Red Hot : Gianluca Fiano, Saverio Mazzone, Andrea Pacilli e Lorenzo Trigiani. Manfredonia, a.d

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Red Hot : Gianluca Fiano, Saverio Mazzone, Andrea Pacilli e Lorenzo Trigiani. Manfredonia, a.d. 2000."

Transcript

1 1

2 LA CAPITANATA Rivista quadrimestrale della Biblioteca Provinciale di Foggia Direttore: Franco Mercurio Segretaria di redazione: Maria Adele La Torretta Redazione e amministrazione: «la Capitanata», viale Michelangelo, 1, Foggia tel ; fax ; «la Capitanata» è distribuita direttamente dalla Biblioteca Provinciale di Foggia. Per informazioni e per iscriversi alla lista delle persone e degli enti interessati rivolgersi a «La Capitanata», viale Michelangelo Foggia, tel ; fax ; LA MAGNA CAPITANA BIBLIOTECA PROVINCIALE DI FOGGIA è un servizio della Provincia di Foggia Presidente: Antonio Pellegrino Assessore alla Pubblica Istruzione: Anna Maria Carrabba Direttore: Franco Mercurio, Authority amministrativa: Adolfo Rosiello, Authority catalografica: Gabriella Berardi, Authority editoriale: Elena Infantini, Authority logistica: Gino Vallario, Authority informatica: Antonio Perrelli, Dock: Centri di documentazione: Enrica Fatigato, Emeroteca: Franco Corbo, Fondi antichi e speciali: Antonio Ventura, Sala Adulti: Renato Santamaria, Sala Consultazione: Maria Altobella, Sala Ragazzi: Milena Tancredi, Erba curvata dal vento ( grano, canneti della costa o delle zone paludose ) e il terso cielo stellato sono elementi simbolicamente connotativi del nostro territorio. La dicitura A.D. 2000, insieme alla scritta ex-libris mutuata da Michele Vocino, rappresentano la volontà di tenere sempre presente il collegamento tra passato, presente e futuro senza soluzione di continuità. Questo ex-libris che d ora in poi caratterizzerà i documenti posseduti dalla Biblioteca Provinciale, è stato per noi elaborato da Red Hot - laboratorio di idee e comunicazione d impresa e da loro gentilmente donato. Red Hot : Gianluca Fiano, Saverio Mazzone, Andrea Pacilli e Lorenzo Trigiani. Manfredonia, a.d

3 LA CAPITANATA RASSEGNA DI VITA E DI STUDI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA 13 Donne MARZO 2003

4 Questo numero di «la Capitanata» è pubblicato nell ambito del progetto Stigliola (deliberazione n del ) 2003 BPFG Biblioteca Provinciale di Foggia 4

5 Indice Donne p. 13 Presentazione di Rossella Palmieri 15 Identità femminile e diritto positivo di Maria Altobella 1. Introduzione 2. La storia 3. Nuovo contesto e nuovi soggetti 4. La Donna nuova 25 Reti di donne: virtual reference desk di genere nel Web italiano di Angela P. Bevilacqua 1. Introduzione 2. Le reti di donne nel Web italiano 31 Essere donna: un avventura che richiede coraggio di Maria Buono 1. Nuovi termini di un dibattito sociale e politico da tempo sopito 2. Rivedere l immaginario di donna perfetta 3. Un mondo a misura di donna? 37 Essere donna ieri, essere donna oggi di Valeria de Trino 1. Donne nel XXI secolo 2. Il pensiero femminile 3. Scienza al femminile 43 Le donne e la globalizzazione di Donatella Di Adila 1. Il contesto 2. Le teorie 3. La ri-produzione 51 L universo femminile di Gloria Fazia 53 L universo femminile: uguaglianza e diversità di Maria Giampalmo 5

6 p. 55 Malattie della donna nella narrativa al femminile di Giovanna Irmici 1. La donna malata 2. La cenerentolite 3. Il bovarismo 4. La rossellite 69 Lo sguardo femminile di Antonietta Lelario 71 Pascoli e il radicamento nella lingua materna di Clelia Iuliani 1. Pascoli e la figura femminile 2. La lingua materna 83 Anna Achmatova: il silenzio interrotto di Maria Adele La Torretta 1. Il poeta Achmatova 2. La forza civile della poesia 89 La passione della scrittura di Ada Mangano 1. L identità femminile in Alba De Cespedes 2. Il diario e la pericolosità della scrittura 101 L eredità femminile di Rosa Porcu 1. L emancipazione 2. Dall emancipazione alla libertà femminile 3. Il rapporto con gli amici e la famiglia 107 Partitura a più voci di Katia Ricci 1. Introduzione 2. Le voci 3. Reti di riferimento 117 La donna oggi. Quante domande senza risposta! di Maria Teresa Santelli 1. Capire le donne a Foggia 2. Cogliere lo sguardo femminile sul mondo 6

7 Frontiere della Capitanata p. 125 Prologo di Anna Guerra 127 Dal Movimento Cittadino Donne all Associazione Bianca Lancia a cura dell Associazione Bianca Lancia 1. La storia del Movimento Cittadino Donne 2. Il senso del Movimento Cittadino Donne 3. Il presente dell associazione 131 Sentenza Guerra ed altre contro Italia 159 Note alla Sentenza Guerra ed altre contro Italia di Nella Santilli Presente come cultura 167 Benedetto Croce a cinquant anni dalla sua scomparsa di Lucio Miranda 171 Rileggere Croce di Valerio Zanone 1. La concezione della storia 2. La visione liberale di Croce 3. Croce come presidente del Partito 181 Gramsci e l uso politico della storia di David Bidussa 1. Il rapporto con la storia 2. Uso pubblico e uso politico della storia 187 Für ewig di Biagio De Giovanni 189 L attualità di Gramsci di Giuseppe Normanno 1. Introduzione 2. Filosofia, ideologia, identità di teoria e prassi 3. La dialettica 4. L egemonia 7

8 5. Gli intellettuali 6. Il partito 7. Conclusioni Saggi p. 199 Tra Gramsci e Togliatti. L ultimo dibattito: le lettere su Croce di Angelo Rossi 1. Codice Gramsci: la linea è quella di Lione 2. L amico crociano 3. Croce e i più moderni teorici della praxis 4. Gramsci, Croce e la necessità di un anticroce e di un nuovo antiduhring 221 Benedetto Croce, presidente del Partito Liberale Italiano di Raffaele Colapietra 1. Classi sociali e realtà politica 2. Per una vera democrazia 3. Il superamento del bagno crociano 4. Le dimissioni di Croce 259 Il viaggio nel Sud: esploratrici in terra di frontiere di Rosanna Curci 1. La scoperta del Sud 2. Le viaggiatrici 265 Esempi di letteratura al femminile in Svevo e Pirandello di Giuseppe De Matteis 1.Un nuovo tipo di scrittura 2.L universo femminile Attività della biblioteca 271 La comunicazione in biblioteca di Enrichetta Fatigato 1. Premessa 2. La comunicazione attraverso i documenti: breve excursus storico 3. Dopo la stampa tipografica 4. La modernità di Gesner 5. Dall età moderna alla contemporanea 6. I modelli di varianza 7. I linguaggi della comunicazione bibliotecaria: quadro di riferimento generale 8. Principi sistemici e strutture linguistiche 8

9 9. I formati per lo scambio e la circolazione delle informazioni 10. I supporti della comunicazione 11. Scriptorium elettronico vs intermediazione bibliotecaria? 12. Il reference per la Biblioteca Provinciale di Foggia 13. Area servizi al pubblico 14. Popolazione 15. Acquisti e dotazione documentaria 16. Prestiti, iscritti al prestito e transazioni informative 17. Periodici correnti 18. Personale p. 309 Le cinquecentine sanseveresi di un giurista foggiano del XVIII secolo: Niccolò Tortorelli di Marianna Iafelice 1. Introduzione 2. Il giurista Niccolò Tortorelli 3. Le cinquecentine Recensioni 321 Mary Cassatt o della libertà femminile di Antonietta Lelario 325 Gli autori 9

10 10

11 11 Donne

12 12

13 Presentazione di Rossella Palmieri Hanno varcato i confini imposti da quella selezione risalente all antica Roma che le aveva relegate a res nullius. E da quando, come il mito ci ricorda, Pandora scoperchiò il vaso facendo uscire tutti i mali e riversandoli sul mondo intero, di strada ne hanno fatta. Dopotutto ci aveva già pensato Aristofane, ne Le donne al Parlamento a ipotizzare, sotto la lente deformante e caricaturale della commedia, gli effetti di un probabile governo al femminile. Poi c è stata Lucrezia, che si è suicidata per testimoniare la sua pudicizia e l assoluta fedeltà al marito, malgrado uno stupro. E Cornelia, madre dei Gracchi, ancora oggi è esempio di quell educazione ben impartita ai figli, arte assai difficile da imitare o fare propria. Che non sia sterile nostalgia di un passato che pure è strumento e filtro per valutare il presente. Che non sia neanche vuota ripetizione di un refrain se, ad esempio, vedendo gli ultimi casi di cronaca nera di donne suicide per amore, ci viene in mente quell infelice Didone ricordata da Virgilio. E che sia invece quasi di conforto sapere, quando i drammi privati implodono all interno delle mura domestiche e, fuori dalla finestra, le guerre incalzano, che secoli fa Euripide aveva già messo tutto in scena. Attutisce quel senso d impotenza sapere che se i giornali locali riportano i casi di donne che hanno ucciso i propri figli, ciò è stato già detto, già scritto. Tutto è già avvenuto. L orrore lo ha compiuto anche Medea. C è un vecchio detto che ricorda come il presente lo si può realmente comprendere anche e soprattutto volgendo un occhio al passato, senza però restare imbrigliati da esso. E se, quindi, un filo rosso unisce questi due momenti temporali, quale riflessione s impone per essere donna, oggi? Sino a trent anni fa allevare i figli veniva naturale. C erano le nonne e i consigli delle vecchie zie. E forse bastavano. Oggi dubbi, paure e nevrosi rendono necessaria la consultazione di tanti libri. Saprò allevare bene mio figlio? Sarò in grado di intercettare il suo bisogno? Sono solo due delle inquietanti domande che ogni mamma si pone nel momento in cui troppo forte si fa la pressione emotiva alla quale sono sottoposte loro malgrado: dal marito, dalla famiglia e dal contesto sociale che le vuole a tutti i costi amorevoli ma in grado di reggere la competizione del lavoro, tradizionalmente al focolare ma allo stesso tempo in grado di parare i colpi di tante debolezze e insicurezze che si stanno abbattendo inesorabilmente anche sugli uomini. In ballo c è, per tutti e due i sessi, la caduta dell orgoglio e del narcisismo. E in una società che fonda tutto sull immagine sembra quasi la vera sfida da non perdere, il vero dittatore al quale essere tutti sottomessi, dimenticando ciò che conta realmente. 13

14 Poi c è quell eterna difficoltà di farsi strada in un mondo maschile. Avrà fatto pure storia il femminismo ma è anche vero che nelle posizioni di comando sono davvero poche le donne. E se al nord il patinato mondo della moda propone questa o quella manager di grido, il sud è assai carente di figure femminili carismatiche, come si evince a tratti dal variegato mosaico composto dalle firme di questo numero de «la Capitanata». Solo tre anni fa due braccianti agricole morivano su un assolata strada della provincia al termine di dodici ore di lavoro nei campi. Un furgone sovraccarico si ribaltò e le due lavoratrici finirono schiacciate. Sembra uno scenario da Medioevo. Eppure eravamo a ridosso del Si mossero i sindacati, inorridirono le istituzioni. Poi più nulla. Nel frattempo scivoliamo nel gorgo profondo degli ultimi posti in classifica, nella cultura come nello sport e nel tempo libero. Anche, dunque, in quei ritagli di vita sociale che in particolar modo dovrebbero essere di pertinenza della donna. E quello che a tratti fa quasi sorridere, in una sorta di schermo che consente di non restare confusi da tanta contraddizione, è che, a classifica uscita, tutti si sono affannati a dire che i parametri sono sbagliati, che i teatri sono pieni, le sale cinematografiche anche e che numerosissimi sono gli appuntamenti culturali. C è, insomma, scarsa possibilità di vedere dove realmente si trovi la verità in questo mare magnum di dati e smentite. La verità è figlia del tempo, diceva Kant. E il tempo, per parlare, non ha bisogno di essere interrogato, è un altro noto aforisma classico. Ecco perché quando si vuole trovare un antidoto, una medicina, un conforto o una spiegazione agli avvenimenti che ci vedono protagonisti è ancora ai classici che dobbiamo attingere, inesauribile miniera per poter comprendere, dall esempio di ieri, come correggere il tiro oggi, al di là di facili enunciazioni di principio che il più delle volte restano lettera morta o buoni ma sterili propositi. È quanto ancora succede nel momento in cui uomini e donne si mettono a discutere sugli aspetti salienti del nostro quotidiano vivere: dal lavoro alla salute, dalle modalità d educazione all economia. Questa è la vera sfida da portare avanti. Purché si abbia l onestà intellettuale d iniziare a farlo. (r. p.) 14

15 Maria Altobella Identità femminile e diritto positivo di Maria Altobella 1. Introduzione Donna: individuo femminile della specie umana. 1 Dizionari ed enciclopedie - a partire dalla grande Enciclopédie 2 di Diderot - definiscono la donna risalendo all origine etimologica del termine, domina, e quindi al suo aspetto naturalistico e alla sua funzione storicamente determinata, considerandola, dunque, una entità priva di caratteri propri e definibile solo in rapporto ad altro. Infatti i più importanti dizionari linguistici quali Tommaseo, 3 Treccani, 4 Battaglia, 5 De Mauro 6 e Larousse 7 continuano nelle rispettive definizioni a considerarla come riflesso della storia dell uomo e, di conseguenza, diventa impossibile una ricerca antropologica che possa ricostruire il percorso evolutivo della sua presenza nel mondo. Inoltre, l Encyclopaedia Britannica 8 alla voce women (sic) fa seguire education of mentre alla voce man fa seguire evolution of. Il che significa chiaramente che l uomo presenta una sua autonomia in evoluzione e la donna, invece, è oggetto di un operazione che rimanda ad altri. La donna viene, dunque, descritta prendendo come termine di paragone l uomo e la sua storia comincia nel momento in cui lotta per la conquista di una umanità mai posseduta; quando, cioè, si misura con la realtà cercando di modificarla. E la sua diventa lotta contro la natura, contro la cultura, contro il potere conquistando, così, il diritto alla propria diversità e dando origine alla condizione femminile intendendone lo status e il ruolo in una data società. Stato giuridico, stato economico, stato familiare, stato sessuale, stato politico: sono questi gli aspetti che compongo- 1 Giacomo DEVOTO Gian Carlo OLI, Nuovo vocabolario della lingua italiana, Milano, Selezione dal Reader s Digest, 1987, 2 vol., voce donna, vol. I. 2 Denis DIDEROT, Encyclopèdie, ou dictionnaire raisonnè des sciences, des arts et des métiers, par une société des gens de lettre, Lausanne-Berne, Sociétés Typographiques, 1781; voce femme, tomo XIII. 3 Niccolò TOMMASEO, Dizionario della lingua italiana, Milano, 1977, 20 voll., voce donna, vol.vi. 4 Enciclopedia Italiana di Scienze, Lettere ed Arti, Roma, Istituto Italiano dell Enciclopedia Italiana, ; voce donna, vol. XIII. 5 Salvatore BATTAGLIA, Grande dizionario della lingua italiana, Torino, UTET, , 19 voll., voce donna,vol. IV. 6 Tullio DE MAURO, Grande dizionario italiano dell uso, Torino, UTET, , 6 vol.+1 CD-ROM; voce donna, vol. II. 7 La Grande Encyclopédie, Paris, Larousse, ; voce femme, vol.viii. 8 Encyclopaedia Britannica, London, 1962, 24 voll., voce man, vol. XIV; voce women (sic), vol. XXIII. 15

16 Identità femminile e diritto positivo no la struttura della condizione femminile il cui studio presuppone in ogni caso il confronto con l uomo. Uno strumento determinante della soggettività femminile è certamente il diritto che, adeguatamente utilizzato, tutela e promuove gli interessi delle donne. Ogni rivendicazione, ogni conflitto, deve pertanto confrontarsi necessariamente con il linguaggio del diritto. Le lotte contro l ingiustizia e quelle per il cambiamento coinvolgono condizioni sociali ed economiche ma investono prioritariamente le istituzioni e si può parlare di emancipazione raggiunta solo attraverso norme intese, sempre più, a promuovere la parità formale e sostanziale. Dall antichità ai nostri giorni, ieri e oggi, i temi e i problemi legati ai modelli femminili meritano, dunque, una rilettura ed una riflessione. 2. La storia Dalla tutela perpetua dell antico diritto romano e dal mundio del diritto germanico alla situazione attuale, il passo è gigantesco anche se l emancipazione femminile troverebbe in Gaio 9 il suo precursore il quale si dichiarava perplesso circa la infirmitas sexus; tuttavia, essa è chiaramente in correlazione con la trasformazione economica della società, con la sostituzione dell economia industriale all economia agricola e quindi all impresa artigianale, familiare e patriarcale. Le tappe legislative di questa evoluzione, partendo dalle antiche società, vedono in un primo tempo condizioni matrilineari - allorché il nome e i beni venivano trasmessi per via femminile - e in un secondo tempo società patriarcali - in cui la libertà di movimento e di costumi della donna diventa molto limitata - con differenziazioni relative al mondo greco-romano in cui la donna è considerata incapace e relative alla società ebraica in cui era vista come impura e contaminante. In entrambi i casi lo scopo era quello di tenerla lontano dal potere, quello civile presso i Romani e quello religioso presso gli Ebrei. Nelle società cosiddette barbare le donne erano associate alla vita delle tribù e questo perché la vita e la proprietà erano maggiormente comunitarie. Con il cristianesimo, viene riconosciuta l uguaglianza tra l uomo e la donna ma le conseguenze sociali rimangono limitate in quanto la donna deve obbedienza al marito e non acquista alcun diritto pubblico; in compenso il Corano 10 le riconosce diritti economici, quali quello di ereditare e di amministrare i propri beni. Nel mondo antico, quindi, la condizione della donna assume diverse sfumature: in Grecia, in età omerica, vengono mostrate alcune figure di notevole prestigio; in seguito in alcune città e regioni, quali Sparta e la Macedonia, la donna conti- 9 GAIUS, Institutiones, ediderunt E. Seckel et B. Kulbler, Stuttgard, 1969, I, , p Cherubino Mario GUZZETTI (a cura di), Il Corano, Torino, Elle Di Ci, 1989, sura n.4: le donne, p La sura tratta in gran parte dei diritti delle donne e delle questioni relative alla loro posizione personale e sociale. 16

17 Maria Altobella nua a godere di libertà e considerazione, mentre ad Atene, probabilmente per influenze ionico-orientali, perde questi privilegi e solo con l affermarsi del predominio macedone e con la creazione dei regni ellenistici la personalità della donna torna in primo piano e si incontrano figure di notevole energia e indipendenza. Nell antica Roma vi era una differenza tra la posizione sociale della donna e la sua capacità giuridica: in ambito familiare godeva infatti di una posizione di elevata dignità, ma sul piano giuridico la donna sui iuris veniva sottoposta a tutela perpetua ed era quindi incapace di testare, di essere tutrice, di postulare pro aliis, di fare malleveria, di ricoprire pubblici uffici. Limitazioni che in parte spariscono nel diritto giustinianeo così come nell età augustea scompare l incapacità di testare. 11 In un primo tempo le donne non potevano trasmettere, esse erano il principio e la fine della propria famiglia in quanto private dei prolungamenti istituzionali della loro persona. Ma l originalità del diritto romano consisteva nell avere edificato un insieme di istituzioni in cui il contrasto tra la natura giuridica dell uomo e quella della donna si prolungava nel regime della filiazione e, quindi, le donne erano considerate dagli uomini secondo la loro capacità di essere madri. Di conseguenza il titolo di matrona o di mater familias era legato alla procreazione di un solo figlio nel primo caso, di molti nel secondo. L ideologia misogina di giuristi ed autori romani, a parte Gaio e Columella, 12 non è purtroppo molto originale in quanto la subordinazione naturale delle donne agli uomini era già un tema aristotelico. I censimenti stessi trascurano le donne, a parte le ereditiere, ed a Roma solo Diocleziano, per motivi fiscali, ordinerà il loro computo; né, per il diritto romano, le donne costituiscono una specie giuridica a sé. Nell ordinamento feudale, con l esclusione da ogni diritto, si giustificarono pregiudizi durati a lungo nelle leggi e nel costume. Inoltre, non si può negare che la donna abbia avuto un ruolo solo negativo nel grandioso sviluppo delle città tra il secolo XII e XIII, in quanto non partecipava ai consigli giurati che reggevano le città della Francia settentrionale, né faceva parte dei consigli che dal secolo XIII fungevano da organi di governo delle città tedesche. 13 Rimanendo nell ambito dell Europa occidentale, le donne dividevano l incerto destino dei non-liberi e dei poveri e solo alcune partecipavano all ascesa sociale dei cittadini più fortunati tra cui i mercanti; sicuramente partecipavano alle attività produttive anche se le informazioni giunte fino a noi sono piuttosto esigue e le fonti non indicano che le donne abbiano lottato per conseguire libertà personali anche perché il concetto di libertà nel Medioevo non è legato ad una sfera personale di libertà, bensì ha piuttosto un articolazione corporativa. In ogni caso esisteva una politica di difesa della famiglia che aveva basi giuridiche. 11 Pauline SCHIMTT PANTEL (a cura di), L antichità, in Storia delle donne in Occidente, Roma-Bari, Laterza, Columella riconosceva alle donne, nel suo trattato L arte dell agricoltura, al capitolo XII dedicato alla massaia (vilica), le stesse facoltà di memoria e di vigilanza degli uomini. 13 Edith ENNEN, Le donne nel Medioevo, Roma-Bari, Laterza,

18 Identità femminile e diritto positivo Nato dal violento mescolarsi dei costumi barbari con le tradizioni giudaiche, cristiane, greche e latine, bisogna riconoscere però che il Medioevo, consentendo la sopravvivenza di antichi diritti consuetudinari, ci fa incontrare anche donne medici e professori di diritto; le monache riescono ad istruirsi ed alcune badesse addirittura dirigono ordini maschili. Ma è attraverso l amore cortese, nell ambito del rinnovamento culturale del XII secolo, che la donna svolge un ruolo capitale. 14 La condizione giuridica generale della donna migliora in seguito con l intensificarsi dei commerci e delle industrie e con la disgregazione della compagine feudale per cui la donna nel Rinascimento acquista coscienza della propria personalità malgrado ancora gravi restrizioni limitino la sua capacità patrimoniale. Si incontrano donne artigiane a tutti gli effetti e la presenza femminile - soprattutto in Italia ed in particolare a Firenze - è evidente nella manifattura della lana e della seta; le tessitrici vivevano per ragioni tecniche prevalentemente nei centri urbani, erano lavoratrici dipendenti con un salario piuttosto basso. Nel secolo XIV domina la donna al telaio, inoltre la presenza femminile diventa molto forte nel commercio al dettaglio di prodotti alimentari. 15 In Germania, sempre in questo periodo, si incontrano particolari figure femminili quali le principesse-badesse; queste erano, infatti, signore territoriali al pari degli uomini, amministratrici oculate e sagge, attente alla tenuta dei libri contabili ma anche ad eventuali coperture formali da parte dei signori più potenti. In ogni caso, nel corso del XV secolo sino a tutto il XVII, compaiono segni chiari di una ampia varietà di vite femminili. La donna del Rinascimento è soprattutto madre, e poi figlia, vedova, guerriera, imprenditrice, serva, suora, eretica, santa, strega; oltre che regina, martire e ricercatrice. Un ruolo femminile preminente era, inoltre, quello della balia: infatti, dalle città italiane, francesi, tedesche e inglesi, i bambini appartenenti a classi elevate venivano mandati in campagna per essere baliti dalle contadine, nutrici dalle caratteristiche particolari; il contratto di baliatico, però era di esclusiva competenza maschile per entrambe le parti e l accordo del prezzo avveniva tra il padre del bambino ed il marito della balia. Questo contratto aveva gli aspetti di un vero e proprio contratto commerciale. Non mancavano, comunque, madri protettive che continuavano ad occuparsi personalmente della prole. 16 I bisogni, i desideri e il carattere delle donne passavano ancora in secondo piano. Prevalevano, infatti i progetti familiari ed i condizionamenti economici e nel corso di tutti i secoli del Rinascimento i mariti controllavano le mogli nel privato e le autorità maschili difendevano la loro supremazia. Contemporaneamente in Oriente il Corano viene interpretato in modo sempre più severo verso il sesso femminile sino a considerare il velo simbolo dell assen- 14 Eveline SULLEROT, Donna, in Enciclopedia del Novecento, Roma, Istituto dell Enciclopedia Italiana, , vol. II. 15 Margaret L. KING, Le donne nel Rinascimento, Roma-Bari, Laterza, Bonnie S. ANDERSON - Judith P. ZINSSER., Le donne in Europa, Roma-Bari, Laterza,

19 Maria Altobella za femminile nella società patriarcale. 17 E per delimitare lo spazio privato dallo spazio pubblico anche le finestre, occhi della casa, vengono velate. Quindi l immaginario arabo identifica la donna con la casa mentre l uomo è padrone dello spazio pubblico. In tutto l arco del Medioevo la posizione giuridica del genere femminile era determinata da singole leggi, prerogative e privilegi ed, inoltre, dalle consuetudini cittadine; gli ordinamenti giuridici presentano, poi, specifiche regolamentazioni all interno e all esterno della famiglia. Nelle assemblee giuridiche la donna non poteva essere presente autonomamente ma doveva farsi rappresentare da un uomo; tuttavia, nel campo del diritto privato, poteva disporre di ciò che era in suo possesso e poteva esercitare la tutela dei propri figli minorenni. Sia nello spazio privato che in quello pubblico la donna parla ma la sua voce è prevalentemente letteraria e mistica. 18 Dal Cinquecento al Settecento le lettere, le arti, la filosofia, la scienza e la medicina discutono della donna che si trova al centro di un acceso dibattito. Le donne più fortunate, quelle delle classi superiori, cercano di sfuggire alla reclusione dei loro ruoli ma sono evidenti anche le dissidenze delle donne del popolo, più audaci e più ribelli, nel cercare di evitare la marginalità. Nel corso del XVII e XVIII secolo la servitù femminile costituiva la principale fonte occupazionale seguita dalla manodopera nelle industrie tessili, soprattutto nella produzione di seta e merletti. Il sapere era sorvegliato e alle fanciulle la scuola insegnava in modo prevalente ad amare, conoscere e servire Dio. 19 Più che il sapere contava il saper fare. Tuttavia, i progressi dell alfabetizzazione femminile testimoniano l inizio di un processo irreversibile e si aprono spazi per l azione politica tanto che nel Settecento una figura ricorrente è quella della donna con il figlio, in prima fila nei tumulti. Il processo di modernizzazione che conduce alla società industriale assume un nuovo, diverso ordine sistematico e simbolico. Si aprono nuovi spazi e nuove possibilità di azione, di desideri, di aspettative, di investimenti psicologici che fanno intravedere immagini di libertà. E si configura così il passaggio dal presente all avvenire. 3. Nuovo contesto e nuovi soggetti Due gli avvenimenti, di natura diversa, che daranno luogo a nuove realtà e a nuove coscienze: l affermarsi del concetto di uguaglianza tra gli uomini e la nascita dell era industriale. 17 Erdmute HELLER Hasouna MOSBAHI, Dietro il velo: amore e sessualità nella cultura araba, Roma-Bari, Laterza, Christiane KLAPISCH-ZUBER (a cura di), Il Medioevo, in Storia delle donne in Occidente, Roma-Bari, Laterza, Arlette FARGE - Natalie ZEMON DAVIS (a cura di), Dal Rinascimento all età moderna, in Storia delle donne in Occidente, Roma-Bari, Laterza,

20 Identità femminile e diritto positivo Si delineano, pertanto, i tratti permanenti ed i cambiamenti della costruzione della identità femminile. Con le leggi rivoluzionarie francesi si affermò l uguaglianza giuridica dei sessi, e con la celebre Dèclaration des droits de la femme, venne proclamata l ammissione della donna ai posti e agli uffici pubblici. È questo un segnale importante che farà sentire la donna presente con le proprie esigenze da cittadino uguale agli altri, ma naufragherà presto insieme ai proclami sulla libertà, uguaglianza e fraternità. Infatti questo riconoscimento, anche se limitato ai diritti civili e non politici, sfocerà nella costituzione del diritto napoleonico con il ripristino dell autorità del marito sulla comunità familiare; ed invero nel 1804 il Codice Civile Napoleonico - che influenzerà le norme giuridiche di molti paesi dell Europa e sarà comunque esteso anche all Italia nel pur avendo costituito le basi di una intelaiatura giuridica per un mondo nuovo, consacrerà l inferiorità e l incapacità della donna. Gli stati preunitari si ispireranno al Codice Napoleonico ma nel Risorgimento, che fu un movimento per l indipendenza italiana e la formazione di uno stato moderno, vince la politica di emergenza e gli spazi di movimento per le donne sono obbligati: partecipazione al processo storico in atto o conservazione. In seguito il mito dell unificazione pagherà il prezzo della nascita della questione meridionale e della questione femminile. 20 Nello stesso tempo la rivoluzione industriale modifica profondamente la vita delle donne: l industrializzazione strappa loro le attività artigianali costringendole a cercare lavoro nei laboratori e nelle manifatture; la nuova condizione di operaie sistematicamente sfruttate, utilizzando la loro inferiorità, serve per sottopagare la loro prestazione perché considerata e valutata in modo diverso. E saranno questi i motivi, aiutati anche dall elevarsi del loro livello di istruzione, che le porteranno ad organizzare la lotta per la conquista di diritti mai posseduti. L industrializzazione selvaggia apre le porte ad uno sfruttamento organizzato e la donna della classe subalterna deve lottare per ottenere i servizi necessari ai nuovi bisogni tra cui scuole ed asili che dovrebbero aiutarla ma che la espropriano dell originaria funzione. Sostanzialmente alle donne proletarie viene sottratto il ruolo educativo e nello stesso tempo ne sopportano le conseguenze a causa delle carenze istituzionali. Anche la donna borghese si ribella al suo stato di sottomissione chiedendo l accesso all istruzione, il suffragio e il riconoscimento dei propri diritti come persona. Proletarie e borghesi, unite da esigenze diverse ma essenziali, acquisiscono la stessa coscienza, quella di partecipare alla vita associata, al lavoro e di avere gli stessi diritti dell uomo. Attraverso il femminismo cercano una identità pubblica; le associazioni, le tattiche, le alleanze, le rivendicazioni e le ostilità provocano ampia discussione pubblica e obiettivi di lotta Mimma DE LEO - Fiorenza TARICONE, Le donne in Italia: diritti civili e politici, Napoli, Liguori, Geneviève FRAISSE - Michelle PIERROT (a cura di), L Ottocento, in Storia delle donne in Occidente, Roma-Bari, Laterza,

Reti di donne: virtual reference desks di genere nel Web italiano

Reti di donne: virtual reference desks di genere nel Web italiano Angela P. Bevilacqua Most people in the world are Yellow, Black, Brown, Poor, Female, Non-Christian and do not speak English. By the year 2000 the 20 largest cities in the world will have one thing in

Dettagli

Identità femminile e diritto positivo

Identità femminile e diritto positivo Identità femminile e diritto positivo di Maria Altobella 1. Introduzione Donna: individuo femminile della specie umana. 1 Dizionari ed enciclopedie - a partire dalla grande Enciclopédie 2 di Diderot -

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio POTERE ALLA PAROLA IV edizione 2015-2016 comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio Comitato SeNonOraQuando? Torino in collaborazione con il Salone

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

INTERNET E LE SCIENZE SOCIALI. Maria Teresa Sartore, 15 maggio 2006

INTERNET E LE SCIENZE SOCIALI. Maria Teresa Sartore, 15 maggio 2006 INTERNET E LE SCIENZE SOCIALI Maria Teresa Sartore, 15 maggio 2006 Introduzione L argomento che verrà presentato questa mattina, è molto più articolato e disomogeneo rispetto a quelli affrontati durante

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta!

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta! Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado Orientarsi in un mondo indeterminato vuol dire accettare il carattere paradossale della vita, fare delle scelte, consapevoli del loro

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità con il contributo della L.R. 16/2009 Cittadinanza di genere Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità (percorso per le scuole primarie) Premessa Nell ambito delle iniziative

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE Attività del gruppo GUE/NGL nella commissione per i diritti delle donne e l uguaglianza di genere del Parlamento europeo Uguaglianza di genere, solidarietà, azione

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

La Biblioteca Comunale di Como

La Biblioteca Comunale di Como La Biblioteca Comunale di Como Progetto Alternanza scuola-lavoro Liceo Classico Alessandro Volta 23 gennaio 8 febbraio 2012 Classe II^ F studenti: Elena Guerci, Martina Morreale Biblioteca Comunale di

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Costruire i territori digitali Le analisi di Rur e Censis sulle città digitali, partendo dai

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Fare insieme il Pianeta libro

Fare insieme il Pianeta libro Fare insieme il Pianeta libro Forum della Pubblica Amministrazione Roma, 11 maggio 2006 Dipartimento per i beni archivistici e librari Presentazione del sito www.ilpianetalibro.it A cura di Rosario Garra

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura 1 Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali A cura di Maria Grazia Pastura Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche, culturali

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA Il programma può subire delle variazioni, si consiglia pertanto di consultare periodicamente il sito www.orientasud.it MARTEDI

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere Le problematiche della donna nel terzo millennio La medicina di genere Il genere è un determinante della salute perché coinvolge uomo/donna dallo sviluppo infantile alla senescenza La salute della donna

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell informazione, della comunicazione e dell editoria TESI DI LAUREA IN Sociologia della

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli Donne in età adulta e mondo del lavoro: recuperare il gap tecnologico Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli 1.Uno sguardo alla condizione svantaggiata

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 28 18 febbraio 2015 Oggetto : Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli