Capitolo 1 Software OpenSource e Free

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 1 Software OpenSource e Free"

Transcript

1 Indice 1. Software OpenSource e Free 1.1 Software Libero 1.2 Licenza 1.3 Le "quattro libertà" 2. L'architettura di un sistema GNU/Linux 2.1 L'architettura del sistema. L'architettura di base. Il funzionamento del sistema Alcune caratteristiche specifiche di Linux 3. Software OpenSource per la didattica 4. Piano di lavoro 4.1 Obiettivi 4.2 Client 4.3 Server 5. Installazione Client 5.1 Damn Small Linux Caratteristiche Storia 5.2 Boot da Rete 6. Soluzioni client server 6.1 IL progetto LTSP Etherboot nel dettaglio: Possibili problemi con il dischetto 6.2 La soluzione FreeNX 6.3 Testing delle due soluzioni (LTSP e FreeNX) 6.4 Distribuzione utilizzata: Edubuntu 7. Installazione e configurazione Server 7.1 Amministrazione del server 8. Schede dei software installati 9. Realizzatori della guida 1

2 Capitolo 1 Software OpenSource e Free 1.1 Software Libero Il software Open Source e' software rilasciato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo, studiarlo, modificarlo e redistribuirlo. La parola libero non implica la possibilità di utilizzare il software libero in maniera indiscriminata: un software libero è comunque soggetto ad una licenza d'uso, a differenza ad esempio del software di pubblico dominio. Rispetto al software proprietario, la licenza d'uso del software libero permette di: eseguire il programma per qualsiasi scopo accedere alla struttura interna del programma (codice sorgente), studiarla ed eventualmente modificarla ridistribuirlo in un numero di copie illimitato 1.2 Licenza La licenza d'uso pone in genere i seguenti vincoli, di cui i principali sono: gli autori precedenti del software devono essere menzionati anche nelle versioni modificate, lasciando intatto il loro copyright non è possibile applicare una licenza d'uso incompatibile con la licenza originaria o che vada contro le norme della licenza stessa. Per esempio chiunque può riemettere un software rilasciato sotto LGPL usando la licenza GPL (tale operazione è anche chiamata upgrade della licenza), mentre non è possibile fare il contrario (naturalmente se non si è il detentore unico del copyright) normalmente, nella licenza, vi è una clausola che sancisce la non usabilità del software se non si rispetta la licenza d'uso o se una o più norme della stessa licenza non sono valide per termini di legge quando si distribuisce un binario occorre o distribuire insieme anche i sorgenti o garantire per iscritto la possibilità a tutti gli utenti di venirne in possesso dietro richiesta ed al solo costo del supporto 1.3 Le "quattro libertà" Secondo Richard Stallman e la Free Software Foundation da lui fondata (magari può essere utile mettere una breve descrizione su cosa fa la FSF), un software per poter essere definito libero deve garantire quattro "libertà fondamentali": libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo (chiamata "libertà 0") libertà di studiare il programma e modificarlo ("libertà 1") 2

3 libertà di copiare il programma in modo da aiutare il prossimo ("libertà 2") libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio ("libertà 3") Per il nostro progetto abbiamo scelto il software open source ( Linux ) per diverse ragioni, quali: libertà la possibilità di girare su hardware obsoleto il costo la facilità di amministrazione Nel caso particolare abbiamo utilizzato Edubuntu, una versione modificata della distribuzione Linux Ubuntu già adattata per scopi didattici. La distribuzione in particolare contiene software quali Dr.Geo (clone di Cabri), OpenOffice (clone di Office), Audacity (editor audio), Gimp (editor immagini), Blender (editor 3D), Firefox (browser web), Thunderbird (client e mail) e molti altri. Capitolo 2 L'architettura di un sistema GNU/Linux 2.1 L'architettura del sistema. Prima di addentrarci nei dettagli dell'amministrazione di un sistema GNU/Linux, conviene fornire un quadro generale per introdurre i vari concetti su cui si basa l'architettura di questo sistema, che è basata su quella, consolidatasi in 30 anni di impiego, dei sistemi di tipo Unix. Il fatto che questa architettura abbia una certa età fa sì che spesso i detrattori di GNU/Linux ne denuncino la presunta mancanza di innovatività, ma anche le case hanno da secoli le stesse basi architetturali (porte, muri e tetti), ma non per questo non esiste innovazione. Il vantaggio della architettura di Unix infatti è quello di aver fornito una solida base per la costruzione di sistemi affidabili ed efficienti, consolidata e corretta in decenni di utilizzo, tanto che ormai è divenuto comune il detto che chi non usa l'architettura Unix è destinato a reinventarla. L'architettura di base. Contrariamente ad altri sistemi operativi, GNU/Linux nasce, come tutti gli Unix, come sistema multitasking e multiutente. Questo significa che GNU/Linux ha una architettura di sistema che è stata pensata fin dall'inizio per l'uso contemporaneo da parte di più utenti. Questo comporta conseguenze non del tutto intuitive nel caso in cui, come oggi sempre più spesso accade, esso venga usato come stazione di lavoro da un utente singolo. Il concetto base dell'architettura di ogni sistema Unix come GNU/Linux è quello di una rigida separazione fra il kernel (il nucleo del sistema), cui si demanda la gestione delle risorse 3

4 hardware, come la CPU, la memoria, le periferiche e i processi, (le unità di esecuzione dei programmi), e i programmi del livello applicativo, che vanno dai comandi base di sistema, ai vari software, alle interfacce per l'interazione con gli utenti. Lo scopo del kernel infatti è solo quello di essere in grado di eseguire contemporaneamente molti processi in maniera efficiente, garantendo una corretta distribuzione fra gli stessi della memoria e del tempo di CPU, e quello di fornire le adeguate interfacce software per l'accesso alle periferiche della macchina e le infrastrutture di base necessarie per costruire i servizi. Tutto il resto, dall'autenticazione all'interfaccia utente, viene realizzato usando processi che eseguono gli opportuni programmi. Questo si traduce in una delle caratteristiche essenziali su cui si basa l'architettura dei sistemi Unix: la distinzione fra il cosiddetto user space, che è l'ambiente a disposizione degli utenti in cui vengono eseguiti i processi, e il kernel space, che è l'ambiente in cui viene eseguito il kernel. I due ambienti comunicano attraverso un insieme di interfacce ben definite e standardizzate; secondo una struttura come quella mostrata in fig. 1.1 Questa architettura comporta che solo il kernel viene eseguito in modalità privilegiata, ed è l'unico a poter accedere direttamente alle risorse dell'hardware. I normali programmi invece verranno eseguiti in modalità protetta, in un ambiente virtuale, l'user space, in cui essi vedono se stessi come se avessero piena disponibilità della CPU e della memoria, ma in cui possono accedere alle periferiche e alle altre funzionalità messe a disposizione del kernel solo attraverso una serie di chiamate di sistema standardizzate, le cosiddette system call, che vengono utilizzate attraverso l'interfaccia fornita dalla libreria di sistema (la GNU C library di fig. 1.1). In sostanza quello che succede è che da un certo punto di vista l'unico "vero" programma che viene eseguito è il kernel che si incarica di costruire questo ambiente virtuale in cui fare girare gli altri programmi. Una parte del kernel, quella indicata in fig. 1.1 come scheduler, si incaricherà della gestione del tempo del processore e provvederà a decidere volta per volta qual è il processo che deve essere eseguito in un determinato 4

5 momento (realizzando così il multitasking). Una seconda parte, quella indicata in fig. 1.1 come VM, (sigla che sta per Virtual Memory) si occuperà invece di gestire l'uso della memoria disponibile. La memoria virtuale è uno dei sottosistemi più importanti del kernel perchè è quella che fa in modo che ogni processo veda uno spazio di indirizzi proprio che poi viene rimappato nella memoria fisica effettivamente presente, così che sia impossibile che un processo possa accedere alla memoria di un altro processo. La memoria virtuale si incarica anche di gestire, in caso di esaurimento della RAM, l'eventuale spostamento delle pagine di memoria meno usate su uno opportuno spazio disco evitando di fermare l'esecuzione di un processo per una temporanea mancanza di memoria. Infine c'è un'ultima parte del kernel, indicata in fig. 1.1 con l'indicazione generica driver, che si incaricherà di accedere alle periferiche per conto dei programmi. Questa permette di definire una interfaccia di accesso generica per qualunque dispositivo, cui spesso si fa riferimento dicendo che in un sistema unix like tutto è un file. La conseguenza più importante di questa separazione fra user space e kernel space è che in questo modo non è possibile che un singolo programma possa disturbare l'azione di un altro programma o del kernel stesso, e questo è il principale motivo della stabilità di un sistema Unix nei confronti di altri sistemi in cui i processi non hanno di questi limiti, o vengono, per vari motivi, eseguiti all'interno del kernel. Il funzionamento del sistema Per illustrare meglio la distinzione fra kernel space e user space prendiamo brevemente in esame la procedura di avvio del sistema. All'accensione del computer viene eseguito il programma che sta nel BIOS; questo dopo aver fatto i suoi controlli interni esegue la procedura di avvio del sistema. Nei PC tutto ciò viene effettuato caricando dal dispositivo indicato nelle impostazioni del BIOS un apposito programma, il bootloader, che a sua volta recupera (in genere dal disco) una immagine del kernel che viene caricata in memoria ed eseguita. Una volta che il controllo è passato al kernel questo, terminata la fase di inizializzazione (in cui ad esempio si esegue una scansione delle periferiche disponibili, e si leggono le tabelle delle partizioni dei vari dischi) si incaricherà di montare il filesystem su cui è situata la directory radice, e farà partire il primo processo. Per convenzione questo processo si chiama init, ed è il programma di inizializzazione che a sua volta si cura di far partire tutti gli altri processi che permettono di usare il sistema. Fra questi processi ci saranno ad esempio quelli che forniscono i vari servizi di rete, quelli che eseguono vari compiti di amministrazione, così come quelli che si occupano di chiedere nome e password dell'utente che si vuole collegare, e che una volta completato il collegamento (procedura che viene chiamata login) lanciano altri programmi per mettere a disposizione dell'utente l'interfaccia da cui inviare i comandi, che potrebbe essere sia una shell a riga di comando che una delle tante interfacce grafiche disponibili. E da rimarcare poi come anche tutti i programmi che un utente di un sistema GNU/Linux può utilizzare una volta che si è collegato non hanno niente di diverso da quelli appena citati. Tutti i programmi funzionano allo stesso modo: vengono eseguiti dal kernel come processi ed eseguono le loro operazioni attraverso le opportune system call che esso mette a disposizione. Da questo punto di vista eseguire sulla shell un programma per vedere la lista dei file non ha niente di diverso dall'eseguire in 5

6 ambiente grafico un programma di scrittura o un programma di fotoritocco, o dal lanciare un server web che viene eseguito anche quando nessuno è collegato al sistema. Questo significa ad esempio che il kernel di per sè non dispone di primitive per tutta una serie di operazioni, come la copia di un file, che altri sistemi operativi (come Windows) hanno al loro interno: tutte le operazioni di normale amministrazione di un sistema GNU/Linux sono sempre realizzate tramite degli opportuni programmi. Tutto ciò ci dice anche che benchè costituisca il cuore del sistema, il kernel da solo sarebbe assolutamente inutile, così come sarebbe inutile da solo il motore di una automobile, senza avere le ruote, lo sterzo, la carrozzeria, e tutto il resto. Per avere un sistema funzionante dal punto di vista di un utente normale infatti occorre avere, oltre al kernel, anche tutti i programmi che gli permettano di eseguire le varie operazioni con i dischi, i file, le periferiche. Per questo al kernel vengono sempre uniti degli opportuni programmi di gestione per il sistema e tutta una serie di programmi applicativi, ed è l'insieme di questi e del kernel che costituisce un sistema funzionante. Di solito i rivenditori, o anche gruppi di volontari, come nel caso di Debian, si preoccupano di raccogliere in forma coerente i programmi necessari, per andare a costruire quella che viene chiamata una distribuzione. Sono in genere queste distribuzioni (come Debian, Mandrake, RedHat, Slackware), quelle che si trovano sui CD con i quali si installa quello che, con una semplificazione molto brutale, viene chiamato solo "Linux". Il gruppo principale di questi programmi, e le librerie di base che essi e tutti gli altri programmi usano, derivano dal progetto GNU della Free Software Foundation: è su di essi che ogni altro programma è basato, ed è per questo che è più corretto riferirsi all'intero sistema come a GNU/Linux, dato che Linux indica solo una parte, il kernel, che benchè fondamentale non costituisce da sola un sistema operativo. Si tenga presente infine che anche se il kernel tratta tutti i programmi allo stesso modo, non tutti hanno la stessa importanza. Nell'esempio appena fatto abbiamo accennato ad un programma particolare, init, che ha un ruolo privilegiato in quanto è quello che si occupa dell'inizializzazione del sistema quando questo viene fatto partire. Anche init però alla fine non è che un programma che usa le system call e viene eseguito dal kernel come un qualunque altro processo; la sua unica peculiarità infatti è quella di essere lanciato per primo direttamente dal kernel. Questo ci porta ad un'altra caratteristica fondamentale dell'architettura dei sistemi unix like che è quella per cui qualunque processo può a sua volta avviarne di nuovi. E questo che permette l'avvio del sistema eseguendo un unico programma di inizializzazione come init, dato che questo potrà poi lanciare altri programmi, che a loro a volta ne potranno lanciare degli altri ancora, fino a fornire tutte le funzionalità richieste per il a funzionamento del sistema. Benchè sia possibile per usi particolari (ad esempio in sistemi embedded che devono svolgere un solo compito) far partire un qualunque altro programma al posto di init, in pratica tutti i sistemi Unix usano questo specifico programma per gestire l'avvio del sistema, ed è a seconda degli ulteriori programmi che init mette in esecuzione che alla fine della procedura di avvio ci si troverà davanti ad un terminale a caratteri o ad una interfaccia grafica, e si avrà, a seconda di quanto deciso (ed installato) dall'amministratore, un server di posta, un server web, una workstation, ecc. 6

7 Alcune caratteristiche specifiche di Linux Benchè Linux stia diventando il più diffuso, esistono parecchi altri kernel unix like, sia liberi che proprietari, nati nella tumultuosa e complessa evoluzione che dallo Unix originario della AT/T ha portato alla nascita di una miriade di sistemi derivati (BSD, Solaris, AIX, HP UX, Digital Unix, IRIX, solo per citare i più noti) che si innestano tutti in due rami principali, quelli derivati dal sistema sviluppato dalla AT/T, detto SysV (da System V, l'ultima versione ufficiale) e quelli derivati dal codice sviluppato all'università di Berkeley, detto BSD (da Berkeley Software Distribution). La prima caratteristica distintiva di Linux è che esso è stato riscritto da zero, per cui non è classificabile in nessuno di questi due rami e prende invece, a seconda dei casi, le migliori caratteristiche di ciascuno di essi. Un'altra delle caratteristiche peculiari di Linux rispetto agli altri kernel unix like è quella di essere modulare; Linux cioè può essere esteso inserendo a sistema attivo degli ulteriori "pezzi", i moduli, che permettono di ampliare le capacità del sistema (ad esempio fargli riconoscere una nuova periferica). Questi possono poi essere tolti dal sistema in maniera automatica quando non sono più necessari: un caso tipico è quello del modulo che permette di vedere il floppy, caricato solo quando c'è necessità di leggere un dischetto ed automaticamente rimosso una volta che non sia più in uso per un certo tempo. In realtà è sempre possibile costruire un kernel Linux comprensivo di tutti i moduli che servono, ottenendo quello che viene chiamato un kernel monolitico (come sono i kernel degli altri Unix); questo permette di evitare il ritardo nel caricamento dei moduli al momento della richiesta, ma comporta un maggiore consumo di memoria (dovendo tenere dentro il kernel anche codice non utilizzato), ed una flessibilità nettamente inferiore in quanto si perde la capacità di poter specificare eventuali opzioni al momento del caricamento, costringendo al riavvio in caso di necessità di cambiamenti. Per contro in certi casi l'uso dei moduli può degradare leggermente le prestazioni (quasi sempre in maniera non avvertibile) e può dar luogo a conflitti inaspettati (che con un kernel monolitico avrebbero bloccato il sistema all'avvio). Questi problemi oggi sono sempre più rari, in ogni caso non è possibile utilizzare i moduli nel caso in cui la funzionalità da essi fornite siano necessarie ad avviare il sistema. Una terza peculiarità di Linux è quella del Virtual File System (o VFS). Un concetto generale presente in tutti i sistemi Unix (e non solo) è che lo spazio su disco su cui vengono tenuti i file e di dati è organizzato in quello che viene chiamato un filesystem. Lo spazio disco grezzo è normalmente suddiviso in settori contigui e di dimensione fissa, ma all'interno del sistema questo viene organizzato in maniera tale da permettere il rapido reperimento delle informazioni memorizzate su questi settori, anche quando queste sono sparse qua e là sul disco; si ha così quello che l'utente vede come un singolo file. Quello che contraddistingue Linux è che l'interfaccia per la lettura del contenuto del filesystem è stata completamente virtualizzata, per cui inserendo gli opportuni moduli nel sistema diventa possibile accedere con la stessa interfaccia (salvo limitazioni della realizzazione, in maniera completamente trasparente all'utente) ai più svariati tipi di filesystem, a partire da quelli usati da Windows e dal DOS, dal MacOS, e da tutte le altre versioni di Unix. Quello che è importante tenere presente da subito è che la disponibilità di una astrazione delle operazioni sui file rende Linux estremamente flessibile, dato che attraverso di essa è in grado di supportare con relativa facilità, ed in maniera nativa, una varietà di filesystem superiore a quella di qualunque altro sistema operativo. 7

8 Capitolo 3 Software OpenSource per la didattica Vediamo ora i vantaggi con l introduzione dell open source nelle scuole. Un vantaggio evidente anche se non fondamentale è quello Economico: oggi le scuole spendono molti soldi per aggiornare i computer obsoleti e come tutti sanno un computer nuovo significa anche una nuova licenza Microsoft, sia per il sitema operativo che a volte anche per gli applicativi di Office. A questo punto è preferibile per una scuola spendere questi soldi per aggiornare tutti i computer o spendere di meno per comprare un solo computer che riesca a gestire tutti gli altri. La risposta sembra ovvia I computer obsoleti che vengono recuperati possono anche essere dei semplici Pentium 100 con 32 MB di RAM e addirittura senza disco fisso visto che tutte le operazioni vengono fatte sul server. Quindi l unica spesa è quella di comprare un server: in base alla quantità di computer obsoleti che si vogliono resuscitare un computer di media potenza (Pentium 4 non di utlima generazione) con almeno 2 GB di RAM può elaborare calcoli per 30 computer senza nessun problema. In questo modo la scuola risparmierebbe il 75% rispetto a cambiare tutte le singole macchine del proprio laboratorio. Altro vantaggio molto rilevante, tanto più in quanto l'istituzione scuola dovrebbe sensibilizzare rispetto a questo tema, riguarda l aspetto Eco Ambientale: l hardware presente nei computer obsoleti è ritenuto rifiuto speciale e comporta fasi di smaltimento lunghe e costose. Per evitare questi ulteriori costi spesso le normative in materia non vengono rispettate e si disperdono nell'ambiente sostanze estremamente inquinanti quali piombo, mercurio, cadmio e cromo esavalente. Il riuso, evita le problematiche descritte e permette anche un notevole risparmio energetico. Questo perché un odierno personal computer consuma in media 150W a pieno carico, mediante il riutilizzo dei computer il server ottimizza i carichi di lavoro delle CPU, consentendo un risparmio energetico di circa il 60%! E come non parlare di Sicurezza: ogni accesso al server da parte delle singole macchine può essere fatto attraverso una password in modo da limitare eventuali accessi non autorizzati ed essendo il server che svolge tutto il lavoro si possono implementare efficientemente filtri per la navigazione Web, sistemi di backup automatizzati, evitando le quotidiane problematiche che si riscontrano nella gestione di una rete di computer. Un ulteriore vantaggio riguarda i Programmi e le conseguenti problematiche di installazione, aggiornamento, ecc.: il mondo open source gode di una vasta gamma di programmi in tutti gli ambiti (OpenOffice,The Gimp, Dr.Geo, Audacity, GCompris) il tutto ovviamente sempre senza nessun costo aggiuntivo. Anche gli aggiornamenti sono semplici, tutto viene fatto sul server senza intervenire su ogni singola macchina come invece viene fatto in laboratori in cui ogni macchina è a se stante. Tutto questo può portare a nuove offerte nell ambito della Formazione di studenti e docenti: si potranno tenere corsi sulla filosofia open source, sulle sue caratteristiche e la sua evoluzione. Si portano avanti quindi discorsi riguardanti la storia, dall avvio di Unix fino a Linux parlando anche dei vari personaggi del panorama open source. E con la voglia di docenti e studenti si può diventare protagonisti creando aree di progetto che sviluppano applicativi liberi rendendoli fruibili anche ad altre scuole. 8

9 Capitolo 4 Piano di lavoro 4.1 Obiettivi L'obbiettivo era recuperare hardware obsoleto in modo che potesse essere utilizzato per normali scopi didattici. Per raggiungere questo obiettivo sono state prese in considerazione diverse ipotesi: Utilizzare Damn Small Linux, una distribuzione creata apposta per girare su harware obsoleto Utilizzare FreeNX, software per l'utilizzo remoto di una interfaccia X Utilizzare LTSP ( Linux Terminal Server Project ), software che permette di rendere i computer dei terminali dipendenti da un server, in modo che possano girare anche senza l'utilizzo di dispositivi di memorizzazione di massa permanenti (hard disk). Abbiamo testato tutte le possibilita' e come soluzione abbiamo adottato l'utilizzo di LTSP come software principale e come "failsafe" (soluzione di emergenza) abbiamo installato Damn Small Linux, che permette comunque di utilizzare i computer in caso di malfunzionamento del server principale. 4.2 Client Come prima cosa sui client abbiamo rimosso il sistema operativo Windows 98 che era servito agli elettronici per testare il funzionamento dell'hardware e della rete, successivamente abbiamo eseguito l'installazione su hard disk della distribuzione Damn Small Linux, una distribuzione del sistema operativo Linux che richiede pochissime risorse hardware per un funzionamento, seppur limitato, utile ad un'attività didattica. Questa distribuzione comprende un editor di testo (Ted), un foglio di calcolo, un browser (Dillo, Mozilla Firefox) per la navigazione in Internet, un client di posta, editor di immagini (XPaint), riproduzione audio (Xmms), un lettore PDF (Xpdf) e altri vari strumenti. In realtà questo sistema operativo non dovrebbe essere utilizzato, è solo un supporto nel caso in cui avvenisse un malfunzionamento del server. L'idea è quella di riutilizzare hardware obsoleto (10 PC datati) come PC attuali sfruttando la potenza di un server e la rete. Essendo PC datati, le loro schede di rete non supportavano il boot da rete, che comporta il caricamento del Kernel di Linux tramite la rete e non caricandolo dal hard disk, quindi abbiamo dovuto trovare un modo per bypassare questo problema. Abbiamo risolto con uno stratagemma, scoprendo un sito che offriva delle immagini da montare su floppy, per immagine si intende il kenel pacchettizzato e compresso, che avviavano il computer via rete bootando il PC da floppy; quindi per ogni PC abbiamo utilizzato le informazioni riguardanti il modello delle schede di rete e per ognuno di queste abbiamo fatto un floppy che permettesse il boot da rete. 9

10 L'indirizzo del sito da dove scaricare questi programmi è: o matic.net/ Dopo questo lavoro sui client, bisognava solamente impostare il BIOS dei PC in modo che partissero leggendo il floppy da noi creato, così siamo entrati nel setup iniziale di ogni computer ed abbiamo impostato le priorità dei dispositivi di avvio, mettendo come primo della lista il floppy e come secondo l'hard disk. 4.3 Server Il server era un pentium 4 a 3,0 Ghz con 2 Gb di RAM. Abbiamo installato una distribuzione GNU/Linux, EdUbuntu (che verra' analizzata in seguito), che fornisce gia' integrati molti software a scopo didattico, e un ambiente di base gia' predisposto per una struttura del tipo Server Terminali. Finita l'installazione abbiamo proceduto a configurare le varie componenti del sistema necessarie per il corretto funzionamento del progetto LTSP quali server DHCP, server NFS e server OpenSSH. Capitolo 5 Installazione Client 5.1 Damn Small Linux Damn Small Linux (conosciuto anche come DSL) è una distribuzione Linux per l'architettura x86. Nata come sistema live per CD a forma di carta di credito, può oggi essere installata ed eseguita su dischi rigidi, chiavette USB, schede CompactFlash, dispositivi ZIP od anche su Microsoft Windows o Linux come sistema emulato grazie all'uso del programma QEMU. Sono possibili due tipi di installazione: l'installazione "frugale" e la vera installazione. L'installazione frugale copia l'immagine del CD di installazione in una partizione del disco rigido e l'avvio da qui sarà equivalente all'avvio da CD. La vera installazione decomprime il sistema sul CD e lo copia sul disco regolandone, poi, alcuni parametri. Con quest'ultimo modo, si può poi installare il programma di gestione dei pacchetti APT che permette di ottenere un sistema operativo più simile a Debian GNU/Linux. Caratteristiche Damn Small Linux, tradotto letteralmente, significa "Linux Maledettamente Piccolo". Proprio questo è il concetto che sta alla base della distribuzione: in 50 MB (per questo può essere comodamente avviata da una semplice chiavetta usb) include un browser, strumenti di produttività da ufficio, giochi e lettori multimediali ed il Desktop Environment Fluxbox. Il requisito minimo di sistema è un processore 486 con 16 MB di memoria RAM: ciò gli permette una esecuzione rapida in vecchi computer x86. Storia Damn Small Linux è stata inventata e sviluppata inizialmente da John Andrews che personalizzò un'altra distribuzione, Model K, a sua volta ricavata da una Knoppix e ridotta alle dimensioni di 22 MB. Da allora, Damn Small Linux è cresciuta fino a diventare un progetto sviluppato da più programmatori, tra i quali Robert Shingledecker, che ha sviluppato 10

11 il sistema MyDSL, il DSL Control Panel, ed altro ancora. Oggi lo sviluppo è basato direttamente su Knoppix permettendo una maggiore facilità di miglioramento e di personalizzazione. 5.2 Boot da Rete Le schede di rete moderne supportano il boot da rete ovvero l'avvio del computer tramite la rete, ma nel caso la macchina sia troppo vecchia e non sia possibile abilitare dal BIOS il boot da scheda di rete, è possibile in molti casi utilizzare Etherboot per aggirare l inconveniente. Nel caso corrente è stato usato un kernel lanciato da Grub, ma per macchine senza disco fisso è possibile utilizzare anche floppy o CD ROM, la ROM adatta alla propria scheda, in formato di immagine floppy, cd, kernel o altro, si può ottenere facilmente dal sito ROM o matic.net. La nostra scelta è stata fatta in modo che tutti i pc utilizzassero lo stesso metodo, quindi abbiamo deciso di creare un floppy per ogni pc. Capitolo 6 Soluzioni client server 6.1 IL progetto LTSP Il progetto LTSP (Linux Terminal Server Project) fornisce un modo semplice per (ri)utilizzare dei computer a basso costo come terminali, sia in modo grafico che in modo testo, collegandoli ad un server GNU/Linux. In una tipica situazione d'ufficio o in un laboratorio scolastico su ogni postazione vengono normalmente utilizzati computer abbastanza potenti, basati su processori Intel o compatibili, ognuno con molti gigabytes di spazio su disco fisso. Ciascun utente memorizza i propri dati sul disco rigido presente nel computer e molto raramente vengono effettuati dei backup. Ha veramente un senso avere un computer completo su ciascuna postazione? Ragionevolmente no. Possiamo migliorare questa situazione. Fortunatamente c'è un'alternativa. Utilizzando LTSP, si possono usare anche PC piuttosto datati o comunque di scarse prestazioni. Basta, eventualmente aggiungere una scheda di rete con supporto per il boot da rete. La maggior parte delle schede di rete ha un alloggio ove inserire una ROM che permette il boot da rete, o semplicemente installando il programma di Etherboot su un supporto (floppy disk). Durante la fase di accensione (la fase di boot), il computer,seguendo le istruzioni del programma contenuto nel floppy disk, ottiene le informazioni necessarie per far funzionare la rete (come il proprio numero IP) ed il kernel Linux (la parte fondamentale di questo sistema operativo) dal server, quindi accede ai dischi (monta il filesystem) tramite il servizio NFS. Il computer della postazione di lavoro (workstation) può essere configurato nei 3 modi sotto descritti: Interfaccia Grafica con Sistema X Window 11

12 Si utilizza X Windows. La workstation può essere usata per accedere a qualsiasi applicazione presente sul server o su altri server eventualmente presenti all'interno della stessa rete. Sessioni tramite telnet ad interfaccia in modalità testo La workstation può instaurare una o più sessioni telnet con il server. Ogni sessione telnet viene collocata in uno schermo virtuale separato. Sono possibili più sessioni in contemporanea fino ad un massimo di 9 sessioni. Premendo i tasti da Alt F1 a Alt F9 sarà possibile passare da una sessione ad un'altra. Shell prompt (linea di comando) La workstation può essere configurata in modo da fornire direttamente e semplicemente una linea di comando (la bash shell) sulla console. Questo può essere molto utile in alcuni casi, ad esempio quando è necessario, in fase di configurazione correggere eventuali problemi che possono insorgere con il sistema X Window o con il collegamento NFS. Più nello specifico il metodo che abbiamo scelto consiste nel copiare l'etherboot nel boot sector del floppy. Quindi tutto funziona come nel caso del boot rom(boot effettuato tramite una rom inserita nella scheda di rete). Il codice letto dal boot record del floppy viene eseguito, la scheda di rete viene inizializzata e il kernel viene caricato in memoria dal server via rete. Etherboot nel dettaglio: Consideriamo in prima istanza una singola workstation sul nostro segmento di rete, equipaggiata quindi con una scheda Ethernet e, di conseguenza, univocamente riconoscibile dal suo MAC address. All'accensione tale macchina carica l'immagine contenuta nel floppy, così accede ai servizi di rete per ottenere quanto necessario per il boot. La prima informazione che deve ricavare è un indirizzo di rete IP che la identifichi, in modo da poter successivamente richiedere l'immagine del kernel e l'accesso al suo filesystem; per far ciò, in fase di accensione, istruita dall'immagine su floppy, la workstation effettua un broadcast notificando a un qualsiasi server BOOTP (BOOTstrap Protocol) o DHCP presente nel segmento di rete il suo MAC address. A questo broadcast il server BOOTP, dopo aver consultato una tabella interna, risponde fornendo alla workstation un nome simbolico, un indirizzo IP, l'indirizzo IP del server da cui effettuare il boot e il nome di un'immagine del kernel che dovrà caricare. Una volta ottenute queste informazioni il client deve scaricare il kernel indicatogli ed eseguirlo: in questa fase entra in gioco il TFTP (Trivial File Transfer Protocol), una versione ridotta del più conosciuto FTP, priva di autenticazione, controlli e funzionalità complesse. Proprio utilizzando il protocollo TFTP il client scarica dal server fornitogli dal BOOTP il suo kernel. Eseguito il kernel cosi ottenuto ora non resta che montare un filesystem via rete e terminare la sequenza di boot del sistema. Possibili problemi con il dischetto Quando parte il boot dal floppy dovrebbe apparire qualcosa del tipo: loaded ROM segment 0x0800 length 0x4000 reloc 0x

13 Etherboot (GPL) Tagged ELF for [LANCE/PCI] Found AMD Lance/PCI at 0x1000, ROM address 0x0000 Probing...[LANCE/PCI] PCnet/PCI II 79C970A base 0x1000, addr 00:50:56:81:00:01 Searching for server (DHCP)... <sleep> L'esempio riportato qui sopra mostra cosa dovreste aspettarvi di vedere quando avviene il boot da floppy. Se non vengono visualizzati questi messaggi, che indicano che è partito l'etherboot, allora probabilmente il dischetto floppy è sbagliato: o il dischetto floppy è danneggiato o l'immagine non è stata scritta sul floppy in modo corretto. Se viene visualizzato un messaggio del tipo riportato qui sotto, allora probabilmente vuol dire che l'immagine che è stata generata non è quella adatta per la vostra scheda di rete. ROM segment 0x0800 length 0x8000 reloc 0x9400 Etherboot (GPL) Tagged ELF for [Tulip] Probing...[Tulip]No adapter found <sleep><abort> Se arriva al punto in cui rivela la scheda di rete e mostra il corretto MAC address, allora il dischetto floppy è probabilmente corretto e funzionante. Per ottenere un nuovo dischetto sarà neccessario andare sul sito web O Matic.net di Marty Connor, che ha fatto un eccellente lavoro mettendo in piedi un'interfaccia per il web per la configurazione e la compilazione necessaria per creare un immagine bootrom con Etherboot. Sul suo sito, selezionate la versione più aggiornata disponibile (latest production release) di etherboot, selezionate il tipo di scheda di rete che avete (NOME DELLA SCHEDA) e che tipo di immagine volete. Per avere il formato per il floppy scegliete 'Floppy Bootable ROM Image'. Questa scelta aggiunge un header di 512 byte che fa sì che il boot loader venga caricato in memoria da dove poi viene eseguito. Inoltre avete anche la possibilità di modificare alcune opzioni di configurazione del Etherboot. A questo punto premete il pulsante 'Get ROM' (ottieni ROM) e una immagine personalizzata del bootrom verrà generata in breve tempo. Dopo alcuni secondi che avete premuto il bottone, il vostro browser farà comparire una finestra pop up "Save As" (o "Salva con nome") in cui sceglierete il nome con cui salvare il file sul vostro computer. Una volta che avete salvata l'immagine sul vostro disco fisso dovete scriverla sul vostro floppy. Inserite il disco floppy nel vostro lettore di floppy e date il seguente comando per scrivere sul floppy: dd if=etherboot_image of=/dev/fd0 dove al posto di Etherboot_Image dovete mettere il nome del vostro file immagine, ed eventualmente il percorso se non è nella directory corrente(/../..../etherboot_image). Chiaramente questo comando deve essere eseguito su un computer Linux. A questo punto potrete ri connettervi normalmente al server. 13

14 6.2 La soluzione FreeNX FreeNX è un proxy server open source per i protocolli di controllo remoto del display X11, RDP e VNC; è in grado di operare una compressione del traffico di rete incrementando notevolmente le prestazioni con linee lente. E' basato sulle librerie NX sviluppate dall'azienda NoMachine e rilasciate dalla stessa secondo licenza GPL. Con questa tecnologia è possibile collegarsi ad un server da remoto (anche su linee telefoniche lente) utilizzandolo anche da PC obsoleti, ed usare programmi altrimenti ingestibili da questi stessi PC. Può quindi essere considerato come alternativa a LTSP, ed è anche più semplice da installare e configurare. Il client è disponibile per Linux, Mac e Finestre. Il client FreeNX si può liberamente scaricare da L'installazione non richiede nulla di particolare. Al primo avvio è sufficiente configurare l' indirizzo ip del server e porta ssh (in genere 22, se non l'abbiamo modificata); a questo punto possiamo entrare con l'utente di sistema Linux. 6.3 Testing delle due soluzioni (LTSP e FreeNX) Abbiamo testato i due tipi di soluzioni praticabili FreeNX e LTSP mettendole a confronto,tramite l'utilizzo contemporaneo del software disponibile su tutti i client e verificandone le prestazioni. E' risultata una superiorità di prestazioni da parte di LTSP sotto diversi punti di vista: maggiore fluidità e velocità nell'interazione con l'interfaccia grafica; maggiore longevità e stabilità, FreeNX era più facilmente soggetto a crash (errori,instabilità...); Questi motivi ci hanno portato a scegliere la soluzione LTSP e tenere l'altra, FreeNX, solo come ripiego nel caso di problemi con la prima. 6.4 Distribuzione utilizzata: Edubuntu "Ubuntu" è un'antica parola africana, dal significato "umanità agli altri". Un ulteriore significato è: "io sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tutti". La distribuzione Edubuntu Linux migra lo spirito di Ubuntu nelle scuole, poichè è stato studiato per un ambiente scolastico. Per ora Edubuntu è rivolto solamente a questo ambiente ma nel prossimo futuro sarà adattato anche ad altri ambiti come quello Universitario. Deriva da Ubuntu, basata a sua volta su Debian. Fra gli altri programmi, Edubuntu include Linux Terminal Server Project (LTSP), un gran numero di applicazioni educative tra le quali GCompris e la raccolta di programmi di edutainment di KDE, nonché Schooltool Calendar. 14

15 Edubuntu utilizza il desktop environment GNOME e la versione attuale supporta le piattaforme i386, AMD64 e PowerPC. Edubuntu include più di pacchetti ma il sistema di base si installa con unsingolo CD. Capitolo 7 Installazione e configurazione Server La distribuzione usata, Edubuntu, dispone dalla versione 6.10 un ambiente integrato per LTSP che ha permesso di evitare la parte di creazione di un ambiente in un chroot minimale per i client in quanto già predisposto. Abbiamo assegnato al server un indirizzo di classe C e poi configurato tutti i client di conseguenza. I file principali sono : /etc/ssh/sshd_config Il file per la configurazione del demone ssh essenziale per l'avvio di applicazioni sul server dai client In questo file e' necessaria che sia abilitata l'opzione X11Forwarding yes per rendere possibile il forward di applicazioni grafiche sui client /opt/ltsp/i386/etc/ltsp.conf Il contiene la configurazione dei singoli client LTSP. In questo file si possono fare configurazione globali (valide per tutti i client LTSP) o configurazioni specifiche a seconda dei client (come far caricare un modulo audio o un modulo video al particolare client, o abilitargli una stampante) /etc/ltsp/dhcpd.conf Il file per la configurazione del demone dhcp. Nel nostro caso abbiamo impostato in modo che venissero assegnati degli indirizzi ip specifici a seconda del MAC Address di ogni scheda, in modo da avere un corrispondenza fissa tra un indirizzo ip e una macchina, in caso siano necessarie configurazioni speciali. /etc/exports Contiene i parametri per la configurazione di nfs, e sono indicati le cartelle da esportare via rete Nel nostro caso conteneva /opt/ltsp *(ro,no_root_squash,async) 15

16 che significa esportare la cartella /opt/ltsp verso tutta la rete in sola lettura. /var/lib/tftpboot/ltsp/i386/ Cartella che contiene le immagini del kernel che utilizzeranno i client per bootare. /opt/ltsp/i386 Cartella che contiene l'ambiente per il chroot del sistema minimale LSTP. 7.1 Amministrazione del server I vantaggi di una soluzione LTSP sono, oltre al risparmio di soldi e tempo di comprare e configurare diverse macchine, la facilita' di manutenzione e di amministrazione del tutto. Poiche' LTSP e' una soluzione centralizzata tutto il lavoro di manutenzione deve essere svolto solo in un punto ( il server ), e operazione amministrative ( come l'installazione di un nuovo software ) devono essere svolte su una sola macchina. Edubuntu mette a disposizione strumenti molto potenti per l'amministrazione quale Synaptic ( frontend grafico per apt ), che permette grazie a una connessione internet di installere e configurare molti software in pochi click, aptitude e ntop. Aggiungere utenti e' altrettanto facile grazie agli strumenti integrati in gnome ( come usersadmin ) che permette in pochi secondi di aggiungere nuovi utenti e modificare i privilegi di utenti gia' esistenti. Capitolo 8 Schede dei software installati Nella versione di Edubuntu 6.10 installata sui vari terminali sono presenti i seguenti programmi: Il pacchetto di software OpenOffice.org, il quale comprende: Base, Calc, Draw, Math, Impress e Writer. OpenOffice.org Base OOo Base è un software che permette la creazione, la gestione e la modifica di database con un comodo frontend grafico, è l'equivalente di Microsoft Access. OpenOffice.org Calc OOo Calc è un software che gestisce i fogli elettronici, permette di effettuare calcoli, creare diagrammi e grafi, creare ed utilizzare macro e funzioni, è l'equivalente di Microsoft Excel. 16

17 OpenOffice.org Draw OOo Draw è un software per la gestione delle immagini e per la grafica vettoriale, ha funzioni equivalenti a quelle di CorelDRAW. OpenOffice.org Math OOo Math è un software per la creazione e la gestione di formule matematiche, ogni formula creata con questo software può essere integrata negli altri prodotti di OpenOffice.org. OpenOffice.org Impress OOo Impress è un software che permette di creare e modificare delle presentazioni, è l'equivalente di Microsoft PowerPoint. OpenOffice.org Writer OOo Writer è un software che permette di creare e modificare testi, è un editor WYSIWYG ed è l'equivalente di Microsoft Word. The Gimp The Gimp è un programma di fotoritocco e un editor di immagini vettoriali, è disponibile gratuitamente come free software ed è altamente modulare ( cioè può essere integrato con plug in esterni, ed esiste una vasta comunità che sviluppa plug in per Gimp ). The Gimp è disponibile anche per Microsoft Windows e svolge molte delle funzioni che svolgono software proprietari molto costosi come PhotoShop. Dr.Geo Dr.Geo è un software che permette di lavorare con la geometria, creando e lavorando forme e figure e' molto simile a Cabri Geometrè, un software per Microsoft Windows. Audacity Audacity è un editor audio multipiattaforma che supporta molti formati di codifica, una modifica e un mixaggio di un numero infinito di tracce, equalizzazione, rimozione di rumori di fondo e molti altre cose. Come per The Gimp Audacity e' supportato da una vasta comunità che sviluppa plug in ed è impegnata ogni giorno al suo miglioramento. Audacity e' disponibile come sotto licenza libera come Free Software. 17

18 Gcompris GCompris è una raccolta di software di edutainment per bambini e ragazzi dai 2 ai 10 anni. Al suo interno sono contenute più di 70 possibili attività da svolgere relative ad alcuni campi tematici: Scoprire il computer: l'utilizzo della tastiera, del mouse... Matematica: imparare a contare, memorizzare le le tabelline... Scienze: il ciclo dell'acqua, i sottomarini... Geografia: localizzare i vari luoghi su una mappa... Giochi: Scacchi, giochi di memoria... Lettura: allenamento alla lettura veloce... Altro: imparare a leggere l'orologio, puzzle di dipinti famosi... 18

19 Realizzatori della guida Codazzi Roberto Pelucchi Nicolas Stucchi Stefano Buttarelli Riccardo Cristini Nicolò 19

LPIC-1 Junior Level Linux Certification

LPIC-1 Junior Level Linux Certification Corso 2012/2013 Introduzione a GNU/Linux Obiettivi Il percorso formativo ha l obiettivo di fornire ai partecipanti le competenze basilari necessarie per installare, configurare e gestire un server/workstation

Dettagli

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono:

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono: 3. Il Software TIPI DI SOFTWARE La macchina come insieme di componenti hardware di per sé non è in grado di funzionare. Sono necessari dei programmi progettati dall uomo che indicano la sequenza di istruzioni

Dettagli

1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE

1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE Software 1.2 1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE Il computer non è in grado di svolgere alcun compito autonomamente Esso può eseguire svariati compiti soltanto se viene opportunamente istruito Ciò avviene

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Laboratorio di Informatica (a matematica)

Laboratorio di Informatica (a matematica) Laboratorio di Informatica (a matematica) schermo schermo stampante SERVER WMAT22 WMAT18 WMAT20 WMAT19 WMAT16 WMAT17 WMAT21 WMAT15 WMAT 10 WMAT9 WMAT8 WMAT7 WMAT6 WMAT?? WMAT13 WMAT14 WMAT12 server WMATT??

Dettagli

Università di Padova - Corso di Laurea in Governo delle Amministrazioni - Informatica per ufficio

Università di Padova - Corso di Laurea in Governo delle Amministrazioni - Informatica per ufficio Il lavoro d ufficio La posta elettronica Intranet e Internet Browser OpenSource Mail server Utente 1 Utente 2 Apparato Rete Mail Server Server di posta POP3: (Post Office Protocol) protocollo per gestire

Dettagli

Installare GNU/Linux

Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Linux non è più difficile da installare ed usare di qualunque altro sistema operativo Una buona percentuale di utenti medi si troverebbe in difficoltà ad installare

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

Epoptes. Architetture di rete centralizzate Open Source. Claudio Cardinali e Giuseppe Maugeri, Architetture di rete centralizzate Open Source

Epoptes. Architetture di rete centralizzate Open Source. Claudio Cardinali e Giuseppe Maugeri, Architetture di rete centralizzate Open Source Architetture di rete centralizzate Open Source Epoptes 1 Edubuntu Sistema operativo Ubuntu con sorgenti ottimizzate per l uso in ambienti educativi: software Contiene software di tipo educativo (installabili

Dettagli

Il Software Libero. Lo Gnu, il simbolo universalmente riconosciuto del Software libero, ma anche acronimo di Gnu is not Unix

Il Software Libero. Lo Gnu, il simbolo universalmente riconosciuto del Software libero, ma anche acronimo di Gnu is not Unix Il Software Libero Un software libero è un software rilasciato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo, studiarlo, modificarlo e redistribuirlo. Il fenomeno nato negli anni 80 come reazione

Dettagli

www.informaticalibera.info LTSP; ovvero, come realizzare laboratori didattici a basso costo

www.informaticalibera.info LTSP; ovvero, come realizzare laboratori didattici a basso costo www.informaticalibera.info LTSP; ovvero, come realizzare laboratori didattici a basso costo Scenario di riferimento molto spesso le scuole dispongono di hardware obsoleto (quasi) completamente inutilizzabile

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro "libertà fondamentali":

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro libertà fondamentali: OPEN SOFTWARE Tecnicamente, Open Source significa a codice sorgente aperto. La maggior parte dei programmi sono infatti scritti in linguaggi (più o meno) leggibili dagli umani, quali il C, C++, C#, ecc.;

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina 1 / 34 Obiettivi di questo incontro Fornire delle informazioni di base sul funzionamento

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Enrico Albertini 1 Di cosa stiamo parlando? L'hardware è la parte del computer che possiamo toccare, ciò che è composto da atomi. Il software, invece, è una

Dettagli

Andrea Sommaruga: Le applicazioni OpenSource per i desktop con windows

Andrea Sommaruga: Le applicazioni OpenSource per i desktop con windows Le Applicazioni per i Desktop: OpenSource Andrea Sommaruga: Le applicazioni OpenSource per i desktop con windows Elaborazione dei Testi, Fogli di Calcolo, Presentazioni, Disegno, Accesso ai Dati Altri

Dettagli

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system)

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) 1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) Sistema Operativo: è un componente del software di base di un computer che gestisce le risorse hardware e software, fornendo al tempo stesso

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

su LiveCD suggerimenti per l'utilizzo di un LiveCD

su LiveCD suggerimenti per l'utilizzo di un LiveCD prof. Nunzio Brugaletta su LiveCD pag. 1 su LiveCD suggerimenti per l'utilizzo di un LiveCD 2012.09 Indice Che cos'è un LiveCD...2 Avvio di un computer...3 Modifica drive di boot...3 Sessioni live...4

Dettagli

Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere

Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere Luca Syslac Mezzalira Montebelluna Linux User Group 20/09/2007 Montebelluna Syslac (MontelLUG) Intro Linux/GPL 20/09/2007 Montebelluna 1 / 27 Licenza d utilizzo

Dettagli

Parte VI SISTEMI OPERATIVI

Parte VI SISTEMI OPERATIVI Parte VI SISTEMI OPERATIVI Sistema Operativo Ogni computer ha un sistema operativo necessario per eseguire gli altri programmi Il sistema operativo, fra l altro, è responsabile di riconoscere i comandi

Dettagli

Per questo motivo le distribuzioni Live richiedono la presenza di un maggior quantitativo di RAM rispetto ad una installazione tradizionale.

Per questo motivo le distribuzioni Live richiedono la presenza di un maggior quantitativo di RAM rispetto ad una installazione tradizionale. LiveCD LiveCD è un termine generico utilizzato per indicare una distribuzione di un sistema operativo in grado di essere avviato ed eseguito senza richiedere una preventiva installazione su hard disk.

Dettagli

Linux Terminal Server Project (LTSP)

Linux Terminal Server Project (LTSP) Linux Terminal Server Project (LTSP) Gabriele Zucchetta g zucchetta@virgilio.it Entropica http://www.entropica.info/ Linux Terminal Server Project (LTSP) p. Introduzione Creare postazioni di lavoro con

Dettagli

Corsi di Formazione "Open Source & Scuola" Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005

Corsi di Formazione Open Source & Scuola Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 Corsi di Formazione "Open Source & Scuola" Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 1 Cos'è una distribuzione Una Distribuzione è un confezionamento (packaging) di Linux, completa di kernel, pacchetti

Dettagli

Ulteo OVD Open Virtual Desktop (Un Desktop Virtuale Open Source)

Ulteo OVD Open Virtual Desktop (Un Desktop Virtuale Open Source) Ulteo OVD Open Virtual Desktop (Un Desktop Virtuale Open Source) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 Novembre 2010 Ulteo Open Virtual Desktop è un virtual desktop Open Source installabile

Dettagli

Introduzione a LINUX. Unix

Introduzione a LINUX. Unix Introduzione a LINUX Introduzione a Linux 1 Unix 1969: Ken Thompson AT&T Bell Lab realizza un ambiente di calcolo multiprogrammato e portabile per macchine di medie dimensioni. Estrema flessibilità nel

Dettagli

Concetti base del computer

Concetti base del computer Concetti base del computer Test VERO o FALSO (se FALSO giustifica la risposta) 1) La memoria centrale è costituita dal disco fisso VERO/FALSO 2) Allo spegnimento del PC la RAM perde il suo contenuto VERO/FALSO

Dettagli

LugSaronno. Linux day a Saronno. 22 ottobre 2011. I.C.S. Aldo Moro - Saronno

LugSaronno. Linux day a Saronno. 22 ottobre 2011. I.C.S. Aldo Moro - Saronno LugSaronno Linux day a Saronno 22 ottobre 2011 I.C.S. Aldo Moro - Saronno Cosa è il software libero Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo ( libertà 0 ) Libertà di studiare il programma e

Dettagli

LTSP e italc a scuola

LTSP e italc a scuola LTSP e italc a scuola I nt el l i gent Teachi ng And Lear ni ng wi t h Comput er s Perugia, 25 ottobre 2008 Danilo Mariotti I.T.C.G. G. Spagna Linux Terminal Server Project Reti a bassissimo costo per

Dettagli

Team LINUX. Linux in italiano per il gestionale

Team LINUX. Linux in italiano per il gestionale Team LINUX Linux in italiano per il gestionale ARCHITETTURE DI RETE AMBIENTE TEAMLINUX ThinClient ASCII Terminale Unix (3 Sessioni) Supporto stampante locale PC Windows Remoto - Terminale Windows (RDP)

Dettagli

jt - joetex - percorsi didattici

jt - joetex - percorsi didattici jt - joetex - percorsi didattici Primi passi con linux Avvio della macchina Spegnere (o riavviare) il Computer Installare su HD il programma Linux EduKnoppix a. Avvio della macchina Una volta spento il

Dettagli

Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande

Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande CAPITOLO 2 Scegliere una distribuzione di Linux Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande programma, ma un insieme di molti programmi. Potete ottenere autonomamente

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Software È un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti elettronici (=

Dettagli

Brevissima Introduzione a eduknoppix.

Brevissima Introduzione a eduknoppix. Brevissima Introduzione a eduknoppix. Francesco Paparella 21 Marzo 2005 Sommario Questo documento spiega come creare una home directory permanente su di un disco fisso o su di un dispositivo rimovibile

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- a cura di Marco Marchetta Aprile 2014 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CONNESSIONE INTERNET CD - DVD Chiavetta USB o Router ADSL (*) COMPONENTI

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Gli appunti sono disponibili per tutti gratis sul sito personale del Prof M. Simone al link: www.ascuoladi.135.it nella pagina web programmazione, sezione classi

Dettagli

Introduzione Il sistema operativo Linux è oggi una delle principali distribuzioni di Unix, in grado di portare in ogni PC tutta la potenza e la flessibilità di una workstation Unix e un set completo di

Dettagli

Una suite di applicazioni â œ office â scaricabile gratuitamente da Internet

Una suite di applicazioni â œ office â scaricabile gratuitamente da Internet Licenze costose addio, arriva OpenOffice.org Una suite di applicazioni â œ office â scaricabile gratuitamente da Internet La diffusione dei computer negli studi professionali ha portato ad un innarrestabile

Dettagli

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Attività svolta dal dr. Alessi e dal dr. Farolfi Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Knoppix è una distribuzione

Dettagli

INSTALLAZIONE DI KUBUNTU

INSTALLAZIONE DI KUBUNTU INSTALLAZIONE DI KUBUNTU Tutorial passo-passo per l'installazione di Kubuntu 6.06 per sistemi x86 32bit. La distro-live distribuita dal FoLUG al LINUX-DAY 2006. Per le informazioni su Kubuntu si rimanda

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Pagina 1 di 11 Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Questo approfondimento vuole introdurre gli strumenti essenziali per il recupero di un sistema Linux

Dettagli

Laboratorio Multimediale

Laboratorio Multimediale Laboratorio Multimediale Informatica 12h senni@dm.unibo.it Mathematica LaTeX Laboratorio Multimediale laboratorio: sempre troppo poco, una volta insieme ESAME: un pezzetto per ogni parte informatica test

Dettagli

Corso base per l uso del computer. Corso organizzato da:

Corso base per l uso del computer. Corso organizzato da: Corso base per l uso del computer Corso organizzato da: S Programma del Corso Ing. Roberto Aiello www.robertoaiello.net info@robertoaiello.net +39 334.95.75.404 S S Informatica S Cos è un Computer Il personal

Dettagli

Informatica di Base. Il software

Informatica di Base. Il software di Base 1 Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 2 Il sw applicativo Il sw applicativo è costituito dall insieme

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

Due laboratori scolastici rimessi a nuovo

Due laboratori scolastici rimessi a nuovo I.S.I.S. J.M.Keynes Castel Maggiore (BO) Due laboratori scolastici rimessi a nuovo Il software libero per il riutilizzo di hardware obsoleto Li nuxday 20061028 Casalecchio di Reno (BO) Linux Terminal Server

Dettagli

Linux a Scuola e non solo...

Linux a Scuola e non solo... Linux Day 2011 Casorate Sempione (VA) Linux a Scuola e non solo... www.linuxvar.it Rete LTSP (Linux Terminal Server Project) Relatore: Ross Obiettivi Progetto Dotare ogni classe di 1 pc. Collegamento ad

Dettagli

COMPETENZE INFORMATICHE DI BASE PER ADULTI

COMPETENZE INFORMATICHE DI BASE PER ADULTI COMPETENZE INFORMATICHE DI BASE PER ADULTI INTRODUZIONE COMPETENZE INFORMATICHE DI BASE PER ADULTI è un manuale diretto a persone adulte, in particolare lavoratori di età avanzata, affinché possano migliorare

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output)

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Parte 3 Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Gestione Input/Output UTENTE SW APPLICAZIONI Sistema Operativo SCSI Keyboard Mouse Interfaccia utente Gestione file system Gestione

Dettagli

Concetti di base sul Software dei computer. Unitre Anno 2014-2015

Concetti di base sul Software dei computer. Unitre Anno 2014-2015 Concetti di base sul Software dei computer Unitre Anno 2014-2015 Software Un software è sempre un programma scritto in un linguaggio di programmazione ad alto livello che contiene una lista di istruzioni.

Dettagli

3. Come realizzare un Web Server

3. Come realizzare un Web Server 3. Come realizzare un Web Server 3.1 Che cos'è un web server Il web server, è un programma che ha come scopo principale quello di ospitare delle pagine web che possono essere consultate da un qualsiasi

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux

l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux corso introduttivo di informatica libera l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux Manuele Rampazzo Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/

Dettagli

Ubuntu e la sua Installazione

Ubuntu e la sua Installazione Ubuntu e la sua Installazione Introduzione Ubuntu è un progetto guidato da una comunità internazionale di volontari, aziende e professionisti per creare un sistema operativo con l'uso del Software Libero

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Si intende per Sistema Operativo (o software di sistema) un gruppo di programmi che gestisce il funzionamento di base del computer. Il sistema operativo rimane sempre attivo dal momento

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Informatica. Il software (S.O.) e ancora sulle basi numeriche

Informatica. Il software (S.O.) e ancora sulle basi numeriche (S.O.) e ancora sulle basi numeriche http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm 1 Il sistema operativo Un insieme di programmi che gestiscono le risorse (cpu, memoria, dischi, periferiche)

Dettagli

Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti.

Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti. Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti. Autore: Claudio Cardinali Email: claudio@csolution.it 1 Agenda L.T.S.P. Linux Terminal Server Project Virtualizzazione K.V.M. Kernel Based Virtual Machine Deploy

Dettagli

Il protocollo FTP (1/3)

Il protocollo FTP (1/3) FTP Server e Client Il protocollo FTP (1/3) Il File Transfer Protocol (FTP) (protocollo di trasferimento file), è un Protocollo per la trasmissione di dati tra host basato su TCP. Un server FTP offre svariate

Dettagli

Console, terminale e privacy (emulare un thin client per UNIX e GNU/Linux)

Console, terminale e privacy (emulare un thin client per UNIX e GNU/Linux) Console, terminale e privacy (emulare un thin client per UNIX e GNU/Linux) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) Miniguida n. 150 Ver. 1.0 Ottobre 2011 Il

Dettagli

Sistemi operativi e Microsoft Windows

Sistemi operativi e Microsoft Windows Sistemi operativi e Microsoft Windows Sistemi operativi e Microsoft Windows...1 Definizioni di carattere generale...2 Interfaccia...2 Interfaccia Utente...2 Sistema operativo...2 CPU (Central Processing

Dettagli

INTERFACCIA UTENTE----------------------------------------------------------------------------------------------------

INTERFACCIA UTENTE---------------------------------------------------------------------------------------------------- IL FILE SYSTEM PROF. ANTONIO TUFANO Indice 1 FILE SYSTEM ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 1.1. CARATTERISTICHE E STORIA

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Puppy Linux (Precise) Live da CD o da USB (Si può usare su PC con 256 MB di RAM)

Puppy Linux (Precise) Live da CD o da USB (Si può usare su PC con 256 MB di RAM) Puppy Linux (Precise) Live da CD o da USB (Si può usare su PC con 256 MB di RAM) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) Miniguida n. 188 Ver. 1.0 agosto 2013

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

MDRSystem di Rosario Medaglia Modulo 1

MDRSystem di Rosario Medaglia Modulo 1 IL COMPUTER Esistono principalmente due tipi di computer di uso comune: IL PC, PERSONAL COMPUTER è un computer che viene posato su un tavolo e che per la sua considerevole mole ed accessori a seguito,

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Portable Ubuntu for Windows mini howto (diavoleria argentina)

Portable Ubuntu for Windows mini howto (diavoleria argentina) Portable Ubuntu for Windows mini howto (diavoleria argentina) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 Aprile 2009 PREAMBOLO Dall'Argentina http://portableubuntu.demonccc.com.ar/ l'ultima

Dettagli

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E Lezione 5: Software Firmware Sistema Operativo Architettura del Calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti: Hardware e Software Firmware: strato di (micro-)programmi

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

Funzionamento del protocollo FTP

Funzionamento del protocollo FTP Alunno:Zamponi Claudio Numero matricola:4214118 Corso: Ingegneria Informatica Funzionamento del protocollo FTP L'FTP, acronimo di File Transfert Protocol (protocollo di trasferimento file), è uno dei protocolli

Dettagli

IZ0MJE Stefano sinager@tarapippo.net. per

IZ0MJE Stefano sinager@tarapippo.net. per IZ0MJE Stefano sinager@tarapippo.net per Perché? Se mi piace smanettare ho più libertà e strumenti per farlo Non devo formattare e reinstallare una volta ogni anno o due Il software che gira sul mio pc

Dettagli

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC Pagina 1 1. Che cos'è il Case? A Unità di Peso dei Computer. B Microprocessore. C Scatola metallica che racchiude tutte le componenti fisiche di un computer

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- INSTALLAZIONE a cura di Marco Marchetta Aprile 2013 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CD - DVD (*) (*) Requisiti minimi richiesti da da Ubuntu

Dettagli

Le Interfacce Grafiche

Le Interfacce Grafiche Le Interfacce Grafiche Applicazione Client-Server Un'applicazione client-server (letteralmente cliente-servente) è un tipo di applicazione di rete nel quale un computer client istanzia l'interfaccia utente

Dettagli

Andrea Sommaruga: Le applicazioni OpenSource per i desktop con windows

Andrea Sommaruga: Le applicazioni OpenSource per i desktop con windows Le Applicazioni per i Desktop: OpenSource Andrea Sommaruga: Le applicazioni OpenSource per i desktop con windows Elaborazione dei Testi, Fogli di Calcolo, Presentazioni, Disegno, Accesso ai Dati Altri

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

L'associazione Solira

L'associazione Solira L'associazione Solira SoLiRa = Software Libero Ragusa opera sul territorio dal 2003 attività: seminari, conferenze (Linux Day, Giornata del Software Libero) sito internet: http://www.solira.org Riscaldiamo

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate di seguito per installare una nuova versione di SUSE Linux Enterprise 11.

Dettagli

I Server. Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux,

I Server. Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux, I Server Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux, FreeBSD, ecc. Apache / Tomcat / Jakarta / Samba e l'accesso a Windows Antivirus, firewall,

Dettagli

Tecnica per help desk remoto

Tecnica per help desk remoto Tecnica per help desk remoto Guida scritta da Stefano Coletta (Creator) il 5 ottobre 2003 Contattatemi a creator@mindcreations.com o visitando http://www.mindcreations.com In breve Una soluzione multipiattaforma,

Dettagli

I.S.I.S. J.M.Keynes. Castel Maggiore (BO) Progetto TSERVER. Il software libero per il riutilizzo di hardware obsoleto. S cuol a8 20070516 Bologna

I.S.I.S. J.M.Keynes. Castel Maggiore (BO) Progetto TSERVER. Il software libero per il riutilizzo di hardware obsoleto. S cuol a8 20070516 Bologna I.S.I.S. J.M.Keynes Castel Maggiore (BO) Progetto TSERVER Il software libero per il riutilizzo di hardware obsoleto S cuol a8 20070516 Bologna Linux Terminal Server Project (http://ltsp.org) Consente di

Dettagli

1. opzione 1, ubuntu accanto a windows

1. opzione 1, ubuntu accanto a windows INSTALLARE UBUNTU LINUX Per installare Ubuntu, si possono scegliere 3 diverse opzioni: 1. installazione accanto (o al posto) di windows 2. installazione all'interno di windows tramite Wubi 3. installazione

Dettagli

Applicazioni di Ubuntu

Applicazioni di Ubuntu Applicazioni di Ubuntu Argomenti - Ambienti grafici - Installazione - Principali pacchetti Pagina 2 Ambienti grafici Tutte le distribuzioni di Linux, quindi anche Ubuntu, possono essere integrate con un

Dettagli

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell 1 GNU/Linux è un sistema operativo, cioè un insieme di programmi che collaborano fra di loro rendendo utilizzabile un calcolatore, infatti senza

Dettagli

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware.

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware. http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 1 2 Il sw applicativo

Dettagli

In genere i portatili possono essere differenziati, per tipologia e uso, in due grandi categorie:

In genere i portatili possono essere differenziati, per tipologia e uso, in due grandi categorie: Pagina 1 di 8 Piattaforme hardware Personal Computer In questa parte verranno elencate le più diffuse tipologie di piattaforme hardware, descrivendo per ciascuna esempi di utilizzo e modelli e suggerendo

Dettagli

Realizzazione di un Firewall con IPCop

Realizzazione di un Firewall con IPCop Realizzazione di un Firewall con IPCop Con questo articolo vedremo come installare IpCop, una distribuzione GNU/Linux per firewall facile da installare e da gestire (grazie alla sua interfaccia di amministrazione

Dettagli

Come installare Linux?

Come installare Linux? Benvenuti! Sommario 1. Introduzione (Linux Free software Open source) 2. Linux sempre con te, 3. Altre distribuzioni... Fedoraper esempio. 4. Elaborare Immagini con Gimp 5. Iniziare a programmare con Scratch

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli