Digital treatment objectives: procedure and clinical application

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Digital treatment objectives: procedure and clinical application"

Transcript

1 1 Digital treatment objectives: procedure and clinical application Digital treatment objectives: procedure and clinical application Francesco Garino*, G. Battista Garino* Garino F, Garino GB. Digital treatment objectives: procedure and clinical application. Prog Orthod 2004;5(2): Author s affiliation: *Medico Chirurgo, Specialista in Ortognatodonzia Correspondence to: Francesco Garino Corso Matteotti Torino (Italy) Ph.: fax: Objectives: the introduction of digital study models in the orthodontic practice changed the traditional stone gipsotec to a virtual gipsotec and the orthodontist has the possibility to see, immediately on the computer, this basic analysis with a great reduction of space and time. The aim of this study is to extend the use of digital models to the occlusal virtual set-up in 3D and have the orthodontist simulate and visualize the resulting occlusion from a suggested treatment plan for the malocclusion. Methods and materials: a case is presented where the treatment plan involvers extractions. The malocclusion is a Class II division 1 in the permanent dentition where an extraction treatment of 1.4, 2.4, 3.5 et 4.5 is planned: the final result shows the new occlusal relationship with proper anchorage management of the extraction spaces. From the primary silicon impression, a digital model is obtained followed by the virtual set up according the prescription of the treatment plan. More digital treatment objectives can be performed for the same malocclusion from the primary digital models, according to different treatment plans and the resulting occlusion visualized. Results: the basic principle for the virtual occlusal set-up is the straight-wire system with the final position of the teeth resulting both from the bracket prescription and the final rectangular wire in a full slot engagement. Conclusions: the resulting dental arches show a correct arch form, arch coordination and a proper dental intercuspation. The results coming from different virtual simulations are analyzed; all these simulations need only one pair of impressions. Limits of this virtual method are that it can be used only in full permanent dentition and for cases of dento-alveolar or dento-dental discrepancy. 248 PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2)

2 Digital treatment objectives: procedure and clinical application 2 Introduction In the last decade, the use of digital technology in orthodontic practices has provided advantages for data management of the patient s clinical chart, the management of daily appointments and administrative support. The quality of digital photography, which is efficient in memorization, visualization, and archiving 1-5 has progressively increased and now approximates the quality of conventional photography. In digital radiology, the development of indirect digital radiology, using phosphor plates and the improvement of the archiving and printing methods, avoided problems linked with traditional dark room development, and diagnostic quality results for the three basic radiographs used for orthodontic diagnosis, the panoramic, the AP and PA x rays can be obtained 6-8. Recently, indirect digital radiology has been replaced by a direct system in which the image is performed through the sensors mounted on the x ray machine and linked directly to a personal computer within a LAN 9-11, with a significant reduction of the x ray dose to the patient. Since the beginning of the third millennium, digital models have been used to replace conventional study models In addition, model archiving of virtual models of 5 views (frontal, right Introduzione: l introduzione dei modelli di studio digitali in ortodonzia nella pratica quotidiana ha consentito la trasformazione delle gipsoteche tradizionali in gesso in gipsoteche virtuali con la possibilità di disporre questo tipo di documentazione rapidamente e con notevole risparmio di spazio. Scopo del lavoro è di estendere l uso dei modelli digitali anche all allestimento di un set-up occlusale virtuale in 3D dove l ortodontista può simulare e visualizzare in anticipo i risultati del piano di trattamento di una malocclusione. Materiali e metodi: viene illustrato un caso in cui il piano di trattamento prevede una soluzione estrattiva e la successiva gestione dello spazio. Si tratta di una malocclusione tipo Classe II divisione 1 in dentizione permanente in cui sono programmate le estrazioni di 1.4, 2.4, 3.5 et 4.5: il risultato finale mostra i nuovi rapporti occlusali derivanti da una corretta gestione degli spazi estrattivi. Lo stesso caso viene risolto con due ulteriori piani di trattamento in cui sono previsti rispettivamente l estrazione dei primi premolari superiori ed inferiori e, l altro, soltanto dei primi premolari superiori, partendo dalla prima impronta in silicone ed il relativo set-up occlusale virtuale. Risultati: il principio di base del set-up occlusale virtuale è la sistematica straight-wire con posizione finale del dente risultante dalle informazioni scaturite dai valori contenuti nella prescrizione dello slot dell attacco e dall inserimento a tutto spessore del filo ortodontico rettangolare finale nel rispetto della forma dell arcata. Conclusioni: ne risultano arcate dentali ben coordinate e con rapporti di antagonismo nella norma. Vengono analizzati i risultati derivanti dalla realizzazione di diverse simulazioni virtuali. I limiti di questa metodica sono rappresentati dall applicazione del set up virtuale solo in dentatura permanente completa e per casi di discrepanza dento-alveolare e dento-dentale. Key words: digital models, digital treatment objectives, digital treatment plan. PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2):

3 3 Digital treatment objectives: procedure and clinical application Introduction. L introduction de modeles d etude digitaux en ortodontie au quotidien a permi de transformer les gypsothèques traditionelles en gypsothèques virtuelles. Cela nous donne la possibilitè de disposer rapidement du materiel de documentation et d un remarquable gain d espace. L objectif de cette étude est de developper l utilisation des modeles virtuels pour la reconstitution d un set-up virtuel en 3-D: l orthodontiste pourra ainsi simuler et visualiser les résultats de son plan de traitement. Materiaux et methodes. Le plan de traitement d un cas avec extractions est presenté. Il s agit d un malocclusion de deuxième classe div.1 en denture permanent avec extractions de 1.4, 2.4, 3.5, 4.5. Les resultats finaux nous montrent le nouveau rapport occlusal obtenu grace à la gestion correcte des espaces. Le meme cas est hypothètiquement résolu avec deux autres plans de traitement: dans un cas on a prévu l extraction des premiéres premolaires maxillaires et mandibulaires, et, dans l autre cas, des premieres premolaires superieures seulement. Les trois plans de traitement ont été developpés à partir d une seule empreinte en silicone et de son set-up virtuel. Resultats. Le set-up occlusal virtuel est inspiré des principes de la technique straightwire. Selon cette technique la position finale des dents est dictée par la complète expression des prescriptions du bracket swa grace à l utilisation de fils rectangulaires à pleine épaisseur et par le respect de la forme originale des arcades dentaires. Conclusions. Au final les arcades dentaires sont bien proportionnées et en normocclusion. Les resultats des diffèrentes hypothèses de traitement virtuel ont été analysés. Les limites de cette méthode sont: la possibilité d utilisation en denture permanente exclusivement et l impossibilitè d application dans les cas de dysharmonies osseuses. and left lateral and upper and lower occlusal), has become increasingly popular and the virtual models are commonly integrated with archives of digital x- rays and photographs. The different methods of linear (mm) and angular measurements of printing tracings used in the conventional orthodontic diagnosis, have been extended to the digital method. The angular and linear measurements of dental and dentoalveolar discrepancies determined on digital models are 250 PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2)

4 Digital treatment objectives: procedure and clinical application 4 Introducciòn. La introducción de los modelos digitales de estudio en la práctica ortodóntica ha cambiado el concepto de la recolección de modelos en yeso en una recolección de modelos virtuales, que efectivamente dan una mayor agilidad en la búsqueda de datos específicos y además reduce notablemente el espacio ocupado por los modelos en yeso. El objetivo principal de los modelos virtuales es el de poder realizar un set-up en 3D, donde el ortodoncista podrá realizar una simulación del tratamiento y por lo tanto planificar la solución de la mal oclusión. Materiales y métodos. Se presenta un caso donde el plan del tratamiento presenta una solución por medio de una extracción y posteriormente el manejo del espacio. Se trata de una mal oclusión de clase II división 1 en dentición permanente donde están programadas las extracciones del: 1.4, 2.4, 3.5 y 4.5, el resultado final muestra una nueva oclusión con una correcta distribución de los espacios y un resultado con una nueva relación oclusal. El mismo caso se resuelve con otros dos planes diferentes de tratamiento, donde en el primero se proponen extracciones de los primeros premolares superiores e inferiores y en el segundo solo de los primeros premolares superiores. Todo esto se propone desde la una sola impresión en silicona y un set-up oclusal virtual. Resultados. El principio de base del set-up oclusal virtual es el mismo de la técnica de straight wire arco recto, que considera la posición final de los dientes de acuerdo a la información del Slot del Bracket y de la inserción del alambre rectangular de finalización, con respecto al forma correcta del arco. Conclusiones. Los arcos dentales que se observan, demuestran una forma correcta del arco una coordinación del arco y una buena intercuspidación. Se analizan los resultados que resultan de diferentes simulaciones virtuales. Todas estas simulaciones necesitan solamente un par de impresiones. Los límites de este método virtual son que: puede ser utilizado solamente en la dentición permanente completa y en los casos de discrepancia dentoalveolar o dento-dental. (tradotto da: Santiago Isaza Penco) more accurate than the data obtained from conventional models with instruments such as calipers 15,16. The aim of this paper is to describe a method for the use of digital models for a virtual occlusal set up in 3D which can be used to simulate treatment objectives. The application is limited to the permanent dentition and for a dento-alveolar and dento-dental discrepancy. The procedure for a virtual occlusal set-up requires digital mo- PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2):

5 5 Digital treatment objectives: procedure and clinical application Fig. 1 Intra oral view before treatment. dels obtained through silicon impressions of both dental arches, settled in occlusion with a wax bite. The orthodontist utilizes a prescription form in which all treatment goals are designated, the antero-posterior, vertical, transversal tooth movements and the anchorage management, to obtain an ideal Class I occlusion with well aligned and coordinated dental arches. The impressions, wax and prescription form are sent to Orthocad, Cadent, USA. A few days later, through the Internet, the digital models are downloaded together with the virtual occlusal set up in which all tooth movements are produced according to the prescription form. The static and dynamic appearances are in lateral right, left, frontal, occlusal upper and lower views both for digital models and virtual occlusal set-up. Moreover, the visualization of the expected tooth movements to reach the final occlusion allows a critical evaluation of the possibility of clinically performing these movements. If the first solution is not clinically feasable, the orthodontist can perform another treatment plan from the initial digital models which have already been prepared for a virtual set-up, 252 PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2)

6 Digital treatment objectives: procedure and clinical application 6 Fig. 2 Digital models of the same malocclusion. using the same software. A Class II division 1 malocclusion in the permanent dentition with an upper and lower dentoalveolar discrepancy, maxillary protrusion and a deep bite is presented as an example of the use of the digital method (Figs. 1, 2). The treatment plan consists of the extraction of the upper first bicuspids and lower second bicuspids, the extraction space management for the correction of the overjet, upper and lower dento-alveolar discrepancy and to obtain a Class I molar and canine. Since anchorage conditions are moderate, the extraction space is closed by the molar mesial movement after the correction of the antero-posterior relationship, bite opening and the correction of the dento-alveolar discrepancy. The digital occlusal set up is presented with a final occlusion in 3D in which all teeth are in their final positions (Fig. 3). An important aspect of the virtual set-up is that the mechanotherapy involves the use of a.022 x.028 straight-wire system in which the final position of every tooth results from the insertion of a full engagement.020 x. 025 rectangular wire in the final stages of treatment 17,18. PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2):

7 7 Digital treatment objectives: procedure and clinical application Fig. 3 Digital occlusal set-up with extraction of 1.4, 2.4, 3.4 and 4.4. Procedure for preparing virtual set-up The preparation of the digital model from which a virtual set up is performed starts from an optical reading of the silicon impression. Then, a dedicated software creates a virtual cut of the single teeth without any modification of the tooth width anatomy as could happen with conventional cut in laboratory. The steps for the virtual occlusal set-up are as follow: the clinician selects the type of arch form (standard, ovoid, tapered) on the basis of skeletal pattern and clinical experience. The software then selects the type of.022 x.028 brackets from a library and the final full engagement rectangular.020 x.025 wires according to the selected arch from; correction of the ideal anteroposterior incisors relationship; alignment of the teeth on the lower arch. It is possibile to change the final position of the teeth and visualize the suggested amount of tooth movement; alignment of the teeth in the up- 254 PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2)

8 Digital treatment objectives: procedure and clinical application 8 per arch. It is possible move the teeth and simulate extraction treatment with closure of the extraction spaces (or open spaces when necessary in interdisciplinary treatment); the control of the ideal sagittal relationship. It is possible to visualize the amount of movement in mm for molars and canines. During the tooth movement in the sagittal direction on the upper and lower arches, the amount of expected expansion or contraction can be evident; control the coordination of the dental arches. It is important to visualize the amount of expansion or contraction on the virtual set-up because the orthodontist can determine if the amount of the suggested expansion or contraction can be clinically performed; control of the interarches relationship. In the case of an alternative treatment plan for the same malocclusion, the orthodontist can visualize the corresponding result by means of a second virtual occlusal set-up. Therefore, utilizing the pre treatment digital model and the first virtual occlusal set-up, the orthodontist can change the direction and the amount of the dental movements and produce a different virtual occlusal setup 19,20. During treatment, the visualization in 3D of the results of a treatment plan is also useful for monitoring treatment because a virtual occlusal set-up permits control between the clinical and virtual reality for the patient during every step of the treatment. Finally, the correction of the tooth position in a virtual occlusal set up is complete because of the 3D dimension of the brackets slot and the insertion of a full engagement rectangular arch wire in the final stage of treatment. Conclusions The replacement of conventional models with the digital models has not been completely accepted because many specialists have more confidence with the models in the hands, particularly when they use the models to perform a study analysis. However, a virtual occlusal set-up offers the unique advantage of having not only the initial images of the malocclusion but also the resolved malocclusion with the final positions of the teeth dictated according to the treatment plan. This is particularly useful in borderline cases where the virtual occlusal set-up can be evaluated to reach at the most appropriate solution. From the management point of view, the traditional gypsotech, where all model boxes are consecutively numbered by year can be replaced by a virtual archive of the models in which the dimensions are reduced to a virtual space on a hard disk where all models and virtual set up can be stored. The easy access and the strong communication effect with the patient using this digital method brings to a positive effect in the management of the orthodontic office. PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2):

9 9 Digital treatment objectives: procedure and clinical application References 1. Redmond WR, Redmond WJ and Redmond MJ. Clinical Implications of digital orthodontics. Am J Orthod Dentofacial Orthop 2000 Feb; 117(2): Abelson MN. Parameters for digital imaging: Part 1. Am J Orthod Dentofacial Orthop 2000 Nov;118(5): Abelson MN. Parameters for digital imaging: Part 2. Am J Orthod Dentofacial Orthop 2000 Dec; 118(6): Fiorelli G, Pupilli E, Patané B. Digital photography in the orthodontic practice. J Clin Orthod 1998 Nov; 32(11): Halazonetis DJ, Abelson MN. Digital image processing: How to retouch your clinical photographs. Am J Orthod Dentofacial Orthop 2000 Oct;118(4): Garino F, Garino GB, Barina E. Le analisi di studio radiografiche in ortodonzia con metodica digitale. Mondo Ortodontico 2000;5: Sarver DM, Johnston MW. Video imaging: techniques for superimposition of cephalometric radiography and profile images. Int J Adult Orthodon Orthognath Surg 1990;5(4): El-Mangoury NH, Shaheen SI, Mostafa YA. Landmark identification in computerized posteroanterior cephalometrics. Am J Orthod Dentofacial Orthop 1987 Jan;91(1): Garino F, Garino GB. Radiologia digitale diretta. Mondo Ortodontico 2003;5: Lindh C, Petersson A, Klinge B. Visualization of the mandibular canal by different radiographic tecniques. Clin Oral Implants Res 1992;3: Redmond WR. Digital Models: a new diagnostic tool. J Clin Orthod 2001 Jun;35(6): Garino F, Garino GB. I modelli di studio digitali: metodica ed applicazioni cliniche. Mondo Ortodontico 2002;1: Marcel TJ. Three-dimensional onscreen virtual models. Am J Orthod Dentofacial Orthop 2001 Jun; 119(6): Sachdeva RCL, White LW. JCO Interviews. J Clin Orthod 2000; 34: Garino F, Garino GB. Comparison of dental arch measurements between stone and digital casts. World Journal of Orthodontics 2002;3: Bland JM, Altman DG. Statistical methods for assessing agreement between two methods of clinical measurement. Lancet 1986 Feb 8; 1(8476): Knott VB. Longitudinal study of dental arch widths at four stages of dentition. Angle Orthod 1972 Oct; 42(4): Sheridan JJ. The Readers Corner: Do you use non-compliance appliances? J Clin Orthod 2004 Apr;38(4): Capurso U, Garino GB, Veneziani A, Garino F. L allestimento del set-up occlusale ed il suo impiego nella programmazione ortodontico-chirurgica. Mondo Ortodontico 1995; 1: Garino F, Garino GB. From digital casts to digital occlusal set-up: an enhanced diagnostic tool. World Journal of Orthodontics 2003; 4: PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2)

10 Il set-up occlusale virtuale: metodica e applicazione clinica 1 Il set-up occlusale virtuale: metodica e applicazione clinica Francesco Garino*, G. Battista Garino* Introduzione L utilizzo, nell ultimo decennio, delle tecnologie digitali nello studio ortodontico ha fornito, da tempo, preziosi vantaggi per la gestione dei dati riguardanti la cartella clinica dei pazienti, la distribuzione quotidiana degli appuntamenti nonché i compiti amministrativi e gestionali a seconda dei tipi di software adottati. La fotografia digitale oggi risulta molto efficiente per quanto riguarda la memorizzazione, visualizzazione e archiviazione delle immagini, e l aumentata qualità ha permesso di ottenere una documentazione fotografica di qualità molto vicina a quella ottenuta con una macchina fotografica tradizionale 1-5. Nella radiologia ad uso odontoiatrico ed ortodontico il diffondersi della radiologia digitale indiretta, con impiego di lastre al fosforo e successiva loro scannerizzazione, nonché l affinamento delle metodiche di memorizzazione e di stampa delle immagini, hanno permesso di superare i vincoli legati allo sviluppo radiografico tradizionale in camera oscura raggiungendo risultati qualitativamente notevoli per le tre documentazioni di base utilizzate per la diagnosi ortodontica nel paziente giovane e nell adulto, e cioè la Rx panoramica, la teleradiografia latero-laterale e la postero-anteriore 6-8. Ultimamente, la radiologia digitale indiretta sta per essere superata da una sistematica diretta in cui l immagine viene ottenuta tramite sensori allo stato solido montati sull apparecchiatura radiografica e collegati direttamente ad un personal computer inserito in una rete 9-11, con una sensibile riduzione di raggi per i pazienti. All inizio del terzo millennio, anche i modelli di studio ortodontici tradizionali sono stati rimpiazzati dai modelli di studio digitali I modelli virtuali possono essere visualizzati in differenti proiezioni (frontale, destra e sinistra, occlusale superiore ed inferiore) e possono essere mossi in 3D. Il sistema di archiviazione è rappresentato da archivi virtuali, in genere integrati con archivi in cui trovano collocazione anche la documentazione radiografica digitale e fotografica digitale del singolo paziente. I vari sistemi di misurazione millimetrica ed angolare nonché di stampa dei tracciati cefalometrici comunemente usati nella diagnostica ortodontica tradizionale ed utilizzati nei vari piani di trattamento sono stati estesi anche alla stessa documentazione ma eseguita con una metodica radiologica digitale. Allo stesso modo, anche sui modelli digitali, sono possibili valutazioni millimetriche ed angolari delle discrepanze dento-dentali, dento-alveolari che, normalmente, venivano eseguite sui modelli in gesso tradizionali, con strumenti di misura quali i calibri. Recenti ricerche hanno documentato come i dati che ne risultano siano più accurati di quelli ottenuti con i modelli in gesso 15,16. Lo scopo di questo lavoro consiste nel descrivere una metodologia che utilizza dei modelli digitali per l allestimento di un set-up occlusale virtuale in 3D che può essere usato per la simulazione di diversi piani di trattamenti ortodontici. L applicazione della metodica è limitata ai casi in dentatura permanente ed in presenza di problemi di discrepanza dento-alveolare o dento-dentale. Materiali e metodi La procedura per un set-up occlusale virtuale prevede necessariamente i modelli digitali ottenuti attraverso le impronte in silicone delle due arcate dentali, messi in occlusione attraverso una cera di masticazione in abituale. Il sistema prevede poi, da parte dell ortodontista, la compilazione di una cartella di prescrizione ortodontica in cui vengono segnati gli obiettivi previsti dal trattamento ortodontico per il caso specifico, i movimenti dentali antero-posteriori, verticali, trasversali, la gestione dell ancoraggio finalizzata al raggiungimento delle arcate dentali virtuali coordinate. Dopo pochi giorni dalla spedizione delle impronte, della cera di masticazione e del modulo di prescrizione (Orthocad, Cadent, USA), vengono ritornati, via internet, i modelli digitali, il set up occlusale virtuale in cui i movimenti dentali sono stati ottenuti secondo le indicazioni scritte nel modulo di prescrizione. La visualizzazione statica e dinamica può avvenire nelle tre proiezioni laterale destra, sinistra, frontale ed occlusale superiore ed inferiore tanto per i modelli digitali quanto per il set-up occlusale virtuale. Inoltre, la visualizzazione dei movimenti dentali previsti per raggiungere l occlusione finale ne permette una immediata valutazione critica sulla possibilità di una effettiva realizzazione clinica dei suddetti spostamenti. In caso contrario, si rende necessaria la realizzazione di un diverso piano di trattamento, in questo caso esclusivamente ad opera dell ortodontista, sulla base del modello digitale iniziale, secondo un piano di trattamento differente ma realizzato sullo stesso software a disposizione dell ortodontista. Viene presentata una malocclusione tipo Classe II divisione 1 in dentizione permanente con discrepanza dento-alveolare superiore ed inferiore, protrusione superiore con morso profondo per illustrare il metodo digitale virtuale (Figg. 1, 2). Il piano di trattamento prevede l estrazione dei primi premolari superiori e dei secondi premolari inferiori, la gestione degli spazi da estrazione per la correzione dell overjet, della discrepanza dento alveolare superiore ed inferiore e dei rapporti di Classe I a livello molare e canino. Trattandosi di una situazione di ancoraggio medio, lo spazio estrattivo residuo viene occupato dalla mesializzazione dei molari dopo aver ottenuto la correzione dei rapporti antero-posteriori, l apertura del morso e la correzione della discrepanza dento-alveolare. Ne risulta pertanto un set-up occlusale virtuale digitale della stessa malocclusione con un occlusione finale in 3D in cui i denti risultano nella loro posizione finale (Fig. 3). Il principio importante che sta alla base del set-up occlusale virtuale è rappresentato dal fatto che la meccanica ortodontica prevede l utilizzo di un sistema straight wire con slot 0,022 x 0,028 nel quale la posizione finale di ogni elemento dentale risulta dall inserimento di un filo rettangolare a tutto spessore di sezione 0,020 x 0,025 nelle fasi finali del trattamento 17,18. Procedura per la preparazione del set-up virtuale La preparazione del modello digitale da cui poi origina il set-up virtuale nasce dalla lettura ottica di un impronta in silicone. Poi, un software dedicato crea un taglio virtuale del singolo dente senza alcuna modificazione dell anatomia del dente in senso tra- PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2):

11 2 Il set-up occlusale virtuale: metodica e applicazione clinica sversale, come potrebbe invece accadere con un taglio convenzionale eseguito in laboratorio. Gli step per arrivare ad un set up occlusale virtuale sono i seguenti: l ortodontista seleziona il tipo di forma dell arcata (standard, ovoidale, tapered) sulla base del tipo scheletrico e in base all esperienza clinica. Il software poi seleziona da una library il tipo di attacco a slot 0,022 x 0,028 e un filo rettangolare a tutto spessore 0,020 x 0,025 in accordo al tipo di forma dell arcata scelta; determinazione del rapporto ideale antero-posteriore degli incisivi; allineamento dei denti dell arcata inferiore. È possibile modificare la posizione finale dei denti sull arco e visualizzare l entità del movimento ottenuto; allineamento dei denti dell arcata superiore; è possibile non soltanto muovere i denti ma simulare estrazioni con relativa chiusura degli spazi o aprire degli spazi nei casi di mutilazione della arcate o in casi multidisciplinari. Questo è importante nei casi border line in cui il set up occlusale virtuale viene usato per visualizzare la migliore soluzione di compensazione; controllo del rapporto sagittale ideale. È possibile visualizzare in millimetri sul set up virtuale l entità dei movimenti a carico dei molari e dei canini. Durante il movimento dentale nella direzione sagittale su entrambe le arcate, può risultare evidente l entità della prevista espansione o contrazione; controllo della coordinazione delle arcate dentali. Risulta importante visualizzare l ammontare dell espansione o della contrazione sul set up virtuale poiché l ortodontista si può rendere conto se può essere clinicamente ottenuta la prevista espansione o contrazione; controllo del rapporto interarcate. In caso di un altra ipotesi di piano di trattamento, l ortodontista può visualizzare, attraverso un altro set-up occlusale virtuale, i risultati a livello dentale derivanti da un nuovo piano di trattamento per la stessa malocclusione. Pertanto, utilizzando sempre il modello digitale iniziale prima del trattamento ed il primo set-up occlusale virtuale, l ortodontista è in grado di cambiare la direzione e l entità dei movimenti dentali simulati nelle tre dimensioni dello spazio, risultandone differenti set-up occlusali virtuali con la visualizzazione immediata dei nuovi rapporti di posizione e di antagonismo 19,20. Durante il trattamento, la possibilità di poter visualizzare in 3D i risultati di un piano di trattamento risulta utile per poter monitorare il trattamento, dal momento che un set up occlusale virtuale consente al paziente stesso di fare un controllo tra la realtà clinica e quella virtuale durante ogni fase del trattamento. Infine, la correzione dei difetti di posizione iniziali, in un set-up occlusale virtuale, è totale grazie alla determinazione in 3D dei valori dello slot dell attacco ed al completo caricamento dell arco finale rettangolare. Conclusioni L applicazione della tecnologia digitale, con la sostituzione dei modelli in gesso con i modelli digitali, non è ancora accettata completamente poiché parecchi specialisti hanno ancora più confidenza con il gesso tra le loro mani, specialmente nel momento in cui si accingono ad utilizzare i modelli per le analisi di studio previste. Ciononostante, un set up occlusale virtuale offre il vantaggio unico di poter avere non solo le immagini iniziali della malocclusione, ma anche le immagini della malocclusione risolta; si hanno quindi disponibili le posizioni finali dei denti previste dal piano di trattamento. Ciò risulta particolarmente utile nei casi borderline nei quali un set up occlusale virtuale può risultare estremanente utile per scegliere la soluzione più appropriata. Da un punto di vista gestionale, la gipsoteca tradizionale, nella quale tutte le scatole dei modelli sono numerate consecutivamente per anno, può essere rimpiazzata da un archivio virtuale di modelli. Questo determina una notevole riduzione degli spazi necessari: si passa a degli spazi virtuali su hard disk nei quali tutti i modelli e i rispettivi set up virtuali possono essere immagazzinati. La facilità di accesso alle immagini ed il forte effetto comunicativo con il paziente determinato da questo metodo digitale porta a un notevole beneficio gestionale all interno di un moderno studio ortodontico. 258 PROGRESS in ORTHODONTICS 2004; 5(2):

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 09-10-98 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

ANALISI CEFALOMETRICA SAGITTALE: QUAL È IL PARAMETRO PIÙ AFFIDABILE? S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti. V.J.O.

ANALISI CEFALOMETRICA SAGITTALE: QUAL È IL PARAMETRO PIÙ AFFIDABILE? S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti. V.J.O. Articolo originale Pubblicato il 2-7-26 S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti Autori associati a: Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa STEP system STEP L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa ami la velocità? Slide low friction system www.leone.it STEP system L ergonomia e la semplicità in ortodonzia Il sistema STEP è molto più

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ORTOGNATODONZIA Direttore: Prof. Vincenzo Piras IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

LA DIFFERENZA È NECTA

LA DIFFERENZA È NECTA LA DIFFERENZA È NECTA SOLUZIONI BREVETTATE PER UNA BEVANDA PERFETTA Gruppo Caffè Z4000 in versione singolo o doppio espresso Tecnologia Sigma per bevande fresh brew Dispositivo Dual Cup per scegliere il

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

BATTERIE ENERGA AL LITIO

BATTERIE ENERGA AL LITIO BATTERIE ENERGA AL LITIO Batterie avviamento ultraleggere - Extra-light starter batteries Le batterie con tecnologia al Litio di ENERGA sono circa 5 volte più leggere delle tradizionali al piombo. Ciò

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore

Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore Progettati per l efficienza Alveoli estrattivi grandi, accessibilità limitata, difficoltà di rimozione del cemento in eccesso ed

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity

Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity clinical research papers Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity Elena Di Palma, Michele Leopardi, Vincenzo

Dettagli

ITALTRONIC SUPPORT ONE

ITALTRONIC SUPPORT ONE SUPPORT ONE 273 CARATTERISTICHE GENERALI Norme EN 6071 Materiale PA autoestinguente PVC autoestinguente Supporti modulari per schede elettroniche agganciabili su guide DIN (EN 6071) Materiale: Poliammide

Dettagli

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN)

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN) Preistoria Alpina, 41 (2005): 245-250 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2006 ISSN 0393-0157 Giuliano VILLA & Giacomo GIACOBINI * Laboratorio di Paleontologia Umana, Dipartimento di Anatomia,

Dettagli

zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors

zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors ZANZAR SISTEM si congratula con lei per l acquisto della zanzariera Plissè. Questa guida le consentirà di apprezzare i vantaggi di questa zanzariera

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Introduzione al software SEER*Stat

Introduzione al software SEER*Stat Introduzione al software SEER*Stat Claudio Sacchettini, Carlotta Buzzoni, Emanuele Crocetti Registro Tumori Toscano Perché usare il SEER*Stat Alta qualità e competenza dei produttori Orientato alle esigenze

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD)

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Autore_Valerio Bini, Italia Fig. 1_Smile designer e face aesthetic medical team. _Introduzione È oggi possibile stare al passo

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects Il colore Mapei nel progetto The Mapei colour in the project Effetti Estetici Decorative Effects Marmorino Marmorino Effetto Classico Marmorino Classical Effect Effetti Estetici Decorative Effects 3 Applicazione

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

24 TIRANTI - PULL STUDS - ANZUGSBOLZEN - TIRETTES

24 TIRANTI - PULL STUDS - ANZUGSBOLZEN - TIRETTES Pag. 339 DIN 69872 340 ISO 7388/2 A 341 ISO 7388/2 B 342 CAT - METRIC 343 MAS 403 BT 344 JS - B 6339 345 347 OTT - HURCO MITSUI - KITAMURA C.B. FERRARI CHIRON - CINCINNATI etc. etc. 348 CHIAVE DINAMOMETRICA

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini ACQUAVIVA

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini ACQUAVIVA design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini 56991/12 Bocca incasso da cm. 12 su piastra Built-in 12 cms. spout on plate 56991/18

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli