Corso di Laurea in Infermieristica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea in Infermieristica"

Transcript

1 Corso di Laurea in Infermieristica Campus di Ravenna Sezione Formativa di Faenza ECG e pratica clinica per infermieri Ivan Rubbi RN, MSN, Ph.D

2 Obiettivi del corso: 1 Migliorare la capacità di interpretazione dell' ECG per facilitare il riconoscimento di tracciati critici per i quali è richiesto un immediato intervento.

3 Obiettivi del corso: 2 Garantire un approccio sistemico attraverso una metodologia di valutazione e intervento immediato e coordinato

4 Contenuti generali: Elementi pratici dell elettrocardiografia; elettrocardiografia; Richiami funzionali di anatomia e fisiologia; Il ciclo cardiaco nell elettrocardiografia; elettrocardiografia; Metodologia di valutazione dei segni elettrocardiografici; Riconoscimento dei principali ritmi patologici che richiedono un rapido intervento; Sindrome coronarica acuta e segni elettrocardiografici della trade dell IMA; Metodologia di valutazione del paziente internistico; Metodologia di valutazione e azione sul paziente critico.

5 Metodologia didattica: 1) Lezione frontale interattiva; 2) Esercitazione e simulazione; 3) Analisi e discussione di casi.

6 Elementi di base

7 Ecg e/o monitoraggio cardiaco Monitoraggio dei pazienti a rischio: 1. dolore toracico; 2. episodi lipotimici; 3. sincope; 4. palpitazioni; 5. stato di shock.

8 1 Dolore - Fastidio PERMETTE DI INIZIARE IL TRATTAMENTO PIU APPROPRIATO

9 Patogenesi del dolore radicolare riferito al dermatomero T1 nell angina pectoris

10 Usuale localizzazione del dolore miocardico ischemico Mascella Lato destro Epigastrio Dorso Sedi meno frequenti del dolore miocardico ischemico

11 La traccia di ECG con una sola derivazione serve solo per stabilire il ritmo Sistema di monitoraggio: -un sistema per acquisire il segnale elettrico (elettrodi); -un monitor che mostra la traccia elettrocardiografica; -sistema di registrazione su carta o memoria digitale.

12 Posizioni degli elettrodi per il monitoraggio Convenzionalmente il colore degli elettrodi esprime la posizione in cui deve essere applicato: ROSSO = Red to the Right (RR) GIALLO = yellow to the Left (LL) VERDE = Green for Spleen (in basso a livello della milza) (GS)

13 1. A riposo: POLARIZZATA 2. La fibra cardiaca è eccitata nel punto A 4. Fibra interamente DEPOLARIZZATA 5. Processo di RIPOLARIZZAZIONE 6. Processo di RIPOLARIZZAZIONE invertita

14 L attivazione cardiaca a) Attivazione atriale Pace - maker NS = nodo sinusale NAV = nodo atrio ventricolare Non esistono vie di trasmissione con una struttura istologica specifica. La propagazione dal NS avviene a macchia d oliod olio AD = depolarizza per prima

15 Quindi: 1 NS = pace maker; 2 AD = primo a depolarizzarsi; 3 AS = attivazione dopo depolarizzazione AD. La sua depolarizzazione segna l attivazione l atriale globale. Tempo = dieci centesimi di secondo ¾ degli atri sono depolarizzati 1 Attivazione AD; 2 Attivazione setto; 3 Attivazione AS. Direzione dei 3 vettori - dall alto alto verso il basso; - da destra a sinistra.

16 L attivazione cardiaca a) Attivazione atriale Conseguenze nell ECG Fine attivazione AD; Inizio attivazione AS + setto. Attivazione AS

17 = ELETTRODO VETTORE Riunisce le tre attivazioni

18 Blocco seno - atriale Blocco atrio - ventricolare Ipertrofia AD < 0,12 sec.

19 L attivazione cardiaca b) Attivazione atrio - ventricolare ELEMENTI DI ANATOMIA NAV: situato nella parte bassa AD; HIS: il fascio si prolunga in avanti per 1 cm si divide in 2 branche: Destra (BD) Sinistra (BS) BRANCHE: BD discende lungo il lato DX del setto interventricolare, pilastro anteriore tricuspide e termina in basso ventricolo DX. BS discende lungo il lato SX del setto interventricolare. Morfologia BS: si divide in 2 semi branche ( posteriore BP,, anteriore BA)

20 b) Attivazione atrio - ventricolare Meccanismo della conduzione Attivazione atriale Conduzione atrio ventricolare NAV: Rallenta Tempo: da NSA a fine fascio HIS centesimi sec.

21 L attivazione cardiaca c) Attivazione ventricolare Anatomia e Fisiologia BD: lunga termina nella punta VD BS: corta termina parte mediana del setto Conduzione 1 attivazione: setto interventricolare; 2 BS interviene per prima ed inizia ad attivare il lato SX del setto; 3 avviene come se il setto I.V. fosse depolarizzato dalla sola BS.

22 c) Attivazione ventricolare Anatomia e Fisiologia Spessore delle pareti ventricolari VS: più spessa; VD: meno spessa. ONDA QRS: l ampiezza QRS è direttamente proporzionale allo spessore della parete ventricolare. REGISTRAZIONE ONDA QRS: * in positivo, di fronte al VS; * in negativo, di fronte al VD.

23 A: parete più spessa; (VS) B: parete meno spessa. + (Setto I.V.) Ampiezza onda direttamente proporzionale allo spessore della parete C: - C: negativo = (è( la somma delle attivazioni delle 2 pareti nel momento in cui si allontanano dalla cavità)

24 c1) Attivazione settale Ordine di attivazione c1 Attivazione del setto; c2 Attivazione delle pareti; c3 Attivazione postero basali. Attivazione settale: - inizia nella parete media del lato SX; - raggiunge la profondità del setto SX; - si dirige da SX a DX. Le due onde spariscono: 1. Disfunzione del setto: IMA settale; 2. Blocco di Branca Sinistra (BBS). (L attivazione settale è invertita: attivazione prima della BD anziché BS)

25 c2) Attivazione parietale Ordine di attivazione c1 Attivazione del setto; c2 Attivazione delle pareti; c3 Attivazione postero basali. L attivazione si attua tramite la rete di Purkinje - attivazione settale negli strati sub endocardici negli strati profondi del VS; - propagazione negli strati epicardici. Il VS ha la sua attivazione anticipata rispetto il VD. - l attivazione ha raggiunto la punta del VS; - prosegue negli strati profondi puntando verso SX.

26 Ordine di attivazione c1 Attivazione del setto; c2 Attivazione delle pareti; c3 Attivazione postero basali. - lo stimolo prosegue all indietro e raggiunge la superficie della parte anteriore del VS; - l attivazione raggiunge quasi tutta la parete del VS e prosegue indietro; - il vettore punta decisamente a SX e da una + più ampia; -al contrario il VD da una iniziale + si ha una spiccata negatività.

27 Ordine di attivazione c1 Attivazione del setto; c2 Attivazione delle pareti; c3 Attivazione postero basali. - il setto, la parete del VS e del VD sono quasi del tutto depolarizzate. L attività parietale SX predomina sempre e il vettore è orientato a sinistra. c3) Attivazione postero basali Attivazione zone posteriori dei ventricoli e del setto. - elettrodi a DX: lieve onda positività; - elettrodi a SX: onda negativa; - elettrodi di fronte al VS: onda negativa chiamata onda S.

28 Ordine di attivazione c1 Attivazione del setto; c2 Attivazione delle pareti; c3 Attivazione postero basali.

29 IN SINTESI C1. ATTIVAZIONE SETTALE C2. ATTIVAZIONE PARIETALE C3. ATTIVAZIONE BASALE

30 c) Attivazione ventricolare Conseguenze elettrocardiografiche Elettrodo di fronte al VS: Q: elettronegatività iniziale = attivazione settale; R: grande onda positiva = attivazione parete VS; S: onda negativa terminale = attivazione basale. Elettrodo di fronte al VD: R: debole ampiezza = attivazione settale iniziale; S: onda ampia negativa = attivazione parete VS; L attivazione della parete VD non si registra a causa della preponderanza elettrica (anatomica) del VS.

31 Nodo senoatriale Frequenza per min Frequenza Nodo atrioventricolare ritardo Zona della giunzione atrioventricolore Frequenza per min - QRS a complesso stretto Fibre His-Purkinje Frequenza 0-30 per min - QRS a complessi larghi

32 ASSE ELETTRICO

33 Quando un onda di stimolazione (depolarizzazione) si diffonde in direzione di un elettrodo positivo cutaneo, sull ECG si determina una deflessione positiva; quando la stessa onda si allontana dell elettrodo elettrodo positivo cutaneo si determina una deflessione negativa; quando passa in mezzo deflessione bifasica

34 La ripolarizzazione Fig. 4 Se il recupero segue lo stesso senso della depolarizzazione da A verso B l onda è negativa Fig. 5 Nel senso inverso l onda è positiva

35

36 DERIVAZIONI PERIFERICHE : bipolari arti DI DII DIII

37 DERIVAZIONI PERIFERICHE : unipolari arti avr avl avf

38 Posizione degli elettrodi

39 Selezionare la derivazione in cui: -l onda P è meglio rappresentata (sempre se è presente un attivit attività atriale); -Il QRS è ben visibile avr avl Piano frontale D1 D3 avf D2 D2 soddisfa queste esigenze

40 Precauzioni: 1. per ridurre artefatti posizionare gli elettrodi su prominenze ossee anziché sui muscoli, 2.non mettere elettrodi al centro del torace (sede massaggio gio cardiaco); NEL MONITORAGGIO D EMERGENZA 3. la cute dove vanno gli elettrodi deve essere rasata e sgrassata; s 4. se il pz è collaborante, gli artefatti muscolari possono essere ridotti mantenendo l utente l al caldo e tranquillizzandolo.

41 Esplorazione su due piani: frontale ed orizzontale nello spazio D1,aVL avl,, V5 e V6 = esplorano il ventricolo sinistro D3, avf e D2 = esplorano la parete diaframmatica V1 e V2 = esplorano il ventricolo destro V1, V2, V3 e V4 = esplorano anche il setto V4 = esplora la punta del cuore

42 Modificazioni progressive del tracciato passando da V1 a V6 Progressiva positività QRS VD ESPLORAZIONE ANCHE SETTO PUNTA DEL CUORE VS

43 Monitoraggio d emergenzad In caso di arresto cardiaco Monitorare il ritmo cardiaco appena possibile!!! 1. QUICK LOOK un rapido sguardo alla traccia ECG con le piastre; 2. Togli le piastre e metti gli elettrodi adesivi. Perché togliere le piastre dopo un rapido sguardo all ECG: 1. impedirebbe un massaggio cardiaco efficace; 2. dopo l erogazione l di uno shock può comportare un asistolia SPURIA al monitor (artefatto dovuto alla polarizzazione delle piastre e del gel pads).

44 QUANDO SI UTILIZZA IL DAE posizionare le piastre autoadesive Premessa: se le condizioni del paziente e il tempo lo permettono, bisogna sempre eseguire un ECG standard a 12 derivazioni. L elettrocardiogramma tradizionale studia l attivitl attività elettrica su tre dimensioni diverse.

45 Il tempo viene misurato sull asse orrizontale La velocità standard di scorrimento è 25 mm/sec (0,04 sec/mm) carta millimetrata è suddivisa in: La carta Quadretti piccoli (1 mm) = 0,04 sec Quadretti larghi (5 mm) = 0,20 sec 5 quadretti larghi (2,5 cm) = 1 sec

46 L ampiezza della deflessione viene misurato sull asse verticale La standardizzazione elettrocardiografica è essenziale al fine di valutare correttamente l ampiezza delle deflessioni

47 Onda P = durata < 0,12 sec (< 3 quadratini) ampiezza < 2,5 mm (0,25 mv) (< 2,5 quadratini) Intervallo PR = durata 0,12-0,20 sec (da 3 a 5 quadratini) Compl.. QRS = durata < 0,12 sec (< 3 quadratini) Intervallo QTc = durata < 0,44 sec (< quadratini)

48 Punto J Rappresenta il momento in cui il QRS termina e inizia il tratto ST Nella patologia coronarica, è importante sapere se il punto J è sopra o sotto il livello della linea isoelettrica. Il tratto di tracciato dal punto J all inizio dell onda T è chiamato tratto ST.

49 Elettrodi precordiali V1: estremità interna 4 4 spazio intercostale dx; V2: estremità interna 4 4 spazio intercostale sx; V4: nel 5 5 spazio intercostale sx,, sulla linea verticale medio-clavicolare clavicolare; V3: ad uguale distanza tra V2 e V4; V5: 5 5 spazio intercostale sx all incrocio della linea verticale ascellare anteriore; V6: 5 5 spazio intercostale sx all incrocio della linea verticale ascellare media.

50 ECG Ritmo sinusale

51 L onda P rappresenta l attivitl attività elettrica legata alla contrazione degli atri

52 L impulso quindi raggiunge il nodo AV dove avviene una breve pausa consentendo al sangue di riversarsi nei ventricoli

53 Lo stimolo elettrico si propaga alle cellule miocardiche ventricolari producendone la loro depolarizzazione

54 L onda T rappresenta la ripolarizzazione dei ventricoli, fenomeno che ne permette una nuova e successiva stimolazione Tratto ST Onda T

55 Ciclo cardiaco

56 METODOLOGIA APPLICATA

57 VALUTAZIONE DEL RITMO Approccio metodologico 1. E presente una qualche attività elettrica? 2. Qual è la frequenza ventricolare (QRS)? 3. Il ritmo (successione dei QRS) come è? 4. Il complesso QRS è largo o stretto? 5. E identificabile l attivitl attività atriale? 6. Qual è la relazione tra l attivitl attività atriale e quella ventricolare? Frequenza Ritmo Complessi QRS Onde P Intervallo PR

58 1. E E presente una qualche attività elettrica? VALUTARE: 1.controlla il paziente; Asistolia con e senza onde P 2.verificare che gli elettrodi e i cavi siano ben collegati al paziente (Es( Es: : un onda completamente piatta deve far sospettare un elettrodo staccato); 3. che sia stata selezionata la derivazione giusta (controllare l ECG l con una diversa posizione degli elettrodi) Ricorda: cura il paziente non il monitor

59 QUANDO E E PRESENTE ATTIVITA ELETTRICA, QUARDA SE E E PRESENTE IL COMPLESSO QRS: Fibrillazione ventricolare ampia Fibrillazione ventricolare fine Fibrillazione ventricolare ampia Fibrillazione ventricolare fine DEFIBRILLARE RCP

60 2. Qual è la frequenza ventricolare? < 60 bpm = BRADICARDIA > 100 bpm = TACHICARDIA Scorrimento carta: 25 mm sec. 5 quadrati grandi (25 quadrati piccoli) = 1 secondo Metodo per determinare la frequenza: a) Se il ritmo è regolare: 300 / n. quadrati compresi fra 2 complessi QRS b) Se il ritmo è irregolare: n. complessi QRS in un intervallo definito in secondi e quindi moltiplicare per ottenere la frequenza al minuto Es: : 20 complessi QRS in un intervallo di 50 quadrati grandi (10 secondi): 20 X 6 = 120 bpm

61 3. Il ritmo è regolare o irregolare? Metodo semplice ma efficace: Trascrivere l intervallo l R-R, R R, con due linee, su un foglio da far scorrere per confrontarlo con successivi intervalli. Se il ritmo è regolare le due linee coincideranno sempre con l apice l delle onde R. FOGLIO DI CARTA

62 4. Il complesso QRS è largo o stretto? Complesso QRS normale < 0,12 s (3 quadrati piccoli) Il ritmo origina sicuramente al di sopra del fascio di HIS, cioè dal NSA o comunque mai dal miocardio ventricolare > 0,12 s = la sede d origine d può essere ventricolare o anche sopraventricolare con conduzione aberrante. (Es.( blocco di branca).

63 Blocco della conduzione elettrica BBD

64 Blocco della conduzione elettrica BBS

65 5. E presente attività atriale? In relazione 1.. al tipo di aritmia; 2.. alla derivazione scelta; la onde P possono essere: -positive; -negative; -bifasiche. V1 e DII: sono le derivazioni che meglio evidenziano l onda P. La frequenza e la regolarità delle onde P possono essere determinate nello stesso modo utilizzato per i complessi QRS. Fibrillazione atriale: gli atri si depolarizzano in modo caotico ad una frequenza compresa fra 350 e 600 bpm. Non si identifica chiaramente l onda l P Nella fibrillazione atriale sembra esserci una dissociazione atrio ventricolare, in realtà è sempre la depolarizzazione atriale a governare quella ventricolare.

66 6. Qual è la relazione tra attività atriale e ventricolare? Intervallo PR: tempo compreso tra l inizio l dell onda P e l inizio l del complesso QRS. Intervallo PR = compreso fra 0,12 s e 0,20 s NORMALE BAV I grado Quando si vuole valutare questo punto, in caso di dubbio fare una striscia ECG lunga.

67 RICONOSCIMENTO DEI RITMI

68 RICONOSCIMENTO DEI RITMI A) I RITMI DELL ARRESTO CARDIACO Fibrillazione ventricolare Asistolia Tachicardia Tachicardia ventricolare evolve rapidamente in FV. Tachicardia ventricolare senza polso va trattata come una fibrillazione ventricolare.

69

70 ALS,, 2006 ALGORITMO ALS Privo di coscienza? Aprire le vie aeree Ricercare segni vitali RCP 30:2 fino a che un defibrillatore connesso Allertare il team di emergenza Valutare il ritmo Monitor FV/TV (senza polso) 1 shock J bifasico o 360 J monofasico Riprendere subito RCP 30:2 per 2 min. Durante la RCP Correggere le cause reversibili; -Controllare cavi e piastre monitor; - Accesso venoso e via aerea definitiva; - Adrenalina ogni 3.5 min.; -Considerare: amiodarone,, atropina, magnesio. Cause potenzialmente reversibili NON DEFIBRILLABILE Riprendere subito RCP 30:2 per 2 min.

71 B) I RITMI DELLA FASE PERI - ARRESTO CARDIACO Bradicardia sinusale Bradicardia < 60 bpm Bradicardia fisiologica = persone ben allenate Bradicardia indotta = farmaci β-bloccanti Bradicardia patologica = a) mal funzionamento del NSA Onde P= P normali Intervallo PR= normale Complessi QRS= normali Bradicardia estrema = < 40 bpm b) blocchi atrio ventricolari Bradicardia grave = BAV completo Può precedere un arresto cardiaco

72 Blocco AV di primo grado (non rientra tra I ritmi della fase di peri-arresto arresto) Ritardo AV Ritmo: regolare Frequenza: normale Onde P: normali Internallo PR: SI PROTRAE OLTRE 0,2s di solito rimame costante ma può anche variare. Complessi QRS: normali Complicanza: può essere segno premonitore di un BAV di grado più elevato. Trattamento infermieristico: osservazione prevenzione delle complicanze

73 Blocco AV di secondo grado MOBITZ I? QRS? QRS BLOCCO RITARDO Ritmo: atriale (onda P) regolare, ritmo ventricolare irregolare per le pause in corrispondenza dei battiti non condotti; Frequenza: atriale normale, ventricolare normale o diminuita; Onde P: normali; ogni onde P manca il complesso QRS; L intervallo PR: si allunga progressivamente sino al a che l impulso l atriale viene bloccato e l onda l P non viene seguita dal complesso QRS; Complessi QRS: normali; Descrizione: è il meno grave dei BAV II transitorio e reversibile può evolvere verso un blocco completo. Interventi assist.: osservazione se la frequenza > 60/min. e la portata mantiene valori normali.. Se la frequenza < 60/min. o ipotensione, vasocostrizione, confusione o coma seguire algoritmo per il trattamento delle bradiaritmie.

74 Blocco AV di secondo grado MOBITZ II BLOCCO Ritmo: atriale regolare; ritmo ventricolare regolare o irregolare; Frequenza: atriale normale, frequenza ventricolare normale o diminuita; Onde P: normali, ma non tutte sono seguite dal QRS; Intervallo PR: appare normale e costante. Complessi QRS: normali, ciascuno preceduto da onda P. Con blocco di branca il QRS è allargato. Descrizione: aritmia pericolosa segno di IMA evoluzione verso BAV completo. Se si associa a una frequenza ventricolare ridotta si ha un deficit di pompa. Interventi assist.: osservazione se la frequenza > 60/min. e la portata mantiene valori normali.. La sua comparsa richiede quanto meno la predisposizione di uno stimolatore elettrico all uso. Algoritmo trattamento delle bradiaritmie in caso complicanze.

75 Nel blocco di branca uno dei due ventricoli viene attivato leggermente in ritardo rispetto all altro altro provocando un QRS slargato e presentando due onde R denominate R ed R¹ Nel BBSil ventricolo sinistro si attiva in ritardo e nel BBDèil ventricolo destro ad essere attivato in ritardo

76 Blocco AV di secondo grado MOBITZ II BAV di II grado Mobitz tipo 2 conduzione 2:1 Conduzione 2:1 = ogni due ode P, una è condotta; Conduzione 3:1 = ogni tre onde P, una è condotta;

77 Blocco AV di terzo grado o completo???? BLOCCO Ritmo: regolare; Frequenza: atriale regolare, frequenza ventricolare 30-40/min.; Onde P: - normali senza ALCUN RAPPORTO con i complessi QRS; - la depolarizzazione atriale e quella ventricolare sono indipendenti; - la sede del pacemaker è sita nei ventricoli (freq( freq bpm); - se la sede del pacemaker è sita nelle fibre di Purkinje (frequenza bpm); Intervallo PR: non esiste, in quanto non vi è rapporto fra P e QRS; Complessi QRS: solitamente ampi e bizzarri, ma possono essere normali se il segna passi ventricolare di trova nel nodo AV o nel fascio di HIS.

78 Blocco AV di terzo grado o completo Descrizione: è caratterizzato da una lenta frequenza di battiti/minuto. Riduzione della portata cardiaca: mancata sincronizzazione atri e ventricoli portano una riduzione durante la diastole di riempimento ventricolare. Frequenza: se molto bassa la gittata cardiaca diventa insufficiente a mantenere uno stato di coscienza, ciò può portare anche a insufficienza cardiaca congestizia,, angina pectoris,, TV e FV. Trattamento: segni di perfusione inadeguata algoritmo bradiaritmie Evoluzione: asistolia BLS, ALS. Trattamento definitivo: pacemaker permanente

79 Ritmo agonico Definizione di ritmo agonico: è caratterizzato dalla presenza di un ritmo lento e irregolare a complesso QRS largo di morfologia variabile. Significato: di solito è visibile nelle fasi terminali di una rianimazione inefficace. Evoluzione: i complessi rallentano, i complessi QRS si allargano progressivamente, fino all assenza assenza di attività cardiaca.

80 Tachicardia sopraventricolare STIMOLO DI ORIGINE SOPRA IL FASCIO DI HIS Ritmo: regolare. Frequenza: /min. Onda P: difficili da identificare o anomale. Intervallo PR: può essere assente, dipende dalla distanza tra focus ectopico e giunzione AV; Complessi QRS: di solito normali a meno che non vi sia blocco di branca; Descrizione: solitamente la prognosi è relativamente favorevole. Nel cardiopatico può evolvere in uno scompenso cardiaco. Trattamento assist.: intervenire immediatamente in presenza di dolore toracico, ipotensione, insufficienza cardiaca o infarto del miocardio. Algoritmo delle tachiaritmie a complessi stretti

81 Fibrillazione atriale Ritmo: irregolarmente irregolare, lo si percepisce anche dalla semplice palpazione del polso; Frequenza: - atriale /min. non misurabile; - ventricolare /min. 160/min. < se digitalizzato; Onde P: assenti; Intervallo PR: non misurabile; Complessi QRS: normali; Descrizione: la fibrillazione atriale di solito è associata a patologie miocardiche sottostanti. Non è una aritmia pericolosa salvo quando è associata a frequenza ventricolare elevata. Trattamento assist.: monitoraggio parametri vitali

82 Definizione: Tachicardia atriale da rientro dovuta ad un macrocircuito il più delle volte localizzato in atrio destro. Flutter atriale

83 ASIMMETRICO SIMMETRICO

84 Flutter atriale Ritmo: atriale regolare; Frequenza: atriale /min., ventricolare /min. 160/min. irregolare Onde P: non si osservano, vi sono invece onde di flutter che danno un aspetto quasi sempre a dente di sega (onde F). Intervallo PR: non misurabile, i complessi QRS normali seguono di solito dopo onde di flutter atriali. Trattamento: se il pz è asintomatico nessun trattamento, se presenta ipotensione, vasocostrizione, confusione o coma, assistenza alla cardioversione.

85 Insufficienza coronarica L area infartuata, privata di sangue, diviene elettricamente morta producendo una lacuna elettrica nel miocardio del ventricolo sinistro

86 Insufficienza coronarica Triade dell infarto del miocardio

87 Insufficienza coronarica Ischemia Ischemia letteralmente significa riduzione del sangue ; ; l onda l T può variare da modestamente appiattita ad una profonda inversione

88 Ischemia L onda T di superficie resta positiva, ma diventa più ampia e simmetrica.

89 Ischemia laterale -sub epicardica: T piatta, bifasica o invertita -sub endocardica: T piatta, appuntita, simmetrica (Derivazione: D1, avl, V5 e V6) Ischemia inferiore o diaframmatica Modificazione onda T (Derivazione: D2, D3 e avf) Ischemia antero settale Modificazione onda T (Derivazione: V1, V2, V3 e V4) Le altre derivazioni non vengono modificate.

90 Insufficienza coronarica La lesione indica la fase acuta di un infarto ed è documentata da una elevazione Lesione (slivellamento in alto) del tratto ST Una lesione sub- endocardica (ovvero una lesione che non interessa l intero spessore del miocardio) provoca uno slivellamento verso il basso del tratto ST

91 Insufficienza coronarica Lesione Slivella il tratto ST verso il BASSO in quanto interessa solo gli strati profondi. Ha un grado di sofferenza miocardica più accentuato rispetto all ischemia ischemia. Slivella il tratto ST verso l ALTOl ALTO,, in quanto interessa solo gli strati superficiali, ha un grado di sofferenza miocardica uguale a quello della lesione sub-endocardica endocardica. Lesione transmurale, cioè quando la lesione interessa tutta la parete, lo slivellamento del tratto ST è il medesimo ma più marcato.

92 Lesione laterale -sub epicardica: sopraslivellamento ST -sub endocardica: sottoslivellamento ST (Derivazione: D1, avl, V5 e V6) Lesione inferiore o diaframmatica Sotto e sopraslivellamento ST (Derivazione: D2, D3 e avf) Lesione antero settale Sotto e sopraslivellamento ST (Derivazione: V1, V2, V3) A volte anche su V4

93 Insufficienza coronarica Necrosi L onda Q depone per una diagnosi di INFARTO

94 Onde Q con valore patologico 1 mm di ampiezza ( >30 ms ) 1/3 in altezza del QRS

95 Insufficienza coronarica Necrosi 1. Infarto sub-endocardico ed infarto intramurale rudimentale: QRS normale o diminuzione di voltaggio; 2. Infarto sub-endocardico endocardico: : all inizio del QRS un onda negativa poco profonda detta onda q. La restante parte sana registra una positività R. 3. Necrosi che interessa i 2/3 interni: l onda l Q è più profonda dell onda r residua che segue. Nell insieme quadro Qr. 4. Necrosi transmurale: : nessuna zona sana della parete, e quindi nessuna positività residua, si ha solo un elettronegativit elettronegatività profonda ed esclusiva. Nell insieme: aspetto QS. -Onda Q: manifesta la necrosi, la profondita dell onda Q rivela lo spessore della necrosi anatomica. - Onda R: l ampiezza dell onda R residua esprime la restante parte sana.

96 QR QS Necrosi laterale Aspetto QR o qr,, raro QS (q di necrosi non è profonda, quindi è difficile affermare l esistenza l di IMA) (Derivazione: V5, V6, D1 e avl) Necrosi anteriore estesa Associazione di infarto: settale, apicale e laterale. Aspetto QR o QS (Derivazione: V1, V2, V3, V4, V5, V6)

97 Necrosi antero settale Aspetto QS anziché rs normale Sopressione onda r iniziale che rappresenta l attivazione settale iniziale da SX a DX (Derivazione: V1, V3,, a volte in V4) Necrosi apicale Aspetto QS = necrosi trasmurale Aspetto QR o qr = necrosi intramurale necrosi sub endocardica (Derivazione: V3, V4,, a volte solo in V4)

98 Insufficienza coronarica Associazioni: ischemia,, lesione, necrosi

99 SEGNI ELETTROCARDIOGRAFICI EVOLUZIONE 1. Ischemia: può essere cronico e duraturo labile e fugace 2. Lesione: sporadica ed anche fugace Segni e Sintomi: - sub endocardica: : crisi di angor; - sub epicardica: : forma speciale di angor: (crisi notturna, spontanea, importante sopraslivellamento tratto ST, ma spontaneamente reversibile) 3. Necrosi: irreversibile. Nelle prime ore di IMA: - non compare subito; - è sempre associata ad una ischemia lesione

100 SEGNI ELETTROCARDIOGRAFICI EVOLUZIONE Ischemia sub endocardica; 2. Lesione sopraslivellamento ST; 3. Necrosi,, onda q poi Q verso la 4 6; 4. Necrosi Q associata all estensione della lesione ST fino al punto di rendere invisibile l onda l T Q inalterata l l ST si abbassa; 2. L STL si abbassa rapidamente fino a raggiungere l isoelettrica, l l onda T di ischemia sub epicardica negativa si fa più netta.

101 SEGNI ELETTROCARDIOGRAFICI EVOLUZIONE Monitor/segni vitali Accesso venoso Ossigeno Anamnesi/EO ST nuovo BB ECG entro 10 min ST Alterazioni onda T 70-90% ECG normale/ Non diagnostico La metà di tutti i pazienti che risulteranno essere affetti da IMA presenta un ECG all ingresso non diagnostico ACLS

102 MARKERS DI MIONECROSI Il fattore tempo è un elemento IMPORTANTE

103 MARKERS DI MIONECROSI

104 Metodologia di valutazione Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione 1. VALUTAZIONE AMBIENTALE - Sicurezza della scena - Prima impressione sul paziente - Uso dei DPI

105 Cosa noti guardando il paziente? Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione Suoni / Rumori (attenzione ai rumori di di fondo!) Odori Vapori visibili Situazioni che non sembrano avere senso Le intuizioni sono importantissime! (tutto sembra a posto,, ma qualcosa ci dice che non è così!) Se qualcosa non ti convince indaga (quando è possibile) oppure accellera per un intervento multidisciplinare.

106 2. VALUTAZIONE INIZIALE Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione Valuta Agisci Mantieni Step by step

107 2.1 Valuta la criticità Critico o non critico? Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione 2.2 Valutazione neurologica AVPU Filmato

108 AVPU FILMATO

109 2.3 Vie aeree (A) Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione Valutazione - Rumori respiratori - Ostruzioni fisiche e/o solide Azione

110 2.4 Respiro (B) Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione Valutazione Apnea Atti respiratori < 8 8 > 30 Suoni respiratori diminuiti o assenti Movimento aereo diminuito Uso dei muscoli resp.. Assessori Retrazioni intercostali Azione O2

111 2.5 Circolo (C) Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione Valutazione Polsi assenti, deboli o irregolari Polso < 60 o > 100 Colorito cutaneo alterato Diaforesi Cute fredda Stick glicemico Strumenti: Saturimetro Monitor defibrillatore Glucometer Azione

112 3. ANAMNESI ED E.O. MIRATI 3.1 Fai l anamnesi. 3.2 Fai un esame esame obiettivo. 3.3 Raccogli i segni vitali di base. L AVPU stabilisce l ordine: Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione Cosciente 1. Anamnesi 2. Esame Obiettivo mirato 3. Segni Vitali di base Alterato / Incosciente 1. Esame Clinico rapido 2. Segni Vitali di base 3. Anamnesi

113 3.1 Anamnesi E = condizioni prima dell evento evento L = ultimo pasto S = sintomo O= = Insorgenza; P= Palliation/provocation Q= = Qualità R= = Irradiazione S= = Severità T= = Tempo P = pregresse patologie A = allergie M = farmaci

114 OPQRST O nset = Esordio improvviso o graduale P all./provocation = Cosa Cosa migliora il dolore o Cosa lo peggiora Q uality = Come è descritto dal paziente? R egion/radiation = Dove S everity = Quanto è forte il dolore? Dove si localizza il dolore? Dove si irradia? T ime = Quando è iniziato il dolore?

115 3.2 Esame obiettivo Rapido Paziente Incosciente o Alterato stato Mentale FILMATO Filmato Sul sintomo principale = GCS, Ispezione, Palpazione, Auscultazione, Percussione 3.2 Esame obiettivo Mirato Paziente Cosciente

116 3.3 Parametri vitali - Respiro; - Pressione arteriosa; - Polso; - Pupille; - Cute; - ECG a 12 derivazioni. Metodo Valutazione ambientale Valutazione iniziale Anamnesi ed esame ob. Rivalutazione ORGANIZZAZIONE INTERVENTO COLLABORATIVO

117 BIBLIOGRAFIA 1) TESTO TITOLO: AMLS Advanced Medical Life Support AUTORI: Alice L. Dalton, Daniel Limmer,, Joseph J. Mistovich,, Howard A. Werman EDITRICE: Centro Scientifico Editore ANNO: 2005 pp: : 552 2) TESTO TITOLO: ALS Advanced Life Support: : manuale di rianimazione cardiololmonare avanzata. 2A Edizione EDITORE: Masson Italia ANNO: 2006 pp: : 185

118 3) TESTO TITOLO: Capire l ECG AUTORE: J. Hertault EDITRICE: Edilerner International ANNO: 2004 pp: : 160 4) TESTO TITOLO: Guida Illustrata delle emergenze 2E B/CD AUTORE: M. Chiaranda EDITORE: LTU Libri Scientifici e Universitari ANNO: 1999 pp: : 350

119 5) TESTO TITOLO: Recent Advances in Cardiology 14 (Recent Advances Series) AUTORE: Derek J. Rowlands EDITRICE: Medical Texbook ANNO: 2007 ISBN:

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale

Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale Corso di elettrocardiografia lezione N 1 5 Maggio 2011 Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale Dr. M. Zuccarello Dr.

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

Fisiologia cardiovascolare

Fisiologia cardiovascolare Corso Integrato di Fisiologia Umana Fisiologia cardiovascolare L ElettroCardioGramma Anno accademico 2007-2008 1 L ElettroCardioGramma L elettrocardiogramma (ECG) è la registrazione alla superficie del

Dettagli

Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali. Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma

Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali. Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma infermieri impaginato 2 7-09-2009 15:11 Pagina 21 Sezione 2 Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali Ida Ginosa Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma

Dettagli

ARITMIE IPOCINETICHE

ARITMIE IPOCINETICHE KROTON 2010 ARITMIE IPOCINETICHE D.Monizzi Cardiologia Territoriale ASP KR 18/09/2010 Cenni sull Attività Elettrica del Cuore Aritmie Ipocinetiche D.Monizzi 2010 Il Cuore atrio sx atrio dx valvola mitrale

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana 1 ASSE ELETTRICO CARDIACO Nella diagnostica è importante valutare l orientamento del vettore elettrico ventricolare (asse elettrico cardiaco), che dà un indicazione

Dettagli

Nodo seno atriale Nodo atrio-ventricolare

Nodo seno atriale Nodo atrio-ventricolare Nodo seno atriale Nodo atrioventricolare Da Silverthorn, Human Physiology 1 1 Depolarizzazione atriale 2 2 Depolarizzazione del setto 3 Depolarizzazione del ventricolo 3 Da Silverthorn, Human Physiology

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI

CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI Novi Ligure, 10-11 Dicembre 2007 CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI Gabriele Zaccone Laura Giorcelli L ELETTROCARDIOGRAMMA Laura GIORCELLI L ECG Significato Esecuzione Interpretazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

CORSO DI ECG PER IP. 12/04/11 Corso ECG 1

CORSO DI ECG PER IP. 12/04/11 Corso ECG 1 CORSO DI ECG PER IP 12/04/11 Corso ECG 1 B1 1.0 Cenni di EF 12/04/11 Corso ECG 2 Diapositiva 2 B1 inizio BIBLIOAL; 14/12/2007 Cellula: cariche el. 12/04/11 Corso ECG 3 Joni dentro e fuori 12/04/11 Corso

Dettagli

Ischemia, lesione e infarto

Ischemia, lesione e infarto 12 Ischemia, lesione e infarto 192 Rapida e accurata interpretazione dell ECG Il muscolo cardiaco deve ricevere un apporto ematico sufficiente tramite la propria rete di vasi arteriosi, denominati arterie

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE Ospedale san Giovanni Battista di Torino L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE cpsi Mazzini Diana cpsi Bonanno Vita s.c. cardiologia ospedaliera dott. Marra s.c. cardiologia universitaria prof. Gaita Il cuore:

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Corso di elettrocardiografia essenziale Napoli Novembre 2004 ANMCO SIC GISE SIMEU SIS 118 ECG 12 derivazioni preospedaliero Il personale, chiamato ad intervenire nei casi di pazienti con sospetta SCA,

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

Elettrologia. www.slidetube.it

Elettrologia. www.slidetube.it Elettrologia ECG : STORIA Sin dal XIX secolo è stato accertato che il cuore genera elettricità. I potenziali elettrici del cuore sono la somma di minime quantità di elettricità generata dalle cellule cardiache

Dettagli

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA Corso per soccorritori volontari L APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA DEFINIZIONE: INSIEME DI ORGANI CHE CONCORRONO ALLA MEDESIMA

Dettagli

Vademecum per l esecuzione dell ECG

Vademecum per l esecuzione dell ECG Vademecum per l esecuzione dell ECG a cura di tutor infermiera Roberta Gasperoni tutor infermiera Cinzia Bucci Coordinatrice Monica Lagrotteria 1 ECG L ECG standard è rappresentato dalla registrazione

Dettagli

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre A. Einstein Esecuzione di un tracciato elettrocardiografico a 12 derivate 08 ottobre 2011 Scopo della giornata Aggiornare i partecipanti all

Dettagli

GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG

GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG cardiaco_3 Generazione e conduzione dell eccitamento cardiaco Il sincronismo di contrazione delle cellule miocardiche deriva da: - zone con attività

Dettagli

Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG.

Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La corretta esecuzione della registrazione ECGrafica Il corretto settaggio dell elettrocardiografo

Dettagli

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 4 http://www.hackmed.org

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 4 http://www.hackmed.org CAPITOLO 4 ANOMALIE DELL'ONDA P, QRS E T Quando si interpreta un ECG, si analizza prima di tutto il ritmo e la frequenza. Poi bisogna porsi le seguenti domande, sempre nello stesso ordine: 1. Ci sono delle

Dettagli

Sezione 1. Cenni di elettrofisiologia. Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco

Sezione 1. Cenni di elettrofisiologia. Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco Sezione 1 Cenni di elettrofisiologia Ida Ginosa Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco Il primo contatto con un elettrocardiogramma ci pone di fronte ad un

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

Interpretazione dell ECG in 5 minuti

Interpretazione dell ECG in 5 minuti Interpretazione dell ECG in 5 minuti L elettrocardiogramma è uno degli esami che vengono più spesso praticati nelle strutture sanitarie e consente di andare ad esplorare l attività elettrica del cuore

Dettagli

PAD Pubblic Access Defibrillation

PAD Pubblic Access Defibrillation PAD Pubblic Access Defibrillation ARGOMENTO DELLA LEZIONE 1) L Importanza della Defibrillazione Precoce: La Morte Cardiaca Improvvisa L incidenza del DAE 2) IL DAE Cos è Come si usa 3) Il DAE nel Pediatrico

Dettagli

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. PARLIAMO DI ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Lettura di Elettrocardiogramma a dodici derivazioni! Lettura di Elettrocardiogramma

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli.

La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli. 1 La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli. La contrazione è innescata dal potenziale d azione che nel cuore insorge spontaneamente

Dettagli

POSIZIONAMENTO DEGLI ELETTRODI Indicazioni per l'uso : Cosa fare prima di posizionare gli elettrodi :

POSIZIONAMENTO DEGLI ELETTRODI Indicazioni per l'uso : Cosa fare prima di posizionare gli elettrodi : POSIZIONAMENTO DEGLI ELETTRODI Indicazioni per l'uso : L'elettrocardiografo è uno strumento utilizzato dal personale medico per valutare, diagnosticare e monitorare la funzione cardiaca dei pazienti. Gli

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

www.slidetube.it b. ELETTROCARDIOGRAMMA

www.slidetube.it b. ELETTROCARDIOGRAMMA b. ELETTROCARDIOGRAMMA Le fibrocellule miocardiche sono polarizzate in condizioni di riposo, cioè possiedono una elettronegatività sulla faccia interna della membrana cellulare, mentre la faccia esterna

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Utilizzo ECG

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Utilizzo ECG a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Utilizzo ECG 27/4/2006 Cuore come dipolo elettrico Il cuore considerato come un generatore elettrico complesso, in cui sono presenti

Dettagli

LA PRESSIONE ARTERIOSA

LA PRESSIONE ARTERIOSA LA PRESSIONE ARTERIOSA La pressione arteriosa è quella forza con cui il sangue viene spinto attraverso i vasi. Dipende dalla quantità di sangue che il cuore spinge quando pompa e dalle resistenze che il

Dettagli

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM Gian Piero Carboni Il Prof Gian Piero Carboni lavora presso il Policlinico Universitario sin dalla sua fondazione risalente a primi

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137

Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137 Elettrocardiografia per la sopravvivenza (del Medico di Medicina Generale) ISBN 88-8412-023-3 Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137 Elettrocardiografia

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

Prima domanda da farsi

Prima domanda da farsi Prima domanda da farsi Vedo un normale QRS? Asistolia FV L egc normale QRS di solito meno 0,12 m sec il ritmo è regolare onde p prima di ogni QRS? ( possono essere dopo o nel QRS ) 1 cm =1 mv 1mm =0.04

Dettagli

IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA

IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA come essere un bravo infermiere senza fare il medico Inf. Paola Arseni UOC di Medicina Interna SO Poggiardo Palazzo della Cultura Poggiardo12 Ottobre 2013 L ECG

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA

PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA Nicola Propato INDICE INTRODUZIONE... 3 ELEMENTI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA... 5 L ELETTROCARDIOGRAMMA.... 9 LEGGERE UN ELETTROCARDIOGRAMMA.... 15 ELETTROCARDIOGRAMMA E MALATTIE....

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina Corso di Patologia Sistematica I Riconoscimento, fisiopatologia e clinica delle principali aritmie e dei blocchi cardiaci Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Tutori per il cuore 16/3/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Tutori per il cuore 16/3/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Tutori per il cuore 16/3/2006 Morte cardiaca improvvisa Il cuore va in fibrillazione ventricolare (si muove disordinatamente) e smette

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAMMA

L ELETTROCARDIOGRAMMA COLLEGIO IPASVI SIRACUSA L ELETTROCARDIOGRAMMA ENNA 30 novembre 2013 Antonio MAMMONE Carmelo FLORIDDIA L ELETTROCARDIOGRAMMA E.C.G. L elettrocardiografia è la principale e più comune metodica di indagine

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015. Dott.ssa Maia De Luca

I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015. Dott.ssa Maia De Luca I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Maia De Luca Scenario Bambino di 7 anni condotta in DEA per dolore toracico, respiro corto, palpitazioni VALUTAZIONE: impressione iniziale Stato di coscienza: AVPU:

Dettagli

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria Bradicardie estreme Specializzandi: Dr. Buttazzoni M. Dr.ssa Tarantino M. Tutor: Dr.ssa Costa M. G. Dr.ssa De Flaviis A. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi

Dettagli

PACEMAKERS E DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI: PRESENTE E FUTURO

PACEMAKERS E DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI: PRESENTE E FUTURO 3 PACEMAKERS E DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI: PRESENTE E FUTURO Dal 1988 a oggi presso il Reparto di Cardiologia dell Ospedale di Pesaro sono stati impiantati poco meno di 5000 pacemakers e dal 1996 sono

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 Fase D: Defibrillazione Precoce Se Polso e Segni di Circolo sono

Dettagli

Dott. Giovanni Ferrari

Dott. Giovanni Ferrari Manifestazioni cardiache delle malattie neurologiche acute Comobrain Ottobre 2009 Dott. Giovanni Ferrari Dimensioni del problema George Khechinashvili, 2002 Analisi multivariata della mortalità

Dettagli

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare.

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare. Fibrillazione Atriale : Difficile identificazione delle Onde P in un tracciato con complessi ventricolari ad intervalli variabili. Intervallo RR variabile. Onda P sostituita da due o più ondulazioni (

Dettagli

Progetto PROMETEO (PROgetto Milano Ecg Teletrasmessi ExtraOspedaliero) ECG/MSB h24/16 Milano/Provincia

Progetto PROMETEO (PROgetto Milano Ecg Teletrasmessi ExtraOspedaliero) ECG/MSB h24/16 Milano/Provincia Progetto PROMETEO (PROgetto Milano Ecg Teletrasmessi ExtraOspedaliero) ECG/MSB h24/16 Milano/Provincia Obiettivo del progetto ECG 12 derivazioni within 10 to call (sospetta SCA) Incidenza 50% sulla mortalità

Dettagli

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio L elettrocardiogramma nel paziente con soffio Dott. Roberto Santilli Med.Vet., PhD, D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Samarate Varese - Italy Tecnica Elettrocardiografia Monitoraggio

Dettagli

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del VDx Manifestazioni cliniche

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova CROCE ROSSA ITALIANA Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova 1 SALUTE-MALATTIA Definizione dell OMS: La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente

Dettagli

ELETTROCARDIOGRAMMA. dimensioni delle camere cardiache e spessore delle loro pareti;

ELETTROCARDIOGRAMMA. dimensioni delle camere cardiache e spessore delle loro pareti; ELETTROCARDIOGRAMMA Registrazione e riproduzione grafica delle differenze di potenziale elettrico che si creano tra due punti durante un ciclo cardiaco. Su questi tracciati si studia la morfologia, la

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

GIORNATA CONTRO LA FIBRILLAZIONE ATRIALE. 3 ottobre 2015 Verona / Palermo

GIORNATA CONTRO LA FIBRILLAZIONE ATRIALE. 3 ottobre 2015 Verona / Palermo CONTRO LA 3 ottobre 2015 Verona / Palermo 2015 POSTER - LOCANDINA 32015 OTTOBRE VERONA - P.zza Cittadella PALERMO - P.zza Bologni 10:00-18.00 32015 OTTOBRE VERONA - P.zza Cittadella PALERMO - P.zza Bologni

Dettagli

L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici. www.fisiokinesiterapia.biz

L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici. www.fisiokinesiterapia.biz L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici www.fisiokinesiterapia.biz FOCOLAI DI AUSCULTAZIONE ANATOMICI E ELETTIVI M- F. MITRALE > itto T- F.TRICUSPIDE > IV spazio intercostale (S.I.),

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

ECG FACILE. Traduzione della 5 edizione inglese di: The ECG made easy

ECG FACILE. Traduzione della 5 edizione inglese di: The ECG made easy ECG FACILE Traduzione della 5 edizione inglese di: The ECG made easy John R. Hampton Professore di cardiologia Università di Nottingham, Nottingham, UK Versione italiana a cura di hystamina@hackmed.org

Dettagli

INTERPRETAZIONE DELL ECG

INTERPRETAZIONE DELL ECG INTERPRETAZIONE DELL ECG METODO PER OLIGOFRENICI DEL GIUNTA Il metodo per OLIGOFRENICI sviluppato dal Prof. Riccardo GIUNTA, è rivolto, con amore, a tutti i vari Sergio Coglionazzo che frequentano la Facoltà

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico 09/12/2014

Dettagli

PACEMAKER BICAMERALI DDD RATE-RESPONSIVE CON RELATIVI CATETERI

PACEMAKER BICAMERALI DDD RATE-RESPONSIVE CON RELATIVI CATETERI ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE OGGETTO E CARATTERISTICHE DELLA FORNITURA L oggetto della presente gara è l acquisto di pacemakers, defibrillatori e monitor cardiaci impiantabili e relativi accessori

Dettagli

Cardiology Department S. Anna Hospital University of Ferrara, Italy ECG 4. Matteo Bertini, MD, PhD.

Cardiology Department S. Anna Hospital University of Ferrara, Italy ECG 4. Matteo Bertini, MD, PhD. Cardiology Department S. Anna Hospital University of Ferrara, Italy ECG 4 Matteo Bertini, MD, PhD E-mail: m.bertini@ospfe.it Attività elettrica del cuore Percorso di conduzione SA node AV node His bundle

Dettagli

Titolare: Ing. Angela Agostinelli

Titolare: Ing. Angela Agostinelli BORSA DI STUDIO CNIT 2012 ELABORAZIONE DEI SEGNALI Titolare: Ing. Angela Agostinelli Le fibre del muscolo cardiaco sono eccitabili e generano potenziali d'azione per svolgere la loro attività meccanica

Dettagli

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO Gli aggiustamenti cardiocircolatori all esercizio fisico possono essere distinti in: Periferici: riguardano la ridistribuzione del flusso sanguigno a livello

Dettagli

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo CAPITOLO THE NORMAL HEART: Its circulation and development 1 IL CUORE NORMALE La sua circolazione e il suo sviluppo Il cuore e i polmoni sono situati nel torace, protetti dallo sterno, dalla gabbia toracica

Dettagli

ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA

ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA SISTEMA MECCANICO OGNI ATTIVITA MECCANICA, ossia ogni CONTRAZIONE del CUORE è preceduta ed è determinata da una ATTIVITA ELETTRICA SISTEMA ELETTRICO Stato

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

INFARTO DEL MIOCARDIO

INFARTO DEL MIOCARDIO I corti, lezioni in 5 minuti! INFARTO DEL MIOCARDIO Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA

Dettagli

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI:

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI: IL CICLO CARDIACO LO SCHEMA ILLUSTRA L ANDAMENTO TEMPORALE DI PRESSIONE, FLUSSO E VOLUME VENTRICOLARE, I PRINCIPALI PARAMETRI EMODINAMICI, DURANTE IL CICLO CARDIACO. TRA LA CHIUSURA DELLA VALVOLA MITRALE

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i Fase A: Primo Soccorritore Valuta Coscienza: Chiama e Scuote la vittima (Pizzica se Trauma) Accertato lo stato di Incoscienza Paziente Cosciente

Dettagli

OBBIETTIVI. 1.Conoscere la normale funzionalità. patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco

OBBIETTIVI. 1.Conoscere la normale funzionalità. patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco IL CUORE QUESTO SCONOSCIUTO OBBIETTIVI 1.Conoscere la normale funzionalità cardiaca 2.Conoscere e riconoscere le principali patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco

Dettagli

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Congresso Nazionale IRC Napoli 6-7 Giugno 2008 PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Gianluca Gonzi

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

La variabilità della frequenza cardiaca

La variabilità della frequenza cardiaca Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia C Corso integrato di metodologia medico-scientifica e scienze umane II Fisica ed epistemologia La variabilità della frequenza cardiaca Prof. C. Cammarota Dipartimento

Dettagli

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE ANATOMIA DEL CUORE Il cuore è un organo cavitario dell app. cardiovascolare situato nella cavità toracica tra i due polmoni e

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari Prof. Raffaele De Caterina Ore 14:15-16:15, 2 h Come studiare le patologie cardiovascolari Il professore

Dettagli

ONDA P QRS S-T ONDA T

ONDA P QRS S-T ONDA T L ECG NORMALE L elettrocardiogramma e la registrazione grafica dell attività elettrica del cuore trasmessa attraverso i tessuti fino alla cute. La morfologia fondamentale dell ECG e costituita da un onda

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli