Fisiologia del nostro robot

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fisiologia del nostro robot"

Transcript

1 arduino e robotica in laboratorio hands on: Fisiologia del nostro robot Daniele Grosso (1) 1. Dipartimento di Fisica (Università di Genova) Scuola Estiva Genova AIF-DIFI Piano Lauree Scientifiche, modulo di formazione insegnanti in laboratorio

2 Obbiettivi prendere confidenza con i sensori esplorare le potenzialità del robot comprendere come vengono acquisite le informazioni dai sensori e la loro natura fisica verificare come leggere e trasmettere informazioni dal robot al PC

3 Traccia 1. leggiamo la distanza da un ostacolo con il sensore ad ultrasuoni 2. leggiamo la distanza da un ostacolo con il sensore analogico ad infrarossi 3. Leggiamo la temperatura con LM35 4. sensori digitali ad infrarosso laterali e anticaduta 5. Controlliamo i motori 6. Controlliamo i servomotori 7. Rileviamo la velocità di rotazione con gli encoder

4 Materiali arduino (per i test) robot oppure robot con sensori connessi attraverso la protoshield

5 Sensore US il sensore tramite una delle due capsule ultrasoniche, sparerà un treno di 8 impulsi di ultrasuoni Gli impulsi rimbalzeranno sull'ostacolo più vicino e ritorneranno indietro per essere captati dall'altra capsula Il circuito interno del sensore lo normalizzerà e lo elaborerà restituendoci un impulso squadrato e filtrato

6 Misurare tempi per misurare distanze la velocità del suono nell'aria è di circa 343m/s (corrispondenti a cm/us) D(cm) = T(us) * /2 = T(us) / #define SONAR_TRIGGER_PIN 2 #define SONAR_ECHO_PIN 3 unsigned int measure_distance() { // Trigger the SRF05: digitalwrite(sonar_trigger_pin, HIGH); delaymicroseconds(10); digitalwrite(sonar_trigger_pin, LOW); // Wait for Echo Pulse unsigned long pulse_length = pulsein(sonar_echo_pin, HIGH); // Convert Pulse to Distance // pulse_length/58 = cm return( (unsigned int) (pulse_length / 58) ); void setup() { pinmode(sonar_trigger_pin, OUTPUT); pinmode(sonar_echo_pin, INPUT); Serial.begin(9600); void loop() { unsigned int current_distance = measure_distance(); Serial.println(current_distance); delay(125);

7 Sensore IR sharp #define sensorir float sensorvalue, cm; void setup() { Dal datasheet o Serial.begin(9600); da misure!!! void loop() { sensorvalue = analogread(sensorir); cm = * pow(sensorvalue,-0.935) - 10; // fit from data. delay(100); Serial.println(cm);

8 Funzionamento del sensore IR Il sensore GP2Y0A02YK lavora nel range cm Il sensore genera un fascio IR (concentrato mediante una lente) il fascio viene riflesso da un ostacolo e insiste sul CCD del sensore Misurando l angolo di incidenza è possibile operare una triangolazione Oltre 150cm non è più in grado di effettuare una triangolazione accurata, inoltre L intensità della luce riflessa è molto bassa e il segnale sarebbe rumoroso

9 Temperatura con LM35 //declare variables float tempc; int temppin = 0; void setup() { Serial.begin(9600); void loop() { tempc = analogread(temppin); //convert the analog data to temperature tempc = (5.0 * tempc * 100.0)/1024.0; Serial.print((byte)tempC); //send the data to the computer delay(100);

10 Controllo motori Prima di effettuare test assicurarsi che il robot sia su piattaforma (e che le ruote siano libere) Impostare la velocità a 0 nel setup Decelerare e accelerare lentamente Per un controllo accurato serve un feedback! int pwm_a = 3; int pwm_b = 9; int dir_a = 2; int dir_b = 8; void setup() { pinmode(pwm_a, OUTPUT); pinmode(pwm_b, OUTPUT); pinmode(dir_a, OUTPUT); pinmode(dir_b, OUTPUT); analogwrite(pwm_a, 0); analogwrite(pwm_b, 0); void loop() { digitalwrite(dir_a, LOW); digitalwrite(dir_b, LOW); delay(1000); analogwrite(pwm_a, 128); analogwrite(pwm_b, 128); delay(1000); digitalwrite(dir_a, HIGH); digitalwrite(dir_b, HIGH); delay(1000); analogwrite(pwm_a, 128); analogwrite(pwm_b, 128); delay(1000);

11 H bridge Problema: decidere il verso di rotazione di un motore avendo un solo generatore a disposizione Soluzione: il circuito h bridge COMBINAZIONE POLARITÀ EFFETTO A & D avanti il motore gira in avanti B & C indietro il motore gira all'indietro A & B C & D Nessuna bloccato bloccato libero motore frenato motore frenato motore in folle A & C corto circuito B & D corto circuito Evitare come la peste!!!

12 Controllo servomotori 2 servo => 2 angoli (pan & tilt) attendere che il servo raggiunga la posizione prima di cambiarla fino a quando il servo è alimentato bloccato nella posizione impostata #include <Servo.h> Servo myservo; int pos = 0; void setup() { myservo.attach(9); void loop() { for(pos = 0; pos < 180; pos += 1) { myservo.write(pos); delay(15); for(pos = 180; pos>=1; pos-=1) { myservo.write(pos); delay(15);

13 encoder questa tecnica è basata sugli interrupt utilizziamo il polling...? Codice gray #define LEFT 0 #define RIGHT 1 long coder[2] = {0,0; int lastspeed[2] = {0,0; void setup(){ Serial.begin(9600); attachinterrupt(left, LwheelSpeed, CHANGE); attachinterrupt(right, RwheelSpeed, CHANGE); void loop(){ static unsigned long timer = 0; //print manager timer if(millis() - timer > 100) { Serial.print("Coder value: "); Serial.print(coder[LEFT]); Serial.print("[Left Wheel] "); Serial.print(coder[RIGHT]); Serial.println("[Right Wheel]"); lastspeed[left] = coder[left]; lastspeed[right] = coder[right]; coder[left] = 0; //clear the data buffer coder[right] = 0; timer = millis(); void LwheelSpeed() { coder[left] ++; void RwheelSpeed() { coder[right] ++;

14 Impacchettare più bit in un byte per rendere più efficiente la trasmissione 4 sensori digitali infrarosso anticollisione 2 sensori digitali infrarosso anticaduta Un byte è più che sufficiente per 6 bit!!! Funzioni arduino per la gestione di bit bitread bitwrite bitset bitclear

15 Sensori gas A temperatura ambiente l'elemento sensibile presenta una resistenza elevatissima a causa dell'alta resistività del materiale A caldo (400 gradi), in presenza di un gas riducente, la resistività cambia... Un progetto interessante: monitorare fughe di gas con arduino int gassensor = 0; int val = 0; void setup() { Serial.begin(9600); void loop() { val = analogread(gassensor); Serial.println( val ); delay(100);

16 Meccanica dual drive Per la stabilità servono almeno 3 punti di appoggio: 2 ruote indipendenti e ball caster Il controllo proporzionale (oppure on-off) avviene mediante encoder

17 Dual drive: spostamento lineare Per misure di distanza percorsa e per stabilizzare la traiettoria occorre: convertire la rotazione delle ruote in un movimento lineare compensare la diversa velocità di rotazione dei motori

18 Dual drive: spostamento Dato il numero di impulsi registrati dall encoder è possibile determinare il tratto percorso ( misure!)

19 Dual drive: orientamento La variazione di orientamento e quindi l orientamednto del robot (rispetto all istante iniziale in cui è stato attivato) si possono ottenere dalle relazioni: Integrazione

20 Odometria e determinazione della traiettoria errori casuali e sistematici, correzione con data fusion Odometria: valutare lo spostamento sommare lo spostamento attuale al precedente per ottenere la traiettoria Problema: l accumolo degli errori casuali la presenza di errori sistematici Tecnica di test: programmare ilmovimento lungo il perimetro di un quadrato effettuare misure per la calibrazione Compensazione degli errori mediante la data fusion: La traiettoria viene corretta con informazioni provenienti da fonti indipendenti; bussola, gps, triangolazione, mappe

21 Triangolazione di landmark Landmark: punti di riferimento di posizione nota Mediante triangolazione (o multilaterazione) si stima la posizione del robot relativamente ai landmark

22 Navigazione e mappe In alternativa e/o a complemento dei landmark si usano le mappe dell ambiente (note a priori o costruite dinamicamente) Si determina la propria posizione relativamente alla mappa e si aggiorna la mappa mentre si cerca di raggiungere un target

23 Trasmissione BT Stabilire la connessione PC-seeduino via BT Utilizzare la libreria software seriale per trasmettere le informazioni da seeduino a PC trasmettere un carattere da PC a seeduino per controllare il robot Stabilire un protocollo asimmetrico EFFICIENTE!! Controllo heartbeat: in assenza di comandi, dopo un certo tempo, può essere disattivato il robot (per sicurezza) oppure entrare in modalità autonoma )? wifi? TCP? UDP? bluetooth?? Xbee? radio?

24 Telemetria e controllo remoto Il robot acquisisce dati sull ambiente attraverso i sensori Le informazioni sono trasmesse attraverso la connessione BT Una apposita funzione del programma di controllo remoto del robot (ad es realizzato con processing), rimane in ascolto sul canale seriale BT legge i dati dei sensori (immessi in una stringa di testo tab delimited (oppure in una sequenza di byte di lunghezza prefissata) estrae i dati di ciascun sensore e aggiorna un vettore di stato (che rappresenta lo stato interno del robot) Una funzione del programma decide quali comandi inviare al robot (è sufficiente un carattere per 256 stati!) (1) Una funzione invia i comandi al robot attraverso BT definire un protocollo comune efficiente non è facile imparare a parlare non è facile insegnare una lingua non è facile ci vuole tanta PAZIENZA! BT

25 Lato robot (arduino seeduino ) #include <SoftwareSerial.h> //Software Serial Port #define RxD 4 #define TxD 5 #define DEBUG_ENABLED 1 SoftwareSerial bluetoothserial(rxd,txd); char incoming; char InternalStatus[50]; int databt=38400; void setup() { Serial.begin(9600); pinmode(rxd, INPUT); pinmode(txd, OUTPUT); setupbluetoothconnection(); void setupbluetoothconnection() { bluetoothserial.begin(38400); //Set BluetoothBee BaudRate to default baud rate delay(1000); sendbluetoothcommand("\r\n+stwmod=0\r\n"); sendbluetoothcommand("\r\n+stna=wally\r\n"); // CAMBIA IL NOME DEL TUO ROBOT sendbluetoothcommand("\r\n+stauto=0\r\n"); sendbluetoothcommand("\r\n+stoaut=1\r\n"); sendbluetoothcommand("\r\n +STPIN=0000\r\n"); delay(2000); // This delay is required. sendbluetoothcommand("\r\n+inq=1\r\n"); delay(2000); // This delay is required. //Checks if the response "OK" is received void CheckOK() { char a,b; while(1) { if(bluetoothserial.available()) { a = bluetoothserial.read(); if('o' == a) { // Wait for next character K. available() is required in some cases, as K is not immediately available. while(bluetoothserial.available()) { b = bluetoothserial.read(); break; if('k' == b) { break; while( (a = bluetoothserial.read())!= -1) { //Wait until all other response chars are received void sendbluetoothcommand(char command[]) { bluetoothserial.print(command); //CheckOK(); void loop() { updatestatus(); bluetoothserial.println(internalstatus); // get character incoming=bluetoothserial.read(); if (incoming!=-1) { Serial.println(incoming); // dump everything // decide what to do with it switch (incoming) { case '1': Serial.println("[1]"); // insert here your code break; case '2': Serial.println("[2]"); // insert here your code break; case '3': Serial.println("[3]"); // insert here your code break; delay(100); // may be removed void updatestatus(void) { char status[16]; int A0=analogRead(A0); int A1=analogRead(A1); int A2=analogRead(A2); int A3=analogRead(A3); int A4=analogRead(A4); int A5=analogRead(A5); sprintf(internalstatus, "%d\t%d\t%d\t%d\t%d\t%d\t\n ", A0, A1, A2, A3, A4, A5);

26 Lato processing import processing.serial.*; Serial myport; // Create object from Serial class int val; // Data received from the serial port void setup() { size(200, 200); // List all the available serial ports println(serial.list()); String portname = Serial.list()[12]; myport = new Serial(this, portname, 38400); void draw() { while (myport.available() > 0) { String inbuffer = myport.readstring(); if (inbuffer!= null) { println("bt: "+inbuffer); // dump everything int [] nums; String [] splits = split(inbuffer, "\t"); // split nums = new int[splits.length]; // create a target array for(int i = 0; i < splits.length; i++){ nums[i] = int(splits[i]); // insert into numbers print(" <"); // begin for(int i = 0; i < splits.length; i++){ print(nums[i]+" "); // dump one by one println(" >"); // end Perchè Processing possa utilizzare le seriali (USB, BT dopo il pairing) occorre: Identificare il numero ID assegnato alla porta Associare una porta in serial list ad un oggetto specifico (una istanza di Serial)

27 Gestire e monitorare la connessione Utilizzare: terminal nell ide di arduino per monitorare la connessione USB un emulatore terminale, ad esempio X-CTU, uno strumento molto utile! (http://ftp1.digi.com/support/utilities/ _c.exe) per monitorare la connessione BT Riferimenti utili: Perdita di connessione? Il robot commuta su autonomo stop search and connect mode

Esercitazione Monitoraggio temperatura via WEB mediante Arduino YUN

Esercitazione Monitoraggio temperatura via WEB mediante Arduino YUN Percorsi Abilitanti Speciali A.A. 2013/2014 classe abilitazione C320 LABORATORIO MECCANICO TECNOLOGICO Esercitazione Monitoraggio temperatura via WEB mediante Arduino YUN Pag. 2 SOMMARIO Presentazione

Dettagli

Automobile Bluetooth

Automobile Bluetooth Automobile Bluetooth Ivancich Stefano 17 Maggio 2015 SOMMARIO Di seguito s illustra un progetto di un automobile comandata da uno smartphone tramite la connessione Bluetooth. E stata presa una automobilina

Dettagli

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni. Laboratorio Base HackLab Terni Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.org Cos'è? è una piattaforma di prototipazione elettronica open-source basata su microcontrollore

Dettagli

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Candidato: Ardilio Angelica Classe: 5 B - I.T.I.S. Elettronica ed Elettrotecnica. T.P.S.E.E. Tecnologia & Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici ARDUINO.

Dettagli

Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 3^ parte Com è fatto Arduino Programmazione da USB Nota: Firmware: Insieme

Dettagli

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Corso di ingegneria informatica e automatica Automazione I Realizzazione di una macchinina in grado di evitare le collisioni Di Alessandro Giuseppi All attenzione

Dettagli

6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Esperienzan 5 Lo scopo è quello di far accendere due LED in base ad una soglia di temperatura

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

La programmazione di Arduino

La programmazione di Arduino La programmazione di Arduino Si analizza la sintassi delle principali istruzioni per Arduino mediante alcuni esempi applicativi (sketch); per la sintassi completa del linguaggio di programmazione di Arduino

Dettagli

// Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro.

// Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro. // Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro. // Librerie necessarie per il progetto #include #include

Dettagli

Come comandare il condizionatore di casa con Arduino, anche da remoto!

Come comandare il condizionatore di casa con Arduino, anche da remoto! Come comandare il condizionatore di casa con Arduino, anche da remoto! Arduino permette davvero di fare tantissime cose riguardo all Internet of things, basta avere un po di voglia e intuizione, per realizzare

Dettagli

Classe 5I2 AS. 2013/14 Niccolò Bulla Giorgia Novelli

Classe 5I2 AS. 2013/14 Niccolò Bulla Giorgia Novelli Obiettivo: Implementare un sistema che consenta la trasmissione, puramente ottica, di un messaggio in codice Morse tramite una stazione di trasmissione (sorgente) e una di ricezione. Lo scopo finale è

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

La piattaforma hardware e software Arduino: parte I. Corso di autoapprendimento

La piattaforma hardware e software Arduino: parte I. Corso di autoapprendimento La piattaforma hardware e software Arduino: parte I (tempo di apprendimento previsto circa 2-3 ore) Introduzione Corso di autoapprendimento Prof. Angelo Monfroglio Questa è la prima parte di un corso di

Dettagli

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Percorsi Abilitanti Speciali A.A. 2013/2014 classe abilitazione C320 LABORATORIO MECCANICO TECNOLOGICO Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Pag. 2 SOMMARIO Presentazione delle caratteristiche

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

QUADRO DI CONTROLLO AMBIENTALE

QUADRO DI CONTROLLO AMBIENTALE MAKER FAIRE ROME - OTTOBRE 2014 QUADRO DI CONTROLLO AMBIENTALE Realizzato dagli studenti dell I.T.I. - L.S. "Francesco Giordani" di Caserta Classe 2 a Q Trasporti e Logistica Costruzione del mezzo: aereo,

Dettagli

ARDUINO. Misurare e controllare. Riccardo Barberi. Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy

ARDUINO. Misurare e controllare. Riccardo Barberi. Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy ARDUINO Misurare e controllare Riccardo Barberi Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy Misurare In ambito scientifico le misure di grandezze fisiche permettono di studiare i fenomeni, verificare

Dettagli

ARDUINO Duemilanove. Lelio Spadoni

ARDUINO Duemilanove. Lelio Spadoni ARDUINO Duemilanove Lelio Spadoni Argomenti trattati Caratteristiche di Arduino Duemilanove (hardware e software) Programmazione di Arduino Arduino + GPS Ethernet shield XBee shield Arduino + GSM Arduino

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino

Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino Elenco materiale: - Arduino Uno R3 - LEGO Technic set 42006-3 Motori M di Lego (9V) - 2 integrati L293NE (ponte H) - 1838T (ricevitore infrarossi) - THDZ

Dettagli

12^ parte : Come gestire la Ethernet Shield. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

12^ parte : Come gestire la Ethernet Shield. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 12^ parte : Come gestire la Ethernet Shield Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) La Ethernet Shield Una tra le più interessanti shield è la Ethernet Shield, una scheda che si innesta

Dettagli

TSRR. Realizzazione di un sistema di controllo degli accessi con Arduino

TSRR. Realizzazione di un sistema di controllo degli accessi con Arduino TSRR IFAC-TSRR vol. 3 (2011) 1-10 Realizzazione di un sistema di controllo degli accessi con Arduino A. Agostini ( 1 ), D. Andreuccetti ( 1 ), S. Cardone ( 1 ), R. Calzolai ( 1 ), ( 1 ) IFAC-CNR, Via Madonna

Dettagli

Roulettuino. Progetto realizzato dagli alunni della V ABACUS d informatica:

Roulettuino. Progetto realizzato dagli alunni della V ABACUS d informatica: Roulettuino Progetto realizzato dagli alunni della V ABACUS d informatica: E i professori: Pietro Angileri Vincenzo Guccione Giovan Battista Patanè Dario Camarrone Samuele Sciacca Carlo Columba Giovanni

Dettagli

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs Pagina 1 di 6 ELSIST Srl, www.elsist.it Blocchi funzione MNL041Q000 FbModbusAsciiMs Questo blocco funzione permette lo scambio di dati tra due sistemi, uno master ed uno slave, utilizzando una connessione

Dettagli

CONOSCERE L HW. I / O digitale. Ingressi (INPUT) digitali: Pulsante (Push Button) Interruttore (Switch SPST) 03/05/2012. Struttura dei Programmi

CONOSCERE L HW. I / O digitale. Ingressi (INPUT) digitali: Pulsante (Push Button) Interruttore (Switch SPST) 03/05/2012. Struttura dei Programmi CONOSCERE L HW Alimentazione Esterna Alimentaz USB: Collegamento al PC e Alimentaz Pulsante di Reset Riferim Esterno ADC OUTPUT ANALOGICI IN PWM PIN 3,5,6,9,10,11 I/O Digitali Definizioni di variabili

Dettagli

sulla PROGRAMMAZIONE del MICROCONTROLLORE

sulla PROGRAMMAZIONE del MICROCONTROLLORE Appunti sulla PROGRAMMAZIONE del MICROCONTROLLORE ARDUINO Testi di riferimento Massimo Banzi, Getting starter width Arduino Brian W. Evans, Arduino Programming Notebook, 1 Indice Struttura del programma

Dettagli

N.B: Clicca qui per scaricare il file.zip con tutti gli sketch utilizzati per realizzare il sistema di telepresenza.

N.B: Clicca qui per scaricare il file.zip con tutti gli sketch utilizzati per realizzare il sistema di telepresenza. www.marcopucci.it www.creativecommons.org Arduino Tutorial #14 - Sistema di Telepresenza Materiale utilizzato Arduino UNO - WiFi Shield - motorino servo 180 - supporto per smartphone - smartphone. Per

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. IOT Robots. S. Golovchenko (UNIBO) INGEGNERIA DEI SISTEMI SOFTWARE 2013 1 / 24

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. IOT Robots. S. Golovchenko (UNIBO) INGEGNERIA DEI SISTEMI SOFTWARE 2013 1 / 24 Alma Mater Studiorum Università di Bologna IOT Robots 2013 S. Golovchenko (UNIBO) INGEGNERIA DEI SISTEMI SOFTWARE 2013 1 / 24 ISS Robots Controllori, Attuatori, Sensori MICROCOMPUTER Raspberry Pi MICROCONTROLLER

Dettagli

12 - timer da cucina display a 4 cifre

12 - timer da cucina display a 4 cifre 12 - timer da cucina display a 4 cifre Il display led da 4 cifre utilizzato in questo esercizio e il modello HS410561K-32. Questo modello, e caratterizzato da 4 anodi (uno per ogni cifra) e dai 8 catodi,

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi TELECONTROLLO BIG-WIFI CON MODULI GSM E WIFI INTEGRATI Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi Rev.1312 Pag.1 di 9 www.carrideo.it INDICE 1. IL BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE...

Dettagli

Lo studio dell elettronica nel triennio del tecnologico con Arduino e Processing. Leonardo Barsantini - Maggio 2014

Lo studio dell elettronica nel triennio del tecnologico con Arduino e Processing. Leonardo Barsantini - Maggio 2014 Lo studio dell elettronica nel triennio del tecnologico con Arduino e Processing Leonardo Barsantini - Maggio 2014 Trovo una crescente difficoltà ad insegnare elettronica, come materia di specializzazione,

Dettagli

void setup() // funzione di configurazione dei Input/Output { pinmode(pin, OUTPUT); // setta il 'pin' come uscita (output) } 1

void setup() // funzione di configurazione dei Input/Output { pinmode(pin, OUTPUT); // setta il 'pin' come uscita (output) } 1 Primi passi con la programmazione in linguaggio C con la scheda Arduino Traduzione del libro: Arduino programming notebook di Brian W. Evans con modifiche e aggiunte di G. Carpignano e C. Busso Prefazione

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 5ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Servomotori

Dettagli

Installazione e configurazione dell'ide. IZ1MHN e IW1ALX. L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie

Installazione e configurazione dell'ide. IZ1MHN e IW1ALX. L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie IZ1MHN e IW1ALX Installazione e configurazione dell'ide L IDE Introduzione alla programmazione su Arduino Le librerie Occhio: purtroppo questa lezione ha un po di teoria! 1 L IDE o ADE Cos è un IDE Installazione

Dettagli

Progetto di Domotica

Progetto di Domotica Progetto di Domotica Titolo dell esercitazione: Progetto di Domotica Descrizione sommaria dell esperienza: Realizzazione di un circuito che permette il controllo di vari sensori all interno di un edificio.

Dettagli

10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress.

10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress. ESERCIZIARIO Risposte ai quesiti: 10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress. 10.2. Un numero intero in Java è compreso nell'intervallo ( 2 31 ) e (2 31

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

STUDIO PER UN SIMULATORE DI CONTROLLORE PER MOTORI

STUDIO PER UN SIMULATORE DI CONTROLLORE PER MOTORI STUDIO PER UN SIMULATORE DI CONTROLLORE PER MOTORI La presente nota descrive un progetto di studio sviluppato per fissare alcune idee in merito alle funzionalità richieste ed alla loro realizzazione. Il

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

Laboratorio di Elettronica. Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione

Laboratorio di Elettronica. Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione Laboratorio di Elettronica Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione 1 Lezione 1 - Arduino: introduzione ai componenti fondamentali - Hardware: microcontrollore e I/O - Software: come programmare

Dettagli

+ 0V. Alimentazione elettrica V CC 12 30 ripple compreso. ma V. Precisione di posizionamento % 0,003 incl. Oversampling. ma V. ma V.

+ 0V. Alimentazione elettrica V CC 12 30 ripple compreso. ma V. Precisione di posizionamento % 0,003 incl. Oversampling. ma V. ma V. 89 410/115 ID EWM-S-AA SCHEDA CON SETUP DIGITAlE PER Il CONTROllO DI POSIZIONE DEllA CORSA CON FEEDbACk ANAlOGICO IN ANEllO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO SEGNALE

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

A.S. 2010-2011. 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS.

A.S. 2010-2011. 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS. I.T.I.S. M.BARTOLO - PACHINO Progetto Introduzione alla robotica A.S. 2010-2011 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS. 2. Conoscenza dell unità programmabile - programmazione dei vari elementi

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare Istruzioni di messa in servizio rapida per Flying shear Taglio al volo lineare FLYING SHEAR Programmare la scheda UD7x con l applicazione Per poter caricare l applicatione Flying Shear nella scheda ud70

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Piattaforma Arduino/microcontrollori Atmel. Ing. Cozzolino Francesco. www.ingegnercozzolino.altervista.org

Piattaforma Arduino/microcontrollori Atmel. Ing. Cozzolino Francesco. www.ingegnercozzolino.altervista.org Ing. Cozzolino Francesco www.ingegnercozzolino.altervista.org 1 Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma elettronica di piccole dimensioni con un microcontrollore ATMEL montato sopra e una circuiteria

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 3ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Esercizio

Dettagli

I/O su Socket TCP: read()

I/O su Socket TCP: read() I/O su Socket TCP: read() I socket TCP, una volta che la connessione TCP sia stata instaurata, sono accedibili come se fossero dei file, mediante un descrittore di file (un intero) ottenuto tramite una

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Configurazione Una volta lanciato il Configuratore, per creare un nuovo progetto accedere al menu File -> Nuovo

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie

Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie di Federica Masserotti L'aumento del costo della manodopera e gli errori che può commettere un operatore umano, hanno indotto le maggiori aziende

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

ARDUINO Workshop intensivo di Arduino NABA

ARDUINO Workshop intensivo di Arduino NABA ARDUINO Workshop intensivo di Arduino NABA Febbraio 2012 http://arduinonaba2012.wordpress.com Alessandro Contini alessandro.contini@docenti.naba.it disclaimer In questo workshop si gioca (giocare = mettersi

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Informazioni. Elettronica di Potenza. Access Point Wireless. Informazioni. batteria. Micro computer

Informazioni. Elettronica di Potenza. Access Point Wireless. Informazioni. batteria. Micro computer Autoveicolo WiFi Progetto I.T.I.S Corni Classe 4C - a.s. 2006/07 Elettronica e Telecomunicazioni 09/04/2011 "Un modello radiocontrollato dal WEB" 1 Obiettivi iniziali e risultati ottenuti Obiettivi iniziali:

Dettagli

Free Software & Open Hardware

Free Software & Open Hardware Free Software & Open Hardware L o Arduino è una piattaforma hardware / software rilasciata sotto licenza Creative Commons che permette la realizzazione oggetti fisici interattivi, in grado di utilizzare

Dettagli

Descrizione dell'obiettivo dello sketch per Arduino ed eventualmente differenze rispetto ai precedenti.

Descrizione dell'obiettivo dello sketch per Arduino ed eventualmente differenze rispetto ai precedenti. Benvenuti a questo corso pratico di introduzione alla programmazione delle schede Arduino e compatibili. Queste dispense si pongono l'obiettivo di veicolare alcuni concetti base necessari alla programmazione

Dettagli

Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET

Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET Moduli per linee seriali e connessioni a linee ETHERNET Moduli per linee seriali Moduli ETHERNET DESCRIZIONE La serie comprende moduli per linee seriali con sistema "Autopro" e moduli con porta ETHERNET

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) gennaio 2015 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.istitutoprimolevi.gov.it

Dettagli

Scheda CPU Logika OKIR 510B Irinox cod. 3600160

Scheda CPU Logika OKIR 510B Irinox cod. 3600160 Connessione per pannello frontale cod. 300 o 3000 Connector for Front panel Board cod. 300 or 3000 Comune 4 Volt / Common 4 Volt Libero / free Clikson ventilatori / fan clikson Pressostato / pressure switch

Dettagli

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso?

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? IZ1MHN e IW1ALX Agenda Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? 1 Introduzione ad Arduino Cos è Arduino Un po di storia

Dettagli

Dato un form contenente

Dato un form contenente <input type=text name=weight size=20 /> Dato un form contenente Lo script PHP inserisce l input dell utente in una variabile speciale chiamata $_REQUEST['weight']il cui argomento è uguale al corrispondente

Dettagli

Music Everywhere with BT

Music Everywhere with BT Music Everywhere with BT Acquaviva Luca 231767 luca.acquaviva@studio.unibo.it Colombini Gabriele 231491 gabriele.colombini@studio.unibo.it Manservisi Alberto 258370 alberto.manservisi@studio.unibo.it Abstract

Dettagli

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18.

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18 Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. COSA CI SERVE?... 3 3. UN PO DI TEORIA... 4 4. DALLA TEORIA ALLA PRATICA... 5 5. IMPLEMENTAZIONE...

Dettagli

Elementi base. del linguaggio di programmazione. di Arduino

Elementi base. del linguaggio di programmazione. di Arduino Elementi base del linguaggio di programmazione di Arduino a cura dei proff. Prof.ssa Tiziana Marsella Prof. Romano Lombardi dalla libera traduzione di: arduino language reference ( per scopo puramente

Dettagli

CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE

CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE SCHEDA DI LABORATORIO N 3 CONTASECONDI CON DISPLAY A 7 SEGMENTI ARDUINO LIKE Si vuole realizzare un contasecondi con display a 7 segmenti utilizzando la scheda Arduino. Materiale occorrente: N 1 Bread

Dettagli

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014 Tonco Daniel Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni 1 2 Indice: Obiettivo Premessa Prime operazioni (foto allegate) Spiegazione montaggio

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Che cos è la barriera luminosa?

Che cos è la barriera luminosa? BARRIERA LUMINOSA Che cos è la barriera luminosa? Pezzi da contare Diodo IR o Laser (emittente) Pezzi contati Direzione del nastro trasportatore FOTODIODO (ricevitore) Direzione del nastro trasportatore

Dettagli

Esperienze nell automazione di un telescopio amatoriale per fotometria CCD Giulio Cherini

Esperienze nell automazione di un telescopio amatoriale per fotometria CCD Giulio Cherini Esperienze nell automazione di un telescopio amatoriale per fotometria CCD Giulio Cherini Remote Control Observatory (RCO) - Breve riepilogo delle varie configurazioni Mio caso Le motivazioni che mi hanno

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 5ª) gennaio 05 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.istitutoprimolevi.gov.it Servomotori

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Xenon 1900/1910. Guida introduttiva. Area Imager con cavo. NG2D-IT-QS Rev D 10/12

Xenon 1900/1910. Guida introduttiva. Area Imager con cavo. NG2D-IT-QS Rev D 10/12 Xenon 1900/1910 Area Imager con cavo Guida introduttiva NG2D-IT-QS Rev D 10/12 Nota: per informazioni sulla pulizia del dispositivo, consultare il manuale dell utente. Versioni in altre lingue di questo

Dettagli

Voyager 1202g. Guida rapida d utilizzo. Lettore di codici a barre laser a linea singola senza filo. VG1202-IT-QS Rev A 10/11

Voyager 1202g. Guida rapida d utilizzo. Lettore di codici a barre laser a linea singola senza filo. VG1202-IT-QS Rev A 10/11 Voyager 1202g Lettore di codici a barre laser a linea singola senza filo Guida rapida d utilizzo VG1202-IT-QS Rev A 10/11 Note: per informazioni sulla pulizia del dispositivo, consultare il manuale dell

Dettagli

Comando di un robot Kawasaki tramite sensore di forza

Comando di un robot Kawasaki tramite sensore di forza UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Comando

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Controllo remoto di SPEEDY

Controllo remoto di SPEEDY UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Controllo

Dettagli

Getting started. Creare una applicazione in Modbus Rtu con moduli IOlog SS3000

Getting started. Creare una applicazione in Modbus Rtu con moduli IOlog SS3000 Getting started Creare una applicazione in Modbus Rtu con moduli IOlog SS3000 Revisioni del documento Data Edizione Commenti 22/06/2010 1.0 - Sielco Sistemi srl via Roma, 24 I-22070 Guanzate (CO) http://www.sielcosistemi.com

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED ROUND ROBIN ROUND ROBIN CON INTERRUPT FUNCTION QUEUE SCHEDULING REAL TIME OPERATING SYSTEMS (RTOS) INTERRUPT PROGRAMMATI: TIMER INTRODUZIONE 2 In relazione

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino)

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Un microcontrollore normalmente esegue le istruzioni nella sequenza definita in fase di programmazione (fig. 1). Comunque, il

Dettagli

Radio Frequency Identification Systems

Radio Frequency Identification Systems Work--Tag passiivii Miinii--Conttrrollllerr USB CPR..PR50 & CPR..MR50 Manualle iinsttallllaziione Come tutti i dispositivi della Famiglia Work-Tag i controller operano con transponders di frequenza operativa

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 16 Martedì 3-12-2013 1 La tecnica di gestione di un dispositivo a interruzione

Dettagli

Prima di iniziare ad utilizzare il software sul tuo PC, dovresti controllare che i seguenti prerequisiti siano soddisfatti:

Prima di iniziare ad utilizzare il software sul tuo PC, dovresti controllare che i seguenti prerequisiti siano soddisfatti: I-Droid01 PC Control I-Droid01 PC Control è il software Java TM che ti permette di collegarti al tuo robot e di gestirlo a distanza via Bluetooth con il tuo Personal Computer. Questo software funziona

Dettagli

Linguaggio C - Funzioni

Linguaggio C - Funzioni Linguaggio C - Funzioni Funzioni: Il linguaggio C è di tipo procedurale; ogni programma viene suddiviso in sottoprogrammi, ognuno dei quali svolge un determinato compito. I sottoprogrammi si usano anche

Dettagli

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda 8259 (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Generalità L'8259 è stato progettato

Dettagli

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE terza parte TCP/IPdi Cristian Randieri randieri@intellisystem.it In questa terza parte della presentazione del dispositivo

Dettagli

Applicazioni web. Parte 5 Socket

Applicazioni web. Parte 5 Socket Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Applicazioni web Parte 5 Michele Tomaiuolo tomamic@ce.unipr.it Protocolli Internet I computer

Dettagli