Analisi di uno strumento per il monitoraggio di sistemi distribuiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi di uno strumento per il monitoraggio di sistemi distribuiti"

Transcript

1 ! Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Sistemi Operativi Analisi di uno strumento per il monitoraggio di sistemi distribuiti Anno Accademico 2010/2011 Candidato: Alessio Silvestro Matr. N46/247

2

3 INDICE Introduzione 1 Nagios 3 Capitolo1 Nagios core Host Servizi Time period Contatti Tipi di stato External command file Event Handler Topologia della rete Check attivi e passivi Elementi utili all installazione Interfaccia web 11 Capitolo2 Plugin Creazione di un plugin 15 Capitolo 3 Estensioni modulari NRPE NSCA Sicurezza e comunicazioni cifrate I passi della cifratura Replay attack DNX Neb 23 Capitolo 4 Cloud Computing Modelli di servizio SaaS PaaS IaaS OpenStack Compute Object Store Image Service 28 Installazione di Nagios su OpenStack 30 Riferimenti 32

4 !!! Analisi di uno strumento per il monitoraggio di sistemi distribuiti INTRODUZIONE Lo sviluppo delle attuali infrastrutture informatiche e delle telecomunicazioni da un lato e le esigenze aziendali di flessibilità,decentralizzazione e cooperazione dall'altro hanno incentivato l'uso di sistemi distribuiti su rete. Sono state fornite diverse definizioni di sistemi distribuiti nessuna delle quali soddisfacente. "Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare ai propri utenti come un singolo sistema coerente." [ 1 ] Del tutto generale, questa definizione mette tuttavia in risalto le due caratteristiche fondamentali dei sistemi distribuiti: l'autonomia dei dispositivi e la particolare posizione dell'utente che crede di utilizzare un sistema unico.non è stata fatta alcuna considerazione sulla tipologia dei computer né sui modi in cui sono interconnessi, al fine di non intaccare la generalità della definizione. I sistemi distribuiti sono spesso logicamente organizzati come un unico strato software, middleware,interposto tra le applicazioni utente e i sistemi operativi e le funzionalità di rete sottostanti. [ 1 ] Distributed Systems: Principles and Paradigms Andrew S. Tanenbaum and Maarten van Steen Prentice Hall, 2007 Alessio Silvestro N46/247 1

5 Figura 1 : Sistemi distribuiti come middleware [1] Il sistema distribuito si incarica della gestione dell'intera infrastruttura come le tecniche di virtualizzazione, le modalità di comunicazione e la gestione dell'affidabilità. Si intuisce che, in riferimento a sistemi così complessi, aumenta la difficoltà nella gestione di eventi eccezionali e situazioni critiche. Nasce allora l'esigenza di disporre di strumenti dedicati per la gestione dell'affidabilità e della tolleranza ai guasti al fine di rendere il servizio efficiente e affidabile. In questo elaborato sarà analizzato uno strumento open source per il monitoraggio di sistemi distribuiti su rete.si procederà ad una breve panoramica su un sistema che ricopre oggi un ruolo fondamentale nello scenario dell informatica moderna e si presta più degli altri alla definizione di sistema distribuito : il Cloud Computing. Alessio Silvestro N46/247! 2

6 NAGIOS Nagios è un sistema open source per il monitoraggio di risorse e servizi su reti locali. Un sistema di monitoraggio si occupa di controllare le risorse degli host (carico della cpu, memoria utilizzata, numero di processi attivi, etc.), di verificare la disponibilità dei servizi offerti e inviare notifiche nel caso di malfunzionamenti. Talvolta può effettuare azioni preventive per limitare i danni. Nagios è l'acronimo di Notice Any Glitches In Our System (notifica qualsiasi malfunzionamento nel nostro sistema). Sono presenti sul mercato diverse soluzioni software per il monitoraggio, quali System management della suite IT Performance di HP e Tivoli-netview della IBM che sono entrambi programmi modulari che permettono di caricare solo il modulo relativo a quello che si vuole controllare, senza rischiare di appesantire il sistema. Tuttavia hanno entrambi un costo elevato e presentano diversi lati negativi. System management, in particolare prevede la centralizzazione dell attività di monitoraggio appesantendo notevolmente il server centrale. Nonostante quindi l ottima validità di tali soluzioni, si preferisce l altrettanto valida alternativa open-source rappresentata da Nagios. Alessio Silvestro N46/247! 3

7 Nagios presenta una struttura modulare composta da 3 componenti: 1. Nagios core 2. Plugin 3. Estensioni modulari o Addon Poiché Nagios tratta in egual modo servizi e host, per esporre più scorrevolmente l argomento si tenderà a non specificare ogni volta l oggetto del monitoraggio,tranne nei casi in cui il comportamento di Nagios risulta differenziato oppure sia rivolto esclusivamente all uno o all altro oggetto. Capitolo 1 NAGIOS CORE Nagios core è un demone, un programma sempre attivo eseguito in background e residente in memoria. E' il fulcro dell'infrastruttura di monitoraggio e consente di effettuare diverse operazioni: monitorare qualsiasi servizio senza essere a conoscenza dell'effettiva entità che sta monitorando grazie all'uso dei plugin; gerarchizzare la rete; definire event handler da eseguirsi all occorrenza di determinati problemi, al fine di risolverli tempestivamente; visualizzare rapidamente lo stato corrente della rete tramite una semplice interfaccia web, che contiene le notifiche inviate, file di log e lista problemi accaduti. Alessio Silvestro N46/247! 4

8 Di seguito saranno analizzati i componenti e le caratteristiche fondamentali di Nagios core. 1.1 Host Gli host sono apparecchi fisici collegati alla rete, quali server, router o stampanti, identificati su di essa da un indirizzo IP o MAC. Hanno generalmente uno o più servizi associati ad essi e hanno relazioni di "parentela" con altri host appartenenti alla medesima rete. Nagios utilizza le relazioni di parentela nelle definizioni degli host per definire la topologia della rete. 1.2 Servizi Figura 2: Servizi relativi agli host [3] I servizi sono un punto centrale nell'infrastruttura di monitoraggio. Ogni servizio è associato almeno ad un host e può essere un attributo di un host (carico di processore, memoria usata, uptime, etc.) o un servizio fornito dall host (come http, pop3, ftp, ssh, etc.). Alessio Silvestro N46/247! 5

9 1.3 Time period I time period sono lo strumento di configurazione messo a disposizione da Nagios per definire la finestra temporale all interno della quale host e servizi devono essere monitorati. In particolare, i time period indicano quali contatti devono essere notificati tra quelli definiti per lo stesso servizio e attivi nelle diverse finestre temporali(ad esempio festivi,feriali).la definizione dei time period avviene attraverso l utilizzo di due variabili presenti nella definizione dei servizi, check_period e notification_period : la prima è utile per definire la finestra temporale dei controlli mentre la seconda è utile a definire la finestra temporale entro la quale a Nagios è permesso inviare notifiche. Entrambe hanno come valore di default 24x Contatti I contatti giocano un ruolo fondamentale all'interno dell'infrastruttura di monitoraggio. Si tratta di persone o gruppi di persone che, nel caso di funzionamento anomalo, ricevono tramite , chiamate o altro, notifiche su servizi e host di loro competenza, permettendo così un intervento tempestivo. Inoltre Nagios offre la possibilità di definire gruppi di persone responsabili per particolari servizi o semplicemente responsabili in determinati time period. 1.5 Tipi di stato Lo stato corrente dei servizi monitorati è determinato dallo stato del servizio (ok, warning, critical, etc.) e dal tipo dello stato del servizio. Lo stato del servizio serve ad indicare una condizione "statica" in cui si trova il servizio in quel preciso istante. Il tipo di stato invece serve ad indicare una condizione "dinamica" Alessio Silvestro N46/247! 6

10 dello stato del servizio, ovvero sul come sia arrivato il servizio a quella particolare condizione. L'uso dei tipi di stato serve ad evitare che problemi transitori, dovuti in alcuni casi a fattori esterni ai servizi stessi, possano attivare azioni correttive. Di seguito specifichiamo i tipi di stato e come vengono gestiti. Soft state Un servizio si trova in un Soft State quando in quell'istante è non-ok, ma non sono stati ancora effettuati un numero di controlli pari a max_check_attempts (variabile definita nella definizione del servizio, che serve appunto da indicatore del passaggio da uno stato all'altro), oppure quando un servizio viene recuperato da un Soft State, situazione definita come Soft Recovery, e serve per continuare l'azione di monitoraggio e non abbassare la guardia, verificando quindi l'effettivo ripristino del servizio. Hard state Gli hard state occorrono per i servizi nelle seguenti situazioni: un servizio risulta non-ok ed è stato ricontrollato per max_check_attempts volte; un servizio ha un transitorio da un Hard State ad un altro (ad esempio passa da warning a critical); un servizio è non-ok e il corrispondente host è unreachable; un servizio viene recuperato da un Hard State. Questo stato è chiamato Hard Recovery e viene utilizzato per prevenire falsi transitori che potrebbero invalidare le azioni preventive e di notifica di Nagios. 1.6 External command file Le azioni di monitoraggio processate da Nagios possono partire dal demone stesso oppure, come nella maggior parte dei casi, da applicazioni esterne. L'external command file è l'intermediario tra il demone e le applicazioni esterne: queste possono dare comandi Alessio Silvestro N46/247! 7

11 a Nagios scrivendo sull'external command file, periodicamente processato dal demone di Nagios. L external command file è implementato come una coda a gestione FIFO con una dimensione pari a circa 64 Kb. Figura 3: External command file [3] 1.7 Event handler Gli event handler sono comandi di sistema opzionali, script o eseguibili, che vengono eseguiti quando la transizione di stato di un servizio lo richiede. In particolare viene eseguito nella transizione da uno stato OK ad uno Soft/Hard, oppure quando si trova in un Soft/Hard recovery. L uso degli event handler rappresenta l'abilità di Nagios di risolvere preventivamente i problemi prima che essi siano notificati, o in ogni caso prima di un possibile intervento umano. Un uso comune degli event handler potrebbe essere il riavvio di un servizio fallito o il salvataggio dei file di log in un database. Esistono fondamentalmente due tipi di event handler all'interno di Nagios, definiti entrambi sia per gli host che per i servizi: global event handlers e specific event handlers. Alessio Silvestro N46/247! 8

12 Il primo tipo, definito direttamente da Nagios, ha capacità di ripristino da guasti limitate. Il secondo, eseguito in caso di fallimento del primo, è definito dall'amministratore della risorsa stessa e permette un azione correttiva definita ad hoc. 1.8 Topologia della rete Nagios è in grado di definire la topologia della rete. Invia pacchetti a tutti gli host connessi e tiene traccia di quelli che intercorrono lungo il cammino, definendo così i rapporti di "parentela", specificati poi nei file di definizione dei vari host. La conoscenza della topologia della rete permette a Nagios di riuscire a distinguere gli host unreachable: nel caso in cui un host diventi down, Nagios assegnerà lo stato di unreachable a tutti gli host appartenenti alla sottorete raggiungibile solamente attraverso quel particolare host. 1.9 Check attivi e passivi Nagios è capace di monitorare servizi in due modi: Check attivi Sono i controlli più comuni inizializzati dal demone stesso. I check attivi sono eseguiti ad intervalli di tempo regolari, o quando un servizio si trova in un Soft/Hard state oppure a richiesta quando Nagios necessita dell'ultima informazione sullo stato di un particolare servizio. Alessio Silvestro N46/247! 9

13 Figura 4:Check attivi [3] Check passivi I check passivi sono, al contrario, inizializzati da applicazioni esterne. Questa peculiarità permette a Nagios di monitorare servizi che presentano una natura asincrona (non adatti, quindi, allo scheduling ad intervalli di tempo regolare proprio di Nagios) e servizi che risiedono dietro un firewall, che sarebbero altrimenti non raggiungibili. Come un check passivo lavora nel dettaglio: Un'applicazione esterna esegue il check di un servizio e scrive il risultato sull'external command file. Nagios legge i dati presenti nell'external command file per la loro successiva elaborazione. Nell external command file sono presenti sia i check attivi che quelli passivi. Questa scelta di uguaglianza nel trattamento dei vari check rende ottimale l'integrazione di informazioni prese da applicazioni esterne. Uno dei motivi per cui si preferisce l uso dei check passivi è legato alla presenza di firewall su host remoti. Poiché Nagios non permette la scrittura libera sull'external command file, la comunicazione tra host remoti e il demone sul server centrale è resa possibile grazie ad un addon di Nagios, NSCA. Alessio Silvestro N46/247! 10

14 1.10 Elementi utili all'installazione Nagios non richiede particolari elementi per una corretta installazione. Richiede solo un server web installato sulla macchina, preferibilmente Apache, e la libreria gd di Thomas Boutell utilizzata per la grafica dell'interfaccia web 1.11 Interfaccia web Nagios offre una semplice interfaccia web, accessibile esclusivamente dal nodo centrale, che rappresenta un valido strumento di gestione dell infrastruttura di monitoraggio anche per utenti poco esperti del settore, rendendo immediate informazioni sulle performance e sui servizi dell intera rete. Di seguito verranno mostrati degli screenshot di particolari funzioni al fine di esplicarne le caratteristiche fondamentali. Viene riportata la semplice grafica che l interfaccia propone all utente; sono evidenziati (attraverso frecce rosse) alcuni punti trattati nel dettaglio successivamente. Figura 5:Home page interfaccia web Alessio Silvestro N46/247! 11

15 La schermata seguente mostra lo stato dei servizi monitorati sui diversi host connessi alla rete, specificando tra le varie informazioni l host sul quale viene effettuato il controllo e lo stato del servizio. Figura 6:Servizi monitorati interfaccia web L interfaccia web permette inoltre di creare report, come quelli mostrati nella seguente figura, per gli stati dei vari host. Sulla tabella vengono riportate le percentuali, relative all intera finestra di monitoraggio, dei vari stati susseguitisi. Figura 7: Report reperibilità degli host Alessio Silvestro N46/247! 12

16 Con pochi click è possibile avere un sommario dei problemi riscontrati mostrando, in particolare, per ogni servizio, lo stato e il tipo di stato che hanno messo in allerta il sistema. Se il problema è stato risolto, in cima alla lista presenta lo stato corretto. Figura 8: Sommario report Alessio Silvestro N46/247! 13

17 Capitolo 2 Plugin A differenza di tanti altri tool, Nagios non include alcun meccanismo concreto per il monitoraggio dei servizi. I veri artefici del monitoraggio sono i Nagios Plugin, ovvero script o eseguibili scritti da terzi in grado di monitorare host e servizi sulla rete. Figura 9:Plugin come livello astratto [3] I plugin agiscono come un livello astratto intermedio tra le richieste "logiche" presenti sul demone, gli host e i servizi monitorati. Alessio Silvestro N46/247! 14

18 Il vantaggio di questo tipo di architettura a plugin è la possibilità di monitorare qualsiasi cosa senza essere limitati alle funzioni presenti nel tool. Gli sviluppatori possono così concentrarsi solo sul fulcro dell infrastruttura di monitoraggio, lasciando a terzi la creazione di plugin. Nagios, inoltre, è totalmente all oscuro dell oggetto del monitoraggio e di conseguenza della sua struttura interna, garantendo così una certa riservatezza. Per creare un infrastruttura di monitoraggio completa bisogna installare Nagios-core congiuntamente ai suoi plugin, senza i quali il suo utilizzo risulterebbe vano.i plugin di Nagios offrono una svariata lista di controlli su servizi di base quali memoria usata, carico della cpu, etc. Nel caso piuttosto frequente in cui i plugin di base non dovessero soddisfare le esigenze del cliente, è possibile crearne di nuovi ad hoc. 2.1 Creazione di un plugin Nagios non vincola in alcun modo gli sviluppatori nella creazione dei plugin (script shell,c,perl,etc.) e dà solamente delle linee guida che gli sviluppatori devono seguire per la corretta integrazione nella piattaforma. Riportiamo di seguito due dei punti fondamentali per la corretta scrittura di un plugin: il plugin deve terminare con uno dei possibili valori di ritorno: Figura 10: Possbili valori di ritorno dei plugin [19] l'output del plugin deve essere al più 80 caratteri, rediretto verso lo STDOUT. A partire da Nagios 3, è possibile scrivere plugin che ritornano più linee di output (separate da una pipe), funzione utile nell uso dei plugin da linea di comando. Alessio Silvestro N46/247! 15

19 Capitolo 3 ESTENSIONI MODULARI Nagios presenta una struttura flessibile e facilmente ampliabile attraverso estensioni modulari o Addon. Questo permette di caricare solo le funzionalità necessarie, senza appesantire inutilmente il sistema, consentendo possibili estensioni future. Di seguito saranno trattate 3 tra le varie estensioni offerte da Nagios. 3.1 NRPE Nrpe (Nagios Remote Plugins Executor) permette l'esecuzione di plugin su macchine remote linux/unix. Nrpe, in particolare, sostituisce il metodo per l esecuzione di plugin remoti attraverso il plugin check_by_ssh, il quale crea connessioni sicure ssh per ogni check, introducendo un overhead che al crescere delle dimensioni delle sistema potrebbe risultare troppo oneroso. Nrpe è formato da due componenti: 1. Il plugin check_nrpe che risiede sulla macchina monitorante. 2. Il demone NRPE presente sulla macchina monitorata, dove saranno presenti, inoltre, i plugin. Quando Nagios ha bisogno di monitorare un servizio sulla macchina remota esegue il plugin check_nrpe, indicando il servizio richiesto check diretto. Il plugin check_nrpe contatta il demone nrpe sull'host remoto (opzionalmente tramite una connessione protetta Alessio Silvestro N46/247! 16

20 ssl). Il demone esegue il plugin appropriato al servizio richiesto (sull'host remoto), e ritorna i risultati al plugin check_nrpe.! Analisi di uno strumento per il monitoraggio di sistemi distribuiti Figura 11:Check diretti [3] E' inoltre possibile monitorare servizi pubblici e risorse su server remoti che non sono raggiungibili direttamente dalla macchina monitorante. Nel caso in cui una macchina host (dove risiede il demone nrpe) può comunicare con un server remoto inaccessibile dalla macchina monitorata, è possibile configurare il demone nrpe per permettere di monitorare il server indirettamente. In questo caso, quindi, il demone nrpe si comporta essenzialmente come un proxy e il check è definito indiretto. Figura 12: Check indiretti [3] Alessio Silvestro N46/247! 17

21 3.2 NSCA NSCA (Nagios Service Check Acceptor) è un addon di Nagios che permette di distribuire controlli su vari server e consente una comunicazione sicura tra loro. E composto da due parti: -il demone NSCA, presente sul server centrale, che ha il compito di ricevere e gestire i controlli ricevuti dagli host remoti; -SEND_NSCA, programma lato client utilizzato per inviare i controlli eseguiti in locale al server centrale. Figura 13:Check remoti NSCA [3] Nella pratica l uso di NSCA permette di distribuire i controlli su diversi server, in modo tale da alleggerire il carico di lavoro effettuato dal server di Nagios. L amministratore dovrà preventivamente dividere il carico di lavoro sui vari server, configurando adeguatamente sia il server centrale che i vari host Sicurezza e comunicazioni cifrate Un problema di fondamentale importanza nelle applicazioni distribuite è quello della sicurezza. Utenti maliziosi potrebbero modificare le informazioni inviate dai client NSCA per mascherare problemi presenti su client remoti, invalidando così lo scopo fondamentale nell uso di Nagios: fornire un azione tempestiva nel riparare i guasti. Oppure potrebbero costringere Nagios ad eseguire event handler (ad esempio il riavvio di Alessio Silvestro N46/247! 18

22 processi), in seguito a falsi allarmi, invalidando direttamente il servizio monitorato.le comunicazioni tra client e server devono quindi essere cifrate per garantire l integrità dei dati e l autenticità dei dati e degli host I passi della cifratura Quando un client vuole inviare risultati di check al server, invoca la funzione send_nsca, la quale usa un algoritmo di cifratura, deciso in fase di progettazione congiuntamente ad una password (presente nel file di configurazione send_nsca.cfg). Per garantire un ulteriore sicurezza sull integrità dei dati, la funzione send_nsca, prima della cifratura, esegue il CRC-32 dei pacchetti in modo tale da permettere al demone di scoprire eventuali modifiche dei dati da parti di terzi. Il demone, ricevuto il pacchetto, lo decifra utilizzando l algoritmo prestabilito utilizzando la password presente nel file nsca.cfg, ne calcola il CRC-32 del pacchetto decifrato e, se coincide con il CRC-32 ricevuto, salva il pacchetto come correttamente ricevuto. Nagios inoltre scarta tutti i pacchetti relativi a controlli non associati a nessuna definizione. In questo modo, anche nel caso in cui un utente malizioso venisse a conoscenza dei metodi di cifratura, dovrebbe indovinare i servizi associati per quel particolare host Replay Attack Un ulteriore tipologia di attacchi è rappresentata dai Replay Attack. Utenti maliziosi potrebbero intercettare e copiare i pacchetti inviati dal client nsca al server in un momento di quiete, per poi utilizzarli in futuro, in modo da mascherare situazioni di malfunzionamento, essendo però completamente all oscuro dei metodi di cifratura. Per evitare ciò il demone nsca genera una stringa e la invia al client. Questa stinga verrà utilizzata insieme alla password e all algoritmo di cifratura per cifrare i dati.viene generata una stringa diversa per ogni sessione temporale e viene inviata in chiaro essendo Alessio Silvestro N46/247! 19

23 singolarmente priva di informazioni utili. Quindi il pacchetto cifrato dipenderà dalla password, dall algoritmo e dalla stringa ricevuta. Un pacchetto cifrato con una stringa di una diversa sessione temporale sarà scartato dal server. L uso di NSCA è utile nell utilizzo dei check passivi su host remoti, ma presenta numerosi svantaggi: L amministratore deve configurare ogni controllo sia sul server che sull host, e deve tenere traccia della particolare distribuzione dei controlli sui diversi host. Nel caso in cui un server fallisca, tutti i controlli su quel determinato host andrebbero persi, costringendo l amministratore ad effettuare una redistribuzione manuale dei controlli sui rimanenti host. Gli host remoti comunicano con il server centrale tramite l external command file, generalmente di dimensioni limitate (all incirca 64 kb), il che limita il numero di richieste che contemporaneamente possono pervenire al server, ponendo un freno, così, alla reale scalabilità dell intera infrastruttura di monitoraggio. 3.3 DNX Dnx è un estensione modulare di Nagios che permette una redistribuzione dinamica dei carichi attraverso una rete di host remoti. Assicura che il lavoro sia distribuito in modo equo e uniforme tra i dnx host, chiamati worker. Diversi sono i vantaggi tratti dall utilizzo di questa soluzione. I cambiamenti nella configurazione del nodo centrale di Nagios sono minimi, per cui bisogna solo inserire una o due linee di codice nel file di configurazione, che permette di caricare il modulo NEB (Nagios Event Broker). Si ha la possibilità di aggiungere o rimuovere nodi a run time Alessio Silvestro N46/247! 20

24 senza la necessità di alcun cambiamento. La distribuzione dei carichi è dinamica, utile nel caso di guasti di nodi worker. Dnx bypassa l external command file per interfacciarsi con il demone, non limitando così la reale scalabilità dell intera infrastruttura. Figura 14 :Architettura DNX [6] Dnx è composto da 3 componenti fondamentali: il plugin Nagios Event Broker e il Dnx Server (presenti entrambi sui server) e il Dnx Client presente sui vari nodi worker. Si osserva di seguito il lavoro nel dettaglio di questi componenti attraverso lo studio di qualche grafico. Alessio Silvestro N46/247! 21

25 Figura 15: Schema di funzionamento server DNX [6] Nel grafico possiamo notare due zone, che evidenziano i compiti svolti dal demone di Nagios e quelli svolti dal plugin NEB. La coda a gestione fifo rappresenta l external command file, che riceve i risultati dei controlli dai plugin. Il demone di Nagios preleva i risultati dalla coda e li inserisce in un buffer circolare, (successivamente gestito) e, eventualmente, vengono effettuati ulteriori controlli su tali risultati. Alessio Silvestro N46/247! 22

26 3.3.1 NEB(Nagios Event Broker) Il plugin NEB crea 4 thread: Dispatcher: ha il compito di assegnare ad ogni richiesta dei nodi worker un job e inviare loro i relativi comandi; Collector: riceve i risultati dei comandi eseguiti dai nodi worker, bypassando la coda fifo, e verifica se è presente un job relativo ai dati ricevuti e solo allora inserisce i risultati nel buffer circolare; Timer. verifica se ogni job ha un corrispettivo nel buffer circolare e, in caso affermativo, controlla se i risultati sono arrivati in tempo; Register: ha il compito di ricevere le richieste di job inviati dai nodi worker e inserirli nella coda delle richieste. Figura 16: Schema di funzionamento client DNX [6] Alessio Silvestro N46/247! 23

27 Il dnx client crea almeno 3 thread: -Client Agent -Work Load Manager -Almeno un Service thread Il Work Load Manager è l elemento che conferisce dinamicità e flessibilità a DNX. Presente su ogni nodo worker, a seconda del carico di lavoro crea e distrugge service thread che invieranno richieste di job al server, ovvero richiedono lavoro. Questo metodo permette una distribuzione dei carichi -equa, in quanto ogni nodo worker richiede solo la quantità di lavoro che riesce a gestire; -flessibile, perché un nodo worker può diminuire la richiesta di lavoro in caso di carico eccessivo, distruggendo Service thread, senza intaccare l attività di monitoraggio; -dinamica,perché il carico verrebbe redistribuito equamente sui nodi worker rimanenti nel caso in cui un nodo worker dovesse essere non utilizzabile, rischedulando i check non eseguiti sul nodo in questione, rintracciati dal timer thread; Nel caso limite in cui dovessero essere inutilizzabili tutti i nodi worker, il demone di Nagios si comporterebbe come se il modulo Neb non fosse mai stato caricato, quindi incaricandosi di tutti i controlli. Alessio Silvestro N46/247! 24

28 Capitolo 4 Cloud computing In informatica il termine Cloud Computing indica un insieme di tecnologie, offerte tipicamente da un service provider, che consente agli utenti finali di archiviare informazioni, reperibili da un qualsiasi punto di accesso alla rete (ad esempio Google Documents) e/o sfruttare risorse computazionali distribuite e virtualizzate in rete. Risulta altamente diffuso oggi per la sua flessibilità e la capacità di adattarsi a scenari in continua evoluzione e trasformazione, quali quelli dell attuale industria ICT. Rappresenta, secondo la visione del Reliabel Adaptive Distributed Systems Laboratory dell università di Berkeley[ 2 ], una grande opportunità per le aziende, in quanto riduce i rischi nell investimento di capitali in infrastrutture informatiche e permette ad esse di sfruttare le migliori tecnologie presenti sul mercato. Secondo la definizione del NIST [ 3 ](National Institute of Standard and Tecnology) degli Stati Uniti, il cloud computing è un modello atto a garantire l accesso su rete in modo universale, comodo e on-demand a un insieme condiviso di risorse di calcolo configurabili [ 2 ] Above the Cloud: A berkeley View of Cloud Computing UC Berkeley Reliable Adaptive Distributed Systems Laboratory 10/2/09 Michael Armbrust, Armando Fox, Rean Griffith, Anthony D. Joseph, Randy Katz,Andy Konwinski, Gunho Lee, David Patterson,Ariel Rabkin, Ion Stoica, and Matei Zaharia [ 3 ] The NIST Definition of Cloud Computing Peter Mell and Tim Grance Version 15, Alessio Silvestro N46/247! 25

29 (ad esempio reti,server storage e applicazioni), che possono essere rapidamente assegnate e rilasciate, con minimi sforzi di gestione o interazione da parte del provider dei servizi. Il termine Cloud vuole sottolineare la condizione dell utente finale, il quale sfrutta tali risorse rimanendo completamente all oscuro dell effettiva dislocazione delle risorse su rete. Figura 17:Cloud Computing come nuvola [14] 4.1 MODELLI DI SERVIZIO Un architettura di Cloud Computing può offrire fondamentalmente tre tipologie di servizi: SaaS(Software as a Service) Al cliente viene offerta la possibilità di utilizzare applicazioni del provider, residenti su di un infrastruttura di Cloud. Le applicazioni in questione sono accessibili tramite un web browser, però l utente non gestisce l infrastruttura sottostante in alcun modo (ad esempio Alessio Silvestro N46/247! 26

30 impostazioni di rete,sistema operativo, etc.) ad eccezione di alcune configurazioni utili all applicazione fornita dal provider.! Analisi di uno strumento per il monitoraggio di sistemi distribuiti PaaS(Platform as a Service) Questo tipo di servizio permette al cliente l installazione di applicazioni proprietarie (anche a fini commerciali), create con tecnologie supportate dall infrastruttura in questione (ad esempio linguaggi di programmazione). In questo scenario l utente ha pieno controllo delle applicazioni da lui installate e possibilmente anche delle impostazioni di sistema utili al corretto funzionamento delle applicazioni stesse IaaS (Infrastructure as a Service) Il servizio offerto al cliente consiste nel riservargli l utilizzo di risorse di calcolo, di rete e di archiviazione. Il cliente è all oscuro di tutta l infrastruttura reale sottostante, grazie al massiccio impiego delle moderne tecniche di virtualizzazione, utilizzate in tutte le infrastrutture che seguono il modello Cloud. Il cliente ha pieno controllo delle applicazioni e del sistema operativo presente sui server, e un limitato controllo sui dispositivi di rete (ad esempio firewall), mentre non gestisce affatto l infrastruttura sottostante (a lui totalmente o parzialmente sconosciuta). 4.2 OpenStack OpenStack è un progetto open source per il Cloud Computing IaaS nato nel 2010 da una collaborazione tra RackSpace e la Nasa, successivamente affiancate da più di 100 aziende tra cui Citrix Systems, Dell, AMD, Intel, Nec, Linux, Hp e Cisco. A partire dalla versione Alessio Silvestro N46/247! 27

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011 Manuale utente ver 1.0 del 31/10/2011 Sommario 1. Il Servizio... 2 2. Requisiti minimi... 2 3. L architettura... 2 4. Creazione del profilo... 3 5. Aggiunta di un nuovo dispositivo... 3 5.1. Installazione

Dettagli

MAGO CRESCO - SPI.2. Relazione finale sul Progetto MAGO. Consorzio Campano di Ricerca per l Informatica e l Automazione Industriale S.c.a.r.l.

MAGO CRESCO - SPI.2. Relazione finale sul Progetto MAGO. Consorzio Campano di Ricerca per l Informatica e l Automazione Industriale S.c.a.r.l. CRESCO - SPI.2 MAGO Relazione finale sul Progetto MAGO Relativo al contratto tra ENEA e CRIAI avente per oggetto: Analisi e Realizzazione di tool innovativi a supporto delle funzionalità GRID stipulato

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla AdRem NetCrunch 6 Server per il controllo della rete aziendale Con NetCrunch puoi tenere sotto controllo ogni applicazione, servizio, server e apparato critico della tua azienda. Documenta Esplora la topologia

Dettagli

Virtualizzazione e Network management

Virtualizzazione e Network management Open Source per le infrastrutture IT aziendali Virtualizzazione e Network management Marco Vanino Spin S.r.l. Servizi IT aziendali File/Printer Server ERP CRM EMail Doc Mgmt Servizi IT aziendali File/Printer

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution

Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution Scenario Svariati server, con funzione in base all'area di competenza, dislocati nel territorio su Nodi Periferici collegati in rete (VPN) Un

Dettagli

Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale

Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale Massimiliano Dal Cero, Stefano Fratepietro ERLUG 1 Chi siamo Massimiliano Dal Cero CTO presso Tesla Consulting Sicurezza applicativa e sistemistica

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Introduzione al Cloud Computing

Introduzione al Cloud Computing Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e Cloud Introduzione al Cloud Computing Leopoldo Onorato Onorato Informatica Srl Mantova, 15/05/2014 1 Sommario degli argomenti Definizione di

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Virtualizzazione e Cloud Computing

Virtualizzazione e Cloud Computing Virtualizzazione e Cloud Computing 12 marzo 2015 Claudio Bizzarri claudio@bizzarri.net Ordine degli Ingegneri di Pistoia La virtualizzazione Macchine reali e macchine virtuali Vantaggi della virtualizzazione

Dettagli

Network Monitoring. Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale

Network Monitoring. Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale Network Monitoring & Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale Nicholas Pocher Poker SpA - Settimo Torinese, Novembre 2013 1 Indice Il Network Monitoring:

Dettagli

Petra Provisioning Center, rel 3.1

Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Copyright 1996,2006Link s.r.l. 1 Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Nanemon Network Monitor

Nanemon Network Monitor Nanemon Network Monitor www.navynet.it www.navynet.it Tutto sotto controllo......nanemon è lo strumento adatto per fare in modo che la tua infrastruttura informatica non abbia problemi. Cos é Nanemon?

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

EyesServ. La piattaforma di monitoraggio per la tua sala server. Soluzioni Informatiche

EyesServ. La piattaforma di monitoraggio per la tua sala server. Soluzioni Informatiche EyesServ - La piattaforma di monitoraggio per la tua sala server Soluzioni Informatiche Che cos è EyesServ? EyesServ è una nuova soluzione per il monitoraggio infrastrutturale IT. E costituita da un pacchetto

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Titolo progetto: ConsoliData Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Altri EPR coinvolti: - Altri organismi e soggetti coinvolti: Descrizione

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.5 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Chi ha già scelto nel mondo la nostra soluzione

Chi ha già scelto nel mondo la nostra soluzione InterMapper è un software di Network Monitoring, pensato per analizzare il traffico di rete. Le reti sono in continua evoluzione ed InterMapper rende la loro gestione più facile. Il monitoraggio, la mappatura

Dettagli

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione BANCA VIRTUALE/1 Il termine indica un entità finanziaria che vende servizi finanziari alla clientela tramite le tecnologie dell informazione e della comunicazione, senza ricorrere al personale di filiale

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

Automated Colour Management

Automated Colour Management Xerox IntegratedPLUS Gestione del colore automatizzata Brochure Xerox IntegratedPLUS Automated Colour Management SaaS. Rapida. Accurata. Produttiva. Raggiungete livelli straordinari di precisione del colore.

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI CLOUD

LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI CLOUD Cloud Computing e ITaaS 2013 LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI CLOUD Gli ultimi anni hanno visto il proliferare di soluzioni informatiche per la protezione degli asset critici aziendali. Il panorama stesso della

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

Sicurezza e virtualizzazione per il cloud

Sicurezza e virtualizzazione per il cloud Sicurezza e virtualizzazione per il cloud Con il cloud gli utenti arrivano ovunque, ma la protezione dei dati no. GARL sviluppa prodotti di sicurezza informatica e servizi di virtualizzazione focalizzati

Dettagli

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile IBM i5/os garantisce la continua operatività della vostra azienda IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile Caratteristiche principali Introduzione del software HASM (High Availability

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity.

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. UBIQUITY 6 e Server Privato Introduzione Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. Versione Descrizione Data 1 Prima emissione 21/06/2015 Disclaimer

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

Cloud Computing e OpenStack. Daniela Loreti, Ph.D. Student Dipartimento di Informatica Scienze e Ingegneria (DISI) daniela.loreti@unibo.

Cloud Computing e OpenStack. Daniela Loreti, Ph.D. Student Dipartimento di Informatica Scienze e Ingegneria (DISI) daniela.loreti@unibo. Cloud Computing e OpenStack Daniela Loreti, Ph.D. Student Dipartimento di Informatica Scienze e Ingegneria (DISI) daniela.loreti@unibo.it 1 Cos è il Cloud Computing Paradigma computazionale che racchiude

Dettagli

"Registro Elettronico Nuvola" SETTEMBRE 2014. Case Study sul. di Madisoft

Registro Elettronico Nuvola SETTEMBRE 2014. Case Study sul. di Madisoft Seeweb srl Mail: info@seeweb.com Sito: www.seeweb.com Case Study sul "Registro Elettronico Nuvola" di Madisoft SETTEMBRE 2014 Uno scenario sull'infrastruttura in Cloud su cui è realizzata la scuola digitale.

Dettagli

Il protocollo FTP (1/3)

Il protocollo FTP (1/3) FTP Server e Client Il protocollo FTP (1/3) Il File Transfer Protocol (FTP) (protocollo di trasferimento file), è un Protocollo per la trasmissione di dati tra host basato su TCP. Un server FTP offre svariate

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Network and IT Infrastructure Monitoring System

Network and IT Infrastructure Monitoring System NIMS+ Network and IT Infrastructure Monitoring System Software web based per il monitoraggio avanzato delle reti di telecomunicazioni, dell infrastruttura IT e delle Applicazioni 2 Soluzione software modulare,

Dettagli

Azienda-Online. La gestione dell azienda ora vola sulla cloud!

Azienda-Online. La gestione dell azienda ora vola sulla cloud! Azienda-Online La gestione dell azienda ora vola sulla cloud! Riduzione dei costi di acquisto, gestione e manutenzione Aumento e velocizzazione della comunicazione in azienda Accessibilità al sistema di

Dettagli

Alcatel-Lucent OmniVista TM 4760 Sistema di gestione della rete

Alcatel-Lucent OmniVista TM 4760 Sistema di gestione della rete Alcatel-Lucent OmniVista TM 4760 Sistema di gestione della rete Sistemi di gestione della rete I responsabili delle telecomunicazioni richiedono strumenti flessibili di gestione della rete per poter essere

Dettagli

Interstudio L INGEGNERE NELLE NUVOLE. App, WEB App e Cloud. ing. Sauro Agostini. Architectural & Engineering Software. venerdì 11 ottobre 13

Interstudio L INGEGNERE NELLE NUVOLE. App, WEB App e Cloud. ing. Sauro Agostini. Architectural & Engineering Software. venerdì 11 ottobre 13 Architectural & Engineering Software L INGEGNERE NELLE NUVOLE App, WEB App e Cloud ing. Sauro Agostini Mitterand 1981 Reagan Battaglin Alice IBM PC 5150 Alonso C ERA UNA VOLTA IL DOS Non è una rivoluzione,

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyCloud : Cloud Business Transformation LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL RINNOVAMENTO AZIENDALE Accompagniamo aziende di ogni dimensione e settore nella trasformazione strategica

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

I nostri servizi Dynamic Data Centre Infrastructure-as-a-Service.

I nostri servizi Dynamic Data Centre Infrastructure-as-a-Service. I nostri servizi Infrastructure-as-a-Service. 02 / TelecityGroup Cos è? (DDC) è la proposta di TelecityGroup nell ambito Infrastructure-as-a-Service (IaaS), uno dei cardini del cloud computing. Attraverso

Dettagli

IBM Tivoli Storage Manager for Virtual Environments

IBM Tivoli Storage Manager for Virtual Environments Scheda tecnica IBM Storage Manager for Virtual Environments Backup senza interruzioni e ripristino immediato: un processo più semplice e lineare Caratteristiche principali Semplificare la gestione del

Dettagli

Introduzione a Oracle 9i

Introduzione a Oracle 9i Introduzione a Oracle 9i Ing. Vincenzo Moscato - Overview sull architettura del DBMS Oracle 9i L architettura di Oracle 9i si basa sul classico paradigma di comunicazione client-server, in cui sono presenti

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

Progetto Virtualizzazione

Progetto Virtualizzazione Progetto Virtualizzazione Dipartimento e Facoltà di Scienze Statistiche Orazio Battaglia 25/11/2011 Dipartimento di Scienze Statiche «Paolo Fortunati», Università di Bologna, via Belle Arti 41 1 La nascita

Dettagli

Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP

Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP Videosorveglianza IP Tutto in un'unica soluzione Bosch Video Management System (VMS) consente di gestire video, audio e dati IP e digitali,

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB.

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. SISTEMI E RETI Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. CRITTOGRAFIA La crittografia è una tecnica che si occupa della scrittura segreta in codice o cifrata

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici

Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici Avv. Daniele Vecchi Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners Il Cloud Computing «Cloud computing: modello per

Dettagli

VMware vsphere Data Protection

VMware vsphere Data Protection FAQ VMware Panoramica di Advanced D. Che cos'è VMware? R. VMware vsphere Data Advanced è una soluzione di backup e ripristino con funzionalità integrate di replica dei dati di backup. È progettata per

Dettagli

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center FAMIGLIA EMC VPLEX Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center CONTINUOUS AVAILABILITY E DATA MOBILITY PER APPLICAZIONI MISSION- CRITICAL L'infrastruttura di storage è in evoluzione

Dettagli

Sistemi operativi basati sul web

Sistemi operativi basati sul web Sistemi operativi basati sul web Anno Accademico 2009-2010 Relatore: Ch.mo prof. Porfirio Tramontana Candidato: Mirolla Salvatore Matricola:576/260 Introduzione ai sistemi operativi basati sul Web A differenza

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ARGO

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ARGO Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ARGO Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.8 Aumentare l'efficienza e la flessibilità

Dettagli

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise SCHEDA PRODOTTO: CA AppLogic CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise agility made possible CA AppLogic è una piattaforma di cloud computing chiavi in mano che consente ai clienti enterprise

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER

MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER MIXER-DJ MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER MIXER Mixer è un ambiente applicativo di tipo Enterprise Service Bus (ESB) per la gestione delle trasmissioni di file su Linux. All'interno

Dettagli

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti.

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO SHERPAWEB IN CLOUD COMPUTING Esakon per occuparsi al meglio di ICT (Information Communications Technology,

Dettagli

Sommario. Oggetto: Istruzioni configurazione client VPN per piattaforma Mac OSX Data: 25/01/2016 Versione: 1.0

Sommario. Oggetto: Istruzioni configurazione client VPN per piattaforma Mac OSX Data: 25/01/2016 Versione: 1.0 Oggetto: Istruzioni configurazione client VPN per piattaforma Mac OSX Data: 25/01/2016 Versione: 1.0 Sommario 1. PREMESSA... 2 2. INSTALLAZIONE SOFTWARE VPN CLIENT... 2 3. PRIMO AVVIO E CONFIGURAZIONE

Dettagli

Data Center Telecom Italia

Data Center Telecom Italia Data Center Telecom Italia Certificazioni: ISO 27001 e ISO 9001 I Data Center Telecom Italia sono infrastrutture tecnologiche all avanguardia dotate di dispositivi di sicurezza, impianti, risorse professionali

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB)

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DB2Presentazione2009.pdf Sistemi Informativi L-A DB2 Universal

Dettagli