INDICE RELAZIONE DESCRITTIVA E QUADRO ECONOMICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE RELAZIONE DESCRITTIVA E QUADRO ECONOMICO"

Transcript

1 INDICE RELAZIONE DESCRITTIVA E QUADRO ECONOMICO 1. Premessa e Descrizione dello Stato Attuale. 2. Descrizione delle Opere e degli Interventi nella proposta di Progetto Esecutivo. 3. Quadro economico. 1

2 E QUADRO ECONOMICO 1. Premessa e Descrizione dello Stato Attuale dell area di intervento. A seguito dei finanziamenti del PSR e delle rimodulazioni del Piano stesso, attraverso il Fondo di Riserva 2013 ( II Trance vedi Scheda) di cui alla DGR n. 653/2014, n. 793/2014, n. 900/2014 ed eventi del novembre 2014, la Provincia di Pisa è stata ammessa al Bando e può cantierare le risorse previste per l attuazione del 2 Lotto Funzionale degli Interventi di Sistemazione Idraulico Forestale con Tecniche di Ingegneria Naturalistica per la Sistemazione di Versanti in Località TOIANO- Comune di Palaia e più specificatamente nell area posta lato Nord dell abitato e nella fascia di terreni corrispondenti boscati in declivio e un tempo terrazzati ed oggi dissestati e invasi da rovi e folta vegetazione. Come noto è in atto un primo intervento di cui al 1 Lotto e in cantiere nel lato a sud di Toiano e in avanzato Stato di lavori. Questo 2 Lotto di lavori di messa in sicurezza, a carattere agricolo forestale e con opere di ingegneria naturalistica, costituisce il completamento per l intera cerchia di terreni intorno all abitato e permetterà di conferire un maggior gradiente di Stabilità al versante e la migliore manutenzione dei fondi per evitare aggravamento dei dissesti in atto o smottamenti che sono presenti da anni e censiti con lo Stato attuale di cui al presente Progetto Esecutivo. Riferimenti Generali dell area e di Definizione Interventi da P.S.R.: Pertanto, vista la premessa, l area oggetto di intervento è ubicata a valle del borgo medioevale di Toiano (PI), nella parte di versante orientata verso Nord. Si tratta di una porzione di versante caratterizzata da pendenze variabili tra il 30 ed il 50% ed interessata da fenomeni di erosione superficiale diffusa, da un 2

3 reticolo idrografico particolarmente carente e, laddove presente, del tutto insufficiente e in cattivo stato di manutenzione. Il Versante è interessato da frane di colamento locali, dissesti diffusi oltre a crollo pressoché totale dei vecchi terrazzamenti, oggi non più intercettabili nella loro consistenza, ma che erano sicuramente in pietrame e a secco visto il materiale e il pietrame presente e posto in loco disordinatamente da anni. Tutto ciò, oltre all abbandono, l andamento del quadro idrogeologico fa pensare a lenti movimenti gravitativi in atto lungo tutto il versante. Tutta l area intorno a Toiano è parzialmente coperta da piccoli boschetti di neoformazione alternati ad arbusteti, vigneti abbandonati, aree un tempo prative e ora invase da boscaglia e rovi. La maggior preoccupazione della Provincia di Pisa e del Comune di Toiano è rappresentata dal proliferare dei dissesti sul versante boscato a causa delle recenti alluvioni o forti precipitazioni e della precaria situazione, al limite del collasso, di alcuni tratti del versante a seguito del carico forestale e dell incuria. Pertanto sulle Misure del Piano di Sviluppo Rurale si sono attestate le richieste dell Ente Provinciale e sono state individuati i finanziamenti del 1 Lotto di Lavori attraverso la presentazione della Scheda Progetto e degli allegati di un Progetto definitivo che è stato approvato dalla Regione Toscana sul Programma per gli Interventi ammessi dal PSR e le Misure poste a finanziamento, e che nella rimodulazione del Piano di Sviluppo stesso ha permesso di reperire le risorse per l attuale Progetto Esecutivo che in questo 2 Lotto Funzionale trova Completamento la sistemazione di tutta l area interessata e a cintura dell abitato di Toiano. Negli Elaborati di Progetto di cui allo Stato Attuale sono individuate, a suo tempo nella redazione del Progetto di cui al 1 Lotto, due AREE ( A-1 e A-2 ) su cui porre attenzione e di cui fornire alla Provincia di Pisa e al Comune di Toiano adeguata valutazione di Stima degli Interventi che sono stati messi in programma. 3

4 Come rilevato e posto nel Progetto del 1 Lotto Funzionale l Area rilevata con tutti i dissesti visibili e le tipologie di smottamento, oltre alle problematiche locali delle caditoie di pluviali e tubazioni presenti che corrisponde è localizzata nell area boscata sotto l abitato di Toiano lato sud, seguendo una fascia ai piedi delle mura del paese e dei versanti sottostanti che è interessata da diversi dissesti e problematiche di stabilità del Versante, individuata sulla Tavola e nella Legenda dello Stato Attuale anche nel presente Progetto Esecutivo con la lettera A-1. La seconda Area che è stata rilevata e valutata nel presente 2 Lotto Funzionale, con tutti i dissesti visibili e le tipologie di smottamento, oltre alle problematiche locali delle caditoie di pluviali e tubazioni presenti corrisponde all area boscata a nord dell abitato e individuata sulla Tavola dello Stato Attuale nel presente Progetto Esecutivo con la lettera A-2. Pertanto nel Progetto Esecutivo presente sarà considerato quanto segue: 2 Lotto Funzionale di cui all AREA A-2: Descrizione dei dissesti presenti e le tipologie di dissesto locale, smottamento, oltre alle problematiche derivate dalle caditoie dei pluviali ai fabbricati e delle tubazioni disperse presenti nei terreni interessati : Sul Versante lato Nord si evidenziano diversi smottamenti locali derivati dallo stato di completo abbandono delle balze terrazzate che un tempo facevano da cornice all ambito del lato di abitato posto in detta direzione. Probabilmente l area era interessata da orti e coltivazioni di famiglia con presenza di terreni non di forte acclività e lavorabili per le coltivazioni minori, oltre alla facile accessibilità che offre la Strada vicinale Fonte di Toiano posta a vallo e che circoscrive l ambito in oggetto. 4

5 Sul posto si trova una viabilità rurale che per sezione e sagoma è stata utilizzata per le attività di pulizia e sistemazione dei terreni in epoche remote e che comunque può rappresentare un buon appoggio per le attività agricolo forestali previste in Progetto e favorire la messa in sicurezza dell area. Con un fronte più vasto e corrispondente a quasi tutta la tratta tra le aree più criticizzate questo sistema di poggi, ormai crollati e appena percettibili come andamento e sviluppo, a seguito di piogge intense e altri fenomeni alluvionali, possono creare non pochi problemi di instabilità sul versante ai piedi dell abitato. Una miriade di smottamenti piccoli e locali, di poco più di alcuni metri quadrati ognuno, si sono aperti e spesso sono dovuti a tubi e canale di convogliamento delle acque piovane e bianche provenienti dall abitato e hanno inciso le aree di scolo tanto da dover prevedere una loro captazione raccolta in soluzione di Progetto perché possibile fonte di innesco di smottamenti più seri e di ampiezza maggiore. Abbiamo anche presenti solchi di relativa importanza idraulica, che non vanno sottovalutati e dovranno essere regimati, dovuti alla raccolta delle acque superficiali non ordinata e caotica sui terrazzamenti, causati dai fenomeni di piovaschi di forte intensità e che sono abbattuti localmente sul crinale negli ultimi anni e negli eventi più recenti. Il quadro complessivo si completa con tutta una valutazione di natura forestale e di pulizia e riassetto che interesserà nei lavori un area imponente e potrà essere dal semplice taglio di piante ormai irrecuperabili sotto il profilo del riattecchimento o abbattute parzialmente e poste sul versante pericolosamente, a dover decespugliare intensamente con mezzi leggeri tutta l area che si presenta in completo abbandono e disordine totale. 5

6 Nella Scheda finanziata è stato considerato che gli interventi previsti sulle Misure del P.S.R. e le Azioni ammesse fanno riferimento alle tre seguenti tipologie: Cod.Azione b.ii.1 Ricostruzione di soprassuoli danneggiati da dissesti idrogeologici mediante Recupero e consolidamento di versanti dissestati. Cod.Azione b.ii.3 Interventi di ripristino della viabilità di servizio e altre infrastrutture. Cod.Azione b.ii.4 Interventi di ricostruzione di boschi danneggiati da dissesto idrogeologico Riferimenti Geomorfologici e compatibilità con Studi Geologici Preliminari d area di Toiano: Considerate le linee di Finanziamento a cui la PROVINCIA DI PISA può attingere attraverso il Piano di Sviluppo Rurale (P. S. R.) e delle rimodulazioni del Piano stesso, attraverso il Fondo di Riserva 2013 ( II Trance vedi Scheda) di cui alla DGR n. 653/2014, n. 793/2014, n. 900/2014 ed eventi del novembre 2014,in cui è ricompreso l Intervento, valutando anche l importo che è stato reso disponibile rispetto alla più vasta problematica di natura profonda e storicamente riconosciuta in termini di criticità idrogeologica dell intero comprensorio dei Versanti intorno a Toiano alla quale il Progetto in oggetto può rispondere, solo in parte, in quanto trattasi di situazioni molto complesse, avendo presente tutte le problematiche che riguardano l area e quanto nel tempo Enti e Istituzioni si sono impegnate a realizzare in termini di STUDI e VALUTAZIONI TECNICHE e poste agli Atti della REGIONE TOSCANA, della PROVINCIA DI PISA e del COMUNE di PALAIA è stato quindi affrontato dal Progettista Ingegnere e dal Geologo incaricato un quadro conoscitivo e di analisi nelle modalità, sotto riportate, ed in coerenza con quanto noto. 6

7 Le valutazioni di natura Geognostica e Geologica che hanno permesso di affrontare con una Progettazione Esecutiva le problematiche del Versante lato Nord, Nord-est e Nord-Ovest, in oggetto, di Toiano e sono state tratte utili indicazioni dalla Relazione Geologica di cui all Allegato 10 redatta dallo STUDIO GEOETHICA di Querceta (LU) e condotta dalla Dott. Geol. Vanessa Greco che puntualmente e esaustivamente ha verificato le condizioni locali con sopralluoghi, valutazioni storiche e documentali ed ha rielaborato in perfetta aderenza alla situazione attuale la CAMPAGNA di INDAGINE e la Ricostruzione del Quadro Geostratigrafico-geotecnica ed eseguita in sito prodotta dal PROGRAMMA DI INDAGINI E MONITORAGGI PROPEDEUTICI ALLA PROGETTAZIONE DI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PER L AREA DI TOIANO - Fin. Del. G.R. 157/2007 Progetto GeoECO Enginiering CGT Università degli Studi di Siena Elementi Studio Associato di Progettazione Ambientale del Luglio Sondaggi, Prove penetrometriche, Indagini Sismiche a Rifrazione, Tomografia Elettrica e Risultati conseguenti sono stati valutati e riportati congruamente nella Relazione di cui all Allegato 10, interpretati e utilizzati nella Verifica di STABILITA Globale del Versante di cui all Allegato 11 redatto dal sottoscritto Ingegnere i cui parametri utilizzati sono tratti dallo Studio suddetto e verificati nelle condizioni più prudenziali e sfavorevoli. Allo Stato Attuale, essendo l intervento proposto da configurarsi come sistemazione Idraulico Forestale con Tecniche di Ingegneria Naturalistica per la sistemazione dei versanti, il finanziamento ammette solo opere di sostegno medio superficiali e di regimazione delle acque superficiali o al massimo a tergo delle opere suddette per la profondità media di 2 o 3 metri, oltre a dover garantire effetti antierosivi e di dilavamento superficiale innesco di possibili smottamenti o frane. L azione benefica d ambito di detti interventi, ovviamente, non si esaurisce con l assicurare localmente la stabilità ai dissesti in atto e agli smottamenti evidenti con opere di sostegno di ingegneria naturalistica, ma sicuramente per effetto 7

8 della attenta pulizia forestale e di alleggerimento di tutta una vasta area ora abbandonata, delle opere di drenaggio e del sistema di raccolta superficiale delle acque, dello spurgo e allontanamento in area sicura dal versante stesso si potrà avere, nel tempo e a regime di funzionamento delle Opere in Progetto così realizzate, tutto un contesto favorevole e di importante riduzione del rischio di franamento e smottamento locale che si potrà estendere con un ulteriore gradiente di sicurezza anche agli strati più profondi e significativi. Il 2 Lotto di lavori in oggetto è anche meno complesso tipologicamente rispetto al 1 Lotto funzionale in realizzazione sul versante Sud e Sud-Ovest essendo meno acclive il versante e potendo utilizzare una viabilità rurale di cintura posta su tutto il quadrante nord-nord Est, usata anche in passato per manutentare l aerea. Pertanto dalla Verifica di STABILITA Globale del Versante di cui all Allegato 11 si traggono in Sintesi i seguenti risultati: - COMPATIBILITA dei dati forniti e dei dati correlati alle Valutazioni Tecniche delle Tipologie di Intervento Progettate e da Realizzarsi con questo 2 Lotto Funzionale di Lavori di Messa in Sicurezza e del finanziamento ammesso rispetto allo Studio Preliminare di cui al PROGRAMMA DI INDAGINI E MONITORAGGI PROPEDEUTICI ALLA PROGETTAZIONE DI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PER L AREA DI TOIANO - Fin. Del. G.R. 157/2007. Progetto GeoECO Enginiering CGT Università degli Studi di Siena Elementi Studio Associato di Progettazione Ambientale del Luglio MIGLIORAMENTO della STABILITA GLOBALE del Versante e buona MITIGAZIONE del Rischio Idrogeologico dell area oggetto delle Sistemazioni idraulico forestali, e degli interventi di Ingegneria naturalistica proposti in Progetto. - CONDIZIONE DI ADERENZA e COERENZA alle indicazioni di cui al PROGRAMMA DI INDAGINI E MONITORAGGI PROPEDEUTICI ALLA 8

9 PROGETTAZIONE DI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PER L AREA DI TOIANO - Fin. Del. G.R. 157/2007 suddetto in merito in particolare modo alla PARTE IIª in cui si trattano tutte le Opere e gli Interventi ammissibili tra cui le TIPOLOGIE adottate nella presente progettazione che possano migliorare le attuali condizioni di Stabilità Globale attenuando nel contempo, riducendoli o addirittura annullandoli gli effetti di instabilità Locale riguardo agli smottamenti e frane presenti e allo stato di abbandono pluridecennale che patisce l intera area. Per le Valutazioni e le Verifiche di STABILITA Globali si rimanda all Allegato 11 del Presente. 2. Descrizione delle Opere e degli Interventi nel Progetto Esecutivo. Il Progetto ESECUTIVO riguarderà la sistemazione generale di tutto il versante a NORD e per il quadrante corrispondente a cintura dell Abitato di Toiano tramite la realizzazione di estese opere di carattere idraulico-forestale e regimazione delle acque superficiali, di controllo della vegetazione in aree a forte rischio idrogeologico e di recupero e consolidamento del versante dissestato attraverso importanti interventi di ingegneria naturalistica. In sintesi di seguito verranno descritte le Opere di Ingegneria Naturalistica che saranno eseguite e le attività di sistemazione Idraulico Forestale, il tutto meglio specificato nelle quantità nel Computo Metrico Estimativo e di dettaglio allegato al Progetto Esecutivo del presente 2 Lotto Funzionale: 9

10 - Pulizia e sistemazione forestale dell ampia area corrispondente al 1 Lotto Funzionale per circa ,00 mq. con l abbattimento delle piante stroncate dal maltempo, pericolose e poste sul versante in numero stimato di 100 diametro minore di 40,00 cm.. - Manutenzione della strada forestale e sistemazione del fondo con materiale arido di cava drenante e regimazione acque. - Realizzazione di n.2 palificate in legname e pietrame, ognuna realizzata con paleria di Ø cm. di altezza media 2,00 m. e profondità minima in orizzontale di 2,00 m., di lunghezza cadauna L=42,00 m. ( lunghezza in Totale 84 metri opera complessiva) e ciascuna fondata su n. 28 micropali posti a quinquonce ed interasse 1,50 m. ( totale n. pali 54) di Lunghezza 9,00 m. foro Ø 160 e armatura tubolare Ø 88,9, spessore 10 mm acciaio S 335 con a tergo opportuni drenaggi in corrugati e inseriti a parete in pannelli tipo gabbiodren di dimensioni h=1,50 m. per tutta la dimensione in lunghezza della palificata doppia. - Apposizione di n.4 pozzettoni di dimensione 106 cm. x 106 cm. x 95 cm., completi di chiusura pesante in griglia di ghisa, posti nei punti come da Tavola n. 3 del Progetto Esecutivo in prossimità dei pluviali dei fabbricati dell abitato e con i diversi corrugati della rete di spurgo delle acque, in modo da essere raccordati oltre la pista con un attraversamento della stessa completamente interrato e con un tubo corrugato in polietilene Diametro 125 per una lunghezza complessiva delle 4 tratte interessate di 73 metri lineari. - Rifacimento delle balze e dei terrazzamenti andati distrutti con muretti in pietrame per tutta la lunghezza delle tratte originarie o emerse dai rilievi in loco, di altezza media 1,00 m,. e di larghezza media di 0,50 m. e per una lunghezza complessiva, come da Elaborati grafici e di sistemazione dell area di 153,00 m. 10

11 - Rifacimento e ricostruzione del muro in pietrame con la tecnica del cuci-scuci, e realizzazione a tergo e in sottofondazione dell idoneo rinforzo in calcestruzzo armato e rete elettrosaldata per conferire un grado di affidabilità statica del muro a retta in semigravità, dotato dei necessari drenaggi, sia a tergo che in facciata, in modo da recuperare a norma il muro medesimo. La lunghezza dell intera opera è di 53,00 m., l altezza media h 2,00 m. e dello spessore murario originale. - Risagomatura del versante, riprofilatura dei cigli e sistemazione dell area intorno alle opere di cui ai punti precedenti per circa 2300,00 mq. circa, completa di consolidamento superficiale (tipo Iuta) e inerbimento. - Pulizia e sistemazione della antica via vicinale Fonte di Toiano per tutta la sua lunghezza e con una fascia di taglio e pulizia di 10,00 m. (5,00 m. a monte e 5,00 m. a valle). Si specifica che le Opere di drenaggio e la manutenzione del tubo in polietilene di raccolta delle acque, nonché la verifica periodica dei pozzetti e delle tubazioni di raccordo saranno a carico dei privati proprietari e l Ente Attuatore provvederà a darne comunicazione scritta ai proprietari dei fondi stessi che provvederanno anche a dover tenere periodicamente manutentato il versante, a provvedere all alleggerimento dal carico forestale infestante e tenere in efficienza le opere di ingegneria naturalistica realizzate a seguito del Progetto Esecutivo di cui all oggetto. Si specifica inoltre che non è necessario studio idraulico specifico del tubo di raccolta acque dei pluviali in quanto parti accessorie, di raccolta e drenaggio delle acque superficiali o a tergo dell opera conformi ad un dimensionamento di norma adottato per le opere di ingegneria naturalistica 11

12 e non ascrivibili alla Verifica idraulica dei Corsi d acqua o ad Opere Idrauliche maggiori. Il tutto come meglio specificato e dettagliato negli Elaborati Tecnici di cui alle Tavole di Progetto Esecutivo, del Computo Metrico Estimativo e dell Elenco Prezzi corrispondente. Degli allegati al Progetto e secondo le indicazioni che verranno date dalla DDLL scrivente. Per conto della Provincia di Pisa e del Comune di Palaia. Querceta lì Per 12

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5 2.1 INTERVENTI DI PROGETTO... 5 2.2 GESTIONE DELLE INTERFERENZE... 7 Progetto esecutivo 1 1 PREMESSA L Amministrazione Comunale di Montalcino, con l obiettivo

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA **** 1. PREMESSA Gli interventi previsti dal presente progetto sono inseriti nei finanziamenti di cui al Decreto del Presidente della Giunta Regionale n 2012 del 27/11/2012,

Dettagli

IG INGEGNERIA GEOTECNICA

IG INGEGNERIA GEOTECNICA INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLA TORRE DI BARBARESCO (CN) E DEL SOTTOSTANTE COSTONE ROCCIOSO Attività professionali svolte e/o in corso: Progetto esecutivo delle opere di sostegno e di fondazione Località:

Dettagli

Il Manuale si articola in: - Manuale d uso - Manuale di manutenzione - Programma di Manutenzione

Il Manuale si articola in: - Manuale d uso - Manuale di manutenzione - Programma di Manutenzione Premessa Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PREVISTI

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PREVISTI Servizio Lavori Pubblici U.O. Strade P.O.R. 2007-2013 Attività 2.4 "Realizzazione di interventi di mitigazione e di messa in sicurezza del territorio per la riduzione del rischio idraulico, di frana e

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... 7 6. COMPETENZE TECNICHE PROFESSIONALI... 7 1 1. PREMESSA

Dettagli

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o M.M. no. 90 concernente la richiesta di un credito di Fr. 25'000.00 per lavori di consolidamento delle scarpate e delle opere murarie a secco del terreno al mappale 049 RFD Locarno, quale il vigneto a

Dettagli

Regione Piemonte. Provincia di Biella COMUNE DI CAMANDONA

Regione Piemonte. Provincia di Biella COMUNE DI CAMANDONA Regione Piemonte Provincia di Biella COMUNE DI CAMANDONA Regione Piemonte Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Asse IV Leader Programma di Sviluppo Locale DAL TESSILE AL TERRITORIO, LE SPECIFICITA TERRITORIALI

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Ad integrazione del Piano di Manutenzione (All.C7) del Progetto Esecutivo, si produce la presente relazione ai fini delle prescrizioni vigenti nelle

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE.

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE. Studio di Ingegneria Civile Dott. Ing. Massimo Carli Studio di Geologia Tecnica Dott. Geol. Roberto Castellano Via Matteotti n 18, 18014 Ospedaletti (IM) Via Manzoni n 75, 18038 Sanremo (IM) Tel. 0184/689368

Dettagli

GEOM. MARCO FERRARI ING. FULVIO VIGNOLA GEOM. MARIO GERBONI. dicembre 2015 emissione VIARO VIARO GERBONI. responsabile del procedimento.

GEOM. MARCO FERRARI ING. FULVIO VIGNOLA GEOM. MARIO GERBONI. dicembre 2015 emissione VIARO VIARO GERBONI. responsabile del procedimento. responsabile del procedimento progettista GEOM. MARCO FERRARI SOCIETA' DI PROGETTAZIONE srl ING. FILIPPO VIARO collaborazione ING. SONIA BELLOCCHI direttore lavori coordinatore sicurezza in fase di progettazione

Dettagli

SOMMARIO 1. PREMESSA...

SOMMARIO 1. PREMESSA... SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. Anagrafica del cantiere... 4 3. Descrizione generale delle opere... 6 4. Documentazione... 8 4.1. Documentazione da tenere in cantiere e/o comunque disponibile... 8 4.2. Documenti

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

COMUNE DI MARZABOTTO

COMUNE DI MARZABOTTO COMUNE DI MARZABOTTO RELAZIONE GENERALE La relazione in argomento è relativa ad un intervento di adeguamento viario delle rampe di accesso al cavalcavia carrabile della Linea Ferroviaria Pistoia Bologna

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

INDICE PREMESSA... 2 OPERE DI CAPTAZIONE E REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 8 OPERE DI RIPRISTINO DEL TERRENO E SISTEMAZIONE A VERDE...

INDICE PREMESSA... 2 OPERE DI CAPTAZIONE E REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 8 OPERE DI RIPRISTINO DEL TERRENO E SISTEMAZIONE A VERDE... 1 INDICE PREMESSA... 2 ELEMENTI DEL PIANO DI MANUTENZIONE... 3 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA... 3 MANUALE D USO... 3 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 PROGRAMA DI MANUTENZIONE... 3 CORPI D OPERA PREVISTI

Dettagli

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto 120 Comune di Piandimeleto - Pesaro Urbino In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto di procedere

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PALESTRA DI ROCCIA

PROGETTO ESECUTIVO PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PALESTRA DI ROCCIA PROGETTO ESECUTIVO PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PALESTRA DI ROCCIA Unione Europea Regione Autonoma Valle d'aosta Programma Leader Plus Comunità Montana Grand Combin COMPUTO METRICO 4A Ottobre 04 AJ321EE

Dettagli

Relazione tecnico-illustrativa

Relazione tecnico-illustrativa Relazione tecnico-illustrativa Premessa Gli interventi in progetto sono finalizzati a consolidare il tratto terminale della Valle dei Flaccadori, per circa 250 m, al fine di migliorarne la funzionalità

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture Gli interventi strutturali previsti sul Bastione delle Forche sono i seguenti: realizzazione di una nuova scala di accesso al Bastione in prossimità della scala esistente; realizzazione del parapetto lungo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

Gabbioni e Gabbioni drenanti

Gabbioni e Gabbioni drenanti 1 Gabbioni e Gabbioni drenanti Utilizzo dei Gabbioni Come vengono utilizzati oggi I gabbioni: In edilizia per la costruzione di muri di recinzione, complessi residenziali, industrie, muri di sostegno,

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE in colore nero i lavori da realizzare, senza possibilità di scomputo dagli oneri di urbanizzazione

Dettagli

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO RETE DII MONIITORAGGIIO PER LA STABIILIITA DELLA DIISCARIICA DII SPIIRIITO SANTO IIN OLBIIA 2 COMUNE DI OLBIA RETE DI MONITORAGGIO PER LA STABILITA DELLA DISCARICA

Dettagli

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7 RELAZIONE INTEGRATIVA PAG 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 NOTE INTEGRATIVE SUL RETICOLO IDRAULICO MINORE...3 2.1 Generalità...3 2.2 Fossi della Piana di San Giovanni...4 2.3 Fosso della Concia e Fosso Carpani...5

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI VINCOLO IDROGEOLOGICO (L.R. 39/2000 LEGGE FORESTALE DELLA TOSCANA Art. 40) Approvato con deliberazione

Dettagli

HAZARD pericolosità. Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra

HAZARD pericolosità. Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra HAZARD pericolosità Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra Aspetti principali Alla luce di quanto detto l aspetto classificato come Riduzione del rischio fa parte

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Il progetto prevede la realizzazione di una cassa di laminazione in derivazione in sx idraulica al Fiume Pecora, ubicata in loc. Scopaione - Comune di Scarlino (GR) ed

Dettagli

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI All D PREMESSA Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 INDICE 1 Premesse... 2 2 Inquadramento territoriale... 3 3 Il progetto delle opere... 5 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 3.2 Sistemazione dell area parcheggio commerciale...6 3.3 Interferenze e sistemazioni

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

DIREZIONE INTEGRAZIONE PROCESSI MANUTENTIVI E SVILUPPO DEI MUNICIPI. Orti urbani. Situazione e prospettive

DIREZIONE INTEGRAZIONE PROCESSI MANUTENTIVI E SVILUPPO DEI MUNICIPI. Orti urbani. Situazione e prospettive Situazione e prospettive Situazione orti urbani anno 2015 0 AREE Totale orti 413 (bandi e locazioni patrimoniali) Normativa locale vigente in materia di Orti Urbani e Documenti di Indirizzo 1) Regolamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI. Luglio 2013

STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI. Luglio 2013 STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI Luglio 2013 Dott. Geol. Alessandra Buscemi Dott. Geol. Roberto Balatri PDF created with pdffactory Pro trial

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI INGEGNERIA NATURALISTICA Nel Nel 1990, 1990, in in occasione occasione del del 1 1 congresso congresso di di Ingegneria Ingegneria Naturalistica Naturalistica a a Torino Torino nasce nasce la la dizione

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00 Computo metrico estimativo: A)- BASATI ( Via S. Ansano Fognature) 1)- Demolizione con mezzo meccanico di pavimentazione in calcestruzzo,compreso trasporto a discarica del materiale di risulta. Mq. 212,00

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

VICENZA. Altissimo. Frana in più comuni. ex Cod. PAI. Nome. Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE

VICENZA. Altissimo. Frana in più comuni. ex Cod. PAI. Nome. Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE - 572 - Nome Cod. IFFI ex Cod. PAI P1 P2 P3 P4 Frana in più comuni VICENZA Altissimo Toldo 240149200 Nuova Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE - 573 - -

Dettagli

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma.

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Il 26 marzo 2015, intorno alle ore 12.00, è avvenuto il crollo di una porzione del versante, alto una decina di metri, prospiciente il giardino

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PROGETTISTI: RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO:

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PROGETTISTI: RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Giunta Regionale Direzione Generale Ambiente e Difesa del Suolo e della costa Servizio Tecnico di Bacino Romagna (Cesena, Forlì, Ravenna, Rimini) Sede di Rimini DI PRONTO INTERVENTO D.Lgs. 1010/48 PI11101

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI

PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI COMMITTENTE PROGETTO INTERVENTO DI RIDUZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO SUL VERSANTE DELLA FALESIA DEL COLLE SAN BARTOLO IN CORRISPONDENZA DEL CENTRO ABITATO DI FIORENZUOLA DI FOCARA. SETTORE NORDOVEST.

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI Computo metrico estimativo pag. 1 di 5 LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI 1 47 Sfalcio meccanico di vegetazione spontanea eterogenea costituita in prevalenza da canne e cespugli pulizia

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Il sottoscritto Carlo Milani, nato a Massa il 15/12/49 residente in Massa, Via Venturini n 2, laureato in Ingegneria Civile Sez. Idraulica presso l università di Pisa il 12/12/1973

Dettagli

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 09.02.00.00 ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 - A4 0 Emissione 31/01/2011 M. Bettio M. Bellonzi T. Finocchietti F. Binotto R. Baldo

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO TITOLO: RELAZIONE TECNICA SULLE MODALITA DI DEMOLIZIONE N. DOC. C129/PES/C129.1/R005 TIMBRO E FIRMA DEL PROFESSIONISTA:

OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO TITOLO: RELAZIONE TECNICA SULLE MODALITA DI DEMOLIZIONE N. DOC. C129/PES/C129.1/R005 TIMBRO E FIRMA DEL PROFESSIONISTA: C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

Bozza - Dispense lezioni Infrastruttuure per il territoio agricolo e forestale AA 2007-2008 dott. G. Modica. Silvo-Pastorale

Bozza - Dispense lezioni Infrastruttuure per il territoio agricolo e forestale AA 2007-2008 dott. G. Modica. Silvo-Pastorale Viabilità Agro-Silvo Silvo-Pastorale Elementi specifici nella progettazione della viabilità agro-silvo silvo-pastorale 1 Allargamento della carreggiata in curva p: passo del veicolo; a: distanza tra l

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI...

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI... Spett.le AOB2 S.r.l. Via XXV Aprile, 18 25038 Rovato (BS) OGGETTO: Stima di massima importo intervento di consolidamento vasche di ossidazione linea 2 impianto di depurazione di Chiari, in previsione di

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008)

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008) INDICE 1. Lavori di mitigazione dei fattori di rischio idrogeologico nel bacino del Rio San Giusto (Frana Rifugio Rey / Rio San Giusto) : RELAZIONE E CERTIFICATO DI COLLAUDO (13 aprile 2006) 2. Sistemazione

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO COMUNE DI BASELICE PROVINCIA DI BENEVENTO Via Santa Maria -82020 Baselice (BN)- Tel. 0824/968066- Fax. 0824/968513- Part. IVA 00071920623 - C.F. 82002220620 Cod. ISTAT 062007- email: comunedibaselice@go-web.net-

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA E TECNICA

RELAZIONE DESCRITTIVA E TECNICA 424/A COMUNE DI GAZZADA SCHIANNO PROV. DI VARESE RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA DI COPERTURA DELLA PALESTRA SCOLASTICA CON ADEGUAMENTO ISOLAMENTO TERMICO EX DGR 8745/08 E SMI E REALIZZAZIONE DI CAMPO FOTOVOLTAICO

Dettagli

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Profilo geologico Le tipologie di intervento previste consistono in :! Potenziamento delle

Dettagli

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Il Sistema Evolution Modì è la nuova soluzione per la realizzazione di vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane,

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Provincia di Arezzo COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDE DI FATTIBILITA' (Zona industriale Farniole) Gennaio 2014 Sindaco - Ass. all'urbanistica: Franco Parigi Resp. del Procedimento:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

2.1 Generalità. 2.2 Uso del suolo. 2.3 Caratteri ambientali

2.1 Generalità. 2.2 Uso del suolo. 2.3 Caratteri ambientali INDICE 1.PREMESSE...3 2.CRITERI DI ANALISI E DI PROGETTAZIONE...4 2.1 Generalità...4 2.2Uso del suolo... 4 2.3Caratteri ambientali... 4 2.4Caratteri geomorfologici del versante e descrizione del dissesto...5

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE

SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE 1 - DATI GENERALI N di riferimento (1) 001-Sv-d Data di compilazione 12/10/02 Rilevatore Tipo di rilevamento (2) Diretto Coordinate Gauss-Boaga da CTR Latitudine 1478867.53

Dettagli

LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR)

LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR) LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR) -Progetto di variante edilizia al P.d.C.202/06 del 20/11/2007- RELAZIONE IDROGEOLOGICA AI SENSI

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 8 Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste Sottomisura 8.3 Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati

Dettagli

COMUNE. Piano di manutezione

COMUNE. Piano di manutezione COMUNE Piano di manutezione 1 Sommario 1 INTRODUZIONE pag. 2 2 ANAGRAFICA DELL OPERA pag. 3 3 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMMOBILE pag. 4 4 IL PIANO DI MANUTENZIONE pag. 5 5 INDIVIDUAZIONE CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST. Computo metrico estimativo:

COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST. Computo metrico estimativo: COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST Computo metrico estimativo: Zona B - Area a verde e viabilità pedonale": opere per invarianza idraulica Zona B - Area a verde

Dettagli