SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti)"

Transcript

1 SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) dr.ssa Federica Alimede Treviso Tecnologia c/o Sportello CSR e Ambiente CCIAA Treviso

2 Normativa di riferimento D.Lgs. 205/2010: modifiche al Titolo IV D.Lgs. 152/2006 e apparato sanzionatorio SISTRI Imprese/Enti che sono già in possesso del dispositivo USB alla data del 1 ottobre devono già utilizzare il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti

3 Operatività di SISTRI Decreto di riferimento D.M. 17 dicembre luglio agosto 2010 D.M. 9 luglio ottobre 2010 D.M. 28 settembre 2010 D.Lgs. 205/ giugno 2011 Operatività SISTRI è operativo, per chi è già in possesso del dispositivo USB, a partire dal 1 ottobre 2010 Per tutti i soggetti iscritti, a partire dal 1 gennaio 2011

4 Normativa di riferimento D.Lgs. 4/2008 art bis «Senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, a partire dall'istituzione di un sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai fini della trasmissione e raccolta di informazioni su produzione, detenzione, trasporto e smaltimento di rifiuti e la realizzazione in formato elettronico del formulario di identificazione dei rifiuti, dei registri di carico e scarico e del M.U.D., da stabilirsi con apposito decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, le categorie di soggetti di cui al comma precedente sono assoggettati all'obbligo di installazione e utilizzo delle apparecchiature elettroniche.»

5 Soggetti obbligati Produttori di rifiuti pericolosi; produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da attività industriali, artigianali e di gestione rifiuti; gestori di rifiuti (recuperatori, smaltitori, commercianti ed intermediari) e Consorzi;

6 Soggetti obbligati enti e imprese che gestiscono i rifiuti urbani nella Regione Campania; imprese che raccolgono e trasportano rifiuti speciali ai sensi dell'articolo 212, comma 5, D.Lgs. n. 152/2006 (categorie ); imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti speciali "pericolosi" di cui sono produttori iniziali, ai sensi dell'articolo 212, comma 8, D.Lgs. n. 152/2006. Nel caso di produzione accidentale di rifiuti pericolosi il produttore è tenuto a procedere alla richiesta di adesione al SISTRI entro 3 giorni lavorativi dall accertamento della pericolosità dei rifiuti. (Art. 16 comma 10 D.Lgs. 205/2010)

7 Soggetti con adesione volontaria Produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da attività industriali, artigianali e di gestione rifiuti fino a 10 dipendenti; produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da altre attività (servizi, commercio, edilizia, sanità); le imprese che trasportano i propri rifiuti speciali non pericolosi di cui sono produttori iniziali ai sensi dell'articolo 212, comma 8, decreto legislativo 152/2006.

8 Iscrizione e Assistenza ON LINE: FAX: modalità di iscrizione NUMERO VERDE: e- mail: L'assistenza all'iscrizione viene fornita direttamente da SISTRI, tramite il portale l'indirizzo e il numero verde

9 Contributo di Iscrizione contributo annuale, riferito all anno solare di competenza, va versato contestualmente all iscrizione, indipendentemente dal periodo di effettiva fruizione del servizio, mentre successivamente va versato entro il 31 gennaio dell anno al quale i contributi si riferiscono. Per il 2011: scadenza prorogata al 30 aprile p.v. il contributo è versato da ciascun soggetto obbligato e per ciascuna attività di gestione dei rifiuti svolta all interno dell U.L. (nel caso in cui sia stato richiesto un dispositivo USB per ciascuna unità operativa all interno della stessa U.L. il contributo è versato per ciascun dispositivo USB richiesto) importo e modalità di versamento sono indicati nell Allegato II (influiscono: tipologia di rifiuti prodotti/gestiti, quantitativo di rifiuti prodotti/gestiti, per trasportatori terzi quantità annua autorizzata, n. veicoli, n. addetti) i contributi possono essere rideterminati annualmente con decreto del Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

10 Conguaglio per contributi versati in eccesso Piccoli produttori e/o soggetti tenuti ad iscriversi a SISTRI che in fase di iscrizione hanno versato importi maggiori al dovuto, hanno diritto al conguaglio di quanto versato in eccesso. Il conguaglio verrà scalato dai contributi dovuti per l anno successivo. La domanda di conguaglio deve essere inviata esclusivamente a SISTRI utilizzando uno dei seguenti recapiti: FAX: e- mail: utilizzando il modello per la scaricabile dal portale

11 Variazione dati delgato/azienda In caso di variazione dati del delegato (art. 3, comma 10 DM 17/12/2009) SISTRI emette un nuovo certificato elettronico, che dovrà essere ritirato secondo la procedura indicata nell'allegato IA (indicativamente consegna c/o CCIAA competente per territorio) NUMERO VERDE: e- mail: Informazioni da comunicare: Numero pratica; Ragione sociale e indirizzo dell azienda; Unita locale del delegato che deve essere sostituito/cancellato; Nome del delegato da sostituire o cancellare; Dati anagrafici del nuovo delegato. In caso di variazione dati aziendali/attività (art. 3, comma 9 DM 17/12/2009): inviare comunicazione non oltre le 72 ore dalla data di comunicazione al R.I. e, nei successivi 10 giorni lavorativi, provvedere alla restituzione del dispositivo USB ai medesimi uffici presso i quali è stato effettuato il ritiro e alla restituzione del dispositivo black box ad una delle officine autorizzate all installazione. NUMERO FAX:

12 Controllo e Sanzioni Regime sanzionatorio applicabile sino al 31 maggio 2011 Durante la fase di prima applicazione del SISTRI, i soggetti iscritti rimangono tenuti agli adempimenti di cui agli articoli 190 e 193 del D.Lgs. n. 152/2006. Fino al 31 maggio 2011, solo la compilazione del registro di carico e scarico e del formulario garantisce l adempimento degli obblighi di legge, e solo la violazione delle relative disposizioni può dar luogo alla comminazione delle specifiche sanzioni.

13 Sanzioni ridotte fino al 30 giugno 2011 Regime sanzionatorio applicabile a partire dal 1 gennaio 2011 (art. 39 D.Lgs. n. 205 del 3 dicembre 2010) Per soggetti obbligati (e inadempienti) che si iscrivono entro il 30/06/2011: 5% del contributo annuale dovuto, calcolata per ciascun mese o frazione di ritardo Per soggetti obbligati (e inadempienti) che si iscrivono dopo il 30/06/2011: 50% del contributo annuale dovuto, calcolata per ciascun mese o frazione di ritardo Per imprenditori agricoli che producono e trasportano rifiuti pericolosi in modo occasionale e saltuario: deroga fino al 31/12/2011 Tra le nuove sanzioni, in caso di omessa iscrizione è prevista esclusivamente una sanzione amministrativa pecuniaria (fino a ,00 euro in caso di rifiuti pericolosi)

14 Consegna Dispositivi, USB e black box Agli operatori iscritti al SISTRI vengono consegnati: Tipologia dispositivo Almeno 1 dispositivo USB per accedere al sistema SISTRI dalla propria postazione Per i trasportatori: viene consegnato anche un dispositivo elettronico (Black Box) da installarsi su ciascun veicolo che trasporta rifiuti speciali, che ha la funzione di monitorare il percorso del carico dal produttore al centro di smaltimento. Apparecchiature di sorveglianza per monitorare l ingresso e l uscita di automezzi dagli impianti di discarica, di incenerimento e di coincenerimento destinati esclusivamente al recupero energetico dei rifiuti, e ricadenti nel campo di applicazione del D.Lgs 11 maggio 2005, n Consegna/installazione Consegna c/o CCIAA dove ha sede l Unità Locale nella quale vengono prodotti/smaltiti i rifiuti Consegna dispositivo trasporto c/o Albo Gestori Ambientale (CCIAA Venezia) Consegna ed installazione della Black Box c/o officine autorizzate (elenco disponibile sul portale oltre ad essere fornito contestualmente alla consegna dei dispositivi) Il sistema di videosorveglianza e completamente gestito dalla centrale del SISTRI per tutto quel che riguarda le attività di installazione e manutenzione e per la normale operatività non richiede alcun intervento da parte degli utenti.

15 A tu per tu con SISTRI Tracciabilità dei rifiuti: prime considerazioni Pre-requisiti per l utilizzo di SISTRI Come si accede al sistema Risoluzione dei primi problemi (recupero credenziali, aggiornamento software, cambio/sblocco PIN, assenza temporanea di connessione, ecc ) Registro cronologico (visualizzazione schede, caricamento schede, firma, eliminazione) Area Movimentazione (visualizzazione schede, caricamento schede, firma, eliminazione) Conservazione della documentazione

16 Tracciabilità dei rifiuti: prime considerazioni Obiettivo SISTRI Combattere illegalità e azioni criminose nel mercato della gestione dei rifiuti Monitoraggio del percorso dell intera filiera dei rifiuti speciali a livello nazionale (e urbani Regione Campania) Moderna gestione informatica della documentazione Trasparenza e semplificazione dei processi Riduzione dei costi di gestione a carico delle imprese coinvolte

17 Tracciabilità dei rifiuti: prime considerazioni Intermediario Consorzio di Raccolta

18 Pre-requisiti per l utilizzo di SISTRI 1 Personal Computer: CPU da 1GHz. (32 o 64-bit); Memoria RAM da 1Gb; 16Gb di spazio libero su disco; Scheda video con supporto per i DX9 e con almeno 128 Mb di memoria (Aero); almeno 2 porte USB versione 2.0; Sistema Operativo Microsoft Windows XP, Windows 7, o Linux Ubuntu connessione ad Internet (è consigliata una connessione a banda larga o UMTS) 1 stampante almeno 1 dispositivo USB al quale sono associati da 1 a 3 certificati relativi al/i delegato/i per le procedure di gestione dei rifiuti (esempio per il produttore)

19 Come si accede al sistema SISTRI Il dispositivo viene consegnato in busta chiusa, all interno della quale sono contenute anche le chiavi di accesso al software SISTRI: PIN (o password principale): accesso al sistema, firma schede Registro Cronologico, firma schede Area Movimentazione Puk: per modifica del PIN PWD e da 1 a 3 UID: per accedere al sito di SISTRI Si consiglia di ricopiare/fotocopiare il contenuto della busta. L inchiostro utilizzato tende a sbiadire e diventare illeggibile col passare del tempo.

20 Come si accede al sistema SISTRI 1. Accendere il PC, attivare la connessione ad internet ed inserire il dispositivo USB nel PC: a) il programma di accesso parte automaticamente; b) accesso da risorse del computer

21 Come si accede al sistema SISTRI 2. Accedere tramite lo specifico tasto funzione. Dopo 3 accessi con password errate il sistema va in blocco Sospetto che il dispositivo (token) abbia dei problemi

22 Come si accede al sistema SISTRI 3. Uscita dal sistema e rimozione del token Rimuovere sempre il dispositivo al termine dell utilizzo, in special modo in fase di spegnimento o riavvio del pc. Riavviare il pc senza aver preventivamente rimosso il token può creare problemi nell apertura dei programmi.

23 Come si accede al sistema SISTRI E per concludere alcuni aspetti che verranno approfonditi nelle prossime slide Il programma è costituito da una serie di maschere; i dati vanno indicati in appositi campi; alcuni campi possono essere selezionati da menù a tendina, altri possono solo assumere il valore di selezionato o non selezionato ; alcuni inserimenti dati avvengono invece tramite procedure guidate; i campi obbligatori sono preceduti da un asterisco (*); segnalazioni di anomalie o errori nell inserimento dati vengono presentate tramite segnalazioni in rosso, mentre le segnalazioni di conclusione di una fase della procedura avvengono tramite messaggi in campo verde; all interno delle maschere i dati possono essere visualizzati in dettaglio o in lista; alcune operazioni, per essere salvate, richiedono l inserimento del PIN.

24 Risoluzione dei primi problemi 1. Recupero credenziali. Quando serve: in caso di password illeggibili o perdita delle chiavi di accesso Documentazione: disponibile sul portale (Home/Documenti/ Manuali e Guide) Procedura: 1) dal menù di sinistra cliccare su resetta credenziali

25 Recupero credenziali 2) Selezionare le chiavi di accesso (PIN, PUK, UID, PWD) per le quali si chiede il recupero e compilare tutti i campi obbligatori che il sistema mette in evidenza in una apposita maschera

26 Recupero credenziali 3) Sistri invierà un messaggio contenente un link al quale si rinvia per richiedere le nuove password

27 Recupero credenziali 4) Sistri invierà un messaggio contenente le password richieste

28 Temporanea interruzione del sistema SISTRI 2. Assenza temporanea di connessione e temporanea interruzione del sistema SISTRI (art. 6 comma 4 del DM 17/12/2009, modificato dall art. 5 del DM 9 /07/2010) Quando serve: in caso di temporanea mancanza di copertura della rete di trasmissione dati, malfunzionamento della rete, temporanea indisponibilità dei mezzi informatici necessari a causa di furto, perdita, distruzione o danneggiamento dei dispositivi Documentazione: disponibile sul portale (Home/Documenti/ Modulistica) Procedura: la compilazione della scheda è effettuata, per conto di tale soggetto e su sua dichiarazione, da sottoscriversi su copia stampata della scheda, dal soggetto tenuto alla compilazione della parte precedente o successiva della scheda medesima.

29 Temporanea interruzione del sistema SISTRI I soggetti tenuti alla compilazione delle schede sono tenuti ad annotare le movimentazioni dei rifiuti su un'apposita scheda SISTRI in bianco, da scaricarsi dal sistema, e ad inserire i dati relativi alle movimentazioni di rifiuti effettuate entro le 24 ore dalla ripresa del funzionamento del sistema. Tenere sempre a disposizione alcune copie della scheda SISTRI per la compilazione manuale, per evitare di essere impreparati in caso di temporanea interruzione del sistema SISTRI.

30 Aggiornamento software browser SISTRI 3. Aggiornamento del software del browser SISTRI Quando serve: per semplificare l accesso a SISTRI (facoltativo) Documentazione: disponibile sul portale (Home/Documenti/ Manuali e Guide) Procedura: 1) inserire il token ed avviare il programma SISTRI 2) accedere al sistema 3) inizio procedura aggiornamento

31 Aggiornamento software ( browser ) SISTRI 4) Consentire eventuali aggiornamenti dalla pagina di upgrade

32 Aggiornamento software browser SISTRI 5) Terminata l installazione degli aggiornamenti verrà avviato automaticamente il nuovo software

33 Aggiornamento software browser SISTRI 6) Chiudere tutte le applicazioni (eventualmente aperte) segnalate dal sistema e proseguire con l installazione.

34 Aggiornamento software browser SISTRI 7) Al termine del processo di installazione verrà riavviato il browser (in automatico) 8) Attendere la validazione degli aggiornamenti 9) Avviare il nuovo Browser SISTRI facendo doppio click su sistri_windows.exe

35 Ripristino dei certificati del dispositivo SISTRI 4. Ripristino dei certificati del dispositivo SISTRI. Quando serve: se inserendo il dispositivo USB compare il messaggio: Accesso utente non consentito. Livello di accesso non sufficiente. Richiesto 30. Accedere al portale usando il token all indirizzo Documentazione: disponibile sul portale (Home/Documenti/ Manuali e Guide) Procedura: attualmente prevede che l utente contatti il Call Center SISTRI al n. verde per richiedere l attivazione della funzione di rigenerazione da REMOTO del dispositivo USB al fine di consentire di poter richiamare successivamente, all interno del Portale SISTRI, la procedura Pers. Token Remota. Prima di procedere con la procedura di rigenerazione del dispositivo da remoto e necessario chiudere tutti i browser in esecuzione. La procedura va eseguita direttamente sul dispositivo USB interessato.

36 Ripristino del software del dispositivo SISTRI 5. Ripristino del software del dispositivo SISTRI. Quando serve: se inserendo il dispositivo USB compare uno dei seguenti messaggi: a) Connessione sicura non riuscita. Si è verificato un errore durante la connessione a secure.sistri.it Il peer SSL non è in grado di verificare il certificato. Codice errore: SSL_ERROR_BAD_CERT_ALLERT b) Impossibile trovare il driver PKCS#11 oppure se provvedendo al ripristino del software del dispositivo USB si riscontrano errori durante la procedura (es. impossibile istallare file, ) Documentazione: disponibile sul portale (Home/Documenti/ Manuali e Guide) Procedura: aprire un Web Browser diverso da quello del dispositivo e digitare il link: e, cliccare su "Salva file". Successivamente eseguire il file ( Installa ).

37 Gestione in ambiente intranet 6. Gestione in ambiente intranet. Quando serve: se per accedere alla rete viente richiesto l utilizzo di password di accesso (impostazione del proxy) Documentazione: disponibile sul portale (Home/Documenti/Manuali e Guide) Manuale Operativo Procedura: 1) Selezionare dalla barra delle applicazioni la funzione Strumenti 2) Cliccare su Opzioni 3) E modificare le impostazioni di rete

38 Gestione in ambiente intranet Solitamente l impostazione del proxy viene effettuata dall amministratore del sistema

39 Comunicazioni a SISTRI In caso di: furto perdita distruzione manomissione danneggiamento dei dispositivi che ne impedisca l utilizzo e che non sia dovuto a vizio di funzionamento dei dispositivi, gli Operatori devono darne comunicare a SISTRI, entro 24 ore dall evento. Nel caso di malfunzionamento dei dispositivi dovuti a vizi dei dispositivi stessi, gli Operatori dovranno comunicare tempestivamente il malfunzionamento al SISTRI che provvederà a proprie cura e spese, alla rimozione del malfunzionamento e/o alla sostituzione dei dispositivi: - entro 24 ore dalla comunicazione del malfunzionamento, se i vizi riguardano il software; - entro 72 ore dalla comunicazione del malfunzionamento, se i vizi riguardano l hardware.

40 Produttore/detentore - Registro Cronologico, Area Movimentazione, Area trasporti L area dedicata al Registro Cronologico contiene le opzioni: 1.Visualizza Registri, per visualizzare i registri compilati 2.Nuova Registrazione Cronologica, per creare una nuova scheda di carico/scarico 3. Visualizza Registrazioni da Firmare, per visualizzare le schede compilate e non ancora firmate. L area movimentazione contiene le opzioni: 1.Visualizza schede, per visualizzare le schede di movimentazione già compilate 2.Compila schede, per creare nuove schede L area trasporti contiene le opzioni: 1.Visualizza trasporti, per visualizzare le schede valorizzate dai produttori per il trasporto 2. Area Conducente, per accedere alla sezione di competenza del conducente. Allo stato attuale, tutti i soggetti coinvolti possono accedere a questa sezione e inserire i dati richiesti.

41 Registro Cronologico Il Registro Cronologico sostituisce il Registro di Carico e Scarico previsto dall art. 190 del D.Lgs. 152/2006 (con le stesse modalità di tenuta). PRODUTTORI: 1 registro per ogni unita locale iscritta al SISTRI o per ogni unità operativa iscritta; TRASPORTATORI: 1 registro per la sede legale dell impresa e, limitatamente alle imprese di trasporto di cui all art. 212 comma 5 del D.Lgs. 152/06, uno per ogni unita locale iscritta; GESTORI: 1 registro per ogni impianto o attività in base alle categorie d iscrizione. Gli utenti hanno l obbligo di salvare una copia dei file del registro cronologico sul computer, al fine di renderlo disponibile all autorità competente in sede di controllo.

42 Registro Cronologico «[ ] Il registro cronologico e le schede di movimentazione del predetto sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) sono resi disponibili all autorità di controllo in qualsiasi momento ne faccia richiesta e sono conservate in formato elettronico da parte del soggetto obbligato per almeno tre anni dalla rispettiva data di registrazione o di movimentazione dei rifiuti, ad eccezione di quelli relativi alle operazioni di smaltimento dei rifiuti in discarica, che devono essere conservati a tempo indeterminato ed al termine dell'attività devono essere consegnati all'autorità che ha rilasciato l'autorizzazione. Per gli impianti di discarica, [ ] il registro cronologico deve essere conservato fino al termine della fase di gestione post operativa della discarica.»

43 Registro Cronologico Scarico Carico del... n.... Formulario n.... del... Rif. operaz. di carico n.... Caratteristiche del rifiuto: a) CER... b) Descrizione... c) Stato fisico... d) Classi di pericolosità... e) Rifiuto dest. a ( ) smaltimento ( ) recupero Quantità: Kg... Litri... Metri cubi... Luogo di produzione e attività di provenienza del rifiuto: Intermediario/Comm. Denominazione... Sede... C.F.:... Iscrizione Albo N.... A n n o t a z i o n i

44 Come si compila il Registro Cronologico Procedura di carico del rifiuto effettuare l accesso al sistema (tramite USB) selezionare visualizza registri dall Area Registro Cronologico selezionare cerca nei registri scegliere il registro (in caso ce ne sia più di uno) cliccare su nuovo carico ricercare il CER assegnato al rifiuto da caricare nella lista proposta dal sistema Inserire quindi le informazioni relative a: Descrizione rifiuto Quantità rifiuto caricato Stato fisico Classi di pericolo Eventuali annotazioni

45 Come si compila il Registro Cronologico Procedura di carico del rifiuto cliccare su salva selezionare una delle seguenti opzioni: - Firmare l operazione di carico (ad ogni carico è assegnato automaticamente un codice operazione) - tornare indietro per effettuare eventuali modifiche - eliminare l operazione visualizza registri dall Area Registro Cronologico Se si decide di firmare il carico cliccare sulla seconda richiesta di conferma inserire il PIN Il sistema presenta una schermata di riepilogo dell operazione di carico che presenta un codice operazione definitivo.

46 Area Movimentazione L Area Movimentazione sostituisce il formulario di identificazione rifiuti previsto dall art. 190 del D.Lgs. 152/2006. Compilazione e firma elettronica di quest area, da parte di Produttore, Trasportatore, Gestore consentono di annotare: 1.il movimento di scarico sul registro del produttore/detentore del rifiuto, 2.i movimenti di carico e scarico sui registri cronologici di intermediari, consorzi e trasportatori 3.i movimenti di carico sul registro cronologico del gestore dell impianto di recupero o smaltimento;

47 Area Movimentazione e produrre la stampa della Scheda Area Movimentazione compilata dal produttore/detentore e dal trasportatore che accompagnerà il rifiuto in fase di trasporto sostituendo il FIR N.B: Solo dopo la compilazione (e firma) di quest area da parte del produttore la scheda potrà essere visualizzata dal trasportatore e gestore indicati dal produttore (accesso alla scheda con codice identificativo univoco).

48 Procedura: Produttore e Trasportatore iscritti a SISTRI 1. Il produttore registra la presa in carico compilando la Scheda Area Registro Cronologico entro 10 giorni dalla produzione e, comunque, prima della movimentazione. 2. Quando decide di iniziare la movimentazione, compila e firma la sezione della Scheda Area Movimentazione Rifiuto di sua competenza. 3. Il delegato dell impresa di trasporto accede al sistema SISTRI e compila la Scheda Area Movimentazione nelle parti di sua competenza. 4. Prima di avviare il trasporto del rifiuto, il conducente segnala la presa in carico inserendo il dispositivo USB associato alla Black Box nel computer del produttore. Il sistema effettua così la registrazione di scarico nel Registro Cronologico del produttore e quella di carico nel registro cronologica del trasportatore. 5. Il Produttore stampa la scheda cartacea che accompagnerà il rifiuto durante il trasporto 6. Dopo aver effettuato il carico, il conducente attiva la Black Box inserendovi il dispositivo USB.

49 Scheda cartacea che accompagna i rifiuti La scheda cartacea riporta: informazioni sottoscritte con firma elettronica dal delegato dell impresa che ha prodotto i rifiuti; informazioni sottoscritte con firma elettronica dal delegato dell impresa di trasporto; data e ora di presa in carico del rifiuto, generate automaticamente dal sistema SISTRI a seguito dell inserimento del dispositivo USB nel computer del produttore da parte del conducente; un codice a barre bidimensionale che certifica l autenticità del documento (copia generata da SISTRI). Sulla scheda non sono necessarie ulteriori firme.

50 Gestore: rifiuto non accettato A seguito della verifica analitica (quando prevista), in caso di esito negativo (= il rifiuto non può essere accettato): il gestore accede a SISTRI, apre la scheda Area Movimentazione e imposta lo stato della spedizione su Respinta il gestore deve annullare manualmente l operazione di carico relativa al rifiuto respinto = SISTRI invia di notifica a trasportatore, produttore, ev. intermediario. Cosa sono tenuti a fare trasportatore e produttore in caso di spedizione respinta? Trasportatore: deve annullare manualmente le registrazioni relative al rifiuto respinto inserendo le opportune informazioni nel campo Annotazioni. Produttore: deve annullare manualmente le registrazioni di carico e scarico e procedere a una nuova registrazione di carico dei rifiuti respinti. 1.Nel caso intenda movimentare il rifiuto respinto ad un altro impianto di destinazione, deve compilare una nuova Scheda SISTRI Area Movimentazione inserendo i riferimenti del nuovo destinatario indicando nel campo Annotazioni che il rifiuto è al momento depositato presso l impianto che lo ha respinto. Il trasportatore stampa la scheda SISTRI firmata dal produttore e si reca presso l impianto dove è allocato il rifiuto respinto per la presa in carico e la movimentazione presso il nuovo destinatario. 2.Nel caso in cui il produttore intenda riprendere presso di sè il rifiuto respinto, deve aprire la scheda relativa ai rifiuti respinti e indicare il trasportatore addetto all operazione. Quest ultimo stampa la scheda, si reca presso l impianto in cui si trova il rifiuto respinto e lo riporta al produttore per effettuare lo scarico.

51 Utilizzo del dispositivo USB (token) SISTRI Dopo aver inserito il token, aver inserito il PIN e UID e PWD del delegato. selezionare dal menù di sinistra la funzione Accesso

52 Cosa compare a video utilizzando il token SISTRI

53 Registro Cronologico: Visualizza Registri

54 Registro Cronologico: nuovo carico Ricordare di fare attenzione alla cronologia dei caricamenti

55 Procedura di carico del rifiuto Nella scheda di carico solo dopo aver selezionato il CER (codice rifiuto) desiderato è possibile proseguire con il caricamento degli altri dati. I campi obbligatori segnati dall simbolo *, in caso di mancata compilazione generano messaggi di errore evidenziati in rosso.

56 Carico rifiuto: CER e classi di pericolo Nel campo Descrizione è possibile aggiungere ulteriori dettagli sul rifiuto prodotto, diversi da quelli già ricompresi nella denominazione CER che il sistema associa in automatico in base al codice rifiuto scelto. Le Caratteristiche di pericolo devono essere selezionate una ad una utilizzando l apposita funzione

57 Anomalie, errori e conclusioni di procedura In caso di abbandono di una procedura guidata senza aver inserito tutti i dati, il sistema genera un messaggio di avviso indicando che se si procede verranno persi tutti i dati già inseriti. Segnalazioni di anomalie o errori nell inserimento dei dati vengono indicati dal sistema con segnalazioni in riquadri rossi. Le conclusioni delle fasi di una procedura vengono invece segnalati con messaggi in riquadri verdi. Ad esempio in questa procedura di firma

58 Procedura di firma Scheda di carico La firma del movimento può essere effettuata: 1)immediatamente, tramite il bottone Firma o 2)in un secondo momento, recuperandola tramite l apposita funzione dall elenco delle registrazioni da firmare. È anche possibile selezionare opportunamente i movimenti visualizzati nella lista tramite il bottone Cerca in questa lista. Dopo aver selezionato, tramite il tasto Visualizza il movimento che si intende firmare, viene mostrato il dettaglio del movimento per verificarne i dati. In questa fase è ancora possibile modificare o cancellare la registrazione tramite le apposite funzioni.

59 Procedura di firma Scheda di carico Nel caso in cui non si sia proceduto immediatamente alla firma della scheda Le schede non ancora firmate presentano un codice temporaneo!

60 Procedura di firma Scheda di carico Sia che si decida di firmare una scheda subito dopo la sua compilazione, che si decida di richiamarla in un secondo momento, (al momento della firma) il produttore vedrà la seguente maschera Controllare che i dati siano corretti! Le schede firmate possono essere annullate, ma ne resta traccia

61 Procedura di firma Scheda di carico Dopo aver attivato la funzione con il tasto Firma, compare una ulteriore maschera di conferma a cui rispondere positivamente per terminare la procedura. Ha quindi inizio la procedura di firma del movimento. Nella maschera che compare va indicato il PIN del dispositivo e successivamente lo username (UID) del delegato che sta operando (nel caso in cui la chiave sia intestata a più di un delegato) Dopo aver confermato cliccando su OK compare una maschera di riepilogo dell operazione appena firmata

62 Procedura di firma Scheda di carico Terminata la procedura di firma è possibile: -Tornare all elenco delle registrazioni effettuate - tramite il menù, provvedere al caricamento di nuove schede oppure - accedere all Area movimentazione, in caso si decida di movimentare uno o più carichi di rifiuti

63 Modifica e annullamento di schede già firmate Nel caso in cui si intenda modificare un movimento già firmato, compare la maschera con indicati i dati aggiuntivi del movimento; terminata l operazione, dopo aver premuto il bottone Salva, compare una maschera che mette in evidenza l operazione di modifica effettuata. Attenzione! E necessario firmare nuovamente la scheda sia nel caso in cui si modifichi una registrazione firmata che nel caso in cui la si annulli. N.B: è possibile visualizzare le schede modificate dopo la firma nel Registro Cronologico, assieme alle schede già firmate, con l indicazione modificata. L annullamento di una registrazione firmata prevede l indicazione di una causale di cancellazione; al termine dell operazione cliccando su Conferma e firma comparirà a video la segnalazione di avvenuta cancellazione.

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2 SISTRI 1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2. I NODI NORMATIVI E INTERPRETATIVI CHE ANCORA IMPEDISCONO IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI TRACCIAMENTO

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 4 del 5 gennaio 2012 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 5 gennaio 2012

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 4 del 5 gennaio 2012 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 5 gennaio 2012 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 4 del 5 gennaio 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A.

Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A. Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A. I passi necessari per completare la procedura sono:

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile GUIDA AI SERVIZI DESIOLINE DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile Versione 1.8 del 10/6/2013 Pagina 1 di 96 Documentazione destinata all uso da parte dei clienti

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici Aste Giudiziarie Inlinea S.p.A. www.procedure.it Iscrizione al ReGIndE (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici) tramite il Portale dei Servizi Telematici Vademecum operativo realizzato dalla società

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

Manuale di gestione file di posta Ver4.00

Manuale di gestione file di posta Ver4.00 AreaIT - Servizio Servizi agli Utenti Ufficio Office Automation Manuale di gestione file di posta Ver4.00 Introduzione: Per un corretto funzionamento del programma di posta elettronica, presente nella

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line Università degli Studi Roma Tre Prenotazione on-line Istruzioni per effettuare la prenotazione on-line degli appelli presenti sul Portale dello Studente Assistenza... 2 Accedi al Portale dello Studente...

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Guida pratica all utilizzo della gestione crediti formativi pag. 1 di 8 Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Gentile avvocato, la presente guida è stata redatta per

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE Ufficio Registro Imprese Versione aggiornata a Giugno 2014 INDICE ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE PER UNA NUOVA SOCIETA CON

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO Istruzioni per l accesso e il completamento dei corsi TRIO per gli utenti di un Web Learning Group 06 novembre 2013 Servizio A TRIO Versione Destinatari: referenti e utenti

Dettagli