Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione"

Transcript

1 Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

2 Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità di pratica e condivisione di conoscenze interaziendale e multiprofessionale che si pone il duplice obiettivo di analizzare i problemi che caratterizzano la gestione dei flussi dei pazienti nelle strutture sanitarie (la logistica del paziente) e definire efficaci progetti di cambiamento. Il Laboratorio vuole essere uno spazio che favorisce la diffusione e il confronto di soluzioni innovative dei modelli logistico-organizzativi nella logica del mutuo apprendimento e della collaborazione. Il progetto del Laboratorio nasce grazie al concorso di tre diversi centri di ricerca: il CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale (Università Bocconi, Milano), il CERISMAS Centro di Ricerche e Studi in Management Sanitario (Università Cattolica, Milano) e il CUSAS Centro Universitario di Studi in Amministrazione Sanitaria della Facoltà di Medicina e Chirurgia (Università degli Studi di Firenze). Comitato Scientifico Eugenio Anessi Pessina Responsabile Area Ricerca CERISMAS, Università Cattolica di Milano Stefano Baraldi Direttore CERISMAS, Università Cattolica di Milano Mario Del Vecchio Direttore CUSAS, Università degli Studi di Firenze Rosanna Tarricone Direttore CERGAS, Università Bocconi Coordinatori Mario Del Vecchio Direttore CUSAS, Università degli Studi di Firenze Federico Lega CERGAS, Università Bocconi Stefano Villa Responsabile Area Progetti, CERISMAS, Università Cattolica di Milano. 2

3 La logistica del paziente Nelle moderne strutture sanitarie il paziente, per completare il suo iter diagnostico-terapeutico, attraversa molteplici aree produttive quali, ad esempio, il pronto soccorso, l ambulatorio, il blocco operatorio, la terapia intensiva, le aree di degenza acuta e post-acuta. Il concetto di logistica del paziente fa riferimento a tutte quelle attività di programmazione, gestione e controllo di queste aree. Diversi studi ormai hanno mostrato che il mancato controllo della logistica del paziente determina impatti negativi sulla sicurezza, sull efficacia e sull efficienza dei processi di cura, quali: ritardi nell erogazione delle prestazioni; lunghi tempi di attesa; inappropriatezza del setting assistenziale; prolungate degenze ospedaliere; sprechi di risorse; sovraccarico di attività con conseguente aumento dello stress nel personale; incremento della probabilità di errore; assenza di integrazione tra la fase acuta e post-acuta del percorso di cura. In una situazione di contrazione delle risorse disponibili e dell affermarsi di nuovi modelli di organizzazione delle cure (ad esempio ospedale per intensità delle cure) risulta critico per il manager sanitario acquisire nuove competenze e strumenti operativi per un più efficace governo della logistica del paziente. Il progetto LLP Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) offre alle aziende interessate un momento di confronto strutturato per l analisi delle problematiche legate alla gestione dei flussi dei pazienti e per la definizione di coerenti progetti di cambiamento. Negli ultimi anni diverse aziende sanitarie si sono rese protagoniste di una serie di progetti di innovazione della logistica del paziente quali, ad esempio: (i) la riorganizzazione delle aree di degenza secondo il modello per intensità delle cure, (ii) il ri-disegno del lay-out dell ospedale attraverso la creazione di blocchi operatori centralizzati o di aree dedicate all accoglienza dei pazienti dimessi (le discharge room), (iii) l adozione dell approccio lean thinking per la ri-progettazione dei processi, (iv) l attivazione di posizioni o uffici per il controllo delle operations, (v) la ri-organizzazione di tutta l attività outpatient. È quindi necessario comprendere le condizioni attuative e i costi e i benefici delle differenti soluzioni gestionali e organizzative adottate. Al fine di strutturare un percorso di medio lungo periodo, il Laboratorio è strutturato su un percorso triennale, con l obiettivo di fornire un set completo di strumenti, metodologie e soluzioni operative personalizzate per realizzare un efficace e completo controllo della logistica del paziente. Ogni anno saranno, in particolare, approfonditi due temi tra le diverse possibile aree di interesse della logistica del paziente: il controllo del blocco operatorio; la gestione dei flussi dei pazienti tra le diverse aree di degenza; l ottimizzazione dei flussi al Pronto Soccorso; la gestione delle dimissioni; l organizzazione dei processi ambulatoriali; l integrazione ospedale territorio. E prevista anche l iscrizione annuale al Laboratorio che però non consente di beneficiare delle condizioni economiche agevolate riservate alle aziende che si iscrivono all intero percorso dei tre anni (cfr. sezione Partecipare al Laboratorio ). 3

4 Attività Il Laboratorio prevede l organizzazione di cinque giornate di workshop, lungo un periodo di 12 mesi. Le attività si articolano in quattro differenti aree: 1. lezioni; 2. presentazione di casi nazionali ed internazionali; 3. benchmarking; 4. realizzazione di un manuale operativo. Inoltre, i partecipanti avranno a disposizione una piattaforma virtuale per favorire il confronto ed un efficace scambio di informazioni. 1. Lezioni Il Laboratorio, attraverso il coinvolgimento del team di ricerca e di esperti a livello nazionale e internazionale, dedicherà alcuni spazi per la discussione e approfondimento di diversi temi: i driver di ri-progettazione della logistica del paziente; le tendenze evolutive dei modelli logisticoorganizzativi in ospedale; le condizioni attuative dell ospedale per intensità delle cure; la logistica integrata (persone e beni) a supporto dei processi di cura; il ruolo e le responsabilità dell operations manager; i principi e gli strumenti del modello lean in sanità; il governo delle interdipendenze ospedale territorio per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti. 2. Presentazione di casi nazionali e internazionali Il Laboratorio sarà anche l occasione per la presentazione di best practices nazionali ed internazionali di gestione operativa e l analisi di esperienze di innovazione dei modelli organizzativi di cura. Particolare attenzione sarà dedicata a capire le condizioni attuative e i pro e i contro di differenti soluzioni logistiche-organizzative. Si cercherà di adottare anche una prospettiva internazionale: infatti i problemi nella gestione delle aree produttive sono spesso gli stessi a prescindere dal contesto istituzionale e normativo ed è quindi utile valutare l applicabilità alle realtà aziendali italiane di soluzioni logistiche implementate con successo in altri contesti. Si segnala inoltre che il Laboratorio Logistica del Paziente ha realizzato una partnership con un network di ospedali del Belgio coordinati dalla Vlerick Business School (Belgium) che ha obiettivi e modalità di lavoro del tutto simili al Laboratorio Logistica del Paziente. Questa partnership permette di: 1. conoscere da vicino strumenti e soluzioni per il governo della logistica del paziente sperimentati con successo nel sistema sanitario belga; 2. organizzare una visita studio in strutture ospedaliere considerate punti di riferimento sui temi della logistica e della gestione operativa in Belgio. 4

5 3. Benchmarking A partire dai dati routinariamente raccolti nelle aziende (ad esempio dati SDO), verrà sviluppato un cruscotto di indicatori per l analisi di benchmarking sulla logistica del paziente tra le aziende partecipanti. Questa attività ha il duplice scopo di diagnosticare e confrontare le criticità nella gestione dei flussi dei pazienti e capire quale è l impatto di differenti soluzioni logistico-organizzative. I lavori del Laboratorio serviranno anche alla definizione di standard di riferimento per il controllo della logistica del paziente a beneficio di possibili future iniziative a livello aziendale o istituzionale. 4. Realizzazione di un manuale operativo Il confronto strutturato con le aziende partecipanti, l analisi di benchmarking e lo studio di best practices offrono spunti e prezioso materiale per identificare le soluzioni tecnologiche, organizzative e logistiche più efficaci per il governo e il controllo della logistica del paziente in ospedale. Ogni anno, in particolare, verrà prodotto un manuale operativo che si focalizza su due aspetti rilevanti della gestione dei pazienti in ospedale scelti tra i seguenti: 1. Il controllo del blocco operatorio 2. La gestione dei flussi dei pazienti tra le diverse aree di degenza 3. I modello logistico-organizzativi per l ottimizzazione dei flussi al Pronto Soccorso 4. La gestione delle dimissioni 5. L organizzazione dei processi ambulatoriali 6. L integrazione ospedale territorio 5

6 Attività, contenuti ed obiettivi del Laboratorio Attività Contenuti Obiettivi 1. Lezioni - i driver di ri-progettazione della logistica del paziente; - l innovazione nei modelli di organizzazione delle cure; - la logistica integrata; - l ospedale per intensità delle cure; - il modello lean in sanità; - i compiti e le responsabilità della gestione operativa in una azienda sanitaria; - l integrazione ospedale territorio. 2. Casi studio - presentazione di best practices nazionali ed internazionali di gestione operativa; - analisi di esperienze di innovazione dei modelli organizzativi di cura; - attivazione partnership con un network di ospedali del Belgio coordinato dalla Vlerick Business School 3. Benchmarking - definizione di un cruscotto di indicatori per misurare la performance della gestione dei flussi dei pazienti; - confronto tra le aziende partecipanti. - sviluppare un linguaggio comune; - acquisire concetti, metodologie e strumenti per poter realizzare efficaci progetti di miglioramento della logistica del paziente. - capire le condizioni attuative e i pro e i contro di differenti soluzioni logistiche-organizzative; - valutare l applicabilità al proprio contesto di soluzioni logistiche implementate con successo in altre realtà. - diagnosticare e confrontare le criticità nella gestione dei flussi dei pazienti; - capire l impatto di differenti soluzioni logistico-organizzative; - definire metriche condivise per il controllo della logistica del paziente. 4. Manuale operativo - il controllo del blocco operatorio; - la gestione dei flussi dei pazienti tra le diverse aree di degenza; - l ottimizzazione dei flussi al Pronto Soccorso; - la gestione delle dimissioni; - l organizzazione dei processi ambulatoriali; - l integrazione ospedale territorio. - specificare le soluzioni tecnologiche, organizzative e logistiche più efficaci per il governo e il controllo della logistica del paziente in ospedale. 6

7

8 Destinatari Potranno beneficiare particolarmente delle attività del LLP tutte quelle aziende interessate: alle principali innovazioni a livello nazionale e internazionale, nei modelli di organizzazione delle cure; a indagare i principali driver di riprogettazione di un sistema logistico-ospedaliero; a individuare gli strumenti e le metodologie per impostare un efficace progetto di miglioramento della logistica del paziente e a realizzare un cruscotto di indicatori per il governo dei flussi dei pazienti. La partecipazione al Laboratorio rappresenterà inoltre l occasione per analizzare i vantaggi e le implicazioni operative dell organizzazione per intensità delle cure oppure per comprendere le modalità di riorganizzazione dei processi produttivi secondo l approccio lean thinking e per capire il posizionamento della propria azienda rispetto ad altre aziende similari per complessità e bacino di utenza. La partecipazione al Laboratorio risulterà utile e interessante per chi riveste ruoli chiave nella programmazione e gestione dei processi erogativi all interno delle aziende sanitarie, come: direttori sanitari e di presidio ospedaliero; medici di direzione sanitaria e di presidio ospedaliero; responsabili dei servizi delle professioni sanitarie; direttori operativi (operations managers); uffici qualità e rischio clinico; controllo di gestione; responsabili medici e coordinatori infermieristici del blocco operatorio; responsabili di anestesia e rianimazione, diagnostica per immagini e laboratorio. Il Laboratorio, in particolare, rappresenta per l azienda un occasione per creare e formare un team possibilmente multi-disciplinare (ad esempio direzione sanitaria, direzione infermieristica, qualità e programmazione e controllo) da dedicare ai temi della gestione delle operations. Infine, al termine di ogni anno, verrà prodotto un manuale con istruzioni operative per il governo e il controllo della logistica del paziente. Le attività del LLP potranno essere di interesse anche per i soggetti istituzionali sovra-aziendali (ad esempio, Agenzie e Regioni) che possono favorire l implementazione di soluzioni innovative nella gestione dei flussi dei pazienti. Verrà richiesto l accreditamento ECM per medici chirurghi e infermieri rientranti nel programma del Ministero. 8

9 Partecipare al Laboratorio Ai partecipanti viene chiesta una partecipazione attiva durante i momenti di incontro e un impegno a fornire dati e informazioni a supporto dei lavori del LLP. L adesione al percorso triennale consente l accesso a condizioni economiche agevolate strutturate come segue: I anno: EURO (+ IVA se dovuta) II anno: EURO (+ IVA se dovuta) III anno: EURO (+ IVA se dovuta) Ogni azienda potrà partecipare al Laboratorio con un numero massimo di quattro persone. Le aziende associate al CERISMAS potranno godere delle agevolazioni garantite per le iniziative di formazione e ricerca. Gli ospedali privati che già aderiscono ai Fondi Interprofessionali per la formazione possono attivare le opportunità previste da ciascun fondo per ottenere il rimborso della quota di iscrizione. La segreteria del Laboratorio Logistica del Paziente è inoltre in grado di offrire un servizio di orientamento alle Aziende per la scelta del Fondo, la presentazione delle domande di rimborso e le conseguenti procedure di rendicontazione. La quota di adesione per il primo anno comprende: 5 giornate di workshop; l attività di ricerca a supporto delle attività di diagnosi e benchmarking interaziendale; la consegna di un manuale operativo di sintesi delle evidenze emerse lungo il percorso; l attivazione della piattaforma online di lavoro; il materiale didattico a supporto delle giornate di workshop. Per potere garantire una soddisfacente condivisione di esperienze e poter condurre una significativa analisi di benchmarking il Laboratorio verrà attivato solo in presenza di un numero minimo di sei aziende aderenti. Le giornate di workshop verranno organizzate in modo alternato presso le sedi dei tre centri di ricerca: CERGAS: Via Röntgen 1, Milano CERISMAS: Largo Gemelli 1, Milano o in alternativa presso il Policlinico A. Gemelli, Roma CUSAS: Largo Brambilla 3, Firenze. 9

10 SCHEDA DI ADESIONE Iscrizione annuale (+ IVA) per la parte di ricerca e EURO (+IVA se dovuta) per la parte di formazione. Iscrizione triennale (+ IVA) per la parte di ricerca e EURO (+IVA se dovuta) per la parte di formazione. La quota è comprensiva di tutti i servizi segnalati nella proposta. Il pagamento della quota associativa viene effettuato a ricevimento della fattura mediante bonifico bancario secondo le indicazioni descritte sulla fattura stessa. Azienda Ragione sociale Indirizzo Città Provincia CAP. Tel. Fax Cod. Fisc./P. IVA Referente aziendale per Laboratorio logistica del paziente (per comunicazioni inerenti il programma) Nome/Cognome Tel. Fax Cell. Posizione organizzativa Eventuale segreteria di riferimento aziendale Nome/Cognome Tel. Fax Cell. Posizione organizzativa Si prega di inviare questa scheda ENTRO il 15 Aprile 2014 per posta o per fax al seguente recapito: Dott.ssa Chiara Sanvico, Segreteria Centro di Ricerche e Studi in Management Sanitario (CERISMAS) Via Necchi 7, III piano, Milano - tel. 02/ fax 02/ Data: Firma del Legale Rappresentante e timbro 10

11

12 Per ulteriori informazioni: Federico Lega CERGAS, Università Bocconi tel Stefano Villa CERISMAS, Università Cattolica di Milano tel

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE:

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: AREA FORMAZIONE LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: STRUMENTI E SOLUZIONI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI DEI PAZIENTI V EDIZIONE MILANO, 14-15 APRILE 2015 Intervento formativo - La logistica del paziente

Dettagli

Percorso di rivalidazione dei certificati di formazione manageriale

Percorso di rivalidazione dei certificati di formazione manageriale Percorso di rivalidazione dei certificati di formazione manageriale Corso 3 La logistica del paziente in ospedale: strumenti e soluzioni per ottimizzare i flussi dei pazienti Milano, 17 18 novembre 2011

Dettagli

La rete per l integrità di Illuminiamolasalute. Destinatari

La rete per l integrità di Illuminiamolasalute. Destinatari ... La rete per l integrità di Illuminiamolasalute La rete per l integrità di Illuminiamolasalute Obiettivo della rete nazionale di Illuminiamolasalute è quello di promuovere iniziative formative, di monitoraggio,

Dettagli

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 AREA FORMAZIONE LA SUPPLY CHAIN NELLE AZIENDE SANITARIE: MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 Telefono: 02-72.34.39.07 - Fax: 02-72.34.38.28 - E-mail: cerismas@unicatt.it

Dettagli

CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente

CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente Università Cattolica, Milano 16 Marzo 2015 Stefano

Dettagli

LABORATORIO LOGISTICA DEL PAZIENTE EDIZIONE 2017

LABORATORIO LOGISTICA DEL PAZIENTE EDIZIONE 2017 LABORATORIO LOGISTICA DEL PAZIENTE EDIZIONE 2017 Il Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) è un gruppo di lavoro interaziendale e multiprofessionale che si pone il duplice obiettivo di analizzare i problemi

Dettagli

Illuminiamo la salute Una Rete Nazionale per l Integrità

Illuminiamo la salute Una Rete Nazionale per l Integrità Illuminiamo la salute Una Rete Nazionale per l Integrità La rete per l integrità di illuminiamo la salute Obiettivo della rete nazionale di Illuminiamo la salute è quello di promuovere iniziative formative,

Dettagli

MANAGEMENT DEI FONDI SANITARI INTEGRATIVI La gestione dei contributi e l'erogazione delle prestazioni sanitarie

MANAGEMENT DEI FONDI SANITARI INTEGRATIVI La gestione dei contributi e l'erogazione delle prestazioni sanitarie MANAGEMENT DEI FONDI SANITARI INTEGRATIVI La gestione dei contributi e l'erogazione delle prestazioni sanitarie 2015 PA e sanità PA000 III Edizione / Formula weekend 1 ottobre 2015 7 novembre 2015 COMITATO

Dettagli

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria.

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Stefano Villa Responsabile Area Gestione delle Operations e Logistica CERGAS (Centro di Ricerche Sulla Gestione dell Assistenza

Dettagli

Study Tour in Belgio. Integration and collaboration for better healthcare delivery systems

Study Tour in Belgio. Integration and collaboration for better healthcare delivery systems Study Tour in Belgio Integration and collaboration for better healthcare delivery systems 2, 3 e 4 Settembre 2015 Iniziativa del Laboratorio Logistica del Paziente IL LABORATORIO LOGISTICA DEL PAZIENTE

Dettagli

Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità

Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità 1ª edizione In collaborazione con UNIVERSITÀ CATTOLICA del Sacro Cuore ALTA SCUOLA DI ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SISTEMI SANITARI Obiettivi,

Dettagli

Project Management in Sanità

Project Management in Sanità - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Professione Welfare Gestione e sviluppo del welfare in azienda Milano - II edizione Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società 6 giornate di lezione

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra)

Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) OBIETTIVI: gli obiettivi dell evento sono finalizzati a prendere in esame, al fine di approfondirne le conoscenze, tutti gli aspetti

Dettagli

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali VII edizione 13 marzo - 3 luglio 2015 Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS, Alta Scuola Impresa

Dettagli

Corso di Alta Formazione. PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione

Corso di Alta Formazione. PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione Corso di Alta Formazione PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione Un corso innovativo per far crescere le organizzazioni non profit e le imprese sociali Università

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello

Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello OBIETTIVI Il Lean è una filosofia che sta cambiando il modo di operare delle imprese e che può portare

Dettagli

Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009

Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009 Corso di alta formazione Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009 Un corso innovativo per far crescere le organizzazioni non

Dettagli

Il CERGAS per le Aziende Associate

Il CERGAS per le Aziende Associate Il CERGAS per le Aziende Associate Il Network delle Aziende Associate CERGAS, costituito dalle aziende fornitrici del SSN, offre un programma completo di iniziative rivolte al management del settore farmaceutico,

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

LEAN MANAGEMENT. AREA Area Supply Chain Flow & Network Management. Modulo Avanzato

LEAN MANAGEMENT. AREA Area Supply Chain Flow & Network Management. Modulo Avanzato LEAN MANAGEMENT AREA Area Supply Chain Flow & Network Management Modulo Avanzato LEAN MANAGEMENT Il corso mira a fornire le pratiche organizzative necessarie per creare, gestire e coordinare sia i team

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI

SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI 29 maggio 2010 Ore: 09.00 18.00 Sala Vivaldi Ammezzato pad. 16 (capienza: 60 posti) Organizzato

Dettagli

Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto

Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto di Paola Boscolo * Isabella Giusepi*, Marta Marsilio** e Stefano Villa*** * Ricercatrice,

Dettagli

Day Surgery: il prima ed il dopo

Day Surgery: il prima ed il dopo S.I.C.A.D.S. Società Italiana di Chirurgia Ambulatoriale e Day Surgery Tour EMILIA ROMAGNA 2008 Day Surgery: il prima ed il dopo Coordinatore Scientifico: Dott. Giuseppe Cassetti Reggio Emilia, 5 luglio

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED EVENTO AVVERSO. Un approccio di Risk Management

RISCHIO CLINICO ED EVENTO AVVERSO. Un approccio di Risk Management RISCHIO CLINICO ED EVENTO AVVERSO. Un approccio di Risk Management Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano 9 maggio - 12 luglio 2014 Con il patrocinio di: In collaborazione con: Federazione

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA LA MISURA DELLA PERFORMANCE AREA Core Management Skills Modulo Avanzato IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance Il corso si focalizza

Dettagli

22 maggio 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra)

22 maggio 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) 22 maggio 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) OBIETTIVI: gli obiettivi dell evento sono finalizzati a prendere in esame, al fine di approfondirne le conoscenze,

Dettagli

Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali II edizione 15 novembre 2007-18 gennaio 2008

Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali II edizione 15 novembre 2007-18 gennaio 2008 Corso di alta formazione Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali II edizione 15 novembre 2007-18 gennaio 2008 Un corso innovativo per far crescere le organizzazioni non

Dettagli

Pianificare e controllare il business

Pianificare e controllare il business Amministrazione, finanza e controllo In collaborazione con Confindustria Messina Destinatari e Obiettivi del corso Il percorso formativo è rivolto a persone che operano nella funzione amministrativa delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY. Un ufficio vero per apprendere dall esperienza

INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY. Un ufficio vero per apprendere dall esperienza INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY Un ufficio vero per apprendere dall esperienza Che cos e la Service Factory? La Service Factory è un laboratorio di formazione all interno del quale si apprende

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

INVENTORY MANAGEMENT II

INVENTORY MANAGEMENT II INVENTORY MANAGEMENT II AREA Inventory Management Modulo Avanzato INVENTORY MANAGEMENT - II Il corso ha la finalità di fornire i metodi e gli strumenti necessari per una corretta organizzazione della catena

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance Il corso si focalizza sulle tecniche di Management Accounting più

Dettagli

Corso di Specializzazione VOICE OF THE CUSTOMER EXPERIENCE WORKSHOP Snidare i problemi in cerca di soluzioni

Corso di Specializzazione VOICE OF THE CUSTOMER EXPERIENCE WORKSHOP Snidare i problemi in cerca di soluzioni Corso di Specializzazione VOICE OF THE CUSTOMER EXPERIENCE WORKSHOP Snidare i problemi in cerca di soluzioni OBIETTIVI Lo sviluppo dei prodotti deve essere fondato su una profonda e accurata conoscenza

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

LEAN MANUFACTURING E APPLICAZIONI DEL WORLD CLASS MANUFACTURING NELL INDUSTRIA AUTOMOTIVE IL CASO IVECO

LEAN MANUFACTURING E APPLICAZIONI DEL WORLD CLASS MANUFACTURING NELL INDUSTRIA AUTOMOTIVE IL CASO IVECO LEAN MANUFACTURING E APPLICAZIONI DEL WORLD CLASS MANUFACTURING NELL INDUSTRIA AUTOMOTIVE IL CASO IVECO Workshop organizzato presso il Plant IVECO di Brescia AREA Production Planning LEAN MANUFACTURING

Dettagli

INVENTORY MANAGEMENT. Case studies

INVENTORY MANAGEMENT. Case studies INVENTORY MANAGEMENT INVENTORY MANAGEMENT Il corso ha la finalità di fornire i metodi e gli strumenti necessari per una corretta pianificazione delle scorte nel sistema produttivo e distributivo e per

Dettagli

Marketing e Impresa Sanitaria Laboratori d'impresa

Marketing e Impresa Sanitaria Laboratori d'impresa Formula weekend FEBBRAIO 2015 LUGLIO 2015 Marketing e Impresa Sanitaria Laboratori d'impresa 2015 PA, Sanità e No Profit COMITATO SCIENTIFICO Franco Fontana, Professore Ordinario di Economia e Gestione

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

IL PROGETTO DI EFFICIENTAMENTO NELLE STRUTTURE SANITARIE: AUMENTARE IL TEMPO UTILE E RIDURRE I COSTI

IL PROGETTO DI EFFICIENTAMENTO NELLE STRUTTURE SANITARIE: AUMENTARE IL TEMPO UTILE E RIDURRE I COSTI IL PROGETTO DI EFFICIENTAMENTO NELLE STRUTTURE SANITARIE: AUMENTARE IL TEMPO UTILE E RIDURRE I COSTI 1 CHI SIAMO Fondata nel 1991, BUSINESS VALUE è una società di consulenza direzionale specializzata in:

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

STRUMENTI OPERATIVI PER IL LEAN MANAGEMENT

STRUMENTI OPERATIVI PER IL LEAN MANAGEMENT STRUMENTI OPERATIVI PER IL LEAN MANAGEMENT AREA Production Planning Modulo Base STRUMENTI OPERATIVI PER IL LEAN MANAGEMENT Il corso mira a fornire gli strumenti operativi per implementare alcune attività

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Il modulo Pianificazione e Programmazione della Produzione ha l obiettivo di illustrare gli strumenti più

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale

Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale e prevenzione e promozione della salute Corso 60 ore I sistemi sanitari di tutti i Paesi Occidentali sono sotto pressione, a causa del contestuale

Dettagli

LEAN MANAGEMENT NEI SERVIZI

LEAN MANAGEMENT NEI SERVIZI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA EXECUTIVE EDUCATION & PEOPLE MANAGEMENT

Dettagli

WAREHOUSE MANAGEMENT DESTINATARI CONTENUTI DOCENTE Andrea Payaro

WAREHOUSE MANAGEMENT DESTINATARI CONTENUTI DOCENTE Andrea Payaro WAREHOUSE MANAGEMENT WAREHOUSE MANAGEMENT Il corso mira a creare le abilità di base necessarie a progettare e svolgere lo stoccaggio e il prelievo corretto delle merci. Inoltre si vuole delineare un quadro

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non profit di ispirazione cattolica

Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non profit di ispirazione cattolica In collaborazione con UNIVERSITÀ CATTOLICA del Sacro Cuore ALTA SCUOLA DI ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SISTEMI SANITARI Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non

Dettagli

COMMUNICATION MIX MANAGEMENT:

COMMUNICATION MIX MANAGEMENT: PERCORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER IL PERSONALE CAMERALE COMMUNICATION MIX MANAGEMENT: SCEGLIERE E GESTIRE IN MODO INTEGRATO TUTTI GLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DELLA CAMERA APRILE GIUGNO 2011

Dettagli

Governare il cambiamento per creare valore condiviso

Governare il cambiamento per creare valore condiviso ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Percorsi formativi per una nuova Pubblica Amministrazione Governare il cambiamento per creare valore condiviso Corsi settembre - dicembre 2012: 1. Il nuovo governo locale

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI

COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI Recuperare efficacia ed efficienza nelle vendite e negli acquisti AREA TRANSPORT MANAGEMENT Seminario Specialistico COME

Dettagli

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT Mercoledì 23 maggio 2012 Il corso si pone come obiettivo l approfondimento delle principali tematiche

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE AREA Production Planning Modulo Base PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Il modulo Pianificazione e Programmazione della Produzione ha l obiettivo

Dettagli

ERGONOMIA E FATTORI UMANI

ERGONOMIA E FATTORI UMANI Società Italiana di Ergonomia Sezione Territoriale Lazio VOCATIONAL MASTER IN ERGONOMIA E FATTORI UMANI SECONDA EDIZIONE ROMA 27 MAGGIO 2005 / 26 MAGGIO 2006 con la collaborazione di S3 Opus S.r.l. Presentazione

Dettagli

Perfare MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI

Perfare MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI Perfare Perfare Percorsi aziendali di formazione e assistenza operativa MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI Costruire un piano di azioni concrete per ottenere il massimo valore dall attuale

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

I nuovi media nella professione psicologica: dalla progettazione all intervento

I nuovi media nella professione psicologica: dalla progettazione all intervento I nuovi media nella professione psicologica: dalla progettazione all intervento I edizione Direzione scientifica: Prof. Enrico Molinari e Prof. Giuseppe Riva Corso di perfezionamento Formazione Permanente

Dettagli

Disturbi dell apprendimento e disturbi del comportamento in età evolutiva

Disturbi dell apprendimento e disturbi del comportamento in età evolutiva in collaborazione con Centro Interdisciplinare Di Ricerca Sui Disturbi Dell apprendimento MASTER ONLINE Disturbi dell apprendimento e disturbi del comportamento in età evolutiva Formazione a distanza -

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Università degli Studi di Bergamo Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Management e leadership delle strutture sanitarie: nuovi scenari

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Fusco Giuditta Data di nascita 17/06/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio infermiere ASL DI PRATO Posizione Organizzativa - Infermieristica

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master 84 1 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI N. 50 PARTECIPANTI AL CORSO DI FORMAZIONE IN TEMA DI VALUTAZIONE E ANALISI DELLE PERFORMANCE DELLE AZIENDE SANITARIE, ISTITUITO DALL AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

Corso di Formazione A Distanza (FAD) La continuità assistenziale. Integrazione tra ospedale e territorio: la dimissione del paziente fragile.

Corso di Formazione A Distanza (FAD) La continuità assistenziale. Integrazione tra ospedale e territorio: la dimissione del paziente fragile. Mod. E3 Rev. 1 del 01/06/2012 Pagina 1 di 6 Corso di Formazione A Distanza (FAD) La continuità assistenziale. Integrazione tra ospedale e territorio: la dimissione del paziente fragile. Periodo di erogazione

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera Regione Marche Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera 1 Analisi della realtà regionale, per sistemi e processi Differenziali nel consumo di giornate di degenza tra le diverse aree vaste Scambi interni

Dettagli

EXECUTIVE MASTER MANAGEMENT LAB

EXECUTIVE MASTER MANAGEMENT LAB LIU04911_Executive_web.qxp:210x297 1-03-2011 12:21 Pagina 1 finanziato da: FORMAZIONE FINANZIATA EXECUTIVE 4a EDIZIONE 2011 in collaborazione con: PER DIRIGENTI DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE L EXECUTIVE L

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE in Gestione innovativa, amministrazione e sviluppo

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE in Gestione innovativa, amministrazione e sviluppo SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE in Gestione innovativa, amministrazione e sviluppo PER LA NUOVA DIRIGENZA DELLE SCUOLE CATTOLICHE (II Edizione) Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS, Alta Scuola Impresa

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN MAGAZZINO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN MAGAZZINO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN MAGAZZINO AREA Warehouse Management LA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN MAGAZZINO Il corso mira a fornire le conoscenze necessarie in merito ad una corretta gestione in materia

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers MODULO 2 MODULO 1 L'organizzazione degli acquisti e il ruolo del Buyer Firenze,

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

LA TUTELA DEI DIRITTI ALLA SALUTE. I Edizione. In collaborazione con. I Edizione. PA, Sanità e Non Profit

LA TUTELA DEI DIRITTI ALLA SALUTE. I Edizione. In collaborazione con. I Edizione. PA, Sanità e Non Profit LA TUTELA DEI DIRITTI ALLA SALUTE I Edizione 2015 PA, Sanità e Non Profit I Edizione Settembre - Novembre 2015 In collaborazione con OBIETTIVI La tutela del diritto alla salute non può fare a meno del

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2010/2011 MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE (MA-08) TITOLO MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE FINALITA Con la locuzione Management e

Dettagli

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO N 169 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso extrauniversitario TIPO DI CORSO: Workshop & Corsi di aggiornamento TITOLO: Basic Facility Management

Dettagli

Fabbrini Elisabetta Italiana

Fabbrini Elisabetta Italiana INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità Fabbrini Elisabetta Italiana Luogo e Data di nascita Firenze 12 febbraio 1963 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Dal 1/2/2011 ad oggi Azienda Ospedaliera Ospedale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Corso di Specializzazione VISUAL PLANNING EXPERIENCE WORKSHOP Pianificare e gestire i progetti in modo snello

Corso di Specializzazione VISUAL PLANNING EXPERIENCE WORKSHOP Pianificare e gestire i progetti in modo snello Corso di Specializzazione VISUAL PLANNING EXPERIENCE WORKSHOP Pianificare e gestire i progetti in modo snello OBIETTIVI Il pensiero Lean sostiene con forza che la complessità debba essere affrontata con

Dettagli

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord PREMESSA Il quadro economico, sociale e demografico attuale è caratterizzato in maniera oramai strutturale

Dettagli

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4)

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) Master di primo livello Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) IV Edizione Anno accademico 2007/2008 Finalità Il master universitario, di durata annuale, ha lo scopo di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

"La gestione del dolore dalla legge 38/2010 alla pratica clinica"

La gestione del dolore dalla legge 38/2010 alla pratica clinica PROVIDER: FONDAZIONE POLICLINICO TOR VERGATA ID. 140 "La gestione del dolore dalla legge 38/2010 alla pratica clinica" Responsabile Scientifico: Prof. Natoli Silvia Dirigente Medico di Terapia Antalgica

Dettagli