Anno IV - Numero 27 Settimanale della Scuola Superiore di Giornalismo della Luiss Guido Carli 9/16 Settembre Reporter. nuovo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno IV - Numero 27 Settimanale della Scuola Superiore di Giornalismo della Luiss Guido Carli 9/16 Settembre 2011. Reporter. nuovo"

Transcript

1 Reporter Anno IV - Numero 27 Settimanale della Scuola Superiore di Giornalismo della Luiss Guido Carli 9/16 Settembre 2011 UN CAMPANILE E PER SEMPRE PREGI E DIFETTI DELLE RADICI IDENTITARIE IN ITALIA E NEL MONDO

2 Il Fenomeno A centocinquanta anni dall unità della penisola, c è chi dubita sul superamento del campanilismo Vive l Italia dei cento campanili Ma oggi le differenze possono innescare processi di crescita e non di scontro Ida Artiaco PRIMATO Il campanile del Duomo di Mortegliano, in provincia di Udine, è il più alto d Italia, con i suoi 113 metrio di altezza Fatta l Italia, ora facciamo gli italiani. Fiumi di inchiostro sono stati versati per precisare l attribuzione di questa celebre frase, di Camillo Benso Conte di Cavour secondo alcuni, più probabilmente di Massimo d Azeglio secondo altri, o addirittura di Giuseppe Garibaldi. Quello che importa, però, è il vero significato di queste parole, che bene esprimono le perplessità dei grandi protagonisti del Risorgimento, all indomani della nascita dello Stato Unitario. E centocinquant anni dopo quell epocale evento c è ancora chi quei timori di mancata unificazione, non a livello politico, ma dei sentimenti e delle tradizioni, ce li ha ancora. L Italia, si sa, è la terra dei cento campanili, per l attaccamento a volte esagerato e gretto alle tradizioni e agli usi della propria città, che spesso trasforma le differenze in divisioni e mette gli uni contro gli altri. Da qui, rivendicazioni territoriali, giurisdizionali, culturali ed economiche proprie del campanilismo, che contraddistingue la nostra storia, prima ancora che l Italia fosse unita politicamente, quando forze politiche e religiose, anche straniere, hanno continuamente straziato con confini diversi la nostra penisola. Da sempre gli italiani, di tutte le età e condizioni sociali, si sono dimostrati intimamente legati al proprio campanile, quella struttura che si staglia al di sopra degli altri edifici e per questo, oltre alla connotazione religiosa, riveste un ruolo simbolico e si propone quale elemento di identificazione, per sineddoche, col centro abitato in cui esso si trova e con le persone che all ombra vi abitano, con il proprio linguaggio, le proprie tradizioni, la propria storia. Ma, come ha affermato lo storico Fernand Braudel, nella ricchezza e densità di città della realtà italiana è anche il segno della sua insigne debolezza. Quel che rendeva affascinante il Bel Paese, la pluralità di tradizioni, di culture e linguaggi, ha costituito un elemento di volubilità rispetto a quel cemento sociale che ha caratterizzato la storia di altre grandi nazioni europee. Spesso, infatti, l esasperato attaccamento al proprio campanile è sconfinato in un eccesso di rivalità nei confronti di paesi vicini. Pare che proprio il termine campanilismo sia attribuibile, come origine, al rapporto burrascoso fra due comuni oggi in provincia di Napoli, San Gennaro Vesuviano e Palma Campania. Il campanile del primo centro venne privato di orologio verso levante, dove vi era il confine con l altro paese, proprio perché gli abitanti di quest ultimo non potessero leggere l ora. Da allora il passo prima agli scontri tra fazioni opposte, poi alle partigianerie esasperate e alle chiusure localistiche è stato breve. Come dimenticare le faide storiche tra famiglie o fazioni politiche, fino ai campanilismi delle contrade senesi, che ancora oggi appassionano e eccitano gli animi al pari delle tifoserie calcistiche? Nonostante l origine tutta meridionale, il fenomeno si è rivelato più forte al Nord, dove si trovano i campanili più grandi d Italia: primo tra tutti, quello del Duomo di Mortegliano, in provincia di Udine, seguito dal Torrazzo di Cremona e dal Campanile di San Pietro di Alessandria. Ma è proprio oggi, quando la globalizzazione genera interdipendenze e commistioni inedite, soprattutto in seguito al fenomeno dei flussi migratori dai paesi più poveri del mondo, che le storiche differenze culturali italiane possono essere rivitalizzante in un quadro. In una Italia in cui parte sempre più rilevante della popolazione è costituita da immigrati, la sfida delle istituzioni e dei singoli cittadini può essere la valorizzazione della pluralità culturale, innescando processi di comunicazione e non di scontro. Parla Roberto Gervaso, che sull Italia dei Comuni ha scritto con Montanelli Esistono solo tanti pezzi di Stato Roberta Casa «La storia del nostro paese è una storia regionale». Ne è convinto Roberto Gervaso, giornalista, storico e scrittore, al quale abbiamo chiesto il vero significato di una parola che trova ragion d essere nella storia medievale, di grande attualità ancora oggi. Gervaso, sentiamo spesso dire che esiste un unica Italia, ma tanti campanili. Quanto è vera questa affermazione? C è una definizione giusta per la parola campanilismo? «La spiegazione non può prescindere dalla storia del nostro paese. Dopo le invasioni barbariche, in Italia cominciarono a formarsi i primi Comuni, più o meno intorno all anno Mille. Queste prime comunità, formate da persone di un certo ceto sociale (quella che in futuro sarà chiamata borghesia), si riunivano per difendere i loro interessi proprio intorno al campanile della chiesa del Comune. Non intorno a una semplice torre. E la scelta di un simbolo sacro anziché politico rimarca l importanza della fede per i primi cittadini. Il campanile diventò dunque emblema del Comune, un simbolo architettonico di individualismo. Ogni borgo, ogni Comune aveva le sue caratteristiche, le sue mode, la sua lingua, i suoi costumi; e il termine campanile riuniva tutte queste cose e diventava un connotato, una specie di vessillo, di stendardo». Il popolo italiano sembra essere sempre più diviso, e la storia ci spiega il perché. Ma quale prezzo paga oggi il nostro paese a causa di questa separazione in casa? «Oggi in Italia lo Stato non c è. Il campanile è solo un pezzo di Stato, che come in un puzzle deve combaciare con gli altri. Ma ciò non è mai avvenuto. Anche quando nel 1861 si ebbe l Unità d Italia, all unità geografica non è corrisposta quella del popolo. Il borgo continuava a riconoscersi nel campanile, perché di fatto fu lasciato fuori. L Unità fu possibile solo grazie all azione di «Il campanile è diventata un istituzione egoista, che difende solo i propri interessi. L italiano non sente le istituzioni» un elité di 20 mila persone, soprattutto lombarde e piemontesi, formata da professionisti, proprietari terrieri, avvocati, intellettuali. Non c era neanche un contadino. L 80 per cento degli italiani fu lasciato in disparte. Ancora oggi noi paghiamo caro il prezzo di questa mancata Unità, e lo si è visto nei giorni dei tiepidi festeggiamenti per il Centocinquantenario. La gente non ha sentito l avvenimento, per molti si è trattato solo di un giorno di festa qualunque». Pensa che in futuro sia possibile creare un vero popolo italiano? «Il problema è che proprio chi dovrebbe formare coscienza e animo italiani pensa prima a sé stesso anziché allo Stato. Quando sentiamo i nostri rappresentanti esprimersi in un linguaggio basso, scurrile, quando li vediamo eccedere per utilizzare un eufemismo in Parlamento, capiamo che è ancora più difficile pensare che queste persone possano formare un popolo, infondergli unità. Ognuno pensa a sé stesso, guardando sempre e comunque al proprio campanile. Gli italiani non hanno mai avuto un vero e proprio senso di patria. Il campanile è diventata un istituzione egoista, che difende sempre i propri interessi, anziché gli ideali. L italiano non sente le istituzioni. Cosa vuole che gli importi del tricolore, dell inno di Mameli? Questa è la verità». IN LETTERATURA Gli improperi di Dante le dolcezze del Fogazzaro TOSCANA «Ahi Pisa, vituperio delle genti» recita Dante nel XXXIII Canto dell Inferno. Il campanilismo del poeta fiorentino è uno dei primi esempi nella storia della letteratura italiana: la celebre contrapposizione tra Firenze e Pisa viene ripresa da Dante nella sua opera più importante, a sottolineare quanto le due città fossero antagoniste già nei primi secoli dell anno Mille. LOMBARDIA Nei Promessi Sposi, Alessandro Manzoni celebra con descrizioni sapienti le bellezze paesaggistiche della Lombardia seicentesca, la stessa regione che gli diede i natali. Già l incipit del romanzo, con il celebre «Quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno» ben rappresenta l attaccamento appassionato alla terra d origine. SICILIA Nel Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, il Principe di Salina esprime l animo fortemente campanilista dell autore: protagonista delle vicende narrate, egli incarna lo spirito della sicilianità. I cambiamenti avvenuti nell isola nel corso della storia hanno adattato il suo popolo agli invasori, senza modificarne essenza e carattere. Il presunto miglioramento apportato dal regno appare al principe come un ennesimo mutamento senza contenuti, poiché il popolo siciliano e l orgoglio che lo contraddistingue rimarranno immutati. VENETO In Piccolo Mondo Antico Antonio Fogazzaro, come scrisse Gallarati Scotti, «ha scoperto le pure sorgenti della sua sincerità e della sua ispirazione. L accento egli l ha trovato in una più intima comunione con gli ideali che gli erano stati trasmessi dai suoi padri; con gli uomini e la terra della sua infanzia». Un elogio degli umili cittadini delle montagne. R. C. 2 9 Settembre 2011 Reporter

3 I Precedenti I contrasti tra città hanno spesso le proprie radici nella Storia, nell economia e nella politica Rivali, dallo stendardo allo sfottò Guelfi, ghibellini, città marinare, maschere tradizionali e proverbi Davide Maggiore Non solo campanili. A svettare sui tetti dei borghi storici italiani sono anche le torri. Costruite, come a San Gimignano, dalle potenti e ricche famiglie locali di un tempo per simboleggiare il proprio prestigio, nel confronto con vicini e avversari. E destinate dunque a diventare anche simboli di divisione. Molti tratti del campanilismo italiano, e molti dei contrasti storici tra città, rioni e borgate, possono in effetti essere fatti risalire proprio all epoca delle pietre di cui campanili e torri sono fatti. Contese destinate poi ad attraversare i secoli, e a riemergere, nella forma diversa (e più innocua) dell orgoglio municipale, anche ai giorni nostri. Magari dimenticando che allora, dai cosiddetti secoli bui in poi, la posta in gioco era ben diversa. Le rivalità locali, magari secolari (come quella tra Perugia e Assisi di cui fece le spese il futuro San Francesco, allora giovane uomo d armi), si inserivano all interno di uno scontro di proporzioni nazionali, il più celebre di quelli che avrebbero attraversato la penisola per secoli. Guelfi contro ghibellini, che innalzavano le loro fortezze, rispettivamente, a maggior gloria del potere papale o di quello imperiale, in lotta tra loro per la supremazia. Ma anche l economia ha pesato nel disegnare l Italia dei campanili. È stato il caso delle repubbliche marinare: Amalfi, Pisa, Genova e Venezia, impegnate a lungo in conflitti per guadagnarsi il controllo dei mercati dell Oriente. E, anche una volta diventata marginale la Via della Seta, portate dal ricordo di un passato nobile allo scontro con i meno blasonati vicini. Come l orgogliosa Pisa, i cui è proverbiale l inimicizia con Livorno. Colpevole di essersi facilmente sottomessa, a differenza della rivale, all odiata dinastia fiorentina dei Medici, che l aveva persino circondata di bastioni. Anche quando non si inseriscono in quadri di grande respiro, però, gli scontri tra campanili hanno spesso ragioni tutt altro che ideali. Può trattarsi di un interesse al primato geografico come avviene per ETERNA CONTESA Una rievocazione della battaglia di Montaperti tra guelfi e ghibellini Cagliari e Sassari, o sullo Stretto tra messinesi e abitanti di Reggio Calabria. O di conflitti, si sarebbe detto in passato, di classe, come accade in molte città divise tra una parte vecchia (che si rappresenta come aristocratica ) e un nucleo sorto, in anni più recenti, più a valle (e abitato dal popolo che vive di mercato, artigianato, lavoro della terra e, in seguito, industria). Gli esempi più celebri sono Bergamo (il velenoso paragone tra la parte alta e quella bassa è presente fin dalla commedia dell Arte con il dualismo tra Brighella e Arlecchino), e, immancabilmente, una cittadina della Toscana (zona regina delle fazioni). È Fucecchio, in cui la rivalità tra nobili insuesi e più popolari ingiuesi (cioè, rispettivamente, abitanti dei borghi per in su e per in giù ) è stata in parte superata solo dall ammirazione per il celebre concittadino Indro Montanelli. Pacificatore ideale, perché ingiuese di padre e insuese di madre. Che a far esplodere lo scontro siano state questioni strategiche, di prestigio o più semplicemente materiali, però, oggi queste radici storiche sono per lo più dimenticate. E restano nascoste dalle manifestazioni spicciole e attuali del campanilismo. Dallo sfottò (tipico quello sulla minore intelligenza del rivale, in cui eccelle, ancora una volta, lo spirito toscano), allo slogan, al detto popolare (il più celebre è naturalmente: «meglio un morto in casa che un pisano all uscio», di marca labronica). Insomma, in ogni rivalità locale si è passati dalla sfida a chi costruisse la torre più alta, (bloccata a San Gimignano da un apposita legge), a quella su chi, tra i rivali, dimostra di avere la lingua più pronta. Giulia Cerasi Se si parla di campanilismo non si può non pensare ad Agnone. Con la sua storia, le sue tradizioni culinarie e artigiane, Agnone (che nella parlata locale suona agneun ) è un comune di circa 5mila abitanti adagiato tra i monti dell alto Molise, in provincia di Isernia. Gli agnonesi, forti della presenza di numerose chiese dal grande interesse artistico e di una tradizione di figure di secondo piano della letteratura italiana (da Marino Ionata ad Alessandro Apollonio, da Ippolito Amicarelli a Luigi Gamberale), non di rado rinvendicano con ostinato orgoglio le proprie origini. Ma il campanilismo agnonese è anche una questione etimologica. Perché è proprio in questa terra che ha sede una delle aziende più antiche del mondo che fabbrica, appunto, campane. La Pontificia Fonderia Marinelli è stata fondata nel Reporter Ad Agnone la fonderia che produce il simbolo dell attaccamento al proprio paese Quei rintocchi dicono appartenenza 1339, quando Nicodemo Marinelli, detto Campanarus, fuse una campana di circa 2 quintali per una chiesa del frusinate. E nata così una tradizione millenaria, fatta di segreti che i fonditori si tramandano ininterrottamente, di padre in figlio. Ad Agnone, ancora oggi, per realizzarne una si usano le stesse tecniche dei maestri del Medioevo e del Rinascimento. Elementi essenziali per la riuscita delle campane, il cui ciclo di lavorazione varia da trenta a novanta giorni, sono lo spessore, il peso, il diametro e l altezza, il tutto nel rispetto di proporzioni ben stabilite. Ma quella di fondere le campane è un arte antica, che risale probabilmente al popolo cinese, anche se non si conosce il momento preciso a partire dal quale la campana è stata usata come richiamo di fede. E dal 1924 la fonderia Marinelli, su concessione di Papa Pio XI, può vantare il privilegio di poter scolpire lo Stemma Pontificio. L azienda agnonese è diventata così la fonderia del Vaticano, tanto che Giovanni Paolo II l ha visitata nel marzo del Descrizione metaforica di un innamoramento, annuncio di un giorno di festa, ma anche - in passato - segnalazione di un pericolo come un incedio o un grosso temporale, il rintocco delle campane della fonderia Marinelli risuonano in tutto il mondo: da New York a Pechino, da Gerusalemme al Sud America, fino alla Corea. Ad Agnone sono state fuse la campana per il Santuario di Lourdes nel centenario dell apparizione (1958), la commemorativa del primo centenario dell Unità d Italia (1961), la campana del Concilio Vaticano II (1963), quella della Perestrojka per lo storico incontro del Papa con Gorbaciov (1989), fino a quella del Giubileo del 2000 che pesa ben cinque tonnellate. L attività dei fonditori agnonesi è dunque intrecciata intimamente con la nostra storia, come un grande IL SIMBOLO Un affresco a Palazzo Medici sulla risposta di Pier Capponi a Carlo VIII: "Se voi suonerete le vostre trombe noi suoneremo le nostre campane". A fianco, campane della fonderia Marinelli libro che rievoca i fatti, i personaggi, i momenti. Ma la campana è anche uno strumento musicale, con cui si eseguono veri e propri concerti. Ogni campana, infatti, ha una vera e propria voce, ossia una nota, i cui procedimenti per ottenerla erano già stati descritti da Diderot nell Encyclopedie. Per i Marinelli la campana è compagna dell uomo, elemento della sua storia, figlia della sua cultura, voce del suo cuore. E proprio alla campana, accanto alla fonderia, hanno dedicato un museo. Perché, da simbolo della divisione e della rivalità, la campana agnonese può diventare l emblema di un Paese che, a 150 anni dalla sua unificazione, ancora fatica a trovare la propria identità. 9 Settembre

4 Il Futuro Blog, social network e telefoni smartphone: la tecnologia esalta l attaccamento al territorio Tutti in Rete, arroccati nel glocale Il web non ha spazzato via la cultura stracittadina, l ha rafforzata SMARTPHONE Vivere le appartenenze MEDIA LOCALI Notizie più vicine Le battaglie del campanilismo moderno si combattono anche sul campo della tecnologia mobile. Oltre all acerrima rivalità tra Apple e Microsoft, che è diventata una vera e propria lotta di stili di vita, l ultima frontiera del campanilismo multimediale è quella delle app. Sono tantissime le applicazioni per smartphone, iphone o Blackberry, che aiutano gli utenti a conoscere meglio il territorio che li circonda e a sentirsi parte di questo o quel campanile. Grazie alla tecnologia geolocal, che consente in qualsiasi momento di rintracciare la posizione esatta del proprietario di un telefono acceso, questi software aiutano gli utenti a trovare negozi e altri servizi nelle vicinanze e soprattutto li mettono in contatto con altre persone che in quel momento si trovano nella stessa zona. Tra le applicazioni più famose ci sono AroundMe per iphone, che permette di avere all istante indicazioni sugli esercizi commerciali (e non solo) presenti nei dintorni, e Ubinav, che trasforma un Blackberry in un navigatore satellitare. Ma l app mobile e web più diffusa è senz altro Foursquare: grazie a questo servizio più di due milioni di persone nel mondo interagiscono via cellulare solo con gli utenti individuati dal satellite nella stessa città. BLOG Un etere tricolore «Finché vivrò amerò una sola bandiera» è solo uno dei tanti blog dedicati a un campanile, che popolano la Rete. Scritto da un ragazzo salernitano, il diario è interamente dedicato alle vicende della provincia campana: dalla commemorazione del terremoto dell Irpinia alle partite della Salernitana Calcio. Un anomalia del web? Macché: di blog campanilisti l etere tricolore, il cosiddetto.it, è pieno. Da Predoi, che si vanta di essere la «città più a nord d Italia», al comune di Lampedusa e Linosa, che dall altro capo dello stivale si mostra al popolo del web attraverso un sito ricco di immagini e racconti dedicati esclusivamente alle due isole siciliane. Non solo pubblicità positiva, però. Dai campanili delle chiese alla Rete, infatti, il legame col territorio si fa ancora più forte quando si tratta di difendere la propria identità culturale da quella del vicino. Un esempio: la storica rivalità tra le città di Pisa e Livorno, che dalle torrette in mattoni è migrata sul web. Il primato di ironia e goliardia va senz altro al blog pisamerda.wordpress.com, che vanta l archivio completo di «tutti i video contro i pisani scovati sul web» e soprattutto una raccolta di scatti fotografici che, forse in modo un po incauto, ritraggono la scritta che dà il nome al blog. PUZZLE ON LINE L Italia resta divisa anche sul web, ma c è chi prova a unirla Globalizzazione e iperlocalizzazione: due fenomeni opposti che convivono nello stesso universo, quello del World Wide Web. Se da un lato la Rete ha ridisegnato i confini nazionali, dall altro ha rafforzato quelli locali. Nel mondo 2.0, che tende a diventare un enorme villaggio globale dove lo stesso concetto di distanza è rivoluzionato, le identità culturali che riescono a mantenersi integre sono proprio quelle iper-locali, proprie di piccoli mondi di provincia. Un trend che oggi ha anche un nome: glocale, termine coniato dal sociologo ebreo-polacco Zygmunt Bauman come fusione di globale e locale. Glocalizzare, cioè, significa favorire l interazione tra persone di uno stesso territorio attraverso tecnologie proprie della comunità globale. Non stupisce, allora, che la filosofia glocal abbia mantenuto inalterato uno degli elementi tipici della cultura stracittadina: il campanilismo, l affermare la superiorità delle proprie radici soprattutto a scapito di un modello altro, ritenuto inferiore, con il quale instaurare un confronto sempre più agguerrito e radicale. Naturalmente, il modello più immediato con il quale confrontarsi e scontrarsi non può che essere quello del vicino. La cultura campanilista non è scomparsa con la Rete, non è stata spazzata dalla globalizzazione. Ha solo cambiato muta, adattandosi ai nuovi Così l ombra del campanile diventa virtuale mezzi di comunicazione, ai nuovi codici della interazione. Così l ombra del campanile diventa virtuale, assume la forma dei diari on line, dei blog che raccontano la vita del territorio, esaltandone le bellezze architettoniche, paesaggistiche, la cultura. Orgogliobresciano.org si propone, ad esempio, di perseguire «la tutela e la (conseguente) valorizzazione di tutti gli aspetti della cultura bresciana, i quali edificano e mantengono vitale la nostra identità» per «far germogliare e rafforzare nei cuori e nelle menti dei Bresciani il loro senso di appartenenza alla propria terra». Diariodifirenze.it, VocediLucca.it, Livorno.wordpress.com sono altri esempi di diari digitali di territori molto vicini e, se si vuole, similari. Eppure ognuno dei blogger o comitati attivi nella difesa della cultura delle rispettive realtà giurerebbe che la sua è unica, e nella maggior parte dei casi più affascinante delle vicine. Se si rimane alla pagina scritta e diffusa tramite la rete, è possibile analizzare numerose di queste testatine, dalle quali traspare la volontà di affermare in termini positivi la propria identità, mantenendo Pagina a cura di Federica Ionta e Enrico Messina una certa dignità di fondo. Dal piemontese Torinoblog.it al siciliano Orgogliopeloritano.it ognuno di questi diari diffonde la cultura del proprio territorio e lascia lo sfottò al vicino in secondo piano, se non, in qualche caso, assente del tutto. Discorso parzialmente diverso, invece, va fatto per la più popolare piattaforma social : Facebook. Il mondo creato da Mark Zuckerberg è popolato da pagine che accanto al nome della città italiana presa di mira presentano la parola odio, merda, deve sprofondare e altre gentilezze di questo tipo. C è chi si augura, ad esempio, che un terremoto, dopo quello del 1908, sconvolga la città di Messina. Per fortuna, anche sulla piattaforma di Facebook non mancano utenti che utilizzano le potenzialità del strumento per promuovere l unione, piuttosto che l arroccamento cieco sulla propria identità. È il caso, ad esempio, di Giovanni Addante, che tramite il social network cerca di far decollare il progetto Passione calcio Puglia. L obiettivo è quello di creare una squadra di calcio che unisca le tifoserie di baresi, leccesi, foggiani e tarantini. L obiettivo prefissato è il raggiungimento di adesioni su Facebook, per l acquisto di una squadra di calcio esistente o la creazione di un Club Internazionale della Puglia. Un modo per dare «un calcio al campanilismo». La crisi dell editoria cartacea ha in parte cambiato l organizzazione dei media locali. Se prima i giornali erano orgogliosamente indipendenti dalle testate delle province confinanti, oggi sinergie ed economie di scala prevalgono sul campanilismo cartaceo. È il caso, ad esempio, delle Gazzette di Mantova, Reggio Emilia e Modena, tre testate del gruppo Espresso che hanno unito le pagine nazionali lasciando alle notizie dai singoli territori una parte marginale. Stesso esperimento, nel campo delle freepress, per Leggo, gruppo Caltagirone editore: delle 24 pagine del quotidiano gratuito solo due sono dedicate alla cronaca locale, con notizie dalle 15 redazioni sparse sul territorio italiano. Grazie all aumento delle frequenze televisive con il passaggio al digitale terrestre, invece, la concorrenza delle tv locali sul territorio intraprovinciale è rimasta piuttosto alta. Lo stesso vale per Internet: i bassi costi di realizzazione di una testata online consentono anche ad aggregati territoriali piccolissimi di creare un proprio giornale, fatto di notizie di quartiere e appuntamenti locali. Dalla Padania alle Isole, vale la pena di citare Alperiodic.net, «comünicazion virtüal in lumbard insübrich», e Logosardigna.sar, portale esclusivamente in lingua sarda con tanto di dizionario «sardu-italianu». FACEBOOK Le pagine contro Saranno pure fittizie molte identità presenti su Facebook, edulcorate le storie raccontate nei post, gonfiate le reazioni di divertimento o indignazione, di gioia come di sgomento che si leggono sul social network. Ma tra gli elementi che si mantengono autentici svetta l attaccamento alla propria città, urlato alla rete tramite le pagine con le quali questa o quella città si proclama migliore della vicina. In una parola, campanilismo. Ma social, come i tempi impongono. Lo scontro virtuale fra vicini è una spina dorsale che unisce tutta l Italia presente sul network, dalla Sicilia al Piemonte, passando per la Calabria, Puglia, Campania, Abruzzo, poi su verso Toscana, Emilia Romagna, arrivando fino in Piemonte. Così la pagina Odio Catania assomiglia inesorabilmente a quella Odio Siena e all altra Odio Piacenza : stessi toni da curva, stesse (presuntuose) affermazioni di superiorità da parte degli animatori. Solo che nel primo caso a firmare le pagine sono ragazzi di Palermo, nel secondo di Pisa e nel terzo di Cremona. Quasi in tutte le regioni il copione si mantiene uguale. Ma da Facebook arriva anche la sorpresa che non ti aspetti: sono il migliaio di persone che hanno cliccato mi piace in pagine come No al Campanilismo, Quelli che si sono rotti della rivalità fra Pescara e Chieti, W l Italia unita. 4 9 Settembre 2011 Reporter

5 Politica Da Amintore Fanfani a Giancarlo Galan il potere guarda sempre più agli interessi locali Scelte di cortile dai veto-players Il campanilismo si istituzionalizza e diventa il ago della bilancia Marco Cicala Narra la leggenda che nel 1963 Amintore Fanfani disegnò di suo pugno, con un tratto rosso, la curva per avvicinare l Autostrada del Sole ad Arezzo, la sua città natale; Clemente Mastella, che nella natia Benevento aveva qualcosa di simile a un regno, il campanile lo aveva messo addirittura nel simbolo del suo partito; gli onorevoli di tutti i colori politici si mobilitano a colpi di interrogazioni parlamentari quando le loro squadre del cuore vengono penalizzate dagli arbitri. E ancora, per restare ai giorni nostri, la prima dichiarazione del neo ministro della Cultura ed ex governatore del Veneto Giancarlo Galan è stata: «L unico festival del cinema dovrebbe essere a Venezia. Quello di Roma dovrebbe scomparire». Storie di interessi locali che si sovrappongono a quelli del Paese. E che spesso li superano, in sfregio a una collettività di cui la politica, soprattutto quella nazionale, dovrebbe essere al servizio. Il campanilismo in politica nasce con la politica stessa. E non si è mai estinto. Anzi, si è radicalizzato diventando un vero e proprio manifesto. È la Lega Nord probabilmente il più grande esempio di questo percorso, primo partito locale che è riuscito conquistarsi un posto al sole a livello nazionale, diventando l ago della bilancia per le sorti del governo. Nato come federazione di movimenti autonomisti regionali ha da subito battuto il ferro sui sentimenti indipendentisti del suo bacino di riferimento, quello settentrionale, propagandando presunti vantaggi derivanti da una secessione. Alternando folklore ad amministrazioni locali efficienti, la Lega ha intrapreso un percorso evolutivo che l ha incanalata su LOCALISMI La Lega Nord come gli altri porta l acqua al proprio mulino binari istituzionali e, contestualmente a un incremento costante dell elettorato e dunque di peso politico, ha permesso al Carroccio di proporre e attuare riforme volte principalmente al benessere della cosiddetta padania. Un analogo caso, forse meno rilevante politicamente ma più radicato sul territorio, è quello legato al Sudtiroler Volkspartei (Partito Popolare Sudtirolese), che per statuto rappresenta gli interessi delle minoranze tedesca e ladina della provincia autonoma di Bolzano. I valori di riferimento sono quelli dell autonomismo ma anche della tutela della lingua, tanto che nel l SVP non ammette nel proprio partito cittadini che si sono dichiarati di madrelingua italiana. Realtà piccola ma influente, come dimostrato recentemente. Approfittando di una situazione parlamentare complessa che vede il governo in sofferenza alla Camera, il Sudtiroler avrebbe sfruttato il peso dei suoi tre deputati per ottenere, in cambio dell astensione al voto di fiducia del 14 dicembre 2010 al governo Berlusconi, la suddivisione della gestione del parco nazionale dello Stelvio tra enti regionali anziché a livello statale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 22 dello stesso mese. Nonostante le smentite ufficiali di rito, l episodio in piccolo è rapportabile ai costanti veti che la Lega impone al governo su questioni sensibili al Carroccio (immigrazione, federalismo, sicurezza), pena la caduta della maggioranza. E la nuova frontiera delle minoranze rilevanti, i cosiddetti veto players, che da partiti caratterizzati da una forte ideologia si trasformano in partiti finalizzati a interessi locali, istituzionalizzando il campanilismo. Ma non è solo il Nord ad esprimere tali realtà. Anche nel meridione gli ultimi anni hanno visto il proliferare di partiti politici volti a difendere gli interessi locali. Quello di maggiore successo è il Movimento per le Autonomie (Mpa), fondato nel 2005 da Raffaele Lombardo, attuale governatore della Sicilia. Nato da una costola dell Udc siciliana, l Mpa si è subito presentato come l alternativa alla Lega, partito con cui condivide alcuni valori fondativi e con il quale nel 2006 venne stipulato un accordo definito il Patto delle Autonomie. Il fondatore dell Udeur rivendica la paternità di un simbolo che non tramonta Mastella: Il campanile, c est moi Il problema è la dialettica, non le rivendicazioni Jacopo Matano Se c è un partito che ha il campanile nel cuore (e nel simbolo), questo è l Udeur. Dalla sua fondazione nel 1999, la formazione politica nata dalle ceneri dell Udr e dalle liti sull eredità democristiana porta l effige dell italico sciovinismo dentro il logo, e nella prima pagina dell organo di stampa (che si chiama, appunto, Il Campanile ). Oggi il nome dell Udeur è cambiato si è aggiunto il sottotitolo Popolari per il Sud e il partito ha modificato piattaforma e organi dirigenti, ma il campanile resta lì. Il suo fondatore, Clemente Mastella, candidato a sindaco di Napoli, spiega perché non può farne a meno. Mastella, com è nato il simbolo del suo partito? «L idea è mia. Il campanile era, nelle mie intenzioni, la parrocchia nella quale ci si incontrava per discutere di politica e società, un luogo di scambio, un monumento simbolico su cui si potesse salire per rendersi conto di quello che capitava nelle zone limitrofe. Ma anche un modo per testimoniare l esistenza di una realtà territoriale e politica, per dire al mondo ci siamo anche noi. Rappresentava, dunque, il campanilismo. Ma in modo pacifico». Nato a Ceppaloni come Udeur, il partito del campanile si chiama oggi Popolari per il Sud. Siete un esempio di come le ideologie abbiano lasciato il posto alle istanze territoriali. «È una trasformazione che I Popolari per il Sud sono lo specchio del Paese. Mi spetterebbe una medaglia per ciò che ho fatto per la mia parrocchia accomuna oggi molte forze politiche. Ma in alcuni casi siamo costretti. La ragione ha un nome e un cognome: Lega Nord. Il Carroccio è ormai predominante in ogni atto, in ogni gestualità politica di governo e maggioranza. Il sud rischia così di essere in balia di una situazione drammatica, senza una rappresentanza concreta, forte e rumorosa che faccia da contrappunto. Non si può abbandonare il campanile». I partiti del territorio, però, sono fatti per pensare soltanto alle proprie istanze. Questo non rischia di trasformare la politica in un agone di egoismi? «Oggi c è questo rischio, ma il problema è la dialettica, non il contenuto delle rivendicazioni. Vede, quando è nato l Udeur il confronto, nel mondo politco, era ancora veramente democratico. E il campanile, la rivendicazione delle istanze territoriali, era legato ad alcuni valori che erano quelli di una solidarietà spiccata, un apertura verso l altro, uno scambio reciproco di opinioni, anche aspro, ma sempre caratterizzato da un garbo democratico. Tutto questo non c è più». La Dc, nella prima repubblica, era un partito modello in quanto a campanilismo. Molti erano gli esponenti politici che, da Roma, facevano di tutto per favorire il proprio collegio. Lei, da ex democristiano, non sarà stato da meno. Cosa ha fatto per la sua parrocchia? «Ho fatto moltissime cose ORGOGLIO Mastella con il vecchio logo del suo partito. Nel c è ancora il campanile per Ceppaloni e per la provincia di Benevento, e le rivendico tutte. Pensiamo all università, che non sarebbe mai sorta senza il mio intervento. Pensiamo alla scuola di magistratura, che ho fatto trasferire sempre a Benevento quando ero ministro della Giustizia. Credo che la medaglia al campanile mi spetti di diritto». Non è che i napoletani, magari più campanilisti di lei, decideranno di non votarla perché è di Ceppaloni? «Vede, il mio è un campanile orientato verso tutto il mezzogiorno, un Sud di cui Napoli è indiscutibilmente la capitale culturale, sociale, politica. Parlando di me, dunque, userei una metafora calcistica. Posso dire di essermi fatto le ossa a Ceppaloni, di aver partecipato agli allenamenti nelle giovanili a Benevento e di essere pronto per giocare nel Napoli. Credo che il pubblico mi apprezzerà, anche se di un altro campanile». Reporter 9 Settembre

6 Sport & Tradizione Tifoserie negli stadi: l appartenenza alla squadra conta più della famiglia e della patria Un vivere tra folklore ed eccessi Coreografie spettacolari ma anche raccapriccianti episodi di violenza Raffaele d Ettorre Scontri senza quartiere, dove il quartiere diventa la propria tifoseria, il colore della maglia, la curva di appartenenza: barriere impenetrabili, che da sempre avvelenano le dispute sportive in campo, calamitando costantemente i riflettori mediatici su episodi di ferocia inaudita. Il campanilismo calcistico, in Italia, sembra essere scolpito nel dna dei tifosi: duro a morire perché spesso il senso di appartenenza alla squadra scolpisce barriere ideologiche che si sostituiscono alla famiglia e alla patria, diventando addirittura religione. La risultante più immediata di questo processo è un tifo appassionato allo stadio, coreografie spettacolari nelle curve, striscioni e cori spesso ingegnosi e fulminanti nella loro devastante ironia. Il campanilismo calcistico però non è solo folklore. C è un lato torbido, una dimensione macabra, nella pratica quasi mafiosa, che emerge prepotentemente a dispetto dello sport. Maggio 2010, vigilia di Lazio- Inter. La Roma è in corsa scudetto con i nerazzurri, i capi ultrà della tifoseria laziale minacciano la dirigenza: «Se non battete l Inter siete finiti». L intimidazione arriva per posta, accompagnata da un proiettile di grosso calibro. La Lazio regalerà all Inter, giocando senza opporre resistenza alcuna, il lasciapassare per lo scudetto, togliendolo così alla Roma. Qui il campanilismo investe i vertici della dirigenza, modificando la sostanza del gioco del calcio. «Lo sai che sei un uomo morto?»: l intimidazione, solitamente riservata ai giornalisti scomodi nei regimi dittatoriali, arriva dritta in faccia al cronista Catapano, in margine alla partita tra Chievo e Roma. «Qui non possiamo farti niente, ma ormai sei segnato»: l avvertimento è di un capo ultrà romanista, le minacce sono concrete. Questa dimensione fosca del campanilismo affonda le sue radici direttamente nelle curve degli stadi. Di fatto, gli scontri partigiani fra le diverse tifoserie sono spesso sfociati nelle domeniche italiane in veri e propri episodi di guerriglia urbana, dipingendo alcuni dei peggiori LO SFOTTO I tifosi laziali ironici consegnano lo scudetto nelle mani dell Inter ai danni dei cugini giallorossi affreschi della cronaca nera italiana. Gli accoltellamenti tra milanesi e cremonesi, nel 1984, costarono la vita al diciottenne Marco Fonghessi, rossonero ucciso per un equivoco da altri tifosi milanisti. A Firenze, nel giugno del 1989, la Fiorentina sfida il Bologna. Alcuni teppisti lanciano una molotov sul treno che sta riportando a casa i bolognesi: l esplosione sfigura in pieno viso il quattordicenne Ivan Dall Olio. Nel 2001, il messinese Antonio Currò, 24 anni, muore dopo l esplosione di una bomba carta in Messina-Catania. Nel 2003 allo stadio Partenio, nella partita Avellino-Napoli, le curve si scontrano con violenza disumana. Sergio Ercolano finisce in un fossato, sbatte la testa e muore a soli 20 anni. In Italia, finora, l unica risposta trovata per arginare il fenomeno del tifo violento è stata l adozione di misure sempre crescenti di ordine pubblico. In questo modo si è delegato alle Forze dell Ordine il compito di contenere, reprimere e punire il tifo violento. Il risultato, però, non è stato quello sperato. La tensione intorno ai campi da gioco è aumentata, il conflitto ha trovato una nuova dimensione: non più (o non tanto) tra ultrà delle opposte tifoserie, ma tra ultrà e Forze dell Ordine. In questo senso, l idea di istituzionalizzare i supporter con la cosiddetta Tessera del tifoso ha avuto risvolti tutt altro che felici. «Tesserato infame dichiarato», «Abbonato servo dello Stato»: con questi slogan sinistri, gli ultrà (che la tessera non l hanno mai fatta, eppure ogni domenica riescono ad intrufolarsi in curva) hanno ormai dichiarato guerra allo Stato. IL TIFO Piazza del Campo si riempie per assistere alla corsa. A fianco, i cavalli delle Contrade dell Onda e della Selva Lorenzo d Albergo Il canape è appena caduto: le contrattazioni tra i fantini sono concluse. Ora bisogna solo domare al meglio le fiammanti monoposto dal motore impazzito. I cavalli, cavalcati rigorosamente a pelo, senza sella, sono quasi incontrollabili: il bibitone, un mix di sostanze eccitanti, li trasforma in schegge impazzite. Negli attimi che precedono l inizio della corsa, qualcuno ha venduto il suo onore per poche migliaia di euro e ne dovrà render conto a fine palio ai contradaioli che lo hanno ingaggiato, qualcun altro ha provato ad assicurarsi la gloria a suon di bigliettoni. Gli zoccoli scalpitano sulla terra di Piazza del Campo, che per 60 interminabili secondi trattiene il fiato. D altronde del possibile esito della corsa si è parlato per dodici mesi e si parlerà per tutto il prossimo anno. Funziona Il Palio di Siena: un esempio di scontro fra contrade che si ripete da sempre Ventre a terra per essere amici così dal 1644, due volte l anno nel periodo estivo. Il racconto del Palio di Siena potrebbe fermarsi ai retroscena (neanche fosse organizzato in transatlantico) che i telecronisti Rai snocciolano in diretta nazionale, agli accordi economici sottobanco, alle gelosie e alle botte da orbi tra contrade rivali. Ma la competizione tra rioni nasconde qualcosa di più. Lo sa bene Gianluca, 29 anni, un adolescenza e un infanzia passata sotto i colori dell Istrice. Al termine di una delle tante riunioni alle quali il contradaiolo doc deve essere presente, racconta perché, se sei nato a Siena, al Palio non si sfugge: «È un esperienza totalizzante. Se guardo alla storia personale di alcuni dei miei compagni, mi accorgo che qui, senza partecipare alle attività organizzate dalla contrada, sarebbe difficile farsi una vita». Già, perché dal servizio di pre e post-scuola alla discoteca pomeridiana per i liceali, tutto passa per i colori che si sceglie di difendere e sostenere, «e se ne sei fuori, a una certa età è perfino più difficile trovare un lavoro in città». Così, le 17 contrade, a volte consorelle, più spesso nemiche, che si spartiscono la città smettono di essere un pittoresco residuato tardo rinascimentale. L appartenenza a una di queste, che sia la poco invidiata nonna o la fresca vincitrice del palio, rappresenta il cartellino da visita del vero senese. Qualcosa che differenzia da chi vive fuori dalla cinta muraria della cittadina toscana. Un unità che traspare anche nel racconto di Mario, della contrada della Chiocciola: «Anche gli scontri tra ragazzotti, le rimbossolate al limite tra due territori nemici, fanno parte del palio. Ricordo di essermi scontrato con tanti amici della Tartuca, amici veri, e certo non ci si risparmiava. Poi, a Palio finito, ci si ritrovava al bar di confine e ci si offriva da bere». Insomma, come scriveva il poeta fiorentino Mario Luzi, «Il Palio è il Palio. Nessuna interpretazione sociologica, storica, antropologica, potrebbe spiegarlo. Sublimazione e dannazione insieme del fato in ogni singolo senese e della sua cittadinanza. Rogo furente della senesità, in ogni caso impareggiabile conferma di essa». Dietro a quei due minuti di corsa forsennata per portarsi a casa il Palio e il piatto d argento in cui si fa mangiare il ronzino vincente, si nasconde una Siena più complessa di quello che il telespettatore medio può immaginare. Una città diversa da tutte le altre, con il suo particolarissimo tessuto sociale, nel quale prima di potersi definire senese, bisogna essere contradaioli. 6 9 Settembre 2011 Reporter

7 Cucina & Cinema Il super-chef Colonna: «C è un posto per tutte le regioni nella squadra azzurra del piatto» Ma il mio Totti resta il cacio e pepe Per questo ho il titolo di Ottavo re di Roma. No alla guerra olio-burro Andrea Andrei «Partire dalle proprie origini. Sempre. Poi cavalcarle e diventare cittadini del mondo. Pensare locale e agire globale». È la sua ricetta migliore, quella più importante. E dire che lui, di ricette, se ne intende. Eh sì, perché Antonello Colonna, uno dei più grandi chef italiani, è partito dalla cucina romana con la quale è cresciuto, l ha re-interpretata e ha conquistato il mondo. Ha aperto locali a New York, ha partecipato e organizzato eventi di portata internazionale. Eppure, in barba a qualsiasi snobismo, la cosa di cui va più fiero è una: «Mi chiamano l ottavo re di Roma, per il mio cacio e pepe». Lei è considerato uno degli ambasciatori della cucina negli Stati Uniti. Se dovesse scegliere un piatto che rappresenti al meglio il gusto tipico della cucina italiana, quale sceglierebbe? «Nel mondo, l amatriciana e la carbonara sono dei capisaldi. Lo dico sempre: l amatriciana sta al Pantheon DELIZIE Lo chef Antonello Colonna, il Cacio e Pepe e un interno del suo ristorante nel palazzo delle Esposizioni a Roma come la carbonara sta al Colosseo. Qualsiasi tour operator mostrerebbe a un turista questi due monumenti. Difficilmente, nell illustrare le meraviglie dell Italia culinaria, si parla del risotto alla milanese». Diciamoci la verità, lei è un po di parte... «Se fossi stato un artista e se fossi nato in Tibet, le mie opere avrebbero preso ispirazione dai quei luoghi, da quella cultura. Io ho ereditato la cucina romana, che di per sé non è un patrimonio particolarmente raffinato. È il popolo. È il pastore, che cucinava con quello che aveva a disposizione per sostentarsi, non per fare alta cucina. Più che essere di parte faccio marketing. Devo per forza parlare male del ragù alla bolognese, no?». A proposito di contrasti, la sfida fra la cucina del nord e quella del sud si potrebbe riassumere in burro contro olio. Lei da che parte sta? «Se unissimo nord, centro e sud, avremmo una squadra con la quale potremmo sfidare il mondo intero. Coinvolgendo i miei più grandi colleghi del Piemonte, della Lombardia, del Friuli, dell Emilia, della Toscana, del Lazio, della Campania della Calabria, della Sicilia. L unione di queste forze rappresenta un patrimonio inestimabile, degno della tutela dell Unesco. Certo che se poi dovessimo giocare un campionato nazionale a sedici squadre, sicuramente difenderei il mio olio dal burro. Ma dal punto di vista di un professionista, non è possibile parlare male del burro. È esattamente quello contro cui combatto ogni giorno». Con tutti questi localismi in cucina, come fa a mettere d accordo i gusti delle persone? «Mettere d accordo i gusti della gente è difficile. La cucina è una scienza che non ha mai avuto punti fermi. È stata sempre fatta da interpretazione. Certo, oggi, con la commercializzazione della cucina, c è l illusione che chiunque possa essere un cuoco. Così come, nel calcio, tutti si sentono allenatori. La cucina, purtroppo, da questo punto di vista è diventata un elettrodomestico». Dai maestri del neorealismo le mille immagini e realtà che ci raccontano Film, tessere del mosaico Italia La Roma di Rossellini e Visconti e gli emuli di oggi Chiara Aranci La Sicilia di Visconti, la Roma di Rossellini e quella di De Sica, le risaie delle campagne vercellesi di De Santis, le diverse ambientazioni geografiche di Paisà di sempre di Rossellini, la Milano di Antonioni sono spaccati dell Italia di quegli anni. Ognuno ne ritrae un angolo e gli italiani iniziano a conoscersi senza doversi spostare. Il neorealismo è stato una vetrina dell Italia divenuta patrimonio del cinema mondiale e i nostri divi di allora, icone senza tempo. Ci ha messo davanti un Italia in divenire, segnata dall esperienza della guerra ma con volontà di riscatto. Le storie narrate ci hanno fatto emozionare, sognare e sperare, ma soprattutto credere che nonostante tutto, si poteva andare avanti e costruire un Italia diversa. Andare al cinema negli anni 50 e 60 era un evento molto sentito per chi andava, con la propria famiglia o con gli amici. Le emozioni davanti ai capolavori indiscussi di quegli anni erano autentiche, e dal nord al sud l Italia era unita nel nome di Visconti, De Sica, Antonioni, De Santis, Rossellini e dei grandi attori che quel momento ci ha regalato. L Italia di quei film raccontava la realtà, fatta di miseria e dramma ma anche quella delle persone comuni, che cercavano con un sorriso di rappresentare l enorme sforzo e impegno che il bel Paese stava facendo per riprendersi dalla guerra. I bambini vengono utilizzati dai registi per dire ai grandi cosa fare, le ambientazioni sono girate per la maggior parte in esterni nelle campagne desolate, o nelle città ancora martoriate dalla guerra. Per gli interni si ricorre agli studi di Cinecittà, che diviene il perno su cui grandi registi si incontrano e si scontrano, dove riflettono sulla poetica cinematografica e sugli stili da adottare. Così i film del neorealismo divengono le Nella Grande Guerra di Monicelli i contrasti di campanile si stemperano in un ideale comune a esaltazione della Patria mille tessere del mosaico Italia. Il movimento neorealista fu d ispirazione per i registi della nuova generazione: Fellini come Pasolini. Seppure profondamente diversa la loro produzione è spiccatamente diversa, entrambi hanno attinto a quel periodo per poi fare cinema a proprio modo. Dalle commedie recenti come Basilicata Coast to Coast di Rocco Papaleo, dove viene ritratta una regione bella quanto inesplorata come la Basilicata che fa da sfondo in un avventura di alcuni amici che decidono di attraversarla come fosse la leggendaria route 66 americana, coast to coast, come pure Respiro del giovane Emanuele Crialese, ambientato nella splendida isola di Lampedusa, ritraggono l Italia di oggi con le sue paure, le sue ansie ma pur sempre con una fotografia che riempie d orgoglio l essere italiani. E come dimenticare il campione d incassi dello scorsa stagione Benvenuti al Sud di Luca Miniero, un frizzante ritratto dell italianità dal nord al sud. E dal passato rimane attuale l insegnamento dell intramontabile La Grande Guerra di Mario Monicelli. Nel film due grandissimi del nostro cinema, Albero Sordi e Vittorio Gassmann, dando un calcio al campanilismo, interpretano due commilitoni, un romano e un milanese, chiamati a combattere nella Prima guerra mondiale. Diversi di carattere e di origini i due sono uniti dalla mancanza di qualsiasi ideale e dalla volontà di evitare i pericoli della battaglia per salvare la pelle. Ma quando ci sarà da salvare la Patria, non si tireranno indietro e fieri del loro essere italiani, si immoleranno per la nobile causa. E allora che si parli pure di campane e campanilismi. Ci piace sentirci e riconoscerci diversi davanti agli altri, ben consapevoli che in certi momenti le campane possono tacere. NEOREALISMO Gassman e Sordi ne La grande guerra REALTA I protagonisti di Basilicata coast to coast Reporter 9 Settembre

8 All Estero Tanti i campanili nel mondo, ma a volte come in Spagna e in Irlanda sfociano nel terrore Ventisei cantoni e c è anche di peggio E nelle barzellette lo sciocco è sempre l altro. Presi di mira gallesi e polacchi Emiliana Costa Con ventisei cantoni e quattro lingue nazionali, la Svizzera ha conquistato negli anni la palma di paese europeo più campanilista. E se questo primato può far storcere il naso a qualcuno, il nostro vicino d Oltralpe non se ne cura, vantando un caleidoscopio di culture e tradizioni diverse, specchio e orgoglio di ogni singolo campanile elvetico. Dalla provincia di Berna - la più estesa con i suoi seimila chilometri quadrati al minuscolo semicantone di Basilea. Tra le ricorrenze più celebri, la festa del tiro di Aarau, la manifestazione federale dei costumi a Svitto e quella dei tamburi e pifferi a Interlaken. Ma gli otto milioni di abitanti svizzeri non sono gli unici detentori, nel vecchio continente, di un multiculturalismo cresciuto all ombra del campanile. Anche in Gran Bretagna, a quattro ore di treno dalla capitale, fiorisce una storica civiltà celtica cresciuta nel grembo della corona britannica. Si tratta della Scozia, una regione dagli usi e costumi completamente diversi da quelli dei cugini londinesi. Guai a confondere un inglese con un abitante di Edimburgo, potrebbe sembrare a quest ultimo quasi un insulto. Gli scozzesi tengono molto alla loro bandiera, sotto la quale sono germogliate una serie di variopinte tradizioni. Dalla cornamusa - lo strumento aerofono a sacco, dal suono inconfondibile ed emozionante - ai raduni delle Highlands, giochi durante i quali i concorrenti si sfidano al tiro alla fune, al lancio del martello e a gare di atletica leggera. Senza dimenticare l inimitabile kilt, il gonnellino a quadri inventato nel 700 da Thomas Rawlinson e oggi indossato, soprattutto, durante le cerimonie Guai a confondere un inglese con un abitante di Edimburgo, potrebbe sembrare allo scozzese quasi un insulto ufficiali. Dal campanile culturale si scivola facilmente in quello dello sfottò. Se gli inglesi considerano irlandesi, scozzesi e gallesi troppo ruspanti e bevitori incalliti, gli americani non hanno fatto sconti agli amici polacchi, dipingendoli come sciocchi e poco istruiti. Mentre i francesi hanno inventato una serie infinita di barzellette sul poliglotta popolo belga. Ci sono, però, delle volte in cui l attaccamento eccessivo a una bandiera sfocia nel sangue. E il caso del terrorismo basco propugnato dall Eta. Dal 1958 a oggi l organizzazione armata ha compiuto numerosi attentanti in nome della secessione dal governo spagnolo. Stessa sorte per l Irlanda del nord, dove da anni gruppi di scissionisti lottano per l indipendenza da Londra. Tragica la situazione nella regione sudanese del Darfur, piegata da un interminabile conflitto contro l esercito lealista. In Sri Lanka la guerra civile è terminata tre anni fa. In questo caso il governo cingalese avrebbe avallato un vero e proprio genocidio per impedire la creazione di uno stato Tamil nel nord del paese. TRADIZIONI Dall alto, la festa del tiro ad Aarau in Svizzera e suonatori di cornamusa agli Highlands games in Scozia Un caso a sé negli Stati Uniti. Qui la sfida è il primato nelle università In lizza Nobel, sport, presidenti E per Harvard, Barack Obama vale doppio punteggio Ilaria Del Prete Non è difficile individuare per le strade di Roma un americano che abbia fatto il college. Si distinguono per il loro abbigliamento. Dal cremisi delle t-shirt di Harvard, al blu di quelle di Yale, al giallo oro delle felpe di Berkeley, gli statunitensi sfoggiano con fierezza i simboli della loro università di appartenenza. Come se in quegli indumenti feticcio fossero racchiuse le loro origini e il loro orgoglio. In un paese in cui i campanili da far suonare sono pochi, il campanilismo assume forme ben diverse da quelle consuete, e anziché essere espressione dell attaccamento alla propria città d origine si trasforma in celebrazione delle università che si frequentano o si sono frequentate. Così come in Italia esistono le rivalità tra contrade o fazioni opposte di una stessa area geografica, in America la competizione si sviluppa tra campus e campus. La battaglia più aspra è senz altro quella tra Harvard e Yale, due delle più ambite All attacco Crimson verso Bulldogs nella sfida del The Game università della Ivy League (lega che accomuna gli otto atenei privati più prestigiosi dello stato). Acerrimi nemici nelle competizioni sportive, i Crimson e i Bulldogs si sfidano ogni anno alla fine del campionato nel The Game, la partita di football più attesa dagli allievi delle due rivali: vincere questo match è di gran lunga più importante che ottenere un punteggio più alto nell intero campionato. Altro terreno di sfida tra le due storiche università è la Harvard- Yale Regatta: la sfida in canoa tra gli allievi è la competizione sportiva studentesca più antica degli Usa. Attualmente, gli studenti di Harvard sembrano i più in forma, detengono infatti il titolo annuale per The Game e, con 91 vittorie, il record per le regate. Ma non è solo lo sport a infervorare gli animi di studenti, accademici e alumni (gli ex allievi). C è accesa rivalità anche sui grandi cervelli, e la guerra si combatte a colpi di premi Nobel. In realtà esistono diversi criteri per conteggiare il numero di studiosi insigniti del premio, ed è dunque difficile stabilire quale università detenga il primato. Se si prendono in considerazione non solo i laureati e i ricercatori di un ateneo, ma anche i suoi insegnanti (sia premiati durante il periodo di docenza che prima o dopo), la prima in classifica è la Columbia University di New York, con 97 premi Nobel divisi nelle sei sezioni previste dal riconoscimento dell Accademia di Svezia. Seguono, con 88, l Università di Chicago, e con 77 il Mit, Massachusetts Institute of Technology. Se alla Columbia ha studiato il filosofo Bertrand Russell, premio Nobel per la letteratura nel 1950, a Yale ha insegnato l economista Joseph Stiglitz (che però si è laureato al Mit), premiato nel Infine, motivo di fregio sono i presidenti americani che si sono formati in un ateneo anziché un altro. È ancora una volta Harvard ad avere il primato: l ultimo leader è Barack Obama, anche premio Nobel per la pace nel I CUGINI INGLESI Sempre più Oxford-Cambridge Oxford e Cambridge, due facce dell eccellenza universitaria made in England. La sana rivalità che vige tra i due atenei è pari solo alla loro antichità, e si manifesta sia tramite le classifiche annuali stilate dalla commissione paragovernativa Research Assessment Exercise - in cui ormai Cambrige ha sorpassato Oxford - sia nella competizione sportiva. Anche in madrepatria come negli Usa a decretare il migliore tra i due è la Oxford-Cambridge Boat Race, la gara di canottaggio che anima le acque del Tamigi con le vogate di otto atleti per squadra. Il titolo nel 2011 se l è aggiudicato Oxford, ma Cambridge rimonta sui premi Nobel: 87 a 57. I. D. P. Reporter Settimanale della Scuola Superiore di giornalismo Massimo Baldini della LUISS Guido Carli Direttore responsabile Comitato di direzione Direzione e redazione Stampa Amministrazione Roberto Cotroneo Sandro Acciari, Alberto Giuliani, Sandro Marucci Viale Pola, Roma tel fax Centro riproduzione dell Università Università LUISS Guido Carli viale Pola, Roma Reg. Tribunale di Roma n. 15/08 del 21 gennaio Settembre 2011 Reporter

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005

ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005 ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005 Storie lunghe un binario E Tickets il titolo del film che Olmi, Kiarostami e Loach hanno firmato insieme. Lo hanno presentato al Festival del Cinema

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI)

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) CONTENUTO Ogni scatola comprende: 1 tabellone rappresentante l Europa suddivisa in 6 Imperi e 44 Territori,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

La sicurezza di Internet sei tu

La sicurezza di Internet sei tu La sicurezza di Internet sei tu Modena, 21-10-2011 Michele Colajanni Università di Modena e Reggio Emilia michele.colajanni@unimore.it http://weblab.ing.unimo.it/people/colajanni Le 3 dimensioni + 1 Tecnologie

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI

INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI In apertura di serata Alfredo Salzano, chiamato a moderare la conferenza, ha voluto ricordare

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE CENTENARIO DELLE TREGUE DI NATALE Venerdì 25 dicembre 1914, Belgio, settore settentrionale del fronte occidentale, trincee delle Fiandre, sud di Ypres: è il primo Natale

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano CARLO LUCARELLI PPP Pasolini, un segreto italiano Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano 2015 by Carlo Lucarelli Published by arrangement with Agenzia Letteraria Roberto Santachiara

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

ndrea Ribaldone COmpany ilosofia, stile e verità el buon cibo italiano

ndrea Ribaldone COmpany ilosofia, stile e verità el buon cibo italiano ndrea Ribaldone COmpany ilosofia, stile e verità el buon cibo italiano ARCO SRL La A e la R nel nome della società sono le mie iniziali, Andrea Ribaldone. Nella vita faccio il cuoco. Con orgoglio, posso

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA.

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. AIRC. DA OLTRE 40 ANNI LA NOSTRA FORZA SONO LE TANTE PERSONE CHE CREDONO IN NOI. Dietro la sigla AIRC ci sono quasi due milioni di soci

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Comunicato stampa venerdì 13 gennaio 2012 INCHIESTA DELL ASSESSORATO AL TURISMO SUL NATALE APPENA TRASCORSO: I CITTADINI RISPONDONO In conclusione del Natale, il Comune

Dettagli

Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014

Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014 Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014 La Settimana Italiana è ormai un appuntamento fisso nell estate di Francoforte sul Meno, la capitale economica della Germania.

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di?

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? Scuola: secondaria di primo grado di Sappada e di Candide Classi: III OBIETTIVO: Individuare le attitudini degli alunni che sceglieranno la futura scuola superiore.

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it

Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it e Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it Mercoledì 16 aprile 2014 Sala Collina, Sole 24ore Fondato a Milano da Angelo Maria Perrino l 11 aprile 1996, è il primo quotidiano online d Italia.

Dettagli