ESAME DI STATO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE INDIRIZZO INFORMATICA Articolazione TELECOMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO 2015. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE INDIRIZZO INFORMATICA Articolazione TELECOMUNICAZIONE"

Transcript

1 ESAME DI STATO 2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE INDIRIZZO INFORMATICA Articolazione TELECOMUNICAZIONE Durata degli studi Cinque anni Titolo conseguito: Diploma di Perito Industriale in Informatica e Telecomunicazioni - articolazione Telecomunicazioni Sbocco lavorativo: Industria (infrastrutture di comunicazione) Servizi (telematici) Libera professione Proseguimento degli studi: Accesso a tutte le facoltà universitarie Il Profilo del Perito in Informatica e Telecomunicazioni articolazione telecomunicazioni: Il profilo previsto da questa specializzazione prevede competenze nell ambito del ciclo di vita dell infrastruttura di telecomunicazione, declinate in termini di capacità di ideare, progettare, produrre e inserire nel mercato componenti e servizi di settore. Nell articolazione Telecomunicazioni si acquisiscono competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione alle infrastrutture di comunicazione e ai processi per realizzarle, con particolare riferimento agli aspetti innovativi e alla ricerca applicata. Il profilo professionale dell indirizzo permette un efficace inserimento in una pluralità di contesti aziendali, con possibilità di approfondire maggiormente le competenze correlate alle caratteristiche delle diverse realtà territoriali

2 Quadro orario settimanale primo biennio DISCIPLINE 1 Biennio 1^ 2^ Diritto e economia 2 2 Lingua e letteratura italiana 4 4 Lingua inglese 3 3 Matematica 4 4 Religione/Attività alternative 1 1 Scienza e tecnologie applicate - 3 Scienze integrate (Chimica) 3 3 (2) Scienze integrate (Fisica) 3 (1) 3 (1) Scienze integrate (Scienze della terra e Biologia) 2 2 Scienze motorie e sportive 2 2 Storia, Cittadinanza e Costituzione 2 2 Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica 3 (2) 3 Tecnologie informatiche 3 (2) - Totale ore settimanali di cui di Laboratorio 5 3 Quadro orario settimanale secondo biennio e quinto anno DISCIPLINE 2 Biennio 5 anno 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia, Cittadinanza e Costituzione Matematica Scienze motorie e sportive Religione/Attività alternative Complementi di Matematica Sistemi e reti 4 (2) 4 (2) 4 (3) Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazione 3 (1) 3 (2) 4 (3) Gestione di progetto, organizzazione di impresa Informatica 3 (2) 3 (2) - Telecomunicazioni 6 (3) 6 (3) 6 (4) Totale ore settimanali di cui di Laboratorio

3 Composizione del Consiglio di Classe A.S ATI Gestione Progetto organizzazione d Impresa Laboratorio di Telecomunicazioni Laboratorio SIR Laboratorio TPI Lingua e Letteratura Italiana Lingua Inglese Matematica Religione Cattolica o Integrativa Scienze Motorie e Sportive Sistemi e Reti Storia Tecnologie e Progettazione di Sistemi Telecomunicazioni Tecchio Riccardo De Santis Ermanno Franceschini Corrado Franceschini Corrado Buonocore Maria Zaffuto Virginia Silvestri Valeria Marchesini Christian Losco Fioravante ZardiniGiusepe Buonocore Maria Tecchio Riccardo Tambalo Daniele PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE La classe è attualmente composta da 21 alunni, dei quali sedici provenienti dalla 4ATI, quattro ripetenti dallo stesso Istituto ma di diverso indirizzo, ed uno proveniente da altra scuola. Nel corso del triennio la classe ha avuto un percorso sostanzialmente regolare e il gruppo-classe si è mantenuto nel complesso omogeneo nella sua composizione. Per quanto riguarda la continuità didattica nel triennio, la classe non ha subito cambiamenti, salvo per Lingua Inglese in cui i docenti si sono avvicendati ogni anno. La classe ha raggiunto un livello di preparazione nel complesso accettabile, tuttavia alcuni studenti presentano carenze dovute a scarso impegno e superficialità nello studio personale; alcuni alunni hanno invece manifestato una maggiore continuità nello studio che ha permesso loro di raggiungere risultati più soddisfacenti. Il gruppo classe ha seguito le lezioni con non sempre adeguata partecipazione ed interesse nelle diverse discipline; il livello di studio è risultato nel complesso sufficiente, tranne che per alcuni. Coerentemente con il profilo previsto nell articolazione Telecomunicazioni dalle linee guida ministeriali, nell'ambito dell'autonomia prevista dal D.P.R. 15 marzo 2010, l'istituto ha inteso, quale figura professionale che meglio aderisce alle esigenze del territorio, quella del Sistemista di apparati di rete. Per rafforzare tale connotazione con attestati riconoscibili anche in ambito professionale, l'istituto ha stabilito che nel corso del secondo biennio e del quinto anno gli alunni conseguissero la certificazione ITE della CISCO Academy.

4 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Attività Assistenza per Job&Orienta 2014 Progetto Internship (1 studenti) Introdotta nell'art. 4 legge delega n.53/03, l alternanza scuola-lavoro consente agli studenti che hanno compiuto il quindicesimo anno di età, di realizzare i propri percorsi formativi alternando periodi di studio in aula e forme di apprendimento in contesti lavorativi. Oltre ai percorsi, riportati nel seguito, specificamente progettati dal Consiglio di Classe in ambito di ASL, il Collegio dei Docenti ha stabilito per tutti gli alunni l'obbligo di un periodo di stage presso aziende del settore di specializzazione. L'attività, svolta al termine del quarto anno di corso, inizia nella parte finale dell'anno scolastico, occupando il mese di giugno con una durata di quattro settimane. ATTIVITÀ REALIZZATE Sono state programmate Una simulazione di prima prova della durata di cinque ore in data 14/05/2015 Due simulazioni di seconda prova della durata di cinque ore in data 30/03/2015 e 15/05/2015 Due simulazione di terza prova della durata di tre ore ciascuna in data 31/03/2015 e 20/05/2015 Incontro FIDAS donatori di sangue ed organi Uscita didattica alla Fiera SAVE - Vr Uscita didattica a Milano per CISCO DAY Incontro con le Forze Armate Orientamento in uscita: PLAN YOUR FUTURE Uscita all EXPO Lezione -Teatro: Uomini in trincea Aspetti del quotidiano dei nostri soldati durante la Grande Guerra OBIETTIVI FORMATIVI MEDI RAGGIUNTI DALLA CLASSE Il gruppo classe, dal punto di vista relazionale, non ha presentato grosse difficoltà di gestione: gli studenti hanno tenuto atteggiamenti e comportamenti abbastanza corretti nei rapporti con gli insegnanti ma spesso infantili e poco rispettosi tra loro. Nell affrontare situazioni o prove in ambito formativo (per esempio nell ambito delle attività Job&Orienta 2014) la classe ha dimostrato responsabilità e autonomia. Nell insieme le capacità di analisi e sintesi sono sostanzialmente sufficienti. La classe studia con modalità non sempre produttive, tranne qualche caso, e rielabora i contenuti non sempre in modo adeguato; alcuni alunni approfondiscono i temi trattati privilegiando le discipline nelle quali si sentono più sicuri, ottenendo risultati apprezzabili.

5 OBIETTIVI DIDATTICI MEDI RAGGIUNTI DALLA CLASSE La classe ha raggiunto un livello di preparazione mediamente sufficiente nelle varie discipline. Va rilevato che, soprattutto nelle materie di indirizzo, si riscontra una sostanziale omogeneità fra gli studenti: solo in qualche caso il livello di preparazione è discreto o buono. Per quanto concerne l uso dei linguaggi specifici, alcuni studenti li sanno utilizzare per trattare gli argomenti disciplinari, mentre altri hanno difficoltà nell utilizzare in maniera appropriata la terminologia tecnica. Relativamente alle competenze tecniche specifiche nell attività di laboratorio, solo alcuni hanno raggiunto livelli più che sufficienti, la maggior parte appena sufficienti. PERCORSO CLIL Il Consiglio di Classe ha individuato nella disciplina TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI la materia in cui integrare i contenuti con l apprendimento della lingua L2 (Inglese) Tuttavia, come anche suggerito dalle norme transitorie, si è preferito svolgere un solo modulo in L2 all interno della certificazione CISCO (CISCO ACADEMY ITE 5.0Modulo 12 ADVANCED TROUBLESHOOTTING ) privilegiando l attività di reading : gli alunni non sono stati testati su questo percorso nelle simulazioni di Terza Prova, anche in virtù del fatto che hanno dimostrato delle incertezze relative al percorso proposto PROVE DI SIMULAZIONE Le prove di simulazione e relative griglie di valutazione sono riportate negli allegati al presente documento PROGRAMMI PER MATERIA A seguire i programmi svolti nelle singole materie, con indicazione del libro di testo nonché del monte-ore di ogni disciplina

6 Materia: Docente: Testo: Totale ore 73 INGLESE VIRGINIA ZAFFUTO Anna Strambo, Pamela Linwood, Gerald Dorrity, New On Charge - Petrini ARGOMENTI MICROLINGUA(i numeri dei moduli indicati sono quelli presenti nel testo New On Charge2) Renewable and non-renewable energy resources Electricity generation. Transmission and distribution Energy Production: which way forward? Computer languages Machine languages Virtual Worlds The Internet Web browsers How much does the Internet weigh? Communications Modes Transmission lines Wireless Communication Wireless networking: Wi-Fi Fibre Optics Features and applications of optical fibres Lasers Radio and television communications From transmitter to TV screen 3D TV Reality gets a little bit closer Antennas What antennas do Types of antennas TESTO Unit 9 pp Unit 18 pp Unit 22 pp Unit 23 pp Unit 24 pp Unit 25 pp Unit 27 pp CIVILTA (tutto il materiale è stato fornito in fotocopia dall insegnante) Oscar Wilde and his novel The Picture of Dorian Gray Oscar Wilde s life and works Wilde and The Picture of Dorian Gray The Aesthetic Movement The Picture of Dorian Gray ( excerpt) Film: I m a fugitive from a chain-gang Grammar : conditional clauses, adjectives (prefixes and suffixes), to have/get something done, present perfect, simple past, to + base form, for + ing form, use of the article the

7 Materia: RELIGIONE CATTOLICA Docente: MARCHESINI CHRISTIAN Testo: Materiale di approfondimento fornito del docente Totale ore 26 ARGOMENTI TESTO 1 BIOETICA DI FINE VITA I trapianti d organo da vivo e da cadavere: aspetti culturali ed etici La legge italiana sui trapianti Il consenso informato Documenti messi a disposizione sul registro elettronico 2 NEUROBIOETICA E ROBOETICA Introduzione alla neurobioetica: aspetto generali. Test genetici predittivi Uomo, tecnologia e progresso: limiti della scienza (analisi di alcuni testi sull argomento) Approfondimento a gruppi e presentazione in classe di uno dei seguenti argomenti a scelta: o Neuro-pedagogia o Neuro-etica: etica delle neuroscienze e neuroscienza dell etica (libertà e coscienza) o Differenze uomo/macchina o Cos è la mente o Tecno-etica e roboetica Documenti messi a disposizione sul registro elettronico 3 MORALE SESSUALE Sessualità, genitalità, erotismo, corporeità Eros, filia, agape Corporeità e comunicazione etica Elementi di maturità e immaturità affettiva La teoria del gender: un confronto e un dibattito Apparati riproduttori, contraccezione e metodi naturali Materiale messo a disposizione dal docente

8 Materia: Docente: Testo: GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA RICCARDO TECCHIO Antonio Dell Anna, Martina Dell Anna ed. Matematicamente.it Totale ore 85 Unità Didattiche 1 PROCESSO, PROGETTO E GESTIONE 2 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI E DEI SERVIZI 3 I PRINCIPI DEL PROJECT MANAGEMENT 4 LA GESTIONE PROGETTO (IL PROJECT MANAGEMENT) 5 IL TEAM DI PROGETTO 6 LA PROGETTAZIONE CONTENUTI Il processo produttivo I progetti e i processi Reingegnerizzazione del processo produttivo Il confine tra progetto e processo Nascita e sviluppo della Gestione Progetto Gli ambiti di applicazione del Project Management Identificazione di un progetto Il Programma I progetti di dematerializzazione Organizzazione dei processi all interno dell azienda L organigramma Le forme organizzative dell impresa Valutazione economica dei progetti Metodi di valutazione dell investimento La scelta dei progetti e lo sviluppo dell azienda Il piano di progetto Obiettivi semplici e intelligenti Le variabili o vincoli di progetto: obiettivi,tempi e costi La segnalazione tempestiva delle difficoltà La gestione del rischio La comunicazione all interno del progetto L assegnazione di responsabilità e autorità La collaborazione nel team di progetto Il Ciclo di vita del progetto Le fasi principali del ciclo di vita Individuazione di una fase Esempio di ciclo di vita I processi di project management Esecuzione dei processi La metodologia Le metodologie di Project Management Il software per il project management (PMIS) Ruoli di progetto Organigramma Il processo di creazione e gestione del team La Project Breakdown Structure (PBS)

9 DEL CICLO DI VITA La definizione di una fase o attività La progettazione di una fase Modelli per la descrizione delle fasi o attività Le rappresentazioni grafiche della PBS Le schedulazioni 7 LA DEFINIZIONE DEL TEAM DI PROGETTO 8 LA DEFINIZIONE DEL BUDGET Definizione dei Compiti Definizione e quantificazione delle risorse umane (effort) Il team del progetto SPOT La valutazione dell effort del progetto SPOT Assegnazione delle responsabilità Le tipologie di costo Il processo di definizione del budget Il budget generale di progetto Schedulazione dei tempi Schedulazione degli input (prerequisiti) delle attività I diagrammi reticolari - Pert I diagrammi del tempo: Cronoprogramma (Gantt) 9 LE RELAZIONI TRA LE ATTIVITÀ E I legami logici tra le attività L ORGANIZZAZION E DEL TEMPO 10 LA FASE DI DEFINIZIONE E PIANIFICAZIONE 11 ATTIVITÀ QUOTIDIANE E AMMINISTRAZION E 12 MONITORAGGIO E CONTROLLO 13 SCOPE MANAGEMENT 14 RISK MANAGEMENT Gantt, Pert e legami logici Il cammino critico (criticalpath) Contesa e livellamento delle risorse Il piano finanziario del progetto Obiettivi generali della fase di pianificazione Elementi descrittivi della fase Team di progetto e responsabilità della fase di pianificazione Processo della fase di pianificazione Il PID (Documento Iniziale di Progetto) Riunioni Registrazione e monitoraggio delle attività Amministrazione e controllo della spesa L archivio di progetto Monitoraggio e controllo Il monitoraggio dell effort Esempio di reporting di attività Earnedvalue Il monitoraggio del tempo Le diverse tipologie di reporting La diagnosi e la soluzione di problemi L allocazione delle attività Lo Scope management Registro delle questioni (issue log) Il processo di scope management Tipologie di rischio Il verificarsi di un evento rischioso Identificazione dei rischi Valutazione e classificazione dei rischi Esempio di identificazione e valutazione dei rischi Modalità di gestione del rischio

10 15 FASE DI PROGETTAZIONE 16 FASE DI REALIZZAZIONE E TEST 17 FASE DI DISPIEGAMENTO Il processo di gestione del rischio Obiettivi generali della fase Elementi descrittivi della fase Team di progetto della fase Il progetto tecnico e gli allegati Processo di progettazione Obiettivi generali della fase Elementi descrittivi della fase Team di progetto della fase Le procedure di collaudo Esempio di documenti di collaudo Processo di realizzazione Obiettivi generali della fase L attività di comunicazione L avvio di nuovi processi aziendali e nuove modalità di fruizione dei prodotti Elementi descrittivi della fase Team di progetto della fase Processo di implementazione Obiettivi generali della fase 18 FASE DI Elementi descrittivi della fase REVISIONE FINALE Team di progetto della fase Processo di revisione finale 19 CICLO DI VITA E MODELLI DI SVILUPPO DEL SOFTWARE 20 IL PROJECT MANAGEMENT E LO SVILUPPO SOFTWARE Il Ciclo di Vita del software Il WBS Modelli di sviluppo di software Metodologie di test Valutazione del software e stima dei costi Organizzazione e metodologia Una metodologia aziendale di project management applicata allo sviluppo di un software web La fase di Definizione Il Project charter La fase di Pianificazione OBS (Organizational Breakdown Structure) WBS di progetto Il PERT Piano delle risorse Gantt Piano di comunicazione interna Gestione del rischio Budget e piano finanziario Piano di progetto La fase di Progettazione La fase di Realizzazione La fase di Rilascio La fase di Revisione finale

11 Materia Docente STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA MARIA BUONOCORE Testo Testo: Montanari Calvi Giacomelli., 360 STORIA 3 Totale ore 61 Affermazione della società di Massa 1900/1920: Primi Conflitti e Rivoluzioni La società civile tra fine 800, inizio Riforme della Destra e della Sinistra dopo l unificazione d Italia Nascita dei partiti di massa - I sindacati - La Rerum Novarum e i cattolici L età Giolittiana - Partecipazione delle masse alla vita politica - Decollo dell industria italiana - Dalla nazione al nazionalismo - Il trasformismo e la politica coloniale - Crisi della politica giolittiana La Seconda Rivoluzione Industriale - Organizzazione dell economia nella società di massa - Nuove invenzioni e fonti di energia - Nuove modalità per i trasporti, commercio e pubblicità - Ruolo dei sindacati - Il Capitalismo americano Primi conflitti del XX secolo - Imperialismo e nazionalismo - Tensioni ed alleanze tra le potenze europee - La polveriera Balcanica e l attentato di Sarajevo Prima Guerra Mondiale - Cause del conflitto - Esordi della guerra tra il La guerra totale e di posizione - Italia: lotta tra interventisti e neutralisti - Intervento dell Italia : operazioni militecari - Fine del conflitto e trattative di pace - Nuovo assetto geopolitico dell Europa La Rivoluzione Russa - Condizione politica ed economica della Russia zarista prima del conflitto mondiale - Partecipazione alla guerra - La rivoluzione del febbraio Lenin e la rivoluzione di ottobre - Costituente e guerra civile - Nascita dell URSS - La nuova politica economica - Lo stalinismo

12 Dittature e Totalitarismi in Europa ( XX secolo) Economia tra le due guerre Il Mondo in Guerra Il primo dopoguerra in Italia - Vittoria mutilata ed impresa di Fiume - Il biennio rosso: lotte operaie e dei braccianti - Condizione economica e sociale del ceto medio - L ultimo governo Giolitti: crisi dello Stato liberale Il Fascismo - Nascita del fascismo e la conquista del potere - Il programma dei Fasci di combattimento - Nascita del Partito nazionale fascista - La marcia su Roma Delitto Matteotti Distruzione dello Stato liberale - Le leggi razziali - La politica economica e monetaria del regime Lo stato industriale - Conseguenze dell inflazione del 1923 e la crisi del 1929 La Dittatura Sovietica - Morte di Lenin e problemi di successione al potere - Ascesa di Stalin L industrializzazione forzata e i piani quinquennali - Terrore staliniano - Politica estera dell URSS La Germania del dopoguerra e il trionfo del Nazismo - Situazione politica ed economica della Germania al termine del primo conflitto mondiale - La Repubblica di Weimar - Ascesa del nazismo e di Hitler al potere - Il terzo Raich: economia e politica - Antisemitismo e persecuzioni antiebraiche - Funzione razziale dello Stato Crisi del 29 e gli anni trenta - Espansione economica degli Stati Uniti d America - Cause determinanti la crisi - Crollo di Wall Street e la grande Depressione - Coseguenze sociali - Ruolo dello Stato e teoria di Keynes - Roosvelt e il New Deal La seconda Guerra Mondiale - La politica estera tedesca negli anni e Funzione della Società delle Nazioni - La conquista italiana dell Etiopia - Il patto di non aggressione russo-tedesco - La guerra lampo in Polonia - L intervento sovietico - La guerra sul fronte occidentale nel L attacco tedesco all Unione Sovietica - Arresto dell offensiva sul fronte orientale , allargamento del conflitto - Entrata in guerra del Giappone - Lo sbarco degli alleati in Normandia (1944) e offensiva sovietica - Sbarco in Sicilia degli alleati La caduta del fascismo ( 25 luglio 1943) L armistizio dell 8 settembre- La Repubblica di Salò - La svolta di Salerno - La Resistenza nel Nord d Italia e fine della guerra - Fine del terzo Reich - Sterminio degli ebrei - Conclusione definitiva della guerra con il Giappone - Nuovo assetto mondiale e ricostruzione dell Europa - Nascita dell ONU - La guerra fredda

13 L Italia Repubblicana Dagli anni 50 agli anni 80 Nascita della Repubblica Italiana - Nascita della Repubblica - La Costituente - Anni del Centrismo: vittoria della democrazia Cristiana - Il miracolo economico in Italia e in Europa - Anni del centro-sinistra: riforme Approfondimento di una tematica a piacere ( lavoro individuale o di gruppo)

14 Materia: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Docente: LOSCO FIORAVANTE Testo: non adottato Totale ore 50 MODULI/ORE 1 Potenziamento fisiologico. ARGOMENTI - Miglioramento della funzione cardiocircolatoria, respiratoria e della resistenza aerobica; - Miglioramento delle capacità condizionali: velocità, forza, resistenza e mobilità articolare; - Affinamento delle capacità coordinative. 2 Coscienza della propria corporeità. Consolidamento del carattere, sviluppo della socialità e del senso civico. - Lavori individuali, a coppie e gruppi sulle capacità percettive. - Stretching. - Compiti di arbitraggio. - Attività di autovalutazione. - Esperienze di gioco. 3 Acquisizione delle capacità operative e sportive. - Attività per il miglioramento dei fondamentali individuali e di squadra delle varie discipline sportive (pallavolo, pallacanestro, pallamano, calcio a cinque, tamburello, tennistavolo, ultimate frisbee, tchoukball). - Attività di gioco sia diretto dall insegnante che autogestito. - Nozioni di arbitraggio. 4 Prevenzione e salute. - Ginnastica posturale e rilassamento. - Norme generali e cenni di anatomia e fisiologia sportiva. - Infortuni e modalità d'intervento in caso di traumi. - Nozioni di primo soccorso. 5 Aspetti teorici - Informazioni teoriche sulle attività proposte. delle Scienze Motorie e Sportive.

15 Materia: Docente: Testo: Totale ore 120 TECNOLOGIA E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI CORRADO FRANCESCHINI RICCARDO TECCHIO Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni/3 Edizioni Calderini De Santis, Cacciaglia, Petrollini, Saggese 2014 ARGOMENTI Mezzi trasmissivi cablati Standard IEEE Fast Ethernet Gigabit Ethernet LAN wireless IEEE Livello fisico di Livello MAC di Trasmissione dei segnali Criteri di sicurezza Bluetooth Infrarossi WiMax ZigBee e IEEE Architettura dei sistemi di acquisizione e distribuzione dati Sottosistema di misura Sottosistema di controllo Sottosistema d uscita Catena di acquisizione a un solo canale Rilevamento, condizionamento e filtraggio Conversione A/D Massima frequenza del segnale campionabile (Th. dishannon) Circuito S/H Campionamento dei segnali Sistema di distribuzione dati ad un solo canale Sistema di distribuzione analogico multicanale Campionamento del segnale continuo Ricostruzione segnale originale UNITA RetiCablate Reti wireless Sistemi di acquisizione dati Sistemi di distribuzione dati Campionamento e ricostruzione segnali

16 Sistemi embedded caratteristiche generali Board Arduino UNO Installazione driver Specifiche tecniche I/O digitali Input Analogici Output PWM Risorse di comunicazione Controllo Remoto in LAN di Arduino (comandi via http) Dimensioni moduli e funzione dei pin Tipo di antenna Serie1, serie2, serie 2B Modalità operative Protocolli IEEE , ZigBee Configurazione Programmazione dei moduli con la scheda XBEE USB Board Programmazione dei moduli con Wireless Proto Schield Sketch e scrittura dei programmi di ricezione su PC Gestione e programmazione con modulo shield GSM Arduino e i sistemi embedded Moduli a radiofrequenza XBEE Programmazione moduli XBEE Applicazioni di sistemi wireless con Arduino UNO Applicazioni di sistemi GSM con Arduino UNO Vantaggi offerti dalle tecniche digitali Modello di un sistema di trasmissione digitale Elementi di teoria dell informazione Tecniche di trasmissione Trasmissione di segnali digitali su canale passa banda Tecniche di trasmissione per sistemi a banda larga Tecniche di trasmissione digitale ATTIVITA' DI LABORATORIO Programmazione e configurazione GSM shield Progetti di sistemi su varie tipologie di telecontrollo con piattaforma Arduino Progetto di un sistema di acquisizione e trasmissione dati con Microcontrollore Arduino Programmazione e configurazione ethernet shield Progetto di un sistema di acquisizione e trasmissione dati con Microcontrollore Arduino e ethernet shield Progetto e relazione tecnica su Microcontrollori Arduino client in rete LAN Cablaggio strutturato laboratorio TLC Programmazione e configurazione wifi-xbee shield

17 Materia: SISTEMI E RETI Docenti: FRANCESCHINI CORRADO ZARDINI GIUSEPPE Testo: Nessun testo adottato (*) Totale ore 105 ARGOMENTI TESTO SistemiOperativi Windows: Criteri per la scelta e la configurazione di sistemi operativi, struttura e partizionamento di Hard Disk, tipi di file system (NTFS e FAT32), principali funzioni e utilità del pannello di controllo di Windows, principali strumenti di sistema per la gestione e la manutenzione del sistema. Virtualizzazione: finalità e requisiti della virtualizzazione, virtualizzazione lato client e lato server, virtualizzazione di server (remoti) per la realizzazione di servizi di rete, virtualizzazione su client, hypervisor di tipo 1 e di tipo 2. Strumenti per il ripristino e tecniche di manutenzione preventiva del S.O., strumenti per la risoluzione dei problemi del S.O. Reti di computer: Tipi di rete LAN, WLAN, PAN, MAN e WAN, reti peer-to-peer e reti client-server, serve e servizi di rete. Topologia fisica e logica delle reti, dispositivi di rete, tipi di mezzi impiegati per le reti. Standard Ethernet, reti cablate e wireless, gli standard ethernet per reti cablate e WiFi, compatibilità fra gli standard. Modelli OSI e TCP: confronto e corrispondenza tra I due modelli, attività dei vari livelli. Configurazione dei sistemi operativi per il collegamento a una rete, condivisione di file e cartelle-gestione dei permessi (anche in Linux tramite chmod). Teclogie di connessione: DSL, ADSL, WiMAX e tecnologie Broadband. Sicurezza de dati: tipi di minacce alla sicurezza, Adware, Spyware, Phishing, Virus, Worm, Trojan e Rootkit. Sicurezza sul Web: ActiveX, Java, JavaScript, tipi di attacchi TCP/IP. Protezione dei dati: Firewall e softaware antivirus, Backup dei dati (completo, incrementale, differenziale). Crittografia dei dati: codifica Hash, simmetrica, asimmetrica Firewall: tipi di configurazione: Packetfilter,StatefulPacketInspection, Livello di applicazione, Proxy, DMZ. ITE Cisco Academy cap. 5 ITE Cisco Academy cap. 6 ITE Cisco Academy cap. 10

18 ARGOMENTI ATTIVITA' DI LABORATORIO Sistema operativo Linux: Creazione di macchine virtuali con sistema Proxmox su server remoto Installazione su server remoto di Ubuntu server Tunnel SSH per la comunicazione al server con linea di comando Installazione di pacchetti proftpd e Apache Configurazione di utenti con accesso FTP senza diritto di shell Configurazione di domini su server Apache Creazione di file shell autenticata Recupero password da disco di installazione Installazione di Webmin per la gestione via http del server remoto Sistema Windows 7 Controllodell'integritàdeidischirigidi Installazione avanzata di Windows tramite Sysprep Creazione di file immagine e ripristino del disco rigido (CloneZilla e Aomei) Oscuramento di un disco da Gestione disco Visualizzazione delle impostazioni del BootLoader tramite CMD e EasyBCD Creazione di utenti in Windows 7 Inserimento in un dominio di rete TESTO Manuali Ubuntu Server online Documentazione online sulla shell di Linux ITE Cisco Academy cap. 5 (*) La documentazione adottata è quella disponibile nel corso IT Essential sul portale Cisco NetSpace dotato di un ambiente e-learning. Integrazioni sui specifici argomenti sono state tratte da materiali disponibili online

19 MATERIA: MATEMATICA Docente: VALERIA SILVESTRI Testo: Matematica Verde Bergamini-Trifone-Barozzi Ed. Zanichelli Totale ore 90 RACCORDO Continuità in un punto ed in un intervallo Derivata di una funzione e suo significato geometrico INTEGRALE INDEFINITO INTEGRALE DEFINITO LE VARIABILI CASUALI Primitive di una funzione ed integrale indefinito Calcolo delle primitive Proprietà degli integrali indefiniti Integrali indefiniti immediati Integrali di funzioni razionali fratte Metodo di integrazione per parti Integrali di funzioni composte L area del trapezoide Integrale definito e sue proprietà La funzione integrale Calcolo dell integrale definito Il calcolo delle aree Volume dei solidi di rotazione Gli integrali impropri Definizione Le variabili casuali discrete e continue La distribuzione di probabilità Media e varianza di una v.c. La v.c. Binomiale La v.c. Gaussiana INFERENZA STATISTICA La popolazione ed il campione Principi del campionamento La media della popolazione e del campione La v.c. Media Campionaria La verifica di ipotesi per la media

20 Materia: Docenti: LINGUA E LETTERATUREA ITALIANA MARIA BUONOCORE Testo: G.Baldi, S.Giusso, M.Razetti, G.Zaccaria Il Piacere dei Testi volume Totale ore 107 A.Manzoni: vita, caratteri romantici nelle opere e poetica. Odi civili: Il cinque maggio Inni Sacri: La Pentecoste Il Romanzo: Promessi Sposi nuclei tematici principali La Cultura Romantica in Italia : caratteri e temi Età Postunitaria G. Leopardi: vita, influenza del contesto culturale, opere; il pessimismo storico e cosmico; poetica del vago e dell indefinito. Genesi e struttura dei Canti e degli Idilli L Infinito A Silvia Canto notturno di un pastore errante per l Asia La Ginestra o il fiore del deserto Operette Morali: Dialogo della Natura e di un Islandese Zibaldone: La teoria del piacere Il vago, l indefinito e le rimembranze Contesto storico-politico. Il mito del progresso e della modernità. Nuove realtà sociali. Il Positivismo e l affermazione di una nuova cultura filosofica. La figura dell intellettuale e il suo nuovo ruolo sociale. La lingua. G.Carducci: contestualizzazione e caratteri innovativi della produzione poetica. Odi Barbare Alla stazione in una mattina d autunno Nevicata La Scapigliatura e la sua contestazione ideologica e stilistica Contestualizzazione storica della nuova corrente letteraria da Capuana a Verga; confronto con il naturalismo di E.Zolà. Il Verismo Italiano Il Naturalismo francese e i suoi fondamenti ideologici e letterari. Esperienza letteraria innovativa di G.Flaubert ed E.Zolà G.Verga: vita, opere e poetica. Vita nei campi Rosso Malpelo Romanzi: il ciclo dei Vinti I Malavoglia : genesi e struttura del testo Il mondo arcaico e l irruzione della storia cap. I Conclusione del romanzo: addio al mondo pre-moderno cap.xv. Mastro Don Gesualdo genesi, temi e struttura del romanzo.

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado ISBN 9788896354643 CC BY ND Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado Autori Antonio Dell Anna info@antoniodellanna.it Martina Dell

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli