NETBUK LINUX SERVER un'idea della Nabuk Family

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NETBUK LINUX SERVER un'idea della Nabuk Family"

Transcript

1 Alnath NETBUK LINUX SERVER un'idea della Nabuk Family Powered by Ubuntu Server Edition Versione pagina 1

2 Versione pagina 2

3 INDICE Pagina Prefazione... 4 Convenzioni... 4 Preparazione ed Installazione del sistema (Ubuntu X.xx i386 Server Edition)... 5 Note sull'editor di testo nano... 7 Login nel Sistema Operativo... 7 Configurazione interfaccia di rete (operazioni di controllo - non necessarie)... 8 Installazione del server openssh Configurazione del webserver Apache2 (operazioni di controllo - non necessarie) Configurazione SSL di Apache2 Soluzione Soluzione Installazione servizio no-ip Installazione e configurazione del server MySQL (operazioni di controllo - non necessarie) Installazione PHP (operazioni di controllo - non necessarie) Installazione e configurazione dei server mail Postfix e Dovecot Aggiungere utenti di posta elettronica (di sistema) Soluzione Soluzione Soluzione Installazione e configurazione interfaccia webmail: Squirrelmail Implementazione con database utenti in MySQL Passo 1: Configurazione di Dovecot Passo 2: Configurazione di Postfix Passo 3: Aggiungere utenti al database Suggerimenti Installazione e configurazione del server ftp proftpd Impostazioni personalizzate netbuk server Ringraziamenti Versione pagina 3

4 Prefazione Questa breve guida mostra come installare e configurare passo-passo alcune applicazioni server utilizzando la distribuzione GNU/Linux Ubuntu Server Edition in modalità testuale un server di rete degno di tale status non ha bisogno di interfacce grafiche in particolare ci si soffermerà sulla funzionalità LAMP (ovvero Linux Apache MySQL PHP Perl Python). Essendo una guida di carattere generale e redatta da un neofita del mondo open source, mi scuso anticipatamente per eventuali errori, imprecisioni ed omissioni; non vuole essere una sorta di testo definitivo ma una risposta alle molte domande e difficoltà incontrate da neofiti come il sottoscritto. Il documento è in perenne aggiornamento ed è resa disponibile a tutti secondo la licenza pubblica generale (GPL), modificabile, integrabile, traducibile in ogni lingua e stampabile infinite volte, indicando sempre l'autore o gli autori del progetto di base. Le informazioni qui contenute hanno il solo scopo didattico e divulgativo. L'autore declina ogni responsabilità circa l'uso delle tecniche descritte all'interno. I marchi e prodotti citati, se protetti da copyright, sono di proprietà dei loro rispettivi proprietari in Italia e nel resto del mondo. SI RACCOMANDA DI TENERE COLLEGATO IL PC AL MODEM-ROUTER E DI AVERE ATTIVA LA CONNESSIONE AD INTERNET DURANTE LA FASE D'INSTALLAZIONE DEL SISTEMA OPERATIVO IN MODO DI RECUPERARE AGEVOLMENTE PACCHETTI D'INSTALLAZIONE EVENTUALMENTE NON PRESENTI NEL CD D'INSTALLAZIONE STESSO. Convenzioni In questa guida saranno utilizzate le seguenti note: Nota interessante, tip, informazione tecnica. Cautela, potenziali problemi di configurazione. Attenzione, potenziali rischi sulla sicurezza del sistema. I nomi dei file ed i percorsi verranno visualizzati con caratteri a spaziatura singola, così come i comandi da digitare a riga di comando verranno visualizzati in questo modo: comando da digitare I tasti principali utilizzati saranno così visualizzati: [Ctrl] [Shift] [Alt] Pulsante Control Pulsante invio Pulsante Shift Pulsante Alternate La selezione di un'opzione viene visualizzata in questo modo: "Scelta opzione". Versione pagina 4

5 Preparazione ed Installazione del sistema (Ubuntu X.xx i386 Server Edition) Per poter installare la distribuzione Ubuntu Server Edition bisogna prima di tutto disporre di un pc le cui caratteristiche minime siano almeno le seguenti: Ram: 64 MegaBytes HDD: 500 MegaByte Detto questo, non è detto che il sistema non funzioni anche su macchine con requisiti tecnici inferiori, ma ci si potrebbe trovare in situazioni tali da avere un sistema non all'altezza delle proprie aspettative; lo spazio richiesto su disco (HDD) potrebbe aumentare, anche in modo considerevole, in funzione delle applicazioni e servizi da installare; essendo questo un profilo base per server, si consideri di utilizzare dischi di dimensioni maggiori. Una volta appurate le caratteristiche tecniche del pc adibito a server, bisogna avere a disposizione il CD d'installazione del sistema operativo in oggetto, scaricabile gratuitamente all'indirizzo Masterizzata la ISO su un CD vergine, passiamo alla fase d'installazione vera e propria. Verificare che nel Bios del pc sia abilitato il Boot da CD/DVD-Rom. Accendiamo il pc, inseriamo il CD fresco fresco di masterizzazione ed attendiamo che il sistema d'installazione venga inizializzato; leggiamo il testo visualizzato. Scegliamo la lingua di sistema utilizzata selezionando "Italiano"; premere per confermare l'opzione selezionata e successivamente premiamo il pulsante [F4] selezionando come modalità Installa sistema minimale - tanto ci verrà chiesto in seguito quale tipo di server installare... E' giunto il momento di procedere alla fase d'installazione vera e propria: spostatevi in basso con i tasti di direzione (frecce) fino a selezionare "Installa Ubuntu server" e premete ; quando richiesto, selezionate la nazione legata alla lingua (Italia) bypassando nel caso stiate installando la Ubuntu 9.04 server - la verifica del tipo di tastiera (basta selezionare qudella italiana) e premete ; l'installer controllerà il CD, il vostro hardware e, se presente, il server DHCP. Se il vostro sistema ha più di un'interfaccia di rete, selezionate quella principale personalmente ho scelto come principale quella della scheda madre e secondaria quella inserita nello slot PCI, anche se i relativi nomi (eth0, eth1) risultavano invertiti. Se non viene trovato un server DHCP in rete, bisognerà provvedere manualmente alla configurazione dell'interfaccia di rete inserendo indirizzo IP, subnet mask, indirizzo gateway e del server DNS; un esempio di configurazione potrebbe essere la seguente: Indirizzo IP: Subnet Mask: Gateway: Indirizzo-Ip-del-router (es.: ) Server DNS: Indirizzo-Ip-del-router (es.: ) Inseriamo, quando richiesto, il nome del nostro server, ad esempio MioServer (ricordo a tal proposito di fare attenzione alle maiuscole... ma questo dovreste già saperlo, cosa ve lo dico a fare...) premiamo e successivamente digitiamo il nome del dominio al quale appartiene il server: visto che stiamo installando un server della Grande Rete Nabuk, il dominio sarà netbuk.org premiamo e proseguiamo nell'installazione. Versione pagina 5

6 Provvediamo alla partizione dell'hdd ed alla sua formattazione - cancelliamo tranquillamente l'intero disco se il computer in oggetto svolge solo la funzione di server. Sistemiamo quando richiesto l'orologio di sistema. Personalmente, avendo inserito due HDD nel computer, ho provveduto al partizionamento manuale del disco secondario (sdb GB) in questo modo: - n 1: partizione primaria da 60 GB montata come /var/www - n 2: partizione primaria da 103,9 GB montata come /home Il disco principale (sda - 80 GB) è stato partizionato in automatico ed è risultato così composto: - n 1 primaria 79,1 GB f ext3 / - n 5 logica 2,9 GB f swap swap La procedura d'installazione ci chiederà d'inserire un utente, procediamo quindi alla sua creazione inserendo il nome completo dell'utente, nome per l'account (di login) e password (da inserire due volte)... stesso discorso di prima per le maiuscole/minuscole... Se non utilizzate un proxy lasciate vuoto il campo quando richiesto e premete per proseguire con la scelta del software da installare. Qui è possibile scegliere diverse configurazioni di sistema, anche contemporaneamente, ma noi andiamo con calma ed a piccoli passi, quindi attiviamo (con la barra spaziatrice) l'opzione LAMP e SSH premiamo. LAMP = per un webserver Linux Apache MySQL PHP Perl Python Il sistema provvederà a completare l'installazione dei pacchetti supplementari selezionati e non ci resta che attendere che tutte le operazioni siano eseguite, in particolare la scansione dei vari link via web dove risiedono i repository aggiornati. Non abbiamo ancora finito nelle configurazioni di base, fortunatamente, con questa versione di Ubuntu Server, ci viene richiesto di digitare una nuova password di root di MySQL e ci risparmiano l'onere di doverlo fare manualmente in fase di configurazione... ma cosa aspettate??? Inserite la password e premete [invio], ridigitatela per confermare quanto inserito e ri-premete per proseguire. Al termine verrà installato il boot-loader (GRUB) e sarà richiesto di rimuovere il CD dal lettore: rimuoviamolo e premiamo per effettuare il reboot del sistema. Complimenti, ora siete i felici possessori di un server Ubuntu!!! Non gioite prima del tempo: bisogna passare alla fase di configurazione. Quando editate un file di configurazione ricordate di fare molta attenzione a quanto digitate: le singole chiavi/valori sono nella quasi totalità dei casi case-sensitive! Ciò significa che se digitate ad esempio 'Maildir' anziché 'MailDir', sebbene la parola sia letteralmente la medesima, il sistema non risponderà nel modo nel quale ci si aspetti, con grande perdita di tempo nella ricerca dell'errore. Versione pagina 6

7 Note sull'editor di testo nano Prima di proseguire occorre accennare ad alcuni comandi dell'editor di testo (nano) che andremo ad utilizzare per modificare i files di configurazione. Innanzitutto l'editor di testo in questione viene lanciato mediante il comando sudo nano /percorso/filename (sudo serve nel caso in cui non siamo loggati come root) ed i comandi da digitare mezzo tastiera sono dati dall'unione del tasto [Ctrl] + una lettera e comunque sono visualizzati anche a video, per cui è molto difficile sbagliare. Login nel Sistema Operativo Poiché il sistema appena installato non dispone di una comoda e confortevole interfaccia grafica, bisogna rimboccarsi le maniche e configurare tutto a riga di comando non abbiate paura, non è poi così difficile come si possa pensare, questa guida passo-passo serve appunto per questo!!! Ma veniamo al dunque: appena effettuato il boot, il sistema attende il login da parte dell'utente ed allora cosa aspettiamo? Logghiamoci digitando NomeUtente PasswordUtente Non è necessario sbloccare l'account del super-utente (root, per chi non l'avesse capito...), quindi per proseguire nella fase di configurazione del server basta ricordarsi che per lanciare i comandi con privilegi amministrativi bisogna digitare sudo nomecomando, digitando successivamente la password del vostro utente e premendo. Per completezza di informazioni, l'account root viene attivato ed utilizzato la prima volta in questo modo digitando: sudo passwd root una volta digitato il comando ci verrà chiesto "Enter new UNIX password:", digitiamo quindi la PasswordDiRoot e successivamente confermiamo ridigitandola. (Ricordiamoci che bisogna premere il pulsante per proseguire nelle operazioni...) Non ci resta che assumere i privilegi di root digitando: su e successivamente, se richiesta, la PasswordDiRoot per loggarci nel sistema. Non per fare il guastafeste, ma abilitare il super-utente mi pare una grande boiata... però se proprio proprio non ne potete fare a meno... a vostro rischio e pericolo, ne vade comunque la sicurezza del vostro server. Versione pagina 7

8 Configurazione interfaccia di rete (operazioni di controllo non necessarie) La maggior parte delle configurazioni di rete, viene concentrato in un unico file, /etc/network/interfaces. Se si dispone di un unico dispositivo ethernet, questo sarà denominato eth0 ed il file di configurazione conterrà le seguenti informazioni, modificabili all'occorrenza attraverso l'editor nano come spiegato in precedenza. Controlliamo quindi il file digitando: sudo nano /etc/network/interfaces # This file describes the network interfaces available on your system # and how to activate them. For more information, see interfaces(5). # The loopback network interface auto lo iface lo inet loopback # The primary network interface auto eth0 iface eth0 inet static address netmask network broadcast gateway # dns-* options are implemented by the resolvconf package, if installed dns-nameserver dns-search netbuk.org Vediamo cosa significano queste informazioni: auto eth0 specifica che l'interfaccia ethernet 0 deve essere avviata in fase di boot iface eth0 inet static specifica che l'interfaccia (iface) eth0 deve avere uno spazio di indirizzi Ipv4 (inet) e che deve avere una configurazione statica (static) address x.x.x.x specifica l'indirizzo IP (versione 4) dell'interfaccia eth0 netmask x.x.x.x specifica la sottomaschera di rete dell'interfaccia eth0 network x.x.x.x specifica la classe ella rete gateway x.x.x.x specifica l'indirizzo IP (versione 4) del gateway di "uscita" verso Internet (router) dns-nameserver x.x.x.x specifica l'indirizzo IP (versione 4) del server dei nomi di dominio (router) Se le informazioni non sono corrette, apportate le modifiche del caso e salvate; in questo caso andrà riavviato il servizio dell'interfaccia ethernet digitando: sudo /etc/init.d/networking restart Poiché la configurazione è stata fatta manualmente, bisognerà anche dare una controllatina alla risoluzione dei nomi e dei server DNS inseriti nel file di configurazione /etc/resolv.conf e /etc/hosts. Cominciamo controllando il file /etc/resolv.conf digitando: sudo nano /etc/resolv.conf Versione pagina 8

9 nameserver domain netbuk.org Passiamo ora al file /etc/hosts digitando: sudo nano /etc/hosts localhost MioServer.netbuk.org MioServer # The following lines are desirable for IPv6 capable hosts ::1 ip6-localhost ip6-loopback fe00::0 ip6-localnet ff00::0 ip6-mcastprefix ff02::1 ip6-allnodes ff02::2 ip6-allrouters ff02::3 ip6-allhosts Se le informazioni non sono corrette, apportate le modifiche del caso e salvate; in questo caso andrà anche riavviato il servizio come indicato precedentemente. Passiamo ora al file /etc/hostname digitando: sudo nano /etc/hostname MioServer Se le informazioni non sono corrette, apportate le modifiche del caso e salvate; in questo caso andrà anche riavviato il servizio come indicato precedentemente. Controlliamo se le informarzioni inserite sono esatte digitando: hostname -f Il server dovrebbe rispondere con il proprio nome completo (FQDN); per fare la prova del nove digitiamo il comando: hostname Il server dovrebbe rispondere con il proprio nome. Nel caso in cui il server non restituisca i valori come sopra descritto, si spenga la macchina digitando sudo init 0. Riavviamo, logghiamoci nel sistema e controlliamo di nuovo con il comando sopra descritto; a questo punto dovrebbe essere tutto a posto. Per maggiori informazioni e specifiche riguardanti la configurazione della rete, fare riferimento alla guida reperibile online all'indirizzo: Versione pagina 9

10 INSTALLAZIONE DEL SERVER OPENSSH OpenSSH è una versione open-source della famiglia di protocolli e strumenti SSH (Secure Shell) per il controllo remoto di un computer o trasferimento di files tra computers. Gli strumenti tradizionali utilizzati per svolgere queste funzioni, come ad esempio telnet o rcp, sono insicuri poiché trasmettono la password dell'utente in chiaro. La componente server openssh, sshd, è continuamente in ascolto per eventuali richiesta di connessioni. Quando viene effettuata una richiesta di connessione, sshd istituisce il corretto collegamento a seconda del tipo di strumento client utilizzato. Se non è stata selezionata la voce SSH in fase d'installazione del sistema, il server OpenSSH è installabile mediante il comando: sudo apt-get install openssh-server xauth Il sistema risolverà automaticamente le dipendenze e ci informerà che alcune librerie saranno aggiornate ed una volta completata la fase d'installazione il server openssh si configurerà automaticamente. E' anche possibile selezionare tale pacchetto in fase d'installazione del sistema operativo stesso (si veda la nota a pagina 2). Bene, facciamo una copia di backup del file di configurazione di base e diamogli una stiratina digitando: sudo cp /etc/ssh/sshd_config /etc/ssh/sshd_config.originale sudo nano /etc/ssh/sshd_config Visto che vogliamo fare i preziosi, abbiamo la possibilità: di cambiare la porta sulla quale è in ascolto sshd; cerchiamo la direttiva Port e modifichiamo quella di default (22) in un altra a piacimento - ad esempio la 2222; concedere il login mediante credenziali a chiavi pubbliche, senza alcuna richiesta di password; disabilitare il login da root impostando a no la direttiva PermitRootLogin; abilitare e/o cambiare il banner di login contenuto nel file /etc/issue.net decommentando la direttiva Banner /etc/issue.net; Nel file di configurazione sono presenti molte opzioni di controllo che potrebbero, nel caso in cui l'accesso al vostro server avvenga da remoto mediante ssh e sia stato fatto un errore di configurazione, rendere inaccessibile il server stesso; si raccomanda quindi di prestare molta attenzione durante la modifica del file ssh_config da computer remoto. Una volta effettuate tutte le modifiche del caso riavviamo il server sshd digitando: sudo /etc/init.d/ssh restart Per ultimo, anche per completezza di informazioni date, se proprio proprio non digerite il fatto di dover digitare la password ogni qualvolta vi colleghiate al vostro server, si ha la possibilità, come indicato precedentemente, di effettuare Versione pagina 10

11 il login mediante credenziali pubbliche (SSH Key). L'autenticazione SSH utilizza due chiavi: una privata ed una pubblica, ma procediamo con ordine. Iniziamo con il generare le chiavi utilizzando DSA (Autenticazione Identità Utente); da notare che durante tale processo ci verrà richiesta la digitazione della password; inseriamola per proseguire nella generazione. Digitiamo quindi: sudo ssh-keygen -t dsa Di default le chiavi pubbliche generate sono memorizzate nella directory ~/.ssh/ e le chiavi sono così nominate: id_dsa la chiave privata id_dsa.pub la chiave pubblica Il carattere ~ si ottiene premendo [Alt] Non ci resta che copiare il file contenente la chiave pubblica nel computer remoto ed 'appenderlo' nel file ~/.ssh/authorized_keys2 mediante il comando: sudo cat id_dsa.pub >>.ssh/authorized_keys2 Diamo una stiratina ai permessi di lettura/scrittura al file authorized_keys2 (solo l'utente autenticato deve accedervi) ed il gioco è fatto; digitiamo quindi: sudo chmod 644.ssh/authorized_keys2 Per quanto mi riguarda, nel mio piccolo, mi sono limitato all'installazione del server SSH ed alla modifica del banner e della porta, lasciando tutto il resto così com'era. Vi chiederete: perché installare subito questo servizio? Semplicemente perché grazie a openssh si può finire di configurare il server da remoto, magari comodamente seduti sul divano (come nel mio caso)... Per collegarci da remoto al nostro server non ci serve altro che un programma che supporti tale protocollo, come ad esempio Putty (per i sistemi Windows ), inserire l'indirizzo e porta alla quale risponde il nostro server e premere [Connetti]. Et voilà... una bella shell a riga di comando dalla quale amministrare in tutta sicurezza il vostro server tranquillamente dalla poltrona del salotto (non in ufficio, mi raccomando, non siete pagati per farvi gli affari vostri...) Per maggiori informazioni e specifiche riguardanti la configurazione del server SSH, fare riferimento alla guida reperibile on-line all'indirizzo: https://help.ubuntu.com/8.04/serverguide/c/openssh-server.html Versione pagina 11

12 Configurazione del webserver Apache2 (operazioni di controllo non necessarie) Apache è il webserver maggiormente utilizzato nei sistemi Linux e, nella fattispecie, nel nostro server è stato installato Apache 2 in combinazione con il motore database MySQL, il linguaggio di pre-processamento dell'ipertesto PHP, Perl e Python (configurazione LAMP, appunto...). Se comunque abbiamo la necessità di dover installare questo servizio, inseriamo il CD-Rom del sistema operativo e digitiamo il seguente comando con privilegi di root: sudo apt-get install apache2 Il file di configurazione principale del server web è, di default, /etc/apache2/apache2.conf. Digitiamo dunque: sudo nano /etc/apache2/apache2.conf Il file dovrebbe contenere molte informazioni, ma noi ci soffermeremo solamente su alcune di esse, e precisamente: Timeout 120 KeepAlive On User www-data Group www-data Include /etc/apache2/httpd.conf Include /etc/apache2/ports.conf Include /etc/apache2/conf.d/[^.#] Attenzione, non impostare mai la direttiva User a Root a meno che non sia estremamente necessario. Questo può creare una falla di sicurezza del webserver. Se le informazioni non sono corrette, apportate le modifiche del caso e salvate; in questo caso andrà anche riavviato il servizio digitando: sudo /etc/init.d/apache2 restart Passiamo ora al file di configurazione ports.conf per controllare che il nostro webserver sia in ascolto sulla porta 80 (oppure 443 per l'https) digitando: sudo nano /etc/apache2/ports.conf Sul monitor compariranno le seguenti informazioni: NameVirtualHost *:80 Listen 80 <IfModule mod_ssl.c> Listen 443 </IfModule> Versione pagina 12

13 Se le informazioni non sono corrette, apportate le modifiche del caso e salvate. Passiamo al file di configurazione 000-default per controllare dove risiede la cartella di destinazione del sito web nel nostro webserver digitando il comando: sudo nano /etc/apache2/sites-enabled/000-default Controlliamo che il file di configurazione assomigli a qualcosa del genere: # Nelle versioni precedenti alla 9.04 la riga sottostante era decommentata #NameVirtualHost *:80 <VirtualHost *:80> ServerAdmin DocumentRoot /var/www <Directory /> Options FollowSymLinks AllowOverride None </Directory> <Directory /var/www> Options Indexes FollowSymLinks MultiViews AllowOverride None Order allow,deny allow from all </Directory> ScriptAlias /cgi-bin/ /usr/lib/cgi-bin/ <Directory "/usr/lib/cgi-bin"> AllowOverride None Options +ExecCGI -MultiViews +SymLinksIfOwnerMatch Order allow,deny Allow from all </Directory> ErrorLog /var/log/apache2/error.log # Possible values include: debug, info, notice, warn, error, crit, # alert, emerg. LogLevel warn CustomLog /var/log/apache2/access.log combined ServerSignature On Alias /doc/ "/usr/share/doc/" <Directory "/usr/share/doc/"> Options Indexes MultiViews FollowSymLinks AllowOverride None Order deny,allow Deny from all Allow from / ::1/128 </Directory> </VirtualHost> Versione pagina 13

14 Se le informazioni non sono corrette, apportate le modifiche del caso e salvate; riavviamo il server apache per fargli acquisire le nuove impostazioni come descritto precedentemente e controlliamo che funzioni a dovere digitando: telnet MioServer 80 Proviamo anche così: telnet MioServer.netbuk.org 80 Se tutto è andato a buon fine, il sistema dovrebbe rispondere in questo modo: Trying Connected to MioServer.netbuk.org. Escape character is '^]'. Digitiamo quit per uscire (potrebbe essere necessario nel caso del collegamento sulla porta 443 di dover digitare anche exit) ed ora possiamo inserire i files che comporranno il nostro sito web nella directory /var/www così come indicato nel file 000-default. Se volete che il server sia raggiungibile tramite il protocollo http anche via internet ricordatevi di effettuare il portforwarding sul router della porta 80 (TCP) verso l'indirizzo ip del server in oggetto (potrebbe anche interessarvi la 443 TCP per il servizio protetto https). Personalmente ho caricato in questa directory il CMS e107 ma ciò non significa che non sia possibile inserirvi un proprio sito creato ad hoc. Se avete intenzione di utilizzare un CMS che faccia uso del servizio Php, si raccomanda di configurare tale server si veda il paragrafo dedicato prima di procedere al suo utilizzo. Se uploadate manualmente i file ricordatevi di settare i giusti permessi: chmod 755 alle cartelle chmod 644 ai files Per maggiori informazioni e specifiche riguardanti la configurazione del webserver Apache2, fare riferimento alla guida reperibile on-line all'indirizzo: Versione pagina 14

15 Configurazione SSL di Apache2 Prima di cominciare bisogna sapere che i dati tra client e server vengono inviati in chiaro, quindi senza alcun meccanismo di protezione dall'essere letto ed interpretato da chiunque si trovi nel mezzo. SSL è un protocollo che fornisce il supporto necessario alla cifratura proteggendo i dati in transito e garantendo l'identità del server. L'implementazione SSL si basa sui concetti di crittografia RSA a chiave pubblica e privata (CSR - certificate-signing request) e di certicati X.509 per mezzo dei quali si garantisce l'identità del server (quindi il certificato include i dati del nostro server e la chiave pubblica, il tutto rilasciato da una certification authority, CA universalmente riconosciuta). Le azioni da effettuare saranno quelle di generazione di un certificato auto-firmato (self-signed certificate) e la configurazione del mod_ssl di apache2, non è un'operazione strettamente necessaria e, se il vostro server non necessita di una connessione sicura, potete tralasciare le righe sottostanti. (Soluzione 1) Cominciamo prima di tutto con l'installare OpenSSL e con il generare la nostra chiave privata RSA lunga 1024 bit utilizzando l'algoritmo Triple DES dalla quale verrà poi ricavata la chiave pubblica: sudo apt-get install openssl cd /etc/apache2 sudo openssl genrsa -des3 -out server.key 1024 In fase di creazione della chiave ci verrà imposto la scelta di una pass-phrase che dovremo digitare tutte le volte che useremo la chiave privata; per ragioni di sicurezza si consiglia di scegliere un frase ben congegnata e sufficientemente lunga ma che possiate ricordare all'occorrenza. Generating RSA private key, 1024 bit long modulus e is (0x10001) enter pass phrase for server.key: Verifing Enter pass phrase for server.key: Successivamente provvediamo a proteggerla in lettura: sudo chmod 400 server.key sudo chown root:root server.key Provvediamo quindi alla generazione del CSR e provvediamo dopo alla sua protezione: sudo openssl req -new -key server.key -out server.csr Come indicato precedentemente, visto che stiamo utilizzando la chiave privata, ci verrà richiesta la digitazione della pass phrase; digitiamola e premiamo per proseguire; ci verrà chiesto l'inserimento di alcune informazioni (inseriamo. dove desideriamo lasciare i campi vuoti); ecco un esempio:... Country Name (2 letter code) [AU]:IT State or Province Name (full name) [Some-State]:. Locality Name (eg, city) []:. Organization Name (eg, company) [Internet Widgits Pty Ltd]:mioserver Versione pagina 15

16 Organizational Unit Name (eg, section):mioserver CA Common Name (eg, YOUR name) []:mioserver.no-ip.org Address Please enter the following 'extra' attributes to be sent with your certificate request A challenge password []:. An optional company name []:. Provvediamo ora alla protezione del CSR appena generato: sudo chmod 400 server.csr sudo chown root:root server.csr E' arrivato il momento di auto-firmare (sostituendoci ad una Certificate Authority, CA) il CSR ottenuto dalla procedura sopra menzionata ottenendo in questo modo un certificato valido CRT: sudo openssl x509 -req -days in server.csr -signkey server.key -out server.crt In questo caso si è supposto di generare un certificato valido per 10 anni mediante il comando -days 3650 Volendo si potrebbe anche visionare in chiaro il certificato appena creato digitando: sudo openssl x509 -text in server.crt Bene, abbiamo finito il grosso del lavoro, non ci resta altro da fare che configurare apache2 in modo tale che accetti connessioni protette (abilitando il mod_ssl) ed il rewriting dell'url (abilitando il rewrite) digitando, qui ci sono due soluzioni, una semplice - un solo comando ed una più manuale : SOLUZIONE 1 sudo a2enmod ssl sudo a2enmod rewrite Il sistema confermerà l'abilitazione dei moduli e suggerirà il riavvio di apache2 (ma questo lo faremo più tardi...). SOLUZIONE 2 Caricare il moduli manualmente nella directory dei moduli abilitati di apache2 creando dei link ai files digitando: sudo ln -s /etc/apache2/mods-available/ssl.conf /etc/apache2/mods-enabled/ssl.conf sudo ln -s /etc/apache2/mods-available/ssl.load /etc/apache2/mods-enabled/ssl.load sudo ln -s /etc/apache2/mods-available/rewrite.load /etc/apache2/mods-enabled/rewrite.load Versione pagina 16

17 Torniamo al file di configurazione 000-default in.../sites-enabled/ digitando il comando: sudo nano /etc/apache2/sites-enabled/000-default Modifichiamo l'inizio del file in questo modo, lasciando pure il resto del file così com'è: # Nelle versioni precedenti alla 9.04 la riga sottostante era decommentata #NameVirtualHost *:80 <VirtualHost *:80> Salviamo in uscita e provvediamo alla copia del file di configurazione in oggetto e successivamente apriamolo digitando: cd /etc/apache2/sites-enabled sudo cp 000-default ssl-default sudo nano /etc/apache2/sites-enabled/ssl-default Modifichiamolo in modo che assomigli a questo, facendo attenzione alla direttiva CustomLog ed inserendo le direttive che riguardano SSL (si vedano a tal proposito le ultime righe del file): NameVirtualHost *:443 <VirtualHost *:443> ServerAdmin DocumentRoot /var/www <Directory /> Options FollowSymLinks AllowOverride None </Directory> <Directory /var/www> Options Indexes FollowSymLinks MultiViews AllowOverride None Order allow,deny allow from all </Directory> ScriptAlias /cgi-bin/ /usr/lib/cgi-bin/ <Directory "/usr/lib/cgi-bin"> AllowOverride None Options +ExecCGI -MultiViews +SymLinksIfOwnerMatch Order allow,deny Allow from all </Directory> ErrorLog /var/log/apache2/error.log # Possible values include: debug, info, notice, warn, error, crit, # alert, emerg. LogLevel warn CustomLog /var/log/apache2/access-ssl.log combined [Segue] Versione pagina 17

18 ServerSignature On Alias /doc/ "/usr/share/doc/" <Directory "/usr/share/doc/"> Options Indexes MultiViews FollowSymLinks AllowOverride None Order deny,allow Deny from all Allow from / ::1/128 </Directory> </VirtualHost> SSLEngine On SSLOptions +FakeBasicAuth +ExportCertData +StrictRequire SSLCertificateFile /etc/apache2/server.crt SSLCertificateKeyFile /etc/apache2/server.key Apportiamo le modifiche e salviamo; riavviamo il server apache2 per fargli acquisire le nuove impostazioni come descritto precedentemente; se ci viene restituito un messaggio di errore, si ricontrolli la configurazione di apache2, magari abbiamo scritto qualcosa in modo errato. Attenzione, sinceratevi che il server apache2 sia in ascolto anche sulla porta 443 controllando il file /etc/apache2/ports.conf e che sul vostro router sia stato effettuato il port-forwarding della porta 443 dalla pubblica all'ip del vostro server. L'unico neo riscontrato in questa procedura è quello di dover digitare la pass phrase ogni qual volta si avvia / riavvia apache2 quindi sarebbe forse illogico configurare un sistema in questo modo (specialmente se il server dovesse riavviarsi da solo e voi non siate lì ad attivare manualmente apache2) Versione pagina 18

19 (Soluzione 2) Questa soluzione è più semplice rispetto a quella precedentemente esposta e prevede l'installazione di un pacchetto che inspiegabilmente non viene più distribuito con il pacchetto apache2. Cominciamo con l'installare i pacchetti necessari: sudo apt-get install openssl sudo apt-get install ssl-cert Passiamo ora alla fase di creazione della chiave digitando: sudo make-ssl-cert /usr/share/ssl-cert/ssleay.cnf /etc/apache2/ssl-server.pem Una volta lanciato il comando apparirà la finestra di dialogo per la configurazione del certificato; digitiamo. per lasciare i campi vuoti: Configure an SSL certificate The two letter code for Country. (e.g. GB) (countryname):it Your state, counry or province. (stateofprovincename):. The name of the city or town that you live in. (localityname):. The name of the company or organisation the certificate is for. (organisationname):mioserver The Division or section of the organisation the certificate is for. (organisationunitname):mioserver CA The hostname of the server the certificate il for. This must be fille in. (commonname):mioserver.no-ip.org The address that should be associated with the certificate. ( Attenzione, a causa di un bug, la durata del certificato è limitata a 30 giorni; bug risolto nelle versioni successive. Se state effettuando tale operazione sulla Ubuntu 9.04 vi verrà richiesto l'inserimento del solo commonname (MioServer.no-ip.org) Torniamo al file di configurazione 000-default in sites-enabled digitando il comando: sudo nano /etc/apache2/sites-enabled/000-default Modifichiamo l'inizio del file in questo modo, lasciando pure il resto del file così com'è: # Nelle versioni precedenti alla 9.04 la riga sottostante era decommentata #NameVirtualHost *:80 <VirtualHost *:80> Salviamo in uscita e provvediamo alla copia del file di configurazione in oggetto e successivamente apriamolo digitando: cd /etc/apache2/sites-enabled sudo cp 000-default ssl-default sudo nano /etc/apache2/sites-enabled/ssl-default Versione pagina 19

20 Modifichiamolo (in grassetto sono evidenziate le differenze) in modo che assomigli a quanto indicato facendo attenzione alla direttiva CustomLog ed inserendo le direttive che riguardano SSL (si vedano a tal proposito le ultime righe del file): NameVirtualHost *:443 <VirtualHost *:443> ServerAdmin DocumentRoot /var/www <Directory /> Options FollowSymLinks AllowOverride None </Directory> <Directory /var/www> Options Indexes FollowSymLinks MultiViews AllowOverride None Order allow,deny allow from all </Directory> ScriptAlias /cgi-bin/ /usr/lib/cgi-bin/ <Directory "/usr/lib/cgi-bin"> AllowOverride None Options +ExecCGI -MultiViews +SymLinksIfOwnerMatch Order allow,deny Allow from all </Directory> ErrorLog /var/log/apache2/error.log # Possible values include: debug, info, notice, warn, error, crit, # alert, emerg. LogLevel warn CustomLog /var/log/apache2/access-ssl.log combined ServerSignature On Alias /doc/ "/usr/share/doc/" <Directory "/usr/share/doc/"> Options Indexes MultiViews FollowSymLinks AllowOverride None Order deny,allow Deny from all Allow from / ::1/128 </Directory> SSLEngine On SSLCertificateFile /etc/apache2/ssl-server.pem </VirtualHost> Salviamo il file in uscita. Bene, abbiamo finito il grosso del lavoro, non ci resta altro da fare che configurare apache2 in modo tale che accetti connessioni protette (abilitando il mod_ssl) ed il rewriting dell'url (abilitando il rewrite) digitando: Versione pagina 20

HTTPD - Server web Apache2

HTTPD - Server web Apache2 Documentazione ufficiale Documentazione di Ubuntu > Ubuntu 9.04 > Guida a Ubuntu server > Server web > HTTPD - Server web Apache2 HTTPD - Server web Apache2 Apache è il server web più utilizzato nei sistemi

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Indice. Documentazione ISPConfig

Indice. Documentazione ISPConfig Documentazione ISPConfig I Indice Generale 1 1 Cos'è ISPConfig? 1 2 Termini e struttura del manuale 1 3 Installazione/Aggiornamento/Disinstallazione 1 3.1 Installazione 1 3.2 Aggiornamento 1 3.3 Disinstallazione

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Il protocollo HTTP ed il server Apache

Il protocollo HTTP ed il server Apache Dal sito web della Software Foundation: Il progetto del server HTTP è uno sforzo di sviluppare e mantenere un server HTTP Open Source per i moderni sistemi operativi, compreso UNIX e Windows NT. L'obiettivo

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone PRIMI PASSI Se è la prima volta che aprite l'applicazione MAIL vi verrà chiesto di impostare o creare il vostro account di posta e le gli step

Dettagli

Indice. http://www.fe.infn.it/documenti/mail.pdf

Indice. http://www.fe.infn.it/documenti/mail.pdf http://www.fe.infn.it/documenti/mail.pdf Indice Indice 1. Introduzione...2 2. Primi passi... 3 2.1 Quale programma di posta... 3 2.2 Lasciare i messaggi sul server centrale?... 3 2.3 Spam e dintorni...4

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser.

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Se vogliamo accedere alla nostra casella di posta elettronica unipg.it senza usare un client di posta (eudora,

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli