Gemma Fiocchetta e Federico Ballanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gemma Fiocchetta e Federico Ballanti"

Transcript

1

2

3

4 Programma Leonardo da Vinci New Education Technology in Music Field Nuove Tecnologie in Campo Educativo Musicale a cura di Gemma Fiocchetta e Federico Ballanti

5 Anicia srl Via San Francesco a Ripa, Roma Tel Progetto grafico E Tre Consulting - Patrizio Bonini Programma settoriale Leonardo Da Vinci Programma per l apprendimento permanente Progetti multilaterali di Trasferimento dell innovazione TOI Progetto n LLP-LDV/TOI/2007/IT/178 NET MUSIC Project 01 New Education Technology in Music Field Nuove Tecnologie in Campo Educativo Musicale II progetto è stato finanziato con il sostegno dell Unione Europea. Il contenuto del presente progetto non riflette necessariamente la posizione della comunità Europea o dell agenzia nazionale e non impegna in alcun modo la loro responsabilità. Consulenza e organizzazione Sintagma Srl - Foto e immagini: Andrea Baldini - Paolo Margoni Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci

6 Nuove Tecnologie in Campo Educativo Musicale Sommario Introduzione Il progetto NET MUSIC 01: diffondere in Rete le pratiche innovative di Musinet 9 Gerardo De Luca Comunità paritarie di insegnanti e studenti: sperimentare una nuova dimensione per l educazione europea tra musica e ICT 13 Gemma Fiocchetta Reti e creatività. NetLabel NetAudio NetMusic 27 Federico Ballanti Musica e tecnologie digitali. Quali prospettive per gli insegnanti e gli studenti 37 Roberto Neulichedl Usare le tecnologie per la musica a scuola: il quadro europeo 49 Gerhard Sammer, Marina Gal, Nick Breeze L innovazione tecnologica nella formazione musicale in Italia. L apporto del progetto Net Music Silvio Relandini Industria e scuola: i software per la produzione musicale a servizio della scuola del futuro 89 Andrea Pozzi Percorsi di apprendimento per la musica nel Web Marcus Clements L ambiente collaborativo di NET MUSIC 01 e l interazione studente insegnante on-line 105 Fabio Vitali, Francesca Damiano Appendice I Partners 217 Le istituzioni che hanno partecipato alla sperimentazione e che hanno sottoscritto accordi di rete 225

7

8 New Education Technology in Music Field Contents Introduction NET MUSIC 01 project: transfering over the Internet the successful practices model of Musinet 117 Gerardo De Luca Peer communities of teachers and students: testing a new dimension of european education between music and ICT 121 Gemma Fiocchetta Web and music production. NetLabel NetAudio NetMusic 135 Federico Ballanti Music and ICT. Future prospects for teachers and students 145 Roberto Neulichedl Using music software at school: the European framework 155 Gerhard Sammer, Marina Gal, Nick Breeze Technologic innovation in Italian music education. Contribution of the Net Music 01 project 179 Silvio Relandini Industry and education. Music production software to support tomorrow s education 191 Andrea Pozzi Learning path for computer music production using web Marcus Clements The collaborative platform of NET MUSIC 01 and the teacher-learner interaction online 207 Fabio Vitali, Francesca Damiano Appendix Partners 217 List of institutions which were involved in the testing phase and signed network agreements 225

9

10 9 Introduzione Il progetto NET MUSIC 01: diffondere in Rete le pratiche innovative di Musinet Gerardo De Luca ITCG A. Deffenu Come Dirigente Scolastico dell ITCG Deffenu di Olbia, che negli ultimi dieci anni ha svolto, per mia personale convinzione pedagogica, un ruolo preminente nella realizzazione di molteplici Progetti europei di riqualificazione di tutto il complesso di professionalità, tecnologie, metodologie che agiscono sul processo dell Educazione all interno della scuola, sono particolarmente orgoglioso dei risultati, che qui presentiamo, del progetto di diffusione europeo NET MUSIC 01. Da un lato perchè si ricollega, in un arco non solo simbolico, al progetto MUSINET, che nel 2001 ha permesso, in tutta Europa, di accorgersi del grande cambiamento avvenuto tra i giovani nel rapporto tra apprendimento e passione, tra piacere di fare e dovere di apprendere, un cambiamento spontaneo legato alla fusione tra due tecnologie entrambe molto amate, i computer e la musica. Dalla fine degli anni Ottanta e per tutti gli anni Novanta prima i musicisti e poi i giovani, hanno iniziato a celebrare un matrimonio sempre più stretto tra tecnologie digitali e musica, sul piano dell esecuzione prima e della registrazione poi. L avvento di software sempre meno esoterici e poi di Internet hanno favorito successivamente una naturale diffusione di pratiche comunitarie e di creazione di legami a distanza centrati su passioni ed interessi comuni. MUSINET intercettò per primo questi comportamenti ed il progetto ebbe un risalto ed un successo tale da essere selezionato dalla Commissione Europea a Maastricht nel 2004 come miglior progetto Leonardo da Vinci in ambito educativo realizzato nel nostro paese. NET MUSIC 01, riprendendo MUSINET, doveva allargarne gli orizzonti e, soprattutto, aggiornarne metodologie, obiettivi e strumenti. Ecco perchè sono orgoglioso di presentare, in questo volume e nel sito internet del progetto, i risultati di questo ideale proseguimento di quel progetto e delle sue straordinarie risultanze. Cosa ha motivato l adozione di questo progetto di diffusione? Diffondere in Rete le pratiche innovative di MUSINET, il suo modello tecnologico, il suo pensiero edu-

11 10 NET MUSIC Project 01 - Nuove Tecnologie in Campo Educativo Musicale cativo. Ma, ancora di più, volevamo sperimentare l adozione delle tecnologie digitali e di strumenti del web 2.0 nell educazione musicale come archetipo di un cambiamento pedagogico. Net Music 01 e la scuola europea dovevano incontrarsi per comprendere se un trasferimento a sistema, in un prossimo futuro, potesse essere realizzabile. O almeno seriamente ipotizzabile. La mia personale risposta, confortata dai risultati che qui presentiamo, è che l esperimento è riuscito ed i suoi esiti sono confortanti. Le ragioni di questo progetto sono presto dette. Una necessità improrogabile di aggiornamento dell educazione alla diffusione di nuovi comportamenti e di nuove possibilità. Una necessità culturale, prima, e sociale poi. Il mondo è cambiato enormemente dal 2001 ad oggi. Ed anche le pratiche giovanili. Utilizzando la musica come medium referenziale primario, i giovani hanno spinto le grandi multinazionali del disco, della telefonia e della rete a cambiare le prassi tecnologiche e commerciali. Orizzonti aperti, tecnologie aperte, utilizzazione aperta di reti, software e strumenti hanno portato a Twitter, Facebook, all Ipod e all Mp3, al Web 2.0 e alla nascita di reti transnazionali spontanee. In tutto questo gigantesco spostamento di pratiche e strumenti la scuola ha bisogno di agire, di progettare, di inventare, altrimenti rischia di restare indietro, alla ricerca di una sua possibile collocazione nel mondo mutante guidato dalle passioni dei singoli e dagli strumenti di conoscenza collettiva oggi disponibili. Questi cambiamenti radicali, intervenuti nell arco temporale che va da MUSINET a NET MUSIC 01, sono i veri motivi del nostro impegno progettuale. Dovere dei pedagoghi è di servire i loro allievi nel percorso difficile e tormentato della conoscenza. Il nostro dovere di insegnanti era ed è quello di favorire l apprendimento dei nostri studenti, intercettando bisogni e passioni, riconducendoli alla realtà scolastica ma non reprimendoli. Nei progetti europei potevamo sperimentare nuovi scenari operativi, nuove metodologie di insegnamento, mettendo in pratica dei possibili percorsi alternativi che un domani potrebbero essere utilizzati come riferimento per la scuola europea del futuro. I giovani hanno adottato la Rete come veicolo primario di conoscenza e di socializzazione, e la musica è uno dei protagonisti del nuovo contesto reticolare di amicizie, scambi, esperienze. Il progetto NET MUSIC 01 ha ripreso lo spirito di MUSI- NET per sperimentare, all interno di Reti di esperti, di insegnanti e di studenti, in maniera sistematica e basando tutto sulla RETE (questo è importante e va sottolineato) la possibilità di una immaginaria scuola del futuro. Un ambiente paritario che non annulla le differenze professionali e i ruoli, ma che permette di insegnare secondo metodologie innovative, tra pari, all interno di ambienti protetti in Rete, adottando una filosofia di insegnamento e apprendimento al passo con la velocità e l accuratezza delle strumentazioni contemporanee. L educazione, e la scuola come agente primario dell educazione, sono ancora lon-

12 Introduzione G. De Luca 11 tani dall aver adottato le nuove tecnologie, ma soprattutto i nuovi comportamenti (perchè le tecnologie sono sempre al servizio delle attitudini e dei comportamenti, ed in ultima analisi dei bisogni) delle generazioni Net 2.0. Non sono però lontani dall aver compreso che questo è il terreno critico su cui giocare una battaglia di rinnovamento e di modernizzazione. Ed il nostro progetto ha voluto essere, in qualche modo, una sorta di sonda lanciata nel futuro, per cominciare a comprenderlo, ad esplorarlo e, forse, ad individuare delle possibili strategie. Nel presente volume i nostri partners, coordinati dalla prof.ssa Gemma Fiocchetta, che ha seguito i progetti europei del nostro istituto con occhio vigile e severo ma che ha, soprattutto, stimolato e guidato i gruppi di lavoro, illustrano nei dettagli gli scenari analizzati, gli scenari intravisti, il futuro possibile. Dall Italia dei Conservatori e delle scuole di musica fino alle più grandi e lontane realtà istituzionali e private dei 25 Paesi europei che hanno contribuito al progetto, dalle più sofisticate tecnologie di Rete sperimentate dai partner tecnologici italiani ed inglesi del progetto, fino alle Università e alle reti di insegnanti coinvolte nella creazione, realizzazione e analisi della sperimentazione, tutto in NET MUSIC 01 ha avuto il sostegno della passione e dell esperienza ma anche il sapore di un avventura in territori incogniti. Spero che il mio entusiasmo per i risultati conseguiti sia anche il vostro. Gerardo De Luca Dirigente Scolastico ITCG Deffenu Olbia, settembre 2009

13

14 13 Comunità paritarie di insegnanti e studenti: sperimentare una nuova dimensione per l educazione europea tra musica e ICT Gemma Fiocchetta MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Libero da fastidiosi calcoli, il compositore può ora dedicarsi maggiormente ai problemi generali posti dalla nuova forma musicale ed esplorare le pieghe e gli angoli di questa forma modificando i valori dei dati iniziali. Per esempio può provare tutte le combinazioni strumentali che vanno dagli strumenti solisti alle orchestre da camera e alle grandi orchestre. Con l aiuto dei calcolatori il compositore diventa una specie di pilota che preme su alcuni pulsanti, introducendo coordinate e sorvegliando i quadranti di un vascello cosmico in navigazione nello spazio dei suoni attraverso costellazioni e galassie sonore che prima poteva intravedere solo da lontano nel sogno 1 Il suono prodotto e condiviso, il suono che attraversa la rete e crea legami e contaminazione tra culture diverse e distanti, il suono accessibile e riproducibile. E, ancora, la scuola, la didattica della musica e quella delle tecnologie, l espressione creativa come risorsa, il social network, l interazione tra saperi e pratiche formali ed informali, sono solo alcuni degli elementi che caratterizzano l ambito di ricerca e di intervento educativo messo in campo attraverso il progetto Leonardo da Vinci TOI Net Music 01, che nasce per trasferire nell ambiente educativo collegato alla musica, del nostro paese, prodotti, pratiche e processi, costruiti a partire dal 2001 con il progetto Leonardo da Vinci Musinet. Conservatori, Università, Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, Scuole di musica, sistema della FP (Formazione Professionale), la pluralità di soggetti e contesti educativi dove è possibile utilizzare le tecnologie digitali a supporto dell apprendimento e dell insegnamento della musica, hanno costituito, perciò, il variegato universo oggetto dell intervento collegato a Net Music 01 negli ultimi due anni. Più in particolare Net Music 01 ha voluto offrire ad insegnanti e studenti, inseriti nei diversi contesti formativi del nostro paese, la possibilità di conoscere ed impie- 1 Iannis Xenakis, Musica Architettura, Spirali Edizioni1982, pp.28.

15 14 NET MUSIC Project 01 - Nuove Tecnologie in Campo Educativo Musicale gare in una prospettiva di innovazione ed in maniera consapevole, nuovi ed sofisticati strumenti operativi e culturali per l educazione musicale di base e avanzata. Ciò ha significato per molti insegnanti e studenti presenti in Università, Conservatori, Istituzioni scolastiche, sistema della FP, la concreta possibilità di conoscere e sperimentare l uso delle TD (Tecnologie Digitali) nell educazione musicale, di accedere alla loro dimensione concettuale e operativa, di riflettere sui nuovi paradigmi, didattiche, metodologie, strumenti di intervento collegati all esperienza educativa musicale mediata dalle TD e dalla rete. La ricerca e la definizione del contesto di riferimento Nei primi mesi di sviluppo del progetto attraversare la rete alla ricerca di elementi comuni e di approcci diffusi nella presenza di tecnologie digitali nella scuola europea ci ha permesso di rilevare le prime dimensione quantitative del fenomeno. Quasi una prima immersione nel grande oceano degli strumenti, delle prassi, della pedagogia della musica nel XXI secolo. È stata verificata e valutata la presenza di tecnologie sia a supporto dell attività didattica nelle classi che della formazione degli insegnanti di musica in servizio presso le scuole. Altri elementi di particolare interesse osservati sono stati quelli relativi agli obiettivi educativi, alle pratiche, agli aspetti culturali ed economici, alle dimensione dei fenomeni e alla loro specificità. I dati raccolti sono stati utilizzati come indicatori dell effettivo utilizzo delle ICT nell ambito dell insegnamento e dell apprendimento della musica nelle aule scolastiche. Nella prima fase d indagine sono stati analizzati i dati provenienti dai 25 paesi europei coinvolti nell indagine, mentre nella seconda fase l attenzione è stata focalizzata più nel dettaglio su alcuni specifici Paesi. La ricerca, in tutti i suoi momenti, ha costituito uno strumento conoscitivo inedito su una realtà praticamente sconosciuta. I risultati conseguiti, molto significativi per numero dei paesi indagati e per ricchezza dei dati rilevati, hanno permesso di conoscere e valutare con attenzione il panorama europeo della presenza delle tecnologie digitali nell insegnamento della musica e, perciò, di ricavare indicatori utili ad orientare e diversificare, a partire da un solido quadro di riferimento europeo, gli interventi collegati allo sviluppo delle diverse fasi di Net Music 01. Gli stessi risultati, insieme a quelli di uno stimolante studio di settore sulle prospettive d integrazione tra vecchi e nuovi modelli formativi basati sulle ICT in campo musicale, condotto in parallelo alla ricerca, hanno permesso, inoltre: a) di individuare elementi utili alla messa in campo di azioni congruenti alla effettiva realtà operativa e culturale delle istituzioni educative musicali del nostro paese; b) di individuare il quadro di sostenibilità tecnologica, economica e di processo delle azioni necessarie allo sviluppo del progetto; c) di definire gli elementi chiave del portale di Net Music 01 per la sua progettazione.

16 Comunità paritarie di insegnanti e studenti G. Fiocchetta 15 Il portale ed il piano di trasferimento Le tecnologie digitali sin dalla loro nascita hanno presentato una connaturata capacità di creare contesti condivisi e di essere strumenti di ingegneria sociale. Da strumenti e canali informativi subito si trasformano in spazi abitabili del pensiero e delle azioni umane, mediatori culturali, veri e propri ambienti nei quali agire. Il portale di Net Music 01 è stato ideato e progettato per integrare al suo interno più dimensioni dell agire e dell accesso alla conoscenza e alla formazione, quella della gestione individuale di contenuti formativi e informativi e quella dell accesso a pratiche di legame sociale comunitario nei loro aspetti sociali, culturali e tecnologici. Il portale di Net Music 01. perciò, è un ambiente di apprendimento esplicitamente progettato e costruito allo scopo di poter valorizzare, nell azione di trasferimento a sistema di prodotti e pratiche innovative in campo dell educazione musicale, la componente pedagogica delle dinamiche comunitarie. Nel Portale Net Music 01 è possibile accedere: ad una community integrata di insegnanti e studenti di Conservatori, Università, istituzione scolastiche, sistema della FP; a percorsi e materiali formativi e informativi per l uso di TD nell insegnamento della musica nei diversi ordini e gradi del sistema dell istruzione e dell F.P.; a piattaforme dedicate per lo scambio e la creazione di musica in remoto; ad applicazioni tecnologiche per la progettazione e l archiviazione condivisa di progetti/prodotti musicali (webcollab e repository di materiali didattici); a strumenti di valutazione delle competenze acquisite (questionari di autovalutazione delle competenze in entrata e in uscita); ad altri strumenti di discussione e condivisione quali Forum, blog etc. La molteplicità di funzioni ed azioni possibili, in fase di sviluppo, ha reso non certo irrilevante la problematica tecnologica. Nella progettazione del portale è stato innanzi tutto necessario individuare un modello tecnologico economicamente sostenibile e capace di supportare sia la funzionalità tecnica che l impianto pedagogico di una piattaforma indirizzata al trasferimento dell innovazione all intero sistema educativo e formativo collegato alla musica del nostro paese. La scelta di prodotti e tools da utilizzare si è subito orientata verso l open source. Oltre a quelle economiche, le ragioni principali di questo orientamento sono state le caratteristiche di maggiore adesione del software open source a standard aperti e, perciò, in grado di dare maggiori garanzie di interoperabilità con altri sistemi. La riflessione sull ambiente virtuale da realizzare è stata perciò sviluppata integrando il piano tecnologico e quello pedagogico nella direzione di un impiego delle tecnologie caratterizzata da: a. comunicazione aperta e libertà di condivisione; b. organizzazione avanzata e categorizzazione dei contenuti;

17 16 NET MUSIC Project 01 - Nuove Tecnologie in Campo Educativo Musicale c. varietà e complessità di azioni realizzabili in team di lavoro e progetto comune territorialmente dislocati; d. conoscenza e valorizzazione dei nuovi profili psicologici e le nuove mappe valoriali che orientano scelte, atteggiamenti e pratiche sociali, virtuali e reali, delle persone; e. possibilità di riconfigurazione in relazione ad ogni nuova acquisizione sul piano tecnologico e della comunicazione. Il portale di Net Music 01 per tutta la durata del progetto ha costituito lo spazio virtuale dell intera azione di sperimentazione, trasferimento a sistema e di diffusione dei risultati, messa in campo. Il piano di trasferimento, quello di sperimentazione e la costruzione delle reti di interesse sono, perciò, in stretta relazione/interazione con l impianto della piattaforma. Le reti complesse, come le reti sociali, quelle biologiche o Internet generano identità, costruiscono realtà, diffondono comportamenti e culture. Questa forma di aggregazione si basa sulla formazione di una cultura condivisa e su pratiche comuni, che orientano i partecipanti e sviluppano la comunità tramite un processo continuo di negoziazione del significato all interno della comunità stessa, come in ogni altra realtà sociale. La scommessa di Net Music 01 è stata quella di costruire network di interesse e di sperimentazione composti da insiemi di persone reali (insegnanti e studenti), presenti in settori diversi del sistema dell educazione e della formazione collegato alla musica del nostro paese, ed interessate ad interagire, a comunicare, ad apprendere, a giocare, a lavorare in rete intorno ad un interesse e ad una vocazione comune, in questo caso, quello dell educazione musicale. Costruite e coordinate da partner di settore presenti nel progetto (Siem, Midiware srl e Università di Bologna Alma Mater Studiorum) le reti di Net Music 01, quella della Scuola, quella dei Conservatori e Università e quella del sistema della Formazione Professionale, con i loro numerosi nodi sono stati l anima ed il riferimento vivo e pulsante di ogni attività. Il piano di sperimentazione messo a punto ha indirizzato l intera azione prodotta a target groups che fanno capo a tre diversi ambiti: settore Scuola; settore Conservatori e Università; settore Formazione Professionale. Settore A: Scuola Settore B: Conservatori e Università Settore C: Formazione professionale Per ciascun di questi settori sono state individuate delle reti di trasferimento, i cui nodi hanno operato in modo funzionale alla fase di sperimentazione:

18 Comunità paritarie di insegnanti e studenti G. Fiocchetta 17 Settore A: Scuola Settore B: Conservatori e Università Settore C: Formazazione professionale organizzazione delle reti nodi di rete 30 nodi 30 sezioni territoriali SIEM 9 nodi 6 Conservatori 3 Università 12 nodi 12 centri di Formazione professionale Proprio queste reti, con i loro rispettivi nodi, hanno svolto la funzione di vettori/catalizzatori del successo dell azione di trasferimento sin dal suo primo avvio. Nel corso del progetto la loro operatività è stata determinata e definita, in parte, da una serie di compiti/funzioni loro affidati (a seconda dell appartenenza dell utente afferente a uno o altro target groups) e stabiliti nei protocolli; dagli accordi di rete, ed infine, dall azione di supporto. Gli obiettivi di progetto relativamente alle composizioni del target e alla consistenza numerica dei partecipanti alla sperimentazione ristretta e allargata sono stati raggiunti nella loro interezza ed il dato più significativo è quello di aver a tutt oggi superato, nella fase di trasferimento a sistema, la percentuale massima del 10%, dell utenza nazionale collegata all insegnamento della musica, prevista in fase iniziale. Musica e tecnologia La sfida sociale del sec. XXI è legata a due fattori intimamente connessi, l apprendimento e le tecnologie. Tutti i dossier ed i report europei che indagano sul futuro delle nostre società e sulle sfide dell interconnessione crescente tra le economie

19 18 NET MUSIC Project 01 - Nuove Tecnologie in Campo Educativo Musicale del globo ci dicono che il futuro, sia esso economico, ecologico, sociale o culturale, è in massima parte giocato sul piano dell educazione e su quello delle tecnologie ad essa connesse. Gli impulsi al cambiamento che la Rete e le modalità di socializzazione, creazione ed apprendimento proprie di questi ambienti (reticolari, tra pari, aperte), hanno già introdotto nei sistemi formali dell educazione, negli ultimi anni, sono stati molteplici. Se osserviamo il sistema educativo oggi vediamo che la cosiddetta net generation è ormai entrata nella scuola e sta fortemente sollecitando il sistema al cambiamento. Inoltre, il crescente intreccio tra formale ed informale nei modi di apprendimento degli individui spinge a riconsiderare le forme e gli strumenti dell apprendimento. Riflettere ed intervenire sulla relazione tra educazione e apprendimento vuol dire perciò inevitabilmente soffermarsi sulle tecnologie e sulle prassi ad esse collegate che in questo momento, più di ogni altro fattore, ne consentono un radicale ripensamento. Significa, inoltre e soprattutto, parlare di reti e di logiche di network ad esse connesse. In particolare in ambito musicale quella introdotta dalle tecnologie digitali è un autentica rivoluzione. La musica digitale somma due comportamenti, quella del Mondo Digitale vero e proprio (informatica, computer, telematica) e quella della Musica. Il Mondo Digitale è autoreferenziale, una sorta di mondo parallelo a quello biologico nel quale viviamo come esseri viventi, e nel mondo digitale, ormai divenuto con internet una vera NooSfera o Infosfera (mondo della conoscenza e/o dell informazione), una parte di noi transita quotidianamente e in quel transito abita e vive. Il Mondo della Musica è sempre stato, come mondo dell Emozione, una zona privata e separata di spiritualità per molti popoli, legata al Sacro. Anche oggi, nonostante le apparenze, è proprio nel mondo della Musica che vengono sviluppate ed integrate le esperienze emozionali più segrete e profonde dei giovani della civiltà industriale. L unione dei due mondi nella Musica Digitale, quasi due metà di un unica Sfera, ha creato un cortocircuito creativo e sociale dagli esiti imprevedibili 2. Proprio qui è avvenuta una vera saldatura, integrazione tra Manualità e Spiritualità, tra Conoscenza ed Emozione, tra Tecnologia e Contenuti, poiché, tra le arti classiche, la musica è quella che maggiormente vede legata la sua storia alla storia del pensiero scientifico e della tecnologia. Come chiarisce Iannis Xenakis la programmazione dei computer, dà alla creazione sonora la stessa libertà infinita dei fenomeni metereologici, delle correnti marine o degli stormi degli uccelli migratori. Il pensiero musicale apprende simbolicamente dai processi naturali e usa la formalizzazione digitale riproducendone i processi la musica, ed il fare musicale, il comporre si trasformano in matrice di idee, di azioni energetiche, di processi mentali, riflessi a loro volta della realtà fisica che li ha creati e che ci sostiene, si trasformano in espressione delle visioni 2 F. Ballanti, Conoscenze e saperi interconnessi: apprendere ad essere musicisti in rete in G. Fiocchetta F. Ballanti (a cura di), MODEM. Modello per la produzione di musica in rete, Edizioni Anicia 2007, pp 30.

20 Comunità paritarie di insegnanti e studenti G. Fiocchetta 19 dell universo, delle sue onde, dei suoi alberi, dei suoi uomini, alla stessa stregua delle teorie fondamentali della fisica teorica, della logica astratta, dell algebra moderna 3. La musica elettro-acustica nasce con l elettronica stessa nel momento in cui ci si accorge che i dispositivi elettronici (altoparlante, circuiti oscillanti, filtri, amplificatori, etc.) realizzati con lo scopo di riprodurre a distanza e nel tempo voce e musica, possono essere essi stessi generatori di originali sonorità. Negli anni 60 la musica elettronica diventa musica informatica (o computer music). L uso del computer in questo settore porta ad una maggiore conoscenza del fenomeno acustico e psico-acustico e, dall analisi del suono nelle sue caratteristiche timbriche, si passa alla creazione di modelli matematici ed algoritmici per la sintesi del suono verso nuove sonorità e nuovi territori musicali da esplorare. Negli ultimi anni la combinazione dell ampia disponibilità degli strumenti di collaborazione, unita alla riduzione delle restrizioni di copyright ed alla diffusione dei portali di social networking sul World Wide Web (specialmente tra le generazioni più giovani), ha determinato un ulteriore radicale cambiamento alla fase di creazione e fruizione della musica. Mentre le generazioni passate hanno potuto fruire della musica tramite ascolto diretto e poi con radio, televisione, dischi e CD, i ragazzi ora associano la musica alla rete per loro la rete e l intero apparato digitale ad essa direttamente collegabile (ipod, smartphone), è il medium primario attraverso il quale poter fruire della musica. Allo stesso modo potrebbe (e forse dovrebbe) cambiare tutto lo scenario dell educazione musicale. Il mondo sta già vivendo un autentica rivoluzione per quanto riguarda la produzione e la diffusione musicale, questa stessa rivoluzione è destinata a trasferirsi nelle aule scolastiche ai contenuti, alle forme a alle pratiche dell educazione musicale. Tuttavia l educazione musicale, così come l educazione in genere, sta adottando questi nuovi modelli con più lentezza. Questo si deve in parte alla carenza oggettiva di buoni strumenti didattici offerti dalle tecnologie del Web 2.0, ed in parte al fatto che la maggior parte degli educatori non presenta una formazione specifica per interagire al meglio con le tecnologie e più in generale con le piattaforme di social networking. L ambiente di apprendimento collaborativo realizzato con Net Music 01 costituisce, perciò, per insegnanti e formatori una concreta possibilità di approdo a questa nuova dimensione cognitiva ed operativa del creare ed insegnare la musica. Una scommessa per l avvio della più imprevedibile delle trasformazioni dell espressione creativa musicale che questo secolo potrà operare. 3 Iannis Xenakis, op.cit.,p.17.

21 20 NET MUSIC Project 01 - Nuove Tecnologie in Campo Educativo Musicale L innovazione prodotta La componente pedagogica del rapporto musica e tecnologia e quella collegata alle dinamiche comunitarie sono alla base di Net Music 01 e dei processi messi in campo, negli ultimi due anni, attraverso l azione di sperimentazione del trasferimento. Volendo sintetizzare i risultati di questa esperienza in termini di innovazione prodotta e spendibile dagli insegnanti in ambito educativo è bene distinguere tra acquisizioni sul piano concettuale ed operativo ed acquisizioni sul piano delle competenze. La riflessione presentata è strettamente collegata all analisi dei dati rilevati nel corso della sperimentazione attraverso schede di rilevazione, accessibili on line nel portale di Net Music 01 e compilate, in ingresso e in uscita, da tutti i componenti dei diversi target groups che, hanno preso parte alle attività di progetto. Le maggiori acquisizioni sul piano concettuale ed operativo sono, quindi, riconducibili alla natura dell esperienza prodotta e vissuta (in termini tecnologici e di contenuti) da un campione molto esteso di docenti e studenti e, molto sinteticamente, possono essere riassunte come segue. I Contenuti L organizzazione personale e sociale dei contenuti formativi presenti nel portale, la collaborazione reciproca di docenti e studenti, un set di strumenti semplici e molto flessibili da utilizzare, hanno permesso di mantenere a pieno le promesse del Web. Come afferma Tim O Reilly, la scommessa del web è incanalare l intelligenza collettiva, e non c è dubbio sul fatto che l accessibilità e l ampiezza con la quale informazioni, prodotti formativi e pratiche sono stati fruite e condivise tra gli utenti per tutta la durata della sperimentazione, abbia facilitato l accesso e la conoscenza del potenziale educativo e del funzionamento degli specifici prodotti formativi e dell ambiente di apprendimento. La Collaborazione La possibilità di creare progetti comuni in rete o di accedere a Repository costruiti in maniera condivisa, ha costituito, invece, la chiave d accesso alla consapevolezza grammaticale riguardo all agire dei nuovi media, e delle pratiche di condivisione. Produrre insieme in remoto, o accedere a materiali messi a disposizione da altri e, comunque, modificabili, offre la possibilità di cogliere il senso del cambiamento dentro un processo che dall espressione individuale arriva ad una scrittura partecipata, risultato di visioni, interessi, saperi, culture, emozioni, a volte anche molto distanti e che, tuttavia, nelle pratiche del web 2.0 riescono a trovare una sintesi comune (nel portale sono presenti 3 Repository contenenti materiali formativi e informativi condivisi e implementati collaborativamente dalle principali categorie di utenti). Autorialità Altra acquisizione centrale collegata al tipo di esperienza realizzata è quella relativa allo sviluppo della consapevolezza del carattere provvisorio e perfettibile di una produzione creativa o no. Nel portale di Net Music 01 ogni progetto, materiale o prodotto creativo, può essere manipolato e rielaborato, e questo permette di modificare la prospettiva d osservazione del prodotto stesso. Nel divenire delle pratiche e delle cose diventa possibile apprendere come porre l accen-

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli