Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi."

Transcript

1 CHIMICA INORGANICA Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. Struttura 3D del calcicromo, un complessante per il calcio. Edizioni Peridròro

2 Indice 1 INTRODUZIONE 1 2 PRIMO GRUPPO ANALITICO Piombo Argento Mercurio SECONDO GRUPPO ANALITICO Bismuto Rame Cadmio Arsenico Antimonio Stagno TERZO GRUPPO ANALITICO Alluminio Ferro Cromo QUARTO GRUPPO ANALITICO Zinco Cobalto Nichel Manganese QUINTO GRUPPO ANALITICO Calcio, stronzio e bario MAGNESIO 31 8 ANIONI Anioni del boro Anioni del carbonio i

3 8.2.1 Ossalati Acetati Carbonati Anioni dell azoto Nitriti Nitrati Altri anioni del quinto gruppo Anioni del fosforo Anioni dell arsenico Anioni dello Zolfo Solfuri Solfiti Solfati Tiosolfati Alogenuri Fluoruri Cloruri, bromuri e ioduri I COMPOSTI DI COORDINAZIONE Introduzione Elemento centrale o accettore Gruppo donatore o datore Nomenclatura dei leganti e dell atomo centrale Nomenclatura dei complessi Complessi cationici Complessi anionici Complessi neutri Stabilità e inerzia dei complessi Leganti bi e polidentati A NOMENCLATURA DI COMPOSTI INORGANICI 52 A.1 Composti binari A.1.1 Caso in cui l atomo N sia l ossigeno A.1.2 Idracidi A.1.3 Regola aggiuntiva A.2 Composti ternari A.2.1 Idrossidi A.2.2 Ossiacidi A.2.3 Sali ii

4 Elenco delle tabelle 2.1 Caratteristiche degli elementi del Primo Gruppo Analitico Caratteristiche dei solfossidi del Secondo Gruppo Analitico Caratteristiche delle solfoanidridi del Secondo Gruppo Analitico Caratteristiche degli elementi del Terzo Gruppo Analitico Caratteristiche degli elementi del Quarto Gruppo Analitico Caratteristiche degli elementi del Quinto Gruppo Analitico Caratteristiche del magnesio Semireazioni redox di alcuni composti dell azoto Semireazioni redox di alcuni anioni del fosforo Semireazioni redox di alcuni anioni dell arsenico Alcuni sistemi redox dello zolfo Sistemi redox di alogeni iii

5 Capitolo 1 INTRODUZIONE Lo scopo di questa dispensa è quello di raccogliere le principali caratteristiche dei metalli studiati nei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio e degli anioni che di solito si ricercano nell analisi qualitativa. Verranno prese in considerazione alcune caratteristiche degli elementi allo stato fondamentale e alcune delle reazioni analiticamente più significative, che dovrebbero comunque essere già note dopo la pratica di Laboratorio, che riguardano gli ioni più stabili e importanti che questi metalli formano. Non si citeranno invece reazioni con reattivi organici. Inoltre, per ogni metallo si considererà il potenziale normale di riduzione di Nernst (E 0 ) che, rispetto a quello dell idrogeno, potrà essere positivo o negativo. Questo dato è utile per conoscere a priori se un metallo può o meno essere attaccato, ovvero ossidato, dai normali acidi minerali, almeno in via teorica. Infatti, un potenziale normale negativo significa che l equilibrio M (s) +H + M H 2 (1.1) èspostatoversodestra, e quindi che il metallo M èeffettivamenteossidatodagliioni H + provenienti dall acido. È, ad esempio, il caso dello zinco (E 0 Zn 2+ /Zn = 0.76 V) che si scioglie in acido cloridrico. Per altri metalli più nobili, come ad esempio l argento, che ha un E 0 Ag + /Ag =+0.80 V, non basta l azione dell acido cloridrico, ma occorre usare un acido che sia anche ossidante, come l acido nitrico. Infine va ricordato che, in generale, i cationi liberi in soluzione possono esistere solo se la carica dello ione è al massimo +2 e, molto raramente, +3. Per quanto riguarda gli anioni, si esamineranno per ognuno di essi alcune caratteristiche chimico fisiche, come la possibilità di formare complessi, sali poco solubili, sali di particolare interesse analitico, nonchè leproprietà ossidanti o riducenti. NOTA: questolavoroè stato scritto tra il 1991 e il Con l avvento delle nuove norme sulla sicurezza negli ambienti di lavoro, e nel caso particolare nei laboratori 1

6 CAPITOLO 1. INTRODUZIONE 2 scolastici, buona parte della sistematica citata è stata abbandonata, soprattutto quella che prevedeva l uso della tioacetammide come precursore dell acido solfidrico per la precipitazione dei solfuri dei cationi metallici del secondo e quarto gruppo. Questo ha fatto sì che, almeno in alcune scuole, i docenti si siano attivati per studiare nuove procedure didatticamente valide e accettabili sia chimicamente che dal punto di vista della salute. Anche se chi scrive oramai da tempo ha abbandonato il mondo dell insegnamento, è comunque in atto una collaborazione con alcuni insegnanti di chimica ed èinfasedistesuraunmanualepraticodilaboratoriochesaràcompletato nell estate del 2000 e che verrà divulgato liberamente una volta concluso. La personalità non si forma con quello che si sente e si dice, ma con l applicazione e l azione. Il metodo di educazione piùimportante,quindi, si è sempre fondato su ciò che l alunno era spronato a eseguire effettivamente. A. Einstein

7 Capitolo 2 PRIMO GRUPPO ANALITICO I valori delle principali grandezze chimico fisiche di questi elementi sono riportati nella seguente tabella: Elementi del Primo Gruppo Analitico Elemento Conf. Elettr. Gruppo N. di O. Potenziale Standard Piombo [Hg]6p 2 IVA +2 e +4 E 0 Pb 2+ /Pb = V E 0 Pb 4+ /Pb2+ =+1.69 V Argento [Kr]4d 10 5s IB +1 E 0 Ag + /Ag =+0.8 V Mercurio [Xe]4f 14 5d 10 6s 2 IIB +1 e +2 E 0 Hg 2+ /Hg =+0.85 V E 0 =+0.79 V Hg 2+ 2 /2Hg = V E 0 2Hg 2+ /Hg 2+ 2 Tabella 2.1: Caratteristiche degli elementi del Primo Gruppo Analitico 2.1 Piombo Presenta i numeri di ossidazione +2 e +4. Per la coppia Pb 2+ /Pb si ha E 0 = V, mentre per la coppia Pb 4+ /Pb 2+ il potenziale standard vale E 0 =+1.69 V. Nonostante il potenziale della coppia Pb 2+ /Pb sia negativo, il piombo metallico viene scarsamente attaccato dagli acidi ossidanti, perchè esso forma spesso sali poco solubili che generano sulla superficie del metallo un leggero strato protettivo. Il metallo viene attaccato dall acido nitrico con reazioni del tipo: 3

8 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO 4 3Pb (s) +2NO 3 +8H+ 3Pb 2+ +2NO +4H 2 O (2.1) Attaccandolo con acido solforico non molto concentrato si ha l ossidazione del metallo e la formazione di PbSO 4, bianco e insolubile; con acido solforico concentrato, invece, si forma Pb(HSO 4 ) 2, solubile: Pb (s) +H 2 SO 4(dil.) PbSO 4 +H 2 (2.2) Pb (s) +2H 2 SO 4(conc.) Pb(HSO 4 ) 2 +H 2 (2.3) Nello stato di ossidazione inferiore precipita a ph 7 come Pb(OH) 2 che si ridiscioglie a ph 13 per formazione di complessi piombosi. La maggior parte dei sali è insolubile o poco solubile: PbSO 4, PbCl 2, PbBr 2, PbI 2, PbCrO 4, PbS. Non forma molti complessi. I più stabili sono quelli che hanno come leganti lo ione acetato o altri anioni organici. Molto meno stabili sono quelli con gli alogenuri. I complessi con lo ione acetato sono del tipo [Pb(CH 3 COO)] + e [Pb(CH 3 COO) 4 ] 2 e sono molto importanti ai fini analitici. La loro formazione viene infatti sfruttata per portare in soluzione composti poco solubili come ad esempio PbSO 4. Nello stato di ossidazione +4 non esiste come ione libero in soluzione. Il catione, infatti, è molto acido per cui in acqua sarà quasi completamente idrolizzato secondo reazioni del tipo: Pb 4+ +H 2 O Pb(OH) 3+ +H + (2.4) nelle quali l equilibrio è quasi del tutto spostato a destra. I composti più stabili risultano il PbO 2 e i complessi. Il metallo viene attaccato dall acido nitrico e solforico concentrati, nonchè dall acido cloridrico e iodidrico, sempre comunque molto lentamente. Il piombo si scioglie anche in soluzioni di idrossidi alcalini a caldo, con formazione dello ione complesso piombito: Pb (s) +OH +2H 2 O [Pb(OH) 3 ] +H 2 (2.5) Le reazioni analitiche principali riguardano lo ione piomboso, e sono: -conh 2 SO 4 o comunque con SO 2 4 :precipitapbso 4, bianco, insolubile in quasi tutti i reattivi non complessanti; -coni : precipita PbI 2, giallo, che può ridisciogliersi in eccesso di ioni I per formazione di [PbI 4 ] 2 ;

9 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO 5 -concro 2 4 in ambiente non troppo acido: precipita PbCrO 4, giallo; -conh 2 S:precipitaPbS, nero,cheè uno dei solfossidi del secondo gruppo analitico. Un composto molto noto del piombo è il piombotetraetile, usato come additivo antidetonante nella benzina, che si prepara facendo reagire una lega sodio-piombo con cloruro di etile: 4NaPb (s) +4CH 3 CH 2 Cl (CH 3 CH 2 ) 4 Pb + 3Pb +4NaCl (2.6) Unaltrocompostodilargoimpiegoèilminio, che ha formula Pb 3 O 4 echeèin sostanza un ossido misto: 2PbO PbO 2. É di color arancione e viene usato come ricoprente antiruggine per i metalli. Il suo impiego maggiore consiste nella fabbricazione di batterie di accumulatori. Il piombo trova altre importanti applicazioni nella fabbricazione di pigmenti, di tubazioni e come rivestimento per speciali apparecchiature per l industria chimica. 2.2 Argento Lo stato di ossidazione piùcomuneè +1. Il potenziale standard vale E 0 =+0.80 V. L argento metallico quindi può venire ossidato solo con ossidanti energici, come l HNO 3 : 3Ag (s) +NO 3 +4H + 3Ag + +NO +2H 2 O (2.7) Lo ione Ag + precipita come idrossido a ph 8.5 e si decompone quasi istantaneamente per formare l ossido secondo la reazione: 2Ag + +2OH [2AgOH] Ag 2 O +H 2 O (2.8) Può venire ossidato superficialmente anche dall ossigeno atmosferico quando l aria contiene tracce di H 2 S, con formazione di Ag 2 S,nero: 4Ag (s) +O 2 +2H 2 S 2Ag 2 S+2H 2 O (2.9) Questo è uno dei motivi per cui gli oggetti di argento anneriscono nel tempo. É un metallo di transizione e nello stato di ossidazione +1 ha 10 elettroni nell orbitale 4d. Questa situazione potrebbe suggerire la formazione di complessi tetracoordinati, ovvero con quattro leganti e quindi otto elettroni; esso raggiungerebbe così il Numero Atomico Effettivo di 54, che è quello dello xenon. In base al postulato di Sidwick la

10 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO 6 situazione sarebbe la più favorevole. In realtà, l Ag + forma preferibilmente complessi bicoordinati, come i celebri diamminoargento(i) [Ag(NH 3 ) 2 ] + e dicianoargentato(i) [Ag(CN) 2 ]. Quest ultimo è molto usato nell industria galvanica. Un esempio di complesso tetracoordinato si ha nell anione tetratiocianoargentato(i) [Ag(SCN) 4 ] 3. I sali di argento sono quasi tutti insolubili: alogenuri, Ag 2 CrO 4, Ag 2 SO 4, Ag 2 S ecosì via. Tra i pochi solubili ci sono AgNO 3, AgClO 4, AgF e Ag(CH 3 COO). Le reazioni analitiche principali sono: -coni :precipitaagi, giallo, insolubile in (NH 4 ) 2 CO 3 e in ammoniaca acquosa, anche in soluzione concentrata; -conbr :precipitaagbr, giallo pallido, solubile solo in ammoniaca 6N; -concl :precipitaagcl, bianco, solubile anche in (NH 4 ) 2 CO 3. -conaso 3 4 :precipitaag 3 AsO 4, color rosso mattone. Gli alogenuri di argento, e specialmente il bromuro, trovano largo impiego in fotografia. Il bromuro di argento infatti viene rapidamente convertito dalla luce in bromuro di argento attivato. Questo, in presenza di un riducente (ad esempio Na 2 SO 3 in ambiente basico), reagisce più velocemente di quello non attivato per dare argento metallico, scuro. A seconda della quantità di luce ricevuta, quindi, l AgBr sarà più o meno attivato e reagiràin modo differenziato dando cosìorigine aivari tonidi grigio e nero del negativo. Una serie di reazioni possibili è la seguente, in cui AgBr èilsale attivato : AgBr luce AgBr (2.10) 2AgBr +Na 2 SO 3 +2NaOH 2Ag +Na 2 SO 4 +2NaBr+H 2 O (2.11) In pratica, più l immagine èluminosaepiù AgBr si forma nella reazione (2.10); di conseguenza si formerà in quella zona della pellicola più argento metallico, nero, che in altre zone, secondo la reazione (2.11). Questo avviene nel negativo. Nella foto vera e propria le intensità dei grigi e neri vengono ribaltate, per cui quello che nel negativo era scuro ritorna chiaro. Il metallo viene usato inoltre per la fabbricazione di specchi ed in lega con altri metalli nella produzione di argenteria, di apparecchiature dell industria chimica, ecc.

11 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO Mercurio Presenta gli stati di ossidazione +1 e +2. Il potenziale standard per la coppia Hg 2+ /Hg vale E 0 =+0.85 V; quello per la coppia Hg2 2+ /2Hg è E 0 =+0.79 V e quello per la coppia 2Hg 2+ /Hg2 2+ è E 0 =+0.91 V. Il fatto che tutti questi potenziali siano positivi qualifica il mercurio come metallo nobile. I suoi solventi sono quindi gli acidi ossidanti come HNO 3 che reagisce in modo diverso a seconda che sia presente in eccesso o in difetto. Infatti, con l acido in eccesso e concentrato la reazione è: 3Hg (l) + 8HNO 3(conc.) 3Hg(NO 3 ) 2 +2NO +4H 2 O (2.12) mentre con l acido in difetto e diluito la reazione diventa: 6Hg (l) + 8HNO 3(dil.) 3Hg 2 (NO 3 ) 2 +2NO +4H 2 O (2.13) Anche con acido solforico concentrato si ha reazione secondo lo schema: Hg (l) +2H 2 SO 4 HgSO 4 +SO 2 +2H 2 O (2.14) Con acido iodidrico è possibile ossidare il mercurio a mercurio(ii) perchè nella reazione si forma il complesso [HgI 4 ] 2 che è molto stabile: Hg (l) +4I +2H + [HgI 4 ] 2 +H 2 (2.15) Questo complesso è la sostanza di base per la preparazione del reattivo di Nessler, che viene usato per la ricerca dell ammoniaca. Il metallo puro è liquido a temperatura ambiente, e per questa sua particolare caratteristica trova impiego nell industria elettrotecnica e nella galvanica. Ha un elevato coefficiente di dilatazione, per cui è molto usato come liquido termometrico. Ha un elevato peso specifico ( 13.5 g ). É molto tossico, soprattutto come sale. cm 3 Nello stato di ossidazione inferiore esiste solo come dimero, Hg2 2+ che ha struttura lineare [Hg Hg] 2+. In soluzione può esistere come catione libero Hg2 2+ stabile solo a ph molto acidi. All aumentare dell acidità si idrolizza a Hg 2 OH + prima e successivamente, a ph 3 dismuta a mercurio metallico, nero, e HgO, giallo: Hg OH Hg +HgO +H 2 O (2.16) I sali mercurosi sono poco solubili. Tra questi ricordiamo Hg 2 Cl 2 (calomelano) che costituisce parte del primo gruppo analitico. Tra i sali solubili abbiamo Hg 2 (NO 3 ) 2, Hg 2 (ClO 4 ) 2 e Hg 2 (CH 3 COO) 2.

12 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO 8 I sali mercuricimercurio!sali mercurici poco solubili sono quasi tutti solubili, tranne HgI 2, Hg(CNS) 2 e HgS, cheè uno dei sali meno solubili in assoluto. Il catione mercurico, come l Ag +, ha dieci elettroni nell orbitale d più esterno, per cui forma con facilità complessi tetraedrici. Ricordiamo il tetraiodomercurato(ii), [HgI 4 ] 2. Le principali reazioni analitiche dello ione mercurico sono: -consn 2+ : si ha la riduzione del mercurio(ii) a mercurio(i) e successivamente a mercurio metallico; -coni :precipitahgi 2, arancione, che si ridiscioglie con un eccesso di ioni ioduro per la formazione di [HgI 4 ] 2 ; -connaoh: precipitahgo, giallo; -conh 2 S:precipitaHgS, nero, insolubile anche in acido nitrico diluito e solubile in acqua regia. Il mercurio metallico scioglie molti metalli formando particolari leghe dette amalgami, dalle quali viene recuperato per riscaldamento. Non riesce a sciogliere alcuni metalli di transizione come il ferro, che viene perciò usato per costruire contenitori per il mercurio. Gli amalgami vengono utilizzati ad esempio nella preparazione del cloro e dell idrossido di sodio per elettrolisi del cloruro di sodio, col metodo delle celle ad amalgama. In odontotecnica l amalgama viene usato per le otturazioni. Sali di mercurio vengono usati per la fabbricazione di elettrodi, che sono molto importanti nell analisi chimica.

13 Capitolo 3 SECONDO GRUPPO ANALITICO Anche per questi elementi si raccolgono in una tabella le principali caratteristiche chimico fisiche, iniziando dai solfossidi 1 : Solfossidi del Secondo Gruppo Analitico Elemento Conf. Elettr. Gruppo N. di O. Potenziale Standard Bismuto [Hg]6p 3 VA +3 e +5 E 0 Bi 3+ /Bi = V E 0 BiO + /Bi =+0.32 V Rame [Ar]3d 10 4s IB +1 e +2 E 0 Cu 2+ /Cu =+0.34 V E 0 Cu 2+ /Cu = V + E 0 Cu + /Cu =+0.5 V Cadmio [Kr]4d 10 5s 2 IIB +2 E 0 Cd 2+ /Cd = 0.40 V Tabella 3.1: Caratteristiche dei solfossidi del Secondo Gruppo Analitico 1 Mercurio e piombo sono già stati trattati nel precedente capitolo 9

14 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 10 Si prendono quindi in considerazione le solfoanidridi: Solfoanidridi del Secondo Gruppo Analitico Elemento Conf. Elettr. Gruppo N. di O. Potenziale Standard Arsenico [Zn]4p 3 VA -3, +3 e +5 E 0 As 3+ /As =+0.30 V Antimonio [Cd]5p 3 VA -3, +3 e +5 E 0 Sb 3+ /Sb =+0.10 V Stagno [Cd]5p 2 IVA +2 e +4 E 0 Sn 2+ /Sn = V E 0 Sn 4+ /Sn = V 2+ Tabella 3.2: Caratteristiche delle solfoanidridi del Secondo Gruppo Analitico 3.1 Bismuto Neicompostiilsuostatodiossidazionepiùcomuneè +3. La coppia Bi 3+ /Bi ha E 0 = +0.2 V. É quindi insolubile in acidi non ossidanti, mentre reagisce con HNO 3 sia diluito che concentrato e con H 2 SO 4 concentrato: Bi (s) + 4HNO 3 Bi(NO 3 ) 3 +NO +2H 2 O (3.1) 2Bi (s) +6H 2 SO 4 Bi 2 (SO 4 ) 3 +3SO 2 +6H 2 O (3.2) Come catione libero in soluzione èpresentesoloinsoluzionimoltoacide(ph < 1). Per valori di ph maggiori si idrolizza formando specie del tipo BiOH 2+, BiO + e Bi(OH) + 2, che danno i sali di bismutile, poco solubili. A ph 6 8 precipita come Bi(OH) 3, che ha carattere basico e che si ridiscioglie solo in soluzioni basiche molto concentrate. Tra i sali poco solubilibismuto!sali poco solubili ricordiamo Bi 2 S 3,bruno, che è uno dei solfossidi, Bi 2 (CrO 4 ) 3, BiI 3 che si ridiscioglie in eccesso di ioni ioduro. Il metallo e i suoi sali sono molto tossici Le principali reazioni analitiche sono: -coni : precipita BiI 3, nero, che si ridiscioglie con un eccesso di ioduro per la formazione di [BiI 4 ], arancione; -consno 2 2 : precipita bismuto metallico, nero;

15 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 11 -conh 2 S:precipitaBi 2 S 3, color bruno; - con ammoniaca: precipita una serie di sali basici bianchi, con composizione variabile, del tipo Bi(OH) 2 NO 3. Esistono anche pochi composti di bismuto(v), detti bismutati, deltiponabio 3,che è stabile in soluzione alcalina concentrata e diventa un energico ossidante in soluzione acida. Basti pensare che il potenziale della coppia Bi(V)/Bi(III) vale E 0 =+2.07 V. Il principale uso del bismuto si ha nella fabbricazione di leghe bassofondenti, molte delle quali hanno un punto si fusione inferiore a 100 C, usate nei dispositivi antincendio e di sicurezza, nonchè per saldature speciali. Altre leghe sono usate per i caratteri da stampa. Il bismuto viene anche usato in alcuni processi catalitici, per esempio nella sintesi dell acrilonitrile. I composti di bismuto sono meno tossici di quelli dell arsenico e dell antimonio. 3.2 Rame I principali stati di ossidazione sono +1 e +2. I potenziali standard sono positivi per tutte le coppie seguenti: Cu 2+ /Cu (E 0 =+0.34 V); Cu 2+ /Cu + (E 0 = V); Cu + /Cu (E 0 =+0.5 V). Il rame metallico è ossidato solo da energici ossidanti, come l acido nitrico, e anche dall acido solforico concentrato a caldo: 3Cu (s) +2NO 3 +8H + 3Cu 2+ +2NO +4H 2 O (3.3) Cu (s) +2H 2 SO 4 CuSO 4 +SO 2 +2H 2 O (3.4) I sali rameosi sono generalmente instabili. In soluzione il rame(i) è in grado di esistere solo a basse concentrazioni, altrimenti dismuta a rame(0) e rame (II): 2Cu + Cu +Cu 2+ (3.5) Per questo motivo esso è stabile solo in composti poco solubili o in complessi stabili, in molecole cioè che realizzano una bassa concentrazione di Cu + in soluzione. I sali rameosi sono quasi tutti insolubili: CuCN, CuCl, CuI (tutti bianchi) CuBr, giallo chiaro e Cu 2 S,nero.ApH 3 precipita l idrossido CuOH, giallo, che si trasforma rapidamente in Cu 2 O, giallo: 2CuOH Cu 2 O +H 2 O (3.6)

16 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 12 Forma molti complessi, soprattutto con ammoniaca, cianuri e cloruri. Il catione rameico esiste libero in soluzione a ph < 5. É di color azzurro tenue e precipita come Cu(OH) 2 che si ridiscioglie solo a ph molto elevati con formazione di anioni di color blu del tipo [Cu(OH) 4 ] 2 o con strutture più complesse. I sali sono quasi tutti molto solubili. Tra i più insolubili si ricordano CuS, un altro solfossido, nero, e il complesso Cu 2 [Fe(CN) 6 ], rosso scuro. Da ricordare anche il tetraamminorame(ii), [Cu(NH 3 ) 4 ] 2+, di color blu intenso. Le più importanti reazioni analitiche si hanno: -conh 2 S:precipitaCuS, nero, solubile in acido nitrico 6N; - con ammoniaca: si ottiene una soluzione intensamente colorata in blu per la formazione di [Cu(NH 3 ) 4 ] 2+ ; -conk 4 [Fe(CN) 6 ]:precipitacu 2 [Fe(CN) 6 ], rosso scuro. Data la sua alta conducibilità elettrica il rame metallico trova un vastissimo uso come conduttore elettrico. Importanti sue leghe sono i bronzi e gli ottoni. La Lega di Devarda, costituita dal 50% di rame, dal 45% di alluminio e dal 5% di zinco è facilmente polverizzabile e si usa nell analisi qualitativa per la ricerca dei nitriti e dei nitrati, i quali vengono da essa ridotti ad ammoniaca in soluzione alcalina. 3.3 Cadmio Il suo stato di ossidazione più importanteèil+2edè molto simile al Cu 2+ e allo Zn 2+. La coppia Cd 2+ /Cd ha un E 0 = 0.4 Ve il metallo quindi può venire ossidato anche da acidi non ossidanti: Cd (s) +2H + Cd 2+ +H 2 (3.7) In soluzione può esistere come catione libero sia in ambiente acido che neutro. Precipita a ph 8 9 come idrossido a carattere esclusivamente basico, cioè si scioglie solo negli acidi e non anche nella basi come, ad esempio, Al(OH) 3. Questo composto si puòinrealtà sciogliere anche in ammoniaca per formazione di complessi ammoniacali che contengono fino a sei leganti, come nel [Cd(NH 3 ) 6 ] 2+. Il cadmio forma molti sali insolubili: CdS, giallo, che ha carattere di solfossido, solubile in acido nitrico diluito; CdCO 3, Cd(CN) 2, bianchi. Si complessa con facilità con ammoniaca, come visto sopra e concianuri. Vieneusato per la produzione di leghe e per la protezione galvanica del ferro, al quale conferisce tipici riflessi giallognoli. Le sue principali reazioni analitiche sono:

17 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 13 -conh 2 S:precipitaCdS, giallo; tra i solfuri poco solubili èunodeipiù solubili; -conoh :precipitacd(oh) 2, bianco (cfr. sopra per le caratteristiche di questo idrossido) Il cadmio e i suoi composti sono estremamente tossici. La maggior parte del cadmio viene utilizzata industrialmente per la cadmiatura, per proteggere cioè materiali metallici, in genere ferrosi, dalla corrosione, per mezzo di un sottile deposito superficiale di cadmio. É utilizzato per la fabbricazione di molte leghe, ad esempio col rame nella produzione di fili telefonici e per le reti aeree dei tram e dei filobus. Serve anche per preparare leghe bassofondenti, usate nei fusibili di sicurezza in impianti telefonici, nei sistemi di allarme antincendio, ecc. Ancora, viene utilizzato in batterie di accumulatori al Ni Cd, in alcuni pigmenti, ecc. 3.4 Arsenico Può avere i numeri di ossidazione -3, +3 e +5. Il potenziale della coppia As 3+ /As vale E 0 =+0.3 V. Esistono vari altri potenziali per coppie elettrochimiche più complesse e che coinvolgono anche gli ioni H +, e sono tutte positive. A temperatura ambiente non viene attaccato dall acqua, dagli acidi non ossidanti o da soluzioni di idrossidi. Reagisce invece con acido nitrico diluito con formazione di H 3 AsO 3, e da quello concentrato con formazione di H 3 AsO 4 : As (s) + HNO 3(dil.) +H 2 O H 3 AsO 3 +NO (3.8) 3As (s) + 5HNO 3(conc.) +2H 2 O 3H 3 AsO 4 +5NO (3.9) Reagisce anche con acido solforico concentrato a caldo: econnaoh fuso: 2As (s) +3H 2 SO 4(conc.) As 2 O 3 +3SO 2 +3H 2 O (3.10) 2As (s) +6NaOH (fuso) 2Na 3 AsO 3 +3H 2 (3.11) Nello stato di ossidazione -3, l arsenico forma composti detti arsine, deltipoash 3, nelle quali l idrogeno può essere sostituito da molecole più complesse. L arsina è un gas molto velenoso, che si sviluppa per riduzione di tutti i composti di arsenico ad opera di idrogeno nascente, idrogeno generato cioè dalla reazione di zinco e acido solforico o cloridrico:

18 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 14 H 3 AsO 3 +3Zn+6H + AsH 3 +3Zn 2+ +3H 2 O (3.12) H 3 AsO 4 +4Zn+8H + AsH 3 +4Zn 2+ +4H 2 O (3.13) Su questo tipo di reazione si basano alcuni metodi analitici di ricerca di tracce di arsenico. Per quanto riguarda lo stato di ossidazione +3, in soluzione il catione libero non esiste. Al massimo si può trovare la specie AsO +, arsenile a ph molto acidi, che si trasforma comunque in H 3 AsO 3 equindiinaso 3 3. Da notare che questo anione non ha il corrispondente nella chimica del fosforo. Non esiste, cioè, l anione PO 3 3 in quanto l acido H 3 PO 3,cheesiste,è un acido biprotico e può quindi dare origine, al massimo, all anione HPO 2 3. Per questo ossiacido sono generalmente solubili i sali con i metalli alcalini. Tra i sali di arsenico(iii) insolubili va ricordato As 2 S 3, una solfoanidride. Anche per il numero di ossidazione più elevatosipuòdirecheas 5+ libero in soluzione non esiste, perchè è molto acido e quindi è completamente idrolizzato. Esiste come H 3 AsO 4,chesipuò trovare più o meno dissociato a seconda del ph. Tra i sali poco solubili da ricordare As 2 S 5 che ha carattere di solfoanidride, e Ag 3 AsO 4. Le principali reazioni analitiche per l arsenico(iii) o (V) sono: -conh 2 S:precipitanoAs 2 S 3 e As 2 S 5, gialli, solubili in acido nitrico concentrato e in solfuro ammonico giallo; -conag + :precipitanoag 3 AsO 3, giallo e Ag 3 AsO 4, color rosso-bruno. Per il solo As(V) abbiamo inoltre reazioni: - con molibdato ammonico a caldo: si ottiene un precipitato giallo cristallino di arsenomolibdato di ammonio, secondo la reazione: H 3 AsO (NH 4 ) 2 MoO H + (NH 4 ) 3 AsO 4 12MoO NH H 2 O (3.14) - con miscela magnesiaca (MgCl 2 +NH 4 Cl in ammoniaca): precipita MgNH 4 AsO 4, bianco cristallino. L elemento si usa principalmente come costituente delle leghe con piombo, rame e altri metalli. La maggior parte dell arsenico è consumata sotto forma dei suoi composti inorganici e in piccola parte sotto forma di composti organici. L anidride arseniosa, assai tossica, si usa nella fabbricazione di insetticidi, diserbanti, veleni per topi, mordenti da tintoria e come sbiancante per certi tipi di vetro.

19 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO Antimonio Ha un comportamento chimico del tutto simile a quello dell arsenico. Presenta gli stati di ossidazione -3, +3 e +5 e ha una serie di potenziali standard positivi che dipendono dal ph. Per la coppia Sb 3+ /Sb, E 0 =+0.1 V. Non reagisce con gli acidi diluiti non ossidanti, mentre con quelli ossidanti concentrati si ossida rapidamente a Sb 2 O 5,che passiva il metallo: 6Sb (s) + 10HNO 3(conc.) 3Sb 2 O NO +5H 2 O (3.15) La reazione può avvenire anche con acido solforico concentrato a caldo: 2Sb (s) +6H 2 SO 4(conc.) calore Sb 2 (SO 4 ) 3 +3SO 2 +6H 2 O (3.16) Ancora, si può avere reazione anche usando acqua regia: 3Sb (s) + 15HCl + 5HNO 3 3SbCl 5 +5NO +10H 2 O (3.17) Anche l antimonio nel suo stato di ossidazione -3 forma composti del tipo SbH 3, detti stibine,moltovelenose. Il catione Sb 3+ non esiste libero in soluzione a causa della sue elevata acidità. Non esiste neppure in ambiente nettamente acido, dove si trova prevalentemente sotto forma di ossoione antimonile, SbO +. Tra i composti poco solubili c è Sb 2 S 3 con carattere di solfoanidride. Anche il catione Sb 5+ non esiste libero in soluzione. Il suo sale insolubile più noto è Sb 2 S 5, anch esso con carattere di solfoanidride. Le reazioni analiticamente interessanti sono: -conh 2 S: precipitano Sb 2 S 3 e Sb 2 S 5 di color arancione, solubili in acido nitrico diluito e in solfuro ammonico giallo; - con metalli meno nobili (Cu): si ha la riduzione a Sb metallico. Viene usato prevalentemente per la preparazione di leghe, specialmente con piombo e stagno, impiegate per i caratteri di stampa, per metalli antifrizione, come leghe da saldatura e per gli accumulatori. Alcuni composti dell antimonio si usano come mordenti in tintoria, nella vulcanizzazione, nelle industrie ceramiche.

20 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO Stagno I principali stati di ossidazione sono +2 e +4. La coppia Sn 2+ /Sn ha E 0 = V mentre la coppia Sn 4+ /Sn 2+ ha E 0 =+0.15 V. É poco elettropositivo e viene facilmente attaccato dagli acidi e anche dalle basi. In questo modo lo stagno dimostra il suo carattere anfotero: Sn (s) +2H + Sn 2+ +H 2 (3.18) Sn (s) +2OH +2H 2 O [Sn(OH) 4 ] 2 +H 2 (3.19) Con gli acidi ossidanti la reazione èdeltipo: 4Sn (s) + 10HNO 3(dil.) 4Sn(NO 3 ) 2 +NH 4 NO 3 +3H 2 O (3.20) L acido nitrico concentrato non riesce a scioglierlo poichè lo trasforma in acido metastannico, insolubile: 3Sn (s) + 4HNO 3(conc.) +H 2 O 3H 2 SnO 3 +4NO (3.21) Questo non significa che lo stagno non viene ossidato dall acido nitrico concentrato, ma che il prodotto di ossidazione non è solubile in acqua. La questione èimportante in tutti i casi nei quali si ha la necessità di portare in soluzione lo stagno o una lega che lo contiene, ad esempio per farne l analisi. Le reazioni con acido solforico sono diverse a seconda che questo sia diluito o concentrato: Sn (s) +H 2 SO 4(dil.) SnSO 4 +H 2 (3.22) Sn (s) +4H 2 SO 4(conc.) Sn(SO 4 ) 2 +2SO 2 +4H 2 O (3.23) Nello stato di ossidazione inferiore esiste come catione libero a ph < 1 e precipita come Sn(OH) 2,bianco,apH L idrossido può venire scritto anche come ossido idrato, SnO (aq). Questo si ridiscioglie a ph 13 per formare lo ione stannito [Sn(OH) 4 ] 2. Forma complessi con gli alogenuri e con lo ione ossalato. Tra i composti poco solubili è da ricordare SnS, bruno, che non ha carattere di solfoanidride ed è quindi insolubile in solfuro ammonico, mentre si scioglie in polisolfuro di ammonio per l azione ossidante che questo ha sullo stagno(ii) che diventa stagno(iv) secondo la reazione:

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici 1 Espansione 6.2 Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici Dalle formule ai nomi dei composti: 1) Riconoscere classi di composti dalla formula Per dare un nome a una formula

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica Capitolo n 3 1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica L Elettrochimica studia le relazioni tra energia chimica ed energia elettrica; in particolare si studiano i processi di trasformazione

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Soluzioni degli esercizi

Soluzioni degli esercizi 3 Soluzioni degli esercizi Valitutti, Tifi, Gentile LINEAMENTI DI CIMICA Terza edizione Zanichelli 2012 69 CAPITL 1 CAPITL 1 LE MISURE E LE GRANDEZZE Soluzioni capitolo 1 1. Il Sistema Internazionale di

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1 Indice: Pagina Acidità degli acidi carbossilici 2 eattività degli acidi carbossilici 4 Preparazione dei cloruri 5 Preparazione delle anidridi 6 Preparazioni degli esteri 7 Preparazioni delle ammidi 8 Sintesi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione materiali Gli inossidabili sono leghe ferrose che riescono a unire le proprietà meccaniche, tipiche degli acciai, alle caratteristiche intrinseche dei materiali nobili quali, tipicamente, le notevoli doti

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione C δ + δ - CH 2 G Centro elettrofilo δ + H Centro elettrofilo Potenziale buon gruppo uscente Si distinguono due principali meccanismi di eliminazione:

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze.

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze. Gli acciai inossidabili sono leghe FERRO-CROMO o FERRO-CROMO-NICHEL, di varia composizione, la cui principale caratteristica è la resistenza alla corrosione. Essi possono contenere, oltre al cromo (12%

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino)

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) INDICE Affinamento delle strutture cristalline... 31 Atmosfere dei forni da trattamento

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Tutto sulle sonde lambda

Tutto sulle sonde lambda www.beru.com Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE δ + δ + L OSSIGENO E IBRIDATO sp 3 CON DISTORSIONE DELL ANGOLO (α =105 ) DENSITA : la massima densità (1 g/ml) è a 3.98 C. PUNTO DI FUSIONE: alla pressione di 760

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Guida al regolamento REACH Marcia 2011

Guida al regolamento REACH Marcia 2011 Guida al regolamento REACH Marcia 2011 Da utilizzare come riferimento insieme alla guida alle sostanze REACH negli articoli 1 Guida alla conformità al regolamento REACH dell'unione European Il regolamento

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI 1. STORIA DELL ALLUMINIO 2. COME SI PRODUCE 3. CICLO DELL ALLUMINIO 4. ALLUMINIO INTORNO A NOI 5. LO SAPEVI CHE? UN PROGETTO DI STORIA DELL ALLUMINIO LE ORIGINI DELL ALLUMINIO

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli