Dati aggiornati a ottobre /11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2"

Transcript

1

2 Dati aggiornati a ottobre /11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

3 Quante auto in circolazione?

4 Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo dei 670 milioni di vetture circolanti nel mondo (dato 2007) In Italia circolano 36 milioni di auto (e 5 milioni di motocicli), pari al 16 % del parco circolante in Europa a fronte di una popolazione (58 milioni) pari al 7% di quella dell Europa (800 milioni) 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 4

5 Parco veicolare italiano milioni di autovetture 5 milioni di motocicli 4,2 milioni di veicoli commerciali 1,4 milioni di altri veicoli 47 milioni in totale (motocicli, motocarri, autovetture, autobus, autocarri,motrici, altro) 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 5

6 Quasi una autovettura per abitante sopra i 18 anni di età In Italia, su una popolazione di 58 milioni di abitanti, la popolazione attiva (occupati ed in cerca di occupazione - Istat 2001) si attesta su 26 milioni di persone. I residenti in Italia con più di 18 anni (e quindi in grado di guidare) sono 47 milioni L indice di motorizzazione sulla popolazione attiva è quindi di 1,35 autovetture per abitante attivo: ovviamente gli inattivi, studenti e pensionati ed altri, spesso non posseggono un auto con il risultato che il rapporto reale si colloca quasi su un indice di 1 : 1. (40 milioni di veicoli privati a 2 e 4 ruote su 47 milioni di potenziali guidatori equivale a 0,85 veic/ab) 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 6

7 Evoluzione della Domanda Merci e Passeggeri Le previsioni del modello ASSTRA-ITALIA-TRT Raddoppio dei flussi passeggeri su strada nei prossimi venti anni Incremento dei flussi merci su strada del 50 % nei prossimi 20 anni Passeggeri: espansione territoriale: dal centro alle periferie alla città diffusa sviluppo del parco veicolare Forte prevalenza della modalità stradale che meglio risponde alle esigenze dei sistemi diffusi e della domanda non pendolare Merci: aree produttive distribuite sul territorio con sistemi locali di piccole e medie imprese e produzione just in time 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 7

8 QUALI MODI DI TRASPORTO SI USANO? Risultati delle indagini ISFORT 2007 Meno del 10% degli spostamenti su trasporto collettivo 70 % della popolazione non usa mai il trasporto collettivo 83 % degli spostamenti con mezzi privati (Isfort 1 sem. 2007) 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 8

9 Ma quanto costa al cittadino la gestione del proprio trasporto?

10 Dati di riferimento Note e unità di misura COSTO ANNUALE ACQUISTO e INTERESSI ,00 AMMORTAMEN TO IN 13 ANNI 1.384,62 ASSICURAZIONE 750,00 TASSA POSSESSO 200,00 PERCORRENZE ,00 KM CONSUMO 14,00 KM/LITRO COSTO CARBURANTE 1,30 SPESE CARBURANTE 1.114,29 MANUTENZIONE 800,00 PARCHEGGIO e Ricovero 200,00 PEDAGGI /km 0,06 120,00 TOTALE Costo annuale 4.568,90 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 10

11 Dati di riferimento ACQUISTO e INTERESSI ,00 Note e unità di misura AMMORTAM ENTO IN 13 ANNI COSTO ANNUALE 1.846,15 ASSICURAZIONE 1.200,00 TASSA POSSESSO 350,00 PERCORRENZE KM CONSUMO COSTO CARBURANTE (2007) 1,30 12,00 KM/LITRO SPESE CARBURANTE 1.950,00 MANUTENZIONE 1.000,00 PARCHEGGIO e Ricovero 250,00 PEDAGGI km 0,06 km 200,00 TOTALE Costo annuale 6.796,15 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 11

12 Quanto incide sul reddito familiare? Per un auto di ,00 di costo REDDITO MEDIO ANNUO FAMILIARE NETTO , ,00 PESO % DI UN'AUTO 18% 12% PESO % DI DUE AUTO 35% 23% Per un auto di ,00 di costo REDDITO MEDIO ANNUO FAMILIARE NETTO , ,00 PESO % DI UN'AUTO 13% 10% PESO % DI DUE AUTO 26% 21% 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 12

13 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 13

14 QUANTO CONTRIBUISCE IL TRASPORTO SU STRADA AL BILANCIO DELLO STATO E QUINDI: IN CHE MISURA ED IN QUANTO TEMPO E POSSIBILE MODIFICARE LA SITUAZIONE CUI SI E PERVENUTI NEGLI ULTIMI 50 ANNO? 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 14

15 COSTO ANNUALE DI USO E POSSESSO DI UN'AUTO MEDIA ( ) E RELATIVI INCASSI DELLO STATO VOCI DI COSTO AUTO MEDIA STIMA IN COSTO ITALIA/ANNO INCASSI STATO /ANNO COSTO ITALIA % ACQUISTO e INTERESSI 1.384, ,92 20% ,38 ASSICURAZIONE 750, ,00 20% ,00 TASSA POSSESSO 200, ,00 100% ,00 PERCORRENZE - CONSUMO - COSTO CARBURANTI - SPESE CARBURANTI 1.114, ,29 50% ,14 MANUTENZIONE 800, ,00 10% ,00 PARCHEGGIO e Ricovero 200, ,00 10% ,00 PEDAGGI 120, ,00 20% , , ,21 20% ,53 COSTI ANNUALI CALCOLATI SU 35 MILIONI DI AUTO IN CIRCOLAZIONE INCASSI STATO: NOSTRA STIMA 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 15 29%

16 COSTO ANNUALE AUTOTRASPORTO MERCI Dati di riferimento Note e unità di misura COSTO ANNUALE COSTO ITALIA ACQUISTO ,00 AMMORTAMENTO IN 15 ANNI , ,00 ASSICURAZIONE 4.000, ,00 TASSA POSSESSO 350, ,00 PERCORRENZE CONSUMO COSTO CARBURANTE (2007) ,00 1,30 km Km/litro SPESE CARBURANTE , ,00 MANUTENZIONE 2.400, ,00 PARCHEGGIO 1.000, ,00 PEDAGGI /km 0, , ,00 TOTALE Costo annuale , ,00 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 16

17 COSTI E INCASSI DELLO STATO PER IL TRASPORTO SU STRADA IN ITALIA VALORI IN MILIARDI DI 2007 COSTI E INCASSI STATO AUTO COSTI E INCASSI STATO AUTOTRASP.MERCI COSTO ITALIA INCASSI STATO COSTO ITALIA INCASSI STATO TOTALE COSTI SOCIALI 2007 TOTALI TOT INCASSI STATO ACQUISTO e INTERESSI 48,88 9,78 42,00 8,40 90,88 18,18 ASSICURAZIONE 26,48 5,30 16,80 3,36 43,28 8,66 TASSA POSSESSO 7,06 7,06 1,47 1,47 8,53 8,53 SPESE CARB 39,33 19,67 43,68 21,84 83,01 41,51 MANUTENZIONE 28,24 2,82 10,08 1,01 38,32 3,83 PARCHEGGIO e Ricovero 7,06 0,71 4,20-11,26 0,71 PEDAGGI 4,24 0,85 10,50 2,10 14,74 2,95 TOTALI 161,28 46,17 128,73 38,18 290,01 84,35 (AUTO CIRCOLANTI = ) (VEICOLI COMMERCIALI CIRCOLANTI = ) 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 17

18 Il costo globale annuo pagato dai cittadini per il trasporto privato samma a: E lo Stato incassa: (nel 2006 pari a 2,6 milioni di esemplari) In totale >>>> 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 18

19 L incidenza sulle entrate dello Stato Il PIL dell Italia nel 2007 è stato valutato (Ministero dell Economia) pari a circa miliardi di. Il settore del trasporto su strada quindi incide per il 20% sul prodotto lordo dell Italia! Le entrate fiscali nello stesso anno sono risultate pari a circa 428 miliardi di (oltre a circa 42 miliardi di degli enti locali) per un totale di circa 470 miliardi di euro *Ministero dell Economia e delle Finanze, Il contributo del trasporto stradale, sia attraverso la tassazione diretta sia attraverso quella indiretta sui servizi che consuma, determina pertanto anche in questa forma un apporto alle casse dello Stato pari a circa il 20% del totale. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 19

20 lo Stato ha impegnato nel 2006 in conto capitale (investimenti) : 9 miliardi per trasporti ad impianti fissi; 14,3 miliardi per il settore stradale; 0,9 miliardi per navigazione marittima e interna; 0,23 miliardi per il settore aereo; 1,4 miliardi per voci non definite dal CNT Da notare: le spese dei cittadini e le relative tasse sono pagate oltre la tassazione individuale sul reddito e solo una piccola quota può detrarre parte delle spese dal reddito 15/12/2008 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 20

21 Squilibrio di spesa I cittadini spendono 6 volte lo Stato per la mobilità, impegnando tra il 13 ed il 26 % del proprio reddito familiare; Ma nel trasporto collettivo manca la capillarità, la qualità, la frequenza E infatti l utente è stato costretto a scegliere l auto anche se le tariffe di autobus e ferrovie sui servizi locali e regionali sono molto basse 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 21

22 Infine le tariffe!! ABBONAMENTO MENSILE TARIFFA 21 (Interregionale nazionale) L adeguamento tariffario è indispensabile nelle aree metropolitane diffuse, per rispettare il vincolo del rapporto R/C 0,35 (DLvo 422/97) Questo è possibile (con incrementi valutabile tra il 30 ed il 50%) a fronte di tariffe medie di abbonamento molto basse La condizione è la contemporaneità con il miglioramento dei servizi e la tariffazione integrata del sistema complessivo ESEMPIO: per 60 km = 45 = 1 a viaggio di 60 km!!! Da km A km 1a classe 2a classe Costo/km 2a cl. [Euro cent] ,86 16,53 3, ,73 24,79 2, ,61 32,02 2, ,88 38,22 2, ,11 43,90 1, ,14 44,93 1, ,82 48,55 1, ,98 52,16 1, ,67 55,26 1, ,86 58,36 1, ,19 65,07 1, ,49 71,79 1, ,30 78,50 1, ,11 85,22 0, ,41 91,41 0, ,22 97,61 0,87 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 22

23 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 23

24 Spesa dei privati di un anno per l'auto in milioni di ,00 GIOCO ESEMPLIFICATIVO costi unitari in milioni di / km MILIONI DI /km km COSTO IN MIL ferrovia AV ,00 metropolitana tradizionale ,00 tranvie tradizionali ,00 tramvie innovative ,00 autostrade ,00 strade ordinarie (classe B) ,00 TOTALE ,00 Restano ,00 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 24

25 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 25

26 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 26

27 LA POPOLAZIONE VIRTUALE DI ROMA Anno KM CASA LAVORO KM /G Costo medio auto/km Costo giornaliero Costo annuo su 240 g /Anno x persona , , ,00 181, , , , ,61 Variazione ,46 Anno TABELLA CONFRONTO COSTI MONETARI ANNI DELL'AUTO PRIVATA TABELLA CONFRONTO COSTI DEL TEMPO ANNI Spostamenti CASA LAVORO SPOST./G TEMPO DI SPOSTAMENTO minuti Costo giornaliero Costo annuo su 240 g costi unitari del tempo , ,00 3, , ,00 7,00 Variazione , ,00 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 27

28 LA POPOLAZIONE VIRTUALE DI ROMA TABELLA CONFRONTO DEI COSTI TOTALI ANNI Anno Costo totale giornaliero Costo totale annuo , , , ,00 Variazione , ,00 rapporto 10,84 10,84 TABELLA CONFRONTO DEI COSTI TOTALI ANNI PER PERSONA MOBILE Costo totale Anno giornaliero x persona ,81 Costo totale annuo PER PERSONA 433, , ,47 Variazione 13, ,08 rapporto 8,40 8,40 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 28

29 popolazione virtuale rapporto sul 1961 IN TERMINI DI PERCORRENZE ,46 COSTI MONETARI ,21 COSTI TOTALI ,40 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 29

30 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 30

31 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 31

32 Abbiamo visto quanto costa e quanto incide sul reddito familiare il trasporto privato, ma anche quante risorse potrebbero essere rivolte ad altri scopi Sembra determinante che gli indirizzi per i paesi emergenti della UE ma anche del resto del mondo siano quelli di non ripetere gli stessi errori Ma ciò è credibile solo se noi per primi avviamo radicali e visibili interventi virtuosi per forme diverse di garantire la mobilità per tutti Ad esempio: Il 46 % dei veicoli circolanti in Italia ha più di 8 anni di età: invece che spingere alla rottamazione con sostituzione di un auto nuova (questa politica ha fatto vendere auto nuove in più nel 2007 che hanno portato allo stato 2 miliardi di di maggiori entrate x IVA), promuoviamo la rottamazione a sostegno del trasporto collettivo (abbonamenti gratuiti per 5 anni al TPL su gomma e su ferrovia?) Rendiamo noti i tempi impiegati con i diversi modi di trasporto ed i costi della congestione 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 32

33 Il tempo che mediamente una persona dedica alla mobilità nell arco di una giornata si attesta, secondo le rilevazione ISFORT del 1 semestre 2007,sui 65,2 minuti (71 gli uomini e 59 le donne), ovvero abbondantemente superiore ad un ora ed in crescita rispetto allo stesso periodo del 2006 di oltre 5 minuti Nelle aree metropolitane il valore (medio) supera gli 80 minuti Nelle aree diffuse si raggiungono i 100 minuti giornalieri ma fenomeni di congestione locale possono far superare questi valori in molti giorni all anno Abbiamo stimato con prudenza il maggior costo per la congestione stradale di: costo carburante all'anno ,00 Costo del tempo all'anno ,00 ITALIA costo totale congestione ,00 CON UN MAGGIOR COSTO PER PERSONA PARI A 800 /anno pari a un abbonamento annuale al servizio pubblico urbano e regionale Una stima per L AREA METROPOLITANA DI ROMA indica un maggior costo di congestione all anno di circa 2,7 MILIARDI di pagati dai cittadini romani!!! 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 33

34 ITALIA COSTI DELLA CONGESTIONE N. auto immatricolate % mobile giornaliera 60% Tempo medio in ore/g 1,0833 % ritardo 25% Valore del tempo in 7,50 Maggior consumo carburante litri/g 1,5 Costo carburante (2007) 1,30 costo carburante al giorno ,00 numero di giorni di congestione 200 costo carburante all'anno ,00 Costo del tempo al giorno ,00 Costo del tempo all'anno ,00 costo totale congestione ,00 Costo annuo per persona mobile 796,25 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 34

35 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 35

36 Per le persone (il controllo dell urbanizzazione e dei costi delle abitazioni) Per le Merci (il controllo delle aree industriali per comune (?); un progetto regionale delle localizzazioni e delle delocalizzazioni) 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 36

37 Tendo conto del classismo sociale dell automobile e della crescita del divario tra ricchi e poveri (uno degli scenari del prof. Secchi) Risposte: Scenari per le Aree metropolitane diffuse intanto: (ma non con treni ad alta frequentazione tipo TAF progettati da chi non li utilizzerà mai!!!) Scenari per le Aree metropolitane concentrate almeno: 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 37

38 Le criticità Mancanza di un progetto unitario del territorio e della mobilità in cui siano centrali le potenzialità del trasporto collettivo integrato (strada-ferrovia) Una politica dei trasporti per progetti senza la visione complessiva del sistema di offerta in relazione al sistema della domanda Agostino Cappelli Università IUAV di Venezia

39 IL SISTEMA FERROVIARIO REGIONAE DEL VENETO Figura 1 LE FASI DI ATTUAZIONE DEL S.F.M.R. UN ESEMPIO PER LE AREE DIFFUSE MA INSUFFICIENTE Il tema dell area metropolitana veneziana e delle prestazioni attese dal sistema ferroviario, per garantire adeguati livelli di integrazione territoriale e prestazioni di trasporto, è studiato ed approfondito a partire dagli anni novanta. Agostino Cappelli Università IUAV di Venezia

40 Le potenzialità del trasporto ferroviario L impiego del sistema ferroviario diviene possibile sui corridoi di collegamento, ma i servizi possono risultare efficienti per l utenza, e quindi economicamente sostenibili per l esercente, solo in condizioni di forte ed efficace integrazione con gli altri modi di trasporto, con forme di organizzazione che garantiscano un forte accessibilità territoriale, sistemi di tariffazione integrata, coordinamento tra i servizi e tra le aziende. Parcheggi e nodi intermodali Agostino Cappelli Università IUAV di Venezia

41 LA RILEVANZA DEI FLUSSI INTERNI A CIASCUNA REGIONE E DI INTERSCAMBIO TRA LE REGIONI DELL AREA PADANA LA FRAMMENTAZIONE DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE SUL TERRITORIO 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 41

42 FLUSSI ORIGINE DESTINAZIONE IN TONNELLATE/ANNO SU STRADA 2005 TRA ALCUNE REGIONI DEL NORD ITALIA Piemonte Lombardia Veneto Liguria Emilia-Romagna Toscana 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 42

43 Il confronto è più significativo escludendo i flussi interni a ciascuna regione Piemonte Lombardia Veneto Liguria Emilia-Romagna Toscana - 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 43

44 FLUSSI O.D. MERCI SU STRADA DA MACRO AREE E TOTALI PER LE SEI REGIONI (tonnellate/anno 2005) Piemonte Lombardia Veneto Liguria Emilia-Romagna Toscana Nord-Centro Mezzogiorno ITALIA ESTERO TOTALE 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 44

45 Aumento flussi privati Concentrazione esercizi Concentrazione mercati Riduzione degli esercizi commerciali Da città concentrata a città diffusa Aumento iper e super mercati Aumento viaggi (km) veicoli privati e consumi Riduzione viaggi veicoli commerciali in aree centrali urbane Agostino Cappelli - Padova

46 Uso di nuove tecnologie telematiche Per l ottimizzazione dei carichi Per la riduzione delle percorrenze Monitoraggio dei flussi Revisione della pianificazione territoriale per ottimizzare la localizzazione delle attività nel territorio Agostino Cappelli - Padova

47 Integrare modi, servizi, gestioni e tariffe Riabituare i cittadini a usare percorsi a piedi (ma attrezzati e protetti) Progettare nodi di interscambio desiderabili Far investire la collettività nel sistema integrato Riprogettare le localizzazioni industriali per connetterle al sistema ferroviario, marittimo e aereo Razionalizzare e contenere l uso della città per la distribuzione merci Usare i sistemi esistenti per la distribuzione notturna urbana 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 47

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Una leva per la ripresa. 10 Rapporto sulla mobilità in Italia

Una leva per la ripresa. 10 Rapporto sulla mobilità in Italia Una leva per la ripresa 10 Rapporto sulla mobilità in Italia Un anniversario (Decimo Rapporto), un analisi più ampia (non solo mobilità urbana) Tre sezioni di analisi e monitoraggio 1. Il monitoraggio

Dettagli

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Enrico Musso Università di Genova Il Car Sharing per l utente: l interesse, immagine, gradimento Roma, 7 aprile 2009 Auditorium dell Ara Pacis 1. Caratteristiche

Dettagli

Il trasporto pubblico locale

Il trasporto pubblico locale Un volano per l innovazione? Il trasporto pubblico locale Emanuele Galossi (IRES-CGIL) Presentazione n. 13/2011 Roma, 13 giugno 2011 TPL: alcuni dati di sintesi Operatori 1.260 Passeggeri trasportati 15

Dettagli

Una leva per la ripresa. 10 Rapporto sulla mobilità in Italia

Una leva per la ripresa. 10 Rapporto sulla mobilità in Italia Una leva per la ripresa 10 Rapporto sulla mobilità in Italia Un anniversario (Decimo Rapporto), un analisi più ampia (non solo mobilità urbana) Tre sezioni di analisi e monitoraggio 1.Il monitoraggio della

Dettagli

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

Key Performance Indicators nel TPL

Key Performance Indicators nel TPL Key Performance Indicators nel TPL Edoardo Marcucci Professore associato, Economia Applicata DISP e CREI, Università di Roma Tre Alcune questioni aperte sul Trasporto Pubblico Locale Workshop SIPOTRA Roma,

Dettagli

Un confronto europeo. ASSTRA UITP Transport Economic Commission

Un confronto europeo. ASSTRA UITP Transport Economic Commission Il Trasporto Pubblico Locale Un confronto europeo Emanuele Proia ASSTRA UITP Transport Economic Commission Cagliari, 13 novembre2015 Finalità Finalità, struttura e nota metodologia (1/2) La presente analisi

Dettagli

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0 Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI 1 La seconda auto è un lusso: vale oltre 200 euro al mese La seconda macchina costa mediamente 200 euro/mese in più rispetto al trasporto pubblico. E il risultato

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato Convegno Direzione Futuro Mobilità Elettrica e Autoriparazione 18 maggio 2013 ore 15.00 CROWNE PLAZA, via Po 197 -

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo MOBILITY CONFERENCE 2014 Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo Avv. Marzio Agnoloni Amministratore Delegato Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. 11 Febbraio 2014 1 Indice Inquadramento

Dettagli

I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1. Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1. Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1 Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

Corso di Trasporti e Territorio. prof. ing. Agostino Nuzzolo

Corso di Trasporti e Territorio. prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di Trasporti e Territorio prof. ing. Agostino Nuzzolo I metodi di valutazione degli interventi Esempio di analisi Benefici Costi di una metropolitana 1 ANALISI ECONOMICA Descrizione dell intervento

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

La carta della mobilità delle donne

La carta della mobilità delle donne con il contributo di con il patrocinio di La carta della mobilità delle donne Roma, 15 ottobre 2012 Silvia Maffii Patrizia Malgieri TRT Trasporti e Territorio Srl 10 punti per una carta della mobilità

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Angelo Tartaglia 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 1 Fabbisogno energetico crescente + 1,95% all anno in 25 anni 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 2 Mobilità:

Dettagli

Presentazione del workshop

Presentazione del workshop Presentazione del workshop Interazioni tra mobilità urbana ed extraurbana Milano, 2 luglio 2014 Dott. Roberto Laffi Dirigente di Unità Organizzativa Servizi per la Mobilità DG Infrastrutture e Mobilità

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 Il Circuito ICS Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 ICS e il car sharing Il Ministero dell Ambiente, in collaborazione con alcuni Comuni, costituisce

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta

Prof. Ing. Ennio Cascetta Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente delle Società Italiana di Politica dei Trasporti (S.I.Po.Tra) Roma, Centro Congressi Cavour, 30 aprile 2015 1

Dettagli

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014 Scenari e prospettive del settore auto Cristiana Petrucci Responsabile Centro Studi e Statistiche Unione Petrolifera L UNRAE in numeri Auto, Commerciali, Industriali, Bus, Caravan, Autocaravan, Assistenza,

Dettagli

Il Car Sharing come business development area: analisi del settore, strategie di impresa e ricadute socioeconomiche

Il Car Sharing come business development area: analisi del settore, strategie di impresa e ricadute socioeconomiche Il Car Sharing come business development area: analisi del settore, strategie di impresa e ricadute socioeconomiche IX Riunione Scientifica SIET Economia dei trasporti e Logistica economica: ricerca per

Dettagli

Torino: servizio trasporti

Torino: servizio trasporti Torino: servizio trasporti Cruscotto di indicatori A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano Indice Cruscotto di sintesi pag. 3 Indicatori di efficienza pag.

Dettagli

Proposta di nuova struttura tariffaria regionale. ACaM

Proposta di nuova struttura tariffaria regionale. ACaM Proposta di nuova struttura tariffaria regionale ACaM Riferimenti normativi Benchmark nazionali Analisi dello schema attualmente in vigore Contenuti della proposta Quadro normativo di riferimento Normativa

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 I.C.S. Iniziativa Car Sharing La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 IL CAR SHARING Il CAR SHARING è un servizio di mobilità che consente di acquistare

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011 UNRAE Conferenza Stampa Milano, 15 dicembre 2011 Mercato italiano delle autovetture 2011/2010 1.961.472 1.750.000 2010 2011 * - 10,8% Elaborazioni Centro Studi UNRAE * stime Mercato europeo delle autovetture

Dettagli

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti.

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. Gabriella Messina Servizio Mobilità sostenibile Roma, 14 maggio 2015 Consumi del settore

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO SULLE AUTO DELLA PA: I PRIMI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI DEL 2012. ROMA, luglio 2013

IL SISTEMA INFORMATIVO SULLE AUTO DELLA PA: I PRIMI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI DEL 2012. ROMA, luglio 2013 IL SISTEMA INFORMATIVO SULLE AUTO DELLA PA: I PRIMI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI DEL 2012 ROMA, luglio 2013 DATI DICHIARATI DALLE P.A. AL 20/7/2013, NON DEFINITIVI 1 Auto PA Il sistema informativo

Dettagli

ANAV ASSTRA Lombardia

ANAV ASSTRA Lombardia ANAV ASSTRA "Trasporto locale: sviluppo o sopravvivenza? Il contesto lombardo: domanda in crescita e riduzione delle risorse" Presentazione dello studio "Analisi del posizionamento del Trasporto Pubblico

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

ACCESS Questionario titolari d azienda

ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del Programma Spazio Alpino e ha come obiettivo primario il miglioramento della competitività e

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano

I dati significativi del mercato assicurativo italiano I dati significativi del mercato assicurativo italiano Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2014-2015 Sergio Desantis Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Milano, 9 luglio

Dettagli

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice Perché finanziare una mobilità urbana alternativa Eleonora Pieralice Mobilità urbana sostenibile: lo squilibrio modale Il sistema dei trasporti italiano è dominato dalla crescita della domanda di mobilità

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Roma 7 aprile 2009 La fonte dei dati: l indagine Audimob (Osservatorio Isfort Fondazione

Dettagli

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Roma, 16-17 febbraio 2006 SESSIONE C Le strategie di intervento: gli attori del successo Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico Ing.

Dettagli

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI Marco Baldi Responsabile Settore Territorio Fondazione Censis UNA LETTURA ATTRAVERSO TRE

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso Michele Paruzzi Furio Bombardi Solvay Chimica Italia S.p.A. Trenitalia

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Trasporti, per una mobilità a tutto raggio

Trasporti, per una mobilità a tutto raggio www.governo.it Trasporti, per una mobilità a tutto raggio www.governo.it La Finanziaria per i Trasporti: Salerno-Reggio Calabria, stavolta si riparte (davvero) Pendolari, 665 milioni di euro per treni,

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 3 08.01.2015 Tariffe Aci per il 2015 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con il consueto comunicato di fine anno sono state pubblicate

Dettagli

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie Piano Regionale ex LR 49/99 Definizione del Cronoprogramma FASE Ott. 2011 Nov. 2011 Dic. 2011 Gen. 2012 Nov. 2012 Dic. 2012 Gen. 2013 Feb. 2013 A Esame CTD informativa + Preliminare VAS Esame GR e invio

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

INNOVAZIONE, RETI E CITTÀ INTELLIGENTI:

INNOVAZIONE, RETI E CITTÀ INTELLIGENTI: INNOVAZIONE, RETI E CITTÀ INTELLIGENTI: VERSO LA MOBILITÀ DEL FUTURO Simone Gragnani Manager Lem REPLY Percorso di riflessione Un mondo di megalopoli La mobilità cresce e cambia L innovazione tecnologica

Dettagli

I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012

I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012 IL SISTEMA INFORMATIVO SULLE AUTO DELLA PA: I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012 1 Indice Il sistema informativo integrato sul parco auto della PA come strumento conoscitivo a

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e,

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e, I principali riflessi del Libro bianco sulla mobilità regionale, locale e urbana in Italia Carlo Carminucci, Isfort Roma, 17 giugno 2011 Dove eravamo rimasti: la mobilità locale nella programmazione europea.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Trento, 15 gennaio 2016 Protocollo d Intesa - Conferenza stampa pag. 1

PROTOCOLLO D INTESA. Trento, 15 gennaio 2016 Protocollo d Intesa - Conferenza stampa pag. 1 PROTOCOLLO D INTESA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Amministrazioni pubbliche territoriali e locali Socie di Autostrada del Brennero S.p.A. Trento, 15 gennaio 2016 Intesa - Conferenza

Dettagli

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese:

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: Il nodo autostradale di Genova Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: passaggio obbligato per il traffico da e verso la Francia (via valico di Ventimiglia);

Dettagli

Piano Regionale Integrato dei Trasporti Strategie e Programmi

Piano Regionale Integrato dei Trasporti Strategie e Programmi Piano Regionale Integrato dei Trasporti Strategie e Programmi La logistica delle merci e l intermodalità Proger SpA: Ing. Roberto D orazio Mobilità delle merci Intermodalità Merci Logistica Merci Logistica

Dettagli

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo Lucia Pennisi Automobile Club d Italia Pescara, 19 novembre 2015 Incidentalità su rete viaria principale Incidenti 37.092 (- 0,89%)

Dettagli

Andamento generale e specificità della Sicilia

Andamento generale e specificità della Sicilia ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE Andamento generale e specificità della Sicilia Mercato europeo La crisi del settore dell'auto continua senza sosta e si sta aggravando ulteriormente,

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA

L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA un modello di mobilità sostenibile arch. Alessandro Meggiato Dirigente del Servizio Politiche per la Mobilità Comune di Reggio Emilia IL CONTESTO abitanti

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

Principali inquinanti presenti nell aria

Principali inquinanti presenti nell aria Principali inquinanti presenti nell aria Polveri: sostanze cancerogene, irritanti, tossiche e allergizzanti Ossidi di azoto (NOx) sono gas irritanti Ossido di carbonio (CO) impedisce il trasporto dell

Dettagli

Dipartimento di Scienze Aziendali e di Studi Giusprivatistici, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi, Dr.

Dipartimento di Scienze Aziendali e di Studi Giusprivatistici, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi, Dr. Dipartimento di Scienze Aziendali e di Studi Giusprivatistici, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi, Dr. Angelo Leogrande ESERCITAZIONE DI ECONOMIA DEI TRASPORTI IN PREPARAZIONE AL

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Il mercato del lavoro in Veneto Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Venezia, 17 febbraio 2012 PERCHÉ UN CONTRATTO REGIONALE DI ATTIVITÀ (1/6) OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN VENETO

Dettagli

Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER GREEN JOBS Formazione e Orientamento LOGISTIC MANAGER Il logistic manager si occupa dell organizzazione e della circolazione delle merci e delle

Dettagli

LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE

LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE Giampio Bracchi Presidente Fondazione Politecnico di Milano Convegno ABI Internet e la Banca Roma,1 dicembre 2003 Economia della rete nel mondo, trasformazione e crescita:

Dettagli

IL MEZZO PIU SEMPLICE PER TUTTE LE SPEDIZIONI

IL MEZZO PIU SEMPLICE PER TUTTE LE SPEDIZIONI IL MEZZO PIU SEMPLICE PER TUTTE LE SPEDIZIONI Mercato Il settore delle SPEDIZIONI in Italia è uno dei pochi che oggi riesce a crescere nonostante la crisi economica, secondo un analisi svolta dall Aicai.

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli