Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi."

Transcript

1 CHIMICA INORGANICA Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. Struttura 3D del calcicromo, un complessante per il calcio. Edizioni Peridròro

2 Indice 1 INTRODUZIONE 1 2 PRIMO GRUPPO ANALITICO Piombo Argento Mercurio SECONDO GRUPPO ANALITICO Bismuto Rame Cadmio Arsenico Antimonio Stagno TERZO GRUPPO ANALITICO Alluminio Ferro Cromo QUARTO GRUPPO ANALITICO Zinco Cobalto Nichel Manganese QUINTO GRUPPO ANALITICO Calcio, stronzio e bario MAGNESIO 31 8 ANIONI Anioni del boro Anioni del carbonio i

3 8.2.1 Ossalati Acetati Carbonati Anioni dell azoto Nitriti Nitrati Altri anioni del quinto gruppo Anioni del fosforo Anioni dell arsenico Anioni dello Zolfo Solfuri Solfiti Solfati Tiosolfati Alogenuri Fluoruri Cloruri, bromuri e ioduri I COMPOSTI DI COORDINAZIONE Introduzione Elemento centrale o accettore Gruppo donatore o datore Nomenclatura dei leganti e dell atomo centrale Nomenclatura dei complessi Complessi cationici Complessi anionici Complessi neutri Stabilità e inerzia dei complessi Leganti bi e polidentati A NOMENCLATURA DI COMPOSTI INORGANICI 52 A.1 Composti binari A.1.1 Caso in cui l atomo N sia l ossigeno A.1.2 Idracidi A.1.3 Regola aggiuntiva A.2 Composti ternari A.2.1 Idrossidi A.2.2 Ossiacidi A.2.3 Sali ii

4 Elenco delle tabelle 2.1 Caratteristiche degli elementi del Primo Gruppo Analitico Caratteristiche dei solfossidi del Secondo Gruppo Analitico Caratteristiche delle solfoanidridi del Secondo Gruppo Analitico Caratteristiche degli elementi del Terzo Gruppo Analitico Caratteristiche degli elementi del Quarto Gruppo Analitico Caratteristiche degli elementi del Quinto Gruppo Analitico Caratteristiche del magnesio Semireazioni redox di alcuni composti dell azoto Semireazioni redox di alcuni anioni del fosforo Semireazioni redox di alcuni anioni dell arsenico Alcuni sistemi redox dello zolfo Sistemi redox di alogeni iii

5 Capitolo 1 INTRODUZIONE Lo scopo di questa dispensa è quello di raccogliere le principali caratteristiche dei metalli studiati nei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio e degli anioni che di solito si ricercano nell analisi qualitativa. Verranno prese in considerazione alcune caratteristiche degli elementi allo stato fondamentale e alcune delle reazioni analiticamente più significative, che dovrebbero comunque essere già note dopo la pratica di Laboratorio, che riguardano gli ioni più stabili e importanti che questi metalli formano. Non si citeranno invece reazioni con reattivi organici. Inoltre, per ogni metallo si considererà il potenziale normale di riduzione di Nernst (E 0 ) che, rispetto a quello dell idrogeno, potrà essere positivo o negativo. Questo dato è utile per conoscere a priori se un metallo può o meno essere attaccato, ovvero ossidato, dai normali acidi minerali, almeno in via teorica. Infatti, un potenziale normale negativo significa che l equilibrio M (s) +H + M H 2 (1.1) èspostatoversodestra, e quindi che il metallo M èeffettivamenteossidatodagliioni H + provenienti dall acido. È, ad esempio, il caso dello zinco (E 0 Zn 2+ /Zn = 0.76 V) che si scioglie in acido cloridrico. Per altri metalli più nobili, come ad esempio l argento, che ha un E 0 Ag + /Ag =+0.80 V, non basta l azione dell acido cloridrico, ma occorre usare un acido che sia anche ossidante, come l acido nitrico. Infine va ricordato che, in generale, i cationi liberi in soluzione possono esistere solo se la carica dello ione è al massimo +2 e, molto raramente, +3. Per quanto riguarda gli anioni, si esamineranno per ognuno di essi alcune caratteristiche chimico fisiche, come la possibilità di formare complessi, sali poco solubili, sali di particolare interesse analitico, nonchè leproprietà ossidanti o riducenti. NOTA: questolavoroè stato scritto tra il 1991 e il Con l avvento delle nuove norme sulla sicurezza negli ambienti di lavoro, e nel caso particolare nei laboratori 1

6 CAPITOLO 1. INTRODUZIONE 2 scolastici, buona parte della sistematica citata è stata abbandonata, soprattutto quella che prevedeva l uso della tioacetammide come precursore dell acido solfidrico per la precipitazione dei solfuri dei cationi metallici del secondo e quarto gruppo. Questo ha fatto sì che, almeno in alcune scuole, i docenti si siano attivati per studiare nuove procedure didatticamente valide e accettabili sia chimicamente che dal punto di vista della salute. Anche se chi scrive oramai da tempo ha abbandonato il mondo dell insegnamento, è comunque in atto una collaborazione con alcuni insegnanti di chimica ed èinfasedistesuraunmanualepraticodilaboratoriochesaràcompletato nell estate del 2000 e che verrà divulgato liberamente una volta concluso. La personalità non si forma con quello che si sente e si dice, ma con l applicazione e l azione. Il metodo di educazione piùimportante,quindi, si è sempre fondato su ciò che l alunno era spronato a eseguire effettivamente. A. Einstein

7 Capitolo 2 PRIMO GRUPPO ANALITICO I valori delle principali grandezze chimico fisiche di questi elementi sono riportati nella seguente tabella: Elementi del Primo Gruppo Analitico Elemento Conf. Elettr. Gruppo N. di O. Potenziale Standard Piombo [Hg]6p 2 IVA +2 e +4 E 0 Pb 2+ /Pb = V E 0 Pb 4+ /Pb2+ =+1.69 V Argento [Kr]4d 10 5s IB +1 E 0 Ag + /Ag =+0.8 V Mercurio [Xe]4f 14 5d 10 6s 2 IIB +1 e +2 E 0 Hg 2+ /Hg =+0.85 V E 0 =+0.79 V Hg 2+ 2 /2Hg = V E 0 2Hg 2+ /Hg 2+ 2 Tabella 2.1: Caratteristiche degli elementi del Primo Gruppo Analitico 2.1 Piombo Presenta i numeri di ossidazione +2 e +4. Per la coppia Pb 2+ /Pb si ha E 0 = V, mentre per la coppia Pb 4+ /Pb 2+ il potenziale standard vale E 0 =+1.69 V. Nonostante il potenziale della coppia Pb 2+ /Pb sia negativo, il piombo metallico viene scarsamente attaccato dagli acidi ossidanti, perchè esso forma spesso sali poco solubili che generano sulla superficie del metallo un leggero strato protettivo. Il metallo viene attaccato dall acido nitrico con reazioni del tipo: 3

8 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO 4 3Pb (s) +2NO 3 +8H+ 3Pb 2+ +2NO +4H 2 O (2.1) Attaccandolo con acido solforico non molto concentrato si ha l ossidazione del metallo e la formazione di PbSO 4, bianco e insolubile; con acido solforico concentrato, invece, si forma Pb(HSO 4 ) 2, solubile: Pb (s) +H 2 SO 4(dil.) PbSO 4 +H 2 (2.2) Pb (s) +2H 2 SO 4(conc.) Pb(HSO 4 ) 2 +H 2 (2.3) Nello stato di ossidazione inferiore precipita a ph 7 come Pb(OH) 2 che si ridiscioglie a ph 13 per formazione di complessi piombosi. La maggior parte dei sali è insolubile o poco solubile: PbSO 4, PbCl 2, PbBr 2, PbI 2, PbCrO 4, PbS. Non forma molti complessi. I più stabili sono quelli che hanno come leganti lo ione acetato o altri anioni organici. Molto meno stabili sono quelli con gli alogenuri. I complessi con lo ione acetato sono del tipo [Pb(CH 3 COO)] + e [Pb(CH 3 COO) 4 ] 2 e sono molto importanti ai fini analitici. La loro formazione viene infatti sfruttata per portare in soluzione composti poco solubili come ad esempio PbSO 4. Nello stato di ossidazione +4 non esiste come ione libero in soluzione. Il catione, infatti, è molto acido per cui in acqua sarà quasi completamente idrolizzato secondo reazioni del tipo: Pb 4+ +H 2 O Pb(OH) 3+ +H + (2.4) nelle quali l equilibrio è quasi del tutto spostato a destra. I composti più stabili risultano il PbO 2 e i complessi. Il metallo viene attaccato dall acido nitrico e solforico concentrati, nonchè dall acido cloridrico e iodidrico, sempre comunque molto lentamente. Il piombo si scioglie anche in soluzioni di idrossidi alcalini a caldo, con formazione dello ione complesso piombito: Pb (s) +OH +2H 2 O [Pb(OH) 3 ] +H 2 (2.5) Le reazioni analitiche principali riguardano lo ione piomboso, e sono: -conh 2 SO 4 o comunque con SO 2 4 :precipitapbso 4, bianco, insolubile in quasi tutti i reattivi non complessanti; -coni : precipita PbI 2, giallo, che può ridisciogliersi in eccesso di ioni I per formazione di [PbI 4 ] 2 ;

9 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO 5 -concro 2 4 in ambiente non troppo acido: precipita PbCrO 4, giallo; -conh 2 S:precipitaPbS, nero,cheè uno dei solfossidi del secondo gruppo analitico. Un composto molto noto del piombo è il piombotetraetile, usato come additivo antidetonante nella benzina, che si prepara facendo reagire una lega sodio-piombo con cloruro di etile: 4NaPb (s) +4CH 3 CH 2 Cl (CH 3 CH 2 ) 4 Pb + 3Pb +4NaCl (2.6) Unaltrocompostodilargoimpiegoèilminio, che ha formula Pb 3 O 4 echeèin sostanza un ossido misto: 2PbO PbO 2. É di color arancione e viene usato come ricoprente antiruggine per i metalli. Il suo impiego maggiore consiste nella fabbricazione di batterie di accumulatori. Il piombo trova altre importanti applicazioni nella fabbricazione di pigmenti, di tubazioni e come rivestimento per speciali apparecchiature per l industria chimica. 2.2 Argento Lo stato di ossidazione piùcomuneè +1. Il potenziale standard vale E 0 =+0.80 V. L argento metallico quindi può venire ossidato solo con ossidanti energici, come l HNO 3 : 3Ag (s) +NO 3 +4H + 3Ag + +NO +2H 2 O (2.7) Lo ione Ag + precipita come idrossido a ph 8.5 e si decompone quasi istantaneamente per formare l ossido secondo la reazione: 2Ag + +2OH [2AgOH] Ag 2 O +H 2 O (2.8) Può venire ossidato superficialmente anche dall ossigeno atmosferico quando l aria contiene tracce di H 2 S, con formazione di Ag 2 S,nero: 4Ag (s) +O 2 +2H 2 S 2Ag 2 S+2H 2 O (2.9) Questo è uno dei motivi per cui gli oggetti di argento anneriscono nel tempo. É un metallo di transizione e nello stato di ossidazione +1 ha 10 elettroni nell orbitale 4d. Questa situazione potrebbe suggerire la formazione di complessi tetracoordinati, ovvero con quattro leganti e quindi otto elettroni; esso raggiungerebbe così il Numero Atomico Effettivo di 54, che è quello dello xenon. In base al postulato di Sidwick la

10 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO 6 situazione sarebbe la più favorevole. In realtà, l Ag + forma preferibilmente complessi bicoordinati, come i celebri diamminoargento(i) [Ag(NH 3 ) 2 ] + e dicianoargentato(i) [Ag(CN) 2 ]. Quest ultimo è molto usato nell industria galvanica. Un esempio di complesso tetracoordinato si ha nell anione tetratiocianoargentato(i) [Ag(SCN) 4 ] 3. I sali di argento sono quasi tutti insolubili: alogenuri, Ag 2 CrO 4, Ag 2 SO 4, Ag 2 S ecosì via. Tra i pochi solubili ci sono AgNO 3, AgClO 4, AgF e Ag(CH 3 COO). Le reazioni analitiche principali sono: -coni :precipitaagi, giallo, insolubile in (NH 4 ) 2 CO 3 e in ammoniaca acquosa, anche in soluzione concentrata; -conbr :precipitaagbr, giallo pallido, solubile solo in ammoniaca 6N; -concl :precipitaagcl, bianco, solubile anche in (NH 4 ) 2 CO 3. -conaso 3 4 :precipitaag 3 AsO 4, color rosso mattone. Gli alogenuri di argento, e specialmente il bromuro, trovano largo impiego in fotografia. Il bromuro di argento infatti viene rapidamente convertito dalla luce in bromuro di argento attivato. Questo, in presenza di un riducente (ad esempio Na 2 SO 3 in ambiente basico), reagisce più velocemente di quello non attivato per dare argento metallico, scuro. A seconda della quantità di luce ricevuta, quindi, l AgBr sarà più o meno attivato e reagiràin modo differenziato dando cosìorigine aivari tonidi grigio e nero del negativo. Una serie di reazioni possibili è la seguente, in cui AgBr èilsale attivato : AgBr luce AgBr (2.10) 2AgBr +Na 2 SO 3 +2NaOH 2Ag +Na 2 SO 4 +2NaBr+H 2 O (2.11) In pratica, più l immagine èluminosaepiù AgBr si forma nella reazione (2.10); di conseguenza si formerà in quella zona della pellicola più argento metallico, nero, che in altre zone, secondo la reazione (2.11). Questo avviene nel negativo. Nella foto vera e propria le intensità dei grigi e neri vengono ribaltate, per cui quello che nel negativo era scuro ritorna chiaro. Il metallo viene usato inoltre per la fabbricazione di specchi ed in lega con altri metalli nella produzione di argenteria, di apparecchiature dell industria chimica, ecc.

11 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO Mercurio Presenta gli stati di ossidazione +1 e +2. Il potenziale standard per la coppia Hg 2+ /Hg vale E 0 =+0.85 V; quello per la coppia Hg2 2+ /2Hg è E 0 =+0.79 V e quello per la coppia 2Hg 2+ /Hg2 2+ è E 0 =+0.91 V. Il fatto che tutti questi potenziali siano positivi qualifica il mercurio come metallo nobile. I suoi solventi sono quindi gli acidi ossidanti come HNO 3 che reagisce in modo diverso a seconda che sia presente in eccesso o in difetto. Infatti, con l acido in eccesso e concentrato la reazione è: 3Hg (l) + 8HNO 3(conc.) 3Hg(NO 3 ) 2 +2NO +4H 2 O (2.12) mentre con l acido in difetto e diluito la reazione diventa: 6Hg (l) + 8HNO 3(dil.) 3Hg 2 (NO 3 ) 2 +2NO +4H 2 O (2.13) Anche con acido solforico concentrato si ha reazione secondo lo schema: Hg (l) +2H 2 SO 4 HgSO 4 +SO 2 +2H 2 O (2.14) Con acido iodidrico è possibile ossidare il mercurio a mercurio(ii) perchè nella reazione si forma il complesso [HgI 4 ] 2 che è molto stabile: Hg (l) +4I +2H + [HgI 4 ] 2 +H 2 (2.15) Questo complesso è la sostanza di base per la preparazione del reattivo di Nessler, che viene usato per la ricerca dell ammoniaca. Il metallo puro è liquido a temperatura ambiente, e per questa sua particolare caratteristica trova impiego nell industria elettrotecnica e nella galvanica. Ha un elevato coefficiente di dilatazione, per cui è molto usato come liquido termometrico. Ha un elevato peso specifico ( 13.5 g ). É molto tossico, soprattutto come sale. cm 3 Nello stato di ossidazione inferiore esiste solo come dimero, Hg2 2+ che ha struttura lineare [Hg Hg] 2+. In soluzione può esistere come catione libero Hg2 2+ stabile solo a ph molto acidi. All aumentare dell acidità si idrolizza a Hg 2 OH + prima e successivamente, a ph 3 dismuta a mercurio metallico, nero, e HgO, giallo: Hg OH Hg +HgO +H 2 O (2.16) I sali mercurosi sono poco solubili. Tra questi ricordiamo Hg 2 Cl 2 (calomelano) che costituisce parte del primo gruppo analitico. Tra i sali solubili abbiamo Hg 2 (NO 3 ) 2, Hg 2 (ClO 4 ) 2 e Hg 2 (CH 3 COO) 2.

12 CAPITOLO 2. PRIMO GRUPPO ANALITICO 8 I sali mercuricimercurio!sali mercurici poco solubili sono quasi tutti solubili, tranne HgI 2, Hg(CNS) 2 e HgS, cheè uno dei sali meno solubili in assoluto. Il catione mercurico, come l Ag +, ha dieci elettroni nell orbitale d più esterno, per cui forma con facilità complessi tetraedrici. Ricordiamo il tetraiodomercurato(ii), [HgI 4 ] 2. Le principali reazioni analitiche dello ione mercurico sono: -consn 2+ : si ha la riduzione del mercurio(ii) a mercurio(i) e successivamente a mercurio metallico; -coni :precipitahgi 2, arancione, che si ridiscioglie con un eccesso di ioni ioduro per la formazione di [HgI 4 ] 2 ; -connaoh: precipitahgo, giallo; -conh 2 S:precipitaHgS, nero, insolubile anche in acido nitrico diluito e solubile in acqua regia. Il mercurio metallico scioglie molti metalli formando particolari leghe dette amalgami, dalle quali viene recuperato per riscaldamento. Non riesce a sciogliere alcuni metalli di transizione come il ferro, che viene perciò usato per costruire contenitori per il mercurio. Gli amalgami vengono utilizzati ad esempio nella preparazione del cloro e dell idrossido di sodio per elettrolisi del cloruro di sodio, col metodo delle celle ad amalgama. In odontotecnica l amalgama viene usato per le otturazioni. Sali di mercurio vengono usati per la fabbricazione di elettrodi, che sono molto importanti nell analisi chimica.

13 Capitolo 3 SECONDO GRUPPO ANALITICO Anche per questi elementi si raccolgono in una tabella le principali caratteristiche chimico fisiche, iniziando dai solfossidi 1 : Solfossidi del Secondo Gruppo Analitico Elemento Conf. Elettr. Gruppo N. di O. Potenziale Standard Bismuto [Hg]6p 3 VA +3 e +5 E 0 Bi 3+ /Bi = V E 0 BiO + /Bi =+0.32 V Rame [Ar]3d 10 4s IB +1 e +2 E 0 Cu 2+ /Cu =+0.34 V E 0 Cu 2+ /Cu = V + E 0 Cu + /Cu =+0.5 V Cadmio [Kr]4d 10 5s 2 IIB +2 E 0 Cd 2+ /Cd = 0.40 V Tabella 3.1: Caratteristiche dei solfossidi del Secondo Gruppo Analitico 1 Mercurio e piombo sono già stati trattati nel precedente capitolo 9

14 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 10 Si prendono quindi in considerazione le solfoanidridi: Solfoanidridi del Secondo Gruppo Analitico Elemento Conf. Elettr. Gruppo N. di O. Potenziale Standard Arsenico [Zn]4p 3 VA -3, +3 e +5 E 0 As 3+ /As =+0.30 V Antimonio [Cd]5p 3 VA -3, +3 e +5 E 0 Sb 3+ /Sb =+0.10 V Stagno [Cd]5p 2 IVA +2 e +4 E 0 Sn 2+ /Sn = V E 0 Sn 4+ /Sn = V 2+ Tabella 3.2: Caratteristiche delle solfoanidridi del Secondo Gruppo Analitico 3.1 Bismuto Neicompostiilsuostatodiossidazionepiùcomuneè +3. La coppia Bi 3+ /Bi ha E 0 = +0.2 V. É quindi insolubile in acidi non ossidanti, mentre reagisce con HNO 3 sia diluito che concentrato e con H 2 SO 4 concentrato: Bi (s) + 4HNO 3 Bi(NO 3 ) 3 +NO +2H 2 O (3.1) 2Bi (s) +6H 2 SO 4 Bi 2 (SO 4 ) 3 +3SO 2 +6H 2 O (3.2) Come catione libero in soluzione èpresentesoloinsoluzionimoltoacide(ph < 1). Per valori di ph maggiori si idrolizza formando specie del tipo BiOH 2+, BiO + e Bi(OH) + 2, che danno i sali di bismutile, poco solubili. A ph 6 8 precipita come Bi(OH) 3, che ha carattere basico e che si ridiscioglie solo in soluzioni basiche molto concentrate. Tra i sali poco solubilibismuto!sali poco solubili ricordiamo Bi 2 S 3,bruno, che è uno dei solfossidi, Bi 2 (CrO 4 ) 3, BiI 3 che si ridiscioglie in eccesso di ioni ioduro. Il metallo e i suoi sali sono molto tossici Le principali reazioni analitiche sono: -coni : precipita BiI 3, nero, che si ridiscioglie con un eccesso di ioduro per la formazione di [BiI 4 ], arancione; -consno 2 2 : precipita bismuto metallico, nero;

15 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 11 -conh 2 S:precipitaBi 2 S 3, color bruno; - con ammoniaca: precipita una serie di sali basici bianchi, con composizione variabile, del tipo Bi(OH) 2 NO 3. Esistono anche pochi composti di bismuto(v), detti bismutati, deltiponabio 3,che è stabile in soluzione alcalina concentrata e diventa un energico ossidante in soluzione acida. Basti pensare che il potenziale della coppia Bi(V)/Bi(III) vale E 0 =+2.07 V. Il principale uso del bismuto si ha nella fabbricazione di leghe bassofondenti, molte delle quali hanno un punto si fusione inferiore a 100 C, usate nei dispositivi antincendio e di sicurezza, nonchè per saldature speciali. Altre leghe sono usate per i caratteri da stampa. Il bismuto viene anche usato in alcuni processi catalitici, per esempio nella sintesi dell acrilonitrile. I composti di bismuto sono meno tossici di quelli dell arsenico e dell antimonio. 3.2 Rame I principali stati di ossidazione sono +1 e +2. I potenziali standard sono positivi per tutte le coppie seguenti: Cu 2+ /Cu (E 0 =+0.34 V); Cu 2+ /Cu + (E 0 = V); Cu + /Cu (E 0 =+0.5 V). Il rame metallico è ossidato solo da energici ossidanti, come l acido nitrico, e anche dall acido solforico concentrato a caldo: 3Cu (s) +2NO 3 +8H + 3Cu 2+ +2NO +4H 2 O (3.3) Cu (s) +2H 2 SO 4 CuSO 4 +SO 2 +2H 2 O (3.4) I sali rameosi sono generalmente instabili. In soluzione il rame(i) è in grado di esistere solo a basse concentrazioni, altrimenti dismuta a rame(0) e rame (II): 2Cu + Cu +Cu 2+ (3.5) Per questo motivo esso è stabile solo in composti poco solubili o in complessi stabili, in molecole cioè che realizzano una bassa concentrazione di Cu + in soluzione. I sali rameosi sono quasi tutti insolubili: CuCN, CuCl, CuI (tutti bianchi) CuBr, giallo chiaro e Cu 2 S,nero.ApH 3 precipita l idrossido CuOH, giallo, che si trasforma rapidamente in Cu 2 O, giallo: 2CuOH Cu 2 O +H 2 O (3.6)

16 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 12 Forma molti complessi, soprattutto con ammoniaca, cianuri e cloruri. Il catione rameico esiste libero in soluzione a ph < 5. É di color azzurro tenue e precipita come Cu(OH) 2 che si ridiscioglie solo a ph molto elevati con formazione di anioni di color blu del tipo [Cu(OH) 4 ] 2 o con strutture più complesse. I sali sono quasi tutti molto solubili. Tra i più insolubili si ricordano CuS, un altro solfossido, nero, e il complesso Cu 2 [Fe(CN) 6 ], rosso scuro. Da ricordare anche il tetraamminorame(ii), [Cu(NH 3 ) 4 ] 2+, di color blu intenso. Le più importanti reazioni analitiche si hanno: -conh 2 S:precipitaCuS, nero, solubile in acido nitrico 6N; - con ammoniaca: si ottiene una soluzione intensamente colorata in blu per la formazione di [Cu(NH 3 ) 4 ] 2+ ; -conk 4 [Fe(CN) 6 ]:precipitacu 2 [Fe(CN) 6 ], rosso scuro. Data la sua alta conducibilità elettrica il rame metallico trova un vastissimo uso come conduttore elettrico. Importanti sue leghe sono i bronzi e gli ottoni. La Lega di Devarda, costituita dal 50% di rame, dal 45% di alluminio e dal 5% di zinco è facilmente polverizzabile e si usa nell analisi qualitativa per la ricerca dei nitriti e dei nitrati, i quali vengono da essa ridotti ad ammoniaca in soluzione alcalina. 3.3 Cadmio Il suo stato di ossidazione più importanteèil+2edè molto simile al Cu 2+ e allo Zn 2+. La coppia Cd 2+ /Cd ha un E 0 = 0.4 Ve il metallo quindi può venire ossidato anche da acidi non ossidanti: Cd (s) +2H + Cd 2+ +H 2 (3.7) In soluzione può esistere come catione libero sia in ambiente acido che neutro. Precipita a ph 8 9 come idrossido a carattere esclusivamente basico, cioè si scioglie solo negli acidi e non anche nella basi come, ad esempio, Al(OH) 3. Questo composto si puòinrealtà sciogliere anche in ammoniaca per formazione di complessi ammoniacali che contengono fino a sei leganti, come nel [Cd(NH 3 ) 6 ] 2+. Il cadmio forma molti sali insolubili: CdS, giallo, che ha carattere di solfossido, solubile in acido nitrico diluito; CdCO 3, Cd(CN) 2, bianchi. Si complessa con facilità con ammoniaca, come visto sopra e concianuri. Vieneusato per la produzione di leghe e per la protezione galvanica del ferro, al quale conferisce tipici riflessi giallognoli. Le sue principali reazioni analitiche sono:

17 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 13 -conh 2 S:precipitaCdS, giallo; tra i solfuri poco solubili èunodeipiù solubili; -conoh :precipitacd(oh) 2, bianco (cfr. sopra per le caratteristiche di questo idrossido) Il cadmio e i suoi composti sono estremamente tossici. La maggior parte del cadmio viene utilizzata industrialmente per la cadmiatura, per proteggere cioè materiali metallici, in genere ferrosi, dalla corrosione, per mezzo di un sottile deposito superficiale di cadmio. É utilizzato per la fabbricazione di molte leghe, ad esempio col rame nella produzione di fili telefonici e per le reti aeree dei tram e dei filobus. Serve anche per preparare leghe bassofondenti, usate nei fusibili di sicurezza in impianti telefonici, nei sistemi di allarme antincendio, ecc. Ancora, viene utilizzato in batterie di accumulatori al Ni Cd, in alcuni pigmenti, ecc. 3.4 Arsenico Può avere i numeri di ossidazione -3, +3 e +5. Il potenziale della coppia As 3+ /As vale E 0 =+0.3 V. Esistono vari altri potenziali per coppie elettrochimiche più complesse e che coinvolgono anche gli ioni H +, e sono tutte positive. A temperatura ambiente non viene attaccato dall acqua, dagli acidi non ossidanti o da soluzioni di idrossidi. Reagisce invece con acido nitrico diluito con formazione di H 3 AsO 3, e da quello concentrato con formazione di H 3 AsO 4 : As (s) + HNO 3(dil.) +H 2 O H 3 AsO 3 +NO (3.8) 3As (s) + 5HNO 3(conc.) +2H 2 O 3H 3 AsO 4 +5NO (3.9) Reagisce anche con acido solforico concentrato a caldo: econnaoh fuso: 2As (s) +3H 2 SO 4(conc.) As 2 O 3 +3SO 2 +3H 2 O (3.10) 2As (s) +6NaOH (fuso) 2Na 3 AsO 3 +3H 2 (3.11) Nello stato di ossidazione -3, l arsenico forma composti detti arsine, deltipoash 3, nelle quali l idrogeno può essere sostituito da molecole più complesse. L arsina è un gas molto velenoso, che si sviluppa per riduzione di tutti i composti di arsenico ad opera di idrogeno nascente, idrogeno generato cioè dalla reazione di zinco e acido solforico o cloridrico:

18 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO 14 H 3 AsO 3 +3Zn+6H + AsH 3 +3Zn 2+ +3H 2 O (3.12) H 3 AsO 4 +4Zn+8H + AsH 3 +4Zn 2+ +4H 2 O (3.13) Su questo tipo di reazione si basano alcuni metodi analitici di ricerca di tracce di arsenico. Per quanto riguarda lo stato di ossidazione +3, in soluzione il catione libero non esiste. Al massimo si può trovare la specie AsO +, arsenile a ph molto acidi, che si trasforma comunque in H 3 AsO 3 equindiinaso 3 3. Da notare che questo anione non ha il corrispondente nella chimica del fosforo. Non esiste, cioè, l anione PO 3 3 in quanto l acido H 3 PO 3,cheesiste,è un acido biprotico e può quindi dare origine, al massimo, all anione HPO 2 3. Per questo ossiacido sono generalmente solubili i sali con i metalli alcalini. Tra i sali di arsenico(iii) insolubili va ricordato As 2 S 3, una solfoanidride. Anche per il numero di ossidazione più elevatosipuòdirecheas 5+ libero in soluzione non esiste, perchè è molto acido e quindi è completamente idrolizzato. Esiste come H 3 AsO 4,chesipuò trovare più o meno dissociato a seconda del ph. Tra i sali poco solubili da ricordare As 2 S 5 che ha carattere di solfoanidride, e Ag 3 AsO 4. Le principali reazioni analitiche per l arsenico(iii) o (V) sono: -conh 2 S:precipitanoAs 2 S 3 e As 2 S 5, gialli, solubili in acido nitrico concentrato e in solfuro ammonico giallo; -conag + :precipitanoag 3 AsO 3, giallo e Ag 3 AsO 4, color rosso-bruno. Per il solo As(V) abbiamo inoltre reazioni: - con molibdato ammonico a caldo: si ottiene un precipitato giallo cristallino di arsenomolibdato di ammonio, secondo la reazione: H 3 AsO (NH 4 ) 2 MoO H + (NH 4 ) 3 AsO 4 12MoO NH H 2 O (3.14) - con miscela magnesiaca (MgCl 2 +NH 4 Cl in ammoniaca): precipita MgNH 4 AsO 4, bianco cristallino. L elemento si usa principalmente come costituente delle leghe con piombo, rame e altri metalli. La maggior parte dell arsenico è consumata sotto forma dei suoi composti inorganici e in piccola parte sotto forma di composti organici. L anidride arseniosa, assai tossica, si usa nella fabbricazione di insetticidi, diserbanti, veleni per topi, mordenti da tintoria e come sbiancante per certi tipi di vetro.

19 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO Antimonio Ha un comportamento chimico del tutto simile a quello dell arsenico. Presenta gli stati di ossidazione -3, +3 e +5 e ha una serie di potenziali standard positivi che dipendono dal ph. Per la coppia Sb 3+ /Sb, E 0 =+0.1 V. Non reagisce con gli acidi diluiti non ossidanti, mentre con quelli ossidanti concentrati si ossida rapidamente a Sb 2 O 5,che passiva il metallo: 6Sb (s) + 10HNO 3(conc.) 3Sb 2 O NO +5H 2 O (3.15) La reazione può avvenire anche con acido solforico concentrato a caldo: 2Sb (s) +6H 2 SO 4(conc.) calore Sb 2 (SO 4 ) 3 +3SO 2 +6H 2 O (3.16) Ancora, si può avere reazione anche usando acqua regia: 3Sb (s) + 15HCl + 5HNO 3 3SbCl 5 +5NO +10H 2 O (3.17) Anche l antimonio nel suo stato di ossidazione -3 forma composti del tipo SbH 3, detti stibine,moltovelenose. Il catione Sb 3+ non esiste libero in soluzione a causa della sue elevata acidità. Non esiste neppure in ambiente nettamente acido, dove si trova prevalentemente sotto forma di ossoione antimonile, SbO +. Tra i composti poco solubili c è Sb 2 S 3 con carattere di solfoanidride. Anche il catione Sb 5+ non esiste libero in soluzione. Il suo sale insolubile più noto è Sb 2 S 5, anch esso con carattere di solfoanidride. Le reazioni analiticamente interessanti sono: -conh 2 S: precipitano Sb 2 S 3 e Sb 2 S 5 di color arancione, solubili in acido nitrico diluito e in solfuro ammonico giallo; - con metalli meno nobili (Cu): si ha la riduzione a Sb metallico. Viene usato prevalentemente per la preparazione di leghe, specialmente con piombo e stagno, impiegate per i caratteri di stampa, per metalli antifrizione, come leghe da saldatura e per gli accumulatori. Alcuni composti dell antimonio si usano come mordenti in tintoria, nella vulcanizzazione, nelle industrie ceramiche.

20 CAPITOLO 3. SECONDO GRUPPO ANALITICO Stagno I principali stati di ossidazione sono +2 e +4. La coppia Sn 2+ /Sn ha E 0 = V mentre la coppia Sn 4+ /Sn 2+ ha E 0 =+0.15 V. É poco elettropositivo e viene facilmente attaccato dagli acidi e anche dalle basi. In questo modo lo stagno dimostra il suo carattere anfotero: Sn (s) +2H + Sn 2+ +H 2 (3.18) Sn (s) +2OH +2H 2 O [Sn(OH) 4 ] 2 +H 2 (3.19) Con gli acidi ossidanti la reazione èdeltipo: 4Sn (s) + 10HNO 3(dil.) 4Sn(NO 3 ) 2 +NH 4 NO 3 +3H 2 O (3.20) L acido nitrico concentrato non riesce a scioglierlo poichè lo trasforma in acido metastannico, insolubile: 3Sn (s) + 4HNO 3(conc.) +H 2 O 3H 2 SnO 3 +4NO (3.21) Questo non significa che lo stagno non viene ossidato dall acido nitrico concentrato, ma che il prodotto di ossidazione non è solubile in acqua. La questione èimportante in tutti i casi nei quali si ha la necessità di portare in soluzione lo stagno o una lega che lo contiene, ad esempio per farne l analisi. Le reazioni con acido solforico sono diverse a seconda che questo sia diluito o concentrato: Sn (s) +H 2 SO 4(dil.) SnSO 4 +H 2 (3.22) Sn (s) +4H 2 SO 4(conc.) Sn(SO 4 ) 2 +2SO 2 +4H 2 O (3.23) Nello stato di ossidazione inferiore esiste come catione libero a ph < 1 e precipita come Sn(OH) 2,bianco,apH L idrossido può venire scritto anche come ossido idrato, SnO (aq). Questo si ridiscioglie a ph 13 per formare lo ione stannito [Sn(OH) 4 ] 2. Forma complessi con gli alogenuri e con lo ione ossalato. Tra i composti poco solubili è da ricordare SnS, bruno, che non ha carattere di solfoanidride ed è quindi insolubile in solfuro ammonico, mentre si scioglie in polisolfuro di ammonio per l azione ossidante che questo ha sullo stagno(ii) che diventa stagno(iv) secondo la reazione:

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica

Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica Soluzione acquosa HCl+BaCl 2 AgNO 3 Saggi Specifici Solfati Carbonati, Bicarbonati, Alogenuri, Fosfati, Borace, Nitriti, Tiosolfati, Idrossidi

Dettagli

LA TERRA E LA CHIMICA: LA TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI ELEMENTI E COMPOSTI

LA TERRA E LA CHIMICA: LA TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI ELEMENTI E COMPOSTI I.I.S. A. PACINOTTI IST. TECNICO STATALE INDUSTRIALE Antonio PACINOTTI IST. TECNICO STATALE per GEOMETRI "Giorgio MASSARI" http://www.iispacinottive.it/ Via Caneve, n. 93 30173 - Mestre (VE) tel. 041 5350355

Dettagli

Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z)

Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z) Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z) Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Facoltà di Farmacia e Medicina Anno Accademico 2013/2014 Dott. Giuseppe La Regina Tu,

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile Elettrochimica L elettrochimica studia l impiego di energia elettrica per promuovere reazioni non spontanee e l impiego di reazioni spontanee per produrre energia elettrica, entrambi i processi coinvolgono

Dettagli

Appunti di Chimica Le reazioni chimiche reattività reazione chimica equazione chimica bilanciare

Appunti di Chimica Le reazioni chimiche reattività reazione chimica equazione chimica bilanciare Appunti di Chimica Le reazioni chimiche Premesse... 1 Tipi di reazioni chimiche... 2 Reazioni di ossido-riduzione... 2 Reazioni di formazione... 2 Numero di ossidazione nei composti binari di tipo salino...

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

TABELLA 1 SOLUBILIZZAZIONE DELLA SOSTANZA

TABELLA 1 SOLUBILIZZAZIONE DELLA SOSTANZA TABELLA 1 SOLUBILIZZAZIONE DELLA SOSTANZA Trattare in capsulina una piccola porzione della miscela salina con HCl conc. (farlo scivolare lungo le pareti della capsula) ed alcune gocce di HNO 3 conc. (

Dettagli

Gli elementi di transizione

Gli elementi di transizione Gli elementi di transizione A partire dal quarto periodo del Sistema Periodico, nella costruzione della configurazione elettronica degli elementi, dopo il riempimento degli orbitali s del guscio di valenza

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 VIRAGGI Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 Finalità Il viraggio è un trattamento per sostituire, in tutto o in parte, l'argento

Dettagli

LA CHIMICA IN LABORATORIO: PROPOSTA PER UNA ESERCITAZIONE

LA CHIMICA IN LABORATORIO: PROPOSTA PER UNA ESERCITAZIONE LA CHIMICA IN LABORATORIO: PROPOSTA PER UNA ESERCITAZIONE G. Giacomo Guilizzoni Rivista: «Didattica delle Scienze» 10/1994 L Autore illustra un metodo di analisi qualitativa sperimentato in un Istituto

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

Pile e accumulatori. Approfondimento. "" Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday

Pile e accumulatori. Approfondimento.  Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday Capitolo Approfondimento elettrochimiche elettrolisi e le leggi di Faraday 14Le3. Ltrasformazioni Pile e accumulatori Pile e vita quotidiana Un applicazione importante delle celle elettrochimiche è il

Dettagli

Gruppo 11 Rame Cu (5000 A.C.)

Gruppo 11 Rame Cu (5000 A.C.) Gruppo 11 Rame Cu (5000 A.C.) Proprietà Cu Ag Au Z 29 47 79 Numero di isotopi 2 2 1 naturali Massa atomica 63.546 107.8682 196.9665 Configurazione [Ar]3d 10 4s 1 [Kr]4d 10 5s 1 [Xe]4f 14 5d 10 6s 1 elettronica

Dettagli

Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 Chimica generale e Inorganica

Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 Chimica generale e Inorganica Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 1) La calce viva, CaO, viene preparata secondo la seguente reazione tra solfuro di calcio e solfato di calcio: CaS (l) + CaSO 4 (s) CaO (s) + SO 2 (g) a) Bilanciare

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 18. Le reazioni redox e l elettrochimica

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 18. Le reazioni redox e l elettrochimica CAPITOLO 18 Le reazioni redox e l elettrochimica 18.1 Seguiamo i passaggi descritti in dettaglio nella Sezione 18.1 del testo. (a) sono: Il problema è dato in forma ionica, così combinando lo step 1 co

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia (A-E) Esame di Chimica Generale e Inorganica - 24 Gennaio 2014

Corso di Laurea in Farmacia (A-E) Esame di Chimica Generale e Inorganica - 24 Gennaio 2014 Esame di Chimica Generale e Inorganica - 24 Gennaio 2014 1) Riportare su ogni foglio consegnato nome, cognome, matricola e data. 1) a) Descrivere e fornire almeno un esempio per ciascuno dei seguenti tipi

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

. 7H 2 O (solfato di nickel eptaidrato)

. 7H 2 O (solfato di nickel eptaidrato) Formula minima Formula molecolare - atomo isotopi mole rapporti stechiometrici reagente limitante resa di reazione bilanciamento equazioni chimiche semplici concentrazione delle soluzioni - densità Esercizio

Dettagli

primi passi nella chimica

primi passi nella chimica IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Parole simpatiche

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA

I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA Programma svolto del corso di Chimica Analitica e Strumentale Classe 3^C a.s. 2013-14 Docenti: Giorgia Messori, Claudia Tacconi Il libro di testo utilizzato è stato: Rubino,

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

ESERCIZI STECHIOMETRICI

ESERCIZI STECHIOMETRICI ESERCIZI STECHIOMETRICI (con risultato) Differenze di qualche unità sull ultima cifra del risultato potrebbero essere dovute a una diversa approssimazione dei calcoli NB: Qualsiasi problema relativo alla

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione (redox)

Le reazioni di ossidoriduzione (redox) Le reazioni di ossidoriduzione (redox) Reazioni nelle quali si ha variazione del numero di ossidazione ( n. o. ) di ioni o atomi. La specie chimica che si ossida(funge da riducente) cede elettroni ed aumenta

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Quali tra le seguenti sono reazioni di ossido-riduzione? a) 2CrO 4 (aq) 2H 2

Quesiti e problemi. 6 Quali tra le seguenti sono reazioni di ossido-riduzione? a) 2CrO 4 (aq) 2H 2 Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 385 A PAG 390 1 Ossidazione e riduzione: che cosa sono e come si riconoscono 1 Assegna il numero di ossidazione a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO

Dettagli

corrosione corrosione chimica

corrosione corrosione chimica La corrosione La corrosione è un consumo lento e continuo di un materiale (generalmente metallico) dovuto a fenomeni chimici o, più frequentemente, elettrochimici. La corrosione è dovuta al fatto che tutti

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

Equilibri di Solubilità

Equilibri di Solubilità Equilibri di Solubilità Esercizio 6.1. Calcolare la solubilità in g L 1 dell idrossido di magnesio (a) in acqua pura e (b) in una soluzione acquosa di idrossido di potassio 0.10 M. (Kps = 1.2. 10 11 ;

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

2H 2 H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3. tale acido può originare 4 diversi sali. Ad esempio, nel caso dello ione sodio ( Na ) i sali possono essere NaH 3

2H 2 H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3. tale acido può originare 4 diversi sali. Ad esempio, nel caso dello ione sodio ( Na ) i sali possono essere NaH 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. I complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo carica

Dettagli

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra)

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra) A.A. 2005/2006 Laurea triennale in Chimica Esercitazioni di stechiometria - Corso di Chimica Generale ed inorganica C ARGOMENTO 6: Equilibri in soluzione: equilibri acido/base, idrolisi e tamponi (6 h)

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative Tartrato acido di Potassio (European Pharmacopoeia IV th ) Identificazione A. GENERICA (Carattere acido). Disciogliere 15 mg di sostanza in 5 ml di acqua, scaldare se necessario. Aggiungere 0,1 ml di rosso

Dettagli

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. Cenno ai complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

... corso di chimica elettrochimica 1

... corso di chimica elettrochimica 1 ... corso di chimica elettrochimica 1 CONTENUTI reazioni elettrochimiche pile e celle elettrolitiche potenziale d elettrodo e forza elettromotrice equazione di Nernst elettrolisi leggi di Faraday batterie

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

PIANO DI LAVOR A. S. 2013/ 2014. III E sezione tecnica CHIMICI. Testo in adozione. Dispense

PIANO DI LAVOR A. S. 2013/ 2014. III E sezione tecnica CHIMICI. Testo in adozione. Dispense Pagina 1 di 5 Nome docenti BENEDETTO LUIGINA Materia insegnata Analisi Chimica e laboratorio Classe III E sezione tecnica CHIMICI Nome Ins. Tecn. Pratico Romagnollo Lidia Rubino,Venzaghi,Cozzi Le basi

Dettagli

LA CORROSIONE DEI METALLI

LA CORROSIONE DEI METALLI LA CORROSIONE DEI METALLI a) I processi di corrosione sono determinati dall ossidazione dei metalli: Me (s) Me n+ + n e - OSSIDAZIONE = CORROSIONE. I metalli si corrodono perchè si ossidano facilmente

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572) 1 I metalli e la metallurgia 1 Quali metalli sono noti dalla Preistoria? oro e argento 2 Completa le seguenti frasi. a) I metalli che si trovano in natura allo

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml Bari,11 gennaio 1999 Compito di analisi dei farmaci I 1) 1 ml di H 2 O 2 viene titolato con KMnO 4. Sono necessari 18.1 ml. La soluzione di KMnO 4 è 0.1023 N e la densità dell acqua ossigenata è 1.01 g/ml.

Dettagli

ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI

ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI IMPORTANTI ACIDI DI USO COMUNE ALCUNI IMPORTANTI ESTERI ALCUNI IMPORTANTI ESTERI Riconoscimento del Fosforo

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

Alluminio - Aluminium

Alluminio - Aluminium Alluminio - Aluminium Dati essenziali Nome: Alluminio Nome internazionale: aluminium Simbolo: Al Numero atomico: 13 Peso atomico: 26.981538 Gruppo: 13 Periodo: 3 Numero di assidazione: +3 Elettronegatività:

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M - Calcolare la solubilità molare di CaCO 3 ( = 8,7 10-9 ). La reazione di solubilizzazione di CaCO 3 (carbonato di calcio) è: CaCO 3 (s) Ca 2+ + CO 3 L espressione della sarà quindi: = [Ca 2+ ] [CO 3 ]

Dettagli

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 1A) Un campione impuro di bromito di potassio, del peso di 2,19 g, viene trattato in eccesso di acido solforico con del bicromato di potassio, ottenendo bromato di potassio

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

L elettrochimica: le pile e l elettrolisi

L elettrochimica: le pile e l elettrolisi 1 ESPANSIONE 7.2 L elettrochimica: le pile e l elettrolisi Ambra del Baltico contenente insetti. Fin dall antichità si conoscevano le particolari proprietà dell ambra, una resina fossile che se strofinata

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO G. Giacomo Guilizzoni Rivista: «Didattica delle Scienze» 4/1995 Gli insegnanti di chimica, durante l esposizione dei concetti fondamentali di acidità

Dettagli

Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B 1. Indicare le percentuali in massa degli elementi K, S e O presenti in K 2 SO 4 : A) 44,9% K; 18,4% S; 36,7% O B) 22,3% K; 52,6 % S; 25,1% O C) 56,1%

Dettagli

Classificazione dei metalli

Classificazione dei metalli Prof. Carlo Carrisi Classificazione dei metalli Leggeri: magnesio (Mg), alluminio (Al), titanio (Ti) hanno buona resistenza meccanica e sono molto leggeri. Ferrosi: il ferro (Fe) è il metallo più usato

Dettagli

Esame di CHIMICA per Ingegneria Edile Architettura Appello del 26/01/2009 Compito n 1 Cognome Nome N matricola Doc. Identità n

Esame di CHIMICA per Ingegneria Edile Architettura Appello del 26/01/2009 Compito n 1 Cognome Nome N matricola Doc. Identità n Esame di CHIMICA per Ingegneria Edile Architettura Appello del 26/01/2009 Compito n 1 1) La reazione di equilibrio in fase gassosa N 2(g) + O 2(g) NO (g) è fatta avvenire a 3000 C in un reattore da 3 m

Dettagli

Informazione. Bendoni Inox S.r.l.

Informazione. Bendoni Inox S.r.l. RISCHIO DI OSSIDAZIONE SU PRODOTTI IN ACCIAIO INOX AISI 304 Informazione Bendoni Inox S.r.l. Via San Marco, 9 Soci I52010 BIBBIENA (Arezzo) Tel. +39.0575.560231 Fax +39.0575.561362 info@bendoni.it www.bendoni.it

Dettagli

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari.

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. Chimica generale Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. PARTE 5-2 1 ACIDI E BASI 2 1-Definizioni di acido e di base 1-1 Teoria

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

NOMENCLATURA E REAZIONI

NOMENCLATURA E REAZIONI NOMENCLATURA E REAZIONI Gli elementi chimici si dividono in: METALLI e NON METALLI I METALLI, perdendo elettroni, originano IONI POSITIVI (o CATIONI) I NON METALLI, acquistando elettroni, originano IONI

Dettagli

Raccolta di esercizi di Stechiometria. tratti da compiti in classe. Anni Scolastici 1991 92, 1992 93, 1993 94. I.T.I.S.V.E.M. Valdagno Gennaio 1994

Raccolta di esercizi di Stechiometria. tratti da compiti in classe. Anni Scolastici 1991 92, 1992 93, 1993 94. I.T.I.S.V.E.M. Valdagno Gennaio 1994 Raccolta di esercizi di Stechiometria tratti da compiti in classe Anni Scolastici 1991 92, 1992 93, 1993 94 I.T.I.S.V.E.M. Valdagno Gennaio 1994 Edizioni Peridròro pslavi@interplanet.it Indice 1 Stechiometria

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua.

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua. Biologia Chimica Fisica Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. ElemenC naturali nel corpo umano Simbolo Elemento % in peso Il 96% é fako di O Ossigeno 65.0 C Carbonio

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

GAIALAB:INCONTRIAMO L AMBIENTE IN LABORATORIO

GAIALAB:INCONTRIAMO L AMBIENTE IN LABORATORIO LABORATORIO DI CHIMICA Le magie della chimica: l acqua scioglie e le sostanze reagiscono Il lavoro che vi proponiamo è una breve presentazione di alcune reazioni chimiche alcune di queste anche spettacolari

Dettagli

Diapositiva 1. M1 Mary; 14/03/2007

Diapositiva 1. M1 Mary; 14/03/2007 LA CORROSIONE M1 1 Diapositiva 1 M1 Mary; 14/03/2007 Cos'è la corrosione? E' un fenomeno elettrochimico spontaneo ed irreversibile che comporta il graduale decadimento tecnologico del materiale metallico

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

Sgrassature alcaline senza cianuri

Sgrassature alcaline senza cianuri Via E. Mattei,6 20010 Pogliano M.se ( MI ) Tel. 02/38005106 Fax. 02/38006211 E-mail: info@galvanotecnicaitaliana.com Sgrassature alcaline senza cianuri SGRASSATURE CHIMICHE ULTRASUONI DETERS AL DETERS

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL. Daniela Tofani. Roma 11 settembre 2013 Seminario MIUR. Aula Magna Rettorato Università Roma Tre

CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL. Daniela Tofani. Roma 11 settembre 2013 Seminario MIUR. Aula Magna Rettorato Università Roma Tre CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL Daniela Tofani Immagini e siti Video Cella galvanica (in inglese) https://www.youtube.com/watch?v=0osqpdd2rma&feature=playe r_detailpage Esperimento sulla pila

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

La metodologia per il recupero dei Metalli Nobili dai RAEE

La metodologia per il recupero dei Metalli Nobili dai RAEE Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Chimica Inorganica ed Analitica Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Dott. Angela Serpe Prof. Paola Deplano Prof. Massimo Vanzi La metodologia

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H +

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + Teoria di Arrhenius Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + H-Cl H + + Cl - Vengono definiti basi quei composti che, in soluzione

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA 1. Una delle seguenti definizioni di gruppo funzionale è errata. Quale? "In chimica organica, i gruppi funzionali sono gruppi di atomi presenti in ogni molecola A. dai quali dipendono le caratteristiche

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B 1. Il diagramma indica la variazione dell'energia potenziale di un sistema durante il decorso di una reazione: A + B C + D Quale, fra le seguenti affermazioni,

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995

Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995 Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995 Problema n. 1 (80 punti) Il metil diidrojasmonate (A) è un prodotto sintetico utilizzato in profumeria che può

Dettagli

RACCOLTA DELLE PROVE DI ESAME DI. Chimica Generale ed Inorganica. per la Laurea Specialistica in FARMACIA

RACCOLTA DELLE PROVE DI ESAME DI. Chimica Generale ed Inorganica. per la Laurea Specialistica in FARMACIA RACCOLTA DELLE PROVE DI ESAME DI Chimica Generale ed Inorganica per la Laurea Specialistica in FARMACIA Aprile 1998 - Settembre 2003 (Prova scritta del 23 settembre 2003) 1) Tenendo conto dell eventuale

Dettagli