Christian Corsi Il Project Management. Analisi dei modelli hard e soft

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Christian Corsi Il Project Management. Analisi dei modelli hard e soft"

Transcript

1 Christian Corsi Il Project Management Analisi dei modelli hard e soft

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 a/b Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: ottobre 2009

3 Desidero esprimere la mia più viva e sincera gratitudine al prof. Giuseppe Paolone, per gli illustri insegnamenti impartiti; alla prof.ssa Augusta Consorti, per il suo importante sostegno; e al prof. Riccardo Palumbo, per aver indirizzato i miei percorsi di studio e ricerca. Ringrazio, per il rilevante supporto fornito in ogni occasione e per le importanti opportunità concesse, il prof. Luciano D Amico, il quale rappresenta un insostituibile riferimento, quale fondamentale guida del mio percorso di crescita professionale e umano. Si precisa che quanto riportato nella presente ricerca è frutto di un lavoro personale, per cui si esonerano terzi da qualsiasi responsabilità in merito. Christian Corsi

4

5 Indice 9 Introduzione 11 Capitolo I Analisi e valutazione del modello di Crawford Pollack 1.1. I concetti introduttivi del modello, L analisi delle dimensioni critiche, La chiarezza dello scopo/obiettivo di un progetto, La tangibilità dello scopo di un progetto, I criteri per la misurazione del successo di un progetto, L area di sovrapposizione tra il progetto e il project management, Il progetto e il project management: analisi e valutazione delle ragioni di successo o fallimento, I criteri di misurazione del successo per progetti hard e soft, La valutazione di successo degli stakeholder delle performance di un progetto, La permeabilità di un progetto: il grado di contaminazione contingente, Il numero di opzioni: possibili soluzioni alternative per la realizzazione di un progetto, Il numero di opzioni possibili nel modello, Il ruolo e il grado di partecipazione del management a un progetto, La chiarezza e il controllo dei compiti, Le aspettative degli stakeholder nel progetto, Aspettative degli stakeholder nei progetti hard e soft, Riflessioni conclusive del modello, Capitolo II Analisi e valutazione del modello di Turner Cochrane 2.1. I concetti introduttivi del modello, L analisi delle tipologie, I progetti ingegneristici, Progetti di sviluppo di nuovi prodotti, Il principio dell anticipazione, La flessibilità nei processi di sviluppo di nuovi prodotti, I progetti di sviluppo di sistemi, Gli approcci allo sviluppo di un sistema informativo, I progetti di ricerca, L incertezza nei metodi e negli obiettivi, 60 7

6 8 Indice La complessità come sinonimo di incertezza, Le ulteriori fonti di incertezza, Capitolo III Analisi e valutazione del modello di Yeo 3.1. I concetti introduttivi del modello, I fondamenti del modello, Le variabili novità familiarità e incertezza ambiguità, L uso dei modelli mentali nel processo di individuazione del problema, Tipo I: inquadramento del problema nell ambito della certezza relativa, Tipo II: inquadramento del problema nell ambito dell incertezza controllata, Tipo III: inquadramento del problema nell ambito dell incertezza non controllata, Cambiamento dinamico nel processo di inquadramento del problema, Il ciclo di vita della leadership, Conclusione 97 Bibliografia

7 Introduzione Il lavoro di ricerca propone un analisi delle variabili hard e soft all interno del ciclo di vita del project management. Le variabili hard, che includono al loro interno il tempo, il costo e la qualità, vengono considerate tradizionali e possono determinare il successo o il fallimento di un progetto attraverso l individuazione di una matrice rigida. Analizzando la letteratura del project management e più specificatamente le fondamenta su cui si basa il paradigma hard, si evidenzia come approcci scientifici e oggettivi abbiano in sé un hard core basato su metodi e pratiche di pianificazione e controllo rigidi, radicati nelle filosofie realiste, allo scopo di enfatizzare la ricerca e lo sviluppo di una conoscenza concreta e oggettiva. Le variabili critiche del paradigma hard sono tra loro interconnesse, in quanto appare evidente come l influenza delle filosofie tradizionali di project management abbia generato sulle attività di controllo e pianificazione del progetto una forte enfasi, la quale determina, come presupposto, la necessità di stabilire aprioristicamente obiettivi chiari e definiti. Le suddette attività, pertanto, utilizzeranno parametri quantitativi utili per la misurazione della performance di un progetto, nonché per una maggiore comprensione, all interno dello stesso, delle rigide strutture organizzative. Si comprende come il paradigma hard promuova una comprensione del mondo visualizzato come realtà oggettiva, cui ciascun individuo ha un accesso uguale e invariato. Considerando tali presupposti, risulta possibile estendere al progetto un approccio sistemico, il quale, dato che gli obiettivi vengono chiaramente definiti ex ante, è in grado di comprendere le relazioni esistenti tra le variabili, le quali, a loro volta, risultano essere controllabili e prevedibili. Il paradigma flessibile, come pratica di management di un progetto, tende altresì a enfatizzare, a differenza del paradigma rigido, 9

8 10 Introduzione aspetti quali l apprendimento, la partecipazione, e uno spiccato interesse per le dinamiche sociali di base. A differenza del paradigma hard, il paradigma soft nasce nell ambito delle scuole di pensiero interpretativiste e costruttiviste, le quali promuovono una creazione intersoggettiva della conoscenza. Inoltre, se la visione generale dei sistemi rigidi prevede obiettivi ben definiti e chiari sin dall inizio del progetto, il paradigma soft procede dal presupposto che invece gli obiettivi siano ambigui e mal definiti, per cui la loro comprensione può avvenire solo in itinere, cioè nel corso dell evoluzione del progetto medesimo. In detta situazione, è chiara l importanza del processo di apprendimento, il quale non risulterà fine a se stesso e limitato alla fase di start up, ma occuperà tutta la durata del ciclo di vita del progetto stesso. Sarà proprio la suddetta necessità di conoscenza dinamica a delineare con maggiore chiarezza gli obiettivi da perseguire e i metodi da implementare; inoltre, a differenza del paradigma hard, le performance non saranno più valutate con parametri quantitativi ma qualitativi, quali, ad esempio, la customer satisfaction e la qualità del prodotto ottenuto. Importanti autori ritengono che, nella gestione di un progetto, una maggiore considerazione delle variabili chiave del paradigma soft possa ampliare la possibilità di successo del progetto medesimo, più della considerazione delle variabili hard. Tale metodologia dei sistemi flessibili rappresenta una tecnica qualitativa in grado di applicare il pensiero sistemico a situazioni complesse in cui vi sia una forte componente sociale, politica e umana. Nel lavoro di ricerca, attraverso lo studio dei tre modelli principali di riferimento della letteratura, si tenta di delineare un framework generale delle variabili hard e soft.

9 Capitolo I Analisi e valutazione del modello di Crawford Pollack 1.1. I concetti introduttivi del modello Il modello di Crawford Pollack, fondandosi sulla generale distinzione tra aspetti hard e soft, è in grado di comprendere il peso che tali variabili rivestono all interno di un progetto, il quale, viene a essere classificato secondo sette dimensioni (Fig. 1.1) 1 : 1) chiarezza dello scopo e degli obiettivi: indica quanto risultino essere chiari e ben definiti gli obiettivi e gli scopi da perseguire nella fase di start up del progetto; 2) tangibilità dello scopo: individua quanto lo scopo sia misurabile, se vi siano indicatori oggettivi che quantifichino gli obiettivi o se, viceversa, esso sia legato a interpretazioni e giudizi soggettivi; 3) misure del successo: considerano le diverse tipologie di misurazione utilizzate per valutare il successo di un progetto; risulte- 1. L. CRAWFORD, J. POLLACK, Hard and soft projects: a frame work for analysis, in «International Journal of Project Management», 22, 2004, pp : «This paper presents a framework for the analysis of the hard and soft dimensions of projects. It is based on previous research, use of the terms in project management practice and literature, and identified differences in the philosophical basis of the hard/soft dichotomy. The framework is a categorisation scheme for structuring discussion on influential aspects of projects, facilitating project evaluation and the transfer of lessons learned to practice. The framework also has a predictive application, aiding in resourcing, planning and guiding the use of management approaches. Seven dimensions have been identified as encapsulating the key issues in the analysis of hard and soft aspects of projects, forming the basis of the framework». 11

10 12 Capitolo I ranno più appropriati e quindi verranno utilizzati indicatori di performance hard per progetti oggettivamente misurabili; mentre per dare la possibilità di esprimere valutazioni in termini di giudizi soggettivi e qualitativi verranno impiegati indicatori soft; 4) permeabilità del progetto: indica il grado di apertura del progetto rispetto alle influenze dell ambiente esterno, definendo in che modo esse possano condizionare il ciclo di vita del progetto medesimo; 5) numero di soluzioni possibili: definisce la flessibilità di un progetto, ovvero quanto esso sia propenso alla ridefinizione degli obiettivi a seconda delle diverse esigenze che si possono rivelare in itinere prendendo in esame diverse alternative. Nei progetti hard tale approccio è definito attraverso l individuazione di opzioni fattibili, mentre nei progetti soft attraverso un orientamento che preveda soluzioni creative e innovative, derivanti da un processo di negoziazione tra le parti, allo scopo di attribuire particolare rilevanza all apprendimento, al dibattito e alla conoscenza di nuovi settori; 6) grado di coinvolgimento dei membri del team di progetto: esprime il grado di partecipazione e influenza del team durante la pianificazione originaria del progetto, nonché la definizione del raggio di azione anche a progetto già avviato; Clarity Expectations Tangibility Measures Permeability Participation No. Solutions FIGURA 1.1 Ettagono delle variabili del modello Crawford Pollack

11 Analisi e valutazione del modello di Crawford Pollack 13 FIGURA 1.2 Spettro per la misurazione della chiarezza degli obiettivi 7) aspettative degli stakeholders: considera il livello di interazione esistente tra i vari stakeholders e il team di progetto. Quest ultimo può agire autonomamente in qualsiasi fase del progetto stesso o, al contrario, essere sottoposto a un rigido controllo da parte di soggetti esterni L analisi delle dimensioni critiche La chiarezza dello scopo/obiettivo di un progetto Nell ambito del framework proposto da Crawford e Pollack, i progetti soft differiscono da quelli hard per il fatto che gli scopi e gli obiettivi dei medesimi, in genere, non sono definiti esplicitamente dal principio 2, andandosi a posizionare nella parte destra dello spettro proposto (Fig. 1.2). Risulta pertanto evidente che con valori tendenti allo zero gli obiettivi risulteranno chiaramente definiti, mentre una valutazione prossima al valore cento attesta la presenza di elevata ambiguità nella comprensione degli obiettivi del progetto e degli scopi da perseguire i quali, altresì resi noti a tutti i membri del team, dovranno essere: misurabili, considerando le risorse e le competenze a disposizione per la realizzazione del progetto; coerenti con i piani strategici previsti, con le politiche di governance e con le strutture organizzative esistenti; specifici, al fine di consentire al team una chiara comprensione dei compiti. 2. W. MCELROY, Implementing strategic change through projects, in «International Journal of Project Management», 14, 6, 1996, pp

12 14 Capitolo I Le caratteristiche appena descritte non sono sempre riscontrabili in una qualsiasi tipologia di progetto, soprattutto in quelli di ricerca e sviluppo che si prefiggono obiettivi generali, i quali, talvolta, si dimostrano non realizzabili e ridefiniti in itinere. Inoltre, non tutti i progetti si avviano in modo chiaramente definito a come aprioristicamente desiderato. Le specifiche note al project manager potrebbero risultare troppo nebulose per poter evitare un interpretazione ambigua, oppure, qualora l obiettivo fosse anche ben chiaro, potrebbe non esserlo la comprensione delle modalità attraverso cui raggiungerlo. Pertanto, la fase di definizione degli obiettivi da perseguire risulterà permeata da un basso grado d incertezza e ambiguità, se considerata nell ambito del paradigma hard, mentre la suddetta fase nel paradigma soft sarà caratterizzata da un maggiore grado di incertezza e ambiguità. Tale situazione, caratterizzata da obiettivi non ben definiti per un ambiguità iniziale, può essere meglio governata mediante l utilizzo del Soft System Management. Secondo Morris 3, tale tecnica costituisce una metodologia di Problem Structuring, la quale consente di definire gli obiettivi prima di prendere in considerazione un approccio tradizionale di project management. Tale visione, espressione diretta del paradigma rigido, risulterebbe inadeguata in contesti nei quali gli obiettivi non siano stati chiaramente individuati nelle fasi iniziali del progetto, in quanto una maggiore attenzione alla definizione dello scopo da perseguire non è conditio sine qua non perché esso si mantenga stabilmente chiaro per tutto il ciclo di vita del progetto medesimo. Al contrario, un approccio che consideri la variabile temporale come parametro di riferimento per la formulazione di obiettivi risulterebbe essere più appropriato per ambienti complessi e in continua evoluzione. In risposta a tali cambiamenti, i project manager devono continuamente modificare i tempi, i costi e gli aspetti qualitativi del progetto 4, ridefinendo altresì, a seconda del mutare delle esigenze, lo scopo del medesimo e l attribuzione delle singole responsabilità. Pertanto, i piani progettuali devono essere sufficientemente flessibili per consentire l integrazione di nuove idee e svi- 3. P. MORRIS, Science, objective knowledge, and the theory of project management, ICE James Forrest Lecture, disponibile su D. BACCARINI, Project life cycle: helping to understand project management, in «International Journal of Project Management», 24, 4, 2004.

13 Analisi e valutazione del modello di Crawford Pollack 15 FIGURA 1.3 La tangibilità degli obiettivi luppi in seguito a prospettive di cambiamento strategico. Una forte enfasi nell utilizzo del paradigma soft come modello di management si attesta in relazione al fatto che esso si rivela dapprima in grado di recepire informazioni provenienti dall ambiente esterno e, successivamente, di trasformarle in input per il proprio processo di apprendimento costante. Da quanto esposto, risulta evidente come, in un contesto in continua evoluzione, con un ciclo di vita dei prodotti estremamente breve e dinamico, vi sia un chiaro e crescente apprezzamento per progetti complessi, incerti, delimitati nel tempo. Per tali progetti, se i metodi convenzionali possono risultare inadeguati, risulterebbero sicuramente più appropriati quegli aspetti che prendono in considerazione le più moderne metodologie mediante le quali il progetto tende a emergere in itinere, piuttosto che con pianificazioni aprioristiche attestate dal paradigma hard La tangibilità dello scopo di un progetto Lo spostamento della variabile in esame all interno dello spettro proposto (Fig. 1.3) verso il lato sinistro sarà sinonimo di una reale e oggettiva possibilità di quantificare gli obiettivi di un progetto, fatto altresì irrealizzabile qualora gli scopi venissero a delinearsi come astratti, attestandosi verso il valore cento nella scala di valutazione. McElroy 5 basa la propria definizione di progetti soft intorno alla tangibilità dello scopo: la dizione progetto soft è utilizzata per descrivere qualsiasi attività complessa che miri a raggiungere un risultato tangibile. Gli scopi tangibili, come in ambito ingegneristico, possono, ad esempio, essere spesso definiti in termini chiaramente misurabili, mentre i progetti con scopi intangibili, quali i progetti di cambiamento organizzativo, si rilevano spesso notevolmente difficili da definire, doven- 5. W. MCELROY, op. cit., pp

14 16 Capitolo I dosi basare su interpretazioni o giudizi soggettivi. Per tale ragione, la chiarezza e la tangibilità dello scopo devono essere analizzate separatamente per facilitare la comprensione della rigidità o della flessibilità di un progetto I criteri per la misurazione del successo di un progetto Il successo del project management è stato spesso associato al buon esito di un progetto. Eppure, nel corso del tempo, è stato dimostrato 7 come il successo del project management e il successo del progetto non siano necessariamente collegati in modo diretto. Gli obiettivi di entrambi sono differenti e il controllo del tempo, dei costi e degli sviluppi, i quali sono spesso obiettivi del project management, non dovrebbero essere confusi con ciò che misura il successo di un progetto. Ancora, l esperienza ha mostrato come sia possibile raggiungere il successo di un progetto anche qualora la gestione abbia fallito o viceversa L. CRAWFORD, J. POLLACK, op. cit., pp A.K. MUNNS, B.F. BJEIRMI, The Role of Project Management in Achieving Project Success, in «International Journal of Project Management», 14, 2, 1996, pp : «It seems that the definition of project success is quite illusive. Numerous authors have researched the subject on project success but the concept of project success remained ambiguously defined. According to Shenhar, Andrew J, Levy, Ofproject success is probably the most frequently discussed topic in the field of project management, yet it is the least agreed upon even though it was for more than two decades, researchers have labored to identify managerial variables critical to success. Others have expressed a similar view. Liu and Walker, notes that project success is a topic that is frequently discussed and yet rarely agreed upon and Wateridge states that very few people in the past have thought seriously about project success. According to A.M.M. Liu it is a concept which can mean so much to so many different people because of varying perceptions. Baccarini concludes that literatures on project management provide no consistent interpretation of the term project success. He summarized literatures from McCoy and Wells. McCoy observes that a standardized definition of project success does not exist nor an accepted methodology of measuring it and Wells also observes that there is a lack of attention given to defining success except in quite general terms. Apparently determining whether a project is a success or a failure is far more complex. There can be ambiguity in determining and measuring the success or failure of a project». 8. A. DE WIT, Measurement of project success, in «International Journal of Project management», 6, 3, 1988, pp : «there is a difference between project success and project management success and a distinction should be made between these two. This is important because successful project management techniques will contribute to the achievement of projects but project management will not stop a project from failing to succeed».

15 Analisi e valutazione del modello di Crawford Pollack 17 Per progetto si può intendere il raggiungimento di un determinato obiettivo, il quale coinvolga una serie di attività e compiti che necessitano di specifiche risorse. Esso deve essere completato nel rispetto di vincoli temporali, budget e qualità. Per contro, il project management può essere definito come il processo che controlla e gestisce il raggiungimento degli obiettivi di un progetto. Utilizzando le strutture organizzative e le risorse esistenti, esso tenta di gestire il progetto impiegando una serie di metodiche, senza interferire nella routine 9 delle operazioni del team 10. La funzione del project management prevede la definizione dei requisiti del lavoro, la distribuzione delle risorse necessarie, la sua pianificazione ed esecuzione, il monitoraggio dei progressi e le correzioni di eventuali scostamenti rispetto alla pianificazione originaria L area di sovrapposizione tra il progetto e il project management La confusione espressa nel paragrafo precedente può essere evitata attribuendo al project management un determinato ruolo, il quale, insito nel contesto più ampio del progetto, è quello di saper utilizzare le risorse disponibili in modo efficiente ed efficace, così da realizzare una serie di obiettivi mediante l impiego di determinati criteri. Nella Figura 1.4 si evidenzia un modello a sei stadi della vita di un progetto, in cui è opportuno verificare in quali di essi il medesimo venga coinvolto. Concezione: l idea del progetto nasce all interno dell organizzazione del cliente e ne viene determinata la fattibilità. Pianificazione: il metodo per raggiungere l idea originaria viene pianificato e progettato. 9. Richard Nelson e Sidney Winter, riferendosi alla routine, hanno coniato il termine di routines organizzative. «Esse indicano quei modi di lavorare regolari e prevedibili, che si sostanziano in una sequenza di azioni coordinate da parte degli individui, senza che vi siano direttive o comunicazioni verbali significative; tali routines formano la base della maggior parte delle competenze organizzative» (R. NELSON, S. WINTER, An Evaluation Teorhy of Economic Change, Harvard University Press, Cambridge 1982). 10. H.P. KERZNER, Project management: A System Approach to Planning, Scheduling, and Controlling, Van Nostrand Reinhold, New York

16 18 Capitolo I Produzione: i piani originari sono convertiti in realtà. Consegna: il progetto finito è consegnato al cliente per il suo uso. Utilizzo: il cliente utilizza il progetto finito. Chiusura: il progetto giunge al termine del suo ciclo di vita. Il diagramma illustra come ciascuna delle parti precedentemente identificate interagisca con il progetto durante il suo ciclo di vita, evidenziando il ruolo di un nuovo team, quello delle terze parti. Tra queste ultime ve ne sono diverse che potrebbero influenzare lo sviluppo e l uso del progetto, le quali includono le autorità pubbliche, sia locali che nazionali, i media e i gruppi ambientali. Il diagramma mette in evidenza i punti in cui la distinzione tra successo e fallimento differisce tra la visione del progetto e quella del project management. Il team di progettazione sarà coinvolto negli step 2 4, mentre il cliente sarà interessato in quelli 1 6. Il team si concentrerà sul ristretto compito di raggiungere con successo la conclusione dello stadio 4, momento in cui terminerà il suo coinvolgimento e si passerà a un nuovo progetto. Solo a partire da tale stadio, sarà il cliente ad affrontarne l esito, fino al raggiungimento dell ultimo stadio rappresentato. FIGURA 1.4 Il ciclo di vita del project management

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC

Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC Copyright BPTrends, LLC Redatto da Roger Burlton La riproduzione e la distribuzione di questo documento è autorizzata alle seguenti condizioni:

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda a cura di Ing. Michele Maritato, PMP Il presente documento è stato redatto dall ing. Michele Maritato

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Verso la Società dell informazione

Verso la Società dell informazione BIBLIOTECARIO NEL 2000 Verso la Società dell informazione Le professioni dell informazione fra ricerca d identità e linee di convergenza di Carla Basili di società dell informazione non è nuova né recente,

Dettagli