LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta"

Transcript

1 LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta 1. La migrazione e l esistenza delle specie La migrazione è un processo in cui gli animali compiono viaggi ricorrenti da un area ad un altra. Molti animali (vertebrati e invertebrati) intraprendono diversi tipi di viaggi ogni specie a suo modo. Tra questi animali, gli uccelli sono i più famosi migratori. Gli uccelli viaggiano verso luoghi dove le loro possibilità di sopravvivenza sono maggiori. Essi trovano un ambiente favorevole per l allevamento dei piccoli e, al di fuori della stagione riproduttiva, un area con quantità sufficienti di cibo. Le migrazioni tra i luoghi di riproduzione e di svernamento giocano un ruolo principale nella vita degli uccelli e permettono loro di adattarsi in modo efficiente ai cambiamenti dell ambiente dovuti all alternarsi delle stagioni. Gli uccelli migratori sono esposti a numerosi pericoli: maltempo, quantità insufficienti di cibo, predazione, perdita della strada giusta, e vari ostacoli creati dall uomo. Tutti questi fenomeni causano perdite nelle popolazioni degli uccelli. Sebbene molti uccelli muoiano durante il viaggio, ne sopravvivono abbastanza da permettere alle varie specie di continuare ad esistere. I vantaggi della migrazione per una specie nel suo complesso, sono maggiori dei rischi corsi da ogni individuo che migra. 2. Vantaggi della migrazione Tra gli uccelli dell emisfero settentrionale, la migrazione è la regola piuttosto che l eccezione. La maggior parte volano da qualche altra parte al cambiamento di stagione. Per alcuni, come la rondine o la sterna codalunga, il viaggio è molto lungo e copre migliaia di chilometri. Altri, come lo storno o la cinciallegra, possono volare per diverse centinaia di chilometri per raggiungere le aree occupate da altri individui della propria specie, anche nella stagione riproduttiva. In questo caso, gli individui che migrano trascorrono l inverno negli stessi posti degli uccelli residenti. Ogni estate, 135 specie di uccelli volano verso l Artico per un breve periodo riproduttivo (da 45 a 60 giorni). Soltanto il 5% degli uccelli nidificanti nella zona artica sono del luogo, il resto il 95 % - resta solo per 7-10 settimane all anno. È facile capire perché un uccello che si nutre di insetti cacciati in volo dovrebbe lasciare il Nord Europa e passare l inverno da qualche parte in Africa. Quest individuo non sarebbe in grado di sopravvivere all inverno in questa parte del mondo senza il nutrimento sufficiente. Ma perché tornare indietro la primavera successiva, invece di rimanere in un luogo dove gli insetti volano tutto l anno? Di solito noi ragioniamo così gli uccelli partono in autunno perché sono spaventati dall inverno, fuggono dal freddo e dalla mancanza di cibo. Ma è possibile vedere la cosa in modo diverso. Gli uccelli arrivano a primavera per usare lo spazio libero a disposizione e l abbondanza di cibo, e quindi, per allevare più piccoli. Molti di questi uccelli volano via prima che il cibo diventi scarso e le temperature si abbassino, così da non affrontare l inverno la stagione da cui si suppone fuggano via. La migrazione inizia dopo che i piccoli sono cresciuti anche i giovani partono non appena i loro organismi si sono sviluppati abbastanza. Gli uccelli migrano per ottenere maggiori vantaggi (riproducendosi in primavera) piuttosto che per evitare le perdite (durante l inverno). In America del Nord, circa cento milioni di Anseriformes Anatre, oche, cigni, e smerghi migrano ogni autunno, ma solamente quaranta milioni tornano indietro in primavera. La popolazione diminuisce del 60% nel periodo tra le migrazioni autunnali e primaverili, ma questa perdita è bilanciata dall opportunità di usare le aree di riproduzione che si trovano al nord (gli uccelli di questo gruppo possono avere oltre una dozzina di nidiacei ogni anno). Le specie migratrici hanno pochi nemici naturali dato che occupano un territorio specifico solo per un certo tempo, e poi spariscono. Nessun predatore si specializzerebbe nel cacciare una specie che non c è per metà dell anno. Volando via, gli uccelli migratori 1

2 lascerebbero i loro predatori affamati. Al contrario, le specie residenti hanno i loro nemici specializzati. Durante l estate nell emisfero settentrionale le giornate si allungano. Più un uccello va a nord, più tempo ha a disposizione per trovare cibo e più cibo può dare ai piccoli. Per alcune specie, la ragione per migrare a sud nei territori di svernamento non è il freddo o la mancanza di cibo. A nord, la quantità di cibo disponibile diminuisce in autunno (le piante vanno in riposo e mancano gli insetti) e le giornate si accorciano notevolmente. Il tempo necessario a trovare cibo e ripristinare le riserve energetiche è minore di quello in cui l energia viene usata: gli uccelli devono sopportare notti lunghe e fredde nell attesa della luce del giorno quando è di nuovo possibile cercare cibo. Ad alcuni uccelli è sufficiente volare per poche centinaia di chilometri a sud, dove c è ancora ghiaccio e neve, ma le giornate sono sufficientemente lunghe e le notti più brevi. 3. Le origini del fenomeno delle migrazioni degli uccelli La migrazione è un fenomeno molto antico nel mondo animale. Esso ha accompagnato i movimenti lenti ma costanti dei continenti, gli spostamenti, allargamenti e restringimenti delle zone climatiche, i cambiamenti nelle ampiezze dei mari, dei deserti e dei ghiacciai. Gli animali migrano verso luoghi dove è più facile trovare condizioni di vita favorevoli e avere più prole. Le migrazioni sono più intense nelle aree dove i cambiamenti stagionali sono maggiori. Tra gli animali, ci sono specie migratrici di gruppi evolutivamente più antichi degli uccelli (per esempio, tra i pesci). E molto probabile che il fenomeno della migrazione esistesse in qualche forma anche tra gli uccelli primitivi, mentre le migrazioni verso altri continenti si sono sviluppate assieme all abilità di volare a distanze sempre maggiori. Gli uccelli sono stati in grado di intraprendere tali viaggi già nell Eocene, cioè almeno 50 milioni di anni fa, grazie alle avanzate strutture dei loro organi per il volo. I viaggi regolari, stagionali, lunghi di oggi possono aver avuto origine nell antico processo di occupare nuovi territori che diventavano accessibili agli uccelli con i cambiamenti climatici. Nel corso dei degli ultimi due milioni di anni, un enorme ghiacciaio si è formato e si è sciolto almeno sei volte nell emisfero settentrionale. I ghiacciai hanno dato forma all ambiente geografico e naturale di larga parte d Europa, Asia e Nord America. Dopo l ultima glaciazione (intorno a anni fa), l estate breve e fresca nell emisfero settentrionale ha facilitato lo sviluppo di organismi con un breve ciclo vitale, come gli insetti. Oggi queste condizioni si verificano nella tundra del Nord Europa: dall Islanda attraverso la Scandinavia fino alla Siberia, dove in estate compaiono quantità immense di zanzare, mosche e altri insetti. Nell Europa meridionale e soprattutto in Africa, dove il cibo è disponibile tutto l anno, gli uccelli erano in grado di sopravvivere, ma competevano per il nutrimento e per i luoghi di riproduzione. Erano, poi, costantemente esposti agli attacchi dei predatori specializzati. Gli uccelli che in estate volavano verso i terreni liberi dal ghiaccio, vi trovavano una grossa abbondanza di cibo (numerosi insetti che si riproducevano), aree poche popolate dai predatori e abbastanza ampie da ridurre la competizione con gli altri individui. Se rimanevano abbastanza a lungo da riprodursi, potevano allevare più piccoli che al sud. Dopo la stagione riproduttiva, gli uccelli tornavano a sud per evitare il lungo inverno del nord, durante il quale non c era sufficiente cibo disponibile. Un maggiore successo riproduttivo aumentava la probabilità di sopravvivenza della specie. Questo vantaggio era maggiore delle perdite connesse al viaggio di andata e ritorno nordsud. Man mano che i ghiacciai retrocedevano sempre più a nord, gli uccelli cominciavano ad occupare nuovi territori e le rotte diventavano più lunghe. Durante la più lunga glaciazione, la parte settentrionale dell Europa era coperta da ghiaccio continentale. A sud del ghiaccio, vi erano vaste aree senza alberi ma con piante che oggi crescono nella tundra artica. La aree di foresta iniziavano soltanto nella regione del Mediterraneo e del Mar Nero. 2

3 4. Rotte migratorie Il termine rotte migratorie è una semplificazione metaforica. Per molte specie, non è possibile definire tale rotta dato che gli uccelli volano attraverso l intera area continentale. Dall altra parte, un singolo individuo spesso vola lungo la stessa rotta tutta la vita e ogni anno costruisce il nido nello stesso posto e passa l inverno nella stessa regione. Spesso si sente parlare di rotte migratorie, anche se gli uccelli di solito non volano lungo percorsi specifici. Essi generalmente volano in ampi fronti sopra le terre emerse e i piccoli mari come il mar Baltico. La loro rotta può cambiare ogni ora a seconda delle condizioni metereologiche, della direzione e forza del vento, delle nuvole, precipitazioni, temperature in strati particolari dell atmosfera. Gli uccelli possono volare a differenti altezze appena al di sopra del suolo, sopra il livello del mare, o due-tre chilometri al di sopra. Essi scelgono lo strato dell atmosfera dove la direzione del vento e la temperatura rende più economico il volo. Quasi l intera superficie terrestre è coperta da una rete di rotte lungo le quali milioni di uccelli migrano. Esse conducono in ogni direzione, si intersecano e si intrecciano. Una volta tracciate su una mappa, mostrano che il fenomeno della migrazione è più complicato della semplice regola di volare da sud a nord e ritorno. La migrazione degli uccelli le cui aree di riproduzione si trovano nell emisfero settentrionale, si verificano due volte all anno lungo le rotte segnate sulla mappa, ma anche in altri posti, parallelamente a queste rotte. Gli uccelli di solito volano schierati su un ampio fronte, sopra un territorio di centinaia o migliaia di chilometri. Soltanto gli uccelli che migrano in giornata scelgono un sentiero specifico, ristretto su diversi frammenti delle loro rotte, per esempio, sopra lingue di terra, serie di isole, insenature tra grandi laghi, sopra le aree di deserto coperte da vegetazione, ruscelli di alta montagna, ecc. La migrazione degli uccelli le cui aree di riproduzione sono nell emisfero australe, si verificano due volte all anno, anche se la scala della migrazione è considerevolmente più piccola. Questo emisfero ha meno terre emerse di quello settentrionale. A sud, non ci sono equivalenti della tundra e della taiga che attirano moltitudini di uccelli per la stagione riproduttiva. Il succedersi delle stagioni è differente. Ci sono di solito due stagioni: la stagione secca e fredda e quella più calda e piovosa (stagione delle piogge). Il Mar Baltico e il Mar Mediterraneo non costituiscono un serio ostacolo, neanche per i più piccoli uccelli. Se il tempo è buono, gli uccelli possono oltrepassarli a notevoli altitudini in meno di 20 ore. Il colibrì gola rubino vola ad altezze sopra i 1200 km sopra il Golfo del Messico. Gli uccelli pesano 3 grammi e, per il viaggio, si riforniscono di ulteriori 3 grammi di benzina. I falaropi di Wilson volano sopra l oceano dalla California al Cile per 7000 km senza fermarsi. E in autunno i piovanelli maggiori, le pittime reali, le pittime minori e i pivieri orientali volano dalla Nuova Zelanda alla Cina, coprendo la distanza di 7500 km in cento ore (oltre cinque giorni) senza fermarsi. Soltanto gli uccelli specializzati nel volo planato (per esempio, cicogne, avvoltoi, aquile, poiane, falchi pecchiaioli) evitano le rotte sul mare e scelgono di passare su stretti e isole. Molti uccelli dai limiti settentrionali del continente americano volano per 800 km sopra il ghiacciaio che copre la Groenlandia essi vanno in Islanda e poi in Europa o persino in Africa. Una parte degli uccelli europei volano sopra il più grande deserto del mondo: il Sahara. Per esempio, il pigliamosche vola sopra il Sahara per ore (2-2,5 giorni), ricoprendo una distanza di km senza fermarsi. In Africa, la savana è il principale tipo di habitat dove ospiti dall emisfero settentrionale passano l inverno, e in Sud America lo è la foresta pluviale. 5. Trovare la strada La maggioranza dei giovani uccelli, 3-4 mesi dopo la schiusa, vola alle aree di svernamento senza nessun aiuto dai loro genitori. In molte specie, individui giovani e adulti iniziano a migrare in date diverse. Alcuni uccelli dell età di un anno oltrepassano le vecchie generazioni in 3

4 volo. Per esempio, i cuculi adulti (cioè quelli che hanno più di un anno di età) volano a sud poche settimane prima che i giovani (cioè quelli nati nell anno corrente) siano in grado di migrare. Solo poche specie (cigni, oche e gru) migrano con le loro famiglie in modo che i piccoli facciano esperienza dall essere accanto ai genitori. Come trovano la strada? Non è molto facile da spiegare ci sono molte teorie e solo alcune sono riconosciute completamente. Dato che i giovani uccelli sono capaci di percorrere tali distanze senza l esempio degli individui più vecchi, i loro cervelli devono contenere un programma della migrazione e dei metodi di trovare la direzione giusta. Le strutture appropriate e le connessioni nel sistema nervoso sono costruite sulla base dei dati genetici (codificati nel DNA). Numerosi esperimenti, nei quali hanno incrociato genitori con programmi migratori diversi (come quelli provenienti da gruppi che volano in direzioni differenti), hanno mostrato che i figli si comportano in modo diverso da entrambi i genitori (per esempio, la direzione dei loro voli sta in mezzo tra le direzioni divergenti delle migrazioni dei genitori). Questo prova che almeno alcuni meccanismi che. regolano le migrazioni sono innati. Attraverso diversi esperimenti, abbiamo imparato qualcosa sui metodi usati dagli uccelli per trovare la giusta direzione. Con molta probabilità questa abilità è basata sull identificazione la posizione del sole o delle stelle nel cielo. Per esempio, quando una rondine vola a nord in primavera, conosce la propria posizione rispetto al sole e considera quanto tempo è trascorso dall alba. In altre parole, l uccello ha un senso del tempo e sa dove si trova il sole in un dato momento. Mentre vola a nord, un uccello nell emisfero settentrionale posizionerà se stesso in modo che il sole si trovi alle sue spalle. Tenendo il sole alla sua destra ( e dietro) durante la mattina e alla sua sinistra (e dietro) durante il pomeriggio, può mantenere un volo regolare verso nord. Nel 1950, Gustaw Kramer, uno scienziato tedesco, condusse un esperimento nel quale provò che un uccello trova la propria direzione attraverso l osservazione della posizione del sole. Un gruppo di uccelli venne messo in una grande scatola rotonda un barile con finestre attraverso le quali si poteva vedere il sole. Gli uccelli passavano la maggior parte del tempo in prossimità della direzione corretta per il viaggio. Gli uccelli chiusi in gabbie, vedendo il sole nella sua posizione reale, sceglievano più frequentemente una direzione congruente con la rotta naturale della migrazione. Quando gli uccelli vedevano il sole riflesso nello specchio, cambiavano il loro orientamento e sceglievano la direzione sbagliata. Comunque, l angolo fra la nuova direzione e il supposto sud che si vedeva con lo specchio, era lo stesso di quello fra il vero sud e la giusta direzione di migrazione. Gli individui che migrano di notte usano la posizione delle stelle per riconoscere le direzioni. Per avere informazioni accurate, gli uccelli devono vedere da vicino il sole e le stelle. Se il cielo è totalmente coperto, la migrazione può essere interrotta gli uccelli aspettano fino a riconoscere di nuovo le direzioni.. Molti uccelli vivono abbastanza a lungo per migrare numerose volte. Essi ricordano certi dettagli topografici lungo la loro rotta e li usano per orientarsi quando il sole o le stelle sono coperte dalle nuvole. Per gli uccelli migratori, le caratteristiche più importanti del paesaggio sono le linee di costa, le valli dei fiumi e i contorni delle montagne. Al culmine della stagione migratoria, si possono vedere gli uccelli volare lungo queste linee naturali, soprattutto nei giorni nuvolosi. Durante un esperimento, uccelli che migrano di notte furono messi in un planetario. Essi risposero ai cambiamenti nella posizione delle costellazioni e cambiarono la propria posizione per essere il più vicino possibile alla direzione appropriata per il loro viaggio. Questi individui usarono la posizione delle stelle nel cielo per correggere la direzione del loro volo, come gli 4

5 uccelli che migrano durante il giorno e navigano usando la posizione del sole. Altri esperimenti nel planetario hanno dimostrato che l informazione più importante non è la configurazione delle stelle (costellazioni), ma i loro movimenti attraverso il cielo. I giovani (ancora nel nido) osservano il cielo notturno e imparano a trovare il punto focale attorno al quale tutte le stelle ruotano (nell emisfero settentrionale è la stella polare). Ciò permette di riconoscere le direzioni e la propria posizione. Guardando la posizione del sole sull orizzonte, gli uccelli possono identificare la latitudine, cioè quanto sono distanti dal nord (o dal sud). Per farlo, devono conoscere quanto alto dovrebbe trovarsi il sole a un dato momento del giorno. Si ritiene che gli uccelli rispondano all altezza del sole sull orizzonte in modo da dirigersi alla latitudine della loro destinazione. Per orientarsi correttamente, vedere il sole o le stelle non è sufficiente. Si deve anche sapere che ore sono. Gli uccelli possono misurare il tempo molto accuratamente e sanno con precisione quanti minuti sono passati dall alba e dove dovrebbe trovarsi il sole in un certo momento. Il loro orologio interno in cellule specializzate del cervello, misura il tempo in base al tasso di disintegrazione delle molecole di un composto sintetizzato. Ci sono alcuni uccelli migratori (anche i piccioni viaggiatori) che percorrono enormi distanze persino quando non si possono vedere né il sole né le stelle. Per orientarsi usano probabilmente altri fattori. Gli scienziati studiano le varie possibilità: Il campo magnetico terrestre. E certamente possibile che i piccioni abbiano un senso magnetico. Se un piccione è esposto a un campo magnetico artificiale o quando un piccolo magnete viene attaccato all uccello, diventa confuso. Gli scienziati hanno scoperto microscopiche quantità di magnetite nel cervello del piccione, che potrebbe essere legato al senso magnetico. Esperimenti condotti su pettirossi, beccafichi e bobolink hanno dimostrato che questi uccelli mentre migrano usano sopratutto una bussola magnetica e la navigazione basata sulle stelle è meno importante. Ciò è legato al fatto che mentre un uccello va verso sud, le stelle che conosce scompaiono dietro l orizzonte e quelle nuove appaiono nel cielo. Il campo magnetico è bilanciato alle latitudini meridionali ed è una base sicura per la navigazione. Luce polarizzata. Gli esseri umani non sono capaci di notare che parte della luce percepita dai loro occhi è polarizzata. Almeno alcune specie di uccelli possono determinare la superficie di polarizzazione che mostra loro la posizione del sole. Infrasuoni. Gli infrasuoni sono onde sonore la cui frequenza è troppo bassa perché l orecchio umano la registri. Negli ambienti naturali sono causati, per esempio, dal vento che fende le montagne o dalle onde marine che si infrangono a riva. Gli uccelli possono probabilmente distinguere questi suoni e quindi individuare le montagne o le coste anche da molto lontano. Olfatto. Alcuni uccelli hanno un olfatto poco sviluppato, ma ci sono eccezioni. Tali uccelli possono navigare seguendo gli odori familiari. 6. Iniziare la migrazione Con l approssimarsi della stagione migratoria, gli uccelli diventano ansiosi. Per esempio, prima di partire i balestrucci formano stormi e insieme si allenano a corti voli. Gli uccelli sono molti agitati e irrequieti. Gli uccelli migratori sono in grado di passare dalla modalità riproduttiva alla modalità migratoria che rende possibile i loro lunghi viaggi. Nella stagione riproduttiva, cioè in primavera ed estate, gli uccelli mangiano soprattutto insetti ricchi di proteine e non ingrassano. Prima della migrazione, essi cambiano dieta e mangiano più piante soprattutto semi e frutta. Questo tipo di alimentazione contiene meno proteine, ma più zuccheri e grassi. Il risultato della dieta combinato al grande appetito, è un rapido aumento del peso degli uccelli. Prima di partire, gli uccelli immagazzinano grandi riserve di grasso sotto la pelle e tra gli organi interni. Queste riserve forniranno energie sufficienti a volare sopra oceani o deserti. Alcuni piccoli uccelli prima della migrazione, arrivano a pesare il doppio che nella stagione riproduttiva, e durante il viaggio usano l intera riserva di grasso, che qualche volta deve essere ripristinata lungo la strada. Al di fuori del periodo migratorio, il grasso costituisce il 3-5% del peso di un uccello. 5

6 Gli uccelli che migrano per medie distanze guadagnano circa il 13-25% di peso attraverso le riserve di grasso; quelli che volano per lunghe distanze guadagnano il 30-50%, e qualche volta anche il 100%. L impulso a migrare è regolato dagli ormoni. Uno dei fattori chiave che fornisce informazioni sull arrivo della data di partenza è la lunghezza del giorno. Il cervello degli uccelli registra la lunghezza della luminosità del giorno e la confronta alla lunghezza del periodo di buio. Al momento opportuno, il calendario interno inizia i processi fisiologici che preparano l organismo dell uccello al viaggio. Questi processi sono anche influenzati dalla temperatura dell aria e dalla disponibilità dei differenti tipi di cibo. Per la maggioranza egli uccelli la fisiologia degli elementi assimilati con l alimentazione, soprattutto i grassi, cambiano nel periodo pre-migratorio. Certi gruppi di enzimi diventano attivi e accelerano l accumulo dei grassi e la loro trasformazione in energia necessaria al volo. Prima del viaggio, gli uccelli mangiano più del solito e cambiano la loro dieta in modo da accumulare peso. In alcune specie migratorie, il numero degli eritrociti nel sangue aumenta (per fornire più ossigeno all organismo), e aumenta anche il peso dei muscoli usati durante il volo (per facilitare il volo e aumentare la distanza di migrazione). Quando l uccello è fisiologicamente pronto, l impulso finale a iniziare il viaggio può essere un periodo di tempo nuvoloso stabile e un vento favorevole. 7. Il viaggio Ogni specie migratrice ha proprio tappe e programma di volo, come anche i propri metodi di sopravvivenza e per fronteggiare le difficoltà. In molte specie, ci sono gruppi (popolazioni locali, classi d età, maschi, femmine) che migrano in tempi diversi o coprono distanze diverse, che scelgono rotte o luoghi di svernamento differenti. Un esempio di specie migratoria è la cannaiola verdognola. Ci sono centinaia di specie migratrici ma nessun altro uccello viaggia come questo, sebbene ci siano specie che seguono un andamento simile, e la regola di una lenta migrazione autunnale e di una veloce migrazione primaverile si applica alla grande maggioranza dei viaggiatori dall emisfero nord. Le cannaiole verdognole lasciano di solito l Europa in luglio e agosto. A partire da metà agosto raggiungono l Etiopia. In ottobre o dicembre appaiono in Kenya, e tra la fine di dicembre e l inizio di gennaio arrivano in Sud Africa, dove prendono posto. Poi, in marzo, essi iniziano il loro viaggio di ritorno che dura 9 o 10 settimane. Raggiungono la Polonia nella prima metà di maggio, sebbene gli individui più veloci arrivano già nella seconda metà di aprile. La migrazione autunnale comprende 6-7 mesi (cioè settimane), la pausa invernale 8-10 settimane, e il viaggio primaverile 9-10 settimane. In autunno, gli uccelli hanno bisogno di pochi giorni per volare in Africa attraverso il Mar Mediterraneo e le aree desertiche. Più tardi si muovono lentamente, all avvicinarsi dei cambiamenti ambientali con l avvento della stagione secca. Quando arrivano ai siti ricchi di prede nell Africa meridionale, il loro piumaggio cambia e essi immagazzinano grasso per il viaggio primaverile. Il volo verso i luoghi di riproduzione è una gara tra maschi: i più veloci scelgono i posti migliori per le loro aree di nidificazione. I primi a migrare in autunno sono gli uccelli dalla tundra artica. Essi lasciano i territori di riproduzione già in luglio perché, dopo il giorno polare, tutto diventa gelato e innevato e la masse di insetti la principale fonte di cibo degli uccelli della tundra scompaiono. La migrazione autunnale finisce soltanto a dicembre, quando gli uccelli che svernano vicino al circolo polare si spostano nelle acque prive di ghiaccio dell Oceano Atlantico e del Mar Baltico, o in regioni dove durante tutto l inverno, il sole si fa vedere almeno per qualche ora al giorno. Tali specie includono, per esempio, strolaghe, cigni selvatici, urie, zigoli delle nevi e beccofrusoni. Allo stesso tempo, alcuni uccelli che svernano nell Africa del sud o nelle regioni tropicali dell Asia, raggiungono le loro destinazioni. Le specie seguenti passano l inverno in Polonia: zigolo delle nevi, zigolo di Lapponia, organetto, beccofrusone, peppola, tordo sassello, mugnaiaccio, poiana calzata, pesciaiola, orco marino, moretta codona, edredone, oca colombaccio, strolaga mezzana. A febbraio e marzo questi uccelli volano a nord. 6

7 8. La migrazione notturna Tra le specie migratrici europee solo ¼ volano prevalentemente di giorno, il restante ¾ copre almeno una parte della distanza durante la notte, anche se nessuna di loro vola solo di notte. Gli uccelli diurni normalmente fermano la loro attività al tramonto. Col buio, essi vedono peggio degli esseri umani dato che hanno molti meno recettori sensibili alla luce fioca. Comunque, la maggioranza dei migratori diurni coprono almeno parte della distanza durante la notte. Gli uccelli iniziano il loro volo circa minuti dopo il tramonto. Nell ora immediatamente successiva il loro passaggio aumenta. Intorno a mezzanotte il numero di uccelli in volo declina. A volte intorno alle 2 a.m. non ci sono più uccelli in volo, ma può anche accadere che il traffico aereo notturno si fermi soltanto due ore dopo l alba. Il volo notturno avviene ad elevate altezze da qualche centinaia a 2000 metri (altezza massima 7000 m) per i passeracei, mentre i charadriiformes viaggiano a circa metri sopra il livello del suolo. Ci sono diversi vantaggi a volare di notte: L aria notturna è più calma che di giorno, così gli uccelli possono volare usando meno energia ed è più facile mantenere la corretta direzione Il sole non riscalda, così la termoregolazione è più facile Non ci sono predatori in aria C è abbastanza tempo per cacciare durante il giorno Gli uccelli non possono vedere molto, ma volano molto in alto e così non incontrano ostacoli. Per mantenere la giusta direzione è sufficiente vedere l orizzonte e la posizione delle stelle. Molti uccelli migrano in notti nuvolose, con la luce della luna. Quando non si riesce a vedere neanche la luna e il cielo è coperto, il volo viene interrotto. I radar mostrano che gli uccelli possono perdere l orientamento quando né la luna né le stelle sono visibili. Le seguenti specie migrano durante il giorno: storno, rondine, fringuello, i Paridae, rapaci, cicogne. Il volo prevalentemente notturno viene scelto da: beccafichi, tordi, charadriiformes, quaglie, per esempio. Specie come rondoni, anatre, oche, cigni e gru possono migrare a qualsiasi ora del giorno e della notte. 9. Velocità della migrazione Durante la migrazione, gli uccelli volano con una velocità che garantisce la maggiore distanza con la minore spesa energetica possibile. E differente per ciascuna specie e può cambiare mentre gli uccelli perdono peso. La maggioranza dei migratori volano a velocità di circa km/h, alcuni charadriiformes raggiungono gli 80 km/h, e le pesanti anatre e le strolaghe km/h. Solo poche specie volano su grandi distanze senza fermarsi. Il loro tempo di migrazione corrisponde alla velocità del volo. Di solito, gli uccelli fanno fermate. Essi volano solo per poche ore al giorno o fanno fermate ogni dozzina o alcune dozzine di ore in posti adatti. In questo caso, il tempo di migrazione è misurato in chilometri percorsi ogni 24 ore. Piovanelli maggiori, pittime reali, pittime minori e pivieri orientali in autunno dalla Nuova Zelanda volano in Cina senza fermarsi per 7500 km in 100 ore (cioè oltre 5 giorni), percorrendo 1800 km in 24 ore. Piovanello maggiore, piovanello tridattilo, gambecchio e piovanello volano dall Africa alla Siberia in primavera: km/24 ore. Sterna codalunga dalla Groenlandia all Antartico 150 km/24 ore. Voltapietre, piovanello pancianera km/24 ore. Rondine dall Europa al Sud Africa circa 150 (massimo 310) km/24 ore. Pigliamosche dal Sud Africa alla Scandinavia in primavera 140 km/24 ore. Willow Warbler dalla Scandinavia all Africa in autunno circa 85 (massimo 196) km/24 ore. Cinciallegra lungo la costa baltica polacca in autunno circa 40 km/24 ore. Le specie che viaggiano su brevi distanze (fino a diverse centinaia di chilometri) o che migrano irregolarmente (non annualmente, per esempio, a causa della mancanza di cibo) percorrono, di solito, circa km/24 ore. Confrontando il volo di piovanelli maggiori, che possono percorrere oltre un migliaio di 7

8 chilometri in 24 ore, con il volo di cince, che volano 30 km al giorno, potrebbe sembrare che le seconde si stanchino di meno, soprattutto se si fermano per trovare del cibo. Non è così - né piovanello maggiore, né cincia si sovraffaticano, casomai è il contrario. Entrambe le specie volano in modo da non dover usare tutta l energia. Dobbiamo ricordare che gli uccelli seguono il modello innato evolutosi milioni di anni fa, specifico per ciascuna specie. L organismo del piovanello maggiore permette di percorrere centinaia di chilometri al giorno e di volare per pochi giorni senza fermarsi. Questo è un normale andamento della migrazione, garantisce la sopravvivenza della specie. 10. Barriere naturali Durante le migrazioni, gli uccelli a volte attraversano aree dove non possono fermasi o trovare cibo (mare, oceano, ghiacciaio, deserto, alte montagne). Essi provano ad affrontare tali barriere superandole senza fermarsi o facendo brevi fermate. Il Sahara costituisce una grande barriera naturale sulle rotte migratorie. Uccelli diversi usano strategie differenti: 1. volare lungo la riva dell oceano (gli uccelli predano lungo il cammino) 2. volare da oasi a oasi (gli uccelli predano lungo il cammino) 3. fermarsi nel pomeriggio, volando soprattutto di notte (niente predazione) 4. volare senza fermarsi (niente predazione) 5. volare lungo la valle del Nilo (gli uccelli predano lungo il cammino) Cattive condizioni ambientali anche in uno solo dei posti di fermata, in particolare lungo le rotte 1 e 2, può causare la morte degli uccelli migratori che non potranno mangiare né riposare. 11. Al termine delle migrazioni La data di fine migrazione può essere calcolata in molti modi diversi. L urgenza di migrare sparisce al termine del periodo per la migrazione, quando l uccello riconosce la destinazione grazie alle sue capacità di navigazione, o quando non c è più benzina per volare. All inizio, gli uccelli sono pieni di energia. Nel corso della migrazione, le riserve di grasso si consumano e l urgenza di viaggiare si affievolisce fino a sparire completamente. In questo periodo, l uccello dovrebbe raggiungere la propria destinazione. Se non ce la fa, probabilmente morirà. Prima del volo, il forapaglie ingrassa rapidamente, duplicando il proprio peso da circa 10 a 20 grammi. In autunno, vola senza fermarsi per 1600 chilometri (la sua velocità è di circa 40 km/ora) dall Inghilterra al sud della Spagna. In questo periodo, egli usa solo circa 4 grammi della sua riserva di grasso. Dopo una fermata, prosegue il viaggio sopra il Sahara per chilometri senza fermarsi, usando tutto il grasso e l acqua. Alla fine del viaggio, il forapaglie pesa 10 grammi o meno. Questa specie finisce la migrazione dopo aver sfruttato tutte le riserve energetiche immagazzinate nell organismo. Se una specie di uccello termina il viaggio autunnale senza riserve, non significa che sia esausto e non possa volare più perché non ha più la forza di muoversi. Significa che era perfettamente equipaggiato e aveva immagazzinato la quantità di benzina necessaria a coprire la distanza giusta per la sua specie non trasportava riserve inutili, infatti, ogni milligrammo richiede uno sforzo addizionale. In primavera, quando è necessario volare più velocemente, gli uccelli devono raggiungere le aree di riproduzione in buona forma. Non possono essere esausti o deboli dato che, nei giorni seguenti all arrivo, devono trovare buoni posti per costruire il nido. Il maschio dovrebbe proteggere il suo territorio di nidificazione dai rivali ed essere abbastanza attraente da attirare la femmina. La femmina deve deporre le uova (ricche di grassi e proteine) appena dopo il viaggio. Gli uccelli che raggiungono le loro aree di riproduzione in cattivo stato hanno più basse probabilità di riprodursi con e di avere una discendenza sana. 12. Le più antiche opinioni sulla migrazione degli uccelli Già migliaia di anni fa le persone avevano notato come gli uccelli apparissero e sparissero al cambio si stagione. Il fenomeno è menzionato nel Vecchio Testamento ( A.C.) e nelle opere di Aristotele ( A.C.). Le persone ancora non sapevano che gli 8

9 uccelli facessero viaggi regolarmente. Ancora 200 anni fa era un credo comune che gli uccelli facessero il letargo d inverno come alcuni mammiferi. Solo all inizio del ventesimo secolo la gente ha cominciato a scoprire le regolarità della biologia degli uccelli che si verificano probabilmente da milioni di anni. Il più versatile degli scienziati antichi Aristotele, il filosofo e naturalista greco notò che ogni autunno i codirossi scomparivano e i pettirossi apparivano per rimanere tutto l inverno. E che in primavera, i pettirossi sparivano e i codirossi riapparivano. Egli credeva che i codirossi si trasformavano in pettirossi in inverno. Entrambe le specie hanno habitat, dimensioni e sagome simili, ma differiscono nella colorazione. Aristotele fece un errore: in Grecia i codirossi non diventano pettirossi, sono le specie a scambiarsi il posto. I primi volano in Africa per l inverno e i secondi vengono dal nord Europa a trascorrere l inverno vicino al Mar Mediterraneo. Il primo grande naturalista non sapeva nulla delle migrazioni degli uccelli, anche se molte specie volano attraverso la Grecia ogni autunno. Aristotele sapeva che le gru andavano dall Anatolia alle paludi del Nilo in Egitto, ma egli pensava che cicogne, nibbi, tortore, allodole e rondini andassero in letargo. Per migliaia di anni la gente spiegò la sparizione invernale delle rondine in maniera fantasiosa. Essi osservavano grandi nubi di rondini migratrici volare verso i canneti per la notte, ma non le vedevano involarsi la mattina. Durante l inverno, quando tagliavano le canne (per le tettoie), capitava loro di trovare una rondine morta nel fango. Così cominciarono a credere che le rondini andassero in letargo nel fango in fondo ai lagni. Carolus Linnaeus, ( ), il grande botanico svedese, nonostante le sue conoscenze, non dubitò mai di questa spiegazione. L imperatore tedesco Federico II ( ) menzionò nel suo libro (la prima guida europea di ornitologia) la migrazioni di aironi e dei rapaci. Pierre Belon ( ), un naturalista e farmacista francese, nel 1555 dichiarò che nibbio reale, tortora, quaglia e rondine sono uccelli di passaggio. Johann Ferdinand Adam von Pernau ( ) nel 1702 scrisse (ed aveva ragione) che una qualche forza interna spinge gli uccelli a migrare al momento opportuno. Georges Leclerc de Buffon ( ) scrisse nel 1770 che le rondini sono uccelli migratori. Gilbert White, un botanico inglese vissuto alla fine del 18 secolo, osservava gli uccelli regolarmente. Egli affermò che le rondini e i balestrucci del suo villaggio e delle vicinanze volavano via in autunno, probabilmente verso regioni più calde. Egli sbagliò nel supporre che questi uccelli trascorressero l inverno in caverne o in fessure coperte, ma riconobbe l idea della migrazione. 13. L influenza dell attività umana sugli uccelli migratori La perdita dell habitat è la più importante e comune causa di estinzione degli uccelli nel mondo! Molte specie di uccelli trascorrono l inverno in aree poste a sud del Sahara. Queste specie risentono fortemente della siccità in questa regione. La mancanza d acqua distrugge la vegetazione e uccide gli insetti che costituiscono il cibo degli uccelli. Anche la sterpazzola sverna a sud dei confini del Sahara. Il numero degli uccelli che ritornano in Europa è diminuito drammaticamente. A causa della siccità, il cibo era insufficiente e ha causato anche la diminuzione della popolazione di topini. La siccità raggiunge nuove aree a sud del Sahara perché le restanti terre erbose vengono distrutte dall eccessivo pascolo. I metodi tradizionali di pastura delle tribù locali accrescono gli effetti della siccità. In questo modo le persone mettono a rischio anche la propria sopravvivenza in queste aree e stravolgono il ciclo della migrazione e dello svernamento degli uccelli. Le foci dei fiumi nelle isole britanniche sono di straordinaria importanza per i palmipedi. Sostengono moltitudini di tali specie in inverno (compresi, per esempio, il 20% di tutti i Charadriiformes che svernano nel nord-est, cioè la riva europea dell Atlantico). Le foci dei fiumi sono anche importanti aree di caccia per i Charadriiformes, che devono trovare cibo lungo la strada dal sud Europa all Africa occidentale. 9

10 Sfortunatamente, molte foci dei fiumi britanniche sono a rischio. Lo sviluppo industriale, l inquinamento, il comportamento dei turisti tutto ciò mette a rischio queste aree che sono di cruciale importanza per gli uccelli. Questi fattori possono ridurre le aree disponibili per la predazione in un momento molto importante del loro viaggio. Se le foci dei fiumi verranno ulteriormente trasformate, meno individui saranno in grado di sopravvivere all inverno. Danni deliberati Nei secoli passati, il flusso di piccoli uccelli che migravano verso nord ogni primavera portava un cambiamento positivo nella dieta della popolazione povera e malnutrita dei paesi intono al Mediterraneo. La gente cacciava tutti gli uccelli in centinaia di modi. Adesso la fame e la malnutrizione non sono più un problema in queste regioni, ma si continuano ad uccidere gli uccelli migratori. Vengono venduti come cibo o cacciati per piacere. Milioni di passeracei vengono cacciati e uccisi ogni anno dai cacciatori di Malta, Sicilia e altre parti dell Italia, Spagna, Francia o Cipro. 10

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Ho voluto scrivere su questo argomento poiché in base ai dati in nostro possesso si può ben vedere come il clima sia cambiato negli ultimi 50 anni ma resta

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania.

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania. LQuesto orologio indica con il terminale più corto della lancetta dei secondi, il livello di ricezione e il risultato di ricezione. Lancetta dei secondi Lancetta dei minuti Lancetta delle ore Pulsante

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com Manuale sull illuminazione UV La corretta illuminazione dei terrari è importante per il benessere degli animali da terrario e per il successo dell allevamento. In ciò rivestono particolare importanza determinate

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI

ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI Elementi di riflessione per capire meglio qual è il nostro rapporto con gli altri umani e tutti gli altri esseri viventi DEFINIZIONE DI ETICA Il termine deriva dal

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso T-TOUCH II Istruzioni per l'uso Ringraziamenti Ci congratuliamo con Lei per aver scelto un orologio TISSOT, una delle marche svizzere più prestigiose al mondo. Il Suo orologio T-TOUCH beneficia di tutte

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli