INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI"

Transcript

1 INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI I NOMI DI ETRURIA E ETRUSCHI; ORIGINE DEGLI ETRUSCHI ARGOMENTI A SOSTEGNO DELLA PRIMA TEORIA STUDI RECENTI BIBLIOGRAFIA INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO E quest anno? Gita in Etruria! La V D ha deciso di visitare le città di Pyrgi, Cerveteri, Tarquinia e Veio, e per farlo ci siamo divisi in gruppi e abbiamo trattato in varie ricerche tutti gli argomenti riguardo alla storia della civiltà etrusca e ai luoghi che abbiamo pensato di visitare. Durante un assemblea di classe si sono stabilite le persone che avrebbero dovuto trattare le diverse parti del lavoro: dall origine alla storia, dal culto dei morti alla divinazione, per finire con le diverse tombe delle città sopra citate. Ad ognuno è toccato poi il compito di documentarsi sull argomento scelto per mezzo di libri, enciclopedie, articoli e siti Internet e, una volta raccolto il materiale, lo si doveva presentare correlato di un indice al professor

2 Segnan, il nostro accompagnatore ufficiale, che munito di matita e buona volontà ha osservato e corretto la prima parte del nostro operato. Il passo successivo è stato quello di presentare la scaletta della ricerca che si sarebbe in seguito scritta. Dopo un ulteriore controllo si è passati alla prima stesura della ricerca. I vari lavori sono arrivati al loro completamento passando di correzione in correzione. Le difficoltà incontrate durante il percorso sono state minime, poiché le diverse sezioni del lavoro sono state affrontate in modo unanime e unitario da ogni singolo gruppo, che ha lavorato con impegno ad scribendam operam. Vediamo dunque ora la parte relativa all origine degli Etruschi. INTRODUZIONE Un argomento oggi ancora assai dibattuto riguarda la provenienza, la nascita e la formazione della civiltà etrusca, nonché l effettiva estensione del territorio che essi per sette secoli dominarono. Questa regione, in cui la civiltà etrusca, se non nacque, si sviluppò, ebbe dagli antichi diverse denominazioni: Tyrrhenia o Tyrsenia la chiamarono i Greci; Etruria fu il nome che in origine i Latini le attribuirono, appellativo che gli scrittori latini più tardi sostituirono con Tuscia, il nome che nei secoli ha avuto maggior fortuna. Così Tyrrhenoi o Tyrsenoi, Etruschi o Tusci furono chiamati i suoi abitanti rispettivamente dai Greci e dai Latini, o Turskus dagli Umbri, che con queste terre confinavano. Secondo lo storico augusteo Dionigi di Alicarnasso, che nel I secolo a. C. redige le Antichità Romane, un trattato storico in venti libri nel primo dei quali affronta la questione delle origini storiche dei popoli italici, gli Etruschi chiamavano se stessi Rasenta o Rasena. Virgilio li chiamò invece Lydii, rifacendosi ad Erodoto ed ad una loro presunta provenienza dalla Lydia. I confini dell Etruria storica, è oggi accertato, furono il Tevere ad est ed a Sud ed il mar Tirreno a Ovest, comprendendo anche le isole toscane, mentre

3 per quanto riguarda il confine settentrionale la questione sembra ancora essere aperta al dibattito. Tale limite dovrebbe essere probabilmente segnato dalla Valle dell Arno e quindi dall Appennino Tosco-Romagnolo, ma l estensione territoriale, e quindi culturale degli Etruschi, non si limitò alla sola Etruria e anzi arrivò ben più lontano, giungendo sino alla Liguria, al Piemonte ed alla Pianura Padana al Nord, mentre al sud è chiara l influenza etrusca in Campania. Presenze etrusche sono state accertate anche nell entroterra tunisino e nello stesso Egitto. Mentre la presenza e l influenza di una popolazione su di un territorio o di un altra civiltà è chiaramente intuibile ed accertabile, non è invece altrettanto facile definire la reale provenienza di un popolo, quello etrusco, tanto differente da tutti gli altri presenti nel bacino del mediterraneo. Si deve tuttavia sottolineare che per nessun altro popolo dell antichità si è acceso nella storiografia moderna un dibattito così vivace sulle origini, come nel caso degli Etruschi. Le ragioni di questo fatto sono molte. In primo luogo l interesse per questa nazione, tanto ellenizzata e diversa, lontana dal centro del mondo più civilizzato, che in età classica si colloca tra il vicino Oriente e il bacino dell Egeo, ma allo stesso tempo così ricca, è sorto con gli stessi inizi della storiografia greca che, dedicando tanta attenzione alle origini dei Tirreni, ha non poco contribuito a creare il caso. In secondo luogo questa innegabile "diversità" etnica, linguistica e culturale del resto delle popolazioni di lingua indoeuropea dell Italia antica ha sollecitato l attenzione della storiografia ottocentesca. Il coincidere dell interesse della storiografia greca e di quella moderna per il diverso etrusco ha fatto nascere il problema delle origini etrusche. La stessa aura mitica, antica e moderna, attorno alle origini etrusche, collegate con i nomi di favolosi popoli migratori delle leggende greche, Tirreni e Pelasgi, ha infine contribuito ad ingigantire oltre misura il problema delle origini. Territorio etrusco I NOMI DI ETRURIA E DI ETRUSCHI; ORIGINE DEGLI ETRUSCHI

4 Un terzo elemento etnico, in Italia, oltre ai Fenici e ai Greci, di origine, a quel che pare, esotica, è dato dagli Etruschi. Incerta è la etimologia di tal nome, che si è voluto dedurre dalla parola Tyrsenoi o Tyrrhenoi, con la quale i Greci indicavano il popolo etrusco: datyrs equivalente a turs- con metatesi della r, con la protesi di una e e con la finale in ci, si sarebbe formato il nome latino E-tru-ci, cioè Etruschi. Ma ciò è incerto. In greco si hanno le forme secondarie Tyrsanoi o Tyrannoi, derivate da tyrsha o tyrrha, cioè rocca o cittadella. Perciò l italianizzato nome di Tirreni verrebbe a significare i padroni della cittadella, cioè i signori, i tiranni, e la divinità etrusca Turan significherebbe la signora. In latino, accanto alla forma Etruci (voce secondaria Etrurii) si avrebbe il nome Tusci, ondetuscia (Toschi e Toscana), nome che corrisponde al turskum umbro datoci dalle tavole iguvine. Ma da Dionisio di Alicarnasso desumiamo che gli Etruschi chiamavano se stessi Rasena dal nome dei loro comandanti; forse in esso era insito il significato di popolo o di uomini, certo è che non di rado si trova nelle epigrafi etrusche il tema di questo nome (ras- o rasn- ) in varie forme: Rasne, Rasna, Rasnal. Gli Etruschi sono localizzati in Italia essenzialmente nel territorio compreso tra il mare Tirreno, che da loro appunto desunse il nome, l Arno, ed il Tevere. Ma la questione della loro origine è stata ed è ancora assai dibattuta. Tre sono le opinioni che tengono ora il campo. PRIMA TEORIA: gli Etruschi sarebbero il risultato della fusione delle primitive popolazioni con colonizzatori tirreni, approdati sulle coste del Tirreno e provenienti dalle terre asiatiche bagnate dall'egeo; questi colonizzatori parlavano una lingua che era apparentata a quella in uso in Asia Minore e che si mantenne, con necessarie modificazioni dovute all influsso del nuovo ambiente colonizzato, durante lo sviluppo dell Etruria; tale colonizzazione dovette essere graduale, a più riprese. SECONDA TEORIA: gli Etruschi sarebbero discesi nella penisola italiana attraverso le Alpi Retiche occupando la valle del Po e poi la Toscana. Ma bisogna distinguere tra coloro che suppongono questi Etruschi venuti per terra, affini alle altre popolazioni italiche del gran ceppo indo-europeo, cioè ai Latini, agli Umbri ecc., e quelli che sostengono la identità tra Etruschi e

5 "terramaricoli" e negano tale appartenenza al ceppo suddetto, di cui invece farebbero parte le anteriori genti cuprolitiche. TERZA TEORIA: Gli Etruschi deriverebbero dalla fusione in Toscana e nel Lazio settentrionale tra i cuprolitici e gli incineratori; la lingua etrusca sarebbe in realtà l antica lingua parlata dai cuprolitici e, cognata con quelle dell Asia Minore, farebbe parte delle lingue mediterranee prevalenti prima dell ultimo millennio a. C. La prima teoria è la tradizionale, poiché sembra confermata dalle testimonianze degli antichi. La fonte principale è Erodoto. Egli ci dà notizia di una carestia che afflisse la Lidia sotto il regno di Atys; dopo aver escogitato vari rimedi, si stabilì che una parte della popolazione dovesse emigrare; l esodo avvenne sotto la guida di un figlio del re, di nome Tirreno. Dopo un avventuroso errare questi Lidi giunsero tra gli Umbri e si fissarono lì, cambiando il nome in quello di Tirseni o di Tirreni, cioè di Etruschi. Concordemente gli scrittori greci e latini seguono la tradizione erodotea; ma vi sono due eccezioni: la prima è Ellanico di Mitilene (presso Dionisio di Alicarnasso), che nella Foronide riferiva che schiere di Pelasgi dall oriente ellenico erano approdate in Italia alla foce del fiume Spinete, erano penetrate nell interno ed avevano fondato Cortona, dando origine agli Etruschi. La seconda eccezione è Dionisio di Alicarnasso, il quale rifiuta la identità, sostenuta da Ellanico, di Etruschi e di Pelasgi, rifiuta la identificazione di Erodoto tra Etruschi e Lidi e conclude che il popolo etrusco è aborigeno, perché diverso per lingua e per costume dagli altri popoli italici: constatazione preziosa, perché in tal modo risulta che ai tempi augustei, in cui scriveva Dionisio di Alicarnasso, fortissimo, anzi non colmabile, era il distacco tra gli Etruschi e gli altri popoli del centro della penisola circonvicini, distacco per cui agli Etruschi si doveva attribuire un origine ben distinta da quella di questi popoli. Considerando ora la seconda e terza teoria si deve ammettere che esse urtano contro difficoltà assai gravi. Ecco quanto può essere opposto alla seconda teoria, che è avvalorata specialmente da storici. L indagine archeologica ha provato che le Alpi Retiche non furono valicate da popoli sino all inizio della primavera del 101 a.c., in cui i Cimbri scesero nella pianura veneta. Lungo le valli tridentine è un movimento graduale, tardo di civiltà, non già da nord a sud, ma da sud a nord. Verso le paurose gole, verso i

6 minaccevoli picchi si dirada la vita, diventa sempre più sporadica, non si manifesta affatto. Attraverso le Alpi Retiche non possono essere passati gli Etruschi, cioè i proto-etruschi. E fu in realtà una interpretazione erronea di un noto passo di Tito Livio, che dette origine alla teoria della provenienza terrestre degli Etruschi attraverso le Alpi Retiche, le quali avrebbero avuto tale nome, qualora si consideri rettamente questo passo, non già da ipotetiche, lontanissime schiere etrusche, discese lungo le gole e le valli, ma da miseri Etruschi fuggiaschi, rifugiatisi, come in luogo sicuro, tra le rocce alpine, dinanzi all invasione gallica della prima metà del secolo IV a. C. La terza teoria, gradita specialmente ai glottologi, urta parimenti contro difficoltà di carattere archeologico. I cuprolitici della odierna Toscana e del Lazio settentrionale sarebbero stati i progenitori degli Etruschi ed avrebbero parlato quella stessa lingua che, con le modificazioni inevitabili, sarebbe diventata la lingua etrusca. Ora, sullo strato cuprolitico, si estende, in Toscana e nel Lazio settentrionale, il possente strato "villanoviano"; sono due stirpi diverse assai distaccate tra di loro. Rispetto ai cuprolitici, qua e là sparsi ed in luoghi non sempre coincidenti con quelli dove si afferma rigogliosamente la civiltà villanoviana, questa civiltà ci si manifesta come la espressione di una potenza demografica altissima. LA PRIMA TEORIA DELL ORIGINE TRANSMARINA DEGLI ETRUSCHI E ARGOMENTAZIONI A SUO FAVORE La più probabile è la prima teoria, quella della venuta dei colonizzatori Tirreni dal bacino dell Egeo, i quali non avrebbero già costituito un popolo emigrante in massa, ma piuttosto piccole schiere di coloni. Sulle coste della Toscana e del Lazio settentrionale si sarebbe dunque manifestato un fenomeno analogo a quello della colonizzazione ellenica e fenicia. Anzi si è voluta precisare, in questo inserirsi nelle popolazioni primitive italiche di elementi esotici venuti dal mare, la presenza di due principali ondate: la più antica con la fondazione di Tarquinia, di Populonia e di Cerveteri; la più recente, e di maggior rilievo, con la fondazione di Vetulonia. A sostegno di questa teoria dell origine transmarina sta la scoperta avvenuta nel 1885 di una stele funebre nell isola di Lemno, col residuo di una figura di un guerriero a bassissimo rilievo e con una duplice iscrizione condotta in

7 alfabeto greco, ma di lingua non greca: è l iscrizione di un idioma, per quanto siano stati espressi di recente alcuni dubbi, se non etrusco, etruscoide. A Lemno la popolazione anellenica parlava in tempi storici ( sec. VIII-VII a.c.) una lingua affine a quella etrusca; i Tirreni, partiti dalle coste lidie e i Lemni sarebbero stati tra loro molto affini, discendenti da un unico ceppo. Ed i suddetti Lemni sarebbero da identificare coi Sinti del canto omerico (Iliade, I, v. 594; Odissea, VIII, v. 294) dalla rude favella, coi Pelasgi del testo di Erodoto (V, 26), coi Tirreni di Tucidide (IV, 109). I recenti scavi della Scuola Italiana di Archeologia di Atene hanno portato alla luce presso l antica Hephaistia di Lemno un sepolcreto di queste genti pelasgico-tirreniche; è un sepolcreto che presso a poco è databile nei due secoli VIII e VII a. C., proprio i due secoli in cui sarebbe avvenuta la colonizzazione dei Tirreni in Italia ed in cui si sarebbe sviluppata l Etruria. Si tratta di un cimitero di cremati, con la deposizione dei resti in urne che, per la loro sagoma, si avvicinano alle urne biconiche villanoviane, con numerose armi, con frequenti oggetti d oro, con vasi locali dipinti a linee spezzate o a spirale in rosso su fondo bianco. Tutto ciò non costituisce che qualche indizio, molto labile, di parentela tra i Lemni, vissuti, in arretrato nello sviluppo della civiltà, alla periferia del mondo greco, e gli Etruschi. Invece tra la duplice iscrizione lemnia e le iscrizioni etrusche la parentela è evidente. Altre constatazioni ci indirizzano al bacino settentrionale ed orientale dell Egeo. Alla fine della XVIII dinastia egizia ( verso la metà del XIV sec. a.c.), nell ambiente egiziano appaiono i popoli del nord o abitatori del mare o delle isole; sono popoli che minacciano a più riprese la compagine del regno egizio. Sotto il faraone Mernephtah della XIX dinastia ( ultimi decenni del XIII sec.) vediamo che viene tentata in Egitto un irruzione da parte dei Lukki, degli Akaiwasha (Achei), dei Tursa o Turusa, che furono sconfitti dai generali del monarca egizio presso Pirau, nel delta del Nilo. Altra popolazione è quella degli Shardina; in questi si sono voluti riconoscere o gli abitanti della Sardegna o genti dell Asia Minore, che col loro nome ricordano la famosa città Sardi in Lidia. Le parole Tursa o Turusainvece sembra che debbano essere avvicinate alle denominazioni elleniche di Tyrsenoi o di Tyrrhenoi, con derivazione da Tyrrha o Tyrsa, che significa cittadella ed è appunto il nome di una località della Lidia meridionale a nord della catena del monte Messogide, a sud del fiume Caistro. La parola è stata letta con diverse

8 varianti dai documenti egizi, ma è stabilita fermamente la presenza del gruppo consonantico Tr - s, e perciò non può essere affatto eliminata l ipotesi della discendenza dei Tirreni dai Tursa o Turusa anatolici dell età cretese - micenea. Importanti inoltre da notare sono le somiglianze numerose e vivissime tra i nomi dell Asia Minore e nomi etruschi; la parentela sarebbe evidente per quanto concerne l uso di radici, suffissi, fonetica. Dice Cicerone ( De Divinatione, I, 41,92) che nell arte divinatoria gli Etruschi erano inferiori soltanto ai Caldei. Si può supporre che la perizia degli Etruschi in tale campo di attività religiosa sia indizio di una lunga tradizione, maturatasi con il contatto con i popoli orientali. E si può supporre che l arte divinatoria della Caldea, dove come in Etruria essa si fondava specialmente sull extispicium o osservazione delle interiora delle vittime e precisamente del fegato, sia passata ai Tirreni asiatici attraverso l antico impero ittita. Ciò premesso e data l inverosimiglianza della seconda teoria o della provenienza terrestre, della terza teoria o dell autoctonia, dovremmo riconoscere nel mito fiabesco di Erodoto un nocciolo di verità. E assolutamente da scartare la testimonianza di Ellanico sulla venuta degli Etruschi attraverso il golfo dello Ionio alla foce del fiume Spinete, cioè attraverso l Adriatico alle foci del Po. Infatti la presenza degli Etruschi tra Arno e Tevere è archeologicamente documentata assai prima che nella valle del Po. STUDI RECENTI Alle tre tesi sulla provenienza degli Etruschi si è sovrapposta l interpretazione del professor Massimo Pallottino, recentemente scomparso, importante studioso di Etruscologia: egli ha sottolineato la necessità di evitare impostazioni schematiche di un problema notevolmente complesso. Ha dunque analizzato i dati a sua disposizione finalizzando il suo operato a

9 comprendere non la provenienza, ma la formazione di questo popolo e della sua cultura. Lo studioso ha infatti affermato che il processo formativo della nazione etrusca non può aver avuto luogo che nell Etruria stessa. Ed in questo processo formativo hanno avuto un ruolo determinante i contatti e gli scambi commerciali e culturali con i viaggiatori provenienti dal Mar Egeo, attratti dalle risorse metallifere dell Elba, delle Colline Metallifere e dei Monti della Tolfa. Secondo Pallottino l impronta subita dalla fresca, primitiva, ancora duttile anima dei più antichi Etruschi, sotto l impulso delle mature civiltà d oltremare, fu probabilmente tale da polarizzare in modo definitivo le tendenze spirituali e le strutture stesse della nazione. Si parla dunque di un influenza culturale recepita e assorbita da questo popolo in modo entusiastico e non di provenienza dall Oriente. BIBLIOGRAFIA LIBRI * "STORIA D ITALIA DALLE ORIGINI ALLA MORTE DI CESARE" VOLUME I MONDADORI PERICLE DUCATI * "STORIA DEGLI ETRUSCHI" MARIO TORELLI EDITORI LATERZA SITI INTERNET

10 * L Etruria e gli Etruschi

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

La dea Cupra. e il suo paredro

La dea Cupra. e il suo paredro Fossato di Vico 10 Settembre 2010 La dea Cupra e il suo paredro Il punto di vista della linguistica Quattro diversi tipi di dati sono collegati al nome Cupra: iscrizioni picene, umbre, latine; testimonianze

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI. Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo

BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI. Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo Traduzione e integrazioni : Daiana Boller Stemma del Tirolo storico (Tirol-Südtirol-Trentino)

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

LE POPOLAZIONI PREROMANE DEL NORD ITALIA

LE POPOLAZIONI PREROMANE DEL NORD ITALIA Latinitas or Europa: from present to past, from past to present LE POPOLAZIONI PREROMANE DEL NORD ITALIA indice INTRODUZIONE 1. LE ORIGINI DELLE POPOLAZIONI PROTOSTORICHE; LE POPOLAZIONI DELL ITALIA SETTENTRIONALE

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro

Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro Cipro è divenuta indipendente dal 1960, eppure la sua storia e la sua cultura risalgono a circa 12000 anni

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Come si fa una ricerca scolastica

Come si fa una ricerca scolastica Come si fa una ricerca scolastica nell'epoca di Internet Per prima cosa......occorre individuare con chiarezza l'argomento della ricerca Poi......dobbiamo cercare il materiale Libri (Enciclopedie o altri)

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel.

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel. www.schiel.biz by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. Adios Ventilos! o Perché si sono estinte le valvole. Editore: Schiel

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Già gli studiosi dell'antichità avevano

Già gli studiosi dell'antichità avevano Già gli studiosi dell'antichità avevano notato che la geografia omerica presentava enormi incongruenze rispetto alla realtà del mondo greco-mediterraneo. Ma la geografia omerica è stata motivo di perplessità

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: LI12 SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO SOCIALE Tema di: DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli