gestione da almeno un anno, ma solo all'interno di un limitato numero di Clienti. c) La disciplina è ampiamente conosciuta e viene accolta come buona pratica di gestione da almeno un anno, ma i Clienti non sanno o non sono in grado di percepire se tale pratica di gestione viene utilizzata in modo utile ed efficace. d) Ci sono sforzi iniziali volti ad ottenere un pieno coinvolgimento da parte dei Clienti nei processi di project management. e) I Clienti non conoscono la disciplina del Project Management o ne percepiscono con apprensione o riluttanza il relativo utilizzo.

2 2.4 Livello di conoscenze tecniche (o conoscenze specifiche di business) di ciascun team di progetto;, scegliere la risposta che meglio descrive lo stato attuale: a) Il team ha buone conoscenze tecniche e di business per contribuire al successo dei progetti. b) Il livello di conoscenze è quasi quello richiesto, ma sono inoltre possibili attività formative (sul posto di lavoro o con formazione in aula), utilizzabili per raggiungere il livello di successo desiderato. c) Il livello di conoscenze è quasi sufficiente, ma sono inoltre possibili attività formative (sul posto di lavoro o con formazione in aula), utilizzabili per raggiungere il livello di successo desiderato. d) Il livello di conoscenze è scarso, ma potrebbero essere possibili attività di formazione. e) Non vi sono conoscenze e prospettive o programmi di miglioramento. 2.5 Formazione in azienda (ad esempio la formazione prevista all'interno dell'organizzazione) relativa al Project Management, scegliere la risposta che meglio descrive lo stato attuale: a) La formazione interna riguardante le metodologie e gli strumenti software di gestione progetti avviene regolarmente, e le stesse attività sono già da qualche tempo disponibili. b) La formazione interna riguardante le metodologie e gli strumenti software di gestione progetti è già da tempo disponibile, ma non viene seguita in modo regolare e soddisfacente. c) Un primo ciclo di formazione interna è appena avvenuto e si si prevede che continuerà in modo frequente e regolare. d) Ci sono stati alcuni tentativi iniziali di avviare un programma di formazione. e) L argomento non è ritenuto importante per l'organizzazione, e nel corso degli ultimi anni non sono stati tenuti corsi di formazione interni. 2.6 Formazione al di fuori dell'organizzazione (per esempio corsi specifici di formazione, Master, corsi di certificazione, ecc), avvenuta negli ultimi 12 mesi per il personale delle unità responsabili del Project Management, scegliere la risposta migliore: a) L'organizzazione promuove tali iniziative, offrendo di norma avanzamenti di carriera (o interventi analoghi) per il personale coinvolto, purché siano giustificati. b) L'organizzazione promuove tali iniziative e può offrire avanzamenti di carriera (o interventi analoghi) per il personale coinvolto. c) L'organizzazione promuove tali iniziative formative e sta analizzando la possibilità di avanzamenti di carriera (o interventi analoghi) per il personale coinvolto. d) L'organizzazione sta analizzando la possibilità e la volontà di pubblicare una linea guida sull argomento. e) L'organizzazione in generale non conosce o non incoraggia tali iniziative. 2.7 Tipo di formazione offerta ai Project Manager negli ultimi 12 mesi, scegliere la risposta che meglio descrive lo stato attuale: a) La formazione ha coperto tutte le aree di conoscenza e i gruppi di processi in base al PMBOK (o ad un altro standard adottato) a un livello adeguato per i Project Manager. Quasi tutti i Project Manager sono stati formati secondo detto standard. b) La formazione ha coperto tutte le aree di conoscenza e i gruppi di processi in base al PMBOK (o altro standard adottato) a un livello adeguato per i Project Manager, ma non ne sono stati formati ancora abbastanza. c) La formazione ha coperto solo poche tematiche di gestione (rispetto a quelle individuate in base a detto standard o ritenute come necessarie dal personale interessato). d) E in procinto di partire un programma di formazione e) I Project Manager non hanno finora ricevuto alcuna formazione e non vi è alcuna iniziativa in programma.

3 2.8 Tipo di formazione offerta ai responsabili del settore (ad esempio dirigenti che hanno una certa influenza sui progetti o processi di project management), scegliere la risposta migliore: a) La formazione ha coperto tutte le aree di conoscenza ed i di processi in base agli standard attuali (PMBOK o altro standard adottato) a un livello adeguato. Quasi tutti i manager che necessitavano di dette conoscenze, le hanno ottenute. b) La formazione ha coperto tutte le aree di conoscenza e i di processi in base agli standard attuali (PMBOK o altro standard adottato) a un livello adeguato per i manager; ma non nel numero necessario. c) La formazione ha coperto solo poche tematiche di gestione (rispetto a quelle individuate come necessarie per i manager). d) E in procinto di partire un programma di formazione per i manager. e) I manager non hanno ricevuto alcuna formazione in merito ai processi di Project Management e non vi è alcuna iniziativa per farlo. 2.9 Comprensione della rilevanza degli aspetti organizzativi (come PMO, comitati di direzione/steering committee, ruoli di sponsor, ecc) per garantire una buona esecuzione del progetto; è possibile affermare che: a) La maggior parte dei responsabili del settore e dei dirigenti sono consapevoli dell argomento e della sua importanza per realizzare progetti di successo, e ne incoraggiano l'attuazione e il miglioramento. b) La maggior parte dei responsabili del settore e dei dirigenti sono consapevoli dell argomento e della sua importanza per realizzare progetti di successo, ma non ne incoraggiano l'attuazione e il miglioramento. c) La maggior parte dei responsabili del settore e dei dirigenti sono consapevoli dell argomento, ma non sono del tutto sicuri circa la sua importanza nel realizzare con successo i progetti. d) Vi sono alcune prime iniziative per rendere questo tema più noto e accettato dai livelli dirigenziali. e) I responsabili del settore ed i dirigenti non sono o non sembrano consapevoli dell importanza dell argomento Formazione riguardante gli strumenti software per la gestione dei tempi (Gantt, CPM, scheduling, ecc).: a) La formazione ha riguardato tutti gli specialisti che hanno bisogno di utilizzare questo tipo di software. Questi hanno utilizzato i software di gestione dei tempi per più di un anno. b) La formazione ha riguardato tutti coloro che hanno bisogno di questo tipo di software. Solo un numero limitato di queste lo utilizza quotidianamente. c) E stata erogata formazione sui software per la gestione dei tempi. Ci sono alcuni sforzi iniziali per l utilizzo degli stessi software. d) Esiste un piano di formazione per i software di gestione dei tempi. e) Non esiste alcun software di gestione dei tempi a disposizione nell'organizzazione o alcun piano di formazione in argomento.

4 Livello 3: 3.1 Utilizzo della metodologia di Project Management da parte del personale coinvolto in progetti; scegliere la risposta che meglio descrive lo stato attuale: a) Esiste una metodologia completa, che è stata implementata e copre i gruppi di processi e le aree di conoscenza descritte nel PMBOK, ove necessario, o standard formale dall azienda. È usata da tutte le persone che si occupano di progetti da almeno un anno. b) Come sopra, ma la metodologia viene utilizzata solo da un piccolo gruppo di persone. d) Ci sono studi in corso per l'implementazione di una metodologia di project management. e) Non vi è alcuna metodologia implementata e nessun piano di sviluppo in argomento. 3.2 Metodologia e sistemi informatici a supporto della gestione progetti: a) Vi è un sistema informatico per i diversi tipi di progetti (PMIS), integrato al sistema informativo aziendale, utilizzato da tutti i principali membri interessati da almeno un anno. b) Come sopra, ma usato da un piccolo gruppo di persone. d) Ci sono studi in corso per implementare sistemi informativi di project management (PMIS). e) La metodologia di PM non è informatizzata e non vi è al momento alcun intervento in tal senso. 3.3 Processi di documentazione e standardizzazione - incluse le fasi di generazione dell idea di un nuovo prodotto/servizio, sviluppo del concetto, studi di fattibilità e approvazione (piano strategico) - a supporto dell intero ciclo di vita del progetto: a) Tutti i processi di cui sopra sono stati definiti, descritti e standardizzati. Alcuni sono stati anche informatizzati. La documentazione prodotta è in uso da più di un anno. b) Come sopra, ma utilizzazione limitata a un piccolo gruppo di persone. d) Ci sono studi in corso per realizzare il lavoro di cui sopra. e) Non è ancora noto quando i processi in oggetto saranno analizzati, mappati e standardizzati. 3.4 Per quanto riguarda la pianificazione di ogni nuovo progetto e la conseguente stesura del piano di progetto, è possibile affare affermare che: a) Il piano di progetto è predisposto in base a norme prestabilite che coinvolgono tutto il personale interessato. Il modello di pianificazione cataloga i progetti in piccoli, medi e grandi, ed è ben accetto e utilizzato nell organizzazione da più di un anno. b) Come sopra, ma usato solo da un limitato numero di soggetti. d) Ci sono studi in corso per stabilire un modello di pianificazione dei nuovi progetti. e) Non vi è alcun modello di pianificazione in fase di sviluppo e non si prevede di svilupparne uno. Attualmente la pianificazione avviene in modo intuitivo, in base allo sforzo individuale.

5 3.5 Struttura organizzativa esistente (a progetti, a matrice forte/equilibrata/debole, funzionale), in relazione ai compiti di Project Manager e al ruolo di altri settori dell'organizzazione ("fornitori interni"). a) La struttura organizzativa di progetto più opportuna è stata valutata, concordata e implementata con i "fornitori interni", secondo ben definite linee guida. Tale struttura è operativa da più di un anno. b) Come sopra, ma seguita finora solo da un piccolo gruppo di persone (o sporadico numero progetti di progetti, non rappresentativi del totale dell azienda). d) Ci sono studi in corso per affrontare questo argomento. e) Niente è stato fatto ancora a tal proposito. 3.6 Presenza del Project Management Office (PMO). a) Il PMO è stato realizzato, è efficiente ed è pienamente operativo da più di un anno. Esso è fortemente coinvolto nella pianificazione e il controllo di tutti i progetti. b) Come sopra, ma il PMO segue solo alcuni importanti progetti. d) Ci sono studi in corso per realizzare un PMO. e) Non vi è né un PMO, né piani per una sua impostazione. 3.7 Per quanto riguarda la presenza di comitati, steering board o commissioni per il follow-up (monitoraggio e controllo) di progetto, qual è la risposta che meglio descrive lo stato attuale?: a) Esistono unità di governance come indicato, le riunioni avvengono periodicamente e hanno una forte influenza sullo sviluppo dei progetti. Sono pienamente operative da più di un anno. b) Come sopra, ma le stesse unità sono utilizzate solo per alcuni importanti progetti. d) Sono in corso iniziative per realizzare unità di governance nel senso anzi detto. e) Non esistono comitati di direzione progetto o simili né piani per la loro attuazione. 3.8 Riunioni di assessment, SAL (stato avanzamento lavori) e controlli di follow-up, svolte dal Project Manager e dal suo team. a) Sono di norma organizzate come il metodo e i piani prestabiliti (programma, luogo, ordine del giorno, partecipanti, report, ecc). Gli incontri verificano il progresso del progetto per l'intero team. Sono utilizzati per tutti i progetti da più di un anno. b) Come sopra, ma utilizzati solo da alcuni Project Manager. d) Ci sono interventi in corso per attuare e proceduralizzare le riunioni. e) Non ci sono di norma riunioni pianificate. 3.9 Attività di Esecuzione e reporting/controllo dei progetti. a) I dati sono raccolti e confrontati con il piano. In caso di deviazioni, sono individuate e messe in atto delle contromisure ovvero azioni correttive/preventive. Il modello appare essere stato efficiente per i progetti e viene usato da più di un anno. b) Come sopra, ma utilizzato solo da alcuni responsabili di progetto. d) Ci sono iniziative in corso per l'attuazione di processi formali di esecuzione e di reporting e controllo progetti. e) Non è stato fatto nulla in proposito e non vi sono iniziative in tal senso. All apparenza i progetti sembrano "andare alla deriva".

6 3.10 Pianificazione tecnica del prodotto o del servizio, in relazione alla documentazione tecnica utilizzata dai responsabili tecnici, dai Project Manager e da altri; è possibile affermare che: a) La documentazione e le relative tecniche di gestione hanno una buona qualità ed i principali stakeholder del settore le hanno adottate e seguite da più di un anno. b) Come sopra, ma limitatamente ad piccolo gruppo di persone che ne hanno necessità. d) Ci sono iniziative in corso per la redazione e gestione della documentazione. e) Non vi è nessun processo formale di documentazione, né sforzi per l'attuazione dello stesso. Livello 4: 4.1 Circa la storia dei progetti conclusi, considerando (se applicabili): ritorno degli investimenti, la qualità del prodotto/servizio, la qualità della gestione e la registrazione delle lessons learned, è possibile affermare che: a) Vi è un continuo processo di miglioramento del sistema in uso. I processi di project management sono continuamente valutati e gli aspetti inadeguati o fragili sono messi in discussione e migliorati. Il modello è ben accetto e usato da più di due anni. b) Come sopra, ma usato da un numero limitato di Project Manager. d) Ci sono studi in corso per l'attuazione di un database di lezioni apprese. e) Ci sono informazioni sparse o non facilmente accessibili, ma non vi è alcun archivio computerizzato centrale. L'uso di questi dati non è una prassi abituale. Non vi è alcun piano per realizzare una simile base di dati. 4.2 Gestione del portafoglio (portfolio) e dei programmi individuati nel corso della pianificazione strategica: a) Portfolio e programmi ricevono un trattamento speciale, con responsabili specifici in aggiunta ai singoli Project Manager. La gestione di portafoglio e dei programmi è in sintonia con gli obiettivi strategici dell organizzazione da più di 2 anni. b) Come sopra, ma usata solo in alcuni casi di portafoglio/programmi. d) Vi è un certo approccio per definire le priorità nell ambito dei portafogli di progetto e dei programmi individuati in fase di pianificazione strategica. e) Tali aspetti non sono al momento presi in considerazione o risultano sconosciuti. 4.3 Miglioramento continuo del sistema di Project Management. Come è stato detto per la metodologia e il livello di informatizzazione, scegliere la risposta che meglio descrive la situazione attuale: a) Vi è un continuo processo di miglioramento del sistema in uso. I processi di project management vengono continuamente valutati e gli aspetti inadeguati o fragili vengono messi in discussione e migliorati. Tale modello è ben accetto e utilizzato da più di 2 anni. b) Come sopra, ma in generale usato con certe restrizioni o limitazioni (per settore, gruppi e tipi di progetto etc.). d) E in corso di definizione e di attuazione un programma di miglioramento continuo. e) Un programma del genere non è stato ancora concepito o avviato.

7 4.4 Analisi degli scostamenti dei progetti in corso o finiti (sensibili ritardi e slittamenti, spese eccedenti il budget, ecc), scegliere la risposta che meglio descrive la situazione attuale: a) Esiste una procedura, utilizzata da tutti i Project Manager, con il compito di raccogliere i dati sugli scostamenti e valutarne le cause. La stessa è utilizzata validamente da almeno due anni. b) Come sopra, ma viene usata solo per un limitato numero di progetti. d) E in corso di attuazione un programma di miglioramento continuo per il controllo e l analisi degli scostamenti dei progetti. e) L argomento non è stato finora valutato o preso in seria considerazione. 4.5 Per quanto riguarda le cause di fallimento dei progetti finiti o comunque chiusi (per ritardi, spese eccedenti il budget, non raggiungimento dello scopo, non soddisfacimento delle norme di qualità), scegliere la risposta che meglio descrive la situazione attuale: a) Sono state individuate tutte le principali cause di fallimento. Sono state definite ed attuate contromisure al fine di evitare nuovamente tali cause. Tutto il personale coinvolto sta usando queste conoscenze da più di due anni. b) Come sopra, ma le conclusioni e l'utilizzazione di tale procedura sono in uso da meno di un anno. c) L'utilizzazione di tali conoscenze è parziale. d) Ci sono studi in corso per l'attuazione. e) Nulla è stato ancora fatto su questo tema. 4.6 Struttura organizzativa attuale. E possibile affermare che l'attuale struttura è idonea ad assicurare il ruolo del Project Manager e dei loro "fornitori interni" (si veda la domanda 3.5): a) Si è evoluta in un modello di struttura adeguata ed efficiente. Il Project Manager possiede la necessaria autorità per far rispettare i lavori da eseguire. Tutto ciò è stato impiegato con successo da tutti i Project Manager per più di 2 anni. b) Come sopra, ma non tutti i Project Manager sono collegati o hanno influenza sui fornitori interni come richiesto dalla struttura organizzativa. d) Si sono conclusi studi per l'attuazione di una nuova struttura organizzativa, per assicurare il dovuto livello di efficacia ed efficienza al tipo di progetti da realizzare, e la stessa organizzazione è in fase di attuazione. e) Non è stato fatto nulla in merito all attuale struttura organizzativa. La questione non è adeguatamente riconosciuta od oggetto di un piano di analisi e di evoluzione Prestazioni dei Project Manager e incentivi per promuovere la realizzazione degli obiettivi: a) E presente un sistema di valutazione per stabilire gli obiettivi di periodo del Project Manager e valutarne le relative prestazioni. Il Project Manager può eventualmente ricevere un premio collegato alle prestazioni del progetto. Tutto ciò è stato applicato positivamente da più di 2 anni. b) Come sopra, ma viene applicato solo a pochi Project Manager. d) Sono state concluse le analisi per l'attuazione di un sistema di incentivi e il nuovo sistema è in fase di attuazione. e) Non vi è alcuna iniziativa su questo tema.

8 4.8. Miglioramento delle competenze dei Project Manager, enfatizzando le soft skills (leadership, negoziazione, gestione dei conflitti, motivazione, ecc.). a) E attivo un piano di formazione formale. Quasi tutti i responsabili di progetto sono stati formati. I corsi sono di alta qualità e sono ben valutati bene. Questo modello è stato seguito con successo negli ultimi 2 anni. b) Come sopra, ma limitato solo a poche persone e specifici aspetti di formazione. d) Sono in corso analisi per l'attuazione di qualificati programmi formativi nelle aree in oggetto. e) Non vi è al momento alcuna iniziativa su questo tema. 4.9 Incentivi per i Project Manager per conseguire le Certificazioni di project management. a) E in corso un piano per indurre o stimolare i Project Manager ad ottenere una certificazione PMI, IPMA o altra adottata. Il piano è attivo da più di 2 anni e sono stati finora certificati la maggior parte o un numero significativo di Project Manager. b) Come sopra, ma finora ha riguardato solo un numero limitato di responsabili di progetto. d) Il tema è attualmente preso in seria considerazione e vi è l'intenzione di sviluppare piani di certificazione. e) Non vi è al momento alcuna iniziativa in questa direzione Per quanto riguarda l'allineamento dei progetti autorizzati con il business dell organizzazione (o con la sua pianificazione strategica), scegliere la risposta che meglio descrive la situazione attuale: a) Sono stati creati solidi orientamenti per garantire che i nuovi progetti aderiscano al business e agli obiettivi strategici dell organizzazione. Le stesse linee guida devono essere seguite, con idoneo processo di valutazione e controllo. Il sistema funziona in modo efficiente da più di 2 anni. b) Come sopra, ma talvolta le linee guida non sono seguite e non viene richiesta una procedura di controllo e valutazione in caso di giustificate variazioni. d) Sono in corso studi da parte dell alta direzione per attuare gli orientamenti e definire linee guida per l autorizzazione progetti. e) Non vi sono linee guida per garantire l aderenza dei progetti approvati al business e agli obiettivi Livello 5: 5.1 In relazione alla storia dei progetti conclusi, considerando (ad es. ove applicabili) i dati di: ritorno degli investimenti, qualità e performance tecnica dei prodotti/servizi realizzati, altre informazioni misurabili relative al successo dei progetti - scegliere la risposta che meglio descrive la situazione attuale: a) Esiste è un ampio e completo database informatico (o simile), che viene abitualmente utilizzato dai Project Manager da almeno due anni. b) Non esiste un ampio e completo database informatico (o simile), o non viene abitualmente utilizzato dai Project Manager. 5.2 In relazione alla storia dei progetti finiti, considerando la registrazione delle lessons learned (lezioni apprese): a) Esiste un ampio e completo database informatico (o simile), che viene abitualmente utilizzato dai Project Manager da almeno due anni. b) Non esiste un ampio e completo database informatico (o simile), o non viene abitualmente utilizzato dai Project Manager.

9 5.3 Valutazione della struttura organizzativa (Comitati guida, Project Management Office, Project Manager, Sponsor, struttura a progetti, struttura a matrice): a) La struttura attuale è perfettamente adeguata per l'organizzazione e ha lavorato in modo convincente per almeno due anni. b) Lo scenario sopra indicato non è stato ancora raggiunto. 5.4 Visibilità della vostra organizzazione nella comunità delle imprese di settore. a) La nostra organizzazione è stata percepita e presa come riferimento nel Project Management per un periodo di almeno due anni. Spesso abbiamo richieste o visitatori di organizzazioni che desiderano conoscere il nostro sistema di Project Management. b) Si è lontani dall'essere riconosciuti come un punto di riferimento. 5.5 Soft skills del Project Manager (competenze e attitudini di negoziazione, leadership, gestione dei conflitti, motivazione, ecc.): a) Quasi tutti i nostri project manager sono altamente qualificati in questo campo da almeno due anni. b) Si è obiettivamente lontani dal livello sopra indicato. 5.6 Atteggiamento dell'organizzazione nei confronti del Project Management. a) Il Project management è un elemento "naturale" e strategico da almeno due anni. I progetti sono pianificati in modo rapido/efficiente, e l'esecuzione si svolge in un ambiente a bassa tensione e alto tasso di successo (tempi, costi, qualità, accettazione). b) Lo scenario di cui sopra non è stato ancora raggiunto. 5.7 Certificazioni PMI (PMP), IPMA o altri programmi di certificazione per i Project Manager. a) Si è raggiunto il numero necessario ed adeguato di responsabili di progetto certificati. b) Non si è ancora raggiunto il numero necessario ed adeguato di responsabili di progetto certificati. 5.8 Cause di fallimento dei progetti (ritardi, spese eccedenti il budget, non raggiungimento dello scopo, non soddisfacimento dei parametri di qualità) originate dentro o fuori l organizzazione. a) Tutte le cause sono state tempestivamente riconosciute ed analizzate, e sono state introdotte efficaci misure correttive e preventive, che hanno reso possibile la conclusione positiva dei progetti. Ciò è avvenuto per un periodo di almeno due anni. b) C è ancora molto da fare su questo tema. 5.9 Sistema informativo a supporto della gestione di progetto. a) E 'del tutto adeguata, copre tutti gli aspetti di gestione, può essere usata con progetti di tutte le dimensioni, è integrata con il sistema informatico aziendale ed è usata durante l'intero ciclo di vita del progetto. Ciò avviene da almeno due annii. b) Non è stato ancora raggiunto lo scenario di cui sopra.

10 5.10 Allineamento dei progetti condotti dall'organizzazione con il proprio business (o con gli obiettivi di pianificazione strategica): a) I progetti risultano completamente allineati, da almeno due anni, agli obiettivi strategici (il project management è inoltre riconosciuto come leva strategica per il business o missione dell azienda). b) Non è stato ancora raggiunto un tale allineamento.

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

APPRENDERE DAI MIGLIORI

APPRENDERE DAI MIGLIORI APPRENDERE DAI MIGLIORI QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Apprendere dai migliori QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Indice AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDI 2007 Capitolo I pag. 6 Capitolo II pag.10

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda a cura di Ing. Michele Maritato, PMP Il presente documento è stato redatto dall ing. Michele Maritato

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC

Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC Copyright BPTrends, LLC Redatto da Roger Burlton La riproduzione e la distribuzione di questo documento è autorizzata alle seguenti condizioni:

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli