REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA"

Transcript

1 REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA Art. 1 Disposizione generale 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento del Servizio volontario di Vigilanza ecologica istituito presso la Comunità Montana Alta Valtellina, ai sensi della Legge regionale 28 febbraio 2005, n Il Servizio è istituito allo scopo di favorire la formazione di una coscienza civica di rispetto e di interesse per la natura ed il territorio dell Alta Valtellina, da attuarsi mediante le seguenti attività: a. Promuovere la conoscenza della natura e favorire la tutela ambientale, anche mediante la realizzazione di attività didattiche presso le scuole; b. Vigilare sull ambiente e sulle sue componenti con particolare attenzione alla Riserva naturale del Paluaccio di Oga e dei siti della Rete Natura con attività di prevenzione e segnalazione, nonché di accertamento di fatti e comportamenti sanzionati dalla vigente normativa in materia ambientale, quale individuata dall elenco di cui all art. 1 del D.p.g.r. Lombardia n del e da eventuali aggiornamenti dello stesso; c. Collaborare con le autorità competenti per la raccolta di dati e informazioni sull ambiente ed in attività di monitoraggio ambientale; d. Collaborare con le autorità competenti per operazioni di soccorso in caso di emergenza o di disastri di carattere ecologico. 3. Il Servizio è prestato da volontari in possesso dei requisiti di cui al successivo art. 3, in forma personale e gratuita, salvo il rimborso di spese effettivamente sostenute e preventivamente autorizzate, e non dà luogo alla costituzione di rapporti di lavoro. Art. 2 Struttura organizzativa 1. La sede del Servizio è presso gli Uffici della Comunità Montana Alta Valtellina. 2. L Ente può individuare eventuali sedi staccate secondarie, nonché, in accordo con i Comuni o con l Ente Parco Nazionale dello Stelvio, eventuali locali in proprietà o in uso agli stessi ove effettuare le riunioni. 3. Il Responsabile del Servizio, cui sono attribuite le funzioni di legge e di cui al successivo art. 8, è individuato nel Responsabile dell Ufficio Territorio Ambiente e Protezione civile della Comunità Montana. Egli nomina un delegato tra i dipendenti dell Ente stesso, con funzioni vicarie in caso di assenza o impedimento del Responsabile. 4. Il Responsabile del Servizio può nominare un Coordinatore interno del Servizio tra i componenti delle Guardie Ecologiche Volontarie, cui sono attribuite le funzioni di supporto di cui al successivo art. 9. In assenza di nomina del Coordinatore le sue funzioni sono esercitate direttamente dal Responsabile del Servizio o suo delegato. 1

2 Art. 3 Modalità di accesso 1. Al servizio possono accedere i cittadini italiani o di uno stato membro dell Unione europea purché maggiorenni, che godono dei diritti civili e politici, in possesso di diploma di scuola dell obbligo, che non abbiano subito condanne penali divenute definitive e che non abbiano procedimenti penali pendenti, nonché in possesso dei necessari requisiti fisici, tecnici e morali che li rendono idonei al servizio. 2. Gli interessati devono inoltre frequentare obbligatoriamente un corso di formazione conforme alle direttive regionali in materia e superare l esame teorico-pratico davanti all apposita commissione regionale. Ottenuta l idoneità regionale, gli aspiranti G.E.V. devono presentare alla Comunità Montana la documentazione necessaria alla nomina prefettizia a Guardia particolare giurata volontaria, ai sensi del Testo unico in materia di P.S.. La Comunità Montana presenta quindi la relativa istanza al Prefetto. Ottenuta la nomina i volontari devono accettarla per iscritto. 3. L incarico di Guardia Ecologica Volontaria è assegnato con decreto del Presidente della Comunità Montana Alta Valtellina. All atto di assegnazione dell incarico viene consegnata alla Guardia ecologica una copia del presente regolamento, previa sottoscrizione di apposita ricevuta in segno di piena accettazione ed impegno all osservanza delle disposizioni in esso contenute. 4. La Guardia ecologica è ammessa all esercizio delle sue funzioni dopo aver prestato giuramento davanti al Sindaco del Comune di residenza o ad un suo delegato, ai sensi dell art. 231 del D. Lgs. n. 51/1998. Art. 4 Funzioni e doveri delle Guardie Ecologiche Volontarie 1. Le G.E.V. oltre al rispetto di quanto previsto dalla vigente normativa in materia di Pubblica sicurezza, devono: Assicurare almeno 14 (quattordici) ore di servizio mensile, in base alle proprie attitudini personali, dando comunicazione al Coordinatore del Servizio della disponibilità di giornate e orari; Svolgere le proprie funzioni nei modi, orari e località indicate nell ordine di servizio firmato dal Responsabile o da suo delegato, fatti salvi interventi di urgenza disposti anche verbalmente dal Responsabile stesso; Operare con diligenza, prudenza e perizia, osservando gli obblighi derivanti dalla qualifica di pubblico ufficiale, dando comunque sempre precedenza all aspetto di prevenzione e di educazione e con atteggiamento collaborativo verso il Responsabile, il Coordinatore e le altre G.E.V.; Compilare in modo chiaro e completo i formulari ed i rapporti di servizio, facendoli pervenire all Ufficio entro 48 ore dallo svolgimento del servizio, nonché i riassunti mensili, facendoli pervenire entro il giorno 15 del mese successivo; Qualificarsi esibendo il tesserino personale e portando il distintivo; Evitare nel modo più assoluto la detenzione di armi durante il servizio; Osservare la massima diligenza nella custodia, uso e conservazione del vestiario, dei materiali, dei mezzi e delle attrezzature. Eventuali danneggiamenti, sottrazioni o smarrimenti devono essere immediatamente segnalati al Responsabile del servizio o al Coordinatore e, ove il caso lo richieda, denunciati; 2

3 Partecipare alle attività formative e di aggiornamento, nonché alle riunioni periodiche; Rispettare il codice deontologico di cui al successivo art. 5. Art. 5 Codice deontologico delle Guardie Ecologiche Volontarie 1. La Guardia ecologica volontaria deve: a. Osservare strettamente il segreto d ufficio e mantenere un comportamento irreprensibile in pubblico, evitando discussioni sul servizio con estranei; b. Durante il servizio indossare correttamente il vestiario ed il distintivo assegnati, escludendone l uso al di fuori del servizio; c. Segnalare per iscritto al Responsabile del servizio ogni notizia o fondato sospetto che sia stato commesso un reato; d. Svolgere i propri compiti nel rispetto dei principi di correttezza, imparzialità, trasparenza, decoro e cortesia; e. Collaborare con gli altri volontari e partecipare attivamente alla vita del gruppo prendendo parte regolarmente alle riunioni; f. Agire senza fini di lucro diretto o indiretto e non accettare regali o favori; g. Avere cura della propria persona e dell aspetto esteriore quando si è in servizio, al fine di evitare giudizi negativi sull Amministrazione che si rappresenta; h. Anche nell ambito delle attività di accertamento rispettare sempre la proprietà privata e la privata dimora, salvo espresso e spontaneo consenso dell avente diritto; i. Non procedere a perquisizioni su persone, zaini, borse, bagagliai di auto o simili, a meno che non vi sia l espresso e spontaneo consenso della persona interessata; j. In nessun caso è ammesso qualificarsi come Guardia ecologica volontaria per scopi privati. Art. 6 Attività delle Guardie Ecologiche 1. L attività delle Guardie ecologiche viene svolta previa compilazione di ordine di servizio firmato dal Responsabile del Servizio o da suo delegato. 2. L attività di vigilanza e controllo del territorio viene svolta di norma da pattuglie di almeno n. 2 persone. 3. Le attività di promozione, informazione, educazione ambientale, ricerca ecc possono essere svolte anche da singole Guardie ecologiche. 4. Al termine di ciascun servizio le G.E.V. sono tenute a compilare un rapporto di servizio sull apposito modello. Nel caso di attività diversa dalla vigilanza il rapporto può essere sostituito da una relazione finale dell attività, redatta a cura del gruppo che l ha organizzata. 5. I rapporti di servizio, i verbali e i beni eventualmente sequestrati durante il servizio dovranno essere fatti pervenire, a cura delle G.E.V. coinvolte, al Coordinatore o al Responsabile del Servizio o a suo delegato, entro 48 ore dall effettuazione del servizio stesso. 6. Per gli scopi di servizio le G.E.V., tramite il Coordinatore, possono utilizzare la Casa della Riserva Naturale del Paluaccio di Oga, compatibilmente con altre previsioni di utilizzo della Comunità Montana. 3

4 Art. 7 Riunioni e corsi 1. Di norma le Guardie ecologiche si riuniscono periodicamente in orari di ufficio presso la sede, con convocazione a cura del Coordinatore, anche per gruppi di interesse, al fine di definire operativamente le attività. 2. Il Responsabile del servizio organizza almeno 4 volte all anno degli incontri generali al fine di informare ed aggiornare i volontari, discutere di programmazione della attività e di problematiche di organizzazione del servizio ed altre eventuali necessità. 3. Il Responsabile del Servizio, al fine di agevolare una sempre maggiore conoscenza dei valori e della legislazione ambientale, favorisce la partecipazione delle Guardie ecologiche volontarie a corsi di aggiornamento, stages ed altre iniziative in materia ambientale. Art. 8 Responsabile del Servizio 1. Il Responsabile del servizio di cui al precedente art. 2 provvede: a. A verificare e vigilare sul buon andamento del servizio, adottando o proponendo gli eventuali provvedimenti disciplinari di cui al successivo art. 14; b. A convocare almeno 4 volte all anno le guardie ecologiche, fornendo ad esse tutti gli elementi conoscitivi sugli atti amministrativi, i programmi, i piani e le iniziative che interessano l attività da svolgere nel territorio di competenza; c. A proporre annualmente alla Giunta esecutiva i programmi di lavoro, sentite le Guardie ecologiche; d. A predisporre, con il supporto del Coordinatore, gli ordini di servizio, indicando le zone in cui deve essere espletato, le modalità e la durata e contemperando la disponibilità delle guardie con le esigenze del servizio; e. A curare la distribuzione delle dotazioni personali vigilando sul corretto uso e sulla manutenzione dei mezzi collettivi destinati al servizio; f. A ricevere i rapporti di servizio, le segnalazioni e i verbali redatti dalla Guardie ecologiche e seguirne l iter successivo; g. A comunicare alla competente struttura regionale la denuncia di eventi dannosi ai sensi della L. n. 266/1991; h. A richiedere entro le previste scadenze il rinnovo della nomina a guardia giurata e dei tesserini personali; i. A predisporre il rendiconto annuale dei fondi, da trasmettere alla Regione entro la fine del mese di marzo dell anno successivo, unitamente alla relazione sull attività svolta nonché al programma annuale delle attività; j. A proporre alla Giunta esecutiva l attivazione di eventuali collaborazioni con altri Enti, ed in particolare con il Consorzio del Parco Nazionale dello Stelvio, nei settori di competenza, previa intesa con gli stessi; k. A ogni altra funzione ad esso riferita in base alla L.r. n. 9/ Il Responsabile del servizio è anche responsabile dei procedimenti relativi al Servizio G.E.V. Art. 9 Coordinatore interno del Servizio 1. Il Coordinatore interno del servizio di cui al precedente art. 2 svolge i seguenti compiti di supporto al Responsabile del Servizio: 4

5 a. Collabora nella predisposizione del programma annuale degli interventi e nella rendicontazione delle attività; b. Cura lo svolgimento delle attività secondo il programma annuale, i turni di servizio, la predisposizione della modulistica e l organizzazione delle riunioni operative; c. Cura il coordinamento con la Polizia locale e con il personale del Parco dello Stelvio e di altri enti interessati da collaborazioni con le GEV; d. Organizza e predispone i servizi delle Guardie mediante un piano mensile delle disponibilità e sottoponendo gli ordini di servizio alla firma del Responsabile; e. Riceve per conto del Responsabile i rapporti di servizio ed i verbali relativi a trasgressioni, supportandolo nell inoltro alle competenti autorità; f. Cura le dotazioni del Servizio, il relativo inventario e la tenuta degli atti in sede. Art. 10 Dotazioni del Servizio G.E.V. 1. Sono in dotazione al Servizio: Almeno n. 1 automezzo; Attrezzature e materiali vari necessari per le attività ed i servizi espletati. 2. Il materiale e le attrezzature in dotazione saranno inventariati in apposito registro presso l Ufficio. Nell uso le GEV ne saranno personalmente responsabili. Ogni impiego di materiale e attrezzature fuori sede deve essere autorizzato dal Responsabile del Servizio, da suo delegato o dal Coordinatore. Art. 11 Dotazioni delle Guardie 1. Ad ogni Guardia ecologica volontaria viene assegnata la seguente dotazione individuale: il tesserino personale di riconoscimento con fotografia, rilasciato dalla Regione Lombardia; il distintivo di Servizio volontario di vigilanza ecologica predisposto dalla Regione Lombardia ed approvato dal Prefetto; Il vestiario conforme alle disposizioni regionali. Si precisa che lo stesso ha il solo scopo di identificare e caratterizzare il ruolo di G.E.V. e che non assume le caratteristiche di divisa o di uniforme ai sensi di legge. 2. Alla consegna della dotazione viene redatto apposito verbale. Durante il servizio le Guardie dovranno sempre avere il tesserino di riconoscimento e tenere in vista il distintivo. 3. E fatto divieto di utilizzare le dotazioni al di fuori dell espletamento del servizio. 4. Alla cessazione della nomina a Guardia Ecologica Volontaria l interessato è tenuto alla riconsegna del tesserino, del distintivo, del vestiario e di quant altro assegnato. Art. 12 Uso degli automezzi in dotazione al Servizio 1. L uso degli automezzi in dotazione è consentito esclusivamente per motivi di servizio, disposti con ordine di servizio. Salvo specifica autorizzazione del Responsabile di Servizio, da rilasciare solo per motivi eccezionali, è vietato trasportare persone estranee sui suddetti automezzi. 5

6 2. Ad ogni utilizzo di un automezzo in dotazione dovrà essere compilato apposito foglio di viaggio, nel quale dovranno essere indicati i dati relativi al l utilizzo ed eventuali segnalazioni di necessità manutentive o quant altro possa interessare l efficienza del mezzo. I fogli di viaggio verranno mensilmente consegnati al Responsabile di Servizio da parte del Coordinatore. 3. Al termine del servizio l automezzo dovrà essere ricoverato presso il garage convenzionato, fatte salve specifiche esigenze di servizio preventivamente autorizzate dal Responsabile del Servizio. 4. La manutenzione ordinaria e straordinaria verrà effettuata su disposizione del Responsabile di Servizio presso le ditte convenzionate con la Comunità Montana. Il rifornimento di carburante verrà effettuato presso i distributori convenzionati con la Comunità Montana. Art. 13 Spese di viaggio, trasferte e varie 1. Per esigenze di servizio le Guardie Ecologiche possono essere autorizzate dal Responsabile di Servizio all uso dell automezzo privato, non usufruendo di alcun rimborso. In tal caso la Comunità Montana è comunque sollevata da ogni responsabilità per qualsiasi danno conseguente. 2. Il Responsabile di Servizio può altresì autorizzare servizi il cui espletamento comporti spese vive, che verranno rimborsate dietro presentazione di idonea documentazione e previa valutazione di congruità ed effettiva necessità effettuata dal Responsabile stesso. Art. 14 Provvedimenti disciplinari 1. Compete al Responsabile di servizio l adozione dei seguenti provvedimenti disciplinari che si rendessero necessari a seguito di inosservanza dei doveri previsti per le Guardie ecologiche volontarie dalla vigente normativa di riferimento e dal presente regolamento: Richiamo verbale: ammonimento in caso di lievi mancanze non abituali, o omissioni di lieve entità causate da negligenza; Censura scritta: in caso di reiterazione di richiami verbali, negligenze in servizio, comportamento scorretto, inosservanza del codice deontologico, utilizzo delle dotazioni al di fuori del servizio, mancato rispetto di norme per le quali si ha competenza di controllo. La censura è formulata mediante lettera del Responsabile che viene inserita nel fascicolo matricolare. Sospensione temporanea dal servizio: consiste nell allontanamento dal servizio per un periodo massimo di mesi sei e comporta il ritiro temporaneo della tessera di riconoscimento e del distintivo, con comunicazione alla Prefettura e decadenza automatica degli incarichi in atto. La sospensione è disposta dal Presidente della Comunità Montana su proposta del Responsabile del servizio in caso di violazione di particolare gravità delle disposizioni di legge o di regolamento, reiterazione di comportamenti che abbiano già dato luogo a censura scritta, inosservanza dei doveri d ufficio, abuso di autorità, comportamenti vessatori verso i colleghi, gravi irregolarità nel servizio, uso non terapeutico di sostanze stupefacenti, abuso di sostanze alcoliche, espressione durante il servizio di opinioni lesive della dignità delle istituzioni o persone, o comunque sconvenienti per il decoro della funzione esercitata; 6

7 Sospensione cautelativa dal servizio: viene disposta dal Presidente della Comunità Montana su proposta del Responsabile del servizio, nel caso in cui la Guardia ecologica sia sottoposta a procedimento penale che preveda una pena superiore a tre anni, sino alla definizione del procedimento. Comporta il ritiro temporaneo della tessera di riconoscimento, del distintivo e del vestiario; Revoca della nomina a Guardia Ecologica si ha nei casi di: condanna penale definitiva per reati non colposi, perdita dei requisiti previsti nel decreto prefettizio di nomina o qualora venga a mancare uno dei requisiti di cui al precedente art. 3, mancanze di particolare gravità, detenzione di armi durante il servizio, condotta riprovevole o reiterazione di infrazioni per le quali è prevista la sospensione temporanea. La revoca è disposta dal Presidente su proposta del Responsabile del servizio e comporta il ritiro definitivo di tutte le dotazioni. 2. La sospensione temporanea e cautelativa e la revoca sono applicate con provvedimento motivato del Presidente della Comunità Montana, su proposta del Responsabile del servizio, previa contestazione all interessato entro 30 giorni dalla conoscenza del fatto, con la previsione di un termine non inferiore a quindici giorni per far pervenire scritti difensivi o per chiedere di essere personalmente sentito. 3. Nel caso in cui siano valutate in senso favorevole le controdeduzioni dell interessato si procede all archiviazione. In caso contrario, o comunque trascorsi 20 giorni dalla contestazione senza riscontro da parte dell interessato, il Responsabile del servizio inoltra al Presidente la proposta di provvedimento. 4. Le sanzioni disciplinari, ad esclusione del richiamo verbale, sono iscritte nel fascicolo personale della Guardia ecologica volontaria. 5. Le sospensioni e la revoca sono immediatamente comunicate al Prefetto competente ed alla Regione. Art Dimissioni volontarie e congedo 1. In caso di dimissioni volontarie dalla nomina a Guardia ecologica volontaria l interessato deve darne comunicazione scritta al Responsabile del servizio. La comunicazione delle dimissioni non ha vincoli di preavviso o forme particolari, essa deve essere resa in modo esplicito ed ha effetto irrevocabile dal momento della presentazione. 2. La Guardia ecologica volontaria non più idonea al servizio per mancanza dei requisiti fisici è congedata dal servizio. Essa perde la qualifica di guardia giurata e di pubblico ufficiale ma può svolgere servizio onorario di cui al successivo art. 16, qualora abbia raggiunto i 10 anni di servizio continuativo, e partecipare ad attività educative o manifestazioni in rappresentanza delle guardie ecologiche volontarie. 3. All atto della dimissione o del congedo l interessato riconsegna il vestiario, la tessera di riconoscimento, il distintivo ed ogni altro materiale avuto in consegna o in uso. 7

8 Art. 16 Guardie ecologiche onorarie 1. Le guardie ecologiche che abbiano effettuato il servizio con continuità per la durata di almeno 10 anni possono rinunciare allo svolgimento del servizio e richiedere per iscritto all Ente l iscrizione nell elenco delle Guardie ecologiche onorarie. 2. Le Guardie ecologiche onorarie offrono la propria collaborazione in attività di informazione e di raccolta dati e informazioni relativi all ambiente e monitoraggio ambientale. Esse inoltre possono partecipare alle riunioni e, su richiesta del Responsabile di servizio, ad attività di rappresentanza. 3. Il Responsabile del servizio assicura il coordinato svolgimento delle attività delle Guardie ecologiche volontarie e delle Guardie ecologiche onorarie. Art. 17 Copertura assicurativa 1. La Regione garantisce alle Guardie ecologiche la copertura contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento del servizio, nonché per la responsabilità civile verso terzi e per l uso dei mezzi di servizio. 2. Ciascuna Guardia ecologica accetta la suddetta copertura assicurativa stipulata dalla Regione e, accettando l incarico, rinuncia ad ogni azione di rivalsa e di risarcimento danni nei confronti della Comunità montana Alta Valtellina. 3. La Guardia ecologica, all atto dell entrata in servizio, esenta la Comunità Montana da qualsiasi responsabilità per danni a persone o cose che essa dovesse arrecare per dolo o negligenza nell esercizio delle proprie funzioni. 4. La Guardia ecologica disponibile all uso di mezzi propri solleva l ente da qualsiasi responsabilità derivante dall uso dei mezzi stessi. Art. 18 Disposizioni finali 1. Le funzioni svolte dalle Guardie ecologiche non danno titolo ad alcuna forma di retribuzione e, per quanto attiene all attività disciplinata dal presente regolamento, la qualifica di Guardia ecologica non presuppone, non si qualifica e non costituisce, a nessun titolo, forma di rapporto di lavoro subordinato, autonomo o di contenuto patrimoniale con la Comunità Montana Alta Valtellina. 2. In relazione a quanto non disciplinato dal presente regolamento si fa riferimento alle disposizioni di legge statali e regionali vigenti. 3. Copia del presente regolamento viene consegnata a ciascuna Guardia ecologica volontaria, che sottoscriverà apposita ricevuta in segno di piena accettazione ed impegno all osservanza delle disposizioni in esso contenute. 8

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO. Sommario

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO. Sommario GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO Sommario Art. 1 - Organizzazione del Servizio Art. 2 - Disposizioni Generali Art. 3 - Finalità del Servizio Art. 4 - Modalità di Accesso Art. 5 - Funzioni

Dettagli

PARCO MONTE BARRO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA

PARCO MONTE BARRO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA PARCO MONTE BARRO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA parere della Comunità del Parco: delibera n. 11 del 21 marzo 2012 approvazione del Consiglio di Gestione: delibera n. 15 del

Dettagli

"Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica"..

Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica.. LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, N. 9 "Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica".. (BURL n. 9, 1º suppl. ord. del 01 Marzo 2005 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2005-02-28;9 Art.

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009 4º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 228 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA.

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 25 del 1 settembre 2006 IL

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.).

LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.). LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.). Art. 1. Finalità del servizio volontario di vigilanza

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BORGOSATOLLO provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE approvato con D.C.C. n. 26 del 19/6/2006 ART. 1 E costituito presso la sede municipale, il gruppo comunale

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE COMUNE DI MUSILE DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA Piazza XVII Giugno, 1-30024 Musile di Piave tel. 0421/5921 fax 0421/52385 MUSILE di PIAVE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI BOVEZZO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BOVEZZO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Bovezzo Aprile 2004 COMUNE DI BOVEZZO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ART.1 E costituito presso la

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE PARCO DELLE PINETA DI APPIANO GENTILE E TRADATE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA

ENTE PARCO REGIONALE PARCO DELLE PINETA DI APPIANO GENTILE E TRADATE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA ENTE PARCO REGIONALE PARCO DELLE PINETA DI APPIANO GENTILE E TRADATE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA ART. 1 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO L Ente Parco Regionale della Pineta di

Dettagli

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SERVIZIO NAZIONALE VIGILANZA AMBIENTALE ITTICO VENATORIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE DELLA L.I.P.U. Art. 1 L attività delle guardie

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 09 settembre

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 09 settembre REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione ) 1 1. FINALITÀ Il Comune di Giffoni Valle Piana, istituisce e coordina il Servizio di Volontariato

Dettagli

STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI

STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI Comune di Ariano nel Polesine Comune di Corbola Comune di Taglio di Po Provincia di Rovigo STATUTO GRUPPO INTERCOMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ISOLA DI ARIANO COMUNI DI

Dettagli

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE Approvato con Delibera Consiglio comunale n 24 del 25-06-2013 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA ART. 1 FINALITA L attività di vigilanza ittico-venatoria e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI DELEBIO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Allegato alla deliberazione consiliare n. 24 del 07.10.2010 Il Segretario Comunale Art. 1 E costituito presso

Dettagli

G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org

G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org presidenzageza@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO ART. 1 Direzione Nazionale E costituita la Direzione Nazionale delle (GEZA)

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AUSILIARIO VOLONTARIO - Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 01.03.2013 - Modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa.

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 30 in data 22.11.2002 Modificato Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 23.09.2013 ART. 1 E' costituito presso apposita sede comunale destinata

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO COMUNITA MONTANA ALTA UMBRIA BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO (Legge Regionale 22 febbraio 1994, n. 4 Istituzione

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Città di Giugliano incampania Provincia di Napoli Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Approvato con Delibera del Commissario Straordinario

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GUARDIA ECOLOGICA VOLONTARIA COMUNALE E DELLA FIGURA DI ISPETTORE AMBIENTALE COMUNALE (Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 40

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.C.

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.C. C O M U N E D I C O D O G N O ( Provincia di Lodi ) REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.C. Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 30 del 26 marzo

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 E costituito presso la sede municipale il gruppo comunale di volontari di protezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTANASO LOMBARDO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 28/09/2010) Articolo 1 E costituito

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE ARCI PESCA FISA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ED AMBIENTE FEDERATA ARCI CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE APPROVATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE ARCI PESCA FISA IN DATA 16/17 GIUGNO

Dettagli

Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile

Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile Iscritto nell elenco dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Regione Lombardia con decreto n 2514 del 06.02.2001 Iscritto nell elenco dei Gruppi Comunali

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA AMBIENTALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 30.04.2010 ART. 1 FINALITA Il COMUNE

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO

COMUNE DI TORINO DI SANGRO COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 1 ART. 1 Finalità ed ambito di applicazione

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.31 del 14 Maggio 2008 Articolo 1 È costituito, ai sensi della lettera c, punto,

Dettagli

Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Pagina 1 di 6

Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Pagina 1 di 6 Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Pagina 1 di 6 ART. 1 È costituito presso la sede municipale il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA. REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA

PROVINCIA DI RAVENNA. REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA Art.1 Principi generali 1. La Provincia di Ravenna, allo scopo di realizzare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE GUARDIE ITTICHE VOLONTARIE (GIV) DEL CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA VALLE D AOSTA.

REGOLAMENTO PER LE GUARDIE ITTICHE VOLONTARIE (GIV) DEL CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA VALLE D AOSTA. CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA -VALLE D AOSTA COMITÉ RÉGIONAL POUR LA PROTECTION, L EXPANSION ET LA PRATIQUE DE LA PÊCHE -VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO PER LE GUARDIE

Dettagli

COMUNE DI PORTO RECANATI Provincia di Macerata Ufficio Tecnico Serv. LL.PP. Protezione Civile

COMUNE DI PORTO RECANATI Provincia di Macerata Ufficio Tecnico Serv. LL.PP. Protezione Civile COMUNE DI PORTO RECANATI - UFFICIO TECNICO SERV. LL.PP. PROTEZIONE CIVILE 1 ART. 1 FINALITÀ Il Gruppo Volontari di Protezione Civile del Comune di Porto Recanati svolge e promuove attività di previsione,

Dettagli

Allegato C Regolamento volontari canile/gattile

Allegato C Regolamento volontari canile/gattile Allegato C Regolamento volontari canile/gattile REGOLAMENTO VOLONTARI CANILE/GATTILE OGGETTO ARTICOLO 1 Il presente Regolamento disciplina le procedure di accesso e le modalità di esercizio dell attività

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO, GESTIONE, RACCOLTA

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO VOLONTARIO NONNO VIGILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/04/2014 Pagina

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

L.R. 23 gennaio 1998, n. 7

L.R. 23 gennaio 1998, n. 7 L.R. 23 gennaio 1998, n. 7 Istituzione del servizio volontario di vigilanza ambientale. Art. 01 - Istituzione e finalità del Servizio Volontario di Vigilanza Ambientale 1. La Regione Toscana riconosce,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione consiliare n. 11 del 23-02-2007 SOMMARIO ART. 1 - Costituzione e denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Approvato con delibera C.P. n. 51 del 07/05/1998 Art.1 Servizio di vigilanza volontaria La Provincia di Arezzo

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO Approvazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 09 in data 22/02/2013 Pubblicazione Pubblicato all

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

Doc: REGGVV_006/QTXTSRCOLD/CAF pag. 1

Doc: REGGVV_006/QTXTSRCOLD/CAF pag. 1 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE FAUNISTICO-VENATORIE ED ITTICHE DELLA PROVINCIA DI TREVISO ART. 1 COSTITUZIONE 1. E' istituito il Coordinamento Provinciale delle Guardie Volontarie,

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO per la costituzione e il funzionamento del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Premariacco

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO COMUNE DI MARTELLAGO Provincia Di Venezia SALA OPERATIVA: Deposito Comunale - Via Roma N 79-30030 Martellago (VE) TEL / FAX: 041-5408314 E-MAIL: pc.marte@provincia.venezia.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8 Sezione Provinciale di Torino, Via Germagnano, 8 10156 Torino Tel-Fax: 011/2620397 mail: enpa_torino@yahoo.it REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8 QUALIFICA Art. 1) Alla qualifica

Dettagli

Comune di Tavazzano con Villavesco Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI

Comune di Tavazzano con Villavesco Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Comune di Tavazzano con Villavesco Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 61 del 22.12.2010 Articolo 1 Stato

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 66 del 26 luglio 1999 ARTICOLO 1 E costituito il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE

Dettagli

COMUNE DI FONTANELLA - Provincia di Bergamo -

COMUNE DI FONTANELLA - Provincia di Bergamo - Allegato alla deliberazione Consiglio comunale n. 4 dell 11.02.2012 Il Segretario Comunale COMUNE DI FONTANELLA - Provincia di Bergamo - REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VOLONTARIATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Articolo 1 - (costituzione) E costituito presso la sede Municipale del Comune di Ariano Irpino

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 40 DEL 27 LUGLIO 2005 1

Dettagli

COMUNE DI COSIO VALTELLINO (PROVINCIA DI SONDRIO) Regolamento comunale dei Volontari della Protezione Civile

COMUNE DI COSIO VALTELLINO (PROVINCIA DI SONDRIO) Regolamento comunale dei Volontari della Protezione Civile COMUNE DI COSIO VALTELLINO (PROVINCIA DI SONDRIO) Regolamento comunale dei Volontari della Protezione Civile Allegato alla deliberazione C.C. 35/2007 Comune di Cosio Valtellino Provincia di Sondrio REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.)

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.) Allegato alla Delibera n.02 del 18.07.2013 REGOLAMENTO NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.) Art. 1 Costituzione e Finalità Il presente regolamento è adottato

Dettagli

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE INDICE: ARTICOLO 1: ARTICOLO 2: ARTICOLO 3: ARTICOLO 4: ARTICOLO 5: ARTICOLO 6: ARTICOLO 7 : ARTICOLO

Dettagli

Associazione Nazionale

Associazione Nazionale Associazione Nazionale (e-) Decreti: Ministero dell Ambiente n. 1994 del 4/11/2003 Regione Sicilia n. 5 dell 8/01/2009 O.N.L.U.S. Sede regionale-provinciale: via del Paretaio n. 2 50064 Figline e Incisa

Dettagli

PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE Art. 1 Costituzione e finalità del Gruppo Comunale di Protezione Civile. Pag. 3 Art. 2 Criteri di iscrizione ed ammissione.pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 16 novembre 2005)

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 16 novembre 2005) REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE Relazione della IV Commissione permanente ASSETTO TERRITORIALE ED AMBIENTALE; URBANISTICA; ECOLOGIA; ACQUEDOTTI; LAVORI PUBBLICI; VIABILITA E TRASPORTI; CAVE E TORBIERE

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI CIVICI CENTALLO EVENTI

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI CIVICI CENTALLO EVENTI CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 39 DEL 27.05.2011 AD OGGETTO: ADOZIONE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI CIVICI CENTALLO EVENTI. REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI CIVICI CENTALLO EVENTI Art.

Dettagli

Regolamento di Servizio Guardie Ecologiche Volontarie

Regolamento di Servizio Guardie Ecologiche Volontarie Regolamento di Servizio Guardie Ecologiche Volontarie DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ente Organizzatore del Servizio Art. 3 Finalità del Servizio ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

ART. 1* (Denominazione e sede)

ART. 1* (Denominazione e sede) 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: A.V.P.C.Logistico/Gestionale VO.LO.GE-PAVIA assume la forma giuridica di associazione O.N.L.U.S. in ottemperanza al Decreto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3916 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBIERI, CARLUCCI Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE COMUNE DI CARPI (Provincia di Modena) REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE di VOLONTARIATO di PROTEZIONE CIVILE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 171 del 24/11/2011 Dichiarata immediatamente

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Testo approvato con delibera Consiliare n. 81 del 12.5.03 Art. 1 SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA 1. L'Amministrazione Provinciale di Firenze

Dettagli

Gruppo Comunale Volontari di Protezione civile Segrate (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 42 del 7/06//99)

Gruppo Comunale Volontari di Protezione civile Segrate (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 42 del 7/06//99) Gruppo Comunale Volontari di Protezione civile Segrate (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 42 del 7/06//99) art. 1 DENOMINAZIONE E costituito il Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE ART. 1 COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE E FINALITA Il Gruppo Comunale di volontariato di Protezione Civile del Comune

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO CIVICO In vigore dal 15 maggio 2012 REGOLAMENTO del SERVIZIO dei VOLONTARI CIVICI Articolo 1 - PRINCIPI GENERALI DEL SERVIZIO Il presente regolamento definisce le modalità

Dettagli

Regolamento della Consulta del Volontariato

Regolamento della Consulta del Volontariato Comune di Fucecchio Regolamenti Regolamento della Consulta del Volontariato Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.36 del 12 maggio 2010 Art. 1 Obiettivi...1 Art. 2 - Funzioni...2 Art. 3 - Competenze

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D.

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. COMUNE DI CARUGATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. DEL COMUNE DI CARUGATE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 62 DEL 25/07/2007 ART. 1 Il Comune di Carugate ha attivato,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 - COSTITUZIONE GRUPPO E' costituito il Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile del Comune di Castelleone denominato CASTRUM

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: assume la forma giuridica di

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO Approvato con deliberazione consiliare n. 28 del 31.07.2014 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE CANNOBIO. Regolamento volontari. Regolamento. a scuola. volontari a scuola

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE CANNOBIO. Regolamento volontari. Regolamento. a scuola. volontari a scuola ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE CANNOBIO Regolamento volontari a scuola Regolamento volontari a scuola REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER IL MIGLIORAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Art.1 Oggetto

Dettagli

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario (approvato con Delibera di Consiglio Comunale n [ ] del [ ]) Art. 1. Finalità 1. Il Comune di Afragola, in virtù proprie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003)

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003) REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003) Art. 1. Costituzione del Gruppo Comunale di Protezione Civile. E costituito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE Indice: Art./Capo Titolo Pagina I Disposizioni generali

Dettagli

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE . PROT 6 Pag 1/7 PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . PROT 6 Pag 2/7 PARTE

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

Comune di Casatenovo

Comune di Casatenovo Comune di Casatenovo (Provincia di Lecco) Piazza della Repubblica 7, 23880 Casatenovo, P.I. 00631280138 Tel. : 039-9235.1 / 9235.212 - Fax : 039-9207098 SETTORE AFFARI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli