INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI"

Transcript

1 INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI I NOMI DI ETRURIA E ETRUSCHI; ORIGINE DEGLI ETRUSCHI ARGOMENTI A SOSTEGNO DELLA PRIMA TEORIA STUDI RECENTI BIBLIOGRAFIA INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO E quest anno? Gita in Etruria! La V D ha deciso di visitare le città di Pyrgi, Cerveteri, Tarquinia e Veio, e per farlo ci siamo divisi in gruppi e abbiamo trattato in varie ricerche tutti gli argomenti riguardo alla storia della civiltà etrusca e ai luoghi che abbiamo pensato di visitare. Durante un assemblea di classe si sono stabilite le persone che avrebbero dovuto trattare le diverse parti del lavoro: dall origine alla storia, dal culto dei morti alla divinazione, per finire con le diverse tombe delle città sopra citate. Ad ognuno è toccato poi il compito di documentarsi sull argomento scelto per mezzo di libri, enciclopedie, articoli e siti Internet e, una volta raccolto il materiale, lo si doveva presentare correlato di un indice al professor

2 Segnan, il nostro accompagnatore ufficiale, che munito di matita e buona volontà ha osservato e corretto la prima parte del nostro operato. Il passo successivo è stato quello di presentare la scaletta della ricerca che si sarebbe in seguito scritta. Dopo un ulteriore controllo si è passati alla prima stesura della ricerca. I vari lavori sono arrivati al loro completamento passando di correzione in correzione. Le difficoltà incontrate durante il percorso sono state minime, poiché le diverse sezioni del lavoro sono state affrontate in modo unanime e unitario da ogni singolo gruppo, che ha lavorato con impegno ad scribendam operam. Vediamo dunque ora la parte relativa all origine degli Etruschi. INTRODUZIONE Un argomento oggi ancora assai dibattuto riguarda la provenienza, la nascita e la formazione della civiltà etrusca, nonché l effettiva estensione del territorio che essi per sette secoli dominarono. Questa regione, in cui la civiltà etrusca, se non nacque, si sviluppò, ebbe dagli antichi diverse denominazioni: Tyrrhenia o Tyrsenia la chiamarono i Greci; Etruria fu il nome che in origine i Latini le attribuirono, appellativo che gli scrittori latini più tardi sostituirono con Tuscia, il nome che nei secoli ha avuto maggior fortuna. Così Tyrrhenoi o Tyrsenoi, Etruschi o Tusci furono chiamati i suoi abitanti rispettivamente dai Greci e dai Latini, o Turskus dagli Umbri, che con queste terre confinavano. Secondo lo storico augusteo Dionigi di Alicarnasso, che nel I secolo a. C. redige le Antichità Romane, un trattato storico in venti libri nel primo dei quali affronta la questione delle origini storiche dei popoli italici, gli Etruschi chiamavano se stessi Rasenta o Rasena. Virgilio li chiamò invece Lydii, rifacendosi ad Erodoto ed ad una loro presunta provenienza dalla Lydia. I confini dell Etruria storica, è oggi accertato, furono il Tevere ad est ed a Sud ed il mar Tirreno a Ovest, comprendendo anche le isole toscane, mentre

3 per quanto riguarda il confine settentrionale la questione sembra ancora essere aperta al dibattito. Tale limite dovrebbe essere probabilmente segnato dalla Valle dell Arno e quindi dall Appennino Tosco-Romagnolo, ma l estensione territoriale, e quindi culturale degli Etruschi, non si limitò alla sola Etruria e anzi arrivò ben più lontano, giungendo sino alla Liguria, al Piemonte ed alla Pianura Padana al Nord, mentre al sud è chiara l influenza etrusca in Campania. Presenze etrusche sono state accertate anche nell entroterra tunisino e nello stesso Egitto. Mentre la presenza e l influenza di una popolazione su di un territorio o di un altra civiltà è chiaramente intuibile ed accertabile, non è invece altrettanto facile definire la reale provenienza di un popolo, quello etrusco, tanto differente da tutti gli altri presenti nel bacino del mediterraneo. Si deve tuttavia sottolineare che per nessun altro popolo dell antichità si è acceso nella storiografia moderna un dibattito così vivace sulle origini, come nel caso degli Etruschi. Le ragioni di questo fatto sono molte. In primo luogo l interesse per questa nazione, tanto ellenizzata e diversa, lontana dal centro del mondo più civilizzato, che in età classica si colloca tra il vicino Oriente e il bacino dell Egeo, ma allo stesso tempo così ricca, è sorto con gli stessi inizi della storiografia greca che, dedicando tanta attenzione alle origini dei Tirreni, ha non poco contribuito a creare il caso. In secondo luogo questa innegabile "diversità" etnica, linguistica e culturale del resto delle popolazioni di lingua indoeuropea dell Italia antica ha sollecitato l attenzione della storiografia ottocentesca. Il coincidere dell interesse della storiografia greca e di quella moderna per il diverso etrusco ha fatto nascere il problema delle origini etrusche. La stessa aura mitica, antica e moderna, attorno alle origini etrusche, collegate con i nomi di favolosi popoli migratori delle leggende greche, Tirreni e Pelasgi, ha infine contribuito ad ingigantire oltre misura il problema delle origini. Territorio etrusco I NOMI DI ETRURIA E DI ETRUSCHI; ORIGINE DEGLI ETRUSCHI

4 Un terzo elemento etnico, in Italia, oltre ai Fenici e ai Greci, di origine, a quel che pare, esotica, è dato dagli Etruschi. Incerta è la etimologia di tal nome, che si è voluto dedurre dalla parola Tyrsenoi o Tyrrhenoi, con la quale i Greci indicavano il popolo etrusco: datyrs equivalente a turs- con metatesi della r, con la protesi di una e e con la finale in ci, si sarebbe formato il nome latino E-tru-ci, cioè Etruschi. Ma ciò è incerto. In greco si hanno le forme secondarie Tyrsanoi o Tyrannoi, derivate da tyrsha o tyrrha, cioè rocca o cittadella. Perciò l italianizzato nome di Tirreni verrebbe a significare i padroni della cittadella, cioè i signori, i tiranni, e la divinità etrusca Turan significherebbe la signora. In latino, accanto alla forma Etruci (voce secondaria Etrurii) si avrebbe il nome Tusci, ondetuscia (Toschi e Toscana), nome che corrisponde al turskum umbro datoci dalle tavole iguvine. Ma da Dionisio di Alicarnasso desumiamo che gli Etruschi chiamavano se stessi Rasena dal nome dei loro comandanti; forse in esso era insito il significato di popolo o di uomini, certo è che non di rado si trova nelle epigrafi etrusche il tema di questo nome (ras- o rasn- ) in varie forme: Rasne, Rasna, Rasnal. Gli Etruschi sono localizzati in Italia essenzialmente nel territorio compreso tra il mare Tirreno, che da loro appunto desunse il nome, l Arno, ed il Tevere. Ma la questione della loro origine è stata ed è ancora assai dibattuta. Tre sono le opinioni che tengono ora il campo. PRIMA TEORIA: gli Etruschi sarebbero il risultato della fusione delle primitive popolazioni con colonizzatori tirreni, approdati sulle coste del Tirreno e provenienti dalle terre asiatiche bagnate dall'egeo; questi colonizzatori parlavano una lingua che era apparentata a quella in uso in Asia Minore e che si mantenne, con necessarie modificazioni dovute all influsso del nuovo ambiente colonizzato, durante lo sviluppo dell Etruria; tale colonizzazione dovette essere graduale, a più riprese. SECONDA TEORIA: gli Etruschi sarebbero discesi nella penisola italiana attraverso le Alpi Retiche occupando la valle del Po e poi la Toscana. Ma bisogna distinguere tra coloro che suppongono questi Etruschi venuti per terra, affini alle altre popolazioni italiche del gran ceppo indo-europeo, cioè ai Latini, agli Umbri ecc., e quelli che sostengono la identità tra Etruschi e

5 "terramaricoli" e negano tale appartenenza al ceppo suddetto, di cui invece farebbero parte le anteriori genti cuprolitiche. TERZA TEORIA: Gli Etruschi deriverebbero dalla fusione in Toscana e nel Lazio settentrionale tra i cuprolitici e gli incineratori; la lingua etrusca sarebbe in realtà l antica lingua parlata dai cuprolitici e, cognata con quelle dell Asia Minore, farebbe parte delle lingue mediterranee prevalenti prima dell ultimo millennio a. C. La prima teoria è la tradizionale, poiché sembra confermata dalle testimonianze degli antichi. La fonte principale è Erodoto. Egli ci dà notizia di una carestia che afflisse la Lidia sotto il regno di Atys; dopo aver escogitato vari rimedi, si stabilì che una parte della popolazione dovesse emigrare; l esodo avvenne sotto la guida di un figlio del re, di nome Tirreno. Dopo un avventuroso errare questi Lidi giunsero tra gli Umbri e si fissarono lì, cambiando il nome in quello di Tirseni o di Tirreni, cioè di Etruschi. Concordemente gli scrittori greci e latini seguono la tradizione erodotea; ma vi sono due eccezioni: la prima è Ellanico di Mitilene (presso Dionisio di Alicarnasso), che nella Foronide riferiva che schiere di Pelasgi dall oriente ellenico erano approdate in Italia alla foce del fiume Spinete, erano penetrate nell interno ed avevano fondato Cortona, dando origine agli Etruschi. La seconda eccezione è Dionisio di Alicarnasso, il quale rifiuta la identità, sostenuta da Ellanico, di Etruschi e di Pelasgi, rifiuta la identificazione di Erodoto tra Etruschi e Lidi e conclude che il popolo etrusco è aborigeno, perché diverso per lingua e per costume dagli altri popoli italici: constatazione preziosa, perché in tal modo risulta che ai tempi augustei, in cui scriveva Dionisio di Alicarnasso, fortissimo, anzi non colmabile, era il distacco tra gli Etruschi e gli altri popoli del centro della penisola circonvicini, distacco per cui agli Etruschi si doveva attribuire un origine ben distinta da quella di questi popoli. Considerando ora la seconda e terza teoria si deve ammettere che esse urtano contro difficoltà assai gravi. Ecco quanto può essere opposto alla seconda teoria, che è avvalorata specialmente da storici. L indagine archeologica ha provato che le Alpi Retiche non furono valicate da popoli sino all inizio della primavera del 101 a.c., in cui i Cimbri scesero nella pianura veneta. Lungo le valli tridentine è un movimento graduale, tardo di civiltà, non già da nord a sud, ma da sud a nord. Verso le paurose gole, verso i

6 minaccevoli picchi si dirada la vita, diventa sempre più sporadica, non si manifesta affatto. Attraverso le Alpi Retiche non possono essere passati gli Etruschi, cioè i proto-etruschi. E fu in realtà una interpretazione erronea di un noto passo di Tito Livio, che dette origine alla teoria della provenienza terrestre degli Etruschi attraverso le Alpi Retiche, le quali avrebbero avuto tale nome, qualora si consideri rettamente questo passo, non già da ipotetiche, lontanissime schiere etrusche, discese lungo le gole e le valli, ma da miseri Etruschi fuggiaschi, rifugiatisi, come in luogo sicuro, tra le rocce alpine, dinanzi all invasione gallica della prima metà del secolo IV a. C. La terza teoria, gradita specialmente ai glottologi, urta parimenti contro difficoltà di carattere archeologico. I cuprolitici della odierna Toscana e del Lazio settentrionale sarebbero stati i progenitori degli Etruschi ed avrebbero parlato quella stessa lingua che, con le modificazioni inevitabili, sarebbe diventata la lingua etrusca. Ora, sullo strato cuprolitico, si estende, in Toscana e nel Lazio settentrionale, il possente strato "villanoviano"; sono due stirpi diverse assai distaccate tra di loro. Rispetto ai cuprolitici, qua e là sparsi ed in luoghi non sempre coincidenti con quelli dove si afferma rigogliosamente la civiltà villanoviana, questa civiltà ci si manifesta come la espressione di una potenza demografica altissima. LA PRIMA TEORIA DELL ORIGINE TRANSMARINA DEGLI ETRUSCHI E ARGOMENTAZIONI A SUO FAVORE La più probabile è la prima teoria, quella della venuta dei colonizzatori Tirreni dal bacino dell Egeo, i quali non avrebbero già costituito un popolo emigrante in massa, ma piuttosto piccole schiere di coloni. Sulle coste della Toscana e del Lazio settentrionale si sarebbe dunque manifestato un fenomeno analogo a quello della colonizzazione ellenica e fenicia. Anzi si è voluta precisare, in questo inserirsi nelle popolazioni primitive italiche di elementi esotici venuti dal mare, la presenza di due principali ondate: la più antica con la fondazione di Tarquinia, di Populonia e di Cerveteri; la più recente, e di maggior rilievo, con la fondazione di Vetulonia. A sostegno di questa teoria dell origine transmarina sta la scoperta avvenuta nel 1885 di una stele funebre nell isola di Lemno, col residuo di una figura di un guerriero a bassissimo rilievo e con una duplice iscrizione condotta in

7 alfabeto greco, ma di lingua non greca: è l iscrizione di un idioma, per quanto siano stati espressi di recente alcuni dubbi, se non etrusco, etruscoide. A Lemno la popolazione anellenica parlava in tempi storici ( sec. VIII-VII a.c.) una lingua affine a quella etrusca; i Tirreni, partiti dalle coste lidie e i Lemni sarebbero stati tra loro molto affini, discendenti da un unico ceppo. Ed i suddetti Lemni sarebbero da identificare coi Sinti del canto omerico (Iliade, I, v. 594; Odissea, VIII, v. 294) dalla rude favella, coi Pelasgi del testo di Erodoto (V, 26), coi Tirreni di Tucidide (IV, 109). I recenti scavi della Scuola Italiana di Archeologia di Atene hanno portato alla luce presso l antica Hephaistia di Lemno un sepolcreto di queste genti pelasgico-tirreniche; è un sepolcreto che presso a poco è databile nei due secoli VIII e VII a. C., proprio i due secoli in cui sarebbe avvenuta la colonizzazione dei Tirreni in Italia ed in cui si sarebbe sviluppata l Etruria. Si tratta di un cimitero di cremati, con la deposizione dei resti in urne che, per la loro sagoma, si avvicinano alle urne biconiche villanoviane, con numerose armi, con frequenti oggetti d oro, con vasi locali dipinti a linee spezzate o a spirale in rosso su fondo bianco. Tutto ciò non costituisce che qualche indizio, molto labile, di parentela tra i Lemni, vissuti, in arretrato nello sviluppo della civiltà, alla periferia del mondo greco, e gli Etruschi. Invece tra la duplice iscrizione lemnia e le iscrizioni etrusche la parentela è evidente. Altre constatazioni ci indirizzano al bacino settentrionale ed orientale dell Egeo. Alla fine della XVIII dinastia egizia ( verso la metà del XIV sec. a.c.), nell ambiente egiziano appaiono i popoli del nord o abitatori del mare o delle isole; sono popoli che minacciano a più riprese la compagine del regno egizio. Sotto il faraone Mernephtah della XIX dinastia ( ultimi decenni del XIII sec.) vediamo che viene tentata in Egitto un irruzione da parte dei Lukki, degli Akaiwasha (Achei), dei Tursa o Turusa, che furono sconfitti dai generali del monarca egizio presso Pirau, nel delta del Nilo. Altra popolazione è quella degli Shardina; in questi si sono voluti riconoscere o gli abitanti della Sardegna o genti dell Asia Minore, che col loro nome ricordano la famosa città Sardi in Lidia. Le parole Tursa o Turusainvece sembra che debbano essere avvicinate alle denominazioni elleniche di Tyrsenoi o di Tyrrhenoi, con derivazione da Tyrrha o Tyrsa, che significa cittadella ed è appunto il nome di una località della Lidia meridionale a nord della catena del monte Messogide, a sud del fiume Caistro. La parola è stata letta con diverse

8 varianti dai documenti egizi, ma è stabilita fermamente la presenza del gruppo consonantico Tr - s, e perciò non può essere affatto eliminata l ipotesi della discendenza dei Tirreni dai Tursa o Turusa anatolici dell età cretese - micenea. Importanti inoltre da notare sono le somiglianze numerose e vivissime tra i nomi dell Asia Minore e nomi etruschi; la parentela sarebbe evidente per quanto concerne l uso di radici, suffissi, fonetica. Dice Cicerone ( De Divinatione, I, 41,92) che nell arte divinatoria gli Etruschi erano inferiori soltanto ai Caldei. Si può supporre che la perizia degli Etruschi in tale campo di attività religiosa sia indizio di una lunga tradizione, maturatasi con il contatto con i popoli orientali. E si può supporre che l arte divinatoria della Caldea, dove come in Etruria essa si fondava specialmente sull extispicium o osservazione delle interiora delle vittime e precisamente del fegato, sia passata ai Tirreni asiatici attraverso l antico impero ittita. Ciò premesso e data l inverosimiglianza della seconda teoria o della provenienza terrestre, della terza teoria o dell autoctonia, dovremmo riconoscere nel mito fiabesco di Erodoto un nocciolo di verità. E assolutamente da scartare la testimonianza di Ellanico sulla venuta degli Etruschi attraverso il golfo dello Ionio alla foce del fiume Spinete, cioè attraverso l Adriatico alle foci del Po. Infatti la presenza degli Etruschi tra Arno e Tevere è archeologicamente documentata assai prima che nella valle del Po. STUDI RECENTI Alle tre tesi sulla provenienza degli Etruschi si è sovrapposta l interpretazione del professor Massimo Pallottino, recentemente scomparso, importante studioso di Etruscologia: egli ha sottolineato la necessità di evitare impostazioni schematiche di un problema notevolmente complesso. Ha dunque analizzato i dati a sua disposizione finalizzando il suo operato a

9 comprendere non la provenienza, ma la formazione di questo popolo e della sua cultura. Lo studioso ha infatti affermato che il processo formativo della nazione etrusca non può aver avuto luogo che nell Etruria stessa. Ed in questo processo formativo hanno avuto un ruolo determinante i contatti e gli scambi commerciali e culturali con i viaggiatori provenienti dal Mar Egeo, attratti dalle risorse metallifere dell Elba, delle Colline Metallifere e dei Monti della Tolfa. Secondo Pallottino l impronta subita dalla fresca, primitiva, ancora duttile anima dei più antichi Etruschi, sotto l impulso delle mature civiltà d oltremare, fu probabilmente tale da polarizzare in modo definitivo le tendenze spirituali e le strutture stesse della nazione. Si parla dunque di un influenza culturale recepita e assorbita da questo popolo in modo entusiastico e non di provenienza dall Oriente. BIBLIOGRAFIA LIBRI * "STORIA D ITALIA DALLE ORIGINI ALLA MORTE DI CESARE" VOLUME I MONDADORI PERICLE DUCATI * "STORIA DEGLI ETRUSCHI" MARIO TORELLI EDITORI LATERZA SITI INTERNET

10 * L Etruria e gli Etruschi

Le origini degli Etruschi

Le origini degli Etruschi laboratorio 5 Maria Angioni Le origini degli Etruschi Prerequisiti conoscere le caratteristiche principali della civiltà etrusca sapere che cosa sono la civiltà appenninica, le terramare e la cultura villanoviana

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

MINISTERO PER I BENII E LE ATTIVITÀ CULTURALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA

MINISTERO PER I BENII E LE ATTIVITÀ CULTURALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA MINISTERO PER I BENII E LE ATTIVITÀ CULTURALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA GLI ETRUSCHI NELLA VITA QUOTIDIANA Fig. 1 - I centri dell Etruria antica (da L. BANTI, Il mondo

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

STORIA. Gli Etruschi. Le origini e la lingua. La massima potenza etrusca. il testo:

STORIA. Gli Etruschi. Le origini e la lingua. La massima potenza etrusca. il testo: 01 Le origini e la lingua chiamano se stessi Rasenna: sviluppano la loro civiltà nell attuale Toscana, chiamata anche Etruria. L origine di questo popolo è ancora oggi sconosciuta. Sul problema delle origini

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza Istituto di Istruzione Cittadella T.L.Caro a.s. 2007/2008 PROGRAMMA di STORIA classe I A Docente: prof. Maurizio Tessaro Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A.

Dettagli

STORIA CONTENUTI E TEMPI

STORIA CONTENUTI E TEMPI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA CLASSE 1ª Z TUR DOCENTE SERRACCHIOLI IRENE STORIA COMPETENZE DISCIPLINARI Conoscenza

Dettagli

Fotografie: Contrasto: Erich Lessing pp. 97, 114; Everett Collection p. 66 Corbis: Atlantide Phototravel p. 94 basso

Fotografie: Contrasto: Erich Lessing pp. 97, 114; Everett Collection p. 66 Corbis: Atlantide Phototravel p. 94 basso STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Fotografie: Contrasto: Erich Lessing pp. 97,

Dettagli

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca Itinerario della Sicilia Greca La Sicilia è culla di un antica storia che affonda le sue radici nei lontanissimi secoli Ante Christum, quando a dominare erano i greci, diffusori di una cultura fatta di

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 1 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO e Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 OBIETTIVI GENERALI Le discipline di Storia e Geografia sono finalizzate a Approfondire il legame tra la Geografia e la Storia, portando

Dettagli

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA ßIndice del volume AVVIO ALLO STUDIO DELLA STORIA I L l metodo della ricerca storica 2 1 Differenza tra Storia e Preistoria 2 2 Cronologia e periodizzazione 4 a classificazione delle fonti e la Storiografia

Dettagli

SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD. STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO

SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD. STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO Civiltà minoica e micenea Quale civiltà si sviluppò nell isola di Creta?

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

Programma di Geostoria

Programma di Geostoria ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C.G L. EINAUDI con sezione associata: Liceo Scientifico di Stato "GIORDANO BRUNO" Via Baccu Arrodas, Muravera Anno Scolastico 2013/2014 Programma di Geostoria Classe

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

Sparta sive Lacedemone

Sparta sive Lacedemone Sparta sive Lacedemone 1 Situata nel Peloponneso, in una valle alluvionale creata dal fiume Eurota, è circondata da monti, tra cui il massiccio del Taigeto a ovest e il Parnone a est Fiume Eurota Monte

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN. Storia: (Libro in adozione: M. Meschini-R. Persico, Popoli, tempi e storie, I, Archimede).

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN. Storia: (Libro in adozione: M. Meschini-R. Persico, Popoli, tempi e storie, I, Archimede). LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN. PROGRAMMA A.S. 2014-2015. CLASSE I A. MATERIA: Storia-Geografia Prof. Crescenzo Palumbo Storia: (Libro in adozione: M. Meschini-R. Persico, Popoli, tempi e storie,

Dettagli

La chiesa primitiva e l Impero Romano

La chiesa primitiva e l Impero Romano La chiesa primitiva e l Impero Romano L Impero Romano La situazione dell Impero L Impero romano e l Ellenismo 323 a.c.-1 sec. d.c. Il Giudaismo tradizionale e quello ellenizzato. Impero Romano: circa 50

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

Le carte Ti aiutano a collocare meglio nello spazio e nel tempo gli eventi trattati.

Le carte Ti aiutano a collocare meglio nello spazio e nel tempo gli eventi trattati. per studiare L approccio narrativo ai fatti del passato e la riflessione guidata sui temi e problemi della storia che caratterizzano Correva l anno ti offrono un avvicinamento critico alla storia politico-istituzionale

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

Dalle origini latine all italiano di oggi

Dalle origini latine all italiano di oggi Dalle origini latine all italiano di oggi Prof. Alessio Lodes DALLE ORIGINI LATINE ALL ITALIANO DI OGGI. Dedico questo libro alle cinque persone più importanti della mia vita: Mia nonna Claudia, strappata

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

I Greci e la polis. oggi chiamiamo Età buia, in quanto priva di documenti scritti e nota solo dalle te- La Grecia, che per qualche secolo era stata

I Greci e la polis. oggi chiamiamo Età buia, in quanto priva di documenti scritti e nota solo dalle te- La Grecia, che per qualche secolo era stata 85 2 I Greci e la polis 1 Mare e fame di terre oggi chiamiamo Età buia, in quanto priva di documenti scritti e nota solo dalle te- La Grecia, che per qualche secolo era stata la terra della civiltà micenea,

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente Indice_del volume capitolo 1_La preistoria 1_Prima della storia 2 2_Problemi di sopravvivenza e capacità di adattamento 2 Le Parole della Storia_Uomo 3 3_«Uomini» 5 4_La diffusione della specie umana 6

Dettagli

Ogni livello di Domani è organizzato in moduli culturalmente connotati e classificati in base a differenti aree tematiche:

Ogni livello di Domani è organizzato in moduli culturalmente connotati e classificati in base a differenti aree tematiche: Ogni livello di Domani è organizzato in moduli culturalmente connotati e classificati in base a differenti aree tematiche: Proponiamo di seguito alcune possibili attività didattiche, classificate per area

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi

PROGRAMMA DI STORIA. ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi PREISTORIA E STORIA Come tutto è cominciato La storia degli esseri umani La geologia La biologia L evoluzione degli organismi Il tempo profondo

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

La prima civiltà: Minoica (o cretese)

La prima civiltà: Minoica (o cretese) La Grecia Antica La prima civiltà: Minoica (o cretese) VII millennio a.c. IV millennio a. C. Creta è abitata da popolazione autoctona che vive di caccia, pesca, agricoltura. Popoli provenienti dalle coste

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA

Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA Interculturalità nel Mediterraneo risponde ai programmi della strategia comune europea per la regione mediterranea. Che cosa

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Micene, foto aerea. i Micenei

Micene, foto aerea. i Micenei Micene, foto aerea i Micenei MICENEI All inizio del II millennio a.c. una popolazione indoeuropea iniziò a stanziarsi nel continente greco, e quindi occupò l isola di Creta: i nuovi abitanti furono chiamati

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

L Europa mediterranea

L Europa mediterranea L Europa mediterranea Nel bacino del mar Mediterraneo sono nate le grandi civiltà dell uomo: gli egiziano, i fenici, i greci e i romani. Si sono diffuse le grandi religioni monoteiste. Questa zona di frontiera

Dettagli

IL GRANDE GIOCO DELLE REGIONI

IL GRANDE GIOCO DELLE REGIONI BLOG: http://laboratoriointerattivomanuale.com/ CANALE: http://www.youtube.com/user/labintmanuale/featured? view_as=public IL GRANDE GIOCO DELLE REGIONI SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK TWITTER GOOGLE+ LINKEDIN

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché. C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC.

Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché. C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC. Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC.Vigolini Strumenti dell analisi storica; 1. Studiare il passato:

Dettagli

Liceo di Sachem Nord

Liceo di Sachem Nord Liceo di Sachem Nord 1 La Geografia d Italia In this unit the students will review the more salient points of Italy s geography. By the end of the unit, the students will be able to: 1. Discuss the geographic

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

CHIARA V. 07/05/2014

CHIARA V. 07/05/2014 CLASSE 2.0 LA TOSCANA GIRO D ITALIA CHIARA V. 07/05/2014 La Toscana. Il territorio: La Toscana Regione amministrativa dell'italia centrale; si affaccia a ovest sul mar Tirreno e confina per breve tratto

Dettagli

geografia classe quinta VALLE D AOSTA, PIEMONTE E LIGURIA SCHEDA N. 1

geografia classe quinta VALLE D AOSTA, PIEMONTE E LIGURIA SCHEDA N. 1 SCHEDA N. 1 VALLE D AOSTA, PIEMONTE E LIGURIA 1. Sulla cartina muta colora in giallo la Valle d Aosta, in rosa il Piemonte e in azzurro la Liguria. Con l aiuto dell atlante geografico allegato al tuo libro

Dettagli

La civiltà etrusca e l origine delle città italiane

La civiltà etrusca e l origine delle città italiane La civiltà etrusca e l origine delle città italiane Due fratelli Romolo e Remo, che vivevano molti anni prima di Cristo tracciano con un aratro trainato da due buoi bianchi un solco che definisce i confini

Dettagli

S. Tarsia F. Sala MISSIONE GEOGRAFIA. Scoprire l Italia e l Europa

S. Tarsia F. Sala MISSIONE GEOGRAFIA. Scoprire l Italia e l Europa S. Tarsia F. Sala MISSIONE GEOGRAFIA Scoprire l Italia e l Europa Mister Livingstone S E Z I O N E 2 Com è fatta l Europa? CHECKPOIN CKPOINT 44 UNITÀ 4 L Europa nel globo 46 1 L Europa: un continente?

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

STORIA DELL'ITALIA ANTICA

STORIA DELL'ITALIA ANTICA STORIA DELL'ITALIA ANTICA GLI ETRUSCHI Gli Etruschi sono un popolo dell'italia antica stabilitosi in un'area corrispondente alla Toscana e all'umbria fino al fiume Tevere e al Lazio settentrionale, con

Dettagli

LICEO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO LINGUISTICO

LICEO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO LINGUISTICO LICEO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO LINGUISTICO Anno Scolastico 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE I CS Disciplina: STORIA - GEOGRAFIA Professore:

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare. Ovest: Lombardia

Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare. Ovest: Lombardia POSIZIONE E CONFINI Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare Adriatico Ovest: Lombardia Montuoso (29%), collinare (14%), pianeggiante

Dettagli

Programma svolto. Storia. Strumenti propedeutici: Significato del termine storia. Fonti e "scienze ausiliarie.

Programma svolto. Storia. Strumenti propedeutici: Significato del termine storia. Fonti e scienze ausiliarie. Liceo Scientifico Statale Gobetti sede Segré di Torino Classe I sez. SC Materia: GEOSTORIA Data: 9/6/2015 Programma svolto Introduzione. Il corso ha previsto essenzialmente lo studio del territorio come

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA-GEOGRAFIA classe 1 C

PROGRAMMA DI STORIA-GEOGRAFIA classe 1 C Anno scolastico 2010/2011 Liceo scientifico E. Fermi Nuoro PROGRAMMA DI STORIA-GEOGRAFIA classe 1 C STORIA UNITA 1: LA PREISTORIA 1-L origine della vita La formazione dei continenti La teoria dell evoluzione

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

Sussidiario delle discipline

Sussidiario delle discipline Gianfranco Bresich Fuoriclasse Sussidiario delle discipline Antropologico 5 Progetto didattico di Gianfranco Bresich Sussidiario delle discipline Area Antropologica Storia Geografi a INDICE STORIA LA

Dettagli

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 Pagina 1 di 5 COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 No Comments E stato presentato questa mattina al Ministero dell Istruzione il rapporto INVALSI 2014. Complessivamente sono

Dettagli

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua.

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua. ISTITUTO SALESIANO SACRO CUORE (NAPOLI-VOMERO) LICEO CLASSICO E LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO E IT AMMIN. FIN. MARK. PROGRAMMA DI GEOSTORIA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE I LICEO CLASSICO A N.O.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW ISTITUTO : INDIRIZZO: ARTICOLAZIONE: OPZIONE: Istituto di Istruzione Secondaria Superiore N. Stefanelli Istituto Tecnico a Indirizzo Trasporti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma. PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento)

LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma. PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento) LICEO SCIENTIFICO STATALE MORGAGNI di Roma PIANO di LAVORO di STORIA e CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSI PRIME (Nuovo Ordinamento) Al termine dell'obbligo scolastico gli studenti dovranno essere in possesso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI STORIA CLASSE PRIMA INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI STORIA CLASSE PRIMA INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE DI STORIA CLASSE PRIMA INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO MOD. 1 LA COLONIZZAZIONE UMANA DELLA TERRA - Conoscere e comprendere gli eventi

Dettagli

del volume Modulo 1 Unità 1 Le culture preistoriche

del volume Modulo 1 Unità 1 Le culture preistoriche Indice del volume Gli uomini e la storia 1. Che cos è la storia 1 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 3. Le molte domande della storia 4 4. Il documento 5 5. Il mestiere dello storico

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net La civiltà greca I CRETESI Tra il 2.500 a.c. e il 1.500 a.c. nell'isola di Creta fiorì la civiltà cretese. Essa si basava sull'artigianato, e sul commercio. I Cretesi vivevano in città costituite da un

Dettagli

INDICE DEL VOLUME. unità 0. unità 2. unità 1. unità 3 LA NASCITA DELLA CITTÀ GLI UOMINI E LA STORIA LE CULTURE PREISTORICHE LA CULTURA DEL NILO

INDICE DEL VOLUME. unità 0. unità 2. unità 1. unità 3 LA NASCITA DELLA CITTÀ GLI UOMINI E LA STORIA LE CULTURE PREISTORICHE LA CULTURA DEL NILO INDICE DEL VOLUME unità 0 GLI UOMINI E LA STORIA unità 2 LA NASCITA DELLA CITTÀ 0 Avvio allo studio della storia 1 Che cos è la storia 4 2 Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 4 3 Le molte

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente

Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente I periodi fondamentali della scrittura corrispondono a tre fasi della sua evoluzione: scrittura delle idee o sintetica, scrittura delle

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Liceo Scientifico (opzione scienza applicate) Ettore Molinari

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Liceo Scientifico (opzione scienza applicate) Ettore Molinari Istituto Tecnico Tecnologico Statale Liceo Scientifico (opzione scienza applicate) Ettore Molinari PERCORSO FORMATIVO DI STORIA PRIMO BIENNIO - CLASSI PRIME E SECONDE ASSE STORICO-SOCIALE di base a conclusione

Dettagli

I GRECI, UNA GRANDE CIVILTA. William Di Marco by Migliardi

I GRECI, UNA GRANDE CIVILTA. William Di Marco by Migliardi I GRECI, UNA GRANDE CIVILTA Atene Troia Sparta Macedonia Tebe Micene Creta Itaca LA PRIMA CIVILTÀ: MINOICA (O CRETESE) Si sviluppò tra il 2600 e il 1450 a.c. Commercianti e agricoltori Pacifici (città

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

I RAPPORTI FRA TARQUINIA E ROMA NELL ANTICHITA

I RAPPORTI FRA TARQUINIA E ROMA NELL ANTICHITA I RAPPORTI FRA TARQUINIA E ROMA NELL ANTICHITA Una serie di testimonianze storico-letterarie, benchè in parte soffuse di leggenda o, quanto meno, non sempre del tutto attendibili e talvolta confuse, e

Dettagli

Le vie romane, strumento di integrazione

Le vie romane, strumento di integrazione Le vie romane, strumento di integrazione * La diffusione della civiltà Non è una esagerazione considerare le strade romane (viae publicae) il mezzo attraverso il quale Roma diffuse velocemente e ordinatamente

Dettagli