Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1"

Transcript

1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i

2 Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione Funzioni equivalenti in un unto Parti rinciali Equivalenze notevoli Equivalenza nelle somme Termini trascurabili Notazione o iccolo di Landau Considerazioni conclusive Limiti notevoli Enunciati ed esemi Risoluzione delle forme Teoria degli ordini In niti di ordine inferiore e iti Confronto tra in niti e ordini Valutazione numerica dell ordine Esemi notevoli Struttura ne Famiglie di in niti classi cate tramite un multiindice Confronto di in nitesimi, iti e ordini Valutazione numerica dell ordine Ordine e oerazioni Prodotti e raorti Funzione comosta Somme Esemi ii

3 Notazioni Ove non resenti altre recisazioni, suorremo ssati A sottoinsieme di R; x 0 2 R unto di accumulazione er A; inoltre con f; g; : : : denoteremo funzioni reali de nite in A, non nulle in un intorno di x 0 ; tutti i iti si intendono er x! x 0 ; con ` si denoterà un generico elemento di R. iii

4 iv NOTAZIONI

5 Caitolo 1 Princii di sostituzione Consideriamo la funzione olinomiale P (x) = a n x n + a n 1 x n a 1 x + a 0 : Saiamo che P (x) = a nx n : x!+1 x!+1 In altri termini esiste un altra funzione Q(x) = a n x n tale che P (x) = Q(x): x!+1 x!+1 Esistono due ossibili modi, del tutto equivalenti, er generalizzare questa sostituzione dentro il ite. Osserviamo che risulta Q(x) x!+1 P (x) = 1; questo conduce alla de nizione di funzioni equivalenti; risulta con P (x) = Q(x) + R(x) R(x) x!+1 Q(x) = 0; questo conduce alla de nizione di termine trascurabile. In questo caitolo resenteremo queste due nozioni. 1

6 2 CAPITOLO 1. PRINCIPI DI SOSTITUZIONE 1.1 Funzioni equivalenti in un unto De nizione 1.1 Due funzioni f(x) e g(x) si dicono (asintoticamente) equivalenti in x 0 se risulta f(x) = 1: (1.1) x!x 0 g(x) In questo situazione scriveremo f(x) = g(x) [er x! x 0 ]: Sottolineiamo che l equivalenza è una nozione di carattere locale, nel senso che due funzioni equivalenti in un unto non è detto che lo siano in altri unti. L utilità di questa de nizione viene messa subito in luce dai seguenti risultati. Proosizione 1.2 Se due funzioni sono equivalenti in x 0, allora hanno in x 0 lo stesso comortamento, nel senso che o entrambe non sono regolari o i risettivi iti coincidono; in simboli f(x) = g(x) (er x! x 0 ) =) x!x 0 f(x) = x!x 0 g(x): Proosizione 1.3 Si abbiano due coie di funzioni equivalenti: Allora risulta f 1 (x) = g 1 (x) e f 2 (x) = g 2 (x): f 1 (x) f 2 (x) = g 1 (x) g 2 (x): In articolare le funzioni f 1 (x) f 2 (x) e g 1 (x) g 2 (x) hanno lo stesso comortamento, nel senso sora recisato. L imortanza di questo corollario è evidente: nelle forme indeterminate 0 (1) otremo sostituire uno o entrambi i fattori con termini equivalenti. Proosizione 1.4 Se la funzione f(x) è equivalente a g(x), allora anche 1=f(x) è equivalente a 1=g(x). Se abbiamo due coie di funzioni equivalenti f 1 (x) = g 1 (x) e f 2 (x) = g 2 (x); allora le funzioni f 1 (x)=f 2 (x) e g 1 (x)=g 2 (x) hanno lo stesso comortamento. Questa roosizione ha un imortanza evidente, con riferimento alle forme indeterminate 0 0 e 1 1. Anche se l equivalenza si alica rincialmente a funzioni in nite o in - nitesime, vogliamo segnalare che, se f(x) converge ad numero ` 6= 0, allora ovviamente f(x) = ` (intendendo la funzione di costante valore `). Risultano molto utili, in ne, i seguenti risultati, concernenti il comortamento dell equivalenza risetto alla comosizione. Proosizione 1.5 Se t!t0 '(t) = x 0 '(t) 6= x 0 in un intorno di t 0

7 1.1. FUNZIONI EQUIVALENTI IN UN PUNTO 3 e allora risulta f(x) = g(x) er x! x 0 f('(t)) = g('(t)) er t! t 0. Nella roosizione recedente le due funzioni equivalenti comarivano all esterno della comosizione. Ora ci chiediamo in quali casi ossiamo a ermare che f(x) = g(x) =) ' (f(x)) = ' (g(x)) : Alcuni casi rilevanti in cui l equivalenza si conserva sono illustrati di seguito. Proosizione 1.6 Se allora, er ogni > 0, risulta Proosizione 1.7 Se allora, er ogni a > 0, a 6= 1 f(x) > 0 f(x) = g(x) er x! x0 (f(x)) = (g(x)) f(x)! ` 0; ` 6= 1; er x! x 0 : f(x) = g(x) er x! x0 log a (f(x)) = log a (g(x)) er x! x 0 : Esemio 1.8 La condizione aggiuntiva ` 6= 1 è necessaria. Le funzioni 1 + x e 1 + x 2 sono equivalenti er x! 0. Tuttavia vedremo che log(1 + x) = x 6 = x 2 = log(1 + x 2 ): Osservazione 1.9 Se f(x) è una funzione in nita, allora la condizione è detta di equivalenza forte in quanto essa imlica f(x) g(x)! ` 2 R (1.2) f(x) g(x)! 1; senza che valga l imlicazione oosta. Ad esemio er x! +1 le funzioni x2 + x e 3 x 3 + x 2 sono entrambe equivalenti ad x; tuttavia solo la rima è equivalente in senso forte. Osserviamo che la condizione (1.2) è ovvia er funzioni convergenti ed equivalenti. Nella terminologia della teoria degli ordini, otremmo a ermare che se f e g sono in nite ed equivalenti in senso forte, allora er ogni a > 0, a 6= 1 le funzioni comoste ex a (f) ed ex a (g) hanno lo stesso ordine. In articolare se allora g(x) f(x)! 0; (1.3) ex a (f(x)) = ex a (g(x)) er x! x 0 : La condizione aggiuntiva (1.3) è necessaria. Infatti le funzioni x 2 e x 2 + x sono equivalenti er x! +1, ma non veri cano (1.3). Risulta e x2 6 = e x2 +x er x! +1.

8 4 CAPITOLO 1. PRINCIPI DI SOSTITUZIONE 1.2 Parti rinciali In corrisondenza del unto x 0 vogliamo ssare un in nitesimo ed un in nito di riferimento. De nizione 1.10 Si de nisce in nitesimo rinciale in x 0 la funzione x x0 se x x0 (x) = 0 2 R; 1=x se x 0 = 1: La funzione in nita! x0 (x) = 1 1= (x x0 (x) = x0 ) se x 0 2 R; x se x 0 = 1; rende il nome di in nito rinciale in x 0. Tra le funzioni in nitesime in x 0, quelle iù semlici sono della forma c ( x0 (x)) (1.4) essendo c 2 R e > 0. Questo suggerisce la seguente de nizione. De nizione 1.11 Sia f(x) una funzione in nitesima. Si de nisce arte rinciale di f in x 0 l unico in nitesimo della forma (1.4) equivalente ad f(x) in x 0. La recedente de nizione richiede alcune immediate recisazioni. 1. Nel caso di esonenti non interi si richiede imlicitamente che si tratti di iti unilaterali, in modo che la base in (1.4) sia ositiva. 2. Come imlicitamente a ermato nella de nizione, la arte rinciale è unica. 3. Non è a atto detto che ogni in nitesimo ammetta arte rinciale. Consideriamo, ad esemio x! 0; le funzioni f(x) = x(1 + sin 2 1 x ) f(x) = e 1=x2 non ammettono arte rinciale; abbastanza semlice la dimostrazione nel rimo caso, iù delicata nel secondo. 4. Se f è una funzione di classe C 1 ed x 0 è un unto interno ad A, la arte rinciale di f in x 0 coincide con il rimo termine non nullo dello sviluo di Taylor. Osservazione 1.12 Sussiste ovviamente la de nizione analoga di arte rinciale di un in nito.

9 1.2. PARTI PRINCIPALI Equivalenze notevoli Tutte le volte che si incontra un in nitesimo sarà oortuno cercare di assare alla risettiva arte rinciale. Essa si determina a artire da equivalenze note, tramite le regole contenute nelle roosizioni del aragrafo recedente. Riortiamo una tabella di arti rinciali di alcune funzioni in nitesime er x! 0. Una traccia di dimostrazione la daremo nel Paragrafo 1.5. Come casi articolari abbiamo funzione arte rinc. ordine sin x x 1 tan x x 1 arcsin x x 1 arctan x x 1 1 cos x x 2 =2 2 log a (1 + x) x= log a 1 a x 1 (log a) x 1 (1 + x) 1 x 1 funzione arte rinc. ordine log(1 + x) x 1 e x 1 x 1 n 1 + x 1 x=n 1 Abbiamo anche equivalenze notevoli er x! 1. funzione arte rinc. ordine log x x 1 1 arccos x 2 1 x 1=2 Vediamo come si alicano queste equivalenze Esemio 1.13 Determiniamo la arte rinciale di s f(x) = 4 log arcsin 3 x2 2 er x! 0. Saiamo che log(1 + x) = x er x! 0: Alicando la Proosizione 1.5 con '(x) = 3 arcsin 3 x2 2 (in quanto '(x)! 0), otteniamo log arcsin 3 x2 = 3 arcsin 3 x2 2 2 : (1.5) Saiamo anche che arcsin x = x er x! 0 e quindi, oiché elevando a otenza si conserva l equivalenza, arcsin 3 x = x 3 :

10 6 CAPITOLO 1. PRINCIPI DI SOSTITUZIONE Alicando ancora la Proosizione 1.5, con '(x) = x 2 =2! 0; otteniamo Da (1.5) e (1.6) consegue log arcsin 3 x2 2 = x6 8 : (1.6) arcsin 3 x2 = x6 : Elevando alla otenza 1=2 si conserva l equivalenza e ertanto s r log arcsin 3 x2 3 = 2 8 x3 : In de nitiva ossiamo concludere che la arte rinciale di f(x), er x! 0, è 6x 3. A arte i casi segnalati nelle Proosizioni 1.6 e 1.7, osserviamo che si rocede dalla funzione iù esterna a quella iù interna. 1.3 Equivalenza nelle somme Sussiste la seguente roosizione. Proosizione 1.14 Si abbiano due coie di funzioni equivalenti f 1 (x) = g 1 (x) e f 2 (x) = g 2 (x): Suoniamo, in un intorno di x 0, g 1 (x) + g 2 (x) g 1 (x) > 0: (1.7) Risulta allora Osserviamo quanto segue. f 1 (x) + f 2 (x) x!x 0 g 1 (x) + g 2 (x) = 1 La condizione (1.7) è immediatamente veri cata qualora gli addendi siano concordi in un intorno di x 0. La condizione (1.7) è immediatamente veri cata qualora risulti f 1 (x) x!x 0 f 2 (x) = g 1 (x) = ` 6= 1: x!x 0 g 2 (x) Osservazione 1.15 In realtà, se g 1 (x) e g 2 (x) sono arti rinciali, la condizione g 1 (x) + g 2 (x) 6 0 (1.8) imlica la condizione (1.7); quindi nella maggior arte degli esercizi è su ciente veri care la (1.8).

11 1.4. TERMINI TRASCURABILI 7 Se g 1 e g 2 non sono arti rinciali, la condizione (1.8) non imlica la (1.7) quindi bisogna restare articolare attenzione. Ad esemio consideriamo f 2 (x) = 1 f 1 (x) = x = g 1 (x) 1 + 2x + 4x 2 = x 2x 2 = g 2 (x) L equivalenza è corretta ma, a norma di de nizione, g 2 (x) non è la arte rinciale di f 2 (x). In questo caso abbiamo g 1 (x) + g 2 (x) = 2x 2 6= 0, tuttavia non è a atto vero che f 1 (x) + f 2 (x) = 2x 2 : Infatti lasciamo come semlice esercizio lo studio del ite f 1 (x) + f 2 (x) x!0 x 2 = 3=2 che ci ermette di a ermare correttamente f 1 (x) + f 2 (x) = 3 2 x2 : Osservazione 1.16 Se alla funzione f 1 + f 2 non si ossono alicare le equivalenze, non è a atto escluso che un ite del tio f 1 (x) + f 2 (x) x!x 0 f 3 (x) ossa essere risolto scrivendolo nella forma x!x 0 Ad esemio ossiamo considerare f1 (x) f 3 (x) + f 2(x) f 3 (x) : log(1 + x) sin x x!0 + e x : 1 Osservazione 1.17 Nel caso di iù di due addendi si richiede articolare attenzione. Per la risoluzione degli esercizi ossiamo suggerire una regola ratica: se tutti gli addendi ammettono arte rinciale, a nché si conservi l equivalenza nella somma è su ciente che i termini con esonente iù basso abbiano somma diversa da Termini trascurabili Ora assiamo ad esorre una nozione che si integra con quella di funzione equivalente. De nizione 1.18 Assegnate due funzioni f(x) e h(x), il termine h(x) si dice trascurabile risetto ad f in x 0 se risulta x!x 0 h(x) f(x) = 0:

12 8 CAPITOLO 1. PRINCIPI DI SOSTITUZIONE La denominazione trascurabile viene motivata dalla seguente roosizione, di dimostrazione immediata. Proosizione 1.19 Se h(x) è trascurabile risetto ad f(x) in x 0, allora f(x) + h(x) = f(x): Una conseguenza immediata di questa roosizione è che, in tutte le somme, i termini trascurabili ossono essere cancellati, ottenendo una funzione equivalente. Vogliamo osservare che la Proosizione 1.19 ammette il viceversa. Proosizione 1.20 Se due funzioni sono equivalenti in x 0, allora di eriscono er un termine trascurabile risetto a ciascuna di esse. Proosizione 1.21 Suoniamo f(x) equivalente a g(x) in x 0 ed h(x) equivalente ad l(x) in x 0. Se h(x) è trascurabile risetto ad f(x), allora l(x) è trascurabile risetto a g(x). Diamo ora un esemio base. Esemio 1.22 Se f(x) è una funzione in nita ed h(x) è una funzione itata, allora h(x) è trascurabile risetto ad f(x). Esemio 1.23 Si voglia studiare, er x! +1, la funzione f(x) = 3 x 2 + sin 2 x + arctan x: Il termine arctan x; essendo itato, è trascurabile risetto a 3 x 2 + sin 2 x, che è divergente; ertanto f(x) = 3 x 2 + sin 2 x (1.9) A sua volta sin 2 x, essendo itato, è trascurabile risetto al termine divergente x 2 ; ertanto x 2 + sin 2 x = x 2 : (1.10) Dalla (1.10), alicando la Proosizione 1.6, consegue Dalla (1.9) e dalla (1.11) otteniamo f(x) = x 2=3. 3 x 2 + sin 2 x = x 2=3 : (1.11) Esemio 1.24 Siano 0 < < q. Consideriamo le funzioni x e x q. Se x! 0 +, allora x q è trascurabile risetto a x. Se x! +1, allora x è trascurabile risetto a x q. Dobbiamo recisare che in resenza di iù di due addendi, la cancellazione di un addendo non è oerazione da farsi con leggerezza. Esemio 1.25 Consideriamo x!+1 x2 + x x + arctan ( x) :

13 1.4. TERMINI TRASCURABILI 9 I rimi due addendi sono in niti mentre il terzo non lo è. Erroneamente otremmo ritenere arctan ( x) trascurabile risetto a x 2 + x x e cancellarlo, così facendo otteniamo x!+1 x2 + x x + arctan ( x) = x2 + x x : x!+1 Per risolvere questo ite osserviamo che r x2 + x x = x = x 1 x 2 x! (1.12) 2 In realtà, come aena visto, x2 + x x non è in nito, quindi arctan( x) non è a atto trascurabile e, alla luce di (1.12) abbiamo x2 + x x + arctan ( x) = 0: x!+1 Esemio 1.26 Consideriamo x! 0. La funzione log(1 + x 2 ) è trascurabile risetto ad x e risetto a sin x. Tuttavia, come vedremo in seguito, essa non è trascurabile risetto a x sin x Notazione o iccolo di Landau De nizione 1.27 Assegnata una funzione f, il simbolo o(f; x 0 ) (si legge o iccolo di f in x 0 ) denota una generica funzione g trascurabile risetto ad f in x 0. Se non sorgono equivoci, si scrive semlicemente o(f). Questa nuova notazione richiede alcune recisazioni. Quando diciamo funzione generica intendiamo non meglio recisata, in quanto di essa ci interessa solo la trascurabilità risetto ad f. Esemio 1.28 Se consideriamo x! +1, con il simbolo o(x 2 ) si uò denotare tanto x quanto sin x. In maniera del tutto coerente con la de nizione che abbiamo dato, alcuni autori usano il simbolo o(1) er denotare una generica funzione in nitesima. La genericità uò dare luogo a scritture e regole aarentemente aradossali. Proosizione 1.29 Quale che sia f, si ha che o(f) + o(f) = o(f); o(f) o(f) = o(f 2 ): Infatti la somma di funzioni trascurabili risetto ad f è anch essa trascurabile risetto ad f. La dimostrazione è analoga riguardo al rodotto. Utilizzando la notazione o iccolo, la Proosizione 1.19 si enuncia sinteticamente come segue: f(x) + o(f) = f(x): (1.13) Tenuto conto della (1.13), i risultati 1.2, 1.3, 1.4 ossono essere rienunciati al modo seguente.

14 10 CAPITOLO 1. PRINCIPI DI SOSTITUZIONE Proosizione 1.30 La funzione f(x) + o(f) ha lo stesso comortamento, er x! x 0, della funzione f(x), nel senso che o entrambe non sono regolari o i risettivi iti coincidono. Il rodotto (f(x) + o(f))(g(x) + o(g)) ha lo stesso comortamento del rodotto f(x)g(x). Il raorto (f(x) + o(f)) = (g(x) + o(g)) ha lo stesso comortamento del raorto f(x)=g(x). Talvolta si incontra la scrittura f(x) = g(x) + o(h): Evidentemente essa vuol dire che (er x! x 0 ) la di erenza f(x) g(x) è trascurabile risetto alla funzione h. Ovviamente tale scrittura è signi cativa se a sua volta h = o(g). Esemio 1.31 (di erenziale) Se f è derivabile in x 0 si uò scrivere f(x) = f(x 0 ) + f 0 (x 0 )(x x 0 ) + o(x x 0 ) La notazione o verrà usata anche nella formula di Taylor. Esemio 1.32 Sia f una funzione su cientemente regolare. Possiamo scrivere f(x) = a 0 + a 1 x + a 2 x a n x n + o(x n ) 1.5 Considerazioni conclusive Siamo artiti da una situazione nota, i iti all in nito delle funzioni olinomiali. Generalizzando quella situazione abbiamo visto che in un ite ossiamo sostituire la funzione con una ad essa equivalente; cancellare nella funzione eventuali termini trascurabili. Le due oerazioni sono collegate tra loro: infatti (Proosizioni ) due funzioni sono equivalenti se e solo se di eriscono er un termine trascurabile. Abbiamo imostato la nostra esosizione sulla nozione di funzioni equivalenti; l eserienza didattica convalida questa scelta. In realtà l e cacia di questa tecnica negli esercizi diende er intero, oltre che delle regole di equivalenza, della tabella di equivalenze notevoli (vedi Sottoaragrafo 1.2.1). Tutte quelle equivalenze vengono ottenute rigorosamente tramite il calcolo di erenziale (vedi Esemio 1.31). Ad esemio, si dimostrerà che, er x! 0 sin x = x + o(x) Per la Proosizione 1.19 abbiamo e quindi, er transitività, x + o(x) = x sin x = x La nozione di termine trascurabile ritorna in alcuni iti notevoli che resentiamo nel rossimo caitolo.

15 Caitolo 2 Limiti notevoli Sotto il nome tradizionale di iti notevoli assano alcune forme indeterminate. 2.1 Enunciati ed esemi Proosizione 2.1 Per ogni a > 1 e er ogni > 0 x x!+1 a x = 0 In base a questo ite si suol dire che, er x! +1, le otenze sono trascurabili risetto agli esonenziali. Esemio 2.2 Calcolare x!+1 tan 3 x 1 cos 2 x Esemio 2.3 Calcolare x!+1 ex=2 sin 1 x arcsin 1 x Nella arentesi ossiamo assare alle arti rinciali. Quindi ossiamo osservare che 1 1 = 1 x 1 = x x x x oure direttamente D altra arte 1 1 x = o x : e x=2 = e x Esemio 2.4 Calcolare Osserviamo che e x2 +sin x x!+1 x 3 + 6x x 6 + 6x = x 3 : 11

16 12 CAPITOLO 2. LIMITI NOTEVOLI Abbiamo anche x 2 + sin x = x 2 ; tuttavia non ossiamo a ermare che e x2 +sin x = e x 2 : In questo caso articolare ossiamo osservare che e x2 +sin x = e x2 e sin x Pertanto il ite si trasforma in e x2 x!+1 x 3 esin x : Abbiamo D altra arte Pertanto si conclude e x2 x!+1 x 3 e sin x e 1 > 0: 2 t=x e t = = +1 t!+1 t3=2 e x2 +sin x x!+1 x 3 + 6x = +1: Esemio 2.5 Calcolare Osserviamo che quindi il ite si riduce a x! x+1 x4 arctan x + 1 : x4 arctan x + 1 = r 2 x2 r x+1 x!+1 x 2 : Poniamo da cui t = 3 x + 1; x = t 3 1 e quindi il ite diventa r 2 t!+1 r 4 t 2 (t 3 1) 2 = 4 t t!+1 t 6 = +1:

17 2.1. ENUNCIATI ED ESEMPI 13 Esemio 2.6 Calcolare e 1= x tan x 5 : x!0 + Si tratta di una forma (+1) 0. Anzitutto cerchiamo di semli care il ite: er x! 0 + tan x 5 = x 5 e quindi x x!0 e1= tan x 5 = x + x!0 e1= x 5 : + Ora, in questo caso abbastanza semlice, ossiamo cambiare variabile: t = 1= x! +1 e 1= x x 5 e t = = +1: x!0 + t!+1 t10 E oortuno segnalare un ovvio corollario sulle funzioni comoste. Corollario 2.7 Sia x!x0 '(x) = +1. Per ogni a > 1 e er ogni > 0 Esemio 2.8 Calcolare Abbiamo ('(x)) = 0 x!x 0 a '(x) sin x+x e1= tan x 5 : x!0 + 1 = +1 x!0 + sin x + x E ancora una forma (+1) 0. Come nell esemio recedente abbiamo e 1= sin x+x tan x 5 = e 1= sin x+x x 5 : x!0 + x!0 + Tuttavia in questo caso non sembra immediato il cambio di variabile, ertanto alichiamo il corollario e 1= sin x+x x 5 = x!0 + e 1= sin x+x x!0 + e 1= sin x+x x!0 + = 1= sin x + x 1= sin x + x x 5 = x 5 1= sin x + x (x + sin x) =2 Il rimo fattore è in nito (er ogni > 0), er = 10 il secondo fattore tende ad 1=2 5 e quindi, comlessivamente sin x+x e 1= x!0 + 1= sin x + x x 5 10 (x + sin x) 5 = +1 Proosizione 2.9 Per ogni > 0 e er ogni a > 0, a 6= 1 log a x x!+1 x = 0

18 14 CAPITOLO 2. LIMITI NOTEVOLI In base a questo ite si suol dire che, er x! +1, i logaritmi sono in niti trascurabili risetto alle otenze. Esemio 2.10 Calcolare Esemio 2.11 Calcolare Esemio 2.12 Calcolare Evidentemente inoltre quindi x 3 + log x x!+1 2 x + x 2 : x 3 + 3x + 4 x!+1 x 4 + 3x 2 5 x!+1 tuttavia non ossiamo a ermare che Dunque il ite si riduce a (x+sin x)2 e x 6 log x + e 1=x x 3 3 x 5 +x x 6 log x + e 1=x = x 6 log x; x + sin x = x (x + sin x) 2 = x 2 e (x+sin x)2 = e x 2 : x!+1 (x+sin x)2 e x 6 log x Considerato che x!+1 (x + sin x) 2 = +1, er ogni > 0 abbiamo x!+1 (x+sin x)2 e 2 = +1 (x + sin x) Per 2 (x+sin x)2 e x 6 log x = = = (x+sin x)2 e (x + sin x) (x + sin x) 2 x 6 log x (x+sin x)2 e x 2 (x + sin x) 2 x 6 log x = (x+sin x)2 e x 2 6 (x + sin x) 2 log x : 6 > 0 entrambi i fattori divergono. 2 = Esemio 2.13 Calcolare x x!+1 log x 1=x

19 2.1. ENUNCIATI ED ESEMPI 15 Corollario 2.14 Per ogni > 0, er ogni a > 1 e er ogni q > 0 log q a x x!+1 x = 0 Corollario 2.15 Per ogni > 0, er ogni a 2 (0; 1) e er ogni n 2 N Esemio 2.16 Calcolare x!+1 log n a x x!+1 x = 0 arctan x log 4 x + x 2 x 3 3x + x log(x 2 + 1) Anche in questo caso abbiamo iti analoghi er le funzioni comoste, ne riortiamo solo uno. Corollario 2.17 Sia x!x0 '(x) = +1. Per ogni > 0 e er ogni a > 0, a 6= 1 log a '(x) x!x 0 ('(x)) = 0 Proosizione 2.18 Per ogni > 0 e er ogni a > 0, a 6= 1 x!0 x log a x = 0: + Corollario 2.19 Per ogni > 0, er ogni a > 1 e er ogni q > 0 x log q x!0 + a x = 0: Corollario 2.20 Per ogni > 0, er ogni a 2 (0; 1) e er ogni n 2 N Esemio 2.21 Calcolare x log n x!0 + a x = 0: x + x3 log 2 sin x: x!0 + Anzitutto osserviamo che, er x! 0 +, abbiamo e quindi Inoltre saiamo che da ciò consegue (Proosizione 1.7) e quindi Pertanto x + x 3 = x x + x 3 = x sin x = x! 0; log sin x = log x; log 2 sin x = log 2 x: x!0 + x + x3 log 2 sin x = x!0 + x log 2 x = 0:

20 16 CAPITOLO 2. LIMITI NOTEVOLI Proosizione 2.22 Per ogni a > 1 e er ogni > 0 In articolare, er ogni n 2 N x! 1 ax jxj = 0: x! 1 ax x n = 0 Corollario 2.23 Sia x!x0 '(x) = 1. Per ogni a > 1 e er ogni n 2 N Esemio 2.24 Calcolare Abbiamo x! 1 a'(x) (' (x)) n = 0 x!1 x!1 (x 2)=(x 1)2 2 sin(x) log 2 x x 2 (x 1) 2 = 1 Dunque si tratta di una forma 0=0. Anzitutto cambiamo variabile Quindi il ite diventa Osserviamo che t!0 e ertanto il ite si riduce a t = x 1! 0 (t 1)=t2 2 sin((t + 1)) log 2 (t + 1) sin(t + ) = sin(t) = t log 2 (1 + t) = t 2 (t 1)=t2 2 t!0 t 3 = 1 n t 1 t 2 (t 2 n 1 1)=t2 t!0 t 2 t 1 t 3 : In base al corollario il rimo fattore è in nitesimo er ogni n 2 N, il secondo fattore è in nitesimo er n 2. Pertanto il ite è uguale a 0. Torneremo su alcuni di questi esemi quando avremo introdotto la teoria degli ordini. 2.2 Risoluzione delle forme +1 1 Ricordiamo che le forme indeterminate sono quattro +1 1; 0 (1) ; 1 1 ; 0 0 : Quella che sembra sfuggire alle rocedure viste no ad ora è la rima.

21 2.2. RISOLUZIONE DELLE FORME Si abbia f(x) = g(x) = +1 x!x 0 x!x 0 e si voglia studiare la forma indeterminata (f(x) g(x)) = +1 1 x!x 0 Si suggerisce di e ettuare la trasformazione (f(x) x!x 0 g(x)) = f(x) 1 x!x 0 g(x) : (2.1) f(x) Ci siamo ricondotti a studiare la forma indeterminata Suoniamo di aver risolto g(x) x!x 0 f(x) = g(x) x!x 0 f(x) = ` 2 R Se ` 6= 1, la forma a secondo membro di (2.1) è determinata e il risultato è in nito (con il segno aroriato). Se ` = 1 (in niti equivalenti), la forma a secondo membro di (2.1) è indeterminata +1 0; in questo caso si suggerisce di studiare tramite equivalenze la natura del termine in nitesimo 1 g(x) f(x) : Esemio 2.25 Calcolare 1 x + log 2 x x!0 + x!+1 x 3 2 x 3 x 2 x

22 Caitolo 3 Teoria degli ordini 3.1 In niti di ordine inferiore e iti Introduciamo la seguente de nizione. De nizione 3.1 Se f e g sono in nite in x 0, diremo che g è un in nito di ordine inferiore a f se risulta g = o(f) ossia se g è trascurabile risetto ad f, ossia, in base alla de nizione, se g(x) x!x 0 f(x) = 0: In questo caso, equivalentemente, si dirà che f è un in nito di ordine sueriore a g. In base alla de nizione che abbiamo aena dato, la Proosizione 1.30 si rienuncia, grosso modo, come segue. Teorema 3.2 (einazione degli in niti di ordine inferiore) In un ite ove comaiano sommati iù in niti, si ossono cancellare quelli di ordine inferiore. Questo teorema risolve formalmente quasi tutte le forme +1 1 e semli ca di molto le forme 0(1) e (1)=(1). In ratica, così come enunciato, non è di grande utilità, in quanto confrontare tra loro tutti gli addendi in niti che comaiono in una somma equivale a risolvere il ite. La teoria che stiamo er svolgere ci risarmia di studiare volta er volta i raorti tra i diversi addendi. 3.2 Confronto tra in niti e ordini La relazione tra funzioni in nite de nita sora è sicuramente transitiva e lascia ensare ad una sorta di stretto ordinamento tra funzioni in nite. Tuttavia non si deve ensare che rese due qualsiasi funzioni f e g debba veri carsi che una delle due è di ordine sueriore all altra. Precisamente uò veri carsi quanto segue: 18

23 3.2. CONFRONTO TRA INFINITI E ORDINI 19 g(f) x!x0 f(x) = 0 e in questo caso, come si è detto, f è un in nito di ordine sueriore a g; g(f) x!x0 f(x) = +1 e in questo caso, simmetrico del recedente, g è un in nito di ordine sueriore a f. g(f) caso intermedio: x!x0 f(x) = ` 2 (0; +1); g(f) non esiste x!x0. f(x) Diamo dunque una de nizione. De nizione 3.3 I due in niti f e g hanno lo stesso ordine se 9 g(f) x!x 0 f(x) = ` 2 (0; +1): Se non esiste il ite del raorto, diremo sinteticamente che si tratta di in niti non confrontabili. Diamo di seguito due esemi. Esemio 3.4 Per x! +1, ossiamo considerare le funzioni f(x) = x(2 + sin x); g(x) = 2x: Per queste due funzioni non esiste x(2 + sin x) x!x 0 2x e risulta x(2 + sin x) x(2 + sin x) inf = 1=2 e su = 3=2: x!+1 2x x!+1 2x Esemio 3.5 Possiamo considerare, semre er x! +1, le funzioni f(x) = x 2 ; g(x) = x + x 3 sin 2 x: Per queste funzioni non esiste il ite del raorto; il minimo ite del raorto è 0, il massimo ite +1. Osservazione 3.6 Dobbiamo segnalare che, in alternativa alla 3.3, esiste un altra ragionevole de nizione di in niti dello stesso ordine. Secondo alcuni autori, i due in niti f e g hanno lo stesso ordine se 0 < inf x!x 0 g(f) f(x) e su x!x 0 g(f) f(x) < +1: Se adottiamo questa seconda de nizione, due funzioni non confrontabili in base alla De nizione 3.3 otrebbero risultare dello stesso ordine; è quello che si osserva nel rimo esemio. Tuttavia il secondo esemio mostra che, anche se adottassimo la seconda de nizione (meno restrittiva della 3.3), continueremmo ad avere in niti non confrontabili.

24 20 CAPITOLO 3. TEORIA DEGLI ORDINI Osservazione 3.7 E immediato osservare che se due in niti sono equivalenti nel senso della De nizione 1.1, essi hanno ovviamente lo stesso ordine; non è vero il viceversa. Fino ad ora si è arlato di ordine di in niti come conseguenza di un confronto. Ora vogliamo dare una de nizione rigorosa. Teorema 3.8 La rorietà di avere lo stesso ordine de nisce una relazione di equivalenza tra funzioni in nite. De nizione 3.9 Si de nisce ordine la classe di equivalenza tra in niti ord x!x0 (f) = fg in nita in x 0 j f e g hanno lo stesso ordineg Ovviamente, ove non sorgano ambiguità, si uò omettere la recisazione x! x 0. Data questa de nizione, sull insieme degli ordini (insieme quoziente) si uò anche introdurre una relazione d ordine (non totale). De nizione 3.10 Poniamo se x!x 0 ord(g) 4 ord(f) g(x) f(x) = ` 2 [0; +1); ossia l ordine di g è inferiore all ordine di f nel senso della De nizione 3.1 oure se f e g hanno lo stesso ordine nel senso della De nizione 3.3. Precisiamo che la de nizione della relazione 4 è ben osta in quanto il confronto tra in niti è comatibile con la relazione di equivalenza. 3.3 Valutazione numerica dell ordine Precisato che, a rigore, l ordine è una classe di equivalenza, è molto comodo er gli esercizi avere una valutazione numerica dell ordine, nel senso che andiamo a recisare. Fissato un in nito camione, un sottoinsieme rorio dell insieme degli ordini è bigettivo all intervallo (0; +1). Su questo insieme di ordini la relazione 4 coincide con la relazione d ordine su R. Quanto agli altri ordini, quelli non raresentati da un numero reale, anche confronti arziali ossono essere di una certa utilità. In corrisondenza del unto x 0, si considera l in nito camione! x0 (x) (coincidente con l in nito rinciale ssato a suo temo) e si assume la seguente de nizione. De nizione 3.11 Una funzione f è in nita di ordine reale 2 (0; +1) in x 0 se 9 f(x) x!x 0 (! x0 (x)) = ` 2 (0; +1): (3.1)

25 3.3. VALUTAZIONE NUMERICA DELL ORDINE 21 In altre arole, dire che l ordine di f è vuol dire che f è dello stesso ordine del camione elevato ad. In questo caso, con abuso di notazione risetto alla De nizione 3.9, scriveremo er semlicità ord(f) =. Analogamente si daranno le de nizione di in nito di ordine maggiore o minore di (secondo che il ite in (3.1) sia risettivamente +1 o 0). Coerentemente scriveremo ord(f) > e ord(f) < Esemi notevoli Per resentare alcune situazioni articolari, so eremeremo la nostra attenzione sulle funzioni in nite er x! +1, er le quali abbiamo ssato l in nito camione! +1 (x) = x. Per ogni 2 (0; +1) risulta Fissato > 0, la funzione ord(log x) < ord(e x ) > x log x ha ordine strettamente maggiore di e strettamente minore di q, er ogni q >. Se i rimi due esemi otevano farci ensare è su ciente aggiungere all intervallo di ordini (0; +1) un ordine comunque iccolo ed un ordine comunque grande, il terzo esemio mostra che le cose sono molto iù comlicate. Non esiste, infatti, alcun numero che realizza le disuguaglianze riferite all ordine di x log x. Gli esemi visti sora non sono ancora i eggiori, infatti le funzioni in questione erano confrontabili con tutte le otenze dell in nito camione. Non è detto che questo accada semre. Fissato > 0, la funzione x (1 + sin 2 x) ha ordine strettamente maggiore di q, er tutti i q < ; d altra arte l ordine è minore di q er tutti i q >, tuttavia la funzione non è confrontabile con x. Fissati > 0 e q 0, la funzione x (1 + x q sin 2 x) ha ordine maggiore di er ogni < ; d altra arte l ordine è minore di, er ogni > + q; tuttavia questa funzione non è confrontabile con alcuna funzione otenza con esonente 2 [; + q].

26 22 CAPITOLO 3. TEORIA DEGLI ORDINI Fissato > 0, la funzione log x(1 + x sin 2 x) ha ordine strettamente minore di q, er ogni q >, tuttavia non è confrontabile con alcuna funzione otenza con esonente. Fissato > 0, la funzione x (1 + e x sin 2 x) ha ordine maggiore di q, er ogni q <, tuttavia non è confrontabile con alcuna funzione otenza con esonente. A conclusione ossiamo osservare esistono funzioni i cui ordini veri cano le stesse stime arziali e che non sono confrontabili. Le funzioni non sono confrontabili. x (1 + x q sin 2 x) x (1 + x q cos 2 x) Struttura ne Ora vogliamo arofondire alcune questioni riguardanti la struttura dell insieme degli ordini. Per semlicità continueremo ad occuarci di funzioni divergenti er x! +1. La rima questione è la seguente: scegliendo un in nito camione iù iccolo, si uò avere una classi cazione iù recisa degli ordini? La risosta è NO. Consideriamo, ad esemio, ~! +1 (x) = log x. Risulta quanto segue: la funzione log(log x) ha ordine comunque iccolo risetto a ~! +1 (x), infatti log(log x) t=log x log t x!+1 log = x t!+1 t = 0: Quindi si è rirodotta la situazione di un ordine non associabile ad alcun numero reale. Ma c è di eggio. Per ogni > 0 la funzione x ~! +1 (x). ha ordine comunque grande risetto a Questa mancanza di discriminazione tra funzioni diverse di uso comune non rende molto utile questa scelta dell in nito camione, mentre è molto comodo avere l ordine coincidente con l esonente. Possiamo ora vedere la cosa da un altro unto di vista. In una tabella indichiamo l ordine delle funzioni misurate risetto ai due diversi camioni

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

4. Strutture algebriche. Relazioni

4. Strutture algebriche. Relazioni Relazioni Sia R una relazione definita su un insieme A (cioè R A A). R si dice riflessiva se a A : ara R si dice simmetrica se a, b A : arb = bra R si dice antisimmetrica se a, b A : arb bra = a = b R

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim.

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim. LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. Calcolare i seguenti iti: a + 4 + b + 4 + 4 c 5 e ± g i + + sin 4 m sin o π q sin π + 4 + 7 d + 4 + + 5 4 + f 4 4 + 5 4 + 4 h + + l + + cos n sin cos p π π +

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.-

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.- Aunti di acustica ratica N 10.- 0140114 Uso delle costanti di temo nella tecnica fonometrica.- B.Abrami bruno.abrami@tin.it 1.- Premessa generale.- Nell estate del 010, avendo litigato con la fidanzata,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio:

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio: Funzioni Primitive (Integrali Indefiniti) (l.v.) Pur essendo un argomento che fa parte del Calcolo Differenziale, molti autori inseriscono funzioni primitive nel capitolo sul Calcolo Integrale, in quanto

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Raorto sull Imatto della Sanità d Iniziativa Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Novembre 2013 Indice 1 Storia e sviluo del rogetto sanità d iniziativa in Regione Toscana

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

MAPPE IN DIMENSIONE UNO

MAPPE IN DIMENSIONE UNO ¾ MAPPE IN DIMENSIONE UNO Abbiamo visto come la sezione di Poincaré conduca in modo naturale alla considerazione di mappe definite mediante funzioni reali. In questo capitolo passiamo a discutere la dinamica

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Le Derivate delle Funzioni Elementari

Le Derivate delle Funzioni Elementari Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli